Archivi tag: Nucleare

Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare

 

La guerra programmata contro l’Iran 

In realtà, la guerra contro l’Iran è già in corso da un po’ di tempo, almeno dal 1953, quando un colpo di stato della CIA contro il governo legalmente eletto di Mohammed Mosaddegh portò al potere il dittatore spietato, Mohammad Reza Pahlavi, che a sua volta fu rovesciato da una rivolta popolare nel 1979.  

Naturalmente, il gioco allora, come ora, ruotava attorno al fatto che l’Iran si trova in cima a una vasta riserva di petrolio. Oggi più che mai, l’USA ambisce alle riserve petrolifere iraniane. La ragione fondamentale è piuttosto semplice: il potere e l’influenza globali dell’impero USA sono radicati nella sua emissione e nell’uso globale del petro-dollaro, così chiamato perché basato sul petrolio e sul commercio globale di petrolio, e anche secondariamente in altri prodotti, beni e servizi, molti dei quali sono anche direttamente o indirettamente petroliferi o dipendenti: automobili, plastica, aerei / aviazione, trasporti pubblici, prodotti agricoli, fertilizzanti, ecc.  

Il problema per gli USA è che sempre più nazioni stanno abbandonando il petro-dollaro nel commercio internazionale, relegando sempre più il petro-dollaro all’irrilevanza, o almeno molto meno alla rilevanza, in modo tale che il suo status come valuta di riserva globale viene definitivamente e nettamente messo in questione.  

Ad esempio, tre settimane fa, la Cina e la Russia hanno firmato un accordo per sviluppare il commercio bilaterale nelle rispettive valute nazionali, il rublo e lo yuan, aggirando efficacemente il dollaro. Dato che esistono già accordi per diverse centinaia di miliardi di dollari di esportazioni di petrolio dalla Russia verso la Cina, questo non è un passo insignificante.

 

E due settimane fa, i funzionari della Russia e dell’Unione europea (UE) hanno annunciato che vogliono “estendere rapidamente” l’uso dell’euro e del rublo nei pagamenti tra la Russia e l’UE, eliminando efficacemente il petro-dollaro dal loro commercio bilaterale.  

La scritta è sul muro. Il petro-dollaro è destinato a un rapido, rapido declino. Cina, Russia, UE: questi sono i maggiori poteri globali.  

Il potere dell’Impero USA è basato sull’uso globale del petro-dollaro. Se il globo abbandona il petro-dollaro, allora l’intero edificio fasullo e folle del controllo globale imperiale basato sul petro-dollaro arriverà a crollare. Quel giorno è duro per l’USA e la sua élite al potere lo sa.  

Questo è assolutamente un fattore enorme nelle continue pressioni politiche, diplomatiche, economiche e militari contro il Venezuela e l’Iran, che si trovano in cima a due delle più grandi riserve di petrolio conosciute sul pianeta.  

Un sistema basato sul petro-dollaro che non ha petrolio da vendere e/o commerciare, che non ha petrolio che controlla, è priva di significato, una contraddizione in termini. È semplicemente una nota storica nell’economia politica globale, niente di più. Di qui le manovre aggressive contro il Venezuela e l’Iran, l’obiettivo trasparente è quello di acquisire la proprietà diretta, o almeno il controllo indiretto, sui loro rispettivi enormi giacimenti di petrolio, per assicurarsi che siano venduti e scambiati sul mercato globale in petrodollari.  

Il mezzo secolo di dominazione globale dei petro-dollari sta rapidamente volgendo al termine. l’USA si sta rapidamente costringendo a una situazione in cui dovrà usare la sua vasta macchina militare per imporre la supremazia globale dei petrodollari, o rischiare di vedere il crollo dei petrolieri e bruciare, mentre il mondo abbandona sempre più il petro-dollaro nel commercio internazionale. Mentre gli oggetti di scena sono cacciati da sotto il petro-dollaro, l’enorme, multi-trilione di dollari, la casa di carte finanziaria eretta sul valore e (presunto) dominio globale del petro-dollaro arriverà a precipitare, e velocemente.  

Siamo a quel punto adesso. La supremazia degli USA sta per finire. Può finire in pace, con una resa dignitosa degli USA alle nuove realtà globali; o può finire in modo iper-violento, se l’USA decide di attaccare militarmente, di imporre la sua volontà schiacciando la forza marziale su altre nazioni.  

Sembra che gli USA abbiano scelto la seconda opzione, la rotta della forza militare. Nelle scorse settimane abbiamo visto una piccola ondata di attacchi contro petroliere nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman. Gli israeliani sono i più probabili colpevoli di questi attacchi con false bandiere, che sono stati erroneamente imputati all’Iran.  

Attacchi di bandiera falsa sono stati usati per secoli per provocare guerre, a volte molto grandi ed estremamente rovinose.   

Si veda ad esempio il seguente elenco di punteggi di attacchi con false flag che sono stati impiegati o programmati nel corso dei secoli:

Leggi QUESTO prima di tifare per la prossima guerra
https://www.zerohedge.com/news/2019-06-21/read-cheering-next-war  

Nulla mi sorprenderebbe di meno in questo frangente di vedere un flagrante, famigerato attacco a bandiera falsa, progettato per oltraggiare il sentimento pubblico e accendere le fiamme della guerra contro l’Iran. Questo sembra essere il modo in cui gli eventi attuali sono di tendenza, e sia Israele che gli USA hanno una storia deprecabile di impiegare attacchi con bandiere false per promuovere i loro obiettivi politici.  

Come succede, Donald Trump si è metodicamente circondato di criminali di guerra e guerrafondai; sono i suoi incaricati personali. Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare sembra certamente che gli USA abbiano optato per la guerra.   

A questo punto, l’Impero non mostra segni di morte tranquillamente o pacificamente. Ha una macchina da guerra globale e sembra che intenda usarla. A parte l’intervento benevolo e divino, gli USA mostrano ogni indicazione di perseguire una guerra contro l’Iran, con l’amo o con la truffa (e anche potenzialmente contro il Venezuela, la Russia – che ha anche enormi riserve di petrolio, Cina, Corea del Nord e altro).   

Questa è una follia. L’inferno sulla terra giace lungo il percorso che l’USA sembra determinato a perseguire.  

Se gli USA persiste nella sua follia, la traiettoria geo-politico-economica-diplomatica-militare che è attualmente in corso non può, e assolutamente non lo farà, finire bene.  

Donald Trump ha annunciato un paio di giorni fa che ha interrotto un imminente attacco militare contro l’Iran, perché uno dei suoi generali gli ha detto che probabilmente 150 iraniani sarebbero stati uccisi.  

Traduzione: uno dei suoi generali, forse il generale Joseph Francis Dunford, Jr., il presidente dei capi di stato maggiore, gli disse che se fosse stato attaccato, l’Iran avrebbe combattuto ferocemente e che le perdite dell’USA sarebbero ammontate a circa 150.000 soldati il teatro medio-orientale-centro-asiatico-indiano, così come la perdita di forse $ 100 miliardi o più in materiale militare come navi, aerei, elicotteri, munizioni, magazzini, camion, carri armati, artiglieria, missili, basi militari e porti militari. In altre parole, un attacco contro l’Iran comporterebbe tremende perdite di rappresaglia che supererebbero di gran lunga qualsiasi cosa nella storia militare degli USA. Ciò farebbe sembrare Chancellorsville e Antietam come i picnic della scuola domenicale.  

Dopo aver visto come l’USA e la NATO hanno ridotto e devastato l’Iraq, l’Afghanistan, la Libia, la Siria, l’ex Jugoslavia, il Vietnam negli anni ’60 e ’70 e la Corea negli anni ’50, gli iraniani andranno sicuramente in difesa della loro gente, della cultura e territorio nazionale.   

I leader militari e politici iraniani hanno ripetutamente, chiaramente e pubblicamente annunciato la loro determinazione ad annientare tutte le forze e le basi USA nella regione, se vengono attaccate. Hanno anche chiarito abbondantemente che livelleranno Tel Aviv e Haifa in Israele.   

Bisogna comprendere che l’Iran può fare tutto ciò con i missili balistici e le munizioni convenzionali; le armi nucleari non sono nemmeno necessarie. Il pubblico non apprezza il potere delle moderne armi termobariche, i cui effetti sono orribilmente incredibili e che possono estendersi su aree relativamente grandi. Dieci grandi testate termobariche consegnate a Diego Garcia, per esempio, avrebbero causato l’inferno sacro e avrebbero potuto effettivamente mettere fuori gioco la base. Gli iraniani possono farlo? Non ci scommetterei contro.   

Hanno certamente missili che possono far fuori qualsiasi gruppo di battaglia nella portaerei nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman, o in qualsiasi base militare USA entro 1.000 miglia dal territorio iraniano.   

Conosco tutto questo e non sono nemmeno un militare. In breve, se l’USA dovesse andare in guerra contro l’Iran, potrebbe aspettarsi la mortalità di massa del personale militare USA e molti miliardi di dollari in perdite nel materiale militare USA, proprio il primo giorno del conflitto.  

Sì, tu dici, ma cosa succede se gli israeliani o gli USA usano le armi nucleari contro le città iraniane? In tal caso, puoi aspettarti che le città israeliane e statunitensi sarebbero oggetto di distruzione.  

Certo, ti ricongiungerai, ma cosa succederebbe se gli israeliani o gli USA distruggessero le strutture nucleari iraniane? Allo stesso modo, aspettiamo che l’inferno nucleare venga in Israele e negli Stati Uniti.

La politica più sana, di gran lunga, sarebbe quella di non attaccare l’Iran e di rimuovere le sanzioni economiche che il regime di Trump ha imposto all’Iran.  

Tuttavia, Donald Trump ha annunciato che domani, il 24 giugno 2019, gli USA imporrà sanzioni economiche ancora più restrittive sull’Iran.  

Come ho detto sopra, se l’attuale traiettoria politica del regime di Trump rimane invariata, allora la situazione non può, e non andrà, finire bene. Non per l’Iran, non per Israele e certamente non per gli USA.   

Se fossi in una posizione politica influente, Consiglierei la pace; ma io non lo sono, e i guerrafondai che occupano quelle posizioni di potere sono un inferno piegato alla guerra. Pertanto, se nulla cambia, la guerra potrebbe essere il risultato.

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/

®wld

L’Aquila l’Orso e il Drago

L’aquila ha dimenticato opportunamente che l’originale e antica Via della Seta metteva in contatto il drago con l’impero romano da secoli – senza intrusi, aldifuori dell’Eurasia – afferma Pepe Escobar.

C’era una volta, nella notte dei tempi, attorno a pochi fuochi da campo nei deserti del sud est dell’Asia, un tempo in cui si raccontava una favola sull’aquila, sull’orso e il dragone per il divertimento dei miei interlocutori arabi e persiani.

Si trattava di come all’inizio del XXI secolo,

 …si erano tolti i guanti (di pelo) e si erano messi in quello che risultò essere la Guerra Fredda Versione 2.0.

Man mano che ci avviciniamo alla fine della seconda decade di questo secolo già incandescente, forse è meglio rendere più bella la favola, con il dovuto rispetto per Jean de la Fontaine.

Sono passati i giorni in cui l’orso frustrato si offerse di cooperare ripetutamente con l’aquila e con i suoi seguaci su un tema caldo:

missili nucleari.

L’orso ripetutamente affermò che lo spiegamento di missili e radar per intercettare in questa terra di ciechi che guidava ciechi, l’Europa, era una minaccia.

L’aquila affermò ripetutamente che questo era fatto per proteggerci da quei persiani rinnegati.

Adesso l’aquila, che afferma che il drago sta avendo un viaggio facile, ha disatteso tutti i trattati ed è impegnata nello spiegamento di missili nucleari in determinati luoghi dell’est della terra di ciechi che primeggia su ciechi, puntando essenzialmente all’orso.

Ponte del drago, ljubljana. (Ali Eminov/Creative Commons)

Tutto ciò che brilla è seta  

Più o meno due decadi dopo che il principale orso Putin ha definito quella che è “la maggior catastrofe geopolitica del XX secolo, propose una forma di luce dell’URSS:

un organismo politico/economico chiamata l’Unione Economica dell’Eurasia (EAEU).

L’idea era che la EAEU interagisse con la UE… la principale istituzione dell’equipaggio eterogeneo si riunì come i ciechi che guidano i ciechi.

L’aquila non solo rifiutò la possibile integrazione, ma le venne in mente di mettere in atto uno scenario di rivoluzione dal colore modificato per disunire l’Ucraina dalla EAEU.

Prima di questo, l’aquila aveva voluto stabilire una Nuova Via della Seta sotto il suo totale controllo.

L’aquila opportunamente aveva dimenticato che l’antica Via della Seta, univa il drago con l’impero romano da secoli, senza intrusi che venivano dall’Eurasia.

Quindi potete immaginare lo stupore dell’aquila quando il drago irruppe nello scenario mondiale con le sue Nuove Vie della Seta super cariche, rendendo attuale l’idea originale dell’orso di una zona di libero commercio “da Lisbona a Vladivostock” e anche un corridoio di collegamento molteplice, sia terrestre che marittima, dall’est della Cina all’Europa Occidentale e tutto ciò che si trova in mezzo che comprende tutta l’Eurasia.

Difronte questo nuovo paradigma, i cechi rimasero ciechi per tanto tempo come possiamo ricordare…non hanno potuto reagire in tempo.

L’aquila da parte sua, andò aumentando gradualmente gli attacchi. Lanciò ciò che equivaleva a tutti i propositi pratici per stringere un cappio con le armi in maniera progressiva contro il drago.

L’Aquila ha fatto una serie di movimenti che equivalgono a incitare le nazioni che circondano il Mar della Cina Meridionale per contrapporsi al drago mentre riposizionano una serie di giocattoli (sootomarini nucleari, portaerei, aerei da combattimento) sempre più vicini al territorio del drago.

Per tutto il tempo ciò che il drago ha visto e continua a vedere, è un’aquila maltrattata che cerca di uscire da un declino irreversibile che cerca di intimidire, allontanare e sabotare l’ascesa irreversibile del drago, dove è stato per 18 degli ultimi 20 secoli, insediato come il re della foresta.

Un elemento chiave è che i giocatori di tutta la Eurasia sanno che, con le nuove leggi della giungla, il drago non può e non si ridurrà ad essere un attore secondario.
E i giocatori di tutta l’Eurasia sono troppo intelligenti per imbarcarsi in una Guerra Fredda Versione 2.0 Y che debiliterebbe l’Eurasia stessa.
La reazione dell’aquila alla strategia della Via della Nuova Seta del drago ha impiegato un certo tempo dal passaggio della mancata azione alla completa demonizzazione, aggiungendo alla descrizione sia del drago sia dell’orso che sono minacce per l’esistenza
E senza dubbio nonostante tutto il fuoco incrociato, i giocatori di tutta l’Europa non sono poi molto impressionati da un impero dell’aquila armata fio ai denti.
Specialmente dopo che la cresta dell’aquila fu molto danneggiata dall’insuccesso nella caccia in
Le portaerei dell’aquila che pattugliano la parte orientale del Mare Nostrum non stanno proprio impaurendo l’orso, i Persiani e i Siriani.

James Audubon e il suo diario, pubblicato nel 1899 e reso di Dominio Pubblico. (Wikimedia Commons)

 Un “nuovo inizio ” tra l’aquila e l’orso è stato sempre un mito.
C’è voluto un po’ di tempo e molte difficoltà finanziarie, perché l’orso si rendesse conto che non ci sarebbe stato nessun nuovo inizio, mentre il drago vide solo un nuovo inizio verso un confronto aperto.
Dopo essersi rafforzato, in modo lento ma sicuro come la potenza militare più avanzata del pianeta, con conoscenze ipersoniche l’orso è arrivato a una conclusione sorprendente:
Non ci interessa ciò che dice o faccia l’aquila…

Sotto il vulcano infuriato

Intanto il drago ha continuato a espandersi inesorabilmente, in tutte le latitudini asiatiche, sia in Africa, sia in America Latina e anche nelle praterie infestate dalla disoccupazione dei ciechi colpiti dall’austerità che hanno diretto i ciechi.
Il drago è fermamente sicuro che se è messo alle strette da dover ricorrere a una opzione nucleare, ha il potere di far esplodere l’incredibile deficit dell’aquila, di degradare il suo rating e causare devastazioni nel sistema finanziario globale.
Non ci deve sembrare strano che l’aquila, sotto una nuvola paranoica di dissonanza cognitiva che l’avvolge da tempo, che alimenta propaganda 24/7 ai suoi sudditi e schiavi nani, continua a espellere lava come un vulcano furioso,

Fa molto male ammettere che il centro politico/economico di un nuovo mondo multipolare sara l’Asia… in realtà l’Eurasia.

Man mano che l’aquila diveniva sempre più minacciosa, l’orso e il drago si avvicinavano in una associazione strategica.

Adesso, sia l’orso sia il drago hanno troppi vincoli strategici in tutto il pianeta perché siano intimiditi dal massivo Impero di Basi (militari) dell’aquila o da quelle coalizioni periodiche “a volontà” (un tantino reticente)… 

Friedrich Johann Justin Bertuch, La creaturaa mitica del drago, 1806. (Wikimedia Commons)

In coincidenza con l’integrazione totale e in avanzata dell’Eurasia, di cui le Nuove Vie della seta sono il simbolo grafico, la furia scatenata dell’aquila, non ha niente da offrire eccezion fatta di una ripetetizione di una guerra contro l’Islam con il ritiro armato di ambedue, l’orso e il drago.
Poi c’è la Persia (Iran) quei maestri di scacchi.
L’aquila ha sparato a zero sugli Iraniani fin da quando non ebbero più il proconsole dell’aquila, lo Sha, nel 1979 e questo dopo che l’aquila e la perfida Albione già avevano schiacciato la democrazia per collocare lo Sha al potere nel 1953 che fece sì che Saddam sembrasse un Gandhi.
L’aquila vuole recuperare tutto quel petrolio e gas naturale per non parlare di un nuovo Sha come nuovo gendarme del Golfo Persico.
La diffferenza sta nel fatto che adesso l’orso e il drago stanno dicendo ‘in Nessun Modo’
Che farà l’aquila?
Istituire una falsa ideologia per terminare con tutte le altre?
Questo è il punto in cui ci troviamo adesso.
E ancora una volta arriviamo al finale, anche se non è la fine. Tuttavia non c’è morale per questa favola rivisitata. Continuiamo a sopportare le onde e le frecciate di una sorte indegna.
La nostra unica e sottile speranza è che un gruppo di uomini vuoti ossessionati dal ‘Secondo Arrivo‘ non trasformi la Guerra Fredda Versione 2.0 in un Armagedon
di Pepe Escobar, un veterano periodista brasiliano, è in genere il corrispondente per Asia Times, con sede in Hong Kong. Il suo ultimo libro è ” 2030 “
 
dal Sito Web ConsortiumNews 
traduzione di Nicoletta Marino 
 
 

La stazione MUOS americana di Niscemi

 

Video: Funzionalità aerospaziali offensive statunitensi dirette contro l’intero pianeta: il sistema di comunicazioni satellitari MUOS in America 

 Di Manlio Dinucci 

Ricerca globale, 13 novembre 2018  

“Il M5S (5 Star Movement) si è diviso sul maxi-radar siciliano”, titolava il Corriere della Sera, diffondendo così una maxi falsa notizia – non sulla direzione del Movimento a 5 stelle, che, dopo aver vinto un consenso elettorale con il “No MUOS” in Sicilia, ora sta facendo marcia indietro – ma sull’oggetto stesso della controversia.  

Definendo la stazione MUOS di Niscemi come un “maxi-radar”, stanno ingannando l’opinione pubblica facendogli credere che si tratti di un dispositivo di scansione elettronica legato alla Terra, e quindi difensivo. Al contrario, il MUOS (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazione satellitare che estende la capacità offensiva degli Stati Uniti all’intero pianeta. 

Il sistema, sviluppato da Lockheed Martin per la US Navy, è composto da una configurazione iniziale di quattro satelliti (più uno in riserva) in un’orbita geostazionaria, e collegati a quattro stazioni terrestri – due negli Stati Uniti (Hawaï e Virginia ), uno in Sicilia e uno in Australia. Le quattro stazioni sono collegate da una rete di cavi in ​​fibra ottica terrestri e sottomarini (la stazione di Niscemi è collegata direttamente alla stazione in Virginia). 

Il MUOS, che è già in funzione, diventerà pienamente operativo nell’estate del 2019, raggiungendo una capacità 16 volte superiore a quella dei sistemi precedenti. Trasmetterà simultaneamente messaggi codificati ad altissima frequenza di materiale vocale, video e dati. Quindi sottomarini e navi da guerra, cacciabombardieri e droni, veicoli militari e unità terrestri degli Stati Uniti e dei loro alleati, saranno quindi collegati a un’unica rete di comando e controllo sotto gli ordini del Pentagono, mentre sono operando in qualsiasi parte del mondo, comprese le regioni polari.

Quindi la stazione MUOS di Niscemi non è un “maxi-radar siciliano” che custodisce l’isola, ma un elemento essenziale della macchina da guerra planetaria degli Stati Uniti.

Guarda il Video: Il circuito della morte nel “Mediterraneo allargato”

 

Lo stesso ruolo è svolto dalle altre principali basi USA e NATO in Italia. La Stazione Aeronavale di Sigonella, a pochi chilometri da Niscemi, è la base per il lancio di operazioni militari principalmente in Medio Oriente e in Africa, condotte da forze speciali e droni. 

La JTAGS (Joint Tactical Ground Station), una stazione satellitare statunitense dello “scudo antimissile” schierata a Sigonella – una delle cinque con portata globale (le altre sono situate negli Stati Uniti, Arabia Saudita, Corea del Sud e Giappone) – serve non solo per la difesa antimissile, ma anche per le operazioni di attacco comandate da posizioni avanzate. 

Il Comando Forze Alleate Alleate a Lago Patria (Napoli), è sotto l’ordine di un ammiraglio statunitense che comanda contemporaneamente le Forze navali statunitensi in Europa (con la Sesta flotta di Gaeta nel Lazio) e le Forze navali USA per l’Africa, di cui la sede è a Napoli-Capodichino. 

Camp Darby, il più grande arsenale degli Stati Uniti al di fuori della patria, fornisce gli Stati Uniti e le forze alleate per le loro guerre in Medio Oriente, Asia e Africa. 

La 173a Brigata Aviotrasportata degli Stati Uniti con sede a Vicenza, opera in Afghanistan, Iraq, Ucraina e altri paesi dell’Europa orientale. 

Le basi di Aviano e Ghedi – i siti di schieramento di combattenti statunitensi e italiani sotto il comando USA e dotati di bombe nucleari B61, che dal 2020 saranno sostituite da B61-12 – sono parte integrante della strategia nucleare del Pentagono. 

Per inciso, Luigi Di Maio e gli altri dirigenti del M5S [1] ricordano che hanno preso un impegno solenne con l’ICAN (Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari) per garantire che l’Italia aderisca al Trattato delle Nazioni Unite, liberando così l’Italia dalle armi nucleari USA ?

*

Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in italiano su Il Manifesto. 

Tradotto da Pete Kimberley 

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione. 

Nota 

[1] Il Movimento 5 Stelle è, insieme alla Lega, un partito governativo, in cui Luigi Di Maio è Vice Presidente del Consiglio dei Ministri. 

La fonte originale di questo articolo è Global Research 

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Almanacco di marzo 2018

Putin: Usa fermatevi, abbiamo missili iper-sonici ‘imparabili’

Scordatevi di passarla liscia, dopo aver colpito la Russia con un “first strike”, un attacco nucleare preventivo come quello lungamente accarezzato dai neocon annidati alla Casa Bianca sotto la presidenza Obama: Mosca dispone di armi nuovissime e micidiali, in grado di annullare l’intero arsenale balistico statunitense. Ha del clamoroso, il recente annucio di Putin: i russi hanno a disposizione armamenti fino a ieri inimmaginabili. Missili atomici intercontinentali fulminei, non intercettabili: viaggiano a una velocità pari a 20 volte quella del suono, e non in base a un’orbita prestabilita. I missili Avangard e Sarmat sono a guida remota, pilotati a distanza e diretti sul bersaglio, su cui piombano dopo un volo a bassissima quota. In più, la Russia annuncia di aver varato il primo drone sommergibile della storia, un natante senza pilota in grado di filare a 200 chilometri orari a grande profondità, anch’esso armato con missili atomici. «Non esiteremo a impiegare questi armamenti – avverte Putin – per difendere il suolo russo e anche i nostri più vicini alleati». Il che, tradotto, «significa una sola cosa: la protezione strategica russa si estende alla Cina», sostiene Giulietto Chiesa su“Pandora Tv”. Di colpo, l’annuncio del Cremlino vanifica 15 anni di continue provocazioni da parte degli Usa, che hanno sostanzialmente accerchiato la Federazione Russa. Continua QUI

Tenere Trump e Netanyahu fuori dal carcere: Israele pianifica un attacco alla Siria con Trump, la Russia tradita

Trump sta minacciando la guerra nucleare a meno che Mueller non si ritiri dalle accuse contro il presidente. Questo è più che “distrazione”, questa è la vera “arte del patto”, il vero Trump, un gangster di New York armato di armi nucleari.

Gli Stati Uniti e Israele prevedono di utilizzare armi nucleari tattiche sviluppate segretamente per decapitare la Siria. Queste armi sono state sviluppate dal 1994 e sono state prodotte e dispiegate usando fondi preventivati ​​destinati a modernizzare la bomba nucleare B61. Includono armi nucleari “salate” con una carica di kiloton, molto piccola, che accecherà il radar russo e distruggerà le comunicazioni russe in Siria.

Trump ha appena licenziato il Segretario di Stato Tillerson per far avanzare la questione.

Tillerson è stato avvertito di rimanere in silenzio o di essere ucciso.

Nell’attentato all’attacco pianificato, due aerei russi sono stati abbattuti, uno in Siria, uno in Russia, parte di un piano per influenzare le elezioni russe. A Trump è stato detto che la Russia non risponderà a causa delle prossime elezioni.

Il piano si svolgerà nelle prossime 36 ore, a cominciare da un massiccio attacco missilistico a Damasco e dagli attacchi aerei statunitensi e israeliani per decapitare la Siria e uccidere il presidente Assad. La guerra di propaganda contro la Siria, amplificata al massimo negli ultimi giorni, è il “set up”. Continua QUI (L’articolo è in lingua inglese)

Rapporto MIL€X 2018: la spesa militare italiana per il 2018

I dati dell’Osservatorio Milex: la spesa militare vale l’1,4% del Pil. Pesa, oltre ai bilanci di Difesa, l’aumento dell’importo destinato al ministero dello Sviluppo per l’acquisto di nuovi armamenti. E una quota è destinata al Nuclear Sharing, le spese di mantenimento dell’arsenale nucleare Usa dislocato in Italia

Ammonta a 25 miliardi di euro la spesa militare italiana per il 2018, l’1,4 per cento del Pil, con un aumento del 4 per cento rispetto al 2017. Si tratta ormai di una tendenza di crescita avviata dal governo Renzi (con un 8,6 per cento in più rispetto al 2015) che non accenna a fermarsi. Nel 2018, infatti, crescono anche il bilancio del Ministero della Difesa (21 miliardi, il 3,4% in più rispetto al 2017) e i contributi del Ministero dello Sviluppo Economico all’acquisto di nuovi armamenti (3,5 miliardi di cui 427 milioni di costo mutui, ossia il 115% in più nelle ultime tre legislature).

A rivelarlo è il Rapporto MIL€X 2018,(1) (2) a cura di Enrico Piovesana, cofondatore dell’osservatorio sulle spese militari italiane e di Francesco Vignarca della Rete italiana per il Disarmo. Il dossier è stato presentato oggi presso la sala stampa della Camera dei Deputati alla presenza di Daniel Högsta, coordinatore della campagna ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear Weapons), premio Nobel per la Pace 2017. Continua QUI

ACCELERAZIONI E SEGNI

di Maurizio Blondet 

Erdogan fa’ il saluto dei Lupi Grigi,  il gruppo  di estrema destra laicista

Oppure invoca l’aiuto del Superiore?

Tillerson cacciato: è  guerra all’Iran. 

Trump ha cacciato Tillerson e l’ha sostituito con Mike Pompeo, capo della CIA.  Il motivo è che Tillerson non era a favore del rigetto, da parte americana,   del patto sul nucleare con l’Iran; il che significa  che hanno vinto i neocon, che la  guerra a Teheran tanto desiderata da Sion si sta avvicinando (Netanyau era venuto a chiederla  pochi giorni fa in USA).  La nomina di Pompeo significa che anche la guerra in Siria continuerà e   anzi avrà un’escalation: i j vogliono la rivincita.  Mentre Tillerson viene cacciato senza nemmeno una letterina di addio, John McEntee, assistente personale del  presidente, è stato accompagnato fuori dalla Casa Bianca dalle guardie, che gli hanno impedito anche di raccogliere i suoi effetti personali.

Come ha scritto Zero Hedge, la Casa Bianca di Trump sta perdendo un alto membro dello staff ogni 17 giorni. Continua QUI

Carpeoro: avremo la solita merda, perché votiamo con odio

Nessuno si faccia illusioni: alla fine delle procedure istituzionali di rito, lente e macchinose, al governo ci sarà il solito schifo, fatto di politici “dimezzati” e proni ai diktat dell’élite finanziaria. Detto in francese: «Avremo la solita merda». Motivo? «Abbiamo votato come sempre: contro qualcuno, anziché per qualcosa. Ha vinto l’odio, ancora una volta. Inevitabile, quindi, che il risultato finale sia il nulla, il vuoto assoluto». Gianfranco Carpeoro non ha dubbi: nascerà comunque un governo, perché la “sovragestione” dei poteri forti teme un unico scenario, quello di nuove elezioni. Quale governo? Dipende dalla formula che alla fine prevarrà, dopo aver in ogni caso rottamato Matteo Renzi: l’ex premier «verrà “garrotato” lentamente, in modo che si tolga di mezzo e cessi di ostacolare l’unica soluzione percorribile, cioè quella di un esecutivo sostenuto dal Movimento 5 Stelle e dal Pd», opportunamente de-renzizzato. La sortita di Emiliano, che tifa per la convergenza verso i grillini? «Una candidatura personale, nel caso nel Pd prevalga la tentazione di un’alleanza aperta coi pentastellati». La discesa in campo di Calenda? Solo una variazione sul tema: «Sarebbe lo scivolo perfetto per riproporre la candidatura di Gentiloni, come capo di un “governo del presidente”, in ogni caso sempre sostenuto dai 5 Stelle e dal Pd senza più Renzi», ridotto al ruolo di semplice senatore e di fatto isolato, anche se a capo di una nutrita pattuglia di parlamentari a lui fedeli.  Continua QUI

APPELLO DEL COMITATO NO GUERRA NO NATO NO ALLE BOMBE NUCLEARI IN ITALIA 

Sono in fase di sviluppo negli Stati Uniti – documenta la U.S. Air Force – le bombe nucleari B61-12, destinate a sostituire dal 2020 le attuali B61 installate dagli Usa in Italia e altri paesi europei.

La B61-12 – documenta la Federazione degli scienziati americani (Fas) – non è solo una versione ammodernata della B61, ma una nuova arma nucleare: ha una testata nucleare a quattro opzioni di potenza selezionabili, con una potenza media pari a quella di quattro bombe di Hiroshima; un sistema di guida che permette di sganciarla a distanza dall’obiettivo; la capacità di penetrare nel terreno per distruggere i bunker dei centri di comando in un attacco nucleare di sorpresa.

Le B61-12, che gli Usa si preparano a installare in Italia, sono armi che abbassano la soglia nucleare, ossia rendono più probabile il lancio di un attacco nucleare dal nostro paese e lo espongono quindi a una rappresaglia nucleare. Secondo le stime della Fas, gli Usa mantengono oggi 70 bombe nucleari B61 in Italia (50 ad Aviano e 20 a Ghedi-Torre), 50 in Turchia, 20 rispettivamente in Germania, Belgio e Olanda, per un totale di 180. Nessuno sa però con esattezza quante effettivamente siano le B-61, destinate ad essere sostituite dalle B61-12.

Foto satellitari – pubblicate dalla Fas – mostrano che, per l’installazione delle B61-12, sono già state effettuate modifiche nelle basi di Aviano e Ghedi-Torre.

L’Italia, che fa parte del Gruppo di pianificazione nucleare della Nato, mette a disposizione non solo il suo territorio per l’installazione di armi nucleari, ma – dimostra la Fas – anche piloti che vengono addestrati all’attacco nucleare con cacciabombardieri italiani sotto comando Usa. Continua QUI

®wld 

DENUNCIA: “SIAMO IN UNO STATO DI CALAMITÀ ARTIFICIALE”

Pripyat-Ucraina 

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo

E’ ora che i Medici si facciano sentire per denunciare i danni alla salute (art. 32 iCost.) e al clima dalle devastanti immissioni radioattive nell’atmosfera ad opera dei test atomici, delle centrali elettronucleari e dei propulsori a energia nucleare, immissioni conseguenti alla fissione dell’ Uranio. Sono immissioni continue, a far data dagli anni ’40, di radionuclidi tossici che si cumulano progressivamente nell’ambiente dato il noto loro lungo periodo di decadimento… LEGGI QUI

Denuncia contro il nucleare killer del clima e della salute pubblica

 Ill.mo PM Dr. Michele TRIANNI, Procura di Monza (396/15)
Con. riferimento alla segnalazione 12.10.17 del collega Dott.Med. Luigi Gasparini (ambiente_salu[email protected]) circa il ritrovamento di Tallio nel corpo di deceduti rientrati da Varmo (UD) in Brianza (Nova Milanese, Desio) occorre accertare se trattasi del killer Tallio-204, metallo pesante radioattivo (betaemettitore, t½: 3,8 anni), proveniente dagli scarichi da basi nucleari (Aviano, presso Varmo…) o da centrali nucleari o da centri di ritrattamento nucleare o da test nucleari in atmosfera, e depositatosi negli alimenti (ad esempio nei funghi di Varmo).

