Archivi tag: Kazakhstan

I Khazari: un popolo semi-nomade turkmeno

 

I misteriosi Khazari: un villaggio medievale dimenticato che dominava il Caucaso settentrionale e si convertì all’ebraismo  

di  dhwty  

“Il popolo Khazaro era un fenomeno insolito per il Medioevo. Circondati da tribù selvagge e nomadi, avevano tutti i vantaggi dei paesi sviluppati: la struttura del governo, un commercio vasto e prospero e un esercito permanente. Ai suoi tempi, quando un grande fanatismo e una profonda ignoranza contestavano il dominio dell’Europa occidentale, lo stato di Khazar era famoso per la sua giustizia e tolleranza. Le persone perseguitate per la loro fede provenienti da tutto il mondo accorrevano a Khazaria. Come una stella splendente brillava sul cupo orizzonte dell’Europa, e svaniva senza lasciare alcuna traccia della sua esistenza.” – Vasilii V. Grigoriev, dal suo saggio O dvoystvennosti verkhovnoy vlasti u khazarov (1835), ristampato nella sua raccolta di libri del 1876 Rossiya i Aziya  

I Khazari erano un popolo semi-nomade turkmeno che forgiò un grande impero commerciale nel Caucaso settentrionale durante il settimo secolo d.C. Nel corso dei secoli hanno esteso il loro potere includendo l’Ucraina orientale, la Crimea, la Russia meridionale, il Kazakistan occidentale e l’Uzbekistan nordoccidentale.

Moneta jázara: la famosa “Valuta di Moisés”, trovata come parte del Tesoro degli Spargimenti ed esposta al momento nel Museo di Götaland. (W.carter / CC BY SA 4.0)

Un’origine incerta

L’origine dei Khazari, arrivati ​​nella regione del Volga-Caucaso in un momento indeterminato della storia, non è chiara. È generalmente accettato che i Khazari fossero di origine turca e probabilmente migrati nella regione dall’Asia centrale. È stato anche suggerito che i Khazari avrebbero fatto parte del passato dell’Impero Hunnic del V secolo, essendo identificati come gli Akatziri menzionati dal diplomatico e storico bizantino Prisco di Panio.

Per la seconda metà del sesto secolo, i Khazari caddero sotto il dominio del khanato turco occidentale. Quando il khanato fu sciolto nella metà del secolo successivo, i Khazari fondarono il proprio Khanato, conquistando alcune delle vicine tribù bulgare, caucasiche e slave. I Khazari erano inizialmente cavalieri nomadi, anche se quando conquistarono queste tribù adottarono anche le loro pratiche agricole, diventando sedentari. Inoltre, i Khazari iniziarono a praticare il commercio, che permise loro di diventare in seguito un forte impero commerciale.  

 

Fortezza di Jázara di Sarkel (Belaya Vyezha, Russia). Fotografia aerea degli scavi effettuati da MI Artamanov negli anni ’30. (Di dominio pubblico)  

Le guerre Khazar-arabe 

Non molto tempo dopo la fondazione del proprio Khanato, i Khazari entrarono in conflitto con il Califfato Rashidun. Poco prima della sua morte, avvenuta nell’anno 644, il califfo Umar ordinò alle sue truppe di espandersi verso nord, verso il Caucaso. Fu, tuttavia, solo nel 652/3 quando fu combattuta la prima grande battaglia tra Khazari e Arabi vicino alla città di Balanjar. I Khazari riuscirono poi a respingere con successo gli invasori, e il comandante arabo, Abd ar-Rahman ibn Rabiah, incontrò la morte in battaglia. Nonostante la sconfitta, gli arabi continuarono la loro guerra contro i Khazari, e i loro attacchi continuarono a costringere i Khazari a ritirarsi nel Caucaso settentrionale. Tuttavia, le prime vittorie dei Khazari sugli Arabi contribuirono a bloccare l’espansione del Califfato verso nord verso l’Europa orientale.

I Khazari mantennero rapporti cordiali con l’altra superpotenza del momento, l’impero bizantino. Ad esempio, durante il settimo secolo, i Khazari fornirono assistenza militare all’imperatore Eraclio nella sua campagna contro i sassanidi. Inoltre, due imperatori dell’VIII secolo, Giustiniano II e Costantino V, sposarono donne khazare. E se ciò non bastasse, i Khazari proteggevano anche i bizantini dalle tribù nomadi delle steppe situate nel Caucaso settentrionale, dal momento che il loro Khanato era uno “stato cuscinetto”, bloccando le ostilità tra di loro.

I Khazari diventarono sempre più ricchi attraverso il commercio, facilitato in larga misura dalla loro posizione geografica. La rotta est-ovest collegava l’Estremo Oriente con l’Impero bizantino, proprio come la rotta nord-sud collegava le tribù slave con il Califfato. Entrambi dovevano passare attraverso le terre dei Khazari. I Khazari applicavano tasse doganali alle carovane che percorrevano queste rotte, contribuendo alla prosperità del Khanato.

 

Commercio di schiavi tra Rus e Khazar: “Il traffico di schiavi nel campo degli slavi orientali” (1913), olio di Sergej Ivanov. (Pubblico dominio)

I Khazari si convertono all’ebraismo

I Khazar scoprirono senza dubbio il cristianesimo e l’islam attraverso la loro interazione con i bizantini e gli arabi, così come i loro rapporti con i mercanti. Ma nonostante ciò, i Khazari non hanno adottato nessuna delle due religioni. Intorno all’ottavo secolo, il giudaismo cominciò a diffondersi tra i khazari, a seguito della presenza di coloni ebrei. All’inizio del IX secolo, il giudaismo fu adottato come religione ufficiale dal Khanato, che ne fece una zona neutrale tra i belligeranti cristiani bizantini e gli arabi musulmani. In ogni caso, i Khazari tollerarono altre religioni e tutte le credenze coesistettero pacificamente nel loro regno.

 

Disco circolare di metallo con una stella a sei punte nel contesto del Khazar Khanate, a volte interpretato come ebreo ma visto da altri come sciamanico o pagano. La natura circolare del disco potrebbe rappresentare il sole, con i 6 punti che sono i suoi raggi. (Pubblico dominio)

Nel decimo secolo, la Casata dei Khazari (Khazar-Khanate) iniziò a declinare. A nord ea ovest, un altro gruppo turco, i Pecheneg, stavano guadagnando forza. Inoltre, le tribù slave dell’est erano ora riunite sotto la Rus di Kiev.

Nell’anno 965, Sviatoslav I, Gran Principe di Kiev, lanciò una campagna contro i Khazari, li sconfisse e mise fine al Khazar Khanate. Curiosamente, non sembra che la lingua khazara sia sopravvissuta, e le informazioni scritte su questo villaggio sono state ottenute da fonti bizantine e arabe.

 

Sviatoslav I di Kiev (nella barca), cacciatorpediniere del Khanate Khazar. (Pubblico dominio)

Immagine di copertina: ‘Invencibles’, rappresentazione moderna di una battaglia tra Rus e Khazar. Fonte: Vladimir-Kireev / Deviant Art

Autore: Wu Mingren

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su www.ancient-origins.net ed è stato tradotto con il permesso.

Riferimenti:

Brook, KA, 2014. Un’introduzione alla storia di Khazaria. Disponibile all’indirizzo: http://www.khazaria.com/khazar-history.html

Istituto canadese di studi ucraini, 2001. Khazars. Disponibile all’indirizzo: http://www.encyclopediaofukraine.com/display.asp?linkpath=pages%5CK%5CH%5CKhazars.htm

Dugdale-Pointon, T., 2011. Khazar Khaganate. Disponibile all’indirizzo: http://www.historyofwar.org/articles/wars_khazar.html

Biblioteca virtuale ebraica, 2018. Khazar. Disponibile all’indirizzo: https://www.jewishvirtuallibrary.org/khazars

Brook, KA, 2014. Un’introduzione alla storia di Khazaria. Khazaria.com . Disponibile all’indirizzo: http://www.khazaria.com/ khazar-history.html

The Editors of Encyclopaedia Britannica, 2017. Khazar. Disponibile all’indirizzo: https://www.britannica.com/topic/Khazar

www.encyclopedia.com, 2018. Khazars. Disponibile all’indirizzo: https://www.encyclopedia.com/history/asia-and-africa/central-asian-history/khazars

La regalità discesa dal cielo

Il ritorno degli Anunnaki

Si crede che gli Anunnaki possano essere stati i creatori dell’essere umano. Questi possenti Dei hanno lasciato la Terra in un lontano passato, dicendo che un giorno sarebbero tornati. Curiosamente, se guardiamo in tutto il mondo alle antiche culture, la maggior parte di loro raccontano di Dei-Creatori, Dei-creatori che hanno promesso che un giorno sarebbero tornati.

