Crea sito

Sarà il cibo che mangiamo a determinare se l’umanità sopravvivrà

La Monsanto cerca di nascondere alimenti geneticamente modificati (OGM) con il termine fortificato (biofortify)

di Heather Callaghan 11 gennaio 2018 dal sito Web di NaturalBlaze

Le colture geneticamente modificate ei loro pesticidi ti fanno pensare al termine “biofortifatto”? È probabile che il termine biofortito ti faccia pensare alle vitamine nei cereali per bambini.

Le grandi corporazioni non sono estranee alla propaganda e alle pubbliche relazioni.

Sapevi che gran parte delle nostre colture non biologiche sono coltivate con fango di liquami umani? No? Questo perché la pratica si chiama “biosolidi” per tenerti al buio.

Probabilmente siete a conoscenza dei travestimenti subdoli che si sono tentati di nascondere (tipo “zucchero di mais”, chiunque?) Come dolcificanti come l’aspartame e lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio?

Non ci sono prese di potere fuori dalla portata di Monsanto – stanno ora tentando lo schema di propaganda più ridicolo di tutti.

Stanno tentando di manipolare le definizioni del Codex Alimentarius che consentirebbe agli OGM di rientrare nella classificazione degli alimenti “biofortifatti”.

Il Codex è una raccolta di linee guida, codici e altre raccomandazioni relative agli alimenti, alla produzione di alimenti e alla sicurezza alimentare, create nell’ambito dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Se stai pensando che questo sia arbitrario e ti stai chiedendo perché il nostro Paese dovrebbe prestare attenzione a tali linee guida, stai andando nella giusta direzione …

Verso la fine degli anni ’90, i consumatori temevano che le loro vitamine e integratori passassero alla prescrizione solo sotto le linee guida del Codex.

Secondo la National Health Federation (L’NHF è l’unico difensore della salute naturale che ottiene un posto al Codex, a proposito!):

Tutto iniziò innocentemente diverse riunioni del comitato di Codex Nutrition quando un’organizzazione internazionale non governativa (INGO) nominò l’Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari (IFPRI – sponsorizzato da Harvest Plus) se uno dei suoi contatti nazionali presentasse un nuovo lavoro proposto al Codex (solo i paesi membri possono introdurre nuovi lavori al Codex, non agli INGO.)

Il metodo Harvest Plus ‘di aumentare il contenuto di vitamine e minerali delle colture alimentari di base consiste nel tradizionale metodo convenzionale di incrocio e non nell’ingegneria genetica.

Harvest Plus, ad esempio, aumenterà il contenuto di vitamine o ferro delle patate dolci in modo che le popolazioni malnutrite nei paesi in via di sviluppo riceveranno una nutrizione migliore.

Il nuovo lavoro del Codex Alimentarius Commission’s Codex Committee on Nutrition and Foods for Special Dietary Uses (CCNFSDU) è stato semplice:

Creare una definizione per la biofortificazione.

Tale definizione potrebbe quindi essere utilizzata in modo uniforme in tutto il mondo per applicarsi a quegli alimenti convenzionalmente fortificati con livelli più elevati di nutrienti e tutti sarebbero sulla stessa pagina ogni volta che veniva usato il termine “biofortifatto”.

Infatti, la National Health Federation (NHF) è stata una delle prime sostenitrici del Codex di questa definizione. 

Avvelenato nell’utero

L’incontro CCNFSDU di quest’anno – ospitato dal Ministero tedesco della Sanità a Berlino, Germania, la prima settimana completa nel dicembre 2017 – è stato oggetto di un vivace dibattito non solo su come definire la Biofortificazione, ma anche sul fatto che la stessa parola “Biofortificazione” debba essere usata o meno.

Tuttavia, questo non fu l’inizio del dibattito. Il NHF aveva due delegati lì.

Alla riunione del CCNFSD 2016, la presidente Pia Noble (sposata con un ex dirigente della Bayer) aveva avviato la discussione sulla definizione della biofortificazione dandole un’opinione personale errata secondo cui la definizione dovrebbe essere la più ampia possibile e che la tecnologia ricombinante dovrebbe essere inclusa.

La sua dichiarazione, tuttavia, contraddiceva direttamente l’ammissione dell’Australia alla riunione del 2015 secondo cui se il Comitato dovesse fare riferimento al documento originale del 2012 sulla portata della Biofortificazione, vedremmo che la biofortificazione si riferisce solo all’allevamento convenzionale e quindi dovremmo escludere chiaramente le tecniche GM.

Alla riunione CCNFSDU dello scorso anno, tuttavia, l’Australia ha taciuto sulla questione.

In altre parole, il mandato originario per la creazione della definizione di Biofortificazione era che doveva essere definito come un processo attraverso il quale la qualità nutrizionale delle colture alimentari è migliorata attraverso l’allevamento convenzionale con l’obiettivo di rendere i nutrienti biodisponibili dopo la digestione.

Non sorprendentemente, però, abbastanza presto, i seguaci della Monsanto hanno avuto le loro mani sporche sulla definizione attraverso l’influenza di delegati del Codex e la presidente, e la definizione ha cominciato a trasformarsi in una che avrebbe incluso alimenti geneticamente modificati “biofortifatti”.

Quindi, al Codex è in corso una battaglia per stabilire se gli alimenti GM saranno inclusi nella definizione di Biofortificazione.

Sono sicuro che la Monsanto sarebbe entusiasta di poter commercializzare i suoi prodotti sintetici con un nome che inizia con la parola “Bio”.

A partire dal 2017, la definizione di “biofortificazione” – compresi gli OGM – nell’ambito del Codex si è trasformata in:

 … il processo mediante il quale eventuali sostanze nutritive o sostanze correlate di tutti i potenziali organismi di origine (ad esempio animali, piante, funghi, lieviti, batteri) di / e alimenti sono aumentati di un livello misurabile [e / o] diventano più biodisponibili per gli scopi previsti.

Il processo si applica a qualsiasi metodo di produzione [ed esclude la fortificazione convenzionale]. “[Note a piè di pagina]

Non solo il termine “biofortifatto” per gli alimenti OGM confonde qui negli Stati Uniti, ma nei paesi europei il prefisso, bio, è usato per indicare “organico”.

NHF ha opposto il termine biofortito che rientra in queste parti vaghe della definizione:

  1. “tutti i potenziali organismi di origineorganica”
  2. ‘il processo si applica a qualsiasi metodo di produzione’
  3. Nota 4 (“Il metodo di produzione dovrebbe essere determinato dall’autorità nazionale / regionale”)

Il dottor Noble si è ritirato, quindi spero che le sue tattiche “astute e pesanti” di dettare l’incontro per ottenere il termine biofortificazione da applicare agli OGM le abbia lasciate.

Secondo NHF

Il tentativo di Monsanto è stato riconosciuto da molti delegati per quello che è stato e denunciato durante l’incontro.

La lotta, tuttavia, porterà alla riunione del prossimo anno che si terrà a Berlino nel novembre 2018. E quell’incontro sarà presieduto dalla nuova presidente della commissione, la signora Marie-Luise Trebes.

Come sempre, Big Biotech tornerà per riprovarci.

Per essere al corrente del retroscena e persino del dramma che è avvenuto in questi incontri, vai alla Federazione Nazionale della Salute!

Fonte:  http://www.bibliotecapleyades.net/

*****************************

Nuova Ecologia umanità al bivio

Sarà il cibo che mangiamo, come lo coltiviamo e lo distribuiamo a determinare la nostra sopravvivenza o la nostra estinzione.

Ragionando sullo stato attuale dell’agricoltura e dell’allevamento nel mondo, nei prossimi decenni si assisterà a due possibili scenari. Il primo porta a un vicolo cieco: in questo possibile finale c’è un pianeta morto, i pesticidi e le monocolture sono diffusi ovunque, gli agricoltori in grande difficoltà e i bambini muoiono di fame perché si è data priorità alle colture ogm che hanno soppiantato quelle locali. Le persone muoiono a causa di malattie croniche che si diffondono con i pesticidi e per le sostanze vuote dal punto di vista nutritivo ma tossiche che vengone spacciate per alimenti.

Il clima peggiora e le condizioni per la vita umana sulla Terra sono al limite della sopravvivenza. L’altro finale porta invece in una direzione opposta: il ringiovanimento del pianeta attraverso la cura della biodiversità, del suolo, dell’acqua; il rinnovamento delle aziende agricole e dei Parchi nazionali, il cibo è sano e fresco e le persone hanno consapevolezza di quello che mangiano, che salute e cibo sono strettamente connessi. Il primo scenario è quello industriale, che ha preso piede grazie a quello che chiamo il “Cartello dei veleni”, nato durante la seconda guerra mondiale per produrre sostanze chimiche in grado di uccidere le persone.

