Archivi tag: mari/oceani

Rilascio di organismi geneticamente modificati nell’oceano

 

La marina degli Stati Uniti rilascia gli organismi geneticamente modificati nell’oceano, scatenando l’inquinamento genetico di massa con conseguenze devastanti

(Naturale Notizie)

di: Tracey Watson

Non si accontenta più di armeggiare con il disegno genetico delle colture e degli esseri umani, gli scienziati – per volere dei militari statunitensi – stanno ora rivolgendo la loro attenzione agli oceani del mondo. Come riportato da Defense One, il Pentagono sta esaminando vari modi in cui ingegnerizzare geneticamente i microorganismi marini in apparecchiature di sorveglianza viventi in grado di rilevare sottomarini nemici, sommozzatori e altri sospetti di traffico sottomarino.

I militari stanno anche valutando l’utilizzo dell’ingegneria genetica per creare un camuffamento vivente in cui le creature reagiscono all’ambiente circostante per evitare di essere scoperti, insieme a una miriade di altre applicazioni potenzialmente nefande.

Sebbene tali modifiche possano sembrare vantaggiose per gli sforzi di sicurezza nazionale, ci sarà un prezzo da pagare – come sempre accade quando gli scienziati interferiscono con la progettazione genetica. Quali saranno gli effetti dell’inquinamento genetico di massa sui nostri oceani e quali risultati irreversibili e devastanti potrebbero essere scatenati? (Correlato: il primo OGM mai prodotto dall’ingegneria genetica ha avvelenato migliaia di americani).

Scatenare organismi ingegnerizzati senza conoscerne le conseguenze

I funzionari militari, che insistono sul fatto che questo tipo di ricerca è ancora agli inizi, vengono sostenuti nei loro sforzi dal Naval Research Laboratory (NRL).

Defence One ha spiegato la ricerca in modo più dettagliato:

Prendi un abbondante organismo marino, come Marinobacter , e cambia il suo corredo genetico per reagire a certe sostanze lasciate da navi nemiche, sommozzatori o equipaggiamento. Questi potrebbero essere metalli, scarichi di carburante, DNA umano o alcune molecole che non si trovano naturalmente nell’oceano, ma sono associati, ad esempio, ai sottomarini diesel. La reazione potrebbe assumere la forma di una perdita di elettroni, che potrebbe essere rilevabile da sub-droni amichevoli.

“In un contesto ingegnerizzato, potremmo prendere la capacità dei microbi di abbandonare gli elettroni, quindi usare [quegli elettroni] per parlare con qualcosa come un veicolo autonomo”, ha spiegato la ricercatrice della NRL, Sarah Glaven, che stava parlando ad un evento ospitato da il laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University. “Allora puoi iniziare a immaginare di poter creare un segnale elettrico quando i batteri incontrano alcune molecole nel loro ambiente.”

I ricercatori hanno già dimostrato, in un ambiente di laboratorio, che i geni dei batteri di E. Coli possono essere manipolati per mostrare proprietà che potrebbero rivelarsi utili per il rilevamento sottomarino. Tuttavia, questo tipo di ricerca è limitato perché potrebbe non essere necessariamente replicabile nella vita marina trovata nelle aree in cui è necessario che siano al fine di rilevare i sottotitoli ostili.

Nondimeno, Glaven crede che il team possa trasformare questi tipi di organismi marini mutati in un solo anno.

“Il motivo per cui pensiamo di poterlo fare è che abbiamo questo vasto database di informazioni che abbiamo raccolto dalla coltivazione di questi sistemi naturali”, ha osservato. “Quindi, dopo gli esperimenti in cui esaminiamo il potenziale genetico di commutazione, l’espressione genica, le reti di regolazione, stiamo trovando questi sensori.” (Correlato: l’inquinamento genetico danneggia gli organismi attraverso 14 generazioni di prole, rivela uno studio scientifico sbalorditivo).

Parte di un più ampio programma militare di “biologia sintetica”

Questa ricerca di modificazione marina fa parte di un programma militare da 45 milioni di dollari che comprende le piattaforme della marina, dell’esercito e dell’aeronautica militare ed è stato etichettato come programma di ricerca applicata per il progresso delle scienze e tecnologia sulle biologia sintetica per gli ambienti militari. Il programma mira a fornire ai ricercatori in questi settori militari tutti gli strumenti che ritengono necessari per elaborare le risposte genetiche in un modo che possa essere manipolato dai militari.

Non è difficile immaginare che questo programma di manipolazione genetica su larga scala possa creare effetti disastrosi – effetti che i nostri figli e nipoti saranno lasciati affrontare e che potrebbero rivelarsi irreversibili.

Quali altri elementi di progettazione genetica stanno facendo gli scienziati che giocano con Dio? Ulteriori informazioni su GMO.news.

Le fonti includono:

DefenseOne.com

NaturalNews.com

fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

Microplastiche nel sale marino

Il sale marino è contaminato da microfibre di plastica 

Sale marino contaminato in tutto il mondo. Nuovi studi scientifici hanno trovato diverse quantità di microfibre di plastica nel sale venduto negli Stati Uniti, in Europa e in Cina. La causa sta nel fatto che i mari sono altamente inquinati dalla plastica, che risale la catena alimentare non solo tramite il pesce e l’acqua di rubinetto ma anche con il sale.

