Crea sito

#Mainstream Media – Censura

Soros e Gruppi Cnnessi cercano di eliminare gli scettici del clima su YouTube

I sostenitori della tecnocrazia come George Soros odiano i critici che li affrontano con fatti che confutano la loro propaganda. Questa non è una nuova rivelazione, ma la battaglia della censura sta crescendo e diventa sempre più brutta di giorno in giorno. ⁃ Editor TN

La censura continua, poiché un gruppo collegato a George Soros ha unito le forze con i media mainstream per garantire che gli scettici sul clima siano messi a tacere su YouTube. Il gruppo Avaaz, gruppo no profit di sinistra, ha pubblicato un rapporto il 16 gennaio sul suo sito Web in cui si afferma che YouTube “sta guadagnando trasmettendo disinformazione” a milioni di persone dando troppa importanza ai video sulla negazione del clima.

I media indipendenti indipendenti si stanno impegnando in una campagna motivata politicamente per costringere YouTube a demonetizzare e nascondere qualsiasi video che neghi il cambiamento climatico. Indipendentemente dai fatti o dalle prove scientifiche rivelate nei video, se uno non si sottomette alla religione del cambiamento climatico, saranno messi a tacere se Avaaz ha qualcosa da fare al riguardo.

Il rapporto è una campagna di intimidazione non mascherata, in quanto non solo elenca i principali inserzionisti che pubblicano annunci su video che mettono in dubbio la legittimità della minaccia che il cambiamento climatico rappresenta per l’umanità, ma li chiede esplicitamente di esercitare pressione sulla piattaforma come mezzo di porre fine alla cosiddetta disinformazione.

Nonostante i risultati siano stati pubblicati proprio ieri, molti siti mainstream hanno pubblicato articoli lunghi non molto tempo dopo, che contenevano citazioni di coloro che hanno lavorato al rapporto. I tempi che suggeriscono che alcuni siti Web selezionati hanno avuto un accesso anticipato, chiarendo quale agenda è stata promossa, tanto più che hanno tutti gli stessi punti di discussione. Vice, Time, Gizmodo, The Verge e innumerevoli altre entità di notizie vogliono che YouTube punisca i creatori che non rispettano la linea ideologica “corretta”. L’obiettivo è quello di demonetizzare, e quindi censurare, gli individui in quanto saranno meno inclini a lavorare sul contenuto da cui non potranno trarre profitto. RT

Nell Greenburg, direttore della campagna di Avaaz, afferma che il rapporto non riguarda la rimozione di contenuti e censura, tuttavia, che contraddice il messaggio stesso del rapporto. Esiste un chiaro tentativo di nascondere i contenuti mentre il rapporto mette in discussione la promozione di tali video nella casella “avanti successivo” sul sito. È semantica a questo punto, ma nascondere i video farebbe del male ai creatori e li dissuaderebbe dal persino provare a condividere i loro pensieri. È un modo indiretto di rimuovere “il pensiero sbagliato”. La narrativa ufficiale è l’unica narrativa e quando si tratta di dominare gli altri, queste persone vogliono essere al top.

I diritti umani di base sono attaccati da tutti i tipi di gruppi. Ed è abbastanza sicuro affermare che YouTube risponderà alle richieste di questo gruppo, mettendo a tacere e demonetizzando chiunque sia stato sorpreso a non pappagallo sulla narrazione orwelliana che la classe dirigente tramanda.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

*********************************

#TgByoblu 10 – IL DITTATORE POTENZIALE (SECONDO SOROS)

®wld

Punti di vista sul lecito e illecito

 

Facebook dice che postare su integratori alimentari è una “violazione”, ma rilasciare minacce di morte contro i conservatori è ok

(Naturale News)

Proprio quando pensavamo che la Big Tech non potesse essere più apertamente ipocrita con i suoi “standard di comunità”, Facebook arriva e lancia una nuova politica che afferma che è ora possibile emettere minacce di morte contro persone che non ti piacciono online, basta che siano conservatori.

Secondo le nuove regole di Facebook, che violano direttamente le sue vecchie regole, gli utenti di sinistra su Facebook sono liberi di incitare alla violenza contro persone che considerano “individui pericolosi”, tra cui Paul Joseph Watson di Infowars, che è stato bandito sia da Facebook che da piattaforma di social media come Instagram a maggio.