Quelle stesse sostanze sono state usate per l’agricoltura chimica ma ci è stato detto che non sarebbe stato possibile avere raccolti buoni senza veleni che li proteggessero. Negli anni ‘90 ci è stato detto che saremmo morti di fame se non fossero stati introdotti gli ogm, semi migliori che avrebbero eliminato qualsiasi limite ambientale e si sarebbe potuto coltivare anche nelle aree desertiche.

Oggi i risultati sono sotto gli occhi di tutti: i fertilizzanti hanno ridotto la produttività del suolo, riducendo la quantità di produzione alimentare, contribuendo alla desertificazione e al cambiamento climatico. Le colture Bt della Monsanto avrebbero dovuto essere immuni dai parassiti, ma la natura si adatta e così ha creato nuovi parassiti in grado di danneggiare anche le colture gm. E così si è creato un pesticida ancora più tossico. Si è iniziato a parlare di agricoltura “digitale”, basata sull’intelligenza artificiale, e di “agricoltura senza agricoltori”.

Con questa prospettiva, i nostri agricoltori non hanno più voce in capitolo: è per questo che la loro protesta in India non è stata minimamente presa in considerazione dal governo. La sopravvalutazione della biotecnologia combinata con l’intelligenza artificiale fa passare l’idea che il cibo gm sarà indispensabile perché più sicuro da coltivare e più resistente di quello biologico, ma il vero scopo è quello di arrivare ai brevetti sui semi.

Nel 2013 Monsanto ha acquisito la Climate corporation, la più grande società per i dati climatici del mondo, e nel 2014 la più grande società di dati sul suolo, la Solum inc. Ma i dati non sono vera conoscenza, perché la cultura agricola è strettamente legata all’intelligenza dei semi e alla risposta del suolo.

Proseguendo su questa strada si va verso un futuro che ignora le piante, la nostra salute, gli organismi viventi, la nostra cultura. Ma noi possiamo seminare i semi di un altro futuro. In tutto il mondo i piccoli agricoltori stanno già implementando l’agricoltura biologica, conservando e sviluppando i loro suoli, i loro semi, praticando l’agroecologia.

Stanno alimentando le loro comunità con cibo sano e nutriente. Stanno seminando i semi della democrazia alimentare: un sistema alimentare nelle mani degli agricoltori e dei consumatori, privo di controllo aziendale, veleni, e plastica.

Non possiamo affrontare il cambiamento climatico senza riconoscere il ruolo centrale del sistema alimentare industriale e globalizzato, che contribuisce al 40% alle emissioni di gas serra attraverso la deforestazione, le materie plastiche, il trasporto a lunga distanza e i rifiuti alimentari. Non possiamo risolvere il global warming senza un’agricoltura ecologica di piccola scala, basata sulla biodiversità, sui semi e sui suoli viventi, sui sistemi alimentari locali, con poche miglia di cibo e senza imballaggi in plastica.

Sarà il cibo che mangiamo, come lo coltiviamo e lo distribuiamo a determinare se l’umanità sopravvivrà o se invece si spingerà verso l’estinzione.

Autore: Vandana Shiva

http://lanuovaecologia.it/umanita-al-bivio/}

*****************************

Le carestie non vengono col caldo…

Qualcuno può pensare che il caldo sia associato alla siccità, e che quindi un clima più caldo sia associato a problemi all’agricoltura (vedi deserto del Sahara).

In realtà, come possiamo vedere dalla fascia equatoriale, la zona più calda del pianeta, vediamo come sia costituita da vegetazione rigogliosa e fittissima. Piove più o meno quasi tutti i giorni, l’umidità è elevatissima e le temperature massime sono sempre intorno a 30 C°.

Ad esempio, nell’era dei dinosauri, si stima che la temperatura media del pianeta fosse di 6-8 C° più elevata di adesso, con la foresta pluviale che ricopriva gran parte del pianeta. Sia le zone ghiacciate che desertiche erano quasi del tutto assenti. Il deserto del Sahara era molto più ristretto di adesso, ed in molte aree dove adesso c’è solo sabbia, vi era una vegetazione lussureggiante. 

Più caldo significa più umidità nell’aria; mancando l’aria fredda diminuiscono i contrasti con l’aria calda e si assiste ad una netta diminuzione degli eventi meteo estremi. A temperature più alte segue un aumento di CO2 nell’atmosfera, molecola essenziale per lo svolgimento della fotosintesi clorofilliana nelle piante. Le flora gode. Ad un clima più freddo, corrispondono una diminuzione dell’umidità, abbondano gli eventi meteo estremi, i livelli di CO2 crollano.

I deserti si espandono, così come i ghiacci; le aree destinate all’agricoltura si riducono parecchio. Dopo questa parentesi introduttiva, vediamo come reagiscono le colture alle variazioni di temperatura, visto il severo raffreddamento climatico ormai imminente. Facciamo degli esempi pratici e reali, parlando dei terribili inverni del 1406/7 e 1708/1709.

Cominciò la notte dell’Epifania del 1709 con un forte vento di tramontana che causò un improvviso calo della temperatura. A Venezia i canali della laguna si ghiacciarono nel giro di poche ore, i fiumi (Po, Mincio, Ticino, Adige) divennero strade su cui si passava con i carri. Seguirono sessanta giorni di temperatura glaciale, costantemente sottozero in gran parte d’Europa, dalla Russia al Portogallo, con minime spesso intorno ai -30° e oltre.

Nelle campagne gli alberi si spaccavano letteralmente per il freddo e le coltivazioni di maggior pregio come viti, ulivi, peri, peschi, meli e noci furono gravemente danneggiate, risultando praticamente annientate in molte zone. Ad esempio in Francia meridionale, in Toscana e lungo le pendici dei laghi pedemontani le coltivazioni di ulivo, vite e agrumi furono totalmente distrutte. ­ A febbraio iniziò a farsi sentire la carestia, grazie anche ai trasporti, i quali rimanevano paralizzati per il gelo che non accennava a diminuire. I prezzi dei generi alimentari schizzarono alle stelle e cominciò un periodo di elevatissima mortalità.

A Reggio Emilia nella piazza comunale, si trovarono molti lupi morti congelati, mentre in Puglia a morire per il freddo e per gli stenti della fame furono migliaia di pecore, la cui perdita inferse un duro colpo alla pastorizia, motore trainante dell’economia locale in quel tempo. Piovevano dal cielo uccelli congelati, in uno scenario apocalittico, da film dell’orrore. Le fonti raccontano addirittura di uomini trovati morti congelati nei propri letti. Letteralmente si moriva di freddo. Le malattie bronco-polmonari dovute al gelo si trasformavano in epidemie e si avvertivano forti anche gli stenti della fame. Fu di quasi due milioni di morti il prezzp che dovette pagare l’Europa ai rigori del terribile inverno. 

Invece, nel 1407/08 dai documenti dell’epoca si sa che il gelo iniziò in Francia il 10 novembre (ad oggi sarebbe il 23 novembre, in quanto all’epoca era in uso il calendario giuliano), e un documento del parlamento francese riferisce che il giorno di San Martino vi era un “freddo insopportabile” e che lo scrivano, nonostante tenesse l’inchiostro vicino al fuoco per non farlo gelare, esso gelava “di tre parole in tre parole”. Durò fino a tutto gennaio; dopo una pausa mite, riprese a metà febbraio e finì definitivamente solo ad inizio aprile. Anche nel resto dell’Europa il gelo fu eccezionale: il Tamigi rimase completamente gelato per la durata record di 14 settimane da dicembre a marzo, i ghiacci polari raggiunsero addirittura la Scozia, isolando completamente l’Islanda; la neve a Firenze rimase al suolo per 45 giorni consecutivi, si seccarono gli ulivi, le viti e gli altri alberi da frutto. Anche in Francia la maggior parte delle vigne e degli alberi da frutto furono distrutti.

Cosa dobbiamo aspettarci per il futuro?

Bisogna anzitutto tener conto che ogni grado di temperatura in meno sposta di circa 150 km verso sud la linea delle coltivazioni; di conseguenza rischia di diventare quasi impossibile la coltivazione del frumento e della vite su buona parte d’ Europa. Germania e Francia saranno le più colpite sotto quest’aspetto , in quanto al momento risultano le maggiori produttrici di vino e cereali nel Vecchio Continente (basti pensare al famoso Champagne). Entro dieci-quindici anni Russia e Canada diventeranno importatori netti di cereali (oggi sono rispettivamente al quarto e settimo posto nel mondo per la produzione cerealicola). In paesi come Spagna e Italia molte colture tipicamente mediterranee scompariranno. Saranno tempi grami per chi si guadagna da vivere con grano, pomodori, sorgo, carciofi, kiwi, arance, vino, olive e tutte le piante sensibili al freddo e all’eccesso di precipitazioni.

