Archivi tag: Obama

Lussemburgo: la versione spaziale di The City of London

 

IL GRANDUCATO DI LUXEMSPACE È DI NUOVO …

Ci sono state molte notizie sullo spazio che verranno trasmesse dai Gizar questa settimana, quindi oggi sto dando il calcio d’inizio alla parte “legata allo Spazio” dei blog di questa settimana. TM lo ha notato ed è una di quelle storie “tranquille ma importanti”, e riguarda il nostro vecchio amico, il “Mouse che Ruggisce”, il Granducato di Lussemburgo, quel minuscolo paese bancario europeo che ha grandi ambizioni spaziali:

Lussemburgo e Stati Uniti concordano di approfondire la cooperazione nello spazio

Secondo l’articolo, il Granducato e gli Stati Uniti hanno firmato un memorandum d’intesa sullo sviluppo dello spazio, ma l’articolo dice poco su ciò che contiene questo memorandum d’intesa, oltre a notare questo:

I due paesi hanno firmato oggi un memorandum d’intesa per promuovere la ricerca, l’esplorazione, la difesa e il commercio spaziale e affrontare problemi come la riforma della regolamentazione e i detriti spaziali.

“Copre la più ampia gamma possibile di attività spaziali che i due paesi intraprenderanno come un’importante prossima ondata di crescita economica”, ha detto il segretario al Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross durante una visita in Lussemburgo per firmare l’accordo.

Etienne Schneider, vice primo ministro e ministro dell’economia lussemburghese, ha affermato che l’accordo è “un altro importante passo avanti” per rafforzare la cooperazione spaziale internazionale.

Sospetto fortemente, e probabilmente anche molti lettori di questo blog, che questo memorandum d’intesa contenga alcuni “protocolli segreti”. Ma c’è un accenno a ciò che sta accadendo, ed è forte:

Nel 2015, gli Stati Uniti hanno adottato lo Space Act per consentire l’esplorazione e lo sfruttamento commerciale delle risorse spaziali.

Nel 2017, il Lussemburgo ha introdotto una legge che garantisce alle compagnie spaziali la proprietà delle risorse acquisite nello spazio, il primo paese a farlo nell’Unione europea a 28 nazioni.

Ciò che questo fa presagire è che sono stati fatti accordi bilaterali per creare un modello che sorpassa i trattati internazionali esistenti, consentendo alle società spaziali private di rivendicare la proprietà delle risorse spaziali: se riesci ad arrivare e a estrarre le risorse, sono tue. Ciò che il coinvolgimento del Lussemburgo in tutto questo significa è che sta facendo un gioco, un grande gioco, per diventare la versione spaziale di The City of London, il centro terrestre di compensazione finanziaria interplanetaria, e le sue recenti mosse per piazzare satelliti in orbita e poi affittarli tende a confermare questo punto di vista.

A sostegno di questa speculazione ad alto numero di ottani, l’articolo rileva qualcos’altro:

Il Lussemburgo ha già firmato accordi spaziali con gli Emirati Arabi Uniti, il Giappone e la Cina, nonché con i paesi della Polonia, la Repubblica Ceca e il Belgio.

In totale, circa 20 società private coinvolte nel lavoro spaziale si sono stabilite in Lussemburgo, hanno riferito funzionari.

Ciò che questo suggerisce è che il Lussemburgo è (1) negoziare bilateralmente con altri paesi per farli riconoscere i diritti delle corporazioni stabilite in Lussemburgo per condurre affari spaziali, e (2) è forse anche negoziare per infrastrutture fisiche in quei vari paesi per supportare qualsiasi ruolo di chiarimento interplanetario che desidera svolgere.

Una tale posizione in un sistema di compensazione interplanetaria darebbe a Lussemburgo un potere senza precedenti e preannuncia il modo in cui lo spazio cambierà completamente la natura del potere geopolitico. Ad esempio, “profondità strategica” arriverà a significare qualcosa di molto diverso da quello attuale, con profondità che significa paesi con molta terra – Cina, Russia, Brasile, Stati Uniti – e venire da me ridondanza infrastrutturale nello spazio, e una “profondità” e dispersione di risorse nello spazio. Con quel tipo di terreno di gioco, i paesi più piccoli come il Lussemburgo possono svolgere un ruolo strategico molto più ampio, ben oltre i limiti delle loro dimensioni fisiche terrestri. Il fatto che gli Stati Uniti, la Cina e il Giappone abbiano già concluso accordi con il Granducato suggerisce anche che vi è tacitamente, anche se a questo punto, un accordo segreto tra le grandi potenze che il Lussemburgo è il “centro designato” di tale sistema.

E questo significa, inevitabilmente, dovremo parlare della Luna, ma dovremo aspettare fino a domani per farlo …

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

Il programma segreto spaziale Whistleblower afferma che gli umani sono su Marte dal 70

di Ancient Code

Un informatore del programma spaziale segreto afferma che gli esseri umani hanno viaggiato su Marte per decenni. È interessante notare che molti ex dipendenti della NASA e funzionari militari sono venuti avanti parlando dell’esistenza di un programma spaziale secretivo e la tecnologia che va ben oltre ciò che la società sa.

“Esiste un governo oscuro con la propria Air Force, la propria Marina, il proprio meccanismo di raccolta fondi, e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libere da tutti i controlli e saldi, e liberi dalla legge stessa.” Senatore Daniel K. Inouye

Marte è il posto numero uno nel sistema solare dove vogliamo davvero andare. Recentemente, durante il 67° Congresso Internazionale dell’Astronautical NI Guadalajara Mexico, Elon Musk, il capo di Tesla Motors e SpaceX ha annunciato che non solo sono gli esseri umani hanno intenzione di viaggiare su Marte nel prossimo futuro, ma stiamo andando a stabilire una colonia sulla superficie del pianeta rosso dove la gente vivrà.

Tuttavia, tutto questo non è nuovo in base all’informatore del programma spaziale segreto Corey Goode che ha rilasciato una dichiarazione che descrive l’attività umana su Marte, dicendo che l’umanità è stata sulla superficie del pianeta rosso per un lungo, lungo tempo.

Stranamente, non è il primo o l’unico ad averlo detto.

Molte persone hanno dichiarato che queste  ‘notizie’ non sono nuove, e ci sono documenti (WikiLeaks) che sostengono che le collaborazioni umane e aliene sono state fatte per un bel po’ di tempo.

Nella dichiarazione, Corey Goode scrisse:

“Marte fu visitato per la prima volta dai tedeschi fin dagli anni trenta, ma durante gli anni ’70, i programmi spaziali statunitensi stavano esplorando attivamente Marte e altri pianeti per stabilire basi. Nel 1980 il SSP statunitense è diventato-Solar Warden. Sotto progetto Solar Warden un vasto sviluppo e colonizzazione si è verificato su Marte e altri pianeti. Goode continua, “basi su Marte sono state costruite sotto la superficie.”

Ma non sembra assurdo? Beh, non è l’unico ad averlo detto, e se andiamo avanti e dare un’occhiata a una dichiarazione del senatore Daniel K. Inouye, ci renderemo conto per davvero di quanto profondo sia questo argomento.

“Esiste un governo oscuro con la propria Air Force, la propria Marina, il proprio meccanismo di raccolta fondi, e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libere da tutti i controlli e saldi, e liberi dalla legge stessa.” (fonte)

La cosa buffa è che secondo diverse affermazioni, gli esseri umani hanno avuto la tecnologia per il viaggio spaziale per lungo tempo:  

“Durante il mio incarico in Marina, abbiamo scoperto che i tedeschi stavano inventando la tecnologia spaziale fin dagli inizi del XX secolo.”William Tompkins.

La suddetta affermazione di Tompkins conferma i commenti fatti da Corey Goode che sono stati contrassegnati come “ridicoli” da molti.

Secondo Tompkins, tre sono i documenti declassificati che mostrano la tecnologia di viaggio spaziale tedesca. Egli sostiene che anche grazie al fatto di aver lavorato estremamente al suo interno ha Classificato, pensato, e creato armi per le aziende aerospaziali.

Oltre a Goode, un ex impiegato della NASA ha affermato che c’erano missioni segrete con equipaggio su Marte oltre 20 anni fa. In un’intervista con Coast-to-Coast AM, una donna di nome ‘Jackie’ ha parlato di esseri umani su Marte, qualcosa che è stato discusso tra gli altri presunti dipendenti della NASA per anni; ‘… Poi ho visto due uomini in tute spaziali-non le tute ingombranti che abbiamo usato normalmente, ma sembravano protettive. Sono arrivati oltre l’orizzonte a piedi per esploratore il viching…’

In aggiunta a quanto sopra, un ex Marine sostiene di aver anche lavorato su Marte. L’ufficiale in pensione conosciuto solo come capitano Kaye (pseudonimo), ha detto che non solo gli esseri umani sono stati su Marte in passato, ma hanno sviluppato un programma spaziale segreto e la flottiglia che opera nello spazio. Secondo l’ex Marine, fu pubblicato sul pianeta rosso per anni e la sua missione era quella di proteggere le cinque colonie umane dalle forme di vita indigene su Marte. Secondo il capitano Kaye, non solo ha trascorso anni su Marte, ma ha anche servito a bordo di un gigantesco vettore spaziale per tre anni.

Leggendo la dichiarazione di cui sopra e confrontandola con ciò che il senatore Daniel K. Inouye, ti fa davvero meraviglia se tutto quanto sopra sia stato possibile.

Il comunicato stampa pubblicato di recente ci racconta di più su questi programmi secretivi e su Marte:

Richardson, Texas, 13 ottobre, 2016 – on Tues, 11 Oct il presidente Barack Obama ha scritto un parere editoriale tramite CNN.com annunciando ai cittadini degli Stati Uniti che, “l’America ha fissato un chiaro obiettivo di inviare gli esseri umani su Marte dal 2030s… Facciamo ciò che è possibile prima di chiunque altro. Il problema qui è che durante una video intervista di novembre 2015 con Gaia.com, l’informatore Corey Goode dal programma statunitense Secret Space (SSP) ha detto, “ci sono esseri umani già su Marte, ed è stato colonizzato.” Nel dicembre 1986, Goode è stato reclutato in SSP – UNSAP (programmi di accesso speciale riconosciuti dall’ONU) sotto Project Solar Warden. È stato assegnato a un vascello di ricerca nello spazio per studiare il sistema solare dal 1986 dicembre – dicembre 2007.

Il Presidente Obama e il governo degli Stati Uniti si uniscono a una lista pesante di visionari del settore privato, come ad esempio il CEO di Boeing Dennis Muilenburg e Elon Musk (SpaceX), in quanto competono per fare un’ammaccatura storica nello spazio. Il 4 ottobre, secondo Bloomberg Technology, Muilenburg ha detto: “è la mia compagnia che manderà i primi umani su Marte, non Musk. Sono convinto che la prima persona a calpestare Marte arriverà lì in sella a un razzo Boeing.”

referenze: 

http://spherebeingalliance.com/blog/whistleblower-discloses-shocking-new-intel-humans-on-mars-since-the-1930s.html 

http://www.gaia.com/bio/corey-goode 

Immagine di http://www.boeing.com/boeing100/ 

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Articolo correlato: Le cinque colonie di Marte

®wld

Come l’accedere alle informazioni può far rompere il videogioco alla élite

Wikipedia Commons 

L’accesso alle informazioni ha guidato l’originale rivoluzione nordamericana alla fase finale ora in corso …  

di Tim Ball Maggio 18, 2018 rom Technocracy Website

Filosofo elisabettiano e scienziato, le idee del visconte Francesco Bacone (1561-1626) sono considerate le prime basi della scienza moderna.

Forse il suo commento più noto, “La conoscenza è potere”, è più vero oggi di quando lo disse 400 anni fa. Per quasi tutto il tempo, l’élite del potere controllava le informazioni e quindi controllava le persone.

Ho parlato prima dell’attuale situazione politica negli Stati Uniti come fase finale della rivoluzione americana. Per la seconda volta nella storia degli Stati Uniti le persone hanno trovato un modo per superare il controllo delle informazioni.

Questa capacità ha segnato l’inizio e ha promosso il successo della rivoluzione. Ora, segna la fase finale e garantisce la continuità della rivoluzione.

Tuttavia, come ha detto Benjamin Franklin quando gli è stato chiesto se durante i negoziati si erano stabiliti per una repubblica o una democrazia, ha risposto,

una repubblica, se puoi tenerla …

Le persone ora hanno accesso alle informazioni, se possono tenerle.

Nel corso dei 400 anni, vari tentativi da parte della popolazione di rovesciare l’élite del potere fallirono. La rivoluzione francese, come Macron sta imparando, non ha cambiato nulla.

Il grado del fallimento è dato dal fatto che Giscard D’Estaing divenne presidente perché la famiglia Giscard acquistò la porzione D’Estaing da una famiglia nobile estinta.

Le parole ‘de’ o ‘d’ ‘in un nome francese sono un segno del patrimonio aristocratico . Pochi erano più arroganti e dominarono sul popolo di Charles de Gaulle.

Lo stesso è vero in Inghilterra. Oliver Cromwell eseguì Carlo I nel 1649, ma suo figlio Carlo II fu restituito al trono solo 11 anni dopo, nel 1660.

Marx non ha mai pensato che sarebbe avvenuta una rivoluzione in Russia. Aveva ragione, Putin è solo un altro zar.

Allo stesso modo, in Cina, l’attuale Presidente Xi Jinping, con il suo cambiamento delle regole per permettergli una Presidenza permanente, è solo un altro Imperatore.

Le persone, in particolare persone come John F. Kennedy, acclamano la Magna Carta come un documento rivoluzionario nel progresso della libertà della gente. Non lo era.

Era un piccolo gruppo di élite del potere che controllava la maggior parte della terra dicendo al Re che non li stava trattando correttamente.

Le persone di nuovo nelle loro proprietà erano servi della gleba, essenzialmente schiave del proprietario. Molte di queste terre sono ancora controllate da una manciata di persone.

Una storia del 2010 nel Daily Mail dice:

Più di un terzo della terra britannica è ancora nelle mani di un piccolo gruppo di aristocratici, secondo la più ampia indagine di proprietà in quasi 140 anni.

La proprietà privata della terra era la seconda tappa dell’eccezionalismo nordamericano.

È l’unico paese al mondo formato per rompere quella chiusa a terra. È l’unico paese al mondo che ha la libertà di parola come primo emendamento. Sono cresciuto in Inghilterra sapendo che l’unico posto in quel paese in cui si poteva criticare il governo era all’angolo di Hyde Park.

Da adolescente, ho sentito una battuta sull’angolo che risuona ancora di più con me nell’ambiente di oggi.

Un uomo è in piedi sulla sua scatola di sapone per promuovere una rivoluzione. Fa una serie di promesse precedute dalle parole,

“Vieni alla rivoluzione …”

Alla fine, le promesse diventano meno significative e dice,

“Vieni alla rivoluzione, indosseremo tutti camicie e cravatte!”

Una voce dal retro della folla grida,

“Ma io non voglio indossare una camicia e una cravatta.”

L’oratore risponde,

“Vieni alla rivoluzione, farai ciò che maledettamente fai bene”.

La sfida per i rivoluzionari americani era di portare il loro messaggio alle persone senza accesso ai giornali. Il governo britannico controllava i giornali perché erano di proprietà degli aristocratici fondiari.

Il potere dei giornali era ben noto ai tempi della rivoluzione americana.

La poesia di William Cowper “Progress of error” pubblicata nel 1782 spiega,

Come potrei parlare di te o del tuo potere,
Dio della nostra idolatria, la stampa?
Per te religione, libertà e leggi
Esercitare la loro influenza e far avanzare la loro causa;
Da te piaghe peggiori della terra del faraone,
Diffuso, fai della terra il vestibolo dell’Inferno;
Tu fonte, a cui bevi il buono e il saggio;
Tu molla sempre gorgogliante di infinite bugie;
Come l’albero probatorio morto nell’Eden,
La conoscenza del bene e del male viene da te.

Il punto è che l’élite del potere controlla la stampa, allora e ora.

Allora, come hanno fatto i rivoluzionari americani ad aggirarlo e ottenere informazioni importanti alla gente? Avevano bisogno di sostenere gli spiriti delle persone e di impartire informazioni importanti senza suscitare reazioni da parte degli inglesi.

La risposta è però Pamphlets…(Pamphlets=Opuscolo, libello di contenuto polemico o satirico cosivo mio)

Robert Parkinson ha scritto:

“Gli opuscoli incanalavano e focalizzavano la resistenza coloniale inquadrando il dissenso attraverso appelli alla storia e all’esperienza politica”.

Credo che Benjamin Franklin sia una delle persone più straordinarie che abbia mai vissuto.

La sua gamma di interessi e competenze, unita alla sua capacità di comunicare con le persone a tutti i livelli e le abilità, non ha eguali. Il suo talento principale era quello di vedere gli eventi e anticipare il loro significato. Aveva una visione più ampia, ma mai con gli occhi oltre l’orizzonte come lo è il tratto degli idioti.

Ad esempio, come primo Postmaster General e familiarità con la Corrente del Golfo e il suo impatto sui tempi di navigazione.

Ordinò ai capitani delle navi che trasportavano la posta in Europa di prendere le letture della temperatura dell’acqua, in modo che potessero andare con il torrente che andava ad est ed evitare di andare verso ovest. Ci sono voluti cinque giorni di navigazione.

Non sorprende quindi che Franklin abbia sviluppato l’opuscolo e dimostrato il suo valore nell’escludere le autorità.

In una presentazione del 1923, William Renwick parlò del primo uso di Pamphlet da parte di Franklin negli anni 1750, dando esempi della sua,

“Destrezza e abilità come libellista.”

Venti anni dopo tre importanti opuscoli tra i tanti circolavano a favore della rivoluzione erano,

  • Thomas Jefferson’s – Una visione sommaria dei diritti degli americani britannici (Williamsburg, 1774)
  • Thomas Paine’s – Common Sense (Philadelphia, 1776)
  • John Adams’- Thoughts on Government (Philadelphia, 1776)

Fin dalla rivoluzione americana, la stampa , con il sostegno diretto e il controllo dell’élite del potere, si è riaffermata.

Siamo ora al punto spiegato da AJ Liebling che,

“La libertà di stampa è garantita solo a chi ne possiede una”.

Nel periodo successivo alla Rivoluzione, la Stampa si è espansa nei media, ma tutti i controlli e le condanne del poema di Cowper si applicano.

La stampa e i media avevano ora il controllo determinando chi avrebbe vinto e chi avrebbe perso. Decidono chi vincerebbe e chi perderebbe. In termini arcaici, divennero i produttori di re e gli spacconi del re.

Ciò significa che chiunque sia in cerca di un incarico politico, in particolare la presidenza, ha avuto bisogno del supporto dei media o di un modo per aggirarli.

Non c’è dubbio che Hillary Clinton fosse totalmente convinta che i media avrebbero garantito la sua elezione. Era una certezza con loro dalla sua parte. Era così convinta che anche quando apparvero i segnali di allarme lei li ignorò. In effetti, i media non l’hanno delusa.

Hanno fatto tutto il possibile per farla eleggere, ma ha fallito …

Perché…?

L’elezione di Trump è stata unica in molti modi. Non era un politico. Ha superato un atteggiamento spiegato 2000 anni fa dai graffiti a Pompei che dicevano quando si parlava di leader,

se ci liberiamo di questo branco di cialtroni, prendiamo un altro gruppo di cialtroni.

Significava che nel corso della storia circa il trenta percento delle persone non votava mai.

A quanto pare Trump capì che i politici erano diventati dei professionisti interessati solo a perpetuare la loro carriera. Il risultato di questa professionalità è stato un movimento dal centro in quanto circa il 20% dei democratici si è spostato a sinistra e il 20% dei repubblicani a destra.

Questa polarizzazione si sta verificando in altri paesi come il Regno Unito e la Francia, tra gli altri.

Trump ha beneficiato di tutti questi problemi. Ignorò il 20% a sinistra e a destra, valutando correttamente che non avrebbero mai ascoltato. Si è concentrato sul 60% degli Stati Uniti nel mezzo, politicamente e geograficamente.

La palude ha cercato di deviarlo etichettandolo come un populista. Quell’accusa ti dice tutto ciò che è sbagliato nella palude. Trump stava facendo l’impensabile, ascoltando la maggior parte della gente e recitando per loro.

Gli abitanti della palude sanno cosa è buono per la gente. È impossibile per questo non-politico e il popolo sapere cosa è buono per loro?

Anche Mitch McConnell ha espresso questa opinione.

Ha portato un’alta percentuale di quelli, circa il 30%, che non votano mai. Tuttavia, non avrebbe mai potuto farlo senza la possibilità di aggirare i media e parlare direttamente alle persone.

L’equivalente moderno dell’opuscolo era Internet quello ha permesso la fase finale della rivoluzione. Trump non avrebbe avuto successo se le persone non avessero avuto un altro accesso alle informazioni.

La rete internet,

  • blogging
  • radio del blog
  • rapporti di testimoni oculari
  • filmati,

… ha portato informazioni che fornivano una prospettiva diversa da quella dei media.

Attraverso i social media, le persone sono state in grado di discutere questioni e ascoltare punti di vista dei concittadini come mai prima d’ora. È diventato un libero mercato di idee ed espressioni.

I politici e i media professionisti, collettivamente e correttamente identificati da Trump come la Palude, consideravano la maggior parte delle azioni e del comportamento di Trump “Un-presidenziali”.

Tuttavia, il suo uso di Twitter li ha infastiditi più di ogni altra cosa, perché ha aggirato il loro controllo delle informazioni.

Trump ha capito il potere di Twitter ma probabilmente non era a conoscenza del poema di Cowper. Ciò nonostante, ha fatto eco alle sue parole 236 anni dopo.

Quando gli è stato chiesto di smettere di usare Twitter, ha risposto,

Smetterò di usarlo quando smetterai di dire bugie.

La sua accusa di “notizie false” si traduce nella “infinita sorgente di infinite bugie” di Cowper.

Una misura della minaccia di Internet è data da come i governi totalitari la controllano. La minaccia è evidenziata dalla creazione di neutralità della rete da parte di Obama.

Il termine è una tipica frase priva di significato creata dai politici per dare una questione di gravità, ma non è minacciosa.

Come tutti questi piani liberali, è fatto usando un nucleo di “salva il popolo dai capitalisti”. Ha affermato che le persone venivano sfruttate dai fornitori di Internet (IP) e avrebbe usato il potere del governo per proteggere le persone povere e ignoranti.

Trump ha mantenuto un’altra promessa per la campagna annullando il programma …

Le recenti udienze del Congresso con Mark Zuckerberg erano una facciata di democratici e repubblicani che incolpavano Facebook di pregiudizi, in modo che potessero sostenere che erano necessari controlli governativi.

In quelle udienze, entrambe le parti hanno sottolineato la loro appartenenza alla palude.

Solo noi, in quanto politici professionisti, sappiamo cosa deve essere fatto e non può includere l’accesso libero e senza restrizioni a tutte le informazioni.

La battaglia su Internet e la conoscenza è la stessa della battaglia sulla libertà di parola. È impossibile limitare in alcun modo perché nel momento in cui lo fai, qualcuno sta decidendo cosa possono dire le altre persone.

Bacone aveva ragione:

‘sapere è potere.’

Ma è l’unica proprietà delle persone e ora loro ce l’hanno, non devono mai lasciar andare …

Fonte

®wld

Egemonia

HAMBURG, GERMANY JULY 7, 2017: Russia’s President Vladimir Putin (L) and US President Donald Trump shake hands during a bilateral meeting on the sidelines of the G20 summit in Hamburg. Mikhail Metzel/TASS (Photo by Mikhail MetzelTASS via Getty Images)

 

La valutazione di Putin su Trump al G20
determinerà il nostro futuro

Postato da Davide su come donchisciotte

Articolo di: DI PAUL CRAIG ROBERTS

Sullo sfondo della riunione di Putin-Trump ci sono le aspirazioni di Israele e dei neocon. Sono queste che guidano la politica estera americana.

Perché Washington si impegna così tanto a rovesciare il presidente siriano Come si spiega l’improvvisa apparizione nel 21° secolo della “minaccia musulmana”? La preoccupazione su tale minaccia come fa ad essere coerente con le guerre fatte contro Saddam, Gheddafi ed Assad, leader che hanno soppresso il jihadismo? Come si spiega l’improvvisa apparizione della “minaccia russa”, pompata fino a farla diventare una pericolosa russofobìa priva di fondamento?

Le minacce musulmana e russa e le bugie usate per distruggere Iraq, Libia e parti della Siria sono tutte orchestrazioni che servono i desiderata di israeliani e neocon.

La lobby ebraica in America, fortemente presente in Commentary, Weekly Standard e New York Times, ha sfruttato l’11 settembre per costringere Bush ad intraprendere un “energico sforzo per detronizzare Saddam” (vedi qui e qui).

Saddam Hussein era un leader laico, il cui compito era di sopire i conflitt tra sunniti e sciiti e mantenere una stabilità politica. Lui, Assad e Gheddafi hanno soppresso l’estremismo che porta al jihadismo. Saddam non ha avuto nulla a che fare col 9/11, e sotto il suo governo l’Iraq non costituiva alcuna minaccia per gli Stati Uniti. Era stato un fedele vassallo, attaccò persino l’Iran per conto di Washington, che sperava di usare il suo paese per rovesciare il governo persiano.

Rimuovere leader secolari è ciò che crea il jihadismo. L’America ha scatenato il terrorismo musulmano con regime changes che hanno ucciso i presidenti ed hanno lasciato i paesi nel caos.

Fomentare il caos in Iraq è stato l’inizio, poi si è passati a Siria ed Iran. Questi due paesi sostengono Hezbollah, la milizia nel Libano meridionale che per ben due volte ha battuto l’esercito israeliano, inviato per appropriarsi delle risorse idriche.

Le guerre dei neocon in Medio Oriente servono a rimuovere i governi che forniscono sostegno militare e finanziario ad Hezbollah. Spingendo il jihadismo più vicino ai confini russi, queste guerre peraltro coincidono perfettamente con la politica statunitense della World Hegemony. Come ha espresso Paul Wolfowitz, sottosegretario alla Difesa:

“Il nostro primo obiettivo è impedire il riemergere di un nuovo rivale che costituisca una minaccia simile a quella sovietica. Per questo, dobbiamo impedire che qualsiasi potenza ostile possa dominare una regione le cui risorse, sotto un controllo consolidato, sarebbero sufficienti a creare una potenza globale”.

Israele vuole che anche Siria ed Iran finiscano nel caos come Iraq e Libia, così da poter rubare l’acqua nel sud del Libano. Se i due paesi vengono indeboliti, Hezbollah non avrà il sostegno militare e finanziario per resistere all’esercito israeliano.

I neocon hanno invece obiettivi più grandi. Vogliono attaccare Siria ed Iran per poter dirottare il jihadismo in Russia e Cina (quest’ultima ha anche una provincia musulmana che confina col Kazakistan). Provocando problemi interni a Mosca e Pechino, i neocon possono ridurre le loro capacità di ostacolare l’unilateralismo americano.

Ecco perché si fa guerra in Siria, nient’altro.

La “minaccia musulmana” è apparsa all’improvviso con l’attacco al WTC e al Pentagono. La colpa venne immediatamente data ai musulmani. Sebbene il governo americano sostenesse di non aver idea che un attacco del genere fosse in preparazione, sapeva sùbito chi l’aveva commesso. Ovviamente, i documenti lasciati sulla scena identificavano convenientemente i “terroristi”.

Ci sono 3.000 architetti e ingegneri che mettono in dubbio gli eventi di quel giorno. La spiegazione ufficiale della distruzione dei 3 edifici è tecnicamente senza senso. Ci sono infinite prove fornite da esperti. Basta andare in certi siti: Architects & Engineers for 9/11 Truth, Firefighters and First responders for 9/11 Truth e Pilots for 9/11 Truth. Cercate quel che alcuni funzionari stranieri hanno da dire sulla storia assurda raccontata da Washington. Che la gente creda alla spiegazione ufficiale è la prova del fallimento totale dell’istruzione in America. Gran parte della popolazione è incapace di pensare. La gente accetta tutto ciò che il governo gli dice, indipendentemente dall’assurdità.

Da dove viene la presunta “minaccia musulmana”? Che cosa l’ha prodotta? L’11 settembre è avvenuto prima che gli Stati Uniti distruggessero in tutto o in parte sette paesi musulmani, uccidendo, assassinando, rendendo orfani e spostando milioni di musulmani che stanno ora invadendo gli stati europei vassalli. Queste guerre su innocenti possono produrre terroristi, ma l’11 settembre è avvenuto prima delle guerre di Washington contro i paesi musulmani.

Bin Laden ed al-Qaeda erano alleati di Washington contro i sovietici in Afghanistan. Sicuramente non avevano le connessioni interne per superare tutte le 17 agenzie di intelligence americane, il National Security Council, tutti i servizi della NATO, il Mossad e la sicurezza dell’aeroporto per ben quattro volte, nella stessa ora e nella stessa mattina.

Inoltre, nell’ultimo video attribuitogli, bin Laden ha dichiarato di non aver nulla a che fare con quell’attacco. In generale, i terroristi si prendono la responsabilità anche solo per magnificare il movimento. Non ha senso che “il promotore” presunto destinato a rovesciare l’Occidente neghi la più grande umiliazione mai inflitta ad una potenza mondiale. Gli Stati Uniti vennero completamente umiliati, impotenti contro una manciata di musulmani muniti di taglierini. Questa umiliazione è un record mondiale che rimarrà per sempre. È impossibile che il presunto terrorista, bin Laden, non la rivendichi.

Anche solo questo fatto dimostra che bin Laden ed Al-Qaeda non hanno avuto niente a che fare con l’11 settembre.

Chiunque creda alla storia ufficiale, come chiunque creda che Oswald abbia ucciso JFK, che Saddam avesse armi di distruzione di massa e collegamenti con Al-Qaeda, che Assad abbia usato armi chimiche, che la bugia del Golfo di Tonchino fosse vera, che Sirhan Sirhan abbia ucciso RFK, che la Russia abbia invaso l’Ucraina, ecc., è ormai perso nella Matrix e non più salvabile.

Non so se la stupidità occidentale si estenda anche in America Latina, Africa ed Asia. Alcune persone in Venezuela, Ecuador e Bolivia, i cui governi sono regolarmente soggetti a regime changes voluti dagli americani, devono essere consapevoli del fatto che non sono in controllo del proprio destino. Ma quanto è diffusa la consapevolezza del desiderio di Washington di avere l’egemonia mondiale? Gli unici segnali in tal senso sono gli accordi, ancorché iniziali e limitati, tra Russia e Cina.

Ancora oggi nessun governo europeo ha fatto il collegamento tra le guerre di Washington, sostenute dall’Europa, ed i milioni di rifugiati che stanno invadendo il continente, intenti a rubarne il welfare e le donne. Sentiamo tutti i tipi di lamentele per gli immigrati, ma non si fa mai una connessione tra questi e le guerre europee sostenute dagli Stati Uniti.

Washington è stata così brava durante la guerra fredda a rappresentarsi come simbolo di pace, giustizia e verità che il mondo non riesce a vedere il suo volto satanico.

Ora che 16 anni di guerra inumana contro le popolazioni musulmane hanno distrutto la vita di milioni di persone, perché non ci sono 9/11 ogni giorno? Invece ci sono solo alcuni presunti attacchi terroristici condotti da individui, palesi false flag, come quelli in Francia e in Inghilterra. Ma niente negli Stati Uniti, “il Grande Satana”, cosa molto sospetta.

Il 9/11 è stato il “New Pearl Harbor” dei neocon per fare guerre per gli interessi propri ed israeliani.

Perché gli americani e gli europei non lo sanno? Perché non hanno media indipendenti ma presstituti.

Washington ha creato “la minaccia russa” quando la falsa accusa di Obama ad Assad sul suo presunto uso delle armi chimiche è fallita. Cameron aveva promesso l’appoggio britannico all’invasione della Siria, ma il parlamento gli ha votato contro. La Russia disse basta alle guerre, di aver raggiunto un accordo con la Siria: raccogliere tutte le armi chimiche e darle agli americani per distruggerle. Gli Stati Uniti stanno probabilmente usando queste stesse armi date dagli ingenui russi per fare attacchi chimici false flag.

Bloccati nei loro obiettivi di guerra contro la Siria, i neocon si sono infuriati con la Russia. Come osano intralciarci! Daremo loro una bella lezione! Washington ha così scatenato le ONG in Ucraina, finanziandole con 5 miliardi di dollari.

Non rendendosi conto della propria vulnerabilità, la Russia concentrata sulle Olimpiadi di Sochi ha improvvisamente scoperto che l’Ucraina aveva subìto un colpo di stato e che le popolazioni russe ivi presenti stavano subendo violenze. In passato, leader sovietici avevano assegnato le province russe alla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina dell’URSS. Questi russi attaccati dal governo neonazista installato a Kiev da Washington hanno chiesto di poter tornare nella madrepatria.

La Russia ha accettato di riprendere la Crimea, a causa della base navale nel Mar Nero, ma ha rifiutato le altre aree russe, Donetsk e Luhansk. Sperando contro ogni logica di convincere l’Europa di non essere aggressiva, Mosca ha rifiutato le repubbliche russe in difficoltà e le ha lasciate alla misericordia dei neo-nazisti di Kiev, che continuano ad attaccarli, violando ogni tipo di accordo.

La tolleranza di Putin alle provocazioni ed agli insulti fa apparire il suo governo debole agli occhi dei neocon, che continuano a demonizzarlo e a far pressioni per ulteriori sanzioni e basi militari vicine ai confini russi. Prima del suo incontro con Putin, Trump ha detto che “la Russia deve smetterla di ‘destabilizzare’ l’Ucraina ed altri paesi e deve ‘aderire alla comunità delle nazioni responsabili’”. Come può pensare che le cose stiano così?

Il desiderio dei russi di essere accettati dall’Occidente potrebbe finire per compromettere la propria sovranità, e gli americani lo stanno capendo.

I russi pensano anche che il terrorismo musulmano sia una minaccia globale. Mosca delira se pensa di raggiungere un accordo con Washington per combattere insieme il terrorismo. Non capiscono che quella è l’arma creata contro di loro.

Il jihadismo è stato prima usato contro l’esercito sovietico in Afghanistan. Poi contro Gheddafi in Libia. Poi, quando il piano di invadere la Siria con la scusa delle armi chimiche venne bloccato dal parlamento britannico e dalla Russia, Obama mandò l’ISIS a rovesciare Assad. Il generale Flynn, l’allora direttore della Defense Intelligence Agency, l’ha detto esplicitamente su Al Jazeera: è stata una “decisione deliberata”. Ecco perché le speranze della Russia di un fronte comune contro l’ISIS non hanno mai avuto alcun senso.

Il jihadismo è l’arma migliore di Washington con cui destabilizzare la Russia. Perché dovrebbe sconfiggerlo?

La disinformazione dei media occidentali raggiunge anche i russi, e forse anche i cinesi.

Persino gli analisti occidentali che rifiutano la storia ufficiale della Siria continuano a bersi la menzogna che Assad sia un dittatore.

Quando Putin incontrerà Trump, dovrà valutare se l’altro sia un vero presidente o un altro burattino dell’élite.

Nel secondo caso, dovrà prepararsi alla guerra.

Paul Craig Roberts

Fonte: www.lewrockwell.com

LInk: https://www.lewrockwell.com/2017/07/paul-craig-roberts/putins-assessment-trump/8.07.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org acura di  di HMG

Link diretto: https://comedonchisciotte.org/

Almanacco di luglio 2017

Gas meno caro, ma in Germania non tutti contenti per il progetto russo Nord Stream 2

Il governo tedesco intende cooperare con la Russia per la costruzione del gasdotto “Nord Stream 2” per ragioni economiche e per garantire la transizione verso fonti energetiche alternative, scrive Die Welt.

Tuttavia i piani del governo hanno incontrato la resistenza da parte di alcuni cittadini e di alcuni analisti, che ritengono che la Germania disponga di risorse in abbondanza e un altro gasdotto pertanto non serve”, osserva il giornale.

Il progetto per il gasdotto “Nord Stream 2” dal valore di 10 miliardi di dollari è destinato a migliorare la consapevolezza della Germania sulla propria disponibilità di gas per allontanarsi dall’uso del carbone e del nucleare e passare verso le energie rinnovabili, si legge in un articolo di Die Welt.

Tuttavia questo progetto ha “nemici sia in Germania che all’estero.” Continua a leggere QUI 

**********************

Ci è arrivato persino Bill Gates: “Troppi immigrati, rendete più difficili gli ingressi” 

Roma, 6 lug – Era il volto delle multinazionali “buone”, quelle che spendevano milioni in beneficenza, che flirtavano con Obama e criticavano Trump. Il fondatore di Microsoft, Bill Gates, non ha mai nascosto la sua collocazione nell’ambito del pensiero dominante. Ancora nel gennaio 2016, al World Economic Forum di Davos, aveva dichiarato: “La Germania e la Svezia sono da elogiare per il modo in cui accolgono i migranti. Gli Stati Uniti dovrebbero seguire il loro esempio”. Ora la musica è cambiata.

*********************

Donald Trump di fronte al “quarto potere”

di Thierry Meyssan

Nell’arrogarsi la qualifica di “Quarto Potere”, la stampa statunitense si è posta alla pari con i tre Poteri democratici, benché sia sprovvista di legittimità popolare. Conduce una campagna massiccia, sia in patria che all’estero, per denigrare il presidente Trump e provocare la sua destituzione; una campagna che ha avuto inizio la sera della sua elezione, ossia ben prima del suo arrivo alla Casa Bianca. Essa ottiene un grande successo presso l’elettorato democratico e gli Stati alleati, la cui popolazione è convinta che il Presidente degli Stati Uniti sia uno svitato. Ma gli elettori di Donald Trump tengono botta mentre lui riesce a lottare efficacemente contro la povertà. Continua a leggere QUI

********************** 

L’EUROPA VUOLE CHE L’INVASIONE DELL’ITALIA PROSEGUA, PROBABILMENTE FINO ALLA SUA DEFINITIVA DISTRUZIONE 

Notizia ANSA di oggi, o la non notizia , è che al vertice di Tallinn di oggi non cambierà nulla

Il Mandato di Triton è quello di caricare i migranti in mare e scaricarli, TUTTI, SOLO in Italia. Quindi se non cambia Triton, ed a questo punto apre certo, anche per l’opposizione degli altri paesi, l’Europa AUTORIZZERÀ L’INVASIONE DELL’ITALIA in modo permanente e totale. Praticamente l’Italia viene condanna al sacrificio della proprie identità e del proprio essere sull’altare di un bene superiore non identificato. 

Chiaramente ci blandiranno con qualche milionata di euro, con qualche promessa, ma i fatti sono quelli: A RAGIONE NON VOGLIONO MIGRANTI, ED A TORTO LI VOGLIONO IMPORRE A NOI. Tutto il resto è NOIA.  Fonte link:  https://scenarieconomici.it/ 

**********************

Torino-Lione, ogni lavoratore Tav ci costa 1 milione di euro

Il road show di Telt si è conquistato i titoli e gli articoli dei giornali con facilità come purtroppo avviene solitamente. Eppure se il sistema dell’informazione verificasse le informazioni e i numeri dati dai comunicati stampa inviati nella propria email, si scoprirebbe che più che informazioni ci troviamo quasi sempre ad avere a anche fare con propaganda! Noi lo abbiamo fatto e al di là della retorica e della propaganda i numeri (veri!) sono impietosi: ogni singolo posto di lavoro che sarebbe creato dalla costruzione del Tav Torino Lione costerebbe alla collettività oltre un milione di euro, e sarebbe un posto di lavoro a termine, durerebbe i 10 anni della costruzione dell’opera.

Prendiamo in esame le ricadute occupazionali previste dai proponenti e il costo a carico delle casse pubbliche italiane. Nel progetto definitivo della sezione compresa tra Bussoleno e il confine di Stato troviamo la stima della forza lavoro: nei primi due anni di anticipazione sono previsti circa 200 lavoratori; nell’ultimo anno e mezzo una cinquantina; negli otto anni e mezzo centrali di lavoro la media è di circa 900 lavoratori.

