Archivi tag: Mercati

Il falso paradigma est / ovest è potente se non più potente del falso paradigma sinistra / destra

 

Nel nuovo “mondo multipolare” I globalisti controllano ancora tutti i giocatori  

Il più grande strumento a disposizione dei globalisti è l’uso di falsi paradigmi per manipolare la percezione pubblica e quindi l’azione pubblica. Le masse sono portate a credere che ai più alti livelli del potere geopolitico e finanziario ci sia una cosa come “parti”. Questa è una totale assurdità quando esaminiamo i fatti a portata di mano.  

Ci viene detto che i “poteri-che-sono-sono divisi” dalla politica “sinistra” e “destra”, tuttavia entrambe le parti sostengono effettivamente le stesse esatte azioni politiche quando si tratta delle questioni più importanti della giornata e sembrano solo differire in termini di retorica, che comunque è priva di significato e di estetica. Vale a dire, non è altro che il teatro Kabuki. 

Ci viene detto che il potere corporativo deve essere bilanciato dal potere del governo e che il potere del governo deve essere bilanciato dai “mercati liberi”, quando in realtà le società sono noleggiate e protette da governi e mercati liberi semplicemente non esistono nell’economia di oggi. Nel caso della “censura” dei social media, ci viene detto che la soluzione consiste nell’utilizzare il potere del governo per rafforzare la “giustizia” invece di lanciare semplicemente le nostre piattaforme alternative. Eppure, le corporazioni dei social media esistono sotto forma di monopoli proprio a causa del potere del governo e dell’intervento negli affari. Gli abusi di un “lato” vengono usati per spingerci tra le braccia dell’altro lato, il che è altrettanto abusivo. 

In termini di geopolitica, ci viene detto che le potenze nazionali hanno “scopi trasversali”, che hanno interessi diversi e obiettivi diversi, che hanno portato a cose come “guerre commerciali” ea volte sparare guerre. Tuttavia, quando guardiamo le persone che stanno effettivamente tirando le fila nella maggior parte di questi paesi, troviamo gli stessi nomi e istituzioni. Che tu sia in America, in Russia, in Cina, nell’UE, ecc., I think tank globalisti e le banche internazionali sono ovunque, e i leader di tutti questi paesi chiedono un maggiore potere per tali istituzioni, non meno.  

Queste guerre, qualunque sia la loro forma, sono un circo per il pubblico. Sono progettati per creare caos controllato e paura gestibile. Sono un mezzo per influenzarci verso un fine particolare, e questo alla fine, nella maggior parte dei casi, è più influenza sociale ed economica nelle mani di pochi eletti. In ogni caso, le persone sono convinte di credere che il mondo sia diviso quando viene effettivamente centralizzato. 

La chiave di ogni spettacolo di magia è far partecipare il pubblico alla bugia; per farli concentrare sulla mano che distrae, per supporre che quello che stanno vedendo sia in realtà ciò che sta realmente accadendo – per sospendere il loro scetticismo.  

Non commettere errori, quello che stiamo vedendo in geopolitica oggi è davvero uno spettacolo di magia. Il falso paradigma est / ovest è potente se non più potente del falso paradigma sinistra / destra. Per qualche ragione, la mente umana è più a suo agio nel credere nelle idee di divisione e caos, e spesso rovescia il naso indignato sulla nozione di “cospirazione”. Ma le cospirazioni e i cospiratori possono essere dimostrati come un fatto storico. L’organizzazione tra gli elitisti è prevedibile.  

I globalisti stessi sono attratti da un’ideologia. Non hanno una nazione comune, non hanno un orientamento politico comune, non hanno un background culturale o una religione comune, preannunciano dall’Oriente proprio come annunciano dall’Occidente. Non hanno vera lealtà nei confronti di nessuna causa principale o movimento sociale.  

Cosa hanno in comune? Sembrano esibire molti dei tratti di sociopatici narcisistici di alto livello, che costituiscono una percentuale molto piccola della popolazione umana. Queste persone sono predatori o, per essere più specifici, sono parassiti. Si vedono naturalmente superiori agli altri, ma spesso lavorano insieme se c’è la promessa di un beneficio reciproco.  

La cosa più vicina a cui posso collegare i sociopatici narcisistici (e quindi i globalisti) nella mitologia sarebbero i vampiri. Mi sono spesso chiesto se il concetto di “vampiri” sia stato creato come un modo per i contadini delle età oscure di spiegare il comportamento senz’anima e mostruoso delle élite del loro tempo. L’idea che ogni persona sia capace di quel tipo se il male, per non parlare del male organizzato nella forma di una cabala, è difficile da accettare per le persone fino ad oggi.  

I vampiri nella mitologia sono solitamente rappresentati come elite, nascondendosi in un semplice sito come leader di comunità nelle alte sfere della società. Cercano un villaggio, si inseriscono come patroni e aristocratici, poi si nutrono fino a quando quel villaggio non viene distrutto. In seguito, passano al villaggio successivo. Questo è quello che sono. Questo è quello che fanno, e lo fanno in modo organizzato per rendere il processo più efficiente. 

Ci vuole un villaggio per nutrire un vampiro o un sociopatico narcisista.  

Racconto questa metafora perché penso che sia importante per la persona media capire di cosa stiamo trattando veramente qui. Quando alcune persone si ritirano all’idea di un sindacato ai massimi livelli della finanza e della politica che lavorano per scopi nefandi, dovrebbero sapere che questo è facilmente spiegabile non solo in termini di miti storici e archetipi, ma in uno studio psicologico ben documentato.  

Analisti e attivisti all’interno del movimento liberty si sono dimostrati straordinariamente immuni a molte delle narrazioni e bugie dei globalisti cospiratori, motivo per cui ora sono il principale obiettivo di molteplici campagne di propaganda. I globalisti non si sentono a proprio agio a salire nelle loro bare per dormire durante il giorno mentre così tanti Van Helsing sono in agguato nell’esporre le loro attività. 

L’ultimo sforzo propagandistico che ho visto è la narrazione del “mondo multipolare” che si sta sviluppando sulla scia di ciò che il FMI definisce “il riassetto economico globale”. In effetti, il termine “mondo multipolare” viene usato in ambienti mediatici alternativi molto di questi tempi, e questo è ancora una volta uno stratagemma progettato per farci credere che la centralizzazione non sia più una minaccia e che le divisioni che vediamo siano reali piuttosto che fabbricate. 

Sotto la narrativa multipolare, ci viene detto che il passaggio dal dollaro americano come la riserva mondiale sta avvenendo e che questo è guidato da potenze politiche orientali alla ricerca di alternative. Questo è vero, ad un certo punto.  

Le bugie che circondano questo sviluppo sono molte, però. Ci viene detto che i poteri politici orientali sono in contrasto con i globalisti e il globalismo – questo è falso. Ci viene detto che le nazioni BRICS stanno cercando un sistema decentralizzato per sostituire l’egemonia del dollaro – questo è falso. Ci viene detto che leader orientali come Putin e Xi stanno contrastando la presa del potere globalista e sono presi di mira dalle élite come se si stessero “ribellando” contro l’impero – anche questo è falso. Ci viene detto che la guerra commerciale è un mezzo per Donald Trump per sconvolgere la globalizzazione e gettare una chiave inglese nei piani dei globalisti: questa è la fantasia.  

Gli attivisti e gli analisti della libertà sono particolarmente suscettibili all’idea perché gioca sul nostro desiderio di vedere l’antico impero basato sul dollaro della Federal Reserve cadere nell’oblio che merita. Il problema è che la narrativa si basa sull’assunzione fraudolenta che l’impero globalista sia radicato nell’impero americano. 

Ecco i fatti:  

Le influenze globaliste sono iper-presenti nelle nazioni orientali. Ad esempio, Vladimir Putin, che è spesso raffigurato come una specie di eroe anti-globalista nelle discussioni sul movimento della libertà, non è affatto anti-globalista. Putin è stato “scoperto” da Henry Kissinger, un nuovo membro del mondo di musica vocale, molti decenni fa, all’inizio degli anni ’90, prima di assumere il ruolo di presidente in carica della Russia. Putin racconta il suo primo incontro con Kissinger e la loro lunga amicizia nel libro First Person , il suo resoconto autobiografico della sua prima carriera.  

Contrariamente alla credenza popolare nel movimento per la libertà, Putin NON ha cacciato le banche internazionali o rimosso le loro strutture di potere durante la sua ascesa presidenziale. In effetti, le banche Rothschild operano ancora in Russia fino ad oggi, mentre Goldman Sachs e JP Morgan continuano a fungere da maggiori banche di investimento nel paese. 

La presenza globalista in Russia è forse il motivo per cui la nazione ha sviluppato un rapporto così stretto con il FMI dopo la caduta dell’Unione Sovietica, perché continuano i loro legami con il Fondo monetario internazionale e la Banca dei Regolamenti Internazionali fino ad oggi e perché il Cremlino ha nel il passato ha richiesto un nuovo sistema di valuta globale controllato dal FMI.

La Cina ha anche chiesto lo stesso nuovo sistema monetario , non decentralizzato, ma completamente centralizzato dal FMI. La Cina è stata sotto l’influenza della Rockefeller Foundation dal 1915 circa, quando ha aperto un’università nel paese, sulla base dell’Università di Chicago. La Cina continua i suoi legami con i globalisti attraverso la BRI e il FMI e Goldman Sachs è fortemente coinvolta nelle attività del governo cinese e negli accordi commerciali. Solo l’anno scorso, Goldman ha stabilito un accordo da $ 5 miliardi con un ramo del governo cinese per facilitare l’acquisto di società e attività negli Stati Uniti. Donald Trump ha elogiato l’accordo come vantaggioso per gli Stati Uniti, il che non è sorprendente considerando il numero di alunni di Goldman Sachs che Trump ha coinvolto nel suo gabinetto.

Trump ha anche intrattenuto rapporti con i globalisti, incluse le élite bancarie connesse di Rothschild negli ultimi 25 anni. Wilber Ross, un banchiere d’investimento che lavorava per i Rothschild, era l’agente principale che salvò Trump dai suoi ingenti debiti che circondavano il suo casinò Taj Mahal ad Atlantic City. Dopo l’ascesa di Trump alla Casa Bianca, ha reso Wilber Ross segretario commerciale e Ross ora promuove pesantemente la guerra commerciale in via di sviluppo. 

Chiaramente, non c’è “divisione” tra i leader politici del mondo quando si tratta di chi sono alleati. Banche internazionali e think tank globalisti sono coinvolti in TUTTI di loro. Ma per quanto riguarda il resto del mondo in generale? La guerra commerciale non è forse causa di divisione e decentramento tra nazioni ed economie? Quando guardi la cima della piramide, le divisioni svaniscono.

Considera l’attuale accordo russo con la Germania, o l’ultimo accordo della Russia per consentire alla Cina di coltivare oltre 2,5 milioni di ettari di terra russa, aiutando direttamente a combattere le sanzioni statunitensi. O che dire dell’operazione del Mar Caspio tra Russia, Iran e altri paesi per porre fine alla disputa sulla regione? E che dire della sfida della Cina alle sanzioni sul petrolio iraniano? O le crescenti proteste dell’UE sull’interferenza degli Stati Uniti nel loro commercio di petrolio con Iran e Russia?  

Questi sono solo alcuni degli ultimi esempi del resto del mondo che si fondono in un grande conglomerato sulla scia della guerra commerciale. La guerra commerciale sta riunendo tutti questi paesi apparentemente disparati in un modo che è piuttosto conveniente per i globalisti. Se prendiamo in considerazione la realtà dell’influenza globalista in tutte le principali economie, allora dobbiamo anche tener conto della possibilità che il “risanamento economico globale” non riguardi un “mondo multipolare”, ma un mondo unipolare ancor più centralizzato. Un mondo che sacrifica il modello americano insieme al dollaro come riserva mondiale e lo sostituisce con qualcosa PERSINO PEGGIO.

Nel frattempo, agli attivisti della libertà viene di recente detto che dovrebbero radunarsi intorno alla morte del dollaro e al risanamento globale come se fosse la fine del globalismo. In altre parole, dovremmo credere stupidamente che il passaggio al nuovo ordine mondiale sia il “decentramento” semplicemente perché lo chiamano “multipolare”. Solo perché gli Stati Uniti non sono più il volto della bestia non significa che la bestia è scomparsa .  

http://www.alt-market.com/   

®wld

Almanacco di giugno 2018

  

(Perché) Un’economia globale rotta sta annullando l’ordine internazionale

Oppure, quali Trump, Macron e Trudeau non sanno che stanno combattendo ancora  

Voglio raccontarti una storia su un mondo che è caduto a pezzi.   

Come probabilmente sapete, i leader mondiali sono inorriditi contro un presidente americano che vuole escluderlo – e per “esso”, intendo gli ultimi cinquanta anni. Accordi commerciali, trattati internazionali, alleanze, opere – l’ordine globale. Ecco cosa non sai. Qualcosa è andato storto. Quindi, è sbagliato che i leader globali di oggi, Trump, Macron, Trudeau, Merkel, Lagarde, non capiscano nemmeno di cosa stanno litigando – eppure.   

L’economia globale come la conosciamo è stata costruita per il beneficio – e quindi anche per essere alimentata – dal consumatore americano. Ora, il “consumatore” americano era anche il lavoratore americano – ma gli economisti non avevano ancora capito questa parte, anche se potrebbe sembrare ovvio, e ci ritorneremo tra un momento.   

Di conseguenza, è iniziata un’epoca di accordi di “libero scambio” e trattati e accordi internazionali. Non erano “liberi”, in realtà – i lavoratori di altri paesi non erano “liberi”, ad esempio, per trasferirsi negli Stati Uniti, per godere di protezioni del lavoro dignitose, sindacati e così via. Il punto di questi accordi era quindi in gran parte quello di ottenere merci di ogni tipo – automobili, computer, vestiti – per gli americani, nel modo più economico e rapido possibile. “Libero” come in: sei libero di vendere roba in America. Vai per esso – più economico e più veloce di chiunque altro! Continua in lingua inglese QUI

Cronache della Transizione  

Trump sta modificando velocemente i rapporti di forza all’interno dell’Occidente. (redazione)  

di Pierluigi Fagan  

Trump sta modificando velocemente i rapporti di forza all’interno dell’Occidente.

Il Giappone sta già andando per conto suo dovendosi anche ricentrare sul suo quadrante geo-naturale che è l’Asia, non l’occidente.   

L’Italia, nella nuova configurazione di governo, si presta a ruolo di quinta colonna che vorrebbe usare la spinta americana, per modificare i rapporti di forza interni all’Europa.   

La Gran Bretagna è al momento silente e paralitica poiché a sua volta in transizione non avendo ancora mani completamente libere data la procedura in corso di divorzio con l’UE.   

Il Canada è sotto bombardamento dazi-NAFTA e comunque, con tutta la simpatia per quel bel Paese, conta quanto il due di coppe a briscola quando regna bastoni. Rimangono così Francia e Germania.   

Sulla Germania già sappiamo molte cose. Accusata di eccesso mercantilista, di far la vergine delle rocce con la Russia con cui continua a fare affari e soprattutto condotte di gas, reticente a finanziarie la NATO da par suo, altrettanto avviluppata in amorosi sensi con la Cina, attaccata con violenza su Deutsche Bank, acciao e suoi derivati manifatturieri, adesso si beccherà le fatidiche barriere sulle auto, core business della sua industria metallica ovvero core economy. Altresì, la Germania è il perno sia del’euro che della UE che sono intesi come suoi sistemi di egemonia.  

L’euro occupa il 30% delle riserve mondiali, percentuale sottratta soprattutto al dollaro e visto che volenti o nolenti, si dovrà far spazio allo yuan (che tanto concesso o conquistato, il suo spazio naturale se lo prenderà per semplici ragioni di volumi), converrebbe a gli americani distruggerlo perché vaso di coccio tra vasi di ferro. Continua a leggere QUI  

 

Nel vortice di autodistruzione dell’Occidente-Mondo  

Maurizio Blondet

“La Russia deve essere al G7, piaccia o no, dobbiamo avere la Russia al tavolo negoziale”, vibra Trump in una non certo improvvisata uscita, e i salotti tv anti-governativi scoprono che il primo ministro Giuseppe Conte, quello da loro dipinto come uno sciocco re travicello di una alleanza populista velleitaria, impreparata e scema, può dire al suo primo vertice in Canada, per nulla intimidito: “Sono d’accordo con il presidente Donald Trump, la Russia dovrebbe tornare al G8. Nell’interesse di tutti”.  

Non è che ci sia qui una qualche alleanza. Quella cui assistiamo è la disintegrazione dell’ordine occidentale, che comporta inaspettate ricomposizioni, forse temporanee. Le centrali pensanti inglesi, nel travaglio di un Brexit che Merkel-Juncker vogliono sempre più ostile e punitivo, ha colto l’occasione per appoggiare il ben fondato malcontento italiano, spiegando in diversi articoli come sia la Germania la sola che ci ha guadagnato dall’euro, e quella che ha più da perdere facendo della UE “un nemico invece che un alleato” dell’Italia. E in altri articoli, hanno spiegato a fondo la crisi di Deutsche Bank. E un articolo del Financial Times ha non poco poter nel mondo della finanza internazionale. continua a leggere QUI

  

La Gruber al Bilderberg, Mazzucco: davvero ve ne stupite? 

