Crea sito

Demoni e antichi astronauti

Gilgamesh era il Demone dell’antica Sumeria, un deceduto degli antichi astronauti? 

di Ivan 

Indubbiamente, la cultura popolare non gli rende la giustizia che merita e il suo nome diventa più inosservato di quanto dovrebbe essere. Gilgamesh è il padre di tutti gli eroi mitologici che sono stati conosciuti nella storia dell’umanità.

Era il primo

Come molte cose nella nostra cultura, anche lui ha avuto origine nell’antica Sumer, la terra considerata la culla della civiltà, nascosta nelle profondità dell’antica Mesopotamia.

 

Statua di Gilgamesh all’Università di Sydney (Samantha / Flickr / Creative Commons) 

 

Probabilmente il primo supereroe della storia, Gilgamesh ha raggiunto la fama soprattutto come il protagonista del “Poema di Gilgamesh”, chiamato anche “Epopea di Gilgamesh“.

Prove storiche suggeriscono che Gilgamesh abbia costruito le mura cittadine di Uruk per difendere il suo popolo. Gilgamesh ha combattuto contro il demone Humbaba (o Huwawa), insieme al suo ex nemico Enkidu.

Dopo aver ucciso il demone, riportarono la sua testa su Uruk su una zattera, costruita da alberi massicci. Gilgamesh ed Enkidu sconfissero anche il Toro del Paradiso inviato dalla furiosa dea Ishtar dopo che Gilgamesh si rifiutò di diventare il suo amante.

L’Epopea di Gilgamesh, (che si ritiene sia stata scritta intorno al 2150-1400 a.C.), la grande opera poetica sumera, è considerata la più antica opera di letteratura epica mondiale.

Precede gli scritti di Omero di almeno 1.500 anni.

Il primo poema epico che è conservato negli annali della storia, racconta le sue avventure e la ricerca dell’immortalità dopo la morte del suo amico Enkidu.

Si ritiene che l’epopea sia stata scritta approssimativamente nell’anno 2500 a.C., fatta in modo di sopravvivere alla storia incarnata in tavolette d’argilla.

La storia lo colloca come l’eroe principale, un re crudele e lussurioso, che dormiva con donne appena sposate prima di consumare il matrimonio con i loro mariti.

L’antica Lista dei Re Sumeri ci dice molte cose su Gilgamesh.

Secondo la lista storica, Gilgamesh era il figlio della dea Ninsun e un sacerdote di nome Lillah ed era il sovrano del distretto di Kulab e il quinto re della città di Uruk intorno al 2750 a.C. Gilgamesh era a due terzi dio da sua madre, la dea Ninsun e un terzo umano da suo padre.

Nella mitologia sumera, Ninsun è la figlia delle divinità Anu e Uras. Ninsun è stato anche collegato a divinità più antiche poiché si ritiene che sia la loro reincarnazione.

Secondo “Viaggio di Pabilsag a Nibru“, Ninsun era originariamente chiamata Nininsina. Secondo l’antico testo babilonese, Nininsina sposò Pabilsag vicino a una riva del fiume e diede alla luce Damu come risultato dell’unione.

È succeduto al re Lugalbanda e regnò per 126 anni e poi lasciò il trono al figlio Ur-Nungal, che regnò per 30 anni.

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

GILGAMESH THE KING

La prima vera Opera Letteraria della Storia

Il mito di Gilgames

Gilgamesh – Il senso della vita

Un fortuito ritrovamento

ENUMA ELISH IL MITO DELLA CREAZIONE

®wld

Tra Storia, Scienza e Conoscenza

Gli scienziati confermano: “Le persone assorbono energia dagli altri” 

di Ivan

Uno studio condotto da scienziati dell’Università di Bielefeld ha dimostrato come le piante possano estrarre una fonte alternativa di energia da altre piante.

Questa scoperta, dicono gli esperti, potrebbe avere un impatto importante sul futuro della bioenergia e su come la intendiamo, e infine, fornendo prove che dimostrino che anche le persone hanno la “capacità” di attingere energia dagli altri allo stesso modo.

In altre parole, significa che le persone possono assorbire energia dagli altri che li circondano.

Quindi la prossima volta, quando incontrerai qualcuno di nuovo e proverai quella sensazione come se fossi circondato da energia negativa, potresti effettivamente essere sopra qualcosa. 

Il professor Dr. Olaf Kruse e il suo team di ricerca biologica hanno scoperto che l’alga verde Chlamydomonas Reinhardtii, non solo si impegna nella fotosintesi ma “si nutre di una fonte alternativa di energia”, il che significa che ha l’abilità di attirarla da altre piante.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications.

Come spiegato dallo psicologo e dall’energia curativa del Dr. Olivia Bader-Lee, i fiori hanno bisogno di acqua e luce per crescere e le persone non sono così diverse dalla vita che ci circonda. I nostri corpi fisici sono come spugne e possiamo assorbire dall’ambiente. 

Il dott. Bader-Lee afferma che: “questo è esattamente il motivo per cui ci sono alcune persone che si sentono a disagio in gruppi specifici in cui c’è una miscela di energia ed emozioni”. 

Come notato dal Dr. Kruse, le piante si impegnano nella fotosintesi del biossido di carbonio, dell’acqua e della luce. 

Gli esperti sono riusciti a mostrare attraverso una serie di esperimenti, coltivando Chlamydomonas reinhardtii, che, di fronte a una carenza di energia, queste piante a cellula singola assorbivano energia dalla cellulosa vegetale adiacente. 

L’alga può secernere enzimi che “digeriscono” la cellulosa e scomporla in componenti più piccoli.

Successivamente, i componenti vengono trasportati nelle cellule e trasformati in una fonte di energia, consentendo all’alga di continuare a crescere.

il professor Kruse afferma che: “Questa è la prima volta che un tale comportamento è stato verificato in un organismo vegetale”. 

“Che le alghe possano digerire la cellulosa contraddice ogni precedente libro di testo. In una certa misura, ciò che stiamo vedendo sono piante che si nutrono di altre piante”. 