Secondo alcuni ricercatori e autori di libri, gli Anunnaki sarebbero dovuti tornare sulla Terra al fine di “correggere ciò che avevano fatto male” al fine di accelerare un risveglio spirituale e l’evoluzione della coscienza umana.

Secondo una recente intervista con Stan Deyo gli Anunnaki potrebbero essere di ritorno sulla Terra, Stan ha detto che la NASA e il Pentagono ritengono che gli Annunaki torneranno con l’arrivo del pianeta Nibiru.

Ma … non è stato detto che Nibiru, gli Anunnaki e tutto quello che riguarda gli antichi astronauti sono inesistenti?

Nella mitologia sumera, gli Anunnaki erano un gruppo di dei e dee che nel bene e nel male sono venuti sulla Terra e, infine, hanno creato la razza umana.

L’esistenza dell’antica civiltà Anunnaki – Extraterrestri che sono venuti sulla Terra nel lontano passato, è stato a lungo conteso dai ricercatori, ma la loro esistenza e l’arrivo sul pianeta Terra è ben documentato in molti testi antichi da numerosi autori in tutto il mondo, ma che la storia ufficiale ha completamente ignorato.

È interessante notare, ci sono alcune culture africane le quali credono che gli esseri extraterrestri, abbiano e stiano visitando la Terra da decine di migliaia di anni, per esempio, le leggende Zulu parlano di un tempo in cui “i visitatori dalle stelle” sono venuti a scavare l’oro e altre risorse naturali. Queste miniere sono state costruite da schiavi creati dai “Esseri Supriori”.

Secondo alcune fonti e interpretazioni, questi dei venivano da Nibiru.

Gli Assiri e i Babilonesi chiamavano il pianeta X ‘Marduk’. I Sumeri hanno lasciato scritto che un anno (SAR) sul pianeta Nibiru, è l’equivalente in tempo di 3.600 anni sulla Terra.

No, dici che  Nibiru non esiste?

Beh, ci sono numerosi indicatori che suggeriscono vi sia un pianeta massiccio ai bordi più esterni del nostro sistema solare.

  • Secondo il Washington Post: “Un corpo celeste probabilmente grande come il pianeta gigante Giove è così vicino alla Terra che farebbe parte di questo sistema solare, è stato trovato nella direzione della costellazione di Orione da un orbitante satellite astronomico USA con a bordo un telescopio a infrarossi  … Gerry Neugebauer, chief scientist IRAS ha detto ‘tutto quello che posso dirvi è che non sappiamo di cosa si tratta’,”
  • R. Harrington nel 1988 ha scritto un articolo molto interessante nell’Astronomical Journal. Harrington ha menzionato che un pianeta tre o quattro volte le dimensioni della Terra esiste, la posizione è di tre o quattro volte più lontano dal Sole di Plutone. Secondo i modelli matematici che sono stati presentati, si ritiene che il Planeta X o Nibiru, abbia un’orbita di 30 gradi estremamente ellittica.
  • Nel 2008, i ricercatori giapponesi hanno annunciato che secondo i loro calcoli, ci dovrebbe essere un pianeta “sconosciuto” ad una distanza di circa 100 AU (unità astronomiche), che ha una dimensione fino a due terzi del pianeta Terra.

Molti sostengono come suggerito sopra che un pianeta come Nibiru potrebbe esistere

Secondo i testi antichi si ritiene che l’aspettativa di vita media degli Anunnaki era di 120 SARS, che è di 120 x 3.600 o 432.000 anni.

L’elenco dei re sumeri è forse uno dei più importanti testi antichi che descrive perfettamente un momento nella storia in cui letteralmente gli ‘Dei’ hanno governato la Terra da migliaia di anni. (Qui per saperne di più circa l’antica Lista dei re sumeri.)

“Dopo la regalità discesa dal cielo, il regno era in Eridu. In Eridu, Alulim divenne re; regnò 28800 anni. Alaljar regnò per 36.000 anni. 2 re; hanno governato per 64800 anni.” 

Uno dei dettagli più interessanti circa la lista reale sumerica è il fatto che, la prima lista descrive otto re che governarono la Terra per un totale di 241,200 anni, dal momento che la regalità originale era ‘discesa dal cielo’ fino al momento del ‘diluvio universale’, che ha colpito la Terra, ancora una volta, dopo il Diluvio “la regalità è ridiscesa dal cielo”.

DNA: La prova degli Dei? 

Secondo ricercatori provenienti dal Kazakistan: “La nostra ipotesi è che una civiltà extraterrestre più avanzata si era impegnata nella creazione di una nuova vita e diffusa sui vari pianeti. La Terra è solo uno dei pianeti”.

I ricercatori indicano che: “Quello che vediamo nel nostro DNA è un programma composto da due versioni, un codice strutturato gigante, e un semplice codice di base.”

Il gruppo di ricercatori crede al fatto che la prima parte di codice del DNA non è stato scritto sulla Terra e secondo loro è verificabile. In secondo luogo e, soprattutto, i soli geni non sono sufficienti a spiegare il processo di evoluzione, una evoluzione/brusca … ‘gioco’ ci deve essere qualcosa di più.

Secondo Makukov: “Prima o poi”, “dobbiamo accettare il fatto che tutta la vita sulla Terra porta il codice genetico dei nostri cugini extraterrestri e che l’evoluzione non è quello che pensiamo che sia”.

Le implicazioni di queste scoperte scientifiche rafforzano rivendicazioni da parte di altri individui e osservatori che affermano di aver avuto contatti con gli alieni che sembrano come gli esseri umani. alieni simili a quelli umani avrebbero potuto fornire una parte del materiale genetico necessario per l’evoluzione umana.

Citazione di News.Discovery: Questa interpretazione li porta a una conclusione inverosimile che: il codice genetico, “sembra sia stato inventato al di fuori del sistema solare già parecchi miliardi di anni fa.” Questa affermazione sostiene l’idea della panspermia, l’ipotesi che la Terra sia stata seminata con la vita interstellare. Johnny Appleseed ha dichiarato che questo è certamente un nuovo e coraggioso approccio di conquista della galassia, uno sforzo fatto da parte di esseri superiori …

Teorie alternative?

Secondo Gregg Braden – un autore americano di letteratura New Age, che ha scritto sul fenomeno 2012 e divenne noto per la sua affermazione che la polarità magnetica della Terra era sul punto di invertirsi, affermando inoltre che, abbiamo solo 20 dei 64 codoni nel nostro DNA. Ci si deve chiedere: “Perché la fonte della creazione ha limitato le nostre capacità genetiche disattivando la maggior parte del nostro DNA?”

Una teoria è che il nostro DNA è stato limitato dagli Anunnaki per tenerci in stato di sottomissione, di controllo, e conformi con i nostri padroni Anunnaki.

Molti ritengono che gli Anunnaki siano stati coloro che ci hanno controllato per milioni di anni, e conoscono la vera genetica dell’uomo. Molti autori sostengono che gli Anunnaki potrebbero essere gli dei citati in numerose culture che hanno promesso un giorno sarebbero tornati – avendo il controllo totale su di noi dal momento che sono i creatori dell’uomo.

Simon Parkes – un ricercatore di UFO – dice che abbiamo 12 filamenti di DNA e ogni filo è legato ad una specifica razza galattica. Ipoteticamente, se saremo in grado di trovare un modo per accendere ai latenti codoni nel nostro DNA, potremmo praticamente e istantaneamente fare qualsiasi cosa, come ad esempio curando ogni persona sul pianeta, così come la guarigione del nostro pianeta.

Foto di presentazione di YURISHWEDOFF

Fonte diretta: http://www.ancient-code.com/   

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Articolo correlato:  L’origine divina della tegalità