Crea sito

PANDEMIA AGLI SGOCCIOLI?

 

Di: Dottor Roberto Slaviero – 04.03.21

Rumors degli ultimi giorni, fanno presagire una prossima dichiarazione dell’OMS, diciamo entro la primavera, di una fine o meglio, di una drastica riduzione della pandemia, dichiarata nel marzo 2020.

Il fatto potrebbe far sobbalzare sulla poltrona, poiché nelle Idi di marzo 2021, ovvero adesso, si prospetta una chiusura generalizzata in Italia.

Queste le dichiarazioni dell’11.03.20, giornata maledetta!

“Abbiamo quindi valutato che COVID-19, PUO’ essere caratterizzato come una pandemia. Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o disattenzione.”

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?menu=notizie&id=4209

Come vedete, si disse Può e non E’….ma lasciamo perdere.

Il 15 marzo del 44 a.C, venne assassinato Giulio Cesare, nelle Idi, che indicavano circa la metà del mese.

Nel marzo 2020, hanno cominciato ad uccidere gran parte dell’economia mondiale, Italia in primis.

Adesso si stanno concentrando sulle “varianti“ pericolose, che attaccano anche i bambini e cosi via. Sembra che negli anni precedenti, nessun bambino si ammalasse e nessun anziano morisse negli inverni grippali!

Solitamente, molti bimbi avevano tossi a cicli nelle scuole da ottobre a marzo, ma la vita continuava tranquillamente, senza maschere imposte e paranoie varie.

E gli anticorpi si sviluppavano naturalmente, rafforzando il sistema immune!

Ma veniamo ai rumors.

Sembrerebbe che, per la dichiarata fase di emergenza sanitaria, le aziende produttrici di vaccini, o meglio, principalmente di acido ribonucleico messaggero mRna, non stiano ancora ricevendo soldi dai governi.

Questi accordi prevedrebbero che, FINENDO la pandemia, le aziende avrebbero i compensi spettanti, dai contratti firmati.

Vedete che per adesso, non arrivano le dosi, ci sono ritardi etc etc.

Come al solito, comanda il dio denaro.

La guerra tra i produttori di terapie ribonucleiche, impazza nel pianeta e la lotta si fa dura…chi offre di più?

Pare adesso, che anche l’Italia dovrebbe produrne, ed il nuovo Presidente Draghi, parrebbe essere anche interessato allo Sputnik russo…a San Marino lo usano già, ma loro sono una specie di “principato” indipendente…vedremo.

E come vorranno riaprire la vita normale?

Si potrà viaggiare ed andare al ristorante?

Faranno le casacche di vari colori per i ribonucleizzati e non?

Daranno il passaporto vaccinale come ai cani, per viaggiare?

In effetti, le elite di potere pensano ai sottoposti umani, come a degli animali da ammaestrare, per l’ubbidienza al loro potere.

E, visto il comportamento delle masse, hanno le loro ragioni:

  • – sistema mediatico ai loro servizi, con 99% di notizie tragiche e spesso alterate
  • – paura della morte
  • – ubbidienza ai governanti

Nel frattempo, pare che qualche castagna stia per scoppiare nelle loro mani:

  • – la truffa dei tamponi Pcr e delle positività asintomatiche, aumentando i Cicli di Amplificazione della reazione di Mullin
  • – l’uso delle mascherine nei bambini a scuola, senza alcuna base di riscontri scientifici super partes, sulla innocuità per la salute dei fanciulli
  • – molte pubblicazione internazionali, che mettono in guardia su vaccinazioni antiCovid a largo spettro, e le conseguenti autorizzazioni al commercio, che continuano ad arrivare all’EMA.

https://it.wikipedia.org/wiki/Agenzia_europea_per_i_medicinali

Infatti pare che ci siano decine e decine di richieste di varie aziende produttrici di terapie geniche.

Si dirà … tanto comandano i soldi e le agenzie europee, sono finanziate dai governi collusi con le multinazionali; verità assoluta, ma … alcune volte, quando qualche coperchio si apre ed esce acqua putrefatta, spesso bisogna fare un passo indietro e nei prossimi mesi verificheremo quanta acqua putrefatta sarà uscita, e quanti animali addomesticati, avranno mangiato la pillola rossa, per uscire dalla Matrix addomesticante.

Non penseranno mica, che 8 miliardi di individui si bevano le loro storie di cataclismi pandemici e i loro farneticanti progetti di transumanizzazione della società!

Si fanno comandare dagli algoritmi, per le chiusure delle regioni ed usano le probabilità matematiche, come per gli exit poll ed i sondaggi per le elezioni politiche: la maggior parte, falsi e manipolati.

POTENZIATE LE STRUTTURE OSPEDALIERE ED ASSUMETE PERSONALE QUALIFICATO … AZZO!

Comunque le mie linee guida per le malattie infettive, sono molto semplici:

  • – prevenzione vitaminica ed attivazione immunitaria, per lo più, attraverso l’utilizzo di prodotti ed estratti naturali
  • – utilizzo di prodotti a base di Tripsina e di Idrossipropilmetilcellulosa in spray, in grado di abbassare nel naso e bocca le cariche virali e batteriche
  • – intervento farmacologico rapido, per la cura delle complicazioni

Da sempre, anche i classici vaccini, non hanno dato coperture immunitarie ad alta %.

E per sapere se le terapie geniche messe in atto in questa fase, potranno produrre alte % di immunità antivirale, direi aspecifica, causa le continue mutazioni dei virus, senza produrre molti effetti collaterali, ci vorranno anni ed anni di sperimentazione.

Ed è per tale motivo, che la popolazione dovrebbe venire onestamente informata sulle terapie geniche, per poi poter decidere, se partecipare o meno, alla sperimentazione su larga scala.

La libertà di cura è sancita dalla Costituzione ed è inutile che minaccino obblighi.

Se molti vorranno crearsi una profilassi specifica, attraverso la terapia genica, siano liberi di farlo, come liberi siano, quelli che decideranno di usare altre vie.

La dittatura imposta, funziona all’inizio per la paura, ma volete mettere, diciamo, il 50% della popolazione contro l’altro 50%? Una follia distruttiva.

Ma forse, è quello che vogliono molti dei partecipanti a questa guerra, da loro dichiarata a gran parte dell’umanità…

Cercheremo di rendergli la vita difficile, scoperchiando i coperchi e denunciando le loro falsità e malefatte, in nome della giustizia morale e scientifica, quella vera, quella che ha come principio assoluto ed imprescindibile;

LIBERTA’ ASSOLUTA DI PENSIERO PRIMA DI TUTTO  E RISPETTO PER LO SPIRITO IMMORTALE, CHE LORO VORREBBERO INVECE INTRAPPOLARE E REPRIMERE!

Dopo il pesce d’Aprile…

p.s

per dire la verità sui “vaccini“ è facile venir bollati come Novax  dai media di regime…i tribunali comunque, esistono anche per loro   

Salutoni

Dal sito web: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Il lockdown uccide: ce ne accorgeremo nei prossimi anni

“Il lockdown uccide: avremo 1,3 milioni di morti in più”

“Il lockdown uccide: avremo 1,3 milioni di morti in più”

Il lockdown uccide: ce ne accorgeremo nei prossimi anni. Lo dicono studiosi di tutto il mondo, a cominciare da quelli della Duke, di Harvard e della Johns Hopkins. Potrebbero esserci circa un milione di morti in più, nei prossimi due decenni, a causa dei lockdown. Lo scrive Steve Watson su “Summit News”, in un reportage panoramico (ripreso da “Come Don Chisciotte“) che monitora i tanti segnali di allarme lanciati da scienziati: si calcola che il crollo economico devasti l’aspettativa di vita, facendo schizzare in alto i tassi di mortalità. Si parla di 1,37 milioni di morti in più, nei prossimi 15-20 anni, secondo Francesco Bianchi, economista della Duke University, autore di uno studio realizzato insieme a Giada Bianchi, medico della Harvard Medical School, e Dongho Song, economista della Johns Hopkins University. Lo studio su come la disoccupazione influenzi la mortalità e l’aspettativa di vita è stato incentrato su 67 anni di dati statistici ufficiali su disoccupazione, aspettativa di vita e tassi di mortalità. I decessi causati dal declino economico e sociale come risultato dei lockdown possono «superare di gran lunga» quelli direttamente legati alla malattia critica acuta Covid-19.

