Archivi tag: Libri

Ombre e misteri della banca delle sementi del pianeta

Agribusiness: Svalbard Global Seed Vault, ombre e misteri della banca delle sementi del pianeta 

Autore Bizzocchi Andrea

Nel libro di prossima pubblicazione Dietro le Quinte – Rivelazioni sul governo invisibile che controlla il pianeta (Bizzocchi, Pamio, Perucchietti, Uno editori, in uscita a novembre), tra i numerosi argomenti trattati, abbiamo affrontato lo Svalbard Global Seed Vault (letteralmente tradotto, “Deposito globale di semi delle Svalbard”), un argomento non strettamente di attualità dal momento che il succitato deposito è stato inaugurato già nel febbraio 2008, ma attuale come non mai alla luce degli ultimi accadimenti climatici estremi e alle possibili conseguenti implicazioni presenti e soprattutto future.

| Di che cosa si tratta |

Lo Svalbard Global Seed Vault è una sorta di cassetta di sicurezza delle sementi di tutto il mondo. Non propriamente una banca dei semi, ma una sorta doppia copia, di duplicato onnicomprensivo delle collezioni conservate nelle innumerevoli banche sparse per il pianeta.
Detto superdeposito si trova nella sconosciuta isola di Spitsbergen, che appartiene all’arcipelago delle isole Svalbard, a circa un migliaio di chilometri dal Polo Nord. La superbanca è stata attrezzata in una grotta scavata nel permafrost e l’obiettivo dichiarato è appunto la conservazione delle circa 4 milioni di diverse sementi (un vero e proprio patrimonio) che l’uomo ha sviluppato negli ultimi 10.000 anni della sua storia, ovvero dalla nascita dell’agricoltura.
Quale sarebbe la finalità ultima di tale mastodontica impresa? Le motivazioni sono molteplici ma, almeno ufficialmente, tutte riconducibili alla conservazione della biodiversità agricola a favore delle generazioni future in caso di eventuali catastrofi nucleari, scontri tra meteoriti, ma anche cambiamento climatico con le sue inondazioni, grandinate eccezionali e così via. Questo è quanto si premurano di farci sapere. Le intenzioni dunque, come sempre del resto, sono all’apparenza lodevolissime.
Il deposito è ultraprotetto: portoni a prova di bomba, rilevatori di movimento, pareti di cemento armato e via andando. Tutto questo, unitamente a condizioni climatiche controllate, dovrebbero (il condizionale è d’obbligo) garantire la conservazione attiva dei semi per centinaia e financo migliaia di anni (questo a seconda del tipo di cultivar ovviamente).
Lo Svalbard Global Seed Vault non è l’unica banca delle sementi al mondo, tutt’altro. Quelle di importanza rilevante sono all’incirca poco più di un migliaio. In linea di massima ogni Paese ne annovera una o più, alcune appartenente ad agenzie filogovernative mentre altre sono private. E fin qui, all’apparenza, tutto fila.
L’iniziativa del Global Seed Vault delle Svalbard è ufficialmente del governo norvegese che ne avrebbe (anche qui il condizionale è d’obbligo) finanziato la costruzione, ma appena si comincia a investigare si scopre che in realtà tra i principali promotori (con robusti contributi in denaro ovviamente) troviamo la Fondazione Rockefeller (onnipresente quando c’è da far del bene), seguita da   Monsanto Company[1] DuPont Pioneer [2] e quindi Syngenta[3] (le tre aziende che controllano oltre il 90%del mercato mondiale dell’agribusiness) nonché, tralasciandone altri della stessa risma, Mr. Bill Gates attraverso la sua fondazione caritatevole Bill & Melinda Gates Foundation.

| La Rivoluzione Verde e gli OGM |

 

Come chi si occupa di queste tematiche sa benissimo, la “fissa” del controllo dell’agricoltura da parte dei Rockfeller è di lunghissima data. La Rockfeller Foundation fu infatti la longa manus dietro la cosiddetta Rivoluzione Verde e finanziò sin dagli anni ‘70 i primi pioneristici studi di «rivoluzione agricola genetica». Lo sviluppo genetico (mappatura del gene, sequenza del genoma umano) è da sempre uno degli obiettivi dei Rockfeller (e dei loro sodali) come strumento primario per controllare le popolazioni. La genetica prese sviluppo nei laboratori nazisti sotto forma di ricerca per la purezza razziale (allora si chiamava eugenetica) e anche allora tra i principali finanziatori c’erano i Rockfeller. Con la conclusione della guerra la Rockefeller Foundation si adoperò per portare segretamente molti di questi scienziati in Usa per proseguire le loro ricerche. Questo tanto per inquadrare la questione.
Come illustrato splendidamente nel case study “The Green Revolution: Rockefeller Foundation, 1943” ad opera di Scott Kohler per il Center for Strategic Philanthropy and Civil Society della Duke University (North Carolina), l’avvio della Rivoluzione Verde partì dal Messico nei primi anni ‘40 per poi diffondersi in Colombia (1950) quindi in tutto il Sud America e in Asia (in particolare nel subcontinente indiano). Un certo Henry Kissinger (Nobel per la Pace Nobel nel 1973) sentenziò all’epoca:

«Chi controlla il petrolio controlla i Pesi, chi controlla il cibo controlla le popolazioni».

I Rockfeller, oltre al petrolio (Standard Oil) e al cibo, controllavano anche Kissinger.
Dalla progettazione alla messa in atto, la Rivoluzione Verde contemplò uno sforzo notevole. Scrive il ricercatore e autore americano William Engdahl nel suo illuminante libro Seeds of destruction[4]:

«la Fondazione Rockefeller, l’Agriculture Development Council di John D. Rockefeller III e la Fondazione Ford avevano unito le proprie forze per fondare, a Los Baños (nelle Filippine) l’IRRI (International Rice Research Institute)»,

un centro di ricerca agricolturale specializzato sul riso che divenne poi conosciuto per il suo decisivo contributo e sostegno al movimento della Rivoluzione Verde.
Del grande puzzle della Rivoluzione Verde, assieme all’IRRI, facevano parte anche il messicano CIMMYT (Centro Internacional de Mejoramiento de Maíz y Trigo, in inglese International Maize and Wheat Improvement Center, anche qui con il contributo della Rockfeller Foundation) e l’IITA (International Institute of Tropical Agriculture, fondato nel 1967 in Nigeria, sempre con soldi Rockefeller). Nel breve volgere di pochi decenni l’intero pianeta venne conquistato dal cosiddetto agribusinness promosso dalla Rivoluzione Verde (cioè dai Rockfeller).
Occorre capire che questo è lo schema di dominio attraverso il quale si muovono le power élite. Nel nostro caso specifico la Rockfeller Foundation si adoperò per creare un network mondiale di ricerca al fine dichiarato di ridurre la fame nel mondo. E lo schema è proprio questo: prima si crea il problema (la fame nel mondo) poi si propone la soluzione (la Rivoluzione Verde).
All’uopo si creano quindi istituzioni no profit (da loro finanziate) che prendono a collaborare tra loro promuovendo una strada comune. Vengono poi coinvolti altri soggetti (ad esempio la Fao, la Banca Mondiale, l’UNDP, United Nations Development Program) e così via.
Nel maggio 1971 ad esempio venne fondato il CGIAR (Consultative Group for International Agricultural Research), i cui obiettivi e modus operandi vennero messi a punto durante una serie di incontri privati tenutisi a Villa Serbelloni (di proprietà, e di chi altri, della Fondazione Rockfeller) il cui compito precipuo era coordinare lo sforzo per ridurre la povertà e assicurare il cibo nei Paesi in via di sviluppo attraverso 15 non-profit affiliate, le più importanti delle quali erano le succitate IRRI, CIMMYT e IITA.
Tutti questi gruppi si occupavano soprattutto di fare ricerca (la loro ricerca) e formazione (la loro formazione) educando scienziati e ricercatori sui metodi salvifici della Rivoluzione Verde (che è la loro rivoluzione). I risultati sono sotto gli occhi di tutti. L’Africa, tanto per fare un esempio, negli anni ‘60 del secolo scorso era ancora al 98% alimentarmente autosufficiente (addirittura lo era al 100% agli inizi del ‘900) mentre ora è ridotta alla fame e alla miseria più estrema.
Giusto per far capire al lettore come tutto, letteralmente tutto è parte dello stesso disegno, ecco che Norman Borlaug, l’agro-scienziato acclamato padre della Rivoluzione Verde, viene insignito nel 1970 del Nobel per la Pace. Borlaug, possiamo immaginarlo, lavorava per Rockfeller.
In breve, nel giro di pochi decenni la Fondazione Rockfeller (e i suoi accoliti) fu capace di plasmare l’intera agricoltura mondiale piegandola ai propri desiderata. Ma credere che Rockfeller o chi per lui, spenda soldi e si adoperi per il benessere delle povere popolazioni del terzo mondo (che povere non erano e lo sono diventate solo dopo essere state inserite nel meccanismo della Rivoluzione Verde e del denaro) significa essere, nella migliore delle ipotesi, terribilmente ingenui.
La Rivoluzione Verde ottenne infatti risultati ben precisi che, guarda un po’, coincidevano esattamente con i veri obiettivi dei suoi promotori. Con la Rivoluzione Verde vennero infatti diffusi semi ibridi dalle rese molto alte ma con due caratteristiche peculiari. La prima è che questi semi non si riproducono e la seconda che dipendono, per la loro crescita e protezione, da massicce iniezioni di fertilizzanti chimici, pesticidi, anticrittogamici, ecc. Il tutto, ca va sans dire, rigidamente brevettato. In breve, il contadino viene a dipendere dalle multinazionali per l’acquisto dei semi, per quello di fertilizzanti, pesticidi, fungicidi, anticrittogamici, ecc., per le royalties sui semi brevettati e così via. Dipendenza, in altre parole, da Monsanto, Sygenta, Dupont e dagli altri grandi gruppi soliti noti.
Ora, se in un mondo che pure funziona al rovescio due più due fa sempre quattro, si capisce facilmente che l’obiettivo di fondo di tutto questo è sottrarre ai contadini la produzione agricola libera, indipendente e autosufficiente, per sostituirla con quella di poche grandi, ipertrofiche megamultinazionali che controllano l’intera filiera a livello mondiale e che sono, attraverso un gioco di scatole cinesi, in mano ai soliti noti (con Rockfeller in testa).
| Ma torniamo allo Svalbard Global Seed Vault |
Forse a questo punto possiamo cominciare a intuire perché è stata costruita l’Arca di Noè delle sementi alle Svalbard. Le banche di sementi, secondo la FAO, sono circa 1.400 e si trovano per la maggior parte negli Stati Uniti. Ma non basta, le più grandi sono usate e possedute proprio da Monsanto, Syngenta, Dow Chemical, DuPont, che ne ricavano i corredi genetici da modificare.
Perché dunque c’era necessità di un’Arca di Noè agricola alle Svalbard, con tanto di porte corazzate e allarmi anti-intrusione, scavata nella roccia?
Perché questi personaggi creano una superbanca del genere? Quale futuro si aspettano? Cosa sanno che noi non sappiamo?
E se invece di un’Arca salvifica si trattasse di un vero e proprio furto ai danni delle “normali” aziende agricole e dei piccoli contadini ancora preponderanti in molti paesi del Terzo Mondo e non solo?
O forse ancora, tutto questo potrebbe avere a che fare con un clima impazzito (per loro volere e non per un climate change “naturale” così come si vuol far passare il cambiamento climatico in atto) fino ad arrivare a terremoti, uragani, alluvioni grandinate eccezionali che distruggono i raccolti, siccità, desertificazione avanzante e così via?
O forse una malattia sconosciuta che appare all’improvviso?
Tutto questo è certamente plausibile ma in realtà ci sono anche altri particolari interessanti che unitamente a ciò che abbiamo detto fino ad ora ci svelano in maniera sempre più chiara le finalità di tutto questo.
| Eugenetica e denatalizzazione |
L’eugenetica e la denatilizzazione sono una fissa dei Rockfeller sin dall’inizio del secolo scorso. Orbene, nel 2001 l’azienda di ingegneria genetica EPICYTE PHARMACEUTICALS INC. con sede a San Diego in California, annuncia di aver elaborato un tipo di mais geneticamente modificato contenente uno spermicida. In altre parole questo particolare tipo di mais funziona, anche, da sterilizzatore. In altre parole ancora, i maschi che se ne nutrono diventano sterili. Ma ciò che è forse maggiormente interessante è che le ricerche per arrivare a questo mais geneticamente modificato sono state sostenute da fondi dell’USDA (United States Department of Agricolture, il ministero che condivide con Monsanto i brevetti dei semi Terminator). È quello che si scriveva poc’anzi: alla fine tutti questi soggetti fanno parte dello stesso schema.
Un altro esempio ancora: negli anni ‘90, l ‘Organizzazione Mondiale della Sanità (che sarebbe il Dipartimento dell’ONU addetto alla salute!) lancia una campagna di vaccinazione contro il tetano rivolta esclusivamente alle donne di e in età compresa fra i 15 e i 45 anni. Forse che il tetano colpisce solamente le donne e non gli uomini? Colpisce solamente le donne comprese in questa fascia di età e non quelle più giovani e più vecchie? Forse che al di fuori dei confini di Filippine, Messico e Nicaragua non c’è pericolo di tagliarsi e ferirsi?
Se uniamo queste notizie alla fissa che i Rockfeller hanno per la denatalizzazione (a partire, per ovvi motivi, dalle razze considerate “inferiori”) ecco allora che i conti cominciano a tornare. Il dubbio venne infatti a suo tempo anche al Comité Pro Vida, una associazione cattolica messicana. Il Comité fece analizzare il vaccino in questione verificando ciò che si poteva peraltro intuire, ovvero che questo conteneva gonadotropina corionica umana, ovvero un ormone umano naturale il quale, attivato dal germe attenuato del tetano contenuto nel vaccino, stimolava speciali anticorpi che rendevano incapaci le donne di portare a termine la gravidanza. Insomma, dietro la copertura del vaccino antitetano si celava un agente abortivo. A questo punto l’associazione approfondì gli studi su detto vaccino e scoprì che esso era frutto di studi  ventennali finanziati dalla Rockefeller Foundation, dal Population Council (una delle solite ONG no profit messe su dalla Famiglia), dal CGIAR (di cui abbiamo detto prima), dal National Institute of Health (governo USA) e, sorpresa, anche dalla Norvegia, il paese in cui si trova oggi il Global Seed Vault oggetto di questo articolo, che aveva contribuito agli studi di ricerca sul vaccino antitetanico-abortivo con ben 41 milioni di dollari.
Forse, alla fine di tutto, quando arriverà la Catastrofe (e a noi comuni mortali, non è dato sapere né il come né il quando), le sementi naturali dovranno essere controllate dal gruppo dell’agribusiness  e da nessun altro?
A pensar male si fa peccato ma ci si prende… sempre. Almeno quando ci sono di mezzo i Rockfeller.
Link di riferimento e note:
http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=9852:rockefeller-si-fa-larca-di-noe-cosa-ci-nasconde&catid=83:free&Itemid=100021
https://www.voltairenet.org/article162545.html
hhttps://cspcs.sanford.duke.edu/sites/default/files/descriptive/green_revolution.pdf
[1] Mega azienda di biotecnologie agrarie nota per la produzione del glifosato e del famigerato agente orange durante la guerra del Vietnam. Monsanto è il maggior produttore mondiale di sementi convenzionali, produce sementi transgeniche e risulta esserne il maggior detentore di brevetti al mondo. È stata acquisita nel giugno 2018 dalla casa farmaceutica tedesca Bayer per un importo pari a 63 miliardi di dollari. Una volta completata la fusione il marchio Monsanto sarà cancellato (operazione di green washing).
[2] È il più grande produttore statunitense di semi ibridi per l’agricoltura e il secondo al mondo di semi OGM dopo Monsanto. Produce e rivende inoltre semi ibridi di mais in oltre 70 paesi.
[3] Syngenta AG produce sementi e prodotti chimici per l’agricoltura. Nata nel novembre 2000 dalla fusione di Novartis Agribusiness e Zeneca Agrochemicals è stata poi rilevata nel 2017 da ChemChina per 43 miliardi di euro. Risulta essere il terzo rivenditore al mondo di semi e prodotti biotecnologici, dietro a Monsanto e DuPont Pioneer.
[4]   Articolo originale “Doomsday Seed Vault in the Arctic” by F. William Engdahl. https://www.voltairenet.org/article162545.html

Giappone: nuovo sistema educativo, con solo cinque materie

globaleducation60_01_small

Il Giappone rende ufficiale il sistema che forgia Elite s di esseri umani – nuovo sistema educativo

di Gabriel J. Perea R. 04 Giugno 2018 dal Sito Web ElistMopty contributo di Evelyn Lineth Vargas – Psicologa traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo

Il Giappone rende ufficiale il Sistema che forgia Elites di Esseri Umani. – “Cambiamento Coraggioso” (Futoji no henko) –

In Giappone si sta provando un piano pilot rivoluzionario chiamato “Cambiamento Coraggioso” (Futoji no henko), basato sui programmi educativi:

  • Erasmus
  • Grundtvig
  • Monnet
  • Ashoka
  • Comenius…

E’ un cambiamento di concetti che rompe tutti i paradigmi.

E’ talmente rivoluzionario che forma i bambini com “Cittadini del mondo” e non come giapponesi. Capiranno e accetteranno diverse culture e i loro orizzonti saranno globali, non nazionali.

Pensate che questo cambiamento sta accadendo in uno dei paesi più “tradizionalisti” del mondo.

Il programma di 12 anni si basa sui concetti:

  • Zero materie collaterali
  • Zero compiti
  • E hanno solo 5 materie che sono:
  1. Aritmetica per Affari

Le operazioni di base e l’uso di calcolatrici finanziarie.

  1. Lettura

Iniziano aleggere un foglio al giorno del libro che ogni bambino sceglie finiscono a leggere un libro a settimana.

  1. Educazione Civica

S’intende il rispetto totale delle leggi, del valore civile, l’etica, il rispetto delle norme per la convivenza, la tolleranza, l’altruismo e il rispetto per l’ecologia e l’ambiente.

  1. Informatica

Office, Internet, reti e affari on line.

  1. Lingue

4 o 5 Alfabeti, Culture, Religioni, tra queste qulla giapponese, latina, inglese, tedesca, cinese, araba; con viviste per soacializzare con lo scambio tra famiglie durante l’estate.

Quale sarà il risultato di questo programma?

Giovani che a 18 anni parlano 4 lingue, conoscono 4 culture, 4 alfabeti.

  • Sono esperti nell’uso di computer e cellulari come strumenti di lavoro.
  • Leggono 52 libri ogni anno.
  • Rispettano la legge, l’ecologia e la convivenza.
  • Maneggiano l’aritmetica per gli affari e la finanza a menadito.

I nostri figli competiranno con loro!

E chi sono i nsostri figli?

  • Ragazzi che sanno di più sui gossip di moda, che sanno e conoscono i nomi e la vita degli artisti famosi, ma niente di storia, letteraturaa o matematica, tra tutto il resto…
  • Ragazzi che parlano solo spagnolo più o meno,che hanno una pessima ortografia, che odiano leggere libri, chenon sanno fare una somma, che sono esperti nel “copiare” durante gli esami e burlarsi delle norme sotto gli occhi dei loro genitori ed educatori.
  • Ragazzi che passano più tempo guardando e imparando le stupidità in Internet, la televisione o le partite e gli idoli del calcio, piuttosto che studiare o leggere senza quasi comprendere ciò che leggono e perciò credono che un giocatore di di calcio è più importante di uno scienziato.
  • Ragazzi che sono definiti “uomini video” giacché non sono sociali in maniera adeguata ma sono resi stupidi, zombi dall’iPhone e Android, dai tablets, dallo skate, Facebook, Instagram, le chat; dove parlano solo delle stesse stipidaggini di cui parlavamo prima o con i giochi informatici, in un chiaro isolamento che conosciamo come autismo cibernético che attenta alla libertà, all’educazione, contrario all’autostima, all’autonomia, contro il rispetto per i loro genitori o per il prossimo, contro l’ambiente, la solidarietà, la cultura e promuovono un egoismo allarmante lasciando una società cieca e senza una meta e guradano un governo ch mente per rubare a piene mani…!!!

Credo che abbiamo molto lavoro da fare…!

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Ipotesi di Simulazione

 

Gli scienziati affermano: stiamo vivendo una simulazione al computer

Postato da: Dan Falk

La mente dei Technocrati che è affidata a tali vane speculazioni non dovrebbe mai essere attendibile per fornire soluzioni scientifiche che potenzialmente interessino tutta la società. È tempo che le persone razionali “dicano semplicemente no” ai loro piani e ai loro sogni. ⁃ Editor TN

E se tutto intorno a noi – la gente, le stelle in alto, il terreno sotto i nostri piedi, persino i nostri corpi e le menti – fosse un’illusione elaborata? E se il nostro mondo fosse semplicemente una simulazione iper-realistica, con tutti noi solo personaggi in una specie di sofisticato videogioco?

Questo, naturalmente, è un concetto familiare di libri e film di fantascienza, tra cui il film di successo del 1999 “The Matrix”. Ma alcuni fisici e filosofi dicono che è possibile vivere davvero in una simulazione, anche se questo significa mettere da parte ciò che sappiamo (o pensiamo di sapere) sull’universo e sul nostro posto in esso.

“Se viviamo in una simulazione, allora il cosmo che stiamo osservando è solo un piccolo pezzo della totalità dell’esistenza fisica”, ha detto il filosofo di Oxford Nick Bostrom in un articolo del 2003 che ha iniziato la conversazione su ciò che è diventato noto come ipotesi di simulazione. “Mentre il mondo che vediamo è in un certo senso ‘reale’, non si trova al livello fondamentale della realtà”.

Simulare mondi e esseri

Rizwan Virk, fondatore del programma PlayLabs del Massachusetts Institute of Technology e autore di “The Simulation Hypothesis”, è tra coloro che prendono sul serio l’ipotesi della simulazione. Ricorda di aver giocato a un gioco di realtà virtuale così realistico che ha dimenticato di trovarsi in una stanza vuota con un auricolare acceso. Ciò lo portò a chiedersi: siamo sicuri di non essere radicati in un mondo creato da esseri più tecnologicamente esperti di noi stessi?

Quella domanda ha senso per Rich Terrile, un informatico del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Dettagliate come sono, le migliori simulazioni di oggi non coinvolgono le menti artificiali, ma Terrile pensa che la capacità di modellare gli esseri senzienti potrebbe presto essere alla nostra portata. “Siamo all’interno di una generazione di essere quegli dei che creano quegli universi”, dice.

Non tutti sono convinti. Durante un dibattito del 2016 all’American Museum of Natural History di New York, la fisica della Harvard University Lisa Randall ha detto che le probabilità che l’ipotesi della simulazione sia corretta sono “effettivamente zero”. Per i principianti, non ci sono prove che il nostro mondo non sia la matrice di stelle e galassie che sembra essere. E si chiede perché gli esseri avanzati si prenderebbero la briga di simulare l’Homo sapiens. “Perché simularci? Voglio dire, ci sono così tante cose da simulare”, ha detto. “Non so perché questa specie più alta dovrebbe disturbarsi con noi.”

Echi di Genesi

Eppure, c’è un anello familiare all’idea che c’è un simulatore, o un creatore, che si preoccupa per noi. Allo stesso modo, l’idea che un essere superiore forgia un universo simulato paragona la nozione di una divinità che crea il mondo – per esempio, come descritto nel Libro della Genesi.

