Archivi tag: istagram

I fantasmi digitali del WEB

 

“Shadow Banning” – L’ombra che vieta – è solo la punta dell’iceberg – Siamo tutti fantasmi digitali ora   

di Charles Hugh Smith dal sito di OfTwoMinds 

Se esegui una ricerca sul divieto dell’ombra, troverai siti che affermano di aiutarti a identificare se Twitter o Instagram hanno messo al bando l’ombra del tuo account. 

L’idea di base del bando dell’ombra è quella di spoofare l’utente messo all’ombra a credere che i suoi messaggi pubblici siano visibili a tutti mentre in realtà i post sono visibili solo all’utente o in alcuni casi ai follower degli utenti.   

La definizione di Wikipedia di mettere al bando l’ombra è: 

“Il bando dell’ombra (chiamato anche divieto di occultamento, divieto fantasma o ghosting di commenti) è l’atto di bloccare o parzialmente bloccare un utente o il suo contenuto da una comunità online in modo che non sia immediatamente evidente all’utente che è stato bannato.” 

Ecco la descrizione di whatis.com : 

“Il bando delle ombre è controverso perché consente a un amministratore o moderatore di diventare effettivamente un censore e impedire ad utenti specifici di interagire con altri membri di una comunità online su base paritaria.”  

Il bando dell’ombra e il divieto totale sono solo la punta dell’iceberg: 

chiunque pubblichi contenuti sul Web o sui social media è soggetto a controlli molto più sottili e completamente opachi su quanto della tua presenza digitale è stata fantasma – non solo nelle community dei social media ma nelle ricerche e in che modo i link al tuo sito / contenuti e – posts dei tuoi contenuti sono gestiti dal cartello tecnologico che controlla ciò che è visibile e “trovato” sul web e sui social media. 

Questo cartello è dominato da Google e Facebook

Google controlla oltre il 90% di tutte le ricerche: 

quali risultati di ricerca vengono visualizzati, il peso attribuito ai collegamenti (il page rank assegnato ai siti Web) e una varietà di altri fattori che possono essere ammortizzati, rimossi, omessi o bloccati da algoritmi e / o censori umani (anche amministratori) senza ricorso e senza che il sito o l’utente siano informati.

 

Mentre questo grafico mostra la posizione dominante di Facebook e Google nelle entrate pubblicitarie digitali, è un proxy approssimativo per il loro predominio nella condivisione della mente, i dati dell’utente raccolti e il controllo su ciò che viene visualizzato e non visualizzato nei risultati di ricerca e nei social media.

  

Ora siamo tutti fantasmi digitali e quanta parte della tua ombra digitale è visibile al mondo è segreta / opaca. In caso di violazione delle politiche aziendali o delle leggi applicabili sulla censura (come interpretato dagli avvocati della società), la società ti informerà che il tuo account è stato bloccato o vietato.   

In questi casi, gli utenti e i creatori di contenuti vengono informati della loro presunta violazione.  

Ma questa parte visibile della censura web / social media è solo la punta dell’iceberg. La maggior parte della censura è invisibile e non rilevabile

Ecco un esempio di come questo potrebbe funzionare. 

Secondo quanto riferito, Facebook ha basato uno dei suoi programmi di censura sull’elenco di PropOrNot dimostrabilmente fasullo (e prodotto in modo anonimo) che è stato pubblicizzato dal Washington Post nel 2016. 

L’elenco dei siti accusati di essere dei punti di propaganda russi era un portasacco di siti web di sinistra, destra e centro, il cui unico “crimine” stava pubblicando un po’ di scetticismo sull’incoronazione di Hillary Clinton.

Quindi una lista anonima falsa diventa il fondamento degli sforzi di censura di Facebook. 

Questo è esattamente il modo in cui la polizia segreta dell’ex Unione Sovietica operava: 

un’associazione falsamente segnalata divenne il fondamento della sorveglianza e l’impostazione di varie trappole e insidie ​​per catturare elementi anti-sociali nell’atto di minare il regime. 

Che l’associazione fosse falsa non ha più importanza. Ciò che conta è il tuo nome nell’elenco.

Risulta che oftwominds.com sia entrato nella moderna lista NKVD-Stasi di PropOrNot, che nonostante sia stata smascherata ha preso vita da sola nel Nuovo Stato di Polizia di Facebook, Google, e altri …
Potresti aver sentito parlare del traffico di un sito web mirato che improvvisamente precipita letteralmente al 30% o al 40% letteralmente durante la notte.
 

  

Beh è vero. Molti siti di sinistra e destra segnalano il loro traffico misteriosamente e improvvisamente precipitano senza alcuna spiegazione da parte degli organi di censura (Facebook, Google, et al.)  

È successo a noi questo mese. 

Ho dati sul traffico che risalgono al 2005 e il mio traffico (visite e visualizzazioni di pagine) è rimasto notevolmente stabile per anni. Il numero dei miei post a settimana rimane lo stesso, il mio impegno sui social media rimane lo stesso (per quanto ne so, heh) e il mio page rank rimane lo stesso (5) (di nuovo, per quanto ne so).  

Quindi quando il mio traffico scende, noto come se un interruttore della luce fosse spento.   

Spero che apprezzerai l’ironia che molti, se non la maggior parte delle classifiche pubblicate sul mio sito, provengono dal sito di dati economici della Federal Reserve (FRED).  

Ma questo è simile al cittadino innocente impigliato dall’NKVD o dalla Stasi per crimini non specificati contro il popolo che protesta contro la sua innocenza e buona cittadinanza: 

niente di quello che conta. 

Ciò che conta è il tuo nome sulla lista, e i nostri amministratori sono obbligati a monitorare la tua presenza digitale e ti ghostano digitalmente,

  • aggiustando i risultati della ricerca per ammortizzare la tua presenza 
  • link sottopeso da altri siti 
  • jam tenta di ri-pubblicare i tuoi contenuti,

…e così via.

Niente di tutto ciò è visibile o riportato. Succede tutto dietro le porte chiuse di Facebook, Google et al.

Proprio come gli impiegati leali del NKVD e della Stasi venivano costantemente informati che erano il baluardo del popolo contro i nemici dello stato, impiegati di Facebook, Google et al. viene detto che stanno esternando “notizie false” e “propaganda” (come quelle del database economico della Federal Reserve) che è dirompente e che crea divisioni.  

In altre parole, sono bravi tedeschi che fanno le offerte dei loro padroni, per stipendi molto belli, bonus e opzioni azionarie. Nel frattempo, i redditi di quelli segretamente ghostati senza processo o ricorso precipitano insieme al loro traffico.

Il risultato netto della perversa magia della censura del cartello tecnico è che solo i pochi facoltosi possono permettersi di continuare a postare contenuti originali dopo che sono stati fantasma.

  • Anche se Facebook, Google et al. ci rassicurano che non siamo stati ghostati, perché dovremmo crederci? 
  • Poiché l’intero apparato di censura è gestito da società private e a scopo di lucro in totale segretezza, su quali basi le loro assicurazioni sarebbero credibili o verificabili? 

Quasi l’unico baluardo contro il fatto di essere messi a tacere dall’odierna tecnologia aziendale – NKVD – Stasi è Patreon – individui che forniscono supporto finanziario di voci indipendenti e analisi perché apprezzano gli analisti indipendenti e i creatori di contenuti.  

Non importa se ti consideri a sinistra, a destra o al centro.

Se vuoi resistere alla censura segreta di destra e di sinistra, ti preghiamo di prendere in considerazione di sostenere i commentatori indipendenti e gli analisti che hanno migliorato la tua vita con valore, intuizione o intrattenimento.

Grazie, patroni e sostenitori finanziari di oftwominds.com e altri creatori di contenuti indipendenti. Grazie a te, anche se il cartello tecnologico può farci male, il nostro contenuto non può essere cancellato del tutto.  

Almeno non ancora…  

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

L’igiene digitale

La domanda non è secondaria.

Poco prima della morte del romanziere italiano Umberto Eco, un uomo di enorme erudizione, feceil seguente commento:

I social network danno il diritto di parlare a legioni di idioti che per primi hanno parlato solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la comunità. Sono stati ridotti al silenzio rapidamente e ora hanno lo stesso diritto di parlare come premio Nobel. È l’invasione degli sciocchi.

Questo era prima di un risveglio più o meno massiccio, anche se non sufficientemente proattivo, che si è verificato dopo il trionfo di Trump e la scoperta dell’influenza delle notizie false, delle telecamere di eco degli algoritmi e così via.

Qualchemese fa abbiamo pubblicato una nota sul nuovo libro di Jaron Lanier, dieci motivi per cancellare immediatamente i tuoi social network. Lanier sostiene che gli algoritmi dei giganti dei dati hanno creato un nuovo modello in cui “il comportamento degli utenti è il prodotto”, un comportamento, il tuo e il mio, che viene costantemente modificato.

Jaron Lanier è uno dei principali dissidenti della bolla della Silicon Valley. È considerato il padre fondatore della realtà virtuale, uno degli autori del protocollo internet 2; Attualmente lavora in Microsoft, ma solo come consulente, il più delle volte spende per comporre musica classica e scrittura. Lanier lo ha avvertito, insieme ad altre voci lucide come Douglas Rushkoff, per diversi anni. L’uso indiscriminato della tecnologia e in particolare dei social network attacca il meglio di ciò che è umano. Secondo Lanier, i social network sono laboratori sperimentali in cui siamo come i famosi cani di Pavlov.

Inun recente articolo su El País, che raccomandiamo caldamente, sulla situazione generale di internet e degli algoritmi, Lanier ha detto che ha notato gli effetti negativi della rete quando stava scrivendo un blog sull’Huffington Post. Nelle reti, “le persone normali diventano spesso idiote perché gli idioti ricevono la massima attenzione”. E aggiunge che Donald Trump, dipendente da Twitter, è un buon esempio di comportamento alienato e la stupidità delle reti “Non si comporta come la persona più potente del mondo, perché la sua dipendenza è ancora di più”. La soluzione per Lanier non accetta mezze misure. Mentre la tecnologia e Internet hanno cose positive, i social network non lo fanno. Quindi raccomanda di lasciarli.

La domanda è: i social network ci rendono davvero degli idioti? La risposta, crediamo, è sì. Lo stesso articolo cita il filosofo, anch’egli recentemente scomparso, Zigmunt Bauman, il quale riteneva che il vero dialogo (cioè la concomitanza del logos, della ragione) avvenisse con coloro che sono diversi da uno. Internet, che inizialmente era guidato dall’idea che ci collegasse con gli “altri”, oggi ci collega solo con loro, con riflessi tautologici dei nostri gusti. Come è stato notato dagli analisti, l’algoritmo di Facebook funziona come una “camera dell’eco” o una “bolla del filtro” che ci restituisce più di quello che già ci piace e non mostra la diversa e discordante severa intelligenza, e inoltre, la crescita individuale consiste nel mettere in discussione le nostre convinzioni e nell’aprirsi all’alterità radicale, quindi sembra che sia vero che le reti ci idolatrano. Inoltre, se consideriamo che il significato della parola idiota ha a che fare con chi esiste in privato, l’idiota è il privato cittadino. Colui che non dialoga realmente o non partecipa con il mondo. Certo, oggi viviamo nell’illusione che Twitter sia la piazza pubblica e lì partecipiamo e collaboriamo e cambiamo il mondo.

È necessario limitare il tempo nei social media

Non è più un segreto che l’uso o l’abuso dei social network possa causare gravi disturbi psicologici e creare problemi di negligenza. Diversi studi dimostrano che i social network come Instagram sono legati all’ansia e alla depressione. In questo senso è emerso un intero movimento legato all’igiene digitale.

Recentemente, un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania ha cercato di quantificare gli effetti dei social network e vedere se le persone si sentivano meglio se limitavano il loro uso dei social media. Lo studio ha dato una cifra interessante: in modo che una persona non abbia effetti negativi significativi, non dovrebbe trascorrere più di 30 minuti al giorno utilizzando i social network.

