Archivi tag: IPCC

Almanacco di giugno 2019

fpz_20170611_2829PERCHÉ I ROCKEFELLER CERCANO DI DISTRUGGERE GLI AGRICOLTORI ?

Chiedeva William Engdahl* qualche tempo fa.

Per gran parte del secolo scorso, la cultura pop occidentale ha sistematicamente denigrato e sminuito quella che dovrebbe essere la professione più onorevole di tutte. Chi lavora la terra giorno dopo giorno per produrre il cibo che mangiamo ha troppo spesso assunto lo stesso stato sociale della terra che dissoda. Nessuno si pone una semplice domanda: cosa faremo una volta che avremo fatto fuori tutti gli agricoltori? Alcuni ingenui cittadini diranno: “Ma abbiamo la produzione industrializzata; ormai non c’è più bisogno di lavoro agricolo manuale.”

E i numeri sono davvero notevoli. Prendiamo gli Stati Uniti. Nel 1950 la popolazione totale era di 151.132.000 persone, di cui 25.058.000 agricoltori: poco più del 12% della forza lavoro totale. C’erano 5.388.000 aziende agricole con una dimensione media di 87 ettari. Quarant’anni dopo, nel 1990, gli USA avevano una popolazione di 261.423.000, di cui meno di 3 milioni agricoltori: appena il 2,6% della forza lavoro. Il numero delle aziende si era ridotto a 2.143.150, ovvero una perdita del 60%, ma la dimensione media era diventata di 187 ettari. Continua a leggere QUI

riga-antica

1518779388_severnoe-siyanie3I ROCKEFELLER E IL LORO PIANO NASCOSTO SUI “CAMBIAMENTI CLIMATICI” 

“A partire dagli anni ’80, il Rockefeller Brothers Fund è diventato uno dei principali sostenitori del programma di riscaldamento globale. … Nella loro recensione del Programma di sviluppo sostenibile, il Rockefeller Brothers Fund si vanta di essere uno dei primi principali attivisti del riscaldamento globale, citando il suo forte sostegno sia per la formazione nel 1988 dell’International Panel on Climate Change (IPCC), sia per l’istituzione nel 1992 della U.N. Framework Convention on Climate Change” (estratto dal rapporto) Continua a leggere QUI

ROCKEFELLER SI FACEVA L’ARCA DI NOÈ. COSA CI NASCONDE?

Continua a leggere QUI

riga-antica

trial-160x160Trash Action

di Massimo Lupicino

Che fosse solo questione di tempo era del tutto evidente. In fondo sono prevedibili come il caldo estivo nel Sahara. Fatto sta, anche l’Italia potrà finalmente vantare una bella class action in cui si accusa lo Stato di non fare abbastanza per salvare i propri cittadini dall’arrostimento climatico. Lo annuncia con malcelata soddisfazione e pomposa retorica La Stampa nel suo imperdibile inserto Tuttogreen.

La notizia in sè farà sorridere l’italiano medio alle prese con problemi ben più reali che meriterebbero, loro sì, una class action o per lo meno l’interesse di chi amministra la cosa pubblica. Ma certe agende non le dettano certo i cittadini italiani. E nemmeno i politici italiani. Perché sono agende di importazione. Continua a leggere QUI

 riga-antica

ghana_gold-400x200“La corruzione! il malgoverno!”… e intanto il 98,3 percento dell’oro del Ghana finisce in mano alle multinazionali

di Henry Tougha.

Un articolo su CommonDreams spiega il meccanismo neo-colonialista di saccheggio delle risorse. Le corporazioni multinazionali, sostenute dai creditori come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale, si appropriano della totalità delle risorse dei paesi in via di sviluppo (ossia i paesi resi debitori e dipendenti dal capitale estero). Nel frattempo queste stesse istituzioni diffondono la narrazione ipocrita secondo cui la miseria è causata prevalentemente dalla corruzione e dal malgoverno dei funzionari locali — funzionari che di solito sono eterodiretti dalle multinazionali stesse e hanno comunque un limitato potere decisionale. Così si svuota la sovranità nazionale del suo significato mantenendone però le parvenze esteriori, mentre si diffonde surrettiziamente l’idea che i popoli non sappiano governarsi da soli. Continua a leggere QUI

riga-antica

death-164761_640-640x381Deutsche Bank nella m….. E non sa neanche nuotare

di Massimo Bordin

Che i tedeschi siano falliti quattro volte negli ultimi 100 anni è il segreto di Pulcinella. Che abbiano voluto l’Unione Europea per evitare di fallire una quinta, invece, è cosa molto meno nota. Eppure è proprio ciò che potrebbe ancora succedere, perchè i loro due colossi bancari, Deutsche Bank e Commerzbank sono sull’orlo del precipizio, e solo un Weidmann al posto di Draghi le potrà salvare.

Non so se vi è mai capitato di avere un compagno di classe ben vestito, con la riga in parte, che annuiva sempre alle spiegazioni dei prof e che si sedeva in prima fila, ma che sotto sotto non studiava. Io di tipi così ne ho visti parecchi, oserei dire che in ogni classe ce n’è almeno uno. Bè, mi spiace per i cinquantenni frustrati che si sono fatti l’Audi, ma io la Germania la vedo proprio così, come uno studente monello che fa finta di essere un modello. Continua a leggere QUI

 riga-antica

FireShot-Capture-2284-Mediaset-sposta-la-sede-legale-in-Ola_-https___www.iltempo.it_economia_2Mediaset acquista il 9% di Pro-Sieben (tedesca) per giustificare il trasferimento della sede sociale in Olanda, come fece FCA? Chi resterà a pagare le tasse in Italia?

di mittdolcino

Berlusconi, di soppiatto, meno di un mese fa ha comprato circa il 9% della tedesca Pro-Sieben, una rete tedesca. A breve giro ha dunque deciso di fondere le sue attività spagnole ed italiane, con l’aggiunta della partecipazione tedesca, in una nuova entità. Tale aggregato italo-ispano-tedesco ha nei fatti giustificato la ridenominazione del gruppo in società europea di broadcasting, essendo autorizzato a spostare la sede in Olanda, dove i diritti di voti del blocco di controllo valgono doppio. Ovvero Berlusconi, l’unico che tra i miliardari continuava a pagare le tasse in Italia, sposterà anche lui la sede all’estero. Continua a leggere QUI

riga-antica

tornado-damage-115801_1280-1024x681La pubblicazione Pro-Tech chiede se il 5G aiuterà o ostacolerà la preparazione di un disastro. La NASA, la US Navy, la NOAA e i meteorologi dicono che la 5G la ostacolerà notevolmente.

di BNFrank

L’opposizione 5G sta aumentando negli Stati Uniti e in tutto il mondo per una seriedi validi motivi, uno dei quali potrebbe ridurrenotevolmente l’accuratezza delle previsioni meteorologiche. L’articolo (in lingua inglese) continua QUI

riga-antica

cellular-tower-2172041_1280UN’ALTRA POTENZIALE CASUALTA’ DEL 5G: PREVISIONI E AVVERTENZE SULLE TEMPESTE

Con tutto il cattivo tempo sopra gli stati delle pianure americane, la gente mi ha inviato molti articoli su guerra, modifiche, brevetti e così via, ma diverse persone mi hanno mandato questo articolo, ed è, come si suol dire, un “whopper doozie”, perché alcuni scienziati stanno dando l’allarme che il 5G potrebbe degradare la loro capacità di monitorare e avvertire la gente di tempeste gravi:

Il monitoraggio delle tempeste potrebbe essere una vittima del 5G

Il focus di queste preoccupazioni è stato il monitoraggio degli uragani:

“Ma ora gli scienziati avvertono che il loro monitoraggio preciso degli uragani potrebbe essere interrotto dai segnali della nuova generazione di reti wireless conosciute come 5G che presto si diffonderanno negli Stati Uniti. In un test che ha imitato le interferenze, Sandy non aveva previsto correttamente di dirigersi verso il mare .

Con i livelli di potenza 5G attualmente proposti, i satelliti potrebbero avere problemi a leggere i segnali naturali emessi dal vapore acqueo. Ciò potrebbe riportare l’accuratezza delle previsioni ai livelli osservati l’ultima volta intorno al 1980, ha affermato Neil Jacobs, capo della National Oceanic and Atmospheric Administration.

“Questo porterebbe alla riduzione del tempo di attesa previsto per la pista da uragano di circa due o tre giorni”, ha detto Jacobs al Congresso in un’udienza all’inizio di questo mese.

L’articolo (in lingua inglese) continua QUI

 riga-antica

riga-antica

healthClose Ties & Financial Entanglements: il mercato dei vaccini garantito da CDC

eBook sulla difesa della salute dei bambini: Conflitti di interesse che minano la salute dei bambini. Il primo eBook, The Sickest Generation: I fatti dietro la crisi della salute dei bambini e il perché deve finire, ha descritto come la salute dei bambini abbia cominciato a peggiorare drammaticamente alla fine degli anni ’80 in seguito a fatali cambiamenti nel programma dei vaccini infantili.]

