Archivi tag: mondo globalizzato

La stazione MUOS americana di Niscemi

 

Video: Funzionalità aerospaziali offensive statunitensi dirette contro l’intero pianeta: il sistema di comunicazioni satellitari MUOS in America 

 Di Manlio Dinucci 

Ricerca globale, 13 novembre 2018  

“Il M5S (5 Star Movement) si è diviso sul maxi-radar siciliano”, titolava il Corriere della Sera, diffondendo così una maxi falsa notizia – non sulla direzione del Movimento a 5 stelle, che, dopo aver vinto un consenso elettorale con il “No MUOS” in Sicilia, ora sta facendo marcia indietro – ma sull’oggetto stesso della controversia.  

Definendo la stazione MUOS di Niscemi come un “maxi-radar”, stanno ingannando l’opinione pubblica facendogli credere che si tratti di un dispositivo di scansione elettronica legato alla Terra, e quindi difensivo. Al contrario, il MUOS (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazione satellitare che estende la capacità offensiva degli Stati Uniti all’intero pianeta. 

Il sistema, sviluppato da Lockheed Martin per la US Navy, è composto da una configurazione iniziale di quattro satelliti (più uno in riserva) in un’orbita geostazionaria, e collegati a quattro stazioni terrestri – due negli Stati Uniti (Hawaï e Virginia ), uno in Sicilia e uno in Australia. Le quattro stazioni sono collegate da una rete di cavi in ​​fibra ottica terrestri e sottomarini (la stazione di Niscemi è collegata direttamente alla stazione in Virginia). 

Il MUOS, che è già in funzione, diventerà pienamente operativo nell’estate del 2019, raggiungendo una capacità 16 volte superiore a quella dei sistemi precedenti. Trasmetterà simultaneamente messaggi codificati ad altissima frequenza di materiale vocale, video e dati. Quindi sottomarini e navi da guerra, cacciabombardieri e droni, veicoli militari e unità terrestri degli Stati Uniti e dei loro alleati, saranno quindi collegati a un’unica rete di comando e controllo sotto gli ordini del Pentagono, mentre sono operando in qualsiasi parte del mondo, comprese le regioni polari.

Quindi la stazione MUOS di Niscemi non è un “maxi-radar siciliano” che custodisce l’isola, ma un elemento essenziale della macchina da guerra planetaria degli Stati Uniti.

Guarda il Video: Il circuito della morte nel “Mediterraneo allargato”

 

Lo stesso ruolo è svolto dalle altre principali basi USA e NATO in Italia. La Stazione Aeronavale di Sigonella, a pochi chilometri da Niscemi, è la base per il lancio di operazioni militari principalmente in Medio Oriente e in Africa, condotte da forze speciali e droni. 

La JTAGS (Joint Tactical Ground Station), una stazione satellitare statunitense dello “scudo antimissile” schierata a Sigonella – una delle cinque con portata globale (le altre sono situate negli Stati Uniti, Arabia Saudita, Corea del Sud e Giappone) – serve non solo per la difesa antimissile, ma anche per le operazioni di attacco comandate da posizioni avanzate. 

Il Comando Forze Alleate Alleate a Lago Patria (Napoli), è sotto l’ordine di un ammiraglio statunitense che comanda contemporaneamente le Forze navali statunitensi in Europa (con la Sesta flotta di Gaeta nel Lazio) e le Forze navali USA per l’Africa, di cui la sede è a Napoli-Capodichino. 

Camp Darby, il più grande arsenale degli Stati Uniti al di fuori della patria, fornisce gli Stati Uniti e le forze alleate per le loro guerre in Medio Oriente, Asia e Africa. 

La 173a Brigata Aviotrasportata degli Stati Uniti con sede a Vicenza, opera in Afghanistan, Iraq, Ucraina e altri paesi dell’Europa orientale. 

Le basi di Aviano e Ghedi – i siti di schieramento di combattenti statunitensi e italiani sotto il comando USA e dotati di bombe nucleari B61, che dal 2020 saranno sostituite da B61-12 – sono parte integrante della strategia nucleare del Pentagono. 

Per inciso, Luigi Di Maio e gli altri dirigenti del M5S [1] ricordano che hanno preso un impegno solenne con l’ICAN (Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari) per garantire che l’Italia aderisca al Trattato delle Nazioni Unite, liberando così l’Italia dalle armi nucleari USA ?

*

Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in italiano su Il Manifesto. 

Tradotto da Pete Kimberley 

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione. 

