Archivi tag: metabolismo

VITAMINA D – LUCE NELLE TENEBRE

proxy.duckduckgo.com

Ricevo dall’amico Dottor Roberto Slaviero e pubblico

 VITAMINA D – LUCE NELLE TENEBRE 

“mentre avete la luce, credete nella luce, per diventare figli della luce“

Giovanni 12,36

Ho già parlato della vitamina D anni fa, in un articolo sulla sclerosi multipla e le malattie autoimmunitarie

Cominciamo con una premessa: cos’è una Vitamina e cos’è un Ormone.  

 Vitamine

Sono sostanze chimiche ed elementi quali metalli come zinco, rame, manganese, selenio e molti altri, che si comportano nelle reazioni chimiche delle cellule corporee quali COENZIMI.

Aiutano cioè gli Enzimi, per lo più proteine, a trasformare e costituire nuove sostanze chimiche all’interno delle cellule per il loro fabbisogno.

Senza i Coenzimi, ovvero le Vitamine, tali Enzimi non possono svolgere le loro funzioni ok?!

Senza Enzimi e i loro adiuvanti Coenzimatici ad esempio, le piante non potrebbero trasformare la CO2 (anidride carbonica) in zuccheri per il loro nutrimento ed O2 (ossigeno) per la nostra vita…….

Alla faccia di chi afferma che il problema del pianeta Terra è la CO2. Falsi Profeti!

 Ormoni

Gli ormoni sono sostanze chimiche secrete da alcune strutture ghiandolari presenti nell’organismo:

  • Ghiandola pineale
  • Ipofisi
  • Tiroide
  • Paratiroidi
  • Ghiandole Surrenali
  • Gonadi (sessuali)
  • ed altre…

Queste sostanze ormonali liberate nel flusso sanguigno, quando giungono a destinazione nelle cellule, entrano nel nucleo cellulare ed attivano, attraverso il Dna e Rna, i processi per la costituzione di proteine e di enzimi, senza i quali non vi sarebbe la vita ok?!

Quindi sostanzialmente gli Ormoni comandano e dirigono l’Orchestra della vita, affidando il compito di creazione delle sostanze vitali ad enzimi, che loro stessi hanno ordinato alle cellule di produrre!

Alles verstanden? Capito tutto?

Bene

La Vitamina D, NON E’ una Vitamina ma E’ un Ormone:

è un Direttore d’orchestra e ci è stato regalato dal Sole, dalla luce solare che sulla nostra pelle attiva i processi chimici che conducono alla formazione della vitamina D.

La Scienza classica la vuol chiamare una sostanza preormonale, poco cambia e nel frattempo comunque non le hanno cambiato nome, dandogli quello vero, ossia:  

Ormone D (colecalciferolo)

Falsi Profeti!

Cominciate a capire perché la gente si ammala spesso, vivendo al chiuso ed anche all’aperto, se il sole viene oscurato da nuvole classiche od artificiali?

Ma che dici farmacista complottologo, la chimica aerea non esiste, insomma dai ci sono tanti aerei che volano ormai. basta guardare il cielo, e’ tutto naturale, come Dio comanda!

Adesso vi racconto la più bella e scoppiettante

Sapete da che struttura chimica organica, viene formato l’Ormone D sulla pelle?

dai ragazzi, che valori del sangue stanno abbassando anno dopo anno nelle analisi di laboratorio per la vostra salute?

Glucosio?

mmhhh, no, non è quello, quello ve lo vogliono abbassare drasticamente poiché i neuroni celebrali si cibano solo di Glucosio ed in situazioni di emergenza solo di Corpi Chetonici (Acetone);

pochi anni fa era permesso un valore di 130 a digiuno e non eravate considerati potenziali nuovi diabetici, oggi è stato portato a 100, quindi a 101 siete dei potenziali diabetici, mentre 10 – 20 anni fa eravate sanissimi pesciolini…

urrahhh..fantastico

… ma i nuovi studi scientifici dimostrano che … bla bla bla

Neurone senza glucosio, neurone molto affamato, che potrà entrare in sofferenza quindi …

Lo sapete che esiste una scuola medica in India dove si dice che i valori corretti della glicemia sarebbero:

100 + l’età …

Quindi un cinquantenne con 150 per loro non è un potenziale diabetico!