Bisogna ricordare che la nostra società, nonostante l’avanzamento tecnologico, è più vulnerabile che nei tempi passati. Infatti la moderna industria agricola si basa su sistemi di monocolture, incentrando la produzione su piante arboree fragili al clima estremo, come il frumento e la vite appunto. Durante la piccola era glaciale del settecento, la maggior parte della popolazione era autosufficiente e tutti avevano un “pezzo di terra”; nonostante ciò si registrarono grossi disagi e carestie. Pensate cosa accadrebbe oggi se la produzione agricola si arrestasse… le città rimarrebbero prive dei generi alimentari con conseguenti disordini sociali.

Il modo migliore per preservarci da questi problemi futuri è quello di tornare ad essere autosufficienti, ossia ritornando alla terra, e soprattutto incentivando fin da ora la produzione agricola in serre riscaldate. Bisogna aumentare la produzione di piante maggiormente resistenti al clima estremo, come le leguminose (sono famose le lenticchie, quelle di Castelluccio di Norcia, coltivate a 1500 metri d’altezza) e colture come il grano saraceno.

Per quanto riguarda l’allevamento, le difficoltà principali deriveranno dalla mancanza di pascoli, in quanto si prospetta che la neve ed il ghiaccio ricopriranno il terreno per molti mesi l’anno; verrà a mancare anche il foraggio; di conseguenza molto bestiame perirà. In futuro si ricorderà con nostalgia l’optimum climatico del 1880-2017. Il pensiero va poi ai black-out elettrici, alla difficoltà nell’approvvigionamento di gas naturale dall’Est europeo e dal mare del Nord se si ghiacciasse, per non parlare degli enormi danni economici conseguenti il blocco del trasporto merci per il gelo di strade, porti e aeroporti ecc. ecc.

In conclusione, chi su facebook si lamenta del clima mite di questi giorni, voglio dire che basterebbero 15 giorni (non servono tre mesi continuati) con temperature costantemente sottozero (giornate di ghiaccio) su buona parte d’Italia per creare notevoli danni al settore agroalimentare, nonché all’economia generale, già di per se a pezzi.

Finché abbiamo inverni miti godiamoceli, in quanto con il minimo solare in atto, che sarà molto lungo e continuerà ad approfondirsi, insieme ad un picco gravitazionale luni-solare a partire dal prossimo anno, la situazione rischia di precipitare rapidamente. Se iniziasse ad eruttare violentemente anche un solo vulcano islandese domani (si fa per dire) la prossima primavera-estate per gli stati che si affacciano sull’Atlantico (Canada, East Coast Usa, Gran Bretagna, Francia, Scandinavia, Germania), potrebbe diventare una continuazione dell’inverno… non voglio vedere arrivare il prezzo del pane a 10 euro al kg, o vedere triplicare il costo della carne e del formaggio. Quindi per favore, non attiriamo disgrazie, e ringraziamo il Cielo finché dura questo clima mite invece di lamentarci. 

Alessio

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

Almanacco di gennaio 2018

Il mondo della Geoingegneria Il gruppo ETC mappa le sperimentazioni sulla terra. 

Il gruppo ETC ha pubblicato una mappa mondiale sulla geoingegneria – la manipolazione del clima su larga scala.

Questa mappa rappresenta il primo tentativo di documentare l’espansione del raggio di ricerche e sperimentazioni.

Quasi 300 progetti/esperimenti rappresentati sulla mappa riguardano 10 differenti tipi di tecnologie in grado di alterare il clima.

Oltre alla mappa, al link etcgroup.org/content/world-geoengineering sono consultabili due tabelle di riferimento che forniscono informazioni addizionali su progetti, ricerche e sperimentazioni riportati sulla mappa.Continua QUI

******************

Lo zenzero e il rosmarino hanno trovato benefici per il cuore mantenendo livelli di colesterolo sani 

by  Natural News

Lo zenzero e il rosmarino possono aiutare il cuore e la salute delle arterie di una persona, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Traditional, Complementary and Alternative Medicine . La carta, dal titolo Possibile effetto ipocolesterolemizzante dell’olio di zenzero e rosmarino nei ratti , ha indicato che lo zenzero e il rosmarino hanno effetti di riduzione del colesterolo dopo studi in vivo su ratti che sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi.

L’ipercolesterolemia è la condizione di avere quantità eccessive di colesterolo nel corpo. Questo, a sua volta, può portare ad alterazioni nel trasporto delle lipoproteine ​​e nel metabolismo. Inoltre, avere un’alta quantità di colesterolo è un fattore di rischio per l’aterosclerosi, che genera la placca nelle arterie. Il colesterolo altera la struttura e la funzione vascolare di un corpo accumulandosi all’interno del rivestimento della parete vascolare, interrompendo così l’azione endoteliale, causando lesioni e occlusioni. Continua QUI

******************

“Siamo cyborg da molto tempo, e stiamo migliorando continuamente”  

Di Samuel Schlaefl

“In un futuro prossimo la persona convenzionale come noi oggi la conosciamo non giocherà più un ruolo importante”, sostiene Jürgen Schmidhuber.

Jürgen Schmidhuber è da molti considerato il padre dell’intelligenza artificiale moderna (IA). Sin dagli anni ‘90 conduce ricerche di base presso l’Istituto Dalle Molle di Studi sull’Intelligenza Artificiale (IDSIA) di Lugano. Oggi, il riconoscimento vocale e la traduzione basati su questa tecnologia funzionano su miliardi di smartphone. Schmidhuber è convinto che l’IA supererà presto l’intelligenza umana.

Swissinfo.ch: Continua a raccontare nelle interviste che vuole lavorare come scienziato fino a quando non avrà sviluppato una macchina più intelligente di lei. Da dove nasce questo sogno?

Jürgen Schmidhuber: Da ragazzo mi chiedevo come potevo massimizzare la mia influenza sul mondo. Quando ho capito che non ero molto intelligente, ho pensato che la soluzione fosse costruire una macchina che imparasse ad essere molto più intelligente di me e potesse così risolvere i problemi decisamente troppo difficili per il sottoscritto. Così il mio lavoro oggi è una naturale conseguenza di questa idea megalomaniacale e infantile. Continua QUI 

******************

LA VERA LOTTA E’ SOLO UMANA. GLI HACKERS SONO FALSARI, LADRI O BUFFONI.

di Paolo Barnard

Questo combattente ha cambiato la Storia, in meglio.

 

 

 Questi truffatori col cappuccio, no, eppure ci dissero che…

 

Edward Snowden ha fatto la cosa vecchia che ha sempre cambiato la Storia: ci ha messo la sua persona, col rischio di morire – ha avuto coraggio fino in fondo – ha rivelato al pubblico il marcio del Potere. Gli Hackers in 50 anni, e tutti messi assieme, non hanno saputo fare un millesimo di Snowden. Perché sono dei venduti, dei ladri o dei pagliacci, anche se nella fantasia popolare si sono dipinti come i Che Guevara col pc.

Please, welcome l’ovvio unito all’utile: EVIDENCE BASED HISTORY. La Storia raccontata dalle evidenze disponibili.

Le verità in Storia sono quasi impossibili da stabilire, ma quando le evidenze disponibili sono soverchianti, almeno possiamo decretare un indirizzo, o una scelta. E’ per questo motivo che descrivo gli Hackers come falsari nelle mani del Servizi, oppure banali ladri, o dei pagliacci, in diverse proporzioni. Lo dimostrano in modo eclatante le evidenze di cinque decadi. EVIDENCE BASED HISTORY. L’equazione è semplicissima e a portata di ragionamento di chiunque si accenda anche solo il neurone N. 23. Iniziamo: Continua QUI 

******************

Cambiamo il mondo un sacchetto alla volta…

di Marcello Pamio

L’Italia è stata trasportata in discarica e serve quanto prima un sacchetto. Possibilmente biodegradabile…
Il cervello e l’intelligenza del gregge oramai sono un optional e un vero e proprio mistero.
Viviamo in una dittatura oligarchica sfacciatamente manifesta, nella quale ci hanno svuotato e privato di ogni diritto, libertà e sovranità (monetaria, economica, politica, ecc.) e il popolino si preoccupa e si scandalizza per il sacchetto della spazzatura!
Migliaia di persone su Facebook e nel web si stanno mobilitando per acquistare le zucchine senza sacchetto.
Spedizioni punitive di consumatori furibondi entrano nei supermercati con la maschera di Anonymous per prendere in ostaggio le bilance pesa-verdura.