Poiché questo è stato osservato per la prima volta nel reinhardtii di Chlamydomonas, i ricercatori stanno espandendo il loro studio e cercando meccanismi simili in altri tipi di alghe. 

I ricercatori osservano che i risultati preliminari indicano che questo è il caso. 

Bader-Lee ha affermato: “Nel prossimo futuro, quando gli studi sull’energia saranno più avanzati  alla fine lo vedremo tradotto anche agli esseri umani”. 

“L’organismo umano è simile a una pianta, ha la capacità di attingere l’energia necessaria per alimentare gli stati emotivi e questo può essenzialmente eccitare le cellule o causare aumenti nel cortisolo e catabolizzare le cellule a seconda dell’innesco emotivo.”  

Gli umani sono come le piante, e lo stesso accade con il corpo umano 

Il Dr. Bader-Lee crede che lo stesso possa essere applicato agli umani. 

il dott. Bader-Lee spiega che “nei prossimi anni quando gli studi sull’energia saranno più avanzati, si avrà la possibilità di vedere nel tempo che questo sarà tradotto anche per gli umani”.

“L’organismo umano è molto simile a una pianta, che prende l’energia necessaria per nutrire gli stati emotivi e questa essenza può energizzare le cellule o causare un aumento di cortisolo e catabolizzare le cellule a seconda dell’innesco emotivo”. Fonte: Comunicazioni della natura 

Riferimento: le persone possono attingere energia da altre persone nello stesso modo in cui le piante fanno / MICHAEL FORRESTER, 2012. 

Fonte: https://www.ancient-code.com/ 

 

La NASA farà un grande annuncio dopo che l’intelligenza artificiale di Google cacciando il pianeta alieno lo ha scoperto  

La NASA è pronta a tenere un ‘importante conferenza stampa dopo che il suo telescopio per la caccia al pianeta, e che ha collaborato con l’Intelligenza Artificiale di Google, ha fatto un grande passo avanti. 

L’agenzia ha scritto sul loro sito web: la NASA ospiterà una teleconferenza multimediale alle 13:00 EST giovedì 14 dicembre, per annunciare l’ultima scoperta fatta dal suo telescopio spaziale Kepler. 

Il telescopio spaziale Kepler della NASA è uno degli strumenti più rispettati e usati dagli astronomi per la caccia dei pianeti,alla ricerca di una vita aliena e di mondi simili alla Terra. 

Il Kepler Space Telescope è stato lanciato nello spazio nel 2009 quando gli astronomi non erano a conoscenza del numero di pianeti extrasolari che esistevano altrove nel cosmo. Con sorpresa di molti, in quasi nove anni, ha dimostrato che i pianeti sono molto comuni nell’universo e che ogni stella può avere almeno un pianeta in orbita attorno a essa. 

Di recente, la NASA ha fatto un nuovo passo avanti, uno che è abbastanza significativo da meritare una conferenza stampa importante.

Nonostante il fatto che sulla stampa siano state fornite pochissime informazioni sulla natura della scoperta, gli scienziati ritengono che sia molto probabilmente legato ai mondi extraterrestri alieni in orbita a stelle lontane, e una delle nostre migliori possibilità di trovare pianeti simili alla Terra. 

in un comunicato stampa rilasciato di recente, i funzionari della NASA hanno scritto: “la scoperta è stata fatta da ricercatori che hanno utilizzato l’apprendimento automatico di Google. L’apprendimento automatico è un approccio all’intelligenza artificiale e dimostra nuovi modi di analizzare i dati di Kepler”. 

Secondo la NASA, la scoperta è stata fatta in collaborazione con l’Intelligenza Artificiale di Google, che è stata citata in giudizio da esperti per analizzare le informazioni raccolte da diversi telescopi. 

La NASA spera che, usando l’Intelligenza Artificiale, possa combattere attraverso diverse scoperte e identificare i possibili pianeti extrasolari più rapidamente, e speriamo di trovare un altro pianeta altrove nell’universo che possa supportare la vita così come la conosciamo. 

Secondo la NASA, quattro ingegneri e scienziati prenderanno parte alla conferenza stampa, tra cui Paul Hertz, che guida la divisione di astrofisica della Nasa, un ingegnere informatico esperto di Google e due scienziati. 

Recentemente, il telescopio ha iniziato a lavorare sul suo nuovo progetto chiamato K2, il cui obiettivo principale è quello di cercare gli esopianeti, cercando e analizzando anche diversi fenomeni cosmici.

Ciò significa che un’enorme quantità di informazioni deve essere elaborata dagli astronomi, che hanno scoperto che il nostro universo pullula di pianeti che potrebbero, almeno teoricamente, supportare la vita aliena. 

Molte simili scoperte pionieristiche sono state annunciate in conferenze stampa analoghe tenute dalla NASA in passato.

Questo è il motivo per cui molte persone si aspettano che l’ultima scoperta della NASA sarà di grande importanza.

Nonostante molti si aspettino che la conferenza stampa faccia un annuncio relativo agli esopianeti, molti credono che la NASA possa annunciare la scoperta della vita aliena. 

Questo, tuttavia, è altamente improbabile.

L’audio e le immagini della teleconferenza verranno trasmesse in streaming all’indirizzo: https://www.nasa.gov/live  

Fonte: https://www.ancient-code.com/

 

 

L’enigmatica “città” antica di Midas, costruita dai Frigi quasi 3000 anni fa

È una città antica di 3.000 anni, non è una città. Si dice che sia l’eterno luogo di riposo di Re Mida, il personaggio mitico ricordato nella mitologia greca per la sua capacità di trasformare in oro tutto ciò che toccava.

Situato nella provincia turca di Eskisehir, c’è un sito archeologico soprannominato Yazilikaya, che letteralmente significa roccia incisa. Tuttavia, è indicato anche come la città di Midas. 

Si crede che i Frigi lo abbiano costruito tra l’VIII e il VII secolo aC, sebbene gli archeologi sospettano che potrebbe essere molto più antico. 

La cosa più curiosa è che, sebbene sia chiamata una città, non c’erano mai case lì. 

Piuttosto, era un antico centro religioso dell’epoca. 

Guardando indietro nella storia 

I frigi erano un antico popolo indo-europeo che, secondo Erodoto, abitava il sud dei Balcani. 

Nell’VIII secolo, emigrarono in Anatolia, dove fondarono la loro capitale a Gordio (in cui secoli dopo ebbe luogo il famoso episodio del taglio del nodo gordiano di Alessandro Magno). 

Il più antico re mitico dei Frigi era Midas, un personaggio dal quale non ci sono prove archeologiche, ma che appare nei miti greci più tardi come l’uomo che tutto ciò che toccava, trasformato in oro. 

Tuttavia, ci sono riferimenti a un re che “si adatta alle sue descrizioni” in fonti assire dell’VIII secolo aC, che lo ritraggono come un alleato di Sargon II nel 709 aC. 

È interessante notare che i re frigi successivi furono chiamati Mida o Gordia, il che potrebbe indicare che Midas potrebbe essere stato un titolo e non un nome. 

Intorno allo stesso tempo, i Frigi costruirono la loro capitale a Gordio e installarono il loro centro religioso a Yazilikaya. 

Non si sa per certo se quando sono arrivati, le grotte, le gallerie e le scalinate erano già lì. 

Gli studiosi non sono in grado di verificare che fosse già un luogo sacro quando i frigi arrivarono lì, o se quell’aspetto fosse dato dai nuovi abitanti. 

I fatto è che l’hanno trasformato in una sorta di santuario e hanno cominciato ad adornarlo con nuove costruzioni, scavando e inscrivendo nuovi elementi nelle rocce circostanti.

Phrygia Yazilikaya and the cave houses in ancient Midas City, Eskisehir, Turkey. Image Credit: Shutterstock

 La tomba di ‘Midas’ 

Uno dei monumenti più famosi del sito è la cosiddetta Tomba di Midas.

È un monumento, che non è mai stato dimostrato essere una tomba, ed è composto da una facciata scavata nella roccia alta 20 metri e larga 16. 

Presenta una porta falsa, oggi parzialmente distrutta dai saccheggiatori, che devono aver pensato che qualcosa doveva esserci dietro, e un’iscrizione nella parte superiore, perfettamente leggibile e consistente in una dedica

Scritto in antico frigio, dice l’iscrizione; “Da Ates, figlio di Arkias, a Mida”.

Sulle pareti della nicchia inferiore, c’è anche una piccola iscrizione che dice Matar (madre) e probabilmente si riferisce alla dea Cibeles, la cui immagine potrebbe essersi trovata una volta lì. 

Solo una leggenda?  

Ciò a cui il mondo fa riferimento Midas rimane un mistero oggi.

Se prestiamo attenzione alle fonti, Midas fu sepolto sotto un enorme tumulo vicino a Gordio.

È interessante notare che gli scavi effettuati negli anni ’90 non hanno trovato una sola traccia di sepolture lì, né in nessun altro posto nella zona per quella materia.

Tuttavia, una delle cose più affascinanti e strane è che, se sali fino al punto più alto della città, vedrai centinaia di scale scavate nelle rocce circostanti, che portano a vicoli ciechi o semplicemente scompariranno sotto il terra. 

Gli archeologi hanno trovato un numero di altari sparsi e troni a gradoni. 

Molti studiosi ritengono che questi siano percorsi cerimoniali, che hanno svolto un ruolo importante nel culto religioso dell’area.

Le scale che sono state costruite conducono letteralmente nel punto di terra verso tunnel e camere sotterranee, interconnesse tra loro, che alcuni archeologi ritengono siano state usate come “cisterne” per immagazzinare l’acqua, anche se diversi autori ritengono di avere una ragione diversa e più profonda.

La maggior parte di questi passaggi sono bloccati da terra e rocce che si sono accumulate nel corso dei secoli e non sono mai state scavate.

Città sotterranee?

The ancient ‘tunnels’ which lead to the underground. Image Credit: Shutterstock

Nonostante il fatto che ci siano numerosi autori che credono possa esserci un qualche tipo di collegamento con le numerose città sotterranee trovate in Turchia negli ultimi decenni, non dimentichiamo che i Frigi, come molte altre antiche culture, credevano che i loro dei vivessero all’interno del montagne, o all’interno della Terra, e le gallerie che portavano dentro erano passaggi per il divino mondo sotterraneo 

Fonte: https://www.ancient-code.com/ 

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Frammenti dal passato

I 5 libri antichi “controversi” che potrebbero distruggere le fondamenta della storia

Nel corso degli anni, gli archeologi hanno incontrato incredibili scoperte. Alcune di queste scoperte sono manoscritti antichi che sono stati trovati per ritrarre la storia da un diverso punto di vista. Un punto di vista controverso.

Nemerosi libri antichi raccontano un lato diverso della storia. Un lato diverso delle origini umane e un lato diverso delle capacità umane. Questi testi antichi, di solito considerati di natura mitologica, si oppongono a quasi tutti gli studiosi e la storia moderna.

Alcuni di loro sono parzialmente accettati, mentre alcune delle loro pagine sono state soprannominate miti perché scuotono le fondamenta stesse di ciò che sappiamo della nostra civiltà.

Purtroppo, mentre questi libri sono reali e fanno parte della storia, la storia che ci è stata insegnata nel corso degli anni li ha ignorati del tutto.

Questo è il motivo per cui in questo articolo ti porterò in un viaggio e ti presenterò cinque libri antichi che sono sia controversi che affascinanti e potrebbero scuotere la comprensione stessa della storia umana.

Li trovo oltremodo affascinanti.

Uno dei miei libri preferiti è il cosiddetto libro di Thoth. È un libro sacro che, secondo le antiche credenze egizie, non solo offre una conoscenza illimitata, ma la leggenda dice che chiunque legga il conten

uto può contenere i mezzi per decifrare i segreti e dominare la terra, il mare, l’aria e i corpi celesti. I documenti storici ci dicono che il libro era una raccolta di antichi testi egizi scritti da Thoth, l’antico dio egizio della scrittura e della conoscenza.

Il libro di Thoth appare frammentato in vari papiri, la maggior parte del secondo secolo al periodo tolemaico.

La Bibbia di Kolbrin è un altro affascinante libro antico che si ritiene sia stato scritto circa 3.600 anni fa.

Questo antico libro è indicato come il primo documento giudaico / cristiano che spiega la comprensione dell’evoluzione umana, del creazionismo e del design intelligente. Alcuni studiosi sostengono che questo antico libro fu scritto insieme all’Antico Testamento.

Vari autori hanno partecipato alla sua creazione e la Bibbia di Kolbrin è composta da due parti principali che costituiscono un totale di 11 libri antichi.

Il libro di Enoch è un altro libro che molti autori hanno inserito nella categoria dubbia o controversa. Il libro di Enoch è un antico manoscritto religioso ebraico che viene fatto risalire a Enoch, il bisnonno di Noè.

Il Libro di Enoch è considerato da molti uno degli scritti apocrifi non canonici più influenti.

Inoltre, si ritiene che questo libro abbia influenzato in modo significativo le credenze cristiane.

Si ritiene che il cosiddetto Libro dei Giganti sia stato composto circa 2000 anni fa. È stato trovato nelle grotte di Qumran dove i ricercatori hanno trovato i rotoli del Mar Morto. Nello specifico, il Libro dei Giganti parla di creature che hanno abitato il nostro pianeta nel lontano passato e di come sono state distrutte. Secondo il testo antico, i Giganti – I Nephilim – si sono resi conto che, a causa dei loro violenti atti, affrontarono un’imminente distruzione. Chiesero a Enoc di parlare a nome loro a Dio.

L’Ars Notoria è uno dei libri più controversi e misteriosi mai creati.

Secondo la leggenda, questo antico libro è una miscela di contenuti mistici, storici e sensazionali che promette di insegnare le abilità sovrumane a coloro che seguono ciò che è scritto. L’Ars Notoria appartiene alla Chiave Minore di Salomone. È un grimorio anonimo (o libro degli incantesimi) sulla demonologia. I suoi centoquarantaquattro incantesimi furono creati a metà del XVII secolo, per lo più da materiali vecchi di secoli. L’Ars Notoria contiene una serie di preghiere e sono state scritte in diverse lingue, tra cui ebraico, greco e latino.

fONTE: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Articoli correlati:

Il libro di bronzo – Colebrook

Bibbia Kolbrin-Il Libro di Enoch-Il Libro dei Giganti

Gilgamesh – Il senso della vita

 Gilgamesh, l’antico alieno trovato sepolto in Iraq

June 26, 2017
from YouTube Website 

Molti scritti attribuirono alla leggenda quello che circonda il grande antico re di Uruk, e molte delle città della mitologia.
 

La città di Uruk è stata dichiarata famosa come la capitale dell’antico re Gilgamesh, governatore e eroe dell’omonima epopea.

Si ritiene che Uruk fosse la Erech biblica da Genesi 10:10, la seconda città fondata da Nimrod in Shinar. 
 

L’epopea di Gilgamesh – scritta da uno studioso mediorientale di 2.500 anni prima della nascita di Cristo – commemora la vita del governatore della città di Uruk, da cui l’Iraq ottiene il suo nome. 

Uruk ha attraversato diverse fasi di crescita, dall’antico periodo della sua nascita (4000-3500 a.C) fino al periodo della sua fine (3500-3100 a.C). 

Si dice che la città sia stata costituita quando due piccoli insediamenti a Ubaid si sono fusi. I complessi del tempio e i loro nuclei sono diventati il ​​Distretto di Eanna e il Distretto di Anu dedicati rispettivamente a Inanna e Anu. 
 

Nel 2003, poco prima dell’invasione irachena che ha rovesciato Hussein, furono fatte sorprendenti scoperte in Iraq, culminando in una delle affermazioni più straordinarie avvenute da secoli

Una critica e stata fatta alle forze americane, e fortemente accusate di confisca, diventando poi il principale sospetto della forza trainante di una completa soppressione di queste scoperte sorprendenti all’interno del paese.

Nell’aprile del 2003, Jorg Fassbinder, del dipartimento bavarese per Monumenti Storici, a Monaco di Baviera, ha dichiarato al programma della Scienza della BBC World Service, questa citazione,

“Non voglio dire definitivamente che fosse la tomba del re Gilgamesh, ma sembra molto simile a quella descritta nell’epopea”.

Fassbinder ha detto: “abbiamo trovato appena fuori città in una zona nel mezzo dell’ex fiume Eufrate i resti di un edificio che potrebbe essere interpretato come sepoltura”.

Nel libro, Gilgamesh è descritto come stato sepolto sotto l’Eufrate, in una tomba apparentemente costruita a seguito della sua morte quando le acque dell’antico fiume si separarono.

Fassbinder ha detto che l’incredibile scoperta della città antica sotto il deserto iracheno era stata resa possibile dalla tecnologia moderna.

“La cosa più sorprendente è che abbiamo trovato strutture già descritte da Gilgamesh”, ha dichiarato Fassbinder.

“Abbiamo coperto più di 100 ettari, abbiamo trovato strutture del giardino e strutture del campo come descritto nell’epica, e abbiamo trovato case babilonesi”.

Inoltre ha detto che la scoperta più sorprendente era un sistema incredibilmente sofisticato di canali.

Era prevedibile che la storia stesse in silenzio … a causa di conflitti all’interno del paese e in gran parte si credeva che gli scavi fossero stati fermati,

Tuttavia, sembra che la scoperta del re Gilgamesh non possa essere stata fatta in forma sottaciuta, anche perché sembra che alcuni spettatori siano stati in grado di registrare l’evento.

Questo filmato è stato presumibilmente pubblicato in numerosi luoghi attraverso Internet, ed è stato in gran parte messo giù come ripresa autentica della ricerca, poco dopo questo sono stati fatti dei rapporti che affermano che le forze americane si sono trasferite e sequestrato la scoperta.

