Crea sito

Dove lo vuoi il Codice a barre?

“Come un codice a barre”: Andrew Yang chiede un modo per mostrare la prova della vaccinazione di qualcuno

(DNCC tramite Getty Images)

L’ex candidato alla presidenza democratica si sta riscaldando all’idea      

Il Santo Gral: ti paghiamo e tu ci obbedisci

Frode elettorale, COVID, ripristino della valuta

di Jon Rappoport

4 novembre 2020

Finora, l’accusa più specifica e potenzialmente dannosa del team di Trump è: la notte delle elezioni, si sono presentati all’improvviso 138.000 voti per Biden nel Michigan e allo stesso tempo non sono stati registrati nuovi voti per Trump .

 

Il NY Times nega che ciò sia accaduto. Invece, afferma il Times, c’è stato un errore di battitura. Uno zero in più è stato aggiunto alla fine di quei voti Biden. In realtà, la nuova fetta di voti per Biden avrebbe dovuto essere 13.800.

 

C’è solo un problema con questa affermazione. Anche 13.800 voti di fila per Biden, senza alcuna variazione nel totale di Trump, sarebbero ridicoli.

 

Inoltre, il Times afferma che l’errore di battitura nel Michigan è stato corretto non appena è stato trovato. Stavo guardando la copertura della rete delle elezioni di tanto in tanto, durante la prima lunga notte delle elezioni, e non ho visto alcun annuncio dalle reti che era stato commesso un errore nel conteggio Biden nel Michigan.

 

Potrei essermi perso quell’annuncio, ma penso che sarebbe stata una grande storia e ripetuta spesso dalle reti.

 

In conclusione: molto strano. Non ha senso. Che si tratti di 138.000 o 13.800 voti di fila per Biden, questo è un problema che dovrebbe essere indagato fino in fondo.

 

La domanda è: Trump ha davvero il team legale organizzato per farlo? E quella squadra sta presentando mozioni convincenti in diversi stati per contestare il processo di conteggio dei voti? Queste mozioni conterranno prove sufficienti per arrivare alla Corte Suprema, se necessario?

 

Era chiaro, mesi fa, che, usando la scusa “casuale” del COVID e del virus, le schede elettorali per posta sarebbero state utilizzate, in numero impressionante, in tutto il paese. Immediatamente, il team legale di Trump ei capi del Partito Repubblicano avrebbero dovuto sviluppare un piano ermetico per sfidare un intero menu di potenziali vie di frode. Lo hanno fatto? Se è così, non ne ho ancora visto le prove.

 

Del resto, il team legale di Biden avrebbe dovuto sviluppare il proprio piano per affrontare potenziali sporchi trucchi repubblicani.

 

Ci sono molti livelli per un’operazione segreta davvero importante. Molti livelli di vantaggio per vari giocatori. Ho scritto oltre 200 articoli sull’operazione COVID, descrivendone i vantaggi. Su un solo livello, COVID aveva lo scopo di far oscillare le elezioni. È ovvio:

 

Abbattere l’economia degli Stati Uniti e sgonfiare un presidente, la cui missione annunciata di base era quella di creare un’economia ruggente. Convinci molti elettori che recarsi alle urne per votare di persona sarebbe pericoloso dal punto di vista medico. Pertanto, istituire un massiccio voto per corrispondenza, presentando così ogni sorta di opportunità per la manipolazione del conteggio dei voti.

 

Sì, la manipolazione potrebbe provenire da entrambi i partiti politici. Ma quei globalisti che hanno lanciato il COVID erano in una posizione più forte per influenzare le elezioni, perché erano meglio organizzati sin dall’inizio. Il loro intento era più concentrato.

 

Ecco uno sfondo sugli scopi più ampi del COVID op. L’illusione COVID e il ripristino della valuta:

 

Ci sono diversi modi in cui le cose potrebbero andare. In questo articolo descrivo un percorso.

 

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la Banca mondiale (WB) sono unite all’anca. Nel 2018, hanno raddoppiato i loro legami formando una partnership per monitorare focolai ed epidemie prima che si diffondessero.

 

Fondamentalmente, dietro le quinte, l’accordo si presenta così: L’OMS crea l’illusione di epidemie globali; WB interviene più tardi, per raccogliere i pezzi del risultato – economie nazionali danneggiate – sborsando prestiti ai governi.

 

Questi prestiti portano sempre condizioni. La condizione principale è: lasciare entrare investitori privati, in roaming, stranieri, predatori, privati ​​in modo che possano conquistare settori vitali di una nazione: energia, agricoltura, acqua, ecc.

 

Ma questa volta, con COVID: WHO, come previsto, è impazzito. I blocchi stanno distruggendo le economie. Non lo sarà “eccoti un prestito”.

 

È in più nell’ordine di: dobbiamo salvare tutti.

 

Come si fa?

 

Passo dopo passo, passando da un tipo di denaro illusorio a un altro tipo di denaro illusorio.

“Abbiamo inventato un tipo di denaro dal nulla, ed è arrivato alla fine della linea. Ora dobbiamo inventare dal nulla un altro tipo di denaro completamente nuovo”.

Reddito garantito universale (UGI). Alla fine, per tutti.

 

Viene fornito con condizioni, implementate gradualmente. Fondamentalmente, l’accordo è: “ti paghiamo e tu ci obbedisci”.

 

Il lato comportamentale del modello è il regime cinese, che controlla l’obbedienza attraverso un “punteggio di credito sociale”.

 

Le infrazioni abbassano il punteggio. In tal caso, il trasgressore non può viaggiare su un aereo o mandare i suoi figli in determinate scuole o soggiornare in determinati hotel o avviare un’attività. Ci sono livelli di punizione.

 

Le infrazioni includono portare a spasso un cane senza guinzaglio, diffondere notizie false, attraversare con il semaforo rosso, non separare adeguatamente i rifiuti, frodi aziendali, criticare il governo, “violare gli standard della comunità” …

 

Sotto un UGI globale, sarebbe:

“Ecco il tuo assegno digitale mensile, ora esegui gli ordini, o i tuoi soldi saranno ridotti. Sii un buon cittadino.”

Ovviamente, un sistema come questo richiede una sorveglianza completa e totale, pubblica e privata, in ogni modo, compresi i sensori interni del corpo che segnalano cambiamenti fisiologici in tempo reale, misurati rispetto ad algoritmi che prevedono un potenziale “comportamento scorretto”.

 

Il Santo Graal sono le quote di energia per ogni persona.

“Sig. Smith, questo è il tuo muro che parla attraverso il glorioso Internet of Things. La tua quota di energia per il mese sta raggiungendo il limite. Voglio aiutarti a evitare quel limite e le sanzioni sul punteggio di credito sociale che verrebbero applicate. Inizierò i brown-out e l’oscuramento a casa tua per le prossime due settimane. La tua connessione Internet verrà interrotta, tranne dalle ore 24:00 alle tre del mattino. Cucina tutti i pasti della giornata tra le quattro e le cinque del mattino …”

Controllo del comportamento. Quello che sta succedendo ora è una messa a punto per il futuro. Ora dicono: resta in casa, non lasciare entrare i visitatori. Stai in fila fuori dai negozi, mantenendo una distanza di un metro. Segnala le persone che sembrano malate. Fai il test. Lavati le mani una dozzina di volte al giorno. In futuro, l’elenco delle regole e dei registri si espanderà, ma il tema generale sarà lo stesso: essere un buon cittadino e contribuire a un mondo migliore. Sii sincero, serio e disponibile. Non ribellarti.

 

E proprio come adesso, molte, molte persone risponderanno:

“Sì, grazie. Mi piace il dritto e lo stretto. Mi piace la sensazione di contribuire a qualcosa di più grande di me. Mi piace il collettivo. Mi piace il fatto che siamo tutti insieme in questo”.

Una sottopopolazione di queste persone vorrà fare di più. Vorranno entrare a far parte del governo. Vorranno aiutare il governo a far rispettare le regole. Vorranno “esprimere la loro energia”. Se richiesto, marceranno volentieri in colonne per le strade, salutando, distribuivano convocazioni, eseguirano arresti e persino commetteranno atti violenti su ordine.

 

Indossavano uniformi fresche e prestando giuramento. Vorranno ranghi e sigilli. Vorranno essere chiamati ELITE.

 

Poiché la storia non significa nulla per queste persone, non conosceranno mai nomi come SS, Guardie Rosse o Stasi. Ma è quello che saranno.

 

A meno che l’intero piano per un Brave New World tecnocratico non venga smascherato e cada a pezzi, perché abbastanza persone ricordano un altro nome e sanno cosa significa: LA LIBERTÀ.

 

Diversi temi di propaganda stanno già emergendo. Continueranno ad essere promossi in vari modi, impiegando molti messaggi. Sto parlando del governo ufficiale e della propaganda dei media.

 

Il primo grande tema sarà: AIUTACI A COSTRUIRE UN MONDO MIGLIORE. Questo messaggio è per le persone sincere che vogliono partecipare e fare del bene, in senso collettivo. “Costruiamo un mondo migliore in cui possiamo evitare queste pandemie o vederle prima. Formiamo una civiltà in cui l’uguaglianza e la giustizia per tutti siano la massima priorità. Condividiamo e preoccupiamoci tutti… ”Se stai cercando la logica, dimenticala. In qualunque modo possano, i propagandisti implicheranno che in qualche modo la pandemia era un segnale che dobbiamo “fare meglio”. Dobbiamo “superarla insieme” come abbiamo fatto durante la crisi. L’amore che abbiamo mostrato allora deve essere l’amore che mostriamo ora. Un appello agli idealisti di tutto il mondo che si innamorano di vaghe generalità come i gatti si innamorano dell’erba gatta.

 

Il secondo grande tema, rivolto alla classe colta e ai tipi tecnici, agli scienziati e ai “pensatori”, sarà: l’ORGANIZZAZIONE.

“Dobbiamo organizzare la civiltà mondiale in modo più efficace”.

Perché in qualche modo, quello era il problema prima della pandemia. La mancanza di organizzazione ha permesso che le cose sfuggissero di mano. Non possiamo più essere gruppi separati e nazioni che seguono strade separate. Troppo disordine. Abbiamo bisogno di strutture migliori in ogni fase della vita. Abbiamo bisogno di più interconnessione e coordinamento. La classe istruita ama questa roba. Si adatta alla loro immagine di successo. Se la società funziona come una macchina, i problemi saranno risolti.

 

Il terzo grande tema della propaganda è rivolto a tutti i tipi di persone che sono emerse dal loro confinamento e isolamento, hanno fatto una passeggiata in un parco in un giorno di primavera e hanno improvvisamente ricordato cosa si erano perse. Il loro sollievo raggiunge quasi un punto di isteria, come alla fine di una guerra mondiale. Il tema è: MAI PIÙ.

“Non vogliamo tornare a quei giorni bui in nessuna circostanza, e qualunque cosa serva, siamo a bordo. Dicci cosa fare.”

Con questi temi in mano, la tecnocrazia può essere messa in atto.

  • 1) Siamo tutti per costruire un mondo migliore.
  • 2) Dobbiamo organizzarlo con le t incrociate e le i puntate.
  • 3) E non dobbiamo mai tornare al buio.

A meno che le persone non ricordino cosa viene tralasciato. L’INDIVIDUO. E LA LIBERTA’.

 

Gli operatori tecnocratici contano su di noi per dimenticare. Contano su molte persone che apprezzano la libertà per dire:

“Beh, è ​​tutto senza speranza. So cos’è la libertà, ma troppi altri no. Allora perché preoccuparsi. Mi arrenderò e galleggerò sulla marea.”

Galleggiare è un’illusione. La marea si muove nella direzione pianificata. Verso una spiaggia che non è bella.

 

Le cose sono belle adesso?

Si chiama indizio.

 

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld

Sta accadendo alla maggior parte delle nostre società in questo momento

Berlicche e il Fallimento della Rivoluzione

Berlicche e il Fallimento della Rivoluzione. Il Demonio Berlicche illustra come indebolire gli Uomini, ma Malacoda ne deduce come salvarli. Dai Quaderni di Malacoda, il pensiero di Berlicche. Testo e Corpo-Voce di Antonio Bilo Canella

***************************************

https://off-guardian.org/wp-content/medialibrary/1_K211tj11PlnMgGJnZ0TFbQ.jpg?x91011

Il culto covidiano

 

di: CJ Hopkins

 

Uno dei tratti distintivi del totalitarismo è la conformità di massa a una narrativa ufficiale psicotica. Non una normale narrativa ufficiale, come le narrazioni della “Guerra Fredda” o della “Guerra al Terrore”. Una narrazione ufficiale totalmente delirante che ha poca o nessuna connessione con la realtà e che è contraddetta da una preponderanza di fatti.

 

Il nazismo e lo stalinismo sono gli esempi classici, ma il fenomeno è meglio osservato nelle sette e in altri gruppi sociali sub-culturali. Verranno in mente numerosi esempi: la famiglia Manson, il Tempio del Popolo di Jim Jones, la Chiesa di Scientology, Heavens Gate, ecc., Ognuno con la sua narrativa ufficiale psicotica: Helter Skelter, Comunismo cristiano, Xenu e la Confederazione galattica, e così via.

 

Guardando dalla cultura dominante (o indietro nel tempo nel caso dei nazisti), la natura delirante di queste narrazioni ufficiali è palesemente ovvia alla maggior parte delle persone razionali. Ciò che molte persone non riescono a capire è che per coloro che cadono preda di loro (siano essi singoli membri di sette o intere società totalitarie) tali narrazioni non vengono registrate come psicotiche.

 

Al contrario, si sentono del tutto normali. Tutto nella loro “realtà” sociale reifica e riafferma la narrazione, e tutto ciò che la sfida o la contraddice è percepita come una minaccia esistenziale.

 

Queste narrazioni sono invariabilmente paranoiche, descrivendo il culto come minacciato o perseguitato da un nemico malvagio o da una forza antagonista da cui solo l’indiscussa conformità all’ideologia del culto può salvare i suoi membri. Non fa poca differenza se questo antagonista è la cultura dominante, i body thetan, i controrivoluzionari, gli ebrei o un virus.

 

Il punto non è l’identità del nemico. Il punto è l’atmosfera di paranoia e isteria che la narrativa ufficiale genera, che mantiene i membri della setta (o la società) conformi.

 

Oltre ad essere paranoiche, queste narrazioni sono spesso internamente incoerenti, illogiche e … beh, semplicemente completamente ridicole. Questo non li indebolisce, come si potrebbe sospettare. In realtà, aumenta il loro potere, poiché costringe i loro aderenti a tentare di conciliare la loro incoerenza e irrazionalità, e in molti casi l’assurdità assoluta, al fine di rimanere in regola con il culto.

 

Tale riconciliazione è ovviamente impossibile e fa sì che le menti dei membri della setta mettano in corto circuito e abbandonino ogni parvenza di pensiero critico, che è esattamente ciò che vuole il leader della setta.

 

Inoltre, i leader del culto cambieranno spesso radicalmente queste narrazioni senza una ragione apparente, costringendo i loro membri del culto a rinunciare bruscamente (e spesso anche a denunciare come “eresia”) le convinzioni che erano stati precedentemente costretti a professare, ea comportarsi come se non avessero mai creduto loro, il che provoca un ulteriore cortocircuito delle loro menti, fino a quando alla fine smettono anche di provare a pensare razionalmente, e semplicemente ripetono senza cervello qualsiasi insensatezza senza senso con cui il leader del culto riempie le loro teste.

 

Inoltre, le sciocchezze senza senso del leader del culto non sono così prive di senso come potrebbe sembrare a prima vista. La maggior parte di noi, dopo aver incontrato tali incomprensioni, presume che il leader del culto stia cercando di comunicare e che qualcosa non va nel suo cervello. Il leader della setta non sta cercando di comunicare. Sta cercando di disorientare e controllare la mente dell’ascoltatore.

 

Ascolta il “rap” di  Charlie Manson.  Non solo per quello che dice, ma per  come lo dice. Nota come spruzza pezzi di verità nel suo flusso di sciocchezze libere associate e il suo uso ripetitivo di cliché che terminano il pensiero, descritti da RobertJ. Lifton come segue:

 

Il linguaggio dell’ambiente totalista è caratterizzato dal cliché che pone fine al pensiero. I problemi umani più complessi e di vasta portata sono compressi in frasi brevi, altamente selettive, dal suono definitivo, facilmente memorizzabili e facilmente espresse. Diventano l’inizio e la fine di qualsiasi analisi ideologica”.

Riforma del pensiero e psicologia del totalismo: uno studio sul “lavaggio del cervello” in Cina, 1961

 

Se tutto questo suona familiare, bene. Perché le stesse tecniche che la maggior parte dei leader di setta utilizza per controllare le menti dei membri delle loro sette sono usate dai sistemi totalitari per controllare le menti di intere società: Milieu Control, Loaded Language, Sacred Science, Demand for Purity e altre menti standard- tecniche di controllo.

 

Può succedere praticamente a qualsiasi società, proprio come chiunque può cadere preda di una setta, date le giuste circostanze.

 

Sta accadendo alla maggior parte delle nostre società in questo momento. È in corso di implementazione una narrazione ufficiale. Una narrazione ufficiale totalitaria. Una narrazione ufficiale totalmente psicotica, non meno delirante di quella dei nazisti, o della famiglia Manson, o di qualsiasi altro culto.

 

La maggior parte delle persone non può vedere che sta accadendo, per il semplice motivo che sta accadendo a loro. Non sono letteralmente in grado di riconoscerlo. La mente umana è estremamente resiliente e creativa quando viene spinta oltre i suoi limiti. Chiedete a chiunque abbia sofferto di psicosi o abbia assunto troppa LSD. Non riconosciamo quando stiamo impazzendo.

 

Quando la realtà cade completamente a pezzi, la mente creerà una narrativa delirante, che appare altrettanto “reale” della nostra realtà normale, perché anche un’illusione è meglio del terrore delirante e del caos totale.

 

Questo è ciò su cui contano i totalitari ei leader delle sette e sfruttano per impiantare le loro narrazioni nella nostra mente, e perché i rituali di iniziazione effettivi (al contrario dei rituali puramente simbolici) iniziano attaccando la mente del soggetto con terrore, dolore, esaurimento fisico, droghe psichedeliche, o qualche altro mezzo per cancellare la percezione della realtà da parte del soggetto.

 

Una volta ottenuto ciò, e la mente del soggetto inizia a cercare disperatamente di costruire una nuova narrativa per dare un senso al caos cognitivo e al trauma psicologico che sta subendo, è relativamente facile “guidare” quel processo e impiantare qualunque narrazione si desideri, supponendo hai fatto i compiti.

 

Ed è per questo che così tante persone – persone che sono in grado di riconoscere facilmente il totalitarismo nelle sette e nei paesi stranieri – non possono percepire il totalitarismo che sta prendendo forma ora, proprio davanti ai loro volti (o, piuttosto, proprio dentro le loro menti).

 

Né riescono a percepire la natura delirante della narrativa ufficiale del “Covid-19”, non più di quelli che nella Germania nazista furono in grado di percepire quanto fosse completamente delirante la loro narrativa ufficiale della “razza padrona”. Queste persone non sono né ignoranti né stupide. Sono stati avviati con successo a una setta, che è essenzialmente ciò che è il totalitarismo, anche se su scala sociale.

 

La loro iniziazione al Culto Covidiano è iniziata a gennaio, quando le autorità mediche ei media aziendali hanno acceso The Fear con  proiezioni di centinaia di milioni di morti  e  foto false di persone che cadono morte per le strade. Il condizionamento psicologico è continuato per mesi.

 

Le masse globali sono state sottoposte a un flusso costante di propaganda, isteria artificiale, speculazioni selvagge, direttive contrastanti, esagerazioni, bugie e effetti teatrali pacchiani. Blocchi. Ospedali da campo e obitori di emergenza. Il personale del SSN che balla e canta. Camion della morte. Terapia intensiva traboccante. Bambini Covid morti. Statistiche manipolate. Squadre di goon. Maschere. E tutto il resto.

 

Otto mesi dopo, eccoci qui. Il responsabile del programma di emergenza sanitaria presso l’OMS ha sostanzialmente confermato  un IFR dello 0,14%, circa lo stesso dell’influenza stagionale. Ed ecco  le ultime stime del tasso di sopravvivenza  dal Center for Disease Control:

 

  • Età 0-19 …   99,997%
  • Età 20-49 … 99,98%
  • Età 50-69 … 99,5%
  • Età 70+ …   94,6%

 

L’argomento “scienza” è ufficialmente finito. Un numero crescente di medici ed esperti medici sta rompendo i ranghi e spiegando come l’attuale isteria di massa sui “casi” (che ora include persone perfettamente sane) sia essenzialmente una propaganda priva di significato, ad esempio,  in questo segmento su ARD, uno dei principali principali Canali tv tedeschi.

 

E poi c’è l’esistenza della Svezia e di altri paesi che non stanno giocando con la narrativa ufficiale del Covid-19, il che si fa beffe dell’isteria in corso.

 

Non ho intenzione di smascherare la narrativa. Il punto è che i fatti sono tutti disponibili. Non dai siti web dei “teorici della cospirazione”. Da punti vendita tradizionali ed esperti medici. Dal Center for Fucking Disease Control.

 

Il che non ha importanza, non per i membri del Culto Covidiano. I fatti non contano per totalitari e membri di sette. Ciò che conta è la lealtà al culto o al partito.

 

Il che significa che abbiamo un problema serio, quelli di noi per i quali i fatti contano ancora, e che hanno cercato di usarli per convincere i cultisti Covidiani che si sbagliano sul virus … per otto mesi a questo punto.

 

Sebbene sia cruciale continuare a riportare i fatti e condividerli con quante più persone possibile – cosa che sta diventando sempre più difficile a causa della censura dei media alternativi e dei social – è importante accettare ciò contro cui ci troviamo di fronte.

 

Ciò che dobbiamo affrontare non è un malinteso o un argomento razionale su fatti scientifici. È un movimento ideologico fanatico. Un movimento totalitario globale … il primo del suo genere nella storia umana.

 

Non è totalitarismo nazionale, perché viviamo in un impero capitalista globale, che non è governato da stati-nazione, ma piuttosto da entità sovranazionali e dallo stesso sistema capitalista globale. E così, il paradigma culto / cultura è stato invertito. Invece del culto esistente come isola all’interno della cultura dominante,  il culto è diventato la cultura dominante, e quelli di noi che non si sono uniti al culto sono diventati le isole isolate al suo interno.

 

Vorrei poter essere più ottimista e magari offrire una sorta di piano d’azione, ma l’unico parallelo storico a cui riesco a pensare è come il cristianesimo ha “convertito” il mondo pagano … il che non promette niente di buono per noi. Mentre sei seduto a casa durante i blocchi della “seconda ondata”, potresti voler rispolverare quella storia.

 

CJ Hopkins è un pluripremiato drammaturgo, romanziere e satirico politico americano con sede a Berlino. Le sue opere sono pubblicate da Bloomsbury Publishing e Broadway Play Publishing, Inc. Il suo romanzo distopico, Zone 23, è pubblicato da Snoggsworthy, Swaine & Cormorant. Il volume I dei suoi Consent Factory Essays è pubblicato da Consent Factory Publishing, una consociata interamente controllata di Amalgamated Content, Inc. Può essere contattato su cjhopkins.com o consentfactory.org.

Fonte: https://off-guardian.org/

 

®wld

Ebbene sì! Sempre lui …il narratore della peste

Adolf Gates 

 

Di ilsimplicissimus 

 

Qualche settimana fa Bill Gates, tipico rappresentante della barbarie culturale americana “aumentata” e resa cieca dal potere e da livelli di ricchezza indecorosi , ha paragonato la lotta al  Covid   alla seconda guerra mondiale, un parallelo demenziale dove il virus diventa Hitler e i vaccini e il controllo sociale informatico fanno la parte delle forze alleate.

 

E’ evidente che Bill non ha mai aperto un libro di storia in vita sua o se lo ha fatto non ci ha capito molto, ma non rinuncia a utilizzare  in maniera ancora più grottesca del solito la reductio ad hitlerum che è l’artificio retorico fondamentale del Washington consensus: tutto ciò che si oppone ai disegni delle elites occidentali diventa il male assoluto.

 

Tuttavia nello stesso editoriale dove il vaccinatore folle propone questo sconsiderato paragone, fa un un esame e al tempo stesso un panegirico di tutti gli strumenti informatici e i finanziamenti privati  disponibili per il  “passaporto Covid”, ovvero i certificati digitali sanitari destinati a dividere i sani dai “malati”, i puri dagli intoccabili e questo per ogni virus presente e futuro, esistente o meno, creato o pompato.

 

Ora è difficile immaginare qualcosa di più vicino allo spirito del nazismo e alle tendenze eugenetiche di quel regime che sono diventate anche quelle delle attuali oligarchie del denaro. 

 

Ora di ciò che pensa Gates potremmo anche infischiarcene da un punto di vista puramente intellettuale vista l’assoluta povertà dei contenuti e la consapevolezza appannata dal denaro che spinge fatalmente a giocare con i destini altrui mostrando  il volto della filantropia, ma non si può evitare il confronto con la nuova eugenetica che nasce dal controllo di massa.

 

Essa si fonda su una sorta di dittatura pseudoscientifica, cone del resto l’eugenetica del secolo scorso:  non dimentichiamo che il manifesto per la razza dell’estate 1938 – ed era proprio luglio – si chiamava ufficialmente  “manifesto degli scienziati per la razza” a dimostrazione che la libertà della scienza è solo un concetto limite, qualcosa che si conquista ogni giorno, ma che non è possibile dare per scontato, anzi non lo è quasi mai.

 

Oggi invece di dividere l’umanità a seconda del colore della pelle o dell’etnia la si intende dividere in individui che accettano la perdita delle libertà fondamentali, ovvero i nuovi “sani” e chi invece recalcitra avendo coscienza che questa ingegnerizzazione della società elaborata nei think tank neoliberisti e negli incubi dei super ricchi spazza via la dignità, il lavoro e il futuro per enormi masse di persone.

 

Il tutto si traduce si traduce anche in un neo maltusianesimo  che del resto è un altro dei punti apertamente portato avanti da Gates. Come egli concili la diminuzione di popolazione con la campagna vaccinale che dovrebbe avere lo scopo opposto è per ora un mistero, ma temo che se non si riuscirà ad arginare il neo nazismo sanitario di cui Gates è il Führer , lo scopriremo presto. 

 

Chi pensa che la situazione che si è creata con l’assunzione di un virus modestamente patogeno in killer universale sia passeggera, che si tornerà alla normalità  e che i danni inflitti dalle misure di contenimento a seguito di una semplice sindrome influenzale, potranno essere riparati, è davvero un ingenuo: proprio l’artificialità dell’allarme denuncia che ci sono poteri interessati a trasformare la crisi in stato permanente e distruggere così ciò rimane della democrazia, sia pure ridotta a democratismo come aveva previsto nello specifico Marcuse, ma che tutta la scuola di Francoforte aveva previsto attraverso la pervasività dei media di massa che abituano le persone ad una ricezione passiva dei messaggi. Finito un virus se ne farà un altro e poi un’altro ancora e se non basta verranno aggiunti sempre nuovi pericoli. Ecco perché non bisogna farla passare liscia ai narratori della peste, perché la teste sono loro. 

 

Fonte: https://ilsimplicissimus2.com/

 

*****************************

 

Video interessante: VIVIAMO LA PIU’ GRANDE FARSA DELLA STORIA

 

®wld 

 

nulla succede casualmente

Il magheggio del burattinaio

Sembra proprio che le guerre mondiali cambino i mondi e se si possiede un’agenda mondiale, dunque, i problemi globali permettono di offrire soluzioni globali. E se si guarda di come il mondo è stato trasformato dalla Prima alla Seconda Guerra Mondiale, il mondo è letteralmente cambiato dopo queste due guerre.

Sin dall’inizio l’idea è sempre stata quella di una Terza Guerra Mondiale per completare l’operazione; le premesse c’erano tutte, dalla Guerra Fredda, Cuba, Ucraina e in prima linea la costituzione di uno stato in Palestina, Israele. Tutto rivolto verso uno stato globale, con un governo e un esercito mondiale, che si impongano globalmente sulla popolazione mondiale.

Un’altra stortura è quella dell’ISIS che è venuto fuori (apparentemente) dal nulla, incredibilmente ben armato e finanziato, con a disposizione miliardi di $. Sono entrati in città irachene assumendone il potere e il controllo. Si sono stabiliti in luoghi chiave di frontiera tra Siria e Giordania, penetrando anche al suo interno, fino a lambire la Turchia.

Tutto questo è stato rapido e fulmineo, un piano per creare un conflitto di massa di divide & impera per vincere, tra mussulmani sciiti e sunniti. Tutti si stanno mantenendo a distanza per permettere all’ISIS di consolidare la sua posizione in quelle regioni. Basta un niente per innescare un catastrofico conflitto se Israele si sentirà minacciato, di conseguenza America e NATO entreranno in azione, perché (anche se hanno abilitato l’Iran togliendogli l’embargo e Cuba vicino a casa per avere le mani libere), si impegneranno a proteggere i finanziatori delle loro campagne presidenziali.

Sembra proprio che questa Terza Guerra Mondiale, sia volta a coinvolgere la Russia e la Cina contro l’occidente. La geniale idea è quella di portare tutto il mondo fuori controllo in un globale conflitto per poi iniziare a ricostruirlo, non solo nella struttura ma anche nel modo di agire.

Tutto questo si avvicina molto e assomiglia a quello che hanno cercato di ottenere, sin dall’inizio: un governo mondiale, una banca centrale mondiale, un esercito mondiale, un’unica moneta mondiale, insomma, il controllo globale del pianeta.

Quello che sta succedendo in Medio Oriente non è casuale, niente è stato casuale, la Libia non è stata casuale, la Siria non è stata casuale, niente lo è stato, nemmeno gli ultimi fatti successi in Tunisia sono stati casuali, nulla succede casualmente e, senza alcun dubbio, l’ISIS non è casuale, fa parte di un lungo progetto per assumere il controllo del mondo, creando un enorme caos affinché si possa ristabilire un ordine dopo il caos, questo è il loro ordine, il loro Nuovo Ordine Mondiale.

Chi non collega i fili non può vedere la progressione di quello che sta accadendo, Andare in Afganistan è stato il primo passo, giustificato da una menzogna … e di chi c’era veramente dietro, in seguito sono andati in Iraq, creando la situazione attuale, andando completamente fuori controllo. Le loro intenzioni sono quelle di andare in Africa e, provocare il terrorismo in tutta l’area. Il silenzio tombale sugli abomini ucraini è assordante; come lo è stato quello sulla Iugoslavia a suo tempo.

Per la Libia, l’ostacolo più grande, senza dubbio, è stato il colonnello Gheddafi, per questo hanno dovuto liberarsene, questo era lo scopo di quello che è accaduto in Libia, dove sono stati addestrati, armati, e finanziati i ribelli affinché attaccassero il regime di Gheddafi, dopo la Libia, questi ribelli si sono spostati in Siria per fare la stessa cosa. Pensando che in Siria le cose sarebbero andate nella stesso modo che in Libia, non è stato così e, per loro, questo è un grosso problema.

Sono state trasferite armi da oltreoceano all’ISIS che gli hanno anche permesso di fornirle ai terroristi in Siria, che controllano allo stesso modo. Tutto questo si sta svolgendo con il magheggio del  burattinaio dietro le quinte. E quando ci renderemo conto di questo, potremo vedere che gli avvenimenti non sono casuali, ma freddamente calcolati.

La loro malvagità di quello che stanno facendo deve essere compresa dalla gente, per rifiutare il loro diabolico piano atto ad assassinare, mutilare e sterminare così tante persone. Tutto questo loro possono farlo per mancanza di empatia, privi di cuore, nessuna compassione emotiva, è in questo modo che il loro lemma diventa il caos senza avere conseguenze emozionali, non essendo come noi, non possiamo giudicare quello che fanno.

Nell’aprile del 2015, leggevo questo articolo:

“Erdogan sta creando serio malcontento persino all’interno del suo entourage, mentre a livello internazionale l’immagine del paese è pesantemente danneggiata a causa di tutta una serie di gravi episodi: la repressione di Gezi Park; la persecuzione di giornalisti e intellettuali; gli scandali finanziari di alcuni membri del governo; l’appoggio turco all’ISIS, con tanto di rifornimento di armi ai jihadisti e cure mediche negli ospedali in Turchia” LINK

Oggi leggiamo che dei raid aerei turchi distruggono postazioni in Siria uccidendo 32 persone, ma nell’occasione anche due poliziotti del pkk hanno perso la vita. La svolta di Erdogan è quella di combattere finalmente L’ISIS, ma non disdegna di annientare il suo nemico di sempre, il pkk curdo.

“LE AMBIGUITA’ DI ANKARA” 

“La Turchia per mesi è stata nell’occhio del ciclone per i suoi rapporti ambigui con lo Stato Islamico. In molti l’hanno accusata di mantenere una posizione interlocutoria per evitare rappresaglie. Alcuni media si sono spinti oltre, dicendo chiaramente che Ankara collabora con le truppe di Al-Baghdadi. Il quotidiano Cuhmuriyet, due mesi fa a pochi giorni dalle elezioni, ha pubblicato due video in cui si vedono uomini dell’intelligence turca portare armi ai terroristi jihadisti oltre il confine siriano.” LINK

Adesso la Casa bianca ha dato il via alle incursioni aeree contro l’ISIS in basi aeree gentilmente concesse da Ankara e ha aperto l’annoso conflitto interno con i Curdi gli unici che stanno combattendo contro gli jihadisti, In Ucraina invece è sceso un silenzio tombale

http://ningizhzidda.blogspot.it/