Crea sito

I fantasmi digitali del WEB

 

“Shadow Banning” – L’ombra che vieta – è solo la punta dell’iceberg – Siamo tutti fantasmi digitali ora   

di Charles Hugh Smith dal sito di OfTwoMinds 

Se esegui una ricerca sul divieto dell’ombra, troverai siti che affermano di aiutarti a identificare se Twitter o Instagram hanno messo al bando l’ombra del tuo account. 

L’idea di base del bando dell’ombra è quella di spoofare l’utente messo all’ombra a credere che i suoi messaggi pubblici siano visibili a tutti mentre in realtà i post sono visibili solo all’utente o in alcuni casi ai follower degli utenti.   

La definizione di Wikipedia di mettere al bando l’ombra è: 

“Il bando dell’ombra (chiamato anche divieto di occultamento, divieto fantasma o ghosting di commenti) è l’atto di bloccare o parzialmente bloccare un utente o il suo contenuto da una comunità online in modo che non sia immediatamente evidente all’utente che è stato bannato.” 

Ecco la descrizione di whatis.com : 

“Il bando delle ombre è controverso perché consente a un amministratore o moderatore di diventare effettivamente un censore e impedire ad utenti specifici di interagire con altri membri di una comunità online su base paritaria.”  

Il bando dell’ombra e il divieto totale sono solo la punta dell’iceberg: 

chiunque pubblichi contenuti sul Web o sui social media è soggetto a controlli molto più sottili e completamente opachi su quanto della tua presenza digitale è stata fantasma – non solo nelle community dei social media ma nelle ricerche e in che modo i link al tuo sito / contenuti e – posts dei tuoi contenuti sono gestiti dal cartello tecnologico che controlla ciò che è visibile e “trovato” sul web e sui social media. 

Questo cartello è dominato da Google e Facebook

Google controlla oltre il 90% di tutte le ricerche: 

quali risultati di ricerca vengono visualizzati, il peso attribuito ai collegamenti (il page rank assegnato ai siti Web) e una varietà di altri fattori che possono essere ammortizzati, rimossi, omessi o bloccati da algoritmi e / o censori umani (anche amministratori) senza ricorso e senza che il sito o l’utente siano informati.

 

Mentre questo grafico mostra la posizione dominante di Facebook e Google nelle entrate pubblicitarie digitali, è un proxy approssimativo per il loro predominio nella condivisione della mente, i dati dell’utente raccolti e il controllo su ciò che viene visualizzato e non visualizzato nei risultati di ricerca e nei social media.

  

Ora siamo tutti fantasmi digitali e quanta parte della tua ombra digitale è visibile al mondo è segreta / opaca. In caso di violazione delle politiche aziendali o delle leggi applicabili sulla censura (come interpretato dagli avvocati della società), la società ti informerà che il tuo account è stato bloccato o vietato.   

In questi casi, gli utenti e i creatori di contenuti vengono informati della loro presunta violazione.  

Ma questa parte visibile della censura web / social media è solo la punta dell’iceberg. La maggior parte della censura è invisibile e non rilevabile

Ecco un esempio di come questo potrebbe funzionare. 

Secondo quanto riferito, Facebook ha basato uno dei suoi programmi di censura sull’elenco di PropOrNot dimostrabilmente fasullo (e prodotto in modo anonimo) che è stato pubblicizzato dal Washington Post nel 2016. 

L’elenco dei siti accusati di essere dei punti di propaganda russi era un portasacco di siti web di sinistra, destra e centro, il cui unico “crimine” stava pubblicando un po’ di scetticismo sull’incoronazione di Hillary Clinton.

Quindi una lista anonima falsa diventa il fondamento degli sforzi di censura di Facebook. 

Questo è esattamente il modo in cui la polizia segreta dell’ex Unione Sovietica operava: 

un’associazione falsamente segnalata divenne il fondamento della sorveglianza e l’impostazione di varie trappole e insidie ​​per catturare elementi anti-sociali nell’atto di minare il regime. 

Che l’associazione fosse falsa non ha più importanza. Ciò che conta è il tuo nome nell’elenco.

Risulta che oftwominds.com sia entrato nella moderna lista NKVD-Stasi di PropOrNot, che nonostante sia stata smascherata ha preso vita da sola nel Nuovo Stato di Polizia di Facebook, Google, e altri …
Potresti aver sentito parlare del traffico di un sito web mirato che improvvisamente precipita letteralmente al 30% o al 40% letteralmente durante la notte.
 

  

Beh è vero. Molti siti di sinistra e destra segnalano il loro traffico misteriosamente e improvvisamente precipitano senza alcuna spiegazione da parte degli organi di censura (Facebook, Google, et al.)  

È successo a noi questo mese. 

Ho dati sul traffico che risalgono al 2005 e il mio traffico (visite e visualizzazioni di pagine) è rimasto notevolmente stabile per anni. Il numero dei miei post a settimana rimane lo stesso, il mio impegno sui social media rimane lo stesso (per quanto ne so, heh) e il mio page rank rimane lo stesso (5) (di nuovo, per quanto ne so).  

Quindi quando il mio traffico scende, noto come se un interruttore della luce fosse spento.   

Spero che apprezzerai l’ironia che molti, se non la maggior parte delle classifiche pubblicate sul mio sito, provengono dal sito di dati economici della Federal Reserve (FRED).  

Ma questo è simile al cittadino innocente impigliato dall’NKVD o dalla Stasi per crimini non specificati contro il popolo che protesta contro la sua innocenza e buona cittadinanza: 

niente di quello che conta. 

Ciò che conta è il tuo nome sulla lista, e i nostri amministratori sono obbligati a monitorare la tua presenza digitale e ti ghostano digitalmente,

  • aggiustando i risultati della ricerca per ammortizzare la tua presenza 
  • link sottopeso da altri siti 
  • jam tenta di ri-pubblicare i tuoi contenuti,

…e così via.

Niente di tutto ciò è visibile o riportato. Succede tutto dietro le porte chiuse di Facebook, Google et al.

Proprio come gli impiegati leali del NKVD e della Stasi venivano costantemente informati che erano il baluardo del popolo contro i nemici dello stato, impiegati di Facebook, Google et al. viene detto che stanno esternando “notizie false” e “propaganda” (come quelle del database economico della Federal Reserve) che è dirompente e che crea divisioni.  

In altre parole, sono bravi tedeschi che fanno le offerte dei loro padroni, per stipendi molto belli, bonus e opzioni azionarie. Nel frattempo, i redditi di quelli segretamente ghostati senza processo o ricorso precipitano insieme al loro traffico.

Il risultato netto della perversa magia della censura del cartello tecnico è che solo i pochi facoltosi possono permettersi di continuare a postare contenuti originali dopo che sono stati fantasma.

  • Anche se Facebook, Google et al. ci rassicurano che non siamo stati ghostati, perché dovremmo crederci? 
  • Poiché l’intero apparato di censura è gestito da società private e a scopo di lucro in totale segretezza, su quali basi le loro assicurazioni sarebbero credibili o verificabili? 

Quasi l’unico baluardo contro il fatto di essere messi a tacere dall’odierna tecnologia aziendale – NKVD – Stasi è Patreon – individui che forniscono supporto finanziario di voci indipendenti e analisi perché apprezzano gli analisti indipendenti e i creatori di contenuti.  

Non importa se ti consideri a sinistra, a destra o al centro.

Se vuoi resistere alla censura segreta di destra e di sinistra, ti preghiamo di prendere in considerazione di sostenere i commentatori indipendenti e gli analisti che hanno migliorato la tua vita con valore, intuizione o intrattenimento.

Grazie, patroni e sostenitori finanziari di oftwominds.com e altri creatori di contenuti indipendenti. Grazie a te, anche se il cartello tecnologico può farci male, il nostro contenuto non può essere cancellato del tutto.  

Almeno non ancora…  

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld