Crea sito

Oscurantismo medioevale

Vaccinazioni:
Lettera al Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano
Dottor Dario Miedico – 25 gennaio 2017

Egregio dr. Roberto Carlo Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano e, per suo tramite, egregi Colleghi aderenti ho riscontrato con stupore la lettera di convocazione presso la sede dell’Ordine per il giorno 27 gennaio p.v. e devo dire che, occupandomi specificatamente in qualità di medico legale di vaccinazioni da quasi quarant’anni, di centinaia di casi di reazioni avverse a vaccinazione, anche gravi e persino mortali, di innumerevoli domande di risarcimento in base alla Legge 210 del 1992 anche in decine e decine di procedimenti legali, dopo aver tenuto centinaia di conferenze in giro per l’Italia e non solo (ho tenuto un discorso su questo tema anche al Parlamento Europeo nel 2003) aver rilasciato interviste scritte, radiofoniche e televisive, aver sostenuto dibattiti televisivi e partecipato ad approfondimenti davanti alle Istituzioni sia a livello regionale che in Commissione al Senato della Repubblica, in fase iniziale avevo maturato la convinzione che prima o poi sarebbe arrivata, ma dopo un certo punto avevo mutato opinione arrivando a pensare che, in un paese che ha nella sua legislazione il principio del Consenso Informato, della Libertà Terapeutica e del rispetto della Libertà Individuale, le mie tesi a favore della Libertà di Vaccinazione, di Informazione e di democratico confronto tra posizioni scientifiche diverse avessero avuto ragione del mio precedente scetticismo.

Evidentemente mi sbagliavo, ma mi sorge il sospetto che dietro alle accuse scorrette ed infondate che mi vengono mosse, dopo tutto questo tempo nel quale ho potuto professare liberamente le mie convinzioni, non vi sia un particolare accanimento nei miei confronti, ma in realtà vi sia il motivo che l’Italia, divenuta nel 2015 Capofila delle vaccinazioni su incarico dell’OMS, abbia la necessità di dimostrare che non lascia nulla di intentato per scoraggiare le voci, più o meno autorevoli, che muovendo critiche alle modalità, alle tempistiche ed alle imposizioni più o meno ricattatorie con le quali si affrontano le campagne vaccinali attualmente, hanno fatto si che i livelli di copertura in diverse regioni siano scesi al di sotto delle medie precedenti.

Mi spiace, perché ritenevo che il tempo dei processi alle streghe fosse stato in qualche modo superato, ma nello stesso tempo mi sento onorato e contento di questa inaspettata opportunità, che mi consente di fare pubblicamente strame di tutta una serie di affermazioni, accuse e menzogne che mi sono state attribuite ed insieme a me vengono scaricate su chiunque, attualmente, abbia il coraggio di esprimere senza peli sulla lingua il proprio pensiero, anche in tema di vaccinazioni.

Non posso fare a meno di ricordare, in questa occasione, che anche il prof. Giulio Maccacaro, con il quale ho avuto l’onore di fondare nel 1976 Medicina Democratica Movimento di Lotta per la Salute, organizzazione della quale tutt’ora faccio parte, venne convocato presso la direzione dell’Ordine e scrisse una famosa lettera al Presidente, reperibile nella raccolta dei suoi scritti, con la quale rifiutò di mantenere nell’ambito di un procedimento disciplinare interno un dibattito che meritava invece la massima diffusione, partecipazione e pubblicità.

Per questo vi espongo, in modo estremamente sintetico, i capisaldi del mio ragionamento, che in modo più completo ed esaustivo potrete, se vi interessa, leggere sulla rivista Medicina Democratica o ascoltare sulle registrazioni che qualche attento partecipante ha raccolto e postato su You tube, a volte anche a mia insaputa.

Non è vero che sono contrario alle vaccinazioni.
È una affermazione stupida prima ancora che falsa.
Nessun medico potrebbe fare una simile affermazione senza sentirsi ridere in faccia. Sarebbe come affermare che si è contrari per principio agli interventi chirurgici, agli antibiotici o ai parti cesarei.

Ritengo invece, ed ho sempre affermato pubblicamente, che sono critico rispetto alle modalità attuali con le quali vengono praticate le vaccinazioni, a cominciare dall’obbligatorietà di legge, non in linea con i principi del diritto a livello mondiale ed europeo ma soprattutto non più al passo con i tempi, metodo cui non possono fare a meno di ricorrere solo i paesi incapaci di convincere la popolazione governata con argomenti validi e persuasivi.

Sono altresì fortemente critico rispetto alla mancata informazione, soprattutto relativamente alle possibili reazioni avverse, che frettolosamente viene fornita in moltissimi consultori dove in pochi minuti e con rassicurazioni non congrue si pratica una vaccinazione a ritmi da catena di montaggio, così come lamentato da migliaia di mamme e papà nelle numerosissime conferenze dibattito alle quali ho partecipato.

Sono infine fortemente critico sulla scarsa attenzione con la quale spesso i piccoli vengono monitorati prima e dopo la vaccinazione, ignorando in questo modo anamnesi individuale, familiare e possibili controindicazioni che potrebbero in molti casi, quantomeno, suggerire di sospendere o rinviare alcune vaccinazioni se non di non eseguirle affatto.

Eppure non ho mai sentito che un medico che abbia scoraggiato un paziente anziano dal sottoporsi ad un inutile intervento chirurgico, una mamma dal non esagerare nella richiesta di antibiotici per il proprio bimbo al minimo accenno di febbre, o che abbia motivato la propria contrarietà ad un parto cesareo non ritenuto necessario sia mai stato per questo sottoposto ad un qualsiasi procedimento disciplinare, o anche solo considerato antiqualcosa, così come invece attualmente sta succedendo ai laureati in medicina che mostrino pubblicamente un pensiero critico in tema di vaccinazioni.

Non solo, ma ho avuto anche l’ardire di sostenere pubblicamente che le attuali decisioni di alcune Regioni o alcuni Comuni di negare l’accesso ai piccoli al nido se non sottoposti al ciclo vaccinale siano contrarie non solo al diritto ma anche al buon senso, definendole oltretutto discriminanti sotto il profilo di classe.

Questo perché non vaccinato non significa automaticamente malato, perché anche il bimbo vaccinato può essere inconsapevolmente un portatore sano, perché si generano automaticamente false convinzioni, perché non vi sono reali rischi o epidemie in corso che possano giustificare comportamenti limitativi delle libertà individuali ed impedire quindi la libertà di esercitare un proprio diritto costituzionale senza conseguenze sul piano sociale e giuridico, ed infine perché in questo modo solo i figli di cittadini abbienti potranno decidere di continuare a non vaccinare i propri figli se lo riterranno giusto, mentre coloro che non potranno fare a meno del servizio sociale dovranno sottoporsi ad un ingiusto ricatto, attuato inoltre contrapponendo un diritto, quello alla salute, ad un altro diritto, quello alla socializzazione già in tenera età.

Prenderò quindi parte all’incontro propostomi dal Presidente dell’ordine di Milano al quale appartengo, per rispetto Suo e di tutti i Colleghi che ne fanno parte, ma mi rifiuterò di prestare il fianco ad un processo antistorico ed illiberale che fa ripiombare l’Italia nei più bui periodi dell’Oscurantismo medioevale o quantomeno in quelli degli anni 60 quando, a fronte del rifiuto vaccinale, qualche fanatico residuo del ventennio azzardava al Tribunale dei Minori la richiesta della sospensione della patria potestà ai genitori e la vaccinazione coatta.

