Archivi tag: NATO

Albione e la sua egemonia

 

Escott Reid (a sinistra) e Lester Pearson (a destra)  

Gli Eruditi del Deep State Rhodes Creatori della NATO   

di Matthew J.L. Ehret 

30 Marzo 2019 

dal Sito Web VeteransToday 

traduzione di Nicoletta Marino 

Versione originale in inglese  

Versione in spagnolo  

Questo articolo fa risplendere il potere dell’Impero Britannico come fu dichiarato da Lyndon LaRouche, poiché vi troviamo imperialismo, fascismo e manipolazione …  

Il 28 marzo si è celebrato il 70 anniversario dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) e anche se molti commentatori hanno aprofittato dell’opportunità per rivedere la storia di questo blocco antisovietico come uno strumento dell’imperialismo posteriore alla Seconda Guerra Mondiale, in quasi tutte le analisi troviamo una grande menzogna che deve essere chiarita immediatamente. 

La narrativa popolare di sinistra è stata inventata da questa menzogna, afferma che la NATO è stata creata da una collaborazione per rimpiazzare l’Impero britannico con una ” egemonia globale”.

Questa credenza, per quanto popolare, non è certo e lo chiariremo a breve.

Dopo una revisione più approfondita dei fatti, si può affermare che la NATO non è mai stata una impresa americana, ma sempre britannica.

I cosiddetti “ensiensi” che sono un capo della sua creazione in realtà erano in gran parte in contatto con due think tanks conosciuti come Fabian Society e la rete Rhodes Trust di Oxford che erano già penetrati in diversi rami dei governi occidentali dalla sua creazione nel 1902.

I borsisti di Rodi che si sono formati alla politica americana dopo la morte di FDR e il discorso di Churchill sulla Cortina di Ferro del 1946

  • Il Vice Segretario di Stato Dean Rusk, incaricato degli Affari per il lontano Oriente 
  • Il Vice Segretario di Stato George C. McGhee, capo degli affari per l’est e il sud di Asia e Africa 
  • Il Vice Segretario di Stato W. Walton Butterworth,

… tanto per citarne alcuni … [1]

Gran parte dell’infiltrazione nel secolo 20 di Rodi Studiosi e Fabiani in America avvenne attraversso l’unico “braccio ufficiale” dell’Impero Britannico nell’America del Nord … Canada.

In questa parte voglio dedicare un po ‘più di tempo alla revisione ea chi occupa un posto importante nella spegazione della vera causa della NATO.

La nascita della NATO avvenne nell’agosto del 1947 … NON nel marzo del 1949 …

In un memorandum intitolato “Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica” scritto nell’agosto del 1947, un borsista della Rodi molto infuente e promotore radicale per un governo globale, Escott Reid, sottosegretario degli Affari Esteri del Canada

“raccomandò che è unissero i paesi della zona dell’Atlantico del Nord con un capo di Stati Uniti, per formare una nuova organizzazione per la sicurezza della regione per dissuadere l’espansione sovietica.

Il protocollo di questo memorandum è sfuggire al potere di veto dell’Unione Sovietica nel Consiglio di Sicurezza degli Stati Uniti che impediscono l’avanzare del Gran Gioco Britannico.

Lì era epoca avere uno strumento sufficientemente potente per riuscire un Impero Anglo Americano come lo volevano Cecil Rhodes e Winston Churchill.

Escott Reid estrapola la sua tesi sulla creazione di una istituzione di questo tipo in una conferenza dell’Istituto Canadese per gli Affari Pubblici del 13 agosto 1947 sul lago Couchiching quando dichiarò:

“Gli stati del mondo non sono … esentati dalla Carta delle Nazioni Unite dai membri sovietici nelle Nazioni Unite, dal creare nuove istituzioni politiche per raggiungere la pace.

Niente nella Carta esclude l’esistenza di accordi o agenzie politiche sempre compatibili con i principi e le norme delle leggi Unite le misure di autodifesa collettiva contro attacchi armati fino a che il Congresso per la sicurezza non sia entrato in azione”.

Questa nuova organizzazione militare antisovietica aveva l’importante caratteristica di creare un contratto militare vincolante che sarebbe entrato in vigore per tutti i membri se un membro solo fosse sceso in guerra e Reid descrisse questa intenzione mentre scriveva:

“In una organizzazione di questo tipo ogni stato membro potrebbe essere un vincolante di radunare tutti i suoi mezzi economici e militari con gli altri membri, se si troverà un qualsiasi potere che ha commesso un’aggressione contro uno qualsiasi dei membri”.

Passò un altro anno e mezzo prima che questa struttura ha ottenuto il sostegno degli affari esteri Lester B. Pearson e Primo Ministro britannico Clemente Atlee.

L’Organizzazione del Trattato dell’Atlatico del Nord (NATO) si sarebbe formata il 28 marzo 1949.

Reid si era fatto un nome e divenne il Primo Segretario Permanente dello Stenduto Canadese degli Affari Internazionali (CIIA), conosciuto anche come la Succursale Canadese di Chatham House / Movimento Rotondo del Canada sotto la direzione del controllore del CIIA Vincent Massey.

 

Figura 2 Controllore della Tavola Rotonda Vincent Massey Nella sua divisa di gala che sarà il Primo  Governatore del Canada “nato in Canada” (1952-1959)  

Massey fu il protetto dell’imperialista razzista Lord Alfred Milner e il controllore dei gruppi della Rhode Scholar del Canada durante una carriera 

  • Ambasciatore del Canada a Washington (1926-1930) 
  • Presidente del Partito Liberale (1930-1935) 
  • Ambasciatore in Gran Bretagna (1935-1945) 
  • Capo di Stato (conosciuto anche come Governatore Generale del Canada (1952-1959) 

Lo stesso Reid fu il fondatore dell’autoproclamata “Canadian Fabian Society” insieme ad altri quattro professori di Rodi conosciuti come la Lega Tecnocratica per la Ricostruzione Sociale che promuove l’eugenetica nel 1932, che cambiò nome in Cooperativa Federazione del Commonwealth nel 1933 e di nuovo in Partito Democratico Nazionale del Canada 1961. [2]

Reid passò anni a lavorare con il suo amico erudito di Oxford Lester B. Pearson, che fu assistente di Vincent Massey a Londra prima di diventare il controllore del Partito Liberale del Canada.

L’agenda razzista secondo la prospettiva di Rhodes

 

Cecil Rhodes  

E’ vitale ricordare che queste reti sono incrementate dal punto di vista del genocidio magnate del diamante Cecil Rhodes, che scrisse il proposito della Borsa di Studio (1877):

“Perché non dovremmo formare una società segreta con un solo obiettivo: il progresso dell’Impero britannico e l’incoporare di tutto il mondo civilizzato sotto il dominio per gli Stati Uniti per creare la razza anglosassone per un Impero …”

Più avanti in quel testamento, Rodi elaborò con più dettagli l’intenzione che presto si trasformerà nella politica estera britannica ufficiale.

“L’estensione del dominio inglese in tutto il mondo, il perfezionamento di un sistema di emigrazione dal Regno Unito e la colonizzazione da parte dei sudditi britannici di tutte le terre in cui i mezzi di sussistenza sono raggiungibili con energia, lavoro e imprese e speciali l’occupazione da parte dei coloni britannici di,

  • t utto il continente africano 
  • la Terra Santa 
  • la valle dell’Eufrate 
  • le isole di Cirpo e Candia 
  • tutta l’America del Sud 
  • le isole del Pacifico non sono possedute fino ad allora dalla Gran Bretagna 
  • la totalità dell’arcipelago malese 
  • la costa di Cina e Giappone
  • il recupero definitivo degli Stati Uniti d’America

… come parte integrante dell’impero britannico. 

