Crea sito

Il controllo del tempo con I laser

 

“I Fulmini” di Marduk…?

di Joseph P. Farrell
da parte del sito GizaDeathStar

Si tratta di ingegnerizzare il tempo, e questo qui è un argomento che è stato e in seguito soggetto di blog e discussione, sia nei video che nei Dialoghi, dove l’uno o l’altro di noi occasionalmente lo fa apparire. 

L’argomento mi incuriosisce, perché con la recente invenzione di “derivati ​​del tempo” aggiunti all’arsenale di schemi finanziari e truffe da parte del Mr. Globalismo, il controllo del tempo su cui si basano questi derivati, sembrerebbe una scommessa sicura per alcuni nuovi colpi di scena unici su insider trading, soprattutto perché la maggior parte della gente non crede che l’umanità sia capace di controllare il tempo.

Il soggetto mi incuriosisce anche per una ragione molto diversa, e questa è la tecnologia coinvolta, che mi sembra avvalorare sempre più l’opinione che il tempo, e in particolare le grandi tempeste come gli uragani ei tornado, sono fondamentalmente fenomeni basati sull’elettromagnetismo, e non il tipo di aria calda, intrappolata da aria fredda, che abbiamo imparato a scuola. 

Io, e molti altri che hanno studiato il fenomeno dell’ingegneria meteorologica molto più profondamente di me, ho concluso che gran parte delle irrorazioni, o” scie chimiche” come sono più conosciute, è stata progettata almeno in parte per questo scopo:

la modifica delle proprietà elettriche conduttive dell’atmosfera per una varietà di scopi: 

  • manipolazione della mente 
  • controllo del tempo 
  • anche in alcuni casi, “Star Wars” … 

L’articolo è “Short Pulse Lasers for Weather Controldi Jean-Pierre Wolf.

L’abstract dice una sola cosa, e qui la nostra attenzione sarà focalizzata sul secondo paragrafo: 

Mentre si propagano in modo non lineare nell’aria, queste strutture filamentose producono una super coerente continua  (da 230 nm a 4 μm, per una lunghezza d’onda laser di 800 nm) mediante modulazione autofase (SPM), che può essere utilizzato per il monitoraggio 3D a distanza del componente di Lidar (Light Detection and Ranging).  

Tuttavia, a causa della loro elevata intensità (10 13 – 10 14 W cm -2 ), modificano anche la composizione chimica dell’aria tramite foto-ionizzazione e foto-dissociazione delle molecole e degli aerosol presenti nel percorso laser. 

Queste proprietà uniche sono state recentemente sfruttate per studiare la capacità di modulare alcuni processi atmosferici chiave, come,

  • il lampo dalle nuvole temporalesche
  • la condensazione del vapore acqueo
  • la formazione di nebbia e dissipazione
  • dispersione di luce (albedo) di nubi di alta quota, 

… per la gestione forzata radiativa. 

Qui esaminiamo i recenti progressi spettacolari in questo contesto, raggiunti sia in laboratorio che sul campo, sveliamo i loro meccanismi sottostanti e discutiamo l’applicabilità dell’uso di questi nuovi catalizzatori fotonici non lineari per un controllo meteorologico su scala reale.

Sappiamo tutti che i laser possono “modificare le composizioni chimiche dell’aria tramite la fotoionizzazione” per un po’ di tempo, e abbiamo anche saputo che i laser possono quindi “foto-dissociare le molecole”, cioè, fondamentalmente, disintegrarsi.

Il  LIDAR – il rilevamento e l’estensione della luce – è in circolazione da un po’ di tempo. 

Ma poi c’è questo:

“Queste proprietà uniche sono state recentemente sfruttate per studiare la capacità di modulare alcuni processi atmosferici chiave, come il lampo di nubi temporalesche, condensazione del vapore acqueo, formazione e dissipazione di nebbia e dispersione di luce (albedo) da nubi di alta quota per la gestione forzata radiativa”.

Fermiamoci un momento a pensare, e poi riflettiamo sulla fine eufemistica dell’astratto, che vogliono usare,

“questi nuovi catalizzatori fotonici non lineari per un controllo meteorologico su scala reale”.

Chiamerei “investigare” tali “proprietà uniche” per la possibilità di avere “la capacità” di modulare “alcuni processi atmosferici chiave, come i lampi delle nuvole temporalesche”, è piuttosto una capacità. 

In altre parole, immagina di essere in grado di guidare il fulmine, di puntarlo, attraverso un canale di plasma creato da un raggio laser carico, creando un canale colonnato di differenziale di carica per il lampo su cui viaggiare. 

Costruisci abbastanza differenziale di carica con qualche mezzo – come HAARP o qualche altro riscaldatore ionosferico – accumula una carica massiccia, e poi usa un laser spaziale per creare un canale in modo che la carica si scarichi a terra. 

Per rendere l’intero processo più efficiente, si potrebbe anche aumentare la conduttività elettrica del mezzo (in questo caso l’atmosfera) spruzzandola probabilmente con tutti i tipi di particolato di metalli pesanti elettricamente conduttivi.

Sembra un po’ di fantascienza (ed è, naturalmente, un po’ la speculazione di un alto numero di ottani), e un po’ come gli antichi dei, come Zeus e Marduk, con le loro armi da “fulmine”

E se riesco a pensarci, e puoi pensarci ancora, stai tranquillo, che loro ci hanno già pensato e probabilmente lo hanno già fatto. E se tali armi da fulmine sembrano essere “un grosso problema”, guarda la Valle Marineris su Marte, una vasta cicatrice che corre lungo l’equatore del pianeta Marte, che alcuni ritengono essere stata causata proprio da tale arco elettrico.  

Naturalmente, alcuni vi diranno che questo era tutto un naturale catastrofismo creato da un sistema solare elettricamente dinamico, quando i pianeti erano raggruppati molto vicini e l’elettricità proveniva da un pianeta all’altro. 

Ma le stesse tecniche che ho delineato sopra potrebbero essere usate praticamente ovunque, da chiunque, e “ovunque”, che avesse la tecnologia per progettare sistemi di scala planetaria.  

E lo stiamo facendo ora, qui, sulla terra …

Fonte:  https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld

Trasmissioni delle Microonde Globali

Frequenze radio a microonde e satelliti in orbita terrestre stanno causando riscaldamento globale o cambiamenti climatici 

Diverse aziende stanno ora gareggiando per fornire non solo il servizio di telefonia cellulare, ma Wi-Fi e l’equivalente di 5G, per ogni centimetro quadrato di terra dai satelliti nello spazio in orbita bassa della terra. Le loro date di scadenza sono 2019 o 2020. Stanno progettando decine di migliaia di satelliti. Non c’è molto tempo per prevenire una catastrofe ecologica globale.

Il WIFI Globale pianificato dallo Spazio sarà Distroy Ozone Layer, peggiorerà i cambiamenti climatici e minaccerà la vita sulla Terra.

Benvenuti in Global Climate Change e Microonde

Questo sito web è dedicato alla teoria alternativa del “riscaldamento globale o cambiamento climatico” secondo la quale le frequenze radio a microonde stanno inquinando la nostra atmosfera e la Terra. Un’altra teoria simile a questa è la “Teoria della trasmissione“. La base della teoria di “Microonde” è che le comunicazioni a radiofrequenza a microonde sono una relazione diretta con il riscaldamento globale e il cambiamento climatico. Il problema “Cambiamenti climatici” e “Riscaldamento globale” può essere il risultato dell’uso di onde radio a livello globale. Qui apprenderemo brevemente su “Riscaldamento globale” o “Cambiamenti climatici”, su come funzionano i satelliti, i principi alla base della radiofrequenza a microonde e su come i satelliti orbitali e le antenne terrestri possono causare riscaldamento globale a radiofrequenza e modelli climatici irregolari.

Onda radio / microonde che cambia il modello meteorologico

La teoria in breve 

Alcuni dicono che le microonde utilizzate da wireless, radar, cellulari e satelliti sono così deboli da non poter influenzare il mondo. Questo è piuttosto vero. Le teorie “Broadcast” o “Global Microwave” non stanno cercando di farti credere che il mondo si sta sciogliendo a causa del calore intenso generato dalle onde.

La teoria in breve è che il bombardamento a onda costante influenza il modello naturale e il flusso dell’atmosfera terrestre. Il riscaldamento e l’attrito molecolare causati dalle frequenze RF e microonde causano irregolari condizioni meteorologiche. Le teorie “Broadcast” e “Global Microwave” introducono molti concetti diversi che la maggior parte dei sostenitori del “Global Warming” e “Climate Change” non considerano. La profondità della teoria comporta l’uso di tutte le microonde in generale in tutto il mondo da torri di telefoni cellulari, sistemi radar, GPS, stazioni meteorologiche, HAARP e altro. L’impatto varia dalla salute personale, l’inquinamento della terra, il clima globale all’intero aspetto della vita sulla terra. Vale la pena considerare questa visione di “Cambiamenti climatici” e “Riscaldamento globale”.

Frequenze radio a microonde e satelliti in orbita terrestre stanno causando il riscaldamento globale o il cambiamento climatico!

Le frequenze radio a microonde dominano la Terra con milioni di abbonati. Dal tardo   Anni ’50 Le frequenze radio a microonde sono diventate la forma dominante di comunicazione per TV, telefoni cellulari, stazioni meteorologiche e una miriade di altri usi. Ciascuna di queste aziende ha MILIONI DI ISCRITTI! I trasmettitori satellitari e le antenne terrestri trasmettono le frequenze UHF e le microonde più elevate in tutto il pianeta. Proprio come un tubo a vuoto nella vecchia tecnologia elettronica, le microonde sono isolate dal vuoto dello spazio. Poiché il vuoto dello spazio agisce come un isolante, le frequenze radio a microonde sono disperse nella nostra atmosfera ad un ritmo accelerato. La Terra è una rotazione   campo elettromagnetico contenente un materiale dielettrico chiamato acqua. L’invio di frequenze radio oscillanti a microonde attraverso un campo elettromagnetico in un materiale dielettrico, come l’acqua, crea un riscaldamento a radiofrequenza (chiamato anche riscaldamento RF) a livello molecolare dell’acqua.

Poiché il campo elettromagnetico terrestre punta direttamente verso il polo nord e l’atmosfera terrestre circola attraverso la normale convezione verso il polo nord, le trasmissioni RF e microonde vengono guidate direttamente verso le calotte polari. Ciò sta causando schemi meteorologici irregolari che a loro volta influenzano le calotte polari.

