Crea sito

Levitazione

L’inspiegabile Le antiche civiltà “levitano” i massi per costruire monumenti massicci?

È sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche? E se lo fossero, è possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

L’idea che antiche civiltà in tutto il mondo abbiano potuto trasportare blocchi supermassivi di pietre ha colto per anni gli interessi degli autori, dei ricercatori, degli ingegneri e del grande pubblico.

E’ possibile che antiche culture che hanno abitato la Terra migliaia di anni fa avessero la capacità di spostare blocchi di pietra che pesano 50, 70 o 100 tonnellate?

Inoltre, come sono stati in grado di posizionare queste enormi pietre con estrema precisione facendole aderire con massi più grandi?

Oggi, quando gli ingegneri vogliono trasportare blocchi supermassivi di pietra, hanno bisogno di super macchine. Per noi spostare un masso da 50 tonnellate utilizziamo una serie di strumenti diversi. Tra le altre cose, oggi vengono utilizzate delle gru, prese idrauliche, travi e travi in ​​acciaio quando i costruttori devono spostare i massi pesanti.

Così, la domanda è: come fecero gli antichi popoli presenti sulla Terra migliaia di anni fa a costruire siti come Puma Punku, Ollantaytambo, Baalbek, Teotihuacan e le Piramidi di Giza?

Se diamo un’occhiata a Baalbek in Libano, troveremo il tempio di Giove che contiene TRE delle pietre più alte del mondo. Uno solo di questi massi strepitosi pesa 1.000 tonnellate. Come gli hanno spostati?

Va bene, diciamo che in qualche modo sono riusciti a farlo, ma se andiamo in Bolivia troveremo la stessa cosa più e più volte. Puma Punku contiene alcuni dei blocchi più grandi mai tagliati pesanti 100 tonnellate che si crede siano stati realizzati oltre 2000 anni fa.

Ma Baalbek e Puma Punku non sono gli unici siti della Terra che hanno pietre massicce. Se andiamo in Africa, noteremo che l’altopiano di Giza è qualcosa da missione impossibile. La Grande Piramide di Giza è costituita da uno spettacolare 2,3milioni di blocchi. Quello che è ancora più sorprendente è che il peso della piramide è stimato a 5.955.000 tonnellate. Moltiplicato per 10 ^ 8 fornisce una stima ragionevole della massa terrestre. Alcune delle più grandi pietre di granito si trovano nella camera del Re e pesano tra 25 e 80 tonnellate ciascuna. Questi massicci blocchi di pietra sono stati trasportati da Aswan, a oltre 800 chilometri di distanza.

Questi blocchi di pietra hanno sconcertato esperti, autori e il pubblico per decenni. È possibile che i nostri antichi antenati conoscessero i segreti della levitazione? Una tecnologia che da allora è stata persa nel tempo e nello spazio?  O era tutto fatto con una gigantesca forza lavoro?

È forse sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche?

E se fosse vero? E’ possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

E se non fosse una tecnologia perduta o se NON trovarono i segreti della “levitazione” in che modo avrebbero potuto e creare sulla terra dei monumenti supermassivi?

Il segreto può risiedere nell’acustica

La domanda ovvia è … Come è possibile che una cultura vecchia di 10.000 anni potesse spostare pietre pesanti più di 50 tonnellate?

Curiosamente, tutti i siti antichi che sono caratterizzati da pietre MASSIVE hanno una cosa in comune: ci sono storie, leggende che dicono che queste sono state costruite dagli Dei.

Quindi, pensandoci … gli Dei arrivarono letteralmente sulla Terra per spostare pietre MASSIVE? O qui c’è qualcosa di più riguardo alla storia?

Ci sono diversi antichi miti che parlano di pietre massicce che si muovono in posizione orizzontale con l’aiuto del suono. La potenza del suono ha contribuito a far levitare i blocchi di pietre mettendoli in posizione.

Le leggende di Stonehenge parlano di levitazione e di come le massicce pietre utilizzate nella sua costruzione siano state trasportate da grandi distanze con l’aiuto della levitazione.

Curiosamente, si dice che nelle antiche leggende boliviane, ci raccontano di simili fatti come quello che sta dietro la costruzione di Puma Punku.

Ancora più interessante è il fatto che, secondo lo storico Erodoto Greco, gli Egiziani avrebbero preso conoscenza dagli “Dei” su come posizionare massicci calcarei di pietra, per costruire la grande piramide di Giza.

È tutto legato al suono?

Come può aiutare il suono a spostare oggetti? Questa è fantascienza, giusto? Non proprio. Mentre la tecnologia si muove in avanti così fanno i limiti di ciò che è possibile e non.

Un fascio di traino acustico mono-direzionale è già stato inventato e può ELEVARE e TIRARE un oggetto utilizzando solo le onde sonore da una direzione.

Ecco il video:

https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: https://ningishzidda.altervista.org/  

 Articoli correlati:   

Baalbek: la prova finale

L’Eldorado degli Anunnaki 

La nanotecnologia dell’antico Egitto

Civiltà: Crollo & Decadenza

La NASA afferma: decine di civiltà sono cadute nei millenni passati. 

