Archivi tag: Filosofia

Castaeneda alla scuola degli stregoni brujos

L’ultima intervista di Carlos Castaneda

di Cesare Medail, giornalista del Corriere della Sera e autore del libro “Le Piccole Porte” edito da Corbaccio (fuori catalogo)

“Los Angeles. Che fine ha fatto Castaneda? Perché è sparito? E’ prigioniero? Si è suicidato? E’ morto vent’anni fa su un pullman messicano? Sono veramente suoi gli ultimi libri? Queste e altre fantasie sono fiorite attorno all’antropologo di origine peruviana divenuto scrittore di culto attorno al ’68, dopo aver raccontato i propri anni di full immersion nella stregoneria messicana; un mistero alimentato dalla sua effettiva sparizione dalla pubblica scena, oltre che dall’ assenza di foto (salvo una che lo ritrae studente) e di registrazioni audio e video.

Carlos Castaneda, settantadue anni, si è materializzato sulla porta di un piccolo ristorante francese, il Moustache Café di Westwood, il volto seminascosto da un berretto nero ben calcato in fronte. Dopo un mese di fax e telefonate con i suoi agenti, rinvii e un contrordine dell’ultima ora, Castaneda era lì, il 12 novembre 1997, per concedere una delle rarissime interviste della sua vita al riparo dei mass media, la prima, dopo decenni, a un giornale europeo. Non alto, asciutto, carnagione bruna, capelli grigi e lisci, un po’ arruffati, occhi scuri in moto perpetuo, volto capace di modulare espressioni più varie come i comici del muto.

Stiamo a tavola quattro ore, lui quasi non mangia ma si produce in un crescendo di umorismo e filosofia, parole di saggezza e scherzi con le due compagne, Talia Bey, presidente di Cleargreen, società che cura le iniziative che lo riguardano, e Florinda Donner, una delle tre antropologhe che lo hanno seguito nelle esperienze vissute tra i brujos, gli stregoni del Messico.

Mentre cercava una via di fuga dall’America opulenta, la cultura alternativa, uscita dalle ceneri della protesta degli anni Sessanta, fu stregata dai suoi racconti. Nel 1973, Time gli dedicò la copertina. La gloria durò fino alle metà degli anni Settanta, quando scattò una campagna di denigrazione accademica a colpi di saggi dove il suo nome era inesorabilmente accompagnato dal termine hoax, truffatore…

Ma che cosa avevano di eversivo quei libri venduti a milioni di copie? Trasmettevano un sapere che sgretolava la compattezza del mondo empirico: don Juan Matus, lo stregone del deserto di Sonora incontrato alla stazione degli autobus di Nogales (Arizona) divenuto un mito letterario, gli impartì un tirocinio di tredici anni prima usando la droga, poi semplici gesti per fargli sperimentare quei livelli di realtà che presto divennero un miraggio per chiunque in America coltivasse gli “stati alterati di coscienza”. L’anatema accademico non fermò l’uscita dei suoi libri, ma di lui si persero le tracce.

“Non sono affatto sparito” protesta Castaneda. “Solo che per molti anni non c’era modo di contattarmi, dato che ero a coltivare giardini sulle montagne del Guatemala, una terra dalle tradizioni vicine ai brujos messicani”. Certo in quegli anni Castaneda non si limitò a fare giardinaggio ma approfondì le tecniche di quegli stregoni che non sapevano ben maneggiare l’enormità delle conoscenze ereditate nei secoli. In segreto. Castaneda in quegli ultimi anni cercò di divulgare gli straordinari insegnamenti che aveva appreso prima che andassero perduti per sempre… Qual’era l’intento dei brujos? “L’intento, lo scopo ultimo – continua Castaneda – è la libertà che si raggiunge tramite la consapevolezza dell’essere: non è solo questione di benessere psicofisico.

Per i brujos, noi siamo come una città assediata da un Predatore molto speciale che fa parte dell’universo: è una forza invisibile che loro riescono a vedere fisicamente, mentre divora la nostre energia. Il Predatore ci toglie la consapevolezza di essere tutt’uno col fluire dell’universo: e ci lascia in balia dell’Ego, prigionieri dell’egomania e per questo infelici. Ridistribuendo l’energia bloccata con i giusti movimenti, i passi magici possono fermare il Predatore, favorendo la crescita della consapevolezza e l’espandersi della percezione. E’ a questo punto che i praticanti sono in grado di accedere a mondi inimmaginabili”.

Ma quei mondi sono reali o si tratta di una finzione letteraria, o di un prodotto del subcosciente stimolato dalle pratiche dei brujos e dalle droghe?

“Alla scuola degli stregoni ho avuto percezione di mondi concreti e pericolosi, talmente concreti che ti attraggono e talora non ti fanno uscire, Sono certo che non sono prodotti dalla psiche perché, in tali esperienze, le situazioni si possono fissare, ripetere in modo sempre identico: al contrario le visioni indotte dal subcosciente sono cangianti, mutano di continuo. In quanto alle droghe, don Juan me ne ha propinate molte, e fortissime. Per questo ho lo stomaco ridotto così male: prendo un goccio di caffè, che già mi sento in colpa! Allora ero prigioniero del buon senso, quadrato, testardo, perché mi avevano educato persone vecchie di mente, piene di pregiudizi, paurose del nuovo. Le droghe di don Juan hanno scardinato questo mondo: per entrare nel suo bisogna essere fluidi, senza idee precostituite e soprattutto senza paura dell’ignoto. Poi non c’è stato più bisogno di mescalito”.

Certo, le esperienze che Castaneda aveva tentato di trasmettere non erano, a suo dire, riconducibili ad alcuna categoria del mondo civilizzato; potevano risultare incomprensibili, ma certamente minavano la fede nel mondo visibile come unica possibilità dell’essere, la fede nella “fasciatura aderentissima che ci stringe vietandoci di percepire i soffi di realtà diverse e maggiori”, come scrive Zolla nel saggio Il letterato e lo sciamano. Ma proprio qui stava il punto, il nodo irrisolto dei racconti castanediani come di tutta la letteratura visionaria. I mondi visitati e descritti da Carlos erano concreti, reali oppure soltanto il prodotto di uno stato allucinatorio, favorito prima dall’uso di droghe e poi dalle pratiche dei brujos? La questione poteva riguardare la sua iniziazione nei deserti messicani così come le esperienze dei mistici, dei veggenti, dei grandi sognatori d’ogni tempo. Di fronte ai miei dubbi, Castaneda mi parlò di Tonal e Nagual, spiegando che il primo corrispondeva alla realtà fisica coma la conosciamo, mentre il secondo è l’”altra possibilità dell’essere”, sperimentabile solo da chi impara a vedere “oltre l’apparenza”.

A questo punto provai a insistere sull’”altra possibilità dell’essere” (l’intervista era finita ma lui mi sollecitava: “Chiedi, chiedi non so se sarò ancora qui quando tornerai”; sarebbe morto sei mesi dopo). In altre parole gli domandai: che cosa si intravede dalla porticina della visione, aperta nel grande portone del mondo ordinario? Castaneda mi rispose che i brujos potevano vedere gli uomini come conglomerati di energia, come una sorta di sfere tenute insieme da filamenti luminosi che le attraversano e si diramano all’infinito. In ciascuna sfera essi vedono energia rafferma, inutilizzata, che riescono a sbloccare, a ridistribuire nel corpo, attraverso pratiche molto semplici, magari con un colpetto in un punto particolare, sulla scapola del discepolo.