Watson afferma che Facebook ha cercato di giustificare questa censura considerandolo un “individuo pericoloso”, anche se la compagnia non ha potuto fornire a Watson esempi del perché. Non molto tempo dopo, Facebook ha emesso un avviso del memorandum “Non pubblicare” che chiede che la violenza “ad alta gravità” sulla sua piattaforma sia off limits “a meno che l’obiettivo non sia un’organizzazione o una persona coperta dalla politica di Dangerous Individuals and Organizations”.

Anche se Watson non ha mai fatto altro che usare l’arguzia e l’umorismo per condividere le sue opinioni tramite i social media, Facebook dice di essere “pericoloso” e quindi un obiettivo consentito per l’odio e la violenza di sinistra, tuttavia dovrebbe manifestarsi.

“Questo è un crimine nel Regno Unito ai sensi della Legge sulle comunicazioni malevoli del 1988 che afferma: “Chiunque invia a un’altra persona una lettera, una comunicazione elettronica o un articolo di qualsiasi descrizione che trasmetta … una minaccia … è colpevole di un reato” Watson scrive.

“La più grande società di social media al mondo con oltre 2 miliardi di utenti dice letteralmente che è bello incitare alla violenza contro di me, nonostante sia illegale”, aggiunge.

Per ulteriori notizie correlate, assicurati di controllare Censorship.news e Facebook.Fetch.news.

Facebook e il resto della Silicon Valley sono apertamente coinvolti in tradimento e devono essere ritenuti responsabili dei loro crimini contro l’umanità

Nel frattempo, Facebook sta intraprendendo azioni aggressive contro fonti di notizie come Natural News che condividono la verità sulla salute e il benessere da una prospettiva indipendente – perché, secondo Facebook vivere naturalmente è anche apparentemente “pericoloso”.

Come forse già saprai, Natural News, proprio come Watson, è stato recentemente bannato da Facebook per aver presumibilmente violato gli “standard della comunità” del gigante della Silicon Valley, che ora includono il coinvolgimento di qualsiasi tipo di libertà di espressione che Facebook trova “offensivo”.

“I tecno-fascisti, inclusa Wikipedia, hanno deciso che nessun discorso che metta in discussione qualsiasi narrativa ufficiale sarà consentito su qualsiasi piattaforma”, avverte Mike Adams, la Guardia forestale.

“Chiunque mette in dubbio la sicurezza dei vaccini tossici, delle torri cellulari 5G, della geoingegneria, della chemioterapia o delle sostanze chimiche assassine ai glifosati viene ora attaccato maliziosamente, imbrattato e spalancato. Non ti è nemmeno permesso di parlare di nutrizione, cibi anti-cancro o integratori alimentari senza essere etichettato come un sito web “vitaminico” accusato di spingere false cure.”

Per quanto riguarda Watson, probabilmente continuerà a ricevere minacce di morte con la benedizione di Facebook, specialmente mentre persegue azioni legali contro la società per violazione della legge britannica non solo per quanto riguarda la legge sulle malevoli comunicazioni del 1988, ma anche per rifiutarsi di ottenere informazioni. richiesto dalla compagnia su ciò che è stato pubblicato e condiviso su di lui sulla piattaforma.

“Due mesi fa, tramite i miei avvocati, ho presentato una Richiesta di accesso per soggetto che chiedeva a Facebook di consegnare tutte le informazioni relative a me”, scrive Watson. “Facebook deve ancora rispondere a questa richiesta, nonostante sia un requisito legale per rispondere entro 30 giorni.”

“Se e quando Facebook risponderà a questa richiesta legale, il prossimo passo sarà quello di avviare il contenzioso”, aggiunge.

Analogamente, Natural News attende la sua stessa opportunità di perseguire la giustizia contro Facebook e il resto dei giganti della tecnologia per aver violato il nostro diritto collettivo alla libertà di parola, come protetto dal Primo Emendamento.   

Le fonti per questo articolo includono:  

Summit.news

NaturalNews.com

Fonte: https://www.naturalnews.com/2 

®wld