Archivi tag: geoingegneria solare

Progetto Planetario per una Guerra Geofisica

 

Come distruggere l’ambiente” – MacDonald’s Progetto Planetario per una Guerra Geofisica

Di Peter A. Kirby 

La guerra geofisica è un vasto argomento con esempi storici che risalgono all’antica storia umana. Oggi sembra essere la spinta principale di tutte le tecnologie militari più all’avanguardia. Anche se le forze armate di oggi la stanno costantemente coinvolgendo e vengono quotidianamente usate contro la nostra popolazione domestica, la maggior parte delle informazioni relative alla guerra geofisica rimane classificata. Nonostante ciò, è emerso un bel po’ di buone informazioni. 

Nel canone della letteratura pubblicamente disponibile relativa alla guerra geofisica (almeno per quanto riguarda la pura ostentazione), tra tutti gli altri spicca un esempio. Parla all’uso di energia elettromagnetica diretta nella guerra geofisica con un’enfasi sulle modifiche del clima e climatiche. Afferma anche la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi di geoingegneria Solar Radiation Management (SRM). Questo è il motivo per cui il documento è così importante per l’odierna New Manhattan Project, che usa particelle disperse e energia elettromagnetica diretta per modificare il clima e la climatologia. 

Il documento in questione è del Dr. Gordon James Fraser MacDonald’s (1929-2002), giustamente intitolato saggio del 1968 “How to Wreck the Environment”. Appariva come un capitolo di un libro del 1968 intitolato A meno che non Venga la Pace

Il documento si distingue anche per il fatto che l’autore era uno scienziato molto capace, prominente e rispettato.

Gordon JF ‘Come distruggere l’ambiente’ MacDonald 

L’autore è venuto a conoscenza di MacDonald e del suo lavoro nel contesto del progetto New Manhattan. Sembra che fosse lo scienziato che per primo ha cristallizzato questo sforzo in un progetto globale che prende in considerazione non solo il tempo che sperimentiamo quaggiù nel livello più basso dell’atmosfera conosciuto come la troposfera, ma piuttosto qualcosa che prende in considerazione: tutti gli aspetti geofisici Terrestri, l’atmosfera inferiore e superiore della Terra, la luna, il sole, tutto tra il sole e la Terra, altri pianeti nel nostro sistema solare e lo spazio esterno. Tutte queste cose hanno vari gradi di effetti sul nostro clima troposferico quotidiano e MacDonald sembra essere stato lo scienziato che ha integrato questa nuova filosofia nel Progetto New Manhattan. Probabilmente è stato determinante nel rendere popolare il termine “tempo spaziale”.

 

Nel 1968 Gordon MacDonald era il direttore associato dell’Istituto di geofisica e fisica planetaria all’Università della California, a Los Angeles, nonché membro del Comitato consultivo scientifico del presidente Johnson. Questo è stato il comitato che ha prodotto il documento del 1965 intitolato “Ripristinare la qualità del nostro ambiente” che ha affermato la teoria del cambiamento climatico provocato dall’uomo e la tesi di geoingegneria SRM in quanto ha dato il primo mandato presidenziale al resto del governo per iniziare a prepararsi per cambiamento climatico catastrofico causato dall’uomo. MacDonald era un co-autore. 

MacDonald era uno scienziato capo della Mitre Corporation, serviva nel loro consiglio di amministrazione e in seguito divenne un fiduciario. Questo è significativo perché le prove suggeriscono che la Mitre Corporation è il gestore operativo di tutti gli aspetti scientifici dell’attuale New Manhattan Project.  

MacDonald è stato profondamente coinvolto nelle modifiche meteorologiche e nelle scienze atmosferiche. Conosceva bene il famoso scienziato del progetto di Manhattan James Conant. Conosceva Edward Teller e Bernard Vonnegut e lavorava con molti altri scienziati associati al NMP. Ha lavorato per l’istituto Carnegie e la NASA; due organizzazioni con ampi legami con il NMP. Fu coinvolto nelle operazioni di produzione di acqua durante la guerra nel nord del Vietnam. Ha conseguito il dottorato in geologia ad Harvard, insegnato geofisica al Massachusetts Institute of Technology e ha contribuito alla creazione dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente. E’ stato membro di una serie di comitati di modifica meteorologica di alto livello e un membro molto attivo del gruppo segreto di Jason. Il suo pedigree per la partecipazione al New Manhattan Project non era secondo a nessuno.  