Più che la mia libertà personale di esprimere liberamente e democraticamente il mio pensiero in tema di vaccinazioni, così come su qualsiasi altra questione, rivendico quindi per ogni medico la piena libertà di applicazione dell’art. 4 del nuovo codice di deontologia medica recentemente approvato: “art. 4 – libertà e indipendenza della professione. Autonomia e responsabilità del medico. L’esercizio professionale del medico è fondato sui principi di libertà, indipendenza, autonomia e responsabilità. Il medico ispira la propria attività professionale senza sottostare a interessi, imposizioni o condizionamenti di qualsiasi natura.”, comprendendo quindi tra le imposizioni ed i condizionamenti anche le minacce ritorsive purtroppo da più parti invocate.

http://www.disinformazione.it/vaccini_lettera_Miedico.htm

Le vendite delle malattie

Informazione o propaganda? 

Oggi mi è capitato di leggere un file davvero sconcertante. Fin dal titolo, ma il contenuto è ancora più sconcertante.

E’ un file scritto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per dare suggerimenti a qualunque autorità sanitaria su come rispondere in pubblico agli “anti vaccinisti” o ai membri del “movimento anti vaccini”.

Sottolineo “in pubblico” perché all’interno della guida è chiaramente specificato (alla fine) che se non c’è abbastanza pubblico o il pubblico non è abbastanza strategico … il consiglio è di NON partecipare nemmeno alla discussione. (!!?)

Tutto, e dico TUTTO, il contenuto della guida non è altro che un ottimo compendium sulle tecniche per convincere, persuadere e far cambiare idea al pubblico che ascolta. Di fatto, la persona con cui si discute serve solo per poter avere qualche spunto su cui basare i propri “spot” pro vaccini, visto che già in partenza si sa che la probabilità di cambiare la sua mente in merito all’accettazione dei vaccini è bassissima o nulla. Continua QUI

Cancro: la rivoluzione scientifica e il cambio di paradigma di Marcello Pamio – 16 settembre 2016 

A livello globale sta succedendo qualcosa di molto particolare: le più importanti riviste scientifiche accreditate (quelle col più alto Impact Factor, fattore d’impatto), stanno pubblicando studi e ricerche che minano alla base l’attuale paradigma.

La verità come si sa è figlia del tempo e stiamo assistendo ad un grande, strutturale e dirompente cambiamento scientifico. Il vecchio verrà spazzato via dal nuovo, che ci piaccia o no.

Gli accanimenti vergognosi che si stanno scatenando su tutti quei medici che in Scienza e Coscienza seguono le volontà dei propri assistiti e tralasciano i diktat delle industrie del farmaco vengono sistematicamente tacciati di ciarlataneria e pesantemente minacciati; gli attacchi mediatici dei media mainstream sulle persone che decidono di intraprendere altre strade aldilà della mortiferia chemio indicano esattamente questo.

Le persone stanno prendendo sempre più coscienza su vari fronti: i rischi delle vaccinazioni pediatriche, i grossissimi pericoli di chemio e radio, l’importanza di uno stile di vita sano in primis l’alimentazione, e questo sta facendo tremare il terreno sotto i piedi dell’Industria della malattia, che non guadagna se le persone rimangono sane!

Ricordiamo sempre che il pericolo più grande per il Sistema è il risveglio delle coscienze.

Gli studi qui sotto elencati rappresentano solo una piccolissima parte della mole di lavoro che è stata pubblicata ufficialmente. Continua QUI

 

 

Il corposo articolo che segue, si compone di sette punti, essendo protetto da Copyright non ho potuto metterne una piccola nota di introduzione. Se hai voglia e tempo lo puoi leggere a questo Link: http://antimassoneria.altervista.org/business-del-cancro-un-affare-politico-non-scientifico-mali-della-chemio-la-verita-sulle-cure-alternative/

Articolo correlato: 

Dimezzato il colesterolo! “Mai superare quota 100 mg/d” questo vale per tutti  

Essere informati è un diritto inalienabile … questo che segue è un articolo di Marcello Pamio pubblicato sul mio vecchio blog del 2008 e ri-postato qui nel 2010. Dopo una mia piccola introduzione segue l’articolo:

Il lato oscuro dell’oncologia: pericoli e costi.

Sono passati due lustri da allora, quello che è rimasto invariato sono i danni collaterali, i costi invece no, hanno superato ogni possibile aspettativa … 

– gliomi e dintorni –

IL GRANDE INGANNO: SMART METER E SMART GRID 

L’articolo che segue è stato tradotto dal Prof. Giancarlo Ugazio, componente del comitato tecnico scientifico nazionale dell’ONA, medico non pentito e scienziato non in vendita. (CURRICULUM) 

DANNI DA CONTATORI INTELLIGENTI: PERICOLI PER LA SALUTE LEGATI ALL’ESPOSIZIONE A RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE DI STRUMENTI SENZA FILO. 

L’ultima dal Dr. David O. Carpenter Dalla Dr. Ilya Sandra Perlingieri, Global Research, 28 giugno, 2014 Regione: Canada, USA – Tema: Scienza e Medicina Questo articolo della defunta Dr. Ilya Perlingieri fu pubblicato la prima vota su Global Research il 13 luglio 2012

In questi…anni, c’è stato un progressivo incremento delle evidenze mediche e scientifiche dei gravi danni provocati sull’uomo da parte dell’esposizione ai cosiddetti contattori intelligenti (Smart Meters) che sono installati in centinaia di migliaia in America settentrionale e in Europa. Da decenni, gli scienziati hanno documentato gli effetti dell’esposizione a campi elettro-magnetici / radio-frequenze. Tuttavia, è solo negli ultimi due anni che, con la costante esposizione alle radiazioni elettromagnetiche da strumenti senza filo a questi nuovi contatori, che è stata pubblicata un’ulteriore evidenza medica (fino al livello dei telefoni cellulari). Negli Stati Uniti, non c’è mai stata una legge che obbligasse milioni di cittadini ignari a installare questi contatori d’utilità. Non è stato impiegato alcun Principio di Precauzione, mentre è stata abbondante la pubblicità commerciale. Diverse aziende del ramo non hanno detto nulla ai clienti dei danni. Ciò che esse hanno detto ai loro clienti a proposito di questi nuovi contatori era che con essi sarebbe stata aggiornata la tecnologia e loro sarebbero stati aiutati a controllare i loro consumi individuali. Ai clienti non è stato detto nulla circa i gravi problemi di salute causati da questi contatori a radio-frequenza pulsante.

Noi non abbiamo dato alcun consenso informato a questa esposizione, pericolosa ma invisibile. Con costumi sociali globali infranti e immorali, questa è considerata una pratica commerciale abituale: ingannare i clienti, per guadagnare enormi profitti. Fino a quando una politica del tipo di porte girevoli rimane tra le imprese private e [ancora non per molto] le istituzioni pubbliche, i cittadini non avranno le loro preoccupazioni, mai affrontate, validate da sanitari.

La linea aziendale di base, il profitto, è quello che conta – non il nostro benessere e la nostra sicurezza.

