Archivi tag: Libri

1984: un mondo che sembra molto simile al libro

 

1984 compie 70 anni in un mondo che sembra molto simile al libro  

 di John Vibes 

12 maggio 2019
dal sito web TruthTheory

Questo mese, il leggendario romanzo di George Orwell Nineteen Eighty-Four (“1984“) compie 70 anni e gli avvertimenti contenuti nella storia sono ora più importanti che mai …

Le previsioni di Orwell erano così azzeccate su questo sembra quasi che fosse usato come un qualche tipo di manuale di istruzioni accidentali per aspiranti tiranni.

Nel mondo di Nineteen Eighty-Four, c’è uno stato di sorveglianza onnicomprensivo che tiene d’occhio tutti, alla ricerca di possibili ribelli e punti di resistenza.

La censura è la norma in questo mondo, ed è così estrema che gli individui possono diventare “impersonali” che sono essenzialmente cancellati dalla società perché le loro idee erano considerate pericolose dall’establishment.

Questa è un’idea molto familiare agli attivisti e ai giornalisti indipendenti che vengono rimossi dalla conversazione pubblica per parlare del governo e della corruzione aziendale sui social media.

Orwell è famoso per aver coniato il termine “doppio linguaggio”, che è un modo per descrivere,

il linguaggio eufemistico che il governo usa per iripulire le loro azioni più sporche.

Ad esempio, nella storia di Orwell,

il ministero della propaganda era chiamato il Ministero della Verità, proprio come oggi l’agenzia governativa che era nota come “Il Dipartimento della Guerra” è ora chiamata “Dipartimento della Difesa”.

C’era anche una guerra senza fine nella storia di Orwell, le cui condizioni sarebbero cambiate regolarmente, mantenendo la popolazione generale confusa sui conflitti, così hanno rinunciato a cercare di capire cosa sta realmente accadendo.

Alcune di queste predizioni erano semplicemente riconoscimenti di modelli nella storia umana, dal momento che l’idea di “impersonalità” e di propaganda di guerra non è una novità.

Tuttavia, Orwell ha avuto un’incredibile comprensione di come la tecnologia avrebbe progredito nel corso del ventesimo secolo, e fu in grado di immaginare in che modo la tecnologia sarebbe stata utilizzata da coloro che erano al potere per controllare le masse.

Le previsioni tecnologiche fatte nel libro erano davvero inquietanti, dato che forniscono una descrizione abbastanza accurata del nostro mondo moderno.

Orwell descrisse i “teleschermi”, che fungevano sia da dispositivo di intrattenimento che da dispositivo di comunicazione a due vie.

Questo tipo di tecnologia era predetto da molti futuristi all’epoca, ma la previsione di Orwell era unica perché suggeriva che questi dispositivi sarebbero stati usati dal governo per spiare le persone, attraverso microfoni e telecamere incorporate nei dispositivi.

Sfortunatamente, proprio come nel libro di Orwell, le persone nel mondo moderno sono così distratte dall’intrattenimento e divise dalla politica da non avere idea di vivere in un tirannico stato di polizia.

Questo stato di polizia era anche un forte deterrente nel mondo di Ottantaquattro, perché sebbene molti dei cittadini nel libro avessero un’opinione positiva del “Grande Fratello“, era ancora qualcosa che temevano, ed era una forza che li ha tenuti sotto controllo.

Naturalmente, questo non è molto diverso dall’atteggiamento che l’americano o l’europeo medio ha di fronte,

  • brutalità della polizia
  • corruzione del governo…

Molte delle idee sul potere e l’autorità che sono state espresse nel classico di Orwell sono senza tempo e vecchie come la storia, ma la sua analisi di come la tecnologia avrebbe amplificato la natura distruttiva del potere era incredibilmente unica, specialmente per il suo tempo …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il decadimento della verità

 

Due modi in cui il nostro mondo ricorda “1984” 

di: Jon Miltimore 

Erano passati almeno 25 anni da quando lessi “1984” oggi è stata un’esperienza molto diversa.

Quando ho preso il libro 1984 con me in vacanza di recente, non mi aspettavo di leggerlo. A differenza degli altri due libri con me, 12 Rules for Life di Jordan Peterson e The Rational Optimist di Matt Ridley, avevo già letto il classico lavoro di Orwell. O almeno, me lo ricordavo?

Erano passati almeno 25 anni. La maggior parte di ciò che ricordavo sembrava essere frammenti di citazioni e cliché che il mio cervello aveva assorbito dagli articoli di internet e dalla cultura pop. A dire il vero, ero sempre stato più parziale nei confronti di Brave New World. Forse perché la distopia di Huxley era sempre sembrata più leggera e meno malvagia. Meno grintosa.

Orwell era preveggente per osservare come funzionassero gli stati di sorveglianza totalitaria.

Non sono sicuro di quale libro preferisco ora, ma dirò che leggere 1984 oggi è stata un’esperienza molto diversa. Per una mente da adolescente, 1984 è fondamentalmente una profezia allegorica del moderno stato di polizia. Il Grande Fratello sta guardando. Telecamere sono ovunque. I bambini spiano i loro genitori e li denunciano alla polizia per i loro pensieri.

Non intendo sminuire questi temi. Orwell, un socialista di una volta che si è inacidito sulla sua ideologia una volta che l’ha guardata bene, è stato preveggente osservare come funzionerebbero gli stati di sorveglianza totalitaria. (Ricordo che 1984 fu pubblicato due anni prima che la Stasi si formasse).

Filosofia di Orwell

Ciò che mi ha impressionato leggendo il 1984 di oggi è stata la comprensione di Orwell della filosofia che sta dietro il Grande Fratello o, piuttosto, la sua mancanza di filosofia (oltre al nichilismo). La verità, vediamo, non esiste in Oceania, lo stato-nazione totalitario che serve come ambientazione del 1984.

L’assenza di verità è mostrata in vari momenti in vari modi, ma è più famosa quando Winston Smith, il protagonista del libro, riflette che è solo una questione di tempo prima che il Partito insista sul fatto che due più due ne facciano cinque.

“Era inevitabile che prima o poi avrebbero dovuto presentare la richiesta: la logica della loro posizione lo richiedeva”, ci dice Smith. “Non solo la validità dell’esperienza, ma l’esistenza stessa della realtà esterna è stata tacitamente negata dalla loro filosofia. L’eresia delle eresie era di buon senso.”

“La libertà è la libertà di affermare che due più due fa quattro”, ci dice Winston Smith.

“Se questo è concesso, tutto il resto segue”.

Non è solo che il Grande Fratello è ostile alla verità, alla logica o ai fatti (anche se lo è). È quella verità, logica e fatti che in certi momenti inevitabilmente entrano in conflitto con il suo unico obiettivo: il controllo.

Questo ci porta ad una seconda osservazione sull’Oceania. È una terra ricca di politica. È alimentato forzatamente dalle persone. Lo consumano, che lo desiderino o meno. Viene pompato fuori dalle telescreen giorno e notte. Viene da bambini e vicini indottrinati. Alcune persone che recitano i cliché del Partito ci credono, altri no. Ma non si può sfuggire ai dogmi del Partito.

In nessun punto del romanzo questo è dimostrato più accuratamente di quando Winston Smith rivela che anche il sesso era inquinato dalla politica. Ecco come descrisse il suo primo atto d’amore con Julia, la donna che diventa la sua amante:

Ai vecchi tempi, pensò, un uomo guardò il corpo di una ragazza e vide che era desiderabile, e quella fu la fine della storia. Ma al giorno d’oggi non puoi avere puro amore o pura lussuria. Nessuna emozione era pura, perché tutto era mescolato con la paura e l’odio. Il loro abbraccio era stato una battaglia, il culmine di una vittoria.

E’ stato un duro colpo contro il Partito. Era un atto politico.

Decadenza della verità

Nel 1984 vediamo un mondo in cui la politica ha consumato le azioni più intime della vita. Non paragonerei gli Stati Uniti al 1984. Ma io credo che esistano paralleli.

La politica, pochi oggi negherebbero, saturerebbe la maggior parte degli aspetti della nostra vita. È nei nostri sistemi scolastici e nelle nostre scuole. Partite di calcio, film di successo e chiese americane. Non è sempre stato così, e lo sviluppo non è sano.

E poi c’è la questione della verità. L’anno scorso la Rand Corporation ha pubblicato un rapporto. In sostanza, ha affermato che la nostra civiltà soffre di una strana condizione: il decadimento della verità.

Il decadimento della verità è definito come un insieme di quattro tendenze correlate: crescente disaccordo sui fatti e interpretazioni analitiche di fatti e dati; una sfocatura della linea tra opinione e fatto; un aumento del volume relativo e un’influenza risultante, di opinione e di esperienza personale sui fatti; e il declino della fiducia in fonti di informazione fattuale precedentemente rispettate.

Il decadimento della verità potrebbe aiutare a spiegare perché molte persone, anche quelle intelligenti e sensate, sembrano sentirsi come Alice dopo essere caduta nella tana del coniglio.

