Archivi tag: Merovingi

Alarico Re di tutti

 Il Re Cristiano: Alarico era giudeo, chi glielo spiega a Hitler? 

Gettate la rete dall’altra parte della barca, e troverete. E’ una pesca miracolosa quella che il redivivo Gesù, nel Vangelo di Giovanni, promette agli apostoli increduli: se volete pesce, calate le vostre reti sul fianco destro dell’imbarcazione. Linguaggio cifrato: la verità ti attende dove mai avresti pensato che fosse – magari dentro di te, nell’emisfero destro del cervello? Tra le pagine (romanzesche) dedicate a un personaggio devotissimo all’uomo di Betlemme – il “Re Cristiano”, appunto, in azione trecento anni dopo gli eventi evangelici – Gianfranco Carpeoro avverte: li state cercando dalla parte sbagliata, i resti del mitico sovrano dei Visigoti, l’autore del primo Sacco di Roma.

Lui, Alarico, recava scritto già nel suo nome il proprio destino: “Re di tutti”, in lingua norrena proto-germanica. “Re di tutti”, tant’è vero che non voleva affatto radere al suolo Roma: al contrario, ambiva a diventarne l’imperatore. Per questo, lasciata la città (non saccheggiata da lui, ma dai detenuti liberati) si portò via l’augusta principessa discendente della “gens Flavia”, Galla Placidia, sua promessa sposa, insieme a cui si spinse in Calabria per poi attraversare il Mediterraneo: diretto in Africa o a Gerusalemme? Morì a Cosenza, di malaria o avvelenato. Fu sepolto insieme al suo tesoro, a lungo inutilmente cercato – anche da Hitler. E adesso chi glielo spiega, al Führer, che forse il suo Alarico era addirittura un giudeo?

Avete sempre scavato dalla parte sbagliata, scrive Carpeoro, perché Alarico non era un barbaro germanico: era romanizzato e cristiano, sia pure di confessione ariana. E forse addirittura ebreo, discendente nientemeno che dalla Maddalena e da Giuseppe di Arimatea, il misterioso armatore che riscattò il corpo di Cristo da Pilato. L’oscuro Giuseppe d’Arimatea, cioè l’uomo che poi, si racconta, nel Primo Secolo guidò la spedizione navale che portò in Europa il Cristianesimo, tramite lo sbarco in Provenza delle “Marie venute dal mare” guidate proprio da Maria di Magdala, il cui vero nome – Miriam – è quello che tuttora i Gipsy attribuiscono alla loro regina, consacrata ogni anno a Saintes-Marie-De-La-Mer, in Camargue. Ma che c’entrano, i Goti, con i profughi palestinesi di origine semitica, probabilmente giudei, che raggiunsero le coste meridionali della Francia dopo i fatti di cui parlano i Vangeli? C’entrano eccome, se è vero che i Goti discesi dal Baltico e spintisi a ovest del Danubio – i Derving – poi cambiarono nome, secondo l’abate calabrese Gioacchino da Fiore, adottando la “M” di Miriam per diventare Merovingi, dinastia regale. 

E’ così strano pensare che un popolo erratico di origine baltica, poi attestatosi in Francia, sia entrato in contatto con i proto-cristiani di Palestina? Certo che no, se si pensa che i Goti furono in gran parte cristianizzati, già nel Quarto Secolo. Ma attenzione: non erano cattolici, erano seguaci di Ario.

Corrente gnostica, secondo cui Cristo è “figlio di Dio” esattamente quanto noi, ciascuno avendo in sé la propria quota di divinità, l’Arianesimo (bocciato nel 325 dal Concilio di Nicea insieme a tutti gli altri cristianesimi non cattolici) ebbe un vastissimo seguito, specie nell’Europa balcanica popolata dai Goti, all’epoca reduci dal Medio Oriente turco: il loro primo vescovo, Wulfila, a partire dall’anno 348 tradusse la Bibbia in lingua gotica. E’ proprio lui, Ulfila, che apre il romanzo meta-storico di Carpeoro, svelando al giovane Alarico il senso profondo e segreto della sua missione: conquistare la regalità nella giustizia, proprio nel nome della mitica antenata Miriam. Simbologo e studioso dei Rosacroce, Carpeoro fa discendere quel “mandato ancestrale” (il governo terreno illuminato dall’alto) direttamente dalla Bibbia: è il compito che Abramo riceverebbe dal misterioso Melchisedek, “Re di Giustizia”, al quale chiede di essere autorizzato a regnare sugli ebrei. 

