Archivi tag: Libia

L’Aquila l’Orso e il Drago

L’aquila ha dimenticato opportunamente che l’originale e antica Via della Seta metteva in contatto il drago con l’impero romano da secoli – senza intrusi, aldifuori dell’Eurasia – afferma Pepe Escobar.

C’era una volta, nella notte dei tempi, attorno a pochi fuochi da campo nei deserti del sud est dell’Asia, un tempo in cui si raccontava una favola sull’aquila, sull’orso e il dragone per il divertimento dei miei interlocutori arabi e persiani.

Si trattava di come all’inizio del XXI secolo,

 …si erano tolti i guanti (di pelo) e si erano messi in quello che risultò essere la Guerra Fredda Versione 2.0.

Man mano che ci avviciniamo alla fine della seconda decade di questo secolo già incandescente, forse è meglio rendere più bella la favola, con il dovuto rispetto per Jean de la Fontaine.

Sono passati i giorni in cui l’orso frustrato si offerse di cooperare ripetutamente con l’aquila e con i suoi seguaci su un tema caldo:

missili nucleari.

L’orso ripetutamente affermò che lo spiegamento di missili e radar per intercettare in questa terra di ciechi che guidava ciechi, l’Europa, era una minaccia.

L’aquila affermò ripetutamente che questo era fatto per proteggerci da quei persiani rinnegati.

Adesso l’aquila, che afferma che il drago sta avendo un viaggio facile, ha disatteso tutti i trattati ed è impegnata nello spiegamento di missili nucleari in determinati luoghi dell’est della terra di ciechi che primeggia su ciechi, puntando essenzialmente all’orso.

Ponte del drago, ljubljana. (Ali Eminov/Creative Commons)

Tutto ciò che brilla è seta  

Più o meno due decadi dopo che il principale orso Putin ha definito quella che è “la maggior catastrofe geopolitica del XX secolo, propose una forma di luce dell’URSS:

un organismo politico/economico chiamata l’Unione Economica dell’Eurasia (EAEU).

L’idea era che la EAEU interagisse con la UE… la principale istituzione dell’equipaggio eterogeneo si riunì come i ciechi che guidano i ciechi.

L’aquila non solo rifiutò la possibile integrazione, ma le venne in mente di mettere in atto uno scenario di rivoluzione dal colore modificato per disunire l’Ucraina dalla EAEU.

Prima di questo, l’aquila aveva voluto stabilire una Nuova Via della Seta sotto il suo totale controllo.

L’aquila opportunamente aveva dimenticato che l’antica Via della Seta, univa il drago con l’impero romano da secoli, senza intrusi che venivano dall’Eurasia.

Quindi potete immaginare lo stupore dell’aquila quando il drago irruppe nello scenario mondiale con le sue Nuove Vie della Seta super cariche, rendendo attuale l’idea originale dell’orso di una zona di libero commercio “da Lisbona a Vladivostock” e anche un corridoio di collegamento molteplice, sia terrestre che marittima, dall’est della Cina all’Europa Occidentale e tutto ciò che si trova in mezzo che comprende tutta l’Eurasia.

Difronte questo nuovo paradigma, i cechi rimasero ciechi per tanto tempo come possiamo ricordare…non hanno potuto reagire in tempo.

L’aquila da parte sua, andò aumentando gradualmente gli attacchi. Lanciò ciò che equivaleva a tutti i propositi pratici per stringere un cappio con le armi in maniera progressiva contro il drago.

L’Aquila ha fatto una serie di movimenti che equivalgono a incitare le nazioni che circondano il Mar della Cina Meridionale per contrapporsi al drago mentre riposizionano una serie di giocattoli (sootomarini nucleari, portaerei, aerei da combattimento) sempre più vicini al territorio del drago.

Per tutto il tempo ciò che il drago ha visto e continua a vedere, è un’aquila maltrattata che cerca di uscire da un declino irreversibile che cerca di intimidire, allontanare e sabotare l’ascesa irreversibile del drago, dove è stato per 18 degli ultimi 20 secoli, insediato come il re della foresta.

Un elemento chiave è che i giocatori di tutta la Eurasia sanno che, con le nuove leggi della giungla, il drago non può e non si ridurrà ad essere un attore secondario.
E i giocatori di tutta l’Eurasia sono troppo intelligenti per imbarcarsi in una Guerra Fredda Versione 2.0 Y che debiliterebbe l’Eurasia stessa.
La reazione dell’aquila alla strategia della Via della Nuova Seta del drago ha impiegato un certo tempo dal passaggio della mancata azione alla completa demonizzazione, aggiungendo alla descrizione sia del drago sia dell’orso che sono minacce per l’esistenza
E senza dubbio nonostante tutto il fuoco incrociato, i giocatori di tutta l’Europa non sono poi molto impressionati da un impero dell’aquila armata fio ai denti.
Specialmente dopo che la cresta dell’aquila fu molto danneggiata dall’insuccesso nella caccia in
Le portaerei dell’aquila che pattugliano la parte orientale del Mare Nostrum non stanno proprio impaurendo l’orso, i Persiani e i Siriani.

James Audubon e il suo diario, pubblicato nel 1899 e reso di Dominio Pubblico. (Wikimedia Commons)

 Un “nuovo inizio ” tra l’aquila e l’orso è stato sempre un mito.
C’è voluto un po’ di tempo e molte difficoltà finanziarie, perché l’orso si rendesse conto che non ci sarebbe stato nessun nuovo inizio, mentre il drago vide solo un nuovo inizio verso un confronto aperto.
Dopo essersi rafforzato, in modo lento ma sicuro come la potenza militare più avanzata del pianeta, con conoscenze ipersoniche l’orso è arrivato a una conclusione sorprendente:
Non ci interessa ciò che dice o faccia l’aquila…

Sotto il vulcano infuriato

Intanto il drago ha continuato a espandersi inesorabilmente, in tutte le latitudini asiatiche, sia in Africa, sia in America Latina e anche nelle praterie infestate dalla disoccupazione dei ciechi colpiti dall’austerità che hanno diretto i ciechi.
Il drago è fermamente sicuro che se è messo alle strette da dover ricorrere a una opzione nucleare, ha il potere di far esplodere l’incredibile deficit dell’aquila, di degradare il suo rating e causare devastazioni nel sistema finanziario globale.
Non ci deve sembrare strano che l’aquila, sotto una nuvola paranoica di dissonanza cognitiva che l’avvolge da tempo, che alimenta propaganda 24/7 ai suoi sudditi e schiavi nani, continua a espellere lava come un vulcano furioso,

Fa molto male ammettere che il centro politico/economico di un nuovo mondo multipolare sara l’Asia… in realtà l’Eurasia.

Man mano che l’aquila diveniva sempre più minacciosa, l’orso e il drago si avvicinavano in una associazione strategica.

Adesso, sia l’orso sia il drago hanno troppi vincoli strategici in tutto il pianeta perché siano intimiditi dal massivo Impero di Basi (militari) dell’aquila o da quelle coalizioni periodiche “a volontà” (un tantino reticente)… 

Friedrich Johann Justin Bertuch, La creaturaa mitica del drago, 1806. (Wikimedia Commons)

In coincidenza con l’integrazione totale e in avanzata dell’Eurasia, di cui le Nuove Vie della seta sono il simbolo grafico, la furia scatenata dell’aquila, non ha niente da offrire eccezion fatta di una ripetetizione di una guerra contro l’Islam con il ritiro armato di ambedue, l’orso e il drago.
Poi c’è la Persia (Iran) quei maestri di scacchi.
L’aquila ha sparato a zero sugli Iraniani fin da quando non ebbero più il proconsole dell’aquila, lo Sha, nel 1979 e questo dopo che l’aquila e la perfida Albione già avevano schiacciato la democrazia per collocare lo Sha al potere nel 1953 che fece sì che Saddam sembrasse un Gandhi.
L’aquila vuole recuperare tutto quel petrolio e gas naturale per non parlare di un nuovo Sha come nuovo gendarme del Golfo Persico.
La diffferenza sta nel fatto che adesso l’orso e il drago stanno dicendo ‘in Nessun Modo’
Che farà l’aquila?
Istituire una falsa ideologia per terminare con tutte le altre?
Questo è il punto in cui ci troviamo adesso.
E ancora una volta arriviamo al finale, anche se non è la fine. Tuttavia non c’è morale per questa favola rivisitata. Continuiamo a sopportare le onde e le frecciate di una sorte indegna.
La nostra unica e sottile speranza è che un gruppo di uomini vuoti ossessionati dal ‘Secondo Arrivo‘ non trasformi la Guerra Fredda Versione 2.0 in un Armagedon
di Pepe Escobar, un veterano periodista brasiliano, è in genere il corrispondente per Asia Times, con sede in Hong Kong. Il suo ultimo libro è ” 2030 “
 
dal Sito Web ConsortiumNews 
traduzione di Nicoletta Marino 
 
 

L’avanzato punto della reingegnerizzazione umana

 

Comunismo, Rothschild e il cartello delle banche centrali

L’umanità è condannata finché questi banchieri controllano la società. Qual è il rimedio? Nazionalizzare le banche centrali, ripudiare i debiti creati dal nulla, rompere i cartelli, in particolare Hollywood e i media, e istituire un rigoroso finanziamento della campagna pubblica.  

 … di Jonas E. Alexis e Henry Makow – 3 luglio 2018  

Henry Makow ha un dottorato di ricerca nella letteratura inglese dell’Università di Toronto ed è l’autore del libro best-seller Cruel Hoax: Feminism & the New World Order. Makow è cresciuto in una famiglia ebrea. 

Jonas E. Alexis: Se non hai mai letto Il secolo ebraico di Yuri Slezkine, forse è il momento di consultare la tua biblioteca locale e iniziare a scavare. Slezkine non è un teorico della cospirazione o “antisemita”. È un professore ebreo all’Università della California. The Jewish Century è pubblicato dalla Princeton University Press, quasi un bastione dell’istituzione “antisemita”. 

Cosa offre Slezkine all’inizio del libro? Bene, eccola: “L’era moderna è l’era ebraica, e il ventesimo secolo, in particolare, è il secolo ebraico … La modernizzazione, in altre parole, riguarda il fatto che tutti diventino ebrei.” [1]  

La semplice domanda è questa: cosa ci ha portato questo “secolo ebraico”? Pace e armonia? Ogni studioso serio o osservatore meticoloso sa che il ventesimo secolo ci ha portato la prima guerra mondiale, la rivoluzione bolscevica, la seconda guerra mondiale, la creazione di Israele, l’ideologia neoconservatrice, ecc. Tutti sono stati disastri completi per il mondo intero. Ad esempio, prendi la creazione di Israele. Cosa ci dice lo storico israeliano Benny Morris stesso?  

“Uno stato ebraico non sarebbe nato senza lo sradicamento di 700.000 palestinesi. Quindi è stato necessario sradicarli. Non c’era altra scelta che espellere quella popolazione. Era necessario ripulire l’entroterra e pulire le aree di confine e pulire le strade principali. È stato necessario ripulire i villaggi dai quali sono stati licenziati i nostri convogli e i nostri insediamenti.” [2]  

Non importa come ridurli, non è moralmente giusto sradicare almeno 700.000 persone dalla loro terra e dai loro territori. E se spostiamo la discussione sulla prima guerra mondiale, sulla seconda guerra mondiale e persino sulla rivoluzione bolscevica, la tesi che il “secolo ebraico” abbia portato il caos totale al mondo intero è abbastanza convincente.  

Anche in questo solo secolo, il neoconservatorismo, che tutti conosciamo come un movimento ideologico ebraico, [3] ha già fatto abbastanza danni nel mondo. Se questo sembra troppo radicale, pensa alla guerra dei sei trilioni di dollari nel 2003 [4] e alle migliaia di soldati che hanno dovuto subire lesioni cerebrali a causa di quella stupida guerra. [5] Pensa alla distruzione delle case e della sodomia in luoghi come Abu Ghraib. [6]  

Se questo non è ancora abbastanza, pensa a ciò che i Neoconservatori stessi hanno articolato diabolicamente. Prendiamo ad esempio l’ebreo Neocon Jonah Goldberg, che ha dogmaticamente affermato che “ogni dieci anni circa, gli Stati Uniti hanno bisogno di raccogliere un piccolo e schifoso paese e gettarlo contro il muro, solo per mostrare al mondo di cosa intendiamo per affari”. [7 ] 

Ovviamente persone come Goldberg sono pericolose non solo per l’America ma per il resto del mondo. Mac’è molto di più in queste persone che saltano all’occhio qui, e Henry Makow porterà la discussione al livello successivo. Quello che segue è il suo giudizio su come “gli ebrei cabalisti” e le loro marionette stanno trascinando gran parte del mondo in un’ideologia oscura e nichilista.  

  

Henry Makow: I Rothschild sono ebrei cabalisti che rappresentano la loro demente megalomania che mette a repentaglio il destino dell’umanità. Stanno imponendo la loro tirannia occulta in virtù del loro monopolio mondiale sul mezzo di scambio. Producono credito e valuta dal nulla sotto forma di debito verso se stessi, qualcosa che il nostro governo potrebbe fare da sé, senza interessi né debito. Gli ebrei organizzati e la Massoneria sono complici di questa truffa. Ahimè, i nostri “soldi” sono solo coupon, chip virtuali nel loro casinò digitale. Possono manipolare o annullare questi chip ogni volta che vogliono.  

Il loro programma è di proteggere il loro monopolio monetario estendendolo in un monopolio su tutto – potere, conoscenza, cultura, religione – ridisegnando l’umanità per servirli. Questo è il vero significato del comunismo. 

Questo è il motivo per cui le nazioni occidentali sono inondate da migranti. Perché i valori comunisti e LGBT sono imposti ai bambini. Perché le università sono state castrate. Perché le società e le banche promuovono la migrazione e l’omosessualità. Perché la politica estera dell’Occidente punta a distruggere qualsiasi resistenza (Russia, Siria, Yemen, Iran, Corea).

Il processo di reingegnerizzazione umana è avanzato fino al punto in cui la società è complice della propria distruzione. Tutto ciò è stato messo a nudo nel 1938 dagli insigni Illuminati Chaim Rakovsky quando è stato arrestato dal NKVD di Stalin. Il suo interrogatorio è trapelato e pubblicato con il titolo “The Red Symphony”. 

La maggior parte della gente pensa che il comunismo sia un’ideologia dedicata alla difesa dei lavoratori e dei poveri. Questo è stato uno stratagemma di grande successo che ha manipolato milioni di persone. 

Dietro questo artificio, il “comunismo” è dedicato a concentrare tutta la ricchezza e il potere nelle mani del cartello delle banche centrali (i Rothschild e i loro alleati) mascherandolo come potere dello Stato.  

Il cartello bancario centrale è il monopolio ultimo. Ha un monopolio quasi globale sul credito del governo. Il suo scopo è di tradurre questo in un monopolio su tutto – politico, culturale, economico e spirituale. Un governo mondiale = monopolio dei Rothschild = comunismo. 

Qualsiasi ideologia che concentri ulteriormente ricchezza e potere nelle mani dello “Stato” è il comunismo sotto un’altra forma. Queste ideologie – socialismo, liberalismo, fascismo, neo-conservatorismo, sionismo e femminismo – sono fronti per “comunismo” e sono organizzate e finanziate dal cartello delle banche centrali. Gli eventi attuali sono tutti progettati dai banchieri centrali per aumentare il potere del governo.

LA SINFONIA ROSSA 

“The Red Symphony” è la migliore rivelazione dello stato reale del nostro mondo. “The Red Symphony” è un interrogatorio della polizia segreta stalinista (NKVD) del 1938 di Christian Rakovsky, un insider sovietico visto qui con un altro ebreo e agente Rothschild, Leon Trotsky. Il testo è online o in Des Griffin, Quarto Reich dei ricchi.  

Ho presentato questo documento esplosivo di 50 pagine ai miei lettori nel 2003. Toglie il velo alla storia moderna e spiega il vero significato di Rivoluzione, Comunismo, Massoneria e Guerra. Non era destinato a diventare di dominio pubblico. Il traduttore, il Dr. J. Landowsky, ne fece una copia non autorizzata.  

L’esperimento umano è messo in pericolo da interessi privati ​​che hanno usurpato la funzione della creazione di denaro ovunque. 

La storia moderna riflette il processo graduale con cui trasferiscono tutta la ricchezza e il potere a se stessi, distruggendo la civiltà occidentale e creando uno stato di polizia mondiale. Nel 1938, Rakowsky potrebbe dire che il mondo intero è controllato dai banchieri ebrei sabbatea e dai loro alleati.  

Nella sua autobiografia, La mia vita, Leon Trotsky ha scritto: “Christian G. Rakovsky … ha svolto un ruolo attivo nel funzionamento interno di quattro partiti socialisti – il bulgaro, il russo, il francese e il rumeno – per diventare alla fine uno dei leader della Federazione sovietica, fondatore del Partito comunista internazionale, presidente del Soviet ucraino dei commissari del popolo, e rappresentante diplomatico sovietico in Inghilterra e Francia …” 

Rakovsky, il cui vero nome era Chaim Rakover, fu condannato a morte nell’epurazione di Stalin della fazione trotskista del partito. Cercò di salvarsi consegnando un messaggio a Stalin sugli Illuminati. 

Nel processo, Rakovsky disse al suo interrogatore che i banchieri crearono lo stato comunista come una “macchina del potere totale” senza precedenti nella storia. In passato, a causa di molti fattori, “c’era sempre spazio per la libertà individuale. Capisci che quelli che già governano in parte le nazioni e i governi mondani hanno pretese di dominio assoluto? Comprendi che questa è l’unica cosa che non hanno ancora raggiunto.” 

Una forza perniciosa paralizza la nostra vita nazionale. Rakovsky lo identifica: “Immagina a te stesso, se puoi in un piccolo numero di persone che hanno potere illimitato attraverso il possesso della ricchezza reale, e vedrai che sono i dittatori assoluti della borsa e [dell’economia] … Se hai abbastanza immaginazione allora … vedrai [la loro] influenza anarchica, morale e sociale, cioè rivoluzionaria … Comprendi adesso?”

“… Hanno creato credito in modo da rendere il volume vicino all’infinito. E per dargli la velocità del suono … .è un’astrazione, un essere di pensiero, una figura, un numero, un credito, una fede …. ” (Pp.245-246)

Ovviamente hanno bisogno di proteggere il loro monopolio creditizio creando un “governo mondiale”. Questo impedisce a qualsiasi paese di emettere il proprio credito (denaro) o di ripudiare il proprio debito.

MARXISMO  

Il Movimento Rivoluzionario, che definisce la storia moderna, era un mezzo per istituzionalizzare il potere dei banchieri distruggendo il vecchio ordine. Il marxismo, “prima di essere un sistema filosofico, economico e politico, è una cospirazione per la rivoluzione”.

Rakovsky si fa beffe del “marxismo elementare … il popolare demagogico” che viene usato per ingannare gli intellettuali e le masse. (238) Marx fu assunto da Rothschild per ingannare le masse. Rakovsky dice che Marx “ride sotto la sua barba a tutta l’umanità”. (Griffin, 240) Naturalmente, Marx non menzionò mai i Rothschild. (243)  

Per quanto riguarda la Massoneria: “Ogni organizzazione massonica cerca di creare tutti i prerequisiti necessari per il trionfo della rivoluzione comunista; questo è l’obiettivo ovvio della Massoneria”, dice Rakovsky, un massone di alto rango.  

Lo scopo della rivoluzione non è altro che quello di ridefinire la realtà in termini di interessi dei banchieri. Ciò comporta la promozione della verità soggettiva rispetto alla verità oggettiva. Se Lenin “sente qualcosa che crede reale”, allora è reale. “Per lui ogni realtà, ogni verità era relativa di fronte all’unico e assoluto: la rivoluzione.”  

Questo è il cabalismo: gli ebrei cabalisti creano la realtà perché credono di essere il canale della volontà di Dio. (In altre parole, l’umanità è caduta per una gigantesca frode).  

In altre parole, il bianco è nero e su è giù. È così che è stato nell’Unione Sovietica; e ora in Occidente, la verità e la giustizia vengono sostituite dal diktat politico. “Political correctness” un termine bolscevico è ora di uso comune. Quindi, l’omosessualità che gli psichiatri consideravano sempre un disturbo dello sviluppo, divenne nel 1973 una “scelta di vita” dal diktat politico. Ora le scuole pubbliche incoraggiano i bambini eterosessuali “a sperimentare con la loro sessualità”. Questo è malsano e innaturale, ma è proprio questo il satanismo e la “rivoluzione”, che rovesciano il salutare ordine intrinseco.  

Rakovsky si meraviglia che “i banchi su cui sedevano i grassi usurai per scambiare i loro soldi, ora sono stati convertiti in templi, che si estendono magnificamente in ogni angolo delle grandi città contemporanee con i loro colonnati pagani, e le folle vanno là … per portare assiduamente i loro depositi di tutti i loro beni al dio del denaro …” 

Dice che la stella sovietica a cinque punte rappresenta i cinque fratelli Rothschild con le loro banche, che possiedono colossali accumuli di ricchezza, la più grande mai conosciuta.”  

Non è strano che Marx non menzioni mai questo fatto? Chiede Rakovsky. Non è strano che durante le rivoluzioni, i mob non attacchino mai i banchieri, i loro palazzi o le loro banche? 

GUERRA 

La guerra è il mezzo con cui i banchieri centrali avanzano il loro programma. Rakovsky dice che Trotsky era dietro l’omicidio dell’Arcinto Duca Ferdinando (che scatenò la prima guerra mondiale). Ricorda la frase usata dalla madre dei cinque fratelli Rothschild: “Se i miei figli lo vogliono, allora non ci sarà più guerra”. Ciò significa che erano gli arbitri, i padroni della pace e della guerra, ma non gli imperatori. Sei capace di visualizzare il fatto di una tale importanza cosmica? La guerra non è già una funzione rivoluzionaria? Guerra? La Comune Da quel momento ogni guerra è stata un passo da gigante verso il comunismo”. 

Dopo l’omicidio di Walter Rathenau nel 1922, gli Illuminati danno posizioni politiche o finanziarie solo agli intermediari, dice Rakowsky. “Ovviamente a persone fidate e leali, che possono essere garantite in mille modi: così si può affermare che quei banchieri e politici [nell’opinione pubblica] – sono solo uomini di paglia … anche se occupano posti altissimi e sono fatti apparire come gli autori dei piani che vengono eseguiti”.  

Nel 1938, Rakovsky delineò tre motivi per l’imminente seconda guerra mondiale. Il primo è che Hitler avevainiziato a stampare i propri soldi. “Questo è molto serio. Molto più di tutti i fattori esterni e crudeli nel nazionalsocialismo.”  

In secondo luogo, il “nazionalismo pienamente sviluppato dell’Europa occidentale è un ostacolo al marxismo … la necessità di distruggere il nazionalismo merita una guerra in Europa”.  

Infine, il Comunismo non può trionfare se non sopprime il “cristianesimo ancora vivo”. Si riferisce alla “rivoluzione permanente” come risalente alla nascita di Cristo, e la riforma come “la sua prima vittoria parziale” perché ha diviso il cristianesimo. Ciò suggerisce che la “cospirazione” contiene anche un fattore razziale o religioso. 

“In realtà, il cristianesimo è il nostro unico vero nemico da tutti i fenomeni politici ed economici degli Stati borghesi. Il cristianesimo che controlla l’individuo è capace di annullare la proiezione rivoluzionaria del neutrale Stato sovietico o ateo”.  

Ora i Banchieri Centrali stanno promuovendo la Terza Guerra Mondiale come in “Lo scontro di civiltà”. Sostituite dall’Islam per il cristianesimo in alto e “i cristiani” contro di loro.   

CONCLUSIONE  

Il Nuovo Ordine Mondiale crea una falsa realtà che rappresenta la nostra schiavitù mentale. Legioni di esperti, professori e politicanti fanno rispettare i suoi precetti. 

La società è totalmente sovvertita. Il governo, l’educazione, l’intrattenimento e i mezzi di informazione sono nelle mani del cartello delle banche centrali. Il settore privato canta dallo stesso libro di canzoni su argomenti come “diversità”. Lo stesso vale per think tanks, fondazioni, ONG, associazioni professionali e importanti associazioni di beneficenza. Le agenzie di intelligence servono i banchieri centrali. (Questo articolo “Come la Fed ha acquistato la professione di economia” è il modello per tutte le professioni).  

Di conseguenza, la società non è in grado di affrontare il suo vero problema: la concentrazione del potere nelle mani dei banchieri credenti della Cabala.Siamo ostacolati dalla falsa accusa di “antisemitismo” quando la maggior parte degli ebrei ignorano il quadro generale. Non mancano i lacchè, spesso massoni e ebrei massonici, disposti a condividere il bottino delle frodi dei banchieri. Questo oggi viene definito “successo”.  

L’umanità è condannata finché questi banchieri controlleranno la società. Qual è il rimedio? Nazionalizzare le banche centrali, ripudiare i debiti creati dal nulla, rompere i cartelli, in particolare Hollywood e i media, e istituire un rigoroso finanziamento della campagna pubblica. Inoltre, abbiamo bisogno di una rinascita spirituale, un ritorno alla vera religione, o almeno un’affermazione di Dio e un ordine morale. 

Ma finché le persone percepiscono i loro interessi in termini di status quo, i nostri problemi sono sistemici e non andranno via. 

[1] Yuri Slezkine, The Jewish Century (Princeton: Princeton University Press, 2004), 1.

[2] Ari Shavit, “Survival of the Fittest? an Interview with Benny Morris,” Counterpunch, January 16, 2004.

[3] Murray Friedman, The Neoconservative Revolution: Jewish Intellectuals and the Shaping of Public Policy (Cambridge: Cambridge University Press, 2004); Stefan Halper and Jonathan Clarke, America Alone: The Neo-Conservatives and the Global Order (Cambridge: Cambridge University Press, 2004)

[4] Ernesto Londono, “Study: Iraq, Afghan war costs to top $4 trillion,” Washington Post, March 28, 2013; Bob Dreyfuss, The $6 Trillion Wars,” The Nation, March 29, 2013; “Iraq War Cost U.S. More Than $2 Trillion, Could Grow to $6 Trillion, Says Watson Institute Study,” Huffington Post, May 14, 2013; Mark Thompson, “The $5 Trillion War on Terror,” Time, June 29, 2011; “Iraq war cost: $6 trillion. What else could have been done?,” LA Times, March 18, 2013.

[5] “360,000 veterans may have brain injuries,” USA Today, March 5, 2009.

[6] See Mark Kukis, Voices from Iraq: A People’s History, 2003-2009 (New York: Columbia University Press, 2011); Dana Priest and Joe Stephens, “Secret World of U.S. Interrogation,” Washington Post, May 11, 2004; for similar reports, see Jane Mayer, “The Black Sites: A Rare Look inside the C.IA.’s Secret Interrogation Program,” New Yorker, August 13, 2007; Craig Whitlock, “Jordan’s Spy Agency: Holding Cell for the CIA,” Washington Post, December 1, 2007; Jane Mayer, The Dark Side: The Inside Story of How the War on Terror Turned into a War on American Ideals (New York: Anchor Books, 2009); Mark Danner, Torture and Truth: America, Abu Ghraib, and the War on Terror (New York: New York Review of Books, 2004); George W. Bush: War Criminal?: The Bush Administration’s Liability for 269 War Crimes (Westport: Praeger Pubishers, 2009); Lila Rajiva, The Language of Empire: Abu Ghraib and the American Media (New York: Monthly Review Press, 2005). Rebecca Gordon, Mainstreaming Torture: Ethical Approaches in the Post-9/11 United States (New York: Oxford University Press, 2014).

[7] Conor Friedersdorf, “The Real Radicals of the Iraq War: Its Proponents,” Atlantic, March 6, 2013.  

Fonte: https://www.veteranstoday.com/2018/07/03/communism-the-rothschilds-and-the-central-banking-cartel/

®wld

Supplemento almanacco giugno 2018

 

Gli avatar del potere nero

La lebbra europea: quella del vomitevole, xenofobo Macron

La brutta notizia è che c’è ancora una parte di Italia, insieme a una parte di Francia, disposta a farsi prendere per i fondelli da un sinistro teatrante come Emmanuel Macron, ultimo erede di una famiglia di serial killer politici travestiti da statisti, pronti a indossare la maschera dell’orco (Van Rompuy, Schaeuble) o quella del pagliaccio finto-buono (Juncker, Prodi).

L’Ogm Macron è una via di mezzo, un ibrido perfetto tra eleganza formale e trivialità sostanziale. Chiama i poveri “sdentati”, definisce l’attuale politica italiana “vomitevole”. E arriva a classificare “lebbra d’Europa” i movimenti democratici anti-establishment, dopo che Salvini e Di Maio hanno ridotto a carta straccia l’ultimo piano contro l’Italia approntato per i migranti insieme ad Angela Merkel, altro fossile vivente di un’Europa mascalzona, che in vent’anni non ha prodotto altro che crisi e paura, insicurezza sociale, terrorismo, diffidenza e risentimenti fra nazioni che avrebbero dovuto essere “sorelle”.

L’Italia ancora dormiente – ormai minoranza, a quanto pare, arroccata attorno al patetico mainstream cartaceo e radiotelevisivo – non ha ancora capito chi è il fantoccio Macron, chi ne muove i fili, da quale curriculum proviene l’ombra nera che si aggira per l’Eliseo, attorno al presidente che insulta e minaccia – né più né meno come un monarca, indispettito dalle sconcertanti pretese del popolo. Chi si credono di essere, questi pezzenti italiani? Continua a leggere QUI

MACRON ORA PUO’ SOLO MANDARCI LE TRUPPE AL CONFINE


Quando un capo di Stato e di governo proclama che nel paese vicino c’è un governo-lebbra, fa dire che è vomitevole, e prima ha detto che “li conosciamo”, esprimendo odio e disgusto intollerabile, non è che la domenica dopo incontra il capo di quel governo a Bruxelles a un pre-vertice UE.

No. Richiama l’ambasciatore e ammassa truppe a ridosso di Ventimiglia. Macron, con quelle parole deliranti, e irreparabili sul piano diplomatico, ha rotto l’Unione Europea e portato lo stato di guerra. Se ne rende conto? O forse ha ragione lo psichiatra forense Adriano Segatori che un anno fa – con una sicurezza diagnostica che colpiva – lo definì “psicopatico con deliri di onnipotenza, reso tale dal grave abuso sessuale che a 15 anni subì dalla sua insegnante Brigitte (di 24 anni più vecchia di lui)”, ed “altamente pericoloso”. Continua a leggere QUI

La Terra ora ci presenta il conto di un mondo senza giustizia

Guardate che non basta, raddrizzare uno sviluppo – finora ingiusto – sostituendolo con il miraggio di una crescita economica globale finalmente equa. La voce “decrescita” (del Pil) risulta sempre sgradevole, dissonante, preoccupante: ma è purtroppo coerente con tutte le previsioni sistemiche dei climatologi, che danno alla Terra altri vent’anni, al massimo, prima del collasso ecologico che già sta avanzando in modo inquietante, con le temperature balneari registrare alle Svalbard e lo scioglimento inesorabile della calotta artica.

Nel lontanissimo ‘700, il padre della fisica Isaac Newton predisse – in base a complessi calcoli – che le risorse terrestri si sarebbero esaurite entro il 2060: un pronostico, sottolinea il saggista Gianfranco Carpeoro – sinistramente coincidente con quello del governo Usa, secondo cui fra quarant’anni, di questo passo, arriveremo alla morte biologica degli oceani. Ragionamenti che possono apparire letterari e strampalati, semplici suggestioni millenaristiche calate in un mondo distratto dai mondiali di calcio o appassionato al derby Italia-Francia su Salvini, gli sbarchi selvaggi e l’opaco traffico malavitoso gestito dalle Ong.

Vero, l’Europa ladrona nega all’Italia un’espansione vitale del deficit, mentre c’è chi muore in mare per un tozzo di pane. E se si tracolla tutti, sotto la furia di un pianeta stremato dai nostri abusi suicidi? Continua a leggere QUI

Attrezzature in laboratorio chimico Douma della Siria Made in EU, N America – MoD russo 

La missione di sondare il fatto dell’uso di armi chimiche in Siria ha fortemente protratto i tempi delle indagini a favore degli interessi degli Stati Uniti e dei loro alleati, ha dichiarato il ministero della Difesa russo. Le armi chimiche in Siria sono state prodotte da militanti e le attrezzature sono state fabbricate in Europa occidentale, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.  

“L’equipaggiamento, la cui fuoriuscita è uscita pochi giorni fa … vorrei dire che parte di esso è un’attrezzatura usata da militanti e terroristi, è stata scoperta nella città di Douma”, ha detto Zakharova in un briefing di il ministero degli Esteri russo e il ministero della Difesa per il corpo diplomatico per indagare sull’uso di armi chimiche in Siria.  