Consideriamo anche i posti di lavoro indiretti, i proponenti affermano che sono due per ogni posto diretto. Diciamo quindi 800 posti diretti più 1600 indiretti. I costi a carico dell’Italia dell’intera sezione transfrontaliera li troviamo nella delibera Cipe 19 del 2015: se l’Europa erogasse il massimo contributo possibile l’opera graverebbe sulle finanze italiane per 3 miliardi di euro; da questa cifra si sale fino a 5 miliardi se il contributo Europeo venisse cancellato o ridotto.  Continua a leggere QUI
**********************

LA GABBIA CHIUSA. CHI E’ CHE CI PRENDE SEMPRE?

Le mie ultime parole a Gianluigi Paragone quando quasi un anno fa mi cacciò per la terza volta da La Gabbia di La 7 furono: “Tu sei l’uomo del 3% e lì morirai”.

La Gabbia è stata chiusa perché da 4 anni a ogni fine puntata Paragone e l’autore Montanari ci dicevano: “Dai, che fra un mesetto cresciamo!”. Non sono mai cresciuti. E io glielo dicevo tutte le volte. E li hanno chiusi, punto. Erano il 3% eterno.

Prima di continuare, posso chiedere a Diego Fusaro di emigrare nelle isole Palau? Voglio dire Diego, sei un marxista di Porto Cervo che attribuisce ogni manifestazione sul Pianeta “Alla contraddizione fra il Capitale e la classe proletaria”… anche se ti si rompe il sifone del lavandino è la contraddizione fra il Capitale e la classe proletaria. Poi chiedi 1.000 euro per palesarti a iniziative pubbliche dove per 1.000 euro dirai che piove perché è la contraddizione fra il Capitale e la classe proletaria. Già questo basta per appiopparti un one way ticket to the Palau Islands. Ma che tu sia stato capace di scrivere un encomio su Paragone e la Gabbia, degno del peggior Paolo Mieli se avessero chiuso Porta a Porta, questo è troppo. 

Allora l’equazione è semplice come un panino al prosciutto: 

Continua a leggere QUI 

**********************

 Una Fiat 500 “F Berlina”, dello stesso modello acquistato dal MoMA di New York 

La “vecchia” Cinquecento entra nel nuovo cuore del MoMA
 

Il Museum of Modern Art di New York ha annunciato l’acquisto di una FIAT Cinquecento del ’68 da inserire nella sua collezione

Un altro grande riconoscimento del disegno italiano. A un’ottantina d’anni dalla sua nascita, infatti, la FIAT Cinquecento riceve quello che è in pratica il massimo crisma del “design” mondiale: verrà incluso tra gli oggetti offerti all’attenzione del pubblico come i più significativi e più belli nello sviluppo del disegno industriale  
 
A un’ottantina d’anni dalla nascita, la “Cinquecento” della FIAT riceve quello che è in pratica il massimo crisma del “design” mondiale con l’annuncio, dato dal Museum of Modern Art di New York, che un esemplare della macchinetta è stato acquistato dal museo stesso per essere incluso tra gli oggetti offerti all’attenzione del pubblico come i più significativi e più belli nello sviluppo del disegno industriale.
 
Nel suo comunicato il “MoMA” non precisa quale sia l’avvenimento che lo ha indotto ad includere la mini-FIAT nella sua collezione – accanto ad altre macchine “iconiche” come una Cisitalia, una Ferrari, una Jaguar, una Jeep e una Volkswagen – ma non è impossibile che il fatto che la Cinquecento si veda adesso sgattaiolare ogni tanto per le strade  americane in seguito  all’avvenuta fusione tra FIAT e Chrysler abbia rammemorato qualcuno dei suoi curatori dell’esistenza della intramontabile quanto simpatica, pratica e graziosa macchinetta.  Continua a leggere QUI

TRUMP & TRUMP

SU TRUMP COMANDA JARED, IL “CUCK GLOBALISTA”

 Gli USA attaccano la Siria 

 
 

L’azzardo di Trump. Gli USA attaccano la Siria. L’ISIS esulta

 

Duma spiega cosa significa sospensione memorandum
Russia-USA sulla Siria

 US Maintains Desire for Dialogue With Russia Via Flight  Safety Channel on Syria

 Rullano i tamburi di guerra: la propaganda anti-russa invade i palinsesti televisivi

IERI LE ARMI DI “DISTRUZIONE DI MASSA DI SADDAM”,
OGGI “LE ARMI CHIMICHE DI ASSAD”.
TANTO C’E’ CHI CI CASCA SEMPRE 

 TRUMP BORMBARDA LA SIRIA: SIAMO AD UN OBAMA 2?

Globalismo la distopia di un cavalcato caos

 

Che cos’è il globalismo e dove sta andando?

30 Marzo by Jon Rappoport 

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

“Soprattutto, l’élite globalista considera l’essere umano nient’altro che una macchina, una macchina biologica che è mal programmata, che ha un disperato bisogno di una completa revisione e ristrutturazione a livello mentale”. (The Underground, Jon Rappoport)

Nel corso degli anni, ho scritto molto sul globalismo. Durante le elezioni presidenziali americane del 2016, Donald Trump ne ha parlato spesso, e in termini dispregiativi. Ha fatto passare il concetto al pubblico (portandolo indietro), che si era ritirato da articoli di stampa. Si potrebbe dire che ha lasciato il gatto fuori dal sacco. Così qui ho pensato di pubblicare una parte della serie del materiale importante che ho scritto sull’argomento. La gente ha bisogno di venire a conoscenza sul movimento d’élite chiamato globalismo e delle sue strategie e obiettivi.

UNO: “Durante il fine settimana, migliaia di manifestanti in diversi paesi hanno condannato gli imminenti [globalisti] accordi commerciali promossi dai governi e i loro partner aziendali. Anche se le proteste hanno ricevuto scarsa copertura dai media mainstream, si estendeva da Parigi a Varsavia“. (Carey Wedler, la lista nera delle Notizie, 10/19/16)

Ora che l’elezione è finita, è importante rivedere alcuni fatti circa il globalismo. Vi sono state al centro di tutto numerose polemiche durante il periodo che ha precede il voto.

IL Globalismo non è solo una parola astratta o un’idea. Dà la sopravvivenza per alcuni, e cerca di portarla via da altri. Si abbatte sulle popolazioni come una tempesta di locuste. Essa mina posti di lavoro. Si ruba. È stato progettato per rendere il caos.

Il Globalismo si basa sulla convinzione che l’élite siano “le persone migliori” e devono governare tutti gli altri per il bene più grande. “Non stiamo cercando di fare del male. Stiamo diffondendo la ricchezza.“

Siamo in grado di trovare i semi del globalismo in Platone e il suo antico dialogo chiamato La Repubblica. Platone ha fatto la sua posizione filosofica finale su quel lavoro. Passo dopo passo, si stabilisce che il buono è il più alto concetto nell’universo, esistente in un regno di “idee pure”, a parte la routine quotidiana dell’esistenza, deve essere letta e compresa, se la società è quello di incontrarsi con il suo miglior destino.

Ma, naturalmente, qui in questo regno umano, non tutte le persone sono in grado di capire bene e/o tradurle in azione. Solo pochi possono afferrarle-e salire verso l’alto della regola.

Così, alla fine, si è dipinto in un angolo terribile dove v’è un paradiso fascista. Si respingono tutti i tentativi di diluizione. Questo è come Platone, il filosofo dell’umana esistenza, il singolo campione della libertà e del pensiero indipendente. Ma non importa. Nel corso dei secoli, “i più saggi degli uomini” hanno preso spunto da lui, nazioni e civiltà in base alla loro versione (self-serving) di un bene costruito. E nel processo, hanno usato i propagandisti per convincere le popolazioni che governano dall’alto che il bene costruito viene effettuato solo come un servizio altruistico …

Quando un sistema è stato ideato, progettato, lanciato e gestito da criminali per minare una nazione, essi naturalmente andranno a difenderlo dicendo: “E’ bello per tutti e non v’è altro modo per poter gestire gli affari umani. Inoltre, ora NON possiamo fermarlo. Perché potrebbero causare diffusi disordini.”

Esattamente nello stesso modo, se il sistema di sicurezza venisse disattivato, risulterebbe un enorme carcere nient’altro che un contenitore dove persone innocenti potrebbero superficialmente apparire come il “caos”.

In questo caso, la verità circa la prigione globalizzata è semplice. L’operazione sottostante porta via posti di lavoro in America, e li invia fuori nell’inferno del Terzo Mondo, dove gli stessi prodotti sono forniti dalle stesse società, per pochi centesimi, utilizzando lavoratori schiavi che lavorano in condizioni ambientali tossiche che distruggono la loro salute.

E’ così difficile da capire?

Le aziende americane che hanno prodotto in quei buchi infernali, possono di nuovo vendere i loro prodotti agli americani senza pagare le tasse, tariffe, o sanzioni di qualsiasi tipo. I difensori del globalismo sostengono che vendendo i prodotti a buon mercato sia un bene per il consumatore americano. Questa è una menzogna, perché molti di quei consumatori non hanno più i loro posti di lavoro. O lavorano a salari molto più bassi rispetto al passato, perché le aziende che lavoravano per l’America ora producono in quei buchi infernali.

Tutto sommato, questa disposizione è ovviamente progettata per silurare l’economia nazionale. Non è un incidente. Non è una conseguenza non voluta. I globalisti possono essere criminali, ma non sono criminali stupidi.

Ma per quanto riguarda le società statunitensi che hanno lasciato l’America e hanno aperto un’azienda, un negozio all’estero? Non vedono quello che sta davanti ai loro occhi? Non vedono che la loro base di consumatori negli Stati Uniti si sta restringendo?

Infatti, le aziende sono stupide. Stanno scommettendo sul successo a breve termine che stanno andando a perdere, contro il collasso a lungo termine. Si spingono sempre più in avanti con gli occhi chiusi, perché sono increduli, nella loro mente non credono che il sistema possa essere modellato al fallimento finale.

Il movimento anti-globalismo è molto più grande di Trump, quindi non importa cosa ne pensi di lui, o che si creda più o meno nella sua onestà, le idee che egli sta portando avanti stanno avendo un enorme impatto sulla popolazione, perché la popolazione ha capito il gioco globalista. Vedono e sentono la distruzione. Essi vedono e sentono ciò che sta accadendo ai posti di lavoro. Vedono la brutale realtà, e rifiutano qualsiasi ipotesi del gioco globalista.

Vogliono che l’America li supportino. Vogliono che l’America prosperi. Vogliono un mercato libero. Non vogliono che il loro paese sia ridotto allo status di terzo mondo. Tutto il gergo umanitario del politicamente corretto nell’universo non sta per cambiare queste realtà di base. Il globalismo-l’esportazione di posti di lavoro, la rapida espansione del Welfare State, il lancio di guerre senza senso per spianare la strada per il saccheggio delle imprese, l’immigrato-alluvionato attraverso le frontiere aperte, è un killer per la nazione. E’ costruito per essere un killer.

La decimazione delle nazioni è un precursore intenzionale per governare il pianeta calato dall’alto dai Globalists. – “Quello che noi distruggiamo lo faremo risorgere alle nostre condizioni”.

Nessuna nazione sulla Terra ha una storia pura e pulita. Ma nessuna nazione merita di essere livellata e distrutta. Le idee fondanti della Repubblica originale americana erano e sono le migliori idee di governo mai emanate nella storia umana. Le implicazioni sono: un severo e limitato potere federale. liberi individui. individui indipendenti. Gli individui possono scegliere i propri sogni e destini. Individui che lavorano per realizzare quei sogni.

La cosiddetta stampa liberale, e le istituzioni accademiche d’America, sono azzerate completamente. Lo si può vedere dell’agenda globalista. La stampa non potrà mai contestare tale ordine del giorno. Sono grotteschi vigliacchi di primo ordine.

Ho incontrato alcuni di loro durante i miei 30 e più anni di lavoro come reporter. Dietro le loro facciate profumate, che emanano un fetore. Ho creato questo sito 15 anni fa, in parte, per esporre il globalismo nei suoi vari aspetti, come una profonda malattia delle élite s; Il globalismo deve essere tagliato e chiuso.

L’America è l’America. Per la maggior parte, la sue genti sono decenti. I loro leader nel tempo li hanno traditi più volte, senza pensarci due volte, senza un briciolo di rimorso.

Il cosiddetto movimento populista che sta crescendo a passi da gigante, e che si è fatto le gambe con Ron Paul, non deve arrivare a una battuta d’arresto, non importa chi si siede alla Casa Bianca, non importa quello che fa. Il futuro è ora.

DUE: la società globalista è cieca di fronte alla sventura.

La gente non apprezza appieno la capacità delle mega-società. Le 300 più grandi aziende rappresentano circa il 25% di tutto il commercio internazionale. E, ancora più sorprendente, questi colossi operano in linee di produzione a metà forza. Perché? Perché, solo 1,5 miliardi di persone nel mondo hanno abbastanza soldi per essere considerati come veri consumatori.

Quindi, queste aziende, che sono le protagoniste del programma globalista, stanno cercando e sperando in molti più clienti. Nel frattempo, i globalisti Rockefeller stanno pubblicizzando la pseudoscienza del riscaldamento artificiale, al fine di convincere le nazioni a ridurre la loro produzione di energia. Tale piano, naturalmente, potrebbe erodere ulteriormente la capacità di mega-società a trovare nuovi consumatori. Infatti, i globalisti sono tutti impegnati nell’approfondire metodi per distruggere le economie e con l’obiettivo di creare povertà che infetta la linfa vitale della società.

Siamo di fronte a una – enorme crepa – una contraddizione-nel fondamento stesso del globalismo. E se si vuole prendere questo più alla lontana, la nozione radicale di spopolamento in tutto il pianeta avrebbe fatto del male ancora più grave ai sogni e alle ambizioni aziendali. Molti meno ai consumatori.

