Crea sito

Farmaci accumulati in fonti d’acqua dolce in tutto il mondo

 

I prodotti farmaceutici stanno distruggendo gli ecosistemi di acqua dolce 

da: Tracey Watson
(Natural News

Le aziende farmaceutiche hanno certamente avuto un impatto enorme sul benessere degli esseri umani attraverso lo sviluppo di farmaci che in alcuni casi hanno letteralmente significato la differenza tra la vita e la morte.

Ciò nonostante, l’eredità di giganti farmaceutici come Pfizer, GlaxoSmithKline, Eli Lilly e altri è stata contaminata da accuse di collusione e sovraccarico e molti dei farmaci che hanno sviluppato causano gravi effetti collaterali. Anche la crisi degli oppioidi negli Stati Uniti è stata in gran parte alimentata da produttori di farmaci senza scrupoli che si preoccupano più dei profitti che della protezione dei pazienti vulnerabili.

Una nuova ricerca indica che i farmaci stanno causando ingenti danni anche in altre aree. Come riportato da Science Daily, gli studi hanno rivelato che i farmaci si sono accumulati in fonti d’acqua dolce in tutto il mondo, raggiungendo livelli che stanno provocando gravi danni ambientali e aumentando il problema dei superbatteri resistenti agli antibiotici.

L’ultimo studio per esaminare l’impatto dei prodotti farmaceutici sull’ambiente è stato condotto da ricercatori dell’Università di Radboud e pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

Concentrazioni di prodotti farmaceutici in acqua dolce in continuo aumento

Come spiegato da Harvard Health, noi consumatori siamo la causa principale delle droghe che finiscono nei laghi, fiumi e torrenti d’acqua dolce. Gran parte delle droghe è inutilizzata – alcune stime arrivano al 50% – e molte di queste vengono scaricate nel water. Le case di cura hanno un record particolarmente negativo di scartare i farmaci inutilizzati in questo modo.

Gli impianti di produzione di droga sono anche responsabili di enormi quantità di droghe che entrano in fonti di acqua dolce. Harvard ha riportato:

[A] Lo studio US Geological Survey ha rilevato livelli di contaminazione a valle di due impianti di produzione di stupefacenti nello Stato di New York che erano da 10 a 1.000 volte più alti rispetto a quelli di strutture comparabili in tutto il paese.

E l’agricoltura è un’altra enorme fonte di contaminazione:

I due miliardi di chili di rifiuti animali generati dalle operazioni su larga scala di pollame e bestiame in questo paese sono intrecciati con ormoni e antibiotici somministrati agli animali per farli crescere più velocemente e per evitare che si ammalino. Inevitabilmente, alcuni di quegli ormoni e antibiotici filtrano nelle falde acquifere o entrano nei corsi d’acqua.

Effetti ambientali della contaminazione da droghe di acqua dolce

Gli scienziati sono consapevoli da tempo che i prodotti farmaceutici si accumulano in fonti d’acqua dolce a un ritmo allarmante. Tuttavia, come osservato dall’autore principale dello studio della Radboud University , Rik Oldenkamp, ​​i dati sono molto più disponibili per aree come i fiumi in Europa che per altri paesi. I ricercatori hanno quindi sviluppato un modello che consentisse loro di raccogliere informazioni per i paesi di tutto il mondo.

L’abstract dello studio spiega come i ricercatori hanno sviluppato il loro modello e poi esaminato l’impatto di due farmaci molto comunemente prescritti: carbamazepina, un farmaco antiepilettico e ciprofloxacina, un antibiotico comunemente prescritto:

Innanzitutto, abbiamo previsto un consumo pro capite specifico per paese e per anno con un modello di regressione. In secondo luogo, abbiamo calcolato le concentrazioni di acqua dolce spazialmente esplicite tramite una combinazione di modelli di bilancio di massa, affrontando il destino del farmaceutico rispettivamente negli esseri umani, negli impianti di trattamento delle acque reflue e nell’ambiente. Infine, abbiamo suddiviso le concentrazioni di acqua dolce a livello di singole ecoregioni di acqua dolce con il valore limite normativo derivato dai test di tossicità per raggiungere un AR [rischio acquatico] specifico per l’ecoregione .

Il team ha scoperto che i rischi ambientali causati da questi farmaci erano tra 10 e 20 volte più alti nel 2015 rispetto al 1995. L’antibiotico ciprofloxacina è risultato particolarmente dannoso.

Queste più alte concentrazioni di farmaci danneggiano i batteri che sono essenziali per diversi cicli di nutrienti. Gli antibiotici nell’acqua interferiscono anche con l’efficacia delle colonie di batteri comunemente usate nel trattamento delle acque reflue.

Particolarmente preoccupante è il fatto che gli antibiotici in acqua dolce potrebbero accelerare l’aumento già catastrofico della resistenza antimicrobica che sta creando superbatteri intrattabili.

Naturalmente, mentre i prodotti farmaceutici continuano a essere un business da molti miliardi di dollari – la più grande azienda del pianeta, infatti – ci sono pochissime possibilità che i livelli di prodotti farmaceutici nelle nostre fonti di acqua dolce comincino a diminuire in qualunque momento.

Scopri di più su SuperBugs.news

Le fonti includono:  

ScienceDaily.com  

IOPScience.IOP.org  

BBC.com  

Health.Harvard.edu  

Fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

Il termine Organico non piace agli algoritmi di Google

Google ha appena cancellato i siti Web di salute naturale dai risultati di ricerca; Whistleblower spiega come e perché

Di Sayer Ji, GreenMedInfo

All’inizio di questo mese, in un devastante colpo di algoritmo, Google ha rimosso molti dei migliori siti Web di salute naturale e salute dai risultati di ricerca organici, alcuni dei quali hanno perso il 90% del loro traffico. In effetti, il termine “organico” non dovrebbe più essere usato per descrivere il traffico di riferimento di Google, come rivela un’indagine sotto copertura sbalorditiva di Project Veritas: Google manipola surrettiziamente i risultati di ricerca e gli auto-suggerimenti per conformarsi a un insieme molto specifico di sociopolitici e programmi economici intesi a manipolare le elezioni e promuovere interessi privati.

Viviamo in tempi incredibili, anche se intensi, pieni di oscurità e luce incredibile.

Ma grazie al potere di Internet, abbiamo un livello di libertà di informazione mai apprezzato prima da nessuna generazione precedente sulla Terra – e quell’informazione è il sangue della vita degli ideali democratici, e l’ingrediente necessario per il consenso informato e la libertà di salute, i nostri principali patrocini

Ma cosa succede quando i custodi dei contenuti che attraversano questa incredibile invenzione, come Facebook e Pinterest, censurano e mettono al bando l’ombra di determinati utenti o contenuti, o la loro capacità di inviarti messaggi tramite piattaforme di provider di servizi email come MailChimp, come abbiamo recentemente sperimentato su GreenMedInfo.com? Dove andiamo allora per informarci?

Perché non saltare il filtro dei social media e la censura della piattaforma di posta elettronica e tornare a usare Google, potresti chiedere. Non sono forse l’archetipo e l’oracolo moderno dell’equità, essendo diventati sinonimo di ricerca e di risposte oggettive.

Dopotutto, non ti aspetteresti che se tu avessi digitato la ricerca sulla curcuma, GreenMedInfo.com comparirebbe sulla prima pagina, dato che abbiamo la più grande risorsa di accesso aperto al mondo sull’argomento che cura oltre 2.700 studi peer-reviewed rilevanti per oltre 800 malattie, sull’argomento? Mentre alcuni anni fa il nostro traffico di ricerca stava crescendo, oggi è come se non esistessimo più su Internet (a meno che non ci cerchi specificamente per nome).

Invece, oggi, trovi i risultati della prima pagina su Google su turmerico come: “La Curcuma che dopo tutto potrebbe non essere una miracolosa spezia” da Time.com, o “Curcuma: usi, effetti collaterali, interazioni, dosaggio e avvertenza” da WebMD.com, che trascurano gran parte delle ricerche che abbiamo raccolto e fanno suonare la curcuma come se fosse solo un altro farmaco che devi prendere con molta attenzione.

Apparentemente, questo è interamente dal design! Il 3 giugno, infatti, Google ha implementato il suo ultimo cambiamento dell’algoritmo di base, che ha cancellato i risultati della ricerca organica per la maggior parte dei migliori siti nel settore della difesa della libertà naturale per la salute e il benessere. Siti come DrAxe.com, Kellybroganmd.com (le statistiche raffigurate nell’immagine sotto) e Naturalnews.com hanno visto la maggior parte del loro traffico rimosso durante la notte.

Mercola.com, forse la hit più pesante di tutti, ha rotto la storia nel suo rapporto in due parti: “Google seppellisce Mercola nel loro ultimo aggiornamento sui motori di ricerca, parte 1 e 2 .

Mercola.com è stata una fonte di informazioni che denunciano la collusione di Big Pharma e Big Tech per decenni, quindi non sorprende il fatto che Google intraprenda questa azione contro la sua piattaforma e simili. In effetti, i segnali della prossima epurazione sono arrivati ​​nel 2016, quando GlaxoSmithKline ha firmato un contratto da 715 milioni di dollari per collaborare con Google. Google, a quanto pare, è diventata un’operazione pay-to-play e contiene una specifica agenda sociopolitica ed economica che è integrata direttamente nei suoi algoritmi di ricerca.

Sorprendentemente, lo stesso giorno del rapporto di Mercola, il 24 giugno, un reporter investigativo di nome James O ‘Keefe, fondatore di Project Veritas, ha pubblicato un video in incognito di un dirigente di Google e un informatore di Google, rivelando come l’azienda sta manipolando i risultati della ricerca per influenzare indebitamente le elezioni, ma come stanno applicando una narrativa di tipo orwelliano alle autosuggestions, ai risultati di ricerca e al feed degli aggregatori di notizie di Google utilizzati ogni giorno da miliardi. Questo è un video da guardare assolutamente, ed è stato rimosso quasi immediatamente da YouTube (vedi immagine sopra ndr: proprietà di Google), a ulteriore conferma di quanto male non volessero che le informazioni arrivassero.

Sorprendentemente, i tempi di questo video non potrebbero essere peggiori per Google. Come riportato dal Wall Street Journal il 24 giugno, il Dipartimento di Giustizia sta preparando una causa antitrust contro Google. Inoltre, il 19 giugno, il senatore Josh Hawley (R-MO) ha introdotto la legge del Senato del 1914, “Una legge per emendare il Decency Act sulle comunicazioni per incoraggiare i fornitori di servizi informatici interattivi a fornire moderazione dei contenuti politicamente neutrale”, che priverebbe la Big Tech le società dell’immunità attualmente godono di cause per il tipo di manipolazione politica del video di Project Veritas sopra esposto.

Fino a quando Google non sarà ritenuta responsabile delle proprie azioni e ci sarà una riforma del settore, sarà difficile aggirare il loro dominio completo (Gmail, Google, YouTube, Google Calendar, Google Documenti, ecc.) A meno che non troveremo piattaforme migliori, protetti dalla privacy. E ce ne sono alcuni di cui forse non avete sentito parlare, tra cui le alternative del browser Internet a Google Chrome, come Brave Browser e Opera, motori di ricerca come Startpage.com, duckduckgo.com o ecosia.org e programmi di posta elettronica come protonmail. com. Puoi anche utilizzare l’app per le comunicazioni Signal, che fornisce un livello di crittografia che potrebbe essere il migliore in circolazione.

Infine, questa newsletter è una delle uniche linee di vita che le persone dovranno ricevere i nostri contenuti in futuro. E ti incoraggiamo vivamente a condividerlo con gli altri. Possono registrarsi qui e ricevere il nostro regalo più ricco di informazioni, una guida di rimedi naturali di oltre 500 pagine interamente supportata da una scienza peer-reviewed. È davvero una risorsa inestimabile e siamo felici di darlo via per sostenere i nostri lettori riprendendo il controllo della loro salute. Scaricalo qui. Inoltre, se non sei ancora un membro, per favore considera di diventarlo oggi.

ADDENDUM: PROVA L’IPOTESI CHE GOOGLE STA MANIPOLANDO I LORO RISULTATI

Per confermare che le accuse di O ‘Keefe nei confronti di Google sono corrette e che sono impegnate a manipolare i suggerimenti automatici dei termini di ricerca, ho digitato Google “Vaccini causa …” per vedere quali risultati avrebbe recuperato. Questo è il risultato:

Per accertare quale sia il volume di ricerca effettivo per il termine in questione, siamo passati a un altro prodotto Google chiamato Google Trend che consente di vedere il volume e ciò che le persone stanno cercando, nel tempo. Quindi, abbiamo confrontato le ricerche: “I vaccini causano adulti” con “I vaccini causano l’autismo”. Vedrai la profonda disparità di volume tra i due, a favore di quest’ultimo.

Puoi visitare la ricerca delle tendenze di Google e vedere di persona qui.

Chiaramente, questo dimostra con i dati di Google che stanno rimuovendo intenzionalmente determinati suggerimenti automatici dalla loro ricerca per nascondere la verità su ciò che le persone stanno effettivamente cercando. Ciò conferma anche l’ipotesi che stiano censurando siti critici dei vaccini o che mettono in discussione la sicurezza del vaccino; vale a dire, la salute naturale e la libertà di salute che promuovono siti web come il nostro.

Fonte: https://www.activistpost.com/

Articoli correlati:

Curcuma/Curcumina e altre 1700 sostanze Naturali

Il Potere Divino della FDA nella cura delle malattie

®wld

Il Vaso di Pandora squarciato dal velo della falsità

  

La conferenza non s’ha da fare! 

Di Marcello Pamio

«La Verità ti fa male lo sai» cantava Caterina Caselli

La Verità infatti dà molto fastidio al Sistema, per il semplice fatto che rende gli uomini liberi! 

Per questo motivo si allunga la lista dei «boicottatori di regime» che vorrebbero veder saltare la conferenza stampa di domani 24 gennaio alla Camera dei Deputati, organizzata dal Corvelva.

Oltre Beatrice Lorenzin e all’attuale ministro della salute Giulia Grillo si è aggiunta in queste ore anche la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli ordini dei medici, la tristemente nota “casta delle caste”.

La Lorenzin, rea di aver presentato una legge scandalosamente a vantaggio delle lobbies farmaceutiche, invece di nascondersi su qualche asteroide nella fascia tra Marte e Giove se ne esce con le sue solite sparate: «Non esiste una controparte per chi genera fakenews».

Lei di minchiate infatti se ne intende eccome… 

Secondo la Grillo invece mancherebbe la controparte, non capendo o facendo finta di non capire, che si tratta di una conferenza stampa e non di un congresso internazionale. Se poi teniamo conto che alle loro conferenze non sono mai state invitate le cosiddette controparti, l’ipocrisia da manifesta diventa surreale. Peccato per la Grillo perché ha perso l’occasione di salutare il dottor Ivan Catalano che conosce bene, in quanto lei come medico era membro della Commissione Parlamentare Uranio Impoverito della quale Catalano era vicepresidente.

Il dottor Filippo Anelli come presidente Fnomceo, invece, manifesta «la preoccupazione del mondo medico per la diffusione di informazioni scarsamente attendibili». Secondo lui la prestigiosa sede potrebbe generare prevedibili equivoci sulla sua validità scientifica e istituzionale.

Dov’erano il dottor Anelli, la dottoressa Grillo e la liceale Lorenzin il 9 ottobre scorso quando nella Sala degli Atti Parlamentari della Biblioteca del Senato si è svolta una conferenza internazionale dal titolo «Global Health: l’Italia driver di best practice» organizzata in collaborazione con la mitica GlaxoSmithKline? 

Forse per gli utili-ipocriti una conferenza organizzata da una associazione come il Corvelva è preoccupante per la validità sia scientifica che istituzionale, mentre una conferenza sulla salute sponsorizzata, quindi pagata, dalla GSK, il primo produttore al mondo di vaccini, è seria e attendibile?

Polemiche su polemiche, post su post e lettere su lettere per tentare di rimettere il coperchio sul Vaso di Pandora, ma ogni assurdo e disperato tentativo non fa altro che aprirlo squarciando il velo di falsità.

In tutto questo bailamme politico e mediatico, nessuna delle istituzioni e degli enti sovranazionali (Aifa, Ema, ecc.) ha tirato fuori e pubblicato gli studi di sicurezza dei vaccini. Come mai? 

Strano perché il cancan finirebbe in un attimo, e non servirebbero neppure conferenze stampa o congressi…

Chi ha orecchie per intendere, intenda, a tutti gli altri ricordo che «la Verità è figlia del tempo», quindi preparate le valigie…

Fonte: https://disinformazione.it/  

®wld

Alla decenza non c’è più alcun limite

Congresso Glaxo nella biblioteca del Senato

Autore marceellopamio

Pubblicato 11ottobre 2018

Marcello Pamio

Pensavo ad una fake.

Non trovavo nessuna fonte, per così dire ufficiale (oltre al sito formiche.net, nome tutto un programma) che lo confermasse. Proprio per fugare ogni dubbio ho scritto più volte, ovviamente inutilmente, alla segreteria della Biblioteca del Senato, ma forse i parassiti pagati da noi avevano cose più importanti che rispondere, come andare a fare la spesa al mercato.

Ma purtroppo è accaduto: il 9 ottobre si è tenuto alla Biblioteca del Senato, «Sala degli Atti Parlamentari» a Roma, la conferenza internazionale dal titolo: «Global Health: l’Italia driver di best practice» («Salute globale: l’Italia è la migliore guida nella pratica»).

L’iniziativa è organizzata da «Formiche» in collaborazione con GSK, la tristemente nota

GlaxoSmithKline.
Scopo dell’incontro: sottolineare il ruolo strategico che ha l’Italia sui temi di salute globale, scontato dire in ambito vaccinale!

Ospiti prestigiosiTra gli ospiti il professor David Salisbury, Associate Fellow Global Health Security presso nientepopodimeno che la famosa «Chatham House» del RIIA (Royal Institute of International Affairs) di Londra.

Pochissimi avranno mai sentito nominare Chatam House e ancor meno il RIIA, ma si tratta del nucleo centrale del controllo globale. Esattamente come il CFR (Coucil on Foreign Relations) è il governo ombra statunitense, così il RIIA è il governo ombra di Sua Maestà.

Se sono arrivati a scomodare simili pezzi da novanta, il significato è uno solo: l’affaire “vaccini” è per loro importantissimo. Non a caso, per dare il massimo dell’autorevolezza sono andati a farlo all’interno delle Istituzioni pubbliche: il Senato.

I lavori dovevano essere aperti dal presidente della Commissione Igiene e Sanità al Senato, Pierpaolo Sileri, ma nel suo sito ha smentito immediatamente la sua partecipazione.

Mentre era presente Emanuela Del Re, del ministero degli Affari Esteri, Michele Geraci sottosegretario allo sviluppo economico, Roberto Arditti direttore editoriale di Formiche, Greg French, ambasciatore d’Australia a Roma, Rino Rappuoli (Chief Scientist & Head of External Research and Development di GSK Vaccines), cioè un ricercatore di punta della GSK, e non poteva mancare l’immarcescibile Walter Ricciardi, direttore dell’Istituto Superiore di Sanità (Member of The Executive Board presso la World Health Organization) e Allan Saul (direttore GSK Vaccines Institute for Global Health).[1]

Merita una citazione a parte l’ex attore Walter Ricciardi, il quale, forse immedesimandosi un po’ troppo nel pinocchietto toscano, ha fatto una tristissima uscita. Ha dichiarato che «nelle democrazie sono i cittadini che esprimono i governi, ma dobbiamo tenere presente che l’80% della popolazione non conosce un’altra lingua, non viaggia, e non sa». Poi la stoccata al governo: «chi ha questo approccio esprime persone che hanno questo approccio».

Infine nell’ambito vaccinale ha detto che sono loro (cioè gli scienziati, la Scienza quella non democratica) che devono far conoscere la realtà, e come? Cambiando lo storytelling perché «sulle persone a razionalità limitata quello attuale non basta»[2]. Chiaro? Per l’ex collega di Mario Merola, l’80% degli italiani sono persone a razionalità limitata, cioè un branco di mentecatti ignoranti che ha votato dei politici dello stesso livello evolutivo.

Capiamoci: questo è il Direttore della salute degli italiani! 

Conclusione

Un congresso della GSK tenuto nelle sale del Senato, in un momento storico delicatissimo come quello attuale è un segnale scandalosamente deprimente.
Oramai alla decenza non c’è più alcun limite: d’altronde dovremmo essere temprati, visto che negli ultimi anni abbiamo assistito alle cose più indicibili per un paese che si professa democratico.

Il 7 ottobre 2014, il più grande statista delle ultime due Repubbliche, al secolo Matteo Renzi, ha invitato a Palazzo Chigi nientepopodimenoché i big della farmaceutica, per l’esattezza i CEO di Bayer, Bristol-Meyer, Squibb, Eli Lilly, Glaxo, Johnson & Johnson, Merck, Novartis e Roche.
Il 7 giugno 2017 alla conferenza stampa in cui è stato ufficializzato il decreto-legge Lorenzin poi convertito nella legge 119, ha parlato e presentato il Piano vaccinale il dottor Raniero Guerra, «Direttore generale della Prevenzione sanitaria».

Peccato che Guerra è stato Consigliere d’Amministrazione della «Fondazione Glaxo-Smith Kline»…

[1] https://formiche.net/gallerie/global-health-senato-foto-pizzi/

[2] «Pur di attaccare la Lega sui migranti, Ricciardi si rimangia l’allarme salute», Francesco Bonazzi, La Verità, 11 ottobre 2018

Fonte:  https://disinformazione.it/

®wld

Il peso del parlmento europeo sulle vaccinazioni

La UE annuncia piani per affrontare “l’esitazione al vaccino” con finanziamenti da Big Pharma 

di The World Mercury Project Team

I residenti dell’Unione europea (UE) hanno meno fiducia nella sicurezza dei vaccini rispetto alle persone in qualsiasi altra regione del mondo. Dal punto di vista della potente industria farmaceutica e dei suoi politici acquistati, questo crescente scetticismo sull’ortodossia dei vaccini non può consentire di guadagnare ulteriore slancio. Ignorando le massicce proteste dei cittadini e delle autorità municipali, i governi di Francia, Italia e altre nazioni dell’UE hanno iniziato a mettere in atto metodicamente e paternalisticamente nuove leggi sui vaccini che cercano di cancellare qualsiasi capacità residua per i cittadini di pesare informazioni sui rischi e prendere decisioni sui vaccini.

E ora, il Parlamento europeo (l’organo legislativo della UE) ha gettato il suo considerevole peso nella mischia per promuovere il coordinamento a livello UE delle politiche e dei programmi di vaccinazione. Non contenti di lasciare che la politica di vaccinazione rimanga “una competenza delle autorità nazionali”, la commissione parlamentare per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ha adottato una risoluzione nel marzo 2018 per promuovere politiche più rigorose sia all’interno che all’esterno dell’UE. obiettivo, la Commissione europea (il braccio esecutivo della UE) presenterà, nel 2018, un’azione comune per aumentare la copertura vaccinale e affrontare “l’esitazione nei vaccini”.

Una domanda che si potrebbe legittimamente porre in cambio, tuttavia, è se le massicce pressioni esercitate dall’industria farmaceutica abbiano reso i parlamentari incapaci di imparzialità”.

Secondo un commento alla risoluzione sul British Medical Journal (BMJ), i membri del Parlamento europeo non sono disposti a opporsi a qualsiasi dissenso, definendo i vaccini autorizzati come sicuri e respingendo le informazioni contrarie come “inaffidabili, fuorvianti e non scientifiche”. Uno potrebbe legittimamente rappresentare in cambio, tuttavia, è se le massicce pressioni esercitate dall’industria farmaceutica abbiano reso i parlamentari incapaci di imparzialità.

Spaventati da pharma 

Molti osservatori della politica europea sui vaccini concordano con EURACTIV, una rete mediatica paneuropea indipendente, che ha recentemente osservato, “Big Pharma sta spingendo la sua società civile e rivali senza scopo di lucro in termini di pressioni, accesso e influenza presso … le istituzioni dell’UE. “Ogni anno, la goffa Federazione europea delle industrie e associazioni farmaceutiche (EFPIA) e la sua sussidiaria associazione commerciale Vaccines Europe spendono milioni di euro e tengono centinaia di incontri a porte chiuse con membri della Commissione europea per raggiungere quello che un gruppo di cani da guardia caratterizza come “Posizione influente nel processo decisionale relativo alle politiche farmaceutiche della UE”. L’adesione all’EFPIA si legge come un “chi e coa sono” i più grandi e potenti produttori di vaccini, tra cui GlaxoSmithKline, Sanofi, Pfizer, AstraZeneca, Eli Lilly e altri.

Il registro per la trasparenza dell’UE, un “sistema volontario di registrazione per le entità che cercano di influenzare direttamente o indirettamente il processo decisionale dell’UE”, riferisce annualmente circa 40 milioni di euro in spese di lobby farmaceutica. Tuttavia, una società di marketing e consulenza aziendale stima che l’importo effettivo speso ogni anno dall’industria farmaceutica in attività di lobby è più vicino a circa 90 milioni di euro. Una parte considerevole di questi fondi finanzia i lobbisti a tempo pieno che possono spingere le priorità del settore e assicurare incontri ad alto livello e “a livello di unità” con i decisori e gli operatori a Bruxelles. La maggior parte di questi incontri si svolgono “fuori dalla vista e al di là del controllo”. Il passaggio 55-a-1 della risoluzione sulla politica di vaccinazione del comitato del Parlamento europeo (con solo tre astenuti) suggerisce che questi sforzi di lobbying hanno avuto un successo clamoroso.

Un’industria multimiliardaria 

L’Innovative Medicines Initiative (IMI) fornisce un’altra illustrazione dell’influenza eccessiva dell’industria farmaceutica sui responsabili politici e decisionali europei. L’IMI, che è il più grande partenariato pubblico-privato in Europa, è una joint venture tra l’UE e l’EFPIA che apparentemente mira a “accelerare lo sviluppo di farmaci migliori e più sicuri”. Tuttavia, i rapporti investigativi indicano che “i miliardi già investiti dalla UE nell’IMI è stata effettivamente un enorme sussidio per il settore [farmaceutico] piuttosto che una spinta per la ricerca medica. “Qual è la conclusione più ampia che questi giornalisti traggono da questo esempio?

“Questa acquisizione di finanziamenti UE da parte dell’industria farmaceutica riflette una ripresa parallela della narrativa sulla politica sanitaria della UE, in base alla quale le intenzioni e le motivazioni del settore sono in gran parte indiscusse dai politici” (enfasi aggiunta).

Dissuadere il dissenso mentre si trascurano i problemi di sicurezza

In definitiva, la risoluzione top-down del Parlamento europeo cerca di centralizzare la politica di vaccinazione e di ridurre la capacità dei singoli membri della UE di creare politiche indipendenti, come il Parlamento svedese ha scelto di fare quando ha contrastato la tendenza generale e ha votato per la vaccinazione obbligatoria nel 2017. Del tutto assente dal dibattito ci sono parlamentari abbastanza coraggiosi da parlare agli “inganni statistici” che l’industria del vaccino usa abitualmente per mascherare importanti problemi di sicurezza. Fortunatamente, alcuni membri della comunità scientifica sono ancora disposti a esprimere le domande che devono essere poste e almeno un giornale – The BMJ – è stato disposto a resistere alle pressioni della censura e pubblicare alcune di quelle domande vitali.

La questione vaccinale è familiare ai cittadini degli Stati Uniti, dove le esenzioni religiose e filosofiche alla vaccinazione sono minacciate in quasi tutti i 50 stati. Tre stati – West Virginia, Mississippi e California – ammettono solo esenzioni dal vaccino medico, che secondo quanto riferito sono difficili da ottenere perché i funzionari sanitari sottopongono i dottori a un controllo indebito. Non c’è dubbio che i sostenitori della sicurezza dei vaccini negli Stati Uniti presteranno molta attenzione a ciò che sta traspirando con la politica di vaccinazione europea.

Nella seconda parte, World Mercury Project esaminerà una serie di commenti che il British Medical Journal (BMJ) ha pubblicato in risposta al suo articolo sulla risoluzione di vaccinazione del Parlamento europeo.

Fonte: http://www.collective-evolution.com/

®wld