E’ possibile che, proprio come molte altre civiltà avanzate in passato, anche la nostra si stia dirigendo verso un imminente crollo? È il crollo imminente della società? Queste sono alcune delle domande fatte da uno studio della NASA che intende dare una risposta. Lo studio, in parte sponsorizzato dal Goddard Space Flight Center suggerisce che la civiltà come la conosciamo potrebbe avere nei prossimi decenni a una brusca fine a causa di una serie di fattori.

Se si va indietro nella storia di 3000-5000 anni, troveremo una documentazione storica che ci mostra chiaramente come le civiltà avanzate e complesse erano altrettanto sensibili al collasso di come lo si presume siamo oggi. Questo modello di collasso in corso dei nostri attuali tempi ha portato i ricercatori a mettere in discussione la futura esistenza della società e civiltà come la conosciamo.

Se dovessimo guardare ancora più indietro nel tempo, di 10.000 anni, troveremo le prove di civiltà avanzate che forse hanno preceduto gli Inca, Olmechi, Toltechi, Maya e la civiltà dell’Antico Egitto, per non parlare di altre antiche civiltà avanzate nell’antica Mesopotamia.

E’ difficile trascurare i ripetuti indizi individuati dagli studiosi, la maggior parte di questi studi sulle civiltà passate, sono state finanziate dalla NASA, quello che ne deriva da questi studi è l’evidente prova del percorso che hanno fatto le antiche civiltà sulla Terra per migliaia di anni. Questo percorso fatto nel tempo, è considerato da molti come un segno che afferma chiaramente che le civiltà antiche, sono cadute e risorte un certo numero di volte.

Questi fattori di caduta e risorta, delle antiche civiltà, (colpevoli o non della loro scomparsa) hanno continuato nel tempo a ripetere se stesse ancora prima di noi. Nel rapporto, applicato matematico di Safa Motesharri e nel suo “Dinamico modello dell’umana natura” afferma che “il processo di crescita e collasso è in realtà un ciclo ricorrente che si trova nel corso della storia.”

“La caduta dell’impero romano, e gli altrettanti (se non di più) avanzati imperi Han, Maurya e Gupta, così come tanti avanzati imperi mesopotamici, sono tutti lì a testimoniare il fatto che le civiltà, oltre ad essere avanzate, sofisticate, complesse, creative, possono essere sia fragili che non permanenti.

Lo studio è giunto alla conclusione che ci sono due principali caratteristiche sociali che hanno contribuito al crollo di ogni singola civiltà avanzata nel passato: “lo sfruttamento delle risorse dovuto al ceppo posto sulla capacità di carico ecologico”; e “la stratificazione economica della società in Élite [ricchi] e le Masse (o “gente comune”) [poveri]” Questi fenomeni di carattere sociale hanno giocato “un ruolo centrale, portandoli alla fase del collasso,” in tutti questi casi sopra elencati, si sono verificati “negli ultimi cinquemila anni.”

Anche se la nostra civiltà si trova in una fase tecnologica “molto avanzata”, questo non significa necessariamente che ci possiamo salvare dal caos imminente. Nello studio troviamo che “il cambiamento tecnologico può aumentare l’efficienza dell’uso delle risorse, ma tende anche a sollevare il consumo pro capite, aumentando la scala di estrazione delle stesse risorse, essendo quasi totalmente assenti gli effetti politici, gli aumenti dei consumi spesso compensano la maggiore efficienza nell’uso delle risorse.”

Uno dei migliori esempi avanzati sulla scomparsa delle antiche civiltà, la possiamo trovare in Mesoamerica.

Se diamo uno sguardo agli antichi Maya (che erano un’antica civiltà estremamente avanzata) troviamo che alla fine diversi fattori che hanno giocato un ruolo cruciale a far crollare quello che una volta era un grande impero. Mentre la maggior parte dei ricercatori concordano sul fatto che la deforestazione, carestia e siccità sono alcune delle componenti chiave del fallimento degli antichi Maya, troviamo questo simile modello in altre civiltà, non solo nelle Americhe, ma in tutto il mondo.

Motesharrei e i suoi colleghi concludono che le condizioni “riflettono da vicino la realtà del mondo d’oggi … scoprendo che il collasso è difficile da evitare.” Uno di questi di scenari è:

“la civiltà …. sembra essere stata per lungo tempo su di un percorso sostenibile, anche con un tasso di esaurimento ottimale delle risorse, e partendo da risorse consumate da un piccolo numero di élite, alla fine, le élite, hanno fatto un uso indiscriminato di queste risorse, causando una carestia tra la gente comune provocando alla fine il crollo della società. È importante notare che questo tipo di collasso e carestia è dovuto ad una disuguaglianza indotta che ha causato la perdita di lavoratori, piuttosto che un collasso della natura.”

QUI sotto un video che completa l’articolo:

Fonte http://www.ancient-code.com/  

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da