Crea sito

Nibiru il Grande Perturbatore – Il Colosso Oscuro

NIBIRU: l’Umanità si troverà presto faccia a faccia con la più temibile delle “Avanguardie” che orbita attorno a questo “Colosso Oscuro”!

Probabilmente l’umanità si troverà presto faccia a faccia con la più temibile delle Avanguardie (comete e asteroidi) che orbita attorno a questo “Colosso Oscuro”…il Pianeta X o Nibiru. Ma questo rappresenterebbe soltanto l’inizio di un lungo ciclo di stravolgimenti.

La nube di Oort è una nube sferica di comete che si estenderebbe tra le 2.000 e le 5.000 UA fino ad arrivare alle 50.000 UA dal Sole. Altre stime collocano il confine della Nube di Oort tra le 100.000 e le 200.000 unità astronomiche. Questa nube non è mai stata osservata perché troppo lontana e buia perfino per i telescopi odierni, ma si ritiene che sia il luogo da cui provengono le comete di lungo periodo.

Dentro questa immensa nube, composta da innumerevoli oggetti cosmici, si aggira qualcosa di imponente e spaventoso. Un corpo spaziale enorme, la cui identità “sembra” essere sconosciuta. Non sappiamo ancora quanto questo “ipotetico” corpo planetario possa essere distante da noi, ma potrebbe trattarsi della stella compagna binaria del Sole. Molti sono convinti che questo massiccio e oscuro pianeta si stia avvicinando alla Terra, ma sappiamo anche che la NASA insieme al Vaticano, stanno monitorando il suo percorso in entrata nel sistema solare.

Il nostro Sistema Solare potrebbe infatti far parte di un sistema stellare binario, o comunque di un sistema multiplo. Il Sole potrebbe avere una sua compagna, una stella più piccola che possiede un’orbiota più esterna e che ogni migliaia di anni si avvicina influenzando il SOLE e tutti i pianeti del sistema solare. Le informazioni a riguardo sono scarse e quelle inoppugnabili vengono tenute al sicuro sotto il velo della segretezza da parte dei due enti preposti alla sorveglianza di Nibiru chiamato il Grande Perturbatore o pezzo grosso…

E’ da considerarsi quindi una grande fortuna conoscere quel “poco” che negli ultimi 30 anni di ricerche è trapelato, arrivando sino a noi come un puzzle scomposto. Si pensa che anche le altre stelle abbiano una nube di Oort e che i bordi esterni delle nubi di due stelle vicine possano a volte sovrapporsi, causando un’occasionale “intrusione” cometaria. E’ veramente affascinante come tutti i pianeti dell’Universo, appartenenti al nostro Piano Fisico, incontrino molti ostacoli simili tra loro e che subiscano importanti periodi di rinnovi ciclici collegati ai moti orbitali dei propri sistemi planetari e stellari.

Cambiamenti nel Sistema Solare

Le piogge meteoriche che arrivano ad entrare nell’atmosfera terrestre e il passaggio costante di comete all’interno del nostro sistema, evidenziano un chiaro mutamento gravitazionale appartenente a forze che spingono questi detriti rocciosi e ghiacciati nelle zone a ridosso della Terra…proprio come fu rappresentato nel crop circle di Santena, apparso il 17 Giugno 2012. I “Guardiani” provenienti da mondi sconosciuti (altre dimensioni) sono costantemente presenti nel nostro piano fisico e ne abbiamo avuto prova in tantissime occasioni. Di certo il più incredibile è stato l’intervento, da “Loro” effettuato, sul grosso meteorite caduto in Russia il 15 Febbraio 2013. Un dato di fatto inconfutabile.

 

Le Avangurdie (asteroidi e comete) precedono l’arrico di Nibiru

Non possiamo immaginare quanti asteroidi vengano deviati da parte di queste “Sentinelle Extraterrestri” anche in zone più distanti al di fuori dell’atmosfera terrestre. Sicuramente la “Loro” presenza è costante e sempre attiva, la dimostrazione è data anche dall’insistenza nell’essere onnipresenti attorno al Sole, considerato uno Stargate o Portale dimensionale.