Ma davvero abbiamo bisogno di leggere che Lilli Gruber partecipa al salotto del Bilderberg per scoprire che la sua attendibilità è condizionata? Non ci arriviamo, da soli, a supporre che la Gruber parli regolarmente con qualcuno – non necessariamente il famigerato Bilderberg – prima di decidere cosa raccontarci, che tipo di contenuti somministrarci e quale genere di ospiti propinarci, invariabilmente, ogni sera? Insomma: va bene tutto, ma ormai siamo piuttosto grandicelli per fare i nostri ragionamenti, al di là del solito gossip complottistico e decisamente naif, pronto a scatenarsi non appena l’ombra del “diavolo” compare all’orizzonte. E’ lo sfogo, in apparenza semiserio ma in realtà serissimo, che Massimo Mazzucco affida agli ascoltatori di Fabio Frabetti, animatore di “Border Nights” e della diretta web-streaming “Mazzucco Live”, il sabato pomeriggio su YouTube. Un’occasione per riflettere su aspetti inesplorati del giornalismo, inclusi i risvolti recentissimi dell’attualità politica. «Salvini? E’ partito bene: impeccabile la sua denuncia dell’atteggiamento di Malta. Perché mai le navi-soccorso che passano davanti all’isola non vi sbarcano mai i migranti raccolti in mare, preferendo dirottarli in Italia?». Lo svelò un leader dell’opposizione maltese, Simon Busuttil: il governo Renzi sottoscrisse un patto segreto, in base al quale Malta smista su Lampedusa i naufraghi, e in cambio concede all’Italia il permesso di effettuare trivellazioni petrolifere. Continua a leggere QUI 

 

Morto che parla: le bugie di Prodi e la Repubblica senza idee 

Romano Prodi, ancora lui. «Due volte presidente del Consiglio», lo presenta Simona Casalini su “Repubblica”, evitando di evidenziare le funzioni rivelatrici che ne illuminano il curriculum: privatizzatore dell’Iri, presidente della Commissione Europea e advisor europeo della Goldman Sachs, la cupola di “bankster” che ha infiltrato le economie nazionali per saccheggiarle crocifiggendole al debito, come la Grecia a cui lavorò Mario Draghi. Ma, per “Repubblica”, nel giugno 2018 – con Di Maio e Salvini e al governo – Romano Prodi è ancora il “due volte presidente del Consiglio”, l’autorevole “professore” interpellato sull’Italia come fosse un economista di Sydney, un osservatore neutrale e nobilmente estraneo al disastro italiano. Al forum “La Repubblica delle Idee”, Prodi risponde alle affabili domandine del direttore del quotidiano di De Benedetti, Mario Calabresi, affiancato dal collega de “L’Espresso”, Marco Damilano. «La gente non ha più fiducia nelle democrazie», proclama soavemente Prodi, fingendo di non sapere che in quest’Europa è stata proprio la democrazia a trionfare in Gran Bretagna addirittura con un referendum, mentre ora in Italia – sempre a suon di voti – ha mandato a casa l’ex inaffondabile euro-Pd. Se c’è una notizia è proprio la riscoperta della democrazia come possibilità. E i direttori del gruppo Espresso lasciano che il super-tecnocrate italiano dica il contrario esatto della verità.

Il crollo generale di fiducia – non “nelle democrazie”, com’è evidente, ma negli euro-governi non democratici – secondo Prodi nasce da «un problema di diritti», palesemente conculcati. E ammette: «Bisogna cambiare registro. La disparità è aumentata in quasi tutti i paesi del mondo proprio perché i governi democratici hanno adottato modelli fiscali e di welfare che hanno aumentato la disparità». Dov’era, il “professore”, mentre tutto ciò accadeva? Su Marte, potrebbe pensare il lettore, se non sapesse che Prodi era prima all’Iri, impegnato a tagliare le gambe all’Italia, per poi “finire il lavoro” tra Bruxelles e Palazzo Chigi, lautamente ricompensato da Wall Street. “Chi sei e da dove vieni” dovrebbero essere l’abc del giornalismo? Nei film, forse. Nella realtà, Mario Calabresi “incalza” Prodi chiedendogli di esercitare il suo apollineo intelletto misurandosi su giudizi temerari, come quello concernente la vera natura del neonato governo giallo-verde. Per la precisione: l’orientamento del neo-premier. «Conte? E’ di destra», sentenzia (in qualità di astrologo) il “professore”, per quarant’anni al servizio della destra economica neoliberista. Ormai l’Italia è spacciata, ripeteva, da Palazzo Chigi: l’economia del mondo è in mano a grandi “cluster” industriali, di fronte ai quali il made in Italy – piccola e media impresa – può solo estinguersi. Continua a leggere QUI 

 

In che modo i giochetti disonesti del globalismo conducono al Nuovo Ordine Mondiale

Questo articolo tocca alcuni punti importanti, ma non è consapevole che la “Tecnocrazia”, ovvero lo “Sviluppo Sostenibile”, sia il vero motore della globalizzazione.

