Crea sito

Gli effetti collaterali della Geoingegneria

 

 

Nuovo studio: la geoingegneria potrebbe portare a rendimenti del raccolto più bassi

 

Derrick Broze 17 agosto 2018 

 

Un nuovo studio ha stabilito che irrorare i cieli con sostanze chimiche per combattere il riscaldamento globale probabilmente si avrà con l’involontario effetto collaterale di ridurre i raccolti.

 

I ricercatori dell’Università della California, Berkeley, hanno pubblicato un nuovo studio che mette in discussione gli sforzi scientifici per bloccare la luce solare attraverso l’ingegneria del clima, nota anche come geoingegneria. La geoingegneria è la manipolazione deliberata e su larga scala del clima e dall’utilizzare una varietà di tecnologie per mitigarlo. Una forma popolare di geoingegneria che viene esplorata dagli scienziati è nota come Solar Radiation Management (SRM), un processo che comporta la spruzzatura di aerosol da aerei dotati di particelle progettate per riflettere la luce solare nel tentativo di combattere il “riscaldamento globale antropogenico”.

 

Tuttavia, il team di UC Berkeley ha trovato nuove prove del fatto che il materiale di protezione solare probabilmente ridurrà anche i raccolti di alcune colture. I ricercatori sono giunti a questa conclusione studiando le precedenti eruzioni vulcaniche in Messico e nelle Filippine. L’eruzione del 1991 del Monte Pinatubo nelle Filippine e di El Chichon in Messico nel 1982 causò una diminuzione della produzione di grano, soia e riso a causa della luce solare che veniva bloccata dalla cenere vulcanica.

 

I ricercatori hanno scritto: “Qui usiamo le eruzioni vulcaniche che hanno ispirato le moderne proposte di gestione delle radiazioni solari come esperimenti naturali per fornire le prime stime, a nostra conoscenza, di come gli aerosol di solfato stratosferico creati dalle eruzioni di El Chichón e Mount Pinatubo abbiano alterato la quantità e la qualità di luce solare, e come questi cambiamenti alla luce solare hanno influenzato globalmente i raccolti”.

 

I ricercatori hanno concluso che “i danni proiettati a metà del ventunesimo secolo a causa della dispersione della luce solare causata dalla gestione della radiazione solare sono all’incirca della stessa entità dei benefici derivanti dal raffreddamento”. Il team richiede ulteriori studi sugli effetti della gestione della radiazione solare su altri sistemi globali, inclusa la salute umana. Il gruppo di ricerca ha pubblicato il suo studio sulla rivista Nature, che stima gli effetti agricoli globali della geoingegneria usando le eruzioni vulcaniche, .

“Se pensiamo alla geoingegneria come a un intervento sperimentale, i nostri risultati suggeriscono che gli effetti collaterali del trattamento sono altrettanto negativi della malattia originale”, ha detto a Reuters UK l’autore Jonathan Proctor dell’Università della California, Berkeley, durante una conferenza stampa telefonica.

Sfortunatamente, lo studio UC Berkeley è solo l’ultimo di una lunga serie di ricerche che indicano i risultati pericolosi legati all’implementazione della tecnologia di geoingegneria.

 

Il 6 aprile, Janos Pasztor, ex segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici, ha parlato all’Arizona State University per quanto riguarda i pericoli della geoingegneria solare e la necessità di regole internazionali per regolare la controversa tecnologia. Durante il suo discorso Pasztor ha discusso i potenziali pericoli della geoingegneria, incluso il prossimo esperimento condotto dalla Harvard University in Arizona.

 

“Qualche volta entro l’anno prossimo, potremmo assistere al primo esperimento all’aperto al mondo di iniezione di aerosol stratosferico qui nei cieli sopra l’Arizona, ma per la maggior parte i governi non sono consapevoli, né affrontano, i profondi problemi di governance che questo pone; “L’onorevole Pasztor ha detto. “Abbiamo urgente bisogno di una discussione aperta e inclusiva su come il mondo cercherà e governerà la geoingegneria solare. Altrimenti potremmo essere in pericolo di eventi che superano la capacità della società di rispondere con prudenza ed efficacia”.

 

Pasztor fa riferimento a David Keith, ingegnere di Harvard (e coerente sostenitore dell’ingegneria climatica) e al suo piano per un nuovo progetto, SCoPEx (Stratospheric Controlled Perturbation Experiment), che valuterà i rischi ei benefici dell’utilizzo di geoingegneria su larga scala. Keith e il suo collega, Frank Keutsch, indagheranno sui benefici e sui rischi spruzzando particelle di biossido di zolfo, alluminio o carbonato di calcio da un pallone ad alta quota in Arizona nel 2018.

 

Pasztor è attualmente a capo della Carnegie Climate Geoengineering Governance Initiative (C2G2), un’iniziativa lanciata dal Carnegie Council al fine di “portare le questioni profondamente complesse della governance e dell’etica della geoingegneria a un pubblico molto più ampio.” Il Carnegie Council ha precedentemente chiesto strutture di governance globali per regolamentare l’uso della geoingegneria. 

 

Alla fine di gennaio, i ricercatori della Yale University, della Rutgers University e dell’Università del Maryland hanno offerto un avvertimento contro l’improvviso avvio o arresto di controversi programmi di geoingegneria. I ricercatori avvertono che gli sforzi per iniettare aerosol nell’atmosfera per combattere i cambiamenti climatici potrebbero finire per causare più danni alla fauna selvatica, all’ambiente e all’umanità. Lo studio, “Conseguenze potenzialmente pericolose per la biodiversità di implementazione e terminazione della geoingegneria solare” è stato pubblicato sulla rivista Nature.

 

Questo studio non è il primo a richiamare l’attenzione sui pericoli dell’inizio dei programmi di geoingegneria. Secondo uno studio del 2013 pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Atmospheres, se i programmi di geoingegneria fossero stati avviati e poi improvvisamente fermati, il pianeta avrebbe potuto vedere un immediato aumento delle temperature, in particolare sulla terraferma. Un altro studio pubblicato nel febbraio 2015 da un comitato internazionale di scienziati ha affermato che le tecniche di geoingegneria non sono un’alternativa valida alla riduzione delle emissioni di gas serra per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici. Il rapporto del comitato richiedeva ulteriori ricerche e la comprensione di varie tecniche di geoingegneria, compresi gli schemi di rimozione del biossido di carbonio e la gestione delle radiazioni solari prima dell’implementazione. Gli scienziati hanno scoperto che le tecniche SRM sono suscettibili di presentare “seri e possibili noti rischi ambientali, sociali e politici, inclusa la possibilità di essere schierati unilateralmente”.

 

Inoltre, a fine ottobre 2016, la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica ha pubblicato un rapporto che esamina i problemi della geoingegneria e se l’umanità sarà obbligata a impiegare la pratica nel tentativo di fermare il cambiamento climatico. Il rapporto, Aggiornamento sulla geoingegneria del clima in relazione alla Convenzione sulla diversità biologica: potenziali impatti e quadro normativo, ha rilevato che la geoingegneria “ridurrebbe gli impatti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità a livello globale”, ma causerebbe anche pioggia imprevedibile e distribuzione della temperatura su il livello locale.

 

Inoltre, a gennaio, una bozza di rapporto trapelata dal gruppo di esperti sul clima delle Nazioni Unite ha definito la geoingegneria “economicamente, socialmente e istituzionalmente non fattibile”. L’ONU ha nuovamente riconosciuto che la geoingegneria potrebbe disturbare i modelli meteorologici.

 

Con tutte queste prove che indicano l’interruzione dei modelli meteorologici globali, la perdita di cieli blu e la riduzione dei raccolti, ci si deve chiedere, perché l’establishment scientifico continua a spingere un’idea così pericolosa? 

 

Fonte: http://theconsciousresistance.com/ 

 

nda: Questo nuovo studio sembra non si renda conto che la geoingegneria viene praticata da molti decenni (vedasi QUI) e “L’ONU ha nuovamente riconosciuto che la geoingegneria potrebbe disturbare i modelli meteorologici”, il fatto è che i modelli meteorologici non sono disturbati, sono catastrofici e questa è la reale conseguenza dell’irrorazione aerea

 

®wld

Un’arma invisibile

 

La nostra dipendenza da cellulare trasforma la tecnologia wireless in un’arma invisibile che sta distruggendo la natura

di Reynard Loki
3 agosto 2018
dal sito Web di EcoWatch 

Vi è una crescente evidenza che la nostra dipendenza dai telefoni cellulari potrebbe avere un impatto sulla funzionalità del cervello ed essere la causa di:

  • stress
  • ansia
  • insonnia
  • mancanza di attenzione e concentrazione

Ora un nuovo rapporto ha scoperto che non siamo gli unici esseri viventi a essere interessati dalla nostra crescente dipendenza dalla tecnologia wireless.

Mammiferi, uccelli, insetti e persino piante sono probabilmente danneggiati dalla radiazione elettromagnetica ( EMR ) che emana da,

… secondo una nuova analisi (Gli impatti delle radiazioni elettromagnetiche artificialisulla fauna selvatica – Flora e fauna ) di 97 studi peer-reviewed condotti da EKLIPSE, un progetto di biodiversità ed ecosistema finanziato dall’Unione Europea.

I ricercatori hanno detto che,

“La prova sta accumulando che i mammiferi (ad esempio, pipistrelli e topi) hanno un senso magnetico” che è influenzato da campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMR).

Gli uccelli in particolare possono essere molto sensibili.

I ricercatori hanno scoperto che anche i campi magnetici deboli nella gamma di frequenze radio possono interrompere la magnetoreception degli uccelli, la loro capacità di utilizzare i campi magnetici terrestri per orientarsi e trovare la via di casa.

I piccioni viaggiatori sono ben noti per la loro magnetoricezione, ma questo senso è stato rilevato anche in altri animali, come le volpi rosse, e ci sono prove che persino i grandi mammiferi come i cervi usano i campi magnetici del pianeta per percepire la direzione.

Anche un certo numero di invertebrati, inclusi vermi, molluschi e moscerini della frutta, usano questa abilità.

Il rapporto ha anche concluso che l’EMR può anche alterare il metabolismo delle piante, causando,

“cambiamenti significativi … dimostrati a livello cellulare e molecolare”.

Gli autori hanno notato che anche un basso livello di esposizione a EMR,

“ha causato un rapido aumento dell’accumulo di trascritti legati allo stress nel pomodoro [piante]”.

La trascrizione è la prima fase nell’espressione di un gene, in cui uno specifico segmento di DNA viene copiato nell’RNA.

Gli autori hanno detto che i loro risultati indicano,

“l’urgente necessità di rafforzare le basi scientifiche delle conoscenze su EMR e il loro potenziale impatto sulla fauna selvatica”, in particolare richiamando la “necessità di basare la ricerca futura su esperimenti solidi, di alta qualità e replicabili in modo che prove credibili, trasparenti e facilmente accessibili può informare la società e i responsabili politici per prendere decisioni e inquadrare le loro politiche “.

L’organizzazione benefica britannica Buglife (che ha proposto l’analisi) ha avvertito che non c’era abbastanza ricerca per determinare i limiti dell’inquinamento EMR.

Il gruppo ha detto che,

“non si possono escludere gravi impatti sull’ambiente”,

… e ha esortato che i trasmettitori 5G non dovrebbero essere collocati vicino a luci stradali, che attirano insetti notturni come falene, né in aree vicino alla natura.

Il CEO di Buglife, Matt Shardlow, che ha fatto parte del gruppo direttivo del rapporto, ha avvertito che,

“esiste un rischio credibile che il 5G possa avere un impatto significativo sulla fauna selvatica”.

Ha aggiunto:

“Applichiamo i limiti a tutti i tipi di inquinamento per proteggere l’abitabilità del nostro ambiente, ma ancora, anche in Europa, i limiti di sicurezza della radiazione elettromagnetica non sono stati determinati, per non dire applicati.

Questo è un classico caso di fuori di vista fuori dalla mente, solo perché gli umani non possono vedere la radiazione elettromagnetica questo non significa che gli animali non possono “vedere” l’inquinamento o essere significativamente colpiti a livello neurale o cellulare.

Un programma di ricerca adeguato e misure politiche chiare sono in ritardo da tempo. “

Shardlow ha avvertito in modo specifico dell’attuale diffusione dei sistemi wireless di quinta generazione o delle reti 5Ge ha invitato le imprese di telecomunicazioni a studiare l’impatto della loro tecnologia wireless sulla fauna selvatica e rendere pubblici i loro risultati.

A maggio, il Qatar diventa la prima nazione al mondo ad avere una rete 5G. Il lancio commerciale mondiale di 5G è previsto per il 2020 …

Gli autori del rapporto hanno anche affermato che i campi EMR forti aumentano la temperatura nei tessuti viventi, ma l’intensità necessaria per indurre un tale riscaldamento è,

“non sperimentato dalla fauna selvatica (finora).”

È importante che abbiano lasciato la porta aperta a questa altra potenziale minaccia emergente, dal momento che i tassi di adozione dei cellulari sono in costante aumento a livello globale.

Il numero di utenti di smartphone in tutto il mondo è previsto crescere da 2,1 miliardi nel 2016 a circa 2,5 miliardi nel 2019, secondo Statista, una società di ricerche di mercato.

Ciò significa più torri cellulari e più EMR emessi nell’ambiente.

“Quando inizi a osservare e rendi conto che le rondini e le case di campagna non si annidano più nelle città e nei villaggi, quando ti accorgi che i passeri sono scomparsi, che di sera non ci sono pipistrelli che volano nel crepuscolo e che non senti più i gufi fischi, quindi inizierai a conoscere l’effetto che le microonde e le antenne hanno sul pianeta “, ha detto un commentatore a un articolo di One World News sul rapporto.

Il rapporto giunge al termine di un recente appello alle Nazioni Unite, firmato da oltre 200 scienziati di 41 paesi, che sollecita l’organismo internazionale ad affrontare i rischi posti dai campi elettromagnetici (EMF), i campi fisici prodotti da oggetti caricati da campi elettromagnetici e radiazione a radiofrequenza.

Nello specifico, gli scienziati vogliono che l’ONU,

“riconoscere che l’esposizione ai campi elettromagnetici è una crisi emergente per la salute e l’ambiente che richiede una risposta prioritaria”.

“I biologi e gli scienziati non vengono ascoltati nei comitati che stabiliscono standard di sicurezza”, ha affermato il Dr. Martin Blank del Dipartimento di Fisiologia e Biofisica Cellulare presso la Columbia University e firmatario dell’appello, in un video all’indirizzo sul sito web di International EMF Alliance , un gruppo fondato nel 2009 che diffonde informazioni ai responsabili delle politiche e alle autorità sanitarie in merito ai potenziali effetti delle radiazioni elettromagnetiche.

“I fatti biologici vengono ignorati e, di conseguenza, i limiti di sicurezza sono troppo alti e non sono protettivi”.

Sebbene le prove stiano aumentando il fatto che gli esseri umani possano anche essere fisiologicamente colpiti da EMF, la giuria è ancora fuori sull’impatto dell’esposizione a bassa frequenza a lungo termine.

L’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha concluso che,

“le prove attuali non confermano l’esistenza di conseguenze sulla salute derivanti dall’esposizione a campi elettromagnetici di basso livello”.

Tuttavia, l’agenzia ammette che,

“esistono alcune lacune nella conoscenza degli effetti biologici e necessitano di ulteriori ricerche”.

Ma l’OMS è parzialmente responsabile della preoccupazione diffusa.

Come sottolinea Bob Berman nel suo recente libro Zapped – From Infrared to X-rays, la curiosa storia diInvisible Light:

“Alcuni dei timori si basano su un rapporto pubblicato nel 2011 dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’Organizzazione mondiale della sanità.

L’agenzia si era riunita a Lione, in Francia, per discutere degli studi scientifici che riguardavano la questione se esistesse una relazione tra campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) e cancro.

Dopo intense riflessioni e con grande sorpresa del mondo in generale, gli esperti hanno deciso di classificare le onde RF-EMF emesse da telefoni cellulari, torri cellulari e reti Wi-Fi come categoria 2B, indicando un “possibile cancerogeno per l’uomo”.”

Per il dottor Martin Blank ei suoi colleghi che sollevano la bandiera di avvertimento alle Nazioni Unite, le prove sono chiare.

“Cellulari, tablet, Wi-Fi, ecc …

Senza mezzi termini, stanno danneggiando le cellule viventi nei nostri corpi e uccidendo molti di noi prematuramente”, ha detto nel suo indirizzo video. “L’aumento dell’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche è un problema globale: l’Organizzazione Mondiale della Sanità e gli organismi internazionali di normazione non agiscono per proteggere la salute e il benessere del pubblico. Le linee guida internazionali sull’esposizione per i campi elettromagnetici devono essere rafforzate.”

Nel suo indirizzo video, il Dr. Blank ha suggerito che gli attuali limiti di sicurezza EMF potrebbero essere inadeguati a causa dell’influenza dell’industria delle telecomunicazioni sui responsabili delle politiche.

“Una maggiore protezione probabilmente deriverà dalla piena divulgazione di possibili conflitti di interesse tra regolatori e industria”, ha affermato.

“Abbiamo creato qualcosa che ci sta danneggiando, e sta andando fuori controllo. Prima della lampadina di Edison, c’era pochissima radiazione elettromagnetica nel nostro ambiente. I livelli oggi sono molto più alti dei livelli di fondo naturali e stanno crescendo rapidamente a causa di tutti i nuovi dispositivi che emettono questa radiazione. Un esempio che molti di noi hanno nelle loro tasche è il cellulare.”

Guarda il video del Dr. Martin Blank:

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

I due imperi che agiscono separatamente

Dalla Nobiltà Nera alla City di Londra

di marceellopamio

Marcello Pamio

Con Nobiltà Nera s’intendono le famiglie delle oligarchie di Venezia e Genova che avevano dei diritti di commercio molto privilegiati nel XII secolo.
Grazie alla prima delle tre Crociate dal 1063 a 1123, si instaurò formalmente la Nobiltà Nera che rafforzò il potere della ricchissima classe dirigente. Per essere precisi, l’aristocrazia (della Nobiltà Nera) prese il comando assoluto su Venezia nel 1171 quando la nomina del doge fu trasferita a quello che fu conosciuto come il Gran Consiglio.

Questo Consiglio, comprendendo i membri dell’aristocrazia commerciale, fu per loro l’assoluto trionfo. Da allora infatti la meravigliosa città sul mare restò saldamente nelle loro mani.
La loro influenza però si estese ben aldilà dei confini di spazio e di tempo, arrivando fino ai giorni nostri.

Nel 1204 l’oligarchia distribuì delle enclave feudali ai suoi membri e iniziò così la crescita del loro potere e della pressione…
Il nome Nobiltà Nera deriva dal comportamento della fratellanza: quando la popolazione iniziò a ribellarsi contro i monopoli, i leader della sommossa furono catturati e impiccati brutalmente. Hanno da sempre adoperato l’assassino, l’omicidio, il sequestro e lo stupro, mandando in rovina cittadini e imprese ostili.
Quali sono le famiglie?

La casa di Guelfo Inghilterra
La casa di Wettin Belgio
La casa di Bernadotte Svezia
La casa del Liechtenstein Liechtenstein
La casa di Oldenburg Danimarca
La casa di Hohenzollern Germania
La casa di Hannover Germania
La casa di Borbone Francia
La casa di Orange Olanda
La casa di Grimaldi Monaco
La casa di Wittelsbach Germania
La casa di Braganza Portogallo
La casa di Nassau Lussemburgo
La casa di Asburgo Austria
La casa di Savoia Italia
La casa di Karadjordjevic Jugoslavia
La casa di Wartettenberg Germania
La casa di Zogu Albania 

Stranamente nell’elenco non figurano i Windsor, come mai?
Tutte le famiglie sono imparentate con la casa di Guelfo, una delle famiglie originarie della Nobiltà Nera veneziana, da cui discende, guarda caso, la casata dei Windsor e quindi la Regina d’Inghilterra Elisabetta II.
Non solo, ma i Guelfi si sono talmente intrecciati con l’aristocrazia tedesca attraverso la casa di Hannover, che ci vorrebbero interi libri per citare tutti i legami e gli intrecci familiari/genetici.

Possiamo concludere che quasi tutte le case reali europee discendono da quella di Hannover e di conseguenza da quella dei Guelfi.
Per fare un solo esempio, il Re inglese hannoveriano Giorgio I, venne dal ducato di Luneberg, una parte della Germania settentrionale che fu governata dalla famiglia dei Guelfi fin dal XII secolo.

Cosa controllano oggi?
Oggi i discendenti dei Guelfi mantengono saldamente il potere controllando il mercato delle materie prime: fondamentale per tutti. Addirittura per anni hanno fissato anche il prezzo mondiale dell’oro (fixing).
La casa di Windsor controlla il prezzo del rame, zinco, piombo, stagno e non è un caso che la principale Borsa Merci si trovi proprio a Londra.
Un’altra importante famiglia che fa parte della Nobiltà Nera d’Inghilterra è Grosvenor.

Per secoli questa famiglia visse, come la maggior parte delle famiglie reali europee, con i canoni delle terre cedute in proprietà di superficie. Oggi possiede almeno 300 acri, oltre un milione e duecento mila metri quadrati, nel pieno centro di Londra. Le proprietà non sono mai state vendute, ma date in affitto con il classico contratto medievale di locazione di 39 anni.

Il Grosvenor Square dove si trova l’ambasciata americana appartiene alla famiglia dei Grosvenor, come pure Eaton Square, dove gli appartamenti sono affittati a 25.000 sterline al mese.
Queste cifre danno un’idea del patrimonio immenso che le famiglie Nere raccolgono dai canoni d’affitto, e spiegano perché i Windsor per esempio non sono interessati al progresso industriale.
E’ un caso che dietro alla maggior parte, se non a tutti i movimenti ambientalisti del mondo ci sono loro? L’intento è sempre quello che mira a ridurre la popolazione mondiale.

L’esempio ideale è il WWF.
Nel 1948 in Inghilterra il biologo Julian Huxley istituì l’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura e delle Risorse Naturali), un gruppo collegato con il Foreign Office inglese. L’11 settembre del 1961 (data molto simbolica), Huxley assieme al principe Bernardo d’Olanda (il nazista cofondatore del Gruppo Bilderberg) e al principe Filippo di Edimburgo fondarono ufficialmente il WWF, con il solo scopo di raccogliere fondi per l’IUCN…
E’ risaputo che i principi inglesi Carlo e Filippo sono i simboli più in vista dei movimenti filo-malthusiani e hanno parlato pubblicamente spesso del bisogno di alleggerire il mondo dalle persone non desiderate e inadatte.

Perché parlare della nobiltà nera?
Sono i fondatori delle società segrete dei nostri tempi, da cui nascono tutte le altre che sono legate agli Illuminati: «Comitato dei 300», «Club di Roma», «CFR, «RIIA», «Bilderberg», «Nazioni Unite», «Tavola Rotonda», ecc.….
Tutti o quasi hanno origine dal «Comitato dei Trecento» e quindi dalle famiglie della Nobiltà Nera europea.

Il Comitato dei 300 è stato fondato dall’aristocrazia inglese nel 1727 per ridurre drasticamente il numero di quelli che vengono definiti «useless eaters» («mangiatori inutili»), riportando quindi le economie nazionali a un livello pre-industriale.

Si tratta di un prodotto del Consiglio della famosa «Compagnia britannica delle Indie orientali» «British East India Company». Una società per così dire “noleggiata” dalla famiglia reale nel 1600, che ha permesso la creazione di immensi patrimoni grazie al traffico di spezie, seta con l’oriente e oppio con la Cina. Si può definire la prima e più grande multinazionale al mondo.
Il Comitato dei 300 è guidato da sua Maestà la Regina britannica…

La City di Londra: centro finanziario globale
La Regina si sa essere il capo della famiglia reale e dell’impero coloniale britannico (con capitale Londra), governato ufficialmente da un primo ministro e un gabinetto.

Quello che pochi sanno è che esiste uno Stato indipendente in seno a Londra, esattamente come il Vaticano per Roma. Si tratta della City, conosciuta anche come «Square Mile» cioè il miglio quadrato più ricco del mondo. Occupa un’area nel cuore di Londra di circa 2,7 km quadrati, ha circa 8.000 abitanti e oltre 330.000 persone ci vanno ogni giorno per lavorare.
La City si estende dal massonico «Temple Bar» a est, fino alla Torre di Londra a ovest.

Della sua antica costruzione sono rimaste solo poche tracce, perchè gran parte dell’area andò distrutta nel grande incendio del 1666 (data questa molto interessante).

Il Governo della City non è la monarchia, ma la CORONA, che comprende 13 membri ed è guidata dal Re della City, Lord Charles Bowman.

In pochi chilometri quadrati trovano sede le istituzioni economiche più ricche, influenti e potenti del pianeta, come per esempio la Banca d’Inghilterra (controllata dai Rothschild), i Lloyd’s di Londra, la Borsa di Londra e gli uffici di moltissime società commerciali internazionali e multinazionali.
Fleet Street è il centro della stampa e dell’editoria: da sempre simbolo del giornalismo londinese, soprannominata proprio per questo motivo «Street of ink», la strada dell’inchiostro.

Sempre nella City si trova il Blackfriars Bridge, il Ponte dei Frati Neri famoso perché nel 1982 venne trovato impiccato il banchiere Roberto Calvi, coinvolto nello scandalo del Banco Ambrosiano.

Il nome Blackfriars deriva dal copricapo nero usato dall’Ordine dei Domenicani che spostarono in questa zona di Londra la loro residenza nel 1276.
Bank è il cuore del settore finanziario e la sua piazza, considerata la più bella della City, è il punto d’incontro di 8 strade. Tra gli eleganti edifici spiccano il Royal Exchange con un portico a 8 colonne (tale numero dal punto di vista esoterico ha una valenza interessante), la Mansion House, la sontuosa residenza del Lord Mayor of the City of London; la sede della HSBC, la Borsa valori di Londra, London Stock Exchange (LSE), una delle più grandi borse valori del mondo (con 3.233 compagnie). Ovviamente la banca centrale, la Bank of England chiamata The Old Lady che si trova qui solo dal 1734.

La City NON appartiene all’Inghilterra. Non è suddita, non appartiene al monarca e neppure al governo del parlamento britannico. La City è il vero governo dell’Inghilterra, poiché sia la Regina che il Primo ministro sono subordinati al suo Re.

Quindi dietro la facciata di un primo ministro e un gabinetto, sembra che siano loro a decidere, quando in realtà sono burattini della City.

Non a caso la regina quando visita la City viene incontrata da Lord al Temple Bar, la porta simbolica della City. La regina deve chiedere il permesso per entrare nello Stato privato e Sovrano. Il re dimostra la sua approvazione porgendole la spada dello Stato. Durante le visite il Lord con la sua toga e la catena mette in secondo piano la regina e il suo entourage, che tra le altre cose, sono vincolati a indossare vestiti normali (la regina non può entrare con vestiti reali), e deve camminare due passi indietro a lui nella City, segno chiaro di sudditanza.

La fondazione della Banca d’Inghilterra fu istigata da William Paterson, agente della City sotto il controllo dell’impero dei Rothschild.
Quindi in Gran Bretagna esistono due imperi che agiscono separatamente: l’impero coloniale governato dalla famiglia reale e quello della Corona.
Le colonie di popolazione bianca sono sotto l’autorità del governo inglese, mentre tutte le altre colonie sono di proprietà privata della Corona (i cosiddetti «Crown Colonies»).

Tutti pensano che a comandare il mondo siano gli Stati Uniti d’America per via dell’esercito più potente e della sede finanziaria di Wall Street, ma non è così…
Gli yankee fungono da braccio armato del vero potere che è nel Vecchio Continente.

La City di Londra è il centro nevralgico della finanza planetaria!
La conferma sta anche nel fatto che dal punto di vista simbolico proprio da Londra (Greenwich) parte il cosiddetto «meridiano zero», il meridiano fondamentale per tutte le longitudini, e origina pure la mezzanotte, il giorno universale misurato da tutti gli orologi del mondo…
Ecco la sede del vero Potere…

Fonte:

Le società segrete e il loro potere nel Ventesimo secolo”
“Massoneria e sette segrete: la faccia occulta della storia”

Fonte https://disinformazione.it/

®wld

Il degrado della libertà

 Skull & Bones, Antony Sutton e i finanziamenti al nemico  

 di Jon Rappoport

“Quando vedi le stesse élite che finanziano, incoraggiano e attivano entrambe le parti in una grande guerra, sei sulla strada per comprendere la guerra da una prospettiva più elevata. Queste élite usano la guerra per creare il caos, che poi “risolvono” imponendo, nel periodo successivo, il loro tipo di ordine: un maggiore controllo sulla vita, un maggiore controllo sulle istituzioni di governo. Chiamano questa operazione “pace”. Ma è davvero il restringimento della libertà.” (The Underground, Jon Rappoport)

Il prodigioso autore e ricercatore, Antony Sutton (1925-2002), ha scritto su degli uomini nascosti dietro eventi importanti. 

Recentemente mi sono imbattuto in un’intervista del 1999 con Sutton, diretta da Kris Millegan, ricercatrice e direttrice degli editori di TrineDay. 

Millegan scrisse di Antony Sutton nel 1999: “Antony C. Sutton, 74 anni, è stato perseguitato ma mai perseguito per le sue ricerche e le successive pubblicazioni delle sue scoperte. La sua carriera principale è stata infranta dalla sua devozione verso la scoperta della verità. Nel 1968, e stato pubblicato su The Hoover Institute presso la Stanford University il suo documento sulla tecnologia occidentale e lo sviluppo economico sovietico. Sutton mostrò come la base tecnologica e manifatturiera dello stato sovietico, che era allora impegnata a fornire ai Nord Vietnamiti gli armamenti e le forniture per uccidere e ferire i soldati americani, fu costruita da ditte statunitensi e per lo più pagate dai contribuenti statunitensi. Dal loro più grande impianto di acciaio e ferro, alle attrezzature per la produzione di automobili, ai cuscinetti a sfere di precisione e ai computer, la maggior parte delle grandi imprese industriali sovietiche era stata costruita con l’aiuto o l’assistenza tecnica degli Stati Uniti”. 

“… Poi, qualcuno ha inviato ad Antony un elenco di membri di Skull and Bones e -“una foto è saltata fuori”. E che immagine! Una società segreta multigenerazionale di origine straniera con le dita in tutti i tipi di torte e radici che risalgono alle influenze degli “Illuminati” nella Germania del 1830.”

Ecco alcuni estratti dall’intervista del 1999: 

Millegan: puoi raccontare la storia di come hai conosciuto Skull & Bones? E come ti sei sentito? 

Sutton – Non sapevo nulla di S & B fino a quando non ho ricevuto una lettera nei primi anni ’80 chiedendomi se mi sarebbe piaciuto dare un’occhiata a un vero e proprio elenco dei membri. non c’era nessuna vera ragione per rifiutarmi e ho detto di sì. È stato concordato di inviare il pacco da Federal Express e l’ho potuto trattenere solo per 24 ore, successivamente doveva essere restituito alla cassaforte. Era un lavoro da “sacco nero” da parte di un membro della famiglia disgustato dalle loro attività.

Per il beneficio di tutti i membri di S & B che possono leggere e dubitare della dichiarazione; l’elenco dei membri è in due volumi, rilegato in pelle nera. Membri viventi e membri deceduti in volumi separati. Libri molto belli. 

Ho trascorso tutta la notte a Kinko, a Santa Cruz, ho copiato tutti i volumi e sono tornato entro le 24 ore. 

Non ho mai rilasciato alcuna copia o identificato la fonte. Ho immaginato che ogni copia potesse essere codificata e consentire a S & B di rintracciare la perdita.

Come mi sentivo? Ho sentito allora (come ora) che questi uomini “prominenti” sono davvero immaturi giovani nel cuore. La realtà orribile è che questi ragazzini sono stati dominanti nella loro influenza negli affari del mondo. Niente da meravigliarsi abbiamo guerre e violenze. Bones è il simbolo della violenza terroristica, dei pirati, della divisione delle SS Deaths nella seconda guerra mondiale, delle etichette sulle bottiglie avvelenate e così via. 

Ho tenuto la pila di fogli xerox per un po’ di tempo prima che li guardassi – quando l’ho guardato – una foto è saltata fuori, QUESTA era una parte significativa del cosiddetto stabilimento. Nessuna meraviglia che il mondo abbia problemi! 

Millegan: – Cosa ha portato il tuo studio sulla élite, economia, segretezza e tecnologia per la tua carriera? 

Sutton: – Dipende da cosa intendi per “carriera”? 

Per gli standard convenzionali sono un fallimento abietto. Sono stato cacciato da due importanti università (UCLA e Stanford), negato il mandato al Cal State di Los Angeles. Ogni volta che scrivo qualcosa, sembra offendere qualcuno nell’Istituzione e mi gettano ai lupi. 

D’altra parte ho scritto 26 libri, pubblicato un paio di newsletter e così via … ancora più importante non mi sono mai compromesso nel raccontare la verità. E io non mollo. 

In termini materiali … fallimento senza speranza. In termini di scoperta … Penso di aver avuto successo. Giudicare un uomo dai suoi nemici. William Buckley mi ha definito un “coglione”. Glenn Campbell, ex direttore dell’Hoover Institution, Stanford mi ha definito “un problema”. 

Millegan – Qualche politica economica di Hitler ha minacciato gli interessi dei banchieri internazionali, e in tal caso ha avuto un ruolo nella sua rovina?

Sutton – Le politiche economiche di Hitler furono accettate dai banchieri durante la guerra … ITT, Chase, Texaco e altri operavano nella Francia nazista già nel 1945. In realtà Chase a Parigi stava cercando di ottenere [acquisire] conti nazisti fino al 1944. Quando arrivammo in Germania nel maggio 1945, ricordo di aver visto un negozio Woolworth (bombardato) ad Amburgo e di pensare: “Cosa sta facendo Woolworth nella Germania nazista?” Mentre eravamo bombardati ripetutamente era un “business come al solito” per grandi affari. La prova erano glii Alien Custodian Papers (documenti alieni custoditi). 

… L’Union Banking è molto importante. Ho realizzato un documentario per la TV nazionale olandese alcuni anni fa. Ha completato il processo di produzione fino alla guida TV olandese … all’ultimo minuto è stato ritirato e sostituito con un’altro filmato. Questo documentario è la prova che Bush finanziava gli interessi di Hitler. 

Forse i miei amici olandesi continueranno a vederlo, ma l’apparato [Skull & Bones] arrivò in Olanda. 

Millegan – Qual è la storia che sarebbe stata raccontata alla TV olandese? E qual è la storia della sua censura? 

Sutton – Un paio di anni fa, una compagnia olandese di produzione televisiva di Amsterdam, sotto contratto con la Dutch National TV, venne negli Stati Uniti per fare documentari su S & B [Skull and Bones]. Andarono al Tempio di Bones e in altri luoghi e intervistarono persone sulla costa orientale. Sulla costa occidentale, hanno intervistato me stesso e un’altra persona. 

Ho visto estratti dell’originale ed è un buon lavoro professionale. Avevano documenti che collegavano la famiglia Bush e altri membri di S & B al finanziamento di Hitler attraverso Union Banking of New York e la sua banca corrispondente olandese. Più di quello che ho nel [libro di Sutton] WALL STREET E LA NASCITA DI HITLER. 

La prima versione è stata successivamente aggiornata in un documentario in due parti e programmato per la presentazione dello scorso marzo. È stato ritirato all’ultimo minuto e non è mai stato mostrato. 

Millegan – Cosa vedi per il futuro? 

Suttton: caos, confusione e in definitiva una battaglia tra individuo e stato. 

L’individuo è il più forte; e vincerà. Lo stato è una finzione santificata da Hegel e dai suoi seguaci per controllare l’individuo. 

Prima o poi la gente si sveglierà. Per prima cosa dobbiamo scaricare la trappola della destra e della sinistra, questa è una trappola hegeliana da dividere e controllare. La battaglia non è tra destra e sinistra; è tra noi e loro … 

-fine dell’estratto sull’intervista- 

Ecco una citazione di Antony Sutton dal suo libro, The Best Enemy Money Can Buy (1986):

“Usando i dati di origine russa è possibile fare un’analisi accurata delle origini di questa apparecchiatura. Si è constatato che tutti i principali sistemi di propulsione diesel e a vapore-turbina delle novantasei navi sovietiche sull’offerta di Haiphong gestite [per i vietnamiti del nord] che potrebbero essere identificati (cioè ottantaquattro su novantasei) hanno avuto origine in progettazione o costruzione al di fuori dell’URSS. Possiamo concludere, quindi, che se i Dipartimenti di Stato e Commercio degli Stati Uniti, negli anni ’50 e ’60, avessero applicato coerentemente la legislazione approvata dal Congresso nel 1949, i sovietici non avrebbero avuto la capacità di rifornire atrezzature per la guerra vietnamita – e 50.000 più americani e innumerevoli vietnamiti sarebbero vivi oggi”. 

“Chi erano i funzionari governativi responsabili di questo trasferimento di tecnologia militare conosciuta? Il concetto originariamente proveniva dal consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger, che avrebbe venduto al presidente Nixon l’idea che dare tecnologia militare ai sovietici avrebbe temperato le loro ambizioni territoriali globali. Come Henry è arrivato a questo gigantesco non sequitur non è noto. E’ sufficiente affermare che ha suscitato notevole preoccupazione per le sue motivazioni. Non da ultimo il fatto che Henry fosse stato un dipendente a pagamento della famiglia dei Rockefeller dal 1958 e ha ricoperto il ruolo di presidente del comitato consultivo internazionale della Chase Manhattan Bank, una preoccupazione dei Rockefeller.” 

