Archivi tag: Kronos

L’epoca del Ferro: l’epoca in cui viviamo

 

Epoche & Eoni: cicli di comprensione cosmica

Potremmo essere entrati in una nuova epoca, o almeno così ci dicono alcuni scienziati. L’Antropocene è un’epoca geologica caratterizzata dal notevole impatto dell’umanità sulla superficie della Terra. L’epoca precedente era l’Olocene interglaciale, iniziato dopo la quarta era glaciale. Si dice che l’antropocene abbia avuto inizio con la rivoluzione industriale nel diciottesimo secolo. Altri sostengono che una sostanziale influenza umana sulla litosfera iniziò a 15.000 BP (BP = Before Present, la scala usata per lunghi periodi di tempo) quando l’attività umana lasciò le prime tracce sul disco. Altri specificano il 1945 come data chiara, a causa dell’improvviso arrivo di materiale radioattivo negli strati rocciosi dall’esplosione delle bombe atomiche.

Come termine, Antropocene mi ricorda i concetti esoterici delle epoche e dei cicli dell’umanità, eoni ed epoche. Una credenza nei cicli cosmici è stata specificata come una delle caratteristiche tipiche dell’esoterismo. Questa categorizzazione della storia e della preistoria è uno dei numerosi esempi in cui idee religiose ed esoteriche esistono in una simbiosi con idee scientifiche e secolari. Concetti scientifici come l’età della pietra, del bronzo e del ferro devono la loro esistenza al mito; le moderne idee esoteriche di sviluppo umano, di età e cicli cosmici, attingono alla conoscenza scientifica del periodo.

L’Antropocene è in parte uno strumento per evidenziare la misura in cui l’umanità sta attualmente influenzando l’ambiente globale. Tuttavia è tipico della scienza materialista che viene valutato solo l’impatto fisico del genere umano sul mondo. L’umanità appare nell’immagine geologica principalmente a causa del danno che abbiamo fatto. In contrasto con questo, teorie esoteriche di eoni, epoche e cicli tipicamente vedono nell’umanità uno sviluppo verso una forma di coscienza sempre più spirituale, o una discesa da un’età dell’oro in una barbarie, o la ripetizione di cicli di una varietà di divina o cosmica influenza.

La differenza tra sistemi scientifici di età e sistemi esoterico-religiosi è questa: i sistemi scientifici si basano su misurazioni, sistemi esoterici sul valore. Il miglior esoterismo incorpora la conoscenza scientifica e pratica in una visione del mondo che ha un significato cosmico e riconosce lo sviluppo umano psicologico e spirituale. Le tecnologie dell’esoterismo sono quelle della trasformazione personale e della scienza sacra. L’esoterismo si occupa del significato interiore di qualunque fenomeno tocchi, siano essi di religione, mito o scienza.

Era un’età dell’oro

Probabilmente il sistema occidentale più familiare degli anni è quello del mondo classico. Siamo così abituati alle medaglie d’oro, argento e bronzo delle Olimpiadi moderne che la combinazione e l’ordine di queste medaglie ci sembra a malapena strano. Fu Esiodo nell’VIII secolo aEV che per primo scrisse dell’età dello sviluppo associata ai metalli, e sicuramente stava attingendo alla tradizione esistente. Il racconto di Esiodo segue la storia di Prometeo che porta il fuoco all’umanità e Zeus che punisce l’umanità modellando Pandora con l’aiuto degli altri dei, la cui infame scatola scatena mali e sofferenze sul mondo, con la speranza come unica qualità positiva. Esiodo descrive cinque epoche: oro, argento, bronzo, gli eroi e infine il ferro, l’epoca in cui visse e viviamo ancora.

Nell’età dell’oro, governata dal titano Kronos, l’umanità era libera dal lavoro e dalla cattiva salute, le persone vivevano lunghe vite felici e morivano pacificamente nel sonno. Dopo la morte le persone vivevano come buoni spiriti della terra che proteggono e portano ricchezza. La razza d’argento è stata modellata e governata dagli dei dell’Olimpo. Erano anche longevi da bambini, ma una volta cresciuti fino all’età adulta combatterono e furono uccisi, abbandonando gli dei. Questi vivono come spiriti degli inferi.