Ci sono soluzioni selvagge e lanose. Ad esempio, fornire un reddito di base per ogni essere umano sulla Terra; o fare soggiacere in via esclusiva i governi alle società per i loro prodotti, che vengono poi erogati alla popolazione in uno schema di pazzo welfare universalistico. Necessariamente, in entrambi i casi, si avrebbe un nuovo sistema di valuta. I governi avrebbero apertamente e blandamente creato denaro dal nulla, per finanziare questi schemi strampalati. I governi hanno già inventato i soldi, ma se si verificasse questo sarebbe su una scala molto più grande, e senza alcuna pretesa di legittimità.

Data la propensione dei governi a eseguire i loro programmi secondo le direttive vertiginosamente incompetenti, non vedo alcun modo per le mega-società dovrebbero accogliere queste “innovazioni”.

In breve, le aziende stanno acquistando una cosa che non sta ne in cielo ne in terra. Ma insistono nel credere nei favori e vantaggi inventati dai globalisti che li stanno offrendo su meravigliosi mercati; ma in realtà, la situazione a lungo termine è una non-conquista. E’ una strada che si sta restringendo, lasciando solo una piccola fessura all’arrivo.

I Globalisti stanno riducendo la base dei consumatori in tutto il mondo. Vogliono una distopia un caos-cavalcato, cui si intende controllare con pugno di ferro. In tale scenario, le mega-società potranno anche ridursi a ombre di se stesse. La loro utilità decadrà rapidamente.

Memo per gli amministratori delegati: perché non provi a risvegliarti? Tutto il movimento messo in piedi dalla élite è una contraddizione, e tu sei al ribasso. Perché questi amministratori delegati non si risvegliano? Perché la loro avidità a breve termine supera la loro visione a lungo termine. Per loro, si tratta di un modo più semplice di vivere. Prendi i soldi e scappa.

TRE: “Alcuni credono che facciamo parte di una cabala segreta che manovra contro gli interessi degli Stati Uniti, che caratterizza la mia famiglia e me come ‘internazionalisti’ e di cospirare con altri in tutto il mondo per costruire una struttura politica ed economica globale più integrata – un mondo, se si vuole. Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole, e sono orgoglioso di esserlo.” David Rockefeller, Memorie, 2003.

L’uomo che ha scritto queste parole rappresenta una famiglia che ha dominato il mondo bancario, il petrolio, la medicina moderna, la politica dietro le quinte, e le potenze del globalismo (ad esempio, il Council on Foreign Relations CFR) per un secolo.

Il Globalismo afferma che nessuna nazione può essere indipendente dalla “famiglia” delle altre nazioni, come se fosse un dato di fatto indiscutibile. Una nazione rivendicando la propria sovranità diventa così per l’ordine naturale delle cose un folle traditore. Quello che realmente lega le nazioni tra loro è la propaganda, e i trattati che si basano sulla stessa propaganda, con conseguente (temporanea) gonfi super-profitti per mega-società.

Il globalismo è un pezzo laico di montatura messianica. Un altruismo Disneyano è la prua della nave. Se si spendesse 10 minuti per educare qualsiasi imbroglione di strada su principi globalisti, lui, li avrebbe riconosciuti come una truffa standard. Gli avvisi di Obama per gli inglesi, sul loro ritiro da parte dell’Unione Europea globalista che li avrebbe messi sul retro della linea a negoziare un trattato commerciale separato con gli Stati Uniti, era pura finzione.

La Gran Bretagna, o qualsiasi nazione, che fornisce beni da vendere e il desiderio di acquistare troveranno sempre partner commerciali. Un accordo potrebbe essere scritto su un tovagliolo durante la cena.

Gli imminenti accordi commerciali come il TPP e TTIP sono redatti da migliaia di pagine e prendono così tanto tempo per negoziare, perché i pezzi grossi al tavolo sono alla ricerca di nuovi modi ingegnosi per tagliare e incollare il mondo in un aumento dei profitti per se stessi.

Il globalismo, nascondendosi dietro migliaia di analisi accademiche, raccoglie i lavori da una nazione, dove i salari sono ragionevoli e le condizioni di lavoro sono tollerabili, a differenza delle discariche infernali dove i salari sono quasi invisibili e le condizioni sono velenose. E’ così semplice, che qualsiasi imbecille poteva vedere come i paesi industrializzati come gli Stati Uniti soffrirebbero … se per nazioni si intendono persone. Invece di imprese criminali e investitori criminali. Ma tutto questo è stratificato nel corso del “condividere e cura” del contentino.

Il governo degli Stati Uniti potrebbe abrogare i trattati commerciali NAFTA, CAFTA, e GATT domani stesso, e gettare gli attuali documenti TPP e TTIP di negoziazione fuori dalla finestra … e tutto sarebbe andato bene. Meglio.

Molto meglio.

Per esempio, senza il NAFTA, i produttori statunitensi non sarebbero stati in grado di inondare il Messico con il mais a buon mercato, gettando 1,5 milioni di agricoltori di mais messicani in fallimento, che porta molti di loro di attraversare il confine e andare negli Stati Uniti per trovare lavoro.

Nessun presidente degli Stati Uniti si è sottratto da quando Nixon ha turbato la marcia del globalismo del “libero scambio”. Tutti i presidenti da allora sono saliti a bordo con il piano di Rockefeller. E l’economia degli Stati Uniti, che equivale a posti di lavoro, ha quindi vacillato. Il crollo finanziario del 2008 è stato solo uno dei fattori del declino. La promessa di importazioni a buon mercato per la vendita negli Stati Uniti, questa è la giustificazione per il lavoro e il libero scambio-Indifferente, quando in realtà la gente qui non ha posti di lavoro e senza potere d’acquisto.

I principali mezzi di comunicazione, affacciati sul libero scambio, sono andati in preda al panico quando Donald Trump ha affermato di rifiutare il globalismo. Sarebbero andati ancora più nel panico su una promessa di Bernie Sander, se pensavano di avere qualche possibilità di sconfiggere Hillary Clinton per la nomination democratica. I media hanno i loro ordini calati dall’alto dove sono accatastati, le carte sono state distribuite molto tempo fa.

Le promesse patetiche di Hillary Clinton sulla creazione di posti di lavoro rivelano nulla di sostanzioso. Agevolazioni fiscali per le piccole imprese di piccole dimensioni che “condividono i profitti con i dipendenti”, la “rimozione del governo burocratico,” “finanziamento sulle scoperte della ricerca medico-scientifica”, “ampliamento delle opportunità per la formazione del lavoro” – in verità, il suo metodo di base per stimolare l’economia è sempre stato: trovare una guerra, qualsiasi guerra, e combatterla.

QUATTRO: Da GlobalisationGuide.org: “Che cosa significa la globalizzazione in Australia?” “Le corporazioni australiane partecipano all’oppressione dei lavoratori e dei contadini dei paesi poveri in Asia. Le società minerarie e forestali australiane sono coinvolte nell’estrazione della ricchezza dai paesi come la Papua Nuova Guinea, Irian Jaya e in Indonesia, a volte contando sul sostegno militare per reprimere l’opposizione locale“. 

“Il supporto australiano per la liberalizzazione del commercio, in particolare nel settore agricolo, è stato usato per aprire i mercati nei paesi poveri dove le esportazioni di materie prime australiane mettono gli agricoltori di sussistenza locali senza lavoro.”

“L’Australia ha aperto i propri mercati ai prodotti realizzati in Paesi che consentono il lavoro minorile, o vietare la formazione di sindacati liberi.” “Il governo australiano ha opposto sforzi per includere clausole di protezione ambientale e del lavoro negli accordi dell’Organizzazione mondiale del commercio.” “L’Australia dovrebbe sostenere la riforma dell’OMC per renderla più equa per i paesi poveri del mondo.” “L’Australia pone alcune restrizioni sulle operazioni delle organizzazioni transnazionali, che prendono la ricchezza dal … [nostro] paese, e non sono gestite nell’interesse dell’Australia”. 

CINQUE: Questa è una bomba. E’ un pezzo fondamentale della storia che è stato ignorato dai mass media. Ho pubblicato questa intervista prima. Qui voglio fare nuovi commenti. Prima di tutto, la Commissione Trilaterale di David Rockefeller è nata nel 1973, in parte perché il piano globalista per garantire “libero commercio” (senza le tariffe pagate dai predatori delle mega-società) aveva incontrato un problema tecnico.

In questo inconveniente era presidente Richard Nixon. Ha iniziato la posa delle tariffe su alcune merci importate negli Stati Uniti, al fine di livellare il campo da gioco e proteggere le aziende americane. Nixon, un sostanziale truffatore sotto altri aspetti, se ne andò con un suo copione, in questo caso e in realtà ha iniziato un movimento per rifiutare la visione globalista.

Dopo la cacciata di Nixon dalla Casa Bianca, Gerald Ford divenne presidente, e ha scelto il fratello di David, Nelson Rockefeller come suo vice-presidente. Era un segno del globalismo e il libero commercio che era di nuovo in pista. Ma David Rockefeller e il suo assistente, Brzezinski, volevano di più. Volevano un uomo alla Casa Bianca il quale si era creato da zero. Quell’uomo era un contadino di arachidi nessuno aveva mai sentito parlare di: Jimmy Carter.

Attraverso le loro connessioni multimediali, David e Brzezinski hanno messo Carter sotto i riflettori. Ha vinto la nomination democratica (1976), diffondendo un messaggio sciropposo d’amore dopo la debacle del Watergate, e ben presto fu sistemato nello Studio Ovale.

Flash Forward nel 1978, il secondo anno di presidenza di Carter. Un colloquio ha avuto luogo. E’ un gioco da ragazzi un disegno di un momento straordinario. E’ un trucco attraverso uno specchio segreto, sotto forma di una conversazione tra un giornalista, Jeremiah Novak, e da due membri della Commissione Trilaterale, Karl Kaiser e Richard Cooper. L’intervista riguardava la questione di chi esattamente, durante l’amministrazione del presidente Carter, era la formulazione e il controllo degli Stati Uniti della politica economica e politica in generale.

L’atteggiamento distratto e fuori mano dei Trilateralisti Kaiser e Cooper è sorprendente. E’ come se Stessero dicendo, “Quello che stiamo rivelando è già alla luce del sole, è troppo tardi per fare qualcosa a questo proposito, perché ci abbiamo lavorato molto su, abbiamo già vinto …”

NOVAK (il giornalista): E’ vero che un privato [comitato trilaterale] guidato da Henry Owen degli Stati Uniti e composto da [trilateralisti] rappresentanti di Stati Uniti, Regno Unito, Germania occidentale, il Giappone, la Francia e la CEE sta coordinando lo sviluppo economico e le politiche dei paesi trilaterali [che includerebbe anche gli USA]?

COOPER: Sì, si sono riuniti tre volte.

NOVAK: Eppure, nel vostro recente documento si dichiara che questo comitato deve rimanere informale a causa di formalizzare ‘questa funzione potrebbe rivelarsi offensiva per alcuni della Trilaterale e di altri paesi che non partecipano.’

Chi hai paura?

KAISER: Molti paesi in Europa potrebbero risentirsi del ruolo dominante che la Germania Ovest gioca in queste [trilaterali] riunioni.

COOPER: Molte persone vivono ancora in un mondo di nazioni separate, e si sarebbero risentite di tale coordinamento [della politica] [!].

NOVAK: Ma questo comitato [Trilaterale] è essenziale per tutta la vostra politica. Come si può mantenere un segreto o non riuscire a cercare di ottenere il sostegno popolare [per le sue decisioni su come la trilaterale e paesi membri conducono la loro politica economica e politica]?

COOPER: Beh, credo che sia il lavoro a premere per pubblicizzarlo.

NOVAK: Sì, ma perché non esce il presidente Carter dicendo al popolo americano che [US] il potere economico e politico è coordinato da una [Trilaterale] commissione composta da Henry Owen e altri sei? Dopo tutto, se la politica [US] è stato fatto su un livello multinazionale, la gente lo deve sapere.

COOPER: il Presidente Carter e il Segretario di Stato Vance hanno costantemente accennato a questo nei loro discorsi.

KAISER: E’ solo che non è diventato un problema.

FONTE: “trilateralismo: La Commissione Trilaterale ed Élite pianificazione per la gestione mondiale”, ed. da Holly Sklar, 1980. South End Press, Boston. Pagine 192-3.

Naturalmente, anche se Kaiser e Cooper abbiano sostenuto tutto ciò che viene manipolato da parte della commissione era già alla luce del sole, la Commissione  Trilaterale non lo era.

La loro intervista è scivolata sotto il radar dei media mainstream, vale a dire, è stata ignorata e sepolta. Essa non è diventato uno scandalo a livello di, diciamo, Watergate, anche se il suo contenuto era molto più grande del Watergate.

La politica economica e politica degli Stati Uniti è gestita da un comitato globalista della Commissione Trilaterale, la Commissione era stata creata nel 1973 come un “gruppo di discussione informale” di David Rockefeller e il suo assistente, Brzezinski, che sarebbe diventato poi capo per la sicurezza nazionale di Jimmy Carter.

Poco dopo aver vinto le elezioni presidenziali Carter, il suo aiutante, Hamilton Jordan, ha detto che se dopo l’inaugurazione, Cy Vance e Brzezinski sarebbero venuti a bordo come segretari di Stato e consigliere per la sicurezza nazionale, “Abbiamo perso. E io avrei smesso.” Hai perso, perché entrambi gli uomini erano potenti membri della Commissione Trilaterale e la loro nomina a posizioni chiave segnalerebbe un abbandono del controllo della Casa Bianca alla Commissione.