Perché le potenze che si sentono in grado di sopprimere tali scoperte, scoperte di vere e proprie tombe di personaggi lungamente pensati per essere mitici?

La tragedia di Osiride è solo un esempio di molti che sono senza dubbio ancora nascosti al pubblico. Forse alcuni indizi sono il motivo per cui la sua tomba è stata nascosta, si trovano solo nell’epica di Gilgamesh, e così le sue immense potenze possedute.

Era il 5° re di Uruk e il suo potere era così potente, molti credono che le storie che lo circondano siano solo miti, costruiti intorno alla sua forza e resistenza apparentemente superiore.

Tuttavia, seri studiosi hanno concluso che la storia di Gilgamesh non è altro che una favola a causa della sua storia stupefacente.

In The Epic il grande re viene considerato dagli dei essere troppo orgoglioso e arrogante e così decidono di darle una lezione, mandandole un uomo selvaggio, Enkidu, per umiliarlo.

Enkidu e Gilgamesh, dopo una feroce battaglia in cui nessuno è risultato vincitore, diventano amici e insieme intraprendono molte avventure.

Quando Enkidu è colpito dalla morte, Gilgamesh cade in un profondo dolore e, riconoscendo la propria mortalità per la morte del suo amico, si interroga sul senso della vita e del valore della realizzazione umana di fronte alla finale estinzione.

Togliendo e eliminando via tutta la sua vecchia vanità e l’orgoglio, Gilgamesh si mette alla ricerca per trovare il senso della vita e, infine, in un certo modo sconfiggere la morte. In tal modo, diventa il primo eroe epico della letteratura mondiale.

Il dolore di Gilgamesh e le domande che la morte del suo amico evocano risuonano in ogni essere umano che ha lottato con il senso della vita di fronte alla morte.

Anche se Gilgamesh nella storia non riesce a vincere la morte per avere l’immortalità, le sue opere vivono attraverso la parola scritta e, lo fa così.

  • È questo il filmato sotto vuoto della tomba di Gilgamesh?
  • Indipendentemente dalla sua autenticità, perché tutta questa segretezza?
  • Siamo come una specie incapace di essere presentata con cose che provano le nostre credenze fondamentali, senza esplodere nel caos?

Sembra che per ora dobbiamo ancora aspettare di scoprirle … 

Video

http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

 Articoli correlati:

La prima vera Opera Letteraria della Storia 

Il mito di Gilgames 

Un fortuito ritrovamento 

GILGAMESH THE KING

Ashoka – 226 a.C.

I Nove Sconosciuti di Ashoka

Kerry Sullivan ha una Laurea in Scienze e Arti e attualmente è uno scrittore indipendente che approfondisce argomenti su temi religiosi e politici della storia.

In India c’è una legenda che tutti conoscono su un’organizzazione segreta che si suppone abbia una grande quantità di conoscenze avanzate.

Si crede che fu formata più di 2000 anni fa. C’è un forte sospetto sul fatto che i Nove Sconosciuti manipolino le tendenze politiche e sociali per ottenere obiettivi personali.

Un’organizzazione così segreta, però, è una realtà o semplicemente una leggenda?

Storia dell’Origine

La società dei Nove Sconosciuti fu formata poco dopo il 226 a.C. dall’imperatoreAshoka

Nipote del leggendario imperatore Chandragupta che unificò il subcontinente indiano, Ashoka era ansioso di mantenere l’eredità di suo nonno e di mantenere l’impero.

Nella regione tra Calcutta e Madras, i Kalingan resistettero al dominio imperiale, scatenando una guerra totale. Le forze di Ashoka, in numero superiore, uccisero più di 1.000.000 guerrieri di Kalinga e deportarono dalla regione più di 150.000 abitanti.

Nonostante avesse vinto la guerra, Ashoka era terrorizzato dalla carneficina che una tale vittoria portava con sé.

Da allora giurò di non utilizzare più la violenza.

  Un bassorilievo dell’India che potrebbe rappresentare  Ashoka al centro. Amaravati, distretto di Guntur, India. (CC BY SA 3.0) 

L’imperatore Ashoka è più conosciuto per la sua conversione al buddismo e per i suoi sforzi per diffondere la religione pacifica in tutta l’India, la Malesi, Cylon e l’Indonesia.

I suoi sforzi contribuirono all’espansione posteriore del buddismo verso la Cina, il Nepal, il Tibet e la Mongolia. Ashoka fu in vegetariano convinto ma non obbligò nessuno a farlo. In effetti era molto tollerante con le altre religioni.

Egli proibì comunque l’uso dell’alcool.

La cosa più importante fu:

“rinunciare all’idea di cercare di integrare le persone ribelli, dichiarando che l’unica vera conquista era quella di guadagnare i cuori degli uomini attraverso l’osservanza delle leggi sul lavoro e la pietà perché la sacra Maestà desidera che tutti gli esseri vivi godano della sicurezza, della pace e della felicità e di essere liberi per vivere a loro piacimento.”

Pauwels y Bergier

L’imperatore mise molto impegno in questa missione in cui cercò di impedire ai suoi simili di mettere la propria intelligenza al servizio del male, soprattutto quello che riguardava la guerra.

Il compito di prendere, conservare e mantenere tutta la conoscenza era troppo grande perché un imperatore lo facesse da solo, e non era meno importante, rispetto ai compiti necessari a governare un impero.

Fu così che Ashoka convocò nove delle menti più brillanti dell’India di quel tempo. Per ragioni di sicurezza, l’identità di questi uomini non fu mai resa pubblica.

Tutti insieme, questi geni formarono una società segreta che fu conosciuta come i Nove Sconosciuti.

L’inviato di Ashoka dichiara la pace.Esempio dalla storia delle Nazioni di Hutchinson. (Dominio pubblico) 

L’organizzazione riunì tutte le conoscenze scientifiche possibili, da scienze naturali a psicologia, fino alla composizione della materia

Con il timore che se gli uomini ordinari avessero ricevuto la conoscenza scientifica l’avrebbero utilizzata per distruggersi, fu permesso solo ai nove uomini di studiare e sviluppare le teorie scientifiche e la tecnologia.