«La recessione causata dalla pandemia può mettere in pericolo la salute della popolazione per i prossimi due decenni», aggiungono gli studiosi, analizzando le componenti della società statunitense. «Sulla base dei dati emergenti – affermano i ricercatori – è probabile che lockdownl’accesso limitato all’assistenza sanitaria durante il lockdown, la sospensione temporanea degli interventi di assistenza preventiva, la perdita massiccia della copertura assicurativa sanitaria fornita dai datori di lavoro nonché la costante preoccupazione della popolazione nel cercare cure mediche per non contrarre il Covid-19 avranno un impatto ancora più grave sul tasso di mortalità e sull’aspettativa di vita». E avvertono: «Noi interpretiamo questi risultati come una chiara indicazione per i responsabili politici a considerare le gravi implicazioni a lungo termine di tale recessione economica sulla vita delle persone quando deliberano sulle misure di ripresa e di contenimento del Covid». I risultati si aggiungono alle numerose ricerche già esistenti, che suggeriscono che “la cura è peggiore del male”.

In ottobre, il direttore regionale per l’Europa dell’Oms, Hans Kluge, ha detto che i governi dovrebbero smettere di imporre chiusure, se non come «ultima risorsa», perché l’impatto su altre aree della salute e del benessere mentale è più dannoso. Il monito di Kluge corrisponde a quello dell’inviato speciale dell’Oms per il Covid, il dottor David Nabarro, che in un’intervista di “The Spectator” ha detto che i leader mondiali dovrebbero smettere di imporre lockdown come reazione di risposta, perché «stanno rendendo i poveri sempre più poveri». Insomma, il lockdown uccide più del virus: «Avvertimento finora ignorato dai governi», sintetizza Steve Watson nella sua ricognizione giornalistica. Eppure, le voci fuori dal coro non mancano: per l’ex ministro tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo, Gerd Gerd MüllerMüller, i lockdown anti-Covid provocheranno «una delle più grandi crisi di fame e povertà della storia». Dati espliciti: «Ci aspettiamo 400.000 morti in più per malaria e Hiv, quest’anno, nel solo continente africano, e mezzo milione in più morirà di tubercolosi».

I commenti di Müller – ricorda Watson – sono arrivati mesi dopo che uno studio trapelato dal ministero dell’interno tedesco ha rivelato che «l’impatto del lockdown nel paese potrebbe finire per uccidere più persone del coronavirus, a causa della mancata cura di altre gravi malattie». Un altro studio ha rilevato che i lockdown «distruggeranno almeno sette volte più anni di vite umane» (stima conservativa) di quante ne potranno salvare. Per il professor Richard Sullivan, nel Regno Unito ci saranno più morti per cancro che morti totali per coronavirus, proprio a causa dell’accesso limitato agli screening e alle cure per via del lockdown. I suoi commenti sono stati ripresi da Peter Nilsson, un professore svedese di medicina interna ed epidemiologia dell’Università di Lund: «È importante capire che le morti dovute al Covid-19 saranno molto inferiori a quelle causate dall’isolamento della società quando l’economia sarà rovinata», ha sottolineato Nilsson.

Secondo il professor Karol Sikora, consulente oncologo del servizio sanitario inglese, in Gran Bretagna ci potrebbero essere 50.000 morti in più per il cancro, come conseguenza della sospensione degli screening di routine durante il lockdown. Un’analisi del “Guardian” ha rilevato che ci sono stati migliaia di morti in casa in più, sempre nel Regno Unito, proprio a causa del lockdown. Non solo: il professor Mark Woolhouse dell’Università di Edimburgo, esperto in malattie infettive, ha ammesso che la decisione di bloccare il Regno Unito lo scorso marzo è stata «una misura rozza», attuata perché «non siamo riusciti a pensare a niente di meglio». Woolhouse ha detto che l’isolamento è stata «una misura dettata dal panico», rivelatasi «un errore monumentale su scala globale».

Conseguenze: «Il danno che il lockdown sta David Nabarro, Omsfacendo alla nostra istruzione, all’accesso all’assistenza sanitaria e agli aspetti più ampi della nostra economia e società si rivelerà almeno altrettanto grande quanto quello causato dal Covid-19».

Bilancio analogo dal Sudafrica, dove un consorzio di analisti ha scoperto che le conseguenze economiche dell’isolamento del paese porteranno a 29 volte più morti del coronavirus stesso. Gli esperti – aggiunge sempre Watson, su “Summit News” – hanno anche avvertito che ci saranno 1,4 milioni di morti a livello globale per infezioni da Tbc non curate a causa del lockdown. La stessa rivista medica “The Lancet” sottolinea, in un recente studio, che «il distanziamento fisico, la chiusura delle scuole, le limitazioni commerciali e l’isolamento dei paesi stanno peggiorando la malnutrizione infantile a livello mondiale». Insomma, migliaia di medici e scienziati si oppongono alle misure di lockdown, e avvertono: causeranno più morti del coronavirus stesso. Ne sanno qualcosa gli svizzeri, che – attivando la loro democrazia diretta – a giugno sfideranno il governo di Berna con un referendum: la Svizzera sarà il primo paese al mondo a chiamare gli elettori a pronunciarsi sull’opportunità di ricorrere ai lockdown.


Fonte articolo ☛ libreidee.org

Pubblicato da: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

C’è una buona ragione per cui la Bibbia avverte: “Dove non c’è visione, il popolo perisce” (Prov. 29:18). Nel caso del colpo di stato della Tecnocrazia, chi non vedrà, non potrà vedere. La loro schiavitù tecnocratica sarà sulle loro stesse teste. Abbiamo avvertito dall’inizio del panico pandemico che l’intero schema era una frode intenzionale.

Ci sono proteste giganti in tutto il mondo che chiedono la cessazione dei blocchi e la restituzione della libertà. Quei manifestanti possono non avere alcuna comprensione del quadro generale, ma comprendono il dolore della disoccupazione, della privazione sociale, delle relazioni rovinate e della fame. ⁃ TN Editor

La “guerra nella nebbia” è un termine usato per descrivere l’incertezza, il caos e la confusione che possono verificarsi durante la battaglia. Ciò che pensavi fosse vero entrando in battaglia potrebbe essere capovolto, offuscando il tuo giudizio mentre cerchi di prendere decisioni in una sorta di realtà sospesa.

In questo momento stai vivendo una guerra nel mezzo di una nebbia  – una nebbia di guerra COVID – secondo Jeffrey Tucker, direttore editoriale dell’American Institute for Economic Research (AIER): “Spesso non è chiaro chi sta prendendo decisioni e perché, e cosa le relazioni sono tra le strategie e gli obiettivi. Anche la logica può diventare sfuggente poiché la frustrazione e il disorientamento sostituiscono la chiarezza e la razionalità”. 1

Questa descrizione è tipicamente riservata al disorientamento della battaglia, ma ora si applica in modo inquietante bene alla nebbia che circonda la mitigazione della malattia COVID-19. Se desideri un esempio concreto, guarda la sequenza temporale del video sopra, che ti porta da gennaio 2020, quando l’uso delle maschere era sconsigliato, a dicembre 2020, quando le maschere sono diventate obbligatorie in molte aree. 2

Marzo: le maschere per il viso non possono proteggere dal nuovo coronavirus

Nel febbraio 2020, Christine Francis, consulente per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità, è stata descritta in un video, mostrando una maschera usa e getta. Ha detto: “Maschere mediche come questa non possono proteggere dal nuovo coronavirus se usate da sole … L’OMS raccomanda l’uso di maschere solo in casi specifici”. 3

Questi casi specifici includono se hai tosse, febbre o difficoltà a respirare. In altre parole, se sei attivamente malato e mostri sintomi. “Se non hai questi sintomi, non devi indossare maschere perché non ci sono prove che proteggano le persone che non sono malate”, ha continuato.

Nel marzo 2020, il Surgeon General degli Stati Uniti ha accettato pubblicamente, twittando un messaggio in cui si afferma: “Sul serio, gente, smettetela di comprare maschere!” e proseguendo dicendo che non sono efficaci nell’impedire al grande pubblico di contrarre il coronavirus. 4  Al 31 marzo 2020, l’OMS sconsigliava ancora l’uso di maschere per il viso per le persone senza sintomi, affermando che “non esiste alcuna prova” che tale utilizzo della maschera prevenga la trasmissione di COVID-19. 5

Giugno: il pubblico dovrebbe indossare una maschera per il viso

Entro il 6 giugno 2020, la retorica era cambiata. Citando “l’evidenza in evoluzione”, l’OMS ha invertito la sua raccomandazione, con Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, che consiglia ai governi di incoraggiare il pubblico in generale a indossare maschere dove c’è una trasmissione diffusa e l’allontanamento fisico è difficile. 6

Questo incoraggiamento si è trasformato in mandati in molte aree, con  minacce di multe  per coloro che non si sono conformati. Nella contea di Humboldt, in California, ad esempio, chiunque abbia violato l’ordine di indossare coperture per il viso in pubblico potrebbe essere multato da $ 50 a $ 1.000 e / o affrontare 90 giorni di carcere per ogni giorno in cui si è verificato il reato. 7

A Salem, nel Massachusetts, potresti anche essere multato per non aver indossato una maschera in pubblico, comprese le aree comuni all’interno di un condominio. 8  Qual è l’evidenza in evoluzione a cui si riferiva l’OMS che li ha indotti a invertire la loro posizione sulle maschere per il pubblico in buona salute in un periodo di soli due mesi? Ciò non è chiaro, ma si è verificato uno sviluppo interessante.

CHI: trasmissione asintomatica “molto rara”

Durante un briefing con la stampa dell’8 giugno 2020 – appena due giorni dopo che Ghebreyesus aveva consigliato alle persone sane di iniziare a indossare maschere – Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per la pandemia COVID-19, ha chiarito che le persone che hanno COVID-19 senza alcun i sintomi  trasmettono “raramente” la malattia  ad altri. 9

Le linee guida provvisorie dell’OMS del 5 giugno 2020 supportano la dichiarazione di Kerkhove, osservando: “Gli studi completi sulla trasmissione da individui asintomatici sono difficili da condurre, ma le prove disponibili dal tracciamento dei contatti riportate dagli Stati membri suggeriscono che le persone con infezione asintomatica hanno molte meno probabilità di trasmettere il virus rispetto a coloro che sviluppano i sintomi. ” 10

Se questo è il caso, tuttavia, la raccomandazione che le persone sane e asintomatiche indossino maschere per il viso o siano rinchiuse nelle loro case non ha senso, evidenziando solo un caso della “nebbia COVID” in corso.

Per non essere richiamato sulle loro sfacciate contraddizioni, il 9 giugno 2020, il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’OMS, ha rapidamente fatto marcia indietro la dichiarazione di Van Kerkhove, dicendo che le osservazioni erano “male interpretate o forse non abbiamo usato le più elegante parole per spiegarlo. ” 11  Van Kerkhove ha anche affermato che i dati che ha menzionato provenivano solo da un “piccolo sottoinsieme di studi” e ha aggiunto: 12

“Non stavo affermando una politica dell’OMS o qualcosa del genere. Stavo solo cercando di articolare ciò che sappiamo. E in questo, ho usato la frase “molto raro” e penso che sia un malinteso affermare che la trasmissione asintomatica a livello globale è molto rara”.

10 milioni di persone, non un caso di trasmissione asintomatica

Dopo la debacle della diffusione asintomatica dell’OMS, il discorso su questo argomento si è notevolmente attenuato. 13  Ma, in silenzio, uno studio fondamentale che ha coinvolto 9.899.828 milioni di residenti di Wuhan, in Cina, è stato pubblicato su Nature Communications. 14  I partecipanti sono stati testati per COVID-19 tra il 14 maggio 2020 e il 1 giugno 2020.

Non sono stati identificati nuovi casi sintomatici e 300 casi asintomatici. Tra i 300 casi asintomatici, sono stati identificati 1.174 contatti stretti e nessuno di loro è risultato positivo per COVID-19.

Inoltre, dei 34.424 partecipanti con una storia di COVID-19, 107 individui (0,31%) sono risultati nuovamente positivi, ma, cosa importante, nessuno era sintomatico. Come notato dagli autori, “le colture di virus erano negative per tutti i casi asintomatici positivi e ripositivi, indicando l’assenza di “virus vitale” nei casi positivi rilevati in questo studio”. 15  Tucker ha spiegato: 16

“La conclusione non è che la diffusione asintomatica sia rara o che la scienza sia incerta. Lo studio ha rivelato qualcosa che non accade quasi mai in questo tipo di studi. Non c’era un caso documentato. Dimentica i rari. Dimentica anche il precedente suggerimento di Fauci secondo cui la trasmissione asintomatica esiste ma non guida la diffusione. Sostituisci tutto ciò con: mai. Almeno non in questo studio per 10.000.000″.

Una meta-analisi di 21.708 persone a rischio, di cui 663 positive per COVID-19 e 111 asintomatiche, ha anche scoperto che i tassi di trasmissione asintomatica possono effettivamente essere “inferiori a quelli di molti studi altamente pubblicizzati”. 17  Hanno suggerito che la prevalenza di casi di COVID-19 asintomatico è di 1 su 6 e hanno scoperto che il rischio relativo di trasmissione asintomatica era del 42% inferiore al rischio di trasmissione sintomatica.

In una versione prestampata del loro studio, i ricercatori hanno osservato: “Le nostre stime della proporzione di casi asintomatici e della loro velocità di trasmissione suggeriscono che è improbabile che la diffusione asintomatica sia un fattore determinante per i cluster o la trasmissione comunitaria dell’infezione …” 18  Come ha osservato Tucker: 19

“Continuiamo a sentire come dovremmo seguire la scienza. Il reclamo è ormai stanco. Sappiamo cosa sta realmente accadendo.

La lobby del lockdown ignora tutto ciò che contraddice la loro narrativa, preferendo aneddoti non verificati a un vero studio scientifico di 10 milioni di residenti in quello che è stato il primo grande hotspot al mondo per la malattia che stiamo cercando di gestire. Ti aspetteresti che questo studio sia un’enorme notizia internazionale. Per quanto ne so, viene ignorato.”

Se la diffusione asintomatica è rara, perché maschere e blocchi?

La diffusione asintomatica diffusa è l’unica ragione per cui i blocchi e l’uso di maschere tra i sani hanno senso. Per mesi, i funzionari sanitari hanno perpetuato il mito della diffusione asintomatica per aumentare la paura.

Ora, poiché le persone sono sempre più desiderose di tornare a un certo senso di normalità,  si dice che un ceppo di SARS-CoV-2 mutato , che è presumibilmente più virulento, sia emerso e abbia portato a nuove e più severe restrizioni di blocco nel Regno Unito 20

Questa perpetuazione della paura si è estesa ben oltre lo scopo iniziale dei blocchi, che era quello di appiattire la curva ed evitare di sovraccaricare gli ospedali. Come ha sottolineato Tucker, tuttavia, questo è gradualmente cambiato in modo tale che ora dobbiamo affrontare blocchi a tempo indeterminato: 21

“Il primo round di blocchi non riguardava la soppressione del virus, ma il rallentamento per un motivo: preservare la capacità dell’ospedale. Se e in che misura la “curva” sia stata effettivamente appiattita sarà probabilmente discusso per anni, ma a quel tempo non si trattava di estinguere il virus. Il volume delle curve, alte e veloci o corte e lunghe, era lo stesso in entrambi i casi. Le persone avrebbero preso il bug fino a quando non si fosse esaurito (immunità di gregge).

Gradualmente, e talvolta quasi impercettibilmente, la logica dei blocchi è cambiata. L’appiattimento delle curve è diventato un fine in sé, a parte la capacità ospedaliera. Forse questo era perché il problema dell’affollamento degli ospedali era estremamente localizzato in due distretti di New York mentre gli ospedali di tutto il paese venivano svuotati per i pazienti che non si presentavano: 350 ospedali licenziati i lavoratori”.

La scienza è ciò che dovrebbe essere usato per dettare la politica, ma non è questo che sta accadendo. I test in corso su persone asintomatiche si stanno aggiungendo al problema, poiché i test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) vengono utilizzati anche come giustificazione per tenere bloccate ampie porzioni del mondo.

Il problema è che un test PCR positivo   non significa che sia presente un’infezione attiva. Il tampone PCR raccoglie l’RNA dalla cavità nasale. Questo RNA viene quindi trascritto al contrario nel DNA. Tuttavia, gli snippet genetici sono così piccoli che devono essere amplificati per diventare distinguibili.

Ciò che fa è amplificare qualsiasi sequenza, anche insignificante, di DNA virale che potrebbe essere presente al punto che il test risulta “positivo”, anche se la carica virale è estremamente bassa o il virus è inattivo. Questi casi “positivi” stanno mantenendo viva la narrativa sulla pandemia.

Caso in questione, tra il 22 marzo e il 4 aprile 2020, 215 donne incinte ricoverate in un ospedale di New York City sono state sottoposte a screening al momento del ricovero per i sintomi di COVID-19 e testate per il virus. Solo l’1,9% delle donne presentava febbre o altri sintomi di COVID-19 e tutte quelle donne sono risultate positive.

Delle restanti donne che sono state testate anche se non avevano sintomi, il 13,7% era positivo. Ciò significa che, nel complesso, l’87,9% delle donne risultate positive al test per SARS-CoV-2 non presentava sintomi, 22  e la ricerca travolgente suggerisce che probabilmente non avrebbero trasmesso il virus nemmeno ad altri.

Le maschere sono inefficaci

Cosa dice la scienza sulle maschere per prevenire l’infezione da COVID-19? Il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 persone per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione.

Il “Danmask-19 Trial“, pubblicato il 18 novembre 2020 negli Annals of Internal Medicine, 23 ha  rilevato che tra i portatori di maschere l’1,8% (42 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2, rispetto al 2,1% (53 ) tra i controlli. Quando hanno rimosso le persone che hanno riferito di non aderire alle raccomandazioni per l’uso, i risultati sono rimasti gli stessi – 1,8% (40 persone), il che suggerisce che l’adesione non fa alcuna differenza significativa.

Rational Ground ha anche esaminato i casi COVID-19 dal 1 maggio 2020 al 15 dicembre 2020, in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, con e senza  mandato di maschera . Tra gli stati senza mandato di maschera, sono stati contati 17 casi ogni 100.000 persone al giorno, rispetto ai 27 casi ogni 100.000 persone al giorno negli stati con mandato di maschera 24  – I casi COVID-19 erano più alti nelle aree con mandati di maschera che senza.

I risultati mettono ulteriormente in dubbio l’efficacia delle maschere obbligatorie per prevenire il COVID-19, così come un’indagine caso-controllo su persone con COVID-19 che hanno visitato 11 strutture sanitarie statunitensi. Il rapporto dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha rivelato i fattori associati alla contrazione della malattia, 25  compreso l’uso di coperture facciali in tessuto o maschere nei 14 giorni prima di ammalarsi.

La maggioranza di loro – il  70,6% – ha riferito di aver indossato “sempre” una maschera , ma si è comunque ammalata. Tra gli intervistati che si sono ammalati, 108, ovvero il 70,6%, hanno affermato di indossare sempre una maschera, rispetto a sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “non farlo mai”, e altri sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “raramente “Ha fatto.

Nel complesso, ciò mostra che, degli adulti sintomatici con COVID-19, il 70,6% indossava sempre una maschera e si ammalava ancora, rispetto al 7,8% di quelli che lo facevano raramente o mai. 26

Vedere attraverso la nebbia

Un’abbondanza di prove suggerisce che bloccare l’uso di maschere salutari e obbligatorie per coloro che non hanno sintomi è irrazionale, nella migliore delle ipotesi, e pericoloso, nel peggiore dei casi, considerando che sia le maschere che i blocchi sono associati a  effetti negativi  propri. 27  Secondo Tucker: 28

“Con una solida evidenza che la diffusione asintomatica non ha senso, dobbiamo chiederci: chi prende le decisioni e perché? Di nuovo, questo mi riporta alla metafora della nebbia. Stiamo tutti sperimentando confusione e incertezza sulla precisa relazione tra le strategie e gli obiettivi di una panoplia di regolamenti e stringenze che ci circondano.

Anche la logica è diventata elusiva – persino confutata – poiché la frustrazione e il disorientamento hanno sostituito ciò che ricordiamo vagamente come chiarezza e razionalità della vita quotidiana”.

Vivere in una tale nebbia può intimidire, ma lo scopo di questo articolo non è quello di diffondere più paura ma, piuttosto, di potenziarti con le informazioni. La guerra nella nebbia, dopotutto, non è sempre un impedimento. Può anche essere usato per ottenere un vantaggio, 29  e  vedere attraverso la nebbia  è il primo passo per vincere la guerra.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld

Il vaccino COVID aprirà la porta a un incubo di sorveglianza degno di Nineteen Eighty-Four.

occhio di sauron

Operazione Warp Speed: il tuo biglietto di sola andata per la sorveglianza totale

“Incredibilmente preciso … sistemi di monitoraggio … sistema di sorveglianza farmacovigilanza molto attivo.” Queste non sono parole inutili, ma esprimono un piano vecchio di decenni per tracciare e monitorare ogni persona sulla terra. Il vaccino COVID aprirà la porta a un incubo di sorveglianza degno di Nineteen Eighty-Four. ⁃ TN Editor

‘Operazione Warp Speed ​​(OWS), un’operazione congiunta tra US Health and Human Services (HHS) e il Dipartimento della Difesa, continua ad essere avvolta nel segreto, ma a poco a poco stanno emergendo informazioni che il monitoraggio a lungo termine del pubblico statunitense fa parte del piano.

A prima vista, OWS è una partnership pubblico-privata incaricata di produrre terapie e un vaccino COVID-19 accelerato da 1 a  300 milioni di dosi che dovrebbero essere rese disponibili a partire da gennaio 2021. 2

Ma sembra che il coinvolgimento non finisca qui. Piuttosto che garantire che un vaccino venga prodotto e reso disponibile per coloro che lo desiderano, Moncef Slaoui, il principale consulente scientifico per l’operazione Warp Speed, ha soprannominato lo zar del vaccino contro il coronavirus, 3 ha  detto in un’intervista al Wall Street Journal che il lancio includerà “Sistemi di monitoraggio … incredibilmente precisi.” 4 , 5

Il loro scopo? “Per garantire che i pazienti ricevano due dosi ciascuno dello stesso vaccino e per monitorarli per effetti negativi sulla salute”. 6  In un’intervista al New York Times, Slaoui lo ha descritto come un “sistema di sorveglianza farmacovigilanza molto attivo”. 7

Cosa comporterà il sistema di monitoraggio dei vaccini?