Il Nuovo Ordine Mondiale viene opportunamente descritto dal Dr. Parag Khanna (un tecnocrate) in Connectography:   

“Stiamo costruendo una società globale senza un leader globale.   

L’ordine globale non è più qualcosa che può essere dettato o controllato dall’alto verso il basso.   

La stessa globalizzazione è l’ordine.”   

Il risultato della globalizzazione è la Dittatura Scientifica e la Tecnocrazia.  

Fonte

Quando i globalisti parlano pubblicamente del “Nuovo Ordine Mondiale“, stanno parlando di qualcosa di molto specifico e piuttosto sacro del loro piccolo culto d’elite.   

Non è la semplice nozione che la civiltà cambia o cambia improvvisamente da sola, ma piuttosto si tratta del loro nome per una visione diretta e ingegnerizzata:   

un mondo costruito secondo le loro regole, non un mondo che si è evoluto naturalmente secondo le necessità.   

Ci sono altri nomi per questa visione ingegnerizzata, incluso il “reset economico globale” e il termine più generale e innocuo di “globalismo”, ma l’intenzione è la stessa.   

L’obiettivo finale del “Nuovo Ordine Mondiale” come ideologia, è la totale centralizzazione del potere economico e governativo nelle mani di una burocrazia selezionata e inesplicabile, composta dai finanzieri internazionali.   

Si tratta della governance secondo i dettami de La Repubblica di Platone; un delirante mondo irreale in cui dei benevoli re filosofi, apparentemente più intelligenti e più obiettivi degli altri, governano dall’alto con precisione e saggezza scientifica. È un mondo dove gli amministratori diventano dèi …  

Continua a leggere QUI  

 

L’ipocrisia della Silicon Valley: crea dispositivi che creano dipendenza e metti i loro bambini in scuole che vietano il loro uso   

Media e tecnologia   

I dirigenti di Google mettono i loro figli in scuole senza schermo.

Qualche anno fa si è saputo che Steve Jobs non lasciava che i suoi figli usassero l’iPad, essendo lui stesso un padre low-tech. Questa informazione ha generato alcune polemiche, dal momento che (come sostenuto) la compagnia di Jobs ha progettato e promosso i suoi prodotti in tutto il mondo con l’intenzione di essere utilizzati in ogni momento. Questo doppio standard, per così dire, è diventato solo più pronunciato negli ultimi anni. In un precedente articolo abbiamo menzionato che molti dei dirigenti della Silicon Valley stavano abbandonando i social network e disconnettendosi dai gadget , consapevoli degli effetti negativi che producono in termini di attenzione. Ora, un articolo sul New York Times rivela la tendenza dei vari dirigenti tecnologici a mettere i propri figli nelle scuole Waldorf, dove è vietato l’uso di gadget. Continua in lingua spagnolaQUI

®wld

Appelli disperati delle élite

 

 

GLI EUROPEISTI INVOCANO IL GOLPE- per salvare la Democrazia, ovvio. 

di Maurizio Blondet   

Da quel che ho capito io, Mattarella non vuole i ministri che gli propone l’alleanza di governo. Dicono che continua telefonare a Draghi per avere, diciamo, istruzioni o pareri: “Conte ti va?”. Draghi: Per carità, e chi lo conosce. E’ incompetente. E’ un tecnico (i media ripetono: incompetente, troppo tecnico, ha falsato il suo curriculum)  

NON ABBASTANZA competente.

NON ABBASTANZA competente. 

Mattarella: “Mi propongono Paolo Savona lo accetti? Draghi: “Di male in peggio, quello è troppo competente. E’ anche uno del sistema, quindi non possiamo attaccarlo come un barbaro invasore. Ex direttore generale di Confindustria e ministro dell’Industria del governo Ciampi, lunghi anni a fianco di Guido Carli, che da ministro del Tesoro firmò per l’Italia il trattato di Maastricht. Sperimentato. La sa troppo lunga. Riuscirebbe a pilotare l’uscita concordata dall’euro. Sa come fare. Nelle trattative metterebbe in difficoltà Merkel e Macron. No no, proprio no”.  

TROPPO competente.

TROPPO competente. 

