Archivi tag: Oceano Artico

Pensiero unico dell’AGW (Riscaldamento Globale Antropico)

 

 Ma quando arriva l’era glaciale?

14 luglio 2017 – 7:00 am Pubblicato da Attività Solare 

Questa è la domanda che ci viene fatta più spesso in assoluto.

Guardando le temperature registrate nella nostra nazione, non si direbbe che sia in corso un raffreddamento.

La gente stenta a credere che le cose stiano andando nella direzione diametralmente opposta a quanto propagandato in TV e sui media allineati al pensiero unico dell’AGW (Riscaldamento Globale Antropico). Ma i dati dimostrano inequivocabilmente, che alle alte latitudini si sta concretizzando quello che tra qualche anno verrà descritto come un “Raffreddamento Gloabale”.

Parallelamente, i sedicenti “esperti del clima”, quelli che parlano facilmente e spudoratamente di AGW (spesso) senza neanche sapere (o forse sapendolo e ignorandolo deliberatamente) cosa ci sia realmente dietro questo acronimo, godono come matti nel vedere temperature dichiarate “anomale” e “torride” in Italia. Anomalie che comunque si sono già verificate tante volte in passato ma che, evidentemente, in molti hanno già dimenticato.

Ma a parte ciò che sta accadendo nella nostra piccola nazione, quello che sta accadendo nel resto del mondo viene passato raramente nei TG, magari con servizi lampo… giusto qualche parola per dovere di cronaca… ma niente più… e, tra l’altro, senza soffermarcisi troppo!

Prima di tutto una precisazione doverosa….

Quando si parla di “bassa attività solare”, ci si riferisce ad un contesto nel quale l’attività magnetica della nostra stella è inferiore alla media degli ultimi secoli e questo indipendentemente dall’intensità del Ciclo Undecennale in corso.

Facendo un paragone con le onde sinusoidali, possiamo immaginare quanto segue:

Quelle rappresentate sono onde sinusoidali. Nello specifico abbiamo una sinusoide con una frequenza fondamentale, di colore rosso, e la sua “3a armonica” (per chi volesse studiare e capirci di più c’è Google) disegnata con il colore blu. Nel secondo grafico c’è la risultante delle 2 onde.

Cosa significa questo?

L’attività magnetica del Sole (ma in realtà anche il clima terrestre), segue un ciclo complesso formato dalla sovrapposizione di diversi cicli e sotto-cicli.

Ora immaginiamo di disegnare tali cicli sotto-forma di Onde Sinusoidali. Il risultato, ben più complesso di questo banale esempio, è ciò che vediamo noi…

Guardando bene il grafico delle macchie solari qui sopra, il principale “specchio” dell’attività magnetica della nostra stella, si riesce ad intravedere una forma d’onda simile a quella del secondo grafico della precedente immagine, anche se limitato al solo “quadrante” positivo.

Ogni ciclo di “forte attivitàsolare” dura circa 100 anni ed è intervallato da un periodo di bassa attivitàsolare della durata di 20 anni circa.

Le “anomalie” in tale ciclicità sono il Minimo di Maunder e quello di Dalton, rispettivamente verificatisi tra il 1645 e il 1715 il Maunder e tra il 1790 e il 1830 il secondo. Da questo grafico si nota perfettamente che il Minimo di Maunder è stato molto più profondo del Dalto… ma si notano anche i 3 forti periodi di attività magnetica… che vanno dalla fine del Maunder all’inizio del Dalton, dalla fine di questo al 1870 e dal 1930 circa ai giorni nostri.

Solo a titolo di esempio riporto qui di seguito un grafico della temperatura media globale (fonte NASA):

Ho scelto questo grafico per la semplicità di lettura e per il fatto che copre gli ultimi 130 anni circa.

L’invito che vi fatto è paragonare l’andamento della temperatura media con quella delle macchie solari. Nel precedente grafico delle macchie solari si vedono tutti i cicli fino al 24 compreso (prima parte del ciclo). Ma per questo confronto “elementare” ovviamente fate riferimento fino al ciclo 23.

Si può osservare come i cicli solari tra l’inizio del 1900 fino al 1940 abbiamo provveduto ad incrementare la temperatura media. Poi, nonostante ci sia stato un ciclo 19 molto forte, la temperatura media tra gli anni 40 e gli anni ’70 è prima diminuita, per poi mantenersi più o meno costante.