Il Comitato consultivo per le immunizzazioni (ACIP) dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) ha emesso raccomandazioni vaccinali annuali per la popolazione civile statunitense dal 1995. ACIP lavora in collaborazione con importanti organizzazioni del settore medico come l’American Academy of Pediatrics (AAP), l’American Academy of Family Physicians (AAFP), l’American College of Physicians (ACP) e l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). Larticolo (in lingua inglese) continua  QUI

riga-antica

67667214_l-768x512Le persone mangiano e respirano fino a 121.000 particelle di plastica ogni anno

Di John Vibes / The Truth Theory

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Environmental Science and Technology, la persona media può assorbire ovunque 74.000 e 121.000 particelle di microplastica ogni anno. Sorprendentemente, metà di questa toxificazione microplastica proviene dall’aria che respiriamo, e l’altra metà proviene dai cibi e dalle bevande che consumano. È stato anche notato nello studio che un sacco di acqua in bottiglia può aumentare la presenza di queste tossine fino a 90.000 particelle. Si dice che questo sia il primo studio per stimare la quantità di inquinamento plastico che viene ingerito dall’uomo. Gli scienziati non sono sicuri degli effetti a lungo termine del consumo accidentale di microplastiche, ma è chiaro che potrebbero rilasciare sostanze chimiche tossiche una volta all’interno del corpo.

Kieran Cox, presso l’Università di Victoria in Canada, e ricercatore capo dello studio, ha avvertito che i rischi esatti per la salute sono ancora sconosciuti, ma ha affermato che esiste ” un alto rischio di esposizione in termini di numeri. Potrebbe essere una potenziale chiamata di allarme di sicuro “.

Cox non sta prendendo rischi nella propria vita personale e raccomanda a tutti di diventare più consapevoli delle materie plastiche che usano. “Devo assolutamente allontanarmi dagli imballaggi di plastica e cercare di evitare il più possibile l’acqua in bottiglia. Rimuovere la plastica monouso dalla tua vita e le aziende di supporto che si stanno allontanando dagli imballaggi di plastica avranno un impatto non banale. I fatti sono semplici Stiamo producendo molta plastica e sta finendo negli ecosistemi, di cui facciamo parte”, ha detto Cox, secondo The Guardian. L’articolo (inlingua inglese) continua QUI

®wld

Gli scenari che si potrebbero verificare solo se …

Uno scenario futuro 

Avete presente i proclama cui siamo sottoposti ogni santissimo giorno che ci avvertono come il clima del nostro pianeta sia destinato a “surriscaldarsi” di tot gradi da qui alla fine del secolo?

In molti pensano sia una previsione basata su dati certi e inconfutabili. In realtà è solo il peggiore di una serie di scenari possibili… ovvero “proiezioni” nel futuro di condizioni arbitrariamente imposte ad un modello matematico al computer.

Per capire questo passaggio è necessario un esempio.

Immaginate di essere un venditore ambulante di gelati. Per un certo periodo riuscite a vendere 10 gelati l’ora per 4 ore… tutti i giorni per 30 giorni di fila. Alla fine del mese vi fate 2 conti e, soddisfatti, iniziate a pensare a cosa fare del guadagno futuro. E’ piena estate, diciamo luglio, e la gente in giro c’è… ed è vogliosa del vostro ottimo gelato.

Passa anche il secondo mese e i dati raccolti vi dicono che avete venduto 10 gelati in più rispetto al mese precedente. 

Spinti da questo entusiastico dato, prevedete di vendere in totale 8700 gelati nei 6 mesi da Luglio a Dicembre. E con questo dato, considerando che per ogni gelato guadagnate 1 euro netto, decidete di farvi un bel regalo… acquistando il tanto desiderato salotto di casa che costa 8000 euro.

Ecco. Avete già speso quasi tutti i soldi che dovrebbero rientrare, dati alla mano, dalla proiezione per i successivi 4 mesi di ciò che è accaduto nei primi 2 mesi di attività.

Passano i giorni e voi continuate a lavorare sodo… ma Settembre sta finendo e non siete neanche arrivati a 1000 gelati venduti.

Ottobre va ancora peggio… per non parlare di Novembre… e Dicembre!
Il risultato è che la proiezione che avete fatto, basata unicamente sui dati dei 2 mesi estivi iniziali, è risultata totalmente sbagliata. E voi state sotto i 8000 euro! Però il divano è bello e molto comodo

Cosa significa questo…

Il problema delle proiezioni in ambito climatico, non solo quelle dell’IPCC, è che non possiamo essere mai sicuri della loro attendibilità. Ci sono miliardi di variabili che possono cambiare in ogni istante e noi, di queste variabili, ne conosciamo solo alcune decine. Forse.

L’IPCC ha prodotto una serie di proiezioni e queste sono state pubblicizzate dai media come previsioni. In molti, purtroppo, tali previsioni le hanno considerate come una realtà ormai certa al 100%. Ma, la verità, è che restano solo delle proiezioni… ovvero degli scenari che si potrebbero verificare solo se… ma che, molto probabilmente, non si verificheranno, proprio perché ci sono troppe variabili da considerare.

A questo punto, ignorando tutti i possibili scenari, andiamo ad analizzarne 2 a caso… tra gli estremi opposti:

1) RISCALDAMENTO GLOBALE (di origine Antropica)
Questo scenario prevede un continuo aumento della temperatura dovuto all’aumento della CO2 in atmosfera. Aumentando la temperatura, secondo chi ha prodotto tale scenario, aumenteranno gli eventi estremi, aumenterà lo scioglimento dei ghiacci, il mare salirà di livello e sommergerà molte zone costiere. Molte aree diventeranno desertiche e la popolazione avrà grossi problemi perché la produzione agricola risentirà pesantemente delle temperature alte e della carenza di pioggia.

2) RAFFREDDAMENTO GLOBALE (di origine Naturale)
Questo scenario prevede una diminuzione della temperatura dovuta alla riduzione dell’attività solare. Diminuendo la temperatura, ovvero l’energia, il clima risulterà meno stabile. Si avranno quindi eventi estremi sempre più spesso e in sempre maggiori zone del pianeta. Gli inverni diventeranno (in media) gradualmente più freddi e lunghi, mentre le estati diventeranno più corte e fresche. I ghiacci di tutto il mondo aumenteranno e grazie alla maggior quantità di CO2 in atmosfera, molte zone torneranno ad essere verdi. Purtroppo la popolazione avrà grossi problemi, perché la produzione agricola risentirà pesantemente degli eventi meteo fuori stagione.

Indipendentemente da ciò che pensate attualmente, entrambi questi scenari sono comunque ipotetici e futuri. Non riguardano l’oggi e neanche il domani. Quello che è descritto sopra è ciò che avverrà nel corso dei prossimi 80 anni che ci separano dalla fine del secolo.

Ma oggi, quali sono i dati a supporto dell’uno o dell’altro scenario?

Per quanto riguarda il Riscaldamento Globale di origine Antropica, si parte dal presupposto che la CO2 è un Gas Serra altamente inquinante… che ha il potere di trattenere il calore riflesso dalla superficie terrestre e di intrappolarlo all’interno dell’atmosfera. Tale gas sta aumentando in modo evidente rispetto al periodo pre-industriale e la causa di tale aumento è da attribuire alle attività antropiche. Diminuire le emissioni di CO2 potrebbe non bastare più ed è necessario investire migliaia di miliardi per tentare a tutti i costi di evitare un riscaldamento di 2°C in tot decenni, altrimenti per l’umanità non ci sarà alcun futuro. Tra i progetti proposti ve ne sono essenzialmente 2 che hanno attirato le attenzioni degli esperti… Il primo prevede di “catturare” la CO2 presente in atmosfera e di immagazzinarla sottoterra, all’interno di vecchi giacimenti di petrolio e gas metano ormai esausti. Il secondo è di cospargere l’atmosfera con sostanze in grado di riflettere parzialmente la luce del Sole.

Ora… sono convinto che in molti nomineranno le scie chimiche, haarp e quant’altro, alludendo al fatto che tali pratiche sono in corso da anni e che il clima viene manipolato per interessi di pochi. Vi avverto che il ban è sempre pronto…. e questo per il semplicissimo fatto che il CLIMA non è modificabile dall’uomo. Non in modo così evidente e in un periodo così breve. Qualunque alterazione TEMPORANEA delle condizioni atmosferiche, come potrebbero essere l’uso di sostanze chimiche disperse per mezzo di aerei, provocherà un’alterazione TEMPORANEA delle condizioni METEO. NON DEL CLIMA.

Il clima è lo stato medio del tempo atmosferico a varie scale spaziali (locale, regionale, nazionale, continentale, emisferico o globale) rilevato nell’arco di almeno 20-30 anni.

fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Clima

Spero che questo concetto sia chiaro.

Per quanto riguarda lo scenario opposto, invece, si parte dal presupposto che il clima è la conseguenza (risposta del pianeta) delle variazioni, nel breve, medio e lungo termine, dell’attività solare. Essendo il sistema climatico terrestre un sistema altamente complesso e molto dinamico, composto da sottosistemi molto diversi tra loro e con inerzie termiche molto diverse e variabili, ne consegue che ad una variazione dell’attività solare, corrisponderà una variazione della temperatura media del pianeta SOLO DOPO un certo periodo di tempo. E tale ritardo dipenderà da una serie di fattori dipendenti dalle condizioni dei singoli ambienti (climatici) in giro per il mondo… quali ad esempio la quantità di ghiaccio accumulata ai poli e sulla terraferma, l’estensione delle foreste, lo sfruttamento del suolo, lo stato delle correnti oceaniche ecc… ecc… ecc….
Considerando che l’attività solare segue dei cicli di decine, centinaia e migliaia di anni, ne consegue che questa (può essere prevista) seguirà un andamento determinabile nel medio-lungo periodo. La proiezione futura dell’attività solare, stando alle stime più recenti, viene data ad un livello estremamente basso della stessa per almeno 60 anni. Considerando un ritardo medio di 15 anni della variazione della temperatura media del pianeta rispetto alla variazione dell’attività solare, si arriva a stimare una ripresa concreta delle temperature solo verso la fine del secolo.

Qual’è lo scenario più probabile?

Da una parte abbiamo delle proiezioni modellistiche riguardanti l’andamento della temperatura sulla base della quantità di CO2 presente in atmosfera. Dall’altro abbiamo la variazione della temperatura sulla base della variazione dell’attività solare.

La Scienza ci offre dati sufficientemente precisi riguardanti l’attività solare degli ultimi 400 anni. Ce ne offre poi una certa quantità di tipo “proxy” (ovvero derivati da altri dati) per diversi milioni di anni… passati. Questi dati ci dicono che, SEMPRE, la variazione della quantità di CO2 (ma anche di Metano) presente in atmosfera, SEGUE sempre con un certo ritardo stimabile in alcuni secoli, l’andamento della temperatura. E mai il contrario. Gli stessi dati ci dicono inoltre, che la temperatura media del pianeta è variata continuamente nel corso del tempo e che tale variazione corrisponde a quella dell’attività solare.

Sempre i dati scientifici, ci spiegano che la variabilità climatica c’è sempre stata e che la temperatura media del pianeta sta progressivamente diminuendo sin dall’inizio dell’attuale Periodo Interglaciale Caldo… avvenuto circa 12000 anni fa… e che tale periodo è molto simile ad altri Periodi Interglaciali Caldi che si sono alternati con una “sorprendente” regolarità nel corso degli ultimi (almeno) 500.000 anni. Da tali dati si evince come la durata media dei Periodi Interglaciali Caldi ammonti proprio a circa 12.000 anni, mentre quella dei Periodi Interglaciali Freddi sia di circa 120.000. Inoltre sempre da questo tipo di dati, si evince come attualmente il pianeta stia vivendo un’Era Glaciale… ovvero un periodo geologico durante il quale c’è presenza di ghiaccio nelle aree polari …da alcuni milioni di anni. Era che ha fatto seguito ad una Era Interglaciale che è invece caratterizzata dall’assenza di ghiaccio sul pianeta.

Ma a questo punto, quale degli scenari è corretto?

E’ sbagliato il termine “corretto”. Meglio è usare un termine tipo “probabile”. Quale dei 2 scenari è il più probabile?

Noi di Attività Solare propendiamo per lo scenario freddo. E lo facciamo sulla base di tutta una serie di dati verificabili relativi sia al passato climatico del nostro pianeta, sia all’attuale presente. 

Gli eventi “nefasti” che si sarebbero dovuti verificare secondo i sostenitori dello scenario “caldo”, al momento non si sono visti. Ed è inutile giustificarsi sostenendo che “un anno non fa tendenza“, perché di anni ne sono passati 20 e la temperatura media del pianeta, ad esempio, non è affatto aumentata (ovviamente a parte i 2 eventi EL Niño del 2008 e il 2015). Ma anche il ghiaccio marino Artico è ancora presente… come anche quello Antartico. 

Il resto, invece, è ascrivibile alle naturali e continue fluttuazioni cicliche….. per le quali, attualmente, stiamo “assistendo” solo una parte del loro ciclo naturale.
 

Buona giornata

Bernardo Mattiucci
Attività Solare
 
https://www.attivitasolare.com/uno-scenario-futuro/
 

Almanacco di gennaio 2019

Project Soli(tudine)

Di Fiorenzo Fraioli

Questa dittatura distopica viene presentata dagli avatars del M5S come “Nuova Cittadinanza Digitale”: una cosa tanto figa quanto inevitabile, la versione tecnologica del There Is No Alternative. E così sono contento di essere diventato vecchio perché morirò prima di essere costretto a vivere in un mondo in cui, al condizionamento già presente da tempo, ma al quale sono riuscito (quasi) sempre a resistere, si aggiungerà anche il controllo, ancora più pervasivo.

L’anello di raccordo di questa, come di altre tecnologie hardware e software, è il protocollo IPv6 basato sull’uso di indirizzi IP a 128 bit. Un indirizzo IPv6 a 128 bit è anche chiamato UUID (Universal Unique IDentifier) oppure GUID (Global Unique IDentifier) una cosa che noi programmatori usiamo da tempo per generare chiavi indice uniche per la gestione dei database. Seguite questo link per un generatore online di guid. Continua QUI

***********************

Chiesa, Mazzucco, Messora, Fusaro: quante verità oscurate

«È la stampa, bellezza. E tu non puoi farci niente». Lo dice uno straordinario Humphrey Bogart alla fine del film “Deadline” di Richard Brooks (in italiano, “L’ultima minaccia”). Era il 1952: una profezia. Ancora oggi, ufficialmente, le Torri Gemelle sono crollate per colpa dell’impatto con aerei dirottati.

La “demolizione programmata” è stata ormai dimostrata da oltre duemila architetti e ingegneri, eppure per l’11 Settembre la “verità” resta quella palesemente falsa. Grazie a chi? Ai media mainstream, che spacciano “fake news” governative. Il primo a denunciarlo, riguardo al caso delle Twin Towers, in Italia fu Giulietto Chiesa, con il libro “La guerra infinita”, uscito nel 2003 per Feltrinelli (e vendutissimo, nonostante il silenzio di giornali e televisioni).

Ebbe più fortuna mediatica qualche anno dopo Massimo Mazzucco, con il suo esplosivo documentario “Inganno globale”, trasmesso da Mentana in prima serata a “Matrix”, su Canale 5. Un’eccezione, mai più ripetuta. «Arrivato a La7 – dice Mazzucco – Mentana poteva essere “il primo degli ultimi”, dando voce agli esclusi, e invece ha scelto di restare “l’ultimo dei primi”, accodandosi all’ufficialità». In compenso, ormai l’opinione pubblica più disincantata è letteralmente esplosa: milioni di persone, anche in Italia, la verità ufficiale non se la bevono più. Continua QUI

***********************

 

Tutte Storie

di Massimo Lupicino

Claas Relotius, reporter dello Spiegel, era il ragazzo prodigio del giornalismo europeo: “Migliore Reporter Tedesco” nel 2013 e 2016, “Giornalista dell’Anno” per la CNN nel 2014, nel 2017 vince il Premio Europeo “Distinguished Writing Award” per “La storia di Ahmed ed Alin”, due bambini siriani in fuga da Aleppo a causa del perfido Assad. Una storia rivelatasi piena di falsità, persino nella sua declinazione successiva, fatta di ulteriori articoli in cui il giornalista-prodigio, indossate le vesti del filantropo, descrive i suoi tentativi (mai esistiti) di aiutare i bambini in questione.

Il fatto è che il Relotius di bufale ne ha fabbricate tante. Almeno 14 gli articoli già accertati come falsi. E non si parla di inesattezze o di orpelli giornalistici, ma di invenzioni di sana pianta. Come la storia/intervista del prigioniero detenuto “ingiustamente” a Guantanamo: una storia totalmente inventata, a fronte di una intervista mai nemmeno fatta. Continua QUI

***********************

IL CORRIERE HA SPARATO FAKE NEWS. LO DICE UNO DEL CORRIERE.

di Maurizio Blondet

Ivo Caizzi è il corrispondente da Bruxelles per il Corriere della Sera. In un esposto al Comitato di redazione del suo giornale e a tutti i colleghi  (lo postiamo in fondo),  rivela e spiega come

  • Il direttore abbia sparato in prima pagina, il 1 novembre, che contro il governo italiano “era pronta una procedura d’infrazione UE” che invece Caizzi sapeva (ed aveva riferito al giornale)  non esisteva, anzi era tecnicamente impossibile. “Si può aprire la prima pagina del Corriere ccon una “notizia che non c’è” del genere?”, domanda Caizzi ai colleghi.
  • E spiega come la direzione ribaltasse o sminuisse o nascondesse le notizie vere che lui, Caizzi, mandava da Bruxelles, allo scopo evidente di far apparire l’Italia sotto accusa, in  trincea, isolata e in pericolo di punizioni  – un clima  di tragedia che  ha danneggiato le quotazioni del debito italiano, ma che  lui, presente ai fatti, non constatava.
  • Ad esempio, Caizzi spiegava come  “i governi più influenti, Francia e Germania, avevano incaricato di mediare un compromesso con l’Italia – sulla manovra – il presidente dell’Eurogruppo Centeno, che guida l’organo politico che di fatto decide sull’eventuale procedura d’infrazione”,  quindi che la UE aveva scelto la politica del dialogo, e  Il Corriere titolava “La mediazione nell’Eurogruppo per evitare il “processo”  all’Italia”,  come se il processo fosse davvero imminente.
  • Caizzi spiega (e spiega anche a noi adesso) che manda un articolo in cui Moscovici smentisce “le anticipazioni sulla procedura contro l’Italia da parte della Commissione Ue, che anzi Moscovici le bollava come “fake news” e indicava come prioritaria la linea del “dialogo, dialogo, dialogo” con Roma.
  • Caizzi ripete in vari articoli che effettivamente c’è la trattativa fra Italia ed UE, ed è tutt’altro che uno scontro sotto minaccia di procedura d’infrazione..
  • – e il direttore Fontana li pubblica sì, ma all’interno, mentre dà “con risalto” massimo ed “ampio spazio”,   un retroscena che fa apparire Tria isolato e solo davanti ai 18 paesi euro ostili.  Titolo: “la trincea del ministro [Tria] isolato nel confronto con i 18 paesi euro”

Continua QUI

***********************

Beppe Grillo contro gli anti-vaccinisti

Ragazzi, questa notizia è di oggi. Io ve la rilancio, ma sinceramente non ce la faccio a commentare. Fate voi. di Massimo Mazzucco

(da Repubblica.it)

Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno firmato un patto trasversale per difendere la scienza dalle divulgazioni di ciarlatani e pseudoscienziati. A promuoverlo è il noto virologo Roberto Burioni. Che sul suo sito scrive: “Oggi è successa una cosa molto importante: Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza. Perché ci si può dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani”. Continua QUI

***********************

A Carnevale ogni idiota vale… Grillo-il-coerente, Burioni-l’umile e Renzi-il-genio

di Marcello Pamio

Il fustigatore dei cattivi, il finto guru della blue economy, l’ideatore del Vaffa, il garante del Movimento 5 stelle ha ricevuto l’illuminazione sulla strada di Genova.

Giuseppe Pietro Grillo, dopo i bagordi delle festività e dopo l’Epifania (etimologicamente appunto «apparizione» e «manifestazione») ha compreso che la Scienza, quella con la esse maiuscola, va difesa a spada tratta.
Per fare questo, essendo carnevale, ha tolto la sua maschera per indossarne subito una in tema e si è messo a braccetto con coloro che ha sempre criticato e attaccato.

«Mi impegno – ha proclamato il diversamente-coerente – a non sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica».

Basterebbe rivedere i suoi video passati per capire che gli è accaduto qualcosa di grave.

Si può sempre, per amor di dio, cambiare idea, ma in questo caso Grillo ha cambiato anche il DNA…

Quindi l’ex comico ha sottoscritto il «Patto per la Scienza», già firmato dall’ex premier Matteo Renzi e dal virologo Roberto Burioni. Continua QUI

***********************

NEO – Lobotomizzato: segretezza e “dis-illuminazione” 

GordonDuff, redattore capo

di Gordon Duff, VT ​​Sr. Editor, … con NewEastern Outlook, a Mosca

Quando entriamo nel 2019, una cosa sopra ogni altra è chiara, i meccanismi dell’impegno umano, dell’educazione, dei media e delle informazioni, anche quello che passa per contatto umano attraverso i social media e la posta elettronica, sono tutti sottoposti a “algoritmi”, qualunque essi siano.

È stato Snowden a portarlo alla nostra attenzione, da parte del Guardian nel 2014:

“Sempre più, non siamo osservati dalle persone ma dagli algoritmi. Amazon e Netflix tengono traccia dei libri che acquistiamo e dei film che trasmettiamo e suggeriamo altri libri e film basati sulle nostre abitudini. Google e Facebook guardano ciò che facciamo e ciò che diciamo e ci mostrano annunci pubblicitari in base al nostro comportamento.

Google modifica anche i risultati della ricerca Web in base al nostro comportamento precedente. Le app di navigazione per smartphone ci guardano mentre guidiamo e aggiornano le informazioni suggerite sul percorso in base alla congestione del traffico. E l’Agenzia per la sicurezza nazionale, ovviamente, monitora le nostre telefonate, e-mail e luoghi, quindi usa queste informazioni per cercare di identificare i terroristi. ” Continua QUI in lingua inglese.

***********************

 

Tim Ball: nella propaganda del clima, la norma viene promossa come anormale

Inserito da: Dr. Tim Ball 

Quasi ogni giorno ci sono storie sui media su eventi climatici o climatici che creano l’impressione di essere nuove e al di fuori del normale schema. Nessuno di loro lo sono. Sono inganni creati e manipolati da tecnocrati. L’obiettivo è sensazionalizzare la storia, utilizzando un periodo di registrazione che fornisce il risultato desiderato. È nella pratica della politica moderna definita da HL Mencken alcuni anni fa.

“L’obiettivo generale della politica pratica è di tenere la popolazione allarmata, e quindi clamorosa, di essere condotta alla sicurezza, minacciandola con una serie infinita di hobgoblin, tutti immaginari”.

Un semplice trucco con un clima hobgoblin è scegliere un periodo in cui il tuo reclamo è valido.

Il primo esempio importante e classico è stato presentato nel capitolo 8 del rapporto Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) del 1995. Hanno mostrato come prova del riscaldamento causato dall’uomo un grafico della “temperatura superiore dell’atmosfera“. Continua QUI in lingua inglese 

***********************

 

I veicoli Ford dispiegheranno la tecnologia del cancro al cervello con il 5G nei veicoli entro il 2020, friggendoti il cervello mentre guidi

di: Isabelle Z.

(Natural News)

Ford ha annunciato che distribuirà la tecnologia di veicolo-a-tutto (C-V2X) cellulare in tutti i suoi nuovi modelli di auto americani a partire dall’anno 2022 in poi. La tecnologia consentirà ai veicoli di comunicare tra loro e alle infrastrutture di gestione del traffico come i semafori. I pedoni avranno anche la possibilità di trasmettere le loro posizioni alle auto, aumentando apparentemente la sicurezza di escursionisti e ciclisti.

Il produttore di automobili afferma che sarà utile per situazioni come le soste a quattro vie, consentendo ai veicoli di comunicare tra loro su chi ha il diritto di precedenza. Potrebbe anche essere utilizzato per veicoli che sono coinvolti in incidenti per dare all’avanzamento dei veicoli lo stato di avanzamento della situazione in modo che possano evitare il pericolo. I semafori, nel frattempo, sarebbero in grado di inviare segnali di guida per avvisarli quando stanno per diventare rossi o verdi o per fargli sapere se stanno per eseguire un semaforo rosso.

In un post Medio che annunciava la mossa, la Ford Connected Vehicle Platform e il direttore esecutivo del prodotto Don Butler esprimevano l’entusiasmo di Ford per la tecnologia, ma non ha menzionato l’enorme svantaggio di tutta questa connettività.

Butler ha scritto che il tempismo dello sforzo era “perfetto” alla luce della spinta dell’industria cellulare per la costruzione di reti 5G, ma quale prezzo pagheremo tutti per questo? Per tutte le sue maggiori velocità e connettività, il 5G potrebbe mettere a serio rischio la nostra salute. Continua QUI in lingua inglese

®wld  

Cambiamenti climatici: cosa dicono gli scienziati?

josh-knobs-768x637.jpg

TOP SCIENZIATI CLIMATICI: “L’anidride carbonica non è una manopola di controllo per il clima”

Di Jamie Spry

“Abbiamo bisogno di avere un ampio supporto di base,
per attrarre l’immaginazione del pubblico …
Quindi dobbiamo offrire scenari spaventosi, fare dichiarazioni semplificate e drammatiche ef are poca menzione di ogni dubbioOgnuno di noi deve decidere quale sia il giusto equilibrio
è tra l’essere efficace e l’essere onesti.”
Prof.Stephen Schneider,
Professore alla Stanford of Climatology,
autore principale di numerosi rapporti IPCC

***

The Bolt Report con la principale scienziata del clima Dr.Judith Curry:

JUDITHCURRY è uno dei più importanti scienziati del clima del mondo. A differenza dei nostri politici, lei non pensa che ci sia molto da ridire sulle emissioni:

CLIC per link intervista (0: 49s) …

“Non penso che anche se avessimo la volontà politica potremmo fare molto per cambiare il clima. L’anidride carbonica non è una manopola di controllo per il clima. Ha un certo effetto su scale di tempo molto lunghe ma non è nulla che tu possa realmente modificare in su o giù sulla scala temporale di un secolo e modificare il clima. Ci sono moltissime forze naturali in gioco che determinano il clima e pensano davvero che possiamo controllare il clima, abbattere le emissioni di CO2 è un’hubris davvero fuorviante.”– Judith Curry PhD

TOP SCIENZIATO CLIMATICO: L’UOMO NON PUO’ FARE MOLTO PER CAMBIARE IL CLIMA | Herald Sun

***

PERCHÈ QUINDI È IL “BIOSSIDO DI CARBONIO” (o come gli zelanti del clima etichettano falsamente – “Inquinamento da carbonio”) IL PRINCIPALE INGREDIENTE DI UN “CAMBIAMENTO CLIMATICO” TEORIZZATO?

Come con tutti gli editti socialisti, la risposta è potere assoluto e controllo su di te e sul tuo stile di vita.  

Fisico ATMOSFERICO, professore di meteorologia al MIT e RichardS. Lindzen, ex autore dell’IPCC, spiega:

“Per molte persone, tra cui la burocrazia del governo e il movimento ambientalista, il problema è il potere. È difficile immaginare un punto di leva migliore del biossido di carbonio per assumere il controllo su una società. È essenziale per la produzione di energia, è essenziale per la respirazione. Se lo demonizzi e ne prendi il controllo, per così dire, controlli tutto. È attraente per le persone. È stato dichiarato apertamente per oltre quarant’anni che si dovrebbe cercare di usare questo problema per una varietà di scopi, che vanno dalla redistribuzione Nord/Sud, all’indipendenza energetica, a Dio sa cosa … “- RichardS. Lindzen

“La CO2 per persone diverse ha attrazioni diverse. Dopotutto, cos’è? – non è un inquinante, è un prodotto della respirazione di ogni creatura vivente, è il prodotto di tutte le respirazioni vegetali, è essenziale per la vita vegetale e la fotosintesi, è un prodotto di tutte conbustioni industriali, è un prodotto guida – voglio dire, se hai sempre desiderato un punto di forza per controllare tutto, dall’espirazione alla guida, questo sarebbe un sogno. Quindi ha una sorta di attrattiva fondamentale per la mentalitàburocratica“. – RichardS. Lindzen

ANCORA LINDZEN

IN 5 MINUTI DEVI GUARDARE, Lindzen esamina la scienza, la politica e l’ideologia dietro la truffa del riscaldamento globale, identificando i gruppi chiave della lobby che guidano la paura, l’allarmismo e il pensiero di gruppo che domina il dibattito su scienza oggettiva e ragione.

Prager Uni forward:

Il cambiamento climatico è un tema di discussione urgente tra politici, giornalisti e celebrità … ma cosa dicono gli scienziati dei cambiamenti climatici? I dati convalidano quelli che dicono che gli umani stanno causando un riscaldamento catastrofico della terra? Richard Lindzen, un fisico dell’atmosfera del MIT e uno dei climatologi leader nel mondo, riassume la scienza dietro i cambiamenti climatici.

WATCH…

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

Video Trascritto: 

Cambiamenti climatici: cosa dicono gli scienziati?

Sono Richard Lindson, un fisico dell’atmosfera. Ho pubblicato più di 200 articoli scientifici. Ho insegnato al MIT per 30 anni.

Durante questo periodo, il clima è cambiato molto poco. Ma la voce del “riscaldamento globale” è diventata sempre più potente, il grido del “riscaldamento globale” è diventato sempre più acuto, in effetti, il clima non è cambiato di molto.

Contestualmente più forte sono le voci degli allarmisti del clima.

Eliminiamo quindi l’equivoco e creiamo un’immagine più accurata. Vediamo quindi dove siamo veramente sulla questione del riscaldamento globale. Ora come noto il “riscaldamento climatico”, così come viene chiamato, ha preoccupato tre gruppi di persone per questo problema, e fondamentalmente questi tre gruppi di persone se ne stanno preoccupando.

I gruppi 1 e 2 sono scienziati, il gruppo 3 è composto principalmente da ambientalisti, politici e media. Il gruppo 1 è la parte scientifica dell’International Panel on Climate Change delle Nazioni Unite (IPCC Working Group 1).

La maggior parte di questi scienziati sono quelli che ci credono di più. Credono che il cambiamento climatico sia dovuto principalmente ai combustibili fossili usati dagli uomini: Petrolio, carbone, gas naturale. Questi carburanti rilasciano anidride carbonica, liberando nell’atmosfera la CO2, appunto anidride carbonica. E credono che questo possa alla fine portare al pericolo che la Terra si riscaldi pericolosamente.

Il gruppo 2 è composto da scienziati che non considerano questo problema particolarmente serio, e questo è il gruppo a cui appartengo. Spesso veniamo etichettati come scettici; Abbiamo notato che ci sono molti fattori che causano il cambiamento climatico: il Sole, le nuvole, gli oceani, le variazioni orbitali della terra, così come una miriade di altri input

Nessuno di questi elementi sopra esposti è completamente compreso. Non vi è alcuna prova che le emissioni di biossido di carbonio siano il fattore dominante principale delle emissioni di CO2..

Ma in realtà c’è un grande consenso tra gli scienziati di questi due gruppi, di seguito sono elencati i punti di accordo:

Il clima cambia continuamente la CO2 è un Gas a effetto serra che senza il quale non è possibile la vita sulla terra, che aggiunto alla atmosfera farà si che il clima si scaldi leggermente.

La concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera è aumentata dalla fine della Piccola Era Glaciale nel 19° secolo. Durante questo periodo (negli ultimi due secoli – 1800 – 1900), la temperatura media è aumentata leggermente e in modo irregolare, circa 1,8 gradi Fahrenheit o 1 grado Celsius.

Tuttavia le emissioni di gas serra umane sono state presenti sin dagli anni 60, e solo a partire da quegli anni che le emissioni di gas serra imputabili all’uomo sono state significative per svolgere un ruolo.

Considerando la complessità del clima, incapace di fare una previsione affidabile sulla futura temperatura media globale e sul suo impatto, non è possibile fare previsioni attendibili.

L’IPCC ha riconosciuto nella relazione annuale del 2007 “la previsione a lungo termine dei futuri cambiamenti è impossibile”. Più importante e soprattutto, i due gruppi non hanno asserito che la combustione di combustibili fossili avrebbero causato disastri e catastrofi. Questa è quello che affermano entrambi i due gruppi.

Quindi, perché così tante persone sono preoccupate per questo problema? Anzi sono in preda al panico, per questo problema.

In questo momento, il Gruppo 3 ha fatto il suo debutto entrando in gioco:

  • Politici,
  • ambientalisti
  • e media.

Gli allarmi del Riscaldamento Globale, forniscono quello che più ambiscono desiderare, più di ogni altro problema, ecco le cose che più ambiscono e vogliono:

Per i politici è il denaro e il potere,

per gli ambientalisti, i soldi di cui hanno bisogno per le loro organizzazioni ambientaliste; confermando i loro pensieri devoti, quasi religiosi. Cioè, che gli esseri umani sono una forza distruttiva, l’uomo che agisce sulla natura.

Per i Media, è l’ideologia del denaro e dei titoli, tipo la vendita sulla teoria “Il giorno del giudizio” che può fare un sacco di soldi. Allo stesso tempo, negli ultimi dieci anni di Meanwihile, gli scienziati al di fuori della fisica del clima seguono anche gli scienziati di tendenza, saltando sul carro.

Documenti pubblicati sui giornali del riscaldamento globale incolpano tutte le cose, dall’acne alla guerra civile siriana.

I potenti capitalisti sono desiderosi di cogliere l’opportunità ei capitalisti clientelari hanno afferrato avidamente le sovvenzioni che i governi hanno così generosamente fornito.

Sfortunatamente, il gruppo 3 sta vincendo questa discussione, soffocando il serio dibattito che avrebbe dovuto andare avanti. Ma anche ambientalisti, politici e vari media, possono sperperare un sacco di soldi spaventando la maggio parte della gente.

Non possono nascondere la verità, non saranno in grado di seppellire la verità.

Alla fine sarà il clima ad avere l’ultima parola.

Sono Richard Lindson, professore onorario emerito del Dipartimento di scienze dell’Atmosfera al MIT Richardson.

Realizzato per Prager University

®wld

Almanacco di ottobre 2018

chi ha fatto più debito pubblico

Riprendo da IcebergFinanza questa tabella. E ricordare che nel 1980, quando ancora vigeva il “matrimonio” fra Tesoro e Banca Centrale, il debito publico era sotto il 60% del Pil: il risparmio italiano finanziava se stesso, e la crescita del Pil. Nel 1981, non per legge bensì con un paio di lettere che si scambiarono privatamente il ministro del Tesoro (Andreatta) e il governatore di Bankitalia (Ciampi), quest’ultima cessò di acquistare i BOT che i “mercati” non assorbivano, come aveva fatto prima, in pratica cessandfo di calmierare gli interessi sul debito. 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

“La storia di una grande illusione” di William White 

Il secolo 19º è il secolo che vide la nascita delle vaccinazioni di massa, e con essa vide anche un feroce dibattito che prese forma, già allora, fra vaccinisti e anti-vaccinisti. Del gruppo dei secondi faceva parte lo scrittore William White, che nel 1885 – dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale in Inghilterra – scrisse il libro “The story of a Great Delusion” (La storia di una grande illusione). Quelli che seguono sono alcuni estratti dalla prefazione del libro. 

[Nota storica: prima della vaccinazione vera e propria, inventata dal medico inglese Edward Jenner, si praticava la variolizzazione, che consisteva nel contagiare direttamente le persone con una forma leggera di vaiolo tramite una escoriazione cutanea “arm to arm” (da un braccio all’altro), dalla persona già contagiata alla persona sana. Questa pratica sarebbe poi stata sostituita dall’inoculazione diretta del virus del vaiolo preso dalla mucca (da cui il termine “vaccino”)].

La storia di una grande illusione – di William White L’articolo continua QUI

Vaccinare ragazzi e nonni, o niente più esenzioni sul ticket?

Si chiama “vaccinazione universale”, e ha un sapore sinistramente orwelliano: negli Usa, prevede che siano immunizzati i neonati – ad appena 6 ore di vita – dal virus dell’epatite B, che si può contrarre solo per via sessuale o attraverso aghi infetti. «E’ pieno, infatti, di neonati che ad appena 6 ore dal parto vanno in giro a fare sesso o a iniettarsi eroina». Una garanzia: «I piccoli incorporano veleni che possono danneggiargli il cervello in modo anche irriversibile, non avendo ancora un sistema immunitario bilanciato». Massimo Mazzucco, ovvero: viaggio – virtuale, ma non troppo – nell’incubo che ha invaso di colpo la mente di milioni di italiani, dopo l’adozione del decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale. «Prima, dei 4 vaccini obbligatori non parlava nessuno», ricorda Fabio Frabetti di “Border Nights”. «Poi, all’improvviso, le vaccinazioni divenute improvvisamente obbligatorie (in prima battuta addirittura 12, e senza alcuna emergenza sanitaria in corso) sono state recepite come un fatto fisiologico, quasi naturale, al quale semplicemente arrendersi». Fino al delirio che ora sembra contagiare lo stesso governo gialloverde: lungi dall’abrogare la filosofia della legge Lorenzin, il grillino Stefano Patuanelli sta lavorando a un decreto legge che, si dice, potrebbe anche sfociare in qualcosa di persino peggiore: per esempio, l’obbligo vaccinale esteso agli anziani, pena la perdita dell’esenzione dai ticket sanitari.L’articolo continua QUI

SCIE CHIMICHE E TUMORI A TERNI – “L’INDAGINE SENTIERI”  

Di: Errante

Il presente articolo non vuole mettere in dubbio l’esito dell’Indagine “SENTIERI”, ma vuole approfondire e tentare di fare chiarezza in un settore critico come Ambiente/Salute.

TERNICirca un mese fa a Terni è stata resa pubblica l’Indagine “SENTIERI”. Uno studio sull’incidenza di tumori e mortalità nelle età giovanili da 0 a 29 anni. L’indagine è stata eseguita su alcuni siti sensibili italiani, particolarmente soggetti ad inquinamento da industrie. Da sottolineare, come dice il documento, che alcune fonti sono sconosciute ma l’accusa è rivolta soprattutto contro l’impianto siderurgico che ha sede in città. Si parla di “eccessi”, ossia la differenza risultante dal confronto con la casistica nazionale. Quello che si sussurrava ora è noto a tutti, ufficialmente, importante rilevare come afferma il documento pubblico (link download), che si tratta della prima volta che lo studio è rivolto al settore dei giovani.

I risultati sono veramente tragici, tumori perfino nei feti, non vengono citati altri casi molto diffusi come Leucemie e Tumori della Tiroide; da 0 a 29 anni è in corso una strage. (Vedasi situazioni e casi analoghi in tutta Italia). L’articolo continua QUI

PIOGGIA DI FILAMENTI DAL CIELO

Il fenomeno alquanto strano si ripete da anni in molte zone del globo, ed anche in Italia. E proprio negli ultimi giorni pare intensificarsi. Segnalazioni arrivano soprattutto dall’Italia centrale. Molte persone hanno anche filmato la pioggia di tali filamenti, molto simili a ragnatele.

Mostriamo foto e analisi di uno tra i tanti casi. Un ingegnere elettronico voleva sapere di più e ha fatto eseguire una analisi a spese sue analizzando i campioni di questi filamenti per capire quanto meno l’origine e le cause, ed eventuali tossicità per l’uomo. I dati mostrano , come del resto altre volte, non sono stati ragni a depositare questi filamenti. Continua a leggere QUI

Ancora errori dell’IPCC sui cambiamenti climatici. Gli scienziati lo dimostrano

Pubblicato da Enzo Ragusa  

Di John Dale Dunn e Joseph Bast – 8 Ottobre 2018  

Oggi, il Gruppo Intergovernativo di esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) ha pubblicato una relazione speciale sui presunti impatti del “riscaldamento globale di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e dei relativi percorsi globali di emissione di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia di cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile e sforzi per sradicare la povertà”.

In concomitanza con la pubblicazione di questa pubblicazione, il Nongovernmental International Panel on Climate Change (NIPCC) ha pubblicato il 5 ottobre una bozza di Summary for Policymakers del quinto volume della serie “Climate Change Reconsidered”. Quel rapporto è disponibile online qui.

Le due relazioni raccontano storie drammaticamente diverse sulle cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici. Si prevede che il rapporto dell’IPCC, denominato SP15, affermi che le emissioni di gas serra provocano un riscaldamento senza precedenti dell’atmosfera del pianeta, che è troppo tardi per evitare un riscaldamento di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e che nulla meno di una drastica riduzione dell’uso di combustibili fossili, forse persino un divieto assoluto imposto dalle Nazioni Unite, è necessario per prevenire una catastrofe globale. Continua a leggere QUI 

BARNARD SPIEGA LA DISRUPTION A TUTTI: COME FUNZIONA NEL CUORE.

Di Paolo Barnard

Prefazione fissa: cos’è la Disruption. Per Disruption oggi s’intende lo sconvolgimento, in positivo o in negativo, delle società e dell’economie portato dall’arrivo di nuove tecnologie dotate di una potenza mai vista dalla Storia umana. Il termine Disruption esprime il seguente concetto: tutto cambierà come mai visto prima, e nulla sarà più come prima. Ne consegue che, nel Terzo Millennio, non comprendere la Disruption equivale alla progressiva esclusione di Stati e individui da tutto, fra cui lavoro, produzione, salute, democrazia.

Non si può scrivere una piccola enciclopedia della Disruption iniziando a raccontare le cose che già, almeno di nome, sono sula bocca di tutti, come l’Artificial Intelligence, le App, la robotica, i super computer, la Blockchain o Big Data. Questo perché è fondamentale, prima, darvi lo strumento per capire cosa si nasconde dietro a tutto questo immane potere tecnologico, cioè proprio come fa a funzionare alla base. Infatti quasi nessuno lo sa.

Ogni singolo oggetto Digitale che oggi esiste, da quelli nella tasca del cittadino fino ai sistemi industriali e intercontinentali, deve la sua straordinaria capacità al seguente e davvero strano concetto:

Mucchi di elettroni sparati dentro a circuiti contando sull’alta… probabilità che si comporteranno come desiderato. Questo è il succo della grande scoperta chiamata Meccanica Quantistica. Senza di essa non esisterebbe il Digitale, né la Disruption.

A questo punto vi chiederete: la tech del futuro che già oggi domina il Pianeta sta in piedi su… calcoli di PROBABILITA’? Sembra una frase assurda, ma vi garantisco che è precisamente il modo in cui nell’essenza più profonda un cellulare usa la Rete, un computer crea una grafica, un laser esplora lo Spazio, una risonanza magnetica cerca immagini, un robot industriale riconosce una vite, l’Artificial Intelligence pensa, o l’energia illumina le città. Ora scomponiamo parola per parola quell’affermazione, e alla fine avrete compreso tutto ciò che è fondamentale capire su come le incredibili tecnologie della Disruption siano potute nascere e possano fare ciò che fanno. Continua a Leggere QUI

®wld

Tra neve e ghiaccio e riscaldamento globale

Gli scienziati dicono che le “previsioni apocalittiche” sul riscaldamento globale da parte dell’ONU NON sono credibili

by Natural News

Aggiungendo alla confusione generale e al disaccordo sui veri pericoli del riscaldamento globale, un nuovo studio ha determinato che le previsioni “apocalittiche” del riscaldamento globale delle Nazioni Unite sono completamente esagerate.

I ricercatori dell’Università di Exeter hanno utilizzato nuovi calcoli per determinare il probabile impatto che i gas serra che avrebbero avuto sul riscaldamento globale, e sono stati in grado di scontare scenari estremi come la previsione delle Nazioni Unite sul riscaldamento del mondo di ben 19,8 gradi Fahrenheit entro il 2100. Essi hanno ridotto la gamma di potenziali risultati alla fine del secolo di oltre la metà.

Il loro metodo di modellazione ha esaminato quanto aumenterebbe la temperatura media della superficie del nostro pianeta se la quantità di anidride carbonica nella nostra atmosfera raddoppiasse. Mentre i precedenti tentativi di determinare l’equilibrio della sensibilità climatica hanno esaminato i record storici della temperatura, il nuovo studio si è concentrato sulle fluttuazioni globali della temperatura anno dopo anno. Hanno analizzato il modo in cui i cambiamenti di temperatura a breve termine erano sensibili a lievi urti nel clima, indipendentemente dalle emissioni di gas serra.

Mentre il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite ha previsto che l’equilibrio sulla sensibilità al clima sarebbe compreso tra 1,5 e 4,5 gradi Celsius, il nuovo studio vede un intervallo compreso tra 2,2 e 3,4 gradi Celsius. Ciò significa che la “fine del mondo” secondo le Nazioni Unite non è così vicina come vorrebbe farti credere.

Tuttavia, i ricercatori ammettono che il loro nuovo modello non prende in considerazione alcuna possibilità di cambiamenti climatici rapidi causati dal pianeta stesso. Ad esempio, lo scongelamento del permafrost ricco di carbonio sul pianeta, le calotte di ghiaccio che si sciolgono in Antartide, o il crollo della corrente del golfo che potrebbero causare un grande cambiamento.

Gli esperti stanno lodando il nuovo studio 

Il loro “geniale” approccio è stato lodato dal professor Piers Forster dell’Università di Leeds. In un articolo collettivo pubblicato sulla rivista Nature, dove ha scritto: “L’idea alla base di questo lavoro è così invidiabile che farà chiedere agli esperti di climatologia:” Perché non ci abbiamo pensato?”

E’ poco probabile che questo studio vada bene per alcuni allarmisti del riscaldamento globale. Un professore dell’Università del Colorado Boulder, Roger A. Pielke Jr., ha definito su Twitter “intelligente” il nuovo studio, scrivendo: “Se la tua difesa sul clima è basata su argomenti [che saranno davvero cattivi, davvero cattivi”, allora la nuova scienza (“non è così male”) ti mette in una posizione scomoda. Senza dubbio alcuni catastrofisti sentiranno oggi un po’ il bisogno di disquisire il nuovo studio per timore che dia i cattivi negatori”.

Da ricordare una storia simile l’anno scorso su come i modelli climatici del riscaldamento globale siano stati apertamente scorretti e tendenziosi sullo sfornare previsioni troppo esagerate pensate per spaventare le masse. In quell’occasione, un articolo che è stato pubblicato su Nature Geoscience ha concluso che sono stati usati dall’IPCC modelli di software difettosi e ampiamente citati da coloro che hanno interesse a promuovere la narrazione del riscaldamento globale. Hanno dimostrato che il cambiamento climatico non è proprio stata una minaccia urgente per il nostro pianeta, ma è stata concepita per esserlo. Qualcuno qui sta iniziando a notare uno schema?

Trova notizie credibili sulla scienza del clima su Climate.news.

Le fonti includono:

DailyMail.co.uk

WashingtonTimes.com

NaturalNews.com

https://www.naturalnews.com/2018-01-24-scientists-say-apocalyptic-predictions-about-global-warming-by-the-u-n-are-not-credible.html 

************************************

Mattis toglie il riscaldamento globale dalla strategia di difesa nazionale 

Di Michael Bastasch

Il Pentagono ha pubblicato la strategia di difesa nazionale che per la prima volta da oltre un decennio non menziona il riscaldamento globale causato dall’uomo come una minaccia alla sicurezza.

Un riassunto di 11 pagine della nuova strategia di difesa nazionale non menziona più il “riscaldamento globale” o “cambiamento climatico”, secondo una ricerca per parole chiave dell’Huffington Post. Il documento riflette l’attenzione dell’amministrazione Trump su “dominanza energetica” sul clima.

La strategia di difesa nazionale, firmata dal segretario alla Difesa James Mattis, non ha molto da dire sui problemi energetici, tranne che gli Stati Uniti “promuoveranno un Medio Oriente stabile e sicuro” e “contribuiranno a mercati energetici globali stabili e a vie commerciali sicure.”

Il Pentagono ha pubblicato il documento di strategia venerdì, e i funzionari sono stati chiari che non avrebbe fatto cenno al riscaldamento globale. L’amministrazione Bush ha aggiunto il riscaldamento globale alla strategia di difesa nel 2008, ma il problema ha guadagnato lo status di alto livello durante l’amministrazione Obama.

L’amministrazione Trump ha lanciato la sua strategia di sicurezza “America First” a dicembre, che ha chiesto “risorse energetiche abbondanti – carbone, gas naturale, petrolio, fonti rinnovabili e nucleare” per rilanciare l’economia e aiutare gli alleati degli Stati Uniti.

Questo piano ha de-enfatizzato le politiche volte a combattere il riscaldamento globale provocato dall’uomo, un’inversione completa dalla sicurezza nazionale sotto l’amministrazione Obama.

“Le politiche climatiche continueranno a plasmare il sistema energetico globale”, recita la National Security Strategy, pubblicata a dicembre.

“NOI. la leadership è indispensabile per contrastare un’agenda anti-crescita e di energia che è dannosa per gli interessi degli Stati Uniti in materia di sicurezza economica e energetica”, recita il piano. “Considerata la futura domanda energetica globale, gran parte del mondo in via di sviluppo richiederà combustibili fossili e altre forme di energia per alimentare le loro economie e sollevare il loro popolo dalla povertà”.

Fonte: The Daily Caller

Articolo integrale: https://www.attivitasolare.com/pentagono-global-warming-non-piu-minaccia-la-sicurezza-nazionale/

VEDI ANCHE  

PENTAGONO: SEIMILA E CINQUECENTO MILIARDI DI DOLLARI DISPERSI!

I VEGGENTI DEL PENTAGONO NEL 2003: SARA’ CATASTROFE CLIMATICA ENTRO IL 2020

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

************************************

Le previsioni di inverni senza neve svaniscono nel nulla mentre l’emisfero nord viene sepolto sotto neve e ghiaccio

Pubblicato da Enzo Ragusa

Di P. Gosselin – 23.01.2018

Ricordiamo a tutti come alcuni scienziati (David Viner e Mojib Latif, solo per fare alcuni esempi) hanno annunciato audacemente, circa 18 anni fa, che la neve e il ghiaccio alle latitudini 40 – 55° N sarebbe diventata rara.

Tuttavia, guardando gli ultimi dati, vediamo che ironicamente è il terreno senza neve che è diventato “una cosa del passato”. Il giornalista scientifico di Spiegel,Axel Bojanowski ha twittato qui.

Il giornalista di Spiegel ha twittato (enfasi aggiunta)

Perché c’è stata una certa confusione a causa della neve: Niente neve alle nostre latitudini è attualmente l’eccezione in tutto il mondo (sfumatura bianca).”

Con temperature gelide e forti nevicate che attanagliano gran parte dell’emisfero settentrionale, questo è un vero e proprio imbarazzo per gli esperti di clima che in precedenza avevano affermato che la nevesarebbe diventata rara a causa del riscaldamento globale. Inoltre, non solo la neve è tornata vendicandosi, anche le temperature superficiali globali negli ultimi 20 anni sono aumentate in modo insignificante.

I leader mondiali e degli affari dovrebbero ricordarselo mentre si dirigono verso una Davos innevata.

Un altro aneddoto per sollevare le sopracciglia si trova a Montreal, in Canada, dove il possente fiume St. Lawrence potrebbe avere una nave della marina statunitense intrappolata fino a primavera:”a causa delle acque ghiacciate”.

Anche se non ci troviamo in un’era glaciale, è sicuro che attraverserà l’emisfero settentrionale quest’inverno.

Fonte: NoTricksZone

Enzo

AttivitàSolare

https://www.attivitasolare.com/

************************************  

Una risata li seppellirà

Posted By Massimo Lupicino

…Ma per adesso a seppellirli è la neve.

Come da tradizione in questi giorni sulle montagne svizzere di Davos si riunisce il gotha del potere politico e finanziario mondiale: tutti felicemente impegnati a “migliorare lo stato del mondo (…) per modellare agende globali, regionali e industriali (weforum.org)”. Niente di nuovo sotto il sole: è il Club dei Migliori che periodicamente si riunisce per autocelebrarsi nella più alta espressione di sè, quella dei Salvamondo. Un circo itinerante che si alimenta di kermesse a tema: ieri erano a Bonn per salvare il clima (COP23), l’altro ieri in Virginia per curare i loro privatissimi interessi personali (Bilderberg) e oggi in un paradiso svizzero dello sci a due passi dal Liechtenstein, ché magari si unisce anche l’utile al dilettevole.

Se il Bilderberg è carbonaro e misterioso, Davos è quasi sfacciato nel suo sfoggio opulento e autocelebrativo, tanto da potersi persino permettere il lusso di invitare qualche deplorable, per il piacere assai raffinato di prenderlo per i fondelli. E deve essere per questo sofisticato piacere che proprio alla presenza del Presidente americano si porta in scena il trionfo della retorica ambientalista più trita: dei 5 rischi più gravi identificati dagli Illuminati, ben tre sono di carattere ambientale, un record. Si parla di “Eventi Meteorologici Estremi”, di “Disastri Naturali” e di “Incapacità di mitigare / adattarsi al Climate Change” (Fig.1). E nessun rischio economico, a fronte della montagna di trilioni di debito che ha partorito una crescita mondiale da topolino. Non sia mai che qualcuno pensi che l’èlite finanziaria al potere non sa prendersi cura di noi.

E siccome sono i migliori, naturalmente ci hanno preso in pieno con le loro analisi di rischio, e in tempo reale per giunta. Davos, infatti, è stata seppellita da due metri di freschissima e sofficissima neve proprio all’apertura della kermesse. Decisamente un “evento estremo”, e probabilmente anche un “disastro naturale” per chi aveva pianificato qualche giorno di shopping, una sciata defatigante o una capatina in giornata a Vaduz per una consulenza…fiscale. Per non parlare della incapacità di “mitigare” l’inconveniente climatico: “impossibile”, ammette sconsolato il sindaco di fronte allo spettacolo desolante di auto e mini-van di lusso bloccati dalla neve. E che dire della chiusura dell’eliporto, proprio in concomitanza con il previsto atterraggio di 1,000 jet privati? Just…Deplorable.

Ma lo show deve andare avanti, e a salvare la narrativa ci pensano i professionisti del clima-catastrofismo: ovvero giornalisti ed accademici. Tanto per cambiare, infatti, è il New York Times a spiegarci che “singoli eventi atmosferici non possono essere attribuiti al Climate Change”: parole sante, che sono state usate anche per la recente ondata di gelo che ha interessato gli USA. Eppure, curiosamente, proprio la stessa testata è avvezza ad imputare al Climate Change singoli eventi meteorologici secondo convenienza: appena un mese fa, per esempio, ci spiegava che il ciclone Harvey è Climate Change.

A Linda Fried (Columbia University) è affidato l’ingrato compito di difendere la narrativa sul campo. Dopo aver impiegato 3 ore per farsi largo tra la neve e raggiungere un centro di registrazione semi-deserto a due passi dal suo albergo, Linda ha iniziato con mezz’ora di ritardo la sua conferenza sui pericoli del Global Warming. Di fronte alle inevitabili ironie sul tempismo del suo discorso, l’esperta ha ribattuto: “La gente proprio non vuole capire, non sono certo questi i parametri di misura (del riscaldamento globale)”.

In attesa che Linda e i suoi fratelli riescano a far capire al volgo ignorante quali sono questi benedetti parametri di misura, forse è il caso che i modellisti di agende globali in questione facciano davvero uso delle “tecniche di mitigazione del rischio” più opportune, e per esempio trasferiscano il Forum dalle montagne svizzere al deserto australiano. Forse non se ne gioverà lo shopping, ma la narrativa per lo meno non ne uscirà con le ossa rotte.

http://www.climatemonitor.it/?p=47243

Una dipinta realtà: la CO2. Tutto qui

 

Il cosiddetto “cambiamento climatico”: non è la CO2 il problema!

By Nogeoingegeria

AllaCOP23 di Bonn c’è qualche cosa che non va  ha commentato nel suo blog il Colonello Guido Guidi. E ha ragione. Mentre le previsioni catastrofiche invadono nuovamente e puntualmente il mainstream – CO2..a livelli mai raggiunti da 3 milioni di anni etc etc – la COP pare che non abbia nulla di rilevante da offrire per contrastare il pericolo planetario proclamato.  Qualcosa non va di certo. Se il problema fosse davvero la CO2, ci sarebbero molte possibilità di rimediare, di facile applicazione e perfino senza effetti collaterali. La messa in atto potrebbe piuttosto avviare un ampio risanamento di molte situazioni, come evidenziano le proposte di: riforestazione, agricoltura bio e realmente sostenibile, cambiamenti di stile di vita delle persone ispirate dal senso di responsabilità verso l’ambiente e verso sé stessi (un effetto collaterale sarebbe un aumento di benessere generale), abbassamento dell’inquinamento adoperando molteplici tecnologie che lo permettono etc etc. Questa lista di proposte è senza dubbio da completare ed è uno sforzo che merita di essere fatto. Proveremo in un secondo momento a stilare questo elenco, magari chiedendo aiuto ai lettori del blog. L’apparato propagandistico è funzionante in direzione opposta ad un risanamento e non ci sono segnali di cambiamento di rotta per salvare il mondo e noi stessi. Comprate, consumate, divertitevi! Consumate più che potete e riempite questo meraviglioso mondo di spazzatura a tutti i livelli!

La messa in scena dei vari COP pare che abbia soprattutto la funzione di gettare fumo negli occhi, dando l’occasione per campagne ben orchestrate mainstream sul ‘grande impegno’ dei migliaia di scienziati, politici e lobby presenti, ‘allarmati’ dallo stato delle cose. I risultati di questi incontri sono sempre stati scarsi e lo saranno anche a Bonn (VEDI QUI ). E’ stato denunciato da chi era presente agli incontri in passato il carattere ipocrita e di ‘greenwashing’. Le sigle esposte sono veri e propri inganni e celano spesso l’antitesi di quanto promettono. 

In concomitanza con la COP23 si è visto un incremento delle divulgazioni e pubblicizzazioni di una misura ‘forse necessaria’ per salvare il mondo minacciato dalla CO2. La Geoingegneria sta entrando nelle teste dell’uomo comune e entro il 2018 sarà sulla bocca di tutti, promette qualcuno. E qualcuno saprà unire i puntini tra ‘modelli’ presentati e cieli reticolati? 

Le critiche di esperti rispetto alle operazioni ‘proposte’ non mancano. Ma nonostante la pericolosità della ‘cura chemioterapica’, le irrorazioni in atmosfera saranno presto una realtà ufficializzata?

L’operazione sarà resa obbligatoria in seguito ad un disastro ambientale di grande impatto. Diranno ‘IT MUST BE DONE’, così è stato pronosticato da Pat Mooney (coordinatore dell’ETC-Group) in un’intervistanel 2012

Il cosiddetto “cambiamento climatico”: non è la CO2 il problema!

Traduzione Nogeoigegneria 

Un commento della Prof.ssa.Dr. Claudia von Werlhof, presidente del “Movimento Planetario per la Madre Terra”, Innsbruck.

Motivata dalla lettura di “Dose giornaliera” del 7 di novembre (ndr articolo che definisce i ‘negazionisti’ del cambiamento climatico e critici della tesi CO2 come causa del GW una setta) vorrei far riflettere:

E’ sorprendente quanta gente, gente anche molto critica, abbocca e ci casca e prende per oro tutto ciò che viene dall’alto – da Al Gore all’IPCC (Intergovernmental Panel of Climate Change in tedesco spesso definito ‘Consiglio globale del clima’), dai Verdi fino alla Merkel, dall’ultimo vertice sul clima a Parigi a quello attualmente in Bonn, e perfino dal Papa: tutti sostengono che la CO2 industriale sia la causa di un cosiddetto cambiamento climatico, e distruggerà la terra se non si interviene su di esso. Come è possibile che queste persone trovano così facilmente credito? Perché non ci si chiede il motivo per cui all’unisono, proprio tutti – e Trump si unirà prima o poi – fanno queste affermazioni? Perché non ci si chiede quale progetto ci sta dietro? Perché non si ascoltano gli scienziati che la vedono in modo diverso? Nessuno ha un’idea di come la Terra realmente “funziona”? La realtà è dipinta così: la CO2 è inquinamento atmosferico, è sporcizia. Tutto qui.

In realtà il cosiddetto riscaldamento globale e cambiamento climatico è un aumento di meteo estremo: fluttuazioni oltre la norma delle temperature e oltre le stagioni, aumento di catastrofi ‘naturali’ come i tsunami, terremoti oltre i sei gradi della scala Richter, periodi di siccità per anni, incendi che devastano peggio di guerre con le bombe, ma anche ondate di freddo fuori stagione o regioni, ripetersi di inondazioni record, tempeste di grandi dimensioni anche fuori dai tropici, aumento di attività vulcanica e cambiamenti delle correnti oceaniche, nonché il rapido scongelamento dei poli e dei ghiacciai – ed è proprio lì dove accade un riscaldamento che conta il doppio o più del presunto incremento delle altre temperature.

Come potrebbe tutto questo derivare dalla CO2 industriale, presente in atmosfera ben al di sotto dello 0,5% – e peraltro giù, vicino alla terra?

Non deriva da questo. Questi cambiamenti provengono da decenni di geoingegneria militare, dalla seconda guerra mondiale.

La convenzione ENMOD delle Nazioni Unite (Environemental Modification – Modificazione Ambientale) ha identificato il problema dell’utilizzo di tecnologie ambientali già nel 1977 in seguito alla guerra del Vietnam, dove molte delle tecniche erano già state implementate. E da allora, naturalmente, sono proseguiti gli esperimenti e le innovazioni, dalla distruzione dello strato di ozono e di altre parti dell’atmosfera, con i test delle bombe atomiche o razzi nello spazio, allo sviluppo di armi “al plasma” alle tecnologie di “guerra meteorologica” a “Armi energetiche dirette” simili al laser, tutte leggibili in Rosalie Bertell: War Planet Earth, 3a edizione 2016.

Si tratta di sviluppare armi ambientali per nuove guerre, “e i militari sono 50 anni più avanti di noi” (Bertell).

Strano quanto a lungo regge il mito della CO2, lasciando non riconosciuti gli inquinatori o recentemente perfino invitandoli a continuare ufficialmente con la distruzione della terra – con il loro presunto “salvataggio” via geoingegneria! Quest’ultima appare improvvisamente in un abito “civile” e come una “nuova” geoscienza. Questo è stato propagandato sempre più sfacciatamente da Parigi nel 2015 e prevede attualmente di spruzzare sul pianeta presumibilmente bollente niente meno che acido solforico, per raffreddarlo come se fosse scoppiato un super-vulcano e come propagandato dal noto geoingegnere di Harvard, David Keith. Lui stesso ammette che questa potrebbe essere la fine della vita sulla terra, ma lo lasciano fare …?

Dettagli disponibili sul sito web del movimentoplanetario per la Madre Terra che abbiamo elaborato per buone ragioni 7 anni fa. Strano davvero in che modo persone che hanno a cuore il bene della terra possono lasciarsi ingannare così completamente.

Come è spiegabile tutto questo, a parte la generale mancanza di conoscenza del pianeta terra come essere cosmico e l’essere in vendita della scienza e della politica di oggi? Sono venduti anche i movimenti sociali e le ‘Alternative’ o hanno disimparato a usare il loro cervello?

Originariamente pubblicato da: https://kenfm.de/tagesdosis/

VEDI ANCHE

BIOSFERAE GEOINGEGNERIA: LE IMPROBABILI RAGIONI DI UNA CONVIVENZA IMPOSSIBILE

LA CO2 COME CAPRO ESPIATORIO E LA VIA VERSO UN ‘MONDO NUOVO’ (1)

CO2 PETROLIODEL FUTURO. VOLTIAMO PAGINA!? 

Scrive RosalieBertell: “Nell’ambito degli Accordi di Vladivostock, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica presero la decisione congiunta di sciogliere la calotta polare artica.  Non si tratta di un accordo bilaterale registrato dell’ONU, perciò non divenne mai accessibile a coloro i quali – più tardi – furono messi in allarme dal rapido scioglimento dei ghiacci e delle nevi polari, e dalla situazione degli orsi polari che ne è risultata. Per il pubblico, lo scioglimento della calotta polare artica è diventato un segnale forte e inquietante del cambiamento climatico, talmente forte che negli Stati Uniti ai media è stato richiesto di non parlare mai di orsi polari! A causa del segreto militare la gente è stata indotta a pensare che il controllo industriale delle emissioni di CO2 riporterebbe tutto a posto nell’Artico! “VEDI QUI

Neve nera al Polo Nord

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/