Il laboratorio chimico dei militanti nella Douma della Siria ha prodotto esplosivi di tetranitrato di pentaeritritolo ad alta tecnologia (TEN) e aveva anche precursori di agente di senape e cloro, ha detto il generale Igor Kirillov. 

“Con l’aiuto di questa attrezzatura, [i militanti] hanno prodotto esplosivi TEN ad alta tecnologia e alta qualità. Durante la ricerca del laboratorio, [l’esercito russo] ha anche trovato thiodiglycol e trietanolamina, che possono essere utilizzati per la produzione di zolfo e senape di azoto, così come l’esammina “, ha detto Kirillov in un briefing sull’indagine sull’uso di armi chimiche in Siria.  

Kirillov ha aggiunto che i militari avevano anche trovato una bombola di gas al cloro, simile a quella usata dai militanti nell’attacco di armi chimiche a Douma. Continua a leggere QUI (lingua inglese)

CIRCUITO DI MORTE NEL «MEDITERRANEO ALLARGATO»  

Di Manlio Dinucci 

I riflettori politico-mediatici, focalizzati sui flussi migratori Sud-Nord attraverso il Mediterraneo, lasciano in ombra altri flussi: quelli Nord-Sud di forze militari e armi attraverso il Mediterraneo. Anzi attraverso il «Mediterraneo allargato», area che, nel quadro della strategia Usa/Nato, si estende dall’Atlantico al Mar Nero e, a sud, fino al Golfo Persico e all’Oceano Indiano. 

Nell’incontro col segretario della Nato Stoltenberg a Roma, il premier Conte ha sottolineato la «centralità del Mediterraneo allargato per la sicurezza europea», minacciata dall’«arco di instabilità dal Mediterraneo al Medio Oriente». Da qui l’importanza della Nato, alleanza sotto comando Usa che Conte definisce «pilastro della sicurezza interna e internazionale».  

Completo stravolgimento della realtà. È stata fondamentalmente la strategia Usa/Nato a provocare «l’arco di instabilità» con le due guerre contro l’Iraq, le altre due guerre che hanno demolito gli Stati jugoslavo e libico, e quella per demolire lo Stato siriano.  

L’Italia, che ha partecipato a tutte queste guerre, secondo Conte svolge «un ruolo chiave per la sicurezza e stabilità del fianco sud della Alleanza». In che modo, lo si capisce da ciò che i media nascondono.  

La nave Trenton della U.S. Navy, che ha raccolto 42 profughi (autorizzati a sbarcare in Italia a differenza di quelli dell’Aquarius), non è di stanza in Sicilia per svolgere azioni umanitarie nel Mediterraneo: è una unità veloce (fino a 80 km/h), capace di sbarcare in poche ore sulle coste nord-africane un corpo di spedizione di 400 uomini e relativi mezzi.  

Forze speciali Usa operano in Libia per addestrare e guidare formazioni armate alleate, mentre droni armati Usa, decollando da Sigonella, colpiscono obiettivi in Libia. Tra poco, ha annunciato Stoltenberg, opereranno da Sigonella anche droni Nato.  

Essi integreranno l’«Hub di direzione strategica Nato per il Sud», centro di intelligence per operazioni militari in Medioriente, Nordafrica, Sahel e Africa subsahariana. Continua a leggere QUI 

®wld

L’oro della Francia e l’oro di Gheddafi

 

Sei anni fa oggi gli Stati Uniti hanno aiutato l’omicidio di Gheddafi … per fermare la creazione della sostenuta moneta d’oro. 

di Claire Bernish 20 ottobre 2017 dal sito web TheFreeThoughtProject

Sei anni fa oggi, l’Occidente ha usato e preso per se stesso la NATO per rovesciare il leader libico Muammar al-Gheddafi – non per minacce umanitarie ai civili come è stato ripetutamente detto – ma perché il suo pianificato piano era di immettere in tutta l’Africa una nuova valuta da utilizzare che rappresentava una minaccia esistenziale palpabile alle banche centrali nel cuore del sistema finanziario e politico occidentale.

Lunga teorizzazione per essere il veicolo effettivo per la caduta di Gheddafi, il motivo monetario pan-africano basato sul dinaro d’oro, è venuto alla luce all’inizio del 2016 in una delle più di 3.000 email di Hillary Clinton rilasciate dal Dipartimento di Stato, convenientemente con la vacanza del nuovo anno per abbattere l’indignazione o ripercussioni.

Ma l’oltraggio va ancora oltre:

un sacco di false imposture sono state condotte nell’ulteriore rovesciamento del regime di Gheddafi che avrebbero dovuto ledere la fiducia del pubblico per motivi geopolitici dell’Occidente, come l’esempio primario di confluire in un conflitto inutile ogni volta che una nazione minaccia di ottenere un’elevata indipendenza.

Nel marzo 2011, in mezzo alla ribellione della Primavera araba, il caos è avvenuto nella seconda città più grande della Libia, Benghazi – e l’Occidente e i suoi alleati rapidamente capitalizzarono su questi eventi per partecipare ad una vera e propria falsa ribellione.

Citando una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per invocare una zona di non volo sopra Libia per “proteggere i civili”

  • gli Stati Uniti
  • UK
  • Francia,

… e altri hanno iniziato una campagna di bombardamento il 19 marzo – in realtà, ovviamente, quella protezione era del monopolio della banca centrale e, in particolare, degli interessi finanziari della Francia nella regione storicamente coloniale-francese.

“Lo stiamo facendo per proteggere la popolazione civile dalla follia assassina di un regime che, sta uccidendo il proprio popolo, e che ha perso tutta la legittimità”, La violenza del presidente francese Nicolas Sarkozy, ha giocato un ruolo fondamentale nella morte definitiva di Gheddafi.

“Il colonnello Gheddafi ha fatto succedere questo: ha mentito alla comunità internazionale … Continua a brutalizzare il proprio popolo”, ha affermato anche il primo ministro britannico David Cameron.

“Non possiamo permettere che il massacro dei civili continui”.

Come capo del Dipartimento di Stato americano, Hillary Clinton intonava la narrazione scritta, annunciando l’intervento in Libia come la necessità di,

“proteggere i civili e fornire l’accesso all’assistenza umanitaria”.

Negli anni che avevano portato alla decisione di rovesciare il governo libico, Gheddafi aveva apportato modifiche alla storia del terrorismo della nazione, accettando anche di abbandonare e smantellare i suoi programmi di armi chimiche e nucleari.

Infatti, Gheddafi ha così migliorato la reputazione della Libia, gli Stati Uniti hanno rimosso la nazione dai suoi sponsor statali del terrorismo nel 2006.

Ma tutto ciò non era servito a niente una volta che Gheddafi cercò di centralizzare le banche africanei per il bene di milioni di persone in Africa. 

Nel memo di cui sopra rilasciato dal Dipartimento di Stato, Clinton confidante di lunga data di Sidney Blumenthal scrisse al segretario di Stato il 2 aprile 2011, sotto il titolo “l’oro della Francia e l’oro di Gheddafi”, su pertinenti e numerose preoccupazioni riguardo all’assedio in corso in Libia.

Sembrava che Blumenthal avesse sconfitto Gheddafi e che sarebbe stato un compito più ingombrante di quello originariamente immaginato, in parte perché il leader aveva “risorse finanziarie quasi senza fondi per continuare indefinitamente” a combattere la NATO e le forze alleate. 

Blumenthal ha scritto:

“Il 2 aprile 2011 le fonti con accesso ai consulenti di Saif al-Islam Qaddafi hanno affermato con la massima fiducia che mentre il congelamento dei conti bancari stranieri di Libia presenta a Muammar Gheddafi sfide gravi, la sua capacità di dotare e mantenere le sue forze armate e servizi di intelligence resta intatto.

Secondo le informazioni sensibili a disposizione di questi individui, il governo di Gheddafi deteneva 143 tonnellate di oro e una somma simile in argento.

Durante la fine di marzo del 2011 questi titoli furono trasferiti a SABHA (sud-ovest in direzione del confine libico con il Niger e il Ciad); titirato dalle volte della banca centrale libica di Tripoli”.

Infatti, l’estensione della minaccia per i monopoli finanziari centrali dell’Occidente dalla moneta d’oro puro, è fatta incredibilmente chiara come continua il memorandum ormai noto:

“Questo oro è stato accumulato prima della ribellione attuale ed era destinato ad essere utilizzato per stabilire una moneta pan-africana basata sul dinaro d’oro libico.

Questo piano è stato progettato per fornire, i paesi francofoni africani con un’alternativa al franco francese (CFA) “.

Fonte del commento:

Secondo gli esperti, questa quantità di oro e argento è valutata a più di 7 miliardi di dollari.

Gli ufficiali francesi dell’intelligence hanno scoperto questo piano poco dopo l’inizio dell’attuale ribellione e questo è stato uno dei fattori che hanno influenzato la decisione del presidente Nicolas Sarkozy di impegnare la Francia nell’attacco contro la Libia”.

Quelle fonti non nominate citarono cinque importanti punti di preoccupazione per Sarkozy sul piano innovativo di Gheddafi per sfuggire al controllo occidentale:

  • Un desiderio di guadagnare una quota maggiore della produzione di petrolio
  • Aumentare l’influenza francese in Nord Africa,
  • Migliorare la sua situazione politica interna in Francia,
  • Fornire ai militari francesi l’opportunità di riaffermare la propria posizione nel mondo,
  • Affrontare la preoccupazione dei suoi consiglieri sui piani a lungo termine di Gheddafi per abbandonare la Francia come potenza dominante nella francofona Africa.

In quello che si potrebbe meglio descrivere una lettera scoraggiante – considerando gli eventi che seguirono – Gheddafi, ignorante della trama, ha scritto una lettera il 6 aprile al presidente Obama chiedendo di porre fine agli attacchi aerei condotti dalla NATO sulla Libia.

Affrontando il presidente come un “nostro figlio”, riferendosi al genetico patrimonio africano di Obama, il leader si è imbattuto in uno scritto [insolite ortografie e originali errori]:

“Siamo stati feriti più moralmente che fisicamente a causa di ciò che è successo contro di noi in entrambi gli atti e le parole dette da voi. Nonostante tutto questo sarai sempre nostro figlio qualunque cosa succeda.

Abbiamo ancora la speranza che tu continui ad essere il presidente degli Stati Uniti. Siamo speranzosi che tu possa guadagnare la vittoria nella nuova campagna elettorale.

Sei un uomo che ha abbastanza coraggio per annullare un’azione sbagliata”.

Gheddafi ha aggiunto che,

“per motivi di cooperazione economica e di sicurezza contro il terrorismo, sei in grado di mantenere la NATO fuori dalla vicenda libica per il bene comune.

Come sapete troppo bene, la democrazia e la costruzione della società civile non possono essere raggiunti per mezzo di missili e aerei, né sostenendo un membro armato di Al Qaeda a Benghazi”.

Ma il suo motivo – come è stato inviato pochi giorni prima del bombardamento, in cui Gheddafi ha insistito –

“anche se Libia e gli Stati Uniti entreranno in guerra, Dio non voglia, sarai sempre mio figlio” – ma purtroppo è caduto su orecchie intenzionalmente sorde.

Il 20 ottobre 2011, Gaddafi tentò invano di fuggire dalla città di Sirte, e la Libia è scesa in gran parte sotto il controllo ribelle e della NATO, sostenuto alla fine del mese da un occidentale. 

La reazione deplorevolmente spietata di Hillary Clinton,

“Siamo venuti, abbiamo visto, ed è morto”, ha dichiarato in un’intervista poco dopo l’omicidio vergognoso di Gheddafi.

Come al solito, gli Stati Uniti e le loro controparti occidentali hanno lasciato il paese ai propri dispositivi dopo aver tagliato la nazione prosperosa.

“Oggi non esiste un governo Libico: sono semplicemente una massa che pattugliano le strade e si uccidono l’un l’altro”, ha detto il senatore dello sato della Virginia, Richard Black alla RT per il disordine lasciato indietro.

E nonostante tutto, prima del colpo di stato in Libia,

“I libici hanno un livello di vita incredibilmente elevato, il più alto in Africa”, ha dichiarato RT all’avvocato internazionale Francis Boyle.

“Quando sono andato in Libia nel 1986 sono rimasto sorpreso dal potere delle donne. Quello che ho visto in Libia era che le donne potrebbero fare tutto quello che volevano”.

Tragicamente, come è ripetutamente detto, intorno al pianeta, qualsiasi nazione – non importa quanto funzionale e di successo sia – sarà annichilita dall’impero americano se ha o che i suoi alleati abbiano ragione sufficiente.  

Come ha notato il senatore Black – come potrebbe essere di qualsiasi nazione simile:

“Volevamo assolutamente spazzare e schiacciare la loro civiltà”.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

INGERENZE ALBIONESI

Omicidi e stragi, la guerra segreta degli inglesi contro l’Italia

“Colonia Italia”. Giornali, radio e tv: così gli inglesi ci controllano. Le prove nei documenti top secret di Londra. Sono cose che dobbiamo sapere. Quando si pensa alle ingerenze dall’estero nei confronti del nostro paese si pensa sempre agli Stati Uniti d’America. Ma basta aprire una cartina geografica e vedere dov’è l’Inghilterra, un’isola del Nord Europa, e dove sono stati per molti decenni – a ancora oggi – i suoi interessi economici, strategici, militari. In Nord Africa, nel Medio Oriente e in Estremo Oriente.

E cosa c’è tra la Gran Bretagna e i suoi interessi? C’è il Mediterraneo e, al centro del Mediterraneo, l’Italia. Quindi già dai tempi del Risorgimento, l’Italia per la Gran Bretagna era una postazione di fondamentale importanza, attraverso la quale poteva controllare i suoi domini e le sue rotte marittime. Poi l’Italia perde la Seconda Guerra Mondiale e, tra Gran Bretagna e Stati Uniti, c’è una visione molto conflittuale sul problema Italia: per gli Stati Uniti noi eravamo un paese cobelligerante, cioè che si era auto-liberato dal nazifascismo combattendo al fianco degli alleati.

Per la Gran Bretagna invece noi eravamo un paese sconfitto tout-court. Punto e basta. Quindi un paese soggetto ai vincoli, imposti attraverso trattati internazionali, dalle potenze vincitrici alle nazioni sconfitte. Questo ha determinato il corso degli eventi della storia successiva, praticamente fino ai giorni nostri. Al tavolo della pace, quando le grandi potenze vincitrici cominciarono a spartirsi il mondo in aree di influenza, all’interno del campo atlantico la Gran Bretagna pretese e ottenne, dagli Stati Uniti e dall’Unione Sovietica, una sorta di diritto di supervisione sull’Italia.

Quindi l’Italia, dalla Seconda Guerra Mondiale in poi, è paese che appartiene all’area di influenza britannica. C’è una differenza importante tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. Gli Usa hanno combattuto anche in Italia una guerra contro il comunismo. La Gran Bretagna non ha combattuto solo quella, ma anche una guerra contro l’Italia, in modo particolare contro quella parte della classe dirigente italiana del secondo dopoguerra – penso ai De Gasperi, ai Mattei, ai Fanfani, ai Vanoni fino ad Aldo Moro, sovranista – cioè, che pur nel contesto di un’alleanza internazionale, l’alleanza atlantica, si muoveva con una propria visione sulla base di un proprio interesse nazionale.

Era l’Italia del dopoguerra, uscita a pezzi, che però voleva crescere, riprendersi, ricostruire le proprie istituzioni, il proprio sistema economico. E per poterlo fare aveva bisogno di quella materia prima che è il sangue, l’ossigeno per ogni sistema, e cioè il petrolio, l’energia. Questo è stato all’origine di un conflitto con la Gran Bretagna che dura ancora oggi. La Gran Bretagna, che ha esercitato un controllo pressoché assoluto sul nostro sistema di informazione, ha usato la stampa, i giornali, gli opinion leader, gli intellettuali per orientare l’opinione pubblica e tentare di condizionare le scelte politiche dei partiti e dei governi.

Una di queste grandi scelte su cui la Gran Bretagna ha tentato di condizionarci è stata la politica mediterranea, la politica energetica e petrolifera dell’Italia. De Gasperi, presidente del Consiglio nel 1953, aveva il mandato britannico di sciogliere l’Agip. Mattei, nel 1953, era stato messo alla presidenza dell’Agip per scioglierla. E invece di sciogliere l’Agip lui fondò l’Eni, grazie anche a un decreto di De Gasperi. E dopo aver fondato l’Eni, Mattei cominciò ad attuare una propria politica.

Non era accettata l’Italia di Mattei, dell’Eni, al tavolo delle grandi compagnie internazionali, in modo particolare di quelle britanniche, con pari dignità. Era ammessa a sedersi, tutt’al più, su uno strapuntino, ma Mattei e l’Italia di quegli anni non volevano assolutamente dipendere dal punto di vista energetico dalla Gran Bretagna. Per cui cercarono autonomamente le fonti di approvvigionamento, offrendo ai paesi produttori di petrolio, che erano quasi tutti controllati dalle compagnie britanniche, condizioni più favorevoli.

C’era la famosa regola del fifty-fifty: 50% ai produttori, 50% alle compagnie petrolifere straniere. Questa era una regola imposta dalle “sette sorelle”. Mattei cambiò le regole dello scambio, proponendo il 25% alle compagnie e il 75% ai produttori: i paesi produttori trovarono più conveniente fare affari con l’Italia che non con la Gran Bretagna.

Questo disturbò parecchio gli inglesi. La rivelazione di questo libro è l’esistenza di una vera e propria macchina della propaganda occulta britannica. E questa macchina venne scagliata contro De Gasperi e contro il suo erede politico Attilio Piccioni, attraverso la macchina del fango. De Gasperi venne coinvolto in uno scandalo, il famoso scandalo Guareschi – De Gasperi delle lettere che poi risultarono false, fabbricate dalla propaganda occulta inglese, e Piccioni venne coinvolto in un altro scandalo, quello famosissimo di Wilma Montesi, la ragazza trovata morta su una spiaggia di Tor Vaianica.

Il figlio, Piero Piccioni, venne coinvolto in quello scandalo; e il padre, ministro degli esteri, sodale di De Gasperi e protettore di Enrico Mattei, venne travolto da quell’ondata di fango. Poi lo scandalo si rivelò infondato, perché le responsabilità del figlio di Piccioni non erano quelle che la campagna ispirata dalla macchina occulta britannica gli aveva attribuito, tant’è che Piero Piccioni qualche anno dopo fu prosciolto, risultò innocente.

Questo è solo un esempio di come la Gran Bretagna è intervenuta pesantemente nelle nostre vicende interne, e adesso ho citato due episodi che sono collegati alla guerra specifica energetico-petrolifera. L’Iran di Mohammad Mosaddeq, primo ministro, aveva nazionalizzato il petrolio britannico. La Gran Bretagna reagì imponendo l’embargo, e l’Italia dell’Eni e di De Gasperi violò quell’embargo. Winston Churchill, allora premier britannico – nel libro ci sono dei documenti desecretati inglesi – ordinò ai suoi apparati di “dare una lezione” agli italiani, perché avevano osato violare l’embargo imposto dagli inglesi contro l’Iran.

Sono emersi nuovi documenti sulla guerra scatenata dalla macchina della propaganda occulta contro Enrico Mattei. Attraverso la sua politica, Mattei emarginò progressivamente le compagnie che curavano gli interessi britannici, in aree che gli inglesi consideravano, per importanza – sto citando testualmente un documento – seconde soltanto alla Gran Bretagna stessa. Aree come la Libia, come l’Egitto, come l’Iran, come l’Iraq che per gli inglesi erano di vitale importanza. Mattei andò a ficcare il naso, con la sua politica, in queste zone, disturbando, anzi addirittura emarginando, nel corso degli anni, la presenza britannica.

In questi documenti Mattei venne definito dagli inglesi – cito testualmente – «un pericolo mortale per gli interessi britannici nel mondo».

E c’è un altro documento che fa venire la pelle d’oca. E’ del 1962. Gli inglesi dicono che Mattei «è una verruca, è un’escrescenza da rimuovere in ogni modo». Scrivono: «Abbiamo tentato di fermarlo in tutti i modi e non ci siamo riusciti: forse è giunto il momento di passare la pratica alla nostra intelligence».

Sei mesi dopo, Enrico Mattei morì in un incidente aereo che oggi sappiamo con certezza, anche sul piano giudiziario, essere stato causato da un atto di sabotaggio. Aldo Moro? La vicenda Moro si colloca esattamente nello stesso contesto della vicenda di Enrico Mattei. Aldo Moro è stato l’erede della politica mediterranea di Mattei.

Tra il 1969 e il 1975, Moro è stato l’ispiratore della politica estera italiana. Era ministro degli esteri in diversi governi, e riuscì a mettere a segno ulteriori colpi contro gli interessi inglesi. Certo, non è che gli italiani scherzassero, a loro volta. In Libia, nel 1969, con Moro ministro degli esteri, ci fu un colpo di Stato che rovesciò la monarchia filo-britannica e portò al potere il colonnello Muhammar Gheddafi, addestrato nelle accademie militari italiane.

E’ vero che Gheddafi cacciò via gli italiani, ma subito dopo nazionalizzò il petrolio, che era controllato dalle compagnie britanniche, espulse dalla Libia le basi militari britanniche e iniziò un rapporto privilegiato con gli italiani, grazie al quale l’Italia conobbe un periodo di grande benessere economico. E poi, negli anni successivi, ci furono altri colpi messi a segno, come in Iraq, dove il regime nazionalista aveva espropriato, nazionalizzato il petrolio controllato dalle compagnie britanniche.

E l’Eni era riuscita a penetrare anche lì, grazie ovviamente ai successori della politica energetica di Mattei, ma soprattutto grazie alla politica estera di Aldo Moro. Tra i documenti di “Colonia Italia“, ce n’è uno che veramente fa venire i brividi, riportato con tutti i suoi riferimenti archivistici, per cui chiunque voglia andare a controllare può farlo. Nel gennaio del 1969, il responsabile della macchina della propaganda occulta a Roma dice: «Attraverso la macchina della propaganda occulta non abbiamo ottenuto grandi risultati contro questa classe dirigente italiana». Quindi invita il suo governo: «Dobbiamo adottare altri metodi». Quali metodi? Questa parte del documento è oscurata ancora oggi.

E’ ancora oggi coperta dal segreto. Io chiedo continuamente agli opinionisti, ai direttori dei giornali, alla stampa: ma perché non chiedete al governo britannico la desecretazione di quella parte del documento, in cui sono spiegati gli “altri metodi” da utilizzare contro l’Italia a partire dal 1969? Nel 1969 ci fu la strage di piazza Fontana e iniziò una stagione di sangue, lo stragismo, il terrorismo, che toccò il suo punto più alto con il sequestro e l’assassinio di Aldo Moro.

E anche qui c’è da dire qualcosa a proposito dell’intervento britannico. Nel 1976 – questo è provato, perché lo dicono gli stessi documenti inglesi desecretati e conservati nell’archivio di Stato di Kew Gardens, a disposizione di tutti – ci fu un tentativo di colpo di Stato organizzato o progettato dagli inglesi nei primi sei mesi del 1976 per bloccare la politica di Aldo Moro.

Quel progetto venne sottoposto all’attenzione degli alleati francesi, tedeschi e americani. I francesi aderirono immediatamente, perché l’Italia era un concorrente temibile anche per i francesi, non solo per gli inglesi, mentre americani e tedeschi si mostrarono molto più scettici, e dissero agli inglesi: «Ma voi siete pazzi! Un colpo di Stato in Italia, a parte i contraccolpi negativi nell’opinione pubblica per l’alleanza atlantica, in Italia c’è una sinistra forte, c’è una organizzazione sindacale molto radicata, cioè ci sarebbe una reazione e quindi un bagno di sangue!» Gli inglesi allora misero da parte il progetto di un colpo di Stato vero e proprio, classico.

Però c’è un altro documento, pubblicato nel libro. Scrivono: «Visto che non è possibile attuare un colpo di Stato militare classico, per l’opposizione di Germania e Stati Uniti, passiamo al piano-B». Qual era questo piano-B? Purtroppo, anche in questo caso, come nel documento che ho citato prima, c’è soltanto il titolo. E il titolo è agghiacciante.

Testualmente: “Appoggio a una diversa azione sovversiva per bloccare Aldo Moro”. Quale poteva essere questa “azione sovversiva” naturalmente io non lo so, perché anche questa parte del documento è ancora oggi secretata, protetta dal segreto. A suo tempo venne oscurata persino agli americani e ai tedeschi.

E anche in questo caso non mi trattengo dal chiedere agli opinionisti italiani, alla stampa italiana: siamo in un paese in cui rivendichiamo tutti i giorni verità e giustizia; beh, quando ci troviamo di fronte a documenti di questo tipo, ma che ci vuole a chiedere agli inglesi di desecretare anche questo documento per capire quale poteva essere la “diversa azione sovversiva” contro Moro?

Magari non c’entra nulla con il sequestro e l’assassinio di Aldo Moro, le cui responsabilità  ovviamente ricadono sulle Brigate Rosse italiane. Magari, attraverso la desecretazione di quel documento, scopriamo che la diversa azione sovversiva con cui gli inglesi volevano bloccare Aldo Moro era soltanto una scampagnata della regina Elisabetta in Italia… Ci sono due documenti drammatici, che segnano due fasi drammatiche della nostra storia: piazza Fontana e l’assassinio di Aldo Moro. Entrambi questi documenti sono incompleti.

Sono ancora oggi secretati. E visto che la Gran Bretagna è un paese nostro amico, addirittura nostro alleato, sarebbe utile per noi sapere se questo paese amico ha avuto un qualche ruolo, oppure no, nella strage di piazza Fontana e nell’assassinio di Aldo Moro. Allo stato delle nostre ricerche, ho ragione di ritenere che oggi il controllo britannico sul nostro paese sia ancora più forte di prima.

(Giovanni Fasanella, dichiarazioni rilasciate a Claudio Messora il 12 novembre 2015 per la video-intervista “I documenti Uk che fanno gelare il sangue, da Enrico Mattei ad Aldo Moro”, pubblicata su “ByoBlu” per presentare il libro “Colonia Italia”, Chiarelettere – 483 pagine, euro 18,90 – che Fasanella ha scritto insieme a Mario José Cereghino. Il possibile ruolo occulto della Gran Bretagna nella “sovragestione” dell’Italia è tornato drammaticamente in primo piano nel febbraio 2016 con l’uccisione al Cairo del giovane Giulio Regeni, ingaggiato in Egitto da una Ong collegata all’università di Cambridge; secondo molte fonti indipendenti, tra cui l’ex inviato di “Panorama” Marco Gregoretti, il lavoro di Regeni sarebbe stato utilizzato dall’Mi6, il controspionaggio inglese.

La stessa intelligence britannica, sempre secondo Gregoretti, avrebbe “sacrificato” Regeni, utilizzando killer egiziani, per creare un incidente diplomatico tra Italia ed Egitto in vista di un possibile intervento militare italiano in Libia. E Fulvio Grimaldi, ex giornalista Rai, segnala che l’Italia, tramite l’Eni, ha raggiunto un accordo strategico con l’Egitto per lo sfruttamento di un immenso giacimento di gas, nel Mediterraneo, in acque egiziane, fatto che ha sicuramente irritato e preoccupato gli inglesi).

Fonte attiva: http://www.libreidee.org/

ARTICOLI CORRELATI:  

La verità sul Regno delle due Sicilie

TUTTO CIO’ CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLA STORIA

Egemonia

HAMBURG, GERMANY JULY 7, 2017: Russia’s President Vladimir Putin (L) and US President Donald Trump shake hands during a bilateral meeting on the sidelines of the G20 summit in Hamburg. Mikhail Metzel/TASS (Photo by Mikhail MetzelTASS via Getty Images)

 

La valutazione di Putin su Trump al G20
determinerà il nostro futuro

Postato da Davide su come donchisciotte

Articolo di: DI PAUL CRAIG ROBERTS

Sullo sfondo della riunione di Putin-Trump ci sono le aspirazioni di Israele e dei neocon. Sono queste che guidano la politica estera americana.

Perché Washington si impegna così tanto a rovesciare il presidente siriano Come si spiega l’improvvisa apparizione nel 21° secolo della “minaccia musulmana”? La preoccupazione su tale minaccia come fa ad essere coerente con le guerre fatte contro Saddam, Gheddafi ed Assad, leader che hanno soppresso il jihadismo? Come si spiega l’improvvisa apparizione della “minaccia russa”, pompata fino a farla diventare una pericolosa russofobìa priva di fondamento?

Le minacce musulmana e russa e le bugie usate per distruggere Iraq, Libia e parti della Siria sono tutte orchestrazioni che servono i desiderata di israeliani e neocon.

La lobby ebraica in America, fortemente presente in Commentary, Weekly Standard e New York Times, ha sfruttato l’11 settembre per costringere Bush ad intraprendere un “energico sforzo per detronizzare Saddam” (vedi qui e qui).

Saddam Hussein era un leader laico, il cui compito era di sopire i conflitt tra sunniti e sciiti e mantenere una stabilità politica. Lui, Assad e Gheddafi hanno soppresso l’estremismo che porta al jihadismo. Saddam non ha avuto nulla a che fare col 9/11, e sotto il suo governo l’Iraq non costituiva alcuna minaccia per gli Stati Uniti. Era stato un fedele vassallo, attaccò persino l’Iran per conto di Washington, che sperava di usare il suo paese per rovesciare il governo persiano.

Rimuovere leader secolari è ciò che crea il jihadismo. L’America ha scatenato il terrorismo musulmano con regime changes che hanno ucciso i presidenti ed hanno lasciato i paesi nel caos.

Fomentare il caos in Iraq è stato l’inizio, poi si è passati a Siria ed Iran. Questi due paesi sostengono Hezbollah, la milizia nel Libano meridionale che per ben due volte ha battuto l’esercito israeliano, inviato per appropriarsi delle risorse idriche.

Le guerre dei neocon in Medio Oriente servono a rimuovere i governi che forniscono sostegno militare e finanziario ad Hezbollah. Spingendo il jihadismo più vicino ai confini russi, queste guerre peraltro coincidono perfettamente con la politica statunitense della World Hegemony. Come ha espresso Paul Wolfowitz, sottosegretario alla Difesa:

“Il nostro primo obiettivo è impedire il riemergere di un nuovo rivale che costituisca una minaccia simile a quella sovietica. Per questo, dobbiamo impedire che qualsiasi potenza ostile possa dominare una regione le cui risorse, sotto un controllo consolidato, sarebbero sufficienti a creare una potenza globale”.

Israele vuole che anche Siria ed Iran finiscano nel caos come Iraq e Libia, così da poter rubare l’acqua nel sud del Libano. Se i due paesi vengono indeboliti, Hezbollah non avrà il sostegno militare e finanziario per resistere all’esercito israeliano.

I neocon hanno invece obiettivi più grandi. Vogliono attaccare Siria ed Iran per poter dirottare il jihadismo in Russia e Cina (quest’ultima ha anche una provincia musulmana che confina col Kazakistan). Provocando problemi interni a Mosca e Pechino, i neocon possono ridurre le loro capacità di ostacolare l’unilateralismo americano.

Ecco perché si fa guerra in Siria, nient’altro.

La “minaccia musulmana” è apparsa all’improvviso con l’attacco al WTC e al Pentagono. La colpa venne immediatamente data ai musulmani. Sebbene il governo americano sostenesse di non aver idea che un attacco del genere fosse in preparazione, sapeva sùbito chi l’aveva commesso. Ovviamente, i documenti lasciati sulla scena identificavano convenientemente i “terroristi”.

Ci sono 3.000 architetti e ingegneri che mettono in dubbio gli eventi di quel giorno. La spiegazione ufficiale della distruzione dei 3 edifici è tecnicamente senza senso. Ci sono infinite prove fornite da esperti. Basta andare in certi siti: Architects & Engineers for 9/11 Truth, Firefighters and First responders for 9/11 Truth e Pilots for 9/11 Truth. Cercate quel che alcuni funzionari stranieri hanno da dire sulla storia assurda raccontata da Washington. Che la gente creda alla spiegazione ufficiale è la prova del fallimento totale dell’istruzione in America. Gran parte della popolazione è incapace di pensare. La gente accetta tutto ciò che il governo gli dice, indipendentemente dall’assurdità.

Da dove viene la presunta “minaccia musulmana”? Che cosa l’ha prodotta? L’11 settembre è avvenuto prima che gli Stati Uniti distruggessero in tutto o in parte sette paesi musulmani, uccidendo, assassinando, rendendo orfani e spostando milioni di musulmani che stanno ora invadendo gli stati europei vassalli. Queste guerre su innocenti possono produrre terroristi, ma l’11 settembre è avvenuto prima delle guerre di Washington contro i paesi musulmani.

