Crea sito

Il lockdown uccide: ce ne accorgeremo nei prossimi anni

“Il lockdown uccide: avremo 1,3 milioni di morti in più”

“Il lockdown uccide: avremo 1,3 milioni di morti in più”

Il lockdown uccide: ce ne accorgeremo nei prossimi anni. Lo dicono studiosi di tutto il mondo, a cominciare da quelli della Duke, di Harvard e della Johns Hopkins. Potrebbero esserci circa un milione di morti in più, nei prossimi due decenni, a causa dei lockdown. Lo scrive Steve Watson su “Summit News”, in un reportage panoramico (ripreso da “Come Don Chisciotte“) che monitora i tanti segnali di allarme lanciati da scienziati: si calcola che il crollo economico devasti l’aspettativa di vita, facendo schizzare in alto i tassi di mortalità. Si parla di 1,37 milioni di morti in più, nei prossimi 15-20 anni, secondo Francesco Bianchi, economista della Duke University, autore di uno studio realizzato insieme a Giada Bianchi, medico della Harvard Medical School, e Dongho Song, economista della Johns Hopkins University. Lo studio su come la disoccupazione influenzi la mortalità e l’aspettativa di vita è stato incentrato su 67 anni di dati statistici ufficiali su disoccupazione, aspettativa di vita e tassi di mortalità. I decessi causati dal declino economico e sociale come risultato dei lockdown possono «superare di gran lunga» quelli direttamente legati alla malattia critica acuta Covid-19.

«La recessione causata dalla pandemia può mettere in pericolo la salute della popolazione per i prossimi due decenni», aggiungono gli studiosi, analizzando le componenti della società statunitense. «Sulla base dei dati emergenti – affermano i ricercatori – è probabile che lockdownl’accesso limitato all’assistenza sanitaria durante il lockdown, la sospensione temporanea degli interventi di assistenza preventiva, la perdita massiccia della copertura assicurativa sanitaria fornita dai datori di lavoro nonché la costante preoccupazione della popolazione nel cercare cure mediche per non contrarre il Covid-19 avranno un impatto ancora più grave sul tasso di mortalità e sull’aspettativa di vita». E avvertono: «Noi interpretiamo questi risultati come una chiara indicazione per i responsabili politici a considerare le gravi implicazioni a lungo termine di tale recessione economica sulla vita delle persone quando deliberano sulle misure di ripresa e di contenimento del Covid». I risultati si aggiungono alle numerose ricerche già esistenti, che suggeriscono che “la cura è peggiore del male”.

In ottobre, il direttore regionale per l’Europa dell’Oms, Hans Kluge, ha detto che i governi dovrebbero smettere di imporre chiusure, se non come «ultima risorsa», perché l’impatto su altre aree della salute e del benessere mentale è più dannoso. Il monito di Kluge corrisponde a quello dell’inviato speciale dell’Oms per il Covid, il dottor David Nabarro, che in un’intervista di “The Spectator” ha detto che i leader mondiali dovrebbero smettere di imporre lockdown come reazione di risposta, perché «stanno rendendo i poveri sempre più poveri». Insomma, il lockdown uccide più del virus: «Avvertimento finora ignorato dai governi», sintetizza Steve Watson nella sua ricognizione giornalistica. Eppure, le voci fuori dal coro non mancano: per l’ex ministro tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo, Gerd Gerd MüllerMüller, i lockdown anti-Covid provocheranno «una delle più grandi crisi di fame e povertà della storia». Dati espliciti: «Ci aspettiamo 400.000 morti in più per malaria e Hiv, quest’anno, nel solo continente africano, e mezzo milione in più morirà di tubercolosi».

I commenti di Müller – ricorda Watson – sono arrivati mesi dopo che uno studio trapelato dal ministero dell’interno tedesco ha rivelato che «l’impatto del lockdown nel paese potrebbe finire per uccidere più persone del coronavirus, a causa della mancata cura di altre gravi malattie». Un altro studio ha rilevato che i lockdown «distruggeranno almeno sette volte più anni di vite umane» (stima conservativa) di quante ne potranno salvare. Per il professor Richard Sullivan, nel Regno Unito ci saranno più morti per cancro che morti totali per coronavirus, proprio a causa dell’accesso limitato agli screening e alle cure per via del lockdown. I suoi commenti sono stati ripresi da Peter Nilsson, un professore svedese di medicina interna ed epidemiologia dell’Università di Lund: «È importante capire che le morti dovute al Covid-19 saranno molto inferiori a quelle causate dall’isolamento della società quando l’economia sarà rovinata», ha sottolineato Nilsson.

Secondo il professor Karol Sikora, consulente oncologo del servizio sanitario inglese, in Gran Bretagna ci potrebbero essere 50.000 morti in più per il cancro, come conseguenza della sospensione degli screening di routine durante il lockdown. Un’analisi del “Guardian” ha rilevato che ci sono stati migliaia di morti in casa in più, sempre nel Regno Unito, proprio a causa del lockdown. Non solo: il professor Mark Woolhouse dell’Università di Edimburgo, esperto in malattie infettive, ha ammesso che la decisione di bloccare il Regno Unito lo scorso marzo è stata «una misura rozza», attuata perché «non siamo riusciti a pensare a niente di meglio». Woolhouse ha detto che l’isolamento è stata «una misura dettata dal panico», rivelatasi «un errore monumentale su scala globale».

Conseguenze: «Il danno che il lockdown sta David Nabarro, Omsfacendo alla nostra istruzione, all’accesso all’assistenza sanitaria e agli aspetti più ampi della nostra economia e società si rivelerà almeno altrettanto grande quanto quello causato dal Covid-19».

Bilancio analogo dal Sudafrica, dove un consorzio di analisti ha scoperto che le conseguenze economiche dell’isolamento del paese porteranno a 29 volte più morti del coronavirus stesso. Gli esperti – aggiunge sempre Watson, su “Summit News” – hanno anche avvertito che ci saranno 1,4 milioni di morti a livello globale per infezioni da Tbc non curate a causa del lockdown. La stessa rivista medica “The Lancet” sottolinea, in un recente studio, che «il distanziamento fisico, la chiusura delle scuole, le limitazioni commerciali e l’isolamento dei paesi stanno peggiorando la malnutrizione infantile a livello mondiale». Insomma, migliaia di medici e scienziati si oppongono alle misure di lockdown, e avvertono: causeranno più morti del coronavirus stesso. Ne sanno qualcosa gli svizzeri, che – attivando la loro democrazia diretta – a giugno sfideranno il governo di Berna con un referendum: la Svizzera sarà il primo paese al mondo a chiamare gli elettori a pronunciarsi sull’opportunità di ricorrere ai lockdown.


Fonte articolo ☛ libreidee.org

Pubblicato da: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

C’è una buona ragione per cui la Bibbia avverte: “Dove non c’è visione, il popolo perisce” (Prov. 29:18). Nel caso del colpo di stato della Tecnocrazia, chi non vedrà, non potrà vedere. La loro schiavitù tecnocratica sarà sulle loro stesse teste. Abbiamo avvertito dall’inizio del panico pandemico che l’intero schema era una frode intenzionale.

Ci sono proteste giganti in tutto il mondo che chiedono la cessazione dei blocchi e la restituzione della libertà. Quei manifestanti possono non avere alcuna comprensione del quadro generale, ma comprendono il dolore della disoccupazione, della privazione sociale, delle relazioni rovinate e della fame. ⁃ TN Editor

La “guerra nella nebbia” è un termine usato per descrivere l’incertezza, il caos e la confusione che possono verificarsi durante la battaglia. Ciò che pensavi fosse vero entrando in battaglia potrebbe essere capovolto, offuscando il tuo giudizio mentre cerchi di prendere decisioni in una sorta di realtà sospesa.

In questo momento stai vivendo una guerra nel mezzo di una nebbia  – una nebbia di guerra COVID – secondo Jeffrey Tucker, direttore editoriale dell’American Institute for Economic Research (AIER): “Spesso non è chiaro chi sta prendendo decisioni e perché, e cosa le relazioni sono tra le strategie e gli obiettivi. Anche la logica può diventare sfuggente poiché la frustrazione e il disorientamento sostituiscono la chiarezza e la razionalità”. 1

Questa descrizione è tipicamente riservata al disorientamento della battaglia, ma ora si applica in modo inquietante bene alla nebbia che circonda la mitigazione della malattia COVID-19. Se desideri un esempio concreto, guarda la sequenza temporale del video sopra, che ti porta da gennaio 2020, quando l’uso delle maschere era sconsigliato, a dicembre 2020, quando le maschere sono diventate obbligatorie in molte aree. 2

Marzo: le maschere per il viso non possono proteggere dal nuovo coronavirus

Nel febbraio 2020, Christine Francis, consulente per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità, è stata descritta in un video, mostrando una maschera usa e getta. Ha detto: “Maschere mediche come questa non possono proteggere dal nuovo coronavirus se usate da sole … L’OMS raccomanda l’uso di maschere solo in casi specifici”. 3

Questi casi specifici includono se hai tosse, febbre o difficoltà a respirare. In altre parole, se sei attivamente malato e mostri sintomi. “Se non hai questi sintomi, non devi indossare maschere perché non ci sono prove che proteggano le persone che non sono malate”, ha continuato.

Nel marzo 2020, il Surgeon General degli Stati Uniti ha accettato pubblicamente, twittando un messaggio in cui si afferma: “Sul serio, gente, smettetela di comprare maschere!” e proseguendo dicendo che non sono efficaci nell’impedire al grande pubblico di contrarre il coronavirus. 4  Al 31 marzo 2020, l’OMS sconsigliava ancora l’uso di maschere per il viso per le persone senza sintomi, affermando che “non esiste alcuna prova” che tale utilizzo della maschera prevenga la trasmissione di COVID-19. 5

Giugno: il pubblico dovrebbe indossare una maschera per il viso

Entro il 6 giugno 2020, la retorica era cambiata. Citando “l’evidenza in evoluzione”, l’OMS ha invertito la sua raccomandazione, con Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, che consiglia ai governi di incoraggiare il pubblico in generale a indossare maschere dove c’è una trasmissione diffusa e l’allontanamento fisico è difficile. 6

Questo incoraggiamento si è trasformato in mandati in molte aree, con  minacce di multe  per coloro che non si sono conformati. Nella contea di Humboldt, in California, ad esempio, chiunque abbia violato l’ordine di indossare coperture per il viso in pubblico potrebbe essere multato da $ 50 a $ 1.000 e / o affrontare 90 giorni di carcere per ogni giorno in cui si è verificato il reato. 7

A Salem, nel Massachusetts, potresti anche essere multato per non aver indossato una maschera in pubblico, comprese le aree comuni all’interno di un condominio. 8  Qual è l’evidenza in evoluzione a cui si riferiva l’OMS che li ha indotti a invertire la loro posizione sulle maschere per il pubblico in buona salute in un periodo di soli due mesi? Ciò non è chiaro, ma si è verificato uno sviluppo interessante.

CHI: trasmissione asintomatica “molto rara”

Durante un briefing con la stampa dell’8 giugno 2020 – appena due giorni dopo che Ghebreyesus aveva consigliato alle persone sane di iniziare a indossare maschere – Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per la pandemia COVID-19, ha chiarito che le persone che hanno COVID-19 senza alcun i sintomi  trasmettono “raramente” la malattia  ad altri. 9

Le linee guida provvisorie dell’OMS del 5 giugno 2020 supportano la dichiarazione di Kerkhove, osservando: “Gli studi completi sulla trasmissione da individui asintomatici sono difficili da condurre, ma le prove disponibili dal tracciamento dei contatti riportate dagli Stati membri suggeriscono che le persone con infezione asintomatica hanno molte meno probabilità di trasmettere il virus rispetto a coloro che sviluppano i sintomi. ” 10

Se questo è il caso, tuttavia, la raccomandazione che le persone sane e asintomatiche indossino maschere per il viso o siano rinchiuse nelle loro case non ha senso, evidenziando solo un caso della “nebbia COVID” in corso.

Per non essere richiamato sulle loro sfacciate contraddizioni, il 9 giugno 2020, il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’OMS, ha rapidamente fatto marcia indietro la dichiarazione di Van Kerkhove, dicendo che le osservazioni erano “male interpretate o forse non abbiamo usato le più elegante parole per spiegarlo. ” 11  Van Kerkhove ha anche affermato che i dati che ha menzionato provenivano solo da un “piccolo sottoinsieme di studi” e ha aggiunto: 12

“Non stavo affermando una politica dell’OMS o qualcosa del genere. Stavo solo cercando di articolare ciò che sappiamo. E in questo, ho usato la frase “molto raro” e penso che sia un malinteso affermare che la trasmissione asintomatica a livello globale è molto rara”.