La consolidazione del tempo imperialistico, l’inaugurazione di un sistema di rappresentanza coloniale in un parlamento imperiale in cui si tiene un gruppo di ricordi del potere imperiale” 

Il “recupero degli Stati Uniti” deve essere presa seriamente da chiunque abbia dubbi sul ruolo dell’ambizione britannica di disfare gli effetti internazionali della Rivoluzione Americana.

Si pregano anche i cittadini onesti riconsiderati quanto i presidenti nazionalisti come John F. Kennedy e Charles De Gaulle in realtà stanno combattendo contro tutto questo, quando si trovano di fronte alle strutture di potere della NATO e dello Stato Profondo.

Si deve tener conto di questo quando si pensa alle reti dirette dai Britannici che misero in atto

  • gli assassini di Bobby Kennedy e Martin Luther King nel 1968 
  • il carcere per Lyndon LaRouche nel 1988 
  • l’intento del ‘Russiagate’ di Donald Trump nel 2019

Nota

* Tutte le citazioni di Reid sono prese da Escott Reid, Couchiching e la nascita della NATO di Cameron Campbell, pubblicato dal Consiglio Atlantico del Canada.

Milner-Massey e Cecil Rhodes possono essere trovate nel Canadian Patriot Review n. 18 e 19, disponibili su http://www.canadianpatriot.org e su Amazon.com.

Nota

[1] Molte di queste reti sono state rese pubbliche da William Fulton del Chicago Tribune , che pubblicò la sua incredibile ricerca dal 15 al 30 luglio 1951 nelle pagine di quel giornale. L’autore di questo reportage è molto alla ricerca di Fulton e anche al lavoro di Carol Quigley dell’Università di Georgetown.

[2] Gli altri cofondatori di Reid e Rhodes Trust del LSR furono Frank Underhill, Eugene Forsey, FR Scott e David Lewis. FR Scott divenne uno dei maggiori mentori di una giovane recluta della Società Fabiana, Pierre Elliot Trudeau, al suo ritorno dalla London School of Economics nel 1949. Trudeau fu preparato per essere membro del CCF prima di essere scelto per essere un capo del Partito Liberale dopo l’espulsione delle forze pro nazionaliste che hanno diretto i liberali dal 1935 al 1958.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Articolo 11 della costituzione italiana

 

FARE DEL 2019 UN ANNO MIGLIORE – COME?

Primo: conoscere e verificare. Secondo: allargare la consapevolezza. Terzo: attivarsi e costruire una strategia. Quarto: condividere il proprio piano con un gruppo di persone fidate. Quinto: generare empowerment e non collaborare con il potere quando mette in atto azioni ingiuste. 

Le linee guida sono chiare: nel 2019 non delegare, agisci in prima persona. Esercita la cittadinanza attiva dal basso.

Promuovere: 

conoscenza 

consapevolezza 

partecipazione 

cittadinanza attiva 

empowerment

azioni di cambiamento, anche attraverso il consumo critico

Ispirato da https://www.peacelink.it/editoriale/a/46005.html

COMUNICAZIONE DEL COORDINATORE DEL GRUPPO NO NATO

Cari tutti,

non so esprimere sinceramente lo stato d’animo con cui mi appresto a formulare a tutti voi i soliti auguri di buon anno nuovo; una cosa è certa: le cose non sono migliorate nel corrente anno; molti fatti si sono succeduti ma quello che per noi è il pericolo centrale, prioritario rispetto a tutti gli altri in quanto portatore di distruzioni inimmaginabili, è il rischio, sempre più prossimo e sempre più tenacemente da qualcuno volutamente ricercato, di un conflitto nucleare.

Nonostante la storica risoluzione dell’Onu del luglio 2018 la Nato ha continuato a rafforzare la sua presenza ostile e aggressiva e nucleare in territorio europeo in funzione dichiarata antirussa, che combinata con le sanzioni economiche imposte illegittimamente ed illegalmente dagli Stati Uniti tramite la stessa Nato appaiono anche al più sprovveduto degli esseri come una evidente dichiarazione di guerra.

Per una questione di controllo mondiale che gli Stati Uniti si sono arrogati all’indomani della fine della seconda guerra mondiale, forti del possesso e della dimostrata capacità di utilizzo delle armi atomiche (esclusivamente contro civili inermi), il mondo intero rischia l’olocausto e l’Europa è  nuovamente al centro, anzi è divenuta la prima linea di difesa degli interessi americani. Come voi sapete questo costa al mondo migliaia di € l’anno in armamenti, esercitazioni e veri e propri conflitti locali con decine di milioni di sfollati. Tutto ciò non garantisce in alcun modo la sicurezza individuale e collettiva (il terrorismo non lo si combatte con le armi nucleari) mentre prepara sistematicamente bilanci di genocidio di popoli interi. E’ recente la informazione per cui in una esercitazione in previsione di un attacco nemico (leggi russo) si poteva prevedere come misura di contenimento il bombardamento nucleare di UDINE!!

Il tutto sarebbe scaturito dall’evidente aggressività russa che ha inglobato manu militari la Crimea. Voi sapete meglio di me la verità storica (Crimea russa da sempre e ceduta dall’URSS alla Ucraina, uno  degli stati componenti, allora, della stessa URSS) conoscete gli avvenimenti: il referendum organizzato e realizzato per far esprimere i diretti interessati (molto diversamente la democraticissima europa ha rispettato un analogo legittimissimo referendum fatto in Grecia, o in Italia si sono rispettati referendum popolari sulla Costituzione e sulla difesa della gestione pubblica dell’acqua). La Russia, la cui legittimità democratica non è nostro compito giudicare, spende in armamenti un decimo degli Stati Uniti, anche perché non se lo può permettere e perché ha portato avanti sempre una politica difensiva e non aggressiva. Credo basti ricordare cosa abbiamo rischiato nel mondo per il tentativo di installare a Cuba dei missili sovietici paragonabili a quelli americani presenti in Turchia e neppure lontanamente paragonabili a ciò che sta facendo la Nato in Europa ai confini diretti della Russia, non in una piccolissima isola, ma in tutti gli stati confinanti . Questo in disprezzo dell’accordo che era stato sottoscritto tra Reagan e Gorbaciov per cui si chiudeva il Patto di Varsavia e si lasciavano uscire dall’Urss gli stati che lo avessero deciso (Ucraina, Baltici, Moldavia, Georgia, Armenia etc) purché la  Nato rinunciasse ad estendere la sua attività. Dichiarazioni riportate da esponenti di primo piano delle amministrazioni USA come Johnstone e Craig Roberts.

La nostra azione è quasi insignificante rispetto alla potenza di fuoco militare ed economica messe in campo dalla Nato, ma è l’unica possibilità di salvezza, non di giustizia, di uguaglianza e fraternità tra i popoli ma di semplice, concreta e feroce sopravvivenza:

FUORI L’ITALIA DALLA NATO!

FUORI LA NATO DALL’EUROPA!

OGGI INTANTO SIAMO DIVENTATI 35.000!

Per il 2019 ci accontenteremmo 1) di restituire agli Stati Uniti gli ordigni nucleari presenti attualmente e progettati per il futuro nel nostro paese (ci muoviamo perché ciò accada in tutta Europa) 2) di portare l’Italia fuori da ogni alleanza militare, di ritirare tutti i contingenti operanti all’estero in qualsiasi veste presentati 3) di convertire parte significativa delle crescenti spese militari in investimenti sociali (Sanità, pensioni, lavoro ) 4) di fare del nostro paese un protagonista mondiale di cooperazione tra i popoli non tra le multinazionali.

E’ QUESTO L’AUGURIO CHE VOGLIO FARVI COME ATTUALE RAPPRESENTANTE DEL COMITATO NO GUERRA NO NATO.

E’ QUESTO L’IMPEGNO CUI SIAMO CHIAMATI …

Portare l’Italia fuori dal sistema di guerra

Attuare l’articolo 11 della Costituzione

Giuseppe Padovani

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Articolo 11 della costituzione italiana:

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

®wld

L’oro monoatomico e il Dio della steppa

 

Mauro biglino risponde … Rapporti degli elohim con altre razze, l’oro atomico e il Dio della steppa  

di Mauro Biglino  

Rapporti degli elohim con altre razze e il popolo del Traci 

Qual è il Suo parere in merito alla relazione tra gli Elohim e altre entità o divinità, già esistenti in altre tradizioni, come ad esempio nell’induismo, zoroastrismo, culti sumeri e dell’antico Egitto? Potrebbe trattarsi delle stesse figure divulgate nell’ambito di tradizioni diverse, oppure si tratterebbe di differenti dinastie o stirpi celesti?

Visitando la valle bosniaca delle piramidi, è possibile riscontrare una notevole attinenza tra la Sua ricerca e quella del dottor Sam Osmanagich. Pensa che possa essere verosimile una presenza, in epoche passate, di queste entità nella penisola balcanica? Qualche riferimento al popolo dei Traci, del quale abbiamo una conoscenza piuttosto mitologica?

Per quanto riguarda i rapporti tra gli Elohim e le altre razze, dobbiamo ovviamente fare riferimenti a testi che non siano la Bibbia. Questo perché la Bibbia ci parla esclusivamente degli Elohim, anzi di un Elohim in particolare, YHWH, e della storia del popolo di Israele. 

Se invece prendiamo ad esempio le tradizioni orientali, nella fattispecie dell’India, siamo in presenza di diverse “razze” di cosiddette divinità, i Deva, che erano inoltre in contrasto tra di loro. Se è vero ciò che dicono i Veda, ovvero che l’universo è popolato da 400.000 specie di umanoidi, in molte sono giunte qui sulla Terra. La Terra in sé è un pianeta dalle caratteristiche particolari, e c’è dunque ragione di credere che sia stata visitata da diverse entità appartenenti a “razze diverse”. 

Per quanto riguarda le piramidi di Bosnia, io ritengo assolutamente possibile che possano essere legate ad alcune di queste entità… Di fatto questi umanoidi sono stati presenti in tutto il pianeta. Pensiamo ai nativi del Nord America, che parlano tranquillamente di luoghi di contatto con questi individui. La ricerca di Sam Osmanagich è assolutamente legittima; e il fatto che quelle piramidi siano state datate, se non sbaglio, intorno a 30.000 anni fa è decisamente plausibile. Se questi “signori” visitano la terra, la visitano da alcuni milioni di anni.  

Per quanto riguarda il popolo dei Traci, è interessante notare come vivessero a ridosso dei Carpazi. Io sono stato in Romania, a visitare (ovviamente solo dall’esterno, purtroppo) i Monti Bucegi, all’interno dei quali si trovano gallerie lunghissime che sono state percorse dai romani.  

Il console onorario italiano mi disse, all’epoca della mia visita, che il re dei Traci andava in quelle specifiche gallerie a prendere ordini dal suo capo. Chi poteva essere il capo del re, del sommo comandante dei traci, se non qualcuno ancora più al di sopra di lui? È una vicenda molto curiosa. Adesso lì tutto appare chiuso. Il governo rumeno aveva deciso di divulgare ciò che c’era all’interno: sono intervenuti NATO, CIA, FBI ecc. e hanno messo sotto controllo la zona, per cui nessuno può più entrarci, nessuno può più controllare e nessuno ne può più, di fatto, parlare. Lì, sicuramente, c’è un’altra parte della nostra storia che speriamo ci verrà raccontata, prima o poi.  

Il bene e il male dipendono da Yahweh 

Che interpretazione dà al versetto Isaia 45,7: “Il male dell’umanità potrebbe provenire dal fatto che discendiamo da questo ‘dio della steppa’”? 

In quel versetto, secondo me, Isaia dice chiaramente che l’origine di tutto ciò che c’è di bene e di tutto ciò che c’è di male sulla Terra sta negli Elohim, nella fattispecie YHWH. Dobbiamo tenere presente questo: quando la Bibbia parla di “bene” e di “male” intesi come concetti etici e filosofici, così come li intendiamo noi, ma in senso materiale: vivere bene, liberi dalla sofferenza, o vivere male, nell’indigenza della povertà. È un versetto molto concreto, che a mio parere non richiede interpretazione.

L’oro monoatomico e gli elohim 

È possibile avere notizie recenti sugli studi riguardanti l’oro che gli Elohim chiedevano di estrarre come elemento per prolungare la vita? 

Per quanto riguarda l’oro, gli studi più recenti sono quelli che sta conducendo la medicina circa le funzioni che l’oro monoatomico ha all’interno delle cellule umane, funzioni molto importanti. In questo momento, soprattutto, viene utilizzato come stabilizzatore di certi farmaci, o come strumento che serve a indirizzare certi farmaci in modo mirato sulle cellule malate o su quella parte delle cellule che dev’essere curata.  

La cosa interessante dell’oro monoatomico è appunto questa capacità di funzionare all’interno della biologia in maniera importante, il che potrebbe spiegare il collegamento tra il bisogno – il desiderio – che questi signori avevano di cercare l’oro, ovviamente per utilizzarlo, e la loro lunga vita. Può darsi che l’oro monoatomico influisca sui telomeri, le code dei cromosomi, che con l’andare degli anni si spezzano, innescando l’invecchiamento delle cellule. 

Una seconda funzione dell’oro monoatomico pare essere relativa all’antigravità: l’oro non solo perde peso in se stesso, ma pare che faccia perdere parte del peso anche al contenitore che lo racchiude. Questo spiega, tra l’altro, l’esistenza di un tempio dedicato alla dea Hathor nel Sinai, dove si lavorava l’oro, e dove è stata trovata una grande quantità di polvere bianca – ma niente oro. Questa polvere bianca era anche detta “pane bianco”, ed era utilizzata come alimento per gli dei e per i faraoni. 

In un prossimo futuro, le ragioni che questi signori avevano per cercare l’oro potrebbero diventare molto importanti anche per noi.

Mauro Biglino 

Fonte: https://unoeditori.com/ 

®wld

La stazione MUOS americana di Niscemi

 

Video: Funzionalità aerospaziali offensive statunitensi dirette contro l’intero pianeta: il sistema di comunicazioni satellitari MUOS in America 

 Di Manlio Dinucci 

Ricerca globale, 13 novembre 2018  

“Il M5S (5 Star Movement) si è diviso sul maxi-radar siciliano”, titolava il Corriere della Sera, diffondendo così una maxi falsa notizia – non sulla direzione del Movimento a 5 stelle, che, dopo aver vinto un consenso elettorale con il “No MUOS” in Sicilia, ora sta facendo marcia indietro – ma sull’oggetto stesso della controversia.  

Definendo la stazione MUOS di Niscemi come un “maxi-radar”, stanno ingannando l’opinione pubblica facendogli credere che si tratti di un dispositivo di scansione elettronica legato alla Terra, e quindi difensivo. Al contrario, il MUOS (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazione satellitare che estende la capacità offensiva degli Stati Uniti all’intero pianeta. 

Il sistema, sviluppato da Lockheed Martin per la US Navy, è composto da una configurazione iniziale di quattro satelliti (più uno in riserva) in un’orbita geostazionaria, e collegati a quattro stazioni terrestri – due negli Stati Uniti (Hawaï e Virginia ), uno in Sicilia e uno in Australia. Le quattro stazioni sono collegate da una rete di cavi in ​​fibra ottica terrestri e sottomarini (la stazione di Niscemi è collegata direttamente alla stazione in Virginia). 

Il MUOS, che è già in funzione, diventerà pienamente operativo nell’estate del 2019, raggiungendo una capacità 16 volte superiore a quella dei sistemi precedenti. Trasmetterà simultaneamente messaggi codificati ad altissima frequenza di materiale vocale, video e dati. Quindi sottomarini e navi da guerra, cacciabombardieri e droni, veicoli militari e unità terrestri degli Stati Uniti e dei loro alleati, saranno quindi collegati a un’unica rete di comando e controllo sotto gli ordini del Pentagono, mentre sono operando in qualsiasi parte del mondo, comprese le regioni polari.