E’ il mandato che poi Giuda riceverà a sua volta da Giacobbe-Israele, che descrive le doti del figlio con i tre colori della bandiera italiana. Nella tradizione, proprio il bianco, il rosso e il verde designeranno il contenuto simbolico della discendenza di Davide, fino a tradursi nelle virtù teologali cristiane (fede, speranza e carità). Valori che il potere del mondo ha bandito, ma che qualcuno – in nome di Cristo – ha provato a restaurare? Anche indossando i panni, germanici ma romanizzati, dell’inquieto sovrano dei Goti dell’Ovest?

E’ la tesi attorno a cui si interroga Carpeoro, avvicinando il lettore ai primissimi secoli attraverso l’espediente letterario del noir, impersonato dall’anomalo ricercatore milanese Giulio Cortesi, appassionato di musica e soprattutto di cucina. Come già nel “Volo del Pellicano” e poi in “Labirinti”, Cortesi è vegliato dal suo ruvido angelo custode, il commissario Amedeo Bertossi, il cui mestiere non è inseguire fantasmi del passato, ma brutali assassini in carne e ossa. Killer contemporanei, che questa volta fanno fuori un professore – tedesco – che aveva scoperto qualcosa di sconcertante sulla vera identità di Alarico. Un’intuizione fondamentale, imbarazzante e molto pericolosa, che porta dritto anche alla precisa ubicazione della leggendaria sepoltura del condottiero.

Se Cosenza è tuttora alla ricerca del Tesoro di Alarico su quella che era la riva pagana del Busento, Carpeoro – che è cosentino di nascita – cita il conterraneo Vincenzo Astorino per suggerire che le spoglie del sovrano vanno cercate sulla sponda opposta del fiumicello, quella che all’epoca era cristiana, dove sorgeva l’antichissima chiesetta di San Pancrazio, oggi interrata dai detriti alluvionali. Secondo la leggenda – e la poesia di August von Platen, tradotta da Carducci –quel piccolo corso d’acqua avrebbe addirittura sommerso il Re dei Goti, inumato (come poi Attila) insieme al suo cavallo nel letto del torrente, deviato per l’occasione. 

A decrittare anche quei versi ottocenteschi – scomponendoli, in un gioco enigmistico – provvede, nel romanzo, la favolosa équipe di cui si avvale Cortesi: il professore torinese e il suo amico simbologo, l’anziano architetto milanese che tiene in casa un Caravaggio non censito, e poi il vero “aiutante magico”, Fra’ Tommasino, il decano dell’Abbazia di Chiaravalle, “coadiuvato” (in sogno) da Cecilia, la ragazza amata dall’immenso pittore Giorgione, sulla cui “Tempesta” la critica non ha finito di arrovellarsi.

Una trama agile e avvincente, piena di colpi di scena giocati tra Milano e la Calabria, riesce a trasportare il lettore tra le brume meno esplorate degli ultimi decenni dell’Impero Romano, dato già per morto quando invece era ancora enorme l’impronta di un grande imperatore come Teodosio. E’ proprio nella guerra di successione che si inserisce l’apparente outsider “germanico” Alarico, che contende Galla Placidia al figlio del suo altrettanto apparente antagonista, il generale Stilicone, accanto al quale ha anche combattuto per difendere Roma. Alarico? Era sì il Re dei germanici Dervingi, ma anche un cittadino romano, promosso addirittura governatore dell’Illiria. E non era pagano: era cristiano. Di più: era ariano, devoto al vescovo Ulfila. 

Se poi il termine “ariano” ha assunto tutt’altro significato, lo si deve all’Uomo Nero, Hitler, che – in nome del mito della purezza razziale – spedì a Cosenza gli archeologi di Himmler e cercare, inutilmente, le spoglie (e il tesoro) del loro presunto campione germanico. Quello è il modo in cui la lettura distratta della storia può deviare dalla verità, coniando stereotipi e luoghi comuni che poi innescano dinamiche che finiscono sempre nello stesso modo, cioè con una strage di massa. 