Questa è la domanda n. 1, e quella a cui non è stata data risposta, almeno non ufficialmente. “Anche se lo stesso Slaoui era a corto di dettagli su questo ‘sistema di sorveglianza della farmacovigilanza’”, riporta il notiziario Humans Are Free, “i pochi documenti ufficiali di OWS che sono stati rilasciati pubblicamente offrono alcuni dettagli su come potrebbe essere questo sistema e per quanto tempo dovrebbe “monitorare” i segni vitali e il luogo in cui si trovano gli americani che ricevono un vaccino Warp Speed ​​”. 8

Uno dei documenti, intitolato “Dalla fabbrica al fronte: la strategia della velocità di curvatura dell’operazione per la distribuzione di un vaccino COVID-19”, è stato pubblicato da HHS. 9  Si menziona anche l’uso della sorveglianza di farmacovigilanza insieme agli studi clinici di fase 4 (post-autorizzazione) al fine di valutare la sicurezza a lungo termine dei vaccini, poiché “alcune tecnologie hanno dati precedenti limitati sulla sicurezza negli esseri umani”. 10

Il rapporto, che delinea una strategia per la distribuzione di un vaccino COVID-19, dall’assegnazione e distribuzione alla somministrazione e altro ancora, continua: 11

“L’obiettivo chiave della farmacovigilanza è determinare le prestazioni di ciascun vaccino in scenari di vita reale, studiarne l’efficacia e scoprire eventuali effetti collaterali rari e rari non identificati negli studi clinici. OWS utilizzerà anche l’analisi di farmacovigilanza, che funge da strumento per il monitoraggio continuo dei dati di farmacovigilanza.

Saranno utilizzati strumenti analitici solidi per sfruttare grandi quantità di dati e i vantaggi dell’utilizzo di tali dati lungo la catena del valore, compresi gli obblighi normativi. La farmacovigilanza fornisce informazioni tempestive sulla sicurezza di ciascun vaccino ai pazienti, agli operatori sanitari e al pubblico, contribuendo alla protezione dei pazienti e alla promozione della salute pubblica “.

Un linguaggio simile è stato ribadito in un articolo prospettico dell’ottobre 2020 pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM), scritto da Slaoui e dal dottor Matthew Hepburn. 12

Hepburn è un ex responsabile del programma per la DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) statunitense, dove ha supervisionato lo sviluppo di  ProfusA,  un biosensore impiantabile 13 che consente di esaminare a distanza la fisiologia di una persona tramite la connettività dello smartphone. ProfusA è anche supportato da  Google , la più grande società di data mining al mondo.

Scrivendo in NEJM, il duo scrive: “Poiché alcune tecnologie hanno dati precedenti limitati sulla sicurezza negli esseri umani, la sicurezza a lungo termine di questi vaccini sarà valutata attentamente utilizzando strategie di sorveglianza di farmacovigilanza”. 14

La “tracciabilità” è un principio fondamentale dell’operazione Warp Speed

Humans Are Free fa anche riferimento a  un’infografica OWS, 15 che descrive in dettaglio il processo di distribuzione e somministrazione del vaccino COVID-19. Uno dei quattro principi chiave è la “tracciabilità”, che include la conferma di quale dei vaccini approvati è stato somministrato indipendentemente dal luogo (pubblico o privato), ricordando ai destinatari di tornare per una seconda dose e assicurarsi che venga somministrata la seconda dose corretta.

Quella parola – farmacovigilanza – è usata di nuovo, questa volta come intestazione che deduce che la Food and Drug Administration statunitense e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie saranno coinvolti nel “monitoraggio post-prova di 24 mesi per effetti avversi / funzionalità di sicurezza aggiuntiva. ” La farmacovigilanza, nota anche come sicurezza dei farmaci, si riferisce generalmente alla raccolta, analisi, monitoraggio e prevenzione degli effetti avversi da farmaci e altre terapie. 16

Sistemi di segnalazione passivi per eventi avversi, come il sistema di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini, esistono già e sono gestiti da FDA e CDC.

Tuttavia, un rapporto pubblicato dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, Center for Health Security suggerisce che i sistemi passivi che si affidano alle persone per inviare le loro esperienze dovrebbero essere trasformati in un “sistema di sorveglianza di sicurezza attivo diretto dal CDC che monitora tutti i destinatari del vaccino – forse tramite un servizio di messaggi brevi o altri meccanismi elettronici – con criteri basati sull’iniziativa globale per la sicurezza dei vaccini dell’Organizzazione mondiale della sanità “. 17 , 18

Inoltre, secondo Humans Are Free, “Nonostante le affermazioni contenute in questi documenti secondo cui il ‘sistema di sorveglianza della farmacovigilanza’ avrebbe coinvolto intimamente la FDA, i massimi funzionari della FDA hanno dichiarato a settembre che era stato loro impedito di partecipare alle riunioni OWS e hanno detto ai giornalisti che non potevano spiegare l’organizzazione dell’operazione o quando o con quale frequenza si riunisce la sua leadership. ” 19  STAT News ulteriormente riportate: 20

“La Food and Drug Administration, che sta svolgendo un ruolo fondamentale nella risposta alla pandemia, non ha virtualmente alcuna visibilità su OWS, ma questo è previsto … La FDA ha istituito un firewall tra la stragrande maggioranza del personale e l’iniziativa di separare qualsiasi decisione normativa derivante da decisioni politiche o di bilancio.

I funzionari della FDA sono ancora autorizzati a interagire con le aziende che sviluppano prodotti per OWS, ma è loro vietato partecipare a discussioni riguardanti altri obiettivi di OWS, come l’approvvigionamento, gli investimenti o la distribuzione”.

La Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, Center for Health Security, a proposito, ha legami con l’  Evento 201, una simulazione di preparazione alla pandemia per un “nuovo coronavirus” che ha avuto luogo nell’ottobre 2019, insieme a  Dark Winter , un’altra simulazione che ha avuto luogo nel giugno 2001, che prediceva gli aspetti principali dei successivi attacchi di antrace del 2001.

Secondo quanto riferito, Hepburn ha anche “piume arruffate” durante una presentazione del giugno 2020 al Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione del CDC perché non ha offerto diapositive ricche di dati, che sono tipicamente parte di tali presentazioni, e, STAT News ha riferito, “Diversi membri hanno posto domande puntate a Hepburn lui chiaramente non ha risposto. ” 21

Google e Oracle hanno contratto la raccolta dei dati sui vaccini

Google e Oracle, una multinazionale di tecnologia informatica con sede in California, nel cuore della Silicon Valley, sono stati incaricati di “raccogliere e monitorare i dati sui vaccini” come parte dei sistemi di sorveglianza di OWS 22 ,  una partnership che Slaoui avrebbe rivelato nel suo Wall Street Journal colloquio. 23  Secondo gli esseri umani sono liberi: 24

Se i contratti Warp Speed ​​che sono stati assegnati a Google e Oracle sono qualcosa di simile ai contratti Warp Speed ​​assegnati alla maggior parte delle aziende di vaccini partecipanti, allora quei contratti concedono a tali società una minore supervisione federale ed esenzioni dalle leggi e dai regolamenti federali progettati per proteggere i contribuenti interessi nell’esecuzione del lavoro stipulato nel contratto.

Inoltre, li rende essenzialmente immuni alle richieste del Freedom of Information Act. Tuttavia, in contrasto con i contratti Google e Oracle non riconosciuti, le società di vaccini hanno reso noto pubblicamente di aver ricevuto contratti OWS, ma non i termini oi dettagli di tali contratti. Ciò suggerisce che i contratti Google e Oracle sono ancora più segreti”.

In un’intervista con la giornalista investigativa Whitney Webb (vedere il collegamento ipertestuale Mercola sopra sotto “Dark Winter”), è stato anche rivelato che Slaoui, a lungo capo della divisione vaccini di GlaxoSmithKline, è uno dei principali fautori della medicina bioelettronica, che è l’uso di iniettabili o tecnologia impiantabile allo scopo di trattare le condizioni nervose.

La revisione del MIT Technology l’ha definita come un attacco al sistema nervoso. Ma consente anche di monitorare la fisiologia del corpo umano dall’interno.

Slaoui è anche investito in una società chiamata Galvani Bioelectronics, cofondata da una sussidiaria di Google. “Quindi, Google è stato incaricato di monitorare questo sistema di sorveglianza di farmacovigilanza che mira a monitorare la fisiologia e il corpo umano per due anni”, dice Webb.