“Viviamo in un’epoca in cui la sanità mentale è controversa e la pazzia è solo un altro punto di vista”, ha affermato l’economista Thomas Sowell.

Pochi americani oggi negherebbero, credo, che la verità sia sotto attacco. È una delle poche idee su cui sinistra e destra possono essere d’accordo. Il disaccordo sorge su chi sono i più grandi trasgressori della verità.

Questa non è una cosa da poco. Come ha recentemente osservato il presidente della FEE Lawrence Reed, la verità e la libertà sono inseparabili.

“La prima vittima sul pendio scivoloso verso la tirannia è la verità”, ha scritto Reed. “Se desideri vivere in libertà, devi prima impegnarti per la verità in tutte le cose.”

Libertà di parola

Il nostro futuro non deve essere così cupo come quello del 1984. Il primo passo per assicurarsi che non lo sia è reclamare il caro principio della libertà di parola, e non strettamente in senso giuridico. Piuttosto, dobbiamo ricordare che la libera espressione delle idee è essenziale e inseparabile dalla ricerca della verità.

Il grande scrittore americano Walter Lippmann spiegò una volta perché la libertà di discussione è essenziale non solo per la libertà, ma per la verità stessa.

“… se davvero desideriamo capire perché la libertà è necessaria in una società civile, dobbiamo cominciare realizzando che, poiché la libertà di discussione migliora le nostre opinioni, le libertà degli altri uomini sono la nostra necessità vitale”, ha scritto Lippman, uno degli editori fondatori di The New Republic. “Questo è il principio creativo della libertà di parola, non che sia un sistema per tollerare l’errore, ma che sia un sistema per trovare la verità”.

La verità non prevarrà in un mondo che impedisce il conflitto di idee sopprimendo la parola.

Se la nostra età sta soffrendo una crisi di verità, forse è perché non stimiamo la verità abbastanza. La nostra società sembra più interessata a sopprimere e nascondersi dalle idee piuttosto che a lottare con loro, che è ciò che richiede una seria ricerca della verità.

Thomas Jefferson scrisse una volta che la verità “non ha nulla da temere” nei conflitti. Ma la verità non prevarrà in un mondo che impedisce il conflitto di idee sopprimendo la parola.

“La libertà è la libertà di affermare che due più due fa quattro”, ci dice Winston Smith. “Se questo è concesso, tutto il resto segue”.

Quando ho letto questa frase, 25 anni fa, non capivo cosa stesse dicendo Orwell. Ora la capisco.

Fonte: https://fee.org/articles/two-ways-our-world-resembles-1984/

®wld

BAMBINI: unici e irripetibili

 Dedicato ai miei nipoti, nonno wlady 

CONOSCERE PER VIVERE  

Cari bambini che state andando a scuola, tutti nasciamo in un mondo già fatto, ed è naturale che per viverci dentro dobbiamo conoscerlo bene. 

La nostra adolescenza e la nostra giovinezza vengono in gran parte spese a capire dove siamo ospitati. Infatti, tutto quanto sfugge alla nostra comprensione rimane estraneo alla vita e non possiamo giovarcene. Non solo: se questa curiosità non viene nutrita, se ignoriamo il Sapere, rischiamo di prendere in continuazione fischi per fiaschi, cioè di essere puntualmente delusi nelle aspettative. 

Quindi la conoscenza è fondamentale alla nostra esistenza. 

Il mondo si svela piano piano e, di concerto, noi ci sveliamo a noi stessi e miglioriamo. Purtroppo nella nostra caotica, massificata, e spesso confusa società, molte cose ci distraggono, ci assordano, lasciandoci di rado soli con noi stessi.  

Ci riconosciamo in gruppo, insieme andiamo a scuola, ai concerti, alle feste, in vacanza. Così, col tempo, abbiamo l’impressione di esistere solo in funzione di come gli altri ci vedono e ci giudicano.  

E questo non va bene perché nel fondo può catturarci uno strano senso di vuoto, di solitudine, di smarrimento. Insomma ogni tanto bisognerebbe guardarsi allo specchio e riconoscersi per unici e irripetibili, diversi dagli altri.  

L’uomo per questo, ha inventato uno strumento preziosissimo: la scrittura. Chi scrive altro non fa che verbalizzare ciò che ha dentro, non fa che mettere ordine nei suoi pensieri e nei suoi sentimenti. Non fa cioè che immagazzinare informazioni dentro una originale visone del mondo.  

Scrivere ci fa crescere, e anche leggere ci fa crescere, perché gli scrittori offrono altri sguardi sul nostro vivere. Si va più lontano con la scrittura se contemporaneamente si legge qualche libro. Così, conoscendo meglio noi e quel che ci circonda, si vive con più distacco e con più passione.

BAMBINI  

I bambini li stanno facendo diventare antipatici per la prosopopea retorica e demagogica da cui vengono letteralmente soffocati. Ad accarezzarne uno per strada si rischia il linciaggio, tranne poi vederli diventare grandi e pronti a loro volta al linciaggio.  

Diventano antipatici come l’erbetta dei prati che non si può più calpestare: inavvicinabili come la Gioconda; protetti come i panda; sott’olio come i carciofini. Guai a chi lancia loro qualche urlaccio di contadina memoria, gui a turbarne l’equilibro scontentandoli. 

Li spingono a guardarti dal basso in alto con occhi quasi di sfida, e alla fine il modo migliore per non creare loro problemi è far finta di non vederli.  

I bambini in quanto tali, sono oggi una categoria interclassista, la loro condizione di possibile vittime della crudeltà adulta cancella ogni differenza: il poverissimo niño brasiliano, l’affamata creatura africana, il ragazzino per bene che va in piscina appartengono alla stessa specie da proteggere perché i loro nemici sono tanti e vestono panni diversi a seconda del luogo nel quale vivono.  

Questo è vero, ma una visione così riduttiva e generalizzata dalla questione (non certo nuova), invece di promuovere soluzioni concrete, non fa che aprire le inutili porte del cuore e dar voce ai sentimenti più lacrimevoli e ipocriti, a innondare la televisione di vuoti appelli a mielose trasmissioni interrotte con la pubblicità dei giocattoli e delle costosissime scarpe da tennis perché i genitori, catturati dalla paura del senso di colpa, vengano presi dall’impulso di far contenti i loro piccoli acquistando per loro qualcosa di utile e piacevole.  

Tutti i bambini sono buoni e bravi, anche quelli viziati, quelli dispettosi, quelli stupidi. Sono innocenti per definizione. Anche questo è vero. Però c’è da chiedersi quale pedagogia è possibile quando viene svuotato il senso della responsabilità personale e della diversità tra individui.  

Quante volte infatti, oggi, un genitore che assiste a una malefatta del figliuolo se ne sta zitto e va a cercare le colpe in sé stesso, nel suo rapporto con il consorte e con la prppria famiglia? 

Sembra che non veda l’ora di colpevolizzarsi per continuare ad inseguire una prospettiva diversa, una impossibile svolta nella propria vita e quella di chi gli sta intorno.  

L’enfatizzazione, in realtà, rimove ogni conflitto, giacché da sola basta a mettere a posto la coscienza. Commuoversi davanti a un appello per la condizione di schiavi cui sono realmente ridotti molti bambini del pianeta soddisfa e tranquillizza gli animi. 

Alcuni adirittura, organizzando concerti e trasmissioni, simposi e convegni, guadagnano fama e soldi nel cercare di commuovere il prossimo sul ricattatorio tema dei bambini. Che lontani dalle nostre lacrime continuano imperterriti a morire di fame, a essere trattati come cavalli da soma, a essere brutalizzati dall’orrore del turismo sessuale. 

Ogni giorno nel mondo 8 mila bambini muoiono di fame 

Ogni giorno nel mondo scompaiono 22mila bambini 

Nel mondo sono più di 220 milioni i bambini abusati sessualmente, senza parlare del traffico di organi che va oltre ogni immaginazione.

Tratto dalle mie letture di Vincenzo CeramiPensieri Così

Articolo correlato: 
Un numero crescente di genitori ha ammesso ai ricercatori di aver perso il controllo delle abitudini online dei propri figli.

®wld

Il 2019 secondo Isaac Asimov

 

 Le sconcertanti predizioni di Isaac Asimov per l’anno 2019

dal Sito Web PijamaSurf 

traduzione di Nicoletta Marino  

Versione originale in spagnolo  

Versione similare in inglese 

Nel 1984, anno emblematico, il veggente Isaac Asimov ha fatto un esercizio di profezia per l’anno 2019 e i suoi pronostici sono stati sorprendentemente avvenuti.

Isaac Asimov è uno degli autori più celebri della fantascienza, in particolare di quella detta “epoca d’oro del genere” cioè la seconda metà del XX secolo, quando visse in concomitanza con scrittori come

  • Ray Bradbury
  • Stanisław Lem
  • Ursula K. Le Guin,

…fra i tanti.

Asimov fu un autore il cui stile si basò soprattutto sulla sua conoscenza enciclopedica, che nel caso delle sue opere letterarie, fu fondamentale per immaginare universi interi, panificati fino al minimo dettaglio, che anche se con una fantasia tra le più stravaganti, offrono al lettore le verosimiglianza e lo sconcerto necessario per rendere piacevole la lettura.

Questa erudizione, che si espresse nello scrivere quasi 500 libri con diverse satire, rese Asimov anche un lucido intellettuale, capace di capire il divenire umano e le contraddizioni della nostra natura e della nostra storia.

Con questo spirito, nel 1964 lo scrittore inviò un articolo a The New York Times dal titolo “Visita La Fiera Mondiale del 2014”, dove aveva immaginato come sarebbe stato il mondo 50 anni dopo.

19 anni dopo, all’inizio del 1984 (altro anno emblematico per la fantascienza) Asimov ripeté questo esercizio di immaginazione profetica, questa volta per la rivista The Star (Isaac Asimov wasasked by ‘The Star’ 35 Years ago to Predict the World of 2019 – Here is what heWrote), e descrisse il mondo come egli supponeva avrebbe potuto essere nel 2019.

Lo scrittore iniziò le su predizioni con una premessa necessaria, che col senno di poi si dimostrò vera:

Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica avrebbero evitato di fare una guerra nucleare, poiché questo avrebbe voluto dire avere una situazione di “miseria globale”.

Dopo questo punto, si dedicò ad altri due assi che a suo parere avrebbero dominato il futuro:

  • la “computerizzazione” della vita
  • l’utilizzo dello spazio esterno

“I computer sono diventati essenziali ai governi delle nazioni industrializzate e per l’industria mondiale, e adesso stanno iniziando a trovare il loro posto nelle case”, scrisse Asimov con una notevole perspicacia, notando già in quell’anno che quei dispositivi sarebbero divenuti indispensabili per l’essere umano.

Asimov intese questa dipendenza dai computer come un effetto della complessità acquisita dalle società moderne a cui il sistema computerizzato offre una certa possibilità di ordine o almeno di non cadere nel caos.

Per questo secondo lo scrittore nel futuro delle società

“richiederanno con veemenza i computer come adesso fanno per le armi”.

Comunque, l’autore di “Io, Robot” intravide anche il fatto che detta tendenza informatica avrebbe trasformato radicalmente l’idea di lavoro con la quale l’essere umano aveva vissuto negli ultimi anni e di conseguenza, informatizzare la vita, “avrebbe distrutto le nostre menti”

…in particolare quelle di coloro che per molti anni si erano sforzati di trovare un equilibrip nel lavoro realizzato che giustamente i computer avrebbero rotto.

Per quanto riguarda il lavoro, Asimov seppe intravedere che i computer e l’informatica “rendono automatici” diversi processi dell’esistenza, che per il loro carattere meccanico e routinario possono essere realizzati da macchine e robot.

In questo senso, lo scrittore suppose che molti lavori relativi all’assemblaggio o ripetitivi, sarebbero scomparsi. In cambio, per questo contesto sarebbe stata necessaria una ampia educazione dei processi computerizzati.

Quindi per Asimov questo sarebbe stato uno dei cambiamenti fondamentali per il modo di educare le nuove generazioni, una specie di “alfabetizzazione computerizzata” alla quale avrebbero aspirato intere popolazioni.

In questo senso, lo scenario sarebbe simile a quello della Rivoluzione Industriale del secolo XIX e la necessità che portò con sé di una grande quantità di persone educate in maniera elementare, minimo col saper leggere e scrivere, il che diede luogo alla nascita della nozione di educazione pubblica.

Insomma, per Asimov la particolarità del secolo XXI sarebbe stato un adattamento più rapido, forse più rapido di quanto la società sarebbe stata capace di realizzare, il che avrebbe diviso la popolazione in due grandi gruppi:

  • coloro che avrebbero potuto essere educati secondo le esigenze della nuova società computerizzata
  • e coloro che no…

I primi, avrebbero trovato posto nel mondo, ma per gli altri, la “transizione” tra

le forme di organizzazione sociale sarebbe stata doloroso e angusta.

Più precisamente, Asimov nello scenario di questa transizione intravide queste possibilità: (le citazioni sono testuali):  

Primo:

La popolazione continuerà a crescere per alcuni anni da adesso in poi, il che renderà la transizione ancora più difficile.

I governi non potranno ignorare il fatto che nessun problema fintanto che gli stessi si acutizzeranno ad una velocità più grande di quella con cui possono risolversi.Sotto questo aspetto, Asimov considerava il fatto che nel 2019 sarebbero esistite misure per controllare il tasso di nascite del mondo per raggiungere così una certa stabilità nella crescita della popolazione. 

Secondo:

Le conseguenze della irresponsabilità umana in termini di spreco e contaminazione diventeranno sempre più evidenti e intollerabili; i tentativi per risolvere questa situazione saranno sempre più estenuanti.

C’è da sperare che per il 2019 i progressi tecnologici ci diano gli strumenti per accelerare il processo secondo cui si trasformerà il deterioramento dell’ambiente.

Terzo:

Ci sarà una cooperazione sempre più grande tra le nazioni e i gruppi all’interno delle nazioni, non per un suggerimento repentino di idealismo o di decenza, ma per la nuda certezza che qualcosa meno di questo significherebbe la distruzione di tutti noi.E sebbene questo ultimo punto sembrerebbe positivo, per Asimov presupponeva anche un’opportunità per alimentare i conflitti tra le nazioni.

Insomma,

“la sconfitta dovuta alla sovrappopolazione, la contaminazione e la militarizzazione”,

…furono i tre principali rischi che l’autore della Trilogia della Fondazione

 presupponeva che sarebbero avvenute nell’anno in cui ci troviamo.

Però, Asimov fu ottimista almeno per un aspetto:

l’educazione.

Non grazie alla scuola, ma soprattutto grazie all’ubiquità dei computer.

Secondo lui, dal momento che in ogni casa ci sarebbe stato un computer, specialmente i membri più giovani della famiglia avrebbero potuto imparare da soli e secondo il loro ritmo tutto quello che volevano, spinti solo dalla loro curiosità.

Per questo fatto, è possibile dire che lo scrittore ebbe ragione anche se in parte, poiché sebbene i dispositivi sui quali contiamo oggi in effetti ci permettono di accedere a grandi branche della conoscenza, l’uso che se ne fa nella gran parte non è proprio a questo fine.

Con lo stesso tono ottimistico Asimov scrisse:

Fintanto che i computer ei robot faranno il lavoro nella società – poiché così il mondo nel 2019 sembra che sempre più possa “guidarsi da solo” – sempre più esseri umani si ritroveranno a vivere una vita fatta di ozio.

Asimov ebbe lo stesso sogno di Bertrand Russell agli inizi del secolo XX e quello degli utopisti inglesi del secolo precedente:

le macchine ci “libereranno” dal lavoro per permettere che l’essere umano raggiunga la sua realizzazione.La cosa certa è che una rivoluzione tecnologica dopo l’altra, ogni progresso significa per la stragande maggioranza della popolazione umana più e più lavoro, non “una vita piena di ozio”… 

Finalmente, sul punto “dell’utilizzo dello spazio”, Asimov auguro all’essere umano di ritornare sulla Luna, non solo in una missione comandata dal governo statunitense ma con un gruppo internazionale.

Allo stesso tempo, lo scrittore presupponeva che il proposito di questo nuovo allunaggio non sarebbe stato solo un’esplorazione ma un vero e proprio sfruttamento del suolo lunare:

si sarebbe trovata una zona che avrebbe permesso l’estrazione di minerali che poi sarebbero trasformati in ceramica, metalli e calcestruzzo.Secondo Asimov, l’estrazione sulla Luna sarebbe stato il primo passo per la sua colonizzazione.

In un primo momento che oggi sembra molto fantasioso, lo scrittore immaginò anche che sul satellite naturale della Terra si sarebbe costruito un impianto di raccolta di energia solare, che si sarebbe inviata sul nostro pianeta sotto forma di microonde.

Sebbene con questi pronostici Asimov si sbagliò sui suoi doni da profeta, sulla loro necessità di fondo, è possibile che non si sia sbagliato.

In effetti:per lo scrittore la colonizzazione della Luna o l’impianto di raccolta di energia solare, non erano essenziali o capricci della nostra specie, ma erano una risposta alla reale necessità di energia che si sarebbe presentata sul pianeta Terra.

Una specie di crisi per cui l’unica soluzione sarebbe stato il lavoro congiunto e in condizioni pacifiche tra tutte le nazioni del mondo.

In caso contrario, il fantasma della guerra, sarebbe apparso immediatamente il fantasma della guerra.

L’energia sarebbe stata molto necessaria per tutti e data unicamente se le nazioni sarebbero rimaste in pace e lavorassero insieme, allora quella guerra diverrebbe impensabile per richiesta del popolo.

Il testo di Asimov è comunque più lungo e si può trovare nella lingua originale qui

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate sulle generazioni

La Corsa Verso l-Alba della Genesi: il nostro DNA extraterrestre e le vere origini della specie.

Di Will Hart

I misteri della storia antica, come il modo in cui la Grande Piramide è stata costruita e da chi e perché, sono stati ben consolidati negli ultimi quarant’anni. Simili enigmi archeologici disseminano il paesaggio intorno al pianeta e sollevano molte domande difficili sull’origine della civiltà umana.

