Crea sito

La Peste Antonina

L’angelo della morte colpisce una porta durante la peste di Roma. Incisione di Levasseur secondo J. Delaunay.

 

di Kit Kennedy17 Aprile 2020 dal Sito Web ClassicalWisdom traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese Versione in spagnolo

 

Immaginate, se volete, che è l’anno 165 d.C.

A Roma ci sono due imperatori, Marco Aurelio e Lucio Vero, che governano insieme da quattro anni e la vita di ogni giorno è buona.

I nuovi imperatorie consentono la libertà di parola, sono popolari tra i militari romani e l’impero è stabile.

Cioè, fino a quando i Parti non invadono il Regno di Armenia.

Questo atto di guerra innesca un contrattacco romano, l’esercito romano chein genere fa rappresaglie. Allo stesso tempo, le tribù germaniche lungo i confini settentrionali iniziano le incursioni, quindi le invasioni dei territori settentrionali.

Nel giro di pochi mesi, il potente impero romano fu coinvolto in una guerra di massa su più fronti. È durante questi tempi già difficili che un nuovo nemico avrebbe invaso l’impero.

Fu un assalto molto più mortale e più silenzioso, e uno i cui effetti avrebbero sgomentato le pagine della storia mentre decimava la popolazione.

Roma fu attaccata dalla peste…

Di Thomas Cole Il decorso dell’Impero: Desolazione, 1836 (Per gentile concessione della New York Historical Society / Wikipedia)

È facile immaginare la scena; non è del tutto estraneo a quello che affrontiamo attualmente col Covid-19.

C’erano voci su ciò che stava accadendo in terre lontane, il governo si rivolse alla popolazione, ma prima che molti potessero fare piani e prepararsi, il loro stile di vita era sotto attacco.

La peste, che prende il nome dalla famiglia Antonina che ha dominato per tutta la durata della peste stessa, è apparsa per la prima volta nell’inverno del 165-166 a Seleucia da una fonte sconosciuta.

Rapporti dell’epoca suggeriscono che la peste fu diffusa dalle truppe dell’Impero Romano di ritorno dalle loro campagne nel Vicino Oriente.

Una volta contratta dall’esercito, si diffuse in tutti i territori dell’impero mentre le legioni si muovevano attraverso i villaggi e la campagna.

Dopo quattro anni di pestilenza, nel 169 d.C., Lucio Vero stava tornando a Roma con Marco Aurelio da Aquileia, quando contrasse la malattia. Anche se avrebbe confortato il fatto che suo fratello adottivo fosse al suo fianco, la morte di Lucio fu rapida.

La rapida dipartita dell’imperatore fu etichettata come “intossicazione alimentare”, anche se ora si ritiene che sia inaccurata.

L’Imperatore romano Antonino Pio (Caracalla) nel forte ricostruito a Saalburg, in Germania.

 

Galeno, il medico greco, descrisse i sintomi costituiti da febbre, diarrea e faringite.

Altri sintomi includevano la pelle che esplodeva in vesciche simili a bolle, alcune secche e altre piene di muco, che sarebbero apparse intorno al nono giorno. Galeno non ha identificato completamente la malattia o la sua origine, ma alcuni studiosi ritengono che questa piaga fosse il vaiolo.

Un’eccezione a questo è lo storico William McNeill, che afferma che la peste Antonina e la successiva peste di Cipriano (251ca – 271) avrebbero probabilmente potuto essere focolai di morbillo e vaiolo.

I sopravvissuti svilupparono una certa immunità a queste malattie, il che suggerisce che nessuna malattia era esistita prima del 165 d.C. nella civiltà romana.

Purtroppo, questa “grande” piaga, come la chiamava Galeno, sarebbe durata ancora per molti anni. Per quindici anni devastò l’Impero, dal 165-180 d.C.

Quando la malattia attaccò la città di Roma, circa nove anni dopo il primo focolaio, si ritiene che abbia causato fino a 2.000 morti al giorno, o con probabilità del 25% di morti per la popolazione di Roma.

Durante questa devastazione, si pensa che un terzo della popolazione sia stata uccisa dalla peste, questo include quelli nelle campagne e nell’esercito e con circa 5 milioni di morti attribuiti durante il suo regno del terrore.