Per svolgere meglio questo compito di enormi proporzioni, ognuno dei nove uomini fu incaricato di tenere un libro in particolare che egli avrebbe dovuto aggiornare, rivedere e in ultima istanza perfezionare la conoscenza.

Quando uno dei nove non poteva portare a termine il suo compito – per il desiderio di ritirarssi, per la precarietà della sua salute o per morte – l’incarico passava a un nuovo eletto.

Il numero dei membri della società è stato sempre di nove

Si suppone quindi che la società dei Nove Sconosciuti ha vissuto da oltre 2000 anni.

Il Libro del 1923 

Le congetture sul contenuto di ognuno dei nove libri varia molto.

Talbot Mundy, una scrittore inglese ha pubblicato un libro dal titolo The Nine Unknown Men nel 1923 e conteneva una lista dei nove libri.

Questa lista è stata accettata da tutti.

1) Propaganda: Il primo libro riguardava le tecniche di propaganda e di guerra psicologica. “La più pericolosa di tutte le scienze è quella di manipolare l’opinione delle masse poiché permetterebbe a qualsiasi persona di governare il mondo intero”. Questo secondo Mundy.

2) Fisiologia: Il secondo libro riguarda la fisiologia e spiega come uccidere una persona solo toccandola, conosciuto come “il tocco della morte” e si può seguendo semplicemente un impulso nervoso. Si dice che l’arte marziale dello judo sia il risultato “di elementi fuoriusciti” dal secondo libro.

3) Microbiologia: Il terzo volume riguarda la microbiologia e la biotecnologia.

4) Alchimia: Il quarto libro riguarda l’alchimia e la trasmutazione dei metalli. Secondo un’altra leggenda, in periodi di grande siccità, templi religiosi e organizzazioni di aiuto ricevettero grandi quantità di oro da una “fonte segreta

5) Comunicazione: Il quinto libro riguardava uno studio di tutti i mezzi di comunicazione, terrestre ed extraterrestre. Si deduce che i nove uomini sconosciuti sapessero della presenza extraterrestre.

6) Gravità: Il sesto libro riguarda i segreti della gravità e le istruzioni reali su come utilizzare gli antichiVimanas vedici, (come Vaiminika Shastra nella tecnologia aerospaziale).

7) Cosmogonia: Il settimo libro riguarda la settima cosmogonia e le materie dell’universo.

8) Luce: L’ottavo libro riguarda la luce compresa la velocità e la forma in cui utilizzarla come un’arma.

9) Sociologia: Il nono e ultimo libro riguarda la sociologia. Comprende regole per l’evoluzione delle società e i meodi per predire la loro decadenza.

(Mundy riassunto da Ancient Explorers)

Mito o Realtà? 

Sono stati reali i Nove Uomini Sconosciuti?

Ashoka avrebbe potuto sicuramente chiedere a nove uomini dall’identità sconosciuta di riunire la conoscenza scientifica soprattutto per quello che riguardava la la sua applicazione alla guerra. Quello è stato un tempo molto frammentario e si sa di altri imperatori che hanno avuto l’idea di una simile iniziativa.

Quegli uomini possono aver studiato le tattiche belliche di diversi imperi ed essersi esercitati fabbricando armi, l’uso dei cavalli/elefanti e forse anche l’uso della polvere da sparo.

Un gruppo antico, però, che vive in segreto per più di 2000 anni, mentre controlla gli avvenimenti mondiali dalle selve remote dell’India senza una minima quantità di armamentari moderni, di infrastrutture o tecnologia, è difficile da credere.

Per molti, la leggenda è solo una leggenda…

Fonti 

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Levitazione

L’inspiegabile Le antiche civiltà “levitano” i massi per costruire monumenti massicci?

È sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche? E se lo fossero, è possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

L’idea che antiche civiltà in tutto il mondo abbiano potuto trasportare blocchi supermassivi di pietre ha colto per anni gli interessi degli autori, dei ricercatori, degli ingegneri e del grande pubblico.

E’ possibile che antiche culture che hanno abitato la Terra migliaia di anni fa avessero la capacità di spostare blocchi di pietra che pesano 50, 70 o 100 tonnellate?

Inoltre, come sono stati in grado di posizionare queste enormi pietre con estrema precisione facendole aderire con massi più grandi?

Oggi, quando gli ingegneri vogliono trasportare blocchi supermassivi di pietra, hanno bisogno di super macchine. Per noi spostare un masso da 50 tonnellate utilizziamo una serie di strumenti diversi. Tra le altre cose, oggi vengono utilizzate delle gru, prese idrauliche, travi e travi in ​​acciaio quando i costruttori devono spostare i massi pesanti.

Così, la domanda è: come fecero gli antichi popoli presenti sulla Terra migliaia di anni fa a costruire siti come Puma Punku, Ollantaytambo, Baalbek, Teotihuacan e le Piramidi di Giza?

Se diamo un’occhiata a Baalbek in Libano, troveremo il tempio di Giove che contiene TRE delle pietre più alte del mondo. Uno solo di questi massi strepitosi pesa 1.000 tonnellate. Come gli hanno spostati?

Va bene, diciamo che in qualche modo sono riusciti a farlo, ma se andiamo in Bolivia troveremo la stessa cosa più e più volte. Puma Punku contiene alcuni dei blocchi più grandi mai tagliati pesanti 100 tonnellate che si crede siano stati realizzati oltre 2000 anni fa.

Ma Baalbek e Puma Punku non sono gli unici siti della Terra che hanno pietre massicce. Se andiamo in Africa, noteremo che l’altopiano di Giza è qualcosa da missione impossibile. La Grande Piramide di Giza è costituita da uno spettacolare 2,3milioni di blocchi. Quello che è ancora più sorprendente è che il peso della piramide è stimato a 5.955.000 tonnellate. Moltiplicato per 10 ^ 8 fornisce una stima ragionevole della massa terrestre. Alcune delle più grandi pietre di granito si trovano nella camera del Re e pesano tra 25 e 80 tonnellate ciascuna. Questi massicci blocchi di pietra sono stati trasportati da Aswan, a oltre 800 chilometri di distanza.

Questi blocchi di pietra hanno sconcertato esperti, autori e il pubblico per decenni. È possibile che i nostri antichi antenati conoscessero i segreti della levitazione? Una tecnologia che da allora è stata persa nel tempo e nello spazio?  O era tutto fatto con una gigantesca forza lavoro?

È forse sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche?

E se fosse vero? E’ possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

E se non fosse una tecnologia perduta o se NON trovarono i segreti della “levitazione” in che modo avrebbero potuto e creare sulla terra dei monumenti supermassivi?

Il segreto può risiedere nell’acustica

La domanda ovvia è … Come è possibile che una cultura vecchia di 10.000 anni potesse spostare pietre pesanti più di 50 tonnellate?

Curiosamente, tutti i siti antichi che sono caratterizzati da pietre MASSIVE hanno una cosa in comune: ci sono storie, leggende che dicono che queste sono state costruite dagli Dei.

Quindi, pensandoci … gli Dei arrivarono letteralmente sulla Terra per spostare pietre MASSIVE? O qui c’è qualcosa di più riguardo alla storia?

Ci sono diversi antichi miti che parlano di pietre massicce che si muovono in posizione orizzontale con l’aiuto del suono. La potenza del suono ha contribuito a far levitare i blocchi di pietre mettendoli in posizione.

Le leggende di Stonehenge parlano di levitazione e di come le massicce pietre utilizzate nella sua costruzione siano state trasportate da grandi distanze con l’aiuto della levitazione.

Curiosamente, si dice che nelle antiche leggende boliviane, ci raccontano di simili fatti come quello che sta dietro la costruzione di Puma Punku.

Ancora più interessante è il fatto che, secondo lo storico Erodoto Greco, gli Egiziani avrebbero preso conoscenza dagli “Dei” su come posizionare massicci calcarei di pietra, per costruire la grande piramide di Giza.

È tutto legato al suono?

Come può aiutare il suono a spostare oggetti? Questa è fantascienza, giusto? Non proprio. Mentre la tecnologia si muove in avanti così fanno i limiti di ciò che è possibile e non.

Un fascio di traino acustico mono-direzionale è già stato inventato e può ELEVARE e TIRARE un oggetto utilizzando solo le onde sonore da una direzione.

Ecco il video:

https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: https://ningishzidda.altervista.org/  

 Articoli correlati:   

Baalbek: la prova finale

L’Eldorado degli Anunnaki 

La nanotecnologia dell’antico Egitto

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

Il conflitto segreto del nostro mondo
La storia ignorata

Dal libro “The Cosmic Portale Orion”
Ricardo González
marzo 2017
Sito LegadoCosmico

Le guerre dell’antico passato sono state extraterrestri?

Un lungo manoscritto appartenente alla straordinaria e più completa scoperta del Mar Morto nel 1947, parla di una guerra tra i “figli della luce e i figli delle tenebre.”

La cosa interessante è che il manoscritto non solo anticipa la guerra fatta dagli umani – e che, alla luce del globale quadro corrente è non del tutto lontano – inverosimile – ma anche esseri divini si sono impegnati e confrontati contro un nemico molto oscuro:

“I Figli della luce che lottano contro i figli delle tenebre con una dimostrazione della potenza divina, in mezzo a un tumulto fragoroso, tra grida di dèi e degli uomini”.

Dei e uomini … da quanto siamo coinvolti nelle vicende di questi “dei”?

Secondo l’antico Mahabharata, un lungo testo indiano e presumibilmente epico “mitologico”, ci racconta di una feroce battaglia avvenuta nei cieli della Terra. Non a caso, questo documento, un lavoro monumentale, un centinaio di migliaia di versi, racconta di una “Grande Guerra”.

La vincitrice di questa guerra è stata la potente Indra, che ha combattuto con il suo veicolo alato, gli asura che si nascondevano tra le “nuvole” …

Gli inni del Rig Veda hanno descritto la “divinità”:

“Avanzavamo senza paura in un combattimento cruento, distruggendo castello dopo castello con la tua forza. Si Indra, con il tuo amico, hai reso il tuo nemico inoffensivo, hai tenuto lontano l’astuto Namuchi. Tu che hai dato la morte a Arancione, Parnaya … Tu che hai distrutto le cento città di Vangrida.

Hai shoccato le nobili creste del cielo quando, hanno osato far male a Sambara.

“Tornando al Mahabharata, si legge che Maia, un’altra curiosa “divinità” indù, ha costruito una grande macchina di metallo ed è stata portata in cielo …

Ciascuno degli “dei” come Indra, Yama, Varuna, Kuvera e Brama, avevano uno di queste macchine volanti metalliche chiamate “Vimana“.

Questi veicoli cosmici venivano modellati a forma di razzo, e navigavano nei cieli per l’effetto del mercurio che originava un grande vento.

Gli uomini alloggiati all’interno dei vimanas potevano percorrere grandi distanze in un istante …

Un altro riferimento intrigante lo fornisce Narada – il grande saggio di antica tradizione – che cita un appartenente all’Indra, che “volava nel cielo di città” “in città” ininterrottamente.

Come se non bastasse, questo portento era circondato da un bianco “muro”, che produceva lampi di luce nel cielo.

Il suddetto Mahabharata descrive anche quello che sembra un attacco atomico:

“La carica di un singolo proiettile aveva la forza dell’universo. Brillante come diecimila soli, una colonna incandescente di fumo e fiamme che aumentavano in tutto il suo splendore.

Era un’arma sconosciuta, un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere l’intera razza di Vrishnis e Andhakas.

I corpi erano così terrificantemente bruciati che non potevano essere riconosciuti. Cadevano capelli e unghie: i vasi si rompevano senza nessun motivo, e gli uccelli diventavano bianchi.

Dopo un paio d’ore tutti i prodotti alimentari si sono infettati …

 … Per uscire da questo fuoco i soldati si gettavano nei fiumi, per lavare se stessi e le loro attrezzature … “

In seguito egli dice:

… Raggiunti dal vento che infausto soffiava …

Il sole sembrava girare intorno all’universo, bruciando con il suo calore, sembrava di avere la febbre … elefanti e altre creature della terra, bruciate dall’energia esplosiva, scapparono via …

La stessa acqua quando è stata riscaldata, le creature che vivevano in quell’elemento hanno cominciato a bruciare …

Sono stati gli “dei” a lanciare missili distruttivi dai loro veicoli volanti?

Nel Ramayana, un altro antico documento indù, parla di questi oggetti volanti misteriosi.

Secondo quanto riferito, le persone che usavano quei veicoli divini potevano viaggiare nei cieli della Terra e andare anche verso i loro mondi d’origine, e poi tornare sulla Terra.

Questo e altri poemi epici indù hanno descritto battaglie aeree con “missili”, potenti come i fulmini, capaci di distruggere, come abbiamo visto, tutto quello che si trovava nel loro cammino …

La scomparsa della città di Mohenjo-Daro in Pakistan, circa 3.500 anni fa, potrebbe essere correlata a questi fatti.

Come ora sappiamo, su quella città c’era un chiarore abbagliante, una grande esplosione con una luce accecante che ha fatto totalmente bollire le vicine costiere marine.

Cosa ha causato quella distruzione? Molti studiosi si riferiscono a quella città distrutta originariamente dei Sumeri in Mesopotamia.

Inoltre, negli archivi reali della cultura ittita si parla di un’altra “entità”, il “dio” Teshub – “il Divino Tormentatore” – e le loro pretese per il controllo delle regioni superiori della Terra, che indica che c’è stata una lotta aerea tra quegli esseri.

In aggiunta, vengono narrate le battaglie del Dio Kumarbi lanciate contro Teshub e, come se non bastasse, contro i loro discendenti …

Questi “dei” non solo hanno voluto distruggere:

Essi miravano ad eliminare anche tutte le tracce e il lignaggio del nemico.

Così come viene raccontato in altre culture del mondo riguardo alle alleanze, il vendicatore Kumarbi si è basato su altri “Dei” alleati per dare la battaglia finale.

Il filo comune è che gli Ittiti, anche se pronunciavano i nomi delle loro divinità nella propria lingua, scrivevano utilizzando la scrittura sumerica …

Riflettendo sul termine “divino” che impiegano i “DIN.GIR“, che in sumero significa:

“I Giusti sulle navicelle”.

Ma non tutti erano così “giusti” …

Tutti i riferimenti che noi abbiamo, sui lunghi poemi epici o proverbi, due linee indicando che gli dèi sono sempre stati in mezzo di terribili battaglie.

Gli epici ittiti, hanno evidenti con-notazioni sumere, il sanscrito ricorda anche la storia della battaglia finale tra Indra e il “demone” Vritra:

“E allora si potrebbe vedere una terrificante visione in cui Dio e demone Vritra impegnati in combattimento … ha sparato i suoi proiettili appuntiti, la loro incandescenza e fulmini …

Poi il fulmine ha cominciato a lampeggiare, la terra si spaccava – scossa dai raggi incandescenti … orgogliosamente lanciati da Indra … “

E improvvisamente la campana a morto di sventura stava suonando per di Vritra con scoppi e bracci di pioggia di ferro lanciati da Indra; trafitto, inchiodato, schiacciato con un urlo terribile il demone morente è caduto di testa …

E Indra lo uccise con un fulmine lanciato tra le spalle …”

Disegno Disegno di un Vimana.
In uno di loro era Indra?

L’aspetto delle vimanas ricorda la nave profeta Ezechiele.

La verità è scioccante a notare che questi “dei”, “angeli”, o enti del cielo, erano il mezzo a queste feroci battaglie spaziali.

 La nave del profeta Ezechiele,
come interpretato
dall’Ingegnere Aerospaziale J. Blumrich.

Oltre all’India o alle antiche culture del Medio Oriente, queste guerre sono menzionate anche nell’Apocalisse di San Giovanni (capitolo XII), dove Michele e i suoi angeli affrontare il drago.

Nella mitologia greca troviamo la rivolta degli dèi prima della divinità suprema:

Zeus.

Il risultato è stata una epica lotta che ha avuto luogo presso le bianche pareti dell’Olimpo.

Culture americane ricordano anche quelle battaglie, che per tradizione ha avuto inizio nel cielo “prima del diluvio”.

  • La guerra di quegli esseri ha causato la leggendaria “alluvione” del pianeta?
  • Quindi la caduta di Atlantide nella narrazione di Platone?

Di fatto, nel mondo c’è stato un “nuovo inizio” dopo la catastrofe di proporzioni inimmaginabili.

Il tempo e le leggende hanno nascosto il mistero. Un mistero che indica una comportamento bellicoso e distruttivo degli “dèi”, o, per chiamare le cose con il loro nome, alcuni gruppi alieni in visita nel nostro pianeta in quel momento.

Credo che di quelle “razze stellari” non troveremo una spiegazione soddisfacente solo nella già citata “quarantena di protezione planetaria“.

La sensazione è che lasciano le vecchie storie a quegli esseri, “conosciuti” come “dei” che sono  venuti a combattere sulla Terra, promettendo che un giorno sarebbero ritornati.

Credo che per qualche potente ragione – siano venuti nel nostro mondo con la missione di separarci prendendo direzioni e posizioni diverse.

E il conflitto di idee è stato innescato dall’azione militare …

La mitologia sumera suggerisce che tutto è cominciato dalla lotta di due “parti” in causa che ha seguito il “dio” Enlil – che, secondo le antiche scritture, ha voluto distruggere l’umanità per tre volte – e Enki, suo fratello, che ha cercato proteggere l’uomo.

In Egitto troviamo una storia simile tra Seth e Osiride. La controversia tra “dei” e l’uomo nel mezzo …

Riusciremo mai un giorno ad andare alla causa di queste dispute …?

http://www.bibliotecapleyades.net/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da