Ciò vale anche per il Tallio stabile, già di per sé tossicissimo, che nell’organismo si sostituisce ai metalli alcalini Sodio e Potassio, colpendo soprattutto il midollo osseo, le gònadi e i polmoni, ma anche il pancreas, la milza, i reni, il fegato, i muscoli e il cervello. Inoltre attraversa la placenta e colpisce il feto.

Ora si è posta l’attenzione sui vulcani sottomarini all’altezza di Palinuro (Salerno) e tutt’attorno alla Sicilia. Recente il terremoto ad Ischia (21.8.17). Tutta un’area sismica, ove sono stati autorizzati, o ignorati, gli scarichi in mare (dal 1987 al 1995) di bidoni di scorie radioattive di centrali nucleari USA in dotazione all’Italia per produrre Plutonio per le loro bombe e cancri per noi (nessuno escluso)… Bidoni che vanno recuperati al più presto, per essere seppelliti nei deserti asismici USA, perché da essi fuoriesce da sùbito per permeazione radioattiva il cancerògeno e climalterante Trizio, e in un secondo tempo, dopo qualche decennio, per corrosione dei bidoni, anche gli altri mortìferi radionuclìdi, con massivo avvelenamento radioattivo del pescato dell’intero mare del Sud d’Italia e conseguente reato di strage (Art. 422 cpdi competenza delle Procure della Repubblica italiana, finora truffata dalla asserita liceità delle dosi radioattive perpetrate alle nostre popolazioni ben oltre il fondo radioattivo naturale assodato letalmente nocivo dalla Scienza medica, come confermato dalle statistiche dei morti radioesposti in Italia da me effettuate dal 1944 al 1988 (all.), Italia che ha diritto al risarcimento ad estinzione del suo debito pubblico

E’ del 15.11.17 l’allarme in USA della Union of Concerned Scientists: “A causa del repentino cambiamento climatico e dell’inquinamento la biosfera è in gravissimo pericolo, ormai quasi irreversibile! allarme da me ribadito, all’Autorità Giudiziaria di Monza, da oltre un trentennio (v. mia Denuncia 28.4.1981)! Ma in USA c’è ancora chi minaccia interventi in NordCorea con bombette nucleari ad asserita azione locale, tacendo che la radioattività scatenata dalle “bombette” si distribuisce a tutto il pianeta con le nubi e le piogge, così come quella dalle due bombe atomiche USA sganciate sulle popolazioni civili di Hiroshima e Nagasaki nell’agosto 1945. (ndr: e più di 2000 ‘test’  nucleari  http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/nucleare/il-progetto-segreto-sunshine/ Hiroshima e Nagasaki , i primi test di una lunga serie.)

La situazione è drammatica, ma non è disperata, non lo è ancora, purché codesta A.G. penale, rimosso il “diniego di giustizia” (denunciato dall’Avv. Nicolas COLNAGHI con atto 10.3.16), intervenga, su input della Scienza (all.), del Vaticano e degli Ordini Medici nazionali (all.), a tutela della sopravvivenza, col blocco immediato delle dolose quotidianeimmissioni di radioattività dalle centrali nucleari nell’ambiente, bloccando soprattutto il principale radiocontaminante, il Trizio+Idrògeno radioattivo, che ha un t½ di 12 anni, quindi con un sensibile decadimento annuale.

Il che comporterà, abbastanza rapidamente, il calo dell’acidità radioattiva delle piogge, e quindi degli alimenti, e il calo della jonizzazione protonica (T+) della troposfera, e quindi dello stravolgimento del clima con devastanti tornado, alluvioni, inondazioni, fulminazioni ed incendi.

Ai sensi del Dlgs 195/05 rendo pubbliche le informazioni ambientali.

Dott. Med. Marco MAROTTA www.marcomarotta.it 4 all. Besana Brianza, 28.11.2017

Allegati

LA DENUNCIA DI UN MEDICO DIOCONTAMINAZIONI “SIAMO IN UNO STATO DI CALAMITÀ ARTIFICIALE” PDF

Stephen Hawking: «Piogge acide, temperature di 250° La Terra diventerà come Venere»
VEDI ANCHE UN BY-PRODUCT – CIBO IRRADIATO

Le radiazioni nucleari sono entrate prepotentemente, ma in sordina, nel mercato alimentare

Gli alimenti radio-zombie

Almanacco di novembre 2017

Bertrand Russell: “L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”

L’articolo che stai per leggere è stato scritto da Bertrand Russell, 1872 -1970, i fatti narrati sono verità storiche ancora oggi non ben comprese dalla massa inerme degli schiavi civilizzati: ECCO COME CI FREGANO!!!

Come molti uomini della mia generazione, fui allevato secondo i precetti del proverbio che dice “l’ozio è il padre di tutti i vizi”. Poiché ero un ragazzino assai virtuoso, credevo a tutto ciò che mi dicevano e fu così che la mia coscienza prese l’abitudine di costringermi a lavorare sodo fino ad oggi.

Io penso che in questo mondo si lavori troppo, e che mali incalcolabili siano derivati dalla convinzione che il lavoro sia cosa santa e virtuosa; insomma, nei moderni paesi industriali bisogna predicare in modo ben diverso da come si è predicato sinora.

Tutti conoscono la storiella di quel turista che a Napoli vide dodici mendicanti sdraiati al sole (ciò accadeva prima che Mussolini andasse al potere) e disse che avrebbe dato una lira al più pigro di loro. Undici balzarono in piedi vantando la loro pigrizia a gran voce, e naturalmente il turista diede la lira al dodicesimo, giacché era un uomo che sapeva il fatto suo…!!! Continua QUI

A casa un elettore su due: nessuno dice la verità all’Italia

Attacca Mario Draghi sparando sul suo pupillo di Bankitalia, il governatore Ignazio Visco (difeso e prontamente confermato da tutti, Gentiloni e Padoan in testa), e intanto nel suo libro, “Avanti”, l’ex rottamatore se la prende col pensiero unico, quello che nel 2011 ha commissariato la repubblica piazzando a Palazzo Chigi il sicario Mario Monti, l’uomo che ha inserito il pareggio di bilancio nella Costituzione.

L’ha fatto grazie ai voti di Berlusconi e Bersani, sotto il ricatto dello spread, mentre Draghi (sempre lui) si limitava ad assistere allo spettacolo, affidato alla regia istituzionale dell’ineffabile Napolitano. Ma poi, al dunque, Matteo Renzi resta a bordo campo: va in televisione a sbeffeggiare il fantasma di Luigi Di Maio, che l’ha sfidato a duello e poi è scappato, ma evita di sfiorare qualsiasi verità scomoda negli studi de La7, da Giovanni Floris.

In quella stessa rete televisiva, poco prima, persino il “talebano” Brunetta aveva ammesso, dalla Gruber, che l’astensionismo in Sicilia (dove non ha votato neppure un elettore su due) è la vera calamità politica nazionale, tale da oscurare la vittoria del centrodestra e la disfatta del Pd, surclassato dal candidato dei 5 Stelle. Continua QUI 

RICORDATE LE PIATTAFORME? GLI IMPERATORI? ECCO LA CONFERMA. NON SCRIVO A VANVERA

“Ma attenti perché in questo progetto c’è altro. Più sopra ho scritto chiaro che nel nuovo progetto di TECH-GLEBA l’elites accumuleranno quello che non fu mai accumulato da elites in 40 secoli prima. Questo non solo in virtù di elementi già emersi qui, ma soprattutto perché il progetto prevede, alla lettera, la distruzione d’interi comparti industriali (i tradizionali Re dell’industria) a favore dell’esistenza sul Pianeta degli Imperatori del Business, e cito:

“Tutto questo sbriciolerà interi comparti industriali. Da queste fratture escono morti i tradizionali Re del business, ed escono gli Imperatori… E’ quello che ha fatto Jeff Bezos, che ha sbriciolato tutto il comparto industriale a cui apparteneva, ha azzerato sei comparti in un colpo solo, e ora l’Imperatore è Amazon…”.* State capendo? Non muore solo il Capitalismo secondo il progetto TECH-GLEBA, ma anche la moltitudine delle industrie a favore di colossali Monopoli (gli “Imperatori”) come mai visti nella Storia, già chiamati col nome di Piattaforme. Immaginatene i profitti…”.

*(Lloyd Blankfein, CEO di Goldman Sachs, Robert Smith guru di Vista Equity Partners, e Jeff Immelt CEO di General Electric, a un meeting riservato)

Ora, mentre tutti stanno con gli occhi puntati sulla Seat, o Alitalia e il battibecco delle mummie industriali europee, io incappo in una straordinaria conferma del mio avviso pubblico di cui sopra, il quale, se vivessimo in un Paese dove l’imprenditore medio ha più di 2 saponette nella scatola cranica, avrebbe dovuto aprire un dibattito di un almeno un anno sul Sole 24 Ore (per non parlare dei dipendenti). Vabbè, qualche riga e poi le Piattaforme. Continua QUI

L’ingegneria del clima è la porta per un governo globale

Da Derrick Broze 

Ecco come la camera dei rappresentanti USA ha tenuto la sua prima udienza sulla geoingegneria del clima e come sta diventando chiaro che la tecnologia porterà alla governance internazionale.

Mercoledì la sottocommissione per l’ambiente e la sottocommissione per l’energia della Casa Bianca degli Stati Uniti ha tenuto un auditorio sul controverso tema della ingegneria del clima o di modificazione climatica. L’udienza, intitolata geoingegneria:innovazione, ricerca e tecnologia,” ha riunito i membri dei comitati di casa così come i rappresentanti di gruppi di riflessione, scienziati e ricercatori nel campo per discutere del futuro della ricerca sulla geoingegneria e se l’amministrazione Trump dovresse stanziare dei fondi.

La spinta per la discussione della geoingegneria da parte dell’amministrazione Trump non è certo una sorpresa. Nel gennaio 2017, Activist Post ha riferito che “il programma di ricerca per cambiamento globale dell’US ha tranquillamente consigliato nuovi studi cercando in due specifiche aree di ricerca che coinvolgono la geoingegneria.” Con il rilascio del loro rapporto, il GCRP sono diventati i primi scienziati nel governo federale a raccomandare formalmente gli studi che coinvolgono la geoingegneria. Continua QUI in lingua inglese

Le declinate immagini  mostrano che innumerevoli bombe nucleari sono state detonate nell’atmosfera terrestre

Una delle affermazioni più citate della storia dell’età atomica sono state Interpretate da Robert Oppenheimer affermando di aver pensato quando ha assistito alla prima esplosione nucleare del mondo: “Sono diventato la morte, il distruttore dei mondi”.

Poco dopo che Oppenheimer, direttore del laboratorio che ha sviluppato la bomba atomica, vide il fuoco, un fuoco ardente sul deserto del Nuovo Messico al sito di prova della Trinità il 16 luglio 1945, quelle parole sono molto simili e derivano dalla scrittura indù della Bhagavad-Gita gli si avvicinano molto.

La citazione appare in tutta la letteratura sulle armi nucleari, spesso in una forma leggermente diversa: “Sono diventata la Morte, il disgregatore dei mondi”.

Dal 1945 al 1962, gli Stati Uniti d’America hanno eseguito circa 210 test nucleari atmosferici. Sì. Proprio sopra le nostre teste.

Nel 1963 è stata vietata la messa a fuoco del nucleare, ma migliaia di film provenienti da quegli esami distruttivi che sono rimasti in rovina in valli segrete in tutto il paese.

Tuttavia, quando i tempi cambiano e quando il materiale classificato diventa declassificato, abbiamo ora accesso ad un’enorme quantità di filmati e immagini.

Quello che stiamo guardando è il meglio della distruzione. Tale forza fa venire i brividi lungo la schiena e guardando questi video e le immagini mi fa domandare perche ‘sprechiamo il nostro intelletto umano che produce armi di distruzione di massa, e non tecnologie che ci permetterebbero di viaggiare tra le stelle?

Immaginate dove saremmo oggi come civiltà se tutti i paesi del mondo avessero passato più tempo a sviluppare tecnologie future per le esplorazioni spaziali piuttosto che delle armi per ucciderci l’un l’altro? Quello che stai per vedere in queste immagini non è una mostra d’arte, è una mostra di guerra, una mostra di terrore, una mostra di distruzione immersa nell’umanità.Quando è stato che siamo andati fuori strada, al punto che produciamo la distruzione anziché lo sviluppo?

Queste macabre immagini, che sicuramente ti faranno venir la pelle d’oca, sono state recentemente declassificate e mostrano un certo numero di test nucleari atmosferici eseguiti dagli Stati Uniti negli anni ’60. Il giorno in cui abbiamo deciso di testare le armi nucleari nell’atmosfera ha segnato una giornata tragica per il nostro pianeta, ma anche per l’umanità.

I militari volevano determinare se sia possibile sparare un missile nucleare dal cielo.

Le immagini sono state compilate da web Topic. (guarda le immagini nel sito a fondo pagina QUI ndr)

I test non hanno potuto raggiungere l’obiettivo a causa degli effetti e dell’estrema difficoltà nucleare in quel momento.

Tuttavia, ciò che queste immagini confermano è che più di mezzo secolo fa l’umanità era già in grado di lanciare un’arma nucleare all’atmosfera.

Ci auguriamo che queste foto ci facciano riflettere e mettere in dubbio questo tipo di pratica. Data l’attuale tensione tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, queste fotografie potrebbero farci vedere un futuro oscuro che, secondo me, siamo tutti d’accordo – nessuno vuole esserne testimone.

Fonte:https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Stephen Hawking mette in guardia l’umanità

Stephen Hawking mette in guardia l’umanità: bisogna lasciare la Terra prima della classe dominante la distrugga. 

Claire Bernish
20 gennaio 2016

(ANTIMEDIA) Regno Unito – il futuro dell’umanità è in pericolo grazie ai cosiddetti avanzamenti nella scienza e nella tecnologia, lo afferma il professor Stephen Hawking, che ha citato “la guerra nucleare, il riscaldamento globale, e virus geneticamente modificati” come minacce mortali per la nostra esistenza.

Hawking ha descritto varie “cose che potrebbero andare male” ad un pubblico di centinaia di persone che frequentano il primo di una serie della BBC Reith Lectures, che riguardano la ricerca sui buchi neri. Egli ha affermato la necessità di colonizzare altri pianeti per garantire la sopravvivenza della specie umana Secondo l’avvertimento di Hawking alla BBC, ha esposto quanto segue:

“Anche se la probabilità di un disastro per il pianeta Terra in un dato anno potrebbe essere piuttosto basso, se invece lo si prefigura nel corso del tempo, nei prossimi mille o diecimila anni, diventa quasi certezza.

“A quel punto, avremmo potuto diffonderci nello spazio, e ad altre stelle, quindi un disastro sulla Terra non significherebbe la fine della razza umana.

“Tuttavia, non potendo stabilire colonie autosufficienti nello spazio per almeno i prossimi cento anni, dobbiamo stare molto attenti a questo periodo.”
Anche se per uno scienziato di tutto rispetto come Hawking sembrerebbe controproducente denunciare il progresso scientifico, come la minaccia più importante dell’umanità, questa non è la prima volta che Hawking ci ha consigliato di prestare attenzione, come gli anti-Media hanno riferito più volte. La scorsa estate, il fisico teorico ha frequentato oltre 1.000 esperti di intelligenza artificiale dove insieme hanno firmato una lettera aperta rivolta a tutte le potenze militari nel mondo, per la militarizzazione dei robot e il percorso “militare artificiale verso la corsa agli armamenti di intelligence”.
Nel mese di ottobre dello scorso anno, Hawking ha avvertito gli scienziati presso il Centro europeo per la ricerca nucleare (CERN) circa il potenziale del Bosone di Higgs “particella di Dio” che potrebbe avviare un “catastrofico decadimento del vuoto” – la formazione di una bolla quantistica che si espande alla velocità della luce e potrebbe annientare l’intero universo. Una delle più grandi preoccupazioni dello scienziato che lo ha spinto ad allarmarsi è l’automazione della forza lavoro nel mondo insieme all’avidità capitalista.

In realtà, presi collettivamente, numerosi avvertimenti di Hawking si rivolgono direttamente alla tracotanza incurante delle classi dirigenti e alla loro tendenza ad agire in favore del profitto – in una varietà di campi -, senza considerazioni di dati a conseguenze a lungo termine derivanti da tali progetti frettolosamente realizzati.

Nonostante i numerosi scenari cautelativi messi in evidenza da Hawking, egli sostiene che la società probabilmente saprà trovare i mezzi necessari per poterli affrontare.

 
 

Gli esseri umani a rischio di un letale ‘autogol’

Secondo il Prof Stephen Hawking, l’umanità è a rischio da una serie di pericoli messi in atto da noi stessi. Le maggiori cause che egli individua sono: la guerra nucleare, il riscaldamento globale e i virus geneticamente ingegnerizzati. Inoltre gli ulteriori progressi nella scienza e nella tecnologia creerà “nuovi modi dove è probabile che le cose potrebbero peggiorare”. 

E’ ironico che una figura di primo piano nel campo della scienza identifica il progresso scientifico come la principale fonte di nuove minacce.

In precedenti occasioni, ha messo in luce i rischi potenziali dell’intelligenza artificiale (AI) la quale è diventata abbastanza potente da causare l’estinzione della razza umana. Ma lui insiste che si possono trovare vie per affrontare questi rischi.

“Non abbiamo intenzione di smettere di fare progressi, o invertire la rotta, dobbiamo solo riconoscere i pericoli e controllarli. Sono un ottimista, e credo che possiamo farlo.”

I giovani scienziati hanno chiesto un consiglio al prof Hawking, egli ha detto di non smettere mai di mantenere un senso di meraviglia sul “nostro e vasto complesso” Universo.

“Dal mio punto di vista, è stato un tempo glorioso per essere qui ancora vivo e fare ricerca in fisica teorica. Non c’è nulla di meraviglioso come il momento di  scoprire qualcosa che nessuno conosceva prima.”

Ma ha anche detto che le future generazioni di ricercatori devono essere consapevoli di come il progresso scientifico e tecnologico stia cambiando il mondo, e per aiutare il grande pubblico a comprenderlo. 

“E’ importante garantire che questi cambiamenti si stiano dirigendo nella giusta direzione. In una società democratica, questo significa che tutti hanno bisogno di avere una conoscenza di base della scienza e prendere decisioni consapevoli per il futuro.

“Così comunicare chiaramente ciò che si sta cercando di fare nel campo della scienza, e chissà, si potrebbe anche finire per capire da soli.”

Dal momento che gli e stato diagnosticato la sua malattia del motoneurone, il Prof. Hawking e stato determinato nel superare le enormi difficoltà fisiche della sua disabilità, la quale è stata una fonte di fascino e ammirazione in tutto il mondo.

A sua figlia Lucy, giornalista e scrittrice, che ha co-scritto libri di scienza per bambini con il Prof Hawking, gli è stato chiesto di parlare di suo papà.

“Penso che lui sia estremamente testardo, con un desiderio molto invidiabile di andare avanti con la capacità di sfruttare tutte le sue riserve, tutte le sue energie, tutta la sua attenzione mentale e lì a premere per mantenere l’obiettivo che si è prefissato”.

“Ma non solo per andare avanti ai fini della sopravvivenza, ma per superare la sua disabilità producendo un lavoro straordinario, scrivendo libri, dando lezioni, ispirando altre persone con malattie neuro-degenerative e altre disabilità, e di essere un padre di famiglia, un amico e un collega di così molte persone e tenendo il passo con gli amici in tutto il mondo.”

Una breve storia di Stephen Hawking

http://www.bbc.com/news/science-environment-35344664 

 Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da