Bin Laden ed al-Qaeda erano alleati di Washington contro i sovietici in Afghanistan. Sicuramente non avevano le connessioni interne per superare tutte le 17 agenzie di intelligence americane, il National Security Council, tutti i servizi della NATO, il Mossad e la sicurezza dell’aeroporto per ben quattro volte, nella stessa ora e nella stessa mattina.

Inoltre, nell’ultimo video attribuitogli, bin Laden ha dichiarato di non aver nulla a che fare con quell’attacco. In generale, i terroristi si prendono la responsabilità anche solo per magnificare il movimento. Non ha senso che “il promotore” presunto destinato a rovesciare l’Occidente neghi la più grande umiliazione mai inflitta ad una potenza mondiale. Gli Stati Uniti vennero completamente umiliati, impotenti contro una manciata di musulmani muniti di taglierini. Questa umiliazione è un record mondiale che rimarrà per sempre. È impossibile che il presunto terrorista, bin Laden, non la rivendichi.

Anche solo questo fatto dimostra che bin Laden ed Al-Qaeda non hanno avuto niente a che fare con l’11 settembre.

Chiunque creda alla storia ufficiale, come chiunque creda che Oswald abbia ucciso JFK, che Saddam avesse armi di distruzione di massa e collegamenti con Al-Qaeda, che Assad abbia usato armi chimiche, che la bugia del Golfo di Tonchino fosse vera, che Sirhan Sirhan abbia ucciso RFK, che la Russia abbia invaso l’Ucraina, ecc., è ormai perso nella Matrix e non più salvabile.

Non so se la stupidità occidentale si estenda anche in America Latina, Africa ed Asia. Alcune persone in Venezuela, Ecuador e Bolivia, i cui governi sono regolarmente soggetti a regime changes voluti dagli americani, devono essere consapevoli del fatto che non sono in controllo del proprio destino. Ma quanto è diffusa la consapevolezza del desiderio di Washington di avere l’egemonia mondiale? Gli unici segnali in tal senso sono gli accordi, ancorché iniziali e limitati, tra Russia e Cina.

Ancora oggi nessun governo europeo ha fatto il collegamento tra le guerre di Washington, sostenute dall’Europa, ed i milioni di rifugiati che stanno invadendo il continente, intenti a rubarne il welfare e le donne. Sentiamo tutti i tipi di lamentele per gli immigrati, ma non si fa mai una connessione tra questi e le guerre europee sostenute dagli Stati Uniti.

Washington è stata così brava durante la guerra fredda a rappresentarsi come simbolo di pace, giustizia e verità che il mondo non riesce a vedere il suo volto satanico.

Ora che 16 anni di guerra inumana contro le popolazioni musulmane hanno distrutto la vita di milioni di persone, perché non ci sono 9/11 ogni giorno? Invece ci sono solo alcuni presunti attacchi terroristici condotti da individui, palesi false flag, come quelli in Francia e in Inghilterra. Ma niente negli Stati Uniti, “il Grande Satana”, cosa molto sospetta.

Il 9/11 è stato il “New Pearl Harbor” dei neocon per fare guerre per gli interessi propri ed israeliani.

Perché gli americani e gli europei non lo sanno? Perché non hanno media indipendenti ma presstituti.

Washington ha creato “la minaccia russa” quando la falsa accusa di Obama ad Assad sul suo presunto uso delle armi chimiche è fallita. Cameron aveva promesso l’appoggio britannico all’invasione della Siria, ma il parlamento gli ha votato contro. La Russia disse basta alle guerre, di aver raggiunto un accordo con la Siria: raccogliere tutte le armi chimiche e darle agli americani per distruggerle. Gli Stati Uniti stanno probabilmente usando queste stesse armi date dagli ingenui russi per fare attacchi chimici false flag.

Bloccati nei loro obiettivi di guerra contro la Siria, i neocon si sono infuriati con la Russia. Come osano intralciarci! Daremo loro una bella lezione! Washington ha così scatenato le ONG in Ucraina, finanziandole con 5 miliardi di dollari.

Non rendendosi conto della propria vulnerabilità, la Russia concentrata sulle Olimpiadi di Sochi ha improvvisamente scoperto che l’Ucraina aveva subìto un colpo di stato e che le popolazioni russe ivi presenti stavano subendo violenze. In passato, leader sovietici avevano assegnato le province russe alla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina dell’URSS. Questi russi attaccati dal governo neonazista installato a Kiev da Washington hanno chiesto di poter tornare nella madrepatria.

La Russia ha accettato di riprendere la Crimea, a causa della base navale nel Mar Nero, ma ha rifiutato le altre aree russe, Donetsk e Luhansk. Sperando contro ogni logica di convincere l’Europa di non essere aggressiva, Mosca ha rifiutato le repubbliche russe in difficoltà e le ha lasciate alla misericordia dei neo-nazisti di Kiev, che continuano ad attaccarli, violando ogni tipo di accordo.

La tolleranza di Putin alle provocazioni ed agli insulti fa apparire il suo governo debole agli occhi dei neocon, che continuano a demonizzarlo e a far pressioni per ulteriori sanzioni e basi militari vicine ai confini russi. Prima del suo incontro con Putin, Trump ha detto che “la Russia deve smetterla di ‘destabilizzare’ l’Ucraina ed altri paesi e deve ‘aderire alla comunità delle nazioni responsabili’”. Come può pensare che le cose stiano così?

Il desiderio dei russi di essere accettati dall’Occidente potrebbe finire per compromettere la propria sovranità, e gli americani lo stanno capendo.

I russi pensano anche che il terrorismo musulmano sia una minaccia globale. Mosca delira se pensa di raggiungere un accordo con Washington per combattere insieme il terrorismo. Non capiscono che quella è l’arma creata contro di loro.

Il jihadismo è stato prima usato contro l’esercito sovietico in Afghanistan. Poi contro Gheddafi in Libia. Poi, quando il piano di invadere la Siria con la scusa delle armi chimiche venne bloccato dal parlamento britannico e dalla Russia, Obama mandò l’ISIS a rovesciare Assad. Il generale Flynn, l’allora direttore della Defense Intelligence Agency, l’ha detto esplicitamente su Al Jazeera: è stata una “decisione deliberata”. Ecco perché le speranze della Russia di un fronte comune contro l’ISIS non hanno mai avuto alcun senso.

Il jihadismo è l’arma migliore di Washington con cui destabilizzare la Russia. Perché dovrebbe sconfiggerlo?

La disinformazione dei media occidentali raggiunge anche i russi, e forse anche i cinesi.

Persino gli analisti occidentali che rifiutano la storia ufficiale della Siria continuano a bersi la menzogna che Assad sia un dittatore.

Quando Putin incontrerà Trump, dovrà valutare se l’altro sia un vero presidente o un altro burattino dell’élite.

Nel secondo caso, dovrà prepararsi alla guerra.

Paul Craig Roberts

Fonte: www.lewrockwell.com

LInk: https://www.lewrockwell.com/2017/07/paul-craig-roberts/putins-assessment-trump/8.07.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org acura di  di HMG

Link diretto: https://comedonchisciotte.org/

La Cabala talmudica Babilonese

 

Fine del gioco babilonese – L’Inferno sulla Terra

 di PrestonJames, Ph.D il 28 febbraio

La causa principale di tutti i mali sul pianeta Terra è la Cabala talmudica babilonese, lo Stimato Veterano Preston James, oggi autore di Jonas Alexis ha disposto nei suoi articoli meglio di chiunque altro ovunque su Internet sull’ordine del giorno sul male segreto dei talmudisti babilonesi.

Il suo ultimo articolo sulla Kabbalah babilonese ha definito questo segreto nascosto molto bene, ma in bella vista sull’agenda globalista del NWO. L’agenda globalista dei Talmudisti babilonesi del NWO ha segnato e modificato seriamente la nostra vita in tutti i suoi ambiti e modi possibili.

La sentenza di questa Cabala che ha dirottato l’America sta lavorando duramente per bene per spogliarci di tutta la nostra ricchezza distruggendo la nostra Repubblica, balcanizzandola con un flusso continuo di guerre per i loro profitti personali.

In realtà, più si studia ciò che insegna il Talmud babilonese e la sua Kabbalah, più ci si rende conto che i suoi segreti e insegnamenti sostengono la distruzione dell’ordine sociale naturale, dell’America stessa e, infine, il mondo intero.

L’obiettivo finale della Cabala talmudica babilonese è quello di creare l’inferno sulla Terra. Finora hanno avuto abbastanza successo in molte nazioni del mondo, hanno portato guerre infinite, specialmente in Iraq, Afghanistan e Libia. Hanno portato disordine e fragore con bombardamenti su una massa di persone innocenti uccidendo donne siriane e bambini.

La talmudica Cabala babilonese BTC (nota anche come la mafia Khazariana KM)  è specializzata nelle nere arti del Darkside. Questo include il controllo del trauma mentale basato sul l'”omicidio dell’anima”, omicidi dissimulati dei nemici della BTC, spesso non riconosciuti come tali, numerose sono le operazioni compromettenti del male umano che spesso per servire come ricatto o esca coinvolgono numerosi bambini di politici e funzionari demenziali.

La Cabala talmudica Babilonese (BTC) fondamentalmente si muove nel mondo creando e prestando soldi falsi Fiat, ad usura perniciosa, e comprando, corrompendo l’umanità, compromettendo quasi ogni singola Amministrazione aziendale, ufficiali, grandi eletti e nominati. Quando si possono creare tutti i soldi che si vogliono e si ha bisogno, è abbastanza facile ottenere il controllo su quasi ogni singolo governo.

Una volta che si ha il controllo è possibile indirizzare la società nella direzione in cui si vuole, producendo massiccia tossicodipendenza, avendo il controllo sui reati, maggiore sarà la ripartizione sociale e la guerra, ognuna delle quali produce massicce morti, Il vero obiettivo segreto della Cabala talmudica Babilonese (BTC) è la sofferenza e la distruzione.

Quelli al vertice della BTC, nella maggior parte del mondo sono gli esecutori che attraverso le tre chiavi interbloccate stati-nazione-privati (la città di Londra Financial District (COL), Washington DC, e il Vaticano). Questo sistema viene utilizzato per raggiungere nello specifico l’agenda globalista NWO per il BTC e si basa tutto sulla creazione della morte, una notevole massa di morte, un’enorme salasso e orribile sofferenza umana, tutto fatto per fornire energia negativa al loro dio Satana e il Darkside.

Il BTC è così un male indicibile che è insondabile per la maggior parte delle persone che, anche se nelle loro teste sanno e si dicono che non può andare bene questa sinistra realtà. E’ questa mancanza di conoscenza che il mondo va avanti e corre senza pari a servire il puro male, che impedisce alle masse di salire a un gradino superiore e ripetere l’epurazione della Rivoluzione francese in tutto il mondo.

“Se le masse capissero veramente ciò che questo piccolo numero di criminali senza anima incredibilmente malevoli stanno effettivamente facendo essi aumenterebbero in massa dando loro la caccia come animali rapaci.” 