Ne sa qualcosa il sinistro Rudolf von Sebottendorff , il vero fondatore del nazismo “etnico”, il cui spettro si presenta puntuale all’appuntamento coi lettori di Carpeoro – che non è uno storico, ma un simbologo: nella storia, cerca quello che gli storici non dicono, e forse non vedono. Per esempio: perché Alarico, conquistata Roma, porta con sé Galla Placidia? E perché, se voleva dirigersi in Africa, non è salpato da qualsiasi porto tirrenico, spingendosi invece fino a Reggio Calabria, cioè verso la rotta ionica del Medio Oriente? Aveva forse con sé qualcosa di prezioso, che – come poi i Templari – doveva essere “rimesso al suo posto”, cioè nel Tempio di Salomone a Gerusalemme, simbolo dell’unità pacifica di tutti i popoli della Terra?  

“Il Re Cristiano” (l’acronimo è R+C, Rosacroce) è un romanzo per chi ama le domande, più che le risposte. E’ il sequel della storia che lo precede, “Labirinti”, e in fondo disegna un altro dedalo: come Teseo ha bisogno dell’amore di Arianna per uscire vivo dal labirinto del Minotauro, il valoroso Alarico deve avere al suo fianco Galla Placidia. Non riuscirà a portare a termine la missione, morendo ancora giovane senza poter instaurare il suo “regno di giustizia” a Roma? Ma la storia non finisce lì, avverte Carpeoro.  

Vi siete mai chiesti chi fosse, davvero, Galla Placidia? Perché era così ambita, importante, decisiva? Vi siete mai domandati perché si fece erigere lo spettacolare mausoleo funebre a Ravenna, poi scegliere di essere sepolta altrove? Cosa nasconde, allora, il Mausoleo di Galla Placidia? E perché proprio lì, a due passi – come fosse un “guardiano della soglia” – volle farsi seppellire Dante Alighieri, amico dei Càtari e dei Templari, nonché capo della confraternita iniziatica dei Fidelis in Amore? Sono solo domande, non risposte. Ma quelle, del resto, spesso mancano anche agli storici. E appunto, a proposito di Goti: qualcuno s’è mai chiesto perché si chiamino “gotiche” le meravigliose cattedrali che ornano le capitali europee, erette mille anni dopo Alarico? E dunque: cosa salterebbe fuori, magari proprio a Cosenza, se qualcuno prima o poi si decidesse a gettare la rete “dall’altra parte”? 

(Il libro: Giovanni Francesco Carpeoro, “Il Re Cristiano”, Melchisedek, 272 pagine, 22 euro). 

Fonte: http://www.libreidee.org/

MEROVINGI

 Relievo in bronzo satinato Del 1867 di Emmanuel Frémiet  Con la figura di un Merovec vittorioso.  (CC by SA 3.0) 

La Leggenda del Quintauro La Mostruosa Creatura che diede Origine alla Stirpe dei merovingi.

di Carly Silver  31 Gennaio 2017  dal Sitio Web Ancient-Origins Versione in inglese traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese  Versione in spagnolo

Avete sentito parlare, è probabile, del Minotauro (metà uomo, metà toro), Probablemente haya oído hablar del Minotauro (mitad hombre, mitad toro), ma del Quinotauro?  

Nella storia antica dei Franchi si parla di un “mostro di Nettuno” che assomiglierebbe ad una creatura chiamata Quinotauro. 

Questo misterioso mito appare solo in un testo; narra la leggenda che il Quinotauro avrebbe generato una stirpe di re i cui discendenti ancora ai giorni nostri sono vivi ed appaiono anche in romanzi come II Codice da Vinci. 

Merovec, il fondatore della dinastia merovingia 

Questo mito narra la storia dei franchi, una tribù germanica i cui discendenti emigrarono in regioni che oggi corrispondono alla Francia, alla Germania e al Belgio e regnarono in questi territori.

Nella storia sui Franchi, il chierico Fredegario attribuisce la fondazione della sua dinastia regnante, i Merovingi, a un uomo di nome Merovec.  

Gregorio de Tours ci fornisce la prima fonte in cui si menziona Merovec.

Questo cronista non ci descrive Merovec come il discendente di una stirpe di mostri ma come un uomo mortale che fondò una nuova dinastia reale.