Già alcuni mesi fa ci eravamo occupati di come l’acqua dirubinetto sia contaminata da microfibre di plastica, spesso dovute anche ai residui lasciati dal lavaggio dei capi sintetici dalle lavatrici che non riescono ad essere eliminate dai filtri dei depuratori. E a questo allarme si aggiunge quello che i pesci stanno ingerendo questa plastica scambiandola per cibo, che li porta alla morte o all’incapacità di riprodursi. Il fatto è che molto del pesce pescato e allevato ora contiene plastica.

Dopo tali rivelazioni, nuovi studi hanno dimostrato che piccole particelle sono state trovate nel sale marino venduto in praticamente in tutto il mondo. La ragione è che il sale viene prodotto dall’essiccazione dell’acqua di mare.

I ricercatori ritengono che la maggior parte della contaminazione provenga da microfibre e plastica monouso come le bottiglie d’acqua e i bicchieri di plastica. Fino a 12,7 milioni di tonnellate di plastica entrano ogni anno negli oceani del mondo, il che equivale a scaricare un camion pieno di plastica al minuto nell’oceano, afferma il report delle Nazioni Unite.

“Non solo la plastica è pervasiva nella nostra società in termini di uso quotidiano, ma è pervasiva anche nell’ambiente”, ha spiegato il Prof. Sherri Mason, docente presso la State University di New York al The Guardian, che ha condotto le ultime ricerche sulla contaminazione della plastica nel sale . La plastica è “onnipresente, nell’aria, nell’acqua, nei frutti di mare che mangiamo, nella birra che beviamo, nel sale che usiamo – la plastiche è ovunque”.

Mason ha collaborato con ricercatori dell’Università del Minnesota per esaminare le microplastiche nel sale, nella birra e nell’acqua potabile. La sua ricerca ha esaminato 12 diversi tipi di sale (inclusi 10 sali marini) acquistati dai negozi di alimentari in tutto il mondo. Tutti erano contaminati. La persona media potrebbe ingerire fino a 660 particelle di plastica ogni anno, se rispettano lo standard sanitario di 2.3 grammi di sale al giorno. Tuttavia, la maggior parte delle persone potrebbe ingerirne molto di più, dato che si stima che ad esempio un italiano medio consuma circa 12 grammi di sale al giorno, ovvero rischia di ingerire più di 3600 particelle ogni anno!

L’impatto dell’ingestione di plastica sulla salute è ancora sconosciuto. Gli scienziati fanno fatica ad analizzare l’impatto della plastica sul corpo umano, perché non riescono a trovare un gruppo di controllo di esseri umani che non sono stati esposti.

“Tutti sono esposti a un certo livello in qualsiasi momento, dalla gestazione alla morte”, hanno scritto nel 2013 i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e dell’Arizona State University. “Sono stati trovati livelli rilevabili di bisfenolo A dalla plastica nell’urina del 95% della popolazione adulta degli Stati Uniti.“

Il lavoro del Prof. Sherri Mason si aggiunge alla ricerca sulla plastica nel sale di altri paesi in tutto il mondo, tra cui Spagna e Cina.

Uno studio spagnolo pubblicato su Scientific Report ha concluso che “i prodotti del mare sono contaminati irrimediabilmente da microplastiche” e che “esiste una presenza di fondo di microplastiche nell’ambiente”. Gli scienziati hanno testato 21 tipi di sale da cucina ed in tutti hanno trovato plastica. Il tipo più comune di plastica che hanno trovato è stato il polietilene tereftalato, il materiale usato per fabbricare le bottiglie di plastica.

C’è stato poi un altro studio realizzato da un team di ricercatori provenienti da Francia, Regno Unito e Malesia che ha testato 17 tipi di sale provenienti da 8 diverse nazioni. Le analisi hanno trovato la plastica in tutti tranne un campione e la maggior parte della plastica era di polietilene e polipropilene.

Uno studio cinese del 2015 ha trovato particelle di plastica microscopiche provenienti da scrub viso, cosmetici e frammenti di bottiglie di plastica in tutti i 15 tipi di sale testati e provenienti dai negozi alimentari.

Conclusioni 

Gli scienziati hanno fatto le loro ricerche e ci vorranno forse decenni prima che si saprà l’impatto che tutto questo sta avendo sulla salute. E’ importante quindi fare prevenzione primaria ed applicare il principio di precauzione. Limitare quindi il consumo di sale, evitando quello marino e preferendo il sale rosa dell’Himalaya che non è a rischio contaminazione dalla plastica.

Riferimenti scientifici

– Ali Karami et al. The presence of microplastics in commercial salts from different countries. Scientific Reports volume 7, Article number: 46173 (2017)

– Emily J. North and Rolf U. Halden. Plastics and Environmental Health: The Road Ahead. Rev Environ Health. Author manuscript; available in PMC 2014Jan 1.

– Maria E. Iñiguez et al. Microplastics in Spanish Table Salt. ScientificReports volume 7, Article number: 8620 (2017)

– Dongqi Yang et al. Microplastic Pollution in Table Salts from China. Environ. Sci. Technol., 2015, 49 (22), pp 13622–13627

Fonte: https://www.dionidream.com/

®wld