Nota 

[1] Il Movimento 5 Stelle è, insieme alla Lega, un partito governativo, in cui Luigi Di Maio è Vice Presidente del Consiglio dei Ministri. 

La fonte originale di questo articolo è Global Research 

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Siamo nuovamente alla fine di un’epoca

Quadro del ‘300 che raffigura i malati di peste bubbonica in cura presso un istituto ecclesiastico

Raffreddamenti climatici ed epidemie: uno sguardo al futuro

Pubblicato da Alessio  

Tutte le pandemie peggiori sono scaturite a seguito di pesanti stravolgimenti climatici e geologici; per chi volesse avere degli esempi concreti rimando all’articolo “Raffreddamenti climatici ed epidemie: uno sguardo al passato”. Tenendo conto che un nuovo raffreddamento è ormai imminente, cerchiamo di capire quali saranno i rischi dal punto di vista della salute umana. Oltre al freddo intenso, agli eventi meteo estremi, ai terremoti, in questi periodi l’alto bombardamento di raggi cosmici, dovuto alla bassissima attività solare, causa un forte aumento della concentrazione di ioni positivi in atmosfera. Lo scienziato Fred Soyka sostiene che questo fa sì che i batteri diventino altamente virulenti e invasivi. A livello generale si avrà una riacutizzazione di malattie pericolose (già “esplose” in passato) come tifo, colera, tubercolosi; nuovi picchi di malaria e malattie tropicali (Febbre Gialla, Ebola, Dengue, Zyka). Non scordiamoci ad esempio, che la tristemente famosa Peste Nera, nelle sue varianti bubbonica e polmonare, fa ancora registrare più di un migliaio di casi l’anno, (seppur in zone circoscritte del pianeta), rimanendo potenzialmente mortale se non curata per tempo. Come le altre malattie, anche la Peste Nera potrebbe manifestare una nuova fase di espansione.

Tuttavia, il pericolo più grande e ben peggiore per il nostro prossimo futuro, proviene dai super batteri. Gli epidemiologi lo temevano da tempo: il fattore MCR, un meccanismo genetico che protegge i batteri anche dagli antibiotici più potenti, è stato trovato negli Stati Uniti per la prima volta. Anzi due volte: in un campione prelevato da un maiale macellato e, quel che è ancora più preoccupante, nel corpo di un essere umano. In un rapporto pubblicato sul sito della rivista Antimicrobial Agents and Chemotherapy un gruppo di ricercatori del Dipartimento americano della Difesa riporta il caso di una donna di 49 anni che nell’aprile 2016, in Pennsylvania, si è rivolta a una clinica che lavora per l’Esercito americano lamentando quella che sembrava un’infezione all’apparato urinario. Dalle analisi è risultato che la donna era infetta da un ceppo di Escherichia Coli dotato di resistenza a un ampio spettro di farmaci. Gli studiosi hanno scoperto che il batterio in questione è portatore di 15 geni diversi che gli conferiscono resistenza agli antibiotici, raggruppati su due “elementi mobili” che possono spostarsi facilmente da un batterio all’altro. 

“È estremamente preoccupante: potrebbe trattarsi di un evento sentinella“, ha dichiarato Beth Bell, direttrice del Centro per le malattie infettive emergenti, uno dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il più importante centro di ricerca sulle patologie degli USA, che ha avviato un’inchiesta sul caso assieme ai ricercatori del Dipartimento e alle autorità sanitarie dello Stato. “C’è molto da indagare per capire se e quali altre persone possono essere state esposte all’infezione e rivelarsi portatrici del batterio resistente.” 

Il meccanismo MCR è noto solo dal novembre 2015, quando un gruppo di ricercatori cinesi e britannici ha annunciato di averlo riscontrato su persone, animali e carne in diverse aree della Cina. Da allora è stato trovato in altri 20 paesi del mondo. Il motivo di tanto allarme è che rende il batterio resistente alla colistina, l’antibiotico usato come ultima risorsa contro una vasta famiglia di batteri, i quali hanno già sviluppato resistenza a tutti gli altri farmaci. Finora la colistina ha funzionato perché si tratta di un antibiotico molto vecchio, poco prescritto ai pazienti umani per via dei suoi pesanti effetti collaterali: ecco perché i batteri non hanno avuto modo di adattarsi. Nel frattempo però, proprio per la sua estrema efficacia, la colistina ha cominciato a essere usata in agricoltura per prevenire le infezioni degli animali. Quando si è capito che il farmaco poteva tornare di nuovo utile per la salute umana, era ormai troppo tardi: la resistenza alla colistina si era già sviluppata tra gli animali e sta migrando verso gli esseri umani. 