Chi ha ragione?

non vogliate fraintendere le mie parole, ma in quasi 35 anni di attività, ho visto un crollo del sistema di controllo Super partes sugli studi scientifici a favore del business del mercato!!

Non dobbiamo essere integralisti di pensiero, il pensiero unico scientifico occidentale sta facendo soffrire molte persone!

In medio stat virtus

In medio veritas est

La verità sta nel mezzo

basta integralismi scientifici!

Questi dogmi, se fossero veritieri, avrebbero migliorato la qualità della vita e ridotto di molto la mortalità.

Dovrebbero spiegarci invece come mai negli ultimi anni abbiamo tassi di mortalità in Italia simili agli anni della seconda guerra mondiale!

Conosco persone che lavorano in grandi aziende, e che rischiano il posto di lavoro se sgarrano le analisi e se i valori non sono ritenuti idonei…brutta faccenda!

Non stiamo parlando di alcolizzati o drogati, ma di gente normalissima!

Torniamo alla vitamina D

la risposta esatta alla mia domanda sopra è:

COLESTEROLO!

La Luce produce la vitamina D sulla pelle partendo dal Colesterolo;

Colesterolo considerato oggigiorno uno dei più grandi assassini in circolazione!

Mi ricordo che negli anni 80 un valore di 250 – 270 nel sangue non destava molta preoccupazione…oggi siamo scesi sotto i 200!

Ma meno colesterolo c’è … meno Ormone D verrà prodotto dall’organismo alla luce del sole, giusto?!

Ricordatevi che bastano 10 – 15 minuti di luce nelle ore col sole allo Zenith con meno vestiti possibili addosso, per produrre oltre 5mila Unita di vitamina D.

Anche se non siete direttamente sotto il sole, ma con luce riflessa, i raggi UVB del sole produrranno sulla pelle la viamina D.

Se avete filtri solari sulla pelle, kein vitamin D (niente vitamina D) ok!

Quindi quando siete spaparazzati al mare non riempitevi esageratamente di filtri, lasciate che ogni tanto il corpo respiri.

Ma il melanoma?

ok .. soprattutto in alta montagna ci sono i raggi UV più pericolosi e se state ore ed ore sotto il sole proteggetevi: anche per gli amanti della tintarella stesi per ore ed ore sotto il sole ben vengano i filtri solari onde evitare guai seri.

Nella vita ci vuole equilibrio.

Un consiglio:

abituatevi ogni tanto a prendere la luce solare anche non direttamente, magari sotto l’ombrellone od una pianta o dove venga riflessa, ma senza vetri.

Dietro un vetro se ne produce poca, poiché mentre gli UVA passano tutti, le frequenze sotto i 300nm (nanometri), vengono trattenute dal vetro e gran parte degli UVB, attivatori della vitamina D, viaggiano sotto i 300 nm.

Gli UVA non producono l’Ormone D … quindi il lettino vi fa solo rossi come i pomodori senza effetti salutistici.

Carenza di vitamina D nella popolazione italiana?

I dati della associazione italiana osteoporosi ritengono l’80% della popolazione carente di vitamina D:

  • anziani 100%
  • giovani 50%

Ecco cosa è successo nel bel paese du sole e du mare in poche decine di anni!!!

Effetti dell’Ormone D sul corpo

I Principali

  • – attivazione e regolazione del sistema immunitario: il che vuol dire il Tutto.