L’allievo dello stregone insisteva sull’unicità dell’insegnamento dei Nagual, che non sarebbe comparabile in nulla alle tradizioni religiose o alle scuole iniziatiche d’Oriente e d’Occidente. Io stesso percepivo quei discorsi come alieni. Tuttavia quelle ”uova” luminose, poco a poco, mi diventavano familiari: pensavo alle mandorle di luce nelle quali i pittori racchiudevano i santi, alle sfere di Bosch, alle aure fiammeggianti di certi bodhisattva o di figure sacre dell’induismo.

La suggestione di quei discorsi mi spinse ad andare oltre, a chiedere per esempio che cosa si aspetta un Nagual dopo la fine del corpo. In particolare pensavo all’episodio del “salto nell’abisso” che più di ogni altro fa a pugni con la ragione nella saga di Castaneda. Don Juan si getta in un burrone e scompare, almeno dal nostro piano di realtà; ma la prova decisiva per diventare Nagual esige che anche Carlos, con tre discepoli, vi si lanci. Ciò avviene senza che si sfracellino: la violazione dell’ordine naturale è palese. In proposito Zolla cita l’ascesa di San Paolo al Terzo Cielo: “Fu col corpo? O non con il corpo? Non lo so si chiese l’apostolo”; e Castaneda gli fa eco:

“Saltammo con il corpo o con l’immaginazione allucinata nel vortice dell’energia pura? Non lo sappiamo”. Carlos non ha una risposta ma ricorda che da quell’esperienza uscì radicalmente mutato quanto a percezione sottile, capacità visionaria e potere di interagire con la materia delle visioni. D’altra parte, nessun mistico dispone delle parole necessarie a descrivere l’indicibile dell’esperienza estatica. Alla domanda su che cosa aspettasse gli stregoni dopo la morte, Castaneda scoppiò in una risata accusandomi di usare la mia logica per un sistema assolutamente prelogico. Ma io insistevo: che fine ha fatto don Juan? Il suo tono cambiò e si fece per una volta grave:

“Alla fine della vita i corpi degli stregoni bruciano dall’interno prima di sparire come un soffio d’aria e trasformarsi in energia pura dotata di consapevolezza”.

In fondo, mi dissi, si tratta del cambiamento di stato di un essere che mantiene coscienza di sé oltre il trapasso: concetto della sopravvivenza alla morte non troppo diverso da quanto concepito da filosofi, teologi, religiosi di ogni tempo e cultura. Ma “dopo”, domandai, che cosa avviene di quell’energia consapevole nella quale il corpo si trasforma e che sopravvive a esso? E Carlos:

”Alla fine della vita non ci aspettano né paradisi né inferni, né reincarnazione, né nirvana. Il vero premio è continuare la lotta per acquisire sempre maggiore consapevolezza in altri livelli di realtà, concreti, dove si può nascere, vivere e morire; e dove il corpo, nella sua nuova forma, è atteso da nuove sfide e non sfide: La lotta continua: ed è una visione tremendamente congrua con le moderne teorie sulla natura dell’universo”.

Alle ultime parole Castaneda diede molta enfasi, battendo il pugno sul tavolo. L’idea di vari livelli di realtà (che don Juan paragona agli strati di una cipolla) può anche ricordare le molteplici dimensioni dell’universo (o multiverso) concepite dalla fisica moderna; ma soprattutto ricorda quanti in Occidente hanno ipotizzato vari gradi o livelli dell’essere, da Giordano Bruno alla purificazione attraverso esistenze successive (sulla terra ma anche in mondi superiori) degli orientali. L’uomo-mago di Bruno non è in balia della natura mutante ma può padroneggiarla per elevarsi e salire, attraverso un lungo e aspro processo di purificazione, i diversi piani dell’essere. Non troppo diverso da don Juan.

Quando lasciammo il Moustache Café, Carlos mi parve molto più vicino di quanto facessero supporre l’estraneità dei suoi racconti alle nostre categorie mentali. Mi aveva aperto una porta su panorami inesorabilmente alieni ma poi, mano a mano che osservavo i particolari e scoprivo riferimenti familiari, avevo avuto l’impressione di ritrovarmi a casa, sia pure arricchito da prospettive e angoli di visuale sovvertiti rispetto alla mia geografia culturale.

Lo stesso Castaneda, nell’accompagnarmi in albergo, manifestava cordialità, mi parlava del film mai girato con Fellini e mi confidò di avere frequentato da ragazzo l’Accademia di Brera, quando era diretta dallo scultore Marino Marini, a due passi dalla mia casa a Milano.

Sulla porta dell’albergo mi abbracciò a lungo: forse sapeva che non ci saremmo più rivisti, in ogni caso avvertivo una commozione imprevista nel discepolo dello stregone. Ripensavo alle “infinite maschere di Dio” di cui parlava il romanziere cristiano Morris West e mi domandavo se almeno una di esse non fosse applicabile a quell’antica tradizione messicana. Ne sapevo troppo poco per rispondere. Sicuramente quelle ore mi avevano dato la possibilità di guardare al pensiero occidentale, alla stessa questione metafisica, al confronto fra culture e tradizioni, da un punto di vista assolutamente eccentrico rispetto alle mie conoscenze. Anche Castaneda era stato una risorsa; ne ero, e ne sono più che convinto.

Estratti dal libro “Le Piccole Porte” edito da Corbaccio (fuori catalogo) di Cesare Medail, giornalista del Corriere della Sera e ricercatore del sacro – tramite il sito di Giorgio Cerquetti, www.cerquetti.org

Ermete Trismegisto: un nome avvolto nel mistero

Chi era Ermete Trismegisto?

Detto di aver creato il CorpettoErmetico, una serie di testi sacri che sono alla base dell’ermetismo, Ermete Trismegisto è un nome avvolto nel mistero.

Molti autori lo associano al dio greco Hermes, così come al dio egiziano Thoth. Thoth, ad esempio, era fortemente associato alla conoscenza. Nella mitologia egizia, Toth plaid un ruolo cruciale nel mantenere l’ordine nel cosmo. Thoth era fortemente associato alla magia, alla scrittura e allo sviluppo della scienza.

Nell’antica mitologia greca, Ermes veniva indicato come il Dio della religione e della mitologia. Fu spesso ritratto come emissario e messaggero degli Dei. Hermes è identificato con il dio romano Mercurio.

Un collegamento egiziano

Ermete Trismegisto è spesso menzionato nella letteratura occulta come saggio egiziano, parallelo al dio Toth che creò l’alchimia e sviluppò un sistema di credenze metafisiche che oggi sono conosciute come ermetismo.

Per molti pensatori medievali, Ermete Trismegisto era un profeta pagano che annunciò l’avvento del cristianesimo.

Corpus Hermeticum: prima edizione latina, di Marsilio Ficino, 1471 d.C., un’edizione appartenuta in precedenza alla Bibliotheca Philosophica Hermetica, Amsterdam. Immagine di credito: Wikimedia Commons.

Tavolette di smeraldo e Sir Isaac Newton

Gli studi di alchimia sono stati fortemente collegati a lui, così come la tavoletta di smeraldo, che è stata persino tradotta dal latino all’inglese di Isaac Newton.

Questa è la traduzione di Emerald Tablet di Isaac Newton. È stato scoperto tra i suoi documenti alchemici attualmente ospitati nella King’s College Library, Università di Cambridge.

È vero senza mentire, sicuro e vero.
Ciò che è sotto è come ciò che è sopra e ciò che è sopra è come ciò che è in basso per fare i miracoli di una sola cosa 

E come tutte le cose sono state e sono nate da una con la mediazione di una: così tutte le cose nascono da questa cosa per adattamento. 

Il Sole è suo padre, la luna è sua madre, il vento lo ha portato nel suo ventre, la terra è la sua nutrice.
Il padre di ogni perfezione nel mondo intero è qui. La sua forza o potenza è intera se convertita in terra. 
 

Separa tu la terra dal fuoco, il sottile dal grossolano dolcemente con la grande industria.
Salita dalla terra al cielo e di nuovo scende verso la terra e riceve la forza delle cose superiore e inferiore. 

Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo e quindi tutta l’oscurità volerà da te. 

La sua forza è soprattutto forza. Perché sconfigge ogni cosa sottile e penetra in ogni cosa solida.  

Così è stato creato il mondo. 

Da questo sono e arrivano ammirevoli adattamenti in cui i mezzi (o processi) sono qui in questo. Quindi sono chiamato Hermes Trismegist, con le tre parti della filosofia di tutto il mondo
Ciò che ho detto dell’operazione del Sole è compiuto e concluso. 

La filosofia è anche fortemente legata a Ermete Trismegisto.

Tuttavia, a causa della mancanza di prove conclusive sulla sua esistenza, la figura storica è stata costruita fittiziamente dal Medioevo fino ad oggi, specialmente dal risorgere dell’esoterismo.

Gli alchimisti europei consideravano la tavoletta smeraldo come il fondamento della loro arte e della sua tradizione ermetica.

Secondo antiche credenze egiziane, gli dei governavano l’antico Egitto prima dei faraoni mortali. Queste divinità alla fine hanno civilizzato le regole mortali trasmettendo loro la conoscenza.

Il dio egizio Thoth era il dio della saggezza e il patrono dei maghi. Era anche il guardiano e il commesso degli archivi che conteneva la conoscenza degli dei.

Clemente di Alessandria stimò che gli Egizi possedessero quarantadue scritti sacri, che contenevano tutti gli insegnamenti dei sacerdoti egizi. Clemente di Alessandria era un teologo cristiano che insegnava alla Scuola di catechesi di Alessandria

Hermes Trismegistus è stato infine accreditato con decine di migliaia di scritti, che erano reputati di immensa antichità. Per esempio, il Timeo e Critia di Platone descrivono che nel tempio di Neith a Sais si potevano trovare innumerevoli sale segrete che custodivano documenti storici che erano stati tenuti lì per almeno 9.000 anni.

La fusione di due dei 

Alla fine, Hermes, il dio greco, e Thoth, la controparte egiziana, furono uniti come uno, diventando il patrono di Astrologia e Alchimia.

L’Asclepio e il Corpus Hermeticum sono i più importanti dell’Hermetica, gli scritti superstiti attribuiti a Ermete Trismegisto.

Alla fine, durante il Rinascimento, molti studiosi vennero ad accettare che Ermete Trismegisto era un contemporaneo di Mosè. Alla fine, questa idea svanì dopo che fu scoperto che gli scritti ermetici furono scritti non prima del secondo o terzo secolo d.C.

Si crede anche da alcuni autori come Sayyid Ahmed Amiruddin che Hermes Trismegisto sia il costruttore delle piramidi di Giza

Altri studiosi propongono una connessione tra Ermete Trismegisto. E il Profeta Muhammad.

Il Profeta Muhammad, che si ritiene abbia viaggiato nei cieli nella notte di Isra e Mi’raj, possa essere un diretto discendente di Ermete Trismegisto, affermano i genealogisti arabi. Ibn Kathir, uno storico molto influente, esegeta e studioso durante l’era mamelucca in Siria, disse:

“Per quanto riguarda Idris … Egli è nella catena genealogica del Profeta Muhammad, tranne che secondo un genealogista … Ibn Ishaq dice che fu il primo a scrivere con la Penna. Ci fu un intervallo di 380 anni tra lui e la vita di Adamo. Molti studiosi sostengono che fu il primo a parlare di questo, e lo chiamarono Tre Ermi-Ermete [Ermete Trismegisto], “- Ismail ibn Kathir (fonte).

Il corpus ermetico

Si crede comunemente che gli Hermetica siano testi di saggezza greco-egizia risalenti al II secolo dC e forse anche più tardi.

Questi scritti sono spesso presentati come dialoghi in cui un insegnante, solitamente identificato come Ermete Trismegisto, illumina un discepolo. I testi sono considerati la base dell’ermetismo. Discutono del divino, del cosmo, della mente e della natura. Alcuni toccano l’alchimia, l’astrologia e concetti correlati.

https://www.ancient-code.com/who-was-hermes-trismegistus/

®wld

L’era degli imbecilli

L’uomo è un animale intelligente che si comporta come un imbecille 

di Umair Haque 13 Marzo 2018 dal Sito web Eudaimonia traduzione di Claudiordali  Versione originale in inglese  

Il mondo sta diventando catastroficamente stupido. Ecco come non farne parte…  

Ci scommetto che in questi giorni, appena dopo aver letto i titoli dei notiziari e dei giornali, scuotendo la testa avrete borbottato qualcosa come:

“Gesù. Viviamo in un’epoca piena di stupidi incredibilmente catastrofici…” 

Non vi state sbagliando affatto.   

Circa un decennio fa, sulla scia della crisi finanziaria, è successo qualcosa. Siccome il mondo si è ritrovato ancora una volta povero, si è cominciato a riscrivere una vecchia storia.   

Da qualche parte dentro al cuore umano, ci fu un’esplosione e uno strano tsunami cominciò a fremere per tutto il globo: un borbottio e un mormorio formato da ogni forma inimmaginabile di stupidità: 

un mix di follia, beata ignoranza, avidità autodistruttiva, disprezzo spericolato e crudeltà ottusa, ha cominciato a sfilare facendosi passare per illuminazione. 

Per cui, ora c’è uno tsunami di imbecillità che sta roteando per il mondo come una bomba termonucleare al rallentatore. I suoi lampi di follia fanno rabbrividire.   

Si vedono le nuvole dell’idiozia che gli fluttuano attorno. Qui di seguito elenco i cinque tipi di stupidità che distruggono il mondo, perché dovete sapere che in questi giorni, il nostro primo compito come esseri umani è quello di non farci trasformare in imbecilli da questa ondata di follia.  

La stupidità Economica, ossia 

  • il nazionalismo 
  • il populismo e 
  • l’austerità, 

…tre parole che abilmente significano la stessa cosa.  

L’idea è che, 

“non ci sono i soldi per pagarla!”, 

…di qualunque cosa si tratti, 

  • mense scolastiche 
  • assistenza sanitaria 
  • istruzione 
  • parchi pubblici 
  • biblioteche 
  • mezzi di informazione 
  • treni… 

Certo che ci sono i soldi.  

Cosa pensate che significano i tassi d’interesse pari a zero?  

Significa che ci sono tantissimi soldi nelle casse del tesoro dell’economia globale; significa che il bottino accumulato dai vari Jeff Bezos e Bill Gates è così enorme che non si sa più dove metterlo.

Non c’è più posto. 

tutti gli yacht, le ville da lusso e i castelli, sono stati già comprati.

Se non c’è nada da comprare, il tasso d’interesse per i prestiti equivale a zilch, ossia niente di niente.  

Interessi zero non significa solo che, 

“la società può avere dei prestiti gratis e dare a tutti l’assistenza sanitaria, l’istruzione, un’entrata e qualcosa da risparmiare”, 

… significa anche che se non si fa così , l’economia andrà dritta verso l’oblio

perché quel denaro continuerà ad accumularsi, anziché servire per fare qualcosa di utile, vantaggioso e necessario.   

Ora, qual è il principale esempio di austerity? L’America, ovviamente…   

Grazie a quattro decenni di gente che ha distrutto e sta stupidamente distruggendo il suo stesso governo, quella stessa gente vive indegnamente: 

non hanno assistenza sanitaria, liquidazione, pensione, formule di salvataggio e quindi, non hanno mobilità, opportunità, stabilità, sicurezza e quindi, abbastanza ragionevolmente, non hanno più speranza e ottimismo, motivo per cui stanno usando delle droghe ancora più pesanti per intorpidire tutto questo dolore. 

Ma, ecco il punto, 

  • il nazionalista dice, 
  • “prima gli americani!” 
  • … che molto ironicamente vuole dire, 
  • “dopo gli altri!” 

È così stupido da investire nella sua stessa società.

Anzi, vuole cacciare i capri espiatori, escludere la minoranza e disprezzare i deboli.

Robert Mueller su Trump “O ha delle palle enormi, o è mostruosamente stupido” Fonte

Non riesce nemmeno a vedere che “noi prima” e “loro dopo” non sono due opposti, ma molto spesso vanno di pari passo in una corsa verso l’abisso. Bah, solo un vero imbecille potrebbe confondersi.  

Quindi, la prossima (la seconda) forma di stupidità è la stupidità sociale…   

La stupidità sociale sta nell’idea che una società possa funzionare senza un contratto sociale. Che la Uber possa sostituire le ambulanze, che gli hyperloop siano in grado di rimpiazzare gli autobus e… qual è la prossima?  

Che i distributori automatici possano sostituire gli ospedali e le scuole, suppongo. 

“Aspetta, Umair!”, non piangere. “Chi potrebbe essere così stupido da crederci? LOL!” 

Ahimè, a quanto pare… c’è pieno…   

E tutti quei partiti estremisti che stanno nascendo in tutto il mondo? Guardano all’America come un esempio, non come un avvertimento.  

Questo è quello che vogliono diventare. Per cui, i pomposi demagoghi che tirano le fila stanno per tagliare i servizi pubblici, decostruire la governance, distruggere il contratto sociale e sostituirlo con varie forme di autoritarismo, cleptocrazia e feudalesimo, che non sanno cosa sia un contratto sociale e un impegno di fedeltà.    

Agli esseri umani ci sono voluti millenni per sviluppare i cosiddetti contratti sociali, eppure eccoci qui: ogni mese torniamo indietro di secoli.   

Ma non sono solo i demagoghi e gli estremisti che esprimono fedeltà in questi giorni, vero? Ho letto un articolo su The Guardian, dove Elon Musk ha detto che per sopravvivere alla prossima guerra mondiale, dovremo colonizzare Marte. Ahahaha LOL.

Elon, amico mio. Forse, sarebbe meglio provare a prevenirla… la prossima guerra mondiale. Sai cosa intendo? Salvare milioni di vite, invece di scappare via mentre si trasformano in polvere radioattiva.  

Ecco la terza forma di stupidità, quella tecnologica.  

Potremo chiamarla tecno-determinismo – è l’idea che le soluzioni ai nostri problemi possano essere progettate, come ad esempio, andare su Marte. Elon non ha affatto considerato che se gli esseri umani guerrafondai vanno su un altro pianeta, tutto ciò che potrebbe succedere sono solo delle guerre mondiali su Marte, Venere e Plutone.   

Non si possono risolvere i problemi umani con la tecnologia.   

Questo è il motivo per cui,

  • Twitter si è trasformato nel più grande cesso emozionale del mondo  
  • Facebook fa un sacco di soldi a spese della democrazia  
  • YouTube è diventato un posto frequentato da ragazzi che vogliono istruirsi e imparare a dovere argomenti come l’omicidio, il bullismo e la tortura, non da ragazzi che vogliono studiare, per esempio, la letteratura rinascimentale e gli acquerelli.

Questa forma di stupidità, il tecno-determinismo, è molto più grande di quanto si possa pensare. 

Fatemi provare a condensarla. Pensate davvero che si possano vedere i problemi umani senza mai leggere un libro, guardare un’opera teatrale, studiare noi stessi e imparare la storia? 

Se ce la fate, congratulazioni. Siete dei tecno-deterministi, solo che non lo sapete. 

Tuttavia, il determinismo tecnologico non sta solo nella sua ricerca furiosa di soluzioni facili, comode e per cui non c’è bisogno di pensare, far delle considerazioni, riflettere o crescere.  

Questo mi porta alla quarta forma di stupidità. Quella culturale.   

La chiamerò salvazionismo.

  • La salvezza è nel mondo che viene, quindi chi ha bisogno di questo?  
  • L’ascesa di demagoghi e uomini forti.

La salvezza, ossia la sicurezza tra le braccia muscolose di papà.  

La nascita di forme bizzarre di pensiero magico, sia di sinistra che di destra, (la versione di destra è la “scienza razziale” e il determinismo genetico, proprio come ai bei vecchi tempi del Nazismo, mentre la versione di sinistra è l’idea che sta urlando Donald Trump su Twitter) stanno effettivamente risolvendo i problemi di povertà, abuso e violenza?   

La salvezza, amici miei…  

Ovunque voltiamo lo sguardo, vediamo della gente che vuole una via d’uscita da quest’epoca. Non dovrà sorprenderci se cercherà la più semplice e la meno dolorosa. Magari quelli che si drogano d’oppio vi fanno ridere, ma son pronto a scommettere che se doveste guardarvi un po’ più attentamente, beh…    

E questo mi porta alla quinta e ultima forma di stupidità.

È la più grande di tutte ed è psicologica. Il rifiuto.   

Rifiutiamo e neghiamo, profondamente e intensamente… più o meno tutto. Prendiamo di nuovo l’America. Solo poche settimane fa, dei bambini sono stati massacrati con una mitragliatrice. La nazione è diventata isterica, ma ora è già tornata a occuparsi dei principali programmi TV.  

Il rifiuto. Nessuno può fingere di non sapere che dei bambini che si massacrano è una cosa terribile, ma ci si può rifiutare di pensarci, no? 

Potrei estendere questo esempio all’infinito, perché le mie prime quattro forme di stupidità sono anch’esse delle forme di rifiuto. 

Il nazionalismo, l’estremismo, la demagogia, la rinascita del nazismo letterale, il salvazionismo, il determinismo e tutte le altre molteplici e folli forme di stupidità che definiscono quest’epoca piena di idioti globalmente catastrofici, sono delle strategie di rifiuto e negazione.  

Negare a qualcun altro i suoi diritti, la sua dignità, una possibilità, un futuro, la propria appartenenza, il proprio sé.   

Cos’è il rifiuto? La scelta di restare ignoranti, una delusione di massa socialmente costruita e una presuntuosa follia riguardo al mondo, l’umanità, la vita e il prossimo. 

Le cose andranno bene, torneranno alla normalità. Al minimo accenno della più piccola e scomoda verità, incrociamo le dita e gridiamo “LA LA LA LA!!”, cambiamo canale velocemente, iniziamo ad odiare chi dice quelle cose e sicuramente non lo seguiamo più.   

Ora che vi ho messo in una posizione da cui non potete muovervi facilmente, eccovi alcune di quelle verità: 

  • Il clima sta cambiando 
  • La disuguaglianza sta aumentando 
  • La vita giovanile è decadente 
  • L’economia globale è allo sfascio 
  • La democrazia sta lentamente svanendo, se non morendo…

Siamo nella merda più profonda come mondo, specie ed esseri umani. Potrei andare avanti.  

Non intendo deprimervi. Scusate, ma non siete così importanti…

Il punto è che non si tratta di voi. Di cosa si tratta allora? Di questo. Tutto quanto. Il pianeta, la società, la democrazia, la vita, persino la vostra.  

La negazione è un modo per mantenere il nostro egoismo, aggrappandoci davvero all’illusione di essere onnipotenti.

“Se lo ignoro abbastanza a lungo, se ne andrà via!!”

Scusate, magari non vi importa molto, ma la grande verità di quest’epoca è proprio questa.   

Se solo ascoltassimo, in questi giorni il mondo ci sta dicendo qualcosa di importante. 

È che non ci importa affatto. Non in questo modo. Durante l’ultimo secolo abbiamo vissuto male e in maniera tutta sbagliata. 

  • Materialismo 
  • Razionalismo 
  • Individualismo 

E che cos’hanno prodotto? 

  • avidità 
  • brutalità 
  • malizia 
  • competizione… 

E queste, invece, cos’hanno prodotto? A livello umano, sotto i festoni e le guglie scintillanti? 

  • solitudine 
  • amarezza 
  • rabbia 
  • furia 
  • paura 
  • invidia 
  • disuguaglianza, stagnazione, immobilità e declino 
  • disperazione, crudeltà e infelicità senza senso. 

Siamo stati noi a scegliere tutto questo.

Questa mancanza di significato. Questa futilità, questo vuoto. L’abbiamo scelto dicendo che non ci importava nulla tranne che la vittoria, la conquista, la crudeltà, il possesso. Non ci importava niente se non avere il potere di non fare niente. 

Amici miei, questa è la definizione di imbecillità.   

Questa è l’era degli imbecilli 

Il punto è fare in modo che ci importi ancora. 

Della società, della democrazia, della prosperità, della vita, del pianeta, del prossimo… 

A quel punto conteremo di nuovo anche noi.   

Ma se non daremo importanza a queste cose, non ne avremo neanche noi. Svaniremo senza essere ricordati, come la polvere nel vento. Piccole creature cieche che pensavano di essere importanti – troppo divertente. Saremo spazzati via dagli oceani in un batter d’occhio e non ci sarà una stella nell’intero universo che verserà una lacrima…   

Questo è il messaggio di quest’epoca, il messaggio del momento, ma temo che non siamo ancora pronti a sentirlo. 

Cosa significa veramente la parola “stupido”?  

Significa qualcosa del tipo: 

“quello che pensavo fosse importante non lo era; quello che pensavo non lo fosse, lo era. Ho fatto tutto al contrario. Bah! Come sono stato stupido.” 

Non descrive forse il punto in cui ci troviamo oggi?  

Abbiamo reso tutto insignificante, tutto un gioco, una gara, un reality show, incluso noi stessi, continuiamo a farlo, e poi ci chiediamo… 

“ferma!! perché la mia vita non va da nessuna parte ?! Perché non conto niente?!” 

Ah, beh… 

… è perché per te niente ha importanza, incluso e partendo da te. Non ne ha il pianeta, la democrazia, la società, la prosperità, i tuoi nipotini e neppure la tua mente, il tuo cuore, il tuo corpo e la tua anima. 

Una persona del genere è un imbecille, una che non riesce a dare un significato al mondo, ma solo a togliergliene. 

E questo perché ingoiano delle menzogne a cui non credono nemmeno i bambini. 

  • La crudeltà è gentilezza 
  • Lascia il tuo vicino per ultimo 
  • Disprezza i deboli 
  • Odia gli stranieri

Queste bugie ci fanno diventare scemi, perché quando le crediamo vere, vale a dire quasi subito, ogni cosa non conta più eccetto i nostri desideri immediati, ma in questo modo niente conta più davvero, per cui alla fine restiamo sconcertati dalla mancanza di significato del nostro mondo, di noi stessi e delle nostre vite. 

Questo qui – dare, ottenere e ricavare dei significati – è un test che serve a vedere se c’è dell’intelligenza e gli esseri umani lo stanno sbagliando clamorosamente.  

Il mondo è stato inghiottito dagli stupidi, che è un modo per dire: 

ogni cosa non significa niente, proprio perché l’unico tipo di potere che desideriamo è il potere di togliere significato alle cose, anziché dargliene. 

Un mondo egoistico che prova piacere nel massimizzare i robot in carne umana, sarà felice di vedere che tutto brucia per un’altra botta di avidità, invidia, potere e odio.   

A questo livello di stupidità, la totale e assoluta mancanza di significato, vale a dire il totalitarismo, è ciò da cui dovrà cominciare il cambiamento, se vogliamo tornare di nuovo alle nostre vere sensazioni…   

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net 

®wld

L’onda temporale zero seconda parte

De stella nova in pedi serpentari

(Ricevo dall’amico Dottor Roberto Slaviero e pubblico)

“Esamina dapprima le parole,
medita tutto cio’ che esse intendono,
le norme fisse allora si palesano.
Se tu pero’ non sarai l’ uomo giusto,
a te il significato non si svela.”
(I Ching)
Tratto dal “Libro dei mutamenti” o “Zhou Yi”, ritenuto il primo dei testi classici cinesi, considerato da Confucio, filosofo cinese (551-479 a.C), un libro di saggezza; viene utilizzato per approfondire aspetti della matematica ed a scopo divinatorio.
 

Per uno dei metodi usati a scopo di oracolo (lancio di 3 monete o uso di gusci di tartaruga), si utilizza anche una pianta ben conosciuta dalle nostre parti, ovvero l’ ACHILLEA, su cui si cercano i responsi dalle sue stele…da cui il nome di Achilleomanzia! 

Dall’I Ching sopra citato, Terence Mc Kenna, estrapolo’ la sua incredibile previsione dell’ “onda temporale zero“, che ho descritto in un mio articolo.

Carl Nilsson Linnaeus (1707-1778) botanico e medico svedese, a cui si deve la classificazione scientifica degli organismi viventi, chiamo’ cosi tale fiore, poiche’ le credenze mitologiche arrivateci dalla Mitologia greca, narrano che Achille, nell’ assedio di Troia, uso’ l’ Achillea per curare le ferite di Telefo, Re di Misia. Telefo era stato ferito dallo stesso Achille, che poi pero’ gli curo’ le ferite…fantastico! 

Achille aveva appreso le virtu’ terapeutiche dell’ Achillea da CHIRONE, il mitico Centauro (uomo- cavallo), figlio della ninfa Filira e del dio Crono, che per conquistarla si trasformo’ in un cavallo.

Chirone fu considerato il piu’ saggio e benevolo tra i Centaurei, esperto soprattutto nelle scienze ed in medicina. Asclepio o Esculapio, che dir si voglia, fu allievo di Chirone, ed era venerato in Grecia come dio della medicina, della guarigione e dei serpenti!

Si narra che Asclepio facesse rivivere i morti e questo non piacque molto ad Ade, dio degli Inferi, in quanto perdeva ingressi di anime morte; Ade chiese cosi a Zeus di intervenire e Zeus intervenne folgorando Asclepio con le folgori prodotte per lui dai Ciclopi, che Apollo, padre di Asclepio, uccidette in seguito.

Per placare le ire di Apollo, Zeus rese Asclepio immortale, tramutandolo nella Costellazione di Ofiuco. 