 Merovec, mitico fondatore della dinastia merovingia (Public Domain)

 Discendente di Clodione?

Gregorio de Tours dilaga sulle gesta dei discendenti di Merovec, anche su suo figlio Childerico, invece di parlare dei loro illustri avi.

Merovec avrebbe potuto essere imparentato con un precedente re dal nome Clodione, ma questo non trova conferme.

Casa significa tutto questo? Forse Merovec non era di stirpe nobile, ma un uomo che era salito in alto con le su forze: comunque sembra che i discendenti di Merovec furono storicamente più importanti dei suoi avi.

Altre fonti, come l’opera anonima Liber Historiae Francorum (“Il Libro della Storia dei Franchi”), identifica in maniera esplicita Merovec come parente di Clodione.

Il già menzionato Fredegario persegue però un linea diversa, affermando che la sposa di Clodione diede alla luce Merovec, ma che il padre non era il marito.

Secondo il cronista, quello che accadde fu che la madre di Merovec andò a nuotare in mare e lì fu posseduta da un mostro misterioso,

“creatura di Nettuno che assomigliava a un Quinotauro.”

Quindi Merove è figlio di un re mortale o di una creatura mitica?

 

Un quinotauro, specie di mostro marino, possiede la sposa del re Clodione, che rimane incinta del futuro re Merovec. Illustrazione di Andrea Farronato (Public Domain)

Chi era il Quinotauro?  

A parte la similitudine etimologica con la parola “Minotauro”, altro mostro famoso, Fredegario è l’unico che fa riferimento al Quinotauro, quindi non abbiamo mezzi reali di paragone.

Alcuni studiosi affermano che “Quinotauro” è solo una trascrizione sbagliata di “Minotauro”. 

I tori non sono animali abituali nei miti franco germanici, quindi tutto suggerirebbe che questa creatura è di ispirazione greco latina. 

Infatti, anche in questa epoca esisteva una lunga tradizione quando c’era da considerare i Franchi eredi del Mediterraneo classico (e quindi eredi legittimi dei Romani). 

Dopo la guerra di Tria, i Troiani e i loro alleati sarebbero fuggiti, secondo la leggenda, e arrivarono fino alle rive del Reno, dove i loro discendenti sarebbero divenuti i Franchi. 

La parola quinotauro potrebbe essere solo Una trasposizione errata di minotauro (nell’immagine) (Public Domain)

Perché Fredegario scrisse che Merovec era figlio di una creatura marina mitologica?

Forse Fredegario voleva elevare Merovec alla casta degli eroi.
 
Era caratteristica di molti eroi mitologici la discendenza semi mitica; pensiamo per esempio al re greco Teseo di Atene che affermava che sia il dio del mare Poseidone che il re mortale Egeo erano suoi genitori.
 
In parole povere, il fatto di avere come padre un mostro marino rendeva Merovec – e i suoi discendenti di carne ed ossa che vissero e regnarono ai tempi di Gregorio de Tours e di Fredegario – personaggi di un piano diverso da quello dei loro sudditi, forse li rendevano dei semidei o almeno con diritto ‘divino’ al trono.
 
Alcuni storici hanno affermato che i Merovingi erano di fatto considerati “re sacri” in un certo modo più che mortali – uomini sacri.
 
Dei re senza dubbio speciali forse invincibili anche sul campo di battaglia.
 
Gli autori di “Holy Blood, Holy Grail” insistono sulla possibilità che i Merovingi fossero discendenti di Gesù – e la di lui discendenza segreta sarebbe emigrata da Israele in Francia grazie a Maria Maddalena – e hanno difeso strenuamente questa teoria.
 
Altri esperti hanno detto la leggenda costituiva l’intento di analizzare etimologicamente il nome “Merovec” attribuendogli il significato di “toro marino” o qualcosa di simile.
 
Più che intendere il Quinotauro come una giustificazione mitologica di carattere sacro dei monarchi merovingi, c’è chi pensa che la questione è molto più semplice.
 
Se Merovec era figlio di Clodione e di sua moglie, allora era un normale mortale, per niente speciale. E se la regina, sposa di Clodione, avesse avuto un figlio con un uomo che non fosse stato suo marito e nemmeno una creatura mitologica, allora Merovec sarebbe un figlio illegittimo.
 