Un sistema immune che funzioni, ci protegge da qualsiasi tipo di malattia comprese le autoimmuni, dove invece cellule impazzite dello stesso, si scagliano contro alcuni organi del corpo producendo gravi malattie e morte

  • – regolazione del metabolismo del calcio, con prevenzione dell’osteoporosi, ovvero la decalcificazione ossea.
  • – effetti positivi cardiovascolari

Quanta vitamina D assumere

Se state al sole ed all’aria aperta spesso, in situazioni di salute non occorre assumere la vitamina D.

Ci pensa la luce del sole!

Durante l’inverno comunque, essendo il sole più basso è consigliabile una integrazione di vitamina D.

Se vivete sempre in ambienti chiusi o spesso grigi, senza luce solare, dovete assumere la vitamina D.

Dosi giornaliere consigliate:

  • – bambini in età prescolare da 1000 fino a 2000 Unità
  • – ragazzi e adolescenti da 2000 fino a 4000 Unità
  • – adulti da 2000 fino a 6000 Unità

A riguardo il nostro Ministero della Sanità consiglia valori più bassi.

In altre nazioni vengono consigliati dosaggi superiori, fino a 10000 Unità giornaliere.

Per le donne in gravidanza ed allattamento è strettamente necessario assumere buone dosi di vitamina D per la salute di madre e figlio.

In oncologia e per le malattie autoimmuni i dosaggi vengono aumentati di molto a seconda delle scuole mediche.

Conosco medici che somministrano oltre 100mila Unità giornaliere ai pazienti con risultati a volte clamorosi (se non è troppo tardi per il decorso debilitante della malattia e per la mancata reazione quindi del corpo).

In natura la vitamina D si trova soprattutto nei pesci del Nord e nei funghi e licheni.

Il Sole ci fa vivere sul pianeta Terra, la sua luce produce in noi il più importante ormone per la nostra salute.

E’ logico che molte religioni abbiano identificato Dio quale Spirito solare,

Spirito di luce che scaccia le tenebre.

Per molti cristiani Dio è il Cristo, lo Spirito di luce.

La più grande offesa a Lui ed a noi abitanti del pianeta, è allora il tentativo in atto da molti anni di alterare e modificare le condizioni ambientali e climatiche.

Il 18 maggio 1977 venne firmato a Ginevra la Convenzione sul divieto dell’ uso di tecniche di modifica dell’ambiente a fini militari e ad ogni altro scopo ostile

(ENMOD)

Convenzione sul divieto dell’uso di tecniche di modifica dell’ambiente a fini militari o ad ogni altro scopo ostile 

Prendete quindi coscienza dei fatti e alla luce anche delle rivelazioni fatte in prima serata a Porta a Porta pochi giorni fa, dopo il disastro alluvionale di fine ottobre 2018, da un famoso meteorologo del CNR, sul fatto che sono in atto da molti anni esperimenti umani sul clima, difendete il Sole e la Terra!

Non siete computer, siete esseri di Luce … e allora … difendetela questa Luce!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

Corsivo mio: “Gli sciocchi pseudoscienziati che cercano di bloccare il sole finiranno per uccidere milioni di persone esacerbando la carenza di vitamina D 

®wld

Ghiandola Pineale – La sede dell’anima

La misteriosa ghiandola pineale e le sostanze psichedeliche

– Parte 1-

Dott. Roberto Slaviero 

La ghiandola pineale od epifisi, conosciuta ai più per la produzione di melatonina, e’ una piccola ghiandola posta all’interno del cervello in una posizione unica ed isolata rispetto alle altre strutture cerebrali ,che hanno sempre una controparte di destra e sinistra. IL primo medico a parlarne fu, nel III° secolo a.C, al tempo di Alessandro Magno, Erofilo. Il nome deriva dal latino pineus,a forma di pigna ed è non più grande di un’unghia del mignolo.

Posizionata direttamente sopra una delle vie secondarie fondamentali, ove passa il liquido cerebrospinale, liquido salato prodotto dai ventricoli cerebrali, ricco di proteine, che ha il compito di fornire al cervello un cuscinetto protettivo,proteggendolo da colpi improvvisi e trasportando molte sostanze nutritive nel tessuto cerebrale, drenandone i prodotti catabolici.