Johannes von Kepler o Keplero (1571-1630) osservò nel 1604 l’ esplosione di una Supernova in direzione della Costellazione di Ofiuco, l’Asclepio immortalato, e tale Supernova prese il suo nome.  

Fu la seconda Supernova osservata al tempo, dopo quella osservata nel 1572 dal mitico Thyco Brahe nella costellazione di Cassiopea e che prese anch’ essa il suo nome. 

Il simbolo che io porto sul camice, il Bastone di Asclepio, il simbolo dei farmacisti, raffigura ed onora ancor oggi il dio della medicina e dei serpenti.

Perche’ il serpente è il simbolo della conoscenza e della guarigione?

Sinistra: Coppa di Igea. In mezzo: Asta di Asclepio. Destra: Dio greco Asclepio  

A parte il famoso episodio biblico, si narra che a Creta, Asclepio somministroò a Glauco, figlio del Re Minosse, morto poiche’ caduto nel miele, un erba che gli era stata portata dalla bocca di un serpente e che, deposta sul corpo di Glauco, lo fece ritornare in vita! 

Cosi la costellazione di Ofiuco, ovvero di Asclepio immortale, rappresenta un Uomo con un enorme Serpente avvolto attorno alla vita. Il serpente ha inoltre una grande capacita’ di rigenerazione, tramutando la pelle annualmente.

Torniamo alle costellazioni e a Keplero, al quale Thyco Brhae nel 1599, offri un posto come suo assistente, che egli accetto’ nel 1600. Dei due grandi geni, di cui sopra, ne ho parlato in un recente articolo “Come in cielo così in terra  

Nel 1597 Keplero aveva pubblicato il “Misterium Cosmographicum”; ove egli tenta di dimostrare che, attraverso le leggi della matematica e lo strutturamento nella materia dei 5 solidi platonici, Dio ha creato la natura ed il mondo. 

Quindi la situazione del fine 500 e primi 600 vedeva la posizione di Tyhco Brhae, geocentrista convinto, e di cui Keplero fu assistente, con l’ inizio del movimento eliocentrista copernicano-galileiano.

Brhae mori nel 1601 e non pote’ quindi partecipare alle varie prese di posizione sull’ eliocentrismo che culminarono comunque con la condanna ed abiura di Galileo nel 1633 da parte della Chiesa di Roma. Chiesa di Roma che riabilito’ parzialmente il Galileo nel 1822 e comunque solo nel 1992 il Cardinale Poupard, su imprimitur dell’ allora Papa polacco Giovanni Paolo 2o, dichiaro’ che la condanna fu ingiusta.

Due anni prima, nel 1990 l’ allora cardinale Ratzinger, oggi Papa Benedetto XVI, in un discorso tenuto all’ Universita’ Sapienza di Roma, desto’ scalpore citando il filosofo della scienza Paul Fayerabend (1924-1994) , il quale dava un giudizio positivo sulla posizione tenuta al processo Galileo da parte della Chiesa di Roma. 

E quando dico Benedetto odierno Papa, affermo il vero in quanto il nuovo Francesco non si defini’ Papa, ma Vescovo di Roma, quando si presento’ al balcone dopo la fumata bianca; potete controllare facilmente sui video.

A seguito di questa vicenda il Cardinal Ratzinger, divenuto Papa Benedetto, dovette rinunciare all’ inaugurazione dell’ anno accademico 2008 della Sapienza di Roma per le polemiche riguardanti le posizioni sulla teoria eliocentrista o meglio Eliostatica. 

Come vedete non stiamo parlando di situazioni remote, ma di attualita’, direi quasi sconcertante, poiche’ parrebbe che gran parte della Chiesa sia ancor oggi su posizioni geocentriste, sebbene nelle scuole si insegni il Globo rotante, chiamato Terra e ce lo facciano vedere ogni giorno sui Tg; a tale globo si contrappongono pero’ le scritture bibliche della Genesi che parlano di una Terra ferma al centro dell’ Universo e dei 4 ANGOLI DELLA TERRA, che fa supporre una struttura geometricamente NON SFERICA!

Tali Scritture Bibliche sono ancor oggi il cardine del pensiero cristiano-ebraico, sebbene vengano usate a piacere, definendole fatti veritieri se fa comodo, oppure metafore od interpretabili se vanno in verso opposto al pensiero scientifico dominante.

Entro la fine di questo marzo 2018, i ricercatori brasiliani della Dakila Pesquisas presenteranno un documentario che, dopo 7 anni di vari esperimenti eseguiti da cartografi, matematici, geografi ed astronomi dimostra INEQUIVOCABILMENTE che la Terra NON e’ sferica ed esiste un’ altro continente, nascosto a noi, probabilmente al di la della Nuova Zelanda ed Australia, quindi su di un PIANO e non su una SFERA ok! Una Bufala galattica?! 

Vedremo nel prosieguo, anche se la notizia non verra’ certo passata al pubblico dai media manipolati dal potere mondiale…a meno che non si voglia volutamente rilasciare qualche informazione in merito;
infatti oramai la situazione Nasa, Musk, Satelliti etc e’ diventata una farsa mondiale a cui le persone, che fanno un minimo di ricerca, non possono proprio credere.

Il video della Tesla lanciata verso Marte a cui manca lo specchietto retrovisore, che magari evidenzierebbe luci usate in studi di registrazione film, e’ l’ ultima gaf, che e’ pensabile solo se vi e’ in atto una voluta disclousure controllata … sono troppo evidenti certi particolari che non quadrano.

Ricordate che la Nasa fu fondata nel 1958, ed a capo fu messo il barone nazista (ex) Werner Von Braun, inventore della V1 e V2 durante la seconda guerra mondiale. Passato poi con i nemici made in Usa, anzi …

Il Trattato Antartideo, di cui parlo in un mio articolo, fu fatto nel 1959…per nascondere sicuramente qualcosa; infatti la zona Antartidea e’ praticamente militarizzata e non se ne conosce la ragione…?!?! Chi sa la verità sono solo i militari che volano nella Stratosfera! 

Si potrebbe dire … La Farsa è finita..ma non andate in pace … cavolaccio … cosa raccontiamo allora adesso ai 7 miliardi di Sapiens, parrebbe rinchiusi in una prigione chiamata Terra?

Prigione per modo di dire, in quanto è anche fantastica, sebbene venga usata, probabilmente come ai tempi della Mitologia Greca, Sumera, Egizia ed Israelita, da non si sa bene quali PERSONAGGI con tecnologie avanzate, che usano gli umani per farsi guerre tra loro … i cosiddetti DEI dell’antichità! 

Non e’ che per caso vivano in una Terra nascosta… nella famosa ISOLA CHE NON C’E’ … quindi NON in un’ altra dimensione, ma nella NOSTRA dimensione, ed utilizzino la nostra parte della Terra per fare esperimenti genetici od altro…come descritto nella Genesi Biblica…da costola di Adamo>Eva, striscerai per il resto dei tuoi giorni (Qualcuno fatto diventare un serpente), o nella Mitologia greca (Centauri o uomo-cavallo) e via discorrendo ed anche magari per regolare i conti tra loro? 

Sapete cosa significa in iraniano Paradiso? RECINTO ok! 

Tali personaggi pare vivessero molto, circa 8-900 anni stando alla narrazione biblica e cacciarono l’ uomo dal paradiso terrestre; anzi probabilmente una razza particolare di uomo che loro, genetisti tecnologici, modificarono geneticamente per scopi a noi non chiari? 

Erano forse preoccupati che, scoperto l’ ALBERO DELLA CONOSCENZA DEL BENE E DEL MALE(Serpente), Adamo ed Eva scoprissesero anche L’ALBERO DELLA VITA…che permetteva loro di vivere più a lungo!? La realtà miei cari supera di molto la fantascienza! 

Ma Heinrich Schliemann (1822-1890) non scopri’ forse Troia basandosi sulla Mitologia greca?! Inizialmente deriso, come sempre … ma poi..la verita’ viene a galla, prima o poi!

Oggi viviamo nell’ “Onda temporale zero” di cui parlava il grande Mc Kenna … e l’inimmaginabile diventera’ presto REALTA’

Ricordiamoci sempre che la nostra visione oculare viene modificata da molti fattori vibrazionali e molto spesso ci fa prendere ABBAGLI STROBOSCOPICI, facendoci vedere movimento, dove in realta’ e’ tutto FERMO; ciò che si muove è L’ETERE … l’energia Solare che ci permette la vita! 

Avete capito allora perchè dalle scoperte delle nuove terre, fatte da Colombo, Magellano, Diaz etc (1500-1600), la Terra piana, o meglio il cerchio della Terra ove siede Dio, come diceva Isaia, e’ stata trasformata in una sfera? 

Qualcuno ha scoperto altre terre sul piano orizzontale e non ha e non aveva allora, piacere che si sappia la verità; lo schiavo deve rimanere tale, fintanto che forse i suoi pensieri ed azioni, non siano pronti per comprendere nuove verità sul mistero dell’Universo Terrestre. 

In fin dei conti comunque, in questa probabile sorta di gigantesco esperimento genetico terrestre, il Creatore ha lasciato spazio per comprendere e libero arbitrio per scegliere. 

In tale processo di apprendimento, forse servivano anche gli Dei dell’antichità, che avrebbero dovuto insegnare all’uomo scienza e conoscenza.

Devono averlo inizialmente fatto ma poi, qualcuno di loro, deve aver “sgarrato” ed usato uno tra i peggiori dei sentimenti … L’ EGOISMO. 

Dotati inoltre di tecnologie avanzate, per gli Dei la schiavitù era facilmente realizzabile…

Sembrerebbe che il Creatore vero, stia in questa fase intervenendo direttamente per ripristinare il giusto progetto iniziale!

Vivere questi momenti sarà indimenticabile per noi e per la Storia dell’Umanità terrestre … ricordatelo!

“La verità si manifesterà in te come un dono quando meno te la aspetti. Quando rinuncerai a volerla strappare al mistero, con la violenza dei tuoi ragionamenti” Pierluigi Ighina.
Articolo correlato

Le sfide dalla Società – un’incredibile riflessione

I 15 disegni sotto raffigurati sono un’incredibile riflessione su ciò che non va nella società

Per secoli l’arte è stata usata come strumento per raccontare la storia umana. Ciò che sembriamo, ciò che facciamo, le espressioni artistiche della nostra società – tutto è racchiuso in secoli d’arte. 

Ora non è diverso. Vediamo oggi nel cinema e nella musica, le persone che invocano vari aspetti della nostra società che devono essere osservati. Che siano band che parlano della prigione come natura del nostro mondo o film che attingono alla coscienza sottostante che compone tutta la vita, i trigger di riflessione sono lì.

Non è un segreto che nella nostra società di oggi ci troviamo di fronte a molte sfide che sono in ritardo sul cambiamento. In effetti, l’umanità è stata messa in discussione molto per affrontare questi cambiamenti … ora. Fa parte di un cambiamento generale nella coscienza che si sta diffondendo nel nostro mondo.

I seguenti disegni di Al Margen offrono l’opportunità di riflettere su ciò che è diventata la nostra società. Cosa facciamo di questi sentimenti quando si presentano guardando queste immagini? Inizia con te stesso. Come ti senti riguardo alle immagini che vedi? Stai contribuendo a ciò che rappresentano? Cosa puoi fare per cambiare te stesso e i tuoi comportamenti quando si tratta di ciò che vedi qui sotto?

Agendo su questo cambiamento da soli, da un modo pacifico, non giudicante o dannoso, ispiri gli altri a fare lo stesso. Una cosa è semplicemente guardare queste immagini e divertirsi, un’altra è iniziare a recitare in quello che rappresentano. 

Abbiamo scelto di agire. Il cambiamento inizia.

 Fonte:

http://www.collective-evolution.com/2018/02/16/these-15-drawings-are-an-incredible-reflection-of-whats-wrong-with-society/

Il livello della nostra intimità

Intelligenza emotiva e intima 

di Bernhard Guenther

L’intimità è spesso erroneamente intesa come sola vicinanza fisica:

abbracciare, coccolare, baciare, sesso.

Tuttavia, se non vi è alcuna intimità emotiva (come nelle relazioni emotive) e un sentimento di sicurezza in una relazione, allora l’intimità fisica non può che andare così lontano.

Per poter veramente aprirci ad un partner e andare in profondità, dobbiamo sentirci sicuri e poter condividere l’intimità emotiva, le nostre paure, gli errori e i dolori e ricevere l’altro con compassione ed empatia. 

Per molte persone l’intimità fisica è più facile dell’intimità emotiva. Per gli altri è il contrario. Spesso le persone evitano l’intimità emotiva concentrandosi sull’intimità fisica, usando il sesso per tamponare la loro vulnerabilità. 

Per essere intimi emotivi con un partner, dobbiamo essere in grado di essere intimi con noi stessi, sentendo la nostra vulnerabilità senza giudizio e sviluppando un sano amore per se stessi. 

Se non ci sentiamo a nostro agio con la nostra vulnerabilità, non possiamo ricevere pienamente la vulnerabilità di un’altra persona e l’intimità emotiva è bloccata. 

Non importa quanto sia caldo il sesso e quanto sia grande l’intimità fisica, se non sviluppiamo o non abbiamo un’intimità emotiva e la sicurezza di esprimerci in quel modo, solo così una relazione potrà andare lontano.  

Abbiamo bisogno di limiti sicuri e salutari per stabilire l’intimità a tutti i livelli. Questa sicurezza è molto più che sentirsi “sicuri” e i confini non significano rifiuto o evitamento. Si tratta di prendersi cura di noi stessi. 

Il nostro corpo ci dà costantemente indizi su ciò che è sicuro per noi e cosa no. Più siamo in contatto con i nostri corpi, più possiamo ricevere questi messaggi che ci mettono anche in contatto con la nostra vulnerabilità. 

È importante ascoltare queste sensazioni corporee che vanno più in profondità delle sole sensazioni sessuali. Molto spesso sono sepolti sotto strati di “armature”. 

È facile razionalizzare queste sensazioni più profonde, valutando se stessi per non aprirsi quando non ci si sente sicuri. Non ascoltare la mente, fidati del tuo corpo e non giudicare te stesso per quanto tu provi. 

L’intimità emotiva va di pari passo con la fiducia, sapendo che possiamo essere completamente noi stessi con tutta la nostra vulnerabilità ed essere sempre ricevuti con compassione ed empatia in un contenitore sicuro da un partner.

Ma prima di poter ricevere un’altra persona come quella di noi stessi, o persino esprimerci in quel modo, dobbiamo essere capaci di essere compassionevoli con noi stessi e amare noi stessi, l’oscurità e la luce, senza gonfiarci o diminuirsi.

Altrimenti continueremo a cercare il partner illusorio, che non arriva mai e che vogliamo essere in un certo modo, quando in realtà questo è ciò che dobbiamo dare prima a noi stessi. 

A volte cerchiamo inconsciamente un “salvatore” in un partner, ma è una proiezione di ciò che abbiamo negato o evitato di dare a noi stessi: 

un sano auto-amore, vulnerabilità e sicurezza interiore.

Prima di poter sviluppare una fiducia più profonda con un partner, dobbiamo essere in grado di fidarci di noi stessi e degli indizi più profondi che i nostri corpi ci stanno dando.

“Hai paura di essere intimo con te stesso – di essere solo con te stesso. Una volta che sviluppi un’intimità, un silenzio, un amor proprio e un contenimento della tua energia, allora vorrai rendere quell’aspetto del tuo livello di intimità con qualcun altro.”

Barbara Marciniak

Bringers of the Dawn  

Dal sito: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Critica alla democrazia

 Perché Socrate odiava la democrazia … e cosa possiamo fare per questo

by Scotty Hendricks
October 08, 2017
from BigThink Website

In tutto il mondo, persone di tutte le età hanno una ragione per essere preoccupate del governo democratico.

Mentre il mondo occidentale pone oggi un valore elevato sulla democrazia, questo non è sempre stato così. Alcune delle più grandi menti della storia della civiltà occidentale hanno avuto forti critiche sulla democrazia, critiche che sarebbe da idioti ignorare.

In Repubblica, Platone scrive che Socrate stava discutendo (molto più che in forma docente) sulla natura dello stato ideale.

Ad un certo punto chiede al suo compagno, Adeimantus,

che avrebbe preferito gestire un viaggio per mare, con un qualche passeggero casuale o un capitano ben addestrato, istruito ed esperto

Video Sottotitolato in lingua italiana

Ovviamente, dopo che il capitano è stato scelto per validi motivi di competenze, Socrate estende la metafora allo stato, chiedendo perché lasciare che qualcuno cerchi di gestire la nave dello stato.

Egli continua a proporre un regime totalitario come lo stato ideale, in cui i governanti sono stati tutti istruiti in decisioni per decenni prima di assumere il potere assoluto.
Le obiezioni di Socrate per il governo democratico possono essere trovate anche in altre opere.

Ha lodato la monarchia Spartana come ben gestita, e in vari dialoghi sulle virtù lamenta che, sono così poche le persone le hanno e ancora meno persone che siano in grado di capirlo.

È senza dubbio che non ha considerato abbastanza intelligente la generale popolazione per gestire le cose.

Questa non è l’unica critica inerente all’intelligenza della popolazione che vota nella culla della democrazia. Nelle parti successive della Repubblica, Platone suggerisce che la democrazia è una delle fasi successive al declino dello stato ideale. Una cosa così sbagliata e male gestita che la gente in ultima analisi grida per avere un dittatore per essere salvata.

Questa era una grande idea per Platone, la democrazia porterebbe ai tiranni.

Aristotele, da parte sua, ha elencato che la democrazia è come la versione fallita della regola da parte delle moltitudini.

La “timocrazia”, la regola della classe privilegiata o anche solo una forma più costituzionale del governo repubblicano che nella mente dei molti era il tipo ideale di regola. Avrebbe visto l’Atene come una città sempre in decomposizione, allontanandosi dalla sua originaria costituzione timocratica come stabilito da Solone.

L’idea che la democrazia sia fondamentalmente sbagliata è addirittura sponsorizzata nei successivi e più liberali pensatori.

Voltaire, che ha sostenuto tutte le libertà liberali del discorso e della religione, ha detto alla Grande Caterina di Russia che,

“Quasi niente di grande è mai stato fatto nel mondo tranne per il genio e la fermezza di un solo uomo che combatte i pregiudizi della moltitudine”.

La sua comprensione del liberalismo è stata quasi completamente separata dalla democrazia.

Se allora la democrazia era così deleteria, perché l’abbiamo ora? E perché ripetere l’errore?

Ora, è importante capire che la democrazia ad Atene era molto diversa da quella che abbiamo oggi. Atene era molto più vicino a una democrazia diretta che la maggior parte di noi sarebbe a suo agio.

Era anche molto limitata; solo il venti per cento della popolazione era mai stato affidato allo stesso tempo, tutti i maschi bianchi liberi all’età di 18 anni con genitori che erano anche cittadini.

Alcuni uffici avevano un requisito minimo di ricchezza.

Il quorum per l’Assemblea era di 6000 cittadini, in modo da aumentare la presenza degli schiavi con una corda tinta di rosso che avrebbe portato gente lì all’agorà e, chiunque catturato con tinture rosse sui loro vestiti veniva mutilato.

Molti posti nel governo sono stati tenuti da cittadini selezionati a caso per servire in essi.

Socrate stesso si trovò in questo modo una volta, e testimoniò di che cosa si trattava a una folla arrabbiata che mise illegalmente i generali a morte. Allora, naturalmente, una giuria decise con una sottile maggioranza di metterlo a morte su accuse deboli.
Platone ci dice che solo 30 voti, da una giuria di 500, lo hanno condannato a morte uccidendolo.

La morte di Socrate

Ma perché contano ancora le critiche se non abbiamo la Democrazia Ateniese?

Beh, il fatto che abbiamo un governo diverso da Atene non significa che non condividiamo problemi simili.

Socrate era preoccupato per i problemi posti da una popolazione non addestrata e facilmente capace di avere potere sullo stato. Un problema che continua a disturbare i pensatori come Richard Dawkins.

Negli Stati Uniti gli elettori possono essere poco meno informati di quello che votano.

Jimmy Kimmel ci mostra come le persone non sanno molto dell’Obamacare e che i risultati della mancanza di informazione si sono dimostrati negativamente per loro.

Questi fatti, combinati con il potere degli uffici nelle mani del pubblico votante, avrebbero fatto raggiungere a Socrate le porte dell’inferno.

Cosa possiamo fare?

“C’è un bene, una conoscenza e un male, ignoranza”.

Così ha parlato il Socrate antidemocratico …
L’istruzione è la “migliore” speranza di una democrazia. Una popolazione che comprende i tratti necessari in un leader, conosce la differenza tra un artista e un legittimo leader e sa quale sia il cammino da intraprendere che è la differenza tra un’efficace democrazia e l’incubo socratico.

Mentre nella nostra democrazia l’elettore tipico non ha bisogno di preoccuparsi di essere messo in una posizione di potere per via di una lotteria, hanno bisogno di capire abbastanza per selezionare la persona ‘giusta’ per metterla e porla al potere.

Per i Greci questo era un’istruzione in grammatica, logica e retorica, aritmetica, geometria, musica e astronomia. Tutte le cose vissute come vitali per partecipare alla vita pubblica e vivere la vita di un cittadino libero, avvenne solo più tardi la fondazione della nostra moderna educazione all’arte liberale.

Mentre l’idea che,

“l’argomento migliore contro la democrazia è una conversazione di cinque minuti con l’elettore medio”,

… può ancora suonare vero, migliorando l’educazione dell’elettore medio si indebolisce tale argomento.

“La democrazia è la forma peggiore di governo, eccetto tutte quelle altre forme”, ha affermato Winston Churchill, noto campione di ideali democratici.

Qualsiasi governo è solo buono come i suoi governanti …

In una democrazia, questo significa che la popolazione generale deve essere adeguatamente istruita per governarsi.

  • Le critiche della democrazia date dalla sua culla saranno riconosciute?
  • O finiremo come ad Atene?
  • Una democrazia in nome, ma in realtà governata dalla folla non erudita?

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da