Invece di specificare che una creatura mitica diede i natali a Merovec, forse il cronista fu deliberatamente ambiguo per quanto riguarda il lignaggio del re – e pertanto anche di suo figlio Childerico – perché come ha scritto al riguardo il ricercatore britannico Ian Wood in un articolo su questo tema:
“nella nascita di Childerico non c’è stato niente di speciale”.
Bibliografia
  • Baigen, Michael, Richard Leigh, y Henry Lincoln – Holy Blood, Holy Grail: The Secret History of Christ & The Shocking Legacy of the Grail – New York: Delta, 1983.
  • Bitel, Lisa M. – Women in Early Medieval Europe, 400-1100 – New York: Cambridge University Press, 2002.
  • Collins, Roger – “Fredegar.” Authors of the Middle Ages. Ed. Patrick J. Geary. Volume IV, Nos. 12–13. Brookfield, VT: Ashgate, 1996.
  • Halsall, Guy – Cemeteries in Society in Merovingian Gaul: Selected Studies in History and Archaeology, 1992–2009 – Boston, MA: Brill, 2010.
  • Jones, Allen E. – Social Mobility in Late Antique Gaul: Strategies and Opportunities for the Non-Elite – New York: Cambridge University Press, 2009.
  • Murray, Alexander Callander. “Post vocantur Merohingii: Fredegar, Merovech, and ‘sacral kingship.'” After Rome’s Fall: Narrators and Sources of Early Medieval History. Ed. Alexander Callander Murray. Buffalo, New York: University of Toronto Press, 1998. 121-152.
  • Nelson, Janet L. – Frankish World, 750-900 – Rio Grande, OH: The Hambledon Press, 1996.
  • Reimitz, Helmut – History, Frankish Identity and the Framing of Western Ethnicity, 550–850 – New York: Cambridge University Press, 2015.
  • Wood, Ian N. – “Deconstructing the Merovingian Family.” The Construction of Communities in the Early Middle Ages. Texts, Resources and Artefacts. Ed. Richard Corradini, Maximilian Diesenberger, y Helmut Reimitz. Boston, MA: Brill, 2003. 149-172.
  • “Fredegar’s Fables.” Historiographie im frühen Mittelalter, Anton Scharer y Georg Scheibelreiter, Viena: Oldenbourg, 1994. 359-366.
  • The Merovingian Kingdoms: 450-751 – New York: Routledge, 2014.

http://www.bibliotecapleyades.net/

Ophiuchus Il “Serpente Rosso”

Il mistero di Rennes-le-Château‎

I Merovingi sono tornati alla ribalta più recentemente in una serie di libri che tentano di risolvere il mistero del minuscolo villaggio di Rennes-le-Château‎ sulla sommità delle montagne della Linguadoca, nella Francia meridionale.
 
Questo fu un tempo uno dei centri più importanti del monastero di Sion, dei Templari, dei Catari e di molti altri che fanno parte della cerchia di chi detiene le conoscenze segrete.
 
Questa zona fu un tempo popolata dai Celti, gli antichi Cimmeri e Sciti, provenienti dal vicino Oriente e dalle montagne del Caucaso, e Rennes-le-Château‎ si chiamava Rhedae dal nome di una delle tribù.
 
Era venerato dai druidi come un luogo sacro poiché anche questa è una regione ad elevato livello di magnetismo. Alla fine degli anni Sessanta del Novecento un documento di origine incerta detto: “Serpente Rosso” o Le Serpent Rouge venne alla luce alla Biblioteca Nazionale di Parigi.
 
Conteneva l’albero genealogico dei Merovingi, due cartine della Francia del periodo merovingio e una pianta di St. Sulpice, il centro della chiesa cattolica in cui si svolgevano studi di occultismo.
 
St. Sulpice fu costruita sui resti di un tempio dedicato a Iside/Semiramide e fu il luogo in cui venivano sepolti i re merovingi. Le Serpent Rouge recava la data del 17 gennaio 1967 e la scheda della Biblioteca Nazionale era datata 15 febbraio.
 
Ma quest’ultima data si rivelò fasulla perché la vera data in cui venne depositato era il 20 marzo. A quell’epoca tutti i presunti autori dell’opera, Pierre Feugere, Louis Saint Maxsent e Gaston de Koker erano morti a una distanza di 24 ore l’uno dall’altro, il 6 marzo.
 
Ma la cosa si fa ancora più strana, poiché questi tre, come poi è emerso, non ne erano affatto gli autori. Qualcuno, si pensa aveva loro attribuito la paternità di quell’opera per avvolgere tutto ancor più nel mistero.
 
Tredici giorni erano trascorsi tra quelle tre morti e il deposito del libro alla biblioteca. Il documento di tredici pagine includeva piccoli poemi in prosa relativi ad ogni segno dello zodiaco e elencava tredici segni.
 
Il tredicesimo era detto Ophiuchus (il portatore di serpente), ed era posizionato tra lo Scorpione e il Sagittario. Il 13 era il numero più importante per i Templari e ciò diventerà sempre più chiaro man mano che la storia procederà leggendo il libro.
 
Credo da molto tempo che i segni dello zodiaco originariamente fossero 13. Le Serpent Rouge, che pare faccia riferimento mal paesaggio circostante Rennes-le-Château, presenta una versione della favola della Bella Addormentata io cui la principessa (l’energia femminile) è condannata a dormire finché un bel principe non arriverà a svegliarla.
 
Questo è assai rilevante anche per il numero 13 per ragioni che il libro chiarirà in seguito. Le Serpent Rouge confermava anche che Maria Maddalena non era che l’ennesimo simbolo di Iside.Diceva infatti:
“Inizialmente qualcuno la chiamava ISIDE, regina delle sorgenti benefiche, VENITE A ME VOI TUTTI CHE SOFFRITE E CHE SIETE SOPRAFFATTI E IO VI CONFORTERÒ, altri la chiamavano la Maddalena del famoso vaso pieno di balsamo medicamentoso. Gli iniziati conoscevano il suo vero nome: NOTRE DAME DES CROSS”  

L’energia femminile e la discendenza rettiliana vengono tramandate per linea materna, e sin dai tempi di Ninkharsag e Enki questa energia era simboleggiata da Maria, Iside e Semiramide, come pure Diana.

La principessa Diana fu uccisa in corrispondenza di un antico luogo sacrificale merovingio consacrato alla dea Diana, quando la sua auto si schiantò contro il tredicesimo pilastro della galleria.

Una grotta a Sainte-Baume, nella Francia meridionale, è un santuario ufficialmente riconosciuto dalla chiesa Cattolica poiché si dice, e la cosa è assolutamente infondata, che vi abbia vissuto Maria Maddalena.

In realtà, durante la dominazione romana, quella grotta era un centro di culto della dea Diana Lucifera – la Diana portatrice di luce o Illuminatrice. Fu proprio questo l’appellativo dato a Maria Maddalena da Jacobus de Voragine, l’arcivescovo domenicano della nobiltà nera genovese.

Un altro punto interessante è che mentre i Templari sparsi nel resto della Francia furono arrestati e torturati dopo l’epurazione ordinata da Filippo il Bello nel 1307, quelli che vivevano nella zona intorno a Rennes-le-Château‎, a la Bezu, le Valdieu e Blanchefort, furono lasciati in pace.

Questa zona era evidentemente molto importante per i Templari, che erano legati alla Famiglia Blanchefort di Château‎ di Blanchefort, ad appena due miglia di distanza da Rennes-le-Château.

Alcuni studiosi pensano che i Templari abbiano sepolto gran parte del loro oro vicino a Rennes-le-Château. Certamente un terzo di tutto il loro patrimonio europeo si trovava un tempo nella regione della Linguadoca. Anche i romani ritenevano sacra questa zona e vi veneravano le loro divinità pagane.

Nel VI secolo Rennes-le-Château era una fiorente città di 30-000 abitanti, la capitale settentrionale dell’impero visigoto che si estendeva oltre i Pirenei, nella Spagna. I Visigoti erano un popolo germanico o teutonico, come i successivi Cavalieri Teutonici che emersero nello stesso periodo dei Templari.

Anche i Visigoti erano gli antenati dei Cimmeri e degli Sciti, le popolazioni bianche del Caucaso. Furono i Visigoti a piombare giù dall’Europa centrale per saccheggiare Roma e porre fine al dominio romano.

da il Segreto più Nascosto p: 187-188-189

Nin.Gish.Zid.Da