10 milioni di persone, non un caso di trasmissione asintomatica

Dopo la debacle della diffusione asintomatica dell’OMS, il discorso su questo argomento si è notevolmente attenuato. 13  Ma, in silenzio, uno studio fondamentale che ha coinvolto 9.899.828 milioni di residenti di Wuhan, in Cina, è stato pubblicato su Nature Communications. 14  I partecipanti sono stati testati per COVID-19 tra il 14 maggio 2020 e il 1 giugno 2020.

Non sono stati identificati nuovi casi sintomatici e 300 casi asintomatici. Tra i 300 casi asintomatici, sono stati identificati 1.174 contatti stretti e nessuno di loro è risultato positivo per COVID-19.

Inoltre, dei 34.424 partecipanti con una storia di COVID-19, 107 individui (0,31%) sono risultati nuovamente positivi, ma, cosa importante, nessuno era sintomatico. Come notato dagli autori, “le colture di virus erano negative per tutti i casi asintomatici positivi e ripositivi, indicando l’assenza di “virus vitale” nei casi positivi rilevati in questo studio”. 15  Tucker ha spiegato: 16

“La conclusione non è che la diffusione asintomatica sia rara o che la scienza sia incerta. Lo studio ha rivelato qualcosa che non accade quasi mai in questo tipo di studi. Non c’era un caso documentato. Dimentica i rari. Dimentica anche il precedente suggerimento di Fauci secondo cui la trasmissione asintomatica esiste ma non guida la diffusione. Sostituisci tutto ciò con: mai. Almeno non in questo studio per 10.000.000″.

Una meta-analisi di 21.708 persone a rischio, di cui 663 positive per COVID-19 e 111 asintomatiche, ha anche scoperto che i tassi di trasmissione asintomatica possono effettivamente essere “inferiori a quelli di molti studi altamente pubblicizzati”. 17  Hanno suggerito che la prevalenza di casi di COVID-19 asintomatico è di 1 su 6 e hanno scoperto che il rischio relativo di trasmissione asintomatica era del 42% inferiore al rischio di trasmissione sintomatica.

In una versione prestampata del loro studio, i ricercatori hanno osservato: “Le nostre stime della proporzione di casi asintomatici e della loro velocità di trasmissione suggeriscono che è improbabile che la diffusione asintomatica sia un fattore determinante per i cluster o la trasmissione comunitaria dell’infezione …” 18  Come ha osservato Tucker: 19

“Continuiamo a sentire come dovremmo seguire la scienza. Il reclamo è ormai stanco. Sappiamo cosa sta realmente accadendo.

La lobby del lockdown ignora tutto ciò che contraddice la loro narrativa, preferendo aneddoti non verificati a un vero studio scientifico di 10 milioni di residenti in quello che è stato il primo grande hotspot al mondo per la malattia che stiamo cercando di gestire. Ti aspetteresti che questo studio sia un’enorme notizia internazionale. Per quanto ne so, viene ignorato.”

Se la diffusione asintomatica è rara, perché maschere e blocchi?

La diffusione asintomatica diffusa è l’unica ragione per cui i blocchi e l’uso di maschere tra i sani hanno senso. Per mesi, i funzionari sanitari hanno perpetuato il mito della diffusione asintomatica per aumentare la paura.

Ora, poiché le persone sono sempre più desiderose di tornare a un certo senso di normalità,  si dice che un ceppo di SARS-CoV-2 mutato , che è presumibilmente più virulento, sia emerso e abbia portato a nuove e più severe restrizioni di blocco nel Regno Unito 20

Questa perpetuazione della paura si è estesa ben oltre lo scopo iniziale dei blocchi, che era quello di appiattire la curva ed evitare di sovraccaricare gli ospedali. Come ha sottolineato Tucker, tuttavia, questo è gradualmente cambiato in modo tale che ora dobbiamo affrontare blocchi a tempo indeterminato: 21

“Il primo round di blocchi non riguardava la soppressione del virus, ma il rallentamento per un motivo: preservare la capacità dell’ospedale. Se e in che misura la “curva” sia stata effettivamente appiattita sarà probabilmente discusso per anni, ma a quel tempo non si trattava di estinguere il virus. Il volume delle curve, alte e veloci o corte e lunghe, era lo stesso in entrambi i casi. Le persone avrebbero preso il bug fino a quando non si fosse esaurito (immunità di gregge).

Gradualmente, e talvolta quasi impercettibilmente, la logica dei blocchi è cambiata. L’appiattimento delle curve è diventato un fine in sé, a parte la capacità ospedaliera. Forse questo era perché il problema dell’affollamento degli ospedali era estremamente localizzato in due distretti di New York mentre gli ospedali di tutto il paese venivano svuotati per i pazienti che non si presentavano: 350 ospedali licenziati i lavoratori”.

La scienza è ciò che dovrebbe essere usato per dettare la politica, ma non è questo che sta accadendo. I test in corso su persone asintomatiche si stanno aggiungendo al problema, poiché i test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) vengono utilizzati anche come giustificazione per tenere bloccate ampie porzioni del mondo.

Il problema è che un test PCR positivo   non significa che sia presente un’infezione attiva. Il tampone PCR raccoglie l’RNA dalla cavità nasale. Questo RNA viene quindi trascritto al contrario nel DNA. Tuttavia, gli snippet genetici sono così piccoli che devono essere amplificati per diventare distinguibili.

Ciò che fa è amplificare qualsiasi sequenza, anche insignificante, di DNA virale che potrebbe essere presente al punto che il test risulta “positivo”, anche se la carica virale è estremamente bassa o il virus è inattivo. Questi casi “positivi” stanno mantenendo viva la narrativa sulla pandemia.

Caso in questione, tra il 22 marzo e il 4 aprile 2020, 215 donne incinte ricoverate in un ospedale di New York City sono state sottoposte a screening al momento del ricovero per i sintomi di COVID-19 e testate per il virus. Solo l’1,9% delle donne presentava febbre o altri sintomi di COVID-19 e tutte quelle donne sono risultate positive.

Delle restanti donne che sono state testate anche se non avevano sintomi, il 13,7% era positivo. Ciò significa che, nel complesso, l’87,9% delle donne risultate positive al test per SARS-CoV-2 non presentava sintomi, 22  e la ricerca travolgente suggerisce che probabilmente non avrebbero trasmesso il virus nemmeno ad altri.

Le maschere sono inefficaci

Cosa dice la scienza sulle maschere per prevenire l’infezione da COVID-19? Il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 persone per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione.

Il “Danmask-19 Trial“, pubblicato il 18 novembre 2020 negli Annals of Internal Medicine, 23 ha  rilevato che tra i portatori di maschere l’1,8% (42 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2, rispetto al 2,1% (53 ) tra i controlli. Quando hanno rimosso le persone che hanno riferito di non aderire alle raccomandazioni per l’uso, i risultati sono rimasti gli stessi – 1,8% (40 persone), il che suggerisce che l’adesione non fa alcuna differenza significativa.

Rational Ground ha anche esaminato i casi COVID-19 dal 1 maggio 2020 al 15 dicembre 2020, in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, con e senza  mandato di maschera . Tra gli stati senza mandato di maschera, sono stati contati 17 casi ogni 100.000 persone al giorno, rispetto ai 27 casi ogni 100.000 persone al giorno negli stati con mandato di maschera 24  – I casi COVID-19 erano più alti nelle aree con mandati di maschera che senza.

I risultati mettono ulteriormente in dubbio l’efficacia delle maschere obbligatorie per prevenire il COVID-19, così come un’indagine caso-controllo su persone con COVID-19 che hanno visitato 11 strutture sanitarie statunitensi. Il rapporto dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha rivelato i fattori associati alla contrazione della malattia, 25  compreso l’uso di coperture facciali in tessuto o maschere nei 14 giorni prima di ammalarsi.

La maggioranza di loro – il  70,6% – ha riferito di aver indossato “sempre” una maschera , ma si è comunque ammalata. Tra gli intervistati che si sono ammalati, 108, ovvero il 70,6%, hanno affermato di indossare sempre una maschera, rispetto a sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “non farlo mai”, e altri sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “raramente “Ha fatto.

Nel complesso, ciò mostra che, degli adulti sintomatici con COVID-19, il 70,6% indossava sempre una maschera e si ammalava ancora, rispetto al 7,8% di quelli che lo facevano raramente o mai. 26

Vedere attraverso la nebbia

Un’abbondanza di prove suggerisce che bloccare l’uso di maschere salutari e obbligatorie per coloro che non hanno sintomi è irrazionale, nella migliore delle ipotesi, e pericoloso, nel peggiore dei casi, considerando che sia le maschere che i blocchi sono associati a  effetti negativi  propri. 27  Secondo Tucker: 28

“Con una solida evidenza che la diffusione asintomatica non ha senso, dobbiamo chiederci: chi prende le decisioni e perché? Di nuovo, questo mi riporta alla metafora della nebbia. Stiamo tutti sperimentando confusione e incertezza sulla precisa relazione tra le strategie e gli obiettivi di una panoplia di regolamenti e stringenze che ci circondano.

Anche la logica è diventata elusiva – persino confutata – poiché la frustrazione e il disorientamento hanno sostituito ciò che ricordiamo vagamente come chiarezza e razionalità della vita quotidiana”.

Vivere in una tale nebbia può intimidire, ma lo scopo di questo articolo non è quello di diffondere più paura ma, piuttosto, di potenziarti con le informazioni. La guerra nella nebbia, dopotutto, non è sempre un impedimento. Può anche essere usato per ottenere un vantaggio, 29  e  vedere attraverso la nebbia  è il primo passo per vincere la guerra.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld

E mano a mano… scherzi, non sai del lockdown?

E mano a mano… scherzi, non sai del lockdown?

Mentre l’intero mondo è in ansia per la disputa elettorale americana e quindi in attesa del definitivo vincitore, nella nostra martoriata Italietta grazie a l’. ed ai sui paladini, ricade nella macabra trappola del lockdown.

 

lockdownNon è mia intenzione negare gli effetti nefausti del Covid-19, malati e morti ci sono quindi non si può negare l’evidenza, quel che non si può negare però è l’ipocrisia generalizzata mondiale sulla salute, a cui sembra tutti oggi ne siano difensori! Peccato… eh si peccato, che chi come il Ministro Speranza e tutti gli altri nel mondo che occupano il suo stesso Dicastero, nonostante il cancro faccia almeno in Italia quotidianamente almeno 485 vittime giornaliere, tenga aperti i monopoli e quindi la vendita di tabacco, sigarette, sigari e accessori vari piuttosto che chiuderli, allo stesso tempo e nonostante richieste parlamentari inevase, non vengano date risposte esaustive sulle scie permanenti in cielo e materiali di ricaduta, cosi come del 5G impiantato in tutta Italia nel periodo dello scorso lockdown di marzo, aprile e maggio. Sapete invece quanti italiani muoiono ogni anno di polmonite? 11 milioni e non hanno mai decretato per questo alcun lockdown.

Sono questi comportamenti fatti alla chetichella, che a me fanno dubitare piuttosto che altri!

Persino il cantante Rino Reitano di questi tempi non canterebbe – il cielo è sempre più blu – attento come era a soppesare fatti e misteri dei suoi tempi, non sarebbero certo sfuggiti lui fatti e misteri dei nostri, sarebbe stata semmai una voce in più da aggiungere a quella dei nostrani complottisti, i quali rendendosi conto a differenza di altri di quanto accade loro attorno, non possono fare a meno nel verificarne le conseguenze.

 

Eppure, grazie a gente che non presta attenzione al passare loro accanto della vita, non solo nega gli accadimenti, ma sente di dissociarsi alle varie manifestazioni di persone, che finalmente aperti gli occhi più che turarsi la bocca con una mascherina, non abboccano più a quanto viene loro propinato dal vassalli del sistema, non essendoci riscontro alcuno tra quello che devono sopportare e lungimiranti a differenza dei politici, vedono le conseguenze a cui inevitabilmente ci si avvierà un domani, seguendo i consigli dati come se un domani non dovesse mai esserci.

Senza lavoro si morirà comunque e con un tempo maggiore di una malattia che ci dicono fulminante, mentre per chi ha famiglia e perso il lavoro, dovrà assistere oltre ai suoi stenti anche a quelli dei suoi cari, mancando uno Stato assistenzialista per chi rimane in Italia senza lavoro. Non sa forse chi ci governa quanto è feroce la morte per fame? In ogni caso chi dovesse morire sceglierà sempre il male minore, non certo il male! Mentre per lo stesso male, al ricco viene data la scelta di dove morire, perché al povero lo si deve imporre in lockdown?

 

Viviamo in un mondo sempre più dispotico, dove l’accesso alla felicità è infestato da guardiani che una volta in pensione faranno la fine di tutti, ignorando che tutti siamo utili e nessuno è indispensabile. Cosi come accade per un animale dentro le gabbie dello zoo, che tanta gioia ha dato facendo sognare i bambini, vecchio e mal messo verrà deposto per far largo a uno nuovo. Stessa fine faranno i componenti delle forze dell’ordine, che oggi manganellano non facinorosi teppisti, ma gente a cui sono state instillate tutte le paure di questo mondo, senza per questo fare a loro nessuno sconto.

La vita, oggi avara, nega noi l’esistenza anche se poi nascere significa esistere non certo obbedire, mentre sembra per chi è nato come me ieri, oggi tutto sia diverso non perché lo si è scelto, ma perché qualcuno si prende la briga di importo, impostando peraltro il dogma che nulla sarà come ieri, come se questi avessero le chiavi della vita e chi li ascolta, solo una vita da schiavi.

Spiacente ma per legittimità nasciamo tutti “liberi” saranno poi semmai i nostri pensieri che ci imbriglieranno in questo o in un altro gioco, cosi come l’amore di cui siamo dotati ci farà innamorare di un essere piuttosto che di un altro, oppure i dogmi della fede, dove ognuno deciderà dove impegnarla, se dedicarla ad un Dio venuto dal cielo o riversarla a una squadra che gioca in terra. Si chiama da sempre “libero arbitrio” e poterlo vivere eternamente, è già di per se più che una bellezza!

 

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

 

®wld

Anelando la chiusura totale, alias lockdown

A che gioco giochiamo? Truffa l’idiota funzionale è il gioco di moda del 2020

Nonostante il supporto della tecnologia nell’era moderna nella quale la razza umana si muove, appositi studi volti a scoprire se l’intelligenza sta facendo passi avanti, ebbene questi studi hanno sconvolto gli scienziati dopo quello che hanno scoperto, ovvero: le generazioni che ci hanno preceduti sono risultate generalmente più intelligenti delle attuali, in quanto sembra che la tecnologia più che migliorare la vita, abbia fatto ritirare i remi in barca allo stesso cervello, che notoriamente potendosi servire di ausili come lo è tanto per fare un esempio la calcolatrice, non potendo più contare su fondamenti come la matematica che genera il ragionamento logico sequenziale, oggi le persone hanno perso la capacità di saper fare mentalmente di conto e fare un ragionamento da cui se ne ricavi sostanza, tanto da farli da portarli e farli risultare poi, come i cosiddetti “idioti funzionali” ai quali qualsiasi cosa venga loro detto, ci credono poi fanaticamente.

Provate se non ci credete a interloquire con persone in mezzo alla strada, ora che sono state rese obbligatorie, sull’utilità o meno delle mascherine, nonostante vi siano, visto il largo uso, medici che in tutti i modi vengano a dirci se non quando a supplicarci, che l’orpello che indossiamo e che siamo invitati ad indossare è tossico per la nostra stessa stessa esistenza, ma quel che vi sentirete rispondere è che gente da persone che peraltro ignorano, è che se non altro tali mascherine ci isolano dal virus.

truffaCi sarebbe da ridere se piangere non fosse più che lecito, in quanto essendo l’informazione in mano a chi gestisce l’intero sistema, per ovvietà, questi poi evita di esporre le informazioni giuste, quando questa le definisce negative ai suoi interessi, di conseguenza, evita di pubblicarle o facendolo si castrerebbe tutta l’informazione sinora rimessa!

Chi poi pensa poi che tutto sia finito qui dovrà ricredersi!

Avete presenti le varie tipologie infettive degli anni precedenti come Aviaria, Suina ecc. tutti virus passati dall’animale all’uomo (vi dice niente?), ovvero i vari esperimenti di virus definiti anch’essi come fautori di morte degli anni passati? Ebbene tutti questi virus che avrebbero dovuto terrorizzare il mondo, poco hanno potuto monopolizzare la notizia, in quanto mancanti della notizia grave, avendo fatto poche se non nulla come vittime.

La differenza con il Covid-19 invece sta nel fatto, che con questo nuovo visus invece vittime ve ne sono state, ma non a sufficienza per decretare la pandemia, cosi qualche “cervellone” deve aver avuto la brillante idea di incrementarle, incorporando le altre morti per le varie patologie che normalmente avvengono al mondo, definendole tutte morti per covid-19.

Et voilà, la pandemia è servita, oltre all’essere stata creata!

truffa

Ora vi metto a conoscenza di una chicca ascoltata oggi al bar sotto casa, seguitemi perché capirete cosi che tutto ha una senso, specie su quello appena su descritto.

Al ritorno da lavoro, un signore che peraltro conosco e con cui prendevo il treno in andata come al ritorno prima di entrare io in smartworking, parlando con colei che gestisce il bar, si dice sconvolto di una cosa riportata da un suo collega a cui è morto il padre.

Il giorno dopo il decesso viene contattato dal primario dell’ospedale o da un semplice medico, non ho capito questo bene, chiedendogli se dopo compenso di 700 euro ai famigliari del deceduto, questi acconsentissero di inserire nella cartella del decesso come – deceduto per Covid – e non per la patologia che nel tempo lo ha portato alla morte.

Lo capite ora o ancora no, che è tutta una truffa mondiale che veleggia ormai da quando è comparso il Covid-19? Badate altrettanto bene: con questo non si vuole insinuare che il Covid-19 non esista, ma che non tutti i deceduti lo sono per Covid-19, ca##o! Datevi una svegliata e soprattutto toglietevi le mascherine dalla faccia, se grazie a chi appartenente alla feccia, non vogliate perdere anche voi definitivamente la vostra di faccia.

Ultimo appunto e poi vi lascio da buoni esseri senzienti quali siete, a discernere o meno per vostro conto a quanto su descritto: ma secondo voi è anormale che oggi in italia, gli unici scesi in piazza siano i campani, che dopo anni di esperienza visto che la regione non da loro lavoro, si prodighino in tutta Italia a dispensare pacchi… non ci stiano quando vedono che viene rifilato loro un pacco come il lockdown, peraltro per qualcosa che per primi decretano come una palese truffa?

Ed adesso rifletteteci su anche voi, certo che ce la fate a capire come i campani cosa ci stiano pian piano, approfittando grazie alla paura immessa nelle persone da giornali e telegiornali, propinando.

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

**********************************

Clicca sull’immagine per vedere il video – Leggi QUI l’articolo 
 

TRUMP ATTACCA LA CNN: “VOI STUPIDI BASTARDI”
Una VIROLOGA VERA, invitata da tutto il MONDO ma Italia la boicotta
 

Clicca sull’immagine per vedere e ascoltare il video 

 

Pagati dall’Oms per fare il lockdown? La Bielorussia accusa

Pagati dall’Oms per fare il lockdown? La Bielorussia accusa

Il governo italiano è stato pagato sottobanco per imporre il lockdown più severo e disastroso d’Europa? Se lo domanda lo storico Nicola Bizzi, editore di Aurola Boreale, riflettendo sullo scandalo denunciato dalla Bielorussia: prima l’Oms e poi addirittura il Fmi avrebbero offerto un mare di soldi, a Minsk, per “fare come in Italia”. Chiudere in casa il paese, sulla base di un allarme gonfiato, fino a rovinarlo economicamente? Nemmeno per sogno, ha risposto il governo bielorusso: per fronteggiare il Covid bastano e avanzano le normali misure sanitarie adottate nel paese est-europeo, senza nessun coprifuoco e nessun blocco suicida dell’economia. E se una simile “offerta” fosse stata avanzata anche all’Italia, in primis, visto che «come ben sappiamo, in tutta questa sceneggiata» il nostro paese «ha sempre avuto il ruolo di modello-pilota», decisivo per premere sul resto d’Europa verso il modulo-Wuhan? «Ben conoscendo la mentalità dei nostri politicanti, dubito fortemente che non sia stata accettata», scrive Bizzi sulla sua pagina Facebook, nel giorno in cui a denunciare il governo, la Protezione Civile, il Comitato Tecnico-Scientifico e lo stesso ministro Speranza è nientemeno che il prestigioso fisico Giorgio Parisi, presidente dell’Accademia dei Lincei.

 

L’accusa: l’Italia è stata ingannata, sulla base della «volontà fraudolenta» del Cts, «per mezzo della Protezione Civile», complice anche l’Istituto Superiore di Sanità. «Devono spiegarci perché in Francia, Germania, Spagna e Gran Bretagna i dati Lukashenkosono di pubblico dominio, e in Italia no», ha detto Parisi, completamente ignorato dai grandi media nazionali, sui cui vigilia la task-force istituita a Palazzo Chigi per filtrare le notizie scomode sul Covid. Grande silenzio anche sulle sconcertanti esternazioni che il presidente bielorusso Aljaksandr Lukashenko ha rilasciato ufficialmente di fronte al Parlamento di Minsk. Il mese scorso, ricorda Bizzi, il presidente Lukashenko, «che notoriamente si è sempre rifiutato di adottare nel suo paese alcuna misura di emergenza, di lockdown o di “distanziamento sociale”», ha dichiarato di aver ricevuto «una cospicua offerta in denaro (92 milioni di dollari) da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, affinché facesse “come in Italia”». Offerta che, dopo il secco no di Lukashenko, sarebbe stata in poche settimane addirittura decuplicata: «Ben 900 milioni di dollari, questa volta offerti dal Fondo Monetario Internazionale, accompagnati dalla medesima richiesta: chiudere tutto e fare “come in Italia”».

 

Aggiunge Bizzi: «So, da fonti di intelligence, che simili offerte sono state fatte a molti altri paesi europei e non solo europei. E so anche che molti capi di Stato o di governo, tra cui il presidente della Serbia Aleksandar Vučić, non hanno esitato un attimo ad accettarle». Per Bizzi, la logica vuole che anche l’Italia «potrebbe aver avuto una lauta offerta in tal senso», particolarmente allettante per «i nostri politicanti». Peraltro, aggiunge Bizzi, «questa ipotesi potrebbe spiegare dove e come il governo Conte abbia reperito le risorse destinate (probabilmente già all’inizio dell’anno) al potenziamento delle forze dell’ordine per garantire la tenuta e la riuscita del lockdown». Già in precedenza, Bizzi aveva parlato di anomale e inspiegabili “spese pazze” per dotare polizia e carabinieri di auto e fuoristrada, droni, elicotteri. «Mi auguro sinceramente che fra gli atti e i verbali secretati che il Walter Ricciardi e Angelo BorrelliTar del Lazio ha ordinato di rendere pubblici – aggiunge Bizzi – si possa presto trovare la risposta a questo e a molti altri nodi irrisolti, come ad esempio la folle e inconcepibile direttiva che “sconsigliava” le autopsie». Bizzi si riferisce alla sentenza del 13 luglio, sulla base della quale – dopo l’esposto dei legali della Fondazione Einaudi – il tribunale amministrativo chiede al governo di rendere pubblici, entro 30 giorni, i dati autentici sull’emergenza sanitaria italiana.

 

La sentenza del Tar, ricorda Bizzi, impone alla presidenza del Consiglio e alla Protezione Civile di togliere il velo ai verbali del Comitato Tecnico-Scientifico, «in base a cui il governo Conte avrebbe preso tutte le decisioni più importanti per mettere in scena lo “stato d’emergenza”, il lockdown, l’arbitraria sospensione dei diritti civili dei cittadini sanciti dalla Costituzione e tutte le orwelliane misure repressive che ben conosciamo e che abbiamo sperimentato sulla nostra pelle negli ultimi mesi, dal “distanziamento sociale” alle museruole». Atti e verbali che erano stati secretati, «peraltro senza alcuna oggettiva giustificazione», e la cui lettura o conoscenza è stata fino ad oggi preclusa e negata «non solo ai parlamentari, ma addirittura agli stessi membri del governo, come ha più volte lamentato il vice-ministro della salute Pierpaolo Sileri». Tutto questo avviene mentre ci avviciniamo al 31 luglio, giorno che (almeno formalmente) dovrebbe sancire la fine dello stato d’emergenza imposto da Conte all’Italia e agli italiani lo scorso gennaio. «Stato d’emergenza che, nonostante la sempre più massiccia levata Bizzidi scudi da parte di centinaia di illustri medici, giuristi, costituzionalisti, docenti universitari e intellettuali, tenteranno fino all’ultimo di prorogare, non certo per motivi sanitari».

Secondo Bizzi, gli uomini attualmente al governo del paese prorogherebbero volentieri il catastrofico “stato d’emergenza” «per coprire i loro misfatti, per evitare che vadano in fumo affari milionari e per continuare a governare a colpi di Dpcm, nel totale silenzio del Quirinale e delle cosiddette “opposizioni”», che per Bizzi – da Salvini a Berlusconi, fino alla Meloni – hanno solo finto di contrastare Conte, attenendosi in realtà alla linea del lockdown che ha trasformato l’emergenza sanitaria in catastrofe socio-economica a orologeria. Tuona Parisi, presidente dei Lincei: «Ignoriamo quando e quante siano venute a mancare le persone per Covid. Quanti siano i contagi effettivi, per quanti giorni siano state ricoverate le persone, il reale quadro clinico di ognuna di esse». Parisi parla di una «storia oscura», e aggiunge: «I numeri non tornavano mai, sia nel confronto con gli altri anni, sia con il numero delle vittime rispetto al 2015, che in quell’anno furono oltre 50.000, 15.000 più di oggi, senza che bloccassero il paese». Un’accusa durissima: «Tradotto dal politichese, quei numeri erano un solenne imbroglio senza alcun fondamento, utile solo per generare un clima di terrore». Di qui il sospetto evocato da Bizzi: non è che i nostri governanti hanno accettato finanziamenti dall’Oms per imporre il lockdown più pazzo d’Europa, in modo che gli stregoni della nuova “polizia sanitaria” potessero andare in giro per il mondo, soldi alla mano, a proporre di “fare come l’Italia”?

 

Fonte: https://www.libreidee.org/

*******************************************

Ti potrebbe interessare:

L’agenda del Great Reset – un nuovo contratto sociale

INIZIA LA RIVOLUZIONE CONTRO LA DITTATURA MONDIALE COVIDISTA!

 

®wld

Evitiamo di portare al panico e alla morte sociale

L’emergenza Covid è finita da due mesi Basta panico e morte sociale – Alberto Zangrillo

14 July 2020 del Sitio Web IlMessaggero Informazione inviata da NM

“È un mese che in Lombardia non si muore più di Covid, l’emergenza è finita da 2 mesi”.

Alberto Zangrillo primario del San Raffaele di Milano, ribadisce la sua convinzione che la situazione si sia normalizzata negli ospedali e mette in guardia, dal suo punto di vista, contro gli eccessi:

“Evitiamo di portare al panico e alla morte sociale”.

Oggi, spiega,

“la mia più grande preoccupazione in campo sanitario è riprendere a curare quei malati che, per colpa di Sars-CoV-2, trascuriamo da almeno 5 mesi”.

Per quanto riguarda la comunicazione quotidiana dei decessi da Covid, per Zangrillo si tratta di,

“un modo di comunicare scorretto che non rispecchia la realtà”, dice il primario facendo un esempio.

“Il nonno di Pierino è coinvolto in un grave incidente stradale sulla tangenziale di Milano. Viene portato in emergenza in pronto soccorso, laddove oltre alle manovre di rianimazione, viene sottoposto, come tutti i pazienti, che entrano in un ospedale italiano, al tampone orofaringeo.

Purtroppo, nonostante le cure, il nonno di Pierino, nel frattempo risultato Covid positivo, dopo due giorni viene a mancare in conseguenza del grave trauma subito.

La causa di morte del nonno è chiara a tutti ma purtroppo verrà addebitata al virus”.

“Ci interroghiamo tutti i giorni – continua Zangrillo – sul perché di questi dati di cui non abbiamo alcun riscontro nella pratica clinica giornaliera.

Ci siamo informati presso gli organismi competenti ed abbiamo ricevuto la conferma”.

Allo stesso tempo,

“tutti sanno che in Italia l’eccesso di mortalità da Sars-Cov-2 è fortunatamente azzerato da due mesi. Concludendo: Attenzione, distanziamento massima prudenza, rispetto delle regole ma rispettiamo anche la verità”, conclude.

Oggi, aggiunge,

“il quadro clinico del grande malato Italia è nelle mani del ‘Comitato tecnico scientifico’, formato da illustri colleghi con cui non voglio entrare in conflitto.

Ho riconosciuto a loro il grande merito di aver suggerito in tempi esatti un doloroso ma necessario lockdown.

Ora vorrei che le loro indicazioni tenessero in maggior considerazione le evidenze cliniche attuali. In questo momento storico c’è bisogno di condivisione, coraggio e lucida visione di un quadro globale.

Oggi la mia più grande preoccupazione in campo sanitario è riprendere a curare quei malati che, per colpa di Sars-Cov-2, trascuriamo da almeno 5 mesi”.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

**************************************

Articoli correlati:  

Covid Community Healthcare Corps – Covid Corpo sanitario comunitario

Trust Stamp . Il timbro della fiducia

Ing. Carlo Negri – Si tratta di vivere o morire

®wld

Lobiettivo primario: gli anziani

 

Soylent Green è la gente; COVID-19 è gente anziana  

di Jon Rappoport  

Nel film del 1973, un detective della polizia di New York scopre che la popolazione della città, ampiamente sovraffollata e colpita dalla povertà – che viene sostenuta da cibo governativo trasformato, chiamato Soylent – ora sta mangiando esseri umani che sono morti. Ecco di cosa è fatto Soylent Green. 

Come ho discusso nel mio articolo (e ne ho parlato) due giorni fa, i resoconti della stampa open source rivelano che la “mortalità in eccesso” del 2020 è in gran parte il risultato della morte di persone anziane nelle case di cura. 

Questo non ha nulla a che fare con un virus. 

Ha a che fare con i pazienti che sono GIÀ su un lungo scivolo di salute verso il basso – poi colpiti dal terrore di una diagnosi COVID-19 arbitraria e falsa, e poi isolati e chiusi dalla famiglia e dagli amici – in strutture dove sono trascurate gravemente e indifferenza troppo spesso lo “standard di cura”.

La morte è il risultato diretto. 

I gestori delle informazioni sulla pandemia raccontano la grande menzogna. Esse raccontano che “il virus” ha un impatto maggiore sugli anziani. 

No, la STORIA di un virus ha l’impatto. Il terrore ha un impatto mortale. L’isolamento ha un impatto mortale. 

In misura sorprendente, COVID-19 è un disastro per la casa di cura.

Omicidio di massa per crudeltà. 

Promemoria per gli investigatori finanziari: calcola quanti soldi stanno risparmiando governo e assicuratori privati, perché non devono continuare a pagare per l’assistenza a lungo termine di tutti gli anziani che muoiono di morti premature nelle case di cura. Il numero di denaro sarà sconcertante. 

Tony Fauci conosce la truffa. Sa che COVID-19 è gente anziana. Ma è impegnato a dare consigli alla NFL e alla Major League Baseball su come giocare le loro stagioni, mentre le persone muoiono per la paura che promuove.

Fauci non ha brandelli di vergogna. È un portavoce scoperto da Bill Gates e David Rockefeller. 

Il male permea l’operazione COVID. Gli anziani nelle case di cura sono l’obiettivo primario. Farli morire prima è la tattica, al fine di pompare i falsi numeri di mortalità COVID. 

Senza quei numeri falsi, l’intera “pandemia” sarebbe risoltaa in un’ora. 

Ho detto che ci sono stati due eventi chiave nel contrastare l’intera feroce narrativa COVID: il regime cinese che ha bloccato 50 milioni di cittadini durante la notte senza una buona ragione medica, dando il via libera all’Organizzazione Mondiale della Sanità e al CDC per “seguire il nuovo modello”; e la proiezione al computer di morti finanziata da Bill Gates, messa insieme da Neil Ferguson, che ha mentito tra i denti quando ha affermato che mezzo milione di persone potrebbero morire nel Regno Unito e due milioni negli Stati Uniti, fornendo così la “logica” finale per lockdowns. 

Il terzo evento chiave è stato ed è l’attacco prolungato agli anziani nelle case di cura. 

Uccidi queste persone con terrore e isolamento e fai aumentare il numero delle morti. 

Ecco i resoconti stampa open source che ho inserito nel mio articolo due giorni fa. C’è un rapporto aggiuntivo alla fine. 

A partire dal 22 maggio, Forbes riferisce che “… nei 43 stati che attualmente riportano tali cifre, un sorprendente 42% di tutti i decessi di COVID-19 è avvenuto in case di cura e strutture assistenziali”. 

Washington Post, 18 maggio: “L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che la metà dei morti tra i 19 covidi in Europa è avvenuta in tali strutture” 

Titolo dello stesso articolo del post: “La crisi della casa di cura in Canada: l’81% delle morti per coronavirus [nel paese] sono in strutture di assistenza a lungo termine”. 

The Guardian, 16 maggio: “Circa il 90% delle 3.700 persone che sono morte di coronavirus in Svezia aveva più di 70 anni e la metà viveva in case di cura, secondo uno studio del Consiglio nazionale svedese per la salute e il benessere alla fine di aprile“. 

“Spagna: il paese è rimasto scioccato alla fine di marzo, quando il ministro della difesa ha rivelato che i soldati arruolati per disinfettare le case di abitazione avevano trovato alcuni anziani abbandonati e morti nei loro letti”. 

“… i governi regionali di Madrid e della Catalogna hanno pubblicato le proprie figure su persone che sono morte nelle case di cura a causa del virus o che presentano sintomi coerenti con esso”. [AKA, assurda diagnosi del bulbo oculare] 

“A Madrid, il totale di Covid, o sospetto Covid, i decessi dall’8 marzo sono stati giovedì a 5.886. In Catalogna, erano 3.375. Tra questi, i decessi nelle case di cura nelle due regioni rappresentano oltre un terzo di tutti i decessi per coronavirus nel paese.” 

E ci fu una grande quantità di allerta precoce in materia, se qualcuno delle agenzie di sanità pubblica volesse prestare attenzione – The Guardian, 13 aprile: “Circa la metà di tutti i decessi di Covid-19 sembrano accadere in case di cura in alcuni paesi europei …

I dati dell’istantanea da varie fonti ufficiali mostrano che in Italia, Spagna, Francia, Irlanda e Belgio tra il 42% e il 57% dei decessi per virus si sono verificati nelle case, secondo il rapporto degli accademici della London School of Economics (LSE).” 

Queste figure della casa di cura forniscono solo un quadro parziale. Considera l’enorme numero di anziani, già ammalati che sono sostanzialmente nella stessa situazione a casa, terrorizzati dalla propaganda COVID, chiusi a chiave, isolati; e poi muoiono — e anche quelli che riescono a raggiungere un ospedale, dove vengono messi a respirare nei ventilatori, pesantemente sedati e uccisi. 

The Hill, senza data (fine aprile 2020), riferendo su “dati … raccolti presso Northwell Health, il più grande sistema ospedaliero dello stato di New York.

Lo studio, pubblicato sul Journal of American Medical Association (JAMA), esamina 5.700 pazienti ricoverati in ospedale con infezioni da coronavirus nella regione di New York City, con esiti finali registrati per 2.634 pazienti.

L’età media dei pazienti era di 63 anni … Per la successiva fascia di età, dai 66 anni in su, i pazienti sottoposti a ventilazione meccanica hanno registrato un tasso di mortalità del 97,2%.” 

COVID è gente anziana. Spinte nella morte. 

FONTI:

* https://blog.nomorefakenews.com/2020/06/24/covid-behind-the-global-nursing-home-disaster-and-the-case-number-scam/

* https://banned.video/watch?id=5ef3e20b672706002f2c43de

* https://twitter.com/realDonaldTrump/status/1274170611280068615

* https://blog.nomorefakenews.com/tag/lockdown/

* https://blog.nomorefakenews.com/tag/neil-ferguson/

* https://www.forbes.com/sites/theapothecary/2020/05/26/nursing-homes-assisted-living-facilities-0-6-of-the-us-population-43-of-us-covid -19-morti / # 12d6083874cd

* https://www.washingtonpost.com/news/powerpost/paloma/the-health-202/2020/05/19/the-health-202-the-hopeful-news-about-moderna-s-coronavirus-vaccine -is-estremamente preliminare / 5ec2e480602ff11bb118504f /

* https://www.washingtonpost.com/world/the_americas/coronavirus-canada-long-term-care-nursing-homes/2020/05/18/01494ad4-947f-11ea-87a3-22d324235636_story.html

* https://www.theguardian.com/world/2020/may/16/across-the-world-figures-reveal-horrific-covid-19-toll-of-care-home-deaths

* https://www.theguardian.com/world/2020/apr/13/half-of-coronavirus-deaths-happen-in-care-homes-data-from-eu-suggests

* https://thehill.com/changing-america/well-being/medical-advances/494274-nearly-half-of-all-patients-placed-on

*****************************

A proposito di “Soylent Green“, ti potrebbero interessare:

 

®wld