Crea sito

Nuovo lockdown anche in Italia?

Pronti per un nuovo lockdown?

Marcello Pamio

La Cina ripiomba nell’incubo del coronavirus: sono circa 108 milioni le persone isolate con il secondo lockdown nella regione nord orientale dell’impero cinese.
Questo sta preoccupando il mondo intero e in particolar modo la Russia visto che le tre province interessate Liaoning, Jilin e Heilongjiang sono molto vicine agli ex soviet!
Praticamente la città di Shulan ha preso il posto di Wuhan.

Nuovi focolai di infezione hanno costretto le amministrazioni locali a introdurre misure restrittive per evitare la diffusione del contagio: chiuse le scuole, sospeso il trasporto pubblico e rinchiuse le persone in casa.
E da noi?

Nuovo lockdown anche in Italia? Dopo quello che sta succedendo in Cina, c’è il pericolo che anche da noi ritorni l’incubo della chiusura totale? Purtroppo sì, anche se la Cina tecnicamente non c’entra granché… Abbiamo sempre detto che il Sistema adotta il “Problema-Reazione-Soluzione”, una geniale tecnica di ingegneria sociale che permette ai governi o a chicchessia di fare praticamente qualunque cosa. Quindi creano il “Problema” e attendono la Reazione emotiva della gente per poi piazzare nel piatto (o nel didietro a seconda del punto di osservazione) la Soluzione bella che pronta.

Fatta questa premessa, supponiamo per assurdo che nel piano diabolico la “Soluzione” sia instaurare la dittatura assoluta. E’ solo ovviamente una banale supposizione, lo specifico per gli psichiatri che desiderassero farmi un TSO…
Sul “Problema” odierno non perdo tempo perché lo sanno anche i bambini: l’emergenza sanitaria!

Emergenza che ha preso a prestito un invisibile agente infettivo funzionale per bloccare, isolare, impaurire le persone e violentare ogni loro diritto e libertà.
La “Reazione” dei sudditi è stata infatti angoscia e paura, sia per le multe sia per la fantomediatica infezione.

Ora dopo due mesi di sequestro illegale e incostituzionale, la gente non ne poteva più, era al limite, per cui hanno dovuto aprire momentaneamente le gabbie per farci prendere un po’ di sole e aria, dandoci contemporaneamente l’illusione della libertà; l’illusione di tornare alla “normalità”.

A questo punto domando: siete proprio sicuri che i manovratori che lavorano nell’ombra, dopo quello che sono riusciti a mettere in moto in Italia e non solo, permetteranno agli schiavi di tornare a godere della piena libertà?

Aprire i pollai è stato un passaggio obbligatorio che ha una doppia funzione, da una parte come ho detto, dare l’illusione della libertà, e dall’altra prepararsi col pugno di ferro. Questo ultimo si basa sull’effetto psicologico delle persone, soprattutto dei più giovani, che dopo mesi di galera avrebbero visto di nuovo la luce, gli spritz e la cicca (spostando la mascherina di lato) al bar con gli amici. Ma l’intento del Sistema era quello di enfatizzare mediaticamente i pericolosi assembramenti che per ovvi motivi ci sarebbero stati, per poi avere la scusante politica di assestare il colpo finale.

Ora si possono inquadrare meglio i vari episodi di Padova, Roma, Milano, ecc. aspramente criticati dai media evidenziandone solo la caratura negativa.

Volete dirmi che a livello governativo non lo avevano previsto? Ma certo, era tutto calcolato al millimetro, e se non ci credete leggete l’ultimo decreto legge “Rilancio”. Hanno preparato (e ben oliato con finanziamenti mirati) tutti gli apparati di Ordine Pubblico, le forze di polizia, i militari, la magistratura e soprattutto il mainstream, perché al Sistema servono. E preparati per cosa? Per il nuovo lockdown che sarà ancora più aspro del primo e la cui colpa cadrà sempre sulla testa dei cattivi cittadini che non rispettano le regole e le leggi: si assembrano, non usano la mascherina e magari iniziano anche a pensare. Cose queste molto pericolose per il Sistema, soprattutto il pensare con la propria zucca! Il tutto andrà ad inasprire ancor di più i già tesi rapporti tra risvegliati e anestetizzati, tra chi non usa la mascherina non per sfidare il potere ma perché ha capito la presa per il culo, e chi la indossa in macchina da solo oppure a casa con i parenti!

Altri accadimenti estremamente inquietanti che mettono in evidenza sempre più la dittatura sono i TSO praticati nelle ultime settimane a cittadini sanissimi ma colpevoli di esprimere un pensiero diverso dal pensiero unico. La libertà di espressione, sancita dalla Costituzione, al tempo del corona è vietatissima, pena la psichiatrizzazione coatta!

L’unica nota positiva di tutta questa follia messa in moto con il corona è che inizia a montare un fortissimo malumore tra le persone sveglie, e un crescente dissenso anche all’interno delle istituzioni e delle stesse forze di polizia…Moltissimi carabinieri e poliziotti infatti hanno mangiato la foglia e iniziano a comprendere che qualcosa non torna. Oramai è sempre più chiaro a persone in divisa e non che il corona è solo una scusante per instaurare un serratissimo controllo sulla popolazione.

PS: Ricordo che il pensiero crea la nostra realtà. Fatta questa premessa obbligatoria ci tengo a specificare che tale articolo non vuole demoralizzare i lettori dando una visione nefasta della vita o del futuro. Nel limite dell’errore umano si cerca solo di ipotizzare uno tra i vari scenari, proprio quello che sarà messo in atto dagli Illusionisti al potere…

Lo scopo è il contrario. Da una parte destabilizzare le coscienze per cercare di destarle dal letargo, e dall’altra stimolare la nascita di idee alternative che vadano, come diceva Gaber “in direzione ostinata e contraria” al Sistema: soluzioni che ci traghettino fuori…
Infine, spero sempre di essere smentito dalla storia!

Fonte: https://disinformazione.it

Articoli correlati:

La distruzione di Troia

TV Svizzera : i vaccini non curano nulla

®wld

La Fragilità della Democrazia può portare alla Dittatura e al Regno del Terrore

 

Dipinto del XIX secolo di Philipp Foltz raffigurante il politico ateniese Pericle che consegna la sua famosa orazione funebre di fronte all’Assemblea. Wikipedia

 

La fragilità della democrazia – Atene e i tremta tiranni

 

by Edward Whelan May 08, 2020 from ClassicalWisdom Website 

 

Atene è tradizionalmente vista come la culla della democrazia … 

 

Tuttavia, come sappiamo, le democrazie sono vulnerabili alle forze antidemocratiche, come il populismo e i movimenti autoritari. Questo è stato anche il caso di Atene.  

 

Per circa otto mesi (404-403 a.C.) la città fu controllata da un’oligarchia filo-spartana nota come i “Trenta tiranni“.

 

Questi autocrati hanno scatenato un’ondata di terrore e Atene è stata intrisa di sangue durante il loro tempo al governo. 

 

La guerra del Peloponneso 

 

Dopo la sconfitta dei persiani, il mondo greco fu dominato dagli spartani, dai loro alleati e ateniesi. 

 

Tuttavia, nel 431 a.C., la seconda guerra del Peloponneso scoppiò tra le due più potenti città-stato. Questo è stato un conflitto lungo e brutale. 

 

Dopo la disastrosa sconfitta ateniese in Sicilia, il governo democratico fu brevemente rovesciato e sostituito da un’oligarchia.

 

Gli ateniesi furono sconfitti nella battaglia navale di Aegospotami (405 a.C.) e ciò garantì effettivamente la vittoria di Sparta nella guerra. L’oligarchia che era stata al potere ad Atene fu screditata e presto rimossa dal governo.

Lysander fuori dalle mura di Atene. Litografia del XIX secolo. 

 
La pace spartana
 
Gli spartani circondarono Atene e chiesero che le sue “lunghe mura” o le sue mura difensive fossero abbattute intorno alla città e al suo porto, il Pireo.
 
Il re Lisandro dettò i termini di pace agli ateniesi che erano quasi totalmente indifesi. Gli spartani non volevano un ritorno della democrazia che disprezzavano.  
 
Sostennero gli ateniesi che erano solidali con Sparta e che credevano nel governo da un’élite. Con il sostegno degli spartani, controllavano la città.  
 
I leader più famosi dei cosiddetti Trenta Tiranni erano Theramenes e Critias ed erano filo-spartani e odiavano la democrazia e i democratici.
 
Hanno immediatamente spogliato i comuni cittadini dei diritti politici e governato con un’assemblea di sostenitori accuratamente selezionata.
 
Dal Pnyx di Atene, una piattaforma tradizionalmente utilizzata dagli oratori, i tiranni annunciarono una serie di misure che ponevano fine alla democrazia in città. Hanno governato con l’aiuto di un presidio spartano e hanno costretto tutti i cittadini a consegnare le loro armi.
 
Solo 3000 sostenitori dei tiranni avevano il diritto di portare le armi.
 

The Pnyx (a destra), si trova di fronte l’Acropoli (a sinistra) 

Regno del terrore 
 
I tiranni oi “sorveglianti”, come piaceva essere conosciuti, temevano i loro concittadini, molti dei quali li consideravano traditori. 
 
Chiunque fosse considerato un democratico o potenzialmente in grado di opporsi al proprio governo è stato giustiziato dopo un processo per spettacolo. Innumerevoli uomini ateniesi innocenti venivano spesso giustiziati per essere stati costretti a bere la cicuta del veleno. 
 
I Trenta Tiranni dovevano anche fornire paghe e cibo alla guarnigione spartana. Questo è stato in un momento in cui Atene era sull’orlo della carestia e ha provocato grandi sofferenze. 
 
Gli oligarchi, per ottenere il sostegno popolare, hanno cercato di coinvolgere i comuni cittadini nei loro crimini. 
 
Ad esempio, a Socrate fu chiesto con altri di portare a morte un innocente. Il filosofo ha coraggiosamente rifiutato e quasi fuggito con la sua vita. 
 
Atene era in bancarotta a causa della guerra e i “Trenta tiranni” avevano bisogno di soldi per rimanere al potere e per soddisfare le richieste spartane. Critia, che era il più crudele di tutti i tiranni, decise di uccidere ricchi ateniesi e residenti stranieri e sequestrare i loro oggetti di valore e proprietà. 
 
Ciò fu resistito da Thermanes, ma Critias lo fece eseguire. Era un uomo molto complesso, un poeta e un uomo colto che è un personaggio nel dialogo platonico che porta il suo nome. 
 
Era anche molto crudele e sembrava godere di spargimenti di sangue.
 

Critia, uno dei trenta tiranni, ordinando l’esecuzione di Theramenes, un membro dell’oligarchia che governò Atene nel 404-403 a.C. Prisma Archivo / Alamy 

 

A questo punto, nessuno era al sicuro ad Atene. Si stima che migliaia di persone siano state uccise e molte altre esiliate e imprigionate durante il dominio degli oligarchi. 

 

Il regno dei Trenta tiranni può essere paragonato al “Regno del terrore” nella Francia rivoluzionaria o alle Purghe di Stalin negli anni ’30. 

 

La fine dei “trenta tiranni” 

 

La brutalità e la corruzione dei tiranni era così grande, che tutta la città arrivò a odiarli e non rimasero quasi sostenitori. 

 

Molti altri stati greci non volevano che Atene fosse controllata da un gruppo filo-spartano e temevano il crescente potere di Sparta. Tebe e altri diedero supporto ai molti esiliati ateniesi e formarono unità militari per rovesciare i tiranni e ripristinare la democrazia. 

 

Nel 404 a.C. l’ex generale Thrasybulus riunì un gruppo di ateniesi e in un attacco a sorpresa afferrò il Pireo, il porto della città. 

 

Quindi fortificò una collina che sovrastava il porto in modo che quando i Trenta Tiranni arrivarono con la loro forza per riprenderlo, furono sconfitti. 

 

Questa è stata una vittoria notevole, soprattutto considerando che i democratici erano più numerosi di cinque a uno.

 

Thrasybulus (? – 389 a.C.), Soldato ateniese e statista.  Un disegno di Mary Evans Picture Library.

 

n questa battaglia, Critia fu ucciso e gli oligarchi furono effettivamente senza leader. 

 

Gli spartani intervennero e inflissero una sconfitta a Thrasybulus, ma a costi elevati. Alla fine hanno negoziato un accordo di pace tra i democratici e i trenta tiranni.

 

Gli oligarchi dovettero lasciare la città e in cambio ottennero il diritto di governare la vicina città di Eleusi. 

 

Nel 403 a.C., Thrasybulus ripristinò la democrazia ad Atene e i tiranni sopravvissuti furono uccisi uno ad uno negli anni seguenti. 

 

Le conseguenze dei trenta tiranni 

 

Alla fine i democratici ottennero il controllo di tutto il territorio ateniese e pose fine all’influenza di Sparta. 

 

La democrazia restaurata fu molto più moderata di quella stabilita da Pericle nel V secolo a.C. La reputazione di Socrate soffrì molto perché, nonostante la sua posizione di principio contro i tiranni, era stato il maestro di molti di loro, incluso Critia. 

 

Molti credono che questo alla fine abbia portato al suo processo ed esecuzione.

 

La morte di Socrate, Jacques-Louis David, 1787. Museo Metropolitano d’Arte, New York 

 

Conclusione 

 

I trenta tiranni mostrano quanto possa essere fragile la democrazia. Qualsiasi crisi può essere sfruttata dalle forze antidemocratiche e questo può portare alla dittatura e al regno del terrore.

 

L’esempio dei tiranni mostra che anche la democrazia è a rischio e non dovrebbe essere data per scontata.

 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld 

Il nostro futuro distopico – la nuova normalità

 

 

Covid-19 e il Nuovo Ordine Mondiale: 13 modi in cui il nostro mondo cambierà

 

di: Andrew Korybko 

Pubblicato da: HAF

 

COVID-19 ha radicalmente cambiato la vita come la conosciamo, ed è più che probabile che il nostro futuro sarà distopico, dato che vari governi hanno già risposto a questo scoppio virale. 

 

Gli scettici tra noi temono che tutta questa pandemia sia esagerata e sfruttata come una cortina di fumo per rubare le nostre libertà, e mentre il loro atteggiamento nei confronti di questa malattia è discutibile (e molto probabilmente pericoloso), è giustificato il loro sospetto su un governo da parte della società. 

 

Mai prima d’ora i governi avevano così tanto potere sul popolo.  

 

Il problema, tuttavia, è che questi poteri appena assunti probabilmente non si arrenderanno volontariamente dopo la fine di questa epidemia, motivo per cui molte persone sono così preoccupate. Sono convinti che siamo entrati improvvisamente in un periodo di dittatura globale ed è difficile discutere con loro. 

 

Anche molte altre cose stanno cambiando, ed è difficile tenere il passo con il ” COVID World Order ” che ci è stato affidato, ma ciò che segue è un tentativo di descrivere brevemente tutto ciò che è già avvenuto e prevedere ciò che probabilmente seguirà: 

 

1. Legge marziale di fatto … 

 

Non c’è altro modo per descrivere le quarantene “raccomandate” e obbligatorie che molti al mondo stanno sperimentando che chiamarle come sono, uno stato di diritto marziale di fatto, che non viene formalmente dichiarato per non provocare più panico di quello che già esiste. 

 

2. … è la “nuova normalità” 

 

Ora che la legge marziale di fatto di un periodo apparentemente indefinito è stata accettata dalla gente (sia volentieri che a malincuore), probabilmente diventerà la “nuova normalità e sarà implementata innumerevoli volte in futuro, sia essa una “sovrabbondanza di cautela ”in caso di un altro focolaio o sotto qualsiasi altro pretesto. 

 

3. La censura dei social media si intensificherà 

 

Big Brother” è già qui, ma diventerà un bullo più grande che mai intensificando la sua censura sui post dei social media delle persone sulla base del fatto che sono “socialmente irresponsabili” (ad esempio, mettendo in discussione la gravità di questa malattia), dopo che la rete “politicamente scorretta” si allargherà per includere anche altri argomenti. 

 

4. Il viaggio non sarà più lo stesso 

 

I viaggi nazionali e internazionali non saranno mai più gli stessi, con le restrizioni interne ai movimenti che diventeranno probabilmente banali e la maggior parte degli ospiti stranieri dovrà auto-mettere in quarantena per un periodo di tempo, tranne in circostanze speciali, quindi quasi uccidendo l’industria del turismo globale. 

 

5. Il controllo delle frontiere diventerà più robusto 

 

Sono finiti i tempi dei cosiddetti “confini aperti” in cui chiunque può spostarsi liberamente tra giurisdizioni a piacimento (sia legalmente che altrimenti), con controlli più severi che vengono messi in atto per [presumibilmente] proteggere la popolazione locale dagli estranei (incluso il proprio connazionali provenienti da altre parti del paese). 

 

6. Vaccini obbligatori stanno arrivando 

 

Per qualunque cosa si pensi ai vaccini, probabilmente non c’è modo di impedire che diventino obbligatori dopo la pandemia di COVID-19, con la previsione che le persone dovranno dimostrare di essere state vaccinate per fare qualsiasi cosa, come lo studio, lavorare, viaggiare e ricevere benefici pubblici.

 

7. L’apprendimento e il lavoro a distanza aumenteranno 

 

Con così tante persone bloccate a casa e incapaci di andarsene se non per l’acquisto di beni essenziali nella maggior parte dei casi, è prevedibile che l’apprendimento e il lavoro a distanza (quest’ultimo che sarà ovviamente per coloro i cui lavori gli permettono di farlo) riprenderanno nel futuro in arrivo quando la società si abitua a questo modo di fare le cose. 

8. Il 5G è inevitabile 

 

Il massiccio aumento del traffico online da parte di persone che stanno imparando, lavorando o semplicemente intrattenendosi online richiederà il rapido lancio della tecnologia 5G, nonostante ciò che alcune persone sospettano siano le sue serie preoccupazioni per la salute . 

9. La società dipende solo da pochi lavori per funzionare 

 

La “nuova normalità” della legge marziale di fatto ha fatto capire a molte persone che la società in realtà dipende solo da alcuni lavori per continuare a funzionare al minimo indispensabile, con dipendenti tecnologici, drogherie e farmacie, impiegati di banca, assistenza sanitaria professionisti, addetti alla ristorazione, agricoltori e camionisti. 

10. La nazionalizzazione potrebbe essere imminente 

 

Nel bene e nel male, i governi di tutto il mondo potrebbero intraprendere una corsa alla nazionalizzazione al fine di assumere il controllo di quelle che considerano “industrie essenziali” (anche se alcuni di loro sono davvero o meno è un’altra storia), che potrebbe portare al imposizione informale di modelli economici socialisti o fascisti. 

11. “Reddito di base universale” 

 

Data la portata e la portata del collasso economico globale che è stato catalizzato dalla risposta a COVID-19, è prevedibile che i governi sveleranno quello che è stato descritto come un “reddito di base universale” al fine di garantire che i loro cittadini possano continuare almeno ad acquistare beni e servizi di base.

12. Formazione medica obbligatoria in cambio di benefici statali 

 

La formazione medica è probabilmente più importante del servizio militare al giorno d’oggi, quindi lo stato probabilmente lo renderà obbligatorio nelle scuole da qui in poi e per chiunque voglia ricevere benefici dal governo, consentendo così al governo di redigere in futuro ogni volta che c’è una carenza di operatori sanitari.

13. Dì addio ai contanti  

 

Sta arrivando la società senza contanti, giustificata dalla paura (reale, falsa o esagerata) che i virus letali possano essere diffusi attraverso la moneta cartacea o come il metodo preferito dal governo per disperdere il suo “reddito di base universale” , il che significa che le autorità possono tagliare la gente fuori dai loro fondi in qualsiasi momento che vogliono.

L’influenza del terzo millennio

Screenshot_2020-02-24-11-05-18

Premessa di di Anna Dossena:

Stimo molto Brizzi e penso che ciò che ha scritto in merito a ciò che sta succedendo in questi due giorni sia lucido, intuitivo e abbastanza comprensibile per i membri di questa pagina. Proprio queste situazioni sono il banco di prova per rendersi conto di quanto siamo ancora addormentati e contagiosi.

La paura è  il virus più letale e pericoloso.

Rimaniamo presenti, sempre. Questo  sarà il nostro vaccino mentale. 

Ti svegli un giorno e ti ritrovi dentro un film di fantascienza di serie B.

Badate bene che sta succedendo solo in Italia. Gli altri paesi europei (ma anche il resto del mondo) ci guardano sbigottiti. Presi dal panico, senza alcuna giustificazione razionale (a meno che non ci sia un preciso disegno dietro!) iniziamo a fare controlli a nastro su tutto il territorio nazionale a caccia del coronavirus. Per una banale legge dei grandi numeri, diveniamo in pochi giorni il terzo paese al mondo per numero di contagi!

Panico chiama panico, e in un paese governato da inetti, i ministri e il capo di governo anziché gettare acqua sul fuoco, rilasciano dichiarazioni dove fanno intendere che ci stiamo preparando al peggio. I tg, da parte loro, ci vanno a nozze.

Il risultato è che ad oggi la situazione è già ampiamente sfuggita di mano. Supermercati presi d’assalto, gente che va in giro con le mascherine, scuole ferme, manifestazioni pubbliche interrotte, cinema chiusi e… capolavoro dei capolavori… sospese anche le messe!

Ci sono già le “zone rosse” dove non si può circolare per strada, ma tranquilli… sono stati creati “corridoi sterili” (hanno davvero usato questa espressione, non ci potevo credere!) per far entrare derrate alimentari e farmaci nelle zone devastate dal virus!

Ripeto. Sta succedendo tutto solo in Italia. Ma cosa sta accadendo esattamente? In realtà niente. L’anno scorso, come ogni anno, in Italia sono morte centinaia di persone a causa di influenza (ricordo che anche questa è un’influenza, la cui mortalità al momento è impossibile definire in soggetti sani). Di solito di influenza muoiono dalle 300 alle 400 persone solo in Italia, per cui, in confronto agli altri anni, non sta succedendo proprio niente. Ma l’anno scorso non sono stati sospesi i festeggiamenti di carnevale e, soprattutto, non sono stati creati i “corridoi sterili”!

Perché scrivo questo post? Solo per portare, almeno sul piano energetico, un po’ di equilibrio. Invito altri che godono di una certa notorietà in rete a fare la stessa cosa. Smorzate per quanto possibile la follia collettiva. Si stanno creando situazioni assurde dove i cittadini normali non possono comprare da mangiare perché i supermercati delle “zone rosse” sono già stati svuotati!

Cerchiamo di essere più responsabili di coloro che ci governano, anche perché questo atteggiamento psicologico sconsiderato finirà per attirare davvero una reale epidemia.

S. Brizzi

*******************************

virus91_01_small

L’economia delle Pandemie e delle Quarantene

di Vincent Geloso traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese Versione in spagnolo

Vincent Geloso, ricercatore presso AIER, è professore associato di economia al King’s University College. Ha conseguito un dottorato in Storia dell’economia presso la London School of Economics.

Le notizie di Wuhan in Cina hanno generato un’ondata di paura riguardo alla diffusione del coronavirus.

Le organizzazioni di sanità pubblica hanno pubblicato linee guida su come ridurre al minimo i rischi di infezione e il governo cinese ha fatto il passo drastico di sigillare Wuhan.

La storia si svolge in modo molto simile allo scoppiodell’Ebola di qualche anno fa.

Le autorità reagiscono con forti misure come la quarantena e i divieti di viaggio per limitare il contagio.

A prima vista, tali misure appaiono – puramente dal punto di vista delle questioni di salute pubblica – ragionevoli.

Tuttavia, la teoria economica suggerisce la possibilità che misure estreme come sigillare una città, un divieto di viaggio o quarantene possano effettivamente far apparire le cose peggiori.

Innanzitutto, è necessario sottolineare che le pandemie, dal XIX secolo, hanno perso importanza.

Per esempio:

un articolo del 2006 sulle malattie infettive emergenti ha messo a confronto le epidemie di influenza del 1918, 1951, 1957 e 1968 in Inghilterra, Galles, Canada e Stati Uniti e ha scoperto che i tassi di mortalità ad ogni focolaio continuavano a scendere rispetto a quelli precedenti.

Utilizzando un orizzonte temporale più lungo che presenta alcune incertezze sulla mortalità per caso, un articolo del Journal ofApplied Microbiology del 2001 documenta un rapido collasso dei decessi correlati all’influenza (che, se combinato con i dati sulla popolazione, suggerisce un crollo più rapido dei tassi di mortalità).

Altri articoli rilevano che, a partire daglianni ’50, i tassi di mortalità per diversi ceppi di influenza si sono stabilizzati a livelli storicamente bassi nonostante il fatto che viviamo in un mondo con più viaggi, più scambi e più connessioni sociali (vale a dire più possibilità di trasmettere malattie infettive).

E questi numeri parlano solo dell’influenza.

I decessi per altre forme di malattie infettive sono a livelli storicamente bassi se non direttamente completamentescomparsi. Pertanto, è necessario collocare la situazione attuale in un contesto storico.

Ciò non invalida l’idea che vi siano gravi costi derivanti dalle pandemie attualmente osservate:

e stime collocano questo dato allo 0,6% del reddito globale, il che non è un dato banale soprattutto nei paesi a basso reddito dove i costi sono più del doppio.

Ma,

perché le quarantene e i divieti di viaggio potrebbero essere problematici?

La risposta è che tutto si riduce a come le persone colpite dalle risposte della politica di salute pubblica percepiscono i costi.

Considerate il seguente esperimento mentale costruito da Alice Mesnard e Paul Seabright sul Journal of Public Economics (Escaping epidemics throughmigration? Quarantine measures under asymmetric information about infectionrisk).

Le persone che vivono in aree con alta prevalenza di malattie infettive affrontano i costi sotto forma di maggiori rischi di infezione.Pertanto, i non infetti che comprendono appieno il proprio stato di infezione trarranno vantaggio dalla migrazione. Di conseguenza, implicitamente mettono in quarantena la malattia e riducono il potenziale di contagio.Questo è ciò che Mesnard e Seabright definiscono “il primo è meglio”.Tuttavia, se gli individui a rischio non sono sicuri del loro stato di infezione (ovvero hanno contratto la malattia ma non ne sono ancora consapevoli o non sono infetti), la loro decisione di migrare può consentire alla malattia di diffondersi.L’singhiozzo viene da questi individui in quella cornice di informazioni imperfetta.

Se viene applicata una quarantena, gli individui a rischio sono bloccati con quelli già infetti.

Ciò aumenta la loro percezione dei costi e, per definizione, porta a investire di più nel tentativo di migrare.Se non sono consapevoli di essere già malati, ma riescono a fuggire dall’area di quarantena, diffondono la malattia.Pertanto, una quarantena troppo estrema induce una risposta comportamentale di tentare in modo più aggressivo di sfuggire alla quarantena.Alla fine, questo può aumentare i tassi di infezione.

Questo potenziale contraccolpo delle misure di sanità pubblica suggerisce la possibilità che misure più lievi possano essere più economiche e più efficaci nel contenere le malattie infettive.

Ad esempio, un articolo sul PlosOne (Skip the Trip – Air Travelers’Behavioral Responses to Pandemic Influenza) ha studiato i voli acquistati che sono stati persi dai passeggeri in relazione alle tendenze relative alle malattie infettive.

In altre parole, le persone che hanno perso i loro voli perché temevano le infezioni.

Questa mossa difensiva da parte di privati ha avuto un costo di $ 50 milioni di dollari in due anni.

Lo stesso studio ha tuttavia riscontrato che le fonti dinotizie erano altamente imprecise nel descrivere casi di infezione reali, ma le persone rispondevano ancora alle reazioni dei media.

Gli autori dell’articolo sottolineano che i passeggeri hanno risposto a casi reali di infezione piuttosto che a spaventare le notizie, il costo di $ 50 milioni avrebbe potuto essere ridotto alla metà di tale cifra.

Ciò suggerisce che una più chiara comunicazione del rischio potrebbe migliorare la comprensione delle persone dei loro vincoli. Pertanto, gli individui si auto-mettono in quarantena e riducono i rischi di contrarre la malattia.

Il contrasto di cui sopra suggerisce che le misure morbide sono più economiche e più efficaci nel ridurre il contagio rispetto alle misurepesanti.

Questo è qualcosa che vale la pena tenere a mente mentre continuano a svolgersi notizie sulla reazione delle autorità cinesi allo scoppio del coronavirus.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Aricolo correlato 

*******************************

******************************

Incompetenti e insolenti al Governo Chi pensava che l’attuale Governo fosse pericoloso per aver riaperto i porti e aver introdotto nuovi extracomunitari sul territorio, temo dovrà ricredersi! Nella loro cupidigia, che qualcosa o qualcuno deve aver per forza scatenata, in quanto il comportamento folle di questo Governo non può essere solo frutto di falso buonismo, non si capisce come si possa ordinare la quarantena per interi paesi lombardi e visto che il virus è un ospite seppur “indesiderato” peraltro proveniente dall’esterno dell’Italia, poi non venga richiesta dal Governo e ancora più dalla Comunità Europea, la sospensione del Trattato di Shengen e la chiusura dei porti come invece è stata fatta per gli aeroporti, dimostrandosi cosi completamente incompetenti e insolenti a svolgere il proprio lavoro.

Che per i componenti del PD la messa in sicurezza da parte dello Stato sia cosa questa da escludersi non è cosa nuova, che invece gli si permetta di perpetrarla in momenti problematici come l’attuale, è cosa scandalosa! https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

*******************************

 Fonte: Radio TV

******************************

Articoli correlati:

https://www.mittdolcino.com/2020/02/22/i-veri-numeri-del-virus-forse-qualcuno-vuole-seminare-il-panico/

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/coronavirus-altro-che-pandemia-infezione-appena-pi-seria-1830933.html

 

®wld

Professor Barbero, la pianti di dire la verità sull’Europa

Oh, Barbero! Che hai fatto

Lo storico piemontese Alessandro Barbero è l’intellettuale italiano oggi maggiormente coccolato dai media. Non è divisivo come Vittorio Sgarbi e Diego Fusaro, non si acconcia da hipster come Massimo Cacciari e non si improvvisa tuttologo di calcio come Mughini. Barbero buca il video con il suo aplomb anglosassone ed i suoi occhiali da secchione; sa catturare l’attenzione anche dello spettatore più pigro grazie ad una voce entusiasta e così “chiara e distinta” da far impallidire le idee di Cartesio. E’ simpatico, Barbero, anche quando ti dice cose che non avresti mai immaginato e ti fa sentire ignorante. 

Non solo. Barbero è riuscito ad imporsi come il conferenziere più amato dagli italiani anche sul web, dove spopolano i suoi video-pipponi lunghi due ore su figure storiche come Carlo Magno e Napoleone. Roba che Paolo Mieli non ci dorme la notte, per l’invidia!  

Ecco perchè il medievalista torinese è riuscito in questi anni ad uscire dalle polverose stanze dell’Accademia per entrare nei salotti buoni della televisione. Non è raro vederlo come conduttore a Rai Storia oppure a fianco di Piegiorgio Odifreddi a riempire i teatri. Insomma, Barbero è uno storico che sembra venire dal mondo anglosassone: uno storico che ce l’ha fatta. 

Eh già, perchè mentre in Italia l’allegra brigata del Ciccap è riuscita a convincerci tutti che al primo potere ed al quarto potere devono sedere solo i positivisti in stile Piero Angela and Son, altrove anche i classicisti, i filosofi e gli storici hanno un ruolo che non rimane relegato ai banchi di scuola. Boris Johnson – pochi lo sanno – è un classicista, Noam Chomsky un filosofo ed un sociologo, Henry Kissinger, uno storico. 

Barbero, dunque, è uno dei pochissimi umanisti che in questo Paese non è costretto a sbarcare il lunario dando ripetizioni di latino agli studenti del ginnasio. 

Fino a quando… 

Fino a quando, poco prima di natale, Massimo Bernardini non ha commesso il passo falso di intervistarlo sulla democrazia. In quel di Reggio Emilia, per l’esattezza al Teatro Asioli di Correggio, il conduttore di Tv Talk ha (mal)pensato di portare Barbero sulla strada dell’europeismo convinto. Un dialogo che nelle intenzioni del giornalista doveva condurre il pubblico emiliano (e come tale di sinistra per definizione) nel petaloso mondo dell’invincibile Europa, dell’euro irreversibile, e dell’antisovranismo militante. 

Qualcosa, però, è andato storto. 

Non senza lo stupore dell’intervistatore e del pubblico, sull’Eurosistema Barbero ha avuto l’ardire di dire la verità. 

Dopo aver chiarito la funzione principale dei parlamenti in una democrazia moderna (legiferare e controllare l’operato dei governi), il dialogo è andato circa così: 

Barbero. “La costituzione vuol dire: eleggiamo un parlamento! dalla rivoluzione francese in poi i popoli hanno voluto le costituzioni ed in esse il ruolo del Parlamento è chiarissimo. Il popolo ha detto eleggiamo un parlamento. Ed il governo? Il governo deve rispondere al parlamento!!! 

Su queste cose c’è una confusione enorme oggi, anche nel nostro Paese. Storicamente, la differenza tra PARLAMENTO e GOVERNO è chiarissima. Il governo prende le deicisioni dopo essere stato nominato da un Presidente della Repubblica (una volta era il Re). Non è un dettaglio da niente… il presidente della repubblica, che è un po’ come l’equivalente del Re, nomina il governo. Ma il governo deve avere l’approvazione del parlamento eletto dal popolo. Il parlamento serve a quello! Quando il parlamento non vota la fiducia, il governo cade. 

Ora, io come molti non ho le idee chiarissime di come funzioni l’Europa, ma non mi sembra proprio che funzioni così… 

Non mi sembra che tutti i giorni la commissione europea prenda le decisioni e debba poi andare tutti i giorni in Parlamento col rischio di cadere perchè ai rappresentanti del popolo non va bene… 

A me non sembra che funzioni così (e se funziona così riesce a non farlo vedere molto bene), e la gente questo lo percepisce”. 

Giornalista. “Però da 40 anni noi stiamo votando direttamente questo Parlamento Europeo. Tutti gli europei votano il parlamento, mandiamo rappresentati dal 1979”. 

Barbero. “Ma – chiedo per sapere… – il Parlamento Europeo, può far cadere il governo europeo?” 

A questo punto, sul teatro Asioli cala il gelo.  

Bernardini non risponde. 

Il pubblico non fiata. 

In pochi secondi, in una riga dattiloscritta, seppur con educazione e attraverso la forma dubitativa della domanda, Alessando Barbero – storico dei media ufficiali – dice quello che tutta la controinformaione degna di questo nome urla da anni fino a farsi uscire le vene dal collo, e cioè che 

L’UNIONE EUROPEA NON E’ UNA DEMOCRAZIA 

Insomma, il Re è nudo, solo che stavolta a dirlo non è stato un bambino, ma uno dei più grandi accademici italiani.

Allora faccio un appello allo stimato storico torinese: professore si fermi qua! 

Professore si fermi ora!

Vuole continuare ad andare da Piero Angela? Vuole rimanere in cima alle classifiche dei libri e pubblicare per Sellerio, Laterza e tutta la compagnia? Vuole continuare ad essere invitato dai media che contano e ad essere osannato nei teatri? 

Allora la pianti di dire la verità sull’Europa. E’ pericolosissimo! A sto punto, non mi stupirei se la sbattessero fuori dall’Università.  Ma cosa le è saltato in mente? Preghiamo. 

**************************

Accipicchia! Nel silenzio generale dei media e dei politici italiani

Fiat, vaccini, 5G e Tav: la politica italiana non se ne occupa

Il non-governo giallorosso non ha speranze di galleggiare ancora a lungo nell’acqua alta dove nuota lo squaletto Renzi, ma sulla spiaggia opposta non è che splenda il sole: attorno all’ombrellone di Salvini si attarda nonno Silvio, scortato dalla Meloni, senza che il pubblico percepisca la possibilità di un’epocale alternativa al lento e inesorabile sfacelo di cui l’Italia è vittima, in ossequio alla nuova legge di un mondo senza più politica.

Tralasciando il pietoso equivoco 5 Stelle, che puzzava d’imbroglio fin dall’inizio (spettacolare manipolazione degli elettori, col pieno concorso dei militanti di base disposti ad avallare qualsiasi diktat), l’impotenza generale di fronte alla desolazione di Venezia o la resa di Taranto ai furbetti globali dell’acciaio non fanno che dimostrare una volta di più l’assenza di idee, dopo l’eutanasia delle ideologie, che siano capaci di generare qualcosa che assomigli a uno straccio di governance del sistema.

E intanto continua a piovere sul bagnato: basta dare un’occhiata agli slogan archeologici – Dio, patria e famiglia – con cui il sedicente outsider Diego Fusaro, filosofo mediatico e grillo parlante corteggiato dalle televisioni, tenta di raccontare la sua rivoluzionaria prospettiva politica ottocentesca, o forse medievale, o forse adatta solo a menare il can per l’aia, ridicolizzando volutamente l’idea stessa che possa esistere, un giorno, un’opposizione sistemica.

Nel vecchio film, quello finito con le nozze mostruose tra Di Maio e il fratello di Montalbano, o meglio tra l’esodato Renzi e l’ex guastatore Grillo insidiato politicamente dall’indagine sul figlio per presunto stupro, a tener banco era stato un totem come il progetto cimiteriale del Tav Torino-Lione, infrastruttura con cantieri mai davvero decollati (forse al 5%) e comunque destinata a trasformarsi in una spettacolare, costosissima cattedrale nel deserto.

L’argomento, che – come tanti altri, poi abbandonati – era servito ai 5 Stelle solo per fare il pieno di voti, è stato usato per la rissa finale con Salvini, per poi essere archiviato nel silenzio generale.

La notizia, sfuggita ai radar, è che l’Italia spenderà comunque miliardi per una linea ferroviaria virtualmente superveloce ma destinata a trasportare pochissime merci necessariamente lente. Una ferrovia-doppione, completamente inutile benché rischiosa e devastante per l’ambiente, che ci si ostina ad approntare lungo una direttrice commerciale desolatamente abbandonata, lontanissimo dalle rotte mercantili.

Un favoloso binario morto, buono solo per il business dei costruttori (pochissimi posti di lavoro, temporanei), e imposto a una popolazione che ha inutilmente dimostrato, in ogni sede, la sciagurata natura di un ecomostro che indurrà migliaia di italiani a prendere in considerazione l’idea di scappare, lasciando le proprie case.

La non-politica del Belpaese, europeista o sovranista non importa, ha evitato accuratamente di affrontare ogni altro tema vitale per le famiglie, dall’obbligo vaccinale imposto (stile Corea del Nord) senza emergenze sanitarie e senza spiegazioni, e il misteriosissimo avvento del wireless 5G, che avanza in semi-clandestinità abbattendo alberi secolari nelle piazze delle città.

Logico che i media, a reti unificate, ignorino il convegno organizzato in Parlamento dai sindaci e dai comitati di cittadini giustamente allarmati per l’introduzione, senza precauzioni, di una tecnologia invasiva di cui non si conosce ancora l’impatto sull’organismo.

Quanto ai vaccini polivalenti, che secondo la Regione Puglia hanno causato problemi di salute a 4 bambini su 10, sul tema cala semplicemente il sipario, anche se – per la prima volta nella storia – qualcosa come 130.000 bimbi, nel 2019, non hanno potuto accedere né ai nidi né alle scuole dell’infanzia. In compenso, i riflettori abbagliano l’epica sfida per le regionali in Emilia Romagna, dove la Lega potrebbe strappare al Pd la storica roccaforte, un tempo “rossa”.

Accipicchia, questa sì che è una notizia: non come l’insignificante sorte della Fiat, che gli Agnelli-Elkann hanno ceduto ai francesi, nel silenzio generale dei media e dei politici italiani di ogni parrocchia.

(Giorgio Cattaneo, Libreidee, 23 novembre 2019).

Fonte: https://www.libreidee.org/

®wld

Quello che all’estero pensano di noi italiani

Wikimedia Commons, di Saffron Blaze  

Il Populismo si lega naturalmente alla tecnocrazia in Italia  

Postato da: Carlo Accetti,

Il movimento populista italiano continua ad abbracciare la tecnocrazia per formare un’alleanza naturale chiamata “tecnopopulismo”. I primi articoli di TN sono apparsi a metà 2018, e ora il globalista Financial Times l’ha notato. 

Il tecnopopulismo è la tendenza più pericolosa nella società moderna perché i populisti generalmente rifiutano la globalizzazione ma poi si rivolgono alla tecnocrazia per gestire le loro società distrutte, non rendendosi conto che la tecnocrazia è la massima espressione della globalizzazione. 

Guarda anche:  

Il tecnopopulismo nasce in Italia fondendo tecnocrazia e populismo  

Instabilità globale e ascesa del tecnopopulismo  

L’argomento del tecnopolimismo come soluzione ai problemi economici 

⁃ Editor TN

Il nuovo governo di coalizione italiano, composto dal Movimento a cinque stelle e dal Partito democratico, è stato elogiato a livello internazionale in una pletora di improbabili complimenti da Jean-Claude Juncker, presidente uscente della Commissione europea e presidente degli Stati Uniti Donald Trump in Vaticano.

Questa alleanza di ex nemici giurati non può essere spiegata semplicemente come uno sforzo per mantenere la Lega nazionalista di estrema destra di Matteo Salvini fuori dal potere. Piuttosto, il nuovo esperimento politico italiano rappresenta anche una sintesi delle due forze principali che hanno definito la politica europea negli ultimi dieci anni: populismo e tecnocrazia.

Il movimento a cinque stelle è un partito populista per antonomasia. È cresciuto per la prima volta alla ribalta attraverso le veemente denunce del suo fondatore e leader carismatico Beppe Grillo sulle élite politiche (la casta) e rimane impegnato in una forma dal basso verso l’alto di democrazia diretta, che mette da parte il ruolo del Parlamento e delle istituzioni intermedie.

Tuttavia, il partito chiede ora un “governo responsabile” per evitare uno scontro con l’UE sul prossimo bilancio. Grillo ha anche suggerito che la squadra di governo dovrebbe essere composta da “tecnici” indipendenti, sebbene alla fine solo alcuni ministeri chiave non siano stati assegnati a funzionari esplicitamente partigiani.

Il PD è stato storicamente il partito della proprietà e della stabilità istituzionali. Si schierò dalla parte del sistema giudiziario del paese nella sua lotta contro l’ex primo ministro Silvio Berlusconi e fu uno dei principali sostenitori del governo tecnocratico di Mario Monti dopo la crisi economica del 2011. Tuttavia, ora chiede una “svolta radicale” nel modo in cui il paese è gestito e ha proposto che il nuovo dirigente sia etichettato come “governo della novità”.

Ciò che sta prendendo forma in Italia è un incrocio paradossale di populismo e tecnocrazia – o tecno-populismo. Coniuga un appello contro l’establishment e chiede un radicale cambiamento politico con rivendicazioni di responsabilità istituzionale e competenza fiscale, volte a rassicurare i partner internazionali e gli investitori globali. Ciò che li tiene insieme è ciò a cui entrambi si oppongono.

Lungi dall’essere in contrasto tra loro, populismo e tecnocrazia sono in realtà due facce della stessa medaglia. Come ha sottolineato lo scienziato politico Jan-Werner Müller, “il populismo sostiene che esiste solo una volontà autentica del popolo”, mentre “la tecnocrazia sostiene che esiste solo una soluzione politica corretta”. Condividono quindi una tensione profondamente anti-politica: ognuno afferma di possedere una sorta di “verità” che rende superflua la politica parlamentare e li porta a vedere gli avversari come nemici.

Non è un caso che sia il sig. Grillo sia l’ex primo ministro del PD, Matteo Renzi, abbiano descritto il sig. Salvini come un “barbaro”. Eppure Five Star sta appena uscendo da una coalizione con la Lega, e il governo di Renzi una volta ha fatto affidamento sui voti del centro-destra per mantenere il “pericoloso” Movimento a cinque stelle fuori dal potere.

In un sistema in cui il populismo e la tecnocrazia sono le uniche opzioni disponibili, ogni governo è tenuto a presentarsi come un modo per evitare la catastrofe, poiché l’opposto di “una volontà autentica del popolo” o “una soluzione politica corretta “Deve essere un errore politico o una cattiveria.

Leggi la storia completa qui … 

Fonte: https://www.technocracy.news/ 

®wld