La serie di libri di Erik Von Daniken, che ha avuto inizio con Chariots of the Gods, ha presentato prove archeologiche mentre raccontava molte tradizioni mitologiche che hanno “divinità” che arrivano sulla Terra da un mondo lontano e portano la tecnologia e le arti della vita civile a tribù primitive umane.

Molti scrittori hanno seguito la guida di Von Daniken e un’intera scuola di pensiero storico alternativo chiamata teoria dell’antico astronauta emersa nel corso degli anni. Questa scuola deve essere distinta da un altro ramo ampiamente definito da scrittori come Graham Hancock, che possiamo riassumere come la scuola della “civiltà perduta”.

Quest’ultimo non figura in questa discussione, né è trattato nel mio libro The Genesis Race perché non affronta mai realmente la questione delle origini ultime dell’Uomo o della civiltà. Anche se si accetta l’idea che l’antico Egitto e Sumer abbiano le loro origini in Atlantide, chi ha creato quella civiltà e da quali precursori?

Le domande essenziali che l’autore ha studiato negli ultimi tre decenni sono: 1) in che modo la vita ha avuto origine ed evoluzione sulla Terra? 2) in che modo la civiltà è improvvisamente emersa dalle primitive radici dell’umanità? A mio parere, sembrava che l’antica teoria dell’astronauta potesse essere sconfitta se la teoria di Darwin si fosse rivelata corretta, che la “scienza ufficiale” afferma di essere stata. Questa premessa può essere giustificata usando diversi argomenti validi.

La teoria dell’antico astronauta comprende generalmente l’idea riassunta nel primo capitolo della Genesi, che indica che gli “dei” hanno geneticamente progettato una razza proto-umana. Il versetto attuale recita: “Facciamo l’uomo a nostra immagine”. Se il darwinismo è accurato, questa affermazione sarebbe falsa e la nozione di intervento cosmico da parte di una razza avanzata andrebbe in pezzi.

La seconda ragione è che la teoria di Darwin non solo è stata applicata alla biologia, ma è anche usata per spiegare l’emergere e lo sviluppo della civiltà umana attraverso un processo chiamato evoluzione culturale.

Al suo centro il darwinismo si basa su un concetto semplice: la vita si evolve lentamente attraverso un processo di adattamenti incrementali a un’ampia varietà di stimoli esterni. Lo ha applicato alla biologia e antropologi, archeologi e storici hanno applicato gli stessi principi alla cultura e alla storia umana. Se questo è corretto, non dovremmo trovare nessuna brusca trasformazione nell’evoluzione umana né biologica né storica.

Ho ragione che se il darwinismo è accurato allora non ci può essere alcuna valida base scientifica per la teoria dell’antico astronauta, che ha posto l’intervento e la metamorfosi a fuoco rapido sia nella sfera biologica che in quella storica. I risultati di questa ricerca sono stati sorprendenti. Il darwinismo non è solo non dimostrato – è stato dimostrato dagli scienziati come fatalmente imperfetto. È qui che inizia il mio libro, The Genesis Race. I capitoli due e tre mostrano chiaramente i difetti nella teoria dell’evoluzione. Ha fallito esattamente dove Darwin temeva potesse – nella documentazione fossile. Qui troviamo – invece di conferma diffusa – un gran numero di link mancanti.

Il pubblico generale è dato a credere che l’unico “anello mancante” nella documentazione fossile esista tra le scimmie e l’uomo. Questo non è vero. La documentazione sui fossili contiene centinaia di lacune tra piante antiche e moderne e specie animali. Darwin si riferì allo scarto che separava le primitive piante non fiorite (gimnosperme) e le piante da fiore (angiosperme) come il “problema abominevole”. Perché? Perché le gimnosperme, come le felci, esistevano da miliardi di anni e esistono ancora oggi. Le angiosperme, come le rose, sono apparse sulla scena circa 150 milioni di anni fa e oggi esistono. Dov’è la prova che mostra la felce evoluta attraverso una serie di cambiamenti lenti e incrementali in una rosa?

Secondo il darwinismo le angiosperme si sono evolute dalle gimnosperme. Se questo è vero, allora dove sono le forme intermedie che collegano i due tipi molto diversi di piante? Non sono stati trovati nei reperti fossili e nessuno esiste oggi. Questo sembra impossibile ed è accettando i principi del darwinismo.

Non c’è alcuna spiegazione scientifica per la mancanza di piante intermedie che collegano i tipi antichi e moderni. In realtà, ci dovrebbero essere milioni di tali fossili poiché si sarebbero evoluti per centinaia di milioni di anni, molto più a lungo delle piante da fiore.

Gli scienziati non hanno nemmeno una spiegazione del perché le ginnaste e le angiosperme esistano fianco a fianco. In qualche modo tutte le piante intermedie che dicono collegano i due regni misteriosamente scomparsi dalla documentazione fossile e si estinsero. La logica imporrebbe che le piante più antiche e antiche (senza fioritura) avrebbero dovuto essere la via dell’estinzione. Questa è in realtà una prova sufficiente per uccidere il darwinismo. La scienza ufficiale vorrebbe farci credere che i soli dissidenti contro il darwinismo sono creazionisti che provengono dai ranghi della destra religiosa. Tuttavia, presento numerosi riferimenti a scienziati in buona fede che sbattono la porta sulla teoria dell’evoluzione naturale di Darwin.

Ciò che è, o dovrebbe essere, di grande interesse per chiunque sia interessato alla ricerca della scienza – come si fa per arrivare alla verità delle origini umane e all’emergere della civiltà – sono le opere di Francis Crick e Fred Hoyle.

Mentre i libri di Von Daniken stavano diventando popolari nella cultura tradizionale, questi due eminenti scienziati hanno scritto libri sulle origini della vita sulla Terra. Entrambi erano molto critici nei confronti del darwinismo e ipotizzavano che la vita non fosse originaria della Terra. Dissero che i semi della biosfera avevano origine nel cosmo.

Nel suo libro Life Itself, Crick – un premio Nobel e co-fondatore della forma della molecola del DNA – sosteneva che una civiltà avanzata trasportasse i semi della vita sulla Terra in una nave spaziale. Hoyle, un astronomo che ha dato al mondo la teoria dello stato stazionario dell’Universo, ha proposto che la vita provenga dalle stelle portate dalle comete o dalle correnti di onde luminose. La cosa sfortunata è che questi rigorosi argomenti scientifici sono stati in gran parte ignorati o completamente ignorati dalla “scienza ufficiale”, e anche trascurati dagli stessi popoli che abbracciavano l’approccio relativamente non scientifico, ma popolare di Von Daniken. (Erik ha fatto in modo che le persone facessero domande e riflettessero).

Voglio chiarire cosa intendo con questa affermazione. Von Daniken affermò che stava presentando una teoria, ma il titolo del suo primo libro terminò con un punto interrogativo. Una nuova teoria viene normalmente offerta presentando argomenti contro la teoria attualmente accettata, come hanno fatto Crick e Hoyle, e viene presentata assertivamente con misure uguali di umiltà e sicurezza che non finiscono in un punto interrogativo. Il suo approccio un po ‘insicuro e acritico ha caratterizzato gran parte della letteratura “dell’antico astronauta”, che la scienza ufficiale trova facile smascherare.

Ecco perché The Genesis Race inizia con una seria critica del darwinismo. Questo è seguito da diversi capitoli che riesaminano il racconto della genesi umana e della prima storia trovata nella Bibbia. Un’analisi rivoluzionaria dei primi tre capitoli mostra chiaramente che ci sono stati due eventi di creazione della vita (e dell’umanità) sulla Terra. Mostra anche la storia data nella Bibbia concorda con le scoperte della paleontologia e dell’antropologia. Nel primo capitolo scopriamo che una prima razza proto-umana è stata creata e vissuta nel deserto, come altri animali, come cacciatori-raccoglitori. Ad essi fu dato “ogni cosa verde da mangiare” dagli dei e la Genesi 1 terminò con quell’alleanza.

Tuttavia, nel secondo capitolo ci viene detto che Adam è stato creato per essere un giardiniere ed Eva è presa dalla costola di Adamo e gli “dei” danno loro l’abbigliamento e l’autoconsapevolezza. Il resoconto cronologico della Creazione nel secondo capitolo è completamente diverso da quello del primo capitolo della Genesi.

Questo è un punto critico. Non solo i due racconti differiscono completamente, ma troviamo che Adam non deve vivere nella natura selvaggia come un animale ma è destinato a essere un guardiano e un contadino. Se i due account vengono confrontati fianco a fianco la differenza è ovvia: Adamo ed Eva non sono equivalenti alla razza creata in Genesi 1; e Genesi 2 e 3 non sono una dettagliata delucidazione degli eventi descritti nel primo capitolo, che è normalmente implicita o insegnata nelle lezioni di Bibbia della Chiesa.

Ciò che i primi tre capitoli della Genesi descrivono in realtà sono: 1) la creazione di una razza proto-umana, i pre-Neanderthal e Neanderthal che vivono come cacciatori-raccoglitori in uno stato innocente come descritto nel capitolo 1, seguito da, 2) la genesi del moderno Homosapiens (Adamo) adatto alla rivoluzione agricola. Questa è esattamente la storia data in Genesi e concorda con tutto ciò che la scienza moderna stabilisce sulla cronologia della preistoria umana.

Questa è una revisione radicale che dà un sostegno molto più forte alla versione biblica della genesi umana e al come e perché la rivoluzione agricola ha avuto luogo. Chiarifica anche a chi si riferisce il “noi” quando Dio viene improvvisamente definito “una pluralità” che interviene e altera geneticamente la vita sulla Terra, la Razza Genesis; e prepara il terreno per una presentazione dell’enigmatico reperto archeologico e ulteriori prove che supportano ulteriormente la teoria dell’intervento di una razza extraterrestre tecnologicamente avanzata.

L’archeologia non ha mai nemmeno affrontato tutte le questioni sollevate dall’improvvisa comparsa dell’agricoltura e delle civiltà altamente avanzate in Mesopotamia e in Egitto nel 3° millennio aEV, per non parlare delle risposte più critiche.

Dal punto di vista del pensiero archeologico e antropologico convenzionale, le origini dell’umanità e l’emergere della civiltà dall’età della pietra rimangono enigmatiche. Abbiamo prove incontrovertibili che i nostri antenati non avrebbero potuto costruire la Grande Piramide con gli strumenti e i metodi che possedevano. Tuttavia, la scienza ufficiale semplicemente ignora o cerca di spiegare molte domande serie e questioni come il modo in cui la Grande Piramide – la più grande struttura in pietra di precisione del mondo – è stata costruita usando solo pietre martello, corde, manodopera e slitte.

Tuttavia, ci sono altri problemi che devono essere affrontati e la ricerca genetica di oggi sta gettando nuova luce su questo campo. Le implicazioni di alcune importanti scoperte recenti sembrano essere sfuggite all’attenzione di molti investigatori indipendenti. Gli archeologi e gli antropologi affermati hanno ignorato o inveito contro i risultati di questi controversi studi sul DNA. Mi riferisco a studi genetici sull’origine del cane addomesticato e alla dieta dei nostri antenati paleolitici e del neolitico antico.

Puoi chiedere che cosa hanno a che fare le abitudini alimentari del cane e dell’età della pietra con la risoluzione degli enigmi dell’antico passato dell’umanità? La risposta è tutto Fino a poco tempo fa si credeva che i cani (Canis familiaris) provenissero da una varietà di cani selvatici come lupi, coyote, dingo, sciacalli, ecc. Ma l’ultima ricerca sul DNA mostra che il lupo da solo è la razza ancestrale di tutti i cani.

Questo pone una serie di problemi molto difficili. Il primo cane sarebbe stato un lupo mutante. Tuttavia, i lupi sono estremamente sensibili all’idoneità e alla forza genetica di ciascun membro del branco. Stanno costantemente testando e stabilendo un rigoroso ordine gerarchico sociale e solo gli alpha si riproducono. Quindi, come mai un mutante sarebbe sopravvissuto e riprodotto dato il rigore del comportamento del branco? Nessun lupo in cattività ha prodotto mutanti vitali e i genetisti ci dicono che i mutanti sono normalmente inadatti e non sopravvivono.

Siamo di fronte a un vero enigma. Se poniamo l’idea che le prime tribù umane siano intervenute e abbiano generato lupi nei cani, ci troviamo di fronte a uno scenario altrettanto impossibile. Come potevano gli uomini primitivi sapere che era possibile allevare selettivamente un animale selvatico in uno che possedeva solo quei tratti benefici per loro? Prendiamo per scontate le caratteristiche dei cani, tuttavia ci presentano un mistero profondo. Un cane è l’incarnazione di quei tratti del lupo che le persone trovano utili, attraenti e sicuri. In che modo gli umani dell’età della pietra geneticamente analfabeti hanno raggiunto questa impresa di ingegneria genetica?

Questo problema è aggravato quando ci troviamo di fronte alle prove delle nostre prime civiltà che mostrano che i saluti, i levrieri e il segugio del faraone erano già stati allevati nell’antica Sumeria e in Egitto. Com’è possibile che i nostri antenati, emersi di recente dall’età della pietra, abbiano potuto ingegnerizzare con successo linee purosangue all’inizio della civiltà? Inoltre, i cani non sono solo caratterialmente diversi dai loro progenitori selvatici, ma differiscono anche dal punto di vista fisiologico.

Un maschio alfa e una femmina selvatici si riproducono solo una volta all’anno, mentre i cani possono riprodursi in qualsiasi momento. I lupi perdono i loro cappotti invernali, i cani no. Queste caratteristiche fisiologiche divergenti richiedono tempo per sviluppare, infatti, molte generazioni. Di nuovo, come hanno fatto i nostri antenati all’inizio della civiltà a realizzare questo?

Questo mistero è sottolineato dal fatto che la maggior parte delle moderne razze di cani sono state originate migliaia di anni fa. La scienza non ha nemmeno affrontato la maggior parte di questi problemi e tanto meno gli esperti hanno spiegato in modo soddisfacente come i lupi sono diventati cani – 100.000 anni fa – né hanno mostrato le transizioni passo dopo passo. I cani di razza appaiono all’improvviso nel registro archeologico come per magia. Questo vale anche per l’agricoltura e le nostre principali colture di cereali e leguminose. Grano, mais, fagioli e riso rappresentano una seconda serie di enigmi genetici.

Le ricerche sulle abitudini alimentari delle tribù dell’età della pietra in tutto il mondo mostrano che i nostri antichi antenati cacciatori-raccoglitori vivevano su piante a foglia verde e carni magre. Questo ha perfettamente senso perché questi cibi erano prontamente disponibili, richiedevano poca o nessuna elaborazione e il gioco selvaggio poteva essere cotto su un fuoco aperto. Il problema con i nostri raccolti di grano, e sono la base della civiltà, è che i semi di erba selvatica sono così minuscoli che il costo / beneficio della loro raccolta non era favorevole a questo. Richiedono anche la raccolta, la trebbiatura e la tecnologia di cottura dal momento che devono essere ampiamente bolliti. Questa era la tecnologia Stone Age Man che mancava.

Il motivo per cui i chicchi devono essere cotti è che l’intestino umano non è adatto a digerire i cereali selvatici. Ciò rende molto chiaro che l’uso di semi di erba selvatica come fonte primaria di cibo è di origine recente. I nostri antenati paleolitici non sussistevano su di loro. Ancora una volta, questo pone una serie di problemi formidabili che devono essere studiati rigorosamente. Se i nostri antenati non raccoglievano e mangiavano cereali selvatici, come potevano aver addomesticato e allevato le specie selvatiche così in fretta?

Senza molte generazioni di sperimentazioni per tentativi ed errori – culminati in un vasto corpo di conoscenze agronomiche e pratiche agricole che avrebbero incluso la genetica e l’allevamento – è quasi impossibile capire come è stata realizzata la rivoluzione agricola. La scienza ufficiale cerca di spiegare l’evoluzione dei cacciatori-raccoglitori nomadi in contadini sedentari, coltivando colture, affermando di aver scoperto le colture abbastanza per caso. Ci è stato detto che accadde quando un abitante primitivo lanciò una piantina contenente semi nel mucchio della spazzatura e notò che germogliava.

Ma quel banale racconto non può spiegare come abbiano scelto le migliori specie selvatiche da utilizzare come base per la rivoluzione agricola. Ci sono migliaia e migliaia di potenziali piante selvatiche che potrebbero essere trasformate in colture agricole. In che modo le persone con poca esperienza con le erbe selvatiche sono state in grado di scegliere le migliori varietà da allevare? Questo rappresenta un salto di qualità. Quello che ci viene chiesto di credere è che i nostri antenati, senza molta esperienza nella fase seminale della civiltà, sono stati in grado di selezionare e allevare le migliori varietà di specie di erba selvatica.

Come sappiamo che questo è vero? Perché coltiviamo ancora le colture che presumibilmente hanno selezionato anche dopo 5000 anni di continuo sviluppo tecnologico e agricolo. Ci viene chiesto di sospendere l’incredulità e accettare che abbiano costruito anche la più grande costruzione di pietra progettata con precisione e che il mondo abbia mai visto – la Grande Piramide di Giza – usando solo strumenti manuali primitivi e un lavoro massacrante. Ovviamente c’è qualcosa di sbagliato in questa immagine.

È logico supporre che i nostri antenati terrestri avrebbero (o avrebbero) gettato insieme la rivoluzione agricola e poi le intere civiltà di Sumer e dell’Egitto dall’intero tessuto? No non lo è; e nemmeno queste supposizioni rappresentano una solida scienza.

Per quelli di noi nel campo della storia alternativa, una delle domande più fondamentali che dobbiamo stupire sul pubblico e sulla “scienza ufficiale” è chiedere dove sono gli antecedenti e i precedenti? Mostraci le lente fasi di sviluppo darwiniano che la storia ufficiale presuppone. Come si può spiegare l’apparizione improvvisa di colture alimentari geneticamente modificate e tecniche ingegneristiche avanzate all’inizio della civiltà umana?