Ha ragione il grande Natalino Balasso quando dice che siamo un popolo da «rivoluzione polleggiate».
«Siamo i Pile Fighter: combattenti con la tuta di pile e le ciabatte a forma di Brunetta che si scandalizzano per le ingiustizie di X-Factor».
E’ come affogare in un oceano e preoccuparsi dello schizzetto di fango nella maglietta nike…
Abbiamo una gigantesca trave nel didietro e un anello al naso, ma il gregge si preoccupa di pesare singolarmente frutta e verdura per attaccare le etichette evitando così di pagare l’ingiusto balzello legato al sacchetto.
Alla fine tutti soddisfatti per il grande risultato ottenuto, lo postano con tanto di foto fatte magari con l’i-phone da 1000 euro.
Ma ovviamente il problema non sono i centesimi rubati ma il principio.
Poco importa se poi la frutta e verdura senza sacchetto sono state coltivate con quintali di chimica cancerogena, teratogena e mutagena (Glifosato della Monsanto, la società che produceva l’Agente Orange usato nella Guerra del Vietnam).
La cosa importante è scardinare il Sistema NON pagando il sacchetto-balzello!
Una rivoluzione che rimarrà certamente nella storia, come pure i Robespierre con il guantino trasparente…
Ma la trave fanno finta di non vederla!Continua QUI

******************

LA DEMOCRAZIA NELLA SUA FORMA MIGLIORE:  VOTO DI SCAMBIO A CASINI

di Maurizio Blondet

La mattina, La Stampa (e chi se no) rivela “un rapporto del Senato Usa” che espone le ingerenze della Russia sulle nostre prossime elezioni il 4 marzo. C’è “ il sospetto, ripreso da un articolo del Telegraph, che i leghisti abbiano preso anche soldi. «Mentre non ci sono prove conosciute – prosegue il rapporto – che M5S abbia ricevuto fondi da fonti legate al Cremlino, un funzionario della sicurezza italiana ha detto a Business Insider che “alcuni dei nostri partiti sono vulnerabili alle infiltrazioni. Non hanno l’ esperienza, gli anticorpi, per contrastare servizi di intelligence così formidabili”».

I tiggì serali accennano a queste ingerenze di Mosca. E subito dopo mostrano, in video, le ingerenze di Macron sulle nostre elezioni: plateale e comicamente spudorata. “L’Italia entra in un periodo elettorale e vorrei sottolineare quanto sono stato contento di lavorare con Gentiloni, la sua azione in Italia, in Europa, con la presidenza del G7 e al Consiglio di sicurezza dell’Onu ha consentito di avviare una nuova dinamica”, ha detto l’uomo Rotschild. E temendo di non essere stato chiaro: “Spetterà al popolo italiano esprimersi, ma consentitemi di dire che l’Ue ha avuto molta fortuna ad avere Gentiloni in questi ultimi mesi. Il mio auguro è che potremo continuare il lavoro che abbiamo cominciato”.

E’ la democrazia nel punto più alto della sua maturità, quella che ci porta alle elezioni. Dove un giornale-megafono dei neocon può buttare lì calunnie contro Lega e 5 Stelle (“c’è il sospetto…”, “mentre non ci sono prove…”), nella più bella tradizione giornalistica mainstream, tutti riconosciamo che queste non si chiamano “fake news” né ingerenze. E’ la nuova frontiera della democrazia, che ci sta difendendo con ogni mezzo contro “i populisti” e “i sovranisti”.  Continua QUI

Niente di ciò che conta veramente viene raccontato

Onesto, indipendente, giornalismo CORAGGIOSO: Perché le persone risvegliate amano la Notizia Naturale e il Ranger della Salute

(NaturalNews) Non tutti sono pronti ad essere risvegliati nel mondo reale, ma solo per coloro che lo vogliono, NaturalNews è ampiamente conosciuto come il sito web più veritiero, onesto e indipendente del mondo sulla salute naturale.

Mentre altri siti sulla salute affondano rifiutando di affrontare le grandi questioni che riguardano la nostra civiltà e il nostro pianeta: OGM, lesioni da vaccino, gli herbicidi dei glifosati, la frode del cancro e la corruzione di Big Pharma – qui a Natural News affrontiamo tutti questi problemi con un raro senso Di irrequietezza basate e sostenute da autorevoli conoscenze accreditate da scienze di laboratorio radicato con i principi fondamentali della protezione dell’umanità dagli sfruttamenti da parte dei cartelli farmaceutici.

E’ facile sviluppare un sito web riportando niente di ciò che conta veramente e questo è quello che trovi in molti siti “mainstream” di salute e nutrizione che non osano mettere in discussione la corrotta istituzione. Al contrario, ciò che è difficile, è quello di creare la più grande rete di notizie mediatiche indipendenti al mondo – che ora comprende oltre 150 siti di notizie indipendenti – dove i dibattiti importanti dell’attuale nostra civiltà sono apertamente esaminati e testati. Questo è ciò che facciamo a Natural News e anche per questo motivo le persone che ci amano sono autori coraggiosi e indipendenti che rappresentano il vero futuro del progresso, dell’innovazione e della medicina avanzata per l’umanità.

Quest’anno abbiamo ancora più notizie, inclusi altri test di laboratorio sui metalli pesanti in prodotti popolari di uso comune, un elenco sempre più ampio di siti web, di giornalismo rapido indipendente (abbiamo appena lanciato Chemistry.news e Discoveries.news per coprire più argomenti scientifici).

Un crescente personale di scrittori della scienza e della medicina e il lancio di un nuovo studio VIDEO che presto verrà trasmesso in diretta LIVE su importanti annunci e nuovi servizi di informazione.

Grazie per il vostro sostegno durante questo periodo di estrema censura di tutti i media indipendenti e attacchi oltraggiosi da parte di troll e aziende agricole finanziate da Monsanto, che letteralmente e specificamente divulgano notizie naturali con decine di migliaia di falsi account fantoccio gestiti da mezze calze per cercare di screditarci creando la falsa impressione che a noi il pubblico Non piace. In verità, la gente ama le notizie naturali, come evidenziato nel video qui sotto. Il fatto è che Monsanto sta spendendo milioni di dollari per cercare di screditarli, questa è una prova che siamo proprio noi il bersaglio con il nostro giornalismo che ci ha dato un impulso e un approccio impavido per esporre la scienza corrotta dell’industria biotecnologica.

Con il tuo sostegno, continueremo a portarvi l’onesta verità  e indipendente su tutti i temi della salute e della libertà che contano veramente. Siamo senza paura. Siamo indipendenti. Non possiamo essere comprati, tacitati o intimiditi. Crediamo nell’assoluta libertà del cibo, nella libertà individuale, nell’eliminazione di tutta la criminalizzazione governativa riguardo ai medicinali vegetali (inclusa la cannabis) e dal diritto inalienabile alla scelta medica (libertà sanitaria). Continua a leggere le notizie naturali per gli aggiornamenti quotidiani e acquisti presso il HealthRanger Store per scoprire oltre 600 prodotti per la salute e la cura personale verificati da laboratorio che aiutano a supportare l’operazione.

VIDEOVIDEO

Link alla fonte: http://www.naturalnews.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

bugie – mendacium

Tutto è falso: I 40 pezzi al Top della falsità nel nostro mondo

(Prima parte)

di Makia Freeman

Tutto è falso nella nostra società di oggi – o, almeno, un gran numero di cose lo sono. Il nostro mondo è pieno da una straordinaria quantità di bugie, l’inganno, la disinformazione, la falsità, la frode, le facciate, i miraggi, la propaganda e il lavaggio del cervello. La cosa buona però è che una volta che ci si risveglia dall’inganno, è possibile utilizzarlo come strumento per aumentare la nostra coscienza. Praticamente se l’idea di falsità è ovunque, questo ci abilità piuttosto che deprimerci. Certo, ci sentiamo tutti sopraffatti, tristi, arrabbiati e impotenti nei momenti in cui abbiamo visto quanto facilmente i nostri (MIS) leader possono ingannare le masse con sofismi e vuota retorica, ma sono stati tutti messi lì per sfidarci, facendoci svegliare recuperando, il nostro mondo.

Ecco la mia lista dei primi 40 pezzi di falsità nel nostro mondo di oggi:

  1. notizie false

Cominciamo con il MSM (Media Mainstream), meglio chiamato i media lamestream, e le loro “news”, che è essenzialmente spettacolo dell’informazione aziendale. L’MSM indebolisce la notizia e la rende divertente per distrarre ulteriormente le persone dalle cose e dal suo significato reale. Non c’è nulla di equilibrato, imparziale o fiero sulle novità del MSM. Negli Stati Uniti, Australia e molti altri paesi occidentali, la notizia è veicolata da una manciata di società a scopo di lucro che sono legalmente tenute a fornire un ritorno sugli investimenti ai propri azionisti. Questo significa far scorrere pezzi di “notizie” o promuovere l’agenda dei proprietari aziendali (in particolare l’agenda militare) o storie di censura che avrebbero fatto male ad alleati politici e inserzionisti (come Big Pharma, che è il più grande contributore di fondi per la pubblicità sul MSM, in base a quello che ha riferito l’ex senatore degli Stati Uniti Robert Kennedy Jr.).