Le persone dell’età del bronzo erano forti e potenti ma tenaci, morenti in guerre. La nostra epoca è quella del ferro, a cui Esiodo affida una serie di guai mescolati solo con un po’ di buon gusto degli dei. Esiodo ci dice che preferirebbe che non fosse nato che vivere nella nostra era di ferro. Tra l’età del bronzo e il ferro era l’era eroica. Il suo stato anomalo, non essendo associato a un metallo, suggerisce che è stato aggiunto allo schema in seguito. L’era eroica era l’era degli eroi e dei semidei del mito greco, dai Sette di Tebe ai partecipanti alla guerra di Troia. Vivono nelle isole benedette.

I miti possono codificare imperativi sociali, tabù, giustificazioni per i rituali e verità spirituali e psicologiche. Possono anche conservare antichi ricordi popolari. L’età archeologica della tecnologia dei materiali, ovviamente, mostra che il bronzo veniva usato prima che il ferro venisse fuso. Il moderno triplice schema scientifico dell’età della pietra, del bronzo e del ferro deriva da Michele Mercati nel XVI secolo, con numerose suddivisioni e raffinamenti apportati come prova accumulata e lo schema sviluppato. La comprensione scientifica dell’età archeologica della tecnologia dei materiali deve la sua ispirazione al mito greco dell’era del metallo.

Nel libro V di La natura dell’universo, Lucrezio, scrittore romano del I secolo a.C., descrive un progresso nell’uso umano della pietra, del rame (e quindi della sua amalgama, del bronzo) e poi del ferro. Lucrezio era un epicureo e in molti modi un precursore del razionalismo moderno. Il suo metodo non era basato sulla sperimentazione e la misurazione, ma sull’assegnazione di spiegazioni materialistiche naturali ai fenomeni. Pertanto, Lucrezio attribuisce la conoscenza dell’umanità all’uso del fuoco non a Prometeo, ma alla visione di incendi boschivi causati da un fulmine. Suppone che l’umanità abbia imparato a odorare i metalli dal vedere i risultati di un incendio boschivo sul minerale. Lucrezio vede l’umanità svilupparsi in fasi, dalle tecnologie primitive alle civiltà avanzate del suo tempo, dall’uso della pietra al rame o al bronzo, e infine al ferro. È il mito del progresso.

Esiodo e Lucrezio offrono esempi dei due modelli opposti di sviluppo umano: una discesa e un’ascesa, da una parte una caduta dalla grazia e dall’altra la perfezione dell’età dell’oro e dall’altra uno sviluppo dalla barbarie alla civiltà.

La grande età e Yuga

Nella mente occidentale le quattro (o cinque) età greche, o almeno il concetto di età dell’oro, fanno parte della cultura comune. Le età astrologiche e gli Yuga indiani (indù, anche se ci sono anche adattamenti buddisti e giainisti) sono probabilmente i prossimi ben noti, il secondo principalmente tra quelli con tendenze spirituali, New Age o esoteriche.

Gli Yuga, che sono naturalmente ancora presenti nella cultura indù, sono i cicli più antichi e massicci. La lunghezza totale di una Grande Era (Mahayuga) è di 4.320.000 anni. I quattro Yuga hanno durate di proporzioni 4: 3: 2: 1, che vanno dall’età dell’oro Krita o Satya Yuga (età fortunata) a 4.000 anni divini, pari a 1.440.000 di anni umani, attraverso il Treta Yuga (terza età o di tre parti, 3.000 anni divini / 1.080.000 anni umani), Dwapara Yuga (Seconda Età, o di due parti, 2.000 / 720.000) e il nostro stesso Kali Yuga (Age of Conflict, 1.000 / 360.000 anni). Ci sono periodi addizionali che precedono e seguono ogni Yuga, ogni 1/10 della lunghezza dello Yuga.

Joscelyn Godwin cita la mezzanotte del 17 o 18 febbraio 3102 a.C. come l’inizio dell’attuale Kali Yuga, secondo gli astronomi indiani, e calcola la sua fine in 427.000 CE.1 Il Kali Yuga copre così il periodo che va dall’aurora più o meno all’alba della civiltà il futuro estremamente remoto. Questi lunghi periodi sono difficili da trovare significativi.