Abbiamo bisogno di una documentazione dettagliata e di prove incontrovertibili e dovrebbe essere abbondante e priva di collegamenti mancanti poiché si suppone che si tratti di eventi verificatisi migliaia e non decine o centinaia di milioni di anni fa, come nel caso dell’evoluzione biologica.

Da dove i nostri antenati del Paleolitico acquisiscono le conoscenze e le capacità per allevare piante selvatiche in colture alimentari mentre costruiscono anche città pianificate? Come riuscirono a ottenere un comando rigoroso dei principi dell’ingegneria civile esposti in Sumeria e nella civiltà Harrappan della Valle dell’Indo? In che modo gli umani passavano da capanne di fango e collezionavano piante frondose alla costruzione di ziggurat, sciacquavano gabinetti, bagni pubblici (Mohenjo Daro), facevano il pane nei forni e inventavano la metallurgia dei processi all’apparenza da un giorno all’altro? In parole povere, dov’è la dimostrazione – i collegamenti mancanti – a dimostrare che le teorie (scientifiche ufficiali) sono confermate nella documentazione archeologica e soddisfano semplici standard di logica e buon senso?

Passando a ciò che i nostri antenati in Sumer, Messico, Egitto e Perù hanno da dire sulle origini dell’agricoltura e della civiltà, troviamo una storia molto diversa. Secondo gli antichi documenti, le tradizioni scritte e orali, nessuna delle prime civiltà affermò di averlo inventato. Ciò che è di profondo interesse è che sono in accordo unanime nel sostenere che le “arti” hanno dato le arti della civiltà.

È molto diverso dalla natura umana dare credito a qualcun altro per tutto ciò che abbiamo inventato o raggiunto. Gli antichi egizi lasciarono copiosi documenti di ogni aspetto della loro cultura in una vasta collezione di opere d’arte, geroglifici e testi. Tuttavia, non troviamo alcun riferimento nella loro storia di 3000 anni su come o perché “hanno” costruito le piramidi. Che strano scambio di documentazione per una razza così comunicativa, supponendo che abbiano effettivamente costruito le piramidi. Avrebbero omesso ogni riferimento ai loro monumenti più importanti?

Sembra una supposizione assurda, eppure gli egittologi ci sorvolano mentre non dicono nulla sulla mancanza di mummie nel presunto scenario delle “piramidi-come-tombe” che abbracciano senza arrossire.

Questi sono tutti indizi, pezzi di un vasto puzzle planetario, che raccontano la storia della Genesis Race. I riferimenti a questi “dei” che arrivarono sulla Terra per elevare l’uomo sono descritti nella Bibbia e in altri testi e tradizioni antichi. I loro documenti megalitici si trovano in Egitto, Messico, Perù e Cina.

Le teorie sulla “scienza ufficiale” basate su Darwin, riguardanti l’origine dell’Uomo e la civiltà umana, portano a una serie di intellettuali vicoli ciechi. Se esaminiamo attentamente la documentazione, scopriamo che la civiltà si basa su cinque invenzioni primarie: 1) Agricoltura, 2) Urbanizzazione, 3) Scrittura, 4) La ruota e 5) Processo metallurgico.

Ora, cosa succede quando proviamo a scoprire le origini di queste invenzioni chiave nel record archeologico e storico? Troviamo antropologi e storici che ipotizzano che l’agricoltura sia stata scoperta per caso quando i nostri primitivi antenati hanno gettato le piante nel mucchio della spazzatura e hanno notato che i semi hanno prodotto nuove piante. Ovviamente questo non spiega cosa li abbia motivati ​​a piantare e raccogliere semi di erba selvatica (non hanno quasi mai mangiato) e come hanno imparato a riprodurre selettivamente e ad addomesticare (alterare) queste piante geneticamente.

Bene, spazzano via queste domande con la stessa logica. Anche questo era probabilmente un processo fortuito che si è evoluto in una serie di benevoli e felici coincidenze. Ci viene dato di immaginare che il primo animale addomesticato, un esempio di perfetta riproduzione selettiva, abbia avuto luogo anche quando le tribù paleolitiche, attraverso tecniche sconosciute, addomesticò una linea di lupi mutanti. Poi apprendiamo che anche la metallurgia di processo è il risultato di un incidente, quando qualcuno lasciò cadere un pezzo di malachite in un fuoco da campo e osservò con attenzione che mentre si scioglieva produceva rame.

In breve, il paradigma fondamentale “scienza ufficiale” ha formulato sul modo in cui la vita umana ha avuto origine e su come abbiamo creato la civiltà poggia su una serie di incidenti “miracolosi” e di conoscenze e abilità impossibili! Gli egittologi vorrebbero farci credere che le tribù primitive che vivevano lungo il Nilo in capanne ovali che usavano mattoni di fango per costruire mastabas per millenni furono improvvisamente in grado di effettuare operazioni avanzate di cava, scalpellini, architettura e ingegneria aziendale.

Naturalmente, non possono spiegare come questi popoli primitivi costruirono una piramide massiccia e di precisione costruita usando solo martelli tondi, slitte di legno e lavoro umano. Gli egiziani non avrebbero potuto costruirlo, non lo hanno costruito e non hanno mai affermato che fossero i creatori della piramide. Semplicemente non è possibile scavare, sollevare, trascinare e trasportare blocchi di granito da 70 tonnellate a 500 miglia dalla cava di Assuan a Giza e fino a 150 piedi verticali e posizionarli precisamente nella Camera del Re, come sostengono gli egittologi.

Ho ripetutamente sfidato gli egittologi e i loro compagni irrazionali e non scientifici a dimostrare come i blocchi di granito nella Camera del Re possano essere estratti e sollevati dal letto della cava e trasportati usando gli strumenti ei metodi primitivi che sostengono siano stati usati. Non può essere fatto! Inoltre, quest’autore afferma di poter dimostrare che qualsiasi accademico – matematico, antropologo e / o professore di ingegneria – che crede e insegna queste assurdità agli studenti è lunatico che gestisce i manicomi – le nostre istituzioni scientifiche e le università.

Questo è certamente un atto di accusa serio e audace, eppure deve essere fatto perché è vero ed è giunto il momento di esporre il chicanismo intellettuale e le frodi perpetrate su generazioni. Non sto facendo queste affermazioni per creare una polemica, ma per risolvere un dibattito di lunga data che ha profonde implicazioni poiché comporta l’eliminazione delle menzogne ​​e l’accesso ai fatti storici. Come posso fare accuse così forti con totale fiducia?

In primo luogo, l’autore ha studiato i problemi ingegneristici in modo approfondito ed estensivo confrontando la costruzione di monumenti moderni usando la tecnologia più avanzata per la costruzione della Grande Piramide usando strumenti e metodi primitivi. In secondo luogo, ho esaminato il recente record di test condotti da egittologi e altri che cercavano di dimostrare che potevano estrarre, spostare e sollevare blocchi di pietra usando nient’altro che antichi strumenti e tecniche. Entrambi gli studi hanno prodotto gli stessi risultati: la Grande Piramide non avrebbe potuto essere costruita con martelli di pietra, slitte e rampe.

Un test girato da Nova è stato organizzato dall’egittologo Mark Lehner e ha coinvolto importanti esperti in vari campi. Il team si mise alla cava, spostò e sollevò un obelisco da 35 tonnellate. Hanno fallito miseramente ad ogni passo. Il maestro scalpellino non poteva estrarre il blocco usando gli strumenti primitivi che gli erano stati dati. Fu chiamato un elevatore per estrarre il blocco e sollevarlo su un camion a pianale; sentendo la sconfitta non hanno mai nemmeno provato a trasportarla con una mazza di legno. Il blocco era metà del peso di uno di quelli usati nella Camera del re.

Una squadra giapponese finanziata da Nissan condusse un altro serio test nel 1978. Partirono per costruire un duplicato su piccola scala della Grande Piramide usando anche gli strumenti e le tecniche primitive che gli egittologi rivendicano per gli antichi. Questo gruppo era sicuro di poter dimostrare come è stato fatto. Tuttavia, quando hanno cercato di estrarre i blocchi hanno scoperto che i martelli non erano all’altezza del compito. Hanno fatto intervenire martelli pneumatici. Quando hanno cercato di traghettare i blocchi attraverso il fiume su una chiatta primitiva, sono affondati. Hanno chiamato un moderno rimorchiatore per chiedere aiuto.

Poi hanno caricato un blocco su una slitta solo per scoprire che è caduto ostinatamente nella sabbia quando hanno cercato di trascinarlo sul sito. Hanno chiamato camion e caricatori. Il colpo di grazia finale è stato consegnato quando sono stati costretti a chiamare elicotteri per sollevare e posizionare i blocchi in posizione. Anche usando la tecnologia moderna, la squadra giapponese ha trovato, con il loro imbarazzo totale, che non potevano portare l’apice della loro minuscola replica alta 60 piedi insieme. Hanno sofferto una sconfitta amara e abbastanza umiliante nel deserto egiziano impietoso. La loro replica della Grande Piramide si è rivelata uno scherzo.