Il motivo va ricercato nella dinamicità del clima terrestre.

Un riscaldamento molto intenso degli oceani, comporta una massiccia fusione del ghiaccio Artico. L’acqua di fusione, fredda e dolce, rallenta l’avanzamento delle correnti calde provenienti dalla regione equatoriale innescando un feedback negativo che porta ad un progressivo raffreddamento. Tale raffreddamento inizia quasi sempre dal Nord America e dalla Siberia, per poi propagarsi a tutto l’Emisfero boreale iniziando sempre dalle latitudini più alte.

Ma perché c’è un ritardo tra l’attività magnetica e la variazione della temperatura?

La risposta è semplice: dipende dal Calore Specifico dell’acqua.

Ovvero di quanta energia è necessario fornire ad una massa d’acqua per ottenere un ben preciso incremento della temperatura.

Nel mondo gli oceani sono 4: Oceano Pacifico, Oceano Atlantico, Oceano Indiano e Oceano Artico.

L’oceano Artico in questo caso non fa testo… sta lì, parzialmente ghiacciato…

L’oceano indiano si estende all’incirca tra l’Equatore (in realtà poco più a nord) e il Circolo Polare Antartico, mentre gli altri 2 oceani toccano entrambi i poli.
La differenza tra l’Oceano Pacifico, il più esteso del pianeta, e l’Atlantico sta, oltre che nelle dimensioni, proprio nel fatto che l’Atlantico ha un collegamento molto più grande con l’Oceano Artico. Questo fa sì che lo scambio di calore tra la fascia Equatoriale e la regione polare (nord), avvenga quasi esclusivamente proprio nell’Oceano Atlantico.

L’accumulo di calore dell’Oceano Pacifico è quindi maggiore per diversi fattori rispetto a quanto avviene nell’Atlantico.

In entrambi, con l’aumentare dell’attività magnetica solare, si ha un progressivo accumulo di calore, ma prima che la temperatura inizia realmente a crescere, le acque iniziano a spostarsi e il calore viene distribuito su tutta la superficie dell’oceano. A contribuire, positivamente o negativamente, alla redistribuzione del calore oceanico, contribuiscono anche i venti, con meccanismi complessi che non sto qui a spiegare.

Analizzando i dati della temperatura oceanica e dell’attivitàsolare, si è giunti alla conclusione che il ritardo con il quale l’Oceano Pacifico si scalda, è di circa 3 anni. Per l’Oceano Atlantico si sale a circa 6.8 anni. Per l’Oceano Indiano arriviamo a circa 10 anni. L’andamento della temperatura (e non solo) degli Oceani Pacifco e Indiano, la si può osservare e misurare con gli indici PDO e AMO…. importantissimi per capire l’andamento, anche in futuro, delle temperature dell’emisfero boreale e quindi dell’Europa. Tali indici, di cui abbiamo parlato tantissime volte, hanno una ciclicità di 60-70 anni, ovvero per 30 anni l’indice è “positivo”… il che significa un aumento della temperatura nella zona nord dell’Atlantico, e per i restanti 30 anni circa, si ha un raffreddamento nella stessa zona.

Tutto questo si conosce e si studia da secoli.

Negli ultimi 2 decenni, l’aumento dell’indice AMO, dovuto ad una serie di cicli solari molto forti e quindi ad un accumulo consistente di energia negli oceani, tali indici sono stati entrambi positivi e infatti le temperature sono aumentate. Ora entrambi gli indici stanno passando in negativo.

Ancora non mi spiego, però, il perché la scienza abbia deciso di attribuire alle attività umane l’aumento della temperatura media mondiale.

In tutto questo discorso non ho fatto alcun cenno alla CO2.
Per me è un non problema…. Ovvero… la Scienza ci spiega che la SOLUBILITÀ DI UN GAS IN ACQUA, DIMINUISCE ALL’AUMENTARE DELLA TEMPERATURA DELL’ACQUA STESSA. 