La vasta scala temporale ha spinto alcuni commentatori più recenti ad adattarsi a una scala più umana. René Guénon, il tradizionalista, suggerì di sbarazzarsi di tre zeri e di moltiplicarsi per 15. I periodi risultanti si collegarono con successo agli affari umani, con l’attuale Kali Yuga che terminava convenientemente nel 1999. Nonostante l’erudizione di Guénon, questo sicuramente equivale a un conveniente adattamento di un’idea difficile; d’altra parte è dovere dell’esoterismo occuparsi di ciò che è significativo. Il più noto ridimensionamento degli Yuga, forse meglio conosciuto dei periodi originali, è quello di Sri Yukteswar Giri, il guru di Paramahansa Yogananda, ampiamente conosciuto per la sua Autobiografia di uno Yogi. Nel sistema di Yukteswar di Yuga il Kali Yuga è già finito e ora siamo in un’era in cui l’Anno Grande scorre al contrario. Così i miti della discesa e dell’ascesa sono combinati.

In armonia con le loro lunghezze, gli Yuga sono associati a caratteristiche molto ampie della vita umana. Come con l’età d’oro dei greci, nel Krita Yuga gli umani hanno una lunga vita (4.000 anni), non hanno malattie e non hanno bisogno di lavorare. Il Kali Yuga è caratterizzato dall’avidità dell’umanità, da governanti irresponsabili, dall’uso diffuso di droghe e bevande e dalla continua migrazione di popoli. Una caratteristica indù caratteristica dei tempi è che ognuno ha un numero diverso di avatar del Signore Vishnu, con il Kali Yuga che ne ha solo uno, Kalki, che tornerà su un cavallo bianco per combattere contro il demone Kali (da non confondere con la dea Kali) che è il capo del tempo.

Questo è l’albeggiare dell’Era dell’Acquario

Le ere astrologiche sono ampiamente conosciute. Nella storia ufficiale della scienza fu Ipparco nel II secolo aEV che, nell’isola di Rodi, calcolò la precessione degli equinozi (vedi grafico a pagina 62 nella rivista). Nel II secolo CE Tolomeo, il grande astronomo / astrologo, elaborò che la precessione era dovuta ad una oscillazione della sfera stellata. La scienza eliocentrica alla fine ha determinato che l’oscillazione era nell’orbita terrestre.

Il grande anno delle età astrologiche è calcolato a 25.770 anni. Questo è in genere arrotondato a 26.000 anni, anche se la cifra è stata a volte inferiore e fino a quando il ciclo non è stato misurato correttamente si è ipotizzato che corrisponda al Grande Anno di Platone di 36.000 anni. Questo numero diviso per 12 dà 2.147,5 anni per un’età astrologica se i segni dello zodiaco sono equidistanti.

Si ritiene che il segno in cui sorge il Sole sull’equinozio primaverile (primavera) influenzi l’umanità nel suo insieme in un modo simile all’effetto dei 12 segni su un essere umano. Le età di Leone, Cancro e Gemelli mostrano l’umanità che emerge dalla preistoria, con i Gemelli, governati da Mercurio, associati allo sviluppo della scrittura, Leone che enfatizza l’importanza del Sole e Cancro quello della dea madre. L’età del Toro iniziò intorno al 4000-4500 a.C., a seconda del metodo di calcolo, ed è associata a culti di tori come quelli che si trovano in Egitto, in Assiria e Creta. Intorno al 2000 a.C., da un paio di secoli, l’equinozio di primavera Sun si trasformò in Ariete infuocato e guerriero. Questo fu un periodo di costruzione dell’impero ed età eroiche, di conquiste marziali e l’uso del ferro per le armi. Comprendeva anche lo sviluppo del monoteismo.

Da circa il 100 EV al passaggio dell’era cristiana – di cui, più in un momento – è l’alba dell’era dei Pesci. Le associazioni di pesci del cristianesimo, il simbolo della vesica piscis, i discepoli di pescatori che diventano pescatori di uomini e parabole e miracoli che includono il pesce, sono tutti in consonanza con Pesci. Pesci è anche degno di nota per la sua qualità da sogno, da qui la caratterizzazione dell’età dei Pesci come un tempo di inganno.

Guardiamo con speranza all’età dell’Acquario, ma ci sono molte opinioni su quando arriverà. Potremmo aver già superato la cuspide. Coloro che calcolano le ere astrologiche secondo i confini delle costellazioni piuttosto che le costellazioni zodiacali a 30 gradi equidistanti, calcolano che potrebbero volerci altri 600 o 700 anni prima di entrare nell’Acquario.

Molte affascinanti ricerche sull’archeologia e sull’astronomia suggeriscono che la conoscenza della precessione degli equinozi sia codificata nei miti da un’ampia varietà di fonti e negli allineamenti di siti antichi in tutto il mondo. Ciò renderebbe le ere astrologiche gli arbitri d’epoca per eccellenza. In queste ere la posizione dello zodiaco all’equinozio di primavera si allinea con la cronologia, la matematica e uno spirito del tempo che dura per due millenni. Lo spirito del tempo si manifesta attraverso sforzi umani su vasta scala come l’impero, la guerra e la civiltà, attraverso il simbolismo e le forme religiose.

Per noi, che ora risiedono a due millenni dall’inizio del nostro calendario cristiano, le ere astrologiche sono abbastanza estese da portare un significato oltre la lunghezza di una singola civiltà, ma non così tanto da essere incomprensibili in termini umani. Sebbene ci siano molte discussioni sull’inizio e la fine specifici delle età (sebbene la loro lunghezza non sia così controversa), lo schema è ammirevole. È come uno strumento delle giuste dimensioni e peso che si adatta comodamente alla mano.

Ha anche un valore predittivo carente negli Yuga e nelle età metalliche. Il sistema greco non offre sviluppo dopo l’età del ferro. Gli Yuga offrono un ritorno finale all’inizio del ciclo e una nuova età dell’oro, che è fonte di ottimismo. Ma le enormi scale temporali e il nostro posto all’interno del Kali Yuga possono solo permetterci di sospirare la miseria dell’umanità e la sua caduta dalla grazia. Le ere astrologiche cambiano per qualità diverse ma non sono caratterizzate da ascesa o discesa. Quando un’età diventa stanca e decadente, le qualità complementari possono essere a portata di mano nell’influenza della prossima era.

Da Adamo a Cristo

L’astrologia viene da Babilonia ed è stata formulata nella sua versione occidentale nel mondo classico pagano. Sebbene sia il cristianesimo che il giudaismo abbiano a volte avuto proprie forti tradizioni astrologiche, l’astrologia era vulnerabile alle critiche come una scienza pagana il cui simbolismo e termini di riferimento non esaltavano Yahweh o Cristo come le pietre portanti dell’universo. Secondo le ere astrologiche, il toro e il pesce sono semplicemente delle mode passeggere, anche se di una durata di 2000 anni. Così è toccato ai cristiani venire con i loro eoni e le loro epoche che attingevano alle loro mitologie e alla loro comprensione del mondo. Da un punto di vista cristiano e occidentale, gli Yuga e le età astrologiche stanno semplicemente girando in tondo.

La visione cristiana del tempo segue una linea non un cerchio. Corre dalla creazione alla distruzione, dalla Genesi all’Apocalisse, dalla Caduta all’Apocalisse. Tuttavia la linea può ancora essere divisa in sezioni, segnate dal carattere dei tempi, dallo stadio del processo di redenzione dell’umanità. Gli schemi cristiani ci portano fuori dal mondo antico e nel Medioevo.

Il nostro metodo occidentale standard di contare anni è in realtà un semplice sistema di due epoche, BC, Prima di Cristo, e AD, Anno Domini, l’anno di nostro Signore. Il sistema BC / AD non ha messo radici per diversi secoli dopo la sua invenzione nel 6° secolo. Riflette la divisione di base dell’Antico Testamento / Nuovo Testamento della Bibbia cristiana, ma non ha alcuna categoria per la Seconda Venuta. Non ha una qualità predittiva integrata.