I media strombazzano: Paolo Savona è anti-euro, non va bene. Ci vuole un ministro non critico dell’euro, altrimenti l’Europa si sente offesa. Altri spiegano: Paolo Savona è interno al Sistema, dunque in contraddizione col populismo. Bocciato.  

Mattarella mette il veto.  

Il presidente Mattarella si prende tempo. Continua a ricevere messaggi dalla cosiddetta Europa: “L’Italia rispetti gli impegni”; “Presidente, non permetta che i barbari distruggano lo splendido lavoro che abbiamo fatto a Bruxelles”.  

Centocinquanta economisti tedeschi firmano un documento di fuoco in cui esigono che l’Italia esca dall’euro. Cosa che dimostra lo stato di confusione mentale in cui li abbiamo sprofondati: prima, quando l’opzione di uscita dall’euro era comparsa nella bozza Lega-M5S, tutti a strillare che è uno scandalo! E obbligano a cancellare quella opzione. Poi la stessa opzione compare con la firma di 150 economisti germanici, e va bene.  

E Mattarella che fa? Aspetta. Aspetta che Salvini e Di Maio gli propongano i ministri giusti. Giusti secondo gli europeisti e i media. Si capisce che sarebbe contento se Salvini e Di Maio gli proponessero: come presidente del consiglio, vogliamo assolutamente Gentiloni. Come ministro dell’economia, scegliamo di nostra iniziativa, Padoan. Agli Esteri, Alfano. La Fedeli all’Istruzione… 

Quello sarebbe il governo giallo-verde ideale, per Mattarella. Il quale continua a far ripetere ai media che è sua prerogativa presidenziale scegliere i ministri.  

C’è addirittura qualche media che sostiene: la pretesa dei vincitori alle elezioni di volersi scegliere i ministri è contraria alla Costituzione. Corrado Augias comincia a scrivere che al punto in cui siamo, per salvare la democrazia, bisogna vietare le elezioni: è il pensiero ricorrente della cultura di sinistra. Su Il Foglio, il direttore neocon Claudio Cerasa lancia un appello disperato a Berlusconi e a Renzi: sciolgano PD e Forza Italia e li fondino in una sola “opposizione propositiva pro Occidente, pro mercato, pro Europa” contro il governo giallo-verde votato dal popolo.  

Insomma non sanno più cosa inventarsi. Hanno una gran voglia di golpe. Sperano moltissimo in un aumento dello spread. Invocano l’aiuto dei “mercati”: non vedete l’immane debito pubblico italiano? Chiedete di più di interessi! Rovinate gli italiani che hanno votato male! 

Al che un operatore finanziario domanda: se – come credono i media – c’è una correlazione fra debito grosso e spread, come mai il Giappone che ha un rapporto debito/Pil del 235 per cento, ha uno spread nullo, anzi “NEGATIVO rispetto ai bund tedeschi, e non è sotto la minaccia dei mercati?   

Il Giappone: rapporto debito/Pil è al 235%, ma i “mercati” non si allarmano. Perché ha la moneta sovrana.

Cosa volete, rispondere a questa domanda sarebbe imbarazzante: il Giappone non allarma i mercati perché non è nell’euro, ha una moneta sovrana e una banca centrale sua, che garantisce di pagare tutti li yen che servono per servire gli interessi sul debito.  

Si potrebbe dedurre che i nostri problemi di spread dipendano dalla UE e dall’euro. Un’idea malsana e barbara. Omofoba e antisemita. 

Quindi, gli sguardi si volgono di nuovo a Mattarella. Gli danno suggerimenti. Come nota Massimo D’Antoni, professore di scienza delle finanze a Siena: “I giornali continuano a scrivere che al Quirinale il problema sarebbe la proposta di un ministro [Paolo Savona] che ha dei dubbi sull’euro. Non so se sia vero. Mi rifiuto di crederci, perché se così fosse sarebbe una motivazione a dir poco sconcertante”:  

Già. Avremmo un presidente della repubblica che censura preventivamente le idee politiche di un economista assolutamente rispettato, che è stato ministro, banchiere, boiardo di Stato, persino Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica…. 

Mattarella come presidente che mette il veto – non motivandolo – su un tale nome, concordato dalle forze che rappresentano la maggioranza in parlamento, “introdurrebbe un precedente pesantissimo” (D’Antoni). Il precedente si chiama golpe. Qui, diciamolo chiaro, c’è una grande tentazione di golpe. Lo chiede il PD. Lo chiede Forza Italia. Lo chiedono i media. Ce lo chiede l’Europa. 