Per lo studio sono stati reclutati 143 studenti universitari con account FB, Instagram e Snapchat sul loro iPhone. Il loro uso settimanale di queste applicazioni è stato monitorato sui telefoni e poi i partecipanti hanno risposto a un questionario in cui hanno valutato cose come la loro sensazione di solitudine o di perdere qualcosa (ovvero FOMO per il suo acronimo in inglese), la loro autonomia, auto-accettazione, ansia, depressione, autostima e sentimento supportati.

Successivamente, l’esperimento è stato condotto: un gruppo ha continuato a utilizzare i social network come sempre, e un altro ha dovuto limitarne l’uso a 10 minuti al giorno. Alla fine, i ricercatori hanno concluso che “l’utilizzo di meno reti sociali rispetto a ciò che viene normalmente utilizzato porta a una significativa riduzione della depressione e della solitudine”. Poiché sanno che eliminare del tutto l’uso non è plausibile, hanno raggiunto un valore limite: 30 minuti.

In generale, è evidente che la nostra società viene abusata quando si utilizzano i social media, e questo è in parte dovuto al fatto che gli utenti non sono consapevoli degli effetti del suo uso e dei modi in cui le aziende manipolano gli utenti a tenerli agganciati, sempre volendo di più. Qualcuno ha paragonato gli smartphone con le slot machine del casinò che lasciano i clienti con un misto di desiderio e insoddisfazione, con l’idea che forse la prossima volta vinceranno, o che la prossima volta che saliranno sul loro Instagram riceveranno Mi piace e vedranno le immagini che vogliono dai loro amici. Questo perché i progettisti e i dirigenti di questi prodotti usano meccanismi per destabilizzare il sistema di ricompensa del cervello, basato sulla dopamina (su questo, scriviamo ampiamente in questo articolo).

Fonte:  https://pijamasurf.com/

®wld

Cordialissimo Paolo Barnard …

Cordialissimo Paolo Barnard, Lei ha scritto nel Suo Blog “Ma allora dove siete tutti?” Ebbene, come vede io sono qui e sto postando uno dei suoi articoli, si evince che non faccio parte di quei “tutti” e nemmeno gli scrivo per e-mail “bravo continua così”. La leggo e la seguo nel suo blog e quando appare in tv.

Non sono iscritto a nessun social network, come “Istagram, Goggle+, Twitter, e tanto meno a Facebbok”, per mia scelta, ho solo questo blog che condivido in rete da oltre otto anni.

Lei si lamentava (giustificatamente) “Ma dove siete tutti?”, siamo ancora qui, almeno io ci sono, ma penso come tanti altri; il fatto è che qualcosa è successo alla rete, le indicizzazioni relative alle visite dei blog e dei social, sono certamente manipolate da chi ci vuole tenere all’indice, questa anomalia non l’ha rilevata solo Lei o io stesso, ho fatto un’indagine (porta a porta) e, tutti mi hanno riferito la stessa cosa: il 50% delle visite a blog e social scomodi, è venuto meno per via del bavaglio che si vuol mettere alla rete.

Una di queste iniziative, è questa: “La libertà non è un bavaglio” oppure questa: Basta con quest’informazione OGM!  e questa: “L’arrocco è un’arma di attacco e di difesa” questo ha messo sull’avviso i nostri detrattori, ancora prima che l’infamante legge bavaglio venga divulgata. Non c’è bisogno che insegni a Lei, quello che senza dubbio conosce meglio di un neofita come me.

Colgo l’occasione (visto che ci son passato pure io) di segnalare i Suoi tre ottimi ultimi articoli sui medici e metodiche di cura che meritano di essere letti:

SCHEGGE DI BELLO NELLA VITA. MAI FATTA UNA COLONSCOPIA? ERNIA?

ORAGANO SALVA VITE, URGENTE. ULTIMA SU MEDICINA.

DUE COSE SUI MEDICI.

Nel mio piccolo, cerco di dare visibilità ad articoli che mi accomunano con il Suo vissuto e pensiero, come l’ottimo articolo (uno dei tanti) di Marcello Pamio: Micro calcificazioni al seno, e la creazione di malati

A rileggerla, cordialmente;

wlady