Archivi tag: INTERNET

Il termine Organico non piace agli algoritmi di Google

Google ha appena cancellato i siti Web di salute naturale dai risultati di ricerca; Whistleblower spiega come e perché

Di Sayer Ji, GreenMedInfo

All’inizio di questo mese, in un devastante colpo di algoritmo, Google ha rimosso molti dei migliori siti Web di salute naturale e salute dai risultati di ricerca organici, alcuni dei quali hanno perso il 90% del loro traffico. In effetti, il termine “organico” non dovrebbe più essere usato per descrivere il traffico di riferimento di Google, come rivela un’indagine sotto copertura sbalorditiva di Project Veritas: Google manipola surrettiziamente i risultati di ricerca e gli auto-suggerimenti per conformarsi a un insieme molto specifico di sociopolitici e programmi economici intesi a manipolare le elezioni e promuovere interessi privati.

Viviamo in tempi incredibili, anche se intensi, pieni di oscurità e luce incredibile.

Ma grazie al potere di Internet, abbiamo un livello di libertà di informazione mai apprezzato prima da nessuna generazione precedente sulla Terra – e quell’informazione è il sangue della vita degli ideali democratici, e l’ingrediente necessario per il consenso informato e la libertà di salute, i nostri principali patrocini

Ma cosa succede quando i custodi dei contenuti che attraversano questa incredibile invenzione, come Facebook e Pinterest, censurano e mettono al bando l’ombra di determinati utenti o contenuti, o la loro capacità di inviarti messaggi tramite piattaforme di provider di servizi email come MailChimp, come abbiamo recentemente sperimentato su GreenMedInfo.com? Dove andiamo allora per informarci?

Perché non saltare il filtro dei social media e la censura della piattaforma di posta elettronica e tornare a usare Google, potresti chiedere. Non sono forse l’archetipo e l’oracolo moderno dell’equità, essendo diventati sinonimo di ricerca e di risposte oggettive.

Dopotutto, non ti aspetteresti che se tu avessi digitato la ricerca sulla curcuma, GreenMedInfo.com comparirebbe sulla prima pagina, dato che abbiamo la più grande risorsa di accesso aperto al mondo sull’argomento che cura oltre 2.700 studi peer-reviewed rilevanti per oltre 800 malattie, sull’argomento? Mentre alcuni anni fa il nostro traffico di ricerca stava crescendo, oggi è come se non esistessimo più su Internet (a meno che non ci cerchi specificamente per nome).

Invece, oggi, trovi i risultati della prima pagina su Google su turmerico come: “La Curcuma che dopo tutto potrebbe non essere una miracolosa spezia” da Time.com, o “Curcuma: usi, effetti collaterali, interazioni, dosaggio e avvertenza” da WebMD.com, che trascurano gran parte delle ricerche che abbiamo raccolto e fanno suonare la curcuma come se fosse solo un altro farmaco che devi prendere con molta attenzione.

Apparentemente, questo è interamente dal design! Il 3 giugno, infatti, Google ha implementato il suo ultimo cambiamento dell’algoritmo di base, che ha cancellato i risultati della ricerca organica per la maggior parte dei migliori siti nel settore della difesa della libertà naturale per la salute e il benessere. Siti come DrAxe.com, Kellybroganmd.com (le statistiche raffigurate nell’immagine sotto) e Naturalnews.com hanno visto la maggior parte del loro traffico rimosso durante la notte.

Mercola.com, forse la hit più pesante di tutti, ha rotto la storia nel suo rapporto in due parti: “Google seppellisce Mercola nel loro ultimo aggiornamento sui motori di ricerca, parte 1 e 2 .

Mercola.com è stata una fonte di informazioni che denunciano la collusione di Big Pharma e Big Tech per decenni, quindi non sorprende il fatto che Google intraprenda questa azione contro la sua piattaforma e simili. In effetti, i segnali della prossima epurazione sono arrivati ​​nel 2016, quando GlaxoSmithKline ha firmato un contratto da 715 milioni di dollari per collaborare con Google. Google, a quanto pare, è diventata un’operazione pay-to-play e contiene una specifica agenda sociopolitica ed economica che è integrata direttamente nei suoi algoritmi di ricerca.

Sorprendentemente, lo stesso giorno del rapporto di Mercola, il 24 giugno, un reporter investigativo di nome James O ‘Keefe, fondatore di Project Veritas, ha pubblicato un video in incognito di un dirigente di Google e un informatore di Google, rivelando come l’azienda sta manipolando i risultati della ricerca per influenzare indebitamente le elezioni, ma come stanno applicando una narrativa di tipo orwelliano alle autosuggestions, ai risultati di ricerca e al feed degli aggregatori di notizie di Google utilizzati ogni giorno da miliardi. Questo è un video da guardare assolutamente, ed è stato rimosso quasi immediatamente da YouTube (vedi immagine sopra ndr: proprietà di Google), a ulteriore conferma di quanto male non volessero che le informazioni arrivassero.

Sorprendentemente, i tempi di questo video non potrebbero essere peggiori per Google. Come riportato dal Wall Street Journal il 24 giugno, il Dipartimento di Giustizia sta preparando una causa antitrust contro Google. Inoltre, il 19 giugno, il senatore Josh Hawley (R-MO) ha introdotto la legge del Senato del 1914, “Una legge per emendare il Decency Act sulle comunicazioni per incoraggiare i fornitori di servizi informatici interattivi a fornire moderazione dei contenuti politicamente neutrale”, che priverebbe la Big Tech le società dell’immunità attualmente godono di cause per il tipo di manipolazione politica del video di Project Veritas sopra esposto.

Fino a quando Google non sarà ritenuta responsabile delle proprie azioni e ci sarà una riforma del settore, sarà difficile aggirare il loro dominio completo (Gmail, Google, YouTube, Google Calendar, Google Documenti, ecc.) A meno che non troveremo piattaforme migliori, protetti dalla privacy. E ce ne sono alcuni di cui forse non avete sentito parlare, tra cui le alternative del browser Internet a Google Chrome, come Brave Browser e Opera, motori di ricerca come Startpage.com, duckduckgo.com o ecosia.org e programmi di posta elettronica come protonmail. com. Puoi anche utilizzare l’app per le comunicazioni Signal, che fornisce un livello di crittografia che potrebbe essere il migliore in circolazione.

Infine, questa newsletter è una delle uniche linee di vita che le persone dovranno ricevere i nostri contenuti in futuro. E ti incoraggiamo vivamente a condividerlo con gli altri. Possono registrarsi qui e ricevere il nostro regalo più ricco di informazioni, una guida di rimedi naturali di oltre 500 pagine interamente supportata da una scienza peer-reviewed. È davvero una risorsa inestimabile e siamo felici di darlo via per sostenere i nostri lettori riprendendo il controllo della loro salute. Scaricalo qui. Inoltre, se non sei ancora un membro, per favore considera di diventarlo oggi.

ADDENDUM: PROVA L’IPOTESI CHE GOOGLE STA MANIPOLANDO I LORO RISULTATI

Per confermare che le accuse di O ‘Keefe nei confronti di Google sono corrette e che sono impegnate a manipolare i suggerimenti automatici dei termini di ricerca, ho digitato Google “Vaccini causa …” per vedere quali risultati avrebbe recuperato. Questo è il risultato:

Per accertare quale sia il volume di ricerca effettivo per il termine in questione, siamo passati a un altro prodotto Google chiamato Google Trend che consente di vedere il volume e ciò che le persone stanno cercando, nel tempo. Quindi, abbiamo confrontato le ricerche: “I vaccini causano adulti” con “I vaccini causano l’autismo”. Vedrai la profonda disparità di volume tra i due, a favore di quest’ultimo.

Puoi visitare la ricerca delle tendenze di Google e vedere di persona qui.

Chiaramente, questo dimostra con i dati di Google che stanno rimuovendo intenzionalmente determinati suggerimenti automatici dalla loro ricerca per nascondere la verità su ciò che le persone stanno effettivamente cercando. Ciò conferma anche l’ipotesi che stiano censurando siti critici dei vaccini o che mettono in discussione la sicurezza del vaccino; vale a dire, la salute naturale e la libertà di salute che promuovono siti web come il nostro.

Fonte: https://www.activistpost.com/

Articoli correlati:

Curcuma/Curcumina e altre 1700 sostanze Naturali

Il Potere Divino della FDA nella cura delle malattie

®wld

Almanacco di maggio 2019

L’era della tirannia è iniziata – Washington ha distrutto la libertà occidentale

by Paul Craig Roberts
April 26, 2019

di PaulCraigRoberts Website

Un pesce marcisce dalla testa. Nel mondo occidentale il marciume sta accelerando.

Il marciume di Washington si sta diffondendo rapidamente ai governi statali e locali e all’estero ai governi dei vassalli dell’Impero. L’attacco di Washington al giornalismo rappresentato dall’arresto illegale di Julian Assange si è ora diffuso in Francia.

La politica di sanzioni del governo degli Stati Uniti nei confronti dei paesi sovrani che non seguono gli ordini di Washington si è diffusa,

lo stato di New York, dove il governatore ha minacciato sanzioni contro le istituzioni finanziarie che fanno affari con la National Rifle Association (NRA).
In Francia il presidente vassallo di Macron ha detto a tre giornalisti – che hanno rivelato che il governo di Macron ha intenzionalmente venduto armi all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti per massacrare donne e bambini nello Yemen – per presentarsi alle interrogazioni della polizia.

Il rapporto dimostra che il governo di Macron mentì deliberatamente quando disse che non era a conoscenza del fatto che le armi francesi dovevano essere utilizzate per l’attacco piuttosto che per l’uso della difesa in violazione del Trattato sul commercio delle armi del 2014.

I giornalisti sono sotto inchiesta della gestapo francese per,

“compromettere i segreti di difesa nazionale”.

In altre parole, quando il governo francese mente, è una violazione dei segreti di difesa nazionale segnalarlo.

L’intero mondo occidentale sta adottando l’approccio di Washington nei confronti di Assange e criminalizza la pratica del giornalismo, proteggendo così la criminalità dei governi.

Se rivelate un crimine governativo, come ha fatto Wikileaks, sarete perseguiti dal governo criminale per averlo fatto. È come permettere a un criminale di perseguire la polizia e il pubblico ministero che lo vogliono arrestato.

  • Con il Primo Emendamento già sotto attacco e mirato all’eliminazione da parte di Identity Politics per aver permesso “l’incitamento all’odio”
  • Con il decimo emendamento distrutto dal criminale di guerra Abe Lincoln
  • Con l’habeas corpus e il giusto processo distrutti dai regimi di George W. Bush e Obama,

… rimane solo il secondo emendamento, ed è sotto attacco dal governatore di New York, Andrew Cuomo.
Cuomo ha rivelato che la sua minaccia di sanzioni contro le organizzazioni finanziarie ha lo scopo di mettere

“l’NRA è fuori dal mercato, stiamo costringendo l’NRA a compromettere finanziariamente, non ci fermeremo fino a quando non le chiuderemo”.

Il tiranno Cuomo sa che l’ANR non può operare senza un conto bancario e una copertura assicurativa.
Per essere chiari, il successo di Washington nel governo delle armi contro il popolo si è diffuso in tutto l’impero e giù nei governi statali degli Stati Uniti.
Quando aggiungiamo a questo la massa spiando i cittadini resi possibili dalla rivoluzione digitale, abbiamo come risultato la morte della libertà.
Parlare più delle “democrazie occidentali” significa mettere in bocca una menzogna. Ci sono esattamente zero governi occidentali che possono essere ritenuti responsabili dal popolo .

Non ci può essere un governo responsabile senza una stampa libera.

Non c’è libertà economica o libertà di associazione quando le imprese sono punite per avere rapporti commerciali con organizzazioni che sono bersaglio dell’oppressione del governo.
La “guerra al terrore” era un travestimento per un attacco alla Costituzione degli Stati Uniti, un attacco che è riuscito. Il peggior atto di tradimento nella storia è la distruzione da parte del governo degli Stati Uniti della Costituzione degli Stati Uniti.
L’era della tirannia è iniziata. Le elezioni non possono fermarla …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*******************************

GUERRA ALL’IRAN – SI PREPARA UN FALSE FLAG?

di Maurizio Blondet

Domenica  John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha minacciato l’Iran di  “forza inesorabile” annunciando lo spiegamento dell’USS Abraham Lincoln Carrier Strike Group e di una task force per i bombardieri nella regione del Golfo Persico,  un messaggio “chiaro e inequivocabile” al regime iraniano.

La dichiarazione di Bolton ha  fatto riferimento a un “numero crescente di indicazioni preoccupanti” dall’Iran. A rincalzo, la corrispondente del Pentagono della CNN Barbara Starr ha precisato   che gli USA  sono al corrente  “specifiche e credibili” minacce iraniane contro le forze e i beni degli Stati Uniti in Siria, Iraq e in mare. L’articolo continua QUI

*******************************

 Più trivelle, meno marines.

Posted By Massimo Lupicino

Si parla in questi giorni delle nuove sanzioni all’Iran (embargo totale sulle esportazioni di petrolio) che andranno a colpire in modo pesantissimo l’economia del Paese messo già da tempo nel mirino dall’amministrazione Trump. Le analisi che si leggono in questi giorni sono ovviamente di tipo geopolitico, e ruotano attorno al complesso incrocio di interessi che vedono Stati Uniti, Israele e la monarchia saudita, unirsi appassionatamente nella lotta al regime degli ayatollah. Certamente sono considerazioni che hanno una loro validità. Ma sotto la cenere, al solito, cova altro. E come al solito quando si parla di Medio Oriente, covano temi legati all’energia. L’articolo continua QUI

*******************************

La geopolitica di Internet, vettore dell’egemonia statunitense

di PAUL ANTONOPOULOS

Il semplice fatto che gli Stati Uniti siano stati gli inventore di Internet attraverso il progetto militare DARPA del Pentagono ha impregnato un’egemonia unica, ma questo sta cominciando a essere sminuito dai suoi rivali cibernetici in Cina e in Russia.

La “guerra informatica” è già iniziata e gli Stati Uniti stanno combattendo contro la Cina e la Russia. Ora che il presidente dell’Ecuador, Lenin Moreno, assorto nel puzzolente scandalo INA Papers, ha dato ai suoi capi a Washington in modo non glorioso il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange – di doppia nazionalità australiano-ecuadoriana – un grande dibattito è stato scatenato nel decadente Occidente (‘qualunque cosa significhi’). Riguarda la libertà di espressione e la censura, specialmente nell’era cibernetica dominata dai giganti tecnologici della GAFAT della Silicon Valley (Google, Apple, Facebook, Amazon e Twitter), che irrompono persino nella privacy del codice genetico dei cittadini del valetudinario. L’articolo continua QUI in lingua inglese

*******************************

La UE respinge il termine iraniano di 60 giorni per l’accordo sul nucleare, dice che per il momento rimarrà impegnata.

[Nota del redattore: quindi eccoci qui, sia con gli Stati Uniti che con la UE non in conformità con il JCPOA, e l’UE sta attualmente minacciando di più sanzioni contro l’Iran se insiste sul fatto che l’Unione europea rispetti gli obblighi di commercio aperto con l’Iran.

Il provvedimento dell’UE per valutare la propria conformità è semplicemente dire che è da un lato, e dall’altro, promettendo di essere all’altezza dell’affare, ad un certo punto, è un’ammissione che non lo è. I media aziendali non li hanno ancora interpellati su questo.  L’articolo continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Le preoccupazioni sulla privacy crescono mano a mano che i dispositivi dello IoT si accendono 

di Chris Teale

La grande maggioranza dei cittadini non si fida dell’Internet of Things per due grandi motivi: mancanza di sicurezza e privacy dei dati. I tecnocrati non correggeranno questo senza una legislazione legalmente obbligata. ⁃ Editor TN

La sicurezza e la sicurezza dei dispositivi Internet of Things (IoT) rimane un problema irritante per i legislatori, mentre un’indagine da parte di Internet Society mostra che c’è ancora molta strada da fare prima di raggiungere una diffusa accettazione da parte del pubblico della connettività IoT.

L’indagine, condotta in sei paesi dalla società di sondaggi IPSOS Mori, ha rilevato che il 65% degli intervistati si occupa di come i dispositivi connessi raccolgono dati, mentre il 55% non si fida di tali dispositivi per proteggere la propria privacy. Nel frattempo, il 63% degli intervistati ha dichiarato di trovare i “dispositivi inquietanti”, che sono proiettati in numero di decine di miliardi in tutto il mondo, e sono “inquietanti”. Continua QUI in lingua inglese.

*******************************

Affrontalo: se stai usando Amazon Alexa a casa tua, sei una persona incredibilmente credulona.

Di Ethan Huff

(Natural News) Il tono muto della popolazione americana mainstream è ancora una volta in piena mostra con il continuo successo dei dispositivi di ascolto di Alexa di Amazon, che sono stati ripetutamente esposti come nient’altro che strumenti di sorveglianza del Grande Fratello per tenere sotto controllo persone abbastanza credulone da permettere tale tecnologia nelle loro case “intelligenti”.

Commercializzandoli come “cool” giocattoli tecnologici che presumibilmente rendono la vita più facile e più confortante, Amazon ha davvero fatto una rapida comparsa sul pubblico con il suo stratagemma Alexa – e specialmente quelli abbastanza stupidi da pagare effettivamente per una di queste cose, che fondamentalmente permette a Jeff Bezos e alla sua brigata di spioncini digitali di spiarli 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Non sorprende affatto il fatto che quasi nulla di ciò che Amazon ha da tempo rivendicato sulle protezioni della “privacy” di Alexa sia in realtà vero. L’articolo continua QUI in lingua inglese

®wld

Sporchi Trucchi sull’imperiale rete web globale

 

Protesta di Splinternet: interrompi gli attivisti di ACTA 2 Inizia la petizione online per salvare Internet da consegnare alla Commissione europea

Di Aaron Kesel

Stop Gli attivisti di ACTA 2 composti da anonimi, pirati e sostenitori della libertà di Internet hanno lanciato una nuova petizione di Change.org da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio dopo le elezioni europee, con nuovi politici pronti a conquistare la leadership.

Le elezioni europee si svolgeranno tra il 23 maggio e il 26 maggio, a quel punto nuovi politici prenderanno il posto degli ultimi funzionari pubblici che hanno tradito il popolo europeo vendendo il loro Internet per un filtro di upload e una tassa di collegamento che cambierà il mondo come sappiamo esso. Tuttavia, le carni fresche che entrano in carica hanno la possibilità di invertire le cose rovinate dai loro predecessori e rendere le cose giuste per il popolo europeo che in precedenza si è opposto alla direttiva in una petizione di 5,2 milioni di persone che è stata consegnata al Parlamento europeo chiedendo la fine le proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

Gli attivisti si sono incontrati nelle strade di tutta Europa in diverse occasioni in passato per manifestare il loro malcontento per il disegno di legge ACTA 2 dell’UE.

Il 23 marzo, gli attivisti si sono incontrati per la prima volta nelle strade per combattere contro le società di copyright e i burocrati della UE che cercano di distruggere Internet.

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019, in tutta Europa, come riportato da Activist Post .

Nonostante le proteste in tutta Europa, i deputati hanno votato il 15 aprile per ridisegnare con successo Internet con una direttiva sulla censura mascherata da una proposta di copyright, approvata in un voto di 22 paesi a favore della legge.

Solo sei paesi – Italia, Svezia, Polonia, Finlandia, Paesi Bassi e Lussemburgo – hanno votato contro la proposta di direttiva che cambierà Internet come la conosciamo.

ACTA 2 ha richiesto tutti i trucchi sporchi nel libro per passare il voto iniziale.

Durante il processo di votazione, ci sono stati numerosi politricks da parte del Gruppo PPE e altri partiti politici coinvolti nella direttiva sul copyright, o ACTA 2, come tentare di cambiare la data di voto, intimidire i politici minacciandoli con cattiva stampa e persino modificare i numeri degli articoli prima al voto.

Se ciò non bastasse, un rapporto di una pubblicazione tedesca ha rivelato che la vera ragione per cui la Germania ha ceduto in Francia a febbraio è perché il paese è stato corrotto nei negoziati per ottenere l’approvazione per il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia.

Con il superamento di ACTA 2 ciò significa che i paesi membri dell’UE hanno due anni per conformarsi alla stesura delle proprie leggi nazionali. Questo sicuramente stimolerà proteste e battaglie legali in tutta Europa per i prossimi anni. A meno che attivisti e hacktivisti che usano Change.org abbiano qualcosa da dire contro.

La petizione afferma:

Come probabilmente saprai, è stata introdotta una direttiva sul copyright nell’Unione europea che cambierà per sempre la nostra Internet.

L’articolo 11 e l’articolo 13 (ora chiamato articolo 15 e articolo 17) introdurranno un #uploadfilter e un #linktax. Questo è inaccettabile per noi.

Chiediamo alla nuova Commissione europea di introdurre una nuova direttiva che abroga l’attuale direttiva sul copyright, compresi gli articoli 15 e 17 ampiamente criticati (noti in precedenza come articoli 11 e 13). Il modo in cui ciò viene fatto dipende da voi, ma non diamo il nostro consenso a lanciare QUALSIASI legge che introduca la censura di Internet e costringa i proprietari del sito Web a monitorare proattivamente i loro servizi.

Per chiunque consideri la firma: tra il 23 e il 26 maggio 2019 ci saranno nuove elezioni nell’UE. Questa petizione deve essere consegnata alla nuova Commissione Europea. Diamo loro un chiaro messaggio che vogliamo che creino una nuova direttiva che invalida l’attuale direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, adottata dal Parlamento europeo il 26 marzo e approvata dal Consiglio dell’Unione europea il 15 aprile 2019.

Vuoi saperne di più?

Unisciti a # StopACTA2 su Discord: https://discord.gg/UgvYn3F

Visita il sito Web: https://www.stopacta2.org/en/

In retrospettiva, i nuovi politici che conquistano i leader dei paesi possono rappresentare la gente, la libertà e la trasparenza di Internet o finire un obiettivo dei cittadini di Internet sovrani e distruggere le tue carriere politiche mentre rispondono alle telefonate arrabbiate che spiegano perché ignori la volontà della gente . La scelta, ovviamente, è tua; la decisione di opporsi a te è nostra!

Attualmente, la nuova petizione da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio ha un totale di 1.007 persone che hanno firmato al momento della presente relazione.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Nel frattempo, il Regno Unito stesso nel processo di uscita dall’UE, ha approvato un orribile disegno di legge che renderà illegale la sorveglianza di qualsiasi “propaganda terroristica” (non chiaramente definita) che rechi una condanna a 15 anni, una legge sulla pornografia e l’introduzione del la prima agenzia mondiale per la sicurezza delle normative su Internet, come riportato da Activist Post .

In altre parole questo sta portando a uno “splinternet”, un termine reso popolare l’anno scorso dall’ex CEO di Google Eric Schmidt che ha predetto che Internet sarebbe crollato in due parti: una guidata dai cinesi e l’altra guidata dagli Stati Uniti. Conosco il Regno Unito, l’ex paese dell’UE sembra guidare lo sforzo insieme agli attuali paesi membri dell’Unione Europea.

Per dirla chiaramente, stanno usando il sistema legale come mezzo per dividere Internet; questo porterà i webmaster a dover seguire le leggi di più paesi e dover pagare per un filtro di upload e collegare le tasse o semplicemente bloccare i paesi che supportano tali sistemi.

Un recente articolo della Associated Free Press intitolato: “Rompere Internet: nuove regole sulla rete globale imperiale” evidenzia il problema chiave con cui i singoli paesi creano le proprie leggi regolatorie per un sistema creato per consentire la connettività tra nazioni senza frontiere. Internet è globale, un World Wide Web, quindi questo significa che i proprietari di siti Web dovranno conformarsi alle leggi di più paesi; questo soffoca non solo la libertà di informazione, ma può anche danneggiare le piccole imprese che non sono giganti aziendali come Google o Facebook.

Inoltre, la legislazione di Internet in conflitto da parte di più paesi finirà per frammentare le informazioni tra reti e paesi. Già, con il passare del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), come riportato da Gizmodo, abbiamo visto questo prendere forma.

Ora, se visiti decine di siti Web di notizie americane da un indirizzo IP basato sull’UE, alcuni dei siti di notizie affermano quanto segue o qualcosa di simile: “Purtroppo, il nostro sito Web non è attualmente disponibile nella maggior parte dei paesi europei. Siamo impegnati sulla questione e ci impegniamo a esaminare le opzioni che supportano la nostra gamma completa di offerte digitali per il mercato dell’UE. Continuiamo a identificare soluzioni tecniche di conformità che forniranno a tutti i lettori il nostro pluripremiato giornalismo “.

L’Electronic Frontier Foundation (EFF) ha precedentemente avvertito che le politiche proposte all’interno di ACTA 2 aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa e creeranno uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

EFF rileva che la petizione originale degli attivisti consegnati al Parlamento è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le società statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano negoziare migliori affari in), e perché questi filtri censureranno enormi quantità di materiale legittimo.

Come Activist Post ha riferito continuamente, l’Articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sul contenuto che gli utenti postano sui loro siti web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di upload per proteggersi dalle enormi richieste dei proprietari e delle agenzie che lavorano su per loro come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Julia Reda, membro della Pirate Party in Germania, annota gli ultimi sconvolgenti cambiamenti sconvolgenti apportati al conto in un post sul blog .

  • I siti commerciali e le app in cui gli utenti possono inviare materiale devono compiere “migliori sforzi” per acquistare preventivamente licenze per tutto ciò che gli utenti possono eventualmente caricare, ovvero: tutti i contenuti protetti da copyright nel mondo. Un’impresa impossibile.
  • Inoltre, tutti i siti, ad eccezione di pochissimi (quelli piccoli e molto nuovi) dovranno fare tutto quanto è in loro potere per impedire che qualcosa possa mai andare online che potrebbe essere una copia non autorizzata di un’opera che un titolare di diritti abbia registrato con la piattaforma. Non avranno altra scelta se non quella di distribuire i filtri di caricamento, che sono per loro natura costosi e soggetti a errori.
  • Se un tribunale dovesse mai constatare che le proprie attività di concessione di licenze o di filtraggio non sono sufficientemente accanite, i siti sono direttamente responsabili delle violazioni come se li avessero commessi personalmente. Questa enorme minaccia porterà le piattaforme a rispettare in modo eccessivo queste regole per stare dalla parte della sicurezza, peggiorando ulteriormente l’impatto sulla nostra libertà di parola.


Reda afferma anche che per la tassa di collegamento, ci sarà il copyright extra per i siti di notizie, come quello che stai leggendo ora.

  • La riproduzione di più di “singole parole o estratti molto brevi” di notizie richiederà una licenza. Questo probabilmente coprirà molti dei frammenti mostrati comunemente accanto ai link oggi per darti un’idea di cosa essi portano. Dovremo aspettare e vedere come i tribunali interpretano cosa significa “molto breve” nella pratica – fino ad allora, il collegamento ipertestuale (con frammenti) sarà impantanato nell’incertezza giuridica.
  • Non vengono fatte eccezioni nemmeno per servizi gestiti da privati, piccole aziende o organizzazioni non profit, che probabilmente include blog o siti web monetizzati.

Il FEP ha dichiarato lo scorso mese che questa battaglia non è finita, che le leggi possono ancora essere impugnate in tribunale, i cittadini dell’UE dovranno organizzare e sostenere gruppi indipendenti di diritti digitali europei.

In un post sul blog, Danny O’Brien, direttore internazionale della Electronic Frontier Foundation (EFF), ha definito il passaggio della legge sul copyright “un sorprendente rifiuto della volontà di cinque milioni di petizioni online e oltre 100.000 manifestanti questo fine settimana”.

Se ritieni che la legislazione dell’UE in materia di internet non ti riguardi, allora ti sbagli e non capisci come funziona Internet.

Oltre al FEP, 54 ONG e 40 accademici hanno pubblicato lettere aperte separate al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia ai diritti fondamentali, che porta al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Inoltre, 70 Internet e i luminari informatici si sono espressi in precedenza contro le disposizioni pericolose. Il gruppo, incluso – pioniere dell’Internet Vint Cerf, l’inventore del World Wide Web Tim Berners-Lee, co-fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, co-fondatore del Mozilla Project Mitchell Baker, fondatore di Internet Archive Brewster Kahle, esperto di crittografia Bruce Schneier, e l’esperto di neutralità della rete Tim Wu.

L’informatore della NSA Edward Snowden ha criticato il voto, twittando in tedesco, “Non dimenticare mai cosa hanno fatto qui.”

Il fascismo di regolamentazione di Internet sta aumentando e non sembra essersi fermato presto. La domanda deve essere posta: dov’è Anonymous che ha aiutato a superare la legislazione orwelliana su Internet? Sembra che tutti siano stati tranquilli nonostante questa recente spinta in atto a portare via tutti i nostri diritti e libertà di Internet gratuiti un paese alla volta.

Se i diritti e le libertà di Internet devono essere mantenuti, le persone devono venire insieme, alzarsi e protestare come mai prima e lasciare che le loro voci, i tasti e i sit-in digitali siano ascoltati e sentiti in tutto il mondo. Altrimenti, rischiamo di entrare in un’era che sarà conosciuta come l’era oscura del 21 ° secolo in cui le informazioni vengono dimenticate a causa di controlli di polizia, censura attraverso filtri di upload o contenuti di propaganda terroristica e generalmente persi a causa del mancato pagamento di ogni link esterno su un sito web (link tax). Non si torna indietro una volta che questi sistemi e le agenzie di regolamentazione delle infrastrutture sono in atto.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, #SaveOurInternet # Articolo 11, #Articolo13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Puoi firmare la petizione qui, per salvare Internet, esprimere la tua opinione contro lobbisti e burocrati dell’UE che cercano di distruggere il World Wide Web.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono:  wolnemedia, SoMee.Social, Bitchute, Presearch, blogmedia24, Anonymous Bites Back, wykop, polskapartiapiratow, Pirate Parties International, kontestacja, Hackread.com, inspro, Stowarzyszenie Libertarianskie, Anonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopACTA2.org , un sito Web gestito per supportare l’operazione Stop ACTA 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole.

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

Il Profondo Apprendimento dei Grandi Dati

Big Data e Deep Learning

Autore marceellopamio

Dottor Alfred Spitzer, «Solitudine Digitale»

Dall’inizio di questo secolo gli stati del mondo occidentale “civilizzato” raccolgono i dati personali dei loro cittadini in proporzioni mai conosciute finora. Una delle fonti fondamentali di questi dati siamo noi stessi! Siamo noi che forniamo i dati, sia con il pieno consenso, sia del tutto inavvertitamente: che siano le nostre email e le nostre telefonate ad essere lette o ascoltate, le nostre abitudini d’acquisto a essere registrate (per mezzo delle tessere fedeltà), i nostri movimenti (non solo) nei luoghi pubblici a essere monitorati per mezzo di telecamere, dei nostri smartphone o del software della nostra auto, o che siano i nostri sentimenti e stati d’animo essere non solo registrati e analizzati, ma ormai anche manipolati per mezzo di Facebook o Twitter, non fa differenza.

Prima ci preoccupavamo di ciò che sapevano sul nostro conto l’Agenzia delle Entrate o la Motorizzazione Civile. Oggi vengono raccolti, memorizzati e analizzati i dati sul nostro conto da numerose aziende e dallo Stato, in proporzioni tali che la furia catalogatrice della Stasi sembra a confronto un semplice “caffè tra signore”.
Non c’è da meravigliarsi se ormai il termine Big Data ha assunto un retrogusto sgradevole.
Il motivo che si adduce per giustificare tale furia catalogatrice è l’aumento degli attacchi terroristici: per evitarli, l’intera società deve reagire con una maggior vigilanza al fine di garantire la sicurezza interna.

Big Data e Deep Learning

Non è solo la raccolta dei dati personali ad aver conosciuto una crescita esponenziale, ma anche la possibilità di una loro analisi. E’ stato solo con lo sviluppo dei più moderni programmi di elaborazione dati che si è reso possibile interpretare i dati che uno smartphone fornisce con tutti i suoi sensori (sensori per i gesti, i movimenti, la velocità, la temperatura, l’umidità eccetera), con il microfono, le videocamere e il sistema di navigazione satellitare.
Perché solo quando l’enorme massa di dati in entrata può essere anche automaticamente analizzata si ha una reale possibilità di spiare gli uomini sulla Terra.

Non c’è da meravigliarsi quindi se quasi in contemporanea all’arrivo dello smartphone siano stati fatti i necessari progressi nell’ambito dell’elaborazione dati. Tali progressi sono conosciuti con il nome di Big Data e Deep Learning.

Il concetto di Big Data è ambiguo e i suoi contorni non solo sono sfocati, ma anche in continuo mutamento. In ogni caso si tratta di quantità di dati talmente esorbitanti che non è possibile avere una visione di insieme senza l’aiuto di strumenti meccanici e per i quali non bastano più nemmeno i consueti processi di elaborazione dati digitale.

Si dice che la quantità di dati disponibili prodotti in tutto il mondo, raddoppia ogni due o tre anni, ma si dimentica che questo dipende non da ultimo dal fatto che ci sono sempre più macchine fotografiche che scattano in continuazione foto, con una definizione sempre maggiore, che la nostra comunicazione – mail, telefonate, messaggi ecc. – viene osservata e memorizzata sempre meglio, e che i sensori più disparati forniscono in maniera del tutto automatica dati per qualsiasi cosa (a partire dal meteo fino alle nostre pulsazioni), mentre prima ci limitavamo ad assistere i fenomeni naturali senza registrarli. Con Big Data s’intende senz’altro anche questo aspetto del nostro mondo tecnologizzato.

Big Data si riferisce comunque soprattutto alle possibilità di salvataggio e interpretazione dei dati in giganteschi centri dati che sorgono nelle vicinanze di corsi dei fiumi e/o di centrali elettriche, perché calcolatori e sistemi di immagazzinamento dati sviluppano un fabbisogno energetico molto elevato, non da ultimo per il raffreddamento.

Le banche dati contengono così tante informazioni che estrarre quelle rilevanti somiglia davvero all’estrazione di metalli in una miniera. Per questo la ricerca all’interno di grandi quantità di dati viene chiamata Data Mining.
Le possibili conseguenze di tutto ciò le ha scoperte a proprie spese una quindicenne americana incinta…

L’incredibile storia della ragazza incinta

La ragazza non aveva ancora informato i genitori della sua gravidanza, quando ricevette posta da un supermercato locale: pubblicità di vestiti pre-maman, fasciatoi e molti, molti visi di bebè…

Il padre, che non aveva trovato affatto divertente la cosa si recò furibondo al supermercato chiedendo di parlare con il manager: «Mia figlia ha trovato questo nella cassetta postale (…) va ancora a scuola e voi le ha mandate coupon per vestiti da bebè e culle? Volete che mia figlia rimanga incinta?»
Il manager si scusò e anche dopo qualche giorno telefonò di persona per scusarsi nuovamente. Ma la voce del padre adesso suonava affranta: «ho fatto una chiacchierata a quattrocchi con mia figlia. Ho scoperto che a casa nostra succedevano cose di cui non sapevo nulla. Partorirà ad agosto. Sono io che devo scusarmi con lei».

Cos’era accaduto?

Nei supermercati degli Stati Uniti esistono da molto tempo coupon, sconti e carte socio che hanno essenzialmente la funzione di raccogliere informazioni sul cliente: età, sesso, stato di famiglia, figli, domicilio, guadagno; le carte di credito utilizzate, le pagine web consultate sono note ai negozi tanto quanto le preferenze tra le marmellate, il caffè o i fazzoletti di carta, oppure le particolarità della dieta (vegetariana, vegana, intollerante al lattosio o al glutine, ecc.)

Se le informazioni possedute dai supermercati non sono per loro sufficienti, ne comprano altre: «sull’appartenenza etnica, sulle precedenti occupazioni, sulle riviste lette, se si è stati inadempienti o se si è separati, in che anno si è comprato casa, che scuola si è frequentata o che università, di cosa si parla o si scrive online, quali sono le posizioni politiche, ecc.»

 La catena di supermercati Target, la seconda più grande negli USA, è tra le prime che provano a scoprire per mezzo del Data Mining quali delle proprie clienti siano in stato di gravidanza.

Per far ciò si confrontano gli acquisti di migliaia di donne che si sa essere incinte, con gli acquisti delle donne non incinte. Da tale confronto risulta che le donne in stato di gravidanza, a partire circa dall’inizio del loro quarto mese, comprano prodotti per la pelle senza l’aggiunta di profumi e, nei primi 5 mesi di gravidanza, acquistano integratori alimentari come calcio, magnesio e zinco.

«Sono molte le clienti che comprano saponi e ovatta, ma quando la cliente inizia all’improvviso a comprare molti saponi inodori, confezione extralarge di ovatta, lozioni per il bucato a mano e strofinacci, è probabilmente vicina alla data del parto»

In questo modo, sulla base di circa 25 prodotti acquistati da una donna, è possibile non soltanto assegnare un punteggio di previsione della gravidanza, ma anche calcolare una finestra relativamente ristretta sul giorno della nascita.

Su questa base è possibile raggiungere i clienti con pubblicità molto mirate e tanto più efficaci se si pensa che la gravidanza e la nascita di un figlio sono sempre fasi di cambiamenti radicali, in cui si definiscono alcune vecchie abitudini.

Così è successo quello che doveva succedere…

Dopo che l’incidente della ragazza quindicenne è stato reso pubblico sul «New York Times»[1], ci si è resi conto che la strategia adottata non era affatto una buona strategia di marketing. Eppure chi crede che il supermercato abbia abbandonato il suo calcolo delle previsioni di gravidanza si sbaglia.

Adesso lo fa soltanto in maniera più subdola, stampando un tosaerba accanto al pannolino sul coupon, in modo che la cosa dia meno nell’occhio: la cliente crede che tutti ricevano lo stesso coupon e considera la pubblicità dei pannolini un caso…

Alfred Spitzer, medico psichiatra è stato visiting professor a Harvard e attualmente dirige la Clinica psichiatrica e il Centro per le Neuroscienze e l’Apprendimento dell’Università di Ulm.
Autore di numerosi saggi tra cui «Demenza Digitale»

Note

[1] «How company learn your secrets», «New York Times», 16 febbraio 2016, https://www.nytimes.com/2012/02/19/magazine/shopping-habits.html

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

Riforme del copyrigt adottata dall’Ueroparlamento

VIDEO

********************************* 

*********************************

https://www.stopacta2.org/en/

 (nda. Qualche minuto prima della delibera dell’Europarlamento)

Cosa devi sapere su ACTA 2 

La direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale ha molti nomi su Internet. Eccone alcuni: #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, # Article11, # Article13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, #CensorshipMachines. Lo chiamiamo “ACTA 2”, perché ACTA nella comunità online è sinonimo di un tentativo di legalizzare la censura di Internet. La direttiva doveva aggiornare le norme sulla protezione del copyright per aiutare i creatori. Sfortunatamente, i legislatori hanno intrapreso un percorso diverso e hanno preparato soluzioni legali che avrebbero distrutto Internet come lo conosciamo. # ACTA2 costringerà l’UE a creare un’infrastruttura di intelligenza artificiale che censurerà automaticamente i contenuti online prima che vengano pubblicati. Ogni portale e applicazione (desktop o mobile) dovranno essere collegati ad esso per evitare il rischio economico di essere finanziariamente responsabile di un post o di un commento (anche da parte di un utente anonimo) di contenuto protetto. 

Oggi, questa infrastruttura sarà utilizzata per proteggere i diritti d’autore in modo radicale. Sfortunatamente, ACTA 2 non solo impone la creazione di un’infrastruttura di censura, ma introduce anche un precedente al sistema legale europeo, consentendo la censura preventiva dei contenuti. Per questo domani, questa infrastruttura e il precedente legale saranno utilizzati per censurare il contenuto morale. La Commissione europea sta già preparando soluzioni giuridiche sotto forma di diverse direttive che useranno ACTA2 per censurare il contenuto delle organizzazioni considerate “radicali”. L’argomento recentemente popolare nell’UE è l’incitamento all’odio e le “notizie false”. Al momento ci sono idee di “filtraggio” e anche il blocco di questo tipo di contenuto. 

Se ACTA2 entra in vigore, può essere utilizzato per filtrare e bloccare (censurare) qualsiasi tipo di contenuto nell’UE. Da quel momento, non ci sarà via d’uscita.  

# Articolo 11 

Articolo 11 – il #linktax è uno sforzo di lobbing aziendale. Fornisce diritti d’autore aggiuntivi per la stampa, che richiedono una licenza dell’editore per chiunque desideri utilizzare anche il frammento più breve di una stampa o un articolo – questo si riferisce anche ai frammenti di collegamento (il titolo, la descrizione e l’immagine in un collegamento). In effetti l’articolo 11 ucciderà tutti i media indipendenti e la polemica online.

# Articolo 13  

Articolo 13 – i #uploadfilters scaricano la responsabilità per i post e i commenti degli autori ai proprietari dei siti web. Offre uno strumento per aiutare i proprietari del sito Web a filtrare i contenuti: un’infrastruttura IT di filtraggio a cui tutti i siti Web dovranno connettersi. Questo filtro censurerà tutti i contenuti che considereranno che violano i copyright prima che il post o il commento diventino pubblici.  

Perché ACTA 2 è così pericoloso?  

La tentazione è grande con un tale potere. L’infrastruttura, una volta operativa, può essere utilizzata per filtrare e bloccare qualsiasi tipo di contenuto, anche i poteri che lo controllano lo scelgono e non ci sarà ritorno. SÌ! Le leggi sul copyright di oggi non sono eccezionali. SÌ! hanno bisogno di un cambiamento. Ma un cambiamento per il meglio e ACTA2 è un cambiamento che porta a un sistema autoritario. 

Fonte: https://www.stopacta2.org/en/  

Nota del video in testata:

“Il via libera comunque entro maggio 2019 e, tutto diventerà eventualmente legge nei singoli paesi non prima del 2021”

®wld 

Quanto è profonda la tana del coniglio?

rscheer1025amazon-1024x576 - 1

AMAZON: La più grande operazione congiunta CIA-Corporate Covert nella storia degli Stati Uniti 

Pubblicato il 6 marzo 2019 da State of the Nation

C’è una buona ragione per cui l’hanno chiamata AMAZON!

Stato della nazione

Proprio come Walmart è stato utilizzato per rilevare l’industria al dettaglio americana dopo essere stato incorporato nell’ottobre del 1969, Amazon è stato effettivamente creato per dominare completamente l’industria di vendita al dettaglio basata su Internet, che ha realizzato con successo.

A partire dal 31 gennaio 2019, Walmart ha 11.348 negozi e club in 27 paesi, operanti con 55 nomi diversi. [1]

Amazon

Pensi davvero che il nome stesso – AMAZON – non sia stato scelto con un design deciso?

Non solo questa joint-venture della CIA-Corporate è un’operazione black black, ma è anche un enorme psyop (ndr. operazione psicologica) che aumenta di giorno in giorno.

Come mai?

Bene, ancora una volta, il settore della vendita al dettaglio americano è crollato con negozi e centri commerciali che chiudono in tutto il paese a perdifiato.

Laddove Walmart ha funzionato efficacemente come un tornado F5 per le piccole comunità rurali di tutto il mondo, Amazon si sta rapidamente trasformando in un mega-uragano Cat 5: NATIONWIDE.

Amazon è andato da una società che non ha fatto un centesimo per molti anni e ha letteralmente operato in perdita, fino a diventare nel 2019 “l’aziendapubblica più preziosa al mondo dopo aver superato Microsoft“.

Amazonrivermap.svg_2

In realtà, il Rio delle Amazzoni è il fiume più lungo del mondo e il più grande per volume di scarico dell’acqua. Il suo sistema tributario di fiumi, torrenti e ruscelli è il più complesso e complicato del pianeta. Il suo impatto pervasivo e profondo sul Sud America è maggiore di qualsiasi altro grande fiordo di qualsiasi altro continente.

Non solo, ma il modello di business di Amazon è stato creato e strutturato dall’inizio come un polpo che innerva e compenetra ogni segmento del settore aziendale. Questo è il modo in cui Amazon viene utilizzato per monitorare e controllare gran parte della Corporate America. Proprio come il gigantesco Rio delle Amazzoni serpeggia attraverso la metà settentrionale del Sud America, poiché numerosi affluenti influenzano profondamente tutto ciò che incontra sul loro cammino, l’enorme piattaforma Amazon.com esercita un’influenza ben oltre il commercio su Internet.

La linea di fondo qui è che Amazon può comportarsi come un gorilla da 800 libbre, che siede dovunque voglia, perché è stato fatto in quel modo. Basta guardare il dramma recitato a New York City con il ritiro della proposta di Amazon di aprire un negozio lì. Che scherzo completo … su tutti tranne Deep State. 

jeff-bezos-amazon-cia-and-the-washington-post - 3

Il Teatro Kabuki

La storia nascosta dietro la debacle di AOC a New York è che tutto il teatro Kabuki viene deliberatamente messo in scena in modo che ogni comunità negli Stati Uniti sia consapevole che Amazon è molto serio … e che non deve essere incasinato … da nessuno. Otterranno sempre ciò che vogliono perché è una vera e propria operazione governativa-aziendale.

Ora vediamo il palco giusto e il melodrammatico Jeff Bezos-Lauren Sanchez “Peyton Place” viene messo in scena con il massimo effetto. In questo caso, la moglie è la vera agente segreta della CIA che manca a tutti. Non solo era la vera mente dietro Amazon, è anche il conduttore, il gestore di Bezos. Guarda esattamente come è fatto al link sottostante.

PEDOGATE: donne agenti in posti molto alti

Chiunque pensi che MacKenzie S. Bezos sia solo una ragazza innocente spacciata dal suo matrimonio con il miliardario Bezos dovrebbe considerare il vero MO dietro ogni grande start-up che nasce in un laboratorio DARPA.

A proposito, come fa un ragazzo come Jeff Bezos a diventare l’organo principale dei media di Mockingbird della CIA … … … tranne che per un design deciso, ESTREMAMENTE VELOCE?!

Allo stesso modo, come fa Amazon a conquistare il mercato del cloud computing in un giorno e una notte? Parla di una grande mossa del Grande Fratello per bloccare lo spazio nel cloud! Ora Amazon sta perseguendo la logistica: Amazon ha rilevato il mercato di 176 miliardi di dollari per il cloud computing. Ora sta usando lo stesso playbook nella logistica.

Tutte queste enormi mosse nella corporativa America riflettono lo schema segreto per concentrare in modo significativo il potere e l’influenza delle corporation nelle mani di poche aziende e di alcuni amministratori delegati/ presidenti/magnati aziendali.

Anche le principali metriche che misurano il successo dei mercati indicano che, nel 2019, tutto si riduce all’AAAA – Amazon, Apple, Alphabet, AT & T – così come Walmart, Microsoft, Facebook, Exxon Mobil e pochi altri colossi aziendali che sono stati istituiti fin dall’inizio come imprese governative.

Screen-Shot-2019-03-06-at-9.53.17-AM - 4

Comando e controllo

Il vero problema che emerge di volta in volta con tutti questi mostri aziendali è che mangiano tutto a vista in modo da poter controllare monopolisticamente il mercato – OGNI MERCATO, direttamente o indirettamente.

Tuttavia, è il mercato delle idee e dell’innovazione che soffre davvero per mano di questi mostri controllati dalla CIA. Chi non vede il controllo draconiano che i Big Social Media esercitano attualmente sulla nostra libertà di parola? Sia Facebook che Twitter disattivano la voce di chiunque a cui non interessa ascoltare, così come la sempre censura di Google.

Quello che segue è solo un gelido esempio del modo in cui Amazon viene utilizzato per porre fine a qualsiasi dissenso negli Stati Uniti contro l’agenda di super-vaccinazione dannosa e talvolta mortale.

Shifty Adam Schiff minacciando la censura, spinge Amazon a rimuovere tutti i contenuti anti-vaccino

Ora qui ci sono altri due esempi lampanti della censura amazzonica che dovrebbe riguardare ogni lettore in America. E questo modello sta diventando sempre più frequente e audace di mese in mese, proprio come Facebook e Twitter stanno chiudendo incautamente gli account utente a destra ea manca per non fare altro che esercitare la libertà di parola.

AmazonBans ‘Holocaust Denial’, distrugge e incenerisce migliaia di libri

Come il mio libro che smaschera Bill Browder è stato censurato da Amazon da AlexKrainer

Non solo le idee estremamente importanti vengono eliminate con un solo tasto dai Sultani della Silicon Valley, così come le persone che si oppongono all’agenda del Nuovo Ordine Mondiale. Come proprietario del Washington Post, Bezos è noto per abbattere qualsiasi nemico di Deep State DCi n un momento. Vedi: Il pedone della CIA Jeff Bezos usa WashPo per imbrogliare gli oppositori politici di Deep State

In che modo Bezos è arrivato a possedere il WAPO in primo luogo? Allo stesso modo, suo nonno è stato misteriosamente nominato Presidente della Monsanto.

BLOCKBUSTER: il nonno di Jeff Bezos era presidente della Monsanto

Tutto fa pensare alla famiglia Bezos come a una di quelle famiglie della CIA che risalgono a generazioni. È il tipo di famiglia che prenderà ordini dal TPTB e condurrà senza dubbio quegli ordini, non importa quali siano le conseguenze per le persone e il pianeta. In sé e per sé, non esercitano alcun potere reale, ma vengono usualmente usati come agenti di Deep State e agenti della US Intelligence Community-24/7.

A questo proposito, Bezos non è altro che un appaltatore della CIA il cui compito principale è quello di espandere e consolidare la portata della Società (come la CIA è conosciuta in ambienti di intelligence) in tutto il mondo. Molto presto Amazon sarà pervasiva e potente, a livello internazionale, come lo è Walmart e come Coca Cola era una volta sul campo.

PUNTO CHIAVE: Pochissimi capiscono davvero, ma il motivo principale per cui viene chiamata la CIA La Società è perché controllano [COMPLETAMENTE] l’America corporativa. Non puoi nemmeno diventare un amministratore delegato e/o presidente aziendale senza essere un agente o un appaltatore della CIA che trasporta carte. Le 1000 aziende della Fortune sono popolate da così tanti spettri della CIA in seno alla direzione che possono essere contati per portare a termine i vari programmi segreti della CIA, sia a livello nazionale che internazionale.

La natura stessa della società pubblica o quotata è tale che non appena diventa pubblica e le azioni possono essere scambiate, l’influenza dei suoi proprietari, fondatori e dirigenti è immediatamente diluita nella misura in cui è di proprietà al di fuori della CIA – azionisti scelti. Ogni volta che la CIA vuole assumere una qualsiasi corporazione, si limitano ad acquistare azioni, obbligazioni e ogni altra sicurezza quotata in borsa. Poi dettano chi sarà il Consiglio di amministrazione, che quindi approverà il top management attentamente selezionato e compromesso e i loro pacchetti di compensazione.

Screen-Shot-2019-03-06-at-10.08.04-AM - 5.png

Intelligenza

Non c’è stata una maggiore collaborazione pubblica tra la Central Intelligence Agency e una società con sede negli Stati Uniti rispetto a quella di Amazon e della CIA

Il numero ENORME di progetti comuni che sono stati resi pubblici è senza precedenti e allarmante. Il fatto che il più grande rivenditore online al mondo sia così strettamente associato alla CIA è una riflessione sul fatto che a Deep State davvero non importa più quello che pensano gli americani. A loro non interessa nemmeno se i cittadini chiedono: Amazon Echo è un dispositivo di ascolto della CIA?

Ciò che rende questa partnership in rapida evoluzione così pericolosa e angosciante è il fatto che ci sia una finta lucentezza attribuita a queste entità statali di cui molti vogliono essere parte. In questo modo, le persone sono in soggezione di questi Frankentein aziendali, invece di essere estremamente diffidenti nei loro confronti.

Il che pone la domanda: quanto ha collaborato la CIA con AMAZON per cambiare la raccolta di informazioni americane?

Il che richiede ulteriori indagini su questa richiesta: “Cosa sta facendo la CIA su Amazon’s Cloud?”. Sicuramente, ci sono molte altre domande che devono essere fatte post-fretta in questi vari progetti comuni che influenzeranno profondamente ognuno di noi in futuro.

Ciò che è fuori discussione è che Amazon.com si è trasformato in una delle più grandi operazioni di data mining nella storia del mondo. Alcune persone trascorrono tutto il giorno lì a fare shopping e lasciare commenti e sfogliando da video a video, da libro a libro e da audio ad audio. Ognuno di questi tempi passati crea più dati che sono indubbiamente catturati e archiviati e analizzati in modi che solo la CIA può fare.

Quello che è di fondamentale importanza per comprendere è che la CIA, l’NSA e la DIA sono al centro di questa operazione globale di raccolta di informazioni. Amazon, Google, Facebook, Twitter, Apple, Microsoft, Instagram, Snapchat, ecc. Alimentano continuamente i loro dati raccolti furtivamente al governo, così come ad altri acquirenti dei dati che poi li utilizzano in modo altamente manipolativo. Wow: che schema complesso e complicato per spogliare la cittadinanza della loro privacy, eppure quante persone ne conoscono la profondità e l’ampiezza?

Censura amazzonica 

Con questa comprensione critica, Amazon è stata intenzionalmente creata per centralizzare gran parte del potere di acquisto e vendita al dettaglio in una società. Il sito Web Amazon, famoso in tutto il mondo, non è solo un negozio per tutto quello che c’è sotto il sole, ma stabilisce un registro digitale degli acquisti di ogni acquirente e di altre abitudini online. Affermare che un profilo sociale altamente dettagliato è in via di definizione sarebbe un eufemismo grossolano perché una MOLTA maggiore profilazione si sta compiendo con ogni visita al proprio sito.

Tuttavia, è il potere grezzo dello stato di censurare illegalmente quella che è la più grande preoccupazione per una società libera e aperta. A questo proposito, quando Amazon getta il suo peso intorno, We the People viene schiacciato senza ricorso. E il governo non metterà nemmeno un dito in difesa del Primo Emendamento o di qualsiasi altro alto principio o del diritto dato da Dio.

Dopotutto, Amazon è interamente posseduta e gestita da entità governative segrete che sono praticamente impossibili da identificare e, quindi, difficili da controllare.

Questa è la rubrica sotto la quale l’intera società americana è realmente governata e controllata; è una corporazione fascista in cui il settore delle imprese si unisce al governo con il governo … ma nessuno sa davvero della collusione criminale, tranne alcuni power-players in cima.

190306-bezos-network-al-1014_76a772458fdb8087939d21aa53b90eed.fit-2000w-1024x512 6

Il cast di personaggi va ben oltre le principali stelle di “The Jeff Bezos Affair”

The Jeff Bezos Affair and Divorce

Alla luce di queste rivelazioni cruciali, come si fa a capire la soap opera più accattivante nella storia di Hollywood? Ricorda, anche la CIA e Hollywood sono state sempre affiancate. Sono esperti nel creare spettacoli che distraggono e ingannano, distraggono la nostra attenzione e l’errata direzione.

Persino il New York Times ha etichettato il “caso Bezos e il divorzio” il più grande melodramma di VIP che abbia mai incantato così tanti osservatori in tutto il mondo. Anche la star dello show – Jeff Bezos – sembra divertirsi nel suo nuovo ruolo di star dello schermo (smartphone) … e avvocato. Vedi: Cosa sta succedendo nel mondo con “Jeff Bezos, Esq.”?

In verità, tutto questo affare di Bezos fa sembrare “DALLAS” la “FLYING NUN”. Davvero non puoi inventare questa roba; a meno che, ovviamente, sia stato sceneggiato dai migliori e più brillanti contraenti della CIA di Hollywood, cosa che ha fatto.

Tuttavia, qui c’è un retroterra politico altamente radioattivo. Quella storia riguarda Donald Trump e Jeff Bezos, la CIA e l’organizzazione Trump, The Washington Post e National Enquirer. E, “Sì!”, Ha molto a che fare con il fatto che CIAPawn Jeff Bezos usa WashPo per imbrogliare gli oppositori politici di DeepState.

Ma qual è la vera storia qui?

Questo sarà trattato in un articolo futuro perché il punto vitale di questo pezzo è molto più essenziale da comprendere. Nel frattempo, ci sono molti dettagli sordidi nel link qui sotto che aiuteranno i poliziotti a seguire questo puzzle intel insieme.

ENORMETakedown di Jeff Bezos in corso: la parte di Padrona è MANLY?

Conclusione

Abbiamo alcuni problemi molto seri nel modo in cui Amazon ha preso il controllo di tanta parte della società americana. Ciò che è particolarmente preoccupante è il modo in cui il crescente impero di Bezos ha arrogato così tanto potere a se stesso così rapidamente, in particolare durante gli anni senza legge di Obama.

Quando i titoli sono letti in questo modo: Trump Leak Now punta all’affare nascosto da 600 milioni di Bezos con la CIA di Obamaper alimentare Washington Post, sai che abbiamo GRANDI problemi. Il fatto che un sito di vendita al dettaglio possa sviluppare così tante interrelazioni corrotte e compromettenti in tutta la comunità Intel, ci si chiede quale sia lo stato profondo messo in atto nel corso di diverse decadi sotto il radar.

Alla fine della giornata, Amazon è solo un’altra entità fascista che dovrà essere trattata in modo decisivo … prima di trattare gli Stati Uniti con tutto ciò che riteniamo sacro e importante per il modo di vivere americano. Oh, e comunque, quasi tutti gli impiegati di Amazon ti diranno che lavorare lì è come lavorare nel Terzo Reich, dove la Gestapo diretta da Bezos sta conducendo lo spettacolo da dietro. (il sipario enfasi aggiunta).

Il Piano d’azione

banned-1 - 8

Stato della nazione

6 marzo 2019

fonte [1] Walmart

Fonte articolo: http://stateofthenation2012.com/?p=117984

®wld

filtri e algoritmi censureranno enormi quantità di materiale legittimo

 

La EU E’ IMPAURITA: Tentativi di spostare l’ACTA 2 prima della data sul voto di protesta – Vedi Protest Map per salvare Internet

Di Aaron Kesel

Proteste in tutta Europa sono state pianificate da Anonymous, così come attivisti e politici dietro Pirate Parties International (PPI) per il 23 marzo, per combattere contro le società di copyright e i burocrati europei che cercano di distruggere Internet con il loro filtro sugli upload proposti e la tassa di collegamento, (Articolo 11 e articolo 13.) Nel frattempo, i burocrati stanno cercando di spingere il voto prima che ci sia una protesta su larga scala sulle le loro proposte per Internet.

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019 in tutta Europa.

Ora, Anons, Pirates e attivisti stanno pianificando manifestazioni di massa in tutta Europa per mostrare ai membri del Parlamento Europeo (MEP) che il consenso pubblico è contrario agli articoli proposti. Gli articoli 11, 12 e 13 sono stati pianificati per il voto a fine marzo.

Tuttavia, una rottura dello sviluppo riportata dal Partito dei Pirati, la tedesca Julia Reda potrebbe spingere per ulteriori proteste molto prima del 23 marzo. Reda osserva che Manfred Weber e il gruppo PPE stanno cercando di spingere per il voto per ACTA 2 la prossima settimana prima delle proteste pianificate ignorando la volontà della gente, Reda aggiunge che tutto questo è “preoccupante e oltraggioso per la democrazia”. Reda ha espresso il il voto anticipato dei cittadini europei che dovrebbroe contattare i leader dei gruppi politici.

In Parlamento, ci sono persino trattative in corso  per trarre il voto fin da giovedì – sono due giorni da adesso, il che ci offre pochissimo tempo per organizzarci contro.

Per impedire al voto © di essere travolto prima delle proteste #SaveYourInternet, rivolgiti ai leader dei gruppi politici:
@EPPgroup: @ManfredWeber
@TheProgressives: @UdoBullmann
@ECRgroup: @SyedKamall
@ALDEgroup: @guyverhofstadt
(Verdi e sinistra voteranno contro) – Julia Reda (@Senficon) 4 marzo 2019

Save The Internet, un’altra campagna per fermare il voto ACTA 2, ha anche espresso che il voto anticipato è stato un modo per i leader politici dell’UE di ignorare le proteste e portare avanti la loro crociata contro Internet. Il gruppo chiede “dimostrazioni spontanee di fronte a filiali CDU / CSU / PPE”.

L’approccio arrogante di CDU / CSU / EPP non può essere ignorato! Vogliono portare avanti il ​​voto. Dobbiamo agire ora! #Savetheinternet richiede dimostrazioni spontanee! Organizza le demo ovunque davanti alle filiali CDU/CSU/EPP! #SaveYourInternet #uploadfilter #Artikel13Demo pic.twitter.com/0zgRdHcbyY

– Savetheinternet.info (@uploadfilter) 4 marzo 2019

Julia Reda, membro della Pirate Party in Germania, annota gli ultimi sconvolgenti cambiamenti apportati al conto in un post sul blog.

  • I siti commerciali e le app in cui gli utenti possono inviare materiale devono compiere “migliori sforzi” per acquistare preventivamente licenze per tutto ciò che gli utenti possono eventualmente caricare, ovvero: tutti i contenuti protetti da copyright nel mondo. Un’impresa impossibile.
  • Inoltre, tutti i siti, ad eccezione di pochissimi (quelli piccoli e molto nuovi) dovranno fare tutto quanto è in loro potere per impedire che qualcosa possa mai andare online che potrebbe essere una copia non autorizzata di un’opera che un titolare di diritti abbia registrato con la piattaforma. Non avranno altra scelta se non quella di distribuire i filtri di caricamento, che sono per loro natura costosi e soggetti a errori.
  • Se un tribunale dovesse mai constatare che le proprie attività di concessione di licenze o di filtraggio non sono sufficientemente accanite, i siti sono direttamente responsabili delle violazioni come se li avessero commessi personalmente. Questa enorme minaccia porterà le piattaforme a rispettare in modo eccessivo queste regole per stare dalla parte della sicurezza, peggiorando ulteriormente l’impatto sulla nostra libertà di parola.

Reda afferma anche che per la tassa di collegamento, ci sarà il copyright extra per i siti di notizie, come quello che stai leggendo ora.

  • La riproduzione di più di “singole parole o estratti molto brevi” di notizie richiederà una licenza. Questo probabilmente coprirà molti dei frammenti mostrati comunemente accanto ai link oggi per darti un’idea di cosa essi portano. Dovremo aspettare e vedere come i tribunali interpretano cosa significa “molto breve” nella pratica – fino ad allora, il collegamento ipertestuale (con frammenti) sarà impantanato nell’incertezza giuridica.
  • Non vengono fatte eccezioni nemmeno per servizi gestiti da privati, piccole imprese o organizzazioni non profit, che probabilmente include blog o siti web monetizzati.

Il Partito dei pirati e anche la tedesca Julia Reda hanno lanciato una campagna denominata Pledge2019.eu contro coloro che hanno votato per ACTA 2 utilizzando le prossime elezioni affermando “se voti per i filtri di upload non voteremo per te”.

È lunedì, i deputati tornano a Bruxelles. È ora di dare loro una chiamata! 69 deputati hanno firmato il # Pledge2019 la scorsa settimana per votare contro l’articolo 13. Le proteste stanno funzionando, molti deputati tedeschi hanno firmato. Ma abbiamo solo settimane prima del voto finale di marzo! https://t.co/YnJDHDGViB pic.twitter.com/e7i2mspL3R

– Julia Reda (@Senficon) 4 marzo 2019

Come riportato in precedenza da Activist Post, l’articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sui contenuti pubblicati dagli utenti sui loro siti Web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di caricamento per proteggersi da rivendicazioni di titolari di copyright e agenzie che lavorano per loro per conto come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Anonimo, Pirati e altri attivisti hanno creato una mappa di protesta su Google per i manifestanti per trovare una dimostrazione vicino a loro, che sarà tenuta aggiornata con le prossime marce. Attualmente le marce sono previste per il 23 marzo; tuttavia, potrebbero esserci precedenti dimostrazioni urgenti aggiunte alle mappe aggiornate in un secondo momento.

#StopACTA2 ha creato una mappa Google non censurata facile da usare per visualizzare TUTTE le proteste contro l’articolo 11 e l’articolo 13 del 23 marzo. Per favore, condividetelo in lungo e in largo! #SaveYourInternet #SaveTheInternet #UploadFilter #AxelVoss #EU #CopyrightDirective #Anonymoushttps://t.co/g5b0jF3hbm

– Anonimo (@YourMarkLubbers) 3 marzo 2019

Anonimi e Pirati di tutto il mondo invitano il grande pubblico a protestare come mai prima d’ora e invadere le strade dell’Europa per inviare un messaggio – giù le mani da Internet, aiuto per salvare Internet.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

La Electronic Frontier Foundation (EFF) avverte che le politiche proposte aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa creando uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo (e io aggiungo d’Italia ndr) di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate”, scrive EFF.

A dicembre, più di 4 milioni di petizioni avanzate di utenti e imprese di Internet sono state inviate al Parlamento europeo chiedendo la fine delle proposte ACTA2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

EFF rileva che la petizione è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le aziende statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano per negoziare accordi migliori) e perché questi filtri censurerà enormi quantità di materiale legittimo, grazie a errori e abusi algoritmici inevitabili.

Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra ai poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni. I nostri sforzi sembrano già avere un effetto mentre il PPE sta cercando di negare i piani per un voto anticipato:

Ehi, @EPPGroup, #Anonymous e #Pirates ti hanno morso la lingua? Ora vuoi negare il voto precedente?
Almeno se hai intenzione irretire la gente con la democrazia vuoi ammetterlo? #StopActa2 #SaveYourInternet #SaveOurInternt #SaveTheInternet #LinkTax #Uploadfilter pic.twitter.com/4B80jm2QrE – ⒶK #Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 4 marzo 2019

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: #stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, #SaveOurInternet #Articolo 11, #Articolo 13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, #ACTA2 #Anonimo.

Perché #ACTA2 farà in modo che tu debba essere molto ricco per eseguire un blog sul sito e il giornalismo indipendente svanirà. Permettendo ai governi e ai loro compari appaltatori di andare in giro e di inviarci rapporti falsi come il memo di Downing St per invadere i paesi. #StopActa2 #SaveYourInternet https://t.co/YCehnpWYzn

– ⒶK # Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 13 febbraio 2019

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono: wolnemedia, SoMee.Social, Bitchute, Presearch, blogmedia24, Anonymous Bites Back, wykop, polskapartiapiratow, Pirate Parties International, kontestacja, Hackread.com, inspro, Stowarzyszenie Libertarianskie, Anonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopACTA2.org, un sito Web gestito per supportare l’operazione Stop ACTA 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole.

Aaron Kesel scrive per Activist Post. Sostienici a Patreon. Seguici su Minds, Steemit, SoMee, BitChute, Facebook e Twitter. Pronto per le soluzioni? Iscriviti alla nostra newsletter premium Counter Markets.

Fonte: https://www.activistpost.com/

®wld