Questo significa che quando la temperatura degli oceani aumenta, l’anidride carbonica viene rilasciata. Quando la temperatura diminuisce, l’anidride carbonica viene assorbita. Ci sono tanti fattori che ne determinano l’assorbimento. Il ciclo del carbonio è molto complesso, ma una cosa è semplice, sacrosanta e inalterabile: nel corso degli ultimi MILIONI di anni, la variazione della quantità di CO2 presente in atmosfera, ha sempre SEGUITO la variazione della temperatura. Proprio perché la CO2 (ma non solo) viene assorbita (immagazzinata a dire il vero) negli Oceani preferibilmente quando questi sono più FREDDI. Oggi vogliono farci credere il contrario. Ma vabbè… ^_^

Fine prima parte.

Bernardo Mattiucci

AttivitàSolare

https://www.attivitasolare.com/

deliberata distrazione

article-2553989-1b438e0b00000578-345_634x405Che cosa ha causato il fenomenale meteo di gennaio 

Da Dylan Jones

“Il cambiamento climatico”, o – come per distrarre l’attenzione dal progetto deliberato di sciogliere l’Artico

Due modalità di modifica del clima sono state la causa delle oscillazioni estreme delle condizioni climatiche e le distorsioni di accompagnamento della corrente a getto. 

index-1Nel momento in cui si stava scrivendo, i primi di gennaio 2017, l’Europa centrale e orientale era nella morsa di freddo estremamente anomalo.

index2https://www.youtube.com/watch?v=Ilukwsg7O_s

Con questo Bollettino del tempo Chris Fawkes spiega che i passanti permettono all’aria calda in regioni artiche e aria fredda in parti dell’Europa meridionale. Si noti che nei circa primi 20 secondi, l’anomala e pronunciata depressione della corrente a getto si estende verso il basso fino alla Grecia e alla Turchia.

Ora guardare il secondo video di questo articolo della BBC:

Meteo: aumento di morti a causa del freddo in Europa

Al 22° secondo, abbiamo di nuovo la  distorta immagine del modello della corrente a getto.

Chris Fawkes:

“Quello che ha portato il freddo in Europa è stato un modello molto allungato della corrente a getto  che ha permesso all’aria fredda a dirigersi verso sud fuori dall’Artico”

Ma in realtà: La corrente a getto è il risultato dell’interazione di masse d’aria fredda e calda. Essa non “consente” nulla.

“Contrariamente alla credenza popolare, la corrente a getto non causa il verificarsi di certe condizioni meteorologiche di un certo tipo. La sua esistenza è invece il risultato di determinate condizioni meteorologiche (un grande contrasto di temperatura tra due masse d’aria).”

La massa d’aria fredda è stata artificialmente intensificata, con il suo conseguente sconfinamento più a sud associata lungo il modello della corrente a getto.

In realtà, se si osserva la corrente a getto si divide e forma una cresta a nord e un trogolo a sud. Questa è un’indicazione che mentre la modifica di raffreddamento viene impiegata al sud, attraverso l’uso di agenti nucleanti ghiaccio artificiale come nitrato di potassio, nitrato di ammonio, urea e batteri, guidano le temperature sopra lo zero al di sotto, la modalità predominante della modifica è il riscaldamento, che comporta la fissazione di formazioni cirri artificiali impiegati più a nord.

Quello che è importante notare è che, mentre la Grecia e la Turchia sono inondati dal freddo, l’Artico continua a riscaldarsi a un ritmo senza precedenti. Le masse d’aria fredda non originaria della regione artica, proviene più a sud.

index3

 

 

“Previsione anomale di temperatura superficiale (°C; ombreggiatura) 10-14 gennaio 2017. Nota le temperature calde in gran parte degli Stati Uniti e nel Nord Europa con temperature fredde in Sud Europa, gran parte dell’Asia e Canada occidentale e il nord-ovest degli Stati Uniti. La previsione è del 9 gennaio 2017 GFS ensemble”.

Poiché le regioni ghiacciate e nucleata si spostano a sud vengono ulteriormente integrate, con formazioni di nubi in movimento fino a nord e verso est, nuvole che sono anche state aumentate mediante l’inseminazione, la produzione di vapore acqueo artificiale sostenute anche dalla frequenza radar, sia sul mare che a terra. Questo incontro di freddo e di caldo dà origine a intense tempeste, improvvise e innaturali con “lampi e tuoni”, “neve bagnata e pesante” che i Metereologi amano parlare.