Inoltre, un’altra notizia che è letteralmente falsa – ricorda l’assurdità andata in onda sullo schermo della CNN (il video è stato rimosso nda) dove fingevano di essere stati bombardati in Arabia Saudita ma erano veramente in uno studio? Che dire sul mentire delle notizie come Brian Williams e Bill O’Reilly (Bill O’Leilly)?

  1. Il giornalismo falso

Accanto a notizie false, naturalmente, arriva l’altrettanto falso giornalismo. I giornalisti del MSM di oggi non sono veri giornalisti investigativi come quelli di un tempo. Ci sono quelli che lavoravano per il CSM Big 6 e stanno lavorando in modo indipendente (sia che lo facciano di loro spontanea volontà o perché sono stati licenziati), come le eccezioni dei giornalisti Ben Swann e Sharyl Attkisson. Tuttavia, sono pochi e rari. La maggior parte dei giornalisti funzionano come poco più di pappagalli ripetono la linea del partito aziendale, e sono troppo spaventati, hanno paura che la loro barca affondi perdendo così il posto di lavoro. La Casa Bianca controlla rigorosamente chi ha “accesso” al Presidente e altri funzionari. In generale, se si vuole avere l’accesso, si deve rigare dritti e fare semplici domande, insomma domande softball che sembrino buone per i politici. Inoltre, il governo ha ammesso di aver fatto comunicati stampa video o notizie preconfezionate(il video è stato rimosso nda) per il CSM, che poi trasmettono queste release come “notizie” senza rivelare ai telespettatori che i pezzi sono stati predefiniti dal governo!

  1. Falso intrattenimento

Sul tema dei media, diamo la nostra attenzione a Hollywood e all’industria dell’intrattenimento. Se siete alla ricerca di falsità e superficialità, non cercate oltre, perché Hollywood e alcune parti del sud della California arrivano senza problemi alla superficialità. La cultura dominante ci impone che è più importante ciò che si guarda di quello che si è; è più importante flirtare con quello che vedi che con quello che sai; sono più importanti quanto grandi siano le labbra di Botox o i seni al silicone più di quanto sia grande il tuo cuore; la cosa più importante che hai è che cosa c’è nel tuo conto in banca e quello che doni o che hai dato al mondo.

Le industrie cinematografiche e musicali di Hollywood sono imbevute di satanismo. Questo è facilmente visibile con la sua influenza sulla heavy metal, rock, hip hop e in questi giorni anche pop (date un’occhiata alla simbologia degli Illuminati nella musica e video di Madonna o di Katy Perry). Attrici come Rosanne Barr e molti altri addetti ai lavori di Hollywood hanno esposto come il controllo della mente, la prostituzione (lanciando promettenti stelle a prostituirsi o costringendole a “fare” sesso) e la pedofilia sono all’ordine del giorno in tutta Hollywood. Michael Jackson soffriva di controllo mentale e ha tentato di dirlo al mondo prima di essere ucciso. Molti altri, come Mariah Carey e Britney Spears mostrano segni evidenti di controllo mentale.

  1. Pubblicità e false PR Corporate

Un altro aspetto dei media visivi (TV) che ci fa male sono queste generiche “cure per noi” falsi spot per sentirsi bene fatte dai servizi di marketing a chiazza di petrolio della corporatocrazia, cercando di ottenere l’associazione con la felicità, la cura, dando l’uguaglianza o qualsiasi altro valore che si sceglie da un elenco. Usano il marketing come una sorta psicologica di arma. Vi siete mai chiesti il ​​motivo per cui Big Pharma mostra sempre bellissime modelle, pensionati felici, rimbalzando dai cani o al sorridere dei bambini, mettendo in bella vista farmaci velenosi dagli effetti collaterali? Le società sono entità senz’anima e in molti casi le persone giuridiche – l’epitome di falsità, dal momento che sono falsi sui diritti degli altri e senza nessuna responsabilità.

  1. Medicina Falsa

Big Pharma è la forza dietro la medicina occidentale, e Rockefeller è la forza dietro ciascuno di essi. Con il suo buffet farmaceutico di sintesi, vaccini, chirurgia, chemioterapia e radioterapia, medicina occidentale o allopatia ha guadagnato il dubbio onore di aver ucciso ogni anno centinaia di migliaia di persone. Uno studio del 2000 del Dr. Barbara Starfield, MD, ha rilevato che l’allopatia ne uccide 225.000 ogni anno negli Stati Uniti, mentre in uno studio del 2003 dal Dr. Gary Null, MD ed altri, ha scoperto che l’allopatia uccide negli Stati Uniti 783.000 persone ogni anno. Starfield ha concluso che la medicina occidentale in America provoca:

– 12.000 morti per interventi chirurgici non necessari;

– 7.000 morti da errori terapeutici negli ospedali;

– 20.000 morti per altri errori negli ospedali;

– 80.000 decessi per infezioni contratte negli ospedali; e

– 106.000 morti dalla FDA, farmaci che ha approvato e correttamente prescritti.

Null e altri hanno concluso che la medicina occidentale provoca:

– 37,136 morti da procedure non necessarie;

– 32.000 decessi legati alla chirurgia;

– 98.000 decessi per errore medico;

– 115.000 morti da piaghe da decubito;

– 88.000 decessi per infezione;

– 108,800 morti per la malnutrizione;

– 199.000 decessi legati a pazienti esterni; e

– 106.000 morti per reazioni avverse al farmaco.

Ora, con i suoi farmaci antibiotici sempre più inutili di fronte ai crescenti super virus, si deve davvero mettere in discussione se un intero sistema medico che si basa sul mascherare i sintomi della malattia per poterla “gestire”, porta i pazienti sulla ruota del criceto somministrando pillola dopo pillola, dopo pillola, può davvero costituire la vera guarigione – o se è solo più falsità.

  1. L falsa Ricerca Scientifica

Il supporto medico occidentale del cartello Big Pharma / Rockefeller è una  massiccia catasta di falsa ricerca scientifica. Così come ogni cosa falsa, l’impiallacciatura appare lucida e ci porta a credere che quello che si trova all’interno sia affidabile e rispettabile, quando in realtà si tratta parte di pacchetti di ricerca e architettati con timbri pre-rivisti. Le ex ripetizioni di Big Pharma, stimate da redattori di riviste mediche e persino da scienziati insider governativi, hanno tutti confessato la verità scioccante che una grande quantità di dati scientifici pubblicati là fuori è fraudolento e semplicemente non ci si può fidare. Controlla i primi 10 trucchi utilizzati dalla spazzatura della scienza aziendale.

  1. falsa immunità acquisita

Un altro pezzo di falsità è che l’idea del vaccino-indotto ci renda immuni e che l’acquisita immunità potrebbe possibilmente essere identica all’immunità naturale, dopo averlo ricevuto e aver scongiurato con successo la malattia (come ad esempio la varicella). I fautori del vaccino insistono inoltre sul fatto che i non vaccinati mettono in pericolo i vaccinati rischiando la loro immunità (argomento immunità della mandria) – sfidando la logica che dal momento il vaccino funziona davvero, non ci sarebbe bisogno per i vaccinati di preoccuparsi del contagio dai non vaccinati. Nel mio articolo immunità di gregge contro la diffusione virale: Chi e che cos’è l’infezione? Discuto come il sistema immunitario umano è molto più complesso e sofisticato di quanto abbiamo capito, e si compone di parti specifiche e non specifiche. Un vaccino, in molti modi non è simile alla naturale immunità, tra cui può solo generare una risposta specifica, avendo un punto di entrata completamente diverso, non conferisce un’immunità permanente, ecc

Inoltre, i vaccini sono pieni di tossine e sostanze cancerogene, tra qui il tessuto fetale. L’élite s hanno ammesso che i vaccini vengono utilizzati per lo spopolamento.  La vera questione non è l’immunità di branco, ma piuttosto lo spargimento virale, per cui i vaccinati infettano i non vaccinati. I vaccini sono ancora un altro esempio di suprema falsità nel falso mondo di oggi.

  1. alimenti falsi

La vera immunità è derivata dallo stile di vita e dalla dieta, tra cui quello che si ottiene della qualità dell’esercizio fisico, il sonno e la nutrizione. Questo ci porta al tema del cibo. Il nostro cibo oggi confezionato, si è trasformato e così pieno di conservanti e plastica, che è diventato cibo finto. Esso viene fatto uscire da una fabbrica piuttosto che cresciuto in una fattoria o in un campo. E’ pieno di aromi artificiali e sapori sintetici – alcuni di loro anche derivati da tessuto fetale abortito, come la Pepsi che è stata costretta ad ammetterlo. Alcuni di essi sono così raffinati e stra-cotti che al suo interno ha un potere nutrizionale poco più di un pezzo di cartone. Quando si aggiunge la mostruosità degli OGM (organismi geneticamente modificati) nel mix, si ottiene un prodotto finale che il dottor Rima Laibow chiama “phude” piuttosto che “cibo”, perché l’elaborato e progettato prodotto finale è così lontano da quello che i nostri antenati conoscevano come cibo vero. Tra l’altro, gli OGM, nel caso in cui non avete ancora sentito parlare, può portare all’insufficienza d’organi come, l’infertilità e il cancro, e modificano geneticamente le proteine che, geneticamente modificate bypassano la digestione passando direttamente nel sangue (questo è il loro ultimo scopo).

Gli OGM, per loro stessa natura, sono progettati per resistere a dosi massicce di pesticidi chimici e pericolosi. Gli OGM sono fondamentalmente un modo per le aziende chimiche come la Monsanto e Dow per vendere più prodotti chimici, perché la gente ha bisogno di loro per far crescere a dismisura il finto cibo Biotecnologico. L’OMS ha recentemente dichiarato che il glifosato della Monsanto e 2-4, pesticidi della Dow D di come siano probabilmente e possibilmente cancerogeni, rispettivamente.

  1. Acqua Falsa

Così come abbiamo cibo finto, abbiamo anche l’acqua falsa. l’acqua che scorre è reale e viva, come si può trovare in un ruscello di montagna o fiume. Purtroppo, la maggior parte della nostra acqua potabile oggi è morta, dopo aver attraversato un angolo retto di 90° in un tubo, essendo stata trattata con cloro e il fluoro (entrambe le tossine), e contenenti residui di antibiotici, glifosato e la droga Big Pharma. Può fare quel tanto che basta per tenerci in vita, ma non ci permette di prosperare.

L’acqua ha memoria e trasporta informazioni passate, come la ricerca pionieristica di Masaru Emoto ha dimostrato. Assorbe che cosa state pensando e sentendo, e di conseguenza cambia la sua struttura. Se noi, come società continuare ad usare droghe sintetiche e vampate di calore lungo i corsi d’acqua, l’acqua si ricorderà, e i futuri bevitori di quell’acqua otterrà le “informazioni che sono racchiuse nel suo sistema memoria” come le droghe, indipendentemente dal fatto che effettivamente prendiate farmaci o no.

Non tutta l’acqua è uguale. Quanto sia vantaggiosa dipende da come è strutturata. E’ incoraggiante vedere persone che promuovono acqua strutturata, che restituisce la galleggiabilità per l’idrogeno e gli atomi di ossigeno che compongono la molecola d’acqua. Noi siamo acqua. Qualunque cosa facciamo per la nostra acqua lo facciamo a noi stessi. Una via d’uscita dall’inganno e la cospirazione è quello di prendere il controllo della vostra acqua, e trovare una fonte pura, oppure filtrarla con un filtro sia per garantire  e strutturare l’acqua rendendola il più vivificante possibile.

Tutto è falso e guardarci intorno ci aiuta a tornare a ciò che è reale.

Questo articolo sono elencati i primi 9 dei 40 punti. Clicca qui per la parte 2, parte 3 e parte 4 di questa serie

fonti:

* Https: //www.youtube.com/watch? V = ApZDJo5wsH4 (video non più attivo nda)

http://www.washingtonsblog.com/2009/12/5-reasons-that-corporate-media-coverage-is-pro-war.html

http://www.trueactivist.com/robert-f-kennedy-jr-says-70-of-news-advertising-revenue-comes-from-big-pharma/

* Https: //www.youtube.com/watch? V = CVLDblwiW3s (video non più attivo nda)

* Https: //www.youtube.com/watch? V = sLehLX33EeA

* Https: //www.youtube.com/watch? V = NhMcvWpKBpg

* Https: //www.youtube.com/watch? V = vwgnTH8MrMA

* Https: //www.youtube.com/watch? V = wLgXPagNzug

* Https: //www.youtube.com/watch? V = 2YBtspm8j8M

http://www.jhsph.edu/research/centers-and-institutes/johns-hopkins-primary-care-policy-center/Publications_PDFs/A154.pdf

http://www.webdc.com/pdfs/deathbymedicine.pdf

http://www.naturalnews.com/035276_Pepsi_fetal_cells_business_operations.html#

https://www.theguardian.com/environment/2015/jun/23/herbicide-24-d-possibly-causes-cancer-world-health-organisation-study-finds

Fonte articolo: http://freedom-articles.toolsforfreedom.com/

Traduzione e adattamento:Nin.Gish.Zid.Da

Almanacco di aprile 2017


C’è l’Armageddon all’orizzonte?

di Paul Craig Roberts. Traduzione per Megachip a cura di Pino Cabras.

L’incosciente spensieratezza del mondo occidentale è straordinaria. Non sono solo gli americani a permettersi di essere sottoposti al lavaggio del cervello da parte di CNN, MSNBC, NPR, il New York Times e il Washington Post, ma anche le loro controparti in Europa, Canada, Australia e Giappone, che si affidano alla macchina della propaganda di guerra che si atteggia a essere un normale mass media.

http://www.bbc.com/news/world-us-canada-39573526.

I “leader”, occidentali, cioè i burattini che si trovano alla fine dei fili manovrati da potenti gruppi di interesse privati e dallo Stato Profondo, sono altrettanto incoscientemente spensierati. Trump e le sue controparti nell’Impero Americano devono essere inconsapevoli del fatto che stanno provocando la guerra con la Russia e la Cina, altrimenti sono psicopatici. Continua a leggere QUI


Siccità biblica in Italia
 
Furono avvertite tempo fa le varie associazioni di agricoltori che ora si disperano e si stracciano le vesti: se continuerete ad ignorare la geoingegneria clandestina, in particolare tutte le operazioni che provocano siccità, impedendo le piogge con le inseminazioni igroscopiche delle nubi basse, vi ritroverete con i raccolti falcidiati dalla carenza, anzi assenza di precipitazioni. E’ quello che è successo ed ora pare troppo tardi per intervenire: dall’aridità alla carestia il passo è breve… 
 
Agricoltori costretti ad irrigare il grano: “In aprile non era mai successo”. Fiume in secca come in piena estate. Coldiretti preoccupata: a rischio i raccolti. Continua a leggere QUI
 
“VACCINARE E’ UN ATTO D’AMORE”: PAROLA DI BURIONI”
 
di Marcello Pamio 13/4/2017 
 
Accendi la tv e appare; sintonizzi la radio e la sua voce si diffonde nell’etere; acquisti un giornale e lo intervistano; entri in un social ed è pure lì.
Di chi stiamo parlando? Magari fosse la Madonna, purtroppo è Roberto Burioni, il virologo più famoso d’Italia e quello certamente anche col maggior tempo libero.
Il professore ordinario di microbiologia e virologia al San Raffaele di Milano è l’emblema del pro-vaccini per antonomasia. Uomo di punta di quel Sistema che difende a spada tratta i farmaci, i vaccini, le industrie che li producono, in una parola: il paradigma.
Continua a leggere QUI
 
Cosa sono le fake news? 
La non-risposta della Commissione Europea 
 
di Dario Tamburrano 15/04/2017
 

Non le definisce, non dice chi l’ha incaricata di contrastarle, ma continuerà ad incitare Google e Facebook a lottare contro di loro. E’ l’esito della nostra interrogazione.

E’ finalmente arrivata la risposta alla nostra interrogazione sulla lotta promossa dalla Commissione Europea alle fake news e che può in realtà colpire la pluralità di espressione su internet. Abbiamo ricevuto un testo che potrebbe risultare adeguato se, anziché presentare un’interrogazione, avessimo chiesto alla Commissione Europea di scrivere un temino da terza media sulle fake news, mentre noi avevamo posto tre domande precise che vengono accuratamente aggirate. Continua a leggere QUI

 
Ma quali sono le “notizie false”?
 
 
 
A quanto pare, il problema principale sembrerebbe essere proprio la visibilità che questi nuovi strumenti della socializzazione virtuale garantiscono alle cosiddette “bufale”. Tutti discettano di tutto: di che meravigliarsi dunque se circolano notizie false? Uno può raccontare di essere in vacanza ai tropici pubblicando foto di fantastiche spiagge accompagnate da commenti estasiati; un altro può darsi l’aria di essere un cuoco sopraffino sfornando foto di manicaretti non suoi; e c’è anche chi è specializzato nella proliferazione di profili falsi, che tuttavia non hanno mai preoccupato nessun “amministratore” (io stesso potrei avere questo tipo di “amici” tra i miei contatti). Quindi dove sta il problema? Continua a leggere QUI
 
La terra come campo di concentramento elettronico
 
di Nicolas Bonal dedefensa.org
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di VOLLMOND
 

Siamo tutti contenti di perdere il nostro tempo nella rete (filet, in latino), di pescare qua e là dei pesci d’oro e delle informazioni, di perdere il tempo che avremmo potuto impiegare coltivando il nostro vero giardino. Ma come nel paese dei balocchi di Pinocchio, c’è un prezzo da pagare. Infatti si vive avvolti nella tela del ragno. Nel mio libro sul web cito i salmi e poi Giobbe:

«Allora Giobbe denuncia la tela del ragno mondialista … : « … così perisce la speranza degli empi. La sua fiducia non è che fibrosa, la sua sicurezza, una tela di ragno». (8, 15) «L’empio si è costruito una casa simile alla tela di un ragno». (27, 18) Continua a leggere QUI

 
La Pianta Sacra degli Inca
che combatte i prodotto transgenici
 
17 Marzo 2017 
dal Sito Web EcoPortal 
traduzione di Nicoletta Marino 
 

L’Amaranto, 
la pianta sacra degli Inca 
sfida il gigante Monsanto. 
Entrano in panico gli agricoltori degli Stati Uniti 
per la presenza dell’Amaranto nelle loro coltivazioni. 
La filiale americana di Monsanto 
non sa che fare con l’Amaranto (Kiwicha) 
che è apparsa recentemente 
in migliaia di ettari di soia
 
Per Monsanto gli Incas sono una maledizione.
 
Negli Stati Uniti, gli agricoltori hanno dovuto abbandonare cinquemila ettari di soia transgenica e altri cinquantamila sono gravemente danneggiati dalla presenza dell’amaranto, la frutta sacra degli Incas che combatte le coltivazioni transgeniche.
 
Nel 2004 un agricoltore di Atlanta ha comprovato che alcuni germogli di amaranto (kiwicha in Perù) erano resistenti al potente erbicida Roundup
 
I campi vittime di questa invasione della “erba cattiva” erano stati seminati con chicchi Roundup Ready, che contiene un seme che ha ricevuto un gene resistente all’erbicida.
 
Da allora la situazione è peggiorata e il fenomeno si è esteso in:

  • Carolina del Sud e del Nord
  • Arkansas
  • Tennessee
  • Missouri 

Continua a leggere QUI

Realtà e Illusione – Viviamo in un Mondo Virtuale?
 

“La realtà è una illusione molto persistente.” A. Einstein

Fin dalla più remota antichità una frangia culturale trasversale – spaziante dalla fisica alla spiritualità, alla matematica, alla filosofia – asserisce che la realtà in cui viviamo sarebbe solo un’illusione.
Teorie affascinanti ma non dimostrabili, che per lungo tempo hanno occupato nicchia nell’immaginario collettivo occidentale, fino al giorno in cui alcuni scienziati le hanno esaminate sotto una nuova luce, quella della fisica quantistica.
Secondo quanto asserito da alcune stupefacenti sperimentazioni – infatti – ciò che percepiamo come materiale, tangibilmente reale – comprese le nostre stesse persone – potrebbe essere il frutto illusorio della interazione della ‘coscienza’ con una infinita serie di impulsi lumino-elettrici-informatici i quali si manifesterebbero in un ambiente ignoto, forse neutro come il programma ‘struttura’ del film Matrix, o forse no. Un ambiente che – in ultima analisi – potrebbe esistere solo all’interno della coscienza, o coincidere con essa.
Continua a leggere QUI

CETA – Il tritacarne umano

IL CETA E’ UN FRUTTO AVVELENATO
DELLA GLOBALIZZAZIONE
di
Cinzia Palmacci

Il Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement), sul cui varo è impegnato il Consiglio europeo, è l’Accordo economico e commerciale globale tra la Ue e il Canada. Obiettivo del trattato è eliminare al 99% i dazi doganali e altri ostacoli alle reciproche esportazioni e all’accesso agli appalti pubblici, aprire il mercato dei servizi, offrire agli investitori condizioni prevedibili e prevenire le copie illecite di innovazioni e prodotti tradizionali dell’Ue.

Il Ceta una volta applicato, sostiene la Commissione europea, offrirà alle imprese europee nuove e migliori opportunità commerciali in Canada e sosterrà la creazione di posti di lavoro in Europa. Questa l’ambiguità del motivo per cui il 15 febbraio il Parlamento europeo ha ratificato l’accordo di libero scambio tra Canada e UE. Dopo il voto della Commissione e del Consiglio UE che avevano già approvato il CETA, adesso è arrivato anche il via libera da parte del Parlamento Europeo.

Gli eurodeputati hanno votato in gran segreto, approvando con 408 voti in favore, 254 voti contrari e 33 astensioni. La loro decisione avrà ripercussioni serie non solo sull’ambiente ma anche sulla nostra salute. Un accordo votato in segretezza, e ciò lascia pensare. Ma perché nascondere le votazioni? Perché i rischi per la salute e i vantaggi illusori di questo trattato scellerato non sono di poco momento. Consideriamone i principali:

·Il rischio di ingresso di OGM e pesticidi attualmente vietati

·Importazione di prodotti derivati da animali trattati con ormoni della crescita

·Equivalenza delle misure sanitarie e fitosanitarie di Europa e Canada

·Glifosato, uno dei timori più fondati

·Nelle mani del controllore senza controllo

·Crescita economica irrisoria per l’Europa e perdita di posti di lavoro

·L’Investment Court System (ICS), il sistema di tutela degli investimenti delle multinazionali

“Questo accordo commerciale rischia di minare la democrazia e lo stato di diritto in Europa, a vantaggio di una manciata di multinazionali”, ha detto Federica Ferrario di Greenpeace Italia. Mentre Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia  dichiara “Oggi è stata scritta una pagina oscura per la democrazia in Europa, ma non tutto è compromesso.

La battaglia della società civile si sposta adesso a livello nazionale. Monitoreremo gli impatti dell’accordo, dimostrando che avevamo ragione a criticarne l’impianto, e spingeremo il Parlamento italiano a bloccare questo trattato dannoso per i nostri cittadini e lavoratori. I parlamentari europei, in particolare socialdemocratici e popolari, hanno abdicato al loro ruolo di garanti dei diritti e dell’ambiente”.

L’accordo CETA dovrà essere anche ratificato dai Parlamenti nazionali e regionali. Il trattato potrebbe applicarsi provvisoriamente dal primo giorno del mese successivo alla data cui entrambe le parti si sono reciprocamente notificate il completamento di tutte le procedure necessarie. Per i deputati tale data dovrebbe essere non prima del 1° aprile 2017. Intanto, sono in molti a pensare che il Ceta possa costituire un escamotage per superare i veti sul Ttip, l’accordo commerciale Usa-Europa tanto caldeggiato da Obama.

CETA prodotto insano della globalizzazione

Tutti i temi più importanti che riguardano la nostra vita, vengono decisi da pochi e a nostra insaputa. I governi cosiddetti democratici non si prendono la briga di chiedere il nostro parere e nemmeno di informarci. Ci mettono di fronte al fatto compiuto. Dai media la versione ufficiale è sempre tranquillizzante. Nulla di strano e tantomeno pericoloso, il CETA confermerebbe semplicemente l’abolizione delle dogane, l’accesso di imprese europee al mercato canadese con bandi e appalti in loco, e la salvaguardia della proprietà intellettuale nonché delle denominazioni di provenienza dei prodotti agricoli.

Questa la risposta ufficiale. In realtà si tratta di un’altra trappola che ha un solo scopo: mettere in atto il programma del TTIP. Se quest’ultimo, infatti, è stato soggetto a pesanti critiche e proteste in diverse nazioni che ne hanno bloccato l’entrata in vigore, invece il CETA è riuscito a sfuggire a qualsiasi controllo. Pochi ne hanno sentito parlare: sparute proteste, trattative in corso. Sarà quindi l’accettazione del CETA a farci accettare automaticamente anche il TTIP.

Il CETA è un’ulteriore arma segreta che ha il compito di preparare il terreno al TTIP. Ciò significa che le nostre leggi e regolamentazioni contro le tecnologie OGM di Monsanto, l’inquinamento dell’ambiente, la tecnica del fracking, la privatizzazione dell’acqua e delle istituzioni educative, culturali e sanitarie, l’eventuale diminuzione degli stipendi, e molte altre spiacevoli cose ancora, continuano ad essere in pericolo.

Infatti, qualora i regolamenti europei che riguardano l’ambiente, la sanità e gli ambiti sociali dovessero in qualche modo ostacolare gli affari delle grandi multinazionali, queste possono, per mezzo del CETA, citare in giudizio i governi europei tramite le loro filiali canadesi e il gioco è fatto. Il pacchetto CETA contiene anch’esso un meccanismo del tipo “Investor State Dispute Settlement” (ISDS), in base al quale un tribunale segreto internazionale può infliggere ai governi delle nazioni che non rispettino l’accordo delle punizioni draconiche in pagamenti di miliardi.

È ovvio che, alla fine, dovremo pagare noi, i contribuenti, tramite le tasse. Il sistema dell’ISDS sarà lo strumento più diabolico delle multinazionali, quello che ignora le leggi e calpesta le istituzioni delle nazioni democratiche. Di conseguenza è fuorilegge per sua natura e come tale non dovrebbe mai essere ammesso. Il che significa: se il CETA, o un altro di questi accordi segreti, dovesse entrare in vigore, le nazioni europee interessate sarebbero vittima di un colpo di Stato.

Questa non è che la punta dell’iceberg, di un vero complotto di banche e multinazionali sotto l’egida degli USA, caratterizzato da attacchi paralleli sferrati alle nazioni che vanno inquadrate nel loro piano di potere. Attacchi che si basano su: spionaggio ad alto livello con relative azioni di intercettazione; liberalizzazione e privatizzazione dell’economia; organizzazione di disordini intestini tramite i servizi segreti; destituzione di governi non amici con relativa sostituzione di governanti corrotti; interventi armati con conseguente violazione dei diritti sovrani delle nazioni interessate.

L’obiettivo è: divenire l’unica potenza incontrastata del pianeta. Il miliardario Warren Buffet diceva nel corso di un’intervista del 2006: “È in atto una guerra delle classi sociali, è vero. Ma è la mia classe, quella dei ricchi, che fa la guerra. E la stiamo vincendo noi.” L’autore Jürgen Roth scrive: “A Bruxelles non c’è soltanto l’European Round Table of Industrialists (ERT), ma anche il non meno potente Business Europe, dietro a cui si nascondono le lobbies delle associazioni dei datori di lavoro europei (…) L’ufficio si trova in una delle migliori zone della città, a Rond Point Schumann, dov’è la sede della Commissione Europea. (…) Quasi nessuno parla poi dell’ufficio dell’EFR European Financial Services Round Table. Questo è di certo il gruppo più influente di Bruxelles, soprattutto a causa del suo potere finanziario. I membri dell’EFR sono i dirigenti delle banche e delle compagnie assicurative più influenti”.

C’è altro da aggiungere per capire chi pilota veramente l’Unione Europea? E’ questa l’Europa “unita” che vogliamo? Quella che fa l’interesse delle lobbies e delle multinazionali a discapito della democrazie e delle sovranità nazionali? Di questo passo la democrazia sarà solo una delle tante cose ad essere compromessa, oltre alla nostra salute, sicurezza e benessere.

Ci conviene ancora rimanere in questo tritacarne che chiamano Unione Europea? Già, perché l’unica unione rimasta è solo quella degli interessi delle lobbies e dell’oligarchia al potere. Guardare positivamente all’elezione di Trump come ad un’inversione di marcia è giusto, ma prima prenderemo delle contromisure per salvaguardare i nostri Paesi europei, e prima potremo riappropriarci della nostra sacrosanta sovranità nazionale. Questa globalizzazione che fa solo gli interessi di pochi ha fatto il suo tempo, e l’esperimento è fallito.

di Cinzia Palmacci

Fonte: http://www.ilcorrieredelleregioni.it/

Antropocene – la nuova era

1974

Scrive Rosalie Bertell: “Nell’ambito degli Accordi di Vladivostock, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica presero la decisione congiunta di sciogliere la calotta polare artica. Non si tratta di un accordo bilaterale registrato dell’ONU, perciò non divenne mai accessibile a coloro i quali – più tardi – furono messi in allarme dal rapido scioglimento dei ghiacci e delle nevi polari, e dalla situazione degli orsi polari che ne è risultata. Per il pubblico, lo scioglimento della calotta polare artica è diventato un segnale forte e inquietante del cambiamento climatico, talmente forte che negli Stati Uniti ai media è stato richiesto di non parlare mai di orsi polari! A causa del segreto militare la gente è stata indotta a pensare che il controllo industriale delle emissioni di CO2 riporterebbe tutto a posto nell’Artico! “VEDI QUI 

La vera guerra? Contro Madre Terra
Di Vandana Shiva

La crisi ecologica nasce dalla nostra separazione da ‘madre natura’. Ogni anello della catena della biodiversità è minacciato di privatizzazione e mercificazione”. Arriva in libreria “La Terra ha i suoi diritti”, l’ultimo libro-intervista di Vandana Shiva. Ne pubblichiamo un estratto dal capitolo “Pace, democrazia, attivismo”». Il Fatto Quotidiano, 3 novembre 2016 (p.d.) 

Si parla di guerra per indicare campi di battaglia come la Siria, la Libia, l’Ucraina, l’Iraq o l’Afghanistan. Ma la più grande guerra che attualmente si combatte è quella contro il nostro pianeta. Poche multinazionali cercano di assicurarsi il controllo delle risorse della Terra in spregio dei più elementari limiti etici ed ecologici.

La nostra acqua, i nostri geni, le nostre cellule, i nostri organi, le nostre conoscenze, la nostra cultura e il nostro futuro sono direttamente minacciati come su un campo di battaglia tradizionale. Non vede l’onnipresenza e la retorica guerriera dell’agroindustria? Che diventa palese quando si citano i nomi degli erbicidi di Monsanto: Roundup (“retata”, “razzia”), Machete, Lasso (“lazo”). 

Le industrie che producevano veleni ed esplosivi per uccidere durante le guerre sono le stesse che oggi fabbricano prodotti agro chimici. Negli anni Sessanta, Monsanto produceva in particolare l’Agente Arancio, scaricato dall’aviazione statunitense sulle foreste vietnamite durante la guerra per avvelenare gli alberi e gli uomini che essi proteggevano. Oltre ai numerosi tumori e malformazioni provocati all’epoca, molti altri casi fanno ancor oggi la loro comparsa.

I pesticidi hanno origine nelle armi chimiche: è utilizzando il cloro durante la Prima guerra mondiale (per esempio nell’iprite) che sono state messe in evidenza le proprietà insetticide dei composti a base di cloro, in seguito abbandonati, tra cui il Ddt, largamente diffuso prima di venire proibito. 

In seguito, l’ingegneria genetica ha preteso di offrire un’alternativa ai prodotti tossici. In realtà ha incrementato l’utilizzo di pesticidi ed erbicidi. Intanto gli Stati sostengono sempre di più i grandi gruppi nella loro marcia verso l’accaparramento delle risorse. È emerso un potere che coalizza Stato e industria per imporre le sue priorità al pianeta e ai popoli. 

Lo constatiamo senza timore di smentita in India, dove l’esercito è regolarmente chiamato a intervenire per espropriare le popolazioni che risiedono sui territori adocchiati dalle imprese. Ma il metodo è identico quando manifestanti greci o spagnoli subiscono gli assalti delle forze dell’ordine anche se non fanno che denunciare un’evidenza: le crisi economiche, alimentari, finanziarie sono lì a dimostrare che il sistema è agli sgoccioli e che una crescita senza limiti è impossibile su un pianeta dalle risorse limitate.

Gli scienziati hanno annunciato che siamo entrati in una nuova era: l’Antropocene. Ciò significa che le conseguenze chimiche, urbane, nucleari dei nostri stili di vita rimarranno incise negli archivi geologici del pianeta per migliaia di anni.

Eppure, anche tra quanti ammettono questa verità e il dato che l’umanità si trova in un’impasse esistono quelli che reagiscono ancora in maniera bellicosa, per esempio con la geoingegneria. Si rifiutano di abbassare le armi per lasciare che la natura si rigeneri e auspicano una lotta tecnologica contro i fenomeni naturali. Progettano interventi su grande scala per influenzare il sistema climatico e rallentare il riscaldamento: avvolgere la Terra di particelle di solfato per raffreddare il pianeta, inseminare di ferro gli oceani per stimolare il fitoplancton, o catturare il carbonio accumulato nell’atmosfera.

Manipolazioni che sono frutto di una totale mancanza di umiltà e di un’arroganza illimitata. Sono il sintomo di una perversione etica ed ecologica. Chi le promuove vede nell’uomo, una volta di più, il proprietario e padrone della natura, non un elemento che ne fa semplicemente parte. Di conseguenza, difendere i diritti della Terra Madre è la lotta più importante, tanto per l’ambiente come per i diritti umani e la giustizia sociale. Tenendo conto di tale contesto, è questa la lotta con le maggiori chance di portare a una pace duratura e a una situazione di stabilità. FONTE http://www.eddyburg.it/2016/11/la-vera-guerra-contro-madre-terra.html

VEDI ANCHE

http://www.nogeoingegneria.com/interviste/terra-futura-2013-intervista-a-vandana-shiva-sulla-geoingegneria/