Marco Aurelio e Lucio Vero, British Museum.

All’epoca non esistevano trattamenti o cure. Invece, ondate dopo ondate della malattia, la società romana ha rafforzato l’immunità ai suoi effetti.

Tuttavia, è interessante notare che una piaga con gli stessi sintomi stava affliggendo i regni di due imperatori Han nel Vicino Oriente:

  • Huan di Han (146-168)

  • Ling di Han (168-189)

Durante il governo di questi due imperatori, ci furono focolai nel 151, 161, 171, 173, 179, 182 e 185 – che sono date simili a focolai noti nell’Impero Romano, e sono stati suggeriti come collegati alla Peste Antonina in Eurasia.

Si sospetta che questa piaga abbia avuto origine in una parte sconosciuta e isolata dell’Asia centrale e che si sia diffusa in tutto l’impero cinese e romano con il crescere del commercio tra le due potenze.

La maggior parte di questo commercio è stato portato avanti con il commercio marittimo, che ha subito un danno “irreparabile” a causa della perdita di vite umane.

Pertanto, il commercio con il Sud-est asiatico ha subito un rallentamento drammatico e, sebbene il commercio di seta e spezie sia continuato nel IV secolo, non sarebbe mai tornato alla sua piena gloria.

Invece, l’eredità della peste Antonina sarebbe diventata evidente solo dopo il 500 d.C., con l’evoluzione del morbillo e i suoi effetti sul nostro DNA.

Il decorso dell’Impero (Serie di dipinti di Thomas Cole) Distruzione (1836)

Sebbene la peste Antonina avrebbe avuto poca influenza sulle arti o sulla cultura romana, i suoi effetti sociali e politici hanno lasciato un segno indelebile nelle pagine della storia.

Con esso, la peste fece suonare la campana della morte dell’Impero Romano e avrebbe preannunciato un periodo di costante sconvolgimento, tradimento e – alcuni sosterrebbero – follia per mano di un capriccioso dittatore.

Ma forse dovremmo anche ricordare l’effetto della peste sulla società romana. Tra il terrore e la confusione, i Romani finirono col credere alle menzogne, a comportarsi male e ad agire senza vera comprensione e onore.

I pensieri di Marco erano stati tormentati da un’altra pestilenza e, secondo i suoi scritti nelle Meditazioni, era profondamente turbato da ciò che osservava.

La sua amata Roma stava precipitando nel caos, negli atti sfrenati, negando i fatti a favore della finzione e scegliendo bugie invece della verità e della giustizia…

Forse abbiamo qualcosa da imparare dalla sua seguente riflessione:

“La vera buona fortuna sarebbe quella di abbandonare la vita senza mai incontrare disonestà, ipocrisia, autoindulgenza o orgoglio.

Ma il ‘prossimo miglior viaggio’ è morire quando ne hai avuto abbastanza. O sei determinato a abbandonarsi al male?

L’esperienza non ti ha nemmeno insegnato questo – per evitarlo come la peste? Perché è una piaga – un cancro mentale – peggio di qualsiasi cosa causata dall’aria contaminata o da un clima malsano.

Una malattia del genere può solo minacciare la tua vita; questa attacca il tuo essere umano”.Meditazioni, IX.2

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Galeno di Pergamo

Ricevo dall’amico Di Val Pusteria Dott.Roberto Slaviero e pubblico

CI FACCIAMO UN “GALENOS?“

Il grande medico greco Galeno, nato a Pergamo nel 129 d.C., è stato un grandissimo del passato ed in campo medico ha raggiunto livelli altissimi per ricerca delle cause delle malattie e per le loro cure; noi farmacisti, a tutt’oggi prepariamo rimedi “galenici” in suo onore!

Ci fu un periodo in cui egli visse a Roma, soprattutto alla corte del grande filosofo ed Imperatore Marco Aurelio e si dice che la soluzione da lui creata per ridurre i dolori, a base di Alcool ed Oppio, il GALENUS, piacesse molto anche all’Imperatore.