Nelle sue vicinanze si trovano i collicoli uditivi e visivi, tessuti cerebrali specializzati che trasformano stimoli visivi ed uditivi in percezione di immagini e suoni.

Inoltre è circondata dal sistema limbico, composto da una serie di strutture cerebrali antiche, coinvolte nell’esperienze degli stati d’animo tipo gioia, rabbia, paura ecc, sistema primordiale rettiliano di sopravvivenza.

Il grande filosofo francese del XVII secolo Rene’ Descartes è il primo che parla della pineale quale “sede dell’anima”. Negli animali più vecchi dal punto di vista evolutivo, come gli anfibi e lucertole, viene chiamata “terzo occhio”, possiede infatti una lente posta in superficie direttamente a contatto con la luce, aiutando a regolare la temperatura e la pigmentazione del corpo.

Mano a mano che si sale nella scala evolutiva, la pineale si sposta all’interno del cervello,sepolta e non più direttamente sensibile alla luce, anche se lo è indirettamente in quanto la luce blocca la produzione della melatonina, che viene invece stimolata dal buio.

Ma la cosa più sorprendente di questa ghiandola è la sua derivazione embriologica, che non deriva dal tessuto nervoso, bensì dal tessuto laringeo, il tessuto attraverso il quale si creano le vibrazioni della parola, la laringe.

Uno dei Vangeli, quello di Giovanni, inizia dicendo “in principio era il Verbo (la vibrazione), il Verbo era presso Dio, il Verbo era Dio. E conclude dicendo “ed il Verbo si è fatto carne“! Interessante, non credete! Altra cosa stupefacente è che la pineale diventa visibile nello sviluppo del feto al 49° giorno giorno dopo il concepimento, l’esatto momento in cui avviene la differenziazione del sesso del nascituro, maschio o femmina. Prima del 49° giorno  giorno il feto è indifferenziato sessualmente, poi si identifica.

E al 49° giorno con tale differenziazione del sesso del feto vi è la prima secrezione di una sostanza, la dimetiltriptamina (DMT), sostanza endogena, ossia prodotta dal nostro corpo, che è presente inoltre in molte piante in natura. Tale sostanza ha effetti altamente psichedelici, ovvero una sostanza che causa modificazioni profonde della coscienza, della sensazione dell’Io e della percezione del mondo circostante.

Nell’organismo la durata di azione di tale sostanza è estremamente breve in quanto viene immediatamente metabolizzata e resa inattiva da particolari enzimi chiamati MAO, chimicamente detti monoamminoossidasi. Credo che sorga spontanea una domanda: perché il nostro corpo e la natura producono una sostanza altamente psichedelica e perché ciò avviene nel corpo umano in particolari ed estreme situazioni, soprattutto nella pineale, struttura ghiandolare situata in una zona strategica dal punto di vista percettivo, emozionale e forse spirituale?

Prima di addentrarci in tale mistero, che uno studio sperimentale di un grande ricercatore medico, il Dr.Rick Strassman probabilmente ha contribuito a svelare (ha svolto una ricerca clinica su pazienti volontari dal 1990 al 95 sulle quale si basano le mie informazioni), parliamo delle sostanze psichedeliche presenti in natura ed i loro derivati. Principalmente vi sono due linee chimicamente differenziate di sostanze con effetto psichedelico, una deriva dall’amminoacido FENILALANINA e una dall’amminoacido TRIPTOFANO: dalla Fenilalanina si origina una struttura chimica chiamata FENIL ETIL AMINA da cui derivano

– il Trimetossi ß feniletilamna o MESCALINA

– il Metilendiossimetanfetamina (MDMA) meglio nota come ECSTASY

La Mescalina si trova nel cactus Peyote, originario del sud-ovest americano e nel Messico. L’Ecstasy venne sintetizzato nel 1912 nei laboratori chimici Merck e venne utilizzata principalmente dai tedeschi per i loro soldati nella prima guerra mondiale.