Inoltre, gli effetti sinergici di varie tecnologie senza fine, unite con altri veleni ambientali ai quali tutti siamo esposti quotidianamente, non sono mai stati testati. In quest’ultimo anno, ho già osservato personalmente il danno che questi contatori intelligenti hanno causato – in tutti gli Stati Uniti – a molta gente e a diversi animali, di mia conoscenza. Sebbene non siano riportate, in genere, dai principali mezzi di comunicazione, le gravi ripercussioni sulla salute dei cittadini sono già evidenti.

Un breve elenco comprende: danni neurologici, dolore alle orecchie e problemi di udito, disfunzioni respiratorie, dolori al petto e disturbi cardiaci, bruciore della pelle, disturbi del sonno, mal di testa, depressione, problemi del visus, cambiamenti della pressione sanguigna, la sterilità, l’autismo, e le malattie neurodegenerative.

Ci sono numerose segnalazioni di persone che sono totalmente inabilitate dall’esposizione ai campi elettromagnetici. Molte persone che conosco sono quasi costantemente debilitate e confinate in casa, a causa dell’esposizione in tutta la città ai tralicci per la telefonia mobile cellulari e il Wi-Fi che è diventata onnipresente. Nella maggior parte, i medici allopatici non sono addestrati in medicina ambientale, e così spesso i sintomi sono diagnosticati in modo errato.

…il Global Research ha pubblicato un importante aggiornamento del Prof. Tracy sui contatori intelligenti “Crisi sanitaria incombente: la tecnologia senza filo e l’intossicazione dell’America”: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=31816

Sebbene il Dr. David O. Carpenter osservi in seguito che la “prova del legame tra l’uso del telefono cellulare a lungo termine e il cancro al cervello provenga soprattutto dall’Europa settentrionale”, egli conosce personalmente due persone che sono morte di cancro cerebrale, glioma. Il tumore glioma ha preso origine dietro l’orecchio dove teneva il cellulare. Questa era una rara forma di cancro maligno del cervello. Ora si pensa che sia epidemica, ma non è riferito dai mezzi d’informazione, giacché più di sei miliardi di telefoni cellulari sono in uso a livello globale. Anche il senatore Ted Kennedy è morto per il cancro glioma.

C’è una lunga storia di clienti “consumatori” [non siamo più chiamati cittadini o persone], mentre le multinazionali continuano a fare enormi profitti su farmaci e tecnologie pericolosi: sindrome da shock tossico; Vioxx; talidomide, vaccini contro il HPV. Questa lista è molto lunga e ben documentata. Ad esempio, nel settembre 2011, il Time di Los Angeles ha riferito “le morti per la droga da [prescrizione] ora sono più numerose tra quelle da incidenti stradali negli Stati Uniti.”

Vedere: http: http://articles.latimes.com/2011/sep/17/local/la-medrugs-epidemic-20110918

Quello che oggi è chiamato elettro-iper-sensibilità (EHS), ed è riconosciuta in Svezia, come una malattia debilitante documentata, e può effettivamente essere detta avvelenamento, giacché sia gli esseri umani sia tutti gli altri organismi viventi sono danneggiati, momento per momento, dagli impulsi di radiofrequenza di questi contatori.”. Per più di 30 anni, l’illustre professore Olle Johansson, dell’Istituto Karolinska, in Svezia, è stato un sostenitore molto esposto e caloroso per coloro che sono stati danneggiati da questa tecnologia. La sua ricerca scientifica è del tutto innovativa. In Svezia, più di 248.000 persone sono malate da elettro-ipersensibilità (EHS),. La maggior parte delle leggi sono completamente superate per affrontare questa crisi. Negli Stati Uniti e in Canada, molti clienti avvelenati non possono dismettere le aziende fornitrici. Oppure, se questa scelta fosse loro permessa, i clienti pagherebbero elevate tariffe per la cessazione del contratto, così come il canone mensile. Si tratta di una situazione finanziariamente vincente per le diverse aziende di servizi al pubblico, mentre i clienti sono danneggiati quotidianamente. La linea basilare delle aziende ha la precedenza sulla salute e sulla sicurezza.

In una rivista canadese, La maison du 21e siècle [La casa del 4 21mo secolo], il Dr. David O. Carpenter, un illustre medico ed ex preside fondatore della Scuola di Salute Pubblica, Università statale di Albany (New York), ha …pubblicato una lettera denominata “Contatori intelligenti: Correzione di una colossale disinformazione”, (**) Essa è qui riprodotta integralmente:” “Noi sottoscritti siamo un gruppo di scienziati e operatori sanitari che insieme sono coautori di centinaia di studi validati da revisori imparziali. Noi vogliamo correggere alcune delle grandi disinformazioni trovate nella lettera che tratta dei contatori intelligenti senza filo, e che è stata pubblicata il 24 maggio sul quotidiano di Montreal Le Devoir, presentata da un gruppo di ingegneri del Quebec, fisici e chimici, la lettera in questione riflette una evidente mancanza di comprensione della scienza che si riferisce all’impatto sulla salute delle microonde della radiofrequenza e dei campi elettromagnetici (RF)/EMF emesse dagli strumenti d’uso. L’affermazione che “Migliaia di studi, sia epidemiologici sia sperimentali nell’uomo, non mostrano un aumento dei casi di cancro come risultato dell’esposizione a onde radio di bassa intensità …” è falsa (1).

Infatti, solo poche di queste ricerche – due dozzine di studi caso-controllo dell’uso del telefono cellulare, certamente non migliaia, hanno segnalato nessun aumento del cancro, e la maggior parte sono stati finanziati dal settore wireless. Inoltre, questi studi rassicuranti contenevano importanti difetti del disegno sperimentale, soprattutto il fatto che le popolazioni seguite erano troppo piccole e erano state seguite per un periodo di tempo troppo breve.

Studi non finanziati dal settore imprenditoriale hanno chiaramente dimostrato un aumento consistente dei casi di cancro tra gli individui che sono stati oggetto di una prolungata esposizione alle microonde a basso livello, trasmesse in particolare dalle antenne radio. Gli effetti sono stati meglio documentati in meta-analisi, che sono state pubblicate e che includono i risultati raggruppati da diverse differenti ricerche: queste analisi hanno sempre mostrato un aumento del rischio di cancro al cervello tra gli utenti regolari di un telefono cellulare che sono stati esposti a microonde per almeno dieci anni.  

FREQUENZE DI CANCRO AL CERVELLO

Inoltre, l’argomento secondo cui le frequenze di cancro al cervello non indicano un aumento globale dell’incidenza non è la prova che i telefoni cellulari siano sicuri: la latenza per il cancro al cervello, negli adulti dopo l’esposizione ambientale, può essere lungo, fino a 20-30 anni. La maggior parte dei nordamericani non ha usato i cellulari diffusamente per così tanto tempo. Le prove del legame tra l’uso del telefono cellulare a lungo termine e il cancro al cervello provengono soprattutto dal Nord Europa, dove i cellulari sono stati usati comunemente a partire dagli anni 1990. I bambini sono particolarmente a rischio. Nel mese di maggio 2012, l’Ufficio Nazionale di Statistica del Regno Unito ha segnalato un aumento del 50 per cento di incidenza dei tumori del lobo frontale e temporale nei bambini tra il 1999 e il 2009. Questa statistica è particolarmente preoccupante dato che nel maggio 2011, dopo aver esaminato la letteratura scientifica pubblicata per quanto riguarda i tumori che colpiscono gli utenti del telefono cellulare, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato le radiazioni a radiofrequenza come 2B, possibile cancerogeno per l’uomo.


Nonostante l’assenza di consenso scientifico, l’evidenza è sufficientemente convincente per qualsiasi genitore prudente che voglia ridurre, per quanto possibile, esposizione del proprio caro alle emissioni di microonde di radiofrequenza, com’è stato raccomandato da diversi paesi come l’Austria, il Belgio, la Germania, la Russia e il Regno Unito. 

I timori del pubblico a proposito dei contatori intelligenti wireless sono fondati. Essi sono sostenuti da diverse autorità mediche, come i Dipartimenti di Sanità Pubblica della Contea di Santa Cruz (California) e di Salisburgo (Austria). Tali autorità sono preoccupate per il numero crescente di cittadini che dicono di aver sviluppato elettro-iper-sensibilità (EHS), tanto più che, per molti di loro, i sintomi sviluppati dopo l’installazione di tali contatori (ci vuole un po’ di tempo per la maggior parte delle persone prima che possano collegare i due eventi).

Dall’inizio del nuovo millennio, le persone sono sempre più bersagliate da microonde ambientali a causa della crescente diffusione di dispositivi wireless, come telefoni cellulari e internet Wi-Fi. Pertanto, la distribuzione di massa di reti intelligenti potrebbe esporre grandi settori della popolazione generale ad 6 allarmanti scenari di rischio senza il loro consenso. Secondo sette rilevazioni fatte in sei paesi europei tra il 2002 e il 2004, circa il 10% dei cittadini europei sono divenuti elettrosensibili, e gli esperti temono che tale percentuale potrebbe raggiungere il 50% entro il 2017.

La persona più famosa che ha rivelato pubblicamente la sua elettro sensibilità è Gro Harlem Brundtland, ex primo ministro della Norvegia che si ritirò da direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Anche se non c’è consenso sulle origini e sui meccanismi della EHS, molti medici e altri specialisti di tutto il mondo si sono resi conto che i sintomi dell’elettro-iper-sensibilità, EHS (dermatologici, neurologici, acustici, ecc) sembrano essere innescati da esposizione a livelli di campi elettromagnetici al di sotto degli attuali limiti internazionali d‘esposizione, che sono stabiliti esclusivamente sugli effetti termici a breve termine.(2) Le organizzazioni come l’austriaca Medical Association e la American Academy of Environmental Medicine hanno riconosciuto che il modo ideale per trattare la EHS è quello di ridurre l’esposizione ai campi elettromagnetici. Pertanto, si richiede cautela perché la crescente varietà di emissioni di microonde di RF prodotte da molti dispositivi wireless, come i contatori intelligenti, non è mai stata testata per i suoi potenziali effetti biologici.

EFFETTI BIOLOGICI BEN CONOSCIUTI 

Mentre i percorsi specifici di cancro non sono ancora pienamente compresi, è scientificamente inaccettabile negare il peso delle prove per quanto riguarda l’aumento dei casi di cancro negli esseri umani che sono esposti a microonde di RF ad elevati livelli di radiazione. L’affermazione che “non esiste alcun meccanismo stabilito per cui un’onda radio potrebbe indurre un effetto negativo sui tessuti umani se non per il riscaldamento” non è corretto, e riflette una mancanza di consapevolezza e di comprensione della letteratura scientifica sull’argomento. In realtà, più di mille studi fatti su radiazioni non ionizzanti di bassa intensità e ad alta frequenza, che risalgono ad almeno 50 anni, mostrano che alcuni meccanismi biologici efficaci non implicano il calore. Questa radiazione invia segnali al tessuto vivente che stimolano cambiamenti biochimici, e che possono generare vari sintomi e possono provocare malattie come il cancro.

Sebbene le microonde di RF non abbiano l’energia sufficiente per rompere direttamente i legami chimici, a differenza dalle radiazioni ionizzanti come i raggi X, c’è evidenza scientifica che questa energia possa causare indirettamente danni al DNA causando il tumore per una combinazione di effetti biologici. Recenti pubblicazioni scientifiche hanno documentato la generazione di radicali liberi, l’aumento della permeabilità della barriera ematoencefalica che permette a sostanze chimiche potenzialmente tossiche di entrare nel cervello, l’induzione di geni, nonché l’alterazione dell’attività elettrica e metabolica nel cervello umano in seguito all’uso del telefono cellulare, le cui microonde di RF sono simili a quelle prodotte dai contatori intelligenti. Questi effetti sono cumulativi e dipendono da molti fattori, tra cui i livelli delle microonde di RF, la frequenza, la forma d’onda, il tempo di esposizione, la variabilità biologica tra gli individui e la combinazione con altri agenti tossici. Prova evidente che queste microonde sono effettivamente bioattive è stata dimostrata dal fatto che i campi elettromagnetici di bassa intensità sono stati trovati clinicamente utili in alcune circostanze.

Da tempo, i CEM pulsanti sono utilizzati per trattare con successo fratture ossee che sono resistenti ad altre forme di terapia. Più recentemente, i campi elettromagnetici, di ampiezza specifica di frequenza, sono stati trovati utili per trattare il carcinoma avanzato e il dolore cronico. I CEM ad alta frequenza, come le microonde emesse dai telefoni cellulari, dai contatori intelligenti, dai Wi-Fi e i telefoni senza fili DECT, sembrano essere più dannosi se sono usati comunemente. La maggior parte dei loro effetti biologici, compresi i sintomi di elettro-iper-sensibilità, può essere vista nel danno arrecato alle membrane cellulari, come dalla perdita di ioni calcio, strutturalmente importanti. L’esposizione prolungata a queste alte frequenze puo’ condurre a disturbi funzionali delle cellule e alla loro morte. Inoltre, il funzionamento difettoso della ghiandola paratiroide, situata nel collo a pochi pollici da dove si tiene un telefono cellulare, può effettivamente causare elettro-iper-sensibilità in alcune persone, riducendo il livello basale degli ioni calcio nel sangue. È noto anche che le microonde di RF diminuiscono la produzione della melatonina dall’epifisi, ormone che protegge contro il cancro, e promuovono la crescita delle cellule tumorali esistenti.

ATTACCHI AGLI AVVERTIMENTI PRECOCIDEGLI SCIENZIATI 

Nel raccomandare che il principio di precauzione si applichi in materia di campi elettromagnetici, Jacqueline McGlade, Direttore dell’Agenzia Europea per l’Ambiente ha scritto nel 2009: “Abbiamo notato da precedenti storie un pericolo per la salute, come quella del piombo nella benzina, e il metil-mercurio, che gli scienziati di “allerta precoce” spesso patiscono discriminazioni, come la perdita di fondi di ricerca, e gli indebiti attacchi personali sulla loro integrità scientifica. Sarebbe sorprendente se questo non fosse già una caratteristica della presente polemica sui CEM…”Tali conseguenze negative si sono effettivamente verificate. L’affermazione contenuta nella lettera di Le Devoir che “se si considera che dovrebbe aver luogo un dibattito, esso dovrebbe concentrarsi esclusivamente sugli effetti dei telefoni cellulari per la salute” è fondamentalmente un riconoscimento che ci sia almeno qualche motivo per essere preoccupati per i telefoni cellulari. Tuttavia, mentre l’esposizione immediata da un telefono cellulare è di intensità molto maggiore rispetto all’esposizione da contatori intelligenti, l’uso del telefono cellulare è temporaneo e intermittente.

I contatori intelligenti senza fili in genere emettono un brevissimo impulso di microonde di RF, atipico e relativamente potente, i cui effetti biologici non sono mai stati testati. Essi emettono questi lampi di RF di millisecondi, mediamente 9.600 volte al giorno, con un massimo di 190.000 trasmissioni quotidiane, e con un’emissione a livelli di picco due volte e mezzo superiori al segnale che è stato dichiarato sicuro [corsivo di Perlingieri], come ha riconosciuto la California Utility Pacific Gas & Electric prima della Public Utilities Commission dello stesso Stato. Così la gente in prossimità di un contatore intelligente è a rischio di esposizione complessiva significativamente maggiore che con un telefono cellulare, per non parlare dei livelli cumulativi di microonde di RF cui le persone che vivono vicino a diversi metri sono esposte. Le persone sono esposte a microonde del telefono cellulare principalmente nella testa e del collo, e solo quando usano il loro strumento. Con i contatori intelligenti, tutto il corpo è esposto alle microonde, ciò aumenta il rischio di sovraesposizione a molti organi. Oltre a questi lampi irregolari di microonde modulati provenienti da contatori intelligenti che stanno trasferendo i dati del consumo delle utenze elettriche, di gas e di acqua, (comunicazione on line) i contatori intelligenti wireless e cablati sono anche una delle principali fonti di ”elettricità sporca” (interferenze elettriche di transistori di tensione ad alta frequenza, tipicamente di frequenze kilohertz). Infatti, alcuni scienziati, come l’epidemiologo americano Sam Milham, ritengono che molti dei problemi di salute circa i contatori intelligenti possono essere causati anche dall’elettricità sporca generata dalla chiusura degli interruttori che alimentano tutti i contatori intelligenti, attivandoli. Dal momento che è stato trovato che l’installazione di filtri per ridurre l’elettricità sporca che circola sul cablaggio della casa per alleviare i sintomi di EHS in alcune persone, questo metodo dovrebbe essere considerato fra le priorità volte a ridurre i potenziali impatti negativi.

MEGLI ESSER SICURI CHE DISPIACIUTI

Gli evidenti effetti negativi sulla salute riscontrati con l’esposizione dei contatori intelligenti rischiano di essere ulteriormente aggravati se altri elettrodomestici intelligenti utilizzano le comunicazioni wireless diventando normali con un ulteriore aumento ingiustificato dell’esposizione. Ad oggi, ci sono stati pochi studi indipendenti sugli effetti per la salute di tali fonti di diverse microonde continue, ma di più bassa intensità. Tuttavia, dopo decenni di studi sulle sostanze chimiche nocive, sappiamo che l’esposizione cronica a basse concentrazioni di microonde può causare danni pari o addirittura superiori a quelle causate da un’esposizione acuta ad alte concentrazioni degli stessi microonde. Questo è il motivo per cui molti scienziati e medici esperti raccomandano in modo pressante che le determinazioni fatte sulla base del principio di precauzione siano applicate immediatamente – così come l’utilizzo di contatori cablati – per ridurre l’esposizione a microonde biologicamente inadeguata. Non stiamo sostenendo l’abolizione delle tecnologie basate sulla RF, ma solo l’uso del buon senso e lo sviluppo e l’attuazione di buone pratiche nell’utilizzo di queste tecnologie al fine di ridurre l’esposizione e il rischio di pericoli per la salute.

NOTA 1. Scientific papers on EMF health effects: www.powerwatch.org.uk/science/studies.asp 2. Explanation and studies on electrosensitivity: www.powerwatch.org.uk/health/sensitivity.asp 3. Governments and organizations that ban or warn against wireless technology: www.cellphonetaskforce.org/?page_id=128

LETTERA FIRMATA DA:

*David O. Carpenter, MD, Director, Institute for Health & the Environment, University at Albany, USA *Jennifer Armstrong, MD, Past President, Canadian Society of Environmental Medicine, Founder, Ottawa Environmental Health Clinic, Ontario, Canada *Pierre L. Auger, M. D., FRCPC, Occupational medicine, Multiclinique des accidentés 1464, Montreal, Quebec, Canada *Fiorella Belpoggi, Director, Cesare Maltoni Cancer Research Center, Ramazzini Institute, Bologna, Italy *Martin Blank, PhD, former President, Bioelectromagnetics Society, Special Lecturer, Department of Physiology and Cellular Biophysics, Columbia University Medical Center, New York, USA *Barry Breger, MD, Centre d’intégration somatosophique (orthomolecular medicine), Montreal, Quebec *John Cline, MD, Professor, Institute for Functional Medicine, Federal Way, WA, USA, Medical Director, Cline Medical Centre, Nanaimo, BC, Canada *Alvaro Augusto de Salles, PhD, Professor of Electrical Engineering, Federal University of Rio Grande do Sul, Porto Alegre, Brazil *Christos Georgiou, Prof. Biochemistry, Biology Department, University of Patras, Greece *Andrew Goldsworthy, PhD, Honorary lecturer in Biology, Imperial College, London, UK *Claudio Gómez-Perretta, MD, PhD, Director, Centro de Investigación, Hospital Universitario LA Fe, Valencia, Spain *Livio Giuliani, PhD, Senior Researcher, National Insurance Institute (INAIL), Chief of Radiation and Ultrasounds Research Unit, Rome, Italy *Yury Grigoriev, PhD, Chair Russian National Committee on NonIonizing Radiation Protection, Moscow, Russia *Settimio Grimaldi, PhD, Director, Institute of Translational Pharmacology (Neurobiology and molecular medicine), National 11 Research Council, Rome, Italy *Magda Havas, PhD, Centre for Health Studies, Trent University, Canada *Lennart Hardell, MD, Professor of Oncology, University Hospital, Örebro, Sweden *Denis L. Henshaw, PhD, Professor of Physics, Head of The Human Radiation Effects Group, University of Bristol, UK *Ronald B. Herberman, MD, Chairman of Board, Environmental Health Trust, and Founding Director emeritus, University of Pittsburgh Cancer Institute, USA *Isaac Jamieson, PhD Environmental Science (electromagnetic phenomena in the built environment), independent architect, scientist and environmental consultant, Hertfordshire, UK *Olle Johansson, PhD, Professor of Neuroscience (Experimental Dermatology Unit), Karolinska Institute, Stockholm, Sweden *Yury Kronn, PhD, Soviet authority on physics of nonlinear vibrations and high frequency electromagnetic vibrations, founder of Energy Tools International, Oregon, USA *Henry Lai, PhD, Professor of Bioengineering, University of Washington School of Medicine, Seattle, WA, USA *Abraham R. Liboff, PhD, Professor Emeritus, Department of Physics, Oakland University, Rochester, Michigan, USA *Don Maisch, PhD, Researcher on radiation exposure standards for telecommunications frequency, EMFacts Consultancy, Tasmania, Australia *Andrew A. Marino, MD, PhD, JD, Professor of Neurology, LSU Health Sciences Center, Shreveport, LA, USA *Karl Maret, MD, M. Eng., President, Dove Health Alliance, Aptos, CA, USA *Sam Milham, MD, former chief epidemiologist, Washington State Department of Health, USA *Joel M. Moskowitz, PhD, Director, Center for Family and Community Health, School of Public Health, University of California, Berkeley *Gerd Oberfeld, MD, Public Health Department, Salzburg State Government, Austria *Jerry L. Phillips, PhD, Director, Center for Excellence in Science, Department of Chemistry and Biochemistry, University of Colorado, USA *John Podd, PhD, Professor of Psychology (experimental neuropsychology), Massey University, New-Zeland *William J. Rea, MD, thoracic and cardiovascular surgeon, founder of the Environmental Health Center, Dallas, Tx, USA *Elihu D. Richter, MD, Professor, Hebrew University-Hadassah School 12 of Public Health and Community Medicine, Jerusalem, Israel *Leif G. Salford, MD, Senior Professor of Neurosurgery, Lund University, Sweden *Nesrin Seyhan, MD, Founder and Chair of Biophysics, Medical Faculty of Gazi University, Turkey *Cyril W. Smith, PhD, lead author of “Electromagnetic Man”, retired from Electronic and Electrical Engineering, University of Salford, UK *Morando Soffritti, MD, Scientific Director of the European Foundation for Oncology and Environmental Sciences “B. Ramazzini” in Bologna, Italy *Antoinette “Toni” Stein, PhD, Collaborative on Health and the Environment (CHE-EMF Working Group), Co-Coordinator, Berkeley, CA, USA *Stanislaw Szmigielski, MD, PhD, Professor of Pathophysiology, Consulting Expert, former director of Microwave Safety, Military Institute of Hygiene and Epidemiology, Warsaw, Poland *Bradford S. Weeks, MD, Director, The Weeks Clinic, Clinton, WA, USA *Stelios A. Zinelis, MD, Vice-President, Hellenic Cancer Society, Cefallonia, Greece Maison Saine. 11 July, 2012. Quebec-based magazine La Maison du 21e siècle asked physician David O. Carpenter, former founding dean of the University at Albany (NY)’s School of Public Health, to comment on a letter published in the Montreal daily Le Devoir last May 24. This letter claimed wireless smart meters pose no risk to public health. Some forty international experts contributed to the following rebuttal.

See, Dr. David O. Carpenter: http://maisonsaine.ca/smart-meters-correcting-the-grossmisinformation/#comment-120283

NOTA: Questo link per l’articolo originale (in alto) ha anche numerosi collegamenti medici.

VEDI ANCHE:

Jerry Day. “We are EMR Guinea Pigs”:

www.youtube.com/watch?v=xX-mdciSUC0

“The Invisible Hazards of Smart Meters”: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=26082 “Smart Meter Dangers Update”: http://consciouslifenews/com/smart-meter-dangers-updatescientific-proof-hazards/1124466

Gunni Nordström. “The Invisible Disease. The Dangers of Environmental Illnesses caused by Electromagnetic Fields and Chemical Emissions” 13 “There’s a Reason Cell Rhymes with Hell.” The Electromagnetic Effects of Cell Phones and Other Wireless Devices: http://archivesmb.wordpress.com/the-electromagnetic-effects-ofcell-phones

Educator and environmental writer Dr. Ilya Sandra Perlingieri is the author of the highly acclaimed book, “The Uterine Crisis.” London’s The Ecologist call this book an ”inspiration” L’educatore e scrittore ambientale Dr. Ilya Sandra Perlingieri è l’autore del libro definito, “La crisi uterina.” The Ecologist, di Londra definisce questo libro una “ispirazione” FONTE: Ugazio – DANNI DA CONTATORI INTELLIGENTI Documento Adobe Acrobat 154.4 KB Download 

 No Privacy with Smart Meters | Big Brother Watch 

Impatto biologico dei nostri telefoni cellulari

Nuovi pericoli correlati all’uso dei telefoni cellulari
che tutti devono conoscere

Dr. Mercola

Se pensate che l’uso dei telefoni cellulari non sia pericoloso per la vostra salute, allora dovreste trovare il tempo di leggere cosa ne pensa la Dott.ssa Devra Davis autrice di “Disconnect – La verità sulle radiazioni da telefoni cellulari” che ha fatto delle ricerche approfondite sui pericoli delle radiazioni emanate dai cellulari.

Come molti di noi, quando iniziò i suoi studi, la Dott.ssa Davis non pensava che i telefoni cellulari potessero essere pericolosi. Ma oggi, basandosi su prove tossicologiche ed epidemiologiche è convinta che le radiazioni da cellulare non solo siano pericolose, ma addirittura, che possano essere letali.

Nelle sue conferenze la Davis spiega come l’impatto biologico dei nostri telefoni cellulari non sia legato alla potenza del segnale emesso dal dispositivo, quanto dalla frequenza irregolare in grado di interferire con il DNA.

Questa teoria, secondo la Davis, fornirebbe le risposte sull’insorgenza di una vasta gamma di patologie, cancro compreso…

Può il nostro cellulare provocare il cancro?

Un caso molto interessante, che può essere un utile avvertimento sul potenziale cancerogeno delle radiazioni da telefono cellulare, è quello di una giovane donna affetta da cancro al seno con la presenza di diversi focolai di metastasi. Indagando sulle abitudini della paziente si è scoperto che aveva l’abitudine di tenere il cellulare infilato nel reggiseno.

I due specialisti che seguivano il caso, Robert Nagourney e John West, hanno concluso che non c’era altra possibilità per la causa del suo cancro: “Abbiamo collegato i puntini” e la distribuzione delle cellule cancerose era allineata perfettamente con la forma del suo cellulare e del posto in cui era solita riporlo.

Anche se i due medici non possono dimostrare che sia stato il cellulare la causa del tumore, questa storia dovrebbe servire come avvertimento per tutte le donne che hanno la stessa “brutta” abitudine. Ma anche per tutti coloro che tengono il telefono nella tasca dei pantaloni o della camicia.

Il nostro consiglio è di tenere a mente che i punti maggiormente pericolosi per queste radiazioni si estendono per un raggio di circa 15 centimetri attorno all’antenna del dispositivo. Fate quindi attenzione a dove riponete il vostro cellulare, tenendolo a debita distanza dal vostro corpo.

Ecco perché tenere il cellulare vicino al corpo non è una buona idea…

Alcune zone del nostro corpo sono più vulnerabili alle radiazioni da telefono cellulare.

Nel 2009 è stato pubblicato uno studio che ha preso in esame 150 uomini con l’abitudine di tenere il telefono su di un fianco, attaccato alla cintura. I soggetti avevano portato il telefono al fianco per circa 15 ore al giorno, per una media di 6 anni di tempo.

Mediante l’uso di raggi X e tecniche utilizzate nella diagnosi e nel monitoraggio di pazienti affetti da osteoporosi, i ricercatori hanno misurato la densità minerale pelvica.

Scoprendo che i soggetti della ricerca avevano una densità minore sul lato in cui erano soliti tenere il telefono. Questo dato è molto importante per lo studio dell’influenza dei campi elettromagnetici emessi dai nostri dispositivi.

Bisogna rendersi conto che il telefono emette radiazioni anche quando non si sta effettuando una chiamata. Di conseguenza tenere sul proprio corpo il cellulare per tutto il giorno ci espone a radiazioni quasi continuamente.

Molti studi concordano che le radiazioni emesse dai nostri cellulari siano in grado di influenzare negativamente: quantità, qualità e motilità degli spermatozoi umani. Un’altro problema da aggiungere alla minor densità ossea…

Uno studio pubblicato su “PLoS One” rileva che: “RF-EMR nella gamma di densità e frequenza dei telefoni cellulari aumenta le reazioni mitocondriali riducendo la motilità e la vitalità degli spermatozoi umani e in ultima analisi la frammentazione del DNA. Questi risultati hanno chiare implicazioni sulla sicurezza dell’uso di telefoni cellulari da parte di maschi in età riproduttiva. Implicazioni che interessano sia la fertilità e la salute sia il benessere dei figli.”

Per questo motivo, in particolare gli uomini, non dovrebbero tenere il proprio cellulare in tasca, evitandone il posizionamento vicino agli organi riproduttivi. Inoltre nella medesima zona vi sono altri organi sensibili alle radiazioni come fegato, reni, colon e vescica.

Prove recenti incolpano i cellulari dell’insorgenza del cancro.

L’anno scorso, un gruppo di ricerca israeliano, ha registrato un aumento dell’incidenza di tumori della ghiandola parotide negli ultimi 30 anni. Con un picco dopo il 2001. La parotide è un ghiandola salivare che si trova vicino alla guancia, proprio dove solitamente appoggiamo il telefono durante una conversazione.

Nello stesso anno il Dott. Siegal Sadetzki ha testimoniato in un intervento al senato degli stati uniti che i telefoni cellulari sono stati identificati come causa del cancro alla parotide.

Lo studio afferma che il rischio di questo tipo di tumore, sul lato di ascolto abituale, aumenta del:
34% nel caso di utenti che abbiano usato il cellulare per 5 anni.
58% se si hanno più di 5500 chiamate nel corso della vita.
49% se si hanno più di 266,3 ore di conversazioni telefoniche ne corso della vita.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità classifica le radiazioni dei telefoni cellulari come cancerogeno di classe B

Gli abbonamenti di telefonia cellulare nel mondo sono stimati in circa 5,9 miliardi, ovvero l’87% della popolazione globale… Penso si possa dire che abbiamo superato il punto di non ritorno per quel che concerne questa tecnologia. Ma, così come il numero di utenti, cresce anche il numero di ricercatori che studia e ci avverte in merito agli effetti collaterali.

Fortunatamente? I loro moniti stanno lentamente quanto inesorabilmente cominciando a farsi sentire.

Il 31 Maggio 2011 l’OMS (organizzazione mondiale della sanità) insieme al IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha pubblicato un rapporto in cui ammette la connessione tra telefoni cellulari e cancro. Classificando i campi elettromagnetici a radiofrequenza “possibilmente cancerogeni per l’uomo” (Classe 2B). Questa classificazione è la risposta ai molti studi che indicano i cellulari come responsabili del cancro al cervello. Il Dott. Jonathan Samet ( Università della California) presidente del gruppo di lavoro ha indicato che: “Mentre stiamo accumulando altre prove, è giusto sostenere una giusta conclusione la classificazione 2B. Date le potenziali conseguenze per la salute pubblica è importante prendere misure pragmatiche e a lungo termine per ridurre l’esposizione“.

I bambini sono i soggetti più a rischio, già nell’utero materno.

Purtroppo, bambini e adolescenti sono i soggetti più a rischio per i tumori della parotide, alle ossa e al cervello. Le ossa del cranio nei più piccoli sono più sottili permettendo alle radiazioni di raggiungere il mesencefalo, dove il cancro risulta più letale.

Inoltre, l’alta velocità di riproduzione cellulare, rende i più giovani maggiormente suscettibili alla crescita cellulare anomala quanto aggressiva di un tumore. Secondo il professor Lennart Hardell (Svezia) nei giovani che iniziano in tenera età ad usare telefoni cellulari aumentano di 4/5 volte le possibilità di cancro al cervello.

L’immagine seguente mostra chiaramente le differenze di penetrazione delle radiazioni tra adulti e bambini. Nei bambini le radiazioni attraversano il cranio molto più facilmente che negli adulti. 

La foto è stata tratta dal libro “Sanità pubblica SOS: il lato oscuro della rivoluzione wireless”

Le donne in gravidanza dovrebbero evitare l’uso del cellulare. Nel 2008 alcuni ricercatori analizzando i dati provenienti da 13000 bambini hanno scoperto che l’esposizione ai telefoni cellulari nel grembo materno e durante l’infanzia potrebbe essere collegata a disturbi comportamentali.

Un utilizzo minimo, due o tre volte al giorno durante la gravidanza alzerebbe il rischio nei futuri bambini di iperattività e difficoltà emozionali. Il fattore di rischi cresce ulteriormente se i bambini faranno uso di cellulari in età prescolare.

Nello specifico, il rischio di problemi comportamentali è aumentato del 54% nei figli di madri che hanno fatto uso di cellulare durante la gravidanza.

Quando i bambini hanno iniziato ad usare telefoni cellulari gli incrementi riscontrati sono stati i seguenti:
80% in più di probabilità di soffrire di disturbi comportamentali.
25% in più di rischio di problematiche emotive.
34% in più di rischio di complicazioni nella sfera relazionale con i coetanei.
35% in più di rischio di iperattività.
49% in più di rischio di problemi legati alla condotta.

Gli esperti categoricamente dichiarano che gli effetti nocivi sono dimostrabili.

I ricercatori in campo di impatto biologico delle frequenze elettromagnetiche (CEM) e tecnologie wireless ritengono che non ci siano più dubbi sulla relazione radiazioni cellulari e cancro. Esistono svariate patologie in relazione alle radiazioni elettromagnetiche. Come ad esempio la depressione, il diabete, le irregolarità cardiache e perdita di fertilità. Gli studiosi hanno spiegato come le onde elettromagnetiche danneggino cellule e DNA.

Il Dott. Martin Blank ha tenuto una conferenza nel 2010 intitolata ” Gli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici” in cui spiega come la struttura a doppia elica del DNA sia particolarmente vulnerabile a campi elettromagnetici di ogni tipo.

Il DNA possiede delle caratteristiche strutturali, conduzione elettronica e auto-simmetria, che contribuiscono ad una maggiore reattività con i campi elettromagnetici. Rendendo le lunghe e ripetute esposizioni alle radiazioni particolarmente dannose.

Blank sottolinea in molti suoi articoli e relazioni di come la scienza abbia già dimostrato questi effetti nocivi. Come ad esempio l’articolo del novembre 2010 intitolato: “Effetti non termici e meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici e materia vivente”. Inoltre altri studi mostrano un aumento del rischio di tumore al cervello in soggetti che abbiano usato il cellulare per più di 1640 ore. Uno studio indipendente svedese del 2007 ha riscontrato un aumento di rischio del 540% in soggetti con un uso del cellulare maggiore di 200 ore.

I miei consigli sull’uso del telefono cellulare
I bambini fino a 10 anni non dovrebbero mai usare i telefoni cellulari.
Ridurre l’uso del telefono.
Usa la rete di telefonia fissa a casa e in ufficio.
Riduci o elimina l’uso di dispositivi wireless.
Utilizza il cellulare solo quando la ricezione è buona (quando la ricezione è bassa il cellulare emette più radiazioni per ricevere segnale)
Non utilizzare il cellulare in macchina (le onde elettromagnetiche sono maggiori)
Evita di tenere il telefono vicino al corpo.
Usa un auricolare.
Non pensare che possa esistere un cellulare sicuro.
Spegni il cellulare di notte e non tenerlo vicino al letto.


Marco Falda
Come Difendersi dalle Onde Elettromagnetiche
Accademia Vis Vitalis


Riccardo Stagliano
Toglietevelo dalla Testa.
Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono
Chiarelettere


Riferimenti
i The Environmental Health Trust June 6, 2012
ii Journal of Craniofacial Surgery September 2009;20(5):1556-60
iii PLoS ONE 4(7): e6446
iv Epidemiology January 2011 – Volume 22 – Issue 1 – pp 130-131
v Mobithinking.com Mobile statistics 2012
vi Electromagnetichealth.org, WHO/IARC Classifies Radiofrequency Electromagnetic Fields as Possibly Carcinogenic to Humans
vii International Agency for Research on Cancer, May 31, 2011, Press release # 208
viii Epidemiology. 2008 Jul;19(4):523-9
ix International Journal of Radiation Biology April 2011, Vol. 87, No. 4 , Pages 409-415
x Electromagnetichealth.org, Non-Thermal Effects and Mechanisms of Interaction Between Electromagnetic Fields and Living Matter
xi International Journal of Epidemiology June 2010;39(3):675-94
xii International Journal of Occupational Safety and Ergonomics 2007: 13(1); 63-71

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Dionidream

Riproduzione consentita a patto che l’articolo non sia modificato in nessuna parte indicando autore e link attivo al sito.

Link attivo al sito: http://www.dionidream.com/danni-cellulare/

Win-win

INTERESSI PRIVATI & PUBBLICI VIRTUOSI TRAFFICANTI
La paura delle pandemie non era fondata! 
OMS sotto accusa VIDEO

di http://www.dionidream.com/
Negli ultimi anni il mondo è stato terrorizzato ben 4 volte a causa di incombenti malattie virali che avrebbero potuto mettere fine all’umanità: epidemia SARS, mucca pazza, aviaria e suina. E’ un fatto che le previsioni dei catastrofisti non si sono realizzate: il pianeta l’ha vissuta come una comune influenza. Gli Stati hanno però acquistato milioni di dosi di vaccino pandemico, rimaste per lo più inutilizzate. L’hanno fatto su indicazione dell’OMS.

Al Consiglio d’Europa di Strasburgo, la Commissione Sanità ha accusato l’OMS di avere creato una “falsa pandemia”, che ha trasformato una comune influenza in un business miliardario – diffondendo ingiustificata paura nella popolazione e nei governi di tutto il mondo che, per prepararsi e difendersi da quella che sembrava una imminente emergenza sanitaria, hanno speso un patrimonio.

I media, con toni preoccupati, trasmettevano immagini di uomini protetti da tute integrali che si muovevano tra animali malati, infondendo preoccupazione nell’opinione pubblica.

In realtà si sarebbe trattato di vere e proprie montature, tanto che la verità è emersa, anche se i media occidentali si sono ben guardati dal parlarne, così come i politici e le altre istituzioni sono rimasti in silenzio. La TV svizzera invece ha confezionato questo servizio, che vi consigliamo di visionare. Segue QUI

_________________________________

LETTERA A PAOLO MIELI
di Gabriella Lesmo
Postato su: http://www.luogocomune.net/

Preg.mo Signor Paolo Mieli

Ho letto il Suo editoriale comparso sul “Corriere” del 20 ottobre, dal titolo “Cinque stelle, la malattia pericolosa dei complottisti anti-vaccini” in cui Lei attribuisce a costoro la responsabilità della ondata anti-vaccini che starebbe travolgendo l’Italia e scatenerebbe un’epidemia prossima ventura di malattie come il tetano, la poliomielite, l’epatite B, la difterite e la pertosse.

Non commento le Sue opinioni politiche, ma non posso tacere sulle affermazioni che riguardano i vaccini, essendo Medico, Specialista in Pediatria e Anestesia e Rianimazione, nonché madre di un ragazzo con la vita rovinata da una reazione avversa alle vaccinazioni anti-infettive eseguite per obbligo di legge.

Con tutto il rispetto, l’articolo dimostra quanto profonda sia la disinformazione. Infatti, non possono verificarsi epidemie di tetano in quanto il tetano non è malattia infettiva e, propriamente, nemmeno epidemie di epatite B, che si trasmette per via parenterale e venerea. Circa la utilità delle vaccinazioni ricordo solo, per brevità, che la malattia invasiva da Haemophilus B, di per sé rara negli Stati Uniti con 1,73 casi ogni 100.000 bambini di età inferiore ai 5 anni, lo è ancor più nel nostro paese. Inoltre essa è più rappresentata negli over 65 che in età pediatrica. Da ultimo, il vaccino anti-Haemophilus B non protegge dalle infezioni invasive di ceppi non tipizzabili, che risultano essere più frequenti. […]

Il vaccino anti-pneumococcico contiene solo alcuni sierotipi di pneumococchi e risulta scarsamente immunogeno, specie nel bambino piccolo. Segue QUI

___________________________________________

tumblr_mijcl2tVFT1r7kybqo1_12801-300x126

Il seguente articolo, tratto da L’Espresso, al di là della notizia gravissima e dei personaggi e aziende coinvolte che dovrebbero far drizzare i capelli in testa anche al più cauto dei lettori, svela un problema enorme ed intrinseco del sistema in cui viviamo: l’incentivo economico.

Dato ormai per scontato, nonostante l’infinita letteratura storica e di psicologia sociale urli la sua insensatezza e follia, il sistema in cui viviamo è basato sulla competizione e sul guadagno economico. Solo a fronte di questi due elementi si ha lavoro, inteso in senso lato, come creazione di organizzazioni, fatti, eventi, prodotti e soprattutto soluzioni.

Venduto come soluzione migliore e mai messo in discussione, questo cardine svela, di volta in volta, i suoi retroscena più sanguinosi e assurdi.
Finché sarà l’incentivo economico a muovere QUALSIASI azione nella società, non ci sarà mai fine alle tragedie come quella descritta in questo articolo, non ci sarà mai spazio alle vere soluzioni ai problemi della nostra società che si trovano su un binario diverso rispetto a quello su cui “i soldi” si muovono.

Consideriamo che, per una notizia come questa che leggiamo, ce ne sono innumerevoli altre che non abbiamo letto o che ancora devono venire alla luce.
Nel caso specifico parliamo di persone che per un guadagno personale mettono a rischio migliaia di vite con la complicità di esponenti politici e mass media, un entourage di elementi che si uniscono e agiscono all’unisono contro di noi, alle nostre spalle, usando il potere dei vari sistemi che noi stessi supportiamo ogni giorno quando votiamo, accendiamo la tv o facciamo compere.

In questo sistema, il “complotto” non può considerarsi una stortura, un evento infausto che capita raramente. Possiamo dire che il “complotto” diventa endemico, intrinseco ed inevitabile, questo perché esso altro non è che la rete di rapporti indissolubili che si crea laddove c’è sete di potere. Ogni volta sulla nostra pelle. Segue QUI

Articolo correlato QUI