Forse Draghi ha trovato una via d’uscita. Telefona a Mattarella: “Dì che scelgano Di Maio. Quello è un novizio, non capisce niente di finanza monetaria, non sa le lingue, riusciamo a intimidirlo nei vertici UE …e lo facciamo su”. (non cito letteralmente: Fare su, è un mio milanesismo per imbrogliare). 

I media cominciano a scrivere: si torna a pensare a un politico come presidente del consiglio. Di Maio, perché no?  

Resta da mettere qualche puntino sulle i. Il professor Conti,che prima non andava bene perché “un perfetto sconosciuto”, poi non va bene perché ha difeso una famiglia che voleva far curare sua figlia malata con la Stamina: occorre precisar che un avvocato difende anche un omicida, senza essere necessariamente un promotore dell’assassinio? Ma la cosa più incredibile è che i media e il PD continuino a dire che”ha taroccato” il curriculum.. Che ha millantato una laurea presa a New York, come un qualunque Oscar Giannino, e che l’Università di New York dice che non è mai stato iscritto. In realtà, ecco cosa Conte ha scritto nel suo curriculum:  

Vuol dire che il professore è stato ad ascoltare lezioni all’università – ciascuno può farlo, l’ingresso è libero – per ascoltare oratorie in un bell’inglese, migliorare la propria comprensione della lingua, impratichirsi della terminologia giuridica. Io stesso l’ho fatto ormai decenni fa alla Tulane University di New Orleans. Certo, andare in una università straniera per migliorare la propria competenza linguistica, è un tipo di problematica che non ha mai interessato la Fedeli, con la sua terza elementare, messa dal PD a fare la ministra dell’Istruzione: e in quel caso, Mattarella ha trovato che le competenza della vecchia rossa bastano e avanzano. Non ha trovato nulla da ridire sulla competenza scientifica della Lorenzin, una liceale, messa alla Sanità, con potere vacinale dittatoriale. Nè ha avuto dubbi sulle competenze di Alfano, che non sa alcuna lingua, come ministro degli Esteri. Se si obbedisce all’Europa, non c’è bisogno di essere cervelli, di sapere qualcosa, di imparare: basta eseguire gli ordini.   

Il debito pubblico: “Il governo giallo-verde lo farà aumentare! Bisogna impedirglielo!”: così esclamano le sinistre che in dieci anni di governo hanno aumentato il debito pubblico così:

(Guardate come cresce dal 2011, ossia dal “competente” Mario Monti)

Stefano Fassina, nel PD uno dei più a sinistra ma oggi cane sciolto e spirito libero, approva Paolo Savona

Stefano Fassina (@StefanoFassina) ha twittato alle 10:16 AM on mar, mag 22, 2018:

Paolo #Savona come ministro economia e finanze @MEF_GOV è competente e equilibrata coerenza con voto @M5S_Camera @M5S_Senato e @LegaSalvini il 4 Marzo. Savona da tempo fa analisi fondate su mercato unico e €-zona e ne rileva insostenibili effetti di svalutazione del lavoro.

 
(https://twitter.com/StefanoFassina/status/998840059033014277?s=03) 
 

BERLINO: non sapeva come rifutare i programmi di Macron sulla messa in comune di profitti e perdite come in una vera area monetaria. Adesso ha colto la palla al balzo per stoppare tutto. “Finché l’Italia non finisce di fare le sue riforme. E siccome non le fa più…”,.  

http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-05-21/governo-m5s-lega-timori-tedeschi-ora-stop-riforme-dell-area-euro–124559.shtml?uuid=AEKSmwrE&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter 

La Germania, da sempre contraria alla condivisione dei rischi in Eurozona, coglie la palla al balzo per dire che… non vuole la condivisione dei rischi” (Luciano Barra Caraccio) 

Per i più esperti, propongo l’articolo seguente: 

COSA PONE VERAMENTE IN PERICOLO L’EUROZONA. IL CONTO CHE LA GERMANIA NON PAGHERA’ MAI

https://orizzonte48.blogspot.it/2018/05/cosa-pone-veramente-in-pericolo.html 

E’ la comune spoliazione dell’Italia il vero collante della “unità” franco-tedesca, che altrimenti sarebbe divergente.

“La verità sta proprio nel fatto che l’Italia “allarma” non per la sua debolezza ma per la sua forza, la cui rivendicazione farebbe crollare la grande costruzione oligarchica del capitalismo finanziario che culmina nell’euro.”  

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/

®wld