Geoingegneria: Vortice Polare – Ghiaccio nuclearizzato 101

La natura artificiale di questi eventi è ulteriormente evidenziata dalla velocità delle temperature che passano da anormalmente basse a anormalmente elevate, una volta che le basse temperature ingegnerizzate vengono temporaneamente sospese.

Tutto questo è persistente e non un fenomeno isolato:

Questa mappa GISS sotto, mostra la partenza da temperature medie superiori dell’emisfero settentrionale invernale (dicembre-gennaio-febbraio) del periodo 2015-2016.

index4

Questo mostra lo stesso per la caduta dell’emisfero settentrionale (settembre-ottobre-novembre) nel 2016.

index5Possiamo vedere il cambiamento nella posizione del raffreddamento nella modifica del clima nell’Asia del Nord. Nonostante questo, le temperature artiche sono quasi fuori scala.

E’ in corso una definita cortina di ghiaccio tra le regioni densamente popolate d’Europa.

index6Gli eventi dei freddi anomali ricevono anche la massima attenzione dei media, alimentando il dibattito perenne tra i sostenitori del riscaldamento antropico globale e gli scettici. Tutto questo distrae dalla realtà dell’operazione deliberata per sciogliere l’Artico.

Questa è la regione dell’anomalo freddo del Nord Atlantico che aiuta la fusione del ghiaccio artico.

Secondo le notizie de il punto del blog Artic, il raffreddamento di questa regione è dovuto agli effetti di solfati industrialmente emessi.

“Il particolato, in particolare il solfato, è in grado di fornire il raffreddamento a breve termine della superficie del mare. Grandi quantità di solfato sono emessi dalle aree industriali nella parte orientale del Nord America e in Asia orientale. Sull’emisfero settentrionale, l’effetto Coriolis fa si che tali emissioni in genere raggiungano le zone sopra il vicino oceano ad est di tali aree industriali, e conseguentemente sulla superficie del mare che non viene raffreddato i modo significativo, fino a quando le particelle non cadono dal cielo. Dal momento che il solfato viene emesso su base continuativa, l’effetto di raffreddamento continua senza troppe interruzioni.

Questo solfato ha un effetto di raffreddamento sulle zone della superficie del mare dove le correnti oceaniche muovono l’acqua calda verso l’Oceano Artico. Poiché la superficie del mare si raffredda, c’è meno evaporazione, e quindi meno trasferimento di calore dall’oceano nell’atmosfera durante il tempo necessario per l’acqua di raggiungere l’oceano artico. Di conseguenza, l’acqua sotto la superficie del mare rimane più calda mentre si muove verso l’Oceano Artico. “L’enfasi è mia”.

Infatti, i solfati vengono emessi insieme con il nerofumo, che ha un effetto di riscaldamento. Affermare che le emissioni industriali siano la riduzione del riscaldamento globale in certe regioni e il riscaldamento in altri è fuorviante.

Un altro suggerimento, diverso dai particolati di solfato, è che questa regione fredda ha causato la fusione della Groenlandia. L’acqua fredda fusa aggiunta al mare presumibilmente rallenta la circolazione dell’Atlantico Meridionale Overturning (AMOC), di cui la corrente del Golfo è una parte. Questo è perché l’acqua fredda interferisce con il ciclo thermohaline, diluisce l’acqua salata quindi ha difficoltà ad andare a fondo.

Why some scientists are worried about a surprisingly cold ‘blob’ in the North Atlantic Ocean

Tuttavia, ci troviamo di fronte un problema. Che dire della fusione del ghiaccio, a basso contenuto di sale, ovunque nella regione artica? Perché non ha provocato anomale “macchie” e fredde? Perché questa teoria ignora le regioni calde anomale del nord della “macchia” fredda.

E’ più probabile che il raffreddamento per la modificazione del clima (invece di solfati) venga utilizzato per ridurre l’evaporazione e il trasferimento di calore verso l’atmosfera in cui le correnti oceaniche stanno già muovendo acqua calda verso l’Oceano Artico.