“E poi hai i legami con il progetto ProfusA”, aggiunge, “che stranamente dovrebbe funzionare all’interno del corpo umano per 24 mesi – la finestra esatta che hanno detto sarà utilizzata per monitorare le persone dopo il primo [vaccino ] dose. “

Il conflitto di interessi è enorme, in parte perché  Google possiede YouTube , che ha vietato i nostri video, la maggior parte dei quali sono interviste con esperti sanitari che condividono le loro competenze mediche o scientifiche e punti di vista su COVID-19, da giugno 2020. Come notato da Gli esseri umani sono liberi: 25

Con Google ora formalmente parte di OWS, sembra probabile che qualsiasi preoccupazione circa l’estrema segretezza di OWS e i conflitti di interesse di molti dei suoi membri (in particolare Moncef Slaoui e Matt Hepburn), nonché qualsiasi preoccupazione sulla sicurezza del vaccino Warp Speed, l’assegnazione e / o la distribuzione potrebbe essere etichettata come “disinformazione del vaccino COVID-19″ e rimossa da YouTube”.

La sorveglianza totale è destinata a diventare la nuova normalità?

OWS, piuttosto che essere diretto da funzionari della sanità pubblica, è fortemente dominato da militari, società tecnologiche e agenzie di intelligence statunitensi, paragonandolo a un successore di Total Information Awareness (TIA), un programma gestito dalla DARPA nato dopo l’11 settembre. attacchi.

A quel tempo, TIA stava cercando di raccogliere cartelle cliniche, impronte digitali e altri dati biometrici degli americani, insieme al DNA e alle registrazioni relative alle finanze personali, ai viaggi e al consumo dei media. 26  Secondo Webb (di nuovo, fare riferimento al collegamento ipertestuale Mercola in precedenza, “Dark Winter”):

Ora sappiamo, ad esempio, che la NSA e il Dipartimento per la sicurezza interna sono direttamente coinvolti nell’operazione Warp Speed, ma non diranno esattamente quali parti stanno facendo. Ma ci sono alcune indicazioni su cosa potrebbero essere coinvolti.

E il fatto che le società della Silicon Valley note per collaborare con [agenzie] di intelligence allo scopo di spiare americani innocenti – Google e Oracle, per esempio – saranno coinvolte in questo sistema di sorveglianza … per tutti coloro che ricevono il vaccino .

È certamente allarmante e sembra indicare la realizzazione di un programma che è stato tentato di essere diffuso o imposto al pubblico americano dopo l’11 settembre, chiamato Total Information Awareness, che era gestito, originariamente, dalla DARPA.

Si trattava di utilizzare dati medici e non medici – essenzialmente tutti i dati su di te – per prevenire attacchi terroristici prima che potessero accadere, e anche per prevenire attacchi bioterroristici e persino prevenire epidemie naturali.

Molte delle stesse iniziative proposte nell’ambito di quel programma originale dopo l’11 settembre sono state sostanzialmente resuscitate, con una tecnologia aggiornata, con il pretesto di combattere COVID-19″.

Una differenza fondamentale è che il TIA è stato rapidamente defunded dal Congresso dopo una significativa reazione pubblica, comprese le preoccupazioni che il TIA avrebbe minato la privacy personale. Nel caso di OWS, c’è poca stampa negativa e gli organi di stampa supportano in modo schiacciante l’operazione come un modo per risolvere la crisi COVID-19.

Ma cosa succederebbe se non si trattasse affatto di COVID-19, ma rappresentasse qualcosa di più grande, qualcosa che è stato in lavorazione per decenni? Come dice Humans Are Free: 27

“L’agenda di sorveglianza totale che è iniziata con TIA e che è stata resuscitata tramite Warp Speed ​​è antecedente a COVID-19 di decenni.

I suoi architetti e sostenitori hanno lavorato per giustificare questi programmi di sorveglianza estremi e invasivi commercializzando questo programma come la “soluzione” a qualunque cosa gli americani temano di più in un dato momento. Ha molto poco a che fare con la “salute pubblica” e tutto a che fare con il controllo totale”.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://www.technocracy.news/operation-warp-speed-your-one-way-ticket-to-total-surveillance/

*************************************

Articoli correlati

Vi stanno nascondendo la gravità della situazione! Guardate i dati: sarà un 2021 tragico

La porta USB del tuo corpo (Computer?)

®wld

LIBERA NOS A BIDEN!

Dedicato a tutti coloro che credono che Biden rappresenti il rispetto dell’uomo e della democrazia, e non l’esatto opposto – BIDEN FOR VIRUS!.

Alle belle anime socialiste e liberali che esultano all’apparente vittoria di Biden su Trump sfugge che Biden è il candidato della corporate society, della grande finanza, quella che col dem Clinton, nel 1995, di concerto coi dem europei, revocò il Glass Steagall Act che separava le banche di credito e risparmio da quelle speculative, cioè che impediva alle banche di scommettere coi soldi dei risparmiatori, e così permise la marea di frodi bancarie che ha devastato le economie e le società dell’Occidente da allora ad oggi, causando anche le grandi crisi del 2008 e del 2011.

E’ quella che, con Obama, quando lo Stato, dopo il 2008, dovette mettere i soldi dei contribuenti per salvare le banche too big to fail, lo fece senza imporre, al contempo, regole per prevenire il ripetersi di bolle e abusi, e così si arrivò alla crisi del 2011.

E’ quella falsa sinistra liberal corporate che ha imposto i suoi uomini alla guida dei governi europei (Draghi, Monti, Papademos), prendendoli dalle banche artefici e beneficiarie dei disastri economici (Goldman Sachs in testa): le famose porte girevoli.

E’ quella falsa sinistra che ha prodotto la massima concentrazione di ricchezza e la massima diffusione di povertà di tutti i tempi.

E’ la sinistra buonista ma superfinanziaria della globalizzazione, del mercatismo, dello svuotamento dello Stato nazionale rappresentativo, della delocalizzazione delle produzioni verso la Cina e altri paesi semi-schiavistici.

E’ la sinistra sorosiana politically correct del pensiero unico, del gender, delle guerre per esportare la democrazia, che al contempo sospinge, col neocolonialismo predatorio (anche cinese) del land-grabbing, le migrazioni di massa dall’Africa in funzione sostitutiva delle stanche popolazioni della vecchia Europa.

E’ quella che oggi controlla a tal punto i mass media e i social media, da riuscire ad oscurare persino il Presidente in carica quando denuncia brogli elettorali, impedendogli di parlare alla nazione attraverso di essi.

Ed è quella sinistra filantropica che, guarda caso, con Bill e Melinda Gates, con lo US-AID, l’OMS, la Glaxo-Pfizer e altri (vedi il nostro Operazione Corona), troviamo ad allestire, finanziare e a guidare, in società con militari cinesi, il laboratorio militare di Wuhan dove è stato teorizzato, concepito e realizzato, come arma a bassa letalità ma grande impatto strategico, il Covid 19.

Sono i liberal orwelliani che, per bocca di Bill Gates, già adesso parlano di Pandemia 1, Pandemia 2 etc., e dei necessari cambiamenti sociali; e che ora stanno cavalcando, amplificando e strumentalizzando la pandemia, in tutto l’Occidente, per realizzare un piano di ingegneria sociale oramai chiarissimo, oggi detto Global Reset, che preconizzavo in Oligarchia per popoli superflui e in Tecnoschiavi, e che si articola nelle seguenti direttive, implementate dai vari governi-fantoccio su scala globale:

1-Terrorismo sanitario: Col pieno appoggio dei mass media, aggravare la pandemia (reale e percepita) come segue: produrre e -forse- diffondere il virus, omettere o ritardare le misure per prevenirne l’arrivo nei vari paesi; omettere i trattamenti vitaminici protettivi, ostacolare le cure efficaci, prescrivere cure sbagliate e prescrivere cremazioni impedendo le autopsie affinché non si scopra che sono sbagliate; prescrivere tamponi che danno fino al 90% di falsi positivi;

angosciare l’opinione pubblica confondendo le statistiche e i concetti di ‘positivo’, ‘contagiato’, ‘contagioso’, ‘malato’; spacciare per morti di Covid tutti i morti che risultino positivo al tampone che dà falsi positivi, anche i morti di cancro o infarto o diabete, moltiplicando enormemente le vittime apparenti del Covid; lasciare vuota parte dei reparti di terapia intensiva e concentrare negli altri tutti i ricoverati, aggiungendo pazienti di altri reparti, per far credere che vi sia il rischio del collasso nazionale della terapia intensiva; far circolare autoambulanze a vuoto con le sirene spiegate; spaventare con tutti questi mezzi la gente per indurla ad affollare i pronti soccorsi onde metterli in crisi; annunciare seconde e terze ondate peggiori della prima. Tutto ciò  per giustificare e fare accettare al popolo bue spaventato quanto segue.

2-Bancarizzazione della società: Fermare l’economia e tagliare il gettito fiscale con inutili, ripetuti lockdowns, gonfiare il fabbisogno emergenziale di cassa per indebitare il settore pubblico e quello privato, far cessare molte attività autonome, eliminare la classe intermedia, lasciare solo i ricchissimi e i poveri, creare vasta disoccupazione, in modo che

a) la comunità bancaria, prestando i soldi necessari per tenere in vita le nazioni, in cambio possano acquisirne il controllo politico e la proprietà degli assets rilevanti, anche privati; e

b) al contempo, specialmente in Italia, gli spazi di mercato lasciati vuoti dalle piccole imprese defunte possano essere occupati dalle grandi catene e dall’e-commerce (Amazon), che interverranno con soldi prestati (magari dall’UE) e assumeranno gli ex-autonomi a 600 euro al mese, integrati con qualche sussidio o food card.

E’ previsto il ricorso a una tassazione patrimoniale espropriativa. La quasi totalità della popolazione sarà ridotta a vivere e lavorare per pagare gli interessi sui prestiti. Ricordo che le banche creano il denaro dal nulla e a costo zero, e che lo Stato farebbe altrettanto se non fosse in mano ai banchieri.

3-Decostituzionalizzazione dello Stato: Facendo leva sulla paura indotta col terrorismo sanitario e la disinformazione, si condiziona la popolazione ad accettare una ‘nuova legalità’, in cui il governo sospende o vanifica le norme costituzionali (diritti, libertà, garanzie, meccanismi parlamentari) mediante semplici provvedimenti amministrativi (in violazione della Costituzione) e impone lo stato di sorveglianza (tracciamento integrale della vita delle persone), a breve anche grazie all’internet delle cose (5G), impedendo l’attività aggregativa indispensabile per la vita politica di base e ordinando alle forze dell’ordine di compiere azioni intimidatorie e repressive illegali per inculcare paura e rassegnazione nella popolazione.

Le persone si lasciano monitorare, separare e rinchiudere in casa o in gabbie geografiche od orarie (coprifuoco) senza alcuna utilità profilattica. Viene così istituito e fatto interiorizzare un regime autocratico di polizia. Fine dello stato di diritto.

4-Regime zootecnico: Il regime impone a milioni e milioni di persone di tenere condotte autolesive, soprattutto per i bambini, quali il portare per ore le mascherine, danneggiando il cervello mediante la privazione di ossigeno e l’intossicazione da biossido di carbonio; inoltre si dota della potestà di manipolare biologicamente (anche geneticamente) le persone mediante somministrazione di prodotti industriali (vaccini e altri) obbligatori, o imponendo di accettarli come condizione per poter esercitare diritti fondamentali (circolazione, lavoro, socialità);

tali prodotti contengono sostanze non rivelate, non controllabili, ad azione sistemica e permanente, potenzialmente compromettente il sistema immunitario, il sistema nervoso, il sistema riproduttivo e altri. Va considerata una possibile interazione delle suddette sostanze con i campi elettromagnetici della rete 5G, così come un possibile uso del tutto, da parte dell’élite liberal-corporate, in funzione di soluzione del problema ecologico-demografico mediante imposizione della ‘decrescita infelice’ e della depopulation.

16.11.2020 Marco Della Luna


Fonte articolo ☛ marcodellaluna.info

____________________________________________________
Clicca sull’immagine per vedere il video sottotitolato in italiano
IL 14 DICEMBRE TRUMP VERRÀ PROCLAMATO PRESIDENTE!

Il Santo Gral: ti paghiamo e tu ci obbedisci

Frode elettorale, COVID, ripristino della valuta

di Jon Rappoport

4 novembre 2020

Finora, l’accusa più specifica e potenzialmente dannosa del team di Trump è: la notte delle elezioni, si sono presentati all’improvviso 138.000 voti per Biden nel Michigan e allo stesso tempo non sono stati registrati nuovi voti per Trump .

 

Il NY Times nega che ciò sia accaduto. Invece, afferma il Times, c’è stato un errore di battitura. Uno zero in più è stato aggiunto alla fine di quei voti Biden. In realtà, la nuova fetta di voti per Biden avrebbe dovuto essere 13.800.

 

C’è solo un problema con questa affermazione. Anche 13.800 voti di fila per Biden, senza alcuna variazione nel totale di Trump, sarebbero ridicoli.

 

Inoltre, il Times afferma che l’errore di battitura nel Michigan è stato corretto non appena è stato trovato. Stavo guardando la copertura della rete delle elezioni di tanto in tanto, durante la prima lunga notte delle elezioni, e non ho visto alcun annuncio dalle reti che era stato commesso un errore nel conteggio Biden nel Michigan.

 

Potrei essermi perso quell’annuncio, ma penso che sarebbe stata una grande storia e ripetuta spesso dalle reti.

 

In conclusione: molto strano. Non ha senso. Che si tratti di 138.000 o 13.800 voti di fila per Biden, questo è un problema che dovrebbe essere indagato fino in fondo.

 

La domanda è: Trump ha davvero il team legale organizzato per farlo? E quella squadra sta presentando mozioni convincenti in diversi stati per contestare il processo di conteggio dei voti? Queste mozioni conterranno prove sufficienti per arrivare alla Corte Suprema, se necessario?

 

Era chiaro, mesi fa, che, usando la scusa “casuale” del COVID e del virus, le schede elettorali per posta sarebbero state utilizzate, in numero impressionante, in tutto il paese. Immediatamente, il team legale di Trump ei capi del Partito Repubblicano avrebbero dovuto sviluppare un piano ermetico per sfidare un intero menu di potenziali vie di frode. Lo hanno fatto? Se è così, non ne ho ancora visto le prove.

 

Del resto, il team legale di Biden avrebbe dovuto sviluppare il proprio piano per affrontare potenziali sporchi trucchi repubblicani.

 

Ci sono molti livelli per un’operazione segreta davvero importante. Molti livelli di vantaggio per vari giocatori. Ho scritto oltre 200 articoli sull’operazione COVID, descrivendone i vantaggi. Su un solo livello, COVID aveva lo scopo di far oscillare le elezioni. È ovvio:

 

Abbattere l’economia degli Stati Uniti e sgonfiare un presidente, la cui missione annunciata di base era quella di creare un’economia ruggente. Convinci molti elettori che recarsi alle urne per votare di persona sarebbe pericoloso dal punto di vista medico. Pertanto, istituire un massiccio voto per corrispondenza, presentando così ogni sorta di opportunità per la manipolazione del conteggio dei voti.

 

Sì, la manipolazione potrebbe provenire da entrambi i partiti politici. Ma quei globalisti che hanno lanciato il COVID erano in una posizione più forte per influenzare le elezioni, perché erano meglio organizzati sin dall’inizio. Il loro intento era più concentrato.

 

Ecco uno sfondo sugli scopi più ampi del COVID op. L’illusione COVID e il ripristino della valuta:

 

Ci sono diversi modi in cui le cose potrebbero andare. In questo articolo descrivo un percorso.