Vance e Brzezinski sono stati nominati segretario di Stato e consigliere per la sicurezza nazionale, come temeva Hamilton Jordan. Ma lui non ha smesso. E’ diventato capo del personale di Carter. E di nuovo Flash Forward, per l’amministrazione Obama.

Obama, nel periodo che precede il suo insediamento dopo le elezioni presidenziali del 2008, è stato istruito dal globalista co-fondatore della Commissione Trilaterale, Zbigniew Brzezinski. Quattro anni prima che partiva la Commissione con il suo boss dei boss, David Rockefeller, Brzezinski ha scritto: “[Lo] Stato-nazione come unità fondamentale della vita organizzata dell’uomo ha cessato di essere la forza creativa principale. Le banche internazionali e le multinazionali stanno agendo e la pianificazione in termini che sono di gran lunga in anticipo rispetto ai concetti politici dello Stato nazionale“. Addio, nazioni separate. Ciao, governo globale.

Ogni dubbio sulla questione degli obiettivi della Trilaterale risponde da David Rockefeller stesso, nelle sue Memorie (2003): “Alcuni credono che facciamo parte di una cabala segreta che manovra contro gli interessi degli Stati Uniti, che caratterizza la mia famiglia e me come internazionalisti e se si vuole di cospirare con altri nel mondo per costruire un’unica struttura del mondo politico ed economico globale più integrato. Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole, e sono orgoglioso di esserlo“.

Patrick Wood, autore della Trilaterale sopra Washington e tecnocrazia Lecter, fa notare che ci sono solo 87 membri della Commissione Trilaterale che vivono in America. Obama ha nominato undici di loro a posti nella sua amministrazione.

Per esempio: Tim Geithner, segretario al Tesoro; James Jones, consigliere per la sicurezza nazionale; Paul Volker, Presidente del Comitato di ripresa economica;
Dennis Blair, direttore della National Intelligence.

Ecco la ricompensa. La US Trade Representative (nominata da Obama nel 2013), che era responsabile per negoziare il trattato globalista TPP (Trans-Pacific Partnership) con 11 altre nazioni, è stato Michael Froman, un ex membro della Commissione Trilaterale. Non lasciate che la parola “ex” vi possa ingannare. I membri della Commissione si dimettono quando prendono posizioni nel ramo esecutivo del governo. E quando servono in posizioni vitali, come la US Trade Representative, non sono lì per caso. Sono operativi con un ordine del giorno specifico.

Flash Forward ancora una volta. Trump, che ha schiacciato il trattato globalista del TPP appena stato inaugurato, è stato occupato nelle nomine del personale per la preparazione. scrive Patrick Wood (2/6/17):

“Secondo un comunicato stampa della Casa Bianca, il primo membro della Commissione Trilaterale che è entrato nell’amministrazione Trump come il Vice Assistente del Presidente per gli affari economici internazionali, dove si siederà nel Consiglio di Sicurezza Nazionale:

“Kenneth I. Juster servirà come Vice Assistente del Presidente per gli affari economici internazionali. Egli coordinerà la politica economica internazionale dell’Amministrazione e l’integrazione con la sicurezza nazionale e la politica estera. Sarà anche rappresentante e negoziatore degli Stati Uniti del Presidente (“sherpa) per i vertici annuali del G-7, G-20, e APEC“. Altri doveri più giustificati lo porteranno nel cuore dei negoziati ad alto livello con i governi stranieri in materia di politica economica.

Dobbiamo tener d’occhio il signor Juster. Riuscirà a prendere azioni in linea con posizione anti-globalista dichiarato da Trump? O la volontà di Juster lavora come un altro globalista operativo nella Trilaterale nel centro del processo decisionale americano?  Se la risposta è “operativa”, Trump lo sa questo? Egli perdonerà ciò che farà il signor Juster? O si tratta di un caso di infiltrazione segreta, a nome del più potente gruppo globalista del mondo, la Commissione Trilaterale?

SEI: media globalizzati. E’ un bel piano. Esaminiamoli.

I nuovi media tecnocratici si basano sulla profilazione degli utenti. Non ci sono notizie di forte impatto a meno che ogni membro del pubblico sia sorvegliato e analizzato in base a ciò che gli piace e vuole.

Scioccante? E’ da aspettarselo. In quale altro modo avrebbero i tecnocrati postato le innumerevoli ore che hanno speso nel dimensionamento dei loro consumatori/utenti? Diversi anni fa, ho scritto: “Il blaterare di tecnologia è già iniziato, dal momento che Jeff Bezos, CEO di Amazon, ha acquistato il Washington Post ad una infiammata vendita. Jeff Genius ha inventato nuovi modi per trasmettere le notizie alle ‘persone in movimento’ e le notizie postate avranno un successo formidabile. Dispositivi mobili. piattaforme multiple. Il digitale sta prendendo il posto nella stampa. Annunci personalizzati per soddisfare gli interessi dei lettori (profilazione). I fatti di cronaca personalizzati per soddisfare gli interessi dei lettori (più profilati).”In altre parole, non notizie. Se pensavate che i media erano irrilevanti e ingannevoli, prima, non avete visto nulla. Le “nuove notizie” creeranno milioni di bolle virtuali in cui gli utenti possono profilarsi e gongolarsi contenti, sotto gli accoglienti tetti e casette separati dei loro preferiti piccoli paradigmi.

Il gigante tecnologico Apple ha guadato in questo territorio con un app che fornisce notizie agli utenti. Yahoo: “Apple Notizie, sarà parte del prossimo sistema operativo iOS 9, si propone di essere la fonte di notizie primarie per gli utenti di iPhone e iPad … Apple dice che le sue App News ‘trattano oltre un milione di argomenti e racconta storie rilevanti in base ai vostri interessi specifici’… Joshua Benton del Nieman Journalism Lab, ha detto che l’applicazione sarà importante perché’ attraverso la sua impressionante potenza di inadempienza, la distribuzione di Apple farà in modo di vedere le cose del tutto in un altro modo. Questa [news] app sarà in centina di milioni di dispositivi entro 24 ore dal suo debutto’.”

Traduzione: La profilatura degli utenti sta andando sempre di più verso il basso, Apple presenterà le notizie come bolle virtuali che si vogliono vedere e leggere. Non solo una presentazione generale per tutti; no, diverse “notizie prese” per un variegato pubblico di Apple. Questo introduce un intero nuovo strato di controllo mentale. “Sei un fan di Obama? Qui ci sono storie che confermano la vostra fede nel Profeta.” “Vuoi un neo-con arroccato con un tocco repubblicano conservatore? Ecco alcuni filmati di guerra che ti scalderanno il cuore “. “Credi che ‘i problemi di stallo del governo’ sia la nostra più grande preoccupazione? E il Congresso è paralizzato? Abbiamo notizie per e da qui alla luna.” “Vuoi sintonizzarti su celebrità e pettegolezzi? Ecco il tuo mondo in tre minuti.”

L’idea è: convincere gli utenti, giorno per giorno sulle cose importanti, in quello che già credono e che la notizia sia la notizia del giorno. E’ Centralizzazione decentrata. Un gigante dei media intagliato sul suo pubblico globale in piccoli pezzi per fornire loro tutta una serie di diverse bugie algoritmicamente appropriate e lanuginose e non al contesto PSYOPS.

E per gli “utenti di frangia?” “Se hai dubbi sugli OGM? Beh, guardati ciò che Whole Foods sta progettando per la loro sezione di prodotti più sani. Rallegrati. ”Niente verrà rivelato agli elettori nessuna dichiarazione un divieto temporaneo sugli esperimenti della Monsanto / Dow sui devastanti tossici o pericoli di Roundup. “Sei anti-vaccino? Siamo spiacenti, non abbiamo notizie. Tu non sei demograficamente riconosciuto. Ma qui se vuoi c’è un pezzo su di un bambino non vaccinato che è stato coinvolto in un incidente stradale sulla I5 “. 

Questo suona come fantascienza? E non lo è. E’ il principale e corrente aspetto del prossimo futuro. I motori di ricerca sono già “Personalizzati” le vostre richieste. US ABC notizie nazionali sta salendo nelle valutazioni perché bisogna dare agli spettatori e lettori “storie più leggere,” e spendere meno tempo su questioni spinose come il Medio Oriente.

Il business delle notizie mainstream è alla disperata ricerca di un pubblico; e trattare ogni “utente” come profilato fasciato-sociale-costrutto di preferenze superficiali, questa è la loro risposta. “Sig. X, abbiamo studiato la piccola bolla virtuale in cui vivi, e ora siamo in grado di venderti il tuo marchio speciale di verità “. “Ciao pubblico. Stiamo per lanciarvi a diventare a tutti gli effetti i consumatori ossessionati, come se non ci fosse nessun altro obiettivo degno nella vostra vita, e poi andremo ad analizzare il vostro profilo da cima a fondo, per scoprire esattamente che tipo di consumatore ossessionato voi siete, in modo che possiamo colpirvi e innescare le informazioni che stimolano in modo univoco le ghiandole surrenali …”

Ogni evento effettivo si verificherà nel mondo e verrà pre-digerito da redattori di media robotizzati e profilatori, e poi suddiviso in pezzi di informazioni variamente programmati  per destinatari diversi.

Chi se ne frega di che cosa è realmente accaduto? Nel nuovo mondo, non c’è ‘cosa che sia realmente accaduta’. Questo è un pieno termine improprio. Un’idea difettosa. Un errore di metafisica. No, c’è solo una lingua biforcuta multi-media che sputa fuori contemporaneamente una dozzina di centinaia di varianti dello stesso evento … perché diversi spettatori vogliono e si aspettano realtà diverse.

Nel 1984 di Orwell (Il Grande Fratello), ha immesso una sola voce nelle case delle popolazioni. Quella era la vecchia scuola. E’ stata una tecnologia primitiva. Quella (“vecchia tecnologia”) è stata utilizzata per realizzare l’unità a colpi di martello sulla testa delle persone. Questa, oggi, è la frontiera dell’unità nella diversità.

“Vogliamo rendere tutti voi in androidi, attraverso le PR di base e di propaganda con una patetica scusa per l’istruzione. Tuttavia, ci rendiamo conto che diventerete diverse varietà di androidi, e noi serviamo a quel risultato con la sofisticazione tecnologica. Fidati di noi. Ci prendiamo cura di ciò che ti sta a cuore e preferisci.”

Utente A: “Wow, hai visto la copertura della guerra di confine a Chula Vista?”(Contea di San Diego California corsivo mio) Utente B: “La guerra? C’era una fantastica esposizione di droni laggiù. Almeno un centinaio di tipi diversi. E poi ho visto un vecchio film sulla WW2 circa il combattimento aereo“. Utente C: “Hai visto Chula? Ho visto una grande disponibilità di libagioni e cibo. Una donna ha fatto una torta al limone. Ho potuto praticamente assaggiarla.” Utente D: “Non è stata una guerra di confine. E’ stata una esercitazione di polizia. E subito dopo, questi poliziotti hanno dato una dimostrazione dei loro mezzi. Giubbotti antiproiettile, scudi, dispositivi di comunicazione, flash-bang, fucili auto con silenziatori, manganelli. Guardo queste esercitazioni in tutto il paese. li amo.” Utente E: “Chula Vista? L’unica cosa che ho visto al telegiornale è che questa settimana era ‘soleggiato e mite’. Guardo tutti i canali meteo. Li amo.”

Ma quando un Big One arriva, come le elezioni nazionali del 2016 negli Stati Uniti, le melodie distinte si uniscono all’unisono in un anello. Poi, l’assoluta necessità di prorogare gli obiettivi del Globalismo (nella persona di Hillary Clinton) e cancellare ogni altra priorità. Poi la maggiore torsione da parte dei media e tutto ciò di cui hanno bisogno per torcere. Poi, per tutti sarà la stessa bolla.

Però, c’è un problema. I principali media si sono sbilanciati migliaia di volte con tutte le notizie ricavate dai siti, da Wikileaks e Project Veritas. Questo attacco ha messo in rilievo la verità e i crimini di Clinton. E tutte queste notizie riflettono nel crescente interesse del pubblico in quello che succede su molti fronti. Il piano tecnocratico per la notizia sta fallendo. E’ stato un bel piano, ma … Si sta rivelando un vero disastro.

Tutti i supporti stanno portando il pubblico verso la consapevolezza dopo il verificarsi di scandali giganti uno dopo l’altro: il supporto di Hillary / Obama per ISIS; bugiardi pro-vaccini; il crollo dell’Obamacare; la fretta sugli OGM; danni da pesticidi … avanti e avanti e avanti. Il risultato? I principali media sono sottoposti a un backup messi all’angolo, dove devono difendere menzogne ​​e costruire le stesse menzogne ​​monolitiche per tutti e tutto il tempo. L’idea di creare notizie separate per ogni utente profilato è già al collasso.

I principali media stanno giocando in difesa contro il resto del mondo. E’ piuttosto come un partito. E non ha alcuna data di scadenza.

Una nota finale: Trump, Wikileaks, Project Veritas, Drudge, e molti siti di notizie, ogni tipo di notizie ha creato una tempesta perfetta nel 2016, piovono sui principali mezzi di comunicazione. Questo, è stato ed è senza precedenti. La grande stampa è stata esposta fino alle sue radici, come mai prima. La menzogna, la collusione, il senso arrogante del diritto, la disperazione, la corruzione è tutto lì da vedere, per chi ha occhi e un paio di cellule cerebrali che lavorano. Aspettatevi molto di più in venire, a prescindere dal risultato delle elezioni. Il treno ha davvero lasciato la stazione …  

SETTE: Zbigniew Brzezinski ha scritto, quattro anni prima che partisse la TC con il suo padrino, David Rockefeller: “[Lo] Stato-nazione come unità fondamentale della vita organizzata dell’uomo ha cessato di essere la principale forza creativa. Le banche internazionali e le multinazionali stanno agendo e i termini della pianificazione sono di gran lunga in anticipo rispetto ai concetti politici dello Stato nazionale“.

Diversi altri membri della Trilaterale degni di nota sono: George HW Bush; Bill Clinton; Dick Cheney; Al Gore. I primi tre uomini hanno contribuito ulteriormente con il debito ad affondare gli Stati Uniti, fomentando guerre all’estero; e il progetto di limitazione commerciale di Gore avrebbe distrutto le economie industriali, mentre stanno aumentando notevolmente il numero di persone nei paesi del terzo mondo che non hanno accesso a fonti di energie moderne.

Tutto questo ha dato un indizio sul motivo per cui l’economia americana non è riuscita a riprendersi dalla debacle di Wall Street del 2008, perché il piano di salvataggio federale era in mano a una dispensa di criminali super-ricchi, e perché Obama ha preso l’iniziativa che ha impedito un recupero?

Uno sguardo più da vicino nel cerchio di Tim Geithner e consiglieri economici rivela l’agghiacciante effetto trilaterale: Paul Volker; Alan Greenspan; E. Gerald Corrigan (direttore, Goldman Sachs); e Peter G Peterson (ex amministratore delegato, Lehman Brothers, ex presidente del Council on Foreign Relations). Questi uomini sono tutti i membri della Trilaterale.

Quante volpi nel pollaio abbiamo bisogno, prima che ci si rende conto che l’agenda globalista della Trilaterale ha il controllo della direzione della nostra economia? La TC non ha alcun interesse a costruire l’economia americana. La vogliono silurare, come parte del fine-gioco per creare una nuova valuta internazionale, inaugurando de facto un sistema di gestione globale per l’intero pianeta.

OTTO: Ora consideriamo i vasti sforzi propagandistici degli ultimi 40 anni, a così tanti livelli, per installare l’idea che tutte le nazioni e i popoli del mondo sono un unico collettivo. Da un livello molto elevato di potere politico ed economico, su questa propaganda ha avuto l’obiettivo di governare la popolazione per un pianeta che è una massa coagulata, gestito e coordinato da un’unica forza. Il motore centrale di tale forza è la Commissione Trilaterale.

Come fa un gruppo oscuro come la TC realizzare il suo obiettivo? Una strategia di base è: destabilizzare le nazioni; rovinare le loro economie; ratificare trattati commerciali che inviano in modo efficace milioni e milioni di posti di lavoro dell’industria in posti dove il lavoro degli schiavi virtuali fa il lavoro; aggiungendo la beffa al danno, esportare i prodotti fabbricati a basso costo di questi schiavi indietro alle nazioni che hanno perso i posti di lavoro e tagliare i loro produttori nazionali, costringendoli a chiudere le loro porte creando ancora più caos economico. E poi risolvere il caos economico per portare ordine.

Che tipo di ordine?

Alla fine, un pianeta, con i confini nazionali cancellati, sotto un unico sistema di gestione, con una prevista economia globale “per ripristinare la stabilità”, “per il bene di tutti, per una armonia duratura”.

I migliori giocatori della Trilaterale, nel 2008, hanno avuto il loro uomo alla Casa Bianca, Barack Obama. In un passato oscuro un altro individuo come Jimmy Carter: Avevano nuovi trattati commerciali sulla tabella di pianificazione. Ad Obama è stato affidato il compito di fare tutto ciò che era necessario per portare a casa questi trattati, come il TPP. Per farli passare. Per farli ratificare. Senza avanzare scuse.

Ecco perché, più di un anno fa, quando la critica e la retorica dell’anti-TPP stavano raggiungendo un crescendo, quando Obama era alla ricerca dell’autorità sul Congresso per una veloce-soluzione per il trattato, si trovava nel panico in un bagno di sudore. Lui e il suo gabinetto erano sui telefoni notte e giorno, rimescolando e raschiare i voti al Congresso. Questo è stato il Big One. Questo è stato il motivo per cui è stato Presidente. Per poter far accadere tutto questo.

I suoi capi della trilaterale lo stavano guardando.  Questi uomini della politica corrono per gli Stati Uniti, quando e dove conta. A loro non piace il fallimento. Questo è anche il motivo per cui Obama è stato eletto, e dopo il suo insediamento per il suo primo mandato, ha scioccato e stupito i suoi consiglieri, che lo aspettavano, con il primo ordine del giorno, per risolvere il problema della disoccupazione in America. Invece Obama li ha sconvolti ignorando la preoccupazione numero uno degli americani, ha deciso invece di optare per la sua disastrosa politica nazionale di assicurazione sulla malattia-Obamacare.

Obama non ha mai avuto alcuna intenzione di cercare di tirar fuori l’America dal crollo del 2008. Questo non era il motivo per cui è stato messo nello Studio Ovale. Avrebbe dovuto e potuto far finta di riportare l’economia con i numeri elusi e gli standard distorti. Ma realmente e veramente, creare posti di lavoro ben retribuiti per molti, per molti americani? Non erano all’ordine del giorno della TC. E non era nemmeno nelle carte.

E’ stato controproducente il piano della TC: silurando ulteriormente l’economia.

Obama si è messo in movimento. Ha viaggiato in luoghi lontani, cercando di puntellare un consenso globale sul trattato TPP. La sua gente stava lavorando giorno e notte per arrotondare i voti necessari per la ratifica TPP al Congresso. Obama prevedeva di sgattaiolare attraverso il trattato durante la sessione di anatra zoppa del Congresso dopo le elezioni di novembre, davanti ai membri del Congresso dei nuovi eletti.

Obama ha spinto attraverso trattati commerciali globalisti: questo è il motivo per cui è stato messo alla Casa Bianca.

Questo è il suo compito primario.

Questo è il suo vero lavoro.

I suoi capi lo stanno guardando.

“Mi impegno ad essere fedele alla Commissione Trilaterale, e al dominio che essa rappresenta, un pianeta, indivisibile, con la tirannia e la povertà e l’ordine calato dall’alto verso il basso per tutti …”[Aggiornamento: il TPP era morto dopo l’arrivo  e l’elezione di Trump.] 

NOVE: “Gli esseri umani sono tecnocratici spiritualmente morti. Essi sono capaci di tutto, non importa quanto odiosi, perché non ci riflettono sopra o mettono in discussione l’obiettivo finale.”- Chris Hedges “turbine sui fiumi e i mari per l’energia elettrica; potenza dell’idrogeno; fattorie urbane; massiccia desalinizzazione dell’acqua, questi sono solo alcuni dei mezzi per fare un futuro migliore e abbondante, non tecnocratico. Da ogni punto si guardi razionalmente, l’idiozia tecnocratica è già obsoleta.”- La metropolitana, Jon Rappoport – Ancora, grazie a Patrick Wood e il suo libro, Technocracy Lecter, per espandere la mia visione in queste aree.

Da prendere in considerazione il termine dell”Oxford Dictionary che offre questa definizione “umanesimo scientifico”: “Una forma di teoria dell’umanesimo e della pratica che si basa sui principi e metodi della scienza; in particolare la dottrina che gli esseri umani dovrebbero utilizzare, metodi scientifici per studiare la vita e il comportamento umano, al fine di indirizzare il benessere e il futuro del genere umano in modo razionale e benefico … Origine metà del 19° secolo “.

Tale definizione ci dà un generale buon significato sulla “tecnocrazia”. Comprendere la mentalità dei tecnocrati globalisti è necessario; credono che dal momento che possono pianificare la forma della società, credono di doverla pianificare.

I politici sono fuori moda lungo questo nuovo percorso evolutivo. Essi sono in via di estinzione. Invece, gli ingegneri prenderanno il loro posto. Gli esseri umani (tutti gli otto miliardi) saranno contabilizzati. Essi riceveranno quote di energia. Perché una mappa maestra esiste per la quantità di energia globale disponibile in ogni momento, ogni essere umano sarà consentito di consumare solo tanta energia nel corso di un periodo di tempo definito.

Questo è il “quadro generale”. Tecnocratico

Ovunque si vede lo stato di sorveglianza, si vede la tecnocrazia. L’affermazione che la sorveglianza può essere utilizzata per prevenire attacchi terroristici è una storia di copertina. In realtà, non ci può essere un tutto che abbraccia la tecnocrazia senza un monitoraggio in tempo reale del consumo di energia di ogni cittadino.

Ma la tecnocrazia va molto più in là di questo. Gli esseri umani sono visti come macchine biologiche mis-programmati con la necessità delle correzioni di base. La loro tendenza a impegnarsi in un conflitto deve essere frenata. Qualunque cosa facciano, per esempio, o pensare che va contro la stretta organizzazione della società calata dall’alto “pacificata e armoniosa” è, a priori, irrazionale e deve essere sradicata a livello della Mente.

La riprogrammazione necessaria dovrebbe essere ottenuta attraverso mezzi genetici, elettronici e chimici. Anche se mai verrà ammesso pubblicamente, i tecnocrati non vedono alcuna ragione per mantenere la popolazione umana al livello attuale. L’eliminazione di un gran numero di “macchine biologiche” renderebbe il loro lavoro più facile.

Le fiabe araldiche circa la trasformazione “transumana” sono usate per dare un volto meraviglioso sulla tecnocrazia. Per esempio, c’è stato detto che presto sarà possibile collegare un cervello umano con un super-computer e scaricare direttamente agli umani “le spirituali saggezze, la conoscenza e il talento”.

Tecnocratica premessa: la società stessa è un gioco da tavolo, e qualcuno deve essere responsabile; Chi meglio degli ingegneri con un piano generale? I cosiddetti “progressi” nella vita umana inizierà affermando i “diritti” fondamentali che le persone hanno diritto. Ad esempio, “un ottimo stato di esistenza sociale.” Quello che questo significa veramente è “pioli nei fori.” Le persone saranno inserite nelle fessure che producono la “più grande quantità di felicità possibile collettiva.” E’ tutto nel programma pianificato. La libertà? La libertà di scegliere? Non ne ho mai sentito parlare.

Al contrario, ciò che all’individuo gli viene soddisfacentemente dato dall’alto, è perché è stato progettato per credere che sia così. Questo è il piano. Smart-grid, lo sviluppo sostenibile, economia verde, uso del suolo, la pianificazione della comunità, i cambiamenti climatici, l’educazione ai valori, e altre campagne sono segnali e passi verso la sponda opposta della tecnocrazia. Tutti indicano di mettere “pioli in fori.” Tutti contingente-mente in definitiva si comportano per il consumo energetico.

Tutti coinvolti nell’ipotesi che, poiché non si fa tutto quanto solo così per andare in giro, una più alta autorità deve decidere chi ottiene cosa. Il cibo, acqua, riparo, posti di lavoro, lussi, l’energia …

Indizio: gli scienziati e gli ingegneri possono arbitrariamente dire ciò che è la scienza, e quindi, possono e dicono che il piano è “scientifico”.

Se dici: “Beh, guarda, ci sono modi originali per aumentare notevolmente la quantità di acqua disponibile, di energia e cibo pulito,” queste affermazioni potrebbero andare contro l’esecuzione del progetto tecnocratico. Optando per l’abbondanza non verrebbe accolta. L’abbondanza taglia le corde del loro piano. Deve pronunciarsi la scarsità e a sua volta deve essere promossa. La mancanza di tutti gli elementi essenziali deve essere citata come la ragione per imporre risposte tecnocratiche. Non c’è modo di trovar risposte intorno ad esse.

L’ironia è che, quando si parla di ambientalisti davvero hard-core con mezzi per raggiungere l’abbondanza attraverso le tecnologie alternative, si esita e ci si arrabbia in crescendo. Non vogliono soluzioni tecnologiche e ancora, i poteri dietro di loro, in cui il denaro la fa da padrone, sono, in realtà, protratti tutti sulla tecnologia, una tecnologia di un certo tipo, che si basa sulla pianificazione di una società in cui la scarsità di crescita permanente è mantenuta e promossa come la realtà immutabile.

E’ completamente pazzo, del tutto folle pensare in questi termini. Ma quando mai gli uomini si sono fermati e sono stati abbastanza sicuri che si sarebbero seduti su dei troni? Una vasta abbondanza è più di una visione. È una possibilità raggiungibile. La storia della scienza e della tecnologia attuale conferma che entrambi i materiali essenziali e disponibili dell’innovazione umana sono sempre stati minimizzati come la carenza, fino a quando qualche individuo è arrivato e ha dimostrato che un nuovo modo di fare le cose avrebbe risolto la carenza.

Le aziende, i governi, e le università cercano di limitare, frenare, e seppellire le invenzioni che si aprono al futuro dell’abbondanza. I tecnocrati fanno a gara per “pianificare la società” prima che quelle invenzioni fuoriescono al pubblico e rendano loro, i tecnocrati, obsoleti. Ma sono obsoleti. Solo che non lo hanno ancora capito. Ma noi siamo in grado di capirlo.

DIECI: “l’élite che inventano realtà hanno bisogno di un’operazione ineccepibile, guidate da persone che sono inesorabilmente promosse come i rappresentanti più sani, più intelligenti, competenti, alla cura della razza umana. Indovinate chi sarebbe?” (Il Mago Awakes, Jon Rappoport)

Nel 1976, il grande critico della società del 20° secolo, Ivan Illich, ha scritto: “La medicina moderna è la negazione della salute. Non è organizzata per servire la salute umana, ma solo se stessa, un istituto. Rende più gente malata di quanto non la guarisca.” 

Il cartello medico è la risposta alla domanda: che cosa fare con la popolazione della Terra, una volta che vivono sotto un’oligarchia globalista? E’ tutto su come gestire la vita, dalla culla alla tomba, e nessuna istituzione serve per migliorare la gestione della Medicina.

Prima di tutto, si dispone di un sistema che eroga farmaci tossici in un flusso senza fine, uccidendo nei soli Stati Uniti, dalla stima approssimativa, 100.000 persone all’anno. In cima a quello, i farmaci causano ovunque da due a quattro milioni di gravi effetti indesiderati ogni anno.

Al di là di questa distruzione fuori-diritto, c’è l’agitazione, la sofferenza, il lutto, e la confusione che si estende in increspature, da ciascuno dei morti e feriti, alle famiglie, amici e colleghi di lavoro. L’effetto complessivo? Demoralizzazione e l’incapacità di vedere e pensare oltre il dolore, l’emotività è esattamente quello che vogliono gli psicopatici sull’esecuzione del pianeta.

Il cartello medico (aziende farmaceutiche, le agenzie di salute pubblica, scuole mediche, medici) vuole assicurare un trattamento dalla culla alla tomba di ogni persona. Questo significa che 30 o 40 diagnosi di malattie e disturbi mentali nel corso della vita, e il trattamento con farmaci tossici. Significa anche che i problemi medici sono in prima linea nella mente di ogni persona come lui / lei si snoda attraverso la sua vita, credendo che la malattia è l’aspetto più importante della vita. Le persone diventano orgogliose, sì, orgogliose della loro diagnosi ed il trattamento. Indossano le diagnosi come distintivi d’onore, e ogni comunicazione sociale è un’occasione per la visualizzazione di badge e discutere i trattamenti confrontando le note.

“Sai, in un primo momento il mio medico pensava che fosse l’ADHD, ma poi ha fatto una di quelle nuove scansioni cerebrali, e si rese conto che era bipolare con una traccia di disordine geneticamente ereditato oppositivo Defiance. Una volta che ha avuto l’ODD sotto controllo con un importante tranquillante, potevo andare oltre il bipolare. Ma poi ho sviluppato dei tremori. Così ha impiantato un chip …”

Non è solo una società malata, è la società stessa che è malata. L’assistenza medica è gratuita, questo è quello che dice un uomo libero, il suo significato di: sono stato pagato anche gli straordinari e ho pagato tutti i livelli di tassazione. Questo è lo slogan collettivista di base, “Siamo tutti sulla stessa barca”, raggiungendo il suo più fervente sostegno da parte dell’assioma che la malattia è la nostra occasione primaria per aiutarsi a vicenda, accettando oneri fiscali impressionanti.

Naturalmente, grandi segmenti della popolazione mondiale non saranno in grado di partecipare al moderno, up-to-date, all’avanguardia della “cura”. Per loro, ci sono diverse soluzioni. Il primo sono i vaccini inseminati con prodotti chimici e geni che riducono la fertilità e la potenza. Poiché i tassi di natalità gradualmente declinano, storie di copertura sono inventate per spiegare il fenomeno: lo stress; l’aumento dei tassi di occupazione; gli effetti sociali di urbanizzazione; la dissoluzione del nucleo familiare.

La seconda soluzione sono le epidemie che presumibilmente uccidono un gran numero di persone. Queste epidemie sono frodi di routine, basate sulla scienza inventata. Nel povero del Terzo Mondo, viene annunciato che le epidemie non sono altro che storie di copertina; le persone non muoiono a causa di germi; stanno morendo perché la loro acqua è contaminata, a causa del sovraffollamento, la mancanza di servizi igienici di base, la fame da generazione a generazione. Stanno morendo perché le loro terre fertili in crescita sono state rubate. Mentre i corvi esperti medici attaccano il germe del momento con farmaci e vaccini (tossici), queste cause reali di morte possono essere ignorati e persino migliorati.

Nel frattempo, in settori tecnologici industrializzati del pianeta, la psichiatria sale a nuovi livelli di controllo sulle classi colte. Anche se nessun disturbo cosiddetto mentale è mai stato diagnosticato con un vero e proprio test di laboratorio, gli esperti che dominano il campo continuano a inventare nuovi disturbi della grandezza di un cappello.

I pazienti psichiatrici credono di avere le condizioni di un cervello malato e che devono essere trattati con farmaci (altamente tossici). I pazienti ritengono inoltre che le proprie aspirazioni sono limitate dai loro disturbi, facendo così in modo da acconsentire a un modello psichiatrico che circoscrive la loro vita.

Al top-end della società, nuove invenzioni mediche vengono applicate ai ricchi. Come il miglioramento genetico che è la più altamente sollecitato di questi. Nonostante il fatto che, finora, non ci sono trattamenti genetici per qualsiasi malattia che funzionano su tutta la linea, gli esperimenti verranno effettuati per estendere la vita, per inseminare i non nati con talenti particolari, per curare una vasta gamma di malattie.

Ci saranno sforzi per sostituire i componenti tecnologi per la natura biologica. Gli arti, organi, sistemi di tutto il corpo, compreso il cervello. La lavorazione di pezzi ad alta tecnologia non è davvero il problema. L’obiettivo è semplicemente quello di coinvolgere tutti i ricchi in un grande esperimento, determinando così l’inghiottimento in un paradigma medico dell’esistenza.

Alla porta d’ingresso delle operazioni del cartello medico, una persona sarà iscritta nel sistema, mentre sarà ancora nell’utero, e il percorso sarà disposto in modo che si estenda fino alla tomba. Una volta che si è registrati con un pacchetto ID medico, egli sarà monitorato e trattato e ottimizzato senza sosta.

Infine, la proposta inevitabile e che il programma verrà attuato. Perché il parto naturale è rischio,e considerato un evento medico? Perché non creare la nascita in un laboratorio? E se, in qualsiasi momento della vita, una persona sperimenta dubbi e rimpianti sulla sua appartenenza all’apparato di controllo medico universale, può ottenere una prescrizione di farmaci che hanno come target i “centri del piacere”, e quindi controllare le sue preoccupazioni e le ansie. Di Huxley Brave New World si muoveva come un’onda su una spiaggia.

Ad ogni modo la raffinatezza, l’eleganza, la garanzia, e la preoccupazione saranno le parole d’ordine del medico che le praticherà, mettendo uno stop verso quel giorno, il prete secolare in questo dramma di smantellamento umano. E tuttavia, per coloro che ricordano, e sanno ciò che l’individuo è, e sanno cosa sia la libertà, sanno cosa sia l’immaginazione e il potere creativo, il sartiame distorto e l’appiattimento collettivizzato sarà simile a niente di più che un cartone animato orribile.

E queste persone che hanno in sé il ricordo li porterà a una rivoluzione come nessuna rivoluzione si è mai vista prima – o possiamo per difetto ritirare il nostro consenso ora a questa folle matrice.

Fonte:  https://jonrappoport.wordpress.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Almanacco di novembre 2016

 

 DALLA PADELLA ALLA BRACE

di Cinzia Palmacci 

Se c’è qualcuno che sta aspettando come l’avvoltoio sulla carcassa che il “no” al referendum porti anche Renzi alla disfatta, questo è il Movimento 5 stelle. I grillini si sono spesi fino all’ultima energia tra tour turistici su e giù per l’Italia, slogan e striscioni, ed ora il movimento di Beppe Grillo spera che un esito negativo al referendum sia l’occasione imperdibile per occupare gli scranni di Palazzo Chigi. Questa prospettiva ci rammenta un po’ troppo le recenti elezioni presidenziali americane tra Clinton e Trump, la padella e la brace. In Italia tra PD e M5stelle ci sentiamo particolarmente empatici con gli americani (mal comune mezzo gaudio). Continua a leggere QUI

PIECZENIK: “Mai più 11 Settembre, mai più false flag”.
E invece Obama..

di Maurizio Blondet

Steve Pieczenik  ha postato un altro dei suoi video. Si rallegra della vittoria di Trump, che attribuisce alla mobilitazione dei “16 servizi di intelligence”, ed elenca “ciò che il popolo americano non vuole più”: “Non più false flag,  non più 11 Settembre, non più Sandy Hook, Sparatorie di Orlando, o altri imbrogli, propaganda e stronzate! Quel che vogliamo oggi è la verità”. Abbiamo già spiegato che Pieczenik è un esponente dello “Stato profondo”, l’uomo che al tempo del rapimento Moro fu mandato in Italia dal Dipartimento di Stato per assicurarsi che Moro non tornasse a casa; a modo suo un servitore dello Stato – e di quegli apparati nazionali  che i neocon hanno sbattuto fuori l’11 Settembre, prendendo a forza il comando della politica estera Usa nella “lotta al  terrorismo islamico”, per il bene di Israele. Se evoca oggi “Mai più 11 Settembre”, sta avvertendo: sappiamo che siete stati voi,  possiamo riaprire l’inchiesta.  Continua QUI

Cosa accadrà adesso con Trump allo Studio Ovale?
(se ci arriverà..)

1° Quanto ci è costata la disfatta della Clinton- 2° Riuscirà Trump a sedersi sulla poltrona dello studio ovale?- 3° I futuri uomini del presidente- 4° Ombre e strategie- 5° Una primavera colorata anche in USA? -6° Trump o Campi FEMA

1° QUANTO CI E’ COSTATA LA DISFATTA DALLA CLINTON 

Nei giorni scorsi abbiamo lodato la scelta di milioni di elettori americani; proprio quegli americani che sono ridotti allo stremo da politiche globaliste che hanno messo in ginocchio le fasce più deboli della popolazione americana e indebolendo considerevolmente la classe media americana. Festeggiare le facce avvilite di Renzi, Junker, Hollande e tutta la macchina del fango che per mesi hanno imbrattato la figura del tycoon dipingendolo come rozzo, razzista, omofobo, sessista ecc è una soddisfazione impareggiabile, anche perché i televisionari di tutto il mondo cominciano a chiedersi che lavoro svolgano i contapalle a pagamento di TV e giornali. La vittoria di Trump sembra aver shockato anche Mario Monti, ospite di Omnibus su La7 che paventa imminenti crisi per l’Europa e per la globalizzazione (…) Continua QUI

 “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.
E i robot?

di Dario Tamburano

Nei prossimi vent’anni un lavoratore su due rischia di essere sostituito da un robot. Se i robot lavoreranno per noi, e non é detto, dovremo reinventarci la vita che oggi ha il lavoro scolpito nel DNA culturale della razza umana.

Elon Musk, il futurista icona della Silicon Valley fondatore e CEO di SolarCity, Tesla e SpaceX (e cofondatore di Paypal), afferma che più i robot occuperanno i posti di lavoro, più le persone dovranno essere mantenute da un “Universal Basic Income“, un reddito universale di cittadinanza. Ovvero detto in altre parole i cittadini saranno, in tutto o in parte mantenuti grazie al plusvalore e quindi alla ricchezza prodotta dai robot. Talvolta addirittura Musk nella sua telefonata sembra un pò spaventato nel tratteggiare il futuro, ma sulla robotica è ottimista.

Tralasciamo per ora di esaminare il rischio che i robot invece, non solo rendano inutili le nostre braccia ed i nostri cervelli, ma che facciano sì che nell’opinione di qualche entità… i miliardi di umani appaiano solo come inutili bocche da sfamare che consumano risorse. Continua QUI

Due terzi dei lavoratori stanno per essere sostituiti
dai Robots in via di sviluppo:
Rapporto

di Jake Anderson

Un nuovo rapporto allarmante delle Nazioni Unite è l’ultimo di una litania di studi che suggeriscono che la venuta dell’età d’automazione e la forza lavoro dominata dai robot ci coinvolgerà velocemente molto più di quanto si possa pensare. Ora, l’ONU sostiene che i due terzi della forza lavoro umano nei paesi in via di sviluppo saranno sostituiti dall’automazione.

Secondo l’Onu, sarà necessario una base di reddito universale per tappare il buco del 75% degli esseri umani lasciati senza lavoro.

Precedentemente, l’Anti-Media ha riportato previsioni che la metà della forza lavoro americana entro i prossimi due decenni potrebbe essere sostituita dall’automazione. Le statistiche di un altro rapporto, ha suggerito che un software automatizzato potrebbe sostituire 1,7 milioni di camionisti dei loro posti di lavoro entro un decennio. L’articolo continua QUI in lingua inglese.

Cosa penserebbe Pasolini di Facebook,
dove tutti credono di avere ragione

Che qualche cosa stesse succedendo nella lingua italiana negli anni del grande sviluppo economico del Dopoguerra, fu avvertito assai bene da uno scrittore sensibile come Pasolini, a cui si deve l’ultimo clamoroso intervento nella ‘questione della lingua’». 

Così inizia il capitolo di un celebre manuale di storia della lingua italiana, di Claudio Marazzini, che dedica uno spazio apposito all’emergere del cosiddetto italiano tecnologico, e agli sforzi con cui il poeta di Casarsa cercò di comprendere il mutamento in atto. 

E adesso, invece? Che direbbe dell’appiattimento surreale causato dai social media? Come indagherebbe la massima democrazia portata da Internet che coincide però anche con la massima approssimazione? Sono domande che mi pongo da anni: Pasolini avrebbe avuto un account Facebook?; si sarebbe messo in gioco scrivendo un fatidico “stato”?; avrebbe avuto voglia di riassumere un pensiero nei 140 caratteri di Twitter?  

Gli stessi quesiti li ho posti anche ad Andrea Di Consoli. Scrittore, giornalista, saggista, autore televisivo per la Rai. Persona dall’intelligenza camaleontica e in grado di adoperare più linguaggi. Proprio come Pasolini, che si destreggiava contemporaneamente fra poesie, romanzi, sceneggiature, opere critiche, articoli e libelli politici. Continua QUI

Nin.Gish.Zid.Da