MacDonald ha anche presieduto il Comitato MEDEA dell’Agenzia di intelligence centrale, che era stato concepito dall’ex vicepresidente Al Gore. “Presunto” perché è difficile immaginare che qualcosa sia il frutto dell’ingegno di Al Gore. Ti ricordi come ha inventato anche Internet? Tuttavia, il comitato MEDEA (Misurazioni di dati terrestri per l’analisi ambientale) esisteva tra il 1992 e il 2001 e utilizzava i dati raccolti dai satelliti allo scopo di risolvere i problemi ambientali della Terra. Apparentemente la soluzione ai nostri problemi riguarda l’irrorazione di megatoni di rifiuti tossici da aerei superpetrolieri.  

Il coinvolgimento di Al Gore qui è pertinente perché è il più prominente sostenitore della teoria del riscaldamento globale provocato dall’uomo, che ha così tanta rilevanza per la guerra geofisica e il Progetto New Manhattan. Infatti, MacDonald e Gore hanno lavorato insieme per portarci una “tassa sul carbonio”. MacDonald ha testimoniato prima di una commissione per l’energia del Senato del 1987 su come avrebbe funzionato una simile tassa. 

L’antica Geoingegneria 

Per mettere tutto questo in un contesto, torniamo ad alcuni dei primi esempi registrati di guerra geofisica. Non esamineremo tutti gli esempi registrati di guerra geofisica dai tempi antichi al 1968. Sarebbe nell’ordine di un grande libro. Qui daremo una breve occhiata ad alcuni dei primi esempi per illustrare la pervasività e l’efficacia della guerra geofisica. Poi, nella prossima sezione, faremo un rapido ritorno alla pièce de resiste di MacDonald’s 1968. 

Nel 612 a.C., una forza combinata di medi, persiani e babilonesi apparentemente deviava un affluente del fiume Tigri per penetrare nella fortezza dell’antica città di Ninive. Nel suo libro di riferimento La storia del mondo antico: dai primi conti alla caduta di Roma, l’eminente storico Susan Wise Bauer scrive: “Un affluente del Tigri attraversava la città sotto le mura, fornendogli acqua e rendendo difficile assediare. Ma sembra probabile che gli assalitori abbiano costruito una diga per deviare la maggior parte del Tigri in città, portando via le fondamenta delle mura e abbattendole. “Continua Bauer,” Con i muri che si sbriciolano, i Babilonesi hanno preso d’assalto la città e l’hanno saccheggiata“. 

Poco dopo, nel 539 a.C., la guerra geofisica (nota anche come “geoingegneria”) fu utilizzata per penetrare nell’antica città di Babilonia. Ancora una volta furono i persiani, che questa volta causarono una mancanza d’acqua piuttosto che un’alluvione. Il re persiano Ciro il Grande fece cadere il livello del fiume Tigri in modo che le sue truppe potessero entrare nella città fortificata e devastarla. Bauer scrive: 

Ciro, rendendosi conto che ci sarebbero voluti mesi se non anni per affamare i difensori di una città così grande e ben rifornita, ha formato un altro piano. Xenophon [un antico storico greco] lo spiega: il Tigri, che scorreva attraverso il centro di Babilonia, era più profondo dell’altezza di due uomini. La città non poteva essere facilmente allagata, grazie ai rinforzi di Nabucodonosor, ma Ciro aveva in mente un’altra strategia. Aveva trincee scavate lungo tutto il Tigri, a monte della città, e durante una notte oscura fece aprire ai suoi uomini contemporaneamente tutte le trincee. Deviato lontano dal suo corso principale in molte direzioni, il livello del Tigri che scorreva attraverso la città affondò in una sola volta, tanto che i soldati persiani poterono marciare attraverso il fango del letto del fiume, sotto le mura della città. L’unità d’assalto principale saliva fuori dal letto del fiume all’interno della città di notte, coperta di fango, e incespicava per le strade, urlando come se fossero dei festaioli ubriachi, finché non raggiunsero il palazzo e la presero d’assalto … Le porte furono aperte dall’interno. Il resto dei Persiani entrò e la città cadde.

Alla fine del primo secolo, Erik il Rosso fu apparentemente costretto a lasciare la natia Norvegia dopo che i suoi seguaci uccisero il suo rivale facendo cadere una frana nella fattoria dell’uomo. 

Alcuni sforzi di guerra geofisica hanno avuto più successo di altri. Intorno al 1210, il mongolo Gengis Khan tentò di inondare il suo nemico con risultati disastrosi. Khan ei suoi uomini stavano tentando di allagare la città fortificata di Xia, capitale di Chung-hsing, danneggiando un vicino ramo del Fiume Giallo. Non ha funzionato. La diga mal costruita ha rotto e allagato invece il campo mongolo. Tanto per l’ingegneria mongola.  