 

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la Banca mondiale (WB) sono unite all’anca. Nel 2018, hanno raddoppiato i loro legami formando una partnership per monitorare focolai ed epidemie prima che si diffondessero.

 

Fondamentalmente, dietro le quinte, l’accordo si presenta così: L’OMS crea l’illusione di epidemie globali; WB interviene più tardi, per raccogliere i pezzi del risultato – economie nazionali danneggiate – sborsando prestiti ai governi.

 

Questi prestiti portano sempre condizioni. La condizione principale è: lasciare entrare investitori privati, in roaming, stranieri, predatori, privati ​​in modo che possano conquistare settori vitali di una nazione: energia, agricoltura, acqua, ecc.

 

Ma questa volta, con COVID: WHO, come previsto, è impazzito. I blocchi stanno distruggendo le economie. Non lo sarà “eccoti un prestito”.

 

È in più nell’ordine di: dobbiamo salvare tutti.

 

Come si fa?

 

Passo dopo passo, passando da un tipo di denaro illusorio a un altro tipo di denaro illusorio.

“Abbiamo inventato un tipo di denaro dal nulla, ed è arrivato alla fine della linea. Ora dobbiamo inventare dal nulla un altro tipo di denaro completamente nuovo”.

Reddito garantito universale (UGI). Alla fine, per tutti.

 

Viene fornito con condizioni, implementate gradualmente. Fondamentalmente, l’accordo è: “ti paghiamo e tu ci obbedisci”.

 

Il lato comportamentale del modello è il regime cinese, che controlla l’obbedienza attraverso un “punteggio di credito sociale”.

 

Le infrazioni abbassano il punteggio. In tal caso, il trasgressore non può viaggiare su un aereo o mandare i suoi figli in determinate scuole o soggiornare in determinati hotel o avviare un’attività. Ci sono livelli di punizione.

 

Le infrazioni includono portare a spasso un cane senza guinzaglio, diffondere notizie false, attraversare con il semaforo rosso, non separare adeguatamente i rifiuti, frodi aziendali, criticare il governo, “violare gli standard della comunità” …

 

Sotto un UGI globale, sarebbe:

“Ecco il tuo assegno digitale mensile, ora esegui gli ordini, o i tuoi soldi saranno ridotti. Sii un buon cittadino.”

Ovviamente, un sistema come questo richiede una sorveglianza completa e totale, pubblica e privata, in ogni modo, compresi i sensori interni del corpo che segnalano cambiamenti fisiologici in tempo reale, misurati rispetto ad algoritmi che prevedono un potenziale “comportamento scorretto”.

 

Il Santo Graal sono le quote di energia per ogni persona.

“Sig. Smith, questo è il tuo muro che parla attraverso il glorioso Internet of Things. La tua quota di energia per il mese sta raggiungendo il limite. Voglio aiutarti a evitare quel limite e le sanzioni sul punteggio di credito sociale che verrebbero applicate. Inizierò i brown-out e l’oscuramento a casa tua per le prossime due settimane. La tua connessione Internet verrà interrotta, tranne dalle ore 24:00 alle tre del mattino. Cucina tutti i pasti della giornata tra le quattro e le cinque del mattino …”

Controllo del comportamento. Quello che sta succedendo ora è una messa a punto per il futuro. Ora dicono: resta in casa, non lasciare entrare i visitatori. Stai in fila fuori dai negozi, mantenendo una distanza di un metro. Segnala le persone che sembrano malate. Fai il test. Lavati le mani una dozzina di volte al giorno. In futuro, l’elenco delle regole e dei registri si espanderà, ma il tema generale sarà lo stesso: essere un buon cittadino e contribuire a un mondo migliore. Sii sincero, serio e disponibile. Non ribellarti.

 

E proprio come adesso, molte, molte persone risponderanno:

“Sì, grazie. Mi piace il dritto e lo stretto. Mi piace la sensazione di contribuire a qualcosa di più grande di me. Mi piace il collettivo. Mi piace il fatto che siamo tutti insieme in questo”.

Una sottopopolazione di queste persone vorrà fare di più. Vorranno entrare a far parte del governo. Vorranno aiutare il governo a far rispettare le regole. Vorranno “esprimere la loro energia”. Se richiesto, marceranno volentieri in colonne per le strade, salutando, distribuivano convocazioni, eseguirano arresti e persino commetteranno atti violenti su ordine.

 

Indossavano uniformi fresche e prestando giuramento. Vorranno ranghi e sigilli. Vorranno essere chiamati ELITE.

 

Poiché la storia non significa nulla per queste persone, non conosceranno mai nomi come SS, Guardie Rosse o Stasi. Ma è quello che saranno.

 

A meno che l’intero piano per un Brave New World tecnocratico non venga smascherato e cada a pezzi, perché abbastanza persone ricordano un altro nome e sanno cosa significa: LA LIBERTÀ.

 

Diversi temi di propaganda stanno già emergendo. Continueranno ad essere promossi in vari modi, impiegando molti messaggi. Sto parlando del governo ufficiale e della propaganda dei media.

 

Il primo grande tema sarà: AIUTACI A COSTRUIRE UN MONDO MIGLIORE. Questo messaggio è per le persone sincere che vogliono partecipare e fare del bene, in senso collettivo. “Costruiamo un mondo migliore in cui possiamo evitare queste pandemie o vederle prima. Formiamo una civiltà in cui l’uguaglianza e la giustizia per tutti siano la massima priorità. Condividiamo e preoccupiamoci tutti… ”Se stai cercando la logica, dimenticala. In qualunque modo possano, i propagandisti implicheranno che in qualche modo la pandemia era un segnale che dobbiamo “fare meglio”. Dobbiamo “superarla insieme” come abbiamo fatto durante la crisi. L’amore che abbiamo mostrato allora deve essere l’amore che mostriamo ora. Un appello agli idealisti di tutto il mondo che si innamorano di vaghe generalità come i gatti si innamorano dell’erba gatta.

 

Il secondo grande tema, rivolto alla classe colta e ai tipi tecnici, agli scienziati e ai “pensatori”, sarà: l’ORGANIZZAZIONE.

“Dobbiamo organizzare la civiltà mondiale in modo più efficace”.

Perché in qualche modo, quello era il problema prima della pandemia. La mancanza di organizzazione ha permesso che le cose sfuggissero di mano. Non possiamo più essere gruppi separati e nazioni che seguono strade separate. Troppo disordine. Abbiamo bisogno di strutture migliori in ogni fase della vita. Abbiamo bisogno di più interconnessione e coordinamento. La classe istruita ama questa roba. Si adatta alla loro immagine di successo. Se la società funziona come una macchina, i problemi saranno risolti.

 

Il terzo grande tema della propaganda è rivolto a tutti i tipi di persone che sono emerse dal loro confinamento e isolamento, hanno fatto una passeggiata in un parco in un giorno di primavera e hanno improvvisamente ricordato cosa si erano perse. Il loro sollievo raggiunge quasi un punto di isteria, come alla fine di una guerra mondiale. Il tema è: MAI PIÙ.

“Non vogliamo tornare a quei giorni bui in nessuna circostanza, e qualunque cosa serva, siamo a bordo. Dicci cosa fare.”

Con questi temi in mano, la tecnocrazia può essere messa in atto.

  • 1) Siamo tutti per costruire un mondo migliore.
  • 2) Dobbiamo organizzarlo con le t incrociate e le i puntate.
  • 3) E non dobbiamo mai tornare al buio.

A meno che le persone non ricordino cosa viene tralasciato. L’INDIVIDUO. E LA LIBERTA’.

 

Gli operatori tecnocratici contano su di noi per dimenticare. Contano su molte persone che apprezzano la libertà per dire:

“Beh, è ​​tutto senza speranza. So cos’è la libertà, ma troppi altri no. Allora perché preoccuparsi. Mi arrenderò e galleggerò sulla marea.”

Galleggiare è un’illusione. La marea si muove nella direzione pianificata. Verso una spiaggia che non è bella.

 

Le cose sono belle adesso?

Si chiama indizio.

 

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld