Archivi tag: Hittiti

Guerra Mondiale Zero

 

Ricostruzione artistica della tarda età del bronzo Troy (VIIa) come descritto da Guido de Columnis, Historia Destructionis Troiae (5.100) in 1287 (© Christoph Haußner)  

3.000 anni fa, la misteriosa civiltà dei popoli marini fu spazzata via dalla “guerra mondiale zero”

Secondo i ricercatori, circa 3.000 anni fa, la misteriosa civiltà “fiorente” dell’età del bronzo dell’est Mediterraneo chiamato i ‘ popoli del mare ‘ improvvisamente scomparso dalla storia.

Secondo un nuovo studio, basato su antichi testi egiziani, l’enigmatico “popolo del mare” potrebbe, di fatto, essere collegato ai Luwiani.

Gli antichi Luwiani furono infine distrutti in una feroce battaglia con i re micenei a Troy.

Secondo gli storici mainstream, la guerra di Trojan fu uno degli eventi finali che culminò in un’era di caos che è stato chiamato ‘guerra mondiale zero,’ inviando l’intera regione in un’età oscura dopo.

La storia, tuttavia, risale a una cultura misteriosa e avanzata che divenne nota nella storia come “popoli del mare”.

Secondo nuove teorie proposte da Luwian Studies, è stato presentato un nuovo scenario che potrebbe far luce sulla caduta dell’età del bronzo approssimativamente intorno 1200 a.C. e successivi eventi che possono essere ricondotti alla guerra di Trojan.

Secondo lo scenario appena proposto, molti imperi parlati dal Luwiano e popoli dell’Anatolia si unirono alle forze per attaccare il vicino Regno degli Ittiti.

I ricercatori sottolineano che, poiché i regni Luwian parlavano un linguaggio comune, tutti dovrebbero essere stati considerati come una singola civiltà, suggerisce Eberhard Zangger.

In un’intervista, gli studi Luwian spiegano: durante il secondo millennio A.C., le persone che parlano una lingua Luwiana vissero in tutta l’Asia minore. Erano contemporanei, partner commerciali, e a volte oppositori delle ben note culture minoiche, micenea e ittite della Grecia e dell’Asia minore

Gli esperti conclusero che quando l’età del bronzo si fermò, gli antichi Greci persero le loro abilità scritte per secoli a venire, tuttavia, gli antichi Luwiani lo mantennero per quasi mezzo millennio. Ne sono testimonianza i numerosi testi antichi scoperti nel XIX secolo, prima dei testi micenei, minoici e ittiti.

Gli antichi documenti spiegano che l’Impero Luwiano crebbe in potenza di tanto in tanto per attaccare l’Impero. Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che gli antichi Luwiani erano potenti, e circa 3.200 anni fa, attaccarono Hattusa sia dal mare che dalla terra. 

Si crede che questa teoria sia sostenuta da antichi testi egiziani che descrivono gli attacchi a Cipro e alla Siria da parte dei misteriosi “popoli del mare”. I ricercatori concludono che questa enigmatica civiltà in realtà siano l’antico Luwiano.

I Raiders incendiano i templi e gli edifici, guidando la classe dirigente fino a quando la civiltà ittità scomparve nell’oblio per 3000 anni,’ secondo la nuova teoria.

Le elaborate strategie consentivano alla gigantesca civiltà Luwiana di governare un’area dalla Grecia settentrionale a Libannon, suggeriscono i ricercatori.

Alla fine, i re micenei si unirono in armi e distrussero i Luwiani rimasti non protetti a causa del loro vasto territorio. I re micenei raggiunsero la vittoria dopo la costruzione di una flotta enorme per razziare città portuali situate in Asia minore. Alla fine, i due eserciti si unirono alle forze prima di Troy.

La seguente battaglia, conosciuta come la guerra di Trojan, causò la completa distruzione dell’Impero Kuwain e l’eventuale distruzione di Troy.

Tuttavia, non tutti gli esperti (spiegano i nuovi scienziati) concordano con i ricercatori degli studi Luwian. Molti archeologi si oppongono all’idea che esistesse una civiltà Luwiana “Los”.

“Gli archeologi dovranno scoprire esempi simili di arte monumentale e architettura nell’Anatolia occidentale e idealmente testi provenienti dagli stessi siti per sostenere la rivendicazione di civiltà di Zangger,” ha detto un nuovo Scienziato Christoph Bachhuber, dell’Università di Oxford.  

Riferimento giornale di registrazione:

http://luwianstudies.org/

La guerra mondiale zero ha abbattuto la civiltà misteriosa della “gente del mare”

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Derinkuyu: una città a oltre 280 metri di profondità

 

La misteriosa città sotterranea di Derinkuyu 

di Ivan  

Cosa hanno in comune un tempio dei morti nella penisola messicana dello Yucatan e una città sotterranea in Turchia con una grotta sudamericana che secondo alcuni contiene un tesoro che va oltre le stelle?

Beh, apparentemente niente, giusto? Tutti questi luoghi sono stati nascosti per secoli e ora che l’archeologia sta spingendo in avanti più che mai questi luoghi misteriosi stanno tornando alla vita. La Turchia è stato al centro dell’attenzione a causa delle molte scoperte che sono state fatte negli ultimi anni, ma una di quelle scoperte è forse più importante di quanto immaginassimo.  

In Cappadocia, nella Turchia centrale, troviamo una delle scoperte più importanti che abbiamo fatto in migliaia di anni. Nel 1963 quello che doveva essere solo un altro un semplice rinnovamento della casa nella città di Derinkuyu in realtà portò a una delle scoperte più importanti della storia della Turchia.  

Quando è stato aperto un muro della grotta, ha rivelato un passaggio per una città sotterranea che ha migliaia di anni, oltre 280 metri di profondità. Qual era lo scopo di questa incredibile città sotterranea? E come hanno fatto i costruttori di Derinkuyu a realizzare queste incredibili caratteristiche tecniche? oltre 15.000 pozzi di ventilazione si sono diffusi in tutta la città portando l’aria dalla superficie. Questa antica città sotterranea era un progetto di costruzione sconcertante, è qualcosa che oggi, con la nostra tecnologia, sarebbe difficile ricreare. 

  

Derinkuyu è solo un risultato incredibile ed è davvero sconvolgente come l’uomo antico sia riuscito a costruire una città sotterranea, questo complesso migliaia di anni fa. 

Le caratteristiche geologiche della pietra di Derinkuyu sono qualcosa che è molto importante; è molto morbido Quindi, gli antichi costruttori di Derinkuyu dovevano stare molto attenti quando costruivano queste camere sotterranee fornendo abbastanza forza del pilastro per sostenere i piani sopra; se questo non fosse stato raggiunto, la città sarebbe crollata, ma finora gli archeologi non hanno trovato prove di alcun “crollo” a Derinkuyu. 

Ma quale era lo scopo di questa incredibile antica città sotterranea che era in grado di fornire riparo a 20.000-30.000 persone? 

Gli storici credono che lo scopo della città fosse quello di proteggere i loro abitanti dall’invasione intorno all’800 a.C., ma molti storici non sono d’accordo con questa teoria, affermando che sarebbe stata un’incredibile impresa ingegneristica, troppo complessa, solo per essere stata utilizzata per proteggere persone dall’invasione. Eppure il “sistema di sicurezza” dell’antico Derinkuyu era semplicemente incredibile; mille porte rotabili, che avrebbero potuto essere gestite da una sola persona e che potevano essere aperte solo dall’interno. Ogni piano o livello di Derinkuyu avrebbe potuto essere bloccato separatamente. 

Ci sono così tante domande riguardo Derinkuyu e la maggior parte di queste domande rimane un mistero. Chi ha costruito questa gigantesca città sotterranea? Cosa avrebbe potuto spingere oltre 20.000 persone a vivere sottoterra? Per quanto riguarda chi, alcuni storici e archeologi credono che questa città sotterranea sia stata costruita dai Frigi; altri teorici affermano che Derinkuyu è stato probabilmente costruito dagli Ittiti; e altri suggeriscono che Derinkuyu è molto più antico di quello che credono gli storici e gli archeologi. 

 

La ragione per cui migliaia di persone si sono precipitate sottoterra potrebbero essere collegate ai cambiamenti climatici secondo alcuni teorici che hanno studiato la città sotterranea di Derinkuyu. I climatologi mainstream ritengono che i loro modelli suggeriscano che l’ultima era glaciale abbia raggiunto il suo picco circa 18.000 anni fa e che si concluse attorno al 10.000 a.C.

Questa teoria potrebbe dimostrarsi accurata secondo molti che hanno avuto il tempo di studiare la storia di Derinkuyu e indicano una delle più antiche tradizioni religiose sulla faccia della Terra, che è la religione zoroastriana e secondo i testi sacri, il grande il profeta Yima fu incaricato di costruire un rifugio sotterraneo simile a Derinkuyu dal dio cielo Ahura Mazda, per proteggere la gente da un’era glaciale globale. 

Quindi quale era lo scopo reale di questa fortezza sotterranea? 

È stato per proteggere le persone dalla guerra, dai cambiamenti climatici? O qualcos’altro?  

I teorici dell’Antico Alieno credono che Derinkuyu sia stato costruito per protezione, ma da un nemico aereo, affermando che sarebbe stata l’unica ragione logica per nascondersi sottoterra; rimanere invisibile, affermando che il complesso meccanismo di sicurezza di Derinkuyu è stato messo in atto per impedire la scoperta della città sotterranea, ed è stato nascosto nel sottosuolo, dove nessuno potrebbe sospettare che oltre 20.000 persone siano nascoste. 

La questione sollevata dalla scoperta di Derinkuyu è qualcosa su cui gli storici e i ricercatori discuteranno in futuro, possiamo solo sperare che un giorno si scopriranno prove che ci forniranno ulteriori informazioni su questa antica città sotterranea.   

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

I segreti di Enki

I segreti di Enki, il creatore della civiltà umana 

Enki (“En” Signore, “ki” Terra) o EA (“E” Tempio, “A” Acqua) è uno dei tre più importanti dèi della cultura mesopotamica. È il dio della saggezza, signore della magia, della costruzione, delle arti, del design e della creazione.

Enki è stato interpretato come il Signore della Terra; Era il fratellastro del dio Enlil e figlio di Anu.

La sua unica missione era creare uomini e incoraggiare altre divinità a credere in loro. Enki era anche il patrono originario della città antica di Eridu, e la sua influenza si diffuse in tutta la storia e tutta la Mesopotamia e verso i cananei, gli hittiti e anche gli ugarit.

È interessante notare che Enki è stato associato alla fascia meridionale delle costellazioni chiamate le stelle di EA, ma anche con la costellazione AŠ-IKU- Pegasus, una costellazione nel cielo settentrionale.

Qualche volta durante il secondo millennio EA, Enki fu menzionato per iscritto dall’ideogramma numerico “40”, chiamato anche il suo “numero sacro”.

Enki è il creatore dell’umanità – secondo quello che viene detto nella leggenda epica Accadica dell’Atrahasis – solo per lo scopo di liberare gli dèi dal loro lavoro. Enki usava un esistente, un ominide che lui (geneticamente?) ha manipolato e altri per rendere l’uomo capace di comprendere e soddisfare le esigenze degli dèi.

Inoltre è stato considerato il salvatore dell’umanità da quando ha avvisato Ziusudra (Noè) dal Diluvvio Universale.

Il Diluvio Universale è stato portato all’umanità da Enlil, il “Signore del Cielo (aria o atmosfera)”.

Enki, il Dio Creatore dell’umanità.

Prima dell’assemblea divina, apparentemente preoccupata per l’eccessiva proliferazione della razza umana e il loro comportamento sconfortante, Enlil propose di porre fine all’umanità.

Enlil riuscì a convincere il resto degli dèi, riuniti in assemblea, per autorizzare lo sterminio dell’Umanità.

Questa leggenda probabilmente ha dato luogo al successivo racconto biblico di Noè e del Diluvio Universale.

Era il maestro plasmatore della terra, dio della saggezza e di tutta la magia, Enki fu descritto come il signore dell’abzu (Apsu in Accadico), il mare d’acqua dolce o acque sotterranee situate all’interno della terra – dove scorrono “acque primordiali”.

Egli è anche il creatore dell’apkallu (ab-gal-lu “grande uomo pesce” in Sumero) che durante il giorno insegnava a tutti gli uomini e di notte si ritiravano in fondo al mare.

Enki era il custode dei poteri divini chiamati Io, i doni della civiltà . Credito di immagine

È interessante notare che Enki è stato considerato il custode dei poteri divini chiamati Me, i doni della civiltà. L’immagine di Enki erano dei serpenti incrociati a doppia elica o il Caduceo, talvolta confuso con l’Asta di Asclepio usato per simboleggiare la medicina.

Enki ha creato i primi sette uomini saggi o “Abgallu” (Ab = acqua, Gal = grande, Lu = Uomo), noto anche come Adapa usando il sangue del Kingu ucciso.

Adapa, il primo uomo creato e modellato, vive e lavora come consulente del re di Eridu, e nella lista dei re sumerici, fino a quando (attraverso “Me”) la “regalità” discese su Eridu”

Il tempio principale di Enki è stato chiamato E-abzu, che significa “tempio di abzu“. Era un tempio a forma di piramide a gradoni (Ziggurat)  circondato da paludi create dal fiume Eufrate nei pressi dell’antica costa del Golfo Persico nell’antica città di Eridu.

È considerato il primo tempio noto per essere stato costruito nel sud dell’Iraq.

Quattro scavi archeologici separati nel sito di Eridu hanno dimostrato l’esistenza di un santuario risalente al primo periodo Ubaid, più di 6.500 anni fa. Si ritiene che nei successivi 4.500 anni, il tempio fu ampliato 18 volte, finché non fu abbandonato durante il periodo persiano.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.da 

 

Articoli correlati:

NU.DIM.MUD – Colui che modella le cose

L’origine divina della regalità

Il Crollo della Civiltà Sumero/Accadica

Tiamat la Roccia della Genesi

“L’astronomia nell’Enuma Elish”