Archivi tag: Golfo Pesrico

Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare

 

La guerra programmata contro l’Iran 

In realtà, la guerra contro l’Iran è già in corso da un po’ di tempo, almeno dal 1953, quando un colpo di stato della CIA contro il governo legalmente eletto di Mohammed Mosaddegh portò al potere il dittatore spietato, Mohammad Reza Pahlavi, che a sua volta fu rovesciato da una rivolta popolare nel 1979.  

Naturalmente, il gioco allora, come ora, ruotava attorno al fatto che l’Iran si trova in cima a una vasta riserva di petrolio. Oggi più che mai, l’USA ambisce alle riserve petrolifere iraniane. La ragione fondamentale è piuttosto semplice: il potere e l’influenza globali dell’impero USA sono radicati nella sua emissione e nell’uso globale del petro-dollaro, così chiamato perché basato sul petrolio e sul commercio globale di petrolio, e anche secondariamente in altri prodotti, beni e servizi, molti dei quali sono anche direttamente o indirettamente petroliferi o dipendenti: automobili, plastica, aerei / aviazione, trasporti pubblici, prodotti agricoli, fertilizzanti, ecc.  

Il problema per gli USA è che sempre più nazioni stanno abbandonando il petro-dollaro nel commercio internazionale, relegando sempre più il petro-dollaro all’irrilevanza, o almeno molto meno alla rilevanza, in modo tale che il suo status come valuta di riserva globale viene definitivamente e nettamente messo in questione.  

Ad esempio, tre settimane fa, la Cina e la Russia hanno firmato un accordo per sviluppare il commercio bilaterale nelle rispettive valute nazionali, il rublo e lo yuan, aggirando efficacemente il dollaro. Dato che esistono già accordi per diverse centinaia di miliardi di dollari di esportazioni di petrolio dalla Russia verso la Cina, questo non è un passo insignificante.

 

E due settimane fa, i funzionari della Russia e dell’Unione europea (UE) hanno annunciato che vogliono “estendere rapidamente” l’uso dell’euro e del rublo nei pagamenti tra la Russia e l’UE, eliminando efficacemente il petro-dollaro dal loro commercio bilaterale.  

La scritta è sul muro. Il petro-dollaro è destinato a un rapido, rapido declino. Cina, Russia, UE: questi sono i maggiori poteri globali.  

Il potere dell’Impero USA è basato sull’uso globale del petro-dollaro. Se il globo abbandona il petro-dollaro, allora l’intero edificio fasullo e folle del controllo globale imperiale basato sul petro-dollaro arriverà a crollare. Quel giorno è duro per l’USA e la sua élite al potere lo sa.  

Questo è assolutamente un fattore enorme nelle continue pressioni politiche, diplomatiche, economiche e militari contro il Venezuela e l’Iran, che si trovano in cima a due delle più grandi riserve di petrolio conosciute sul pianeta.  

Un sistema basato sul petro-dollaro che non ha petrolio da vendere e/o commerciare, che non ha petrolio che controlla, è priva di significato, una contraddizione in termini. È semplicemente una nota storica nell’economia politica globale, niente di più. Di qui le manovre aggressive contro il Venezuela e l’Iran, l’obiettivo trasparente è quello di acquisire la proprietà diretta, o almeno il controllo indiretto, sui loro rispettivi enormi giacimenti di petrolio, per assicurarsi che siano venduti e scambiati sul mercato globale in petrodollari.  

Il mezzo secolo di dominazione globale dei petro-dollari sta rapidamente volgendo al termine. l’USA si sta rapidamente costringendo a una situazione in cui dovrà usare la sua vasta macchina militare per imporre la supremazia globale dei petrodollari, o rischiare di vedere il crollo dei petrolieri e bruciare, mentre il mondo abbandona sempre più il petro-dollaro nel commercio internazionale. Mentre gli oggetti di scena sono cacciati da sotto il petro-dollaro, l’enorme, multi-trilione di dollari, la casa di carte finanziaria eretta sul valore e (presunto) dominio globale del petro-dollaro arriverà a precipitare, e velocemente.  

Siamo a quel punto adesso. La supremazia degli USA sta per finire. Può finire in pace, con una resa dignitosa degli USA alle nuove realtà globali; o può finire in modo iper-violento, se l’USA decide di attaccare militarmente, di imporre la sua volontà schiacciando la forza marziale su altre nazioni.  

Sembra che gli USA abbiano scelto la seconda opzione, la rotta della forza militare. Nelle scorse settimane abbiamo visto una piccola ondata di attacchi contro petroliere nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman. Gli israeliani sono i più probabili colpevoli di questi attacchi con false bandiere, che sono stati erroneamente imputati all’Iran.  

Attacchi di bandiera falsa sono stati usati per secoli per provocare guerre, a volte molto grandi ed estremamente rovinose.   

Si veda ad esempio il seguente elenco di punteggi di attacchi con false flag che sono stati impiegati o programmati nel corso dei secoli:

Leggi QUESTO prima di tifare per la prossima guerra
https://www.zerohedge.com/news/2019-06-21/read-cheering-next-war  

Nulla mi sorprenderebbe di meno in questo frangente di vedere un flagrante, famigerato attacco a bandiera falsa, progettato per oltraggiare il sentimento pubblico e accendere le fiamme della guerra contro l’Iran. Questo sembra essere il modo in cui gli eventi attuali sono di tendenza, e sia Israele che gli USA hanno una storia deprecabile di impiegare attacchi con bandiere false per promuovere i loro obiettivi politici.  

Come succede, Donald Trump si è metodicamente circondato di criminali di guerra e guerrafondai; sono i suoi incaricati personali. Il modo in cui soffia il vento geo-politico-economico-diplomatico-militare sembra certamente che gli USA abbiano optato per la guerra.   

A questo punto, l’Impero non mostra segni di morte tranquillamente o pacificamente. Ha una macchina da guerra globale e sembra che intenda usarla. A parte l’intervento benevolo e divino, gli USA mostrano ogni indicazione di perseguire una guerra contro l’Iran, con l’amo o con la truffa (e anche potenzialmente contro il Venezuela, la Russia – che ha anche enormi riserve di petrolio, Cina, Corea del Nord e altro).   

Questa è una follia. L’inferno sulla terra giace lungo il percorso che l’USA sembra determinato a perseguire.  

Se gli USA persiste nella sua follia, la traiettoria geo-politico-economica-diplomatica-militare che è attualmente in corso non può, e assolutamente non lo farà, finire bene.  

Donald Trump ha annunciato un paio di giorni fa che ha interrotto un imminente attacco militare contro l’Iran, perché uno dei suoi generali gli ha detto che probabilmente 150 iraniani sarebbero stati uccisi.  

Traduzione: uno dei suoi generali, forse il generale Joseph Francis Dunford, Jr., il presidente dei capi di stato maggiore, gli disse che se fosse stato attaccato, l’Iran avrebbe combattuto ferocemente e che le perdite dell’USA sarebbero ammontate a circa 150.000 soldati il teatro medio-orientale-centro-asiatico-indiano, così come la perdita di forse $ 100 miliardi o più in materiale militare come navi, aerei, elicotteri, munizioni, magazzini, camion, carri armati, artiglieria, missili, basi militari e porti militari. In altre parole, un attacco contro l’Iran comporterebbe tremende perdite di rappresaglia che supererebbero di gran lunga qualsiasi cosa nella storia militare degli USA. Ciò farebbe sembrare Chancellorsville e Antietam come i picnic della scuola domenicale.  

Dopo aver visto come l’USA e la NATO hanno ridotto e devastato l’Iraq, l’Afghanistan, la Libia, la Siria, l’ex Jugoslavia, il Vietnam negli anni ’60 e ’70 e la Corea negli anni ’50, gli iraniani andranno sicuramente in difesa della loro gente, della cultura e territorio nazionale.   

I leader militari e politici iraniani hanno ripetutamente, chiaramente e pubblicamente annunciato la loro determinazione ad annientare tutte le forze e le basi USA nella regione, se vengono attaccate. Hanno anche chiarito abbondantemente che livelleranno Tel Aviv e Haifa in Israele.   

Bisogna comprendere che l’Iran può fare tutto ciò con i missili balistici e le munizioni convenzionali; le armi nucleari non sono nemmeno necessarie. Il pubblico non apprezza il potere delle moderne armi termobariche, i cui effetti sono orribilmente incredibili e che possono estendersi su aree relativamente grandi. Dieci grandi testate termobariche consegnate a Diego Garcia, per esempio, avrebbero causato l’inferno sacro e avrebbero potuto effettivamente mettere fuori gioco la base. Gli iraniani possono farlo? Non ci scommetterei contro.   

Hanno certamente missili che possono far fuori qualsiasi gruppo di battaglia nella portaerei nel Golfo Persico e nella regione del Golfo di Oman, o in qualsiasi base militare USA entro 1.000 miglia dal territorio iraniano.   

Conosco tutto questo e non sono nemmeno un militare. In breve, se l’USA dovesse andare in guerra contro l’Iran, potrebbe aspettarsi la mortalità di massa del personale militare USA e molti miliardi di dollari in perdite nel materiale militare USA, proprio il primo giorno del conflitto.  

Sì, tu dici, ma cosa succede se gli israeliani o gli USA usano le armi nucleari contro le città iraniane? In tal caso, puoi aspettarti che le città israeliane e statunitensi sarebbero oggetto di distruzione.  

Certo, ti ricongiungerai, ma cosa succederebbe se gli israeliani o gli USA distruggessero le strutture nucleari iraniane? Allo stesso modo, aspettiamo che l’inferno nucleare venga in Israele e negli Stati Uniti.

La politica più sana, di gran lunga, sarebbe quella di non attaccare l’Iran e di rimuovere le sanzioni economiche che il regime di Trump ha imposto all’Iran.  

Tuttavia, Donald Trump ha annunciato che domani, il 24 giugno 2019, gli USA imporrà sanzioni economiche ancora più restrittive sull’Iran.  

Come ho detto sopra, se l’attuale traiettoria politica del regime di Trump rimane invariata, allora la situazione non può, e non andrà, finire bene. Non per l’Iran, non per Israele e certamente non per gli USA.   

Se fossi in una posizione politica influente, Consiglierei la pace; ma io non lo sono, e i guerrafondai che occupano quelle posizioni di potere sono un inferno piegato alla guerra. Pertanto, se nulla cambia, la guerra potrebbe essere il risultato.

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/

®wld

Eridu è stata la prima città sulla Terra

 

ERIDU si dice che sia la prima e la più antica città sumera e la capitale del primo periodo dinastico. Secondo la tradizione sumera, la città fondata e appartenuta al dio Enki, il dio della saggezza.

Secondo la lista dei Re Sumeriprima della Grande Alluvione, Eridu è stata la prima città sulla Terra,

Secondo i re dei Sumeri, Eridu era la prima città al mondo. La riga di apertura recita:

“[Nam] -lugal an-ta èd-dè-a-ba 

[eri] du ki nam-lugal-la ”  

“Quando la regalità sciese dal cielo, 

la regalità era in Eridu. “

Eridu (Coordinate: 30° 48’57.02 “N 45° 59’45.85” E) era un’antica città nel sud della Mesopotamia, 24 chilometri a sud di Ur, nell’attuale sito archeologico di Tell Abu Shahrein. Eridu, anche traslitterato come Eridug, potrebbe significare “luogo potente” o “luogo di orientamento” secondo gli studiosi dicono che questo sito archeologico è di grande importanza.

Alla sua fondazione, era molto probabile che si trovasse a pochi passi dal Golfo Persico; tuttavia, attualmente, a causa dell’accumulo di limo sul litorale nel corso dei millenni, i resti di Eridu sono ora a una certa distanza dal golfo di Abu Shahrain, in Iraq.

Alcuni studiosi sostengono che nell’antica epoca sumera Eridu era legato all’estuario per mezzo di canali e secondo l’epopea babilonese, era la prima città creata nel mondo.

Come notato dalla mitologia sumera, l’antica città di Eridu era UNA DELLE CINQUE città antiche costruite sulla Terra prima del grande diluvio.

Eridu era la città più meridionale del conglomerato della Mesopotamia e importante centro del culto per il Dio dell’acqua, Enki.

Nel luglio 2016, l’UNESCO ha scelto il sito archeologico di Eridu come Patrimonio dell’Umanità Mista, come “parte dei resti archeologici degli insediamenti sumeri nella Bassa Mesopotamia, che prosperarono tra il terzo e il quarto millennio a.C. nel delta formato dal Fiume Eufrate e Fiume Tigri.”

Come notato dall’antica tradizione sumera, così come dalla lista dei re sumeri, Eridu era la più antica delle città della Mesopotamia, nella cui posizione il dio Marduk aveva creato il mondo.

Gli archeologi hanno dimostrato, attraverso la ricerca del ventesimo secolo, che i livelli inferiori della città (livello XIX) risalgono almeno al 4900 a.C., all’inizio del periodo di El Obeid. Il mainstream di studiosi suggeriscono che la città fu fondata nel 54° secolo a.C. 

L’egittologo David Rohl ha ipotizzato che Eridu, potrebbe essere stata l’originale Babele e il sito della mitica Torre di Babele, piuttosto che la successiva città di Babilonia. (Credito dell’immagine: Shutterstock.) 

In questa prima fase, i resti ceramici mostrano un ruolo significativo di Eridu nella regione

Verso il 3800 a.C. (livello VI) la città aveva un importante tempio e un cimitero da cui sono state scoperte mille tombe. 

Verso l’anno 2500 a.C., durante l’arcaico periodo dinastico, un sovrano, forse della prima dinastia di Ur, costruì un grande palazzo ad Eridu, e alla fine del III millennio a.C., durante il regno di Amar-Sin, un grande ziggurat fu costruito nella città, che rimase un importante centro religioso nell’impero della terza dinastia di Ur. 

Secondo la lista dei re sumerici, i primi “mitologici” re, i successori del regno dei cieli, sono quelli di Eridu. 

La lista dei re continua:

In Eridu, Alulim divenne re; regnò per 28800 anni. Alalngar governò per 36000 anni. 2 re; hanno governato per 64800 anni. Poi Eridu cadde e la regalità fu portata a Bad-Tibira.

L’elenco dei re sumeri descrive in un dettaglio senza precedenti un tempo in cui il mondo era governato per migliaia di anni da esseri chiamati “dei”. Questo è uno dei motivi principali per cui il mainstream di studiosi suggeriscono che la lista dei re sumeri è una miscela di resoconti preistorici e mitologici e che quei governanti che vivevano in regni non plausibili non erano reali e facevano parte dell’antico folklore.

Il mainstream di studiosi considerano l’età in cui un governante presumibilmente governava il popolo come riflesso della sua importanza. Più anni regnava un re, più era importante. Tuttavia, questo è molto discusso tra molti autori.

In tempi antichi, questa città era uno degli insediamenti più importanti, e il nucleo urbano di Eridu era il tempio di Enki, chiamato Casa della falda acquifera. 

di  Ivan

Fonte:  https://www.ancient-code.com/ 

Traduzione e adattamento: NinGish.Zid.Da  

Articoli in correlazione:

L’origine divina della regalità 

I segreti di Enki  

NU.DIM.MUD – Colui che modella le cose  

Il Crollo della Civiltà Sumero/Accadica 

L’IRA DI “ERRA”

I segreti di Enki

I segreti di Enki, il creatore della civiltà umana 

Enki (“En” Signore, “ki” Terra) o EA (“E” Tempio, “A” Acqua) è uno dei tre più importanti dèi della cultura mesopotamica. È il dio della saggezza, signore della magia, della costruzione, delle arti, del design e della creazione.

Enki è stato interpretato come il Signore della Terra; Era il fratellastro del dio Enlil e figlio di Anu.

La sua unica missione era creare uomini e incoraggiare altre divinità a credere in loro. Enki era anche il patrono originario della città antica di Eridu, e la sua influenza si diffuse in tutta la storia e tutta la Mesopotamia e verso i cananei, gli hittiti e anche gli ugarit.

È interessante notare che Enki è stato associato alla fascia meridionale delle costellazioni chiamate le stelle di EA, ma anche con la costellazione AŠ-IKU- Pegasus, una costellazione nel cielo settentrionale.

Qualche volta durante il secondo millennio EA, Enki fu menzionato per iscritto dall’ideogramma numerico “40”, chiamato anche il suo “numero sacro”.

Enki è il creatore dell’umanità – secondo quello che viene detto nella leggenda epica Accadica dell’Atrahasis – solo per lo scopo di liberare gli dèi dal loro lavoro. Enki usava un esistente, un ominide che lui (geneticamente?) ha manipolato e altri per rendere l’uomo capace di comprendere e soddisfare le esigenze degli dèi.

Inoltre è stato considerato il salvatore dell’umanità da quando ha avvisato Ziusudra (Noè) dal Diluvvio Universale.

Il Diluvio Universale è stato portato all’umanità da Enlil, il “Signore del Cielo (aria o atmosfera)”.

Enki, il Dio Creatore dell’umanità.

Prima dell’assemblea divina, apparentemente preoccupata per l’eccessiva proliferazione della razza umana e il loro comportamento sconfortante, Enlil propose di porre fine all’umanità.

Enlil riuscì a convincere il resto degli dèi, riuniti in assemblea, per autorizzare lo sterminio dell’Umanità.

Questa leggenda probabilmente ha dato luogo al successivo racconto biblico di Noè e del Diluvio Universale.

Era il maestro plasmatore della terra, dio della saggezza e di tutta la magia, Enki fu descritto come il signore dell’abzu (Apsu in Accadico), il mare d’acqua dolce o acque sotterranee situate all’interno della terra – dove scorrono “acque primordiali”.

Egli è anche il creatore dell’apkallu (ab-gal-lu “grande uomo pesce” in Sumero) che durante il giorno insegnava a tutti gli uomini e di notte si ritiravano in fondo al mare.

Enki era il custode dei poteri divini chiamati Io, i doni della civiltà . Credito di immagine

È interessante notare che Enki è stato considerato il custode dei poteri divini chiamati Me, i doni della civiltà. L’immagine di Enki erano dei serpenti incrociati a doppia elica o il Caduceo, talvolta confuso con l’Asta di Asclepio usato per simboleggiare la medicina.

Enki ha creato i primi sette uomini saggi o “Abgallu” (Ab = acqua, Gal = grande, Lu = Uomo), noto anche come Adapa usando il sangue del Kingu ucciso.

Adapa, il primo uomo creato e modellato, vive e lavora come consulente del re di Eridu, e nella lista dei re sumerici, fino a quando (attraverso “Me”) la “regalità” discese su Eridu”

Il tempio principale di Enki è stato chiamato E-abzu, che significa “tempio di abzu“. Era un tempio a forma di piramide a gradoni (Ziggurat)  circondato da paludi create dal fiume Eufrate nei pressi dell’antica costa del Golfo Persico nell’antica città di Eridu.

È considerato il primo tempio noto per essere stato costruito nel sud dell’Iraq.

Quattro scavi archeologici separati nel sito di Eridu hanno dimostrato l’esistenza di un santuario risalente al primo periodo Ubaid, più di 6.500 anni fa. Si ritiene che nei successivi 4.500 anni, il tempio fu ampliato 18 volte, finché non fu abbandonato durante il periodo persiano.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.da 

 

Articoli correlati:

NU.DIM.MUD – Colui che modella le cose

L’origine divina della regalità

Il Crollo della Civiltà Sumero/Accadica

Tiamat la Roccia della Genesi

“L’astronomia nell’Enuma Elish”

L’Eldorado degli Anunnaki

Il Nuovo Mondo Postdiluviano

Quando gli Anunnaki, guidati da Ea/Enki, discesero sulla terra per estrarre l’oro necessario a proteggere l’atmosfera del loro pianeta (e in questo caso mi vengono in mente gli scempi fatti nei nostri cieli con la geo-ingegneria), per proteggere l’atmosfera del loro pianeta, avevano programmato di estrarlo dalle acque del Golfo Persico.

Quando Enki si rese conto delle quantità estratte, si rese subito conto che non era a sufficienza, allora, ha spostato le operazioni di estrazione nell’Africa Sudorientale dando il via alla fusione e raffinazione del nobile metallo, questo avvenne nell’E.DIN, la futura Sumer.

Da cinquanta Anunnaki scesi sulla Terra all’inizio, aumento fino a seicento, gli altri Igigi rimasero in orbita a bordo delle navicelle che fungevano da “traghetto”, facendo spola dalla Terra a Marte, da dove era più facile raggiungere il loro pianeta Nibiru.

Il fratellastro di Enki, “Enlil”, rivale nella successione al comando, gli venne affidato da Anu (suo padre) il comando delle operazioni. Oltre all’antagonismo dei due fratellastri per la supremazia sulla Terra, si è inserito un altro elemento di destabilizzazione, l’ammutinamento degli estrattori dell’oro Anunnaki.

Enki, luminare scienziato in biologia e genetica, suggerì di creare un “Lavoratore Primitivo”; questo progetto venne portato a termine elevando geneticamente un ominide, già presente sulla terra. Nella “Genesi 6” fa riferimento a questo incredibile avvenimento con queste parole: <<videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero>>. Questo fatto, contro il volere di Enlil e Anu, fu disatteso proprio da Enki e suo figlio Marduk primogenito.

Enlil, disgustato da questo tabù infranto dal fratellastro Enki, sapeva che il passaggio di Nibiru avrebbe causato una catastrofe sulla Terra e che sarebbe stata inondata da un Diluvio senza precedenti; fu in quella occasione che decise di non rivelare agli umani quello che stava succedendo e infuriato disse: << Che i Terrestri periscano per i loro abomini >>.

Enki il genetista del genere umano, non voleva vedere la sua opera perire e, così mando a monte il piano del fratellastro (da notare come la storia e le rivalità si ripetano tra fratellastri; chi ha letto la Bibbia, saprà che Ismaele fu il primogenito di Abramo ma non della stessa madre Sarai, pertanto il fratellastro primogenito in successione ereditaria era Isacco figlio diretto di madre e padre), incaricando Noè (Utnapishtin/Ziusudra) di salvare il genere umano e altre forme di vita biologica.

L’umanità sopravvisse, proliferò e, con il trascorrere del tempo, le venne concessa la civiltà.

Il disastro del Diluvio spazzo letteralmente gran parte della terra, inondando anche le miniere d’oro in Africa, le acque impetuose portarono alla luce una grande vena del prezioso metallo nelle Ande, in Sud America, consentendo agli Anunnaki di estrarre con facilità maggiore quantità d’oro, senza più bisogno di fonderlo e raffinarlo.

L’oro del giacimento alluvionale – pepite di oro purissimo – rotolava giù sui fianchi della montagna: bisognava solo setacciarlo e raccoglierlo. Questa agevolazione ha consentito anche la riduzione di Anunnaki sul nostro pianeta.

Anu, (il sovrano di Nibiru) fece visita alla terra intorno al 4000 a.C. Anu e Antu sua moglie (madre di Enlil ma non di Enki), si recarono nel paese dove fu scoperto l’oro dopo il Diluvio sulle sponde del lago Titicaca e contestualmente venne ridotto il numero di Nibiruani sulla terra.

Questa visita dei sovrani di Nibiru fu anche l’occasione di rappacificare i due fratelli rivali, sancendo così la pace tra i due clan. Ma mentre Enki ed Enlil accettarono di buon grado le divisioni territoriali sancite dall’accordo, Marduk (il primogenito di Enki) non rinunciò mai alla lotta per la supremazia sulla Terra, che includeva anche gli antichi siti legati allo spazio prima del Diluvio.

Fu allora che gli Enliliti iniziarono a costruire porti spaziali alternativi in Sud america. Quando, nel 2024 a.C., il porto spaziale antidiluviano nel Sinai venne annientato dall’olocausto nucleare (vedi “Guerre Atomiche al tempo degli Dei“) le istallazioni in Sud America rimasero le uniche nelle mani degli Enliliti.

E così, quando i leader Anunnaki, frustrati e disgustati decisero che era tempo di lasciare il pianeta Terra, alcuni poterono usare il Luogo dell’Atterraggio; altri, forse portandosi dietro un ultimo grande carico d’oro, dovettero usare i porti spaziali del, Sud America nei pressi del luogo in cui avevano soggiornato Anu e Antu durante la loro visita.

Come citato in precedenza il luogo – ora chiamato – Puma Punku – si trova a poca distanza dal lago Titicaca (che si estende fra Perù e Bolivia). Il livello di questo lago si è ridotto, quindi, nell’antichità, Puma Punku – con le sue attrezzature portuali – si trovava proprio sulla costa meridionale del lago.

I suoi resti più importanti sono composti da quattro strutture collassate, ciascuna formata da un singolo masso gigantesco, (vedi immagine sotto). Inizialmente ciascuna di queste serie di camere era completamente rivestita di lamine d’oro, tenute in posa da chiodi anch’essi d’oro: un tesoro di grande valore saccheggiato dagli Spagnoli allorché giunsero in quelle terre nel XVI secolo.

Resta il mistero di come furono ricavate dalla pietra queste abitazioni, che mostrano tagli e incisioni così perfetti e, di come furono portate fin lì quattro rocce enormi. Ma i misteri non finiscono qui. I reperti archeologici venuti alla luce in questo sito, includono anche un numero considerevole di blocchi di pietra, tagliati, scanalati, angolati, ai quali è stata data una forma ben precisa, (vedi immagine sotto).

Non c’è bisogno di una laurea in ingegneria per rendersi conto che queste pietre sono state tagliate, perforate e modellate da qualcuno in possesso di eccezionale know-how tecnico e attrezzature sofisticate; a dire il vero ci chiediamo se sia possibile oggi eseguire queste stesse lavorazioni. 

Puma Punku

La questione si complica quando ci si domanda a cosa servissero e il mistero della finalità di queste meraviglie tecnologiche: avevano una funzione che ci rimane oscura, tuttavia estremamente sofisticata. Se servivano come stampi per costruire strumenti complessi, quali erano – e a chi appartenevano?

Il primo pensiero corre senza dubbio agli Anunnaki: solo loro possedevano la tecnologia necessaria per fare questi “stampi” e per usarli o per usarne i prodotti finiti. La base degli Anunnaki si trovava ad alcuni chilometri all’interno del paese, in un sito conosciuto come Tiwanaku (in precedenza Tiahuanaku), che fa parte della Bolivia.

Il Trilithon di Baalbek 1200 tonnellate

Uno dei primi europei a raggiungerlo nel secolo scorso George Squier che, nel suo libro Perù  Illustrated, descrisse il luogo come la “BaaLbek del Nuovo mondo” – un paragone più appropriato e calzante di quanto non immaginasse.

Prosa tratta dalla mie letture: “Il Giorno degli Dei”  dello scomparso Zacharia Sitchin 

https://ningishzidda.altervista.org/