L’acqua sotto la superficie dell’oceano, ha già fatto la parte del leone nel riscaldamento globale, rimanendo più calda muovendosi verso il ghiaccio artico.

index7Totale contenuto di calore globale. I dati Nuccitelli et al. (2012)

Una delle regioni lungo il grande nastro trasportatore dell’oceano, dove il calore viene rilasciato in atmosfera, corrisponde chiaramente con l’anomala regione  fredda nel Nord Atlantico.

index8Conclusioni

Il freddo estremamente anomalo nell’Europa centrale e orientale è dovuto alla interazione di due forme della modificazione del clima, il riscaldamento e il raffreddamento.

Piuttosto che il verificarsi “cause” di condizioni climatiche, la corrente a getto è, di fatto, il risultato di queste condizioni atmosferiche, cioè il contrasto di temperatura tra due masse d’aria. Attribuendo la causa di queste condizioni per un cambiamento nella corrente a getto è come attribuire la causa di un raffreddore comune a dei starnuti.

  • La modalità del riscaldamento, riscalda le masse d’aria che invadono più a nord causando pronunciate creste nella corrente a getto.
  • La modalità di raffreddamento raffredda le masse d’aria che invadono più a sud causando pronunciate depressioni nella corrente a getto.
  • Mentre la Grecia e la Turchia sono stretti nella morsa del freddo, l’Artico ha continuato a riscaldarsi ad un ritmo senza precedenti, tanto che le temperature erano in realtà più calde di regioni dell’Europa meridionale.
  • Poiché la nucleata regione ghiacciata si sposta a sud è ulteriormente integrata, con formazioni di nubi in movimento fino a nord e verso est, che sono anche state aumentate mediante l’inseminazione delle nuvole, la produzione artificiale di vapore acqueo sostenute dalla frequenza radar, sia sul mare che a terra.
  • Questo incontro di freddo e di caldo dà origine a tempeste intense, improvvise e innaturali “lampi e tuoni” in “neve bagnata pesante”, quello che i meteorologi amano tanto parlare.
  • La natura artificiale di questi eventi è ulteriormente evidenziata dalla velocità delle temperature che tornano da anormalmente basse a anormalmente elevate, una volta che temporaneamente viene cessata la bassa temperatura del freddo ingegnerizzato.
  • Una cortina di ghiaccio è in corso di definizione tra le regioni densamente popolate d’Europa.
  • Gli eventi degli anomali freddi ricevono anche la massima attenzione dei media, alimentando un perenne dibattito tra gli antropici sostenitori del riscaldamento globale e gli scettici.
  • Tutto questo distrae dalla realtà dell’operazione deliberata per sciogliere l’Artico.
  • La modifica del clima del raffreddamento (invece dei solfati) viene utilizzato per ridurre l’evaporazione e il trasferimento di calore verso l’atmosfera in cui le correnti oceaniche muovono l’acqua calda verso l’Oceano Artico.

L’acqua sotto la superficie dell’oceano, ha già fatto la parte del leone nel riscaldamento globale, rimanendo più calda muovendosi verso il ghiaccio artico.

In uno studio futuro spiegheremo come i geoingegneri riusciranno a creare tempeste perfette senza precedenti e uragani sempre di maggiore intensità e frequenza, prodotti dagli oceani in giganti serbatoi di calore trasformati deliberatamente dal riscaldamento globale.

Aumentati e stabiliti in anticipo dal Nero Carbone, su basi di piattaforme marine munite di radar, aerei e navi dotate di radar di bordo, che emettono impulsi per la distribuzione di carichi utili d’aerosol, non c’è praticamente alcun limite di quanto possano crescere questi grandi sistemi di tempesta.

Così più a nord il ghiaccio si fonde dalle nucleate tempeste, intensificando ancora di più il gradiente di pressione, che accelera la ripartizione del ghiaccio artico. In combinazione con la già lì presente e schierata geoingegneria, aggiungendo contenuto alla nuvola già migliorata, portando precipitazioni e calore nella regione abbastanza per aumentare la temperatura del Polo Nord sopra lo zero nel mezzo dell’inverno. Questi fattori vengono accelerati nella zona di mare aperto che aumentano nell’Oceano Artico.

FONTE http://enouranois.eu/?p=1651

Ulteriore lettura:

http://www.globalresearch.ca/Demystifying-the-del clima cambiamento-dibattito / 5566164

http://enouranois.eu/?p=1451 

Pubblicato su:

http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/what-caused-januarys-freak-weather/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da