Finora Internet sta facendo un buon lavoro informando di questo più persone, ma il processo è lento e la maggior parte della popolazione non crede che tutto questo sia verità a meno che non sia “battezzato” a credere quello che viene annunciato e ripetuto al mondo tutte le sere in rete nelle notizie. Questa non è una probabile prospettiva, perché il telegiornale della sera viene consegnato alle reti dalla CIA creato per le notizie del cartello che funziona come un monopolio illegale che deve essere suddiviso in mille pezzi.

Attraverso il loro segreto governativo diviso in tre parti, il BTC sta lavorando duramente per implementare l’Agenda segreta intergenerazionale secolare satanica per creare l’inferno sulla Terra e ridurre la popolazione del 90% al primo punto della grande distruzione. Poi hanno in programma di sostituire gli esseri umani con il proprio derivato del gene-aggiunto ​​che si combina con l’AI e organi meccanici (ad esempio, un ordine del giorno dei transumanisti e quello di combinare “argilla e ferro”).

Finora erano sulla buona strada fino all’avvento di Internet, con la nuova stampa Gutenberg da cui è scaturita una forte rivolta populista che sta emergendo molto rapidamente, è diventata una grande e inaspettata preoccupazione per il BTC.

“Attraverso i loro tre segreti stati-nazione-separazione il BTC gestisce la maggior parte del mondo.”

Il Vaticano è il capo spirituale del segreto BTC; il COL è la testa finanziaria segreta del BTC; e il DC è il braccio militare segreto e l’acquisizione del BTC.

Questa distruzione programmata è prevista per includere una riduzione del 90% della popolazione mondiale da numerosi mezzi di guerra sofisticati compresi gli hard-kill e crimini progettati, e vari tipi di uccisioni-soft compresi gli alimenti tossici ingegnerizzati OGM, additivi tossici in vaccinazioni, fluoro nell’acqua varie sostanze chimiche tossiche spruzzate nei cieli.

La psicotronica avanzata può essere facilmente dotata di armi cambiando le frequenze specifiche e le forme d’onda usate per creare il cancro di massa, e le varie malattie tra cui per molti la morte istantanea.

L’agenda dei Globalisti del puro male NWO, naturalmente del BTC, comprende la distruzione di istituzioni umane naturali come la famiglia, i ruoli sessuali, il diritto fondamentale e la morale sbagliata, tutto sostituito dalla correttezza politica, la diversità, “la relativa morale”, tutti i tipi di strani innaturali nuovi ruoli sessuali (USG ha ora costruito un elenco di oltre cinquanta ruoli transessuali e intersessuali accettabili per i bambini e gli adulti che ora si sentono confusi).

Vi è stato un forte movimento nelle scuole pubbliche e alcune aziende per la costruzione di servizi igienici speciali transessuali presentando azioni legali contro i sistemi di scuola pubblica. L’inaspettata vittoria di Donald Trump a causa di un emergere esplosivo di enorme populismo ha improvvisamente portato gran parte di questo programma a una brusca frenata che ha creato una grande confusione del ruolo sessuale.

Il BTC è specializzato nello sporcare facendo proliferare la pornografia, la droga, la criminalità e perversioni di ogni varietà fino a far vedere di come è “stupido il goy”. Questa è la loro azione di commercio. Lo streaming continuo di drammi e omicidi in TV gli assalti all’anima umana servono a controllare la mente dei deboli e a suggestionarli affinché diventino inclini al crimine, alla violenza e alla devianza. 

Chi sono in particolare le persone che compongono il BTC. John Coleman MI-6 ha affermato che vi erano 300 famiglie che gestivano il mondo. Alcuni addetti ai lavori che hanno lasciato il sistema BTC hanno sostenuto che era una vecchia setta satanica segreta, un piccolo numero di famiglie che risalgono all’età antica di Babilonia. Altri sostengono che sia la “Vecchia Nobiltà Nera” famiglie che segretamente seguono il Vaticano.

L’impegno del BTC è quello di creare un nuovo ordine satanico secolare, il loro NWO attraverso la creazione di enorme caos, come la morte, la sofferenza, la disabilità e la distruzione. Essi credono che solo allora il loro Unito Satanico NWO sorgerà dalle ceneri. Se necessario, cercheranno una escalation che porti alla WW3 nucleare, mentre si nasconderanno nelle loro reti sottoterra, oltre 140 basi militari sotterranee profonde. Una volta attuato il loro NWO in forma definitiva, in un sistema – World, crederanno di essere resi Dei eterni da Satana.

La caratteristica che contraddistingue i talmudisti babilonesi BTC è la loro doppiezza, che eseguono in tutto il mondo è attraverso il loro denaro Fiat bancario. Chiunque si arrampica verso l’alto nel loro sistema deve essere abile a proiettare questa duplicità e il comportamento bifronte, che agisce bene sulla parte esterna, mentre al suo interno segretamente incredibilmente male oltre ogni immaginazione.

Il BTC continua a mentire con le loro notizie di cartello SICS attaccando erroneamente i sani movimenti politici e i media populisti che appaiono su Internet, definendole false News. Il BTC Controlla i maggiori Mass media (CMMM) è ovviamente e completamente controllato dal loro agente di controllo del caos, della CIA.

Un grande esempio recente di questa estrema doppiezza si riflette nelle accuse recenti quasi costanti trasmessi dal CMMM come se fosse un dato di fatto che la Russia ha violato le email del DNC e manipolato le elezioni facendo perdere la signora Clinton e che i russi hanno attaccato e invaso la Crimea e sono gli aggressori dell’Ucraina.

Queste sono ​​palesi menzogne, eppure il CMMM persiste nella trasmissione di questa doppiezza di propaganda della satanica cabala talmudica babilonese che ha dirottato l’America fin dal 1913.

Nonostante quello che asseriscono e abbracciano continuamente, traditori come i senatori John McCain (dove non si è ancora fatto luce) e Lindsay Graham,  è un fatto facilmente dimostrabile che il segreto esercito mercenario dell’ISIS è stato creato dalla CIA, Israele e Arabia Saudita. L’USG accusa costantemente Assad e l’Iran della creazione di questo, quando in realtà è il BTC.

E’ tempo che il popolo americano si senta dire la verità su questo, e la Maggiore Controllata dei Mass media (CMMM) dovrebbe impedire di continuare ad avanzare palesi menzogne e travisamenti del BTC.

La vera novità di questa completa doppiezza è perché i maggiori media di massa sono controllati dalla (CMMM) composta da sei uniti organi conglomerati subordinati a livello globale e gestito da una grande casa di investimento con sede in Svizzera. Alcuni addetti ai lavori sostengono che questa casa di investimento che sostiene di essere all’avanguardia degli investimenti è un derivato dei Cavalieri Templari.

La Cabala e le sue sei parti sono controllate dai Maggiori Mass Media News e che il Cartello non si è mai aspettato di perdere le elezioni a favore di Trump,  e tengono il broncio.

Il CMMM sta incolpando Internet accusandolo di divulgare false notizie, quando in realtà è esattamente l’opposto, è la CMMM in sé la notizia falsa. Ed è diventata una notizia falsa subito dopo il BTC nella Città di Londra dove centrali e privati sionisti ​​Banksters  hanno dirottato il sistema di creazione e distribuzione di denaro americano nel 1913 con il passaggio alla loro Federal Reserve Act.

La Federal Reserve System (FRS) non è una banca, né una riserva, né è qualsiasi tipo di agenzia USG. E non sono mai stati valutati problemi di quanto denaro fiat sia stato creato, abbastanza per pagare segretamente fuori qualsiasi politico o sistema bancario straniero che desiderava.

La FRS del BTC è la causa principale di funzionamento di tutto il male talmudico satanico babilonese che si è scatenato in America e così in gran parte del mondo. La sua opera è una progressione continua di guerre illegali perpetue da vincere che non vengono dichiarate,  guerre incostituzionali e impossibili.

La ragione è che fin dall’inizio del 1913, la FRS è stato un istituito che ha inghiottito il mondo intero in una rete di debito, alterandolo e trasformandolo a diventare un debito bomba in tutto il mondo progettato per distruggere più che mai la società facendola schiantare. Sembra che ci stiamo rapidamente avvicinando quel punto finale.

Se Satana è il vostro Dio e amate le opere del male e tutte le ricompense terrene che potrete avere al costo di altre persone e della loro stessa vita, sarete soddisfatti di quello che la talmudica cabala babilonese (BTC) ha previsto per l’America e per il mondo. In caso contrario, ci si sentirà molto, molto infelici e dovremmo essere abbastanza motivati ​​a lavorare per estirpare il loro male, dell’agenda satanico globalista del NWO per fermarlo.

Ci è voluto un po’ per far capire alla Cabala che Internet è la nuova stampa Gutenberg e che si è occupata dei loro gravi danni attraverso la creazione di un forte, diffuso populismo americano.

Molti, se non la maggior parte delle loro operazioni psicologiche segrete (Psyops) contro il popolo americano e la Repubblica americana sono stati completamente esposti su Internet da molti milioni di americani e in tutto il mondo. Si può immaginare la preoccupazione del BTC in questo momento e perché stanno lavorando duramente nelle speciali consultazioni di emergenza per cercare di catturare questa tigre.

Tuttavia non sarà facile e può essere impossibile. il vaso di Pandora è stato aperto ed è improbabile che si possa mai richiudere, il genio è uscito fuori dalla bottiglia e non potrà mai essere rimesso dentro. L’arresto dei media alternativi di Internet non è un facile progetto, la loro migliore scommessa sarà quella di istituire la censura e il blocco intermittente.

Se il contraccolpo dovesse diventare troppo serio e diffuso, potrebbe anche anche verificarsi una grande rivolta americana a tutti i livelli, anche all’interno del DC, i militari e le agenzie d’Intel. Alcuni addetti ai lavori stanno ora sostenendo che c’è un enorme scissione e ribellione all’interno della NSA e altre agenzie di Intel, tra un po’ potrebbe trapelare quello che stanno facendo, tra cui tutte le telefonate segrete e le e-mail tra i politici corrotti.

In questo momento, in base alla copertura del pozzo profondo collocato all’interno delle fonti, la Cabala ha riconosciuto questo problema e sta eseguendo numerosi speciali incontri di “emergenza” nei loro think tank, fondazioni senza scopo di lucro e le ONG su come neutralizzare l’informativa sulla verità da quel massiccio numero di siti alternativi, web, media, Internet che sinceramente esporranno i loro principali crimini Rico (Ricattatori Influenzati a Corrompere Organizzazioni).

La Cabala ha indotto alcuni dei loro associati che controllano i principali motori di ricerca Internet o social media ad iniziare a censurare alcuni Truthers (teorici della cospirazione).

Il tempo a determinare il risultato di questa battaglia per l’esistenza continuata della nostra stessa Repubblica e le nostre stesse vite che ora vengono seriamente minacciata dalla Cabala. Speriamo che gli americani continueranno a svegliarsi e a riprendersi indietro la loro Repubblica dai satanisti talmudici babilonesi che hanno dirottato l’America nel 1913 e che hanno proceduto a spogliarne gli asset della nostra ricchezza, distruggere la nostra lingua, le frontiere e la cultura.

Restate sintonizzati, perché una cosa è certa. Questa battaglia dei secoli tra il bene e il male sta raggiungendo lo stadio finale.

Fonte: http://www.veteranstoday.com/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da