Se pensi che azioni del genere non possano mai aver avuto luogo, ti indicherò un altro ricercatore, Charles Higham, e il suo classico del 1983, Trading with the Enemy. 

Higham si concentra sulla seconda guerra mondiale. Gli uomini dietro il sipario che Higham espone sono nello stesso gruppo base esposto da Antony Sutton.

Higham, il commercio con il nemico: 

“Cosa sarebbe successo se milioni di persone americane e britanniche, alle prese con coupon e linee alle stazioni di servizio, avessero saputo che nel 1942 la Standard Oil del New Jersey [parte dell’impero Rockefeller] spedirono il carburante [della Germania] del nemico attraverso la neutralità della Svizzera e che il nemico stava spedendo carburante alleato? Supponiamo che il pubblico abbia scoperto che la Chase Bank nella Parigi occupata dai nazisti dopo Pearl Harbor stava facendo affari di milioni di dollari con il nemico con la piena conoscenza del quartier generale a Manhattan [la famiglia Rockefeller tra gli altri?] O quella dei Ford che ha costruito dei camion per le truppe di occupazione tedesche in Francia con l’autorizzazione di Dearborn, Michigan? O che il colonnello Sosthenes Behn, capo del conglomerato telefonico internazionale ITT, volò da New York a Madrid a Berna durante la guerra per contribuire a migliorare i sistemi di comunicazione di Hitler e migliorare le bombe robot che devastarono Londra? O che ITT ha costruito i FockeWulf che hanno sganciato bombe sulle truppe britanniche e americane? O quei cruciali cuscinetti a sfera venivano spediti ai clienti nazisti in America Latina con la complicità del vicepresidente del Consiglio sulla produzione della guerra degli Stati Uniti in collaborazione con il cugino di Goering a Filadelfia quando le forze americane erano disperatamente a corto di di tali cuscinetti? O che tali accordi erano noti a Washington e sono stati sanzionati o deliberatamente ignorati?” 

l’immagine che si ottiene?

La Guerra, a cosa serve? Con le stesse élite che appoggiano entrambe le parti, è positivo per gli affari. È buono per creare caos e distruzione. È positivo per il lancio di nuove organizzazioni globali, all’indomani; organizzazioni che esercitano un livello di controllo per raggiungerlo, cosa che prima non esisteva. E’ positivo per il lancio di organizzazioni come le Nazioni Unite e l’Unione Europea e l’Organizzazione Mondiale del Commercio – dedicata al Globalismo, che a sua volta è dedicata alla civiltà pianificata, in cui l’individuo viene umiliato e il gruppo è Tutto. 

La libertà è degradata; e il dominio dei pochi su molti è salutato come pace nel nostro tempo.

https://jonrappoport.wordpress.com/ 

®wld

Sarà il cibo che mangiamo a determinare se l’umanità sopravvivrà

La Monsanto cerca di nascondere alimenti geneticamente modificati (OGM) con il termine fortificato (biofortify)

di Heather Callaghan 11 gennaio 2018 dal sito Web di NaturalBlaze

Le colture geneticamente modificate ei loro pesticidi ti fanno pensare al termine “biofortifatto”? È probabile che il termine biofortito ti faccia pensare alle vitamine nei cereali per bambini.

Le grandi corporazioni non sono estranee alla propaganda e alle pubbliche relazioni.

Sapevi che gran parte delle nostre colture non biologiche sono coltivate con fango di liquami umani? No? Questo perché la pratica si chiama “biosolidi” per tenerti al buio.

Probabilmente siete a conoscenza dei travestimenti subdoli che si sono tentati di nascondere (tipo “zucchero di mais”, chiunque?) Come dolcificanti come l’aspartame e lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio?

Non ci sono prese di potere fuori dalla portata di Monsanto – stanno ora tentando lo schema di propaganda più ridicolo di tutti.

Stanno tentando di manipolare le definizioni del Codex Alimentarius che consentirebbe agli OGM di rientrare nella classificazione degli alimenti “biofortifatti”.

Il Codex è una raccolta di linee guida, codici e altre raccomandazioni relative agli alimenti, alla produzione di alimenti e alla sicurezza alimentare, create nell’ambito dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Se stai pensando che questo sia arbitrario e ti stai chiedendo perché il nostro Paese dovrebbe prestare attenzione a tali linee guida, stai andando nella giusta direzione …

Verso la fine degli anni ’90, i consumatori temevano che le loro vitamine e integratori passassero alla prescrizione solo sotto le linee guida del Codex.

Secondo la National Health Federation (L’NHF è l’unico difensore della salute naturale che ottiene un posto al Codex, a proposito!):

Tutto iniziò innocentemente diverse riunioni del comitato di Codex Nutrition quando un’organizzazione internazionale non governativa (INGO) nominò l’Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari (IFPRI – sponsorizzato da Harvest Plus) se uno dei suoi contatti nazionali presentasse un nuovo lavoro proposto al Codex (solo i paesi membri possono introdurre nuovi lavori al Codex, non agli INGO.)

Il metodo Harvest Plus ‘di aumentare il contenuto di vitamine e minerali delle colture alimentari di base consiste nel tradizionale metodo convenzionale di incrocio e non nell’ingegneria genetica.

Harvest Plus, ad esempio, aumenterà il contenuto di vitamine o ferro delle patate dolci in modo che le popolazioni malnutrite nei paesi in via di sviluppo riceveranno una nutrizione migliore.

Il nuovo lavoro del Codex Alimentarius Commission’s Codex Committee on Nutrition and Foods for Special Dietary Uses (CCNFSDU) è stato semplice:

Creare una definizione per la biofortificazione.

Tale definizione potrebbe quindi essere utilizzata in modo uniforme in tutto il mondo per applicarsi a quegli alimenti convenzionalmente fortificati con livelli più elevati di nutrienti e tutti sarebbero sulla stessa pagina ogni volta che veniva usato il termine “biofortifatto”.

Infatti, la National Health Federation (NHF) è stata una delle prime sostenitrici del Codex di questa definizione. 

Avvelenato nell’utero

L’incontro CCNFSDU di quest’anno – ospitato dal Ministero tedesco della Sanità a Berlino, Germania, la prima settimana completa nel dicembre 2017 – è stato oggetto di un vivace dibattito non solo su come definire la Biofortificazione, ma anche sul fatto che la stessa parola “Biofortificazione” debba essere usata o meno.

Tuttavia, questo non fu l’inizio del dibattito. Il NHF aveva due delegati lì.

Alla riunione del CCNFSD 2016, la presidente Pia Noble (sposata con un ex dirigente della Bayer) aveva avviato la discussione sulla definizione della biofortificazione dandole un’opinione personale errata secondo cui la definizione dovrebbe essere la più ampia possibile e che la tecnologia ricombinante dovrebbe essere inclusa.

La sua dichiarazione, tuttavia, contraddiceva direttamente l’ammissione dell’Australia alla riunione del 2015 secondo cui se il Comitato dovesse fare riferimento al documento originale del 2012 sulla portata della Biofortificazione, vedremmo che la biofortificazione si riferisce solo all’allevamento convenzionale e quindi dovremmo escludere chiaramente le tecniche GM.

Alla riunione CCNFSDU dello scorso anno, tuttavia, l’Australia ha taciuto sulla questione.

In altre parole, il mandato originario per la creazione della definizione di Biofortificazione era che doveva essere definito come un processo attraverso il quale la qualità nutrizionale delle colture alimentari è migliorata attraverso l’allevamento convenzionale con l’obiettivo di rendere i nutrienti biodisponibili dopo la digestione.

Non sorprendentemente, però, abbastanza presto, i seguaci della Monsanto hanno avuto le loro mani sporche sulla definizione attraverso l’influenza di delegati del Codex e la presidente, e la definizione ha cominciato a trasformarsi in una che avrebbe incluso alimenti geneticamente modificati “biofortifatti”.

Quindi, al Codex è in corso una battaglia per stabilire se gli alimenti GM saranno inclusi nella definizione di Biofortificazione.

Sono sicuro che la Monsanto sarebbe entusiasta di poter commercializzare i suoi prodotti sintetici con un nome che inizia con la parola “Bio”.

A partire dal 2017, la definizione di “biofortificazione” – compresi gli OGM – nell’ambito del Codex si è trasformata in:

 … il processo mediante il quale eventuali sostanze nutritive o sostanze correlate di tutti i potenziali organismi di origine (ad esempio animali, piante, funghi, lieviti, batteri) di / e alimenti sono aumentati di un livello misurabile [e / o] diventano più biodisponibili per gli scopi previsti.

Il processo si applica a qualsiasi metodo di produzione [ed esclude la fortificazione convenzionale]. “[Note a piè di pagina]

Non solo il termine “biofortifatto” per gli alimenti OGM confonde qui negli Stati Uniti, ma nei paesi europei il prefisso, bio, è usato per indicare “organico”.

NHF ha opposto il termine biofortito che rientra in queste parti vaghe della definizione:

  1. “tutti i potenziali organismi di origineorganica”
  2. ‘il processo si applica a qualsiasi metodo di produzione’
  3. Nota 4 (“Il metodo di produzione dovrebbe essere determinato dall’autorità nazionale / regionale”)

Il dottor Noble si è ritirato, quindi spero che le sue tattiche “astute e pesanti” di dettare l’incontro per ottenere il termine biofortificazione da applicare agli OGM le abbia lasciate.

Secondo NHF

Il tentativo di Monsanto è stato riconosciuto da molti delegati per quello che è stato e denunciato durante l’incontro.

La lotta, tuttavia, porterà alla riunione del prossimo anno che si terrà a Berlino nel novembre 2018. E quell’incontro sarà presieduto dalla nuova presidente della commissione, la signora Marie-Luise Trebes.

Come sempre, Big Biotech tornerà per riprovarci.

Per essere al corrente del retroscena e persino del dramma che è avvenuto in questi incontri, vai alla Federazione Nazionale della Salute!

Fonte:  http://www.bibliotecapleyades.net/

*****************************

Nuova Ecologia umanità al bivio

Sarà il cibo che mangiamo, come lo coltiviamo e lo distribuiamo a determinare la nostra sopravvivenza o la nostra estinzione.

Ragionando sullo stato attuale dell’agricoltura e dell’allevamento nel mondo, nei prossimi decenni si assisterà a due possibili scenari. Il primo porta a un vicolo cieco: in questo possibile finale c’è un pianeta morto, i pesticidi e le monocolture sono diffusi ovunque, gli agricoltori in grande difficoltà e i bambini muoiono di fame perché si è data priorità alle colture ogm che hanno soppiantato quelle locali. Le persone muoiono a causa di malattie croniche che si diffondono con i pesticidi e per le sostanze vuote dal punto di vista nutritivo ma tossiche che vengone spacciate per alimenti.

Il clima peggiora e le condizioni per la vita umana sulla Terra sono al limite della sopravvivenza. L’altro finale porta invece in una direzione opposta: il ringiovanimento del pianeta attraverso la cura della biodiversità, del suolo, dell’acqua; il rinnovamento delle aziende agricole e dei Parchi nazionali, il cibo è sano e fresco e le persone hanno consapevolezza di quello che mangiano, che salute e cibo sono strettamente connessi. Il primo scenario è quello industriale, che ha preso piede grazie a quello che chiamo il “Cartello dei veleni”, nato durante la seconda guerra mondiale per produrre sostanze chimiche in grado di uccidere le persone.

Quelle stesse sostanze sono state usate per l’agricoltura chimica ma ci è stato detto che non sarebbe stato possibile avere raccolti buoni senza veleni che li proteggessero. Negli anni ‘90 ci è stato detto che saremmo morti di fame se non fossero stati introdotti gli ogm, semi migliori che avrebbero eliminato qualsiasi limite ambientale e si sarebbe potuto coltivare anche nelle aree desertiche.

Oggi i risultati sono sotto gli occhi di tutti: i fertilizzanti hanno ridotto la produttività del suolo, riducendo la quantità di produzione alimentare, contribuendo alla desertificazione e al cambiamento climatico. Le colture Bt della Monsanto avrebbero dovuto essere immuni dai parassiti, ma la natura si adatta e così ha creato nuovi parassiti in grado di danneggiare anche le colture gm. E così si è creato un pesticida ancora più tossico. Si è iniziato a parlare di agricoltura “digitale”, basata sull’intelligenza artificiale, e di “agricoltura senza agricoltori”.

Con questa prospettiva, i nostri agricoltori non hanno più voce in capitolo: è per questo che la loro protesta in India non è stata minimamente presa in considerazione dal governo. La sopravvalutazione della biotecnologia combinata con l’intelligenza artificiale fa passare l’idea che il cibo gm sarà indispensabile perché più sicuro da coltivare e più resistente di quello biologico, ma il vero scopo è quello di arrivare ai brevetti sui semi.

Nel 2013 Monsanto ha acquisito la Climate corporation, la più grande società per i dati climatici del mondo, e nel 2014 la più grande società di dati sul suolo, la Solum inc. Ma i dati non sono vera conoscenza, perché la cultura agricola è strettamente legata all’intelligenza dei semi e alla risposta del suolo.

Proseguendo su questa strada si va verso un futuro che ignora le piante, la nostra salute, gli organismi viventi, la nostra cultura. Ma noi possiamo seminare i semi di un altro futuro. In tutto il mondo i piccoli agricoltori stanno già implementando l’agricoltura biologica, conservando e sviluppando i loro suoli, i loro semi, praticando l’agroecologia.

Stanno alimentando le loro comunità con cibo sano e nutriente. Stanno seminando i semi della democrazia alimentare: un sistema alimentare nelle mani degli agricoltori e dei consumatori, privo di controllo aziendale, veleni, e plastica.

Non possiamo affrontare il cambiamento climatico senza riconoscere il ruolo centrale del sistema alimentare industriale e globalizzato, che contribuisce al 40% alle emissioni di gas serra attraverso la deforestazione, le materie plastiche, il trasporto a lunga distanza e i rifiuti alimentari. Non possiamo risolvere il global warming senza un’agricoltura ecologica di piccola scala, basata sulla biodiversità, sui semi e sui suoli viventi, sui sistemi alimentari locali, con poche miglia di cibo e senza imballaggi in plastica.

Sarà il cibo che mangiamo, come lo coltiviamo e lo distribuiamo a determinare se l’umanità sopravvivrà o se invece si spingerà verso l’estinzione.

Autore: Vandana Shiva

http://lanuovaecologia.it/umanita-al-bivio/}

*****************************

Le carestie non vengono col caldo…

Qualcuno può pensare che il caldo sia associato alla siccità, e che quindi un clima più caldo sia associato a problemi all’agricoltura (vedi deserto del Sahara).

In realtà, come possiamo vedere dalla fascia equatoriale, la zona più calda del pianeta, vediamo come sia costituita da vegetazione rigogliosa e fittissima. Piove più o meno quasi tutti i giorni, l’umidità è elevatissima e le temperature massime sono sempre intorno a 30 C°.

Ad esempio, nell’era dei dinosauri, si stima che la temperatura media del pianeta fosse di 6-8 C° più elevata di adesso, con la foresta pluviale che ricopriva gran parte del pianeta. Sia le zone ghiacciate che desertiche erano quasi del tutto assenti. Il deserto del Sahara era molto più ristretto di adesso, ed in molte aree dove adesso c’è solo sabbia, vi era una vegetazione lussureggiante. 

Più caldo significa più umidità nell’aria; mancando l’aria fredda diminuiscono i contrasti con l’aria calda e si assiste ad una netta diminuzione degli eventi meteo estremi. A temperature più alte segue un aumento di CO2 nell’atmosfera, molecola essenziale per lo svolgimento della fotosintesi clorofilliana nelle piante. Le flora gode. Ad un clima più freddo, corrispondono una diminuzione dell’umidità, abbondano gli eventi meteo estremi, i livelli di CO2 crollano.

I deserti si espandono, così come i ghiacci; le aree destinate all’agricoltura si riducono parecchio. Dopo questa parentesi introduttiva, vediamo come reagiscono le colture alle variazioni di temperatura, visto il severo raffreddamento climatico ormai imminente. Facciamo degli esempi pratici e reali, parlando dei terribili inverni del 1406/7 e 1708/1709.

Cominciò la notte dell’Epifania del 1709 con un forte vento di tramontana che causò un improvviso calo della temperatura. A Venezia i canali della laguna si ghiacciarono nel giro di poche ore, i fiumi (Po, Mincio, Ticino, Adige) divennero strade su cui si passava con i carri. Seguirono sessanta giorni di temperatura glaciale, costantemente sottozero in gran parte d’Europa, dalla Russia al Portogallo, con minime spesso intorno ai -30° e oltre.

Nelle campagne gli alberi si spaccavano letteralmente per il freddo e le coltivazioni di maggior pregio come viti, ulivi, peri, peschi, meli e noci furono gravemente danneggiate, risultando praticamente annientate in molte zone. Ad esempio in Francia meridionale, in Toscana e lungo le pendici dei laghi pedemontani le coltivazioni di ulivo, vite e agrumi furono totalmente distrutte. ­ A febbraio iniziò a farsi sentire la carestia, grazie anche ai trasporti, i quali rimanevano paralizzati per il gelo che non accennava a diminuire. I prezzi dei generi alimentari schizzarono alle stelle e cominciò un periodo di elevatissima mortalità.

A Reggio Emilia nella piazza comunale, si trovarono molti lupi morti congelati, mentre in Puglia a morire per il freddo e per gli stenti della fame furono migliaia di pecore, la cui perdita inferse un duro colpo alla pastorizia, motore trainante dell’economia locale in quel tempo. Piovevano dal cielo uccelli congelati, in uno scenario apocalittico, da film dell’orrore. Le fonti raccontano addirittura di uomini trovati morti congelati nei propri letti. Letteralmente si moriva di freddo. Le malattie bronco-polmonari dovute al gelo si trasformavano in epidemie e si avvertivano forti anche gli stenti della fame. Fu di quasi due milioni di morti il prezzp che dovette pagare l’Europa ai rigori del terribile inverno. 

Invece, nel 1407/08 dai documenti dell’epoca si sa che il gelo iniziò in Francia il 10 novembre (ad oggi sarebbe il 23 novembre, in quanto all’epoca era in uso il calendario giuliano), e un documento del parlamento francese riferisce che il giorno di San Martino vi era un “freddo insopportabile” e che lo scrivano, nonostante tenesse l’inchiostro vicino al fuoco per non farlo gelare, esso gelava “di tre parole in tre parole”. Durò fino a tutto gennaio; dopo una pausa mite, riprese a metà febbraio e finì definitivamente solo ad inizio aprile. Anche nel resto dell’Europa il gelo fu eccezionale: il Tamigi rimase completamente gelato per la durata record di 14 settimane da dicembre a marzo, i ghiacci polari raggiunsero addirittura la Scozia, isolando completamente l’Islanda; la neve a Firenze rimase al suolo per 45 giorni consecutivi, si seccarono gli ulivi, le viti e gli altri alberi da frutto. Anche in Francia la maggior parte delle vigne e degli alberi da frutto furono distrutti.

Cosa dobbiamo aspettarci per il futuro?

Bisogna anzitutto tener conto che ogni grado di temperatura in meno sposta di circa 150 km verso sud la linea delle coltivazioni; di conseguenza rischia di diventare quasi impossibile la coltivazione del frumento e della vite su buona parte d’ Europa. Germania e Francia saranno le più colpite sotto quest’aspetto , in quanto al momento risultano le maggiori produttrici di vino e cereali nel Vecchio Continente (basti pensare al famoso Champagne). Entro dieci-quindici anni Russia e Canada diventeranno importatori netti di cereali (oggi sono rispettivamente al quarto e settimo posto nel mondo per la produzione cerealicola). In paesi come Spagna e Italia molte colture tipicamente mediterranee scompariranno. Saranno tempi grami per chi si guadagna da vivere con grano, pomodori, sorgo, carciofi, kiwi, arance, vino, olive e tutte le piante sensibili al freddo e all’eccesso di precipitazioni.

Bisogna ricordare che la nostra società, nonostante l’avanzamento tecnologico, è più vulnerabile che nei tempi passati. Infatti la moderna industria agricola si basa su sistemi di monocolture, incentrando la produzione su piante arboree fragili al clima estremo, come il frumento e la vite appunto. Durante la piccola era glaciale del settecento, la maggior parte della popolazione era autosufficiente e tutti avevano un “pezzo di terra”; nonostante ciò si registrarono grossi disagi e carestie. Pensate cosa accadrebbe oggi se la produzione agricola si arrestasse… le città rimarrebbero prive dei generi alimentari con conseguenti disordini sociali.

Il modo migliore per preservarci da questi problemi futuri è quello di tornare ad essere autosufficienti, ossia ritornando alla terra, e soprattutto incentivando fin da ora la produzione agricola in serre riscaldate. Bisogna aumentare la produzione di piante maggiormente resistenti al clima estremo, come le leguminose (sono famose le lenticchie, quelle di Castelluccio di Norcia, coltivate a 1500 metri d’altezza) e colture come il grano saraceno.

Per quanto riguarda l’allevamento, le difficoltà principali deriveranno dalla mancanza di pascoli, in quanto si prospetta che la neve ed il ghiaccio ricopriranno il terreno per molti mesi l’anno; verrà a mancare anche il foraggio; di conseguenza molto bestiame perirà. In futuro si ricorderà con nostalgia l’optimum climatico del 1880-2017. Il pensiero va poi ai black-out elettrici, alla difficoltà nell’approvvigionamento di gas naturale dall’Est europeo e dal mare del Nord se si ghiacciasse, per non parlare degli enormi danni economici conseguenti il blocco del trasporto merci per il gelo di strade, porti e aeroporti ecc. ecc.

In conclusione, chi su facebook si lamenta del clima mite di questi giorni, voglio dire che basterebbero 15 giorni (non servono tre mesi continuati) con temperature costantemente sottozero (giornate di ghiaccio) su buona parte d’Italia per creare notevoli danni al settore agroalimentare, nonché all’economia generale, già di per se a pezzi.

Finché abbiamo inverni miti godiamoceli, in quanto con il minimo solare in atto, che sarà molto lungo e continuerà ad approfondirsi, insieme ad un picco gravitazionale luni-solare a partire dal prossimo anno, la situazione rischia di precipitare rapidamente. Se iniziasse ad eruttare violentemente anche un solo vulcano islandese domani (si fa per dire) la prossima primavera-estate per gli stati che si affacciano sull’Atlantico (Canada, East Coast Usa, Gran Bretagna, Francia, Scandinavia, Germania), potrebbe diventare una continuazione dell’inverno… non voglio vedere arrivare il prezzo del pane a 10 euro al kg, o vedere triplicare il costo della carne e del formaggio. Quindi per favore, non attiriamo disgrazie, e ringraziamo il Cielo finché dura questo clima mite invece di lamentarci. 

Alessio

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

L’implosione dell’attivismo ambientale di Al Gore

Le previsioni sul cambiamento climatico di Al Gore IMPLODE quando tutti si rendono conto che il Polo Nord non si è completamente sciolto 

di NaturaleNews 

Per alcune persone, non importa quante volte l’ex vicepresidente Al Gore abbia sbagliato nelle sue terribili previsioni di morte planetaria, grazie al “riscaldamento globale” provocato dall’uomo e al “cambiamento climatico”. A lui non importa nulla, fino al giorno in cui muoiono (ovviamente, da cause naturali, non della morte planetaria dovuta al “riscaldamento globale” e al “cambiamento climatico”).

Ma per quelli di voi che apprezzano e credono nell’onestà dei politici e dei personaggi pubblici, avete da tempo abbandonato ogni speranza che Gore sia qualcosa di diverso da un altamente sfortunato e inefficente partigiano di sinistra, quando si tratta del suo attivismo ambientale.

Detto questo, il nostro compito è quello di mettere le cose in chiaro, motivo per cui abbiamo ritenuto prudente ricordare ai nostri lettori che all’incirca nove anni fa Gore aveva predetto che molti di voi sarebbero stati inghiottiti dall’innalzamento delle acque marine causato da tonnellate di ghiaccio che si sarebbero sciolte.

Inutile dire che non è successo.

Nel gennaio 2006, Al Gore ha affermato che “entro i prossimi 10 anni, il mondo avrebbe raggiunto il punto di non ritorno” e “una vera emergenza planetaria” a causa del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Sempre nel 2009, Gore ha detto ad un’udienza a Copenaghen, in Danimarca, che c’era una “probabilità del 75%” che durante “alcuni mesi estivi” la “calotta polare” sarebbe scomparsa completamente entro “cinque anni”.

Le affermazioni erano legate al suo “documentario” del 2006, ampiamente scontato, An Inconvenient Truth, in cui ha vinto un Nobel per la pace molto motivato politicamente. (Vi ricordate quando Obama vinse un Nobel dopo pochi mesi in carica, non basandosi su alcun risultato, ma su ciò che il comitato ‘sperava’ avrebbe ottenuto?)

Per quanto riguarda Gore, nulla di ciò che quest’uomo ha detto sarebbe accaduto per quanto riguarda il riscaldamento della terra e lo scivolamento verso l’autodistruzione è diventato realtà. Niente di tutto questo …

Ma questo non gli ha impedito di rilasciare un film di follow-up nel suo originale “documentario” all’inizio dell’anno, intitolato, An Inconvenient Sequel. “Prima o poi, i negazionisti del clima nel GOP dovranno affrontare la loro ostinata cecità nei confronti della crisi climatica”,così hascritto su Twitter Gore.

Ebbene. Forse “prima o poi” i cambiamenti climatici e gli imbroglioni ambientali dovranno affrontare il fatto che molti di noi li abbiamo valutati e non credono più alle loro bugie. (Articolo correlato: l’ufficiale delle Nazioni Unite in realtà AMMETTE che “il riscaldamento globale”è una truffa progettata per “cambiare il modello economico del mondo”).

E a ragione. Non solo sono state smentite le affermazioni selvagge di Gore del giorno del giudizio, così come altri cosiddetti esperti ambientalisti che hanno predetto allo stesso modo il destino e l’oscurità.

Includono il biologo della Stanford University Paul Ehrlich, un’icona ambientalista di lunga data e autore del libro “The Population Bomb” del 1968.

“La popolazione supererà inevitabilmente e completamente qualsiasi piccolo aumento delle scorte di cibo che produrranno”, confidò Ehrlich in un numero del 1970 di Mademoiselle, come riportato da Investors Business Daily. “Il tasso di mortalità aumenterà fino ad almeno 100-200 milioni di persone all’anno morendo di fame nei prossimi 10 anni”.

Quello stesso anno ha inoltre affermato ai lettori di The Progressive che tra il 1980 e il 1989, 4 miliardi di persone di cui 65 milioni di americani sarebbero stati sconfitti nel “Grande Die-Off” (un grande e brusco improvviso declino della popolazione, animali e piante ndr).

In un saggio del 1969 intitolato “Eco-Catastrofe!” Scrisse che “la maggior parte delle persone che moriranno nel più grande cataclisma nella storia dell’uomo sono già nate”.

Il fatto è che gli spavaldi come Ehrlich hanno gridato al “Lupo!” Così tante volte che poche persone gli credono più. Gore è in quella lista.

Lo stesso vale per S. Dillon Ripley, da lungo tempo capo dello Smithsonian Institute, cheuna volta era stato citato dal senatore Gaylord Nelson nella rivista Look di decenni fa che, entro 25 anni, “tra il 75 e l’80% di tutte le specie di animali viventi sarà estintosi sarebbe estinto.

E così via.

Per sottolineare le previsioni fasulle di Gore, ora c’è un ciclo di raffreddament oglobale, non di riscaldamento, e ghiaccio marino e le calotte polari stanno crescendo, e non retrocedendo.

Ecco alcune costanti: il clima cambia continuamente, il clima non è sempre uguale e tutto ciò che Al Gore dice di entrambi è sbagliato.

JD Heyes è editore di The National Sentinel e uno scrittore senior per Natural News and News Target.

Le fonti includono:

Telegraph.co.uk

AEI.org

NaturalNews.com

Fonte articolo: https://www.naturalnews.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

La valanga anti Parigi è soltanto all’inizio

Le Tartarughe e la Realtà

 Pubblicato da Mauri Sesler
Dopo decenni di ricerca durante i quali sono stati spesi miliardi nei fondi per la ricerca, esistono meno prove scientifiche che mai dell’esistenza di un qualunque collegamento fra i livelli di biossido di carbonio nell’aria e le temperature medie globali, o il proclamato aumento «catastrofico» del livello dei mari.
 
Scritto dal Dott. Klaus L.E. Kaiser (Ontario, Canada)
 
In molti ambienti locali vivono numerose specie di tartarughe, come per esempio la testuggine palustre dipinta, la tartaruga della mappa, la tartaruga alligatore, la tartaruga del muschio e altre ancora. Nel corso di una soleggiata giornata primaverile, è possibile vedere molte di queste tartarughe uscire dall’acqua e posizionarsi su una roccia, nel tentativo di catturare un caldo raggio di sole prima di immergersi nuovamente nell’acqua fredda, che si trova probabilmente ad una temperatura di 7 gradi centigradi.
 
Ci troviamo già nel mese di Giugno e sia la temperatura dell’aria che quella dell’acqua sono molto più contenute rispetto alle condizioni stagionali aggiustate dal «riscaldamento globale = cambiamento climatologico = pianeta che frigge» che venivano proclamate da così tanti allarmisti climatologici. A quelle condizioni dovrebbero arrivare in breve tempo, prima che l’acqua si congeli nuovamente, con una profondità di qualche decina di centimetri, per molti mesi. Forse, a questi allarmisti potrebbe essere di aiuto il distinguere «l’inquinamento da carbonio» dal vero inquinamento – e i fatti dalla finzione. 
 
La Bufala dell’ “Inquinamento da Carbonio” 
 
Il Presidente Statunitense Trump ha detto pane al pane, vino al vino – assai giustamente!
 
Dopo decenni di ricerca durante i quali sono stati spesi miliardi nei fondi per la ricerca, esistono meno prove scientifiche che mai dell’esistenza di un qualunque collegamento fra i livelli di biossido di carbonio nell’aria e le temperature medie globali, o il proclamato aumento «catastrofico» del livello dei mari. Au contraire, sono numerose le prove che evidenziano come la CO2 sia un agente atmosferico di raffreddamento e come alcuni livelli dei mari stiano addirittura scendendo.
 
Il cosiddetto problema dell’ «inquinamento da carbonio» era ed è niente altro che una gigantesca cortina fumogena per l’affermazione di un unico governo mondiale sotto il controllo burocratico delle Nazioni Unite con personaggi di orientamento socialista-marxista alla G. Soros a tirare i fili – principalmente per tutelare i propri interessi.
 
Il Presidente Trump ha voluto vedere le carte e – abbiate solo un pò di pazienza – presto il numero di «giocatori del carbonio» che lasciano questo gioco ad alto rischio sarà sorprendente. Alcuni «topi» stanno già abbandonando la nave che affonda dell’apocalisse del caldo. Per esempio, l’Inghilterra ha interrotto i finanziamenti degli impianti eolici, la Germania sta utilizzando più carbone (importato) che mai, i paesi di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria) si stanno ribellando ai mandati dell’Unione Europea (EU) sulla «protezione climatologica» e così via. Perché dovrebbero imbarcarsi nella missione dell’Unione Europea per «decarbonizzare»?
 
Anche la Germania, probabilmente il più ardente leader di quel controsenso della decarbonizzazione sta bruciando massicci quantitativi di carbone per la produzione di energia elettrica. L’unica differenza è che adesso viene importata da oltre oceano, per la maggior parte dagli Stati Uniti. I minatori del carbone statunitensi saranno molto contenti di saperlo, gli ex «kumpel» germanici molto meno.
 
Naturalmente ci sono ancora dei Resistenti
 
Sì, ci sono ancora dei cocciuti resistenti del vecchio ordine della «religione climatologica dell’inquinamento da carbonio». Tra questi, la Cancelliera Tedesca, che ha promesso di continuare a marciare sulla sua strada della «deprivazione di energia affidabile». C’è solo bisogno di costruire ancor più impianti eolici e così via e tutto andrà bene. Non dimentichiamoci dei tricicli per il trasporto merci a trazione umana che hanno proposto.
 
Non c’è da sorprendersi quindi che i suoi progetti si debbano scontrare con una crescente opposizione, anche dai ranghi del suo stesso partito che stanno chiedendo la fine del «ricatto morale» da parte della ricerca climatologica e un “addio agli obiettivi unilaterali della CO2 della Germania”.
 
Altri membri importanti di questa lega dei resistenti sono paesi come la Cina che sta costruendo nuove centrali a carbone a velocità spericolata. Affermano che hanno bisogno di rimanere al passo del mondo occidentale per un altro decennio o due. E allora per far questo, richiedono un ingresso gratuito.
 
Invece altri resistenti hanno pensato che avrebbero potuto arraffare una parte dei 100 miliardi di dollari che gli stupidi oltre mare gradirebbero far piovere addosso ai loro potentati – naturalmente sotto la guida e la supervisione delle Nazioni Unite. Date una occhiata alle immagini satellitari delle isole che «affondano» negli oceani. Date una occhiata ai dati prodotti dai loro governi sulla popolazione e sulla sua crescita, e date una occhiata ai loro eleganti spot su luoghi di vacanze esotiche. Per esempio, nel 1999 l’isola nazione del Pacifico Vanuatu aveva una popolazione di approssimativamente 193.000, nel 2010 di circa 226.000, e attualmente di 275.000 abitanti. Similarmente, nell’Oceano Indiano: la popolazione delle Maldive è cresciuta nello stesso arco di tempo da 269.000 (nel 2002) a 305.000 (nel 2010) fino agli attuali 400.000 abitanti.
 
Anche se lo volessi, ti sarebbe molto difficile poter scoprire una qualunque prova del tanto proclamato scenario delle «isole che affondano», secondo cui i suoi abitanti stanno fuggendo per salvare le loro vite dai livelli in crescita dei mari. Però un pò di miliardi di dollari sarebbe la cosa giusta a far perpetuare le storie calamitose. Almeno fino a quando tutti si renderanno conto di essere stati truffati a sufficienza.
 
A quel punto, anche gli isolani abbandoneranno la nave climatologica di tutta fretta e capiranno che adesso il vento si è messo a soffiare in una diversa direzione. Come sa ogni buon marinaio, le vele vanno regolate al vento che cambia direzione. E questo sembra stare avvenendo molto più velocemente di quanto molti ritenevano fosse possibile.
 
L’Aria Calda sta cedendo il passo al Realismo Climatologico
 
La decisione che è stata presa dal Presidente Trump di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo climatologico di Parigi (non un «Trattato») ha fornito una grandiosa esplosione di realtà all’intera questione. La retorica dell’aria calda dei modelli climatologici degli anni passati si viene adesso a scontrare con un soffio di realtà scientifica. E questo può essere riassunto su scala globale, nei pochi punti che seguono:
 
. I consumi dei combustibili fossili (carbone, petrolio, gas) sono in continua crescita in tutto il mondo.
 
. Anche la più affidabile delle energie «rinnovabili», ossia gli impianti idroelettrici, è in grado di soddisfare solamente il 5% circa dei bisogni elettrici attuali.
 
. Gli impianti eolici e quelli solari sono altamente intermittenti e inaffidabili; (esempi di recenti guasti e prestazioni insufficienti: El Hierro, Canarie; Australia del Sud; isola di Pellworm, Germania).
 
. I sistemi di stoccaggio dell’energia (come le batterie e le riserve acquifere ad alta quota) possono solamente accumulare energia sufficiente a rallentare brevi picchi della domanda; (esempio: la riserva dell’impianto Robert Moses, Lewiston, New Jersey).
 
. Le nazioni industriali con alti consumi energetici pro capite hanno bassi livelli di crescita naturale della popolazione; (esempi: Svezia, Germania, Canada e Giappone).
 
. Le nazioni con bassi consumi energetici pro capite hanno alti tassi di crescita naturale della popolazione; (esempi: Nigeria, Etiopia, India e Messico).
 
. Il biossido di carbonio (il cosiddetto «inquinamento da carbonio») non ha alcun effetto sulla crescita del livello dei mari e sulle temperature globali, ossia il clima.
 
. Il biossido di carbonio non è un inquinante ma un costituente vitale dell’atmosfera. Senza di esso, tutta la vita sulla Terra cesserebbe di esistere.
 
. Il Pianeta Terra con tutta probabilità si dovrà confrontare con alcune decadi di raffreddamento globale causate dalla riduzione dell’attività delle macchie solari.
 
. Al Presidente Trump vanno fatte le congratulazioni per avere tirato fuori gli Stati Uniti dall’accordo climatologico di Parigi.
 
. La valanga «anti Parigi» è soltanto all’inizio.
 
Dott. Klaus Kaiser – Ontario (Canada) – è l’autore di “CONVENIENT MYTHS, the green revolution – perceptions, politics, and facts” – www.conventientmyths.com

Il Dott. Klaus L.E. Kaiser è uno scienziato professionista con un dottorato in chimica ottenuto presso il Politecnico di Monaco di Baviera in Germania. Ha lavorato come ricercatore scientifico e capo progettuale al Canada Centre for Inland Waters del Ministero dell’Ambiente Canadese per più di 30 anni ed è attualmente il Direttore di Ricerca presso TerraBase Inc. Il Dott. Kaiser è attivo nell’ambito della ricerca da più di quattro decenni; è l’autore di quasi 300 pubblicazioni su riviste scientifiche, relazioni governative e di agenzie internazionali, libri, riviste e quotidiani.

Traduzione a cura di Mauri Sesler