Alcuni pensatori, incluso Terrile, accolgono l’analogia con la religione. Se l’ipotesi della simulazione è corretta, dice, “c’è un creatore, un architetto – qualcuno che ha progettato il mondo”. È un’idea antica riformulata in termini di “matematica e scienza piuttosto che solo fede”.

Ma per altri studiosi, incluso il fisico dell’Università del Maryland, Sylvester James Gates, la somiglianza tra l’ipotesi della simulazione e la credenza religiosa dovrebbe essere presa come un avvertimento che siamo fuori strada. La scienza, come ha detto in una recente intervista radiofonica, ci ha portato “lontano da questa idea che siamo burattini” controllati da un’entità invisibile. L’ipotesi della simulazione, ha detto, “inizia a sembrare una religione”, con un programmatore che sostituisce dio.

Chi, o cosa, è l’entità divina che potrebbe aver creato un universo simulato? Una possibilità, sostenitori dell’ipotesi della simulazione, è che si tratta di una razza di esseri avanzati – alieni spaziali. Ancor più inclinazione alla mente è la possibilità che siano i nostri discendenti – “i nostri sé futuri”, come dice Terrile. Cioè, gli esseri umani che vivono centinaia o migliaia di anni nel futuro potrebbero sviluppare la capacità di simulare non solo un mondo come il nostro, ma i corpi e le menti degli esseri al suo interno.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Orwell e il suo Pasticcio Terribile ampiamente usato nella retorica politica moderna

 

70 anni dopo è ancora 1984 

di Matthew Feeney dal sito Web InsideSources  Matthew Feeney è il direttore dell’Istituto Cato Progetto sulle tecnologie emergenti. 

Nell’ottobre del 1947 Eric Blair, conosciuto oggi con il suo pseudonimo George Orwell, scrisse una lettera al co-proprietario della casa editrice Secker & Warburg.

In quella lettera, Orwell notò che si trovava nell’ultimo giro della bozza di un romanzo, descrivendolo come “un pasticcio terribile”. Orwell si era stabilito sull’isola scozzese del Giura per finire il romanzo.

L’ha completato l’anno successivo, trasformando il suo “pasticcio più terribile” in “1984“, uno dei romanzi più importanti del 20° secolo.

Pubblicato nel 1949, il romanzo compie 70 anni quest’anno. L’anniversario offre l’opportunità di riflettere sul significato del romanzo e sulla sua lezione più preziosa, ma a volte trascurata.

La lezione principale di “1984” non è “La sorveglianza persistente è cattiva” o “I governi autoritari sono pericolosi”. Queste sono affermazioni vere, ma non il messaggio più importante.

“1984” è al centro di un romanzo sul linguaggio:

come può essere usato dai governi per soggiogare e offuscare e dai cittadini per resistere all’oppressione.

Orwell era un maestro della lingua inglese e la sua eredità sopravvive attraverso alcune delle parole che ha creato. Anche quelli che non hanno letto “1984” conoscono alcuni dei suoi “Newspeak”. 

“1984” fornisce agli anglofoni un vocabolario per discutere di sorveglianza, stati di polizia e autoritarismo, che include termini come, 

“Grande Fratello” 

“Polizia di pensiero” 

“Unperson” 

“Bipensiero”, 

…per dirne alcuni.

Il governo autoritario dell’Oréia di Orwell non punisce solo severamente il dissenso – cerca di rendere persino impossibile pensare al dissenso.

Quando il membro del partito interno O’Brien tortura il protagonista del 1984, Winston Smith, alza la mano con quattro dita tese e chiede a Smith quante dita vede. 

Quando Smith risponde,

“Quattro! Quattro! Che altro posso dire? Quattro!”,

… O’Brien infligge dolore lancinante. 

Dopo che Smith ha finalmente affermato di vedere cinque dita, O’Brien sottolinea che dire “Cinque” non è abbastanza,

“No, Winston, è inutile, stai mentendo, pensi ancora che ce ne siano quattro”.

Il nome proprio di Orwell ha ispirato un aggettivo, “Orwelliano”, che è ampiamente usato nella retorica politica moderna, anche se spesso in modo inappropriato.

Di solito sono i nostri nemici che agiscono orwellianamente, ed è una testimonianza del talento di Orwell che tutti sembrano pensare che “1984” riguardi i loro avversari politici.

  • La sinistra politica vede molte tendenze orwelliane nella Casa Bianca e nel sistema di giustizia criminale. Il diritto politico affligge “Thought Police” nei campus universitari e nelle società di social media trasformando gli utenti in “Unpersons”.

Ma i politici possono mentire senza essere orwelliani, e una società privata che chiude un account di social media non è niente come uno stato che uccide qualcuno e li elimina dalla storia.

Allo stesso modo, la conformità accademica percepita potrebbe essere potenzialmente soffocante, ma è difficilmente paragonabile a una conformità applicata da uno stato di polizia che elimina intere parole dalla società.

Eppure quando i funzionari del governo USA usano termini come,

  • “interrogatorio avanzato” 
  • “fatti alternativi” 
  • “danno collaterale” 
  • “estremisti”,

… capiscono che ciò che stanno descrivendo è in realtà,

  • “tortura” 
  • “bugie” 
  • “morti civili innocenti” 
  • “dissidenti politici”
Lo preferiscono se altri, specialmente la stampa, usano e credono nel linguaggio orwelliano che disumanizza i nemici del governo e rende la loro orribile violenza suonabile tollerabile o persino giustificata.

Vediamo distorsioni linguistiche molto più nefande e barbare all’estero. 

  • Secondo quanto riportato da attivisti e ricercatori, lo stato cinese ha messo circa 1 milione di persone tra cui molti uiguri – un gruppo etnico a maggioranza musulmana – in campi di “rieducazione”. 

    I rapporti rivelano che i campi sono difficilmente scuole. Sono brutali luoghi di indottrinamento, con detenuti costretti a recitare la propaganda del Partito Comunista e rinunciare all’Islam. 

  • La Corea del Nord, il paese che si avvicina di più all’incarnazione del “1984”, ha ostacolato le capacità dei suoi cittadini di pensare da soli con una scoraggiante misura di successo. 

Nel suo libro di memorie, il disertore nordcoreano Yeonmi Park descrive la scoperta della ricchezza del vocabolario della Corea del Sud, notando

“Quando hai più parole per descrivere il mondo, aumenti la tua capacità di pensare pensieri complessi.”

Non sorprende che quando Park abbia letto il classico romanzo allegorico di Orwell “Fattoria degli animali“, si sentiva come se Orwell sapesse da dove veniva.

Orwell non era un profeta, ma identificò una caratteristica necessaria di ogni governo autoritario di successo.

Per controllarti efficacemente non puoi semplicemente minacciare la morte, il carcere o la tortura. Non è abbastanza per vietare libri e religioni. Finché lo stato non domina la tua coscienza, è costantemente sotto il rischio di rovesciare.

Non dovremmo temere che gli Stati Uniti diventino l’incubo distopico di Orwell, ma in un’epoca in cui la disonestà politica è dilagante dovremmo ricordare la lezione più importante del 1984:

Lo stato può “occupare” la tua mente …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

 ®wld

1984: un mondo che sembra molto simile al libro

 

1984 compie 70 anni in un mondo che sembra molto simile al libro  

 di John Vibes 

12 maggio 2019
dal sito web TruthTheory

Questo mese, il leggendario romanzo di George Orwell Nineteen Eighty-Four (“1984“) compie 70 anni e gli avvertimenti contenuti nella storia sono ora più importanti che mai …

Le previsioni di Orwell erano così azzeccate su questo sembra quasi che fosse usato come un qualche tipo di manuale di istruzioni accidentali per aspiranti tiranni.

Nel mondo di Nineteen Eighty-Four, c’è uno stato di sorveglianza onnicomprensivo che tiene d’occhio tutti, alla ricerca di possibili ribelli e punti di resistenza.

La censura è la norma in questo mondo, ed è così estrema che gli individui possono diventare “impersonali” che sono essenzialmente cancellati dalla società perché le loro idee erano considerate pericolose dall’establishment.

Questa è un’idea molto familiare agli attivisti e ai giornalisti indipendenti che vengono rimossi dalla conversazione pubblica per parlare del governo e della corruzione aziendale sui social media.

Orwell è famoso per aver coniato il termine “doppio linguaggio”, che è un modo per descrivere,

il linguaggio eufemistico che il governo usa per iripulire le loro azioni più sporche.

Ad esempio, nella storia di Orwell,

il ministero della propaganda era chiamato il Ministero della Verità, proprio come oggi l’agenzia governativa che era nota come “Il Dipartimento della Guerra” è ora chiamata “Dipartimento della Difesa”.

C’era anche una guerra senza fine nella storia di Orwell, le cui condizioni sarebbero cambiate regolarmente, mantenendo la popolazione generale confusa sui conflitti, così hanno rinunciato a cercare di capire cosa sta realmente accadendo.

Alcune di queste predizioni erano semplicemente riconoscimenti di modelli nella storia umana, dal momento che l’idea di “impersonalità” e di propaganda di guerra non è una novità.

Tuttavia, Orwell ha avuto un’incredibile comprensione di come la tecnologia avrebbe progredito nel corso del ventesimo secolo, e fu in grado di immaginare in che modo la tecnologia sarebbe stata utilizzata da coloro che erano al potere per controllare le masse.

Le previsioni tecnologiche fatte nel libro erano davvero inquietanti, dato che forniscono una descrizione abbastanza accurata del nostro mondo moderno.

Orwell descrisse i “teleschermi”, che fungevano sia da dispositivo di intrattenimento che da dispositivo di comunicazione a due vie.

Questo tipo di tecnologia era predetto da molti futuristi all’epoca, ma la previsione di Orwell era unica perché suggeriva che questi dispositivi sarebbero stati usati dal governo per spiare le persone, attraverso microfoni e telecamere incorporate nei dispositivi.

Sfortunatamente, proprio come nel libro di Orwell, le persone nel mondo moderno sono così distratte dall’intrattenimento e divise dalla politica da non avere idea di vivere in un tirannico stato di polizia.

Questo stato di polizia era anche un forte deterrente nel mondo di Ottantaquattro, perché sebbene molti dei cittadini nel libro avessero un’opinione positiva del “Grande Fratello“, era ancora qualcosa che temevano, ed era una forza che li ha tenuti sotto controllo.

Naturalmente, questo non è molto diverso dall’atteggiamento che l’americano o l’europeo medio ha di fronte,

  • brutalità della polizia
  • corruzione del governo…

Molte delle idee sul potere e l’autorità che sono state espresse nel classico di Orwell sono senza tempo e vecchie come la storia, ma la sua analisi di come la tecnologia avrebbe amplificato la natura distruttiva del potere era incredibilmente unica, specialmente per il suo tempo …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il decadimento della verità

 

Due modi in cui il nostro mondo ricorda “1984” 

di: Jon Miltimore 

Erano passati almeno 25 anni da quando lessi “1984” oggi è stata un’esperienza molto diversa.

Quando ho preso il libro 1984 con me in vacanza di recente, non mi aspettavo di leggerlo. A differenza degli altri due libri con me, 12 Rules for Life di Jordan Peterson e The Rational Optimist di Matt Ridley, avevo già letto il classico lavoro di Orwell. O almeno, me lo ricordavo?

Erano passati almeno 25 anni. La maggior parte di ciò che ricordavo sembrava essere frammenti di citazioni e cliché che il mio cervello aveva assorbito dagli articoli di internet e dalla cultura pop. A dire il vero, ero sempre stato più parziale nei confronti di Brave New World. Forse perché la distopia di Huxley era sempre sembrata più leggera e meno malvagia. Meno grintosa.

Orwell era preveggente per osservare come funzionassero gli stati di sorveglianza totalitaria.

Non sono sicuro di quale libro preferisco ora, ma dirò che leggere 1984 oggi è stata un’esperienza molto diversa. Per una mente da adolescente, 1984 è fondamentalmente una profezia allegorica del moderno stato di polizia. Il Grande Fratello sta guardando. Telecamere sono ovunque. I bambini spiano i loro genitori e li denunciano alla polizia per i loro pensieri.

Non intendo sminuire questi temi. Orwell, un socialista di una volta che si è inacidito sulla sua ideologia una volta che l’ha guardata bene, è stato preveggente osservare come funzionerebbero gli stati di sorveglianza totalitaria. (Ricordo che 1984 fu pubblicato due anni prima che la Stasi si formasse).

Filosofia di Orwell

Ciò che mi ha impressionato leggendo il 1984 di oggi è stata la comprensione di Orwell della filosofia che sta dietro il Grande Fratello o, piuttosto, la sua mancanza di filosofia (oltre al nichilismo). La verità, vediamo, non esiste in Oceania, lo stato-nazione totalitario che serve come ambientazione del 1984.

L’assenza di verità è mostrata in vari momenti in vari modi, ma è più famosa quando Winston Smith, il protagonista del libro, riflette che è solo una questione di tempo prima che il Partito insista sul fatto che due più due ne facciano cinque.

“Era inevitabile che prima o poi avrebbero dovuto presentare la richiesta: la logica della loro posizione lo richiedeva”, ci dice Smith. “Non solo la validità dell’esperienza, ma l’esistenza stessa della realtà esterna è stata tacitamente negata dalla loro filosofia. L’eresia delle eresie era di buon senso.”

“La libertà è la libertà di affermare che due più due fa quattro”, ci dice Winston Smith.

“Se questo è concesso, tutto il resto segue”.

Non è solo che il Grande Fratello è ostile alla verità, alla logica o ai fatti (anche se lo è). È quella verità, logica e fatti che in certi momenti inevitabilmente entrano in conflitto con il suo unico obiettivo: il controllo.

Questo ci porta ad una seconda osservazione sull’Oceania. È una terra ricca di politica. È alimentato forzatamente dalle persone. Lo consumano, che lo desiderino o meno. Viene pompato fuori dalle telescreen giorno e notte. Viene da bambini e vicini indottrinati. Alcune persone che recitano i cliché del Partito ci credono, altri no. Ma non si può sfuggire ai dogmi del Partito.

In nessun punto del romanzo questo è dimostrato più accuratamente di quando Winston Smith rivela che anche il sesso era inquinato dalla politica. Ecco come descrisse il suo primo atto d’amore con Julia, la donna che diventa la sua amante:

Ai vecchi tempi, pensò, un uomo guardò il corpo di una ragazza e vide che era desiderabile, e quella fu la fine della storia. Ma al giorno d’oggi non puoi avere puro amore o pura lussuria. Nessuna emozione era pura, perché tutto era mescolato con la paura e l’odio. Il loro abbraccio era stato una battaglia, il culmine di una vittoria.

E’ stato un duro colpo contro il Partito. Era un atto politico.

Decadenza della verità

Nel 1984 vediamo un mondo in cui la politica ha consumato le azioni più intime della vita. Non paragonerei gli Stati Uniti al 1984. Ma io credo che esistano paralleli.

La politica, pochi oggi negherebbero, saturerebbe la maggior parte degli aspetti della nostra vita. È nei nostri sistemi scolastici e nelle nostre scuole. Partite di calcio, film di successo e chiese americane. Non è sempre stato così, e lo sviluppo non è sano.

E poi c’è la questione della verità. L’anno scorso la Rand Corporation ha pubblicato un rapporto. In sostanza, ha affermato che la nostra civiltà soffre di una strana condizione: il decadimento della verità.

Il decadimento della verità è definito come un insieme di quattro tendenze correlate: crescente disaccordo sui fatti e interpretazioni analitiche di fatti e dati; una sfocatura della linea tra opinione e fatto; un aumento del volume relativo e un’influenza risultante, di opinione e di esperienza personale sui fatti; e il declino della fiducia in fonti di informazione fattuale precedentemente rispettate.

Il decadimento della verità potrebbe aiutare a spiegare perché molte persone, anche quelle intelligenti e sensate, sembrano sentirsi come Alice dopo essere caduta nella tana del coniglio.

“Viviamo in un’epoca in cui la sanità mentale è controversa e la pazzia è solo un altro punto di vista”, ha affermato l’economista Thomas Sowell.

Pochi americani oggi negherebbero, credo, che la verità sia sotto attacco. È una delle poche idee su cui sinistra e destra possono essere d’accordo. Il disaccordo sorge su chi sono i più grandi trasgressori della verità.

Questa non è una cosa da poco. Come ha recentemente osservato il presidente della FEE Lawrence Reed, la verità e la libertà sono inseparabili.

“La prima vittima sul pendio scivoloso verso la tirannia è la verità”, ha scritto Reed. “Se desideri vivere in libertà, devi prima impegnarti per la verità in tutte le cose.”

Libertà di parola

Il nostro futuro non deve essere così cupo come quello del 1984. Il primo passo per assicurarsi che non lo sia è reclamare il caro principio della libertà di parola, e non strettamente in senso giuridico. Piuttosto, dobbiamo ricordare che la libera espressione delle idee è essenziale e inseparabile dalla ricerca della verità.

Il grande scrittore americano Walter Lippmann spiegò una volta perché la libertà di discussione è essenziale non solo per la libertà, ma per la verità stessa.

“… se davvero desideriamo capire perché la libertà è necessaria in una società civile, dobbiamo cominciare realizzando che, poiché la libertà di discussione migliora le nostre opinioni, le libertà degli altri uomini sono la nostra necessità vitale”, ha scritto Lippman, uno degli editori fondatori di The New Republic. “Questo è il principio creativo della libertà di parola, non che sia un sistema per tollerare l’errore, ma che sia un sistema per trovare la verità”.

La verità non prevarrà in un mondo che impedisce il conflitto di idee sopprimendo la parola.

Se la nostra età sta soffrendo una crisi di verità, forse è perché non stimiamo la verità abbastanza. La nostra società sembra più interessata a sopprimere e nascondersi dalle idee piuttosto che a lottare con loro, che è ciò che richiede una seria ricerca della verità.

Thomas Jefferson scrisse una volta che la verità “non ha nulla da temere” nei conflitti. Ma la verità non prevarrà in un mondo che impedisce il conflitto di idee sopprimendo la parola.

“La libertà è la libertà di affermare che due più due fa quattro”, ci dice Winston Smith. “Se questo è concesso, tutto il resto segue”.

Quando ho letto questa frase, 25 anni fa, non capivo cosa stesse dicendo Orwell. Ora la capisco.

Fonte: https://fee.org/articles/two-ways-our-world-resembles-1984/

®wld

BAMBINI: unici e irripetibili

 Dedicato ai miei nipoti, nonno wlady 

CONOSCERE PER VIVERE  

Cari bambini che state andando a scuola, tutti nasciamo in un mondo già fatto, ed è naturale che per viverci dentro dobbiamo conoscerlo bene. 

La nostra adolescenza e la nostra giovinezza vengono in gran parte spese a capire dove siamo ospitati. Infatti, tutto quanto sfugge alla nostra comprensione rimane estraneo alla vita e non possiamo giovarcene. Non solo: se questa curiosità non viene nutrita, se ignoriamo il Sapere, rischiamo di prendere in continuazione fischi per fiaschi, cioè di essere puntualmente delusi nelle aspettative. 

Quindi la conoscenza è fondamentale alla nostra esistenza. 

Il mondo si svela piano piano e, di concerto, noi ci sveliamo a noi stessi e miglioriamo. Purtroppo nella nostra caotica, massificata, e spesso confusa società, molte cose ci distraggono, ci assordano, lasciandoci di rado soli con noi stessi.  

Ci riconosciamo in gruppo, insieme andiamo a scuola, ai concerti, alle feste, in vacanza. Così, col tempo, abbiamo l’impressione di esistere solo in funzione di come gli altri ci vedono e ci giudicano.  

E questo non va bene perché nel fondo può catturarci uno strano senso di vuoto, di solitudine, di smarrimento. Insomma ogni tanto bisognerebbe guardarsi allo specchio e riconoscersi per unici e irripetibili, diversi dagli altri.  

L’uomo per questo, ha inventato uno strumento preziosissimo: la scrittura. Chi scrive altro non fa che verbalizzare ciò che ha dentro, non fa che mettere ordine nei suoi pensieri e nei suoi sentimenti. Non fa cioè che immagazzinare informazioni dentro una originale visone del mondo.  

Scrivere ci fa crescere, e anche leggere ci fa crescere, perché gli scrittori offrono altri sguardi sul nostro vivere. Si va più lontano con la scrittura se contemporaneamente si legge qualche libro. Così, conoscendo meglio noi e quel che ci circonda, si vive con più distacco e con più passione.

BAMBINI  

I bambini li stanno facendo diventare antipatici per la prosopopea retorica e demagogica da cui vengono letteralmente soffocati. Ad accarezzarne uno per strada si rischia il linciaggio, tranne poi vederli diventare grandi e pronti a loro volta al linciaggio.  

Diventano antipatici come l’erbetta dei prati che non si può più calpestare: inavvicinabili come la Gioconda; protetti come i panda; sott’olio come i carciofini. Guai a chi lancia loro qualche urlaccio di contadina memoria, gui a turbarne l’equilibro scontentandoli. 

Li spingono a guardarti dal basso in alto con occhi quasi di sfida, e alla fine il modo migliore per non creare loro problemi è far finta di non vederli.  

I bambini in quanto tali, sono oggi una categoria interclassista, la loro condizione di possibile vittime della crudeltà adulta cancella ogni differenza: il poverissimo niño brasiliano, l’affamata creatura africana, il ragazzino per bene che va in piscina appartengono alla stessa specie da proteggere perché i loro nemici sono tanti e vestono panni diversi a seconda del luogo nel quale vivono.  

Questo è vero, ma una visione così riduttiva e generalizzata dalla questione (non certo nuova), invece di promuovere soluzioni concrete, non fa che aprire le inutili porte del cuore e dar voce ai sentimenti più lacrimevoli e ipocriti, a innondare la televisione di vuoti appelli a mielose trasmissioni interrotte con la pubblicità dei giocattoli e delle costosissime scarpe da tennis perché i genitori, catturati dalla paura del senso di colpa, vengano presi dall’impulso di far contenti i loro piccoli acquistando per loro qualcosa di utile e piacevole.  

Tutti i bambini sono buoni e bravi, anche quelli viziati, quelli dispettosi, quelli stupidi. Sono innocenti per definizione. Anche questo è vero. Però c’è da chiedersi quale pedagogia è possibile quando viene svuotato il senso della responsabilità personale e della diversità tra individui.  

Quante volte infatti, oggi, un genitore che assiste a una malefatta del figliuolo se ne sta zitto e va a cercare le colpe in sé stesso, nel suo rapporto con il consorte e con la prppria famiglia? 

Sembra che non veda l’ora di colpevolizzarsi per continuare ad inseguire una prospettiva diversa, una impossibile svolta nella propria vita e quella di chi gli sta intorno.  

L’enfatizzazione, in realtà, rimove ogni conflitto, giacché da sola basta a mettere a posto la coscienza. Commuoversi davanti a un appello per la condizione di schiavi cui sono realmente ridotti molti bambini del pianeta soddisfa e tranquillizza gli animi. 

Alcuni adirittura, organizzando concerti e trasmissioni, simposi e convegni, guadagnano fama e soldi nel cercare di commuovere il prossimo sul ricattatorio tema dei bambini. Che lontani dalle nostre lacrime continuano imperterriti a morire di fame, a essere trattati come cavalli da soma, a essere brutalizzati dall’orrore del turismo sessuale. 

Ogni giorno nel mondo 8 mila bambini muoiono di fame 

Ogni giorno nel mondo scompaiono 22mila bambini 

Nel mondo sono più di 220 milioni i bambini abusati sessualmente, senza parlare del traffico di organi che va oltre ogni immaginazione.

Tratto dalle mie letture di Vincenzo CeramiPensieri Così

Articolo correlato: 
Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

®wld