Archivi tag: geoingegneria

Vedere oltre i cieli geo-ingegnerizzati

 

Wow! Il Sistema Binario del Pianeta X / Nibiru colpirà la Terra nel 2018, Guarda al di là degli specchi e dalle lenti tecniche. Guarda i segni:

Spesso, gli umani preferiscono avere la risposta facile. La risposta soffice e bugiarda che non danneggerà la nostra illusa prospettiva sul mondo. Ma come molti stanno cominciando a capire, il mondo non è come sembra. La Terra sta cambiando. La natura è squilibrata. Il clima sta cambiando e il cambiamento e il ritmo dei grandi eventi si sono intensificati enormemente, così come la manipolazione meteorologica dell’umanità. I nostri cieli vengono spruzzati con prodotti chimici a base di metalli pesanti quasi quotidianamente, gli animali e gli alberi periscono, ma pochi, se non nessuno, nella società dominante se ne accorge,  cercano delle risposte e un motivo sulla verità. 

Ecco un punto di vista alternativo. Causa ed effetto. E’ Assurdo lo so! Qualcosa sta cambiando il nostro pianeta. La TV vuole che tu abbia programmato di credere che i mangiatori inutili, ebbene sì! Noi umani, stanno causando i cambiamenti drammatici visti in tutto il mondo. Certamente il genere umano ha trattato la terra come una propria lettiera personale da quasi due secoli, e la leadership della nostra specie mostra questo piano tutti i giorni. La società si sta rapidamente avvicinando alla data limite del consumismo alimentato dal debito. Non possiamo continuare a inquinare l’acqua, il suolo e l’aria senza ripercussioni nette sulla nostra salute e longevità. Le vite americane sono già in declino. La terra deve essere rispettata se la nostra specie deve sopravvivere su di essa. Ma questa è una logica semplice e ampiamente tabù nei circoli aziendali. 

Cambiare il clima: 

Emigrate While You Still Can! Learn More… 

I terremoti sono aumentati drasticamente dagli anni ’90, come mostra chiaramente la tabella qui sotto, 

 

Gli umani possono causare terremoti con tecnologia e fracking per l’estrazione del gas naturale, tuttavia, la tendenza al rialzo è abbastanza drammatica da suggerire che un fattore esterno sta causando l’impennata dei terremoti globali. Agenzie come USGS sono state prese di volta in volta per censurare le inferme dei terremoti, ridurre i terremoti, cambiare la sismicità e i terremoti sottovalutati in tutto il mondo. È una coincidenza o vogliono coprire l’aumento dell’attività globale dei terremoti?

https://www.nbcbayarea.com/news/local/USGS-M68-Earthquake-Alert-430017183.html  

http://www.thedailysheeple.com/scientific-fraud-why-is-the-usgs-failing-to-report-certain-earthquakes-on-the-west-coast_032016  

Proprio la scorsa settimana ci sono stati potenti terremoti di 7,6 fuori dall’Honduras, 6,0 in Myanmar e oggi, 7,1 in Perù.

Sembra quasi che qualcosa stia influenzando la terra causando un aumento della sismicità. Cosa potrebbe causare un aumento dell’attività dei terremoti in tutto il pianeta

vulcani: 

Anche i vulcani stanno esplodendo a un ritmo senza precedenti, emettendo CO2 e inquinanti che negli anni precedenti hanno effettuato le traiettorie di volo e le condizioni meteorologiche causando evacuazioni di massa come abbiamo visto di recente a Bali, in Indonesia. Il monte Agung sta ancora eruttando e quasi ogni giorno esplode un altro vulcano emettendo fuoco. Oggi, Le Filippine sono allertate dal monte Mayon in piena eruzione e Papua Nuova Guineana fuoriesce una nuova eruzione.

https://www.usnews.com/news/world/articles/2018-01-13/ash-eruption-from-philippines-volcano-triggers-evacuation 

http://www.bbc.com/news/world-asia-42680235  

https://www.express.co.uk/news/world/903787/Bali-volcano-update-Mount-Agung-eruption-latest-news  

Cosa potrebbe scatenare i vulcani in tutto il mondo e causare il picco nella recente attività vulcanica? 

La tendenza al rialzo delle eruzioni vulcaniche non è ampiamente discussa in quanto questo tipo di cambiamento climatico non è definito dagli Umani. Non vogliono che le persone colleghino tutti i punti. Nonostante la mancanza di grafici aggiornati provenienti da fonti tradizionali, le eruzioni continuano ad aumentare. Diavolo, è quasi come se qualcosa di esterno stia influenzando il pianeta. La domanda a cui nessuno vuole rispondere è, che cosa potrebbe essere quel fattore esterno? Quale tipo di firma energetica / magnetica potrebbe influenzare la terra abbastanza da far esplodere così tanti vulcani? La corrente principale può essere desensibilizzata per l’eruzione di vulcani, per i villaggi che sono stati evacuati, per le montagne del Polo Sud che esplodono sotto il ghiaccio, ma la gente deve chiedersi perché? Perché i vulcani stanno eruttando ora? Cosa li sta influenzando? 

Perché? Questa è una domanda che non chiedono. Ma la risposta può essere applicata anche altrove. 

Perché gli animali muoiono a un ritmo senza precedenti? 

Nelle ultime settimane del 2018 il danno morale delle creature marine e degli animali è stato profondo. Qualcosa sta accadendo alla Terra, all’ambiente e proprio sotto i nostri piedi, e … il mainstream corrotto non vuole parlartene. 

Migliaia di stelle marine si riversano a terra nel Regno Unito http://strangesounds.org/2018/01/thousands-of-starfish-wash-up-on-portobello-beach-in-edinburgh-and-gibraltar-point-skegness-in- meno-che-un-settimana-e-che-colpa-forte-winds.html  

I pipistrelli muoiono in Australia http://www.telegraph.co.uk/news/2018/01/09/hundreds-flying-foxes-die-australia-searing-heatwave/  

I delfini si spiaggiano a riva in Brasile https://news.nationalgeographic.com/2018/01/gray-dolphins-dead-brazil-mystery-illness-spd/  

http://www.end-times-prophecy.org/animal-deaths-birds-fish-end-times.html  

Questa è solo la punta dell’iceberg quando si parla della quantità di morti che si verificano in tutto il mondo. Le cose si stanno intensificando a livello globale, sempre più creature stanno soccombendo al clima alterato, le ondate di calore, gli incendi, i cicloni bomba e gli oceani disossigenati. Gli umani potrebbero essere responsabili di tutti questi decessi? O c’è un altro fattore esterno, finora sconosciuto che potrebbe influenzare il pianeta e i suoi abitanti? 

E se quel fattore esterno fosse nello spazio? Vedremo aumentati tempeste su altri pianeti? Noteremmo cambiamenti al sistema solare? La risposta è probabile sì, e i cambiamenti li stiamo notando. Solo di recente le fantastiche immagini provenienti da Giove di epici sistemi di tempeste che attraversano il pianeta. Quello che non è mai stato chiesto è qual è la causa delle tempeste? 

Non è solo Giove, Marte ha subito enormi tempeste di polvere e condizioni imprevedibili per diversi anni. È come se qualcosa stesse influenzando anche il clima. 

Il mistero della Massiva polvere su Marte

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-4333218/The-mystery-massive-dust-storms-Mars-deepens.html 

Inoltre, perché quest’anno stanno chiamando epiche tempeste di polvere su Marte. Perché?

https://www.newscientist.com/article/mg23631565-000-mars-overdue-a-planetwide-dust-storm-that-could-harm-the-rovers/ 

Le tempeste giganti causano palpitazioni nel battito cardiaco di Saturno 

https://www.sciencedaily.com/releases/2017/12/171213120050.htm

Ricordate quell’enorme tempesta esagonale su Saturno l’anno scorso? 

Supponi che sia stato causato dal nulla o che un fattore esterno possa aver influenzato il clima di Saturno? 

Quindi, qualcosa sembra influenzare il clima di altri pianeti nel sistema solare, e ha causato enormi tempeste su Marte, Giove e Saturno negli ultimi mesi. Anche questa è colpa l’umanità? 

Segnali di avvertimento: 

Il mainstream non vuole approfondire troppo questo argomento tabù e scoprire la verità. Il mainstream si preoccupa solo quello che riguarda la distrazione, la programmazione e l’intrattenimento, ma anche così sono stati costretti a preparare la mandria umana per un anno difficile. 

Nel 2018, ci viene detto dagli esperti mainstream, di aspettarci: 

1) Un’ondata di enormi terremoti: (avvisandoci schiacciandoci l’occhio senza un motivo apparente) 

https://www.theguardian.com/world/2017/nov/18/2018-set-to-be-year-of-big-earthquakes 

http://time.com/5031607/earthquake-predictions-2018/ 

2) Un rallentamento della rotazione terrestre: (senza nessun motivo esterno continuando a farci l’occhiolino)

https://www.forbes.com/sites/trevornace/2017/11/20/earths-rotation-is-mysteriously-slowing-down-experts-predict-uptick-in-2018-earthquakes/

https://nypost.com/2017/11/21/earths-slowing-rotation-could-cause-huge-earthquakes-in-2018/ 

3) Una mini era glaciale (senza una ragione apparente) 

https://www.express.co.uk/news/science/897472/ice-age-global-warming-climate-change-solar-minimum 

https://globalnews.ca/news/3955038/danielle-smith-what-if-the-earth-is-actually-cooling/ 

4) Un aumento degli asteroidi che si avvicina alla Terra (senza u apparente motivo)

http://www.newsweek.com/record-breaking-2000-new-asteroids-approached-earth-2017-and-astronomers-769236

https://www.outerplaces.com/science/item/17472-potentially-hazardous-near-earth-asteroids-surge-2018 

5) Un aumento delle condizioni meteorologiche estreme

https://www.ctvnews.ca/canada/if-2017-weather-was-a-downer-you-ain-t-seen-nothing-yet-environmental-defence-1.3757008

http://www.bbc.com/news/world-australia-42657234 

6) Guerra / legge marziale (se noi contadini, persone normali, avessimo un nostro bunker privato, un posto per rifugiarci come questi bastardi dell’élite, con rifornimenti di acqua e viveri per anni, saremo anche disposti a sopportare il traffico all’aeroporto e sull’autostrada negli ultimi giorni del mondo. “Forse, il giro di vite e il coprifuoco significano solo una cosa, conflitto, ma significa anche che i nostri ricchi signori stanno correndo verso i loro nascondigli)

Il recente falso allarme hawaiano è probabilmente dovuto a uno scopo molto più profondo 

https://www.washingtonpost.com/news/politics/wp/2018/01/14/the-false-alarm-in-hawaii-revealed-an-abdication-of-leadership-by-trump/?utm_term=.d667a409a71c

La Marcia alla guerra: la massima distrazione da un paradigma implode 

http://www.newshub.co.nz/home/world/2018/01/us-now-closer-to-war-with-north-korea-former-us-general.html

7) Oceani che assurdamente s’innalzano, assurde alte e basse temperature  suggeriscono un’inclinazione o oscillazione 

http://strangesounds.org/2018/01/and-suddenly-the-sea-disappeared-ecuador-major-water-receding-in-santa-elena-frightens-fishermen.html

https://www.livescience.com/61328-ocean-bottom-is-sinking.html

https://globalnews.ca/news/3943105/king-tides-to-hit-vancouver-shores-starting-wednesday-bringing-high-water/ 

Quindi la rotazione della Terra sta rallentando, i terremoti aumenteranno drasticamente, il tempo continuerà a diventare più estremo e ci aspettiamo un avvicinamento degli asteroidi che si avvicinano pericolosamente alla Terra, una possibile mini glaciazione e questo è proprio quello che stanno predicendo! Notate anche che, nella maggior parte di questi articoli, non riescono a dare una ragione per tutto questo sta accadendo ora. Non rispondono mai alla semplice domanda del perché? Perché viene coinvolta la terra? Cosa è cambiato? Cosa potrebbe influenzare il sistema solare e l’ambiente

Non rispondere a quelle domande diaboliche. Basta incolpare l’umanità per tutto. Quel che è peggio, la metà delle specie compra bugie del genere dalla linea di aggancio dei media e dal sommerso.

Causa ed effetto. Forse è meglio non sapere, per molti ancora addormentati, certo! Ma per i negazionisti là fuori vi dico, guardate in alto. Perché questa civiltà sta correndo verso un muro, inquinando la madre terra e vivendo in modo così spericolato potrebbe essere perché alcune delle cabale elitiste conoscevano la nemesi, e il suo profetizzato ritorno al sistema solare per decenni e si sono preparate di conseguenza. 

Una volta che si potrà vedere oltre i cieli geo-ingegnerizzati e guardare i segni rivelatori del vero colpevole, è logico rispondere perché tutte queste cose stanno accadendo per una sola ragione, perchè è un Sistema Binario il Pianeta X / Nibiru.

Fonte: http://beforeitsnews.com 

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Almanacco di gennaio 2018

Il mondo della Geoingegneria Il gruppo ETC mappa le sperimentazioni sulla terra. 

Il gruppo ETC ha pubblicato una mappa mondiale sulla geoingegneria – la manipolazione del clima su larga scala.

Questa mappa rappresenta il primo tentativo di documentare l’espansione del raggio di ricerche e sperimentazioni.

Quasi 300 progetti/esperimenti rappresentati sulla mappa riguardano 10 differenti tipi di tecnologie in grado di alterare il clima.

Oltre alla mappa, al link etcgroup.org/content/world-geoengineering sono consultabili due tabelle di riferimento che forniscono informazioni addizionali su progetti, ricerche e sperimentazioni riportati sulla mappa.Continua QUI

******************

Lo zenzero e il rosmarino hanno trovato benefici per il cuore mantenendo livelli di colesterolo sani 

by  Natural News

Lo zenzero e il rosmarino possono aiutare il cuore e la salute delle arterie di una persona, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Traditional, Complementary and Alternative Medicine . La carta, dal titolo Possibile effetto ipocolesterolemizzante dell’olio di zenzero e rosmarino nei ratti , ha indicato che lo zenzero e il rosmarino hanno effetti di riduzione del colesterolo dopo studi in vivo su ratti che sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi.

L’ipercolesterolemia è la condizione di avere quantità eccessive di colesterolo nel corpo. Questo, a sua volta, può portare ad alterazioni nel trasporto delle lipoproteine ​​e nel metabolismo. Inoltre, avere un’alta quantità di colesterolo è un fattore di rischio per l’aterosclerosi, che genera la placca nelle arterie. Il colesterolo altera la struttura e la funzione vascolare di un corpo accumulandosi all’interno del rivestimento della parete vascolare, interrompendo così l’azione endoteliale, causando lesioni e occlusioni. Continua QUI

******************

“Siamo cyborg da molto tempo, e stiamo migliorando continuamente”  

Di Samuel Schlaefl

“In un futuro prossimo la persona convenzionale come noi oggi la conosciamo non giocherà più un ruolo importante”, sostiene Jürgen Schmidhuber.

Jürgen Schmidhuber è da molti considerato il padre dell’intelligenza artificiale moderna (IA). Sin dagli anni ‘90 conduce ricerche di base presso l’Istituto Dalle Molle di Studi sull’Intelligenza Artificiale (IDSIA) di Lugano. Oggi, il riconoscimento vocale e la traduzione basati su questa tecnologia funzionano su miliardi di smartphone. Schmidhuber è convinto che l’IA supererà presto l’intelligenza umana.

Swissinfo.ch: Continua a raccontare nelle interviste che vuole lavorare come scienziato fino a quando non avrà sviluppato una macchina più intelligente di lei. Da dove nasce questo sogno?

Jürgen Schmidhuber: Da ragazzo mi chiedevo come potevo massimizzare la mia influenza sul mondo. Quando ho capito che non ero molto intelligente, ho pensato che la soluzione fosse costruire una macchina che imparasse ad essere molto più intelligente di me e potesse così risolvere i problemi decisamente troppo difficili per il sottoscritto. Così il mio lavoro oggi è una naturale conseguenza di questa idea megalomaniacale e infantile. Continua QUI 

******************

LA VERA LOTTA E’ SOLO UMANA. GLI HACKERS SONO FALSARI, LADRI O BUFFONI.

di Paolo Barnard

Questo combattente ha cambiato la Storia, in meglio.

 

 

 Questi truffatori col cappuccio, no, eppure ci dissero che…

 

Edward Snowden ha fatto la cosa vecchia che ha sempre cambiato la Storia: ci ha messo la sua persona, col rischio di morire – ha avuto coraggio fino in fondo – ha rivelato al pubblico il marcio del Potere. Gli Hackers in 50 anni, e tutti messi assieme, non hanno saputo fare un millesimo di Snowden. Perché sono dei venduti, dei ladri o dei pagliacci, anche se nella fantasia popolare si sono dipinti come i Che Guevara col pc.

Please, welcome l’ovvio unito all’utile: EVIDENCE BASED HISTORY. La Storia raccontata dalle evidenze disponibili.

Le verità in Storia sono quasi impossibili da stabilire, ma quando le evidenze disponibili sono soverchianti, almeno possiamo decretare un indirizzo, o una scelta. E’ per questo motivo che descrivo gli Hackers come falsari nelle mani del Servizi, oppure banali ladri, o dei pagliacci, in diverse proporzioni. Lo dimostrano in modo eclatante le evidenze di cinque decadi. EVIDENCE BASED HISTORY. L’equazione è semplicissima e a portata di ragionamento di chiunque si accenda anche solo il neurone N. 23. Iniziamo: Continua QUI 

******************

Cambiamo il mondo un sacchetto alla volta…

di Marcello Pamio

L’Italia è stata trasportata in discarica e serve quanto prima un sacchetto. Possibilmente biodegradabile…
Il cervello e l’intelligenza del gregge oramai sono un optional e un vero e proprio mistero.
Viviamo in una dittatura oligarchica sfacciatamente manifesta, nella quale ci hanno svuotato e privato di ogni diritto, libertà e sovranità (monetaria, economica, politica, ecc.) e il popolino si preoccupa e si scandalizza per il sacchetto della spazzatura!
Migliaia di persone su Facebook e nel web si stanno mobilitando per acquistare le zucchine senza sacchetto.
Spedizioni punitive di consumatori furibondi entrano nei supermercati con la maschera di Anonymous per prendere in ostaggio le bilance pesa-verdura.

Ha ragione il grande Natalino Balasso quando dice che siamo un popolo da «rivoluzione polleggiate».
«Siamo i Pile Fighter: combattenti con la tuta di pile e le ciabatte a forma di Brunetta che si scandalizzano per le ingiustizie di X-Factor».
E’ come affogare in un oceano e preoccuparsi dello schizzetto di fango nella maglietta nike…
Abbiamo una gigantesca trave nel didietro e un anello al naso, ma il gregge si preoccupa di pesare singolarmente frutta e verdura per attaccare le etichette evitando così di pagare l’ingiusto balzello legato al sacchetto.
Alla fine tutti soddisfatti per il grande risultato ottenuto, lo postano con tanto di foto fatte magari con l’i-phone da 1000 euro.
Ma ovviamente il problema non sono i centesimi rubati ma il principio.
Poco importa se poi la frutta e verdura senza sacchetto sono state coltivate con quintali di chimica cancerogena, teratogena e mutagena (Glifosato della Monsanto, la società che produceva l’Agente Orange usato nella Guerra del Vietnam).
La cosa importante è scardinare il Sistema NON pagando il sacchetto-balzello!
Una rivoluzione che rimarrà certamente nella storia, come pure i Robespierre con il guantino trasparente…
Ma la trave fanno finta di non vederla!Continua QUI

******************

LA DEMOCRAZIA NELLA SUA FORMA MIGLIORE:  VOTO DI SCAMBIO A CASINI

di Maurizio Blondet

La mattina, La Stampa (e chi se no) rivela “un rapporto del Senato Usa” che espone le ingerenze della Russia sulle nostre prossime elezioni il 4 marzo. C’è “ il sospetto, ripreso da un articolo del Telegraph, che i leghisti abbiano preso anche soldi. «Mentre non ci sono prove conosciute – prosegue il rapporto – che M5S abbia ricevuto fondi da fonti legate al Cremlino, un funzionario della sicurezza italiana ha detto a Business Insider che “alcuni dei nostri partiti sono vulnerabili alle infiltrazioni. Non hanno l’ esperienza, gli anticorpi, per contrastare servizi di intelligence così formidabili”».

I tiggì serali accennano a queste ingerenze di Mosca. E subito dopo mostrano, in video, le ingerenze di Macron sulle nostre elezioni: plateale e comicamente spudorata. “L’Italia entra in un periodo elettorale e vorrei sottolineare quanto sono stato contento di lavorare con Gentiloni, la sua azione in Italia, in Europa, con la presidenza del G7 e al Consiglio di sicurezza dell’Onu ha consentito di avviare una nuova dinamica”, ha detto l’uomo Rotschild. E temendo di non essere stato chiaro: “Spetterà al popolo italiano esprimersi, ma consentitemi di dire che l’Ue ha avuto molta fortuna ad avere Gentiloni in questi ultimi mesi. Il mio auguro è che potremo continuare il lavoro che abbiamo cominciato”.

E’ la democrazia nel punto più alto della sua maturità, quella che ci porta alle elezioni. Dove un giornale-megafono dei neocon può buttare lì calunnie contro Lega e 5 Stelle (“c’è il sospetto…”, “mentre non ci sono prove…”), nella più bella tradizione giornalistica mainstream, tutti riconosciamo che queste non si chiamano “fake news” né ingerenze. E’ la nuova frontiera della democrazia, che ci sta difendendo con ogni mezzo contro “i populisti” e “i sovranisti”.  Continua QUI

Un film silenzioso in un mondo che urla

IL FILM “OVERCAST – ESPERIMENTI CLIMATICI IN CIELO” ADESSO ONLINE

ARTICOLO NOGEOINGEGNERIA 

CALENDA RIDICOLIZZA L’ESISTENZA DEL POTERE DELLE MULTINAZIONALI E DELLE SCIE DEGLI AEREI 

Molti giornali hanno ripreso il ministro Carlo Calenda che su Twitter sfotte il Governatore della Puglia Michele Emiliano, causa scatenante la vicenda dell’incidente a Baumgarten che ha messo a rischio l’arrivo del gas russo in Italia. 

Emiliano ha attaccato Calenda riferendosi al TAP pugliese : “Il cantiere sembra Auschwitz. Calenda difende le lobby”. 

Il ministro replica all’ex magistrato: “Prossima puntata scie chimiche e Stato Imperialista delle Multinazionali?”  

Ma allora le scie sono reali come le multinazionali? Un collegamento sorprendente. Complimenti Ministro, ha ragione, il Governo (italiano ma non solo) tutela i rilasci degli aerei. C’è qualcosa che non quadra. 

A primavera 2017 con un’ INTERPELLANZA DI URGENZA è stata messo in evidenza proprio l‘impatto del traffico aereo, incomprensibilmente escluso negli Accordi di Parigi COP21.

E quindi Calenda ci ricorda di rivolgerci proprio a loro, ai nostri governanti, ministri, deputati, ma anche ai rappresentanti dell‘informazione mainstream e certo anche ai lettori e a tutti coloro che ‘non credono’ alla realtà dei cieli manipolati. 

Proponiamo la visione del film che segue. 

°°°°°°°

IL FILM “OVERCAST” ADESSO ONLINE 

E’ uscito in visione gratuita il film OVERCAST del regista svizzero Matthias Hancke, un documentario su questo fenomeno ormai sulla bocca di tutti e dalla maggior parte ritenuto normale: le scie degli aerei che si allargano fino a diventare coperture nuvolose bloccano l’irradiazione solare, offuscando l’atmosfera. 

Si tratta di una realtà resa accettabile grazie alla sua graduale introduzione. 

L’approccio del film di Hancke è molto lineare, la domanda che si pone è: i rilasci degli aerei – visibili a tutti – sono veramente innocui e normali? 

Uno studio ‘peer review’ firmato tra altri da KenCaldeira e Mick West, (entrambi intervistati da Hancke nel film) afferma che non c’è niente di anomalo o nocivo nei rilasci aerei.

Lo ‘studio’ è uscito in concomitanza con l’uscita del film. Una coincidenza.

Hancke ha dato spazio a voci contrastanti senza mai cercare toni spettacolari, non drammatizza, non fa propaganda. E’ un film silenzioso in un mondo che urla, il racconto dà spazio alla riflessione. Lo spettatore è costretto a formarsi una sua opinione se vuole trovare la sua risposta.

Da molti anni gli scienziati hanno sviluppato la tecnologia base necessaria per il controllo climatico. Lo illustra in forma clamorosa il memorandum della CIA del 1960. In questo e altri ‘progetti ‘ è previsto di disperdere ingenti quantità di prodotti chimici nocivi in atmosfera al fine di riflettere la luce solare nello spazio.

Questa tecnologia nota come geoingegneria è già utilizzata da molti anni, senza il consenso pubblico e senza informazione? Le scie degli aerei e i cieli imbiancati che vediamo oggi sono il risultato di tale programma di geoingegneria? 

Da oltre quindici anni, il fenomeno ha dato origine a dure controversie. 

Attraverso una indagine in prima persona questo documentario racconta quindi il viaggio di ricerca del regista. 

L’obiettivo di OVERCAST era di trovare – una volta per tutte – delle risposte conclusive. Il film mostra i muri di gomma che ci circondano, le risposte degli enti preposti parlano da sè, non richiedono commenti.

Nonostante tutte le difficoltà incontrate, Hancke è arrivato ad un punto di chiarezza importante. 

A lavoro compiuto il regista ha presentato una lettera aperta ai parlamentari svizzeri, spunto importante per la nostra iniziativa in sede parlamentare. Il film OVERCAST è stato presentato il 20 di marzo 2017 al convegno “Geoingegneria & Disinformazione ”svoltosi presso l’Istituto di Santa Maria in Aquiro, presso il Senato della Repubblica, presente anche il giovane regista. 

E’ un film da far vedere ad amici e parenti, ma soprattutto a chi ci rappresenta, decide e controlla, a chi dovrebbe salvaguardare l’aria che respiriamo, l’ambiente e la nostra salute. Si rivolge a chi, pur avendo qualche dubbio, decide tutto sommato di affidarsi alle rassicuranti argomentazioni ufficiali ma… 

Chi guarda il cielo dopo aver visto il film, lo vedrà con occhi diversi

VEDI ANCHE

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Una dipinta realtà: la CO2. Tutto qui

 

Il cosiddetto “cambiamento climatico”: non è la CO2 il problema!

By Nogeoingegeria

AllaCOP23 di Bonn c’è qualche cosa che non va  ha commentato nel suo blog il Colonello Guido Guidi. E ha ragione. Mentre le previsioni catastrofiche invadono nuovamente e puntualmente il mainstream – CO2..a livelli mai raggiunti da 3 milioni di anni etc etc – la COP pare che non abbia nulla di rilevante da offrire per contrastare il pericolo planetario proclamato.  Qualcosa non va di certo. Se il problema fosse davvero la CO2, ci sarebbero molte possibilità di rimediare, di facile applicazione e perfino senza effetti collaterali. La messa in atto potrebbe piuttosto avviare un ampio risanamento di molte situazioni, come evidenziano le proposte di: riforestazione, agricoltura bio e realmente sostenibile, cambiamenti di stile di vita delle persone ispirate dal senso di responsabilità verso l’ambiente e verso sé stessi (un effetto collaterale sarebbe un aumento di benessere generale), abbassamento dell’inquinamento adoperando molteplici tecnologie che lo permettono etc etc. Questa lista di proposte è senza dubbio da completare ed è uno sforzo che merita di essere fatto. Proveremo in un secondo momento a stilare questo elenco, magari chiedendo aiuto ai lettori del blog. L’apparato propagandistico è funzionante in direzione opposta ad un risanamento e non ci sono segnali di cambiamento di rotta per salvare il mondo e noi stessi. Comprate, consumate, divertitevi! Consumate più che potete e riempite questo meraviglioso mondo di spazzatura a tutti i livelli!

La messa in scena dei vari COP pare che abbia soprattutto la funzione di gettare fumo negli occhi, dando l’occasione per campagne ben orchestrate mainstream sul ‘grande impegno’ dei migliaia di scienziati, politici e lobby presenti, ‘allarmati’ dallo stato delle cose. I risultati di questi incontri sono sempre stati scarsi e lo saranno anche a Bonn (VEDI QUI ). E’ stato denunciato da chi era presente agli incontri in passato il carattere ipocrita e di ‘greenwashing’. Le sigle esposte sono veri e propri inganni e celano spesso l’antitesi di quanto promettono. 

In concomitanza con la COP23 si è visto un incremento delle divulgazioni e pubblicizzazioni di una misura ‘forse necessaria’ per salvare il mondo minacciato dalla CO2. La Geoingegneria sta entrando nelle teste dell’uomo comune e entro il 2018 sarà sulla bocca di tutti, promette qualcuno. E qualcuno saprà unire i puntini tra ‘modelli’ presentati e cieli reticolati? 

Le critiche di esperti rispetto alle operazioni ‘proposte’ non mancano. Ma nonostante la pericolosità della ‘cura chemioterapica’, le irrorazioni in atmosfera saranno presto una realtà ufficializzata?

L’operazione sarà resa obbligatoria in seguito ad un disastro ambientale di grande impatto. Diranno ‘IT MUST BE DONE’, così è stato pronosticato da Pat Mooney (coordinatore dell’ETC-Group) in un’intervistanel 2012

Il cosiddetto “cambiamento climatico”: non è la CO2 il problema!

Traduzione Nogeoigegneria 

Un commento della Prof.ssa.Dr. Claudia von Werlhof, presidente del “Movimento Planetario per la Madre Terra”, Innsbruck.

Motivata dalla lettura di “Dose giornaliera” del 7 di novembre (ndr articolo che definisce i ‘negazionisti’ del cambiamento climatico e critici della tesi CO2 come causa del GW una setta) vorrei far riflettere:

E’ sorprendente quanta gente, gente anche molto critica, abbocca e ci casca e prende per oro tutto ciò che viene dall’alto – da Al Gore all’IPCC (Intergovernmental Panel of Climate Change in tedesco spesso definito ‘Consiglio globale del clima’), dai Verdi fino alla Merkel, dall’ultimo vertice sul clima a Parigi a quello attualmente in Bonn, e perfino dal Papa: tutti sostengono che la CO2 industriale sia la causa di un cosiddetto cambiamento climatico, e distruggerà la terra se non si interviene su di esso. Come è possibile che queste persone trovano così facilmente credito? Perché non ci si chiede il motivo per cui all’unisono, proprio tutti – e Trump si unirà prima o poi – fanno queste affermazioni? Perché non ci si chiede quale progetto ci sta dietro? Perché non si ascoltano gli scienziati che la vedono in modo diverso? Nessuno ha un’idea di come la Terra realmente “funziona”? La realtà è dipinta così: la CO2 è inquinamento atmosferico, è sporcizia. Tutto qui.

In realtà il cosiddetto riscaldamento globale e cambiamento climatico è un aumento di meteo estremo: fluttuazioni oltre la norma delle temperature e oltre le stagioni, aumento di catastrofi ‘naturali’ come i tsunami, terremoti oltre i sei gradi della scala Richter, periodi di siccità per anni, incendi che devastano peggio di guerre con le bombe, ma anche ondate di freddo fuori stagione o regioni, ripetersi di inondazioni record, tempeste di grandi dimensioni anche fuori dai tropici, aumento di attività vulcanica e cambiamenti delle correnti oceaniche, nonché il rapido scongelamento dei poli e dei ghiacciai – ed è proprio lì dove accade un riscaldamento che conta il doppio o più del presunto incremento delle altre temperature.

Come potrebbe tutto questo derivare dalla CO2 industriale, presente in atmosfera ben al di sotto dello 0,5% – e peraltro giù, vicino alla terra?

Non deriva da questo. Questi cambiamenti provengono da decenni di geoingegneria militare, dalla seconda guerra mondiale.

La convenzione ENMOD delle Nazioni Unite (Environemental Modification – Modificazione Ambientale) ha identificato il problema dell’utilizzo di tecnologie ambientali già nel 1977 in seguito alla guerra del Vietnam, dove molte delle tecniche erano già state implementate. E da allora, naturalmente, sono proseguiti gli esperimenti e le innovazioni, dalla distruzione dello strato di ozono e di altre parti dell’atmosfera, con i test delle bombe atomiche o razzi nello spazio, allo sviluppo di armi “al plasma” alle tecnologie di “guerra meteorologica” a “Armi energetiche dirette” simili al laser, tutte leggibili in Rosalie Bertell: War Planet Earth, 3a edizione 2016.

Si tratta di sviluppare armi ambientali per nuove guerre, “e i militari sono 50 anni più avanti di noi” (Bertell).

Strano quanto a lungo regge il mito della CO2, lasciando non riconosciuti gli inquinatori o recentemente perfino invitandoli a continuare ufficialmente con la distruzione della terra – con il loro presunto “salvataggio” via geoingegneria! Quest’ultima appare improvvisamente in un abito “civile” e come una “nuova” geoscienza. Questo è stato propagandato sempre più sfacciatamente da Parigi nel 2015 e prevede attualmente di spruzzare sul pianeta presumibilmente bollente niente meno che acido solforico, per raffreddarlo come se fosse scoppiato un super-vulcano e come propagandato dal noto geoingegnere di Harvard, David Keith. Lui stesso ammette che questa potrebbe essere la fine della vita sulla terra, ma lo lasciano fare …?

Dettagli disponibili sul sito web del movimentoplanetario per la Madre Terra che abbiamo elaborato per buone ragioni 7 anni fa. Strano davvero in che modo persone che hanno a cuore il bene della terra possono lasciarsi ingannare così completamente.

Come è spiegabile tutto questo, a parte la generale mancanza di conoscenza del pianeta terra come essere cosmico e l’essere in vendita della scienza e della politica di oggi? Sono venduti anche i movimenti sociali e le ‘Alternative’ o hanno disimparato a usare il loro cervello?

Originariamente pubblicato da: https://kenfm.de/tagesdosis/

VEDI ANCHE

BIOSFERAE GEOINGEGNERIA: LE IMPROBABILI RAGIONI DI UNA CONVIVENZA IMPOSSIBILE

LA CO2 COME CAPRO ESPIATORIO E LA VIA VERSO UN ‘MONDO NUOVO’ (1)

CO2 PETROLIODEL FUTURO. VOLTIAMO PAGINA!? 

Scrive RosalieBertell: “Nell’ambito degli Accordi di Vladivostock, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica presero la decisione congiunta di sciogliere la calotta polare artica.  Non si tratta di un accordo bilaterale registrato dell’ONU, perciò non divenne mai accessibile a coloro i quali – più tardi – furono messi in allarme dal rapido scioglimento dei ghiacci e delle nevi polari, e dalla situazione degli orsi polari che ne è risultata. Per il pubblico, lo scioglimento della calotta polare artica è diventato un segnale forte e inquietante del cambiamento climatico, talmente forte che negli Stati Uniti ai media è stato richiesto di non parlare mai di orsi polari! A causa del segreto militare la gente è stata indotta a pensare che il controllo industriale delle emissioni di CO2 riporterebbe tutto a posto nell’Artico! “VEDI QUI

Neve nera al Polo Nord

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Almanacco di novembre 2017

Bertrand Russell: “L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”

L’articolo che stai per leggere è stato scritto da Bertrand Russell, 1872 -1970, i fatti narrati sono verità storiche ancora oggi non ben comprese dalla massa inerme degli schiavi civilizzati: ECCO COME CI FREGANO!!!

Come molti uomini della mia generazione, fui allevato secondo i precetti del proverbio che dice “l’ozio è il padre di tutti i vizi”. Poiché ero un ragazzino assai virtuoso, credevo a tutto ciò che mi dicevano e fu così che la mia coscienza prese l’abitudine di costringermi a lavorare sodo fino ad oggi.

Io penso che in questo mondo si lavori troppo, e che mali incalcolabili siano derivati dalla convinzione che il lavoro sia cosa santa e virtuosa; insomma, nei moderni paesi industriali bisogna predicare in modo ben diverso da come si è predicato sinora.

Tutti conoscono la storiella di quel turista che a Napoli vide dodici mendicanti sdraiati al sole (ciò accadeva prima che Mussolini andasse al potere) e disse che avrebbe dato una lira al più pigro di loro. Undici balzarono in piedi vantando la loro pigrizia a gran voce, e naturalmente il turista diede la lira al dodicesimo, giacché era un uomo che sapeva il fatto suo…!!! Continua QUI

A casa un elettore su due: nessuno dice la verità all’Italia

Attacca Mario Draghi sparando sul suo pupillo di Bankitalia, il governatore Ignazio Visco (difeso e prontamente confermato da tutti, Gentiloni e Padoan in testa), e intanto nel suo libro, “Avanti”, l’ex rottamatore se la prende col pensiero unico, quello che nel 2011 ha commissariato la repubblica piazzando a Palazzo Chigi il sicario Mario Monti, l’uomo che ha inserito il pareggio di bilancio nella Costituzione.

L’ha fatto grazie ai voti di Berlusconi e Bersani, sotto il ricatto dello spread, mentre Draghi (sempre lui) si limitava ad assistere allo spettacolo, affidato alla regia istituzionale dell’ineffabile Napolitano. Ma poi, al dunque, Matteo Renzi resta a bordo campo: va in televisione a sbeffeggiare il fantasma di Luigi Di Maio, che l’ha sfidato a duello e poi è scappato, ma evita di sfiorare qualsiasi verità scomoda negli studi de La7, da Giovanni Floris.

In quella stessa rete televisiva, poco prima, persino il “talebano” Brunetta aveva ammesso, dalla Gruber, che l’astensionismo in Sicilia (dove non ha votato neppure un elettore su due) è la vera calamità politica nazionale, tale da oscurare la vittoria del centrodestra e la disfatta del Pd, surclassato dal candidato dei 5 Stelle. Continua QUI 

RICORDATE LE PIATTAFORME? GLI IMPERATORI? ECCO LA CONFERMA. NON SCRIVO A VANVERA

“Ma attenti perché in questo progetto c’è altro. Più sopra ho scritto chiaro che nel nuovo progetto di TECH-GLEBA l’elites accumuleranno quello che non fu mai accumulato da elites in 40 secoli prima. Questo non solo in virtù di elementi già emersi qui, ma soprattutto perché il progetto prevede, alla lettera, la distruzione d’interi comparti industriali (i tradizionali Re dell’industria) a favore dell’esistenza sul Pianeta degli Imperatori del Business, e cito:

“Tutto questo sbriciolerà interi comparti industriali. Da queste fratture escono morti i tradizionali Re del business, ed escono gli Imperatori… E’ quello che ha fatto Jeff Bezos, che ha sbriciolato tutto il comparto industriale a cui apparteneva, ha azzerato sei comparti in un colpo solo, e ora l’Imperatore è Amazon…”.* State capendo? Non muore solo il Capitalismo secondo il progetto TECH-GLEBA, ma anche la moltitudine delle industrie a favore di colossali Monopoli (gli “Imperatori”) come mai visti nella Storia, già chiamati col nome di Piattaforme. Immaginatene i profitti…”.

*(Lloyd Blankfein, CEO di Goldman Sachs, Robert Smith guru di Vista Equity Partners, e Jeff Immelt CEO di General Electric, a un meeting riservato)

Ora, mentre tutti stanno con gli occhi puntati sulla Seat, o Alitalia e il battibecco delle mummie industriali europee, io incappo in una straordinaria conferma del mio avviso pubblico di cui sopra, il quale, se vivessimo in un Paese dove l’imprenditore medio ha più di 2 saponette nella scatola cranica, avrebbe dovuto aprire un dibattito di un almeno un anno sul Sole 24 Ore (per non parlare dei dipendenti). Vabbè, qualche riga e poi le Piattaforme. Continua QUI

L’ingegneria del clima è la porta per un governo globale

Da Derrick Broze 

Ecco come la camera dei rappresentanti USA ha tenuto la sua prima udienza sulla geoingegneria del clima e come sta diventando chiaro che la tecnologia porterà alla governance internazionale.

Mercoledì la sottocommissione per l’ambiente e la sottocommissione per l’energia della Casa Bianca degli Stati Uniti ha tenuto un auditorio sul controverso tema della ingegneria del clima o di modificazione climatica. L’udienza, intitolata geoingegneria:innovazione, ricerca e tecnologia,” ha riunito i membri dei comitati di casa così come i rappresentanti di gruppi di riflessione, scienziati e ricercatori nel campo per discutere del futuro della ricerca sulla geoingegneria e se l’amministrazione Trump dovresse stanziare dei fondi.

La spinta per la discussione della geoingegneria da parte dell’amministrazione Trump non è certo una sorpresa. Nel gennaio 2017, Activist Post ha riferito che “il programma di ricerca per cambiamento globale dell’US ha tranquillamente consigliato nuovi studi cercando in due specifiche aree di ricerca che coinvolgono la geoingegneria.” Con il rilascio del loro rapporto, il GCRP sono diventati i primi scienziati nel governo federale a raccomandare formalmente gli studi che coinvolgono la geoingegneria. Continua QUI in lingua inglese

Le declinate immagini  mostrano che innumerevoli bombe nucleari sono state detonate nell’atmosfera terrestre

Una delle affermazioni più citate della storia dell’età atomica sono state Interpretate da Robert Oppenheimer affermando di aver pensato quando ha assistito alla prima esplosione nucleare del mondo: “Sono diventato la morte, il distruttore dei mondi”.

Poco dopo che Oppenheimer, direttore del laboratorio che ha sviluppato la bomba atomica, vide il fuoco, un fuoco ardente sul deserto del Nuovo Messico al sito di prova della Trinità il 16 luglio 1945, quelle parole sono molto simili e derivano dalla scrittura indù della Bhagavad-Gita gli si avvicinano molto.

La citazione appare in tutta la letteratura sulle armi nucleari, spesso in una forma leggermente diversa: “Sono diventata la Morte, il disgregatore dei mondi”.

Dal 1945 al 1962, gli Stati Uniti d’America hanno eseguito circa 210 test nucleari atmosferici. Sì. Proprio sopra le nostre teste.

Nel 1963 è stata vietata la messa a fuoco del nucleare, ma migliaia di film provenienti da quegli esami distruttivi che sono rimasti in rovina in valli segrete in tutto il paese.

Tuttavia, quando i tempi cambiano e quando il materiale classificato diventa declassificato, abbiamo ora accesso ad un’enorme quantità di filmati e immagini.

Quello che stiamo guardando è il meglio della distruzione. Tale forza fa venire i brividi lungo la schiena e guardando questi video e le immagini mi fa domandare perche ‘sprechiamo il nostro intelletto umano che produce armi di distruzione di massa, e non tecnologie che ci permetterebbero di viaggiare tra le stelle?

Immaginate dove saremmo oggi come civiltà se tutti i paesi del mondo avessero passato più tempo a sviluppare tecnologie future per le esplorazioni spaziali piuttosto che delle armi per ucciderci l’un l’altro? Quello che stai per vedere in queste immagini non è una mostra d’arte, è una mostra di guerra, una mostra di terrore, una mostra di distruzione immersa nell’umanità.Quando è stato che siamo andati fuori strada, al punto che produciamo la distruzione anziché lo sviluppo?

Queste macabre immagini, che sicuramente ti faranno venir la pelle d’oca, sono state recentemente declassificate e mostrano un certo numero di test nucleari atmosferici eseguiti dagli Stati Uniti negli anni ’60. Il giorno in cui abbiamo deciso di testare le armi nucleari nell’atmosfera ha segnato una giornata tragica per il nostro pianeta, ma anche per l’umanità.

I militari volevano determinare se sia possibile sparare un missile nucleare dal cielo.

Le immagini sono state compilate da web Topic. (guarda le immagini nel sito a fondo pagina QUI ndr)

I test non hanno potuto raggiungere l’obiettivo a causa degli effetti e dell’estrema difficoltà nucleare in quel momento.

Tuttavia, ciò che queste immagini confermano è che più di mezzo secolo fa l’umanità era già in grado di lanciare un’arma nucleare all’atmosfera.

Ci auguriamo che queste foto ci facciano riflettere e mettere in dubbio questo tipo di pratica. Data l’attuale tensione tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, queste fotografie potrebbero farci vedere un futuro oscuro che, secondo me, siamo tutti d’accordo – nessuno vuole esserne testimone.

Fonte:https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Birra per tutti aspettando El Niño

Una Birra al giorno leva l’AGW di torno

Posted By Guido Guidi

Potrebbe essere una rubrica in effetti, o comunque un allettante proponimento. Ma si dovrebbe rinunciare al sollievo, che ogni tanto capita, di passare una giornata senza che qualcuno pensi, progetti e realizzi qualche nuova puttanata molto green e molto politically correct. Sempre naturalmente per ricordarci che dobbiamo essere salvati. Oggi non è uno di quei giorni, purtroppo.

Capita che per protestare contro la decisione di Trump di non dar seguito agli accordi di Parigi, qualcuno abbia deciso di produrre una “birra di protesta”, cioè una bevanda fatta con ingredienti provenienti da zone dove (secondo loro) il cambiamento climatico sta già mietendo vittime. Prima tra tutte l’acqua di scioglimento dei ghiacciai antartici. Sicuramente andarla a prendere e portarla fino allo stabilimento di produzione sarà assolutamente eco-friendly e gratis, come del resto è per tutte queste volenterose iniziative di sensibilizzazione. Per spillarla, un simpatico oggetto che riproduce un orso polare…

La birra salva-clima (sic! dall’ANSiA)) si chiama Make Earth Great Again e, vuole (ri-sic!) scuotere le coscienze e a ricordare ai leader l’importanza dell’impegno nella lotta al cambiamento climatico. Dopodiché, visto che ne hanno spedita una cassa alla Casa Bianca, i leader berranno per dimenticare

Possiamo farcela? Non credo, specialmente perché il ricavato della vendita di questo nettare andrà all’organizzazione no-profit (per noi, loro profit eccome…) che si fa chiamare 10:10; quella stessa che qualche anno fa lanciò un video di sensibilizzazione che le coscienze più che scuoterle le faceva esplodere, dal momento che nel video si facevano letteralmente esplodere le teste di quanti esprimevano dissenso sull’urgenza di salvare io pianeta. Qui sotto per ripassare se ne avete voglia.

Fonte: http://www.climatemonitor.it

 ____________________________________________

Rullano i tamburi per la COP23

L’ultimo El Niño (2015-2016) ha provocato il più grande singolo incremento delle emissioni di CO2 degli ultimi 2 mila anni: tre regioni equatoriali (Sudamerica, Africa e Asia sud-orientale) hanno emesso insieme 2,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica in più rispetto al 2011, ha detto Junjie Liu del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, principale autore dello studio. LEGGI QUI

Non c’era così tanta CO2 nell’aria da 3 milioni di anni

Arriva la certificazione ufficiale dell’Onu: nel 2016 la concentrazione di CO2 nell’atmosfera è aumentata a livelli record. La notizia giunge a pochi giorni dall’inizio della Conferenza Onu sul cambiamento climatico, che si terrà dal 6 al 17 novembre nella città tedesca di Bonn. L’Organizzazione Meteorologica mondiale delle Nazioni Unite, nel suo aggiornamento annuale sull’impatto dei gas ad effetto serra, spiega che l’incremento di CO2 lascia prevedere “un innalzamento pericoloso della temperatura”. LEGGI QUI  

Commento di Guido Guidi

 Finché c’è El Niño c’è Speranza 

Bé, si prepara la nuova COP, questa sarà la numero 23. I tamburi rullano, sebbene per ora sommessamente, perché da un lato l’OMM fa sapere che la CO2 ha fatto segnare un nuovo record, dall’altro è ormai chiaro che i propositi della COP21 di Parigi, oltre a non avere mai avuto la chance di essere raggiunti, sono già andati a farsi benedire. Del resto, non fosse stato per il potente El Niño del 2015-2016, la temperatura media globale non avrebbe dato segno di tornare a salire. Qui sotto, quello che in borsa si definirebbe il rimbalzo del gatto morto (HadCRUT da GWPF).

Il problema è che El Niño non tornerà, almeno non nel breve-medio termine climatico. L’ENSO Forecast dell’IRI (Columbia University), va decisamente nella direzione di una Niña, anche piuttosto intensa.

Ergo, la temperatura media superficiale continuerà il trend che non è un trend che ha avuto più o meno dall’inizio di questo secolo, che però non torna con l’equazione CO2=Caldo-sempre-più-caldo.

Torneranno a fiorire spiegazioni come accaduto per la pausa (o iato) pre El Niño? Improbabile. Più facilmente si batterà sul record stabilito appunto nel 2016 in attesa che un altro sussulto positivo dell’oscillazione del Pacifico equatoriale regali altre soddisfazioni e altri spunti di stampa catastrofista.

Non che questi scarseggino per la verità. Presumibilmente sempre in relazione alla COP23 imminente, ecco un altro (l’ennesimo) studio che mette in guardia da future migrazioni di massa causate dal clima che cambia e non già da fame, sottosviluppo, pressione demografica e tirannia di ogni sorta. Protagonista l’Africa, vittima l’Europa, tanto per cambiare.

Comunque, c’è da aver fiducia che il dibattito virerà su toni ancora più intransigenti: il mondo s’ha da salvare, costi quel che costi. E quanto costa? Dipende, se ti permetti di entrare nella discussione pubblicando rebuttal referati di altre pubblicazioni politically correct, la faccenda può costarti anche 10mln di dollari. E’ successo negli USA, dove tal Jacobson ha pubblicato un paper in cui si asseriva che l’intera domanda energetica degli USA avrebbe potuto essere soddisfatta con risorse rinnovabili. Un gruppo di altri autori ha rifatto i conti e definito “un errore di modellazione” la conclusione di Jacobson. Risultato: causa legale verso questi ultimi e chi li ha pubblicati (i PNAS), per l’ammontare di 10 mln di dollari (qui se credete)

Alla faccia del confronto scientifico.

Buona giornata.

http://www.climatemonitor.it/?p=46279 

Alla faccia del confronto scientifico lo diciamo anche noi. La Goeingegneria resta ipotetica e la realtà un tabu. Una realtà è questa.

 Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Poesia e Arte in Cielo

Il tramonto di Milano: un quadro da sogno o incubo?

Il cielo: un quadro di Van Gogh o l’urlo di Munch?

Di Nogeoingegneria

Mentre la Stampa minimizza la mano criminale dell’uomo che brucia la terra in Piemonte, il tramonto di ieri sera a Milano è stato esaltato un ‘quadromeraviglioso’  e ha trovato unacopertura mediatica impressionante.

Non c’entrerebbe l’inquinamento, ma si tratterebbe di condizioni particolari di sole, di vento e di nubi, che ci regalano ‘poesia in cielo’. ‘Le emissioni carboniose (ed altro) degli incendi devastanti non c’entrano nulla’, assicurano i luminari dei nostri istituti: ’e’ solo una questione di vapore acqueo’, come altre volte, in altri casi dubbi…

E come dubitarne.

Mario Tozzi, sulla Stampa, commenta gli incendi in Piemonte: ‘Sappiamo che le condizioni meteorologiche particolari di questo ottobre 2017 hanno contribuito in maniera fondamentale al ripetersi e al propagarsi degli incendi. E ormai conosciamo il ruolo cruciale che il cambiamento climatico gioca nell’innescare e far perdurare condizioni favorevoli ai roghi’.

‘Quasi tutti gli incendi sono dolosi (raramente colposi)’, scrive Tozzi QUI.  Ci è o ci fa?

Il tramonto infuocato di Milano

Come non tener conto del dramma di questi giorni, e aspettare le interpretazioni delle misurazioni di venti e correnti?  Qualcuno le ha fatte ?

Centinaia di immagini sono state scattate e faranno il giro del mondo: uno spettacolo unico, certo, ma le spiegazioni scientifiche non sono poi così poetiche o romantiche…

Non è probabile che c’entri  (oltre alle manipolazioni atmosferiche), l’inferno della Valle di Susa e del Piemonte?

E’ stato chiesto se il cielo al tramonto osservato il 29/10/2017, non sia inquinamento o se non si tratti di scie degli aerei: la copertura con strati nuvolosi artificiali, infatti, era evidente da diversi giorni.

Inoltre, il Corriere della Sera ha notato ’Sciee dune rosso fuoco’, un fenomeno atmosferico  eccezionale, quello delle ‘nubi lenticolari’ e di ‘strati di nubi ondulate’.

‘NO’, ha risposto al Corriere della Sera Maurizio Mugeri, fisico dell’atmosfera presso l’Università di Milano: ‘erano nubi troppo alte, che stazionavano verso il limiti della stratosfera e l’inquinamento, in questo caso, non è la causa del loro effetto spettacolare’: ‘si è creata una condizione particolare dovuta alla diffusione del vapore acqueo’ – precisa Maugeri – per cui la luce del sole, al tramonto, attraversando i cristallini, produceva colori e disegni straordinari simili alle nubi lenticolaro, che, però, in genere, si presentano separate. L’inquinamento agisce a livelli più bassi e, poi, negli ultimi giorni, una ventilazione discreta sulla Val Padana ha abbassato i livelli inquinanti, quindi non può generare conseguenze simili“.

La scienza ha parlato e la rassicurazione è servita.

Tempo fa

‘La magia’ del tramonto rosso fuoco che aveva ‘incantato’ il Salento qualche tempo fa, era stata così spiegata, qualche giorno dopo, dagli esperti del laboratorio Aerosol & Clima dell’Università del Salento: il colore rosso, assunto dal cielo il 30 agosto scorso, era dovuto alla presenza di particelle carboniose, secondo loro prodotte dagli incendi in Canada! Le misure LIDAR effettuate nel corso del 31 agosto 2017 dal dr. Salvatore Romano, presso il laboratorio Aerosol & Clima dell’Università del Salento, avevano rilevato il sopraggiungere nel Salento di uno strato di particelle atmosferiche carboniose, a circa 18 km dal suolo, dovuto al trasporto, in Sud Europa, del fumo prodotto dagli incendi verificatasi intorno al 14 agosto addirittura nel Nord America (1)

La NASA afferma,  che gli agenti inquinanti sono fattori determinati per ottenere un super tramonto.

Ma davvero a Milano non c’entravano nulla con il tramonto spettacolare? 

(1) http://www.leccenews24.it/attualita/8203-il-tramonto-rosso-fuoco-incanta-il-salento-ma-gli-esperti-rompono-la-magia-dovuto-agli-incendi-in-canada.htm

IL PIEMONTE NELFRATTEMPO CONTINUA A BRUCIARE

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com

_________________________________________

Derelitti

Posted By Massimo Lupicino 

Vi ho sbirciati in posti che mi ero ripromesso di non frequentare, come fa un guardone consapevole della sua debolezza e della somma inutilità del gesto. E vi ho visti.

Vi ho visti rabbiosi, lividi, stupefatti e mortalmente offesi dalla sola idea che qualcuno la possa pensare diversamente da voi.

Vi ho visti pavoneggiarvi nel citare a sproposito altisonanti leggi della fisica, ed essere spernacchiati nel vostro stesso campo da forumisti di passaggio, radiati con effetto immediato dalla comunità, immagino per lesa maestà climatista.

Vi ho visti inveire contro chi si è permesso di raccontare altre storie rispetto a quelle che più vi piacciono. Storie comunque referenziate e argomentate, a differenza di quelle che amate leggere e sentire ripetere dalla gran parte dei media.

Vi ho visti insultare persone per nome e cognome, talvolta vostri colleghi ben più noti e titolati di voi, spargendo escrementi nel ventilatore, insinuando in modo volgare e basso.

Vi ho visti definire Christy un dilettante, una macchietta, un non-scienziato. Dall’alto delle vostre cattedre virtuali fatte di sproloqui e di invettive su siti più o meno desolati della provincia dell’Impero Climatista. E che cosa sarà mai l’onorificenza per “Eccezionale merito Scientifico” conferita dalla vostra (altrimenti) amata NASA allo stesso Christy, al cospetto della vostra manciata di “like” sui social network?

Vi ho visti irridere rispettati e stimati scienziati italiani del clima, che ai benpensanti come voi piace chiamare in altri contesti “cervelli in rientro”. Liquidandoli come “astrologi”, negando loro la dignità stessa di scienziato o ricercatore. Titoli che invece vengono generosamente riconosciuti a venditori di olio di serpente che impazzano sui media ma che si comportano come chi la scienza non l’ha mai frequentata in vita sua, nemmeno su Second Life.

Vi ho visti diffidare i pochi forumisti che vi leggevano dal frequentare siti pericolosi, accusati di diffondere fake news. Come si faceva molti anni addietro con quei libri sconvenienti che poi gli stessi censori andavano a leggersi di nascosto, abbandonandosi a pensieri impuri.

Vi ho visti, non mi siete piaciuti, ma sono contento che esistiate. Perché “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Lo dice l’Articolo 21 della Costituzione italiana. E non c’è narrativa pelosa sulle fake news o sull’hate speech che tenga, a fronte di questo diritto. Specie quando la narrativa in questione sembra nata dall’esigenza di chiudere la bocca a qualcuno, magari per lasciare qualcun altro libero di inveire ed insultare a difesa della causa “giusta”.

Vi ho visti, non mi siete piaciuti, ma vi voglio bene. Perché siete dei derelitti, esattamente come il sottoscritto, nel momento in cui andate a sbirciare in casa altrui per poi parlarne male in casa propria, e diffidare altri dal fare la stessa cosa. E quindi, a mo’ di ramoscello d’olivo, vi dedico anche una canzone (una cover in realtà) che vi piacerà, perché è seria come le vostre cause e compunta come le vostre sembianze quando ci annunciate come intendete salvare il mondo. A pensarci bene sembra scritta proprio per voi, anzi, per noi: You’re my Ramshackle, and I’ll love you clean” recita il ritornello, che mi piace tradurre: “Sei il mio derelitto, e ti vorrò bene, se ti dai una ripulita” (in calce il testo completo, con traduzione ;-))

Allora, ce la diamo, questa ripulita?

Fonte: http://www.climatemonitor.it/