Dovremmo credere che gli uomini utilizzino strumenti marginalmente migliori delle attrezzature dell’età della pietra, estraggono, sollevano e trasportano milioni di blocchi di pietra per formare una tomba da 4 milioni di tonnellate progettata con precisione. Queste sono sciocchezze! Lo scenario convenzionale non è solo una proposizione assurda che può essere mantenuta solo usando il fumo e gli specchi intellettuali, è assolutamente sciocco. La vera domanda è: come mai qualcuno che abbia avuto qualche buon senso non lo ha mai creduto?

Ci sono, naturalmente, molti altri problemi con lo scenario di strumenti e metodi primitivi e la Grande Piramide. Per iniziare, Mark Lehner ha incaricato una società di ingegneria di studiare il sito. Hanno scoperto che la base di 13 acri era stata livellata con una precisione pari a quella raggiunta dai laser moderni. Dobbiamo credere che una lastra di pietra calcarea di 13 acri sia stata progettata con quel grado di precisione usando martelli arrotondati per sbricciolare la roccia fino a renderla quasi perfettamente piatta?

Inoltre, il Passaggio Discendente era in realtà la fase successiva di questo imponente progetto di costruzione. Anch’esso doveva essere scavato in una solida base rocciosa. I problemi con questa fase del progetto sono molteplici. Il passaggio era solo di circa 3 a 4 piedi, abbastanza grande da ospitare un lavoratore alla volta. Fu scavato a 150 piedi sottoterra mantenendo un angolo preciso di 26 gradi e una deviazione trascurabile da un lato all’altro e dal basso verso l’alto per tutta la sua lunghezza. Poi è stato aperto in diverse stanze e in un altro passaggio. Come?

Perché gli antichi scavavano un tunnel dritto sotto una tomba da 4 milioni di tonnellate e in che modo il passaggio era diretto e vero? Gli ‘ingegneri’ egiziani non avevano altro che corde nei loro strumenti. L’autore può anche provare queste sole due fasi – livellando la base e scavando il passaggio discendente – avrebbe richiesto metà del tempo che gli egittologi hanno assegnato all’intero progetto di costruzione. In realtà, non includono mai nemmeno queste due fasi nei loro calcoli.

Ma abbiamo altri pesci importanti da friggere. Durante decenni di ricerche l’autore ha notato alcune curiose somiglianze tra Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo – i siti delle nostre prime civiltà – che non si sommano. Come tutti sappiamo ora, le rovine di Sumer si trovano nell’odierna Iraq. I nostri libri di storia e antropologia ci dicono regolarmente che l’agricoltura e la civiltà sono state date alla luce in valli fluviali benigne e altamente fertili. Ma quando ci fermiamo a esaminare da vicino questi luoghi, scopriamo che sono alcuni dei luoghi più caldi, più secchi e più inospitali del pianeta.

Le temperature in questi luoghi per 6 mesi all’anno sono in genere tra 35-48 gradi Celsius. È vero che le pianure alluvionali e  quelle alluvionali del Nilo, del Tigri-Eufrate e degli antichi fiumi Indù erano fertili. Ma ci vuole una conoscenza agronomica e idrologica considerevole per saperlo e per convertire le paludi e controllare le inondazioni per trasformare queste zone umide in terreni agricoli produttivi. La domanda è: in che modo i nostri antichi antenati, così recentemente emersi dallo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori, acquisirono così rapidamente questa conoscenza e svilupparono queste abilità?

Quando guardiamo fuori dagli ziggurat dell’antica Sumer, le piramidi sabbiose dell’Egitto o le città in rovina della Valle dell’Indo, non vediamo pianure fruttate ma vaste, vesciche, distese desertiche. Non è difficile immaginare i nostri primitivi antenati che stendono i loro progetti per la civiltà mentre guardano con gli occhi al sole e decidendo che è qui che si costruiscono le prime città e i grandi monumenti e si coltiva il primo vero terreno coltivato?

Lo scenario fa pensare alla mente e ci fa uscire dal cancello dalle comode fantasie dipinte dalla “scienza ufficiale”. Qualcosa comincia a puzzare o il naso dell’autore è troppo sensibile? Mi sembra di percepire l’aroma sottile di troppi scheletri ed enigmi – essendo stato spinto frettolosamente in troppi armadi e catacombe ammuffite – che si alzavano da pietre e ossa antiche …

Dobbiamo esaminare diversi altri articoli che non superano il test dell’odore. Sumer, l’Egitto e la Valle dell’Indo condividono alcune altre caratteristiche critiche in comune che li rendono luoghi improbabili per i popoli primitivi di aver sviluppato le nostre prime civiltà. Dovremmo aspettarci di trovare civiltà in evoluzione dove le persone hanno accesso immediato a un’ampia varietà di risorse. Lo scenario più logico sarebbe nelle valli fluviali vicino a montagne boscose ricche di minerali.

Questa è un’aspettativa logica dal momento che le persone avevano bisogno di acqua, combustibile (legna) per fare fuochi, manici di attrezzi e materiali da costruzione, nonché rame, oro e argento per realizzare gioielli e strumenti e così via. Ci aspetteremmo di trovare questa associazione non solo per stabilire che hanno accesso immediato a queste risorse necessarie, ma anche per essere stati coinvolti in un lungo periodo di estrazione, elaborazione e utilizzo di queste risorse.

Sfortunatamente, Sumer, la culla della civiltà, mancava completamente di foreste, minerali e persino pietre. Questo è un fatto curioso, illogico. In che modo questa strana tribù, parlando una lingua strana e chiamandosi ‘la gente dalla testa nera’, ha inventato la civiltà nel mezzo di una desolata distesa deserta del deserto? Anche l’Egitto era privo di foreste, così come la Valle dell’Indo. Il punto non è che la civiltà fosse o sia impossibile in queste aree, ma che si suppone che abbia avuto origine in questi ambienti aspri e desertici privi di molte risorse di base.

Eppure troviamo che i Sumeri ingegnosamente estraggono rame e stagno e creano la prima lega, il bronzo, nelle fornaci intorno al 3000 a.C. Nella successione al fuoco rapidamente hanno inventato la ruota, il carro, la barca a vela, la scrittura, le città, la specializzazione del lavoro, l’ingegneria civile e così via. Apparentemente, le tribù della Valle dell’Indo e del Nilo sarebbero presto seguite. Hanno fatto tutto questo mentre la maggior parte delle tribù del mondo vivevano ancora come cacciatori-raccoglitori, un altro fatto che demolisce le teorie dei darwinisti culturali. Non si può spiegare la radicale partenza dalla norma umana da parte di diverse tribù senza invocare qualche forma di razzismo o deviazioni genetiche inspiegabili.

Gli altri aspetti curiosi che troviamo in comune tra le “prime” civiltà della Terra sono che nessuno di loro ha affermato di aver inventato l’agricoltura, le leggi, la moralità o gli altri principali strumenti di civiltà.

I Sumeri sostenevano di dovere tutto agli “dei” (Annunaki) che erano discesi dai cieli sulla Terra per creare e insegnare all’umanità le arti della vita civile. Gli antichi egizi si riferivano ai Nefertu che regnarono su di loro durante lo Zep Tepi (prim tempo) per migliaia di anni fino a quando non consegnarono i regni ai faraoni umani.

La nostra vera storia umana, tramandata dai nostri antenati, è molto più eccitante e incredibile di quanto la scienza “ufficiale” del nutrimento abbia esercitato forza su di noi per molte generazioni. L’umanità è davvero sulla soglia di un risveglio in una nuova alba; il momento delle profonde rivelazioni sulla verità delle nostre stupefacenti origini e della nostra storia è a portata di mano.

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 81.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com. Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso.

 

®wld

Graham Hancock – tra il 10.800 e il 9.600 a.C.

  

A Roma lo scrittore Hancock, tra divinità, archeo-ingegneria e mito-storia: “la Terra è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata”. Può riaccadere?

di Stefania Abazia

Sala gremita. Siamo tutti in attesa di ascoltare Hancock che torna a Roma 10 anni dopo in un’evento organizzato dalla casa editrice capitolina ‘Spazio Interiore’. Graham Hancock è conosciuto in tutto il mondo. È nato in Scozia, a Edimburgo, ma ha vissuto a lungo in India, dove il padre lavorava come chirurgo. Tornato in patria, si è laureato in sociologia presso la Durham University, ed ha iniziato una splendida carriera arrivando a firmare articoli per Guardian, Times e Independent. Dal 1980 inizia a scrivere libri che diventano best-seller internazionali. Ne ricordiamo alcuni: “Il Segno ed il Sigillo”, “Impronte degli Dei”, “Il messaggio della Sfinge”, “Civiltà sommerse”, “Sciamani”. 

Link

La conferenza a cui abbiamo assistito s’intitola “Il Ritorno degli Dei” e si apre con una domanda: “È possibile che sia esistita una civiltà molto evoluta prima dell’era glaciale di cui poi si è persa traccia?” E prosegue sollevando un’altra domanda: “Che connessione c’è tra le opere dei Maya, degli Atzechi, degli Incas e le monumentali costruzioni egiziane?” Hancock rivela un messaggio universale celato nelle grandi opere e riportato nei miti e nelle leggende di tutte le popolazioni. Partendo da Nazca fino ad arrivare in Egitto, passando da Perù, Bolivia e Messico, l’autore va alla ricerca di una connessione, un legame, tra mappe, miti e opere architettoniche, lasciateci da popolazioni geograficamente lontane le une dalle altre e con una preparazione culturale, tecnologica e ingegneristica apparentemente non così avanzata da poter realizzare tali opere.

Secondo Hancock, vi sono prove sufficienti che suggeriscono che tra il 10.800 e il 9.600 a.C., uno tsunami di proporzioni epiche spazzò via interi continenti, a causa dell’impatto di una cometa. Nel tempio di Horus, nell’antica città egiziana di Edfu, celebri iscrizioni descrivono come Dèi gli esseri che vi si erano rifugiati, “provenienti da un’isola sacra, distrutta da inondazioni e incendi”. L’autore sostiene che un evento di estinzione antica “spazzò via Atlantide e le società avanzate di 12.000 anni fa”.

Gli egittologi affermano che il nome Atlantide non compaia in nessun testo. In effetti ce n’è solo uno risalente al 230 a.C. presente nel tempio di Horus (costruito su un tempio precedente). È Platone che parla chiaramente di Atlantide dicendo che è stata distrutta in una sola notte poiché dopo tanta evoluzione ricchezza ed elevazione materiale e spirituale, la popolazione era arrivata ai massimi livelli di materialismo e corruzione e al bisogno di potere e controllo sul mondo. Platone afferma di aver ricevuto questa storia da Solone che aveva visitato l’Egitto un secolo e mezzo a.C. ed aveva incontrato i sacerdoti Egizi. Era lui l’eredità di Atlantide e parla di quest’isola come la “Casa degli Esseri Primordiali”. Era una sorta di modello cosmico usato per costruire tutti i templi futuri, compreso le Piramidi.

La teoria di Hancock è che la storia del nostro pianeta è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata. E, nonostante si affermi il contrario, sono elevatissimi i rischi che ciò accada ancora. Più di 60 scienziati di varie discipline confermano con prove sempre più schiaccianti che la Terra 12.500 anni fa fu bombardata da una serie di comete. Normalmente le comete tendono a disintegrarsi. Una gigante di esse deve essere entrata nel nostro sistema solare e deve aver iniziato a disintegrarsi in diversi frammenti fino ad entrare in collisionecon la Terra. Il più grande di questi frammenti aveva il diametro di un chilometro, e dai dati emergerebbe che l’epicentro di queste impatto c’è stato nel Nord America che all’epoca era ancora sotto i ghiacci, provocando un’enorme inondazione di acqua dolce nell’ Oceano Atlantico e fermando quindi la Corrente del Golfo causando un’altra Era Glaciale per ulteriori 1200 anni. Questa civiltà molto evoluta che si è estinta quasi del tutto ed ha lasciato degli eredi che secondo la teoria di Hancock ci sono stabiliti in varie parti del mondo per tramandare insegnamenti importanti a tribù indigene meno evolute.

Di questi passaggi Hanckoc ci rivela in anteprima tracce che lui stesso è andato a verificare e studiare nei siti archeologici. Ci ha parlato di iscrizioni rupestri e incisioni sui muri megalitici identici sia nel nord che nel sud America. Queste iscrizioni riguardano tutte il tema della morte. Importantissima scoperta sconcertante di Hancock è che le stesse identiche tradizioni degli egizi sul viaggio che compie l’anima dopo la morte nel regno del Dual, sono ripetute in maniera identica in questi monumenti del Nord America, così come nelle giungle dell’Amazzonia. Quindi questa è la prova per lui assolutamente schiacciante che un’antica civiltà perduta dimenticata sia esistita ben prima di quanto ci tramandi la nostra storia ufficiale.

Nel “Ritorno degli dèi” Hancock identifica e documenta le tracce che dimostrano l’esistenza di questa civiltà evoluta preesistente all’era glaciale e si pone in una prospettiva nuova riguardo all’eredità del passato. Per ricominciare con le varie arti (artigianato, agricoltura, caccia) siamo stati aiutati e guidati dagli “Déi Costruttori”, i Sapienti sopravvissuti all’epoca antidiluviana che tramandando alle generazioni future tradizioni e sapienza derivanti da un’epoca precedente riuscirono a rinnovarsi, come la mitica fenice. La loro missione non fu però soltanto quella di consegnarci il patrimonio di conoscenze con cui ricominciare, ma anche di lasciarci un messaggio: sarebbe successo ancora! Un nuovo cataclisma incomberà sulla Terra e il “ritorno della fenice”, a cui sono da sempre associati distruzione e rinnovamento, avverrà proprio nei nostri tempi, un possibile futuro che dobbiamo prepararci ad affrontare.

Attualmente i popoli che potrebbero sopravvivere ad un cataclisma così grave sono i meno evoluti, quelli meno dipendenti dalla tecnologia. Quella tecnologia che invece di usarla nelle armi dovremmo usarla per prevenire i cataclismi. Questo è il vero messaggio di Hancock. Perché se non lo facciamo, se come fu per il popolo di Atlantide, faremo prendere il sopravvento all’arroganza e alla smania di potere, allora potremmo essere proprio noi un giorno ad estinguerci, e quel giorno, a quanto pare, non è affatto così lontano. E non è affatto escluso che la Terra possa impattare con un meteorite anche di 30 km! Perciò assicuriamoci di non essere la prossima Civiltà perduta. Siamo in un momento cruciale e ancora troppe poche persone si stanno Risvegliando

Fonte: https://oasisana.com/

®wld

Da un altro luogo

Un’Esplorazione dell’Eredità Umana Galattica

di Lyssa Royal e Keith Priest

“O uomini, non si tratta di una miscela di sangue e respiro che dà inizio e sostanza alle vostre anime, sebbene il vostro corpo terrestre e mortale sia fatto di quelle cose. La vostra anima è venuta qui da un altro luogo.” – Empedocle

Fin dai primi giorni della storia della Terra, c’è sempre un’emozione dolceamara che sgorga dentro di noi, quando guardiamo il cielo notturno. Alcuni di noi non vedono l’ora che arrivi il giorno in cui la razza umana potrà viaggiare oltre le stelle. In realtà, si tratta solo di una speranza per il futuro, o piuttosto, un ricordo del nostro passato?
La coscienza umana ha degli intrecci che rimangono ancora inesplorati. Cosa ci porta a spingere l’evoluzione ai suoi limiti? Cosa ci spinge a creare dei dissensi tra le razze del nostro pianeta?
Magari può essere che stiamo interpretando un dramma cosmico e abbiamo solo temporaneamente dimenticato la sceneggiatura. Sappiamo che ciò che fa una nazione o una razza sulla Terra, influenza anche le altre. Questa idea può anche diffondersi al di là dell’universo. Può essere che quello che facciamo qui riguarda innumerevoli altre civiltà di altri pianeti. Potremmo essere davvero collegati a loro?
Le informazioni presentate in questo libro sono una raccolta di anni di approfondimenti, ragionamenti deduttivi ed esperienze di channeling. Sono stati effettuati dei meticolosi riferimenti incrociati di vari channel (principalmente utilizzando il lavoro della coautrice Lyssa Royal), nonché ricerche su una serie di opere antropologiche e metafisiche di tutto rispetto.
Il lettore potrà considerare queste idee come letterali o simboliche, poiché la storia è la stessa. Non c’è nessuna pretesa che questa sia la verità definitiva riguardo l’emergenza della nostra famiglia galattica in questa realtà. Se vi piace, usate le informazioni qui fornite da catalizzatore per la vostra crescita. In caso contrario, magari potrebbero portarvi a un passo più vicino dalla vostra verità personale.
Una delle idee più importanti per accelerare il potenziale umano, è quella di accettare che tutte le verità siano la manifestazione di una Verità Unica, qualunque essa sia. Da questa tolleranza emerge l’unificazione. Se non altro, considerate che questo libro possa essere divertente da leggere, nonché interessante e stimolante per la vostra immaginazione.
Non è necessario che crediate ai suoi contenuti, però è indispensabile che abbiate la
volontà di esplorarli!
Si tratta di un libro introduttivo. Alla fine è stato creato un ampio glossario, per spiegare gli eventuali termini non familiari che sono stati utilizzati. Ogni capitolo rappresenta un aspetto diverso di un intricato arazzo e di come tale arazzo influenzi la Terra. AttraversoTerra. Se vogliamo veramente trasformarci, sarà attraverso l’infusione della Terra. Se vogliamo veramente trasformarci, sarà attraverso l’infusione della consapevolezza nel nostro mondo, non usando la consapevolezza per sfuggire alle nostre responsabilità di cittadini della Terra e della Famiglia Galattica.

Testo tradotto in lingua italiana da claudiordali

Versione originale in Inglese

®wld