Fu quel gigante d’influenza, Sant’Agostino, a formulare lo schema cristiano più influente dei tempi. Lo schema di Agostino utilizzava i sette giorni della creazione. Ispirato da Salmo 90: 4 (citato in II Pietro 3: 8), in cui “un giorno con il Signore è come mille anni”, ogni giorno era letteralmente un millennio. La settima età corrispondeva al settimo giorno, il sabato, giorno in cui Dio riposava dalle sue fatiche, ed era fuori dalla storia.

Ogni età di 1.000 anni potrebbe approssimativamente essere abbinata alle cronologie prodotte dalle genealogie della Bibbia. Le sei età erano:

  1. Da Adamo a Noè e il diluvio.
  2. Dal post-alluvione di Noè ad Abramo
  3. Da Abramo a David
  4. Da David alla prigionia in Babilonia
  5. Dal ritorno da Babilonia alla nascita di Gesù.
  6. Da Gesù alla seconda venuta.

Così viviamo nella sesta età, che continuerà fino all’Apocalisse. La sesta età è chiaramente e unicamente cristiana; tutte le epoche precedenti sono definite da figure ebraiche ma sono rivendicate per il cristianesimo. Non c’è alloggio, ad esempio, per i filosofi greci che sarebbero vissuti nella quinta era, o per Omero nella quarta età, non c’era spazio per consentire gli eroi greci o gli dei di Egitto, Grecia, Roma e altri paesi del Mediterraneo.

Che cosa può dire questo sistema di età sull’umanità e il mondo in generale? Le grandi civiltà dell’antichità, gli dei e le dee e i demoni, sono tutti spazzati via a favore delle tradizioni rubate di un popolo (gli ebrei) che non erano nemmeno inclusi nella nuova dispensazione religiosa a meno che non riconoscessero Cristo. C’era poco spazio per ogni epoca per avere la propria colorazione spirituale o psicologica o anche per un semplice ciclo di progresso o corruzione.

Quelle sei età permisero una trasformazione in arrivo nella settima età, ma Agostino collocò l’Apocalisse Cristiana abbastanza convenientemente nel futuro da non preoccuparsi per alcuni secoli.

Agostino assunse un regime ebraico esistente ma potrebbe essere stato influenzato da idee gnostiche. Nel secondo trattato gnostico del Grande Seth, la storia del mondo è effettivamente suddivisa in tre fasi. Barbelo, la divina figura femminile, visita Adamo, poi dona il seme a Seth, quindi più tardi al Cristo risorto. Nelle ulteriori estensioni dello gnosticismo troviamo analoghe demarcazioni della storia basate su personaggi importanti nella Bibbia. Bardaisan ha ideato uno schema che ha coinvolto 6.000 anni che hanno costituito un Anno Grande. La religione manichea è insolita nel riconoscere entrambe le figure bibliche di Adamo e Seth fino a Gesù e ai profeti non Abrahamo, inclusi Zoroastro e Buddha.

Padre, Figlio e lo Spirito Santo

Dopo la fine del primo millennio cristiano, le sei età di Agostino avevano ancora una certa validità perché l’inizio della sesta età e la letteralità del periodo di mille anni potevano essere contestate.

Gioacchino da Fiore (1132-1202) propose per la prima volta che la storia fosse ascesa attraverso tre stadi governati da ciascun membro separato della Trinità. Quindi, il periodo da Adamo alla nascita di Gesù era l’età del Padre, caratterizzata dalla Legge; da Cristo in poi era l’età del Figlio, che era l’era del Vangelo; ad una certa data nel prossimo futuro sarebbe l’avvento dell’Era dello Spirito o dello Spirito Santo. Abbott Joachim, che era un cattolico devoto, credeva che la terza età avrebbe portato il regno di Dio sulla terra. Questa terza età non richiederebbe più la Chiesa (che era solo un artefatto della seconda era), ma consisterebbe in monaci celibi in diretta comunione con lo Spirito Santo. Joachim credeva che la terza età sarebbe nata tra il 1200-1260 e quindi doveva morire credendo che fosse imminente. L’influenza di Joachim sullo sviluppo del cristianesimo sarebbe indiretta ma considerevole. Il suo concetto di sostituzione della Chiesa da parte di individui santi sarebbe raccolto da vari movimenti protestanti e si presterebbe ad essere utilizzato da successive sette cristiane antinomiane. Non c’era alcuna costrizione ad accettare la stima di Joachim degli albori dell’Era dello Spirito, quindi l’interesse per le sue tre età sarebbe riemerso in aspetti dell’esoterismo del ventesimo secolo.

L’Islam potrebbe seguire lo stesso approccio delineando le ere secondo i sei profeti menzionati nel Corano (Corano 19,21-22), mentre nell’Ismaili Islam una serie di emanazioni di Allah determinano le diverse caratteristiche dei secoli. Anche le religioni minoritarie del Medio Oriente come gli zoroastriani e gli yezidi avevano i loro schemi. Quella dei Drusi è degna di nota per uno schema di eoni che durerà per sorprendentemente 343 milioni di anni. Altri aspetti del loro schema poco conosciuto includono una serie di 159 maestri attraverso la storia, oltre ai sei profeti dell’Islam, con la storia che si sta deteriorando gradualmente fino a che non avviene una liberazione finale. Questi 159 maestri sono preesistenti ma sono in qualche modo controllati da Cristo e dai quattro evangelisti come figure cosmiche. Al di fuori dello scopo di questo articolo ci sono la grande rabbia delle epoche mitiche che si trovano in tutto il mondo come i cinque Soli dell’era azteca o il calendario Maya.

La vera religione di Noè

Isaac Newton (1642-1727) fu il fondatore della scienza moderna, ma anche un cristiano, astrologo, alchimista ed esoterista. A volte è stato caratterizzato come l’ultimo mago piuttosto che il primo scienziato moderno. Newton credeva che la vera religione fosse quella di Noè. Credeva anche che i Sabei, i Confucio, i Brahmini e i Pitagora ereditassero tutti questa saggezza post-diluviana. Mentre ognuna di queste figure e movimenti sorse, la luce della “vera religione” si rinnovò, per poi declinare costantemente fino al prossimo rinnovo. L’Egitto, tuttavia, secondo Newton, fu responsabile di gran parte della corruzione e del declino di questa vera religione, incluso il concetto della Trinità cristiana, che Newton aborriva.

Tutto ciò ricorda il familiare schema abramitico di una successione di profeti che periodicamente porta all’umanità la legge o la religione o la gnosi. Ma Newton ha integrato nello schema figure come Pitagora (e Hyram of Tyre, di fama massonica). Newton credeva che Pitagora avesse dato la matematica ai greci con una mano e la “vera religione” con l’altra.

Diventerà la caratteristica dell’esoterismo di incorporare figure di molte religioni e culture, non solo ebraiche e cristiane, nei modelli di sviluppo. L’esoterismo è interessato al significato interiore e al significato interiore delle tradizioni, di solito considera le religioni e le culture come una condivisione di principi fondamentali (o spesso considerandoli svalutati) e quindi può soddisfare quasi tutti i criteri. Data la sua natura scientifica, Newton vide queste figure profetiche come portatrici di scienze come la matematica e l’astronomia. La civiltà più pura e più antica era quella di Israele, da cui, con una notevole quantità di giocoleria cronologica, tutti gli altri copiarono.

Tutta la grafica per questo articolo è visualizzabile nella versione digitale o di stampa di questo numero.

La seconda parte di questo articolo, pubblicata su New Dawn 153 (Nov-Dic 2015), esamina come il concetto di razza fosse correlato alla storia esoterica, così come la cosmologia del ciclo della Teosofia, i “gyres” di WB Yeats, Thelema eoni, spin-off di GI Gurdjieff, tra cui Rodney Collin e JG Bennett, e il lavoro di Jean Gebser e Peter Carroll, e altro ancora.