“Siamo a un passo dal momento in cui infezioni batteriche finora considerate di routine potrebbero diventare incurabili“, dice Steven Roach del Food Animal Concerns Trust, un’organizzazione no-profit.

Inoltre, al Consiglio per la Sicurezza Europea tenutosi a Monaco di Baviera nel novembre 2016, Bill Gates ha ammonito come un’epidemia da super-batteri potrebbe esplodere molto presto, con una pericolosità tale da riuscire a provocare 30 milioni di decessi nel Mondo in meno di un anno. Un ulteriore dato allarmante riguardo i super batteri è che i normali antibatterici di uso quotidiano, potrebbero non essere in grado di sterilizzare questi organismi, e quindi permanere su bicchieri, pavimenti, mani, ecc… Di conseguenza, la malattia diverrebbe molto contagiosa. Dovesse scoppiare una tal epidemia, bisognerebbe fare le scorte di varecchina, in quanto andrebbe utilizzata, seppur diluita, anche per lavarsi le mani. O comunque se non la varecchina, utilizzare disinfettanti potenti e con alta percentuale di principio attivo. 

La domanda che uno si fa è: quando potrebbe cominciare tale pandemia? 

Di sicuro prima o poi, che sia tra 1, 10, 100 anni uscirà fuori; il super-batterio avente il meccanismo MCR già c’è ed è in circolazione. Manca la causa scatenante. Causa che probabilmente sarà lo sconquasso geo-climatico in arrivo; una volta iniziato in maniera netta, aspettiamoci di pari passo l’esplodere di un’epidemia da super-batteri. Purtroppo questa è una previsione molto plausibile e se così sarà, bisognerà prendere tutti i provvedimenti necessari: lavarsi spesso le mani con la varecchina, disinfettare sempre tutto dopo ogni utilizzo (indumenti, piatti, bicchieri, pentole), evitare luoghi affollati, tenere a distanza persone malate di cui non si conosce la causa ecc.. 

Facendo dei confronti temporali, l’epidemia di peste nera arrivò in Europa (Costantinopoli) nel 1347, 14 anni dopo la sua nascita in Cina, e impiegò circa 1 anno a diffondersi in tutto il Vecchio Continente. Bisogna ricordare come al tempo i trasporti non solo erano molto più lenti di oggi, ma le persone viaggiavano molto meno, quasi per nulla. Per un abitante di Roma era già tanto, nell’arco della sua vita, esser riuscito a vedere il mare del litorale romano. Purtroppo viviamo in un mondo globalizzato ed interconnesso, grazie ai trasporti sempre più rapidi. Di conseguenza, una simile malattia oggi come oggi ci metterebbe pochissimo a fare il giro del Mondo.

Concludendo, statisticamente così come il clima segue dei cicli, anche le pandemie sembrano seguirli. Il clima freddo, le carestie, le epidemie e le guerre/rivolte associate, ciclicamente determinano il crollo di civiltà. Ad esempio, quanto accadde nel 1300 minò pesantemente la solidità della società feudale; così, nel ‘400 ci fu l’avvento dell’Umanesimo, nel ‘500 il Rinascimento e con la scoperta dell’America, ci fu una prima rivalutazione del ruolo dell’uomo nella società e nell’Universo. Poco dopo il minimo di Maunder, si ebbe la Rivoluzione Francese, cosa che sancì definitivamente la fine della società feudale, segnando il passaggio di potere dalla monarchia per diritto divino a quello dell’oligarchia massonico-finanziaria. (per chi volesse approfondire, invito a leggere “Il Misogallo” di Vittorio Alfieri). Cosa simile, ma più rapida ed irruenta, si ebbe nel V e nel VI secolo d.C., quando tra le cause principali della caduta dell’Impero Romano d’Occidente, ci fu ancora una volta un serio raffreddamento climatico, con conseguente carestia e sviluppo di una pandemia di Peste (la fase peggiore si ebbe a seguito dell’eruzione del Llopango) Il gelo e la mancanza di terreni coltivabili, spinsero le popolazioni nord-europee a spostarsi verso sud e ad invadere i territori dell’Impero Romano. 

Oggi siamo nuovamente alla fine di un’epoca…

Alessio  

Fonte: https://www.attivitasolare.com/