Quindi la stazione MUOS di Niscemi non è un “maxi-radar siciliano” che custodisce l’isola, ma un elemento essenziale della macchina da guerra planetaria degli Stati Uniti.

Guarda il Video: Il circuito della morte nel “Mediterraneo allargato”

 

Lo stesso ruolo è svolto dalle altre principali basi USA e NATO in Italia. La Stazione Aeronavale di Sigonella, a pochi chilometri da Niscemi, è la base per il lancio di operazioni militari principalmente in Medio Oriente e in Africa, condotte da forze speciali e droni. 

La JTAGS (Joint Tactical Ground Station), una stazione satellitare statunitense dello “scudo antimissile” schierata a Sigonella – una delle cinque con portata globale (le altre sono situate negli Stati Uniti, Arabia Saudita, Corea del Sud e Giappone) – serve non solo per la difesa antimissile, ma anche per le operazioni di attacco comandate da posizioni avanzate. 

Il Comando Forze Alleate Alleate a Lago Patria (Napoli), è sotto l’ordine di un ammiraglio statunitense che comanda contemporaneamente le Forze navali statunitensi in Europa (con la Sesta flotta di Gaeta nel Lazio) e le Forze navali USA per l’Africa, di cui la sede è a Napoli-Capodichino. 

Camp Darby, il più grande arsenale degli Stati Uniti al di fuori della patria, fornisce gli Stati Uniti e le forze alleate per le loro guerre in Medio Oriente, Asia e Africa. 

La 173a Brigata Aviotrasportata degli Stati Uniti con sede a Vicenza, opera in Afghanistan, Iraq, Ucraina e altri paesi dell’Europa orientale. 

Le basi di Aviano e Ghedi – i siti di schieramento di combattenti statunitensi e italiani sotto il comando USA e dotati di bombe nucleari B61, che dal 2020 saranno sostituite da B61-12 – sono parte integrante della strategia nucleare del Pentagono. 

Per inciso, Luigi Di Maio e gli altri dirigenti del M5S [1] ricordano che hanno preso un impegno solenne con l’ICAN (Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari) per garantire che l’Italia aderisca al Trattato delle Nazioni Unite, liberando così l’Italia dalle armi nucleari USA ?

*

Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in italiano su Il Manifesto. 

Tradotto da Pete Kimberley 

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione. 

Nota 

[1] Il Movimento 5 Stelle è, insieme alla Lega, un partito governativo, in cui Luigi Di Maio è Vice Presidente del Consiglio dei Ministri. 

La fonte originale di questo articolo è Global Research 

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Un bailamme economico-finanziario-climatico

Italia sotto attacco: finanziario e climatico? 

di marceellopamio  

Il periodo storico che stiamo vivendo attualmente in Italia è certamente molto pregnante sotto vari punti di vista. 

Nonostante i tentativi beceri del Sistema di deviare l’attenzione pubblica mediante le armi di «distrazioni di massa» (tragedie umane, violenze e stupri di gruppo, innocenti incarcerati, ecc.), quello che sta avvenendo è scandaloso. E quello che sta avvenendo non deve essere percepito dal popolo-gregge.  

Il nocciolo della questione è questo: che piaccia o meno (che sia coerente o meno) in Italia c’è un governo democraticamente eletto dai cittadini. Abbiamo avuto una serie di governi tecnici (tecnicamente governi golpisti) che nessuno aveva voluto e/o votato. L’ultimo in ordine cronologico, sicuramente il più scandaloso, quello del Pd è stato una emanazione diretta dei Poteri Forti internazionali, e i risultati sono sotto gli occhi di coloro che ancora hanno dei neuroni adibiti a trasdurre la realtà: distruzione sistematica dello stato sociale.

Ora (apparentemente) le cose, anche a livelli internazionali, hanno preso un’altra piega, per qualcuno inaspettata: l’elezione di Donald Trump negli States, l’uscita dalla zona euro dell’Inghilterra e qui da noi l’elezione di un governo per così dire popolare.

Veniamo al punto: il governo giallo-verde, secondo l’establishment dittatoriale europeo, avrebbe la grave colpa di essere un governo populista, quindi molto pericoloso per la stabilità del Sistema stesso. 

Certi Poteri stanno temendo l’effetto domino: l’Italia potrebbe infatti essere un esempio per altri paesi e quindi generare a cascata una deriva destabilizzante per l’ordine costituito. Per questo e altri motivi si deve fermare con ogni mezzo lecito o meno. 

Attacco speculativo e finanziario 

Esistono vari strumenti per far ritornare all’ovile la pecora nera smarrita: dalle agenzie di rating, al fantomatico spread. 

Le agenzie di rating sono nate agli inizi del Novecento negli Stati Uniti e hanno lo scopo di analizzare la solidità finanziaria di soggetti quali stati, enti, governi, imprese, banche, assicurazioni. Le principali agenzie sono tutte statunitensi: Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch. 

Il rating, che valuta l’entità del rischio di credito, si divide in due principali categorie: il rischio commerciale ed il rischio paese, ma non misura altri tipi di rischi quale il rischio di tasso o di cambio, ecc. La valutazione della capacità del debitore di far fronte al rimborso del proprio debito finanziario viene fornita ricorrendo ad una scala alfabetica, che va da un valore massimo ad uno minimo.

Un monitoraggio effettuato dall’Adusbef su oltre 1.000 “report” emessi a pagamento dalle maggiori agenzie di rating, anche di origine bancaria, ha rappresentato la prova che tali rapporti sono risultati sballati al 91% ed efficaci al 9%.  

Quando le agenzie diffondono su internet, tramite lettere finanziarie o stampa specializzata i loro reports su società quotate, i consigli (ad acquistare: buy; vendere: sell; o tenere: hold ) 9 volte su 10 si sono rivelati vere e proprie bufale a danno dei risparmiatori i quali hanno messo a repentaglio il loro risparmio, con perdite maggiori rispetto alla loro normale capacità di investimento. 

Le società di rating essendo pagate dai committenti e non dagli investitori, sono portatrici sane di un conflitto di interessi gravissimo. 

Il 19 ottobre 2006, 2 delle 3 agenzie di rating che agiscono in regime di oligopolio, hanno declassato l’Italia, hanno dato cioè un voto negativo alla capacità dell’Italia di gestire la sua economia.

Non è la prima volta che questo accade, infatti nell’agosto 1992, Standard & Poor’s declassava il debito italiano e casualmente a settembre, l’ebreo ungherese George Soros, speculava sterlina contro lira.

Il risultato è stato la svalutazione del 30% della lira, uscita dallo SME (mercato europeo) e l’apertura ai capitali anglo-statunitensi che sono entrati nel nostro paese per comprare a prezzi stracciati aziende e società importanti come Iri, Enel, Ina, Eni, Cirio, ecc. 

Grazie alla deregolamentazione dell’economia, queste agenzie sono diventate il “Grande Fratello” finanziario e hanno progressivamente accumulato un potere immenso, superiore a quello degli stati e delle banche centrali, determinando le decisioni di tutti gli attori economici globali. 

Dietro le agenzie… 

Le «tre sorelle» del rating non sono solamente l’espressione dell’intreccio dominante delle multinazionali, ma una vera e propria struttura organizzata delle principali banche planetarie che controllano il sistema finanziario e debitorio delle nazioni e di tutti i settori dell’economia sia privata che pubblica.  

Dietro le potentissime agenzie ci sono infatti i soliti noti, come Capital World Investors, The Vanguard Group, BlackRock Fund Advisors, State Street Global Advisors. 

Eccoli qua i signori della finanzia internazionale, coloro che decidono le sorti di società, multinazionali, governi e paesi.  

Attacco all’Italia 

E’ fuori da ogni discussione che nel nostro paese sta imperversando dall’esterno una vera e propria dittatura finanziaria e politica (Commissione Europea e banchieri internazionali) che a colpi di normative, spread e declassamenti vuole da una parte avvertire il governo di turno, e dall’altra intimorire le masse mediante spauracchi. 

Si tratta di strategie magistrali che hanno lo scopo di indurre nel cervello delle persone la paura del cambiamento. E’ sempre meglio che le masse «preferiscano rimanere nelle loro catene abbandonando ogni velleità di liberazione».[1]  

La paura di perdere denari, di inficiare il tasso del mutuo, di perdere valore di acquisto sta letteralmente bloccando e condizionando milioni di coscienze.

Una conferma arriva da «Zero Hedge», uno dei più importanti siti economici alternativi americano. 

«L’Establishment europeo ha appena dichiarato guerra all’Italia» è il titolo con cui Zero Hedge commenta un’intervista alla CNBC di Jeroen Dijsselbloem, l’ex ministro delle finanze olandese che è stato presidente dell’Eurogruppo. 

Nell’intervista Dijsselbloem invita apertamente la speculazione a lanciare un attacco alle finanze italiane, spiegando loro (ai mercati) esattamente come devono fare.[2]  

La cosa gravissima è queste dichiarazioni sono uscite dalla bocca di un «consigliere strategico del Meccanismo Europeo di Stabilità, EMS», ossia quell’istituzione europea che dovrebbe fornire assistenza ai paesi dell’area euro che sono in crisi economica, e al quale l’Italia partecipa con più di 125 miliardi di euro, di cui oltre 14 miliardi già versati. 

Ci si mette pure il clima 

Non bastavano le critiche e gli attacchi politici da parte dell’Unione Europea, le speculazioni da parte delle istituzioni finanziarie globaliste, ora ci si mette anche il clima. 

Il cambiamento climatico è oramai una verità oggettiva fuori da ogni discussione, se poi sia un fenomeno ciclico naturale o del tutto innaturale causato dall’uomo, questo è un altro discorso.

In questa sede interessa solo la guerra climatica. Usciamo una volta per tutte dall’aureola della cospirazione perché oggi sappiamo che la «guerra climatica» è una triste realtà. Lo sappiamo anche grazie alla denuncia di Fabio Mini, generale della Nato. 

Secondo Mini: «La guerra ambientale non è più solo una ipotesi: è già in atto. Ma guai a dirlo, si passa per pazzi». 

«La bomba climatica è la nuova arma di distruzione di massa a cui si sta lavorando in gran segreto per acquisire vantaggi inimmaginabili su scala planetaria. Alluvioni, terremoti, tsunami, siccità, cataclismi. Uno scenario che purtroppo non è più fantascienza».

«I militari hanno già la capacità di condizionare l’ambiente: tornado, uragani, terremoti e tsunami alterati o addirittura provocati dall’uomo sono una possibilità concreta»[3]  

Se è vero quello che dice il generale, oggi i militari possiedono e usano una tecnologia in grado di modificare a proprio piacimento il clima di una regione. 

Per cui se il governo di un paese qualsiasi non si sta comportando secondo il ruolino di marcia imposto dal regime, il Sistema può interferire direttamente e/o indirettamente sul clima (Haarp, scie chimiche, ecc. ma anche sul lato economico-finanziario e sanitario con epidemie) facendo piegare le ginocchia ai governanti di turno. 

Viene da sé che in uno stato di calamità o di crisi diventa molto complesso portare avanti le proprie politiche per chi è al comando, anche perché essendo ancora dentro il meccanismo europeo (vera e propria prigione che ha di fatto cancellato le sovranità), non si possono mettere in atto politiche economiche e monetarie (stampare moneta per esempio), per cui si finirà incastrati ancor di più nella morsa degli aguzzini. A meno che… 

Con questo non si vuole affermare che la situazione post-apocalittica che stiamo vivendo in queste ore in Italia sia una macchinazione diabolica di qualche mente perversa, ma la sincronicità quasi perfetta con gli altri accadimenti economico-finanziari fa sorgere almeno qualche dubbio… 

Nonostante tutto questo bailamme economico-finanziario-climatico, il Regime che sta facendo di tutto per non perdere il potere acquisito è prossimo al collasso. E lo sanno alla perfezione. 

Quello che è in atto – ignorato e oscurato volutamente dai media mainstream – è un profondissimo e inesorabile risveglio di coscienze. Certamente un processo lento, ma inesorabile e inarrestabile. 

E va anche detto che dietro a questo movimento, altri governi stanno lavorando nell’ombra, non per contrastarlo ma per agevolarlo…

Note   

[1] Diego Fusaro citazione   

[2] «Hanno progettato il golpe. Per aggiotaggio», Maurizio Blondet, www.maurizioblondet.it/hanno-progettato-il-golpe-dijsselbloem-lo-ha-ammesso/  

[3] «Clima impazzito? No è guerra climatica» Fabio Mini generale Nato,  http://retenews24.it/clima-impazzito-no-e-guerra-climatica-parla-il-generale-nato-ecco-costa-accadendo-davvero-e-cosa-accadra-entro-il-2025/   

Fonte: https://disinformazione.it/ 

®wld

Quella che chiamiamo “civiltà moderna” è solo un mucchio di falsi

 

Ripensare la storia dell’umanità   

Negli ultimi anni ho visto molte ore di video che hanno a che fare con l’Ur-alt, civiltà globale che esisteva su questo pianeta molte migliaia di anni fa. Durante la mia vita ho visitato anche molti siti antichi in Europa, Nord America, America Centrale, Sud America, Turchia ed Egitto, oltre ad aver letto molto ampiamente per molti anni e parlato con altri che hanno conoscenza di antiche civiltà. La somma di tutte le mie esplorazioni letterarie, Internet e personali e le conversazioni è la comprensione del fatto che siamo stati massicciamente mentiti a scuola e all’università. Non conosciamo la vera storia dell’umanità o della Terra. Tutto è stato sistematicamente celato a noi. Fa parte di una cospirazione globale, globale e plurimillenaria per nascondere il nostro passato da noi. 

Tuttavia, grazie al lavoro dedicato e al coraggio di ricercatori indipendenti, parte del nostro passato sta cominciando a essere meglio compreso, o almeno messo in discussione e indagato.

Posso consigliare in particolare i seguenti canali YouTube. Guarda tutti i video che queste persone hanno pubblicato su Internet (ti ci vorrà un po ‘!), E vedrai presto che l’antichità del nostro soggiorno su questo pianeta torna indietro, ed è molto diversa da come ci è stato detto.  

Brien Foerster
https://www.youtube.com/user/brienfoerster 

Sylvie Ivanova
https://www.youtube.com/user/everhungriescatgang 
 

Vlad9vt
https://www.youtube.com/user/vlad9vt 

Raccomando anche i libri dei seguenti autori, disponibili sui loro siti web: 

Graham Hancock
http://grahamhancock.com/ 

Michele Cremo  

http://mcremo.com/ 

Basti dire che ora sono convinto che l’umanità sia stata su questo pianeta e su altri pianeti in questo sistema solare e su altri pianeti in questo settore della galassia, non per migliaia di anni, ma per milioni di anni letteralmente, e che la civiltà moderna che pensiamo sia così avanzata è, in realtà, la più grande spazzatura del cervello e la mente fottuta di tutti i tempi. 

Quindi hai un cellulare? Meraviglioso! Puoi chiamare altri schiavi controllati dalla mente e avere conversazioni deliziosamente superficiali su tutti i problemi approvati dal controllo mentale del giorno: sport professionistici, economia controllata artificialmente, intrattenimento popolare, un’ampia varietà di argomenti di notizie false, gli ultimi scherzi di qualsiasi criminale la mafia si definisce un “governo” nella tua parte del mondo, e molto altro ancora! Tutto per il prezzo incredibilmente basso di $ 49,95 al mese. \sarcasmo\ 

Ma questo è niente  

Guarda tutti i video che i ricercatori sopra hanno diffuso su Internet, leggi i libri di Michael Cremo e Graham Hancock e anche tu realizzerai che quella che chiamiamo “civiltà moderna” è solo un mucchio di falsi, chimici, plastificati, falsificato, controllato dalla mente, spillato insieme spazzatura e sciocchezze. 

Vald9vt è uno dei miei canali YouTube preferiti. 

Proprio oggi stavo guardando un altro dei suoi video sui morsetti metallici che si trovano in molti siti megalitici in tutto il mondo, spesso collegando blocchi di pietra multi-ton. 

Non ho ancora visto nessuno offrire una spiegazione convincente per i morsetti metallici. Non possono essere strutturali, perché la dimensione delle pinze è assolutamente sminuita dai massicci blocchi di pietra in così tanti casi. 

Sospetto che siano una parte funzionale di un’architettura energetica; che i morsetti metallici sono lì per il collegamento elettrico tra blocchi specifici per completare i circuiti energetici. Nell’antichità remota c’era una tecnologia diversa che oggi non è ben compresa.

La dimensione, la forma precisa e la disposizione geometrica dei blocchi erano tutti fattori nel funzionamento dei monumenti. Queste strutture funzionavano come macchine; hanno fatto un lavoro che non comprendiamo oggi. Non era tutto solo decorativo.  

Non ho dubbi sul fatto che molti dei monumenti più antichi in Egitto, e in altre parti del mondo, fossero parti integranti di enormi macchinari per la copertura del paesaggio o circuiti energetici, che si estendevano per miglia e miglia; una tecnologia megalitica che impiegava energia in un modo molto diverso rispetto alla “civiltà” globale dei cosiddetti tempi “moderni”, e che era molto rispettosa dell’ambiente, per l’avvio.  

Tutto è stato distrutto e messo fuori uso migliaia di anni fa, in modo che le mentalità cadute e degradate dietro l’ordine (dis) del mondo attuale potessero giungere al potere e stabilire il loro dominio spietato, mente, corpo e anima. sulla Terra e i suoi abitanti.  

Siamo stati lasciati con leggende in tutto il mondo di una precedente Età dell’Oro di alta civiltà che fu improvvisamente distrutta catastroficamente. Le prove di quel triste cataclisma sono in tutto il mondo. La mia stessa ricerca suggerisce che il cataclisma aveva cause artificiali estese al mondo. Tantissime battaglie si sono svolte in questo sistema solare molto tempo fa, la civiltà e il pianeta hanno distrutto la guerra. La cosiddetta “civiltà” che vediamo intorno a noi oggi è solo la più pallida delle deboli, deboli, finte imitazioni, rispetto al glorioso splendore di un lontano passato. 

Questa è la ragione per l’embargo soffocante, storico e archeologico della verità da parte dei poteri completamente corrotti di oggi. Vogliono mantenere la loro schiavitù umana completamente soppressa, oppressa, ignorante, trattabile e servilmente docile.  

È tutto molto deludente, che altro posso dire? 

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/  

  

Cancellare la storia, la diplomazia, la verità e la vita sulla terra  

15.10.2018  

Stati Uniti  

Paul Craig Roberts 

Uno dei motivi per cui i Paesi falliscono è che la memoria collettiva viene continuamente distrutta mentre le generazioni più vecchie passano e vengono sostituite da nuove che sono disconnesse da ciò che è venuto prima.

Inizialmente, la disconnessione è stata gestita dalla Storia e dalle discussioni al tavolo di famiglia. Per esempio, quando ero un bambino c’erano ancora nonni i cui padri avevano combattuto per la Confederazione. Non avevano schiavi e non possedevano piantagioni. Hanno combattuto perché la loro terra era stata invasa dagli eserciti di Lincoln. Oggi, se le famiglie del Sud conoscessero ancora i fatti, proteggerebbero i loro figli non dicendoglieli. Potete immaginare cosa succederebbe in una scuola pubblica ad un bambino che prendesse questa posizione? 

Frustrato dall’incapacità dell’esercito dell’Unione di sconfiggere l’esercito della Virginia del Nord guidato dal graduato a West Point, Robert E. Lee, Lincoln ricorse ai criminali di guerra. I generali Sherman e Sherridan, che operavano sotto il generale Grant, furono i primi criminali di guerra moderni a condurre una guerra contro donne e bambini civili, le loro case e i loro approvvigionamenti di cibo. Lincoln era così fuori passo con la morale comune che dovette arrestare e detenere 300 redattori di giornali del Nord ed esiliare un membro del Congresso degli Stati Uniti per poter condurre la sua Guerra per l’Impero. 

Oggi questa storia è in gran parte cancellata. Gli storici di corte seppellirono la verità con la favola che Lincoln andò in guerra per liberare gli schiavi. Questa sciocchezza ignorante è oggi la storia ufficiale della “guerra civile”, che certamente non è stata una guerra civile. 

Una guerra civile è quando due parti combattono per il controllo del governo. La Confederazione era un nuovo Paese composto da quegli Stati che si erano separati. Sicuramente, i soldati confederati non combattevano per il controllo del governo a Washington più di quanto non stessero combattendo per proteggere gli investimenti dei proprietari delle piantagioni.  

La memoria è persa quando i fatti storici sono gettati nel buco della memoria.  

Quindi, cosa c’entra questo con la lezione di oggi? Molto più della Storia può essere cancellato dal passare del tempo. La cultura può essere cancellata. La moralità può essere cancellata. Il buon senso può scomparire con la diplomazia che dipende da esso.  

Quella generazione più giovane che esprimeva minacce gridandole tutto intorno ai memoriali di guerra confederati e ai nomi delle strade confederate – Atlanta ha appena abbattuto la storica Confederate Avenue e l’ha sostituita con United Avenue – a maschi bianchi che, se eterosessuali, vengono ridefiniti dalla Politica Identitaria come stupratori, razzisti e misogini, ad illustri scienziati che affermano che, in realtà, vi sono differenze innate tra il maschio e la femmina, e così via – [Quella generazione più giovane dicevo] potrebbe pensare che sia naturale per gli alti funzionari del governo degli Stati Uniti dare vita ad un flusso senza fine di minacce di guerra a Russia, Cina, Iran e Venezuela.  

Una persona della mia generazione sa che tali minacce non hanno precedenti, non solo per il governo degli Stati Uniti ma anche nella Storia del mondo. La folle ambasciatrice del presidente Trump presso la NATO, Kay Bailey Hutchison, ha minacciato di “spazzare via i missili russi”. La pazza ambasciatrice del presidente Trump all’ONU Nikki Hailey lancia minacce senza fine con la stessa rapidità con cui si rivolge agli alleati americani e contro i potenti Paesi che designa come nemici. Il folle consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, rivaleggia con l’insana Haley con le sue minacce ad ampio raggio. Il Segretario di Stato Pompeo sputa le sue minacce con il meglio delle altre. Così fanno gli insani New York Times e Washington Post. Persino un umile Sottosegretario agli Interni si assume la prerogativa di dire alla Russia che gli Stati Uniti bloccheranno le navi della sua marina. 

Quali pensate sarebbero le conseguenze se russi, cinesi ed iraniani prendessero sul serio queste minacce? Le guerre mondiali sono iniziate per molto meno. Eppure non c’è nessuna protesta contro questi squilibrati funzionari del governo USA che stanno facendo tutto il possibile per convincere la Russia e la Cina che sono senza dubbio i peggiori nemici dell’America. Se fossi in Russia o in Cina, come risponderesti a questo? 

Il professor Stephen Cohen, che, come me, ricorda quando il governo degli Stati Uniti aveva una tradizione diplomatica, è turbato quanto me che la decisione di Washington di cancellare via la diplomazia dalla memoria e sostituirla con minacce di guerra ci faccia uccidere tutti.  

Più estremismi e crisi della guerra fredda 

Oscurate dalle udienze di conferma di Kavanaugh, le relazioni tra Russia e Stati Uniti diventano sempre più pericolose. 

Di Stephen F. Cohen [1] – 3 ottobre 2018  

Sottolineando il crescente estremismo da Guerra Fredda a Washington e le crisi guerresche nelle relazioni USA-Russia altrove, Cohen commenta i seguenti esempi.  

Il Russiagate, anche se nessuna delle sue principali accuse è stata dimostrata, è ora una parte centrale della nuova Guerra Fredda, limitando severamente la capacità del presidente Trump di condurre trattative per la crisi con Mosca e denigrando ulteriormente il presidente russo Putin per aver ordinato “un attacco all’America” durante le elezioni presidenziali del 2016. Il New York Times e il Washington Post hanno guidato i promotori della narrativa Russiagate, anche se molti dei suoi elementi fondamentali sono stati seriamente messi in discussione, persino screditati.  

Ciononostante, entrambi i giornali hanno recentemente dedicato migliaia di parole a raccontare la stessa narrativa, rispettivamente il 20 e il 23 settembre, insieme ai suoi ovvi errori. Ad esempio, Paul Manafort, durante il periodo cruciale in cui stava consigliando il presidente ucraino Viktor Yanukovych, non era “filo-russo” ma pro-Unione europea. E contrariamente alle insinuazioni, il generale Michael Flynn non ha fatto nulla di sbagliato o senza precedenti nell’avere conversazioni con un rappresentante del Cremlino a nome del presidente eletto Trump. Molti altri presidenti eletti avevano incaricato i principali assistenti di fare lo stesso. Le epiche retoriche della narrativa del Russiagate di entrambi i giornali, in modo straordinario, erano piene di errori simili e accuse non provate. (Tuttavia, un importante storico, benché apparentemente poco informato sia sui documenti del Russiagate che sulla leadership del Cremlino, ha caratterizzato il dossier Steele anti-Trump, ampiamente screditato – la fonte di molte accuse di questo tipo – come “sempre più plausibile”.)  

Sorprendentemente, né il Times né il Post attribuiscono credibilità all’enunciazione enfatica fatta almeno una settimana prima da Bob Woodward – normalmente considerato il più autorevole cronista dei segreti politici di Washington – che dopo due anni di ricerche non aveva trovato “prova alcuna di collusione” tra Trump e la Russia.  

Per il Times, il Post ed altri media mainstream, il Russiagate è diventato, a quanto pare, una sorta di giornalismo di culto che nessuna contro-prova o analisi può forzare e quindi è di per sé un fattore importante per la nuova e più pericolosa Guerra Fredda. Ancor peggio, ciò che è iniziato quasi due anni fa come contestazioni per “l’ingerenza” russa nella campagna presidenziale degli Stati Uniti, sono diventate ora per The New Yorker e altre pubblicazioni un’accusa che il Cremlino ha effettivamente messo Trump alla Casa Bianca. Di questa accusa sconsiderata, con il suo disprezzo intrinseco per il buon senso degli elettori americani, non ci sono prove convincenti, né alcun precedente nella Storia americana.  

Nel frattempo, funzionari americani attuali e passati stanno facendo minacce senza precedenti contro Mosca. L’ambasciatrice alla NATO Kay Bailey Hutchinson ha minacciato di “spazzare via” qualsiasi missile russo che ritenesse violare il trattato sulle armi [intermedie] del 1987, un passo che metterebbe a rischio di guerra nucleare. Il Segretario agli Interni ha minacciato un “blocco navale” della Russia. In uno sfogo russofobo senza precedenti e poco diplomatico, l’ambasciatore alle Nazioni Unite Nikki Haley ha dichiarato che “mentire, imbrogliare e comportarsi scorrettamente” sono una “norma della cultura russa”. 

Potrebbero essere dichiarazioni stravaganti di personaggi politici nominati e non monitorati, anche se inevitabilmente sollevano la domanda: chi sta facendo politica russa a Washington, il presidente Trump con la sua dichiarata politica di “cooperare con la Russia” o qualcun altro?  

Ma come spiegare, oltre all’estremismo sfrenato, le dichiarazioni di un ex ambasciatore statunitense a Mosca e professore di lunga data della politica russa, che sembra essere la principale autorità dei media mainstream sulla Russia? Secondo lui, la Russia oggi è “uno Stato canaglia”, le sue politiche “azioni criminali” e la “peggior minaccia del mondo”. Deve essere contrastata da “sanzioni preventive che dovrebbero entrare in vigore automaticamente” –di fatto “ogni giorno” se ritenuto necessario. [Queste sono le parole di Michael McFaul, che ha riscontri alla Stanford University, diventata una casa accogliente per i guerrafondai.] 

Considerando le sanzioni “paralizzanti” ora preparate da un gruppo bipartisan di senatori statunitensi – la loro vera ragione e scopo apparentemente sconosciuti perfino a loro – questo sarebbe niente di meno che una dichiarazione di guerra contro la Russia; guerra economica, ma pur sempre guerra. 

Molti altri nuovi fronti della Guerra Fredda sono anche pieni di guerra calda, ma oggi nessuno più della Siria.  

Un altro promemoria si è verificato il 17 settembre, quando la Siria ha abbattuto accidentalmente un aereo di sorveglianza russo alleato, uccidendo tutti e 15 i membri dell’equipaggio. La causa, come è noto, è stata il sotterfugio degli F-15 israeliani forniti da Washington che hanno utilizzato l’immagine radar più grande dell’aereo russo per nascondere il loro attacco illegale alla Siria. La reazione a Mosca è stata altamente indicativa, potenzialmente minacciosa.  

All’inizio, Putin, che aveva sviluppato buoni rapporti con la leadership politica di Israele, ha detto che l’accaduto è stato un incidente, un esempio di nebbia di guerra. Il suo stesso Ministero della Difesa, tuttavia, ha protestato a gran voce, incolpando Israele. Putin si è rapidamente ritirato, adottando una posizione molto più intransigente ed alla fine ha promesso di inviare l’efficace sistema di difesa terra-aria S-300 della Siria, un premio che sia la Siria che l’Iran hanno richiesto invano per anni. [In realtà, la Russia ha ora fornito l’S-300 sia l’Iran che la Siria.]  

In secondo luogo, se gli S-300 sono installati in Siria (saranno gestiti da russi, non da siriani), Putin può in effetti imporre una “no-fly zone” su quel Paese, che è stato lacerato dalla guerra, in parte dovuta alla presenza di diverse grandi potenze straniere. (La Russia e l’Iran vi sono legalmente, gli Stati Uniti e Israele non lo sono.) Se così fosse, sarà una nuova “linea rossa” che Washington e Tel Aviv devono decidere se attraversare o meno. Considerando le manie a Washington, è difficile essere sicuri che prevarrà la saggezza. [In realtà, è probabile che Putin cambierà la responsabilità di usare il sistema di difesa aerea in Siria.]  

Tutto questo si è svolto all’incirca nel terzo anniversario dell’intervento militare della Russia in Siria, nel settembre 2015. A quel tempo, i sapientoni di Washington denunciavano l’ ”avventura” di Putin ed erano sicuri che “sarebbe fallita”. Tre anni dopo, il “Cremlino di Putin” ha distrutto la morsa viziosa dello Stato Islamico su vaste zone della Siria, ma non ha ripristinato il controllo del Presidente Assad su gran parte del Paese, ed è diventato l’arbitro ultimo del futuro della Siria. Il presidente Trump farebbe meglio ad aderire al processo di pace di Mosca, anche se è improbabile che il partito del Russiagate a Washington, per lo più Democratico, gli consenta di farlo. (Per prospettiva, ricordate che, nel 2016, il candidato alla presidenza Hillary Clinton ha promesso di imporre una no-fly zone degli Stati Uniti sulla Siria per sfidare la Russia.)  

C’è anche questo. Mentre l’ordine mondiale liberale guidato dagli Stati Uniti si disintegra, non solo in Siria, sta emergendo una nuova alleanza tra Russia, Cina, Iran e forse anche la Turchia, membro della NATO. Sarà una vera “minaccia” solo se Washington la renderà tale, come ha fatto con la Russia negli ultimi anni.  

Infine, la guerra per procura USA-Russia in Ucraina ha recentemente acquisito una nuova dimensione. Oltre alla guerra civile nel Donbass, Mosca e Kiev hanno iniziato a sfidarsi a vicenda nel Mar d’Azov, vicino alla vitale città portuale ucraina di Mariupol. Trump è sotto pressione per rifornire Kiev di armi navali e di altro tipo per intraprendere questa guerra in evoluzione, ancora un’altra potenziale matassa ingarbugliata. Anche qui il presidente Trump avrebbe fatto meglio a mettere il peso della sua amministrazione dietro gli accordi di Minsk, a lungo bloccati. Anche qui, questa sembrava essere la sua intenzione originale, ma ha dimostrato di avere un altro approccio, sembra ora, ostacolato dal Russiagate  

[1] Stephen F. Cohen, professore emerito di studi e politica russi alla New York University ed alla Princeton University e John Batchelor continuano le loro discussioni sulla nuova guerra fredda USA-Russia. (Le puntate precedenti, ora al loro quinto anno, sono su TheNation.com.) 

************** 

Articolo originale di Paul Craig Roberts:  

https://www.paulcraigroberts.org/2018/10/09/erasing-history-diplomacy-truth-and-life-on-earth/ 

Traduzione di Costantino CeoldoPravda freelance  

Fonte: https://www.geopolitica.ru/it/ 

 

#METOOGAZA, e TIBET*. 

Conversando con Noam Chomsky il 2 ottobre su temi del tutto personali ho appreso dell’esistenza dell’appello #MeTooGaza, un appello che seguì l’ennesima e risaputa strage in stile Gestapo ad opera della Israeli Defence Force su civili Palestinesi disarmati il 30 maggio scorso. Noam Chomsky, come Ilan Pappe, come Norman Finkelstein, come Abby Martin, come altri anonimi cittadini del mondo come me, si sono uniti a questo appello che deve durare finché l’assedio israeliano di Gaza sarà terminato, quindi è sempre attualissimo. 

Purtroppo trattandosi di crimini contro l’umanità da parte d’Israele, i numeri degli aderenti sono una minuscola frazione rispetto alle Magliette Rosse o ai Padani o ai Piddini o ai Fattoquotidiani. Non ci trovate certo Fusaro o Becchi o Cruciani o i superSionisti Lerner e Travaglio, perché mettere la propria faccia per i Palestinesi non fa figo, né fa like su Facebook, è devastante per la carriera (ehm, ne so qualcosa eh?). Ma fatelo sto video di 30 secondi. Per uploadarlo è facile, le istruzioni sono qui: https://www.metoogaza.com/ 

Grazie. Paolo Barnard 

*Nel titolo, dopo Gaza, ho scritto Tibet, solo perché l’imperativo morale mi obbliga a citare l’unica altra Apartheid in tutto il Pianeta che ancora sopravvive assieme a quella Palestinese. Pechino ha compiuto genocidio sui tibetani nell’indifferenza totale di tutti noi. Purtroppo mentre per la Palestina ancora esiste una frattaglia di speranza che i nostri governi agiscano per porre fine a quell’abominio, per il Tibet e la sua cultura non esiste più nessuna speranza, e va detto: una grossa mano in questo senso l’hanno data la coppia di buffoni Richard Gere e il Dalai Lama. 

Fonte: https://paolobarnard.info/

®wld

Quando le immagini del presente ci riportano al passato

Video: Ponti crollati e ponti bombardati L’immagine è veramente apocalittica. Sembra che una bomba sia caduta su questo tratto di strada, che è un’importante arteria: è così che un giornalista descrisse il ponte Morandi a Genova subito dopo il crollo, distruggendo la vita di decine di persone.

Queste parole richiamano alla mente altre immagini, quelle di circa 40 ponti serbi distrutti dai bombardamenti della NATO nel 1999 – tra questi il ​​ponte sul Morava nella Serbia meridionale, dove due missili hanno colpito un treno e massacrato i passeggeri. Per 78 giorni, decollati per lo più dalle basi italiane fornite dal governo D’Alema, 1.100 aerei hanno fatto 38.000 sortite, lanciando 23.000 bombe e missili. Distrussero sistematicamente strutture e infrastrutture serbe, causando migliaia di vittime civili. 54 aerei italiani hanno partecipato agli attacchi, effettuando 1378 sortite e attaccando obiettivi indicati dal comando USA.

“Tenendo conto del numero di aerei coinvolti, eravamo secondi solo agli Stati Uniti. L’Italia è un paese importante, e non dovrebbe esserci sorpresa per l’impegno che mostriamo in questa guerra”, ha dichiarato D’Alema.

Nello stesso anno in cui prese parte alla demolizione finale dello stato jugoslavo, il governo D’Alema smantellò la proprietà pubblica della Società Autostrade (anch’essa responsabile del ponte Morandi), consegnandone una parte a un gruppo di detentori di azioni e elencando il resto in Borsa. Il ponte Morandi crollò fondamentalmente sotto la responsabilità di un sistema centrato sul profitto, lo stesso sistema che è al centro dei potenti interessi rappresentati dalla NATO.

Fonte: PandoraTV

Il confronto tra le immagini del ponte Morandi crollato e dei ponti serbi bombardati, che a prima vista potrebbero sembrare forzati, è invece ben fondato.

Prima di tutto, la terribile scena delle vittime sepolte sotto le macerie dal collasso dovrebbe farci riflettere sull’orribile realtà della guerra, che i principali media ci presentano come una sorta di “gioco di guerra”, con il pilota che punta al ponte e la bomba telecomandata che la fa a pezzi.

In secondo luogo, dovremmo ricordare che il 28 marzo la Commissione europea ha presentato un piano d’azione che prevede la riparazione e il mantenimento delle strutture dell’UE, compresi i ponti, ma non per renderli più sicuri per la mobilità civile, ma più efficienti per la mobilità militare [2 Vedi questo].

In realtà, questo piano è stato deciso dal Pentagono e dalla NATO, che ha chiesto che l’UE “migliori le infrastrutture civili in modo che siano meglio adattate alle esigenze militari” – in altre parole, per poter spostare i carri armati, cannoni semoventi e altri veicoli militari pesanti il ​​più rapidamente possibile da un paese europeo all’altro, per muoversi contro “l’aggressione russa”. Ad esempio, se un ponte non è in grado di sostenere il peso di una colonna di carri armati, dovrà essere rinforzato o ricostruito.

Potremmo credere che in questo caso, se il ponte sarà rafforzato, sarà quindi anche più sicuro per i veicoli civili. Ma la domanda non è così semplice.

Queste modifiche saranno fatte solo per la mobilità militare sulle arterie di terra più importanti, e l’enorme spesa sarà assunta da ciascun paese, che sarà obbligato a sottrarre il costo dalle sue risorse per il miglioramento generale delle sue infrastrutture.

Un contributo finanziario dell’UE è previsto per una somma di 6,5 miliardi di euro, ma – come specificato da Federica Mogherini, responsabile della “politica di sicurezza” dell’UE – solo per “assicurare che le infrastrutture di importanza strategica siano adattate alle esigenze militari”.

Ma il tempo vola – entro settembre, il Consiglio europeo dovrà specificare (su ordine della NATO) l’elenco delle infrastrutture che devono essere potenzialmente destinate alla mobilità militare. Il ponte Morandi sarà elencato e ricostruito in modo che i carri armati USA e NATO possano tranquillamente transitare sui capi del popolo di Genova?

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Il Manifesto.

Tradotto da Pete Kimberley

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

®wld