Uno dei casi più incredibili, ma estremamente reale, fu quello degli articoli riguardanti l’asteroide “Nibiru” (denominazione provvisoria che è tipico venire utilizzata dagli scienziati NASA, detta da loro, prima di assegnare una “sigla ufficiale” ad un corpo spaziale minaccioso appena scoperto). Questi articoli furono fatti scomparire quasi subito dopo la loro pubblicazione da tutti i giornali ( e magazine web (ricordiamo che uscirono su CNN, NBC, AlJazeera, ITN, BBC, NOS e altri, nel periodo di Novembre 2012) che ne divulgarono la notizia. Oltre agli articoli scomparve “ovviamente” l’intero asteroide minaccioso…ma vogliamo ribadirlo: la notizia non era assolutamente falsa; semplicemente (probabilmente) quell’asteroide fu fatto “sparire” proprio dai Guardiani Extraterrestri.

asteroide chelyabinsk scortato da un ufo 

Nibiru viene considertato come un pianeta 10 masse più grande della Terra e alcuni scienziati sostengono che questo copro massiccio, sia una piccola Nana Rossa e Planet X il vero Nibiru che gli orbita intorno, ma molto più esternamente rispetto a quanto ipotizzato.

“Nibiru” era a tutti gli effetti un corpo roccioso spaziale reale, che avrebbe di certo devastato una buona parte del pianeta Terra. La tensione che si percepiva leggendo le interviste rilasciate a quei giornali era reale, i nomi dei giornalisti e quelli degli scienziati intervistati erano reali, i contenuti scientifici e le “paure” della NASA erano reali. Una notizia che, visto la gravità, era sfuggita di mano alle agenzie governative, ma poi “ridimensionata” immediatamente e quindi fatta ritirare con decisione assoluta dagli “alti” stadi governativi Top Secret, dopo (forse) aver ricevuto una “garanzia di difesa” offerta segretamente da esseri provenienti da altri mondi…?

 

 Un UFO potrebbe aver deviato e abbattutto l’asteroide di Chelyabinsk

Non vi è dubbio che “osservando Chi” da sempre ci osserva, possiamo trarre la conclusione che l’intervento di questi Guardiani Multidimensionali, nell’interagire col Sistema Solare e col nostro ecosistema, venga svolto per motivi di “prevenzione” in questo delicato momento; lo dimostra anche l’insistenza nei Loro costanti interventi sulle dinamiche termonucleari del Sole.

Qualcosa ci “perturba” sempre più, ma ancora non possiamo vedere esattamente di cosa si tratti. Il Sole sta attendendo un’Ombra Oscura, ovvero una stella oscura (Dark Star) che inevitabilmente farà presto ritorno. I Guardiani delle stelle aumentano la loro presenza nei nostri cieli, Essi conoscono gli eventi, da tempo ci avvertono, da sempre vegliano su di noi. I nostri occhi si accorgeranno presto di un nuovo brillìo nascere dal buio oscuro. L’Avanguardia più imponente precederà il ritorno del Secondo Sole e la Russia ha già avvertito i suoi abitanti dell’arrivo di questi asteroidi, un pericolo reale e molto spesso senza preavviso.

Scritto da Massimo Fratini

Per Redazione Segnidalcielo

 

Fonte: http://www.segnidalcielo.it/

*********************************************

®wld

Un enorme corpo stellare sta passando vicino al Sole

Le sonde SOHO e STEREO mostrano un enorme “corpo stellare” che passa vicino al Sole. Potrebbe essere NIBIRU?

Il video che puoi vedere a fondo pagina non è certo curioso è approfondito è una reale preoccupazione per le fotografie scattate dalle sonde eliosferiche SOHO e dalla navicella STEREO della NASA che mostrano un misterioso corpo stellare che passa vicino al sole.

Le fotografie registrate dalle sonde il 22 aprile 2018 sono visibili sul web dal sito ufficiale SOHO che ha approntato una serie di diapositive correlate, uno strano evento vicino al Sole. Si tratta di uno strano oggetto a forma di un volattile. Non presenta una formazione che ci si aspetterebbe da un corpo che viaggia attraverso il nostro sistema solare. Inoltre, se confrontiamo le dimensioni rispetto al Sole, si evince che lo strano oggetto è lungo due milioni di chilometri. Ma l’indagine continua sul sito STEREO. Altre anomalie sono state raccolte anche nelle diapositive all’alba tra il 22 e il 23 aprile.

Le immagini mostrano un enorme corpo circolare che passa sopra il Sole. Immagini completamente ufficiali della NASA. Un oggetto che, rispetto al Sole, è noto che le sue dimensioni oscillano in un milione di chilometri di diametro. Qualcosa di assolutamente spettacolare. Un fatto del genere, un corpo stellare così grande, avrebbe dovuto influenzare la gravità del nostro pianeta e il resto dei corpi vicini. Questo mi ha venire alla mente tutte le storie su Nibiru. Sappiamo che Nibiru potrebbe essere un pianeta o una nana bruna, ma l’oggetto è stato per ore vicino al Sole, poi ha iniziato a essere fotografato alle 5 del mattino del 23 aprile e la sua visibilità è durata fino alle 20:00. Ma nessuna menzione mediatica ha fatto eco alle notizie. Nessuno tranne il canale YouTube “Hidden Truth” che trasmette le notizie

Altre immagini che questo canale ha condiviso alcuni giorni fa riguardano una raccolta di fotografie del sistema solare in movimento. Durante il processo video, una specie di flash (o bagliore) si osserva a destra del monitor vicino a uno dei pianeti e scompare all’improvviso. Ribadiamo che sono immagini ufficiali della stessa NASA.

Per YouTuber è qualcosa di assolutamente unico e, francamente, preoccupante. È possibile che sia il cosiddetto pianeta Nibiru? Dopo queste rivelazioni la NASA divulgherà quello che le immagini mostrano? Siamo in pericolo? Molte domande passano per le nostre teste dopo aver visto queste immagini. E, se non è un pianeta o un corpo celeste di queste dimensioni, cosa potrebbe essere? Delle immagini della NASA potrebbe essere uno dei pianeti all’interno del sistema solare, ma non sappiamo quale

Queste immagini sono ufficiali e sono raccolte dal vivo, e non vi è alcuna possibilità di manipolazione, anche se c’è la censura. Non siamo sicuri che la NASA permetta a queste immagini rivelatrici di rimanere su Internet. Condividiamo i link in modo da poter assistere a questo misterioso documento grafico.

Se accedi al sito ufficiale apolo11.com, si può vedere la trasmissione delle diapositive di domenica 12 aprile fino alle ore 6 del giorno successivo. Tuttavia, c’è un salto dalle dieci del mattino alle sei del pomeriggio, dove le immagini corrispondenti che ti abbiamo mostrato, nelle ore in cui appare il corpo celeste, sono state censurate.

Fonte: http://nibiru-hoy.es/

®wld

Il Sole Nero – Nana Bruna

il-pianeta-alato

Riguardo alla scoperta di Urano e Nettuno e, in seguito, a quella di Plutone (oggi declassato dagli astronomi a Satellite) nel 1930, nel 1972, lavorando alla traiettoria della cometa di Halley, Josep Brady del Lawrance Livermore Laboratory California, si rese conto che l’orbita di Halley era perturbata.

I suoi calcoli lo indussero a ipotizzare l’esistenza del pianeta X a una distanza di 64 UA, con un periodo orbitale di 1.800 anni terrestri. Poiché lui e tutti gli altri astronomi alla ricerca del Pianeta X pensano che abbia un’orbita eliocentrica, ne misurarono la distanza dal Sole considerando metà del suo asse maggiore (vedi figura sotto “a”)

the-dtrit-news

Ma secondo le prove dei Sumeri, Nibiru orbita intorno al Sole come una cometa, con il Sole a un fuoco stremo, così che la distanza dal Sole corrisponderebbe a quasi tutto l’asse maggiore (vedi figura sopra distanza “b”).

Il fatto che Nibiru stia tornando verso il suo perielio giustifica forse il fatto che l’orbita calcolata da Brady (1.800 anni) è l’esatta metà del periodo orbitale di 3.600 anni terrestri, che i Sumeri attribuiscono a Nibiru?

Brady è giunto a diverse conclusioni che corroborano in pieno i dati sumeri: il pianeta ha un’orbita retrograda fortemente inclinata rispetto a tutti gli altri pianeti (eccezion fatta per Plutone).

Per un certo periodo gli astronomi si sono chiesti se Plutone potesse essere causa delle perturbazioni delle orbite di Urano e Nettuno. Ma nel giugno del 1978 James W. Christie dell’U.S. Naval Observatory. Washington, D.C., scoprì che Plutone ha un satellite (chiamato Caronte) e che Plutone è molto più piccolo di quanto non si pensasse il che lo escludeva quale causa delle perturbazioni.

Inoltre, l’orbita di Caronte attorno a Plutone ha anche rivelato che il pianeta, è inclinaro come Urano. Questa scoperta ha rafforzato il sospetto che una singola forza esterna – un invasore – abbia colpito Urano, abbia colpito e spostato Plutone, causando l’orbita retrograda di Tritone (satellite di Nettuno).

Incuriositi da queste scoperte due colleghi di Christie, dell’U.S. Naval Observatory – Robert S. Harrington (che ha collaborato con Christie all’identificazione di Caronte) e Thomas C. Van Flandern – effettuarono una serie di simulazioni al computer, giungendo alla conclusione che doveva esserci un “invasore”, un pianeta grande da due a cinque volte la Terra in un’orbita inclinata, con un semiasse di <<meno di 100 UA>> (<<Icarus, vol. 39, 1979).

Questo rappresentava un altro passo avanti nella conferma, da parte della scienza moderna, delle conoscenze degli antichi. Il concetto di un invasore, causa di tutte le anomalie del sistema solare, concordava pienamente con la narrazione sumera di Nibiru; e la distanza di 100 UA (unità astronomiche), se raddoppiata a causa della posizione focale del Sole, collocherebbe il pianeta X esattamente laddove i Sumeri lo avevano collocato.

Nel 1981, con in mano i dati di Giove e Saturno forniti dal Pioneer 10 e 11, Van Flandern e quattro colleghi dell’U.S Naval Observatory riesaminarono le orbite di questi due pianeti e quelli degli altri pianeri esterni.

Parlando all’American Astronomical Society, Van Flandern presentò nuove prove, basare su complesse equazioni gravitazionali, del fatto che un corpo grande almeno il doppio della Terra è in orbita intorno al Sole a una distanza di 2,5 miliardi di chilometri oltre Plutone, con un periodo orbitale di 1000 anni.

Il Detriit Nwes del 16 gennaio 1981 pubblicò la notizia in prima pagina, insieme alla raffigurazione sumera del sistema solare, ripresa da Il Pianeta degli Dei, e a un sunto della tesi principale del libro (vedi immagine sotto).

20170117_155609

Anche la NASA si mise alla ricerca del Pianta X sotto la direzione di John D. Anderson del JPL (allora sperimentatore della meccanica celeste delle sonde Pioneer). In un comunicato del 17 giugno 1982 dell’Ames Research Center intitolato I Pioneer possono trovare il Decimo Pianeta, (oggi nono pianeta per il declassamento di Plutone), la NASA divulgò la notizia che le due sonde erano sulle tracce del pianeta X.

<<Persistenti irregolarità>> nelle orbite di Urano e Nettuno fanno pensare che realmente vi si trovi un oggetto misterioso, ben al di là dei pianeti più esterni>>, recitava il comunicato NASA. Poiché le sonde Pioneer viaggiavano in direzione opposta, sarebbero state in grado di determinarne la distanza: se una di loro avesse avvertito una forza di attrazione più forte, allora il corpo misterioso sarebbe stato vicino e avrebbe dovuto essere un pianeta; se entrambe le sonde avessero avvertito la stessa forza di attrazione, allora il corpo celeste si sarebbe trovato fra 75 e 170 miliardi di chilometri di distanza e avrebbe potuto essere una “stella scura” o una “nana bruna”, ma non un altro membro del sistema solare.

Tratto da alcuni spunti del libro “L’altra Genesi“. p: 366-367-368-369 di Zecharia Sitchin 1991 (Genesis Revisited)

Articolo di settembre 2015: Anni di Censura sul ‘Pianeta Alato’

_______________________________________

Articolo correlato da Redazione Segnidalcielo

planet-9-top-588x360

Se una Stella Nana Bruna, ovvero un “piccolo” sistema stellare, dovesse spingersi verso le zone poste all’interno del nostro Sistema Solare, ci troveremmo di fronte ad un problema inaffrontabile. Il pianeta orbitante nella zona più estrema di questa Stella Oscura arriverebbe, di logica conseguenza, a spingersi decisamente a ridosso delle orbite a noi circostanti, forse proprio tra Marte e Giove, influenzando cosi, con il suo potente effetto “magnetico-gravitazionale”, i pianeti della parte interna del sistema solare compresa la Terra.

L’allarmante cambiamento climatico che degenera senza tregua è reale; il global warming è legato a qualcosa di “estremo” proveniente dallo Spazio, un nodo da sciogliere ben più grande del semplice aumento della quantità di biossido di carbonio concentrato nell’atmosfera terrestre. L’intero Sistema Solare sta mutando in perfetta sintonia col pianeta Terra.

I Sumeri e gli egiziani credevano che il pianeta Nibiru avesse un’orbita ellittica e non una normale orbita orizzontale. Anche il popolo Maya ha predetto l’esistenza di Nibiru, ma come una energia oscura sotto forma di un pianeta che si avvicinerà alla Terra in un lontano futuro.

Il corposo e interessante articolo continua QUI nel sito segnidalcielo.it

Anni di Censura sul ‘Pianeta Alato’

Una sintesi di eventi sul Pianeta X

Zecharia Sitchin, ricercatore e autore di fama, ha dichiarato che il Pianeta X transita nello spazio in un’orbita molto ellittica, si avvicina la terra da sud su di un piano angolare, quindi subisce un effetto fionda intorno alla parte posteriore del sole prima di uscire di nuovo fuori del nostro sistema solare ogni 3600-anni.

E’ stato anche detto che si può vedere solo la stella nana bruna avvicinarsi in basso sull’orizzonte delle terre dell’emisfero meridionale, rendendo difficile individuare il pianeta per la maggior parte della popolazione mondiale.

Intrigante è la relazione di Zecheria Sitchin su Nibiru riscontrabile su Wilipedia:

Secondo l’interpretazione di Sitchin sull’iconografia simbolica mesopotamica, descritta nel suo libro del 1976 Il 12° Pianeta e il suo seguito, c’è un pianeta sconosciuto al di là di Nettuno, che segue una lunga orbita ellittica, raggiungendo il sistema solare interno all’incirca ogni 3.600 anni. Questo pianeta è chiamato Nibiru (anche se Giove era il pianeta associato con il dio Marduk in cosmologia babilonese). Secondo Sitchin, Nibiru (il cui nome è stato sostituito con MARDUK nelle leggende originali dal sovrano babilonese avente lo stesso nome, nel tentativo di cooptare la creazione per se stesso, portando a una certa confusione tra i lettori) in collisione catastrofica con Tiamat (una dea in il mito della creazione babilonese dell’Enûma Eliš), egli, lo considera un altro pianeta che una volta si trovava tra Marte e Giove. Questa collisione presumibilmente ha formato il pianeta Terra, la fascia degli asteroidi e le comete. Sitchin afferma che quando Tiamat è stata colpita da una delle lune del pianeta di Nibiru, l’ha divisa in due, e poi su un secondo passaggio di Nibiru ha colpito la metà dei frammenti spezzati di Tiamat  facendola diventare la cintura degli asteroidi. La seconda metà, è stata ancora colpita da una delle lune di Nibiru, ed è stata spinta in una nuova orbita diventando oggi il pianeta Terra.

Questo potrebbe essere responsabile per i crescenti cambiamenti del tempo, le stagioni, le maree, l’attività vulcanica, attività tettonica e ancora di più, come i tornado che ora colpiscono fin da giugno? I corpi celesti che si avvicinano l’atmosfera terrestre effettivamente causano significativi cambiamenti nell’attività magnetica.

Per molti anni, i governi sono stati profondamente consapevoli che un corpo celeste si stava avvicinando (una nana bruna), così come viene chiaramente descritto negli antichi sigilli cilindrici sumeri e altri documenti antichi del suo passaggio distruttivo ogni 3600 anni.

Il Washington Post in un articolo del 30 dicembre 1983, a pagina A1 – afferma:

“Un corpo celeste probabilmente grande come il pianeta gigante Giove e così vicino alla Terra da ritenerlo parte di questo sistema solare, è stato trovato nella costellazione di Orione da un telescopio a infrarossi orbitante a bordo del satellite astronomico U.S. L’oggetto è così misterioso che gli astronomi non sanno se si tratta di un pianeta, una cometa gigante, una vicina “protostella” che non ha mai sviluppato abbastanza calore per diventare una stella, una galassia lontana così giovane che è ancora in fase di formazione delle sue prime stelle o una galassia così avvolta nella polvere che nessuna luce delle due principali stelle le passa attraverso.”

In un’intervista il dottor Gerry Neugebauer, dell’IRAS Chief Scientist per Jet Propulsion Laboratory della California e direttore dell’Osservatorio di Palomar per il California Institute of Technology, ha detto: “Tutto quello che posso dirvi è che non sappiamo di cosa si tratta.”

Vedi anche questo articolo del Disovery Notizie riferendosi a Nibiru come un pianeta immaginario e criticando aspramente coloro che credono in una cosa del genere!

La NASA è stata costretta settimane fa a rilasciare una dichiarazione pubblica scritta in un articolo Il portavoce della NASA ha detto: ‘la NASA non conosce asteroidi o comete attualmente in rotta di collisione con la Terra, per cui la probabilità di un grande impatto è piuttosto piccola.’

‘O meglio, possiamo dire che al momento, nessun qualsiasi oggetto di grandi dimensioni è probabile che colpirà la Terra nei prossimi 100 anni.’

Ora invece si scopre che Google Sky, ha scoperto una parte dello spazio che è stato in precedenza censurato, o nascosto, che ci mostra quello che sembra essere il Pianeta X, conosciuto anche come Nibiru:

Intellihub: Per anni è stato ipotizzato dai teorici della cospirazione e alcuni astronomi che Google Sky ha censurato dalla vista del pubblico ciò che è noto come il Pianeta X o Nibiru. Ora, incredibilmente, una fascia enorme di Google Sky precedentemente oscurata e censurata è stata resa visibile da Google, ora si può osservare la zona che era stata sfumata. L’immagine sotto mostra sistematicamente di come la censura di Google è stata fatta per anni.

Attualmente è sconosciuto e non sappiamo il motivo per cui Google abbia dato l’accesso illimitato al sistema planetario, di cui al centro è stato il defunto Zecharia Sitchin che ha scritto numerose pubblicazioni sul pianeta Nibiru. Nell’immagine qui sotto, girata nel 2015, si può vedere chiaramente il disco alato come descritto da Sitchin e da altri. E’ quasi inquietante. Il sistema è e si trova attualmente in questa posizione planetaria: 5 h 42m 21.0s 22 ° 36 ‘45,7

Qui di seguito, vi mostrerò una vera e propria fotografia del Pianeta X / Nibiru e una fotografia di ciò che Google Sky ha appena scoperto.

(SOPRA: Pianeta X / Nibiru)
(SOPRA: Che cosa è stato rivelato da Sky Google 
che era stato precedentemente nascosto)
 
(SOPRA: Questa è una fotografia delle stesse coordinate  
prima che Google rimuovesse l’andana)

LATERALE NOTA INTERESSANTE

Gill Broussard del canale Youtube, Pianeta 7X, sulla base di suoi calcoli, ritiene che Nibiru dovrebbe passare oltre la terra il 26 marzo 2016 a Pasqua. Egli ritiene inoltre che, sulla base della sua approfondita ricerca, questo ha sempre portato qualche grande evento biblico!

Ecco dal suo canale un caratteristico video! Sicuramente da vedere! Inoltre, a pagina due di questo articolo, c’è un video di Paul Begley dove si menziona anche questo.

Una sintesi degli eventi del Planet-7X Video
Ecco cosa Broussard afferma nella sua sezione sul suo canale YouTube:  
Planetaria-X è biblicamente reale

Il mio obiettivo principale è quello di informare i telespettatori delle nuove scoperte nel campo dell’astronomia biblica e di come queste risultanti anomalie siano correlate ai record biblici. Questo sito contiene tre anni di ricerche fatti con strumenti e software astronomici su ogni evento che si sono ripetutamente sovrapposti per una profondità che attraversa e misura la validità dei dati oltre le aspettative!:

1.) Una porzione rappresentativa delle informazioni raccolte.

2.) Grafici, grafici e altri dati di supporto l’esistenza di un “misterioso pianeta”, che io chiamo Planet-7X (per 7 volte il diametro della Terra).

3.) Non vi sono molte e forti prove che indicano l’imminente FINE che ci si ASPETTA .

Non pretendo di avere tutte le risposte, ma il notevole lavoro di ricerca che ho condotto è preciso nella misura delle mie capacità di correlare i dati.

I miei risultati e la ricerca sono aperti e disponibili per essere visionati all’esterno.

Joel Rosenberg pochi giorni fa ha scritto sul suo blog:

‘Qualcosa sta arrivando. Io non so cosa sia. Ma dobbiamo essere pronti. Qui è la domanda chiave: l’America si sta dirigendo verso una terribile implosione o un grande risveglio’?

Gli Stati Uniti si stanno avviando verso gravi problemi e gli eventi degli ultimi mesi – e quello che potrebbe arrivare nel corso dei prossimi mesi – mi addolora molto.

Qualcosa sta arrivando. Io non so che cosa sia. Ma tutti noi in qualsiasi modo possibile dobbiamo essere pronti. – Joel Rosenberg

Un dirigente capo della NASA ha recentemente allertato e sollecitato la FEMA nell’adottare le misure necessarie per un evento apocalittico che potrebbe verificarsi in avvenire.

Dal comunicato stampa ufficiale del governo (Link Incluso nel precedente articolo collegato) 

“… stiamo per entrare in un periodo potenzialmente catastrofico di terremoti ed eruzioni vulcaniche record in tutti gli Stati Uniti.” La lettera è stata firmata dal Presidente del SSRC, il signor John Casey, e consegnati al quartier generale della FEMA a Washington DC oggi. – Documento ufficiale Spazio E Science Research Corporation

E, dalla lettera ufficiale della FEMA: La nostra ricerca, sul Global Climate Status Report (GCSR) è stata pubblicata il 10 giugno 2015, suggerisce l’alta probabilità di terremoti catastrofici o eruzioni vulcaniche in tutte le principali regioni sismiche e vulcaniche che potrebbero aumentare in modo significativo. Crediamo che gli Stati Uniti e il mondo, siano ormai entrati nel periodo più pericoloso per i terremoti catastrofici ed eruzioni vulcaniche in oltre 200 anni. In realtà, una nuova tendenza dell’aumento del numero e l’intensità dei terremoti e vulcani a livello globale, ha già iniziato e sta generando gravi preoccupazioni nel campo della geologia.

E, se di per sé non fosse sufficiente porto a tua conoscenza che gli elitisti globali si stanno ora preparando a muoversi nel sottosuolo in quello che viene chiamato, il Bunker Miliardario … un posto che solo l’élite può permettersi un lucrativo bunker progettato per resistere a qualsiasi evento catastrofico, da bombe atomiche a tsunami. Clicca qui per vedere l’articolo su ForbesAltri video che sostanziano e supportano le informazioni di cui sopra sono presenti nell’articolo originale in lingua inglese QUI

LINK 

Nibiru ‘la data di arrivo’

https://www.youtube.com/watch?v=oU1_-rJ5MVs

Video postato da:

What They Don’t Want You To Know

Nibiru/Pianeta X – ‘La data di arrivo’ – un segreto degli Illuminati

Senza dubbio questo video vi piacerà molto anche perché parla del pianeta Nibiru – il X pianeta che presto potrebbe fare la sua visita nei nostri cieli, accompagnato dalla sua stella, una nana bruna che farà apparire sopra di noi due soli. Lascio a voi giudicare quello che tanti scienziati e astronomi professionisti della élite di tutto il mondo hanno scoperto nelle loro ricerche, stimolati da un uomo che ha trascritto le antiche scritture cuneiformi sumeriche. Questo uomo è stato Zecharia Sitchin, scomparso il 9 ottobre 2010.

Non è dato sapere  di quando arriverà nei nostri cieli il secondo Sole che gli Anunnaki chiamavano Nibiru/Marduk e che la risposta la sapeva il professore Zecharia Sitkin. Io ho letto tutti i libri di ZS, non c’è traccia dell’arrivo di questa (nana bruna) gemella del nostro Sole con i suoi pianeti e lune, Nelle sue trascrizioni ZS ha scritto che nel 560 a.C.: L’ultima volta che gli dèi se ne sono andati dalla Terra era intorno al 560 a.C. la frase è: “ce ne andiamo da questo posto”, il posto era il Sancta Sanctorum del tempio di Gerusalemme, carri celesti si alzarono in volo.

Questo vuol dire che Nibiru era al suo apogeo più vicino alla terra (1800 anni) a metà del suo percorso di 3600 anni di rivoluzione intorno al Sole in un’orbita ellittica, per ritornare al perigeo ce ne vogliono ancora 1800. Non è dato sapere il ritorno di Nibiru, ma calcolando gli anni (tenendo conto il 560 a.C.), Nibiru dovrebbe arrivare nel 2160, facendo già oggi percepire la sua presenza con terremoti, risveglio di vulcani spenti da centinaia di anni, maremoti con conseguenti tsunami, destabilizzazione delle placche tettoniche terrestri e slittamento dei poli.

Anche i pianeti all’interno del Sistema Solare sono coinvolti, compresa la nostra Stella, il Sole, le macchie solari sono in aumento, i pianeti da Mercurio fino a Plutone stanno subendo un riscaldamento, oltre ad essere influenzati nelle loro orbite, in ultimo, il “braccialetto martellato” chiamato fascia degli asteroidi che si trova dopo l’orbita di Marte, potrebbe catapultare verso la Terra qualche frammento dei detriti che formano la barriera degli asteroidi tra Marte e Giove.

Il video (un film poco più di un’ora, è in lingua inglese) non è male.E’ un evento successo in passato e potrebbe accadere in un futuro non molto lontano..

Buona Visione 

wlady