Archivi tag: mucosa

Il microbioma nella mucosa del colon umano

 

Dieta di alta qualità legata ai batteri più benefici dell’intestino

È ben noto che la dieta influenza la salute e la malattia, ma i meccanismi alla base di questo effetto non sono pienamente compresi. Facendo luce sulla connessione dieta-salute, un team guidato da ricercatori del Baylor College of Medicine riporta oggi su The American Journal of Clinical Nutrition un’associazione tra qualità della dieta e composizione del microbioma nella mucosa del colon umano.

I ricercatori hanno scoperto che una dieta di alta qualità è legata a più batteri potenzialmente benefici; mentre una dieta di bassa qualità è associata ad un aumento dei batteri potenzialmente dannosi. Propongono che la modifica del microbioma attraverso la dieta possa far parte di una strategia per ridurre il rischio di malattie croniche.

“In questo studio, piuttosto che osservare le diete individuali, ci siamo concentrati sui modelli dietetici definiti dall’Indice di alimentazione sana (HEI) -2005 e su come si relazionano al microbioma”, ha detto l’autore corrispondente Dr. Li Jiao, professore associato di medicina -gastroenterologia e membro del Centro di Cancro Complessa Dan L Duncan del Baylor College of Medicine. “In uno studio precedente, abbiamo scoperto che l’HEI-2005 è associato a un ridotto rischio di cancro al pancreas.”

La dieta è considerata un fattore principale che influenza la struttura della comunità microbica nell’intestino, che a sua volta influenza significativamente la capacità di microbi benefici o dannosi di colonizzarla. Il microbioma intestinale umano influenza anche l’assorbimento dei nutrienti, la sintesi delle vitamine, il raccolto di energia, l’infiammazione cronica, il metabolismo del carcinoma e la risposta immunitaria e metabolica dell’organismo, fattori che possono influenzare il rischio di malattia, ha spiegato Jiao.

“Un nuovo contributo a questo lavoro è che abbiamo esaminato il microbioma associato alla mucosa del colon”, ha detto Jiao. “La maggior parte degli altri studi sul microbioma intestinale umano hanno utilizzato campioni fecali. Abbiamo esaminato il microbioma della mucosa del colon, perché sappiamo che questo microbioma è diverso da quello dei campioni fecali e si dice che sia più correlato all’immunità umana e all’interazione ospite-microbioma rispetto al microbioma nei campioni fecali “.

I ricercatori hanno utilizzato tecniche di sequenziamento di prossima generazione per analizzare il tipo e l’abbondanza di batteri presenti nelle biopsie della mucosa del colon. I campioni sono stati ottenuti per via endoscopica da partecipanti arruolati tra 50 e 75 anni che hanno avuto una colonscopia presso il Michael E. DeBakey Veterans Affairs Medical Center di Houston tra il 2013 e il 2017. I partecipanti erano privi di polipi e apparentemente sani. Hanno segnalato il loro consumo alimentare utilizzando un questionario di frequenza alimentare prima della colonscopia.

La qualità alimentare influenza in modo significativo il microbioma del colon

Jiao e i suoi colleghi hanno scoperto che una dieta di buona qualità come quella raccomandata dalle linee guida dietetiche per gli americani è ricca di frutta, verdura e cereali integrali, e un basso contenuto di zuccheri aggiunti, bevande alcoliche e grassi solidi è associata ad una maggiore abbondanza di benefici batteri come quelli con proprietà anti-infiammatorie.

Una dieta di cattiva qualità, d’altra parte, è associata a più batteri potenzialmente patogeni, come i Fusobatteri, che sono stati collegati al cancro del colon-retto.

I ricercatori suggeriscono che l’effetto che la dieta ha sulla struttura delle comunità batteriche nella mucosa del colon umano può portare a modificazioni dell’immunità innata, dell’infiammazione e del rischio di malattie croniche.

Il loro prossimo passo è confermare i risultati dello studio in una popolazione di studio più ampia. Inoltre, vogliono indagare su come i prodotti batterici, o metaboliti, come gli acidi grassi a catena corta o acidi biliari secondari, possono modificare il microambiente tissutale in uno che inibisce o promuove la crescita del tumore o lo sviluppo di altre malattie.

Inoltre, Jiao e i suoi colleghi sono interessati a indagare su come il microbioma intestinale sfavorevole in soggetti che consumano una dieta povera risponderebbe a un intervento dietetico personalizzato usando dieta, pre o probiotici, poiché studi precedenti hanno prodotto risultati misti.

“Altri fattori, come l’invecchiamento, la genetica o alcuni farmaci, influenzano anche il rischio di malattia, ma non possiamo modificarli”, ha detto Jiao. “La dieta, d’altra parte, può essere modificata e quindi fornisce una strategia per sviluppare un microbioma che promuova una vita sana. Suggeriamo che la modifica del microbioma attraverso la dieta possa essere una parte di un piano per ridurre il rischio di malattie croniche”.

fonti:
Baylor College of Medicine
Articolo di giornale

Fonte Articolo: https://www.naturalblaze.com/

®wld