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 152.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

®wld

L’ALBA DI UNA NUOVA ERA

Élites e Leaders europei alla cerimonia del S.Gottardo

INAUGURAZIONE SATANICA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO

Il 2016 è stato un anno di outing ed esplicite manifestazioni dei leader burattini dell’èlite occulta verso la fede dei loro superiori. Un caso che ha suscitato scalpore e scandalo non solo da parte cristiana è stata l’inaugurazione del tunnel tra le montagne del Gottardo che collegherà la Svizzera all’Italia alla velocità di 200 KM. Il luogo è conosciuto dalla gente del posto come “il ponte del diavolo” . Secondo l’antica leggenda la costruzione di un ponte in quel luogo era molto difficoltosa, tanto che uno svizzero disperato avrebbe venduto l’anima al diavolo pur di realizzarlo. 

Con questa promessa, il demonio apparve e diede il suo sostegno per la costruzione del ponte, ma in seguito fece arrivare una grande tempesta, distruggendo il ponte di due parti. La gente aveva paura di attraversare il ponte, pensando che il diavolo potesse far cadere le pietre. Ancora interessante notare come questo luogo, denominato San Gottardo, è parte di una rete segreta militare che risiede nelle grotte e nelle gallerie all’interno della montagna. 5

La cerimonia, ricca di simbolismo è stata un vero e proprio inchino al regno del Nuovo Ordine Mondiale satanico, con il saluto finale al serpente, finalmente pronto per essere adorato dall’umanità intera. Riti propiziatori, rituali di fertilità, magia sessuale simulazioni di orge, marce di druidi, risate demoniache in sottofondo. Immagini scioccanti e disgustose, alla quale hanno assistito ovviamente Renzi, Merkel, Hollande e i soliti europeisti “laici”. Descriviamo alcuni passaggi della cerimonia.

Il rituale inizia con la marcia di uomini e donne vestiti di arancione (che richiama l’outfit dei condannati di Guantanamo) dirigersi come zombie verso la “Rivelazione”, che poi si scatenano in maniera inconsulta simulando ritualità deliranti e sfrenate, facendo spazio a ritualità pagane con simulazioni di tipo orgiastico.

Le rappresentazioni delle tradizioni occulte secolari e i loro “ministri” terreni sfilano davanti al loro re lucifero, con tutti i segni magici degli antichi rituali misterici. Il caprone che rappresenta il dio Pan la divinità cornuta coinvolta nella stregoneria, perversione sessuale, stupri e pedofilia, festeggia con un ballo propiziatorio, mentre i sacerdoti della morte vestiti di nero con in mano alberi senza foglie vanno verso il portale tenebroso, man mano che si accendono le torce di lucifero sullo sfondo.

La scenografia a questo punto si sposta all’aperto davanti ad un mega maxi-schermo raffigurante una montagna. Un uomo tenta di scalare il potere e il regno di Eloah (la montagna di Sion, la roccia del Messia) con la propria forza, ma ogni tentativo fallisce. L’uomo cade, ma si rialza sempre aiutato dalla “fratellanza” massonica e della sua conoscenza occulta che spinge l’umanità verso l’alto. Ma finalmente grazie all’uso del Pentalfa (o stella a 5 punte) e il portale del tunnel, che porterà alla rivelazione si apre. L’apertura ispira l’umanità a spogliarsi delle vecchie tradizioni e creare una nuova un’umanità che rinasce in una lussuriosa e frenetica danza rituale di evocazione della divinità, affinché dia successo all’impresa. 

A questo punto sul maxi-schermo vengono raffigurati dei sacrificio umani attraverso il portale aperto al centro della terra, la mano di lucifero afferra alcuni operai e li divora.

Ora che il sacrificio umano è stato offerto, le divinità possono rivelarsi all’umanità. Ecco gli spiriti del sacrificio davanti all’occhio che tutto vede. Il sacrificio porta satana sulla terra sotto forma di caprone, ossia la “divinità” cornuta Pan della mitologia greca, una divinità metà uomo e con la testa di caprone.

Sul maxi-schermo viene proiettato il viso mefistofelico del diavolo con tre scarabei, che rappresentano la RINASCITA DEI RITI SACRIFICALI mentre le trombe in sottofondo danno il benvenuto a satana sulla terra.

Scene raccapriccianti, e urla estatiche e isteriche accompagnano la scena della sodomizzazione della donna con le ali che rappresenta lo spirito “femminino” di Jezebel da parte del caprone-satana mentre viene adorato dalle anime dannate e dagli spiriti immondi.