Poiché la nostra atmosfera è fatta di acqua e la Terra è coperta di acqua e ghiaccio, le frequenze radio delle microonde passano attraverso la nostra atmosfera, gli oceani e le calotte polari. Poiché i livelli di potenza sono minimi, il cambiamento del tempo è causato da un flusso costante di onde che non vengono mai disattivate. Il “riscaldamento globale” o il “cambiamento climatico” sono esacerbati dall’uso massiccio di satelliti artificiali e dall’uso di frequenze radio a microonde. La rivoluzione industriale avvenne all’inizio del 1800. Eppure, alla fine degli anni ’50 è quando il riscaldamento globale o il cambiamento climatico è diventato un problema. Possiamo vedere che “Global Warming” o “Climate Change” sono diventati un problema solo per l’uso di massa delle frequenze radio e microonde.

I gas della serra non sono la causa

Le prove fornite dagli scienziati non indicano “riscaldamento globale” ma “cambiamenti climatici”. Il ghiaccio globale sta diminuendo; tuttavia, il ghiaccio antartico sta aumentando. Secondo la NASA,

Gli aumenti di ghiaccio marino in Antartide non compensano la perdita accelerata di ghiaccio del mare artico degli ultimi decenni, rileva un nuovo studio della NASA. Nell’insieme, il pianeta ha versato ghiaccio marino a una tariffa media annuale di 13.500 miglia quadrate (35.000 chilometri quadrati) dal 1979, l’equivalente di perdere una zona di ghiaccio marino più grande dello stato del Maryland ogni anno.

10 febbraio 2015 – Lo studio della NASA mostra che la presenza di ghiaccio marino globale diminuisce, nonostante i guadagni antartici

Questo fatto ha causato grande allarme in tutto il mondo. Nel tentativo di risolvere il problema del ghiaccio che scompare, alcuni scienziati hanno sviluppato diverse teorie sul “riscaldamento globale” o sul “cambiamento climatico”. La teoria più popolare è la teoria della “casa verde“. Secondo la teoria, i gas emessi dai veicoli “combustibili fossili” stanno bloccando le radiazioni in uscita. I gas serra bloccano le radiazioni dall’abbandono della terra e bloccano anche le radiazioni dall’entrare nell’atmosfera terrestre. È ovvio che se la radiazione viene bloccata dall’abbandono dell’atmosfera terrestre, viene bloccato anche dall’entrare. Ciò crea un equilibrio tra la fuga di radiazioni e l’ingresso nella radiazione chiamata “Il bilancio delle radiazioni” o “L’equilibrio energetico della Terra”.

Danish Solar Energy Int. dice,

“Cercare di mettere in relazione i calcoli fatti per la cima dell’atmosfera verso la superficie è un problema perché fino al 70% delle radiazioni in arrivo può essere bloccato dall’atmosfera e dalla copertura nuvolosa.” (Solcell ltd. – Danish Solar Energy Int.)

Man mano che i gas aumentano nell’atmosfera, meno radiazioni solari possono entrare nell’atmosfera terrestre, il che a sua volta fa sì che meno radiazioni vengano intrappolate dall’atmosfera terrestre. I sostenitori della teoria della “teoria dei gas serra” contrastano questa argomentazione dicendo che la lunghezza d’onda della radiazione solare è inferiore alla lunghezza d’onda della radiazione che riflette indietro dalla terra .   (Lunghezza d’onda di radiazione ed effetto serra) Il problema è che l’effetto serra della Terra è un processo normale. La Terra elaborerà naturalmente i raggi solari, i gas serra e altri eventi climatici e li bilancia.

La Terra che ha un effetto serra non richiede che le calotte polari si sciolgano. Infatti, mentre il ghiaccio polare o globale sta diminuendo, il ghiaccio antartico sta aumentando. Quello che sta accadendo è un riallineamento dei modelli meteorologici o “Cambiamenti climatici” e non un “Riscaldamento globale”.

Il bilancio delle radiazioni 

L’illustrazione qui sotto mostra come le radiazioni ultraviolette provenienti dallo spazio siano effettivamente bloccate dalle nostre nuvole e dall’atmosfera. (Informazioni e statistiche di UDEL) Man mano che nella nostra atmosfera vengono emessi più gas, meno radiazioni possono entrare nella superficie terrestre. Questo è un fatto geografico. (Vedi UDEL e NASA ) Questo è il motivo per cui la “teoria dei gas serra” ha dei grossi buchi. La Terra non si scalda nel modo in cui affermano i sostenitori della “teoria della serra”. L’illustrazione sotto mostra come l’atmosfera che la superficie terrestre assorbe e riflette i raggi del sole. La ricezione dei raggi solari dallo spazio ha una percentuale di assorbimento e riflessione che dipende dall’atmosfera e dalla superficie della Terra.

L’illustrazione mostra che il 65% è assorbito e il 35% è riflesso. Del 35% che si riflette, solo il 4% viene effettivamente riflesso dalla superficie della Terra. Anche questo può diminuire con l’emissione di più particelle nell’atmosfera. Cosa significa questo? Significa che la quantità di gas nell’atmosfera crea meno raggi solari dall’entrare in superficie, creando a sua volta una minore riflessione di quei raggi dalla Terra. L’ effetto serra è un comportamento normale per la Terra.

Cambiamenti climatici e non riscaldamento globale

Il tempo sta cambiando più di quanto si sta riscaldando. Ciò dimostra che la “Teoria dei gas della Green House” non è sufficiente a spiegare adeguatamente cosa sta accadendo nel nostro clima. La temperatura media globale è uno degli indicatori più citati del cambiamento climatico globale e mostra un aumento di circa 1,4 ° F dall’inizio del XX secolo . NOAA – Indicatori globali sui cambiamenti climatici

Secondo le prove effettive, la Terra si è riscaldata di 1,4 ° F da oltre 100 anni. Non ci sono prove sufficienti per dimostrare che questo è anormale. La cronologia presentata dai proponenti dei “Greenhouse Gas” inizia nel 1880. Ciò che l’effettiva fluttuazione della temperatura era nelle migliaia di anni prima del 1880 è pura speculazione. La percentuale di calore a livello globale è insignificante e non ci sono abbastanza dati effettivi degli anni precedenti al 1880 per sostenere la “Teoria dei gas della Green House”. Inoltre, non abbiamo dati sufficienti sulla fluttuazione delle dimensioni e della formazione del ghiaccio polare. caps. Abbiamo solo le immagini recenti dalla fotografia satellitare e aerea.

Videosu “L’equilibrio energetico della Terra”

Il campo delle microonde

L’immagine qui sotto mostra come le trasmissioni a microonde funzionano con l’ambiente. Le microonde si diffondono attraverso l’atmosfera mentre le radiazioni solari no. Mentre le microonde penetrano in superficie, l’acqua, il ghiaccio e l’atmosfera hanno delle frequenze microonde che passano attraverso di esse. Ciò causa l’attrito nel ghiaccio e nell’acqua a livello molecolare. Questo attrito provoca il calore che si chiama riscaldamento a radiofrequenza. Questo è il principio base dietro al forno a microonde. Clicca qui per una grande spiegazione del riscaldamento aradiofrequenza .

Il budget delle microonde

TRASMETTITORI A MICROONDE SPEGNERE CONICAMENTE IN UNA GRANDE DIREZIONE! LE ONDE STANNO COLPISENDO TUTTO NON SOLO ANTENNE.

Non è stato fino alle frequenze UHF nel 1952 e la “corsa spaziale” è iniziata, il riscaldamento globale o il cambiamento climatico è diventato un problema. Dalla fine degli anni ’50, ci sono stati migliaia di satelliti lanciati nello spazio esterno e ancora più antenne costruite che trasmettono a quei satelliti sulla Terra. Questi satelliti orbitano la Terra nelle orbite “Polar” e “GeoStationary” . Un satellite copre un’area delle dimensioni del Nord America! Con la sovrapposizione di ogni impronta di satellite, è chiaro che aumentando la quantità di trasmissioni satellitari e l’uso di trasmissioni a microonde sulla terra, aumenta il riscaldamento globale o il cambiamento climatico della Terra. Il riscaldamento globale o il cambiamento climatico diventa un problema maggiore con l’aumento delle comunicazioni sulla terra e con i satelliti e l’uso delle frequenze delle microonde. Oggi ci sono TV satellitare, Internet, tracker GPS, telefoni cellulari, radar, HAARP e una miriade di altri usi che aumentano di giorno in giorno con ciascuno di questi prodotti che ha milioni di abbonati. La sola TV diretta ha 16,8 milioni di clienti . La quantità di trasmissioni a microonde che entrano ed escono dalla nostra atmosfera è sbalorditiva. Non sono solo poche centinaia; ma, milioni di onde.

La soluzione al riscaldamento globale o ai cambiamenti climatici 

Il riscaldamento globale o il cambiamento climatico è causato dall’uso di frequenze UHF e frequenze più elevate a un ritmo enorme. L’uso di queste frequenze deve essere limitato. I “gas serra” non sono la causa del riscaldamento globale e il taglio dei gas serra non potrà MAI fermare il riscaldamento globale o il cambiamento climatico. L’uso delle frequenze radio a microonde ha un legame diretto con il riscaldamento globale o il cambiamento climatico. Le trasmissioni a microonde stanno causando il riscaldamento RF a livello globale. I rifiuti dei satelliti occupano spazio, ci sono molti satelliti attivi in ​​orbita e le aziende wireless stanno perpetuando i loro prodotti a milioni, e tutto è incline a passare al wireless. Ripulire la spazzatura nello spazio e limitare l’uso delle trasmissioni radio a microonde sono la soluzione al riscaldamento globale o ai cambiamenti climatici.

Peggio del riscaldamento globale: Wave Technology

95 pagine , merci sicure , 2007-10-01

Esiste oggi una distinta minaccia per tutta la civiltà come la conosciamo. La proliferazione incontrollata della tecnologia elettromagnetica in tutto il mondo può spazzare via tutto ciò su cui facciamo affidamento. La saturazione della frequenza del prezioso involucro di aria che circonda il nostro pianeta potrebbe oggi influenzare la sua stabilità. Tutti i nostri sforzi per rettificare il riscaldamento globale potrebbero essere vani se le nostre nuove armi e la nostra tecnologia causassero un importante spostamento dell’asse verso la Terra. • Le antiche profezie ci avvertono di non ripetere i loro errori? • Le armi a impulsi elettromagnetici possono cancellare la nostra infrastruttura basata sull’elettricità? • Attiveremo uno spostamento dei poli? • La tecnologia di modifica del clima è utilizzata come arma? • La scienza considera gli effetti a lungo termine della saturazione della frequenza atmosferica? • Il riscaldamento globale è un evento naturale o lo stiamo accelerando?

Microwaving Our Planet“, 1997, Arthur Firstenberg:

http://www.avaate.org/IMG/doc/Microwaving_Our_Planet_firstenberg.doc

Fonte:  http://www.nogeoingegneria.com/

®wld

La distruzione dell’ozono – Molto più grave di un danno collaterale

 
 
IL MOMENTO DELLA VERITÀ È ARRIVATO!
Lo strato di ozono indebolito lascia passare la radiazione cosmica La vita terrena muore. Prova fornita, ragioni chiarite. 
E adesso?


Claudia von Werlhof (1) 

La radiazione cosmica mortale raggiunge la superficie terrestre 

Non c’è possibilità di errori dal 04.04.2018. Al di là di tutte le affermazioni ufficiali e le speculazioni sull’aumento delle emissioni di CO2 come una minaccia per la vita della terra, ora c’è la prova del contrario. La vera minaccia alla vita è la mortale radiazione cosmica ultravioletta che nel frattempo raggiunge la superficie terrestre perché lo strato di ozono non può più fermarlo.  

Ciò significa che una parte dell’atmosfera, il famoso e unico Blu del pianeta Terra, che tutti gli astronauti adorano, è in fase di dissoluzione. L’atmosfera non offre più la protezione per la quale è stata creata nel corso della vita terrena. Nello specifico, lo strato di ozono sta scomparendo, responsabile di questa protezione. Già alla fine del Perm 250 milioni di anni fa quasi tutta la vita sulla terra si estinse, perché non crebbe più nulla. La cosiddetta “Grande Moria” aveva allora probabilmente la stessa ragione (Gabbattis 2018).  

Oggi il problema consiste non solo nell’esistenza dei famigerati buchi dell’ozono sopra l’Antartico e oltre l’Artico, ma anche nel fatto che esse, contrariamente alle aspettative, non accennano a chiudersi (Titze 2018), e che il livello dell’ozono  come tale nel frattempo diventa generalmente molto debole (Dönges 2017). Ciò significa che lascia passare la radiazione cosmica anche lontano dai buchi dell’ozono. Che questo sia possibile, è sempre stato negato.  

Il portatore dell’orrendo messaggio è la dott.ssa Marvin Herndon insieme a Raymond Hoisington e Mark Whiteside, i cui rispettivi risultati di ricerca sono appena stati pubblicati sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International, 14 (2): 1-11, 2018, Articolo n°. JGEESI.40245 intitolato: 

“Incredibile penetrazione di UV-C e UV-B ultravioletti sulla superficie terrestre: implicazioni per la salute umana e ambientale” 

Nel loro articolo, gli autori spiegano che la radiazione UV-B è un “fattore di stress”, che ha un’influenza negativa sulla sopravvivenza e sulla crescita degli organismi in acqua dolce e marina, ad esempio il plancton, sia come vegetale che come animale. Pertanto, la base alimentare degli abitanti marini e in generale dell’acqua è in pericolo. Inoltre, l’UV-B può influenzare la fotosintesi, la crescita e il metabolismo del mondo sottomarino, può disturbare le comunità delle barriere coralline e distruggerle con lo sbiancamento dei coralli, oltre a provocare un’instabilità genomica delle piante. Tuttavia, la radiazione UV è anche dannosa sulla terra, ad esempio in genere per gli alberi perché altera il loro ambiente biologico e chimico. Le conifere possono produrre un polline carente sotto le radiazioni UV-B e essere disturbate nella loro riproduzione o addirittura diventare sterili. La tossicità di UV-B è nota. Si applica anche a tutti gli altri esseri viventi.  

L’UV-C, ancora una volta, ha ad esempio effetti letali su insetti e microrganismi. Porta persino a una morte cellulare programmata nelle piante. Nei ratti, causa danni alle cellule, nell’uomo, a seconda della durata dell’irradiazione, almeno danni alla pelle.

Nell’annuncio della pubblicazione, c’è un riassunto: (inizio della citazione):  

“RILASCIO IMMEDIATO”  

 La Transdyne Corporation Rivela

Le radiazioni ultraviolette mortali ora raggiungono la superficie terrestre 

SAN DIEGO, 2 aprile 2018 –  

È opinione diffusa che l’ozono atmosferico blocchi la porzione mortale della radiazione solare, UV-C e la maggior parte dei raggi UV-B, dal raggiungere la superficie terrestre. Un documento scientifico appena pubblicato contesta questa ipotesi. Pubblicato questa settimana sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International, il lavoro di J. Marvin Herndon, PhD, di Trans dyne Corporation, Raymond D Hoisington di I Ray Spectra Metrics e Mark Whiteside, MD, MPH, un dipartimento della Florida del medico della salute, conferma le prove pubblicate dalla NASA e poi non è riuscito a dare seguito nel 2007.” 

La NASA è stata informata da anni  

” Undici anni fa, gli scienziati della NASA hanno pubblicato la prima prova che UV-C e UV-B stavano penetrando nello strato di ozono e raggiungevano la superficie terrestre, evidenza ora confermata da Herndon et al. Dopo che il documento di D’Antoni et al. Del 2007 ha mostrato che UV-C e UV-B raggiungono la superficie terrestre, contrariamente ai protocolli etici, la NASA non ha condotto indagini di follow-up, nonostante le gravi implicazioni delle proprie misurazioni. L’articolo afferma: Nella scienza, quando viene fatta una scoperta che contraddice la comprensione attuale, gli scienziati hanno la responsabilità di tentare di confutare la scoperta oltre ogni ragionevole dubbio. Se non fosse in grado di farlo, le implicazioni della nuova scoperta dovrebbero essere discusse nella letteratura scientifica. Il 2007 D’Antoni et al. la scoperta delle radiazioni UV-C che raggiungono la superficie terrestre avrebbe dovuto essere oggetto di un’intensa indagine da parte della NASA per due motivi, uno scientifico e uno etico. 

Nonostante le implicazioni delle scoperte della NASA per la scienza atmosferica del 2007 e nonostante le loro profonde implicazioni per la salute umana e ambientale, la NASA non ha condotto un’indagine di follow-up …. Questa inazione solleva la domanda: la NASA è complice di una attività segreta globale, come la proiezione aerea di “jet-difesa” aerea di polveri di carbone tossico che pone seri rischi per la vita sulla Terra? 

Per almeno 20 anni, con quantità e durata sempre maggiori, i militari si sono impegnati a irrorare particelle nella regione in cui le nuvole si formano per manipolare e armare l’atmosfera e le condizioni meteorologiche. I dati analitici su campioni di pioggia e neve sono coerenti con le ceneri volanti di carbone tossico come principale sostanza aerosolica utilizzata. Dal 2010 circa questa irrorazione aerea è diventata un’operazione quasi quotidiana, quasi globale. Come rivela l’articolo, l’irrorazione aerea “sparge grandi quantità di cloro, bromo, fluoro e iodio nell’atmosfera che possono esaurire l’ozono … Potenzialmente altre sostanze negli aerosol di cenere volante di carbone, tra cui nanoparticelle, potrebbero influire negativamente sull’ozono atmosferico” . L’esaurimento dell’ozono è ormai globale e sta permettendo che l’ultravioletto mortale raggiunga il livello del suolo. L’articolo rileva inoltre che la radiazione ultravioletta è la componente più dannosa e genotossica dello spettro della radiazione solare. La mutagenicità e l’azione letale della luce solare mostrano due massimi, entrambi nella regione UV dello spettro. Gli autori forniscono informazioni introduttive sugli effetti devastanti di UV-B e UV-C su esseri umani, fitoplancton, coralli, insetti e piante’. I militari potrebbero considerare tutto questo come un “danno collaterale”, ma è molto più grave, minacciando praticamente tutta la vita sulla Terra. 

Informazioni e pdf: http://www.nuclearplanet.com/uv.html Fonte: J. Marvin Herndon, Ph.D. Trans dyne Corporation Email: [email protected] Sito web: http://NuclearPlanet.com  

Figura 1 Didascalia: tracce di polveri tossiche di carbone tossico spruzzate a getto su Soddy-Daisy, TN (USA) con il permesso di David Tulis.  

Figura 2 Didascalia: misure spettrometriche solari. Nota la misurazione del 2002 che illustra l’errata concezione comune di nessuna radiazione UV-C sulla superficie della Terra. “(Fine della citazione)  

Altri motivi per cui si dissolve l’ozono: l’intera geoingegneria militare  

Per quanto riguarda Herndon et al. Se pensiamo anche allo studio di Rosalie Bertell “Pianeta Terra. The Latest Weapon of War “(in tedesco” Kriegswaffe Planet Erde “), poi diventa chiaro cosa, oltre alla continua irrorazione dell’atmosfera con le nanoparticelle, la cosiddetta “Solar Radiation Management”, SRM, che ora è anche ufficialmente praticata da geo ingegneri civili, contribuendo alla distruzione dello strato di ozono e continua a contribuire, anzi sempre più:

  1. Radioattività: 

Ci sono stati 2.200 test nucleari, compresi quelli con bombe all’idrogeno, in particolare nell’atmosfera tra il 1958 e il 1998, 2/3 dei quali sono stati effettuati dagli Stati Uniti, 1/3 dall’Unione Sovietica; a questo si aggiunge il danno causato dagli incidenti delle centrali nucleari da Harrisburg a Chernobyl a Fukushima, che dal 2011 deve essere considerato un LAA permanente (il presunto più grande incidente) che rimane inarrestabile ed è responsabile per la prima apparizione di un buco dell’ozono sopra Artico; inoltre c’è la nano polvere di innumerevoli tonnellate di munizioni di uranio (munizioni DU da “uranio impoverito”, per lo più rifiuti dell’industria nucleare) utilizzate in tutte le guerre dalla prima guerra del Golfo nei Balcani, nel Medio Oriente e in Afghanistan (recentemente Hänsel 2017); e ci sono certamente carichi radioattivi di cui non sappiamo nulla (segreto militare), o che non sono contati come il normale funzionamento delle centrali nucleari.  

Già negli anni ’50 Wilhelm Reich scoprì che la radioattività sta distruggendo l’energia vitale che chiamò “orgone”, specialmente dell’aria (vedi Senf 2003).

  1. I voli supersonici contribuiscono alla distruzione dello strato di ozono nell’atmosfera (motivo per cui il progetto civile Concorde sull’introduzione del volo supersonico nel traffico civile è stato abbandonato). 
  2. I voli missilistici contribuiscono alla distruzione dell’atmosfera a causa dei loro propellenti, che in parte funzionano con il plutonio (come il razzo Saturno Cassini del 1997 arrivato a Saturno nel 2017). 
  3. L’irradiazione della ionosfera con miliardi di onde elettromagnetiche artificiali forti di watt attraverso le installazioni mondiali di “riscaldatori ionosferici”, come HAARP in Alaska, riscalda la ionosfera e la carica estremamente, tagliandola e producendo buchi in essa (es. / Manning 2001). Ogni volta che le onde passano lo strato di ozono sottostante. 
  4. Le attività “Star Wars” dei militari dallo spazio, il lavoro sui satelliti e la formazione di griglie elettroniche per monitorare, controllare e influenzare energicamente l’intero spazio terrestre (di recente Freeland 2018) nella forma di un “blocco” planetario, come pure come la loro controparte terrena: 
  5. Le microonde, la trasmissione di energia senza fili, gli alberi dei telefoni cellulari e in generale la produzione terrestre di radiazioni cosmiche come i raggi X in medicina, nell’industria alimentare e nella vita quotidiana. 
  6. Anche il traffico aereo “normale” è diventato uno dei malfattori dell’esaurimento dell’ozono (Herndon, 2017, già Loppow 1993), per non parlare dell’irrorazione nella troposfera e nella stratosfera di metalli pesanti e altre sostanze tossiche, che menziona in particolare Herndon. 

L’intero programma è implementato con la “geoingegneria” militare in corso del MIC, il complesso militare-industriale (vedi Werlhof 2018).

Che cosa si deve fare?  

Quello che viviamo è un processo di distruzione in corso. A quanto pare ora ha raggiunto un punto in cui improvvisamente cambia, cioè, ha iniziato a diventare irreversibile. Ci sono voluti non più di 50 anni per farlo, supponendo la scoperta non riconosciuta delle radiazioni UV-B e – C sulla Terra dalla NASA 2007. Non è molto, considerando che questo processo ha innescato anche effetti planetari che, di fatto, minacciano niente di meno della nostra sopravvivenza sulla terra e finiremmo persino se noi – intendendoci come l’umanità in sé – non fare la cosa giusta ora.  

Eppure, la catastrofe è già iniziata: la “molla silenziosa”, predetta da Rachel Carson negli anni ’60 (Carson 1962), si sta già verificando. Il declino delle popolazioni di uccelli e insetti tra il 40 e il 70% è stato notato da tempo ovunque, così come lo sbiancamento dei coralli negli oceani, il vuoto dell’Oceano Pacifico dopo Fukushima e, in generale, l’estinzione quotidiana di animali e specie di piante (WWF 2008). 

È ovvio che il processo di distruzione dell’atmosfera attraverso la geoingegneria militare dovrebbe essere fermato quasi immediatamente, in modo che la terra abbia una possibilità di curare le ferite che sono state inflitte su di essa – in particolare l’esaurimento dell’ozono. Quanto tempo ci vorrà? E: ci sarebbe abbastanza tempo per salvare la vita della terra e rinnovarla? O questa possibilità è già passata? Questo sarebbe il caso se gli effetti avvertiti oggi fossero solo la prima parte di quelli che hanno bisogno di 40-60 anni per farsi notare, così che tutto il resto sarebbe ancora seguito, e avremmo solo sperimentato l’inizio di ciò che è già in atto … 

In generale, il recupero dello strato di ozono è stato calcolato per durare 50 anni (vedi Ozono). Ma non è successo perché le condizioni non erano affatto presenti. Ci sono persino stati tentativi di attaccare direttamente lo strato di ozono e sperimentarlo per una sorta di “ingegneria del clima”, ad esempio per produrre un buco di ozono sul territorio nemico. Tuttavia, il responsabile, Harry Wexler, più tardi prima della sua morte avvertì esplicitamente contro di essa (Wexler 1962, vedi Fleming 2018). Ora, tuttavia, ci si meraviglia che lo strato di ozono non sia mai stato così sottile come oggi e che appena sopra le nostre teste (Läubli 2018), lontano dai buchi dell’ozono!  

Ma non importa come le cose siano comprese, dobbiamo fare qualcosa per le cause del dissolvimento dell’ozono, che fino ad ora non ci erano state generalmente riconosciute e / o che erano state tenute da noi. Non c’è più alternativa. Non fare nulla non è un’opzione e significherebbe in realtà essere d’accordo con il suicidio dell’umanità e il suo assassinio di tutta la vita terrena.  

La tesi precedente, che era stata sostenuta dalla scienza, tuttavia, finge ancora che siano i CFC nei frigoriferi a causare i buchi dell’ozono. Poiché i CFC sono vietati, c’era speranza che i buchi dell’ozono venissero ridotti. Ma questo non è accaduto (Titze 2018, generalmente Ozone). La radioattività e altre sostanze e processi non sono mai stati parte del dibattito in ogni caso perché l’esercito è un tabù e ha permesso di fare ciò che vuole. Questo è ciò che alla fine abbiamo appreso attraverso la Commissione europea, quando noi, un gruppo di attivisti europei, organizzato attraverso “Guardie del cielo”, abbiamo presentato una petizione al Parlamento europeo per una revisione rinnovata della geoingegneria e delle sue conseguenze (Fraile 2018). Le attività militari non interessano il Parlamento, siamo stati istruiti dall’alto.

Se queste attività, tuttavia, anche senza guerra, minaccianotutta la vita sulla terra e stanno per distruggerla, allora che cosa?  

Finora, tale opinione non era affatto presente nella discussione pubblica e, in caso di dubbio, è stata considerata una meschina condanna o una teoria del complotto. Ora, tuttavia, c’è la prova che è vero e in che modo è così. Anche quelli che “già sapevano” hanno ora la prova nelle loro mani. Questo cambia tutto – 

Questa prova è il”messaggio del 21° secolo 

Per la prima volta e per tutte le persone sulla terra, non c’è nessun messaggio che sarebbe più importante. Ora tutti possono sapere e nessuno può fare appello per non averlo saputo. Non lo aiuterebbe comunque. Perché non si tratta più di alcuna giustificazione, ma della questione se noi, come presunto “homo sapiens”, riusciremo a preservare la vita sulla terra in effetti e in quanto tali o meno, dato che alla fine alcuni di noi hanno potuto rischiarlo di fronte a o alle nostre spalle. 

Eppure: chi comprende veramente queste notizie dopo tutte quelle terribili che costantemente ci stanno inondando? Chi li “sente” e il loro “Appello”? Chi lo fa penetrare nella sua armatura? Chi si spaventa? Chi si alza dalla sedia? Chi riconosce la verità brutale, persino inesprimibile che comunica?  

Tuttavia, indipendentemente dalle nostre reazioni o dal loro rifiuto: con questo messaggio, il mondo è già cambiato. C’è un prima e un dopo, indipendentemente da ciò che pensiamo. Oggettivamente, d’ora in poi, ogni cosa ha un significato diverso, qualsiasi cosa facciamo o non facciamo, e se ci pensiamo o no, ciò che è ora noto, e cioè che per la prima volta nella storia c’è la prova che noi umani abbiamo già messo in pericolo il pianeta stesso, se riusciremo a salvarlo, rispettivamente la vita sopra, dentro e sopra di essa, la nostra stessa inclusa o meno. 

Una cosa è chiara: il tabù che circonda i militari deve cadere. I “movimenti” sociali e politici, tuttavia, che si affidano alla “giustizia climatica” e alla fine delle emissioni civili di CO2, devono immediatamente fare i conti con il fatto di essere assorbiti in un mito, e il problema in gioco è molto diverso da quello che presumevano – consapevolmente o no. Sarà necessario un radicale ripensamento …

La necessaria rivolta mondiale

In altre parole: ora che le prove sul vero problema sono inevitabilmente sul tavolo, ci deve essere una rivolta mondiale seguita da un movimento altrettanto globale che non può più essere sconcertante e confuso. Perché l’esercito non smetterà da solo di fare quello che fa – ha saputo per almeno 11 anni quello che sta facendo! E questa non sarà l’unica cosa che sa senza che noi lo sappiamo. Al momento, l’esercito sta persino cercando di portare il suo intero programma nella vita civile attraverso la cosiddetta geoingegneria civile nelle università di tutto il mondo, una tattica che ha sempre usato e di nuovo, perché allora è ancora più difficile liberarsi del “risultati” militari. 

Ora dobbiamo assicurarci di cambiare questo. In realtà, non abbiamo scelta e soprattutto non c’è tempo. Questo è vero per tutti noi, vale a dire “umanità” stessa. Sembra incredibile, ma “noi” dobbiamo, obiettivamente, ottenere ciò:

  1.  nessuna nuova radioattività deve sorgere
  2.  l’esercito ferma i voli supersonici 
  3.  nessun altro missile sparato nello spazio 
  4.  tutti i sistemi di riscaldamento ionosferici chiusi 
  5.  i satelliti si spengono, non ne vengono installati di nuovi 
  6.  trasmissioni di potenza wireless e 
  7.  il traffico aereo deve essere in gran parte fermato.

Non sembra che ci sia anche la minima possibilità di superare almeno uno di questi punti. Eppure, questo è ciò che è all’ordine del giorno, se funzionerà o no, e se lo vogliamo o no.

Oppure noi umani vogliamo morire insieme agli animali e alle piante di questa terra e alle nostre condizioni di vita, senza nemmeno resistere, sì, senza aver nemmeno capito cosa stava succedendo, perché noi, per esempio, non abbiamo riconosciuto la nostra tecnologia e quindi non potevamo affrontarla, per non parlare delle macchinazioni dietro di essa …? (Vedi BUMERANG 3/2017)

Ecco com’è, improvvisamente. Tutto si rivela completamente diverso da quello che abbiamo sempre pensato. Non c’è più errore, senza dubbio. È un nuovo tempo. Il momento della verità è arrivato. Ora tocca a noi, che ci piaccia o no, che sia preparato o meno, che sia capace o meno. Dipende da noi se la vita terrena finirà o no – e molto rapidamente è così, perché tutte le cause persistono e vengono costantemente sviluppate ulteriormente

Già nel 2000 Rosalie Bertell ci ha avvertito che se il buco dell’ozono raddoppierà, non ci sarà più agricoltura sulla terra. Ora sta per peggiorare ancora.

Non possiamo certo aspettare fino a quando non cresce più niente prima di iniziare a fare qualcosa. È ovvio, vero? 

Che risveglio sarà!

  1. Ringrazio Maria Heibel per i suoi suggerimenti e riferimenti

Riferimenti:  

Begich, Nick und Manning, Jeane: Löcher im Himmel, Michaels Verlag, Peiting 2001  

(orig .: Begich, Nick und Manning, Jeane: Angels Don’t Gioca a questo HAARP ) 

Rosalie Bertell: Pianeta Terra. The Latest Weapon of War, London 2000, The Women’s Press 

___: Kriegswaffe Planet Erde, Gelnhausen 2013 e 2016, JK Fischer    

___: orig .: Pianeta Terra. The Latest Weapon of War, London 2000, The Women-Press

BUMERANG 3, www.fipaz.at/bumerang, 2017 

Carson, Rachel: Der Stumme Frühling, Beck, München 1962 

orig: Carson, Rachel: Silent Spring, Houghton Mifflin 1962  

Dönges, Jan: Ozonloch wirkt offenbar bis in die Tropen.  

Das Ozonloch zieht nicht nur Flora und Fauna in Mitleidenschaft, sondern ändert auch das Klimagefüge der Erde. Der Effekt erstreckt sich bis in den tropischen Pazifik, Notizie 14.6.2017 

(Jan Dönges: Il Buco dell’ozono sembra avere un effetto per raggiungere i tropici.  

Il buco dell’ozono non interessa solo la flora e la fauna, ma cambia anche il clima della terra. L’effetto si estende nel Pacifico tropicale, notizia 14.6.2017)

Fleming James Roger: http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/was-harry-wexler-the-man-who-caused-the-ozone-hole/, 2018  

Fraile Josefina: Geoingegneria: la verità nascosta negli accordi sul clima di Parigi o l’incapacità morale delle Nazioni Unite di difendere il bene comune, a Werlhof, Cv (Ed.): The New Threat. Donne contro la Geoingegneria e per Madre Terra, Inanna, Toronto 2018 (imminente)  

Freeland, Elana: sotto un cielo ionizzato, Feral House, Port Townsend WA 2018

Josh Gabbattis: The Great Dying’: l’evento di estinzione peggiore del mondo’ causato dalle radiazioni UV ‘, News, 8.2.2018 

Hänsel, Rudolf: Der Krieg, der nicht zu Ende geht, in: Neue Rheinische Zeitung, NRhZ, Köln, v. 16.10.2017  

(Vedi Rudolf Hänsel: Aftermath della guerra USA-NATO sulla Jugoslavia. Gli impatti non espressi delle munizioni radioattive di uranio impoverito, in: Global Research, 24. dicembre 2017)  

Herndon, Marvin: http://www.NuclearPlanet.com/uv.html, 2018  

____: http://www.thehindu.com/sci-tech/energy-and-environment/aeroplanes 

may-be-affecting-ozone-monsoon/article19498497.ece, 2017  

Martin Läubli: http://www.sueddeutsche.de/wissen/atmosphaere-die-ozonschicht-ist-so-duenn-wie-noch-nie-1.3856013. SZ, 7.2.2018

Bernd Loppow: Himmelfahrtskommando Luftverkehr? Zeit-online, 5.3.1993, http://www.zeit.de/1993/10/himmelfahrtskommando-luftverkehr 

Ozon: http://www.ozonelayer.noaa.gov/science/basics.htm 

Senf, Bernd: Die Wiederentdeckung des Lebendigen, Omega, Aquisgrana 2003

(Senf, Bernd: La riscoperta dei vivi) 

Sven Titze: Die Ozonschicht erholt sich nicht wie erwartet, NZZ, 6.2.2018 

(Sven Titze: lo strato di ozono non si sta riprendendo come previsto) 

Claudia von Werlhof: Geoingegneria: da Geo-Weaponry a Geo-Warfare, in dies. (Ed.): La nuova minaccia. Donne contro la Geoingegneria e per Madre Terra, Inanna, Toronto 2018 (imminente) 

Harry Wexler: http://www.colby.edu/sts/wexlerozone.pdf, 1962 

WWF: Abschied der Arten, Francoforte 2008 

(WWF: addio della specie) 

Fonte:

http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/the-moment-of-truth-has-come/

®wld

L’alterazione dello spettro naturale

 

Terra formazione del pianeta terra e della coscienza umana  Interferenze elettromagnetiche 

 by Buck Rogers January 24, 2018 from WakingTimes Website   

Il lancio del 5G sta accadendo ora, nonostante molte legittime preoccupazioni sulla sicurezza pubblica, e nonostante il fatto che l’ex presidente della FCC sia diventato lobbista aziendale, Tom Wheeler è più interessato a fare soldi che alla nostra salute. 

Secondo Wheeler, il lancio di 5G richiederà un enorme aumento del numero di torri cellulari, tutte le frequenze elettromagnetiche di pompaggio (EMF) molto più alte di 4G nel nostro ambiente.

“Per fare in modo che funzioni, il build-out del 5G sarà molto impegnativo per le infrastrutture, e richiederà una distribuzione massiccia di piccole celle”. Tom Wheeler

Esperti e leader del settore vi diranno che non c’è nulla di cui avere paura, eppure simili al lancio di farmaci psicotropi, come antidepressivi e farmaci per l’ADHD, questi prodotti sono semplicemente troppo nuovi per noi per avere una comprensione degli effetti a lungo termine. 

Inoltre, il 5G è solo un nuovo componente nell’assalto elettromagnetico sul pianeta terra. 

E mentre abbiamo molte prove che dimostrano che le radiazioni elettromagnetiche sono dannose per la salute umana (i telefoni cellulari causano cancro, disturbi del sonno, disturbi dell’attenzione e problemi comportamentali), sappiamo molto poco di ciò che sta facendo la saturazione del pianeta terra con EMF e la salute dell’ambiente. 

Inoltre, la terra viene sommersa da una serie di altre tecnologie che alterano la naturale frequenza di trasmissione del pianeta:

… sono tutti da includere nell’elenco delle tecnologie che aggiungono livelli di interruzione EMF.  

In presenza di molti eventi insoliti e presagi nel mondo naturale, come,

… vale la pena chiedersi quali effetti ha lo spiegamento di campi elettromagnetici sul pianeta e quali interessi vengono serviti in tutto questo.

“Sconosciuta per la maggior parte, è diventato estremamente chiaro approssimativamente nel 2025 che i governi hanno in effetti reingegnerizzato (geoingegneria) l’atmosfera terrestre, i suoi oceani e la griglia elettromagnetica del pianeta per facilitare l’uso della tecnologia scalare e sonora in modo tale da risultare dannoso e in alcuni casi dannosi a livello globale.” Timeline Collapse & Universal Ascension EM Nicolay e HL Jang

Gli esseri umani sono esseri di frequenza, come lo sono tutte le creature e le piante su questo pianeta. Un pianeta che è di per sé un organismo vivente, che trae energia dal sole, dal nucleo galattico e dall’universo più grande per il sostentamento. 

La terra ha una frequenza di risonanza, conosciuta come la risonanza di Schumann, e basta guardare indietro di qualche generazione per vedere un momento in cui la vita sulla terra era più armoniosamente in equilibrio. 

Considerando le potenziali conseguenze a lungo termine di bagnare il pianeta nei campi elettromagnetici e interrompere le naturali firme di frequenza della vita, ci si deve chiedere quale danno stiamo causando.  

La scala dell’assalto EMF è così massiccia e globale che i risultati potrebbero sembrare più simili a un progetto di terraforming, cambiando per sempre la composizione della terra interrompendo la vita ad ogni livello.

Terraforming è,

“l’ipotetico processo di modificare deliberatamente l’atmosfera, la temperatura, la topografia di superficie o l’ecologia (simile a quella di un pianeta) per essere simile all’ambiente della Terra per renderlo abitabile dalla vita terrestre”. Il pianeta Terra è stato trasformato in terra da non umani?

Nel nostro caso, ciò implicherebbe che la terra viene preparata per l’occupazione da una qualche forma di coscienza non umana. 

Facendo la connessione tra l’interruzione delle frequenze naturali della terra e un potenziale programma più grande di alterazione della coscienza umana mentre distrugge il pianeta terra, Mr. Electro Magnetics spiega il legame tra le frequenze galattiche e la rapida trasformazione della vita sulla terra. 

Considera quanto segue:

“Un essere umano è paragonabile a un circuito risonante o a una cavità risonante: un energy cup.

Una cavità risonante è costituita da reattanza capacitiva e reattanza induttiva. La combinazione di reattanza capacitiva e reattanza induttiva è abbinata alla frequenza dell’energia che si muove attraverso di loro.

La combinazione di reattanza capacitiva e reattanza induttiva determina anche la velocità dell’energia nel mezzo.  

Il corpo fisico del gruppo dell’anima umana è una combinazione unica di DNA-RNA progettata per entrare in risonanza con l’energia specifica nel suo ambiente – in particolare con il nostro Sole e gli altri pianeti nel nostro Sistema Solare – e specialmente con le griglie energetiche della Terra.   

Energia emessa dal nucleo centrale galattico è supportato dalle numerose cavità risonanti che si estendono, estendendosi dal Nucleo Galattico, che invia le sue energie alla nostra galassia, il nucleo della Via Lattea, attraverso il nostro Sole, sulla magnetosfera terrestre e nella griglia energetica del nostro pianeta per essere assorbito dagli esseri che abitano la Terra.   

Le energie che provengono dal Centro Galattico centrale rappresentano l’intero spettro delle frequenze, come si dice “dalla DC alla luce del giorno”. 

Questo vasto spettro non sarà utilizzabile allo stesso modo per tutte le forme di vita, per tutti gli esseri a meno che l’energia specifica non corrisponda alla frequenza di risonanza degli esseri. 

Ci deve essere un po ‘di downshift in frequenza, o in termini di elettromagnetismo, attenuazione e o spostamento di frequenza. 

L’intensità dell’intero spettro delle forme d’onda di frequenza è semplicemente troppo grande per essere assorbita da tutti. Queste energie devono essere trasformate o ridotte gradualmente da una serie di trasformazioni, in modo che le forme d’onda di frequenza siano utilizzabili dall’utente finale. 

Quindi tutti gli esseri hanno i loro sistemi di filtraggio unici.   

Ad esempio, quando vogliamo bere acqua e tentiamo stupidamente di bere dalle cascate del Niagara o da un enorme fiume che scorre rapidamente – per bere da un volume così grande di acqua, si deve ridurre il flusso (o l’energia) in un serie di passi verso il basso.

Proprio come non possiamo facilmente bere da una grande fonte di acqua che scorre, il nostro corpo non può assorbire la grande intensità dell’intero spettro di frequenze provenienti dal nucleo galattico. Queste energie devono essere attenuate, trattenute, trasformate e ridotte da una serie di conversioni.   

Con tali trasformazioni l’intensità delle energie può essere ridotta e regolata.

L’energia emessa dal nucleo galattico ha l’elemento di intensità, così come lo spettro delle frequenze. Le energie nel Nucleo Galattico devono essere ridotte in intensità di forma per essere armonicamente ricevute e utilizzabili dal gruppo Anima Angelica Umana. 

Senza una riduzione dell’intensità, il corpo che riceve tale energia friggerebbe e brucerebbe come un tostapane collegato a una fonte di altissima tensione.   

Il nucleo centrale galattico conterrà naturalmente l’intero spettro di frequenze in questo universo. L’aspetto della frequenza delle energie provenienti dalla nostra Via Lattea Galactic Core deve anche contenere l’intero spettro. 

Eppure solo certe frequenze sono adatte per le forme di vita umana. 

Altre forme di vita, come le varie razze extraterrestri, devono avere energie compatibili per il loro miglior uso. Ogni forma di vita richiede energia in una relazione armonica specifica. 

Poiché il nostro pianeta Terra contiene un nucleo di ferro, rispondiamo meglio alle frequenze di un multiplo di 60 cicli (circa). Le frequenze Schumann della Terra sono circa 7,5 cicli, 15 cicli, 30 cicli e 60 cicli – e multipli di essi.   

Considerando gli sforzi in corso dei Rettiliani Draco e dei Grigi Zeta Reticuli per terraformare e alterare il nostro pianeta terra, possiamo supporre che la nostra naturale risonanza con una frequenza di 60 cicli non sia compatibile con queste razze aliene che ci stanno invadendo. 

Sembra logico che stiano tentando di cambiare le frequenze terrestri per renderlo più compatibile con le esigenze del proprio corpo. Forse stanno trasformando il nostro pianeta per essere più compatibili con i loro corpi, il loro sangue. 

In effetti stanno ‘scalando’ le frequenze di risonanza che hanno assicurato la nostra sopravvivenza, le nostre esigenze di vita – nei loro bisogni energetici. 

Il successo dell’alterazione, della “metallizzazione” e dell’armamento della nostra atmosfera terrestre ha lo scopo di permettere agli alieni invasori di incarnarsi in massa nei loro ibridi e di spingere il gruppo dell’Anima Angelica Umana dal nostro pianeta. 

Fortunatamente la nostra Madre Terra non è progettata per accettare una tale permanente alterazione e terraformazione. Alla fine gli alieni non ci riusciranno. 

Secondo EM Nicolay, il nostro pianeta tornerà a sostenere il suo gruppo Soul, che è stato legittimamente designato.” Mr. Electro Magnetics 

La teoria secondo cui altri esseri del mondo stanno contribuendo all’alterazione dello spettro naturale delle frequenze elettromagnetiche va ben al di sopra e al di là di tutto ciò che la scienza moderna sta assumendo. 

Molti che operano nei regni spirituali e metafisici, tuttavia, hanno a lungo avvertito della presenza di esseri di altri mondi che operano da gamme di frequenze esterne a quelle della percezione umana.

L’interferenza elettromagnetica con le frequenze risonanti della terra e degli esseri umani non è una teoria, resta solo da vedere quale sia il gioco finale e chi è in grado di beneficiare di questo tipo di inquinamento.

“Raggiungere un livello di coscienza e frequenza vibratoria appropriato, e in Risonanza con gli strati superiori della Coscienza di Dio – che sono davvero infiniti – è anche la chiave per l’Illuminazione.

Nessuno, niente, nessuna prigione di frequenza di recinzione spaziale, né tecnologia Draco o Zeta, il loro avvelenamento dell’atmosfera, terra, acqua e il nostro corpo con metalli tossici, alluminio, bario, litio, ecc. dal raggiungere il Dio, dentro di te e Colui che sei.

Le frequenze più alte sono più potenti delle energie tiranniche che cercano di illuderti e ti legano alle loro illusioni.” 

V. Susan Ferguson 

http://www.bibliotecapleyades.net/scalar_tech/esp_scalartech56.htm

Uragani, un soggetto mondiale dominante dei nostri tempi

La NASA ha mostrato accidentalmente nelle immagini satellitari LE PROVE della Manipolazione Meteo su grandi dimensioni

È forse una enorme cospirazione? O è possibile che la NASA stia giocando con il nostro tempo sulla Terra?

Molte persone sarebbero probabilmente d’accordo che stiamo guardando una complessa massa di uragani, mentre altri ritengono che le prove siano proprio davanti a noi.

Quest’anno la stagione degli uragani caraibici ha trasformato ‘il tempo’ in un soggetto dominante mondiale.

Danni catastrofici si sono verificati nei Caraibi, dove isole intere furono spazzate via dall’incredibile potere di madre natura. Tuttavia, è questo il lavoro di madre natura, o c’è qualcosa che sta accadendo?

Da decenni vengono formulate e circolano su internet “teorie di cospirazione” sul controllo del tempo, e così le voci sul controllo del tempo da parte del governo sono diventate popolari.

Ciò è stato considerato come un’impresa impossibile, invece oggi è possibile grazie agli sforzi della geoingegneria, in dieci anni hanno dato la possibilità di controllare il tempo: dando luogo a due vie, una che può distruggere il nostro pianeta, l’altra che lo può aiutare.

L’ingegneria climatica comunemente indicata come geoingegneria, nota anche come intervento sul clima, è un ‘intervento’ deliberato e fatto su larga scala nel sistema climatico della Terra allo scopo di influenzare negativamente il riscaldamento globale.

Quindi dove è quella prova? Dove posso vedere con i miei occhi che il nostro tempo viene in realtà manipolato?

Beh, guarda tu stesso

Situato appena fuori dalla costa africana. Cambiare il tempo è diventata realtà per l’umanità, ma sembra che questa realtà non siano in grado di controllarla, vero?

Appena fuori dalla costa australiana, queste immagini mostrano quanto possano essere cattive. L’immagine di cui sopra spiega in modo perfetto quello che Dane Wigington, ha scritto per Wakeup-World e Davide Wolfe, la descrizione di come “molte varianti impattano sulle radiofrequenze”

Queste immagini mostrano la costa della California. Forse è il momento di interrompere i progetti di modifica del tempo prima di sconvolgere il clima della Terra per sempre

Fuori la costa occidentale dell’Africa. Siamo in pericolo e stiamo per perdere il controllo?

Un’altra immagine dalla costa occidentale dell’Africa.

Controllo del tempo fuori dalla costa spagnola. Stanno cambiando il tempo, e non certo per il bene della popolazione umana.

Sopra, un’altra immagine ripresa fuori dalla costa africana.

Le regioni costiere dell’Africa sono una zona calda per gli sforzi fatti dalla  geoingegneria del tempo, anche se vengono riferiti dai media mainstream come nient’altro che il risultato di “polvere” nell’aria, nella nota Dane Wigington cita un estratto da un articolo di Fox9 News:

“Adesso, gran parte del Golfo del Messico e dalle parti dei Caraibi sono leggermente più calde delle normali temperature dell’oceano che normalmente aiuterebbero allo sviluppo tropicale.

“Ma c’è molta polvere e aria secca nell’atmosfera e le tempeste sono soffocanti prima ancora di iniziare”.

Dane indica come le trasmissioni delle radiofrequenze possono alterare le formazioni cloud e che è il risultato della “spruzzatura di metalli pesanti veicolati elettricamente da conduttori elettrici”. Ora prova ad immaginare e indovinare tutto quello che respiriamo.

HAARP è veramente responsabile dei cambiamenti climatici? nell’immagine sopra, Dane sottolinea chiaramente che l’insieme enigmatico di nuvole si è formato vicino a una stazione HAARP, che ha generato eventuali altri modelli di nuvole agglomerandoli in una sola unica nuvola. 

Infine guarda questo video e prova a darti delle risposte:

Fonte e riferimenti: DavidWolfeWakeup-WorldFox9 News

Link diretto: https://www.ancient-code.com/

 

Traduzione e adattamento: https://ningizhzidda.blogspot.it/

HAARP: “informazioni né confermate e né smentite”

HAARP, perché la predizione dei terremoti va occultata

Di Alessandro Lattanzio

Per provocare un disastro nel posto giusto al momento giusto è necessario risolvere il problema del tempo di predizione, a lungo termine, del “punto di mira”. Perciò gli statunitensi crearono un modello digitale dettagliato dell’atmosfera terrestre e un super-computer in grado di elaborare enormi quantità di informazioni. Ed ecco perché non si dovrebbe ‘scientificamente’ prevedere il terremoto, s’intralcerebbe il monopolio che detengono il Pentagono e le sue agenzie ‘scientifiche’ su quest’arma.

Un primo interesse dei militari nello studio della ionosfera per impieghi bellici, si ebbe nel 1958, quando gli Stati Uniti condussero la prima esplosione nucleare ad un’altezza di 70 chilometri, al limite della ionosfera, sull’atollo Johnson. Secondo il piano originale, l’impulso elettromagnetico dell’esplosione avrebbe bruciato i sistemi elettronici nel raggio di centinaia di chilometri, aprendo la via alla flotta di bombardieri B-52 con bombe all’idrogeno nella difesa aerea sovietica. Ciò non accadde, ma si notò un fenomeno interessante! Nell’arcipelago delle Samoa, 3500 km a sud del luogo dell’esplosione, apparve un’aurora luminosa! Un disturbo ionosferico che durò a lungo, a distanza di migliaia di chilometri! Le particelle cariche prodotte dall’esplosione nucleare, corsero lungo le linee magnetiche nell’emisfero opposto forando la ionosfera della Terra. L’esperimento fu ripetuto (tre esplosioni a un’altitudine di 480 km nel Sud Atlantico) e si scoprì che le esplosioni nucleari non sono violavano la ionosfera con anomalie radio per anni, ma influivano attivamente sui processi climatici della Terra. Da allora, gli scienziati iniziarono a studiare un’arma geofisica e climatica che permettesse di controllare il meteo sul campo di battaglia e sul territorio nemico. Così nacquero le armi geofisiche!

Le attuali armi geofisiche permetterebbero:
– La distruzione dello strato di ozono sopra specifiche superfici da “bruciare” con le radiazioni solari;
– Influire sulle risorse idriche (inondazioni, tsunami, tempeste, frane);
– Disastri atmosferici (tornado, tifoni, cicloni, acquazzoni) così come il clima generale in una particolare area (siccità, gelo, erosione).
– Terremoti e tsunami.
Negli Stati Uniti, tale tipo di arma viene chiamata “HAARP”, o “Ricerca attiva dell’area aurorale del programma ‘Northern Light’”, frutto dell’”Iniziativa di Difesa Strategica” (SDI o Star Wars). Dopo l’11 settembre 2001, attorno l’HAARP furono installati sistemi di difesa aerea. L’installazione fu costruita congiuntamente da US Navy e US Air Force, ufficialmente per studiare la natura della ionosfera e lo sviluppo di sistemi di difesa aerea e missilistica. Tuttavia, molti ricercatori ritengono che in realtà il complesso agisca sui meccanismi naturali globali e locali, nei Paesi avversari degli Stati Uniti.

L’HAARP può:
– Causare aurore artificiali;
– Disturbare le stazioni radar oltre l’orizzonte che sorvegliano i lanci di missili balistici e addirittura eliminare il sistema di telecomunicazioni nemico in una particolare area del pianeta;
– Distruggere i missili intercontinentali surriscaldandone le componenti elettroniche;
– Controllare le condizioni meteo ionizzando l’alta atmosfera;
– Cambiare il comportamento umano trasmettendo radiazioni elettromagnetiche di una particolare gamma, stimolando nelle persone stati di confusione;
– Rilevare ai raggi X risorse minerarie, tunnel sotterranei o cavità naturali;
– Disattivare velivoli spaziali.

Ma quando si raggiunge un livello di potenza in uscita maggiore (ufficialmente gli Stati Uniti dichiarano che la potenza di trasmissione dell’HAARP sia “solo” 6,5 MW, come la prima centrale elettronucleare del mondo, quella di Obninsk. Ma in realtà la capacità sarebbe tra 65 e 650 MW, (e forse ancora di più), si ha la reale opportunità di influenzare l’atmosfera, fino a suscitare calamità naturali: potenti tempeste, terremoti, alluvioni ed uragani.

Ed alcuni esempi specifici di tale influenza:
– 1997-1998, l’uragano “El Niño” imperversò su molte città; il danno complessivo ammontò a 20 miliardi di dollari;
– 1999, terremoto in Turchia di magnitudo 7,6 che uccise 20mila persone;
– 2003, uragano “Isabel“, il più potente e mortale che causò diverse migliaia di vittime;
– 2004, al largo della costa orientale dell’isola indonesiana di Sumatra vi fu uno dei più forti e distruttivi terremoti nella storia moderna. Il maremoto causato dal terremoto di magnitudo 9, costò la vita a circa 300mila persone;
– 2005, il terremoto in Pakistan di magnitudo di 7,6 fu il più potente di tutte le osservazioni sismiche in Asia meridionale, uccise più di 100mila persone;
– 2008, l’improvviso risveglio del vulcano addormentato Caitya, in Cile, dopo secoli;
– aprile 2010, eruzione di un vulcano in Islanda che causò la sospensione dei voli aerei in Europa.

Terremoti in Giappone, come quello che causò l’incidente nella centrale nucleare di Fukushima nel 2011.

Per provocare un disastro nel posto giusto al momento giusto è necessario risolvere il problema del tempo di predizione, a lungo termine, del “punto di mira”. Perciò gli statunitensi crearono un modello digitale dettagliato dell’atmosfera terrestre e un super-computer in grado di elaborare enormi quantità di informazioni.

Gli autori A. Sokolov e A. Burmakin si chiedono nel loro testo: La Russia può respingere l’attacco, o almeno rilevare e dimostrare l’aggressione geofisica?

I sovietici lavoravano al contraltare dell’HAARP, il sistema radar di Krasnojarsk, distrutto da Gorbaciov e Shevardnadze su insistenza degli statunitensi. La stazione di Krasnojarsk sarebbe entrata nel sistema di Primo allarme contro un attacco missilistico balistico, agendo da radar, ma un radar dalle caratteristiche uniche, e dall’altro, aveva una potenza tale che poteva semplicemente bruciare le antenne dell’obiettivo, agendo da sistema di difesa aerea e antisatellite, distruggendo la minaccia all’istante. La Stazione radar oltre l’orizzonte Darjal-U aveva trasmettitore e ricevitore distanziati di 2 chilometri, per il rilevamento a lungo raggio dei missili balistici in orbita e oggetti spaziali provenienti da direzione sud, tra la Cina occidentale e l’Iran. L’Unione Sovietica aveva anche il suo programma “HAARP”, che portò alla realizzazione del “Sura“nella Russia centrale, a 150 km da Nizhnij Novgorod. Apparteneva all’Istituto di Ricerca Scientifica di Radiofisica, uno dei principali istituti di ricerca scientifica dell’URSS. Oggi è abbandonato. Su una superficie di 9 ettari vi sono file di antenne di 20 metri, ora invase da arbusti. Nel centro del campo delle antenne vi era un enorme trasmettitore, con cui gli scienziati studiavano i processi acustici nell’atmosfera. Ai bordi del campo vi erano gli edifici per i trasmettitori radio, la cabina di trasformazione e il laboratorio. “Sura” fu attivato nel 1981. L’installazione assolutamente unica ottenne dei risultati molto interessanti sul comportamento della ionosfera, compreso l’effetto della generazione aperta delle radiazioni a bassa frequenza nella modulazione delle correnti ionosferiche, denominato dal direttore dell’impianto “effetto Getmantsev”. “Sura” fu finanziato in gran parte dai militari, ma dopo il crollo dell’Unione Sovietica non fu più finanziato.

Nei primi anni ’80, quando “Sura” venne attivato, furono osservate in cielo delle anomalie interessanti. Molti lavoratori videro strani bagliori, globi rosso-incandescente immobili o sfrecciare ad alta velocità nel cielo, erano luminescenti formazioni di plasma. “Sura” lavorava circa 100 ore all’anno, ma l’istituto non ebbe più finanziamenti per operare. Gli statunitensi conducevano esperimenti con l’HAARP per 2000 ore all’anno, cioè 20 volte tanto, per una spesa stimata in circa 300 milioni di dollari all’anno. I russi ne spendevano 40 mila…

L’HAARP (Programma di ricerca attiva aurorale ad alta frequenza), fu avviato nella primavera del 1997 ad Hakon, Alaska. La struttura è composta da antenne radar dalle radiazioni incoerenti, dal diametro di venti metri, radar laser, magnetometri, computer per l’elaborazione del segnale e controllare il campo delle antenne. Il complesso era affidato ai “Laboratori Philips”, situati nella base dell’US Air Force di Kirtland, New Mexico, subordinati alla divisione armi astrofisiche e geofisiche del Centro di tecnologia spaziale dell’US Air Force. Il complesso di ricerca ionosferico (HAARP) sarebbe stato costruito per studiare la natura della ionosfera e sviluppare sistemi di difesa aerei e missilistici. L’HAARP non è l’unico negli Stati Uniti, vi sono due stazioni, a Porto Rico (vicino all’Arecibo Observatory) e l’altro, noto come HIPAS, in Alaska, vicino Fairbanks. Entrambe le stazioni sono simili all’HAARP. In Europa vi sono altri due gruppi di ricerca sulla ionosfera, in Norvegia, il radar EISCAT, presso Tromso, e lo SPEAR (Radar di ricerca attiva per l’esplorazione del plasma spaziale), nelle Svalbard. Gli altri sono a Vasilsursk (“Sura“); a Zmiev, regione di Kharkov (Ucraina) “Uran-1“; a Dushanbe (Tagikistan), sistema radio “Horizon” (2 antenne rettangolari verticali), e a Jicamarca (Perù).

Lo scopo principale di tali sistemi è lo studio della ionosfera, e la maggior parte di essi può stimolare piccole zone localizzate della ionosfera. L’HAARP si differenzia da questi complessi per l’insolita combinazione di strumenti di ricerca che permette di controllare le radiazioni su varie bande. L’HAARP ha presumibilmente una potenza di 3600 kW (la capacità esatta non è nota), l’EISCAT di 1200 kW e lo SPEAR di 288 kW. A differenza delle stazioni radio, che hanno trasmettitori fino a 1000 kW e antenne omnidirezionali, il sistema HAARP utilizza antenne a scansione trasmittenti altamente direzionali, in grado di focalizzare tutta l’energia irradiata in una piccola area. L’HAARP nel linguaggio diplomatico degli USA suona così: “Il progetto è anche oggetto di numerose teorie cospirative, compresa l’affermazione che HAARP sia un’arma climatica o geofisica“Cioè, non confermiamo né smentiamo queste informazioni!

Il terremoto in Giappone fu causato dal sistema HAARP?
US Air Force e US Navy fornirono una immagine di ciò che causò il terremoto (magnitudo 9,0), in Giappone alle 05:46:23 UTC dell’11 marzo 2011.

Questo spettro (coordinate, frequenza e tempo) mostra la frequenza della radiazione registrata dal magnetometro ad induzione di HAARP. Il dispositivo dell’Università di Tokyo, cattura le modifiche nella gamma di frequenza ultra-bassa (ULF – Ultra Low Frequency), da 0 a 5 Hz, del campo magnetico terrestre (magnetosfera). Se si osserva lo spettrogramma dell’HAARP, è possibile vedere il momento in cui il terremoto si verificò (linea rossa verticale), e ciò che accadde prima e dopo. Sullo spettrogramma, si può vedere la luce costante alla frequenza di 2,5 hertz, registrata dal magnetometro. La frequenza del segnale di 2,5 hertz è una testimonianza del fatto che il terremoto fu indotto. 

Generalmente il segnale viene registrato prima, durante e dopo un terremoto. L’11 marzo 2011 la frequenza del segnale, 2,5 Hz, venne registrata dalle 00:00 fino a circa le 10:00, per 10 ore. Si sa che il terremoto in Giappone durò solo pochi minuti, quindi perché il segnale, la “firma” del terremoto (alla frequenza di 2,5 Hz), fu registrato fino alle 10 del mattino dell’11 marzo 2011? Perché il sistema HAARP emise un segnale (irradiato) ad una frequenza di 2,5 Hz, causando il terremoto in Giappone e il conseguente tsunami.

Questa immagine mostra i sismogrammi di “Jakutskgeofizika” dell’11 marzo 2011, attivo nel sud-ovest della Jakutia. Il prima sismogramma si ebbe 2 minuti prima che l’onda del terremoto in Giappone (a 3000 km di distanza) raggiungesse l’osservatorio. La frequenza delle onde registrate in modalità di produzione, 15-90 Hz, e la frequenza delle onde del terremoto (secondo sismogramma) di 2,5 Hz. L’intensità della prima onda era così alta che la rilevazione del segnale fu completamente soppressa.

Fonti:
Фомы
Город Змиев и его тайны. Часть первая. Оружие Змея Горыныча

FONTE ARTICOLO

Molte menti stanno lavorando per mettere a punto i mezzi per terrorizzare intere nazioni.

Negli anni settanta i Russi avevano costruito un enorme generatore a pulsioni battezzato “Pamir” Il dispositivo fu ufficialmente presentato come un sistema per analizzare la situazione di un terreno misurandone sulle grandi distanze e a grandi profondità la conduttività elettrica del suolo.Il sistema, usato con moderazione, può testare il terreno, come quando si danno leggeri impulsi su un blocco in equilibrio per vedere se è pronto a scivolare in un burrone.
Ma un tale sistema potrebbe non solo studiare la situazione pre-sismica del territorio, ma eventualmente innescare il terremoto.

Se la faglia non è pronta a cedere, occorrerebbe una notevole energia per innescare il terremoto.
Al giorno d’oggi ormai sappiamo che una variazione di conduttività è il segno di un imminente terremoto.

Con una simile macchina e dei dati geologici esatti, i militari potrebbero, in aree potenzialmente “ostili”, o per ragioni geo-politiche, innescare un devastante terremoto, uno tsunami o un’eruzione vulcanica….

– Qui le pagine originali dell’IVTAN, l’Istituto Russo per le Alte Temperature, che parla di uno di questi generatori Pamir:
http://www.ihed.ras.ru/mg/otdel6.htm
http://www.ihed.ras.ru/mg/Pamir3U.htm

Un generatore MHD (detto anche “generatore di plasma”) a scappamento lineare di Faraday, alimentato con esplosivo (propergol) solido al cesio, o al sodio (sostanze a basso potenziale d’ionizzazione). Lo scappamento espelle gas ionizzato a 3000° tra due o più elettrocalamite. Esso sviluppa 4,8 tesla, e ha elettrodi che raccolgono le correnti generate durante qualche secondo (15000 a 25000 A su 1000V).

-Dal documentario ”Les colères du climat” (le collere del clima), trasmesso sulla 5 (emissione televisiva franco-tedesca), film che passa in rassegna le differenti catastrofi “naturali” mondiali dal 2002 in poi, un corto estratto sulla “Pamir”…. (vedi articolo integrale qui) 

Fonte:
http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/sistemi-radar/haarp-perche-la-predizione-dei-terremoti-va-occultata/

Articolo correlato: Scie chimiche e Terremoti artificiali

La politica emergente sulla geo-ingegneria

LO SCIENZIATO DR. MICHIO KAKU, AMMETTE IL ‘CONTROLLO METEO-CLIMATICO’ DEL GOVERNO ALLA CBS NEWS

Geo-ingegneria, un termine per descrivere l’intervento intenzionale e su larga scala nel sistema climatico della terra. 10 anni fa il concetto di scie chimiche e modificazione del clima è stato liquidato come una congiura, ora sta diventando sempre più una realtà, ogni giorno.

Abbiamo coperto la realtà della geoingegneria in modo approfondito nel corso degli anni, portando avanti le (dis)informazioni da addetti ai lavori, informatori e scienziati, parlando del problema.

Ma oggi c’è ancora di più per noi da prendere in considerazione. I nostri amici oltre a Intellihub segnalati di recente: in una clip recentemente mandata in onda sulla CBS, il fisico Dr. Michio Kaku parla di esperimenti che gli scienziati hanno fatto con la modificazione del clima. Gli esperimenti che egli discute suonano stranamente simile a ciò che sappiamo circa l’impianto HAARP in Alaska. Questi esperimenti sembrano operare nello stesso modo, sparando laser e nanoparticelle verso il cielo.

Più tardi nella conversazione, Michio Kaku parla della profonda opera di modificazione del clima che è stato svolto dai governi per decenni. Molto rapidamente il personale CBS lo interruppe per sottolineare che il governo è coinvolto nella modificazione del clima, è solo “presunto”. (servi zerbini) 

In una nuova ricerca pubblicata negli Atti della National Academy of Sciences , il professor Lupo Kasparian ha detto che i raggi laser creano canali di plasma in aria che causano la formazione di ghiaccio.

Egli ha detto: “Nelle condizioni di una tipica nube di tempesta, in cui il ghiaccio è super raffreddato, convivono acqua e nessuna influenza diretta è dovuta dai canali di plasma, sui processi di formazione di ghiaccio o di precipitazione che potrebbe essere rilevato.

“In condizioni tipiche per sottili nuvole di ghiaccio, cirri, tuttavia, i canali di plasma indotto hanno un sorprendente effetto di moltiplicatore del ghiaccio.

“In pochi minuti, l’azione del laser ha portato ad un forte miglioramento del totale delle particelle di ghiaccio, densità numerica nella camera fino ad un fattore 100, anche se solo su una frazione 10-9 del volume della camera è esposto ai canali di plasma .

“Le particelle di ghiaccio neo-formate hanno rapidamente ridotto la pressione del vapore acqueo a saturazione ghiaccio, aumentando così lo spessore ottico della nuvola fino a tre ordini di grandezza.”

Inoltre, l’anno scorso abbiamo riportato che un servizio meteo leader, sta segnalando che il governo degli Stati Uniti sta aprendo al pubblico, lo studio di registrazione in tempo reale della modifica della Geo-ingegneria. (tutti muti qui)

Modificazione climatica e Geoingegneria sono entrambi argomenti tabù per la maggior parte delle persone, con molti a credere che non esistono tali programmi. Nonostante le montagne di prove prodotte dagli informatori e ricercatori indipendenti, la modificazione del clima è troppo folle per alcune persone da credere.

Il governo è stato chiamato in causa, ma raramente lo ammettono e si rifiutano di intrattenere qualsiasi discussione sull’argomento. I mezzi di comunicazione sono stati complici nel mantenere la maggior parte delle persone nell’incredulità, sulla modificazione climatica e sulla Geo-ingegneria.

Innovativa idea sulla Geo-ingegneria 
Dr. Marvin Herndon, PhD, un chimico nucleare e geochimico. Più noto per sostenere che la composizione del nucleo dell’interno della Terra, è composto da silicio di nichel, e non di metallo, nichel e ferro parzialmente cristallizzato. Ha pubblicato un documento innovativo nel peer -reviewed, rivista del Current Science (Accademia delle Scienze indiana) dal titolo “avvelenamento da alluminio della umanità e della biosfera della terra, per attività di geoingegneria clandestina: implicazioni per l’India.”

L’abstract è formulato come segue:
“In risposta a una chiamata urgente attraverso un articolo su Science, è stato arduo far capire l’associazione tra, disastri geologici e l’ alta quantità di alluminio trovata, e delle gravi ripercussioni che hanno sulla salute umana nella pianura alluvionale, e descrive le prove di attività di Geoingegneria clandestina che si è verificato per almeno 15 anni, e che è aumentata notevolmente negli ultimi due anni. L’attività di geoingegneria tramite aerei militari ed aviazione civile, specie quest’ultima, col rilascio di sostanze tossiche nell’atmosfera della Terra, dimostrando che l’acqua piovana è piena di alluminio e bario. Inoltre ha provato che le sostanze tossiche, derivano dalla combustione degli avio-mobili. La dispersione clandestina di ceneri leggere e la dispersione di alluminio, sono alla base dell’aumento diffuso e pronunciato di malattie neurologiche, così come lo è l’ indebolimento della biosfera della Terra. Ulteriori studi si stanno svolgendo, per verificare se le prove presentate fin qui, sono la vera causa della alluvione della pianura del Ganga. “ (Fonte) (fonte) Il documento continua a discutere e citare pubblicazioni, che hanno rilevato metalli pesanti come l’alluminio, bario, stronzio, nell’acqua piovana, ceneri e altro ancora. Ad esempio, nel periodo compreso tra il luglio 2011 ed il novembre 2012, 73 campioni di acqua piovana sono stati raccolti e analizzati per l’alluminio e il bario; 71 sono stati raccolti da 60 diversi sedi in Germania, 1 dalla Francia, e 1 dall’Austria. L’ Alluminio è stato rilevato nel 77% dei campioni di acqua piovana, e vi era anche una concentrazione molto elevata di bario ed una concentrazione molto elevata di stronzio.Si discute anche di come queste concentrazioni di metalli non sono il risultato di fenomeni naturali, come le esplosioni vulcaniche, per esempio.

Questa non è l’unica pubblicazione innovativa recente che proviene dal mondo accademico per quanto riguarda questo fenomeno. Qualche mese fa, il Dr. Rose Cairns, PhD, che appartiene alla Università di Leeds School of Earth and Ambient, ha pubblicato un documento nel peer-reviewed, Geophysical Journal dal titolo ”Clima di sospetti: narrazioni del complotto delle ‘scie chimiche’ e la politica internazionale sulla geoingegneria.“ Svolge anche attualmente, attività di ricerca del governo sulla geoingegneria, come parte di un progetto di collaborazione multidisciplinare tra Sussex University, UCL, e dell’Università di Oxford (http://geoengineering-governance-research.org). Il progetto prende in esame le implicazioni sociali, etiche, politiche e sulle proposte di geoingegneria del clima. (Fonte)

Nel suo documento, descrive gli sviluppi nel discorso tradizionale accademico e politico per quanto riguarda la geoingegneria, e come la modifica del clima, anche in discussione da parte dei cittadini del mondo (che usano il termine “scie chimiche”), STA AVENDO EFFETTI ECOLOGICI E SANITARI, DEVASTANTI IN TUTTO IL MONDO. Secondo la sua carta:

“Capire la politica emergente sulla geoingegneria, e prendere sul serio chi sostiene l’importanza della partecipazione del pubblico, richiede una comprensione di tutto il mondo intorno che ruota sul controllo del clima globale – tra cui idee “marginali” come quelle in possesso degli attivisti sulle scie chimiche. Ignorando o respingendo questi discorsi come patologici o paranoici, si ignorano potenzialmente rivelazioni ed intuizioni circa la politica emergente sulla geoingegneria.“ (Fonte)

Si menziona anche:

“Questa analisi suggerisce una serie di modi in cui la narrazione delle scie chimiche può contenere importanti intuizioni, e quindi le implicazioni della politica emergente sulla geoingegneria, non può essere scartata a priori come ‘paranoica’ o ‘patologica’. (e no, a sto punto non potete più farlo) (Fonte)

Anche se il dottor Rose non è un sostenitore del “complotto delle scie chimiche,” (dice ma non dice, come sempre. Ma lo dice!) è bello vedere un altro documento pubblicato da un accademico prendendo un punto di vista neutrale, riconoscendo l’importanza di queste affermazioni piuttosto che licenziarle a titolo definitivo. La differenza fondamentale è che la geoingegneria nel regno accademico è strettamente una proposta, e che questi mezzi di clima di ingegneria della Terra non sono ancora operativi. (si, come no?!) Quando si tratta di sostenitori delle “scie chimiche”, credono che siano operativi, così come descritto dall’accademico, all’inizio di questo articolo, insieme a molti altri.

La verità è che sembra che ci sia un enorme quantità di informazioni che suggerisce che questi programmi sono effettivamente operativi. (nessuno lo può negare) Se il loro intento è quello di modificare il clima per combattere gli effetti del riscaldamento globale, o per favorire qualche altro tipo di ordine del giorno, non è ancora chiaro. (E’ CHIARISSIMO!)

Prove che suggeriscono che questi programmi sono già operativi.“Negli ultimi anni c’è stato un calo del sostegno alla ricerca della modificazione del clima, e la tendenza a passare direttamente in progetti operativi.” (hanno fretta) – Meteorological Association mondiale (fonte)

“Oltre ai programmi specifici di ricerca sponsorizzati da agenzie federali, ci sono altre funzioni relative alla modificazione del clima che vengono eseguite in più punti nel ramo esecutivo. Vari comitati consultivi federali e del loro personale, istituito per condurre studi approfonditi e di elaborare relazioni, di dare consigli o raccomandazioni, o per coordinare i programmi di modificazione del clima, sono stati alloggiati e supportati all’interno operativo dei dipartimenti, agenzie o uffici “. (fonte)

“Se la vostra domanda è, “che cosa possiamo fare?” La prima risposta è la CONSAPEVOLEZZA. Diffondere la consapevolezza e rendersi conto che quello che sta succedendo con quello che ci stanno dicendo, SONO DUE COSE DIVERSE. Questo ci aiuta a ottenere un quadro più chiaro di come possiamo andare avanti per DIMOSTRARE e SMASCHERARE, il più GRANDE CRIMINE e la più GRANDE MENZOGNA mai perpetrata al genere umano.”

Postato sul blog di http://www.tankerenemy.com/ in lingua originale QUI
 
Pubblicato da: https://koenig2099.wordpress.com/ in lingua italiana QUI