Oggi come molti sanno, viene usata soprattutto dai giovani nelle Disco per “sballarsi”. Dal Triptofano si origina una struttura chimica indolica chiamata TRIPTAMINA: dalla Triptamina l’organismo produce la IDROSSI-TRIPTAMINA, meglio nota come SEROTONINA, uno dei più importanti mediatori chimici presenti nel nostro corpo ed altamente attiva sui tessuti cerebrali.

Triptamina e Serotonina non possiedono attività psichedeliche. Ma aggiungendo semplicemente due gruppi metilici (CH3) alla triptamina (e questo viene fatto nell’organismo da enzimi chiamati Metiltransferasi) si ottiene la Dimetilitriptamina o DMT, potentissimo agente psichedelico.

Altra struttura indol-triptaminica, si ritrova nella famosa LSD ovvero la Dietilamide dell’acido lisergico,prodotto di sintesi ottenuto casualmente dal Dr. Hoffman nel 1938 nei laboratori Sandoz di Basilea. Stava lavorando sui prodotti derivati dall’Ergot, un fungo parassita della segala, che in un lontano passato causò gravi epidemie in centro Europa con una patologia che portava a morte per gangrena. Lui stava cercando infatti prodotti per contrastare l’ergotismo, nota come febbre del pellegrino, che causa gravi dolori e problemi circolatori alle gambe e deliri allucinatori e in un passaggio di sintesi chimica, si ruppe la provetta ed egli inalò inavvertitamente la sostanza intermedia della sintesi che stava svolgendo. Descrisse poi gli effetti psichedelici causati da tale sostanza, il destino volle, forse, creare la LSD!

Altra sostanza con struttura indol-triptaminica altamente psichedelica è la PSILOCIBINA o Fosforil idrossi metiltriptamina, presente in natura in alcuni funghi. La PSILOCINA è un suo metabolita, anch’esso altamente psichedelico, chimicamente è una Idrossi dimetil triptamina.

Vi è poi la IBOGAINA, psichedelico presente in alcune piante africane, usato per la terapia antidipendenze di droghe tipo eroina, in quanto provoca in poche ore la fine della crisi di astinenza da tali droghe. Quindi pur avendo effetti psichedelici, blocca gli effetti devastanti dei derivati oppiacei! Un mistero in più nei misteri della natura. Infine vi è il 5-meo-dmt o 5 metossi dimetiltriptamina, presente anch’essa in varie piante, funghi ed animali. La durata di azione di tali sostanze è variabile: si va, dopo un inizio dell’effetto di circa mezz’ora dall’assunzione, ad effetti che durano per la Lsd e Mescalina fino a 12 ore, per la Ibogaina fino a 24 ore, per la Psilocibina fino a 6 ore!

Unica nel suo effetto è la DMT, che se inalata od iniettata endovena produce effetti immediati dopo pochi secondi ed una durata di azione limitatissima, pochi minuti. Per renderci conto della potenza “eroica” di tali sostanze, parliamo di dosaggi per la DMT di 0,3-0,4 milligrammi per peso di Kg corporeo, quindi per una persona di 70 kg, di una dose altamente attiva di 21 o 28 milligrammi.
Pensata ad un grammo cos’e’ e dividete per 1000!

Anche il piccolo Davide, nella storia antica, ha stroncato il gigante Golia! La natura ci insegna molte cose … Nel prossimo capitolo ci addentreremo nello studio, che il Dr Rick Strassman ha compiuto, sugli effetti prodotti dalla DMT sui volontari.

FINE PARTE PRIMA

Dott. Roberto Slaviero

Fonte gentilmente concessa da:  http://olisticoaltapusteria.com/

Articoli correlati:

L’allucinante inganno perpetrato

Giocare a dadi tra milioni e millenni di anni … 

®wld