Adesso mentre due donne vestite di nero che rappresentano le sacerdotesse di Baal cantano un antico canto satanico germanico in italiano, alcuni personaggi sullo sfondo, con in mano rami secchi senza foglie e senza frutti (culto della morte) vanno a rendere il culto alla “radice” nascosta sotto terra. Il disco solare sullo sfondo rappresenta Amon-Ra il “dio nascosto” CHE SI RIVELA ALL’ALBA DI UNA NUOVA ERA e tutta l’umanità si inginocchierà e l’adorerà.

Ecco le genuflessioni davanti ad un enorme orologio proiettato sullo schermo, orologio che rappresenta il tempo, Kronos/Saturno, ossia satana che a questo punto esce dal tunnel-portale tra i salti di gioia dei suoi adepti che saltano di gioia, il regno della dissolutezza ha ora pieno potere sul mondo. 

Ed ecco la scena finale. Il treno proiettato sullo schermo, che rappresenta l‘antico serpente che secondo satanisti ed esoteristi avrebbe regalato la conoscenza al genere umano, si leva in alto e ascende al Cielo, per sedere al posto di Dio tra gli applausi e la gioia dei suoi devoti.

La cerimonia culmina con la celebrazione della morte di Cristo dove alcuni personaggi alzano un agnello morto che rappresenta il Salvatore. Pratiche del genere sono molto comuni nel mondo dell’occulto in cui la Crocifissione rappresenterebbe il fallimento della missione salvifica di Gesù.

«Essi combatteranno contro l’Agnello, ma l’Agnello li vincerà, perché è il Signore dei signori e il Re dei re e quelli con lui sono i chiamati, gli eletti e i fedeli». (Apocalisse 17,14)

Allora i re della terra e i grandi, i capitani, i ricchi e i potenti, e infine ogni uomo, schiavo o libero, si nascosero tutti nelle caverne e fra le rupi dei monti; e dicevano ai monti e alle rupi: Cadete sopra di noi e nascondeteci dalla faccia di Colui che siede sul trono e dall’ira dell’Agnello, perché è venuto il gran giorno della loro ira, e chi vi può resistere»? (Apocalisse 6,15) 

Eh sì, chi resisterà? Non riesco a credere a ciò che ho visto, la celebrazione di un culto satanico che celebra l’imminente instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale alla luce del sole, alla quale hanno anche assistito i leaders politici che si battono per la “società laica”! Nonostante tutto qualcuno ancora si ostina a chiamare l’evidenza “complottismo”. Essi vivono noi dormiamo era il titolo del film di Carpenter, ma si può ancora dormire quando la realtà ci viene sventolata in faccia preoccupandoci più dei goal segnati dalla nazionale italiana che dal sistema occulto che ha svuotato il mondo intero della dignità, oltre che della ragione e della retta fede? Un sistema di cui ancora oggi l’evidenza si vuol negare mentre gli èlitaristi proseguono dritto per la loro strada, ormai senza alcun katèchon. 

« E ciò che dico a voi lo dico a tutti: VEGLIATE!» (Marco 13,37)

Floriana Castro Agnello Antimassoneria Copyright © 2016

Se volete vedere il video della cerimonia inaugurale lo trovate in basso al link 6.

NOTE

1 Sintesi del film “Essi vivono noi dormiamo” di John Carpenter https://www.youtube.com/watch?v=gMlDx6Jk_Ws

2 Copin Albancelli, “Le Drame Maconnique: Le Pouvior Occulte Contre La France”, pp. 165-182.

3 Cfr. A. S. LaVey, The Satanic Bible («La bibbia satanica»), Avon Book 1969

4 I big della terra proni al culto pagano shintoista

http://www.lanuovabq.it/mobile/articoli-i-big-della-terraproni-al-cultopagano-shintoista-16305.htm#.V2VVh7vhHEV

5 La leggenda del Gottardo https://www.youtube.com/watch?v=WdIx0RQM484

6 Cerimonia satanica di apertura del tunnel del Gottardo https://www.youtube.com/watch?v=iqltRuQbs1k

Puoi leggere QUI l’intero e corposo articolo – Fonte LINK