Progetto di GJF MacDonald  

Ora che possiamo vedere tutto questo nel contesto, esaminiamo lo straordinario esemplare di MacDonald. Inizia il suo lavoro con:

Tra i mezzi futuri per ottenere gli obiettivi nazionali con la forza, una possibilità dipende dalla capacità dell’uomo di controllare e manipolare l’ambiente del suo pianeta. Una volta raggiunto, questo potere sul suo ambiente fornirà all’uomo una nuova forza in grado di fare danni grandi e indiscriminati. La nostra attuale comprensione primitiva dei cambiamenti ambientali deliberati rende difficile immaginare un mondo in cui si pratica la guerra geofisica. Un mondo del genere potrebbe essere quello in cui le armi nucleari sono state effettivamente bandite e le armi di distruzione di massa sono state quelle della catastrofe ambientale. In alternativa, posso immaginare un mondo di stabilità nucleare derivante dalla parità in tali armi, reso instabile dallo sviluppo di una nazione con una tecnologia avanzata in grado di modificare l’ambiente della Terra. O le armi geofisiche possono far parte dell’arsenale di ogni nazione. Come argomenterò, queste armi sono particolarmente adatte per guerre segrete o secretate. 

Ora parlando un po’ di geoingegneria! MacDonald continua: 

La chiave per la guerra geofisica è l’identificazione delle instabilità ambientali a cui l’aggiunta di una piccola quantità di energia rilascia enormi quantità di energia. L’instabilità ambientale è una situazione in cui la natura ha immagazzinato energia in una parte della Terra o in un ambiente molto superiore a quello che è normale. Per innescare questa instabilità, l’energia richiesta potrebbe essere introdotta violentemente da esplosioni o delicatamente da piccoli pezzi di materiale in grado di indurre cambiamenti rapidi agendo come catalizzatori o agenti nucleanti. Il meccanismo per lo stoccaggio di energia potrebbe essere l’accumulo di ceppo per centinaia di milioni di anni nella Terra solida, o il super-raffreddamento del vapore acqueo nell’atmosfera da parte di impianti di risalita che si svolgono nell’arco di alcune decine di minuti. Gli effetti del rilascio di questa energia potrebbero essere in tutto il mondo, come nel caso di cambiamenti climatici o regionali, come nel caso di terremoti localmente eccitati o precipitazioni maggiori. 

MacDonald qui, sta scrivendo sul cosiddetto ‘effetto farfalla’. L’idea che un intervento climatico relativamente piccolo possa avere un effetto tremendo sul tempo in seguito è centrale per il Progetto New Manhattan ed è stato ripetuto molte volte. 

Successivamente, sotto il titolo di “Weather Modification”, MacDonald fa i frequenti confronti tra il potere delle tempeste e delle bombe atomiche, scrivendo: “Le quantità di energia coinvolte nei sistemi meteorologici superano di un considerevole margine la quantità di energia sotto il diretto controllo dell’uomo. “Questo è sufficiente per far sì che un drogato paranoico medio cominci a sbavare. 

MacDonald ripercorre poi la fisica dell’atmosfera in relazione ad alcune evidenti attività di modifica del clima. Come in questa parte, gran parte del pezzo di MacDonald è puro punto di discussione e disinformazione della CIA (Central Intelligence Agency). L’autore ha visto questi tipi di escrementi della CIA centinaia di volte. Dopotutto, come accennato in precedenza, MacDonald era un seguace della CIA. Non solo è stato presidente del loro summenzionato Comitato MEDEA, ma è anche stato il collegamento della CIA con il suddetto gruppo Jason. 

MacDonald non usa mezzi termini quando suggerisce che un uragano potrebbe essere usato come arma. Egli scrive che “un uragano controllato potrebbe essere usato come arma per terrorizzare gli avversari su parti sostanziali del mondo popolato”. Sì! Amavano questo nel Pentagono! MacDonald sicuramente li amava anche lui. 

Sotto il prossimo titolo di “Climate Modification”, MacDonald ripassa alcune nozioni di base della fisica atmosferica, quindi afferma la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi della geoingegneria Solar Radiation Management che prevede la dispersione della luce solare nello spazio con l’uso di particelle atmosferiche disperse. Questo, afferma MacDonald, può salvarci dal temuto riscaldamento globale catastrofico. Per fare questo, MacDonald suggerisce di usare razzi, non aeroplani, ma l’idea è la stessa. Questo è ciò che fanno tutti i geoingegneri; affermano la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi di geoingegneria SRM. Direttamente dallo stabilimento, hanno la soluzione per il loro presunto problema. Ti costerà solo un po’ di soldi. Ricorda la Mano Nera che dice a un negoziante locale che, a meno che non paghi, il suo edificio potrebbe bruciare. 

Quindi suggerisce che la creazione di un buco nello strato di ozono della Terra potrebbe essere un’arma efficace che potrebbe essere “fatale per tutta la vita”. Interessante. Superando anche quello, allora ipotizza che l’uomo possa progettare il sole. Scrive che “tecniche avanzate per lanciare missili e scatenare grandi esplosioni” potrebbe fare la differenza. Poi si inizia a usare esplosioni di bombe atomiche per far scivolare le calotte polari nell’oceano, provocando così una tremenda ondata di marea. A completare la cavalcata della pazza scienza di MacDonald, l’autore scrive (tra le altre cose) di bombe nucleari utilizzate per innescare terremoti, che a loro volta potrebbero creare maremoti che sarebbero “catastrofici per qualsiasi nazione costiera”.  

Dopo aver ipotizzato che i fulmini potrebbero essere geoingegnerizzati, MacDonald scrive anche di usare l’atmosfera terrestre come mezzo di trasmissione per l’emissione di frequenze elettromagnetiche in grado di alterare la mente umana. Citando alcune delle ricerche attuali dell’epoca, osserva che questo tipo di attività potrebbe “seriamente compromettere le prestazioni cerebrali in popolazioni molto vaste in regioni selezionate per un periodo prolungato”. Scrive che “la perturbazione dell’ambiente può produrre cambiamenti in modelli di comportamento. “A completamento di questa sezione, afferma coraggiosamente che “non importa quanto profondamente inquietante sia il pensiero di utilizzare l’ambiente per manipolare il comportamento a vantaggio nazionale, la tecnologia che consente tale utilizzo molto probabilmente si svilupperà nei prossimi decenni.”  

Verso la fine, MacDonald scrive: 

Le carenze sia nella comprensione di base dei processi fisici nell’ambiente sia nella tecnologia dei cambiamenti ambientali rendono altamente improbabile che la modifica ambientale sia un sistema di armi attraente in qualsiasi confronto militare diretto nel prossimo futuro. L’uomo possiede già strumenti altamente efficaci per la distruzione. Alla fine, tuttavia, si può usare un mezzo diverso dalla guerra aperta per ottenere un vantaggio nazionale. Poiché la competizione economica tra molte nazioni avanzate aumenta, potrebbe essere il vantaggio di un paese garantire un ambiente naturale tranquillo per sé e un ambiente disturbato per i suoi concorrenti. Le operazioni che producono tali condizioni potrebbero essere eseguite di nascosto, dal momento che la grande irregolarità della natura consente tempeste, inondazioni, siccità, terremoti e maremoti di essere considerati insoliti ma non inaspettati. Una tale “guerra segreta” non deve mai essere dichiarata o persino conosciuta dalle popolazioni colpite. Potrebbe andare avanti per anni con solo le forze di sicurezza coinvolte che ne sono consapevoli. Gli anni della siccità e della tempesta sarebbero stati attribuiti alla natura scortese e solo dopo che una nazione fosse stata completamente prosciugata, si sarebbe tentato un rilevamento armato. 

Il paragrafo precedente riguarda l’uso della guerra geofisica contro i nemici stranieri. Nella sua ultima frase, MacDonald suggerisce che queste tecnologie potrebbero essere utilizzate a livello nazionale. Egli scrive che le questioni politiche derivanti dall’uso delle tecnologie di guerra geofisica “meritano considerazione da parte di studenti seri in tutto il mondo se la società deve vivere comodamente in un ambiente controllato”.   

Le profezie di MacDonald si sono avverate.  

Gordon JF ‘Come distruggere l’ambiente’ MacDonald è, con tutte le indicazioni, insieme a Teller, Vonnegut e altri, una delle chiavi di tutti gli aspetti scientifici dell’attuale New Manhattan Project. MacDonald potrebbe essere il più importante a causa del modo in cui apparentemente ha riunito tutto.  

Gli appunti:

“Come distruggere l’ambiente”, un saggio di Gordon James Fraser MacDonald come apparso nel libro del 1968 Unless Peace Comes, a cura di Nigel Calder, pubblicato da Viking Books, 1968  

Chemtrails Exposed: un New Manhattan Project, un libro di Peter A. Kirby, auto-pubblicato, 2016  

La storia del mondo antico: dai primi racconti alla caduta di Roma, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2007 

La storia del mondo medievale: dalla conversione di Costantino alla prima crociata, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2010 

La storia del mondo rinascimentale: dalla riscoperta di Aristotele alla conquista di Costantinopoli, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2013 

Peter A. Kirby è un ricercatore, scrittore e attivista di San Rafael, CA. Si prega di acquistare il suo libro Chemtrails Exposed: un progetto New Manhattan disponibile esclusivamente su Amazon. 

Il suo prossimo grande articolo “Chemtrails Exposed: The Deep State e il New Manhattan Project” è l’informazione che stavate aspettando e dovrebbe essere pubblicata probabilmente all’inizio del 2019. Per essere tra i primi a sapere, per favore iscrivetevi alla sua mailing list sul suo sito Web peterakirby.com 

Fonte:https://www.activistpost.com/  

®wld

Iniziativa sulla governance e gestione delle radiazioni solari

Un Professore di Harvard dice: quello che la maggior parte della gente chiama “scie chimiche” potrebbe uccidere decine di migliaia di persone 

Ricorda, non farti prendere dal panico! Questi sono problemi che dobbiamo affrontare da un luogo di pace. Rispondere con paura e preoccupazione è completamente inutile. Sì, è un grosso problema, ma i problemi si trasformano in diversi modi. Non è tutto “tristezza e desolazione”, non è tutto buio, ci sono cose meravigliose che accadono su questo pianeta e forze positive al lavoro per aiutare gli attivisti di tutto il mondo.

Senza dubbio viviamo in tempi entusiasmanti, quindi non lasciare che qualcosa del genere ti faccia cadere! Alzati, supera la paura e la tristezza che senti e trasforma quell’energia in una forza positiva. Quando lo fai, aiuti a cambiare il mondo.

Cos’è la geoingegneria? È l’intervento su vasta scala e la manipolazione del sistema climatico globale attraverso vari mezzi, il più popolare sembra stia spruzzando nell’aria sostanze riflettenti via aerei o palloncini per riflettere la luce del sole nello spazio.

Negli ultimi anni, diverse istituzioni accademiche hanno avviato dipartimenti di ricerca di geo-ingegneria. L’Università di Harvard, ad esempio, ne ha recentemente creato uno. Esiste anche il progetto SPICE (Stratosferic Injection for Climate Engineering). SPICE è un progetto di ricerca di geoingegneria finanziato dal governo del Regno Unito che collabora con l’università di Oxford, Cambridge, Edimburgo e Bristol per esaminare ulteriormente l’idea di Solar Radiation Management (SRM).

Recentemente ho pubblicato un articolo su una conferenza tenutasi a Harvard sull’argomento, in cui hanno pubblicato questo rapporto che illustra quali saranno i programmi, le loro potenziali implicazioni, la fattibilità e altro ancora. Puoi guardare alcuni dei relatori alla conferenza qui.

La discrepanza in termini di geoingegneria deriva dall’idea di essere raggruppati nella parola scie chimiche. Chemtrails è un termine usato per descrivere ciò che molte persone hanno visto nei cieli per anni; un percorso di sostanze chimiche che vengono spruzzate dagli aerei in tutto il Nord America. Alcuni sostengono che sono semplicemente delle scie dai motori dell’aereo, ma diverse fonti dicono il contrario, e per loro coprire completamente il cielo nel corso della giornata e non sparire mai, ha anche sollevato il sospetto tra coloro che stanno prestando attenzione.

Nondimeno, un articolo del dottor Rose Cairns, PhD., Che appartiene alla Scuola di Terra e Ambiente dell’Università di Leeds, pubblicato nel giornale geofisico peer-reviewed intitolato “Climates of suspicion: ‘chemtrail’ narrazioni di cospirazione e la politica internazionale di geoingegneria” descrive gli sviluppi nel discorso accademico e politico mainstream riguardo alla geoingegneria, e come la modificazione del clima, anche discussa dai cittadini del mondo (che usano il termine “scie chimiche”), sta avendo effetti devastanti sull’ambiente e sulla salute in tutto il mondo. Secondo il suo articolo:

“Comprendere le emergenti politiche della geoingegneria e prendere in seria considerazione l’importanza della partecipazione pubblica richiede una comprensione dell’intero panorama discorsivo attorno alle idee del controllo climatico globale – comprese idee marginali come quelle sostenute dagli attivisti delle scie chimiche. Ignorare o respingere questi discorsi in maniera patologica o paranoica significa ignorare le intuizioni potenzialmente rivelatrici della politica emergente della geoingegneria.” (Fonte)

Cairns menziona anche che:

“Questa analisi suggerisce una serie di modi in cui la narrativa delle scie chimiche può contenere importanti intuizioni e implicazioni per la politica emergente della geoingegneria che non può essere liquidata come” paranoica “o” patologica”.” (Fonte)

Questo potrebbe essere il motivo per cui così tante persone nel corso degli anni, anche molte celebrità come Prince, stanno parlando di scie chimiche, perché ci sono ampie prove che suggeriscono che questi programmi sono già operativi.

“Negli ultimi anni si è assistito a un calo del sostegno alla ricerca di modifiche meteorologiche e alla tendenza a passare direttamente a progetti operativi.” – World Meteorological Association 

L’evoluzione collettiva ha pubblicato diversi articoli su questo fenomeno e molti di essi forniscono le prove di cui sto parlando. Se sei interessato a saperne di più, puoi consultare gli articoli seguenti:

La principessa saudita e membro della famiglia reale afferma che la geoingegneria “è un’arma di distruzione di massa”.

Il cielo sta per essere spruzzato di particelle tossiche in un esperimento di Geoingegneria – Blocco della luce solare

Il dott. Michio Kaku, scienziato, ammette il controllo del tempo del governo su CBS News

Il direttore della CIA dichiara, a porte chiuse, il suo supporto alla geoingegneria (spruzzare le particelle nell’atmosfera)

Se pensi che queste siano solo “scie”, ripensaci: ecco cosa sono realmente

David W. Keith è uno degli scienziati coinvolti in questa iniziativa, ed lo è stato per molto tempo. È professore di fisica applicata presso la Scuola Paulson di ingegneria e scienze applicate (SEAS). È anche professore all’Università di Harvard e presidente di Carbon Engineering.

La sua ricerca, che è anche citata nella relazione di Harvard di cui sopra, include un sacco di lavoro sulla valutazione e la politica della tecnologia legata al clima. Alla domanda sulla spruzzatura di questi metalli pesanti nell’atmosfera, di cui dovrebbero essere utilizzati milioni di tonnellate, ha detto questo:

“Si può finire per uccidere decine di migliaia di persone l’anno come risultato diretto di quella decisione.”

http://www.collective-evolution.com/

*********************************

La geoingegneria potrebbe distruggere tutti noi: gli scienziati isterici del cambiamento climatico ora stanno cercando di smorzare il sole attraverso il pianificato inquinamento atmosferico 

di: Ethan Huff 

(Natural News) Ricordate quando la semplice menzione delle “scie chimiche” in pubblico fu immediatamente abbattuta dai sapienti scienziati come una “teoria del complotto” stravagante senza basi nella realtà? Bene, alle chemtrails è stato dato un nome ufficiale – la geoingegneria – e anche i media mainstream ora lo ammettono apertamente che sono reali e vengono usati per combattere i “cambiamenti climatici”.

Scienziati provenienti da paesi in via di sviluppo come il Bangladesh, la Cina, l’India e la Tailandia stanno studiando attivamente come le scie chimiche possano essere utilizzate per “attenuare” i raggi solari ponendo uno strato chimico tra loro e la terra. Sostengono che bloccare artificialmente la luce solare naturale per raggiungere la superficie terrestre è preferibile affrontare un presunto imminente disastroso aumento delle temperature globali – che è la vera teoria del complotto, per ironia della sorte.

Anche se non c’è alcuna prova credibile a suggerire che il “riscaldamento globale” sia anche una cosa reale, si spendono molti soldi per capire come fermarlo, evitando che la luce del sole si allontani dagli umani. La cosiddetta “geoingegneria solare” è ormai una cosa reale, poiché i ricercatori sottoposti a lavaggio del cervello in tutto il mondo cercano di creare artificialmente un effetto atmosferico simile agli strati di cenere che eruttano da un grande vulcano.

In altre parole, facendo esplodere il cielo con tutti i tipi di prodotti chimici progettati per impedire alla luce solare di raggiungere la terra, questi presunti “scienziati” credono di poter prendere il controllo delle temperature globali e impedire loro di diventare troppo caldi. A sua volta, questo apparentemente creerà l’utopia globale che i fanatici del cambiamento climatico immaginano – senza il sole.

“I paesi in via di sviluppo devono condurre ricerche sulla geoingegneria solare”, si legge in un commento scritto da 12 cosiddetti “studiosi” che è stato recentemente pubblicato sulla rivista Nature.

“L’idea generale (della geoingegneria solare) è piuttosto folle ma sta gradualmente prendendo piede nel mondo della ricerca”, ha commentato l’autore principale Atiq Rahman, capo del Bangladesh Center for Advanced Studies.

Gli sciocchi pseudoscienziati che cercano di bloccare il sole finiranno per uccidere milioni di persone esacerbando la carenza di vitamina D 

Forse non sorprendentemente, l’impeto dietro questa massa di lavaggio del cervello da parte di scienziati provenienti da alcuni dei paesi più poveri del mondo sono massicce infusioni di denaro dall’Occidente. Un progetto di ricerca di $ 400.000 noto come Solar Radiation Management Governance Initiative (SRMGI) è dietro la spinta per questo tipo di ricerca, e il sostegno è Open Philanthropy Project, una fondazione guidata da Dustin Moskovitz, uno dei co-fondatori di Facebook.

Secondo Rahman, il progetto prevede di indagare su come gli aeroplani potrebbero essere usati per spruzzare nubi artificiali contenenti “zolfo riflettente” nell’atmosfera – il che è esattamente ciò che gli attivisti di chemtrail avvertono da molti anni.

“La tecnica è controversa, ed è giusto così”, spiega il commentario. “È troppo presto per sapere quali sarebbero i suoi effetti: potrebbe essere molto utile o molto dannoso.”

Nel frattempo, nemmeno uno di questi pseudoscientifici hack sta considerando anche il fatto che bloccare in modo intenzionale la luce solare naturale inciderà sullo stato della vitamina D in gruppi di popolazione in tutto il mondo. Il principale mezzo attraverso il quale gli esseri umani ottengono la vitamina D che sostiene la vita viene dal sole, dopotutto – e i raggi ultravioletti B (UVB) che lo generano sull’impatto con la pelle umana saranno una cosa del passato se questi folli umani cercano di giocare a Dio sono efficaci nel realizzare i loro sogni di scie chimiche globali.

A proposito, questo sta già accadendo a causa della bufala della protezione solare.

A dire il vero, le scie chimiche vengono già spruzzate giorno dopo giorno in tutto il mondo, all’insaputa di miliardi di persone. Ma coloro che stanno dietro questa follia stanno finalmente uscendo allo scoperto ammettendo apertamente ciò che stanno facendo – il che significa che è tempo che gli individui informati di tutto il mondo prendano una posizione coraggiosa nell’aumentare la consapevolezza della follia di cercare di eliminare il sole dall’equazione dell’esistenza umana.

Leggi Geoengineering.news per una maggiore copertura delle scie chimiche e altri tentativi di geoingegneria.

Le fonti per questo articolo includono:  Reuters.com  NaturalNews.com

https://www.naturalnews.com/

®wld

Planet X / Nibiru Segni sfacciati della sua venuta

Il Messaggiero – Planet X / Nibiru Segni sfacciati della sua venuta, scudi solari e divulgazione binaria mainstream

Il tema dei pianeti ribelli, delle oscure stelle binarie, o solo del pianeta X e tutta la recente discussione sui cicli della catastrofe, dopo essere stati così a lungo tabù, non è una coincidenza da trascurare. Per decenni il tema del Pianeta X è stato ai margini persino dalle comunità di cospirazione, e ora guadagna terreno nelle agenzie di stampa apparentemente credibili. L’evidenza empirica e circostanziata di questo improbabile sistema binario canaglia che passa per la terra durante la tua vita può, all’inizio, quando l’ego umano è involuto, apparire minimo. Eppure, con ulteriori indagini, le prove di imminenti e terribili cambiamenti sono assolutamente immensi e i segnali, per la minoranza risvegliata in grado di ricrearli, sono stati testati in tutto il mondo settimanalmente.

Proprio la scorsa settimana l’Europa orientale era disorientata da strane, puzzolenti “nevi arancioni”.

https://globalnews.ca/news/4105977/orange-snow-europe/

Un terremoto a 500 miglia di profondità ha scosso la Bolivia e le Ande

http://newsinfo.inquirer.net/979757/6-8-magnitude-powerful-deep-earthquake-strikes-bolivia-usgs

Sembra che ogni giorno un nuovo vulcano stia eruttando in questi giorni e abbia avuto eruzioni dall’Isola della Riunione e dal Giappone, con segnalazioni di vulcanismo sotto la piattaforma di ghiaccio dell’Antartide!

http://abcnews.go.com/International/lightning-japans-called-james-bond-volcano/story?id=54261603

http://strangesounds.org/2018/04/antarcticas-ice-sheet-is-melting-ocean-water-volcanoes-hot-spots.html 

C’è uno sforzo sottile ma concertato da parte del mainstream per desensibilizzare e divulgare il soggetto del Pianeta X al pubblico. E per trollarlo, ridimensionarlo e creare una quantità di generale confusione, incredulità e dibattito. Fino a quando si verifica un evento o si verifica un avvistamento di massa. Le prove fotografiche continuano a nascondere in modo visibile il sistema planetario alla tecnologia avanzata per l’occultamento. (Guarda il video qui sotto e le immagini)

Se fosse semplicemente un riflesso dell’obiettivo, il mainstream avrebbe scritto articoli satirici, graffianti o informativi sull’argomento? Sono costretti a confrontarsi e divulgare il soggetto, nel loro modo “mainstream”, perché milioni di immagini, anomalie e luoghi sconcertanti vengono visti in tutto il mondo, quasi ogni giorno!

Recentemente uno scienziato che ha lavorato per l’USGS, ha dichiarato pubblicamente al mondo che la NASA ha coperto il ritorno del Planet X per 30 anni o più.

http://www.ibtimes.sg/nasa-covering-existence-nibiru-over-30-years-says-former-usgs-scientist-25713

https://www.dailystar.co.uk/news/weird-news/691097/nasa-nibiru-2018-planet-x-earth-news-cover-up 

Solo pochi giorni fa centinaia nel Regno Unito hanno notato che il cielo notturno è diventato di un blu inquietante

https://www.dailystar.co.uk/news/weird-news/693853/aliens-ufo-spotting-united-kingdom-oxfordshire-cambridgeshire-weird-news

Anche l’International Business Times chiede: “È l’approccio di Nibiru?”

http://www.ibtimes.sg/strange-blue-lights-uk-skies-baffle-residents-25745

E giorni prima l’IBT aveva discusso della presenza di Rogue Systems quando un oggetto è stato individuato sul feed della fotocamera ISS.

 http://www.ibtimes.sg/red-giant-spotted-iss-live-feed-nibiru-claim-conspiracy-theorists-25602

Altre fonti mainstream stavano discutendo l’argomento dei sistemi binari, in effetti molto rilevanti, e tutte le fonti principali sostenevano che l’asteroide interstellare “Oumuamua” (Oumuamua corsivo mio) provenisse da un sistema binario del genere. Ci vuole solo una piccola quantità di pensiero critico per legarlo direttamente al sistema binario visto nelle immagini e nei video sottostanti.

http://www.astronomy.com/news/2018/03/interstellar-asteroid-oumuamua-came-from-binary-star-system

https://thevarsity.ca/2018/04/03/interstellar-object-oumuamua-likely-came-from-binary-stars/ 

Lo sforzo di divulgazione continua e persino quegli straccioni da strapazzo come la Popular Mechanics hanno un peso con un articolo sulla possibile vita nelle nuvole di Venere. Chi potrebbe indovinare!

https://www.popularmechanics.com/space/solar-system/a19672527/scientists-propose-craft-to-search-clouds-of-venus-for-life/

https://gizmodo.com/dark-splotches-on-venus-could-be-signs-of-life-1824264313 

La scorsa settimana abbiamo sentito che ammettono di aver partecipato alla geoingegneria solare. Solar Shield, un film 50000 volte più sottile di un pelo nell’atmosfera. L’uscita del mainstream di questo scudo solare ha fatto appena un’increspatura nei titoli, sebbene spiegherebbe le linee dirette viste nelle telecamere australiane sul video qui sotto … quindi penso che questa sia una sorta di rivelazione

https://www.theguardian.com/global-development/2018/apr/05/scientists-suggest-giant-sunshade-in-sky-could-solve-global-warming

https://www.engadget.com/2018/03/27/floating-calcium-sun-shield-could-protect-the-great-barrier-re/

http://www.straitstimes.com/asia/australianz/ultra-thin-sun-shield-could-protect-australias-great-barrier-reef

http://www.dw.com/en/australian-scientists-develop-sun-shield-that-could-protect-great-barrier-reef-from-rising-temperatures/a-43170751 

Sotto: Dalle webcam australiane si vede una linea, ancora e ancora nel cielo vicino al sole. Lo scudo solare è già installato?

L’editoria tradizionale di quello che una volta era un argomento tabù, aggiunge peso alle sconcertanti anomalie che vengono viste e sentite, sulla terra e nei cieli. Quando ci si prende il tempo di esaminare il cielo e le webcam da tutto il mondo, inizia a comparire un’immagine inquietante.

I segni sono lì per chiunque a gli occhi per vederli. I segni di occultamento e della tecnologia che interrompono la luce del sole e il cielo. Non è un bagliore dell’obiettivo, anche se potremmo desiderarlo che lo fosse, e non può più essere rappresentato come una folle teoria della cospirazione.

Il Sistema Planet X è nella coscienza tradizionale e, come mostrano le sorprendenti immagini al di sotto dei corpi planetari craterizzati dalla rotazione e rotando, non sono ancora andati via.

Preparati finché puoi, nel caso in cui …

Sotto: ciò che sembra essere una “luna” che ruota velocemente nel sistema binario

Sotto: Il colore dell’arcobaleno e la linea retta suggeriscono che la tecnologia è al lavoro e copre l’oggetto in questa immagine dall’Australia

Sotto: Dall’Alaska emerge un grande e piccolo pianeta

Fonte: http://beforeitsnews.com/

®wld