Archivi tag: governo

1984: un mondo che sembra molto simile al libro

 

1984 compie 70 anni in un mondo che sembra molto simile al libro  

 di John Vibes 

12 maggio 2019
dal sito web TruthTheory

Questo mese, il leggendario romanzo di George Orwell Nineteen Eighty-Four (“1984“) compie 70 anni e gli avvertimenti contenuti nella storia sono ora più importanti che mai …

Le previsioni di Orwell erano così azzeccate su questo sembra quasi che fosse usato come un qualche tipo di manuale di istruzioni accidentali per aspiranti tiranni.

Nel mondo di Nineteen Eighty-Four, c’è uno stato di sorveglianza onnicomprensivo che tiene d’occhio tutti, alla ricerca di possibili ribelli e punti di resistenza.

La censura è la norma in questo mondo, ed è così estrema che gli individui possono diventare “impersonali” che sono essenzialmente cancellati dalla società perché le loro idee erano considerate pericolose dall’establishment.

Questa è un’idea molto familiare agli attivisti e ai giornalisti indipendenti che vengono rimossi dalla conversazione pubblica per parlare del governo e della corruzione aziendale sui social media.

Orwell è famoso per aver coniato il termine “doppio linguaggio”, che è un modo per descrivere,

il linguaggio eufemistico che il governo usa per iripulire le loro azioni più sporche.

Ad esempio, nella storia di Orwell,

il ministero della propaganda era chiamato il Ministero della Verità, proprio come oggi l’agenzia governativa che era nota come “Il Dipartimento della Guerra” è ora chiamata “Dipartimento della Difesa”.

C’era anche una guerra senza fine nella storia di Orwell, le cui condizioni sarebbero cambiate regolarmente, mantenendo la popolazione generale confusa sui conflitti, così hanno rinunciato a cercare di capire cosa sta realmente accadendo.

Alcune di queste predizioni erano semplicemente riconoscimenti di modelli nella storia umana, dal momento che l’idea di “impersonalità” e di propaganda di guerra non è una novità.

Tuttavia, Orwell ha avuto un’incredibile comprensione di come la tecnologia avrebbe progredito nel corso del ventesimo secolo, e fu in grado di immaginare in che modo la tecnologia sarebbe stata utilizzata da coloro che erano al potere per controllare le masse.

Le previsioni tecnologiche fatte nel libro erano davvero inquietanti, dato che forniscono una descrizione abbastanza accurata del nostro mondo moderno.

Orwell descrisse i “teleschermi”, che fungevano sia da dispositivo di intrattenimento che da dispositivo di comunicazione a due vie.

Questo tipo di tecnologia era predetto da molti futuristi all’epoca, ma la previsione di Orwell era unica perché suggeriva che questi dispositivi sarebbero stati usati dal governo per spiare le persone, attraverso microfoni e telecamere incorporate nei dispositivi.

Sfortunatamente, proprio come nel libro di Orwell, le persone nel mondo moderno sono così distratte dall’intrattenimento e divise dalla politica da non avere idea di vivere in un tirannico stato di polizia.

Questo stato di polizia era anche un forte deterrente nel mondo di Ottantaquattro, perché sebbene molti dei cittadini nel libro avessero un’opinione positiva del “Grande Fratello“, era ancora qualcosa che temevano, ed era una forza che li ha tenuti sotto controllo.

Naturalmente, questo non è molto diverso dall’atteggiamento che l’americano o l’europeo medio ha di fronte,

  • brutalità della polizia
  • corruzione del governo…

Molte delle idee sul potere e l’autorità che sono state espresse nel classico di Orwell sono senza tempo e vecchie come la storia, ma la sua analisi di come la tecnologia avrebbe amplificato la natura distruttiva del potere era incredibilmente unica, specialmente per il suo tempo …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Nemmeno un solo: Perché?

 

 Il sistema educativo come strumento di controllo del pensiero

di Vicente Berenguer03 Gennaio 2019 dal Sito Web Sott traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo 

La società grigia nella quale viviamo, Società alienata, robotizzata. Chiunque vada un poco aldilà delle apparenze può percepirlo. Il sistema ha vinto, o almeno vince al momento. Il sistema ha annullato nelle persone la capacità di critica, la capacità di riflettere, e se non cambia nulla la società è perduta.

Perché? Questa è la domanda più basilare che uno può fare, però l’annichilire la riflessione a questo estremo che sentire oggi un “perché” diventa un compito complicato. 

La società non fa domande, le persone non si interrogano, non vanno oltre, non esplorano possibilità e tantomeno le concepiscono nella loro mente:

accettano solo…

Ma niente è per caso e questo annichilirsi del pensiero viene da lontano, viene dal sistema educativo, iniziando certo dalla scuola.

Perché il sistema educativo così come è impiantato (così come lo hanno voluto) oltre ad essere lo strumento che dovrebbe dare cultura ai cittadini con i contenuti, è lo strumento con cui si annulla il pensiero, è la forma con cui si allontanano i bambini, gli adolescenti, gli adulti … dal pensiero, dalla critica, per portare tutti ad accettare quello che si dice loro, ad accettare le norme, ma non li si porta verso un processo di riflessione perché deve essere così… 

Il sistema educativo così come è disegnato è uno dei principali strumenti del sistema dopo l’indottrinamento, dopo la rigidità mentale.  

Non si fomenterà la critica, non si fomenterà la proposizione di soluzioni alternative, non si fomenterà la creatività. 

Si proporranno invece problemi con una unica soluzione:

Il bambino, l’adolescente o chicchessia deve trovare la soluzione che già esiste o la deve memorizare ma non deve mai cercare alternative poiché non esistono, non ci sono né possono esserci alternative o soluzioni proprie.

Pertanto non si tratta di fomentare l’espansione della mente ma di restringerla; non si tratta che la persona mette in questione le norme o quello che si dice, ma si tratta che il tutto sia accettato poiché non c’è alternativa, non c’è altra possibilità a quanto già detto.  

Si tratta quindi di “tagliare le ali” al pensiero fin dalla più tenera età; si tratta di costruire pezzi per il sistema…  

Quindi la creatività, la riflessione e la critica sono soffocate da subito per avere dei cittadini docii e dalla mente semplice, persone che già da aulte saranno incapaci di muovere critica alcuna né di porsi per una questione qualsiasi o norma nemmeno un solo:

Perché?

Il risultato quindi è dato da cittadini che non si fanno domande, perchè nemmeno sanno di cosa si parla e accettano quello che si dice loro. 

E così le cose da contingenti diventano necessarie:

  • È necessario che il modello economico quello che sia poiché non c’è alternativa possibile

  • È necessario che sia gente che viva da re e altre persone che vivano come cani abbandonati poiché così deve essere
  • È necessario che ci governino persone senza scrupoli
  • È necessario che siano rieletti perchè così è la vita e è quello che abbiamo

…e che non ci sono altre possibilità oltre quelle che ci propongono, cioé c’è una sola possibilità.  

Così la massa è una vera massa, una massa malleabile e totalmente indottrinabile, una massa che non fa domande e che non se le pone, una massa superficiale senza una traccia di spirito critico. 

Insomma, una massa come quella che abbiamo… 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld

La presunzione nel credere di sapere

 

Sistemi di credenze e il potere dell’autorità  

Waking Times

Contributo di Julian Wash  

Oggi vorrei ritornare alla vostra consapevolezza un aspetto della condizione umana che aderisce alla natura astratta della credenza. Le convinzioni sono di molte forme e dimensioni eppure condividono qualcosa in comune: sono inafferrabili e intangibili.

Sebbene non possiamo “toccare” una credenza, certamente ha un modo per toccarci. La nostra convinzione modifica il modo in cui pensiamo, come agiamo e sentiamo. Prendo il mio cappello di carta tacca verso coloro che hanno inventato questo sistema di ordine sociale così tante lune fa. Che concetto davvero. Immagina di sederti attorno a un tavolo della riunione dell’età della pietra discutendo di questa idea. Avrei sicuramente riso. “Vuoi dire che puoi convincere la gente ad accettare qualcosa come verità anche se non è reale? Dai amico. Ti dico che cosa è reale? Qualcosa chiamato fuoco! Ora è qualcosa in cui puoi credere! “

Oh mio Dio, come avrei perso la barca. Non solo il concetto ha fatto crescere le gambe, ma le ali sono germogliate. Si scopre che tutti vogliono credere in qualcosa. Per prima cosa è divertente. Come sarebbe il Natale senza Babbo Natale? Per un altro ci fa sentire speciali in qualche modo. Ma come si trova la verità in una credenza? La risposta è davvero semplice. Facciamo finta.

Nei paragrafi seguenti prenderò uno sguardo un po ‘giocoso (se non cinico) su alcuni dei sistemi di credenza ermeticamente chiusi che dominano le nostre vite. C’è un percorso tortuoso che bisogna attraversare che divide il nostro luogo di conoscenza da un mondo di finzione. Questa pista può diventare un po’ precaria e addirittura scivolosa a volte. Quindi selliamo i nostri leali mustang e vediamo dove ci portano. Queste maestose creature sono sicure, certe e molto aggraziate nel loro passo. Inoltre, sento che potrebbero sapere qualcosa che abbiamo dimenticato.

Nato per correre

Questo posso raccontarti del mustang: sono nati per correre e siamo nati per cavalcare. Dove finisce il sentiero, ne inizia uno nuovo e le immagini e i suoni sono qualcosa da vedere. Il cavaliere apprende la via del cavallo e del cavallo sulla via del cavaliere. È una relazione di equilibrio e armonia. C’è un trasferimento di energia da un’entità all’altra, mentre i nostri pensieri iniziano a vagare liberi con un selvaggio abbandono e il mustang si blocca delicatamente nella cortesia della sella. In questo viaggio, non è dove vai, ma dove ti porta.

Siamo esseri che amano la libertà. Tu, io e le persone che non incontriamo o vediamo mai perché vivono lontano un oceano. Al livello più profondo siamo tutti spiriti liberi. A tal fine non siamo diversamente dal mustang. Ma ho la sensazione che ci sia un po’ di meno che suggerirebbe che non meritiamo questa libertà. Credo che guadagnino molto dalle strutture di credenza alle quali ci sottomettiamo. E così siamo incoraggiati a credere in quelle idee e concetti che mettono i polsini sulle nostre mani e sui nostri piedi. Sblocchiamo la nostra mente e consegniamo un’altra chiave. Non perché siamo folli, ma perché ci fidiamo.

Si può credere che sia caldo fuori o che le parole di un altro siano vere. Ma la credenza fa un balzo in avanti quando viene investita in un’ideologia o istituzione esterna. Queste credenze devono essere insegnate e apprese. Riesci a vedere come qualcuno potrebbe essere agitato in remoto dal sistema di credenze che seguono? È qui che troviamo l’abisso tra lo spirituale e i credenti. La mente spirituale cerca la verità e passa molte, molte notti sole meditando e chiedendo. Non è sufficiente che una lezione venga insegnata e consegnata a loro – deve essere percepita nel cuore stesso del loro essere.

Le influenze esterne sono ovunque. Siamo stati tutti condizionati a “credere” che siamo solo un piccolo punto nel macrocosmo. Ok, a loro dico – prova a rimuovere quel “puntino” e vedi cosa succede. Scoprirai che lascia un buco in questo macrocosmo, una lacrima nel tessuto etereo di tutto ciò che è e sarà sempre. La lacrima sarebbe sicuramente al centro dell’attenzione per tutti da notare. Non c’è nulla di insignificante in questo.

E dobbiamo “credere” che la libertà non sia libera, dicono. Non è quello che mi dice il mustang. E dobbiamo “credere” in una religione inventata o affrontare costernazione o dannazione eterna. Dobbiamo “credere” nei nostri insegnanti e nei concetti di istruzione superiore. Soprattutto, i creatori di credenze vogliono che crediamo in tutte le cose al di fuori di noi stessi. Questa è la vera dottrina sociale. Dobbiamo credere che senza la nostra leale adesione a quei costrutti sintetici che ci modellano, siamo molto piccoli e insignificanti. Effettivamente, unisciti all’esercito e fai parte di qualcosa di più grande di te – o almeno così ti diranno. Ma te lo dirò ancora e ancora – non c’è nulla di “più grande” del bello, singolare te.

Il concetto di religione

La leggenda del tardo rock John Lennon forse lo ha detto meglio. Nella sua canzone intitolata giustamente, “Dio”, afferma “Dio è un concetto mediante il quale misuriamo il nostro dolore”. Esattamente ciò che intendeva questo versetto è ovviamente una questione di interpretazione. Ma riferirsi a Dio come a un “concetto” è ciò che trovo particolarmente intrigante. Lennon continua a parlare di molte ideologie e icone in cui non “crede”. Persino i Beatles hanno fatto la lista. Verso la fine della traccia scrive: “Io credo solo in me … e in quella realtà”. Queste sono parole profondamente perspicaci da parte di qualcuno che ha chiaramente compreso le illusioni che ci accecano e ci legano. Quando crediamo in qualcosa al di fuori di noi, siamo subordinati all’autorità di quella credenza. Qualcuno ha il controllo di quel sistema di credenze e non sei tu.

“Quindi vedi che sono venuto a dubitare di tutto ciò che una volta ritenevo vero.” Queste sono le parole potenti di Paul Simon da “La canzone di Kathy”. Simon continua dicendo: “Io sto solo senza credenze – l’unica verità che so è te. “I cantautori di ieri sono venuti al nostro salvataggio poetico e filosofico. La musica era forse l’ultimo condotto per elevare le masse in una coscienza superiore. Da allora ci siamo spostati su un suono diverso e un messaggio diverso. Sembrerebbe che la filosofia appartenga a un’epoca passata dei bambini della seconda guerra mondiale e ai veterani del Vietnam. La musica che sento oggi è spesso pensierosa e complessa o spietatamente adolescenziale. Inoltre fornisce un’istantanea di dove siamo oggi, ma offre poco antidoto o risoluzione. Il nuovo suono sembra concedere l’idea che siamo già fregati. Potrebbero avere ragione

Nel senso più fondamentale, finché crediamo in un’autorità esterna, noi cediamo consapevolmente o inconsapevolmente a coloro che lo governano. Questo dà potere a un’entità fuori di te. Come nel caso di una struttura religiosa, troviamo non solo il potere individuale ma il potere collettivo di milioni. Perché questo mi riguarda? Confidiamo nella saggezza di coloro che comandano questo potere e questa influenza? Sappiamo che c’è una preoccupazione continua riguardo alle scorrettezze religiose. La collusione con governi malvagi, orrende inchieste, stupri e omicidi e tutta una serie di altre atrocità indicibili dovrebbe offrire una pausa e una riserva. Personalmente, non avrò nulla a che fare con le istituzioni che servono come agenti per l’intervento divino. Se c’è un diavolo in una casa come questa, lo troverai. I miei pensieri appartengono a me. Non mi è stato assegnato il mio modo di pensare. 

Istruzione e governo

L’educazione istituzionalizzata ci insegna come essere conformi. Non pensare per un momento che ci sia un vero scopo al di là di questo. Una volta un insegnante di scuola elementare ha ammesso candidamente: “Sei tutte le menti vuote che hanno bisogno di essere riempite”. Sì, vi è un’istruzione rudimentale che si qualifica vagamente come insegnamento. Ma il vero obiettivo è indottrinare e far rispettare la sottomissione e trasformare la popolazione in api lavoratrici. Ci sono molti bambini dotati che alla fine escono da questo sistema perché hanno problemi con la conformità. Non ho nulla ma disdegno per l’educazione moderna. Coloro che alla fine conseguiranno un diploma avanzato saranno ben conditi e in sintonia con la conformità e la conformità di questa istituzione. Queste sono le stesse persone che alla fine vengono scelte per attuare importanti cambiamenti politici nella società.

In che misura dovremmo credere? Dispositivi come la propaganda sono stati a lungo usati dal governo per influenzare le masse. Le persone “credono” in ciò che viene detto perché si sono sottomessi a questa autorità esterna. Questo potere è così persuasivo che può incoraggiare le persone ad arruolarsi nei servizi armati. Viene detto che sono i difensori della “libertà” e tuttavia devono rinunciare a gran parte della propria libertà per poter servire in questa veste.

La Dinamica della credenza

Ciò in cui credo non può essere ciò in cui credi e io sono d’accordo. In realtà, sono grato per questo. Abbiamo il diritto di credere in ciò che vogliamo, ma dovremmo capire che le convinzioni non sono la stessa verità. Le credenze sono malleabili e possono cambiare nel tempo. La verità è universale e resisterà ai secoli. Il problema sembra essere che molti credono nella stessa luce della verità. Come è successo?

Una volta arresi a un sistema di credenze esterno, siamo onorati di servirlo. Nel senso più semplice, questo significa che se ti chiami mormone, allora devi anche dire addio al caffè. Questo sicuramente significherebbe la mia morte mentre bevo le cose come se la mia vita dipendesse da ciò. Così sia. La mia credenza lo permette. Mi astengo dalla carne – il mormone no. Consiglierei a questa ideologia di non darmi lezioni su questioni di moralità. Se forse sono aperti alla vera illuminazione, suggerirei di chiudere il loro libro e aprire la loro mente. Se lo fanno, vedranno come la loro struttura non è diversa dalle altre. Come tutte le fedi, predicano la pace e l’amore mentre marciano i loro figli verso la guerra. C’è una tale ipocrisia e inganno dietro i pulpiti di velluto della vergogna.

La spiritualità è anche un sistema di credenze anche se personale. Questo significa che ne sei l’autorità. Non stai cedendo il tuo potere a un altro. Non suggerisce che la tua convinzione sia quella giusta o l’unica. Suggerisce comunque di aver trovato una credenza che soddisfa i tuoi bisogni, e questo è davvero potente. Vivi con una conoscenza interiore e una pace interiore. Puoi separarti dallo spettacolo che ti circonda. Da questo punto di vista, tutti i rumori del mondo si esibiscono sul palco. A volte potresti sentirti uno degli attori, ma i consapevoli spiritualmente sono più in sintonia con gli osservatori. Potrebbero sentirsi affascinati e commossi dalla storia, ma sanno che è solo uno spettacolo.

Pensiero finale

La mia realtà non è stata pre-incartata in un pacchetto con un bel fiocco su di esso. Non fui catturato da un sermone in fiore o evocato da un predicatore che diffondeva bibbia predicando la paura. Ho combattuto a lungo e duramente per la verità e la filosofia con cui vivo. Ho dovuto prima disimparare ciò che era stato cucito nella mia giovane psiche in un’epoca così impressionabile. Non è un compito facile da nessuna misura. Dovevo perdonare e dimenticare gli insegnamenti cattolici e districarmi dal labirinto che mi teneva. Avevo sentimenti di colpa che non erano dissimili dal dolore del divorzio. Ho imparato a lasciar perdere.

Credo in te e credo in me. Molto oltre questo è una vera portata nel mio mondo. Ciò che chiamiamo credenza è semplicemente una presunzione, un’opinione o una comprensione. D’altra parte, la parola “verità” suggerisce uno stato di conoscenza, una risonanza in armonia al centro di chi e cosa siamo. Eppure usiamo queste parole liberamente e in modo intercambiabile.

Ah, ahimè, vedo che siamo tornati. C’erano un paio di parti scivolose, ma il tuo mustang resisteva e rimaneva fedele al suo corso. Quando il cavaliere si lega al cavallo, c’è una sinergia che giova a entrambi. Non avevi davvero nulla da temere mentre il sentiero si affievoliva e si restringeva in una nuova scia di tua creazione.

La luna è alta ora, la salvia è argentea e dolce, ma l’ombra di un Saguaro evoca l’immagine di un uomo ferito. E penso a me stesso, se solo potesse vedere la luce dall’altra parte. Se solo.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

Il Giochetto …

Vogliono farvi litigare!  

di Marco Cedolin

Quando contro ogni previsione un paio di settimane fa, dopo 88 giorni di tira e molla, confusione e veti presidenziali, il governo Conte vide finalmente la luce, fu subito chiaro a tutti come si sarebbe trattato di un percorso ad ostacoli assai accidentato, dal momento che il suo incedere sarebbe stato ostacolato con tutti i mezzi possibili, leciti ed illeciti. 

Le forze (nazionali e non) che da sempre detestano gli italiani e li vogliono prostrati e con il capo chino sono coscienti di avere ancora fra le proprie mani un potere immenso. Gestiscono praticamente la quasi totalità dell’informazione cartacea e televisiva, gestiscono il 90% degli uomini dello spettacolo, gestiscono i sindacati, gestiscono il sistema bancario e la finanza. Gestiscono in parole povere quasi tutte le leve del potere, anche se in questa occasione, per quello che mi piace considerare uno strano scherzo del destino, non sono riusciti a gestire il voto degli italiani…. 

Il loro unico e vero nemico oggi non è costituito da Salvini o Di Maio, ma dall’opinione pubblica, perché il governo Conte non è in questo momento sostenuto solamente dagli elettori di Lega e 5Stelle, ma anche da molti altri milioni di italiani (come me) che hanno votato altro o non hanno votato affatto e gode di una popolarità mai sperimentata in tempi recenti.  

Di fronte ad una situazione di questo genere, ogni rimbrotto di un politico di opposizione, ogni sparata di un guitto da salotto, di un banchiere o di un imprenditore compiacente, non fanno che rafforzare il sostegno popolare al governo e questo non può che essere chiaro anche a chi ha fatto dell’arroganza e della supponenza una ragione di vita.  

L’unica arma rimasta nelle mani di questi signori (ma si tratta di un’arma potentissima) è il dividi et impera che nella fattispecie deve concretarsi nel dividere Di Maio da Salvini o più precisamente nel provocare un profondo scollamento fra i sostenitori di 5S e della Lega, affinchè si rivoltino gli uni contro gli altri.  

Sapendo che esiste un terreno fertile in questo senso, stanno spendendo ogni energia per far si che tale scollamento si concretizzi. Alimentano polemiche e litigi, ricamando fra le pieghe di ogni affermazione fatta da Salvini, diffondono sondaggi totalmente privi di ogni valenza statistica per indurre l’elettore di 5S a pensare che la Lega stia cannibalizzando il proprio movimento e quello della Lega a fantasticare sul fatto che qualora si tornasse ad elezioni il suo partito diventerebbe la prima forza politica in Italia. Seminano zizzania e malumore in tutte le maniere possibili, 

praticando il “giochetto della questura” dove i due sospettati vengono convocati ciascuno in una stanza e ad entrambi viene fatto credere che il complice ha già confessato facendo il suo nome. Insomma giocano sporco che più sporco non si può, senza porsi alcun problema, sia perché sono totalmente privi di ogni etica e non hanno alcun rispetto per il cittadino, sia perché la posta in gioco è altissima. 

Ora tocca a voi, italiani, elettori di Lega e 5S o meno, decidere se cadere nel tranello che vi riporterà a strisciare con il capo basso o se tenere la testa alta con fierezza e mandarli tutti a quel paese, giudicando il governo per quel poco che riuscirà a fare, ma che sicuramente non hanno mai fatto coloro che l’hanno preceduto.   

http://ilcorrosivo.blogspot.com/ 

®wld

L’Italia e la decisione di essere un paese sovrano e neutrale

Video: Italia, dietro la sfilata. Il coinvolgimento attivo dell’Italia nella guerra guidata dagli Stati Uniti e dalla NATO

ARTICOLO 11 DELLA COSTITUZIONE

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali

Di Manlio Dinucci

Ricerca globale, 8 giugno 2018

L’evento del 2 giugno (il giorno nel 1946, quando l’Italia divenne Repubblica) non fu una parata militare, nemmeno una parata, ma una “revisione”, secondo il ministero della Difesa che la diresse (atto finale del Ministro Pinotti).

La sfilata dei Fori Imperiali – di fronte al governo appena insediato – è stata simbolicamente aperta da 330 sindaci in rappresentanza della società civile, seguiti da tutti i settori delle Forze Armate, per celebrare la “Festa degli italiani – Uniti per il Paese”.

Nel suo messaggio, il Presidente della Repubblica Mattarella ha espresso la gratitudine del popolo italiano alle Forze Armate per “il prezioso lavoro che svolgono in molte regioni problematiche del mondo per aiutare le popolazioni che soffrono di conflitti armati”, un lavoro basato su “La nostra Carta costituzionale, architrave delle istituzioni e punto di riferimento fondamentale per tutti”.

Mentre le unità militari sfilavano, gli annunciatori elencavano le missioni militari in cui le forze armate italiane sono impegnate in oltre 20 paesi: dal Kosovo all’Iraq e all’Afghanistan, dal Libano alla Libia e alla Lettonia, dalla Somalia a Gibuti e il Niger. In altre parole, hanno elencato le guerre e le altre operazioni militari in cui l’Italia ha partecipato e partecipa ancora, in violazione della propria Costituzione, nel quadro della strategia aggressiva espansionistica USA / NATO.

Il numero di operazioni militari all’estero in cui è impegnata l’Italia è in costante aumento. Il 5 giugno, a nome della NATO, i caccia-bombardieri italiani Eurofighter Typhoon hanno iniziato, insieme alle unità della forza aerea greca, a “proteggere” lo spazio aereo del Montenegro, l’ultimo membro dell’Alleanza. I bombardieri da combattimento italiani già “proteggono” i cieli di Slovenia, Albania ed Estonia dalla “minaccia russa”.

Le navi da guerra italiane si stanno preparando a navigare verso il Pacifico, dove parteciperanno a RIMPAC 2018, il più grande esercizio navale del mondo. Le marine militari di 27 paesi parteciperanno all’esercizio, sotto il comando USA, diretto contro la Cina (accusato dagli Stati Uniti di “espansione e coercizione” nel Mar Cinese Meridionale).

Le forze speciali italiane hanno partecipato al Niger in un esercizio gestito dal Comando Africa degli Stati Uniti, sponsorizzato dall’Unione europea, nel quale sono stati formati circa 1.900 soldati provenienti da 20 paesi africani.

In Niger, dove gli Stati Uniti stanno costruendo una vasta base ad Agadez per droni armati e forze speciali, l’Italia si prepara a costruire una base che ospiterà inizialmente 470 soldati, 130 veicoli militari e 2 aerei. Lo scopo ufficiale dell’operazione, ostacolato dall’opposizione all’interno del governo nigeriano, è quello di aiutare il Niger e i suoi vicini a combattere il terrorismo. Il vero scopo è partecipare, sulla scia della Francia e degli Stati Uniti, al controllo militare di una regione ricca di materie prime – oro, diamanti, uranio, coltan, petrolio e molti altri – di cui nemmeno le briciole vanno al popolazione, che per lo più esiste in uno stato di estrema povertà. Di conseguenza, aumenta la tensione sociale e, di conseguenza, anche il flusso migratorio verso l’Europa.

Il nuovo governo intende “rivalutare la nostra presenza nelle missioni internazionali in termini di effettiva importanza per l’interesse nazionale”. Per fare ciò, tuttavia, è necessario determinare quale sia l’interesse nazionale. Cioè, se l’Italia dovrebbe rimanere all’interno del sistema bellico dominato dagli Stati Uniti e dalle maggiori potenze europee, o dovrebbe decidere di essere un paese sovrano e neutrale basato sui principi della sua Costituzione.

La politica interna e la politica estera sono due facce della stessa medaglia: non ci può essere vera libertà in casa se l’Italia, sovvertendo l’articolo 11, usa la guerra come strumento di offesa alla libertà di altri popoli.

Fonte: PandoraTV 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Il Manifesto.

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

Fonte diretta: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Una licenza rilasciata dal governo per guarire

 

 Il governo lascerebbe che Gesù curasse il cancro? 

Di Jon Rappoport 

Negli anni 90, ho assistito a un processo federale in un’aula di tribunale di Los Angeles. Il convenuto è stato accusato di vendita di farmaci senza una licenza per praticare la medicina. 

Il convenuto era pronto a sostenere che a) la sostanza che vendeva era prodotta naturalmente nel corpo e b) era efficace.

L’accusa si è trasferita per escludere tale testimonianza, sulla base del fatto che era irrilevante.  

Il giudice ha acconsentito. Pertanto, il processo è stato brutto, brutale e breve. L’imputato è stato dichiarato colpevole e condannato al carcere per diversi anni.

Ecco come funziona la burocrazia federale. “Hai una licenza rilasciata dal governo per guarire? No? Sei un criminale. Fine della storia.” 

Credo che se Gesù di Nazareth avesse camminato sulla Terra oggi, negli Stati Uniti, sarebbe stato arrestato per gli stessi motivi.

Questo sarebbe particolarmente vero se curasse il cancro.  

Immagina questo caso estremo: in uno stadio pieno di 50.000 persone a cui è stato diagnosticato un cancro, Gesù di Nazareth agita la mano e cura tutti loro in pochi secondi.  

Ora sta minacciando i profitti di molte società, per non parlare del potere del governo, che appoggia il monopolio della chemio-radioterapia chirurgica fino in fondo. 

Quindi viene arrestato. È messo sotto processo. Decide di difendersi senza un avvocato. Dice alla corte che curare il cancro non è un crimine.  

Gli oggetti del procuratore giudiziario. “Vostro Onore”, dice, “se quest’uomo abbia guarito o meno il cancro è fuori questione. Non ha la licenza per praticare la medicina. Questo è il motivo per cui siamo qui oggi. Stiamo semplicemente stabilendo che a) stava praticando la medicina e b) non ha una licenza rilasciata dal governo. Questo è lo scopo di questo procedimento.” 

Il giudice è d’accordo. Il verdetto è emesso. Colpevole.  

Naturalmente, su un altro fronte, i principali media, che dipendono per la loro esistenza dalla pubblicità farmaceutica, prendono la palla e corrono con essa. Le reti e i giornali più importanti cercano “esperti”, che affermano con enfasi che ciò che Gesù di Nazareth “ha eseguito” nello stadio è stato semplice ipnotismo. E’ stato un effetto placebo. Qualunque improvvisa “remissione” possa essersi verificata sono solo temporanee. Tragicamente, i cancri torneranno.  

Non solo, queste 50.000 persone sono state distratte e allontanate dalla ricerca di “cure reali da veri medici”. Con la chemio, con le radiazioni, con la chirurgia, avrebbero avuto la possibilità di sopravvivere e vivere una lunga vita normale.

Altri esperti del settore dei media inviano questa bandiera: “Molti dei presenti nello stadio si sono aggrappati aspramente alla loro religione. Rifiutano di accettare la scienza. Stanno vivendo nel passato. Preferiscono la superstizione alle cure mediche reali. In realtà, stanno minacciando l’intera base dell’assistenza sanitaria, dal momento che altri americani confusi e illusi possono ora allontanarsi dai medici e cercare venditori di olio di serpente e predicatori per la guarigione”.  

Dai più alti posatoi del potere politico in questo paese, la parola passa tranquillamente ai media: non dare seguito a quelle persone che erano nello stadio; non cercare di rintracciarli; non compilare statistiche sui loro tassi di sopravvivenza; passare ad altre storie (distrazioni); lascia che questa follia si spenga.  

Ma tra i cittadini si diffonde una consapevolezza: il governo sta controllando la guarigione attraverso l’emissione di licenze. È così che il governo sta essenzialmente proteggendo una forma di “guarigione” e rendendola capace di diventare un cartello onnicomprensivo.

Quale sarebbe l’alternativa alle licenze?  

Contratti:

I contratti sono accordi stipulati da adulti consenzienti, che si assumono la responsabilità dei risultati. Nel caso della guarigione, un contratto dovrebbe specificare che le persone hanno il diritto di sbagliare.  

Diciamo che due adulti consenzienti, Jim e Frank, acconsentono a permettere a Frank di trattare Jim per la sua artrite con acqua da un pozzo sulla terra di Frank.  

I due uomini riconoscono che nessuna responsabilità sarà allegata al risultato. In altre parole, se Jim sta meglio o peggiora, nessuno sta facendo causa. Nessuno andrà al governo per la riparazione dei torti.  

L’acqua del pozzo può essere meravigliosa o potrebbe essere completamente inutile. Entrambi gli uomini capiscono e lo riconoscono. Ma affermano il diritto di provare il trattamento, perché sono liberi.  

Immediatamente la gente dice “Questo è ridicolo. L’acqua non può curare l’artrite. Frank sta tradendo Jim. Jim è una vittima. Ha bisogno di vedere un dottore. Ha bisogno di droghe per l’artrite.”  

No, Jim non deve fare nulla. Lui è libero. 

Per dirla in altro modo, Jim ha il diritto di avere ragione o torto. È una sua decisione, che va oltre lo scopo di ogni autorità.  

Se il governo cerca di rimuovere questo diritto da tutti noi, sta essenzialmente dicendo che sa cosa è corretto, sa cosa è vero, sa quello che ci serve e lo richiede, e ce lo darà anche se lo deve spingere giù per le nostre gole. Ti sembra una libertà per te?  

Se oggi Gesù di Nazareth vivesse negli Stati Uniti, e se andasse in giro a curare il cancro, sarebbe stato arrestato. Non sarebbe accusato di blasfemia o tradimento. Sarebbe stato accusato di qualcosa di molto più semplice e più banale: praticare la medicina senza una licenza.  

E sarebbe condannato e ostragizzato. 

Perché il governo, nel suo trono di corruzione, nella sua partnership con le multinazionali, vuole monopolizzare i suoi illegali interessi. 

Fonte:  https://jonrappoport.wordpress.com/

®wld

L’anarchia e il politicamente corretto

POLITICALLY CORRECT, BIO-VEGAN, M5S: MONOTEISMO-CHIESA, TUMORE DELLA RAGIONE.

Se non fosse per l’indicibile pregio storico della Ragione Laica, la Multiverse Theory di Stephen Hawking sarebbe stata bruciata dalla Chiesa Anglicana poche ore prima del rogo per disabili che avrebbe carbonizzato il più grande fisico inglese dopo Newton. E questa non è una battuta. Il Monoteismo, quello Cattolico qui da noi, è il carcinoma della Ragione. Lo fu, com’è noto, ma sarebbe rampante ancora oggi se l’umano non fosse stato capace di porgli un freno. Purtroppo però qui sta il subdolo dramma: il freno gli è stato posto, ma il carcinoma religioso della Ragione trova comunque la via per avvelenare molti aspetti centrali della vita laica, anche di quella più avanzata, e la tua.

Detto in equazione verbale: voi vivete da laici, ma siete fradici di Chiesa dentro, anche se spergiurate di no.

Ho già scritto come, ancora oggi, le regole Monoteiste cementino il concetto di amore di coppia nel Terzo Millennio, per centinaia di milioni di laici nell’era dell

TECH… tragico, si legga qui:
http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=2029

Quell’articolo vi sbatte in faccia il come nessuno si renda conto che anche l’ideologia amorosa più progressista di oggi sia in realtà inzuppata delle stesse identiche regole del Monoteismo di 33 secoli fa, alla faccia delle rivoluzioni Postmoderniste e Relativiste (in sé idiozie, ma ok), Sessuali, di Genere, dei Diritti, lungo le ultime decadi. No, calmi tutti, questa non sarà affatto una ‘pizza’ di trattato, anzi, poche righe, poi se ci arrivate bene, se no arrangiatevi.

Per capire quanto ancora il carcinoma religioso Monoteista avvelena a macchia tutti voi, prendete quello stesso miserabile schema del Monoteismo nell’amare moderno, e applicatelo ad altri tre macroscopici fenomeni laici del vivere contemporaneo in Italia: il Politically Correct, il Bio-Vegan, i 5S. E guardate come sono condotti, ovvero governati:

Non esiste in nessuno dei tre la benché minima traccia della Ragione, anzi: l’appello a essa conduce all’istante al rogo dello sfortunato.

Tu osi dire:

“Le evidenze dai Paesi africani di oggi ci dicono che, in effetti, esiste un problema di ‘negritudine’. Questo impone un drastico ripensamento di alcuni dei maggiori caposaldi progressisti degli ultimi 50 anni…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi del Politically Correct. Monoteismo.

“Le evidenze degli ultimi 50 anni di emancipazione femminile nell’Occidente industrializzato non sono, in effetti, proprio esaltanti sulle presunte doti intellettuali, gestionali, di compassione, di contrasto alla violenza o di superiorità come Genere, delle donne. Anzi, c’è da preoccuparsi. Questo va assolutamente discusso…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi del Politically Correct. Monoteismo.

“I meridionali d’Italia ricalcano in buona parte il problema africano… E’ sempre esistito un problema di ‘terronismo’ che in ampie quote si rifiuta ostinatamente di emanciparsi e che di fatto forma il terreno di pascolo, e attivo sostegno, delle Mafie…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi del Politically Correct. Monoteismo.

“Siamo travolti dalle prove che in effetti ¾ delle coppie intenzionate ad avere figli – in assenza di un obbligo legislativo alla formazione genitoriale pre-parto – andrebbero sterilizzate per legge, vista l’agghiacciante ignoranza emotiva, intellettuale, politica in cui sta gente alleva figli come fossero animaletti, e visti i permanenti danni che poi gli infliggono. Questi danni sono disumani e socialmente devastanti. In questo ambito l’incoscienza della donna è preminente, per ovvi motivi…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi del Politically Correct. Monoteismo.

“La classe storica degli insegnanti, per tutte le generazioni da secoli fino a oggi, e la Scuola stessa, andrebbero processati per Crimini Contro l’Umanità presso un apposito neo-Tribunale di Norimberga, visto che sono storicamente deputati all’annientamento cerebrale di ogni singolo umano entro gli 8 anni; quindi alla sterilizzazione spietata dell’autostima, capacità critiche e attivismo-libero pensiero di miliardi di cittadini, con le orripilanti conseguenze che oggi notiamo in questa umanità occidentale disastrosamente apatica e vile. Oggi il 90% degli insegnanti ancora perpetra la tradizione infame…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi del Politically Correct. Monoteismo.

Tu osi dire:

“Non esistono ancora evidenze scientifiche definitive a sostegno del fatto che un’alimentazione Bio-Vegana porti a un calo significativo della curva di mortalità per tumore e malattie cardiovascolari. Ogni evidenza, finora, è solo aneddotica e carente di metodo scientifico. Inoltre è noto che alcune specifiche muffe tipiche dei vegetali hanno proprietà cancerogene, quindi una dieta interamente vegetariana comporta rischi…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi della setta Naturasì, al grido di “porco bieco sostenitore delle multinazionali e prezzolato dalla lobby della chemioterapia”. Monoteismo.

“E’ ovvio anche a un topo che il Biologico – inteso come sano e naturale – è una fregnaccia nel 99% delle coltivazioni. Chiunque conosca le basi della meteorologia e della fisica sa che gli inquinanti peggiori non sono nei metodi di coltivazione, ma nelle particelle (et nanop.) da inquinamento, incluse anche quelle cosmiche, che pervadono l’atmosfera, quindi impossibili da eliminare…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi della setta Naturasì, al grido di “porco bieco sostenitore delle multinazionali e prezzolato dalla lobby della chemioterapia”. Monoteismo.

“Stanno crescendo le evidenze secondo cui la massificazione delle culture di frutta, cereali e vegetali per il consumo umano, alla fine porterebbe enormi danni all’Ambiente e ai poveri del mondo, e comporterebbe (nel primo ventennio) un uso infinitamente maggiore di idrocarburi. Insomma un disastro globale se divenissimo in gran maggioranza vegetariani, altro che ‘il Verde’…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi della setta Naturasì, al grido di “porco bieco sostenitore delle multinazionali e prezzolato dalla lobby della chemioterapia”. Monoteismo.

O anche solo: “Ok, tutto quello che volete, ma sta roba Bio-Vegana fa schifo. Sticazzi che con la roba Bio-Vegana si mangia meglio che con la fiorentina alla brace, il salamino, la frutta trattata, il soffritto al burro e il Parmigiano Reggiano…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi della setta Naturasì, al grido di “porco bieco sostenitore delle multinazionali e prezzolato dalla lobby della chemioterapia”. Monoteismo.

Tu osi dire:

“Il M5S è un partito-azienda scandalosamente alla luce del sole per via dei fatti incontrovertibili della sua fondazione, delle attività della famiglia Casaleggio, delle alleanze ai vertici del Potere italiano e internazionale che ha formato, ed è un partito-azienda molto più subdolo e quindi pericoloso di Forza Italia, perché spacciato per ‘I gggiòvani puliti’. E’ condotto con leggi interne da Santa Inquisizione, che non compaiono in nessun partito politico del pianeta, usa i metodi del peggior condizionamento neurolinguistico e marketing del consenso di massa, per decerebrare centinaia di migliaia di membri dritti dentro una replica perfetta dell’obnubilazione mentale fanatica dei Testimoni di Geova. Mostra alla luce di 7 Soli la totale incompetenza dei suoi vertici in politica, essendo essi stati appositamente pescati fra i ragazzetti italiani più malleabili di sempre (per il motivo detto sopra), e questa è una mina nella pancia di un’Italia già di per sé disperatamente arretrata e incompetente. Ha stravinto al Sud dove, ci fu detto per decenni dai massimi politologi italiani e dai media, regna incontrastato il voto di scambio mafioso/camorrista. Ma guarda caso ora che sono loro a prendere vagonate di quei voti, adesso sbraitano al ‘Miracolo del Sud’, ma và? Proprio adesso, di colpo, ma dai?…” – Vieni istantaneamente arso sul rogo degli isterismi, altari, Gran Sacerdoti e Tavole delle Leggi della setta Pentastellata nazionale al grido di “porco bieco sostenitore dello status quo, prezzolato dal Sistema e dalle lobby demo-piddine”. Monoteismo.

La cosa descritta è non solo alla luce del sole che splende sul Re più nudo del secolo, ma è purtroppo un fenomeno bieco. Di fatto il Monoteismo delle Tavole delle Leggi, delle punizioni e dell’ostracismo letale religioso, ovvero il nemico mortale della Libera Ricerca, ancora infetta la maggioranza di voi progressisti, donne libere, laicissimi amanti e politicanti. Ed esso è il carcinoma della Ragione, contro cui solo pochi isolati individui ancora combattono, sepolti dalla veemenza dei Gran Sacerdoti e dall’indifferenza delle masse. “La Chiesa avvelena anche te, digli di smettere”.

Dedicato a Stephen Hawking, a cui tutti dobbiamo un’immensità.

http://paolobarnard.info/

******************************

Ex diplomatico brittannico crede che l’anarchismo sia l’unica alternativa ai corrotti governanti  by Alanna Ketler

February 21, 2018 from Collective-Evolution Website

  “Una volta ero un diplomatico britannico, ora sono un anarchico”. Carne Ross

Questa è una dichiarazione piuttosto potente, e le probabilità sono che pensi che quest’uomo l’abbia completamente perso.

Il termine “anarchia” è stato in qualche modo confuso con il caos completo e totale, senza ordine, senza pace, senza struttura e essenzialmente distruzione.

In realtà, questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. In breve, l’anarchia significa autogoverno

Questo è affidarsi a noi stessi e ai nostri sistemi di guida interni su ciò che funziona, ciò che non fa e, in sostanza, lasciare che la nostra bussola morale determini ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Che ci crediate o no, intrinsecamente, molti di noi lo sanno …

L’anarchismo è definito come
“Una dottrina che esorta l’abolizione del governo o della moderazione del governo come condizione indispensabile per la piena libertà sociale e politica”.

Molti di noi credono che senza il governo saremmo completamente persi, incapaci e incapaci di prenderci cura di noi stessi, ma quelli che si considerano anarchici credono il contrario.

Sentono che il governo è semplicemente un sistema di controllo che avvantaggia solo quelli in cima e mantiene il resto di noi api operaie compiacenti che mantengono in vita questo sistema.

Non c’è da meravigliarsi se un così brutto nome è stato dato all’anarchia e al suo movimento, minaccia il nostro sistema attuale e, più specificamente, quelli in cima alla piramide.

Recentemente, l’ex diplomatico britannico Carne Ross è stato presentato su BBC Newsnight per condividere i suoi pensieri sul perché l’anarchia è la risposta ai nostri attuali problemi politici.

Guarda il video:

Come afferma Ross nel video, l’anarchismo è una semplice idea basata sui principi secondo cui nessuno dovrebbe avere potere su un altro e la gente dovrebbe governarsi da sé.

Ci sono alcune culture in tutto il mondo in cui i concetti di anarchismo vengono implementati e dimostrato di avere successo.

Non dovremmo avere un ripensamento?

Voglio dire, pensaci:

  • In sostanza rinunciamo a tutti i nostri pensieri, opinioni, desideri, idee personali nelle mani di alcune persone potenti che si definiscono “governo”.
  • Siamo stati condizionati a credere che abbiamo davvero voce in capitolo perché possiamo votare per i nostri “leader”.

Sfortunatamente, queste persone sono spesso influenzate dalle corporazioni e quindi non hanno il nostro miglior interesse in mente.

In sostanza, a causa del lobbismo le grandi aziende sono in realtà quelle che chiamano i colpi, questo è molto comune negli Stati Uniti d’America, ma accade anche in molti (molti) altri paesi in tutto il mondo.

Un bell’esempio è delle guerre combattute

se il pubblico ha voce in capitolo su queste cose, credi davvero che queste guerre continueranno per tutto il tempo che avranno? Probabilmente no, perché i motivi per inserirli in primo luogo, che è più spesso che non fare con il petrolio , non sarebbero preoccupanti, perché ancora una volta non sarebbero le corporation a chiamare i colpi, ma i cittadini della terra che sinceramente si preoccupano per il benessere dell’umanità.

Che ci crediate o no, le persone in realtà vogliono aiutarsi a vicenda e nei casi in cui il governo è collassato, abbiamo visto le persone che si uniscono per collaborare e affrontare le questioni in questione.

Il concetto di anarchismo è molto profondo e realisticamente c’è molto di più.

Ma per ora, per iniziare, possiamo prendere il consiglio dato da Ross e iniziare ad avere voce in capitolo nelle decisioni che stanno avendo un impatto sulle nostre vite quotidianamente …

http://www.bibliotecapleyades.net/

®wld