Il grande Dio Morfeo, deve il suo nome alla sostanza più presente nell’ oppio, ossia la morfina, potentissimo antidolorifico e induttore del sonno.

Fino a poche decine di anni fa, nelle farmacie si trovava ancora il Laudano, ovvero la stessa cosa inventata da Galeno.

Furono i discepoli di Paracelso a modificare una ricetta del grande medico ed alchimista svizzero, aggiungendoci l’oppio!

Mi ricordo da giovane studente in farmacia, che un giorno mio padre Ettore, farmacista, mi mostrò l’armadietto degli stupefacenti chiuso a chiave e mi fece vedere’ la bottiglia del Laudano. E disse:  guarda bene il tutto ed abbi timore e rispetto per queste sostanze “eroiche”!

Per sostanza eroica, si intende una sostanza che in quantità piccolissime, (pochissimi milligrammi), abbatte anche un elefante! Potenze della natura e per questo da rispettare ed anche da temere.

Castaneda insegna …. Don Juan …

Il problema del dolore fisico in una vita vissuta nella materia, è di vitale importanza, e per questo la Dea Natura ci ha fornito strumenti incredibili per sradicarlo; affinché la nostra anima, leggiadra e volatile, non soffra molto nell’esperienza terrena.

I potenti, negli ultimi secoli hanno usato invece il potere dell’oppio, per rincoglionire e sottomettere le popolazioni. Mi vengono in mente ad esempio i colonialismi britannici in Cina nel 19°  secolo, con le guerre dell’oppio.

Cosa credete che siano andati a fare in Afganistan gli occidentali? A portare forse il pensiero libero contro le barbarità dei talebani? L’Afganistan è il più grande produttore di oppio del mondo!

Oggi lo fanno anche legalmente, soprattutto negli Usa, prescrivendo farmaci a base di oppiacei anche per dolori ridicoli. L’onda lunga made in Usa sta arrivando anche in Europa, anzi è già qui; arriverà anche la Marijuana legale etc. etc.

Obbiettivo è che i coloni (i servi della gleba), vivano rincretiniti e lavorino a basso costo e non si interessino della “cosa pubblica”.

Tornando ai tempi di Galeno, egli studiava le ferite dei Gladiatori per imparare i funzionamenti del corpo umano. Aveva abbracciato la scienza di Ippocrate e la teoria degli umori del corpo, quali causa delle malattie.

Un genio incredibile, che affermava che non si può essere medici, se non ci si intende anche di logica, fisica ed etica!

Pensando al momento in cui viviamo, dove solo il denaro ed il volere delle grosse multinazionali farmaceutiche contano, penso che siamo precipitati proprio negli abissi e sarà dura un giorno rialzarsi!

Il nostro caro Galeno frequentava ai tempi di Roma, ai tempi dell’ Imperatore Lucio Settimio Severo, che fu imperatore dopo Marco Aurelio, dal 193 d.C. fino alla morte, i salotti filosofici e letterari della moglie dell’Imperatore, Giulia Domna.

Altro frequentatore di quei salotti fu lo storico e retore Flavio Filostrato, nato a Lemno nel 172 d.C.

A Filostrato, l’Imperatrice commissionò una ricerca e biografia di un filosofo antico di Tiana nella Cappadocia, nato nell’anno 2 d.C., nella allora provincia romana dell’impero e chiamato Apollonio, (Apollonio di Tiana). Nato più o meno negli stessi anni di Jesus, dotato di poteri straordinari; effettuava miracoli ed opere incredibili. Venne anch’egli a contatto (per un periodo) con gli Esseni, viaggiò in Oriente per molti anni, tra Mesopotamia ed India.

A qualcuno sorse il dubbio … ma non è che la storia sia stata leggermente alterata e forse l’Apollonio e Jesus siano la stessa persona?!

Ma va … era un mago stregone, possedeva le arti magiche.

Qualcun altro dice che avendo frequentato anche Tarso … non è che magari sia il famoso Paolo di Tarso, divenuto in seguito San Paolo!? Pensate un po’ se magari si scoprisse che il Jesus esseno non era della stirpe di Davide … apriti cielo!

Frequentò molto Efeso; li proprio ad Efeso c’è ancor oggi la Casa di Maria (l’ho visitata), dove si dice che Maria e Giovanni evangelista vissero per degli anni dopo la morte di Jesus … forse anche con la Maddalena!

Chi lo sa ragazzi, al tempo non c’era Internet o la Treccani e dopo il Concilio di Nicea nel 325 d.C., l’Imperatore Costantino decretò la religione cristiana, religione dell’Impero.

Le dispute su chi era Jesus Cristus furono terribili e fecero fuori diversi Vescovi, non in linea con il nuovo ordine mondiale di Costantino!

Nel 380 poi con l’Editto di Tessalonica gli Imperatori Graziano,Teodosio I° e

Valentinianio II°, decretarono il Cristianesimo niceno il credo ufficiale dell’Impero, proibendo l’Arianesimo e tutti i culti pagani.

Iniziò cosi una persecuzione feroce contro tutti i culti pagani con la distruzione di molti templi … vi viene in mente qualcosa del recente presente … sempre nelle stesse zone Siriane – mesopotamiche? Non parliamo della eliminazione fisica di migliaia di persone. L’Integralismo di tutti i tipi e soprattutto religioso è una disgrazia per l’umanità  !!

Tornando all’ Apollonio mi ha colpito una cosa in particolare; egli fece voto di silenzio per 5 anni! “Parla prima con gli Dei e dopo parla degli Dei “

Vita ascetica secondo la dottrina pitagorica, spesso scalzo, si cibava di bacche e di piante spontanee. si vestiva di tuniche di lino bianche.

  • Pensate se oggi i nostri politici ed economisti facessero almeno un giorno di silenzio alla settimana … che sollievo!
  • Pensate se ognuno di voi facesse un giorno di silenzio sui social … che sollievo!
  • Pensate se ognuno di voi ritornasse col pensiero alla magia della natura e degli Dei della Natura … che sollievo!

Tornando ai secoli passati, Giulia Domna, Imperatrice e moglie dell’Imperatore Severo, era di origine siriana, di Emesa, figlia di Giulio Bassiano, gran Sacerdote della divinità solare El-Gabal!

Fu quella dinastia che trasferì il culto del Deus Sol Invictus nella corte romana;

l’adorazione del Dio monoteista solare!

L’Imperatore Eliogabalo, nipote  di Giulia Domna, tentò di imporre il culto del Sol Invictus all’Impero. Egli morì molto giovane, assassinato: era tra l’altro un personaggio un po’ spinto … ebbe 5 mogli e 2 mariti …Storia

Comunque la corona solare sulle monete romane coniate durò per molto tempo.

Nel 272 l’Imperatore Aureliano ufficializzò il culto solare di Emesa e costruì un tempio sul Quirinale e creò i sacerdoti Pontifices Solis Invict.

La nascita del 25 dicembre dopo il Solstizio invernale, o meglio la rinascita, dopo che il sole si ferma per circa 3 giorni dal 21 al 24 dicembre, è dovuta a questo culto.

Il Cristianesimo ha seguito tale corso storico, con la nascita di Jesus in quei giorni.

Con Costantino nel 330, il Natale Invitto divenne Natale Cristiano!

Poi è arrivato l’Editto di Tessalonica e tale culto venne bandito … unica religione, il Cristianesimo niceno!

La magia dei culti pagani faceva vivere le persone con meno problemi e sensi di colpe a mio parere e forse più libere …

Vabbè … attendiamo l’evento finale dell’Apocalisse già in atto … l’oggetto trascendentale della fine del tempo avviato dall’Onda Temporale zero!

Allora ragazzi … ci facciamo un Galenus per rincoglionirci e non capire nulla del mondo … o ci facciamo un Gin Tonic … più spumeggiante  e forse più stimolante sul pianeta … guardate l’impero inglese … chi ha inventato il Gin Tonic?

Gli ascetismi ed integralismi  eccessivi a me non piacciono … la matrix terrestre è assai più interessante, se vissuta senza paure e timori vari!

A voi la scelta ed auguri … molti integralisti rimarranno stupiti delle rivelazioni finali, credo non manchi molto visto l’andazzo!

In bocca al lupo!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld