Archivi tag: false flag

Solo un’élite illuminata ha il diritto di governare il popolo

Sarkozy e la Hathor Pentalpha, superloggia del terrorismo

La lapidazione pubblica di un politico di rango non ha mai un’unica paternità: di solito sono tante le nubi che, a un certo punto, si trasformano in tempesta. E per un ex presidente della Francia, cioè di una delle cinque potenze atomiche con diritto di veto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, il solo fatto di essere trattenuto in stato di fermo in una stazione di polizia, alla stregua di un criminale comune, costituisce l’atto d’inizio – il più eclatante – di una vera e propria demolizione a reti unificate. I giornali parlano di vendetta a distanza da parte degli ex fedelissimi di Gheddafi: prima di essere assassinato “su ordine dei servizi francesi”, il raiss di Tripoli avrebbe finanziato sottobanco, in modo cospicuo, la campagna elettorale di Sarkozy per le presidenziali del 2007 (in cambio di cosa?).

Gli italiani ricordano ancora l’irridente impudenza con cui l’allora capo dell’Eliseo, insieme ad Angela Merkel, seppellì in mondovisione il moribondo Berlusconi, incalzato da mille inchieste e travolto dallo scandalo delle “olgettine”. Un sinistro preludio, per l’Italia, all’austerity di lì a poco imposta con il diktat della Bce firmato Draghi e Trichet, corroborato dal crollo delle azioni Mediaset e dall’esplosione pilotata dallo spread. «Gli italiani sono dei bambinoni deficienti, non si sono nemmeno accorti che siamo stati noi a inviargli il “fratello” Mario Monti, il nostro uomo», con l’incarico di sabotare l’economia del Belpaese, precipitandolo nel baratro della crisi: legge Fornero, pareggio di bilancio in Costituzione.

Lo dicono, nell’appendice del bestseller “Massoni” (edito da Chiarelettere a fine 2014), quattro pesi massimi della supermassoneria internazionale, protetti dall’anonimato ma «pronti a manifestarsi, nel caso qualcuno ne contestasse le affermazioni». Non ce n’è stato bisogno: Monti, Napolitano e gli altri si sono ben guardati dal chiedere all’autore del saggio, Gioele Magaldi, di rendere pubblica l’identità di quei quattro “vecchi saggi” del massimo potere in vena di rivelazioni. Accanto a un mediorientale e a un asiatico, a parlare sono uno statunitense (che ricorda da vicino lo stratega Zbigniew Brzezinski, da poco scomparso) e un francese, il cui identikit di eminenza grigia potrebbe benissimo corrispondere a quello di Jacques Attali, già plenipotenziario di Mitterrand e poi “padrino” e king-maker di Emmanuel Macron.

La tesi del libro, assolutamente dirompente, è stata oscurata dai media mainstream: da decenni, il mondo sarebbe nelle mani di 36 Ur-Lodges, potentissime superlogge massoniche sovranazionali. Dopo l’iniziale dominio delle organizzazioni di ispirazione progressista, dall’era Roosevelt fino ai Kennedy, il potere sarebbe passato all’ala neo-conservatrice (Kissinger, Rockefeller, Rothschild) dopo il duplice omicidio di Bob Kennedy e del “fratello” Martin Luther King.

A seguire: una guerra segreta senza risparmio di colpi – da un lato il Cile del massone Pinochet e la Grecia dei colonnelli, ma anche i ripetuti tentativi di golpe in Italia con la complicità della P2 di Gelli, e dall’altro la Rivoluzione dei Garofani in Portogallo scattata non a caso il 25 aprile (del ‘74). Poi, lo sciagurato patto “United Freemansons for Globalization” per spartirsi la torta mondiale sdoganando il neoliberismo. Con in più una scheggia impazzita: la Ur-Lodge “Hathor Pentalpha”, nella quale – secondo Magaldi – figura anche il nome di Sarkozy, accanto a quelli del turco Erdogan, protagonista degli odierni orrori in Medio Oriente, e del britannico Tony Blair, l’indimenticato inventore delle inesistenti “armi di distruzone di massa” di Saddam Hussein, ovvero “la madre di tutte le fake news”.

Saddam e la guerra in Iraq, cioè Bush junior, dopo la prima Guerra del Golfo scatenata da Bush senior. Il Rubicone è stato varcato con l’opaco, devastante maxi-attentato dell’11 Settembre (e la conseguente invasione dell’Afghanistan, seguita dalle guerre in Iraq e in Libia, dalla “primavera araba”, dall’atroce conflitto in Siria).

Terrorismo “false flag”, sotto falsa bandiera – da Al-Qaeda all’Isis – secondo un copione basato sulla più accurata disinformazione, fotografato alla perfezione dall’immagine di Colin Powell che, alle Nazioni Unite, agita una prova falsa come la celebre “fialetta di antrace” per raccontare che il regime di Baghdad sarebbe stato pronto a sterminare l’umanità. Non fu solo una drammatica sterzata politica imposta dai “neocon” Usa, sostiene Magaldi: la strategia della tensione internazionale, che produce guerre in Medio Oriente e leggi speciali negli Usa e in Europa per rispondere agli attentati “islamici”, corrisponde alla sanguinosa strategia della “Hathor Pentalpha”, la «loggia del sangue e della vendetta» creata da Bush (padre) dopo la bruciante sconfitta alle primarie repubblicane inflittagli nel 1980 da Ronald Reagan.

In questo modo, Magaldi spiega anche i due attentati simmetrici che seguirono, nel 1981: qualcuno sparò a Reagan il 30 marzo, e – per rappresaglia – i sostenitori occulti di Reagan armarono la mano di Ali Agca, che il 13 maggio sparò a Papa Wojtyla, eletto al soglio pontificio con il determinante appoggio di Brzezinski, allora vicino a Bush. Due minacciosi avvertimenti, con firme opposte ma identico stile: né a Washington né a Roma si sparò per uccidere.

Fantapolitica? Ne ha tutta l’aria: a patto di rassegnarsi all’idea che sia proprio la geopolitica a esser diventata “fanta”, rendendo possibile l’impensabile. «Dispongo di 6.000 pagine di documenti che comprovano quanto affermato nel mio libro», ribadisce Magaldi, a scanso di equivoci. Il problema? Nessuno, finora, gliene ha chiesto conto: meglio la congiura del silenzio, di fronte a pagine così sconcertanti e imbarazzanti.

Le grandi scelte strategiche del pianeta – sottolinea l’autore – sono state messe a punto negli ultimi 30-40 anni da superlogge storicamente neo-aristocratiche come la “Three Eyes” e la “Compass Star-Rose”, insieme alla “Edmund Burke”, alla “Leviathan”, alla “White Eagle”. Sono loro a dominare ministeri, banche, università, istituzioni internazionali finanziarie “paramassoniche” come il Fmi e la Bce. Obiettivo: sdradicare Keynes dalla politica economica dell’Occidente: via il welfare e i diritti del lavoro, guerra alla sinistra sindacale, demonizzazione del debito pubblico, privatizzazione universale, fine dello Stato sociale come garante del benessere diffuso. Svuotare la democrazia, per restituire il potere all’oligarchia – finanza, industria, multinazionali – secondo un modello neo-feudale: solo un’élite “illuminata” ha il diritto di governare il popolo. E la tenebrosa “Hathor Pentalpha”?

«Semplicemente, la “Hathor” ha ritenuto che tutto questo non bastasse. Non era sufficiente il lavoro della Trilaterale, del Bilderberg, del Council on Foreign Relations: il nuovo ordine antidemocratico (come già in Italia durante gli anni di piombo, ma stavolta su scala mondiale) andava imposto con il terrorismo, a partire proprio dall’11 Settembre». Specchietto per le allodole, il saudita Osama Bin Laden reclutato dalla Cia in Afghanistan negli anni ‘70, in funzione anti-sovietica. «Bin Laden fu iniziato alla “Three Eyes”: me lo confidò proprio l’uomo che lo affilò, Brzezinski». Lo stesso Brzezinski, aggiunge Magaldi, rimase deluso dalla scelta di Bin Laden di passare poi alla “Hathor Pentalpha”, la superloggia dei Bush. Simboli eloquenti: Hathor è uno dei nomi della dea egizia Iside, cara ai massoni, e il suo nome in inglese è, appunto, Isis.

«Anche l’uomo che si fa chiamare Abu Bakr Al-Baghdadi, stranamente rilasciato nel 2009 dal campo di prigionia iracheno nel quale era detenuto, è stato affiliato alla “Hathor Pentalpha”». Al-Baghdadi, il presunto capo del sedicente Isis: organizzazione terroristica che, quando ha perso terreno in Siria sotto il colpi dell’offensiva militare russa, ha cominciato a colpire l’Europa. Charlie Hebdo e Bataclan, Bruxelles, la strage di Nizza. «Tutti attentati spaventosamente stragistici, “firmati” con una simbologia nacosta e nient’affatto islamica, ma saldamente ancorata alle date-simbolo del martirio dei Templari nel 1300».

Ne parla nel saggio “Dalla massoneria al terrrorismo” (Revoluzione) l’esperto simbologo Gianfranco Carpeoro, massone come Magaldi, altrettanto critico rispetto al potente mileu “latomistico” globalizzato, pronto anche a fare l’uso più cinico e spregiudicato di vasti settori dei servizi segreti, ridotti a strumenti di una “sovragestione” pericolosa, che sottomette gli Stati (e i governi eletti) ai disegni di una ristretta oligarchia. «Tutto quel sangue, in Europa, è nato da una rottura all’interno dell’ala reazionaria dell’élite supermassonica», ha ripetuto Carpeoro, in trasmissioni web-streaming come quelle di “Border Nights”.

Chi ha premuto sul tasto del neo-terrorismo interno – è la sua tesi – l’ha fatto per intimidire quegli elementi che, in seno all’oligarchia, si erano mostrati titubanti di fronte alla “linea dura”, quella delle stragi nelle piazze europee. Un allarme ripetuto più volte, nel 2017: «E’ in corso un’escalation, prepariamoci al peggio: in Europa potrebbe verificarsi un maxi-attentato come quello dell’11 Settembre».

French President Nicolas Sarkozy (L) escorts the president of the French Commission for the Liberation of Growth (CLCF) Jacques Attali after their meeting at the Elysee Palace, 15 October 2007 in Paris. The first stage of the report brought by Attali focuses on the purchasing power. AFP PHOTO ERIC FEFERBERG

Previsione fortunatamente inesatta: «E’ vero», ammette Carpeoro, «le stragi sono cessate». Ma questo – spiega – dipende dal fatto che, “lassù”, si sono rimessi d’accordo su come agire, a cominciare proprio dalla Francia.

Ieri, all’Eliseo c’era Hollande, un politico da intimidire (come socialista ma anche come supermassone “di sinistra”, esponente della Ur-Lodge progressista “Fraternité Verte”), a capo di un establihment incalzato dal “populismo” di Marine Le Pen. Poi invece le elezioni hanno incoronato Macron, «che a differenza di Hollande – sostiene Carpeoro – è espressione diretta di quei circoli, responsabili della “sovragestione”», fino a ieri anche terroristica, all’occorrenza. E’ lo stesso Macron che, a giorni alterni, fa l’amicone dell’Italia, promettendo a Gentiloni – in cambio di cospicue cessioni di italianità – di difendere il Belpaese dai “cattivi” tedeschi. E’ cronaca: soldati italiani spediti in Niger a far la guardia all’uranio per conto dei francesi, voci sul ridisegno delle acque territoriali a favore dei pescatori francesi, vistosa ascesa del management transalpino nel cuore del “made in Italy”.

Con Gentiloni e Macron, sostiene Federico Dezzani, l’Italia si auto-declassa al rango di neo-colonia francese, nell’illusione di trovare riparo dal rigore imposto dall’ordoliberismo teutonico. Sta davvero succedendo qualcosa di strano, “lassù”, se un big come Sarkozy finisce sotto interrogatorio in un commissariato di Nanterre? Significa che la famigerata superloggia “Hathor Pentalpha” è in discesa libera, nei piani alti della “sovragestione”? Inutile sperare in spiegazioni esaurienti: il mainstream si limiterà alle fonti giudiziarie sul caso Libiagate, mentre il pubblico assiste alla strana caduta di un ex superpotente come Sarkozy, in una Francia senza più attentati né stragi, dove l’oligarca Jacques Attali ha battezzato il nuovo regno di Macron, l’ex ragazzo prodigio della Banca Rothschild.

Fonte> http://www.libreidee.org/

®wld

Le mosse di YouTube contro i liberi pensatori

YouTube introduce la teoria del complotto per scomporre le informazioni sui video 

Di AaronKesel

YouTube ha annunciato un giro di vite sui video a tema della cospirazione, che presto mostreranno delle scatole informative di debunking che rimandano a Wikipedia e ad altre fonti, secondo quanto riportato da Yahoo News.

Alla luce delle recenti narrative basate sulla cospirazione dopo le sparatorie, con molti che sostengono pochi minuti dopo un evento in cui si è verificata una falsa bandiera, YouTube ha preso le misure nelle proprie mani.

L’amministratore delegato di YouTube, Susan Wojcicki, ha descritto in dettaglio cosa la società ha definito una “potenziale soluzione”. YouTube inizierà a visualizzare collegamenti a contenuti apparentemente basati sui fatti per combattere i video cospitazionistici.

Wojcicki ha annunciato il nuovo lungometraggio, che ha definito “spunti informativi”, durante un colloquio con il redattore capo WIRED Nicholas Thompson al South della conferenza Southwest ad Austin, in Texas.

Ecco come funzionerà la nuova casella informativa in base a WIRED: se un utente cerca e fa clic su un video di cospirazione su “inserisci argomento”, YouTube si collegherà ora a una pagina di Wikipedia che mirerà a smascherare la rivendicazione accanto al video.

Un video che mette in discussione se gli umani siano mai atterrati sulla luna potrebbe essere accompagnato dalla pagina ufficiale di Wikipedia sull’atterraggio dell’Apollo sulla Luna nel 1969. Wojcicki dice che la funzione includerà solo teorie cospirative che hanno “un dibattito significativo” sulla piattaforma.

“Il nostro obiettivo è quello di iniziare con una lista di cospirazioni in rete elencate su Internet dove c’è molta discussione attiva su YouTube”, ha detto Wojcicki a SXSW.

YouTube ha fatto in modo di chiarire che non stava vietando i video o diventando un arbitro della verità.

“Le persone possono ancora guardare i video, ma poi hanno accesso a ulteriori informazioni”, ha detto Wojcicki.

Per quanto riguarda l’utilizzo di Wikipedia, il sito può anche essere modificato da chiunque che ha avuto i suoi problemi di credibilità in passato.

Ironia della sorte, Activist Post ha riferito mesi fa che da quando Google si stava dirigendo verso i pensatori critici demonizzati come “teologi della cospirazione” che fanno domande difficili nelle sue linee guida per la classificazione, YouTube non darebbe molta importanza per seguire queste azioni.

Considerando che l’origine della parola “Teorico della cospirazione” viene dalla CIA, direi usando una parola dispregiativa per discutere di chi pensa sia pericoloso. Infatti, il più modernizzato, che è anche uscito direttamente dal playbookJTIRG rivelato dal rivelatore della NSA Edward Snowden.

La disinformazione sta affliggendo Internet, ma chi deve decidere cos’è e non è disinformazione? I lettori stessi ne hanno bisogno, perché il pensiero e l’opinione di polizia aprono le porte al Consiglio di verità e alla supervisione dell’informazione dove gli amministratori (i fornitori di verità) decidono ciò che è e non è un fatto. Cosa succede quando una di queste persone non approfondisce sufficientemente e semplicemente congeda qualcosa senza guardare le prove, a causa della mancanza di informazioni o di comprensione? Censura non solo delle idee ma anche delle persone nel loro insieme che vengono effettivamente rimosse dalla discussione.

Come discusso nell’ultimo articolo di questo reporter dal titolo “le Aspirazione di YouTube: la fine della libertà di espressione o il grande risveglio per le alternative?” – l’interrogatorio è sano; e come ha esposto la scrittrice Naomi Wolf, dovresti pensare prima che sia illegale farlo. “Non è più folle valutare gli eventi di notizie per vedere se sono reali o non reali”, ha affermato nel video qui sotto. Come la storia ha dimostrato attraverso documenti declassificati (il rovesciamento di Mossadegh), è trapelato ottenendolo diplomaticamente da WikiLeaks e riportato dal giornalista assassinato Michael Hastings che ha esposto la propaganda usata contro il Senato e il Congresso, “in tutto il mondo, è ben stabilito, il Dipartimento di Stato le agenzie di intelligence si impegnano nel teatro, ed è quello che fanno, è un sistema, creare spettacoli ed eventi che le persone potrebbero non realizzare sono spettacoli ed eventi … “, dice Naomi

Hastings ha denunciato l’uso della propaganda per entrare in Afghanistan nel suo rapporto dal titolo: “L’Afghanistan denuncia che il Pentagono non vuole che tu legga”. L’articolo riguardava una relazione del Pentagono non classificata. Il rapporto ha tolto il sudario al comando operativo degli psionici delle forze armate americane rivelando diverse tecniche che il gruppo utilizza nella guerra psicologica per manipolare il pubblico, incluso ma non limitato a false informazioni di intelligence, mancanza di informazioni e manipolazione dei social media, secondo il tenente colonnello Daniel Davis. Il calcio d’inizio è che non solo quelle tattiche erano usate contro il popolo americano, ma le tattiche erano usate contro i senatori.

È un fatto estremamente preoccupante che il Complesso Industriale Militare manipoli funzionari eletti con notizie false, specialmente considerando che la propaganda non è stata legalizzata in America fino al 2012. Una precedente legislazione era stata adottata per proteggere i cittadini durante le udienze del Comitato di Chiesa come parte di un serie di indagini sugli abusi dell’intelligence durante la metà degli anni ’70, modificata dalla Smith-Mundt Act. Smith-Mundt è stato abrogato nel 2012 da Obama, secondo quanto riportato da un Business Insider: “La NDAA legalizza l’uso della propaganda sul pubblico americano”.

Come dichiarò il senatore dell’Arkansas J. William Fulbright, VOA, Radio Free Europe e molti altri “dovrebbero avere l’opportunità di prendere il loro giusto posto nel cimitero delle reliquie della Guerra Fredda”. L’emendamento di Fulbright a Smith-Mundt fu rafforzato nel 1985 dal Nebraska Il senatore Edward Zorinsky, che sosteneva che tale “propaganda” doveva essere tenuta fuori dall’America per distinguere gli Stati Uniti “dall’Unione Sovietica, dove la propaganda domestica è una delle principali attività del governo”.

Questo è estremamente pericoloso; una prospettiva potrebbe vedere le cose in un modo diverso perché una persona ha acquisito informazioni, mentre l’altra manca di tali informazioni. Ad esempio, il governo degli Stati Uniti (in particolare la CIA) ha usato la propaganda documentata sul pubblico e usa la propaganda straniera contro altri paesi. Non è solo la CIA, anche i servizi di intelligence delle altre nazioni lo fanno.

Mentre una persona potrebbe sentirsi pazza (e letteralmente lo è) l’altra persona potrebbe conoscere la precedente esistenza di OperationMockingbird, che usava giornalisti impiegati dalla CIA per produrre storie false durante gli anni ’50 e ’70 della Guerra Fredda. Hanno anche finanziato organizzazioni studentesche e culturali e riviste come organizzazioni di facciata. Questa operazione della CIA divenne nota come Operazione Mockingbird ed è stata menzionata nella famigerata collezione CIA Family Jewels.

L’equivalente britannico di Operation Mockingbird era noto come Operation Mass Appeal. Secondo quanto riferito dall’ex ispettore capo delle armi dell’ONU Scott Ritter, è stato presumibilmente gestito dall’MI6 nel periodo 1997-98 ed ha esagerato sulle armi di distruzione di massa irachene. Questa affermazione fu ulteriormente esagerata anni dopo, nel 2003, quando il governo britannico di Downing St. produsse un falso promemoria della guerra in Iraq che era stato esposto sulla base di documenti accademici. È un’affermazione che non avrebbe mai visto la luce del giorno se non fosse stato per un medico di nome David Kelly, uno degli scienziati leader che ha definito il dossier iracheno una farsa. Kelly fu poi ritrovato nei boschi, e la sua morte rimane un mistero fino ad oggi.

Un altro esempio è il modo in cui i media nel loro complesso hanno ritratto un video che è stato fatto sulla Siria (noto come “il ragazzo eroe siriano”) passato come reale, ma in seguito è stato rivelato dai cineasti norvegesi per essere stato falsificato. Di conseguenza, i media hanno dovuto eseguire il backpetring della loro storia con le retrazioni.

Anni dopo, in un incidente non correlato, cinque persone sono state arrestate per aver usato bambini nei video di Aleppo, mostrando quanto sia pericoloso riportare qualsiasi informazione fuori dalla Siria, e quanto sia importante avere liberi pensatori indipendenti.

Forse un esempio migliore, e che non coinvolge la propaganda, che possono riguardare più persone è la situazione a Flint, nel Michigan, dove l’acqua è stata avvelenata a causa di negligenza con il tentativo di essere coperta dal governo locale. YouTube come mezzo ha permesso a quei cittadini di avere voce e mostrare la noncuranza dei loro funzionari governativi. Inoltre, il governo ha persino rimosso il potere dei cittadini di citare in giudizio lo stato del Michigan per la principale contaminazione delle sue riserve idriche.

Per un momento immagina che questo sia stato definito falso; queste persone sarebbero state ignorate molto più di quanto non fossero dai media nazionali tradizionali.

Poi c’è l’irrorazione di sostanze chimiche cancerogene sui residenti degli Stati Uniti ignari e in Canada dall’Esercito durante l’operazione DEW e Operation Large Area Coverage (LAC) durante la Guerra Fredda in test legati ad armi contenenti ingredienti radioattivi destinati ad attaccare l’Unione Sovietica. Il che, sinceramente, sembra assolutamente fastidioso; ma se studi la storia, vedrai che questo è il minimo che è stato fatto durante quel periodo di tempo, cioè il famigerato programma conosciuto come Progetto MKUltra. Durante quel programma segreto, le persone di quei posti sono state testate con vari esperimenti, molte volte contro la loro volontà.

Quindi, per dire che YouTube si collegherà a una fonte che può essere modificata da chiunque e rivendicarla come la base morale della “verità” è una follia.

Per ora, per lo meno, possiamo essere grati che YouTube affermi che non escluderà completamente tutti i contenuti che designa come teoria della cospirazione (ancora), nonostante la recente epurazione di dozzine e dozzine di account collegati alla libertà di parola e pensiero libero. Ci sono anche sempre alternative come DTube, BitChute e molti altri per il caricamento di contenuti. Abbiamo bisogno di chiederci se YouTube rimuova la libertà di espressione o il grande risveglio per le alternative?

Le mosse di YouTube contro i liberi pensatori potrebbero ritorcersi contro la società in modo piuttosto grave perché la verità è più strana della finzione. Sebbene questo scrittore possa essere d’accordo con YouTube sul fatto che il mondo sia uno sferoide, decisamente non piatto o completamente tondo, è importante avere libero pensiero e parola libera. Anche se questo significa che devo condividere il pianeta con altri che pensano a diversi pianeti-terrestri o persone che credono che ogni folle corsa all’omicidio sia un falso attacco di bandiera (qualcuno potrebbe esserlo perché l’Operazione Northwoods contro Cuba e un memoriale suggerisce un attacco di falsa bandiera contro la Russia durante la Guerra Fredda che usa i civili come carne da macello, quindi non è così folle da suggerire).

I rapidi cambiamenti a cui stiamo assistendo con i principali motori sulla percezione di Internet hanno attirato l’attenzione di uno degli inventori del World Wide Web, Tim Berners-Lee. Ha osservato in una lettera aperta che “Quello che una volta era una ricca selezione di blog e siti web è stato compresso sotto il potente peso di poche piattaforme dominanti”. Vogliamo davvero che quelle piattaforme dominanti ci dicano la loro versione esclusiva della verità?

Fonte: https://www.activistpost.com/

®wld

Informazioni dalla rete globale – World Wide Web

Giochi olimpici in Corea del Sud – Opportunità perfetta per un Attacco di False Flag?

La retorica di guerra che circonda la Corea del Nord su entrambe le sponde del Pacifico non è mai stata più aggressiva di quanto non fosse lo scorso anno (almeno non dopo la guerra di Corea). Ci sono alcune persone che vedono l’intera faccenda come una “distrazione”, una distrazione che non sarà mai un conflitto reale. Non sono d’accordo con questo sentimento per una serie di motivi.

La Corea del Nord è davvero una distrazione, ma ancora una distrazione in divenire. Vale a dire, battere il petto e scimmiottare la spada sono solo un preludio alla distrazione molto più efficace del combattimento e dell’invasione dal vivo in nome del cambio di regime e della “sicurezza nazionale”

L’articolo continua QUI in lingua originale

Mentre Trump emette i premi delle notizie false, WikiLeaks ricorda il mondo che ENTRAMBI I partiti sono bugiardi

Di RachelBlevins

Mentre gli stessi media che erano apertamente critici nei confronti del presidente Trump divennero i temi delle sue “Fake News Awards”, l’intero evento fu pieno di ipocrisia, e servì come rappresentazione del piatto che chiamava il bollitore nero – entrambe le entità hanno speso un una quantità significativa di tempo a mentire e ingannare il pubblico

WikiLeaks, è un’organizzazione che i media mainstream hanno tentato di rivendicare, è una società di propaganda pro-Trump, pro-Russia, ha preso su Twitter per sottolineare l’ipocrisia che circonda i premier:

“Mentre WikiLeaks, in quanto organizzazione di primaria importanza con un record di verifica perfetto, accoglie il dibattito sulle” false notizie “, va notato che, insieme alla stampa statunitense, l’amministrazione Trump è una fonte frequente di informazioni false”, ha affermato l’organizzazione. L’articolo continua QUI in lingua originale

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha incluso la risoluzione del conflitto in Ucraina come una priorità per il 2018

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha delineato 12 priorità per l’Organizzazione mondiale nel 2018. Tra questi, ha incluso la gestione delle crisi in Ucraina, Siria e altri punti caldi, per combattere il terrorismo, contrastando il cambiamento climatico globale e risolvendo i problemi migratori. L’articolo continua QUI in lingua originale

Guerra con l’Iran

La Guerra con l’Iran è il modo migliore per descrivere ciò che sta accadendo in questo momento con le recenti proteste iraniane. Sì, il popolo iraniano ha delle lagnanze legittime (soprattutto economiche) con il suo governo teocratico, che non è certo un bastione di libertà. Tuttavia, non c’è dubbio che queste proteste sono orchestrate dallo stesso faticoso asse USA-Israele (e si può aggiungere anche il Regno Unito) che è stato la forza trainante di tutte le guerre del Medio Oriente per almeno 50 anni.

Queste proteste sono solo l’ultima manifestazione di una politica anglo-sionista continua e incessante di prendere di mira l’Iran. Possono innescare ulteriori conflitti, o potrebbero essere domati, ma in entrambi i casi, ne capirai maggiormente comprendendo la lunga e profonda storia delle interferenze di Stati Uniti, Israele e Regno Unito in Iran. Subito dopo che Trump assunse l’incarico all’inizio del 2017, dichiarò chiaramente che voleva la guerra con l’Iran. Queste proteste sono ancora un altro modo in cui l’asse USA-Israele-Regno Unito sta mostrando che vuole la guerra con l’Iran – e farà di tutto per ottenerla. L’articolo continua QUI in lingua originale

Mel Gibson: Hollywood Elites “Uccisioni di innocenti bambini per bere il loro sangue”

La stella del cinema porta alla ribalta l’anello pedofilo dell’industria dello spettacolo.

In una scioccante esposizione, la star del cinema Mel Gibson ha portato alla ribalta l’epidemia di “parassiti” che “controllano Hollywood” che sono coinvolti nel sacrificio e nella pedofilia dei bambini. La star di Arma letale ha detto che “ogni studio di Hollywood viene comprato e pagato con il sangue di bambini innocenti “, aggiungendo che” la valuta più preziosa è il sangue dei bambini “. L’articolo continua QUI in lingua originale

“La chemioterapia promuove l’infiammazione, causa la diffusione del cancro”. Ancora un altro studio

Ancora un altro studio è stato pubblicato dimostrando il legame tra la chemioterapia e la promozione del cancro aggressivo. Abbiamo bisogno di ulteriori prove che l’industria del cancro da trilioni di dollari sia completamentetossica?

Pubblicato dal Beth Israel Deaconess Center, un articolo intitolato ” Double Edged Sword: Killing Cancer Cells può anche guidare la crescita del tumore ” ci dà il minimo su questi trattamenti tossici.

L’articolo riassume uno studio condotto da ricercatori del Centro che ha scoperto che i trattamenti radioterapici e chemioterapici che cercano di curare il cancro uccidendo le cellule tumorali stanno effettivamente causando la crescita dei tumori cancerogeni più grandi e più prolifici. L’articolo continua QUI in lingua originale

False Bandiere e violenza reale

Il fallimento delle false bandiere

(seconda parte)

Come con le false bandiere, anche i tentativi falliti sono altrettanto preziosi per stabilire la realtà di questi eventi messi in scena.

Il tentativo dell’assassinio di Reagan e il colpo di stato in Ucraina sono entrambi eccellenti esempi. Il tentativo dell’Ucraina è stato un fallimento, visto che l’obiettivo primario era l’Ucraina orientale (preziosi terreni agricoli), tra cui la Crimea (dove la più grande base navale della Russia si trova a Sebastopoli).

Il bomber di scarpe, e il bomber della biancheria intima (in cui abbiamo una testimonianza esperta, dell’avvocato Kurt Haskell, che ha esposto questa frode) sono due altri esempi recenti.

Questa è un’area che necessita di una ricerca più profonda. I tentativi falliti saranno più facilmente dimenticati, segnalati o non riportati.

Terrorismo reale / Morte vera

Un certo terrorismo è organico, il che significa che non è stato sponsorizzato o creato e controllato dal globalista.

Alcune false bandiere hanno reali vittime. Il perché alcune false bandiere non sembrano avere vere vittime, per definizione significa che non esiste alcuna prova diretta verificabile di morti reali. È importante indagare su quei casi di terrorismo reale e di morti reali da confrontare con gli eventi completamente bloccati.

Fornendo così una linea di base per confrontare gli eventi verificabili conosciuti contro eventi sospetti.

Un esempio eccellente è il massacro della Scuola di Beslan del 2004 in cui i terroristi ceceni hanno preso una scuola elementare con 1000 ostaggi e 300 morti. Poiché questo è successo nell’arco di 3 giorni, c’è molta documentazione di video e immagini di come la tragedia si è svolta.

Il breve video qui sotto è un’ampia prova di ciò che la violenza REALE, l’eroismo, il sangue, l’angoscia e la morte sembrano.

(Guarda il Video QUI)

Anatomia di una falsa bandiera

Analizzando le false flag in diversi componenti, non solo possiamo capire meglio come funzionano, ma perché vengono utilizzati.

Inoltre, ciò facendo sarà dimostrato che le impronte digitali delle false bandiere  mostrano chiaramente un piano più ampio. La falsa bandiera utilizza un piano di azione standard, simile a un piano aziendale o un piano di battaglia.

Lo scopo è quello di esplorare pienamente la scrittura di tutti gli elementi dell’evento. Di seguito è riportato un elenco dei diversi elementi che compongono il piano che sarà seguito da una ripartizione per ciascuna sezione.

Il piano degli eventi per sezioni:

  • Obbiettivo
  • Messa a fuoco
  • Tipo di evento
  • Evento principale
  • Appuntamento
  • Luogo
  • I partecipanti
  • Perpetratore/autore
  • Vittime)
  • Esecuzione di eventi
  • Piani di backup
  • Narrativa ufficiale
  • Copertura

L’obbiettivo

La falsa bandiera inizia con un obiettivo, uno scopo, una ragione per essere.

A volte lo scopo è singolare, ma molte volte ci sono molteplici scopi (che è un segno di avvertimento della pianificazione avanzata e quindi ulteriori prove che un evento particolare è una falsa bandiera).

L’obiettivo primario; eliminare un avversario, oltre ad un programma specifico (controllo delle armi), o giustificare la guerra. Gli eventi più sofisticati sembrano avere sempre obiettivi multipli, o obiettivi secondari.

Gli obiettivi secondari tendono ad essere più psicologici, morbidi e sottili. Queste potrebbero includere la creazione di risposte emotive specifiche, come la paura, la rabbia, l’apatia. In particolare, potrebbe essere scelto un omicidio pubblico per inviare un messaggio, un avvertimento. Quale era il caso negli anni ’60 con JFK, MLK e RFK.

Un altro obiettivo di questi tre assassini dei 60 è stata la guerra del Vietnam, un filo forte che collega i tre omicidi insieme ai responsabili.

Un altro sotto obiettivo potrebbe essere quello di creare una risposta di rabbia, accoppiata da un qualche patriottismo per manipolare la gente nell’accettare la guerra.

Il recente evento di venerdì 13 a Parigi sembra avere almeno 5 obiettivi:

  • giustificare i partecipanti francesi alla guerra per procura in Siria
  • la lista dei diritti di privacy / libertà dei popoli francesi
  • eventuale chiusura di tutti i confini europei
  • impedire eventuali proteste al vertice climatico di Parigi
  • creare sentimenti anti-musulmani, anti-immigrati

Progettazione a lungo termine …

Molti degli ultimi eventi ripresi in massa negli Stati Uniti hanno almeno due obiettivi:

  • ulteriore controllo sul programma delle armi
  • suscitare discordie tra persone di razze diverse e / o religioni

Messa a fuoco

Il focus di un evento è quello che i progettisti desiderano concentrare all’attenzione del pubblico.

Questo non  necessariamente è l’evento stesso. Può essere una vittima, l’autore del reato o altri elementi.

Per il 9/11 il focus dell’evento era il terrorismo, quindi “Osama bin Laden“. Era il cattivo. Era il motivo per cui «o sei con noi o con il terrorista».

Era lo spauracchio di uomo che doveva essere trovato e ucciso. Egli è ciò che giustifica invadere l’Afghanistan, e ottenere quei campi di papavero che nuovamente dovevano ancora produrre. Il passo successivo è toccato a Saddam Hussein, con l’invasione dell’Iraq.

Con gli ultimi sparatori in America è diventato dolorosamente ovvio che il focus degli eventi sta spingendo l’agenda sul controllo delle armi.

Un’altra parte del focus è il pubblico primario o il destinato? Nell’assassinio di JFK l’audience principale non era il popolo americano in sé per sé, ma erano i politici e quelli direttamente coinvolti nella governance. Sia a livello nazionale che internazionale.

Questo è stato un messaggio per gli addetti ai lavori …

  • “Questo è ciò che faremo a coloro che si oppongono”.

Il 9/11 il pubblico di riferimento era il popolo americano.

Tipo di evento

L’importanza del tipo di evento non può essere sottovalutata.

Il livello più semplice che il tipo di evento determina è come viene raggiunto l’obiettivo. Se si tratta di uccidere, sarà un “incidente”, un suicidio (ed), un assassinio, ecc.

Un’altra decisione importante è che l’operazione verrà effettuata in un evento reale pianificato o l’operazione sarà creata da zero? Un’altra decisione critica è determinare il livello di coinvolgimento per il Principale Evento.

Il livello di coinvolgimento definisce chi sono gli attori e se ci saranno ignoti partecipanti; le vittime, le persone entrate nella storia a causa delle circostanze create e degli astanti.

Il livello di coinvolgimento può essere semplice come il perpetratore e la vittima, o un attore con i restanti partecipanti inconsapevoli, o falsamente creato l’intero evento. Quindi il livello di coinvolgimento è su un continuum dal minimo (un attore) al massimo (tutti gli attori).

Dalla partecipazione del cattivo (Hinkley, Sirhan Sirhan), per presentare (Oswald, James Holmes, fratelli di Tsarnaev) a l’inesistente (Adam Lanza).

Dalle vittime vere (morti reali), a false morti (attori), tutte fabbricate. È importante evitare l’estereotipizzazione che una falsa bandiera segue solo un formato specifico.

Una buona analogia potrebbero essere i vari tipi di film, essendo loro illusioni reali. Il vecchio film d’azione scolastica in cui tutti i colpi sono fatti con persone reali, in un ambiente reale, con veri e propri oggetti. Allora abbiamo lo scenario comune in cui c’è un mix di azione reale / live e CG. Poi il film in cui tutti i colpi e gli stordimenti speciali sono CG.

E infine il film completo o animazione. Tutti questi tipi di film sono reali. Ognuno di loro ha richiesto persone reali a lavorare su di loro, crearle e produrle. E tutti questi film sono illusioni.

Sono opere di finzione. Sono creazioni deliberate; prodotte, pianificate, dirette e agite per essere registrate (filmate) e distribuite per essere visualizzate. Intrattenere e addestrare (i filmati sono strumenti potenti per il controllo sociale) e naturalmente per fare soldi. Non posso fare a meno di pensare al film “Wag the Dog”.

Le false bandiere sono fondamentalmente le stesse. Sia che ci sia un attore o molti.

Che ci siano morti reali o falsi. O se l’intera false flag sia solo la notizia stessa (della narrativa ufficiale). Ogni tipo di illusione creata è reale. Sono anche assolutamente utilizzati per il controllo sociale, in realtà questo è veramente il loro scopo primario.

Problema-Reazione-Soluzione. Con l’obiettivo di manipolare la maggioranza della popolazione con una soluzione e così controllarla. Come nei film, la false flag sono una produzione deliberatamente pianificata e realizzata. È un’illusione reale.

Un miglior confronto potrebbe essere quello che si svolge sulla scena, dal momento che la “performance” viene eseguita in diretta, in posizione, con un pubblico reale.

Alla fine ci si avvicina alla domanda di “Che cosa è reale?” Può essere semplicemente una questione di prospettiva.

Guardalo da un punto di vista dell’incidente. L’incidente può essere un errore o  “deliberato”. Un classico e diciamo esempio innocuo è dall’icona del ‘film di Natale’. Dove la moglie “accidentalmente” bussa e rompe una lampada dal piedino sexy. Naturalmente il padre sospetta che non sia stato un incidente. Ma lei fece la faccia innocente. Potresti aver assistito ad un incidente deliberato e, a seconda delle circostanze e dell’abilità del perpetratore, che giurando dice essere stato un errore.

Ancora una volta, l’evento è veramente avvenuto, sei stato un testimone oculare. Quindi era “reale”, ma non era un errore, era un’illusione deliberata. E in realtà si potrebbe essere selezionati in modo specifico per assistere all’evento come prova che è stato un errore poiché la maggior parte delle persone si fidano del tuo giudizio e opinione.

Questo ci porta la questione più profonda di questo progetto.

Possiamo dire che molte delle false bandiere siano collegate. Che c’è un gioco segreto e ingannevole molto profondo che vince per il potere e il controllo del mondo. È questo profondo gioco ingannevole che rende difficile analizzare le false bandiere.

Condotta ed errata confusione, disinformazione utilizzata per oscurare ciò che è veramente accaduto.

Evento principale

Il focus di questo articolo è sul piano globale di un evento di false-flag.

Dall’obiettivo, alla pianificazione iniziale, fino alla copertura. Ma normalmente quando qualcuno si riferisce a una falsa bandiera si riferisce al Main Event (Principale Evento); l’eroe girato, in Act tre … il climax.

Il punto cruciale della pianificazione sarà incentrato sull’evento principale. Indipendentemente da quale teoria si accetta di come è stata effettuata l’11/11, c’è un fatto assoluto. Una grande quantità di pianificazione era necessaria per tirarla fuori, anni prima.

A questo livello il “Piano” si fonde su ciò che esattamente saranno le prestazioni. Questo è dove viene creato lo script effettivo. La posizione specifica è selezionata, gli attori scelti, le linee vocali create e le puntate necessarie.

Il tempo e la data sono decisi. Oltre a quanti finanziamenti saranno necessari per una prestazione di successo.

L’evento principale del 9/11 era la caduta delle torri gemelle. Questo era il culmine. Questo era lo shock e lo stupore psicologico del popolo americano, che precedeva lo shock fisico e lo stupore che cadevano sui popoli afghani e iracheni. È l’immagine della torre cadente che viene ancora oggi utilizzata per rafforzare quella paura e la rabbia.

JFK, RFK, MLK l’evento principale era il tiro, ma l’omicidio era solo un obiettivo.

Data/tempo

La data e l’ora sono entrambe decisioni cruciali. Sappiamo che per i seguaci dell’occulto le date sono MOLTO importanti. Vedi Christine Lagarde, Direttore Generale del FMI, Magic of Number 7, per dimostrare l’importanza della numerologia.

Vai al 50mo minuto del suo discorso sulla numerologia.

(questo è il video ma purtroppo è stato rimosso nda)

Il significato esoterico di una data dovrebbe essere esaminato da vicino.

Un altro fattore importante di data e ora è come coincidano con il ciclo di notizie. La data può anche essere critica a seconda di quanto è necessario o richiesto dall’evento principale.

La data può essere un fattore decisivo, specialmente se il tempo è breve, su come / dove è completato l’evento principale. L’attacco dell’11 settembre 2001, la data è normalmente abbreviata all’11 settembre e negli Stati Uniti il ​​numero di emergenza è di 9-1-1. Pertanto ogni volta che 9-1-1 o 911 è menzionato o visto ricorda il 9/11, e il trauma associato.

I recenti attacchi a Parigi avvengono il 11/13/15, che succede semplicemente venerdì 13. Ma sembra che questo sia stato previsto dalla rivista Economist di gennaio 2015 (Rothschild co-owner) con due frecce con i numeri 11.5 e 11.3, gli stessi numeri esatti come la data.

Queste frecce (sotto l’immagine – in basso a destra) si trovano di fronte alla foto “La belle ferronnière” di Leonardo da Vinci, che si trova al Museo del Louvre di Parigi:

Leggi QUI la prima parte

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gis.Zid.Da

continua…

 

Anatomia di eventi False Flag – False Bandiere

di Kevin Scott King 02 dicembre 2015 dal Sito TruthShock

  Che cosa è una falsa bandiera? 

Che cosa è esattamente una bandiera falsa, perché si chiama bandiera falsa?

Il termine bandiera falsa è un termine navale dall’era della vela che si riferisce a una nave che sventola i colori (bandiera) di un paese diverso da quello a cui la nave appartiene. Ciò viene fatto per più motivi, la cosa più comune è quella di attirare una nave nemica in una trappola o un intervallo di imbarco e poi nell’ultimo momento lasciare cadere la bandiera falsa e eseguire i veri colori prima di attaccare. Era uno sport usuale usare false flag – false bandiere, ma considerato immorale / non etico per attaccare l’eventuale nemico.

Al punto che non è mai stato fatto.

Ma questo accadeva in un’altra epoca …

La definizione più semplice di una falsa bandiera è un evento in cui gli autori effettivi e gli autori di reati segnalati o accusati di esserlo sono diversi. L’uso classico di una falsa bandiera, e quindi l’origine militare del suo nome, procede come segue.

Il re del paese A vuole conquistare e saccheggiare la terra del paese B per arricchirsi. Naturalmente se questo è ciò che il re A dice al suo esercito, può scegliere di non combattere o ribellarsi. Oppure nel caso migliore la manca di forza. Per ottenere il massimo dai loro soldati, i comandanti hanno bisogno di essere emozionalmente coinvolti … rabbia, odio, vendetta.

Ora l’oratore e il manipolatore esperti potrebbero essere in grado di creare questo umore con le sole parole. Ma molti non hanno questo livello di abilità. È molto più facile motivare e / o sollevare un esercito se un paese è stato attaccato, pertanto stai agendo in difesa. Ed è qui che entra in gioco la falsa bandiera. Il re del paese A e il suo generale al vertice si prodigano per lanciare un attacco contro se stessi, sostenendo che gli aggressori provenivano dal Paese B.

L’attacco deve essere abbastanza grande per creare un vero e proprio panico e paura e, per avere il massimo impatto ha bisogno di morti reali. Gli aggressori devono essere convincenti nel loro ruolo di soldati del Paese B, per cui l’abbigliamento, le uniformi, le armi devono corrispondere in modo appropriato.

Il successo del probabile attacco è alto poiché sarebbe inaspettato o un attacco a sorpresa. Anche se l’attacco dovesse fallire tecnicamente, resta il fatto che un attacco potrebbe essere sufficiente per manipolare una eventuale risposta. Il re A per eseguire l’attacco, potrebbe usare gli uomini all’interno, anche se sarebbe meglio usare dei mercenari.

Indipendentemente da ciò, un attacco di successo farebbe insorgere il popolo contro il paese “malvagio” B e quindi giustifica un’invasione.

Quanto sopra è solo un esempio, o un classico esempio di flag-flag. Tuttavia, è molto importante capire che l’evento flag-flag può assumere innumerevoli forme. Recentemente ho letto un commento in cui il commentatore ha affermato che poiché le persone sono effettivamente morte non era una falsa bandiera. La caratteristica definizione di una falsa bandiera non specifica che i non attori siano morti o anche se l’evento non sia affatto avvenuto, il che significa che l’intero evento riportato è una fabbricazione.

Una caratteristica definente è che il reato reale non viene mai conosciuto o rivelato. Quindi l’autore o il direttore / produttore della “produzione” non è sconosciuto. L’attenzione del pubblico è bloccata sul palco, è chiaramente noto il cattivo, identificato attraverso la narrazione ufficiale.

Ma chi sta dietro il sipario? Quando la scena di un gioco viene venduta come reale allora gli attori diventano irrilevanti, ciò che importa è sapere chi sono i produttori! Chi sono le persone che l’hanno scritto, diretto e finanziato l’evento? Questi sono i reali autori, non gli attori sul palco.

Cui Bono? … Chi ne beneficia?

L’altra caratteristica che definisce l’evento è un catalizzatore per i veri obiettivi. Quindi la falsa bandiera usa la classica dialettica hegeliana di “Problema-Reazione-Soluzione”.

Dall’esempio sopra riportato, l’attacco a sorpresa è il “problema” (una minaccia per la sicurezza personale), la rabbia della popolazione, la paura, quindi, la preoccupazione è la “reazione” desiderata e la “soluzione” è attaccare il reato per eliminare la minaccia abilitata dalla reazione delle popolazioni.

La falsa bandiera è quindi un’illusione deliberatamente creata, il cui scopo è creare l’ambiente in cui l’obiettivo o la “soluzione” saranno accettati e così implementati.

Perché usare tante false bandierine?

Come spiegato nella sezione precedente, il classico flag-flag è stato usato per giustificare un’invasione di un altro paese.

Ma ci sono numerose motivazioni per l’utilizzo di false bandiere. Quindi l’evento falso flag, nella storia è sempre stato utilizzato per avviare il cambiamento. Problema-Reazione-Soluzione.

Se la modifica che i leader vogliono non sarà apportata, deliberata o accettata dalla popolazione, allora la falsa bandiera è un ottimo strumento per mettere in atto tale cambiamento.

Quindi le falsi flag è uno strumento di manipolazione (inganno) per dirigere le opinioni e le azioni del popolo. Questo modello di problema-reazione-soluzione delle falsi flag è solo uno strumento dell’ingegneria sociale che guidano gli attori sul palcoscenico mondiale.

Mentre il pubblico, il 99,9% del mondo, sono molto più che semplicemente degli spettatori, è direttamente influenzati da questi “ingegneri” dal momento della loro nascita fino al momento del loro trapasso.

Essi (noi) siamo in realtà ignoti e non vogliono partecipanti alle macchinazioni dell’1%. 

Göring: Perché, naturalmente, la gente non vuole la guerra. Perché qualche povero sciattone che lavora in un’azienda vuole rischiare la sua vita in una guerra quando il meglio che ne può scaturire è tornare alla sua fattoria a pezzi?

Sia beninteso che naturalmente, la gente comune non vuole la guerra; né in Russia, né in Inghilterra, né in America, né per quello che si può dire della Germania.

Ma, dopo tutto, i leader del paese definiscono la politica e è sempre una cosa semplice trascinare il popolo, sia che sia una democrazia, sia che sia una dittatura fascista, un parlamento o una dittatura comunista.

Gilbert: C’è una differenza. In una democrazia la gente ha qualche parola in materia attraverso i loro rappresentanti eletti, e solo negli Stati Uniti il ​​Congresso può dichiarare guerre.

Göring: Oh, certo va tutto bene e bene, ma, voce o non voce che possono avere, la gente può sempre essere trascinata dai loro leader. Questo è facile. Tutto quello che devi fare è dire loro è che sono stati attaccati denunciando i pacifisti per mancanza di patriottismo esponendo il paese al pericolo.

Funziona allo stesso modo in qualsiasi paese.

Da un’intervista tra Gustave Gilbert, uno psicologo americano e Hermann Göring durante le prove di Norimberga.  Trovato nel libro, ‘Diario di Nuremberg’

La Comunità basata sulla realtà 

La fonte del termine è una citazione del 17 ottobre 2004, l’articolo di New York Times Magazine dell’autore Ron Suskind, “Fede, certezza e presidenza di George W. Bush”, citando un aiutante senza nome a George W. Bush (successivamente attribuito a Karl Rove):

“L’aiutante ha affermato che i ragazzi come me erano in quello che chiamiamo la comunità basata sulla realtà”, definita come persone che “credono che le soluzioni emergano dal tuo giudizioso studio della realtà discernibile”.

“Non è questo il modo in cui il mondo funziona di più” continuò.

“Siamo un impero adesso e quando agiamo creiamo la nostra realtà. E mentre stai studiando questa realtà – giudiziosamente, come farete – agiremo di nuovo, creando altre nuove realtà, che puoi anche studiare, e così le cose verranno risolte. Siamo attori della storia … e tu, tutti voi, saremo lasciati a studiare ciò che facciamo”.

Il 1° dicembre 1941, 80% della popolazione statunitense era contro la partecipazione alla guerra in Europa.

FDR ha voluto che gli Stati Uniti si unissero alla guerra, un fatto ora ben consolidato. Quindi, come fa la FDR a convincere la popolazione statunitense a partecipare oltreoceano a una guerra che non vogliono?

Gli Stati Uniti hanno adottato 8 passi per incensare i giapponesi e incoraggiarli o costringerli ad attaccare. Gli Stati Uniti avevano rotto i codici diplomatici e militari dei giapponesi negli anni ’30.

Gli Stati Uniti sapevano che cosa erano. I diplomatici giapponesi dovevano dichiarare la guerra alla mattina del 7 dicembre prima dell’attacco, ma questa riunione fu intenzionalmente ritardata. Così la richiesta di un attacco a “sorpresa” sarebbe stata mantenuta, e la sorpresa, l’orrore, lo shock dell’attacco sono stati utilizzati per manipolare la popolazione nell’adesione alla seconda guerra mondiale.

I comandanti dell’esercito e della marina (General Walter Short e Ammiraglio Husband Kimmel) a Pearl Harbor, che sono stati accusati di non essere pronti sono stati immediatamente licenziati, ed entrambi esonerati nel ’44.

Sia il Tribunale Navale che il Consiglio dell’esercito hanno trovato Washington colpevole, che i funzionari all’interno del Govt americano sapevano che l’attacco stava venendo, ma non aveva trasmesso queste informazioni al personale appropriato.

False bandiere provate

Quindi non sei convinto che le false bandiere siano reali.

Abbastanza buono, niente di sbagliato per essere scettico. Diamo quindi un’occhiata a eventi che sono stati esposti “ufficialmente”. Uno dei più significativi è l’Operazione Gladio, perché non solo è stato aperto in lungo e in largo, ma dimostra chiaramente che il terrorismo è sponsorizzato dal governo.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la British MI6 e la CIA hanno creato e sostenuto gruppi terroristici di destra in tutta Europa in cui sono stati uccisi innocenti. Lo scopo era quello di incolpare il terrorismo nei gruppi di sinistra, usando una “strategia di tensione” e quindi ottenere il sostegno per ulteriori poteri di governo.

Questo programma è andato avanti per molti decenni, e anche se ufficialmente Gladio potrebbe essere stata chiusa, ovviamente continua senza sosta:

L’Iran-Contra, pensato tecnicamente non ad un evento flag-flag, è una prova assoluta della complicità del governo statunitense nelle vendite internazionali di armi e cambiamenti di regime.

Il partito iraniano ha coinvolto le vendite di armi illegali degli Stati Uniti all’Iran, usando Israele come intermediario per spedire le armi all’Iran, in cambio di assistenza per liberare gli ostaggi americani in Libano.

Importante notare che in questo momento l’Iran è stato considerato un “nemico” ed è ufficialmente designato uno lo “Sponsor Stato del Terrorismo”, che è deliziosamente ironico considerando ciò che l’Operazione Gladio ha rivelato. Infatti gli Stati Uniti stavano aiutando l’Iraq nella continua guerra Iran-Iraq. Questo è avvenuto durante un embargo delle vendite di armi all’Iran.

Alcuni dei fondi generati da queste vendite di armi furono poi utilizzati per finanziare i Contras in Nicaragua, che erano stati rigorosamente vietati dal Congresso degli Stati Uniti.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Fine Prima parte

Egemonia

HAMBURG, GERMANY JULY 7, 2017: Russia’s President Vladimir Putin (L) and US President Donald Trump shake hands during a bilateral meeting on the sidelines of the G20 summit in Hamburg. Mikhail Metzel/TASS (Photo by Mikhail MetzelTASS via Getty Images)

 

La valutazione di Putin su Trump al G20
determinerà il nostro futuro

Postato da Davide su come donchisciotte

Articolo di: DI PAUL CRAIG ROBERTS

Sullo sfondo della riunione di Putin-Trump ci sono le aspirazioni di Israele e dei neocon. Sono queste che guidano la politica estera americana.

Perché Washington si impegna così tanto a rovesciare il presidente siriano Come si spiega l’improvvisa apparizione nel 21° secolo della “minaccia musulmana”? La preoccupazione su tale minaccia come fa ad essere coerente con le guerre fatte contro Saddam, Gheddafi ed Assad, leader che hanno soppresso il jihadismo? Come si spiega l’improvvisa apparizione della “minaccia russa”, pompata fino a farla diventare una pericolosa russofobìa priva di fondamento?

Le minacce musulmana e russa e le bugie usate per distruggere Iraq, Libia e parti della Siria sono tutte orchestrazioni che servono i desiderata di israeliani e neocon.

La lobby ebraica in America, fortemente presente in Commentary, Weekly Standard e New York Times, ha sfruttato l’11 settembre per costringere Bush ad intraprendere un “energico sforzo per detronizzare Saddam” (vedi qui e qui).

Saddam Hussein era un leader laico, il cui compito era di sopire i conflitt tra sunniti e sciiti e mantenere una stabilità politica. Lui, Assad e Gheddafi hanno soppresso l’estremismo che porta al jihadismo. Saddam non ha avuto nulla a che fare col 9/11, e sotto il suo governo l’Iraq non costituiva alcuna minaccia per gli Stati Uniti. Era stato un fedele vassallo, attaccò persino l’Iran per conto di Washington, che sperava di usare il suo paese per rovesciare il governo persiano.

Rimuovere leader secolari è ciò che crea il jihadismo. L’America ha scatenato il terrorismo musulmano con regime changes che hanno ucciso i presidenti ed hanno lasciato i paesi nel caos.

Fomentare il caos in Iraq è stato l’inizio, poi si è passati a Siria ed Iran. Questi due paesi sostengono Hezbollah, la milizia nel Libano meridionale che per ben due volte ha battuto l’esercito israeliano, inviato per appropriarsi delle risorse idriche.

Le guerre dei neocon in Medio Oriente servono a rimuovere i governi che forniscono sostegno militare e finanziario ad Hezbollah. Spingendo il jihadismo più vicino ai confini russi, queste guerre peraltro coincidono perfettamente con la politica statunitense della World Hegemony. Come ha espresso Paul Wolfowitz, sottosegretario alla Difesa:

“Il nostro primo obiettivo è impedire il riemergere di un nuovo rivale che costituisca una minaccia simile a quella sovietica. Per questo, dobbiamo impedire che qualsiasi potenza ostile possa dominare una regione le cui risorse, sotto un controllo consolidato, sarebbero sufficienti a creare una potenza globale”.

Israele vuole che anche Siria ed Iran finiscano nel caos come Iraq e Libia, così da poter rubare l’acqua nel sud del Libano. Se i due paesi vengono indeboliti, Hezbollah non avrà il sostegno militare e finanziario per resistere all’esercito israeliano.

I neocon hanno invece obiettivi più grandi. Vogliono attaccare Siria ed Iran per poter dirottare il jihadismo in Russia e Cina (quest’ultima ha anche una provincia musulmana che confina col Kazakistan). Provocando problemi interni a Mosca e Pechino, i neocon possono ridurre le loro capacità di ostacolare l’unilateralismo americano.

Ecco perché si fa guerra in Siria, nient’altro.

La “minaccia musulmana” è apparsa all’improvviso con l’attacco al WTC e al Pentagono. La colpa venne immediatamente data ai musulmani. Sebbene il governo americano sostenesse di non aver idea che un attacco del genere fosse in preparazione, sapeva sùbito chi l’aveva commesso. Ovviamente, i documenti lasciati sulla scena identificavano convenientemente i “terroristi”.

Ci sono 3.000 architetti e ingegneri che mettono in dubbio gli eventi di quel giorno. La spiegazione ufficiale della distruzione dei 3 edifici è tecnicamente senza senso. Ci sono infinite prove fornite da esperti. Basta andare in certi siti: Architects & Engineers for 9/11 Truth, Firefighters and First responders for 9/11 Truth e Pilots for 9/11 Truth. Cercate quel che alcuni funzionari stranieri hanno da dire sulla storia assurda raccontata da Washington. Che la gente creda alla spiegazione ufficiale è la prova del fallimento totale dell’istruzione in America. Gran parte della popolazione è incapace di pensare. La gente accetta tutto ciò che il governo gli dice, indipendentemente dall’assurdità.

Da dove viene la presunta “minaccia musulmana”? Che cosa l’ha prodotta? L’11 settembre è avvenuto prima che gli Stati Uniti distruggessero in tutto o in parte sette paesi musulmani, uccidendo, assassinando, rendendo orfani e spostando milioni di musulmani che stanno ora invadendo gli stati europei vassalli. Queste guerre su innocenti possono produrre terroristi, ma l’11 settembre è avvenuto prima delle guerre di Washington contro i paesi musulmani.

Bin Laden ed al-Qaeda erano alleati di Washington contro i sovietici in Afghanistan. Sicuramente non avevano le connessioni interne per superare tutte le 17 agenzie di intelligence americane, il National Security Council, tutti i servizi della NATO, il Mossad e la sicurezza dell’aeroporto per ben quattro volte, nella stessa ora e nella stessa mattina.

Inoltre, nell’ultimo video attribuitogli, bin Laden ha dichiarato di non aver nulla a che fare con quell’attacco. In generale, i terroristi si prendono la responsabilità anche solo per magnificare il movimento. Non ha senso che “il promotore” presunto destinato a rovesciare l’Occidente neghi la più grande umiliazione mai inflitta ad una potenza mondiale. Gli Stati Uniti vennero completamente umiliati, impotenti contro una manciata di musulmani muniti di taglierini. Questa umiliazione è un record mondiale che rimarrà per sempre. È impossibile che il presunto terrorista, bin Laden, non la rivendichi.

Anche solo questo fatto dimostra che bin Laden ed Al-Qaeda non hanno avuto niente a che fare con l’11 settembre.

Chiunque creda alla storia ufficiale, come chiunque creda che Oswald abbia ucciso JFK, che Saddam avesse armi di distruzione di massa e collegamenti con Al-Qaeda, che Assad abbia usato armi chimiche, che la bugia del Golfo di Tonchino fosse vera, che Sirhan Sirhan abbia ucciso RFK, che la Russia abbia invaso l’Ucraina, ecc., è ormai perso nella Matrix e non più salvabile.

Non so se la stupidità occidentale si estenda anche in America Latina, Africa ed Asia. Alcune persone in Venezuela, Ecuador e Bolivia, i cui governi sono regolarmente soggetti a regime changes voluti dagli americani, devono essere consapevoli del fatto che non sono in controllo del proprio destino. Ma quanto è diffusa la consapevolezza del desiderio di Washington di avere l’egemonia mondiale? Gli unici segnali in tal senso sono gli accordi, ancorché iniziali e limitati, tra Russia e Cina.

Ancora oggi nessun governo europeo ha fatto il collegamento tra le guerre di Washington, sostenute dall’Europa, ed i milioni di rifugiati che stanno invadendo il continente, intenti a rubarne il welfare e le donne. Sentiamo tutti i tipi di lamentele per gli immigrati, ma non si fa mai una connessione tra questi e le guerre europee sostenute dagli Stati Uniti.

Washington è stata così brava durante la guerra fredda a rappresentarsi come simbolo di pace, giustizia e verità che il mondo non riesce a vedere il suo volto satanico.

Ora che 16 anni di guerra inumana contro le popolazioni musulmane hanno distrutto la vita di milioni di persone, perché non ci sono 9/11 ogni giorno? Invece ci sono solo alcuni presunti attacchi terroristici condotti da individui, palesi false flag, come quelli in Francia e in Inghilterra. Ma niente negli Stati Uniti, “il Grande Satana”, cosa molto sospetta.

Il 9/11 è stato il “New Pearl Harbor” dei neocon per fare guerre per gli interessi propri ed israeliani.

Perché gli americani e gli europei non lo sanno? Perché non hanno media indipendenti ma presstituti.

Washington ha creato “la minaccia russa” quando la falsa accusa di Obama ad Assad sul suo presunto uso delle armi chimiche è fallita. Cameron aveva promesso l’appoggio britannico all’invasione della Siria, ma il parlamento gli ha votato contro. La Russia disse basta alle guerre, di aver raggiunto un accordo con la Siria: raccogliere tutte le armi chimiche e darle agli americani per distruggerle. Gli Stati Uniti stanno probabilmente usando queste stesse armi date dagli ingenui russi per fare attacchi chimici false flag.

Bloccati nei loro obiettivi di guerra contro la Siria, i neocon si sono infuriati con la Russia. Come osano intralciarci! Daremo loro una bella lezione! Washington ha così scatenato le ONG in Ucraina, finanziandole con 5 miliardi di dollari.

Non rendendosi conto della propria vulnerabilità, la Russia concentrata sulle Olimpiadi di Sochi ha improvvisamente scoperto che l’Ucraina aveva subìto un colpo di stato e che le popolazioni russe ivi presenti stavano subendo violenze. In passato, leader sovietici avevano assegnato le province russe alla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina dell’URSS. Questi russi attaccati dal governo neonazista installato a Kiev da Washington hanno chiesto di poter tornare nella madrepatria.

La Russia ha accettato di riprendere la Crimea, a causa della base navale nel Mar Nero, ma ha rifiutato le altre aree russe, Donetsk e Luhansk. Sperando contro ogni logica di convincere l’Europa di non essere aggressiva, Mosca ha rifiutato le repubbliche russe in difficoltà e le ha lasciate alla misericordia dei neo-nazisti di Kiev, che continuano ad attaccarli, violando ogni tipo di accordo.

La tolleranza di Putin alle provocazioni ed agli insulti fa apparire il suo governo debole agli occhi dei neocon, che continuano a demonizzarlo e a far pressioni per ulteriori sanzioni e basi militari vicine ai confini russi. Prima del suo incontro con Putin, Trump ha detto che “la Russia deve smetterla di ‘destabilizzare’ l’Ucraina ed altri paesi e deve ‘aderire alla comunità delle nazioni responsabili’”. Come può pensare che le cose stiano così?

Il desiderio dei russi di essere accettati dall’Occidente potrebbe finire per compromettere la propria sovranità, e gli americani lo stanno capendo.

I russi pensano anche che il terrorismo musulmano sia una minaccia globale. Mosca delira se pensa di raggiungere un accordo con Washington per combattere insieme il terrorismo. Non capiscono che quella è l’arma creata contro di loro.

Il jihadismo è stato prima usato contro l’esercito sovietico in Afghanistan. Poi contro Gheddafi in Libia. Poi, quando il piano di invadere la Siria con la scusa delle armi chimiche venne bloccato dal parlamento britannico e dalla Russia, Obama mandò l’ISIS a rovesciare Assad. Il generale Flynn, l’allora direttore della Defense Intelligence Agency, l’ha detto esplicitamente su Al Jazeera: è stata una “decisione deliberata”. Ecco perché le speranze della Russia di un fronte comune contro l’ISIS non hanno mai avuto alcun senso.

Il jihadismo è l’arma migliore di Washington con cui destabilizzare la Russia. Perché dovrebbe sconfiggerlo?

La disinformazione dei media occidentali raggiunge anche i russi, e forse anche i cinesi.

Persino gli analisti occidentali che rifiutano la storia ufficiale della Siria continuano a bersi la menzogna che Assad sia un dittatore.

Quando Putin incontrerà Trump, dovrà valutare se l’altro sia un vero presidente o un altro burattino dell’élite.

Nel secondo caso, dovrà prepararsi alla guerra.

Paul Craig Roberts

Fonte: www.lewrockwell.com

LInk: https://www.lewrockwell.com/2017/07/paul-craig-roberts/putins-assessment-trump/8.07.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org acura di  di HMG

Link diretto: https://comedonchisciotte.org/

Almanacco di novembre 2016

 

 DALLA PADELLA ALLA BRACE

di Cinzia Palmacci 

Se c’è qualcuno che sta aspettando come l’avvoltoio sulla carcassa che il “no” al referendum porti anche Renzi alla disfatta, questo è il Movimento 5 stelle. I grillini si sono spesi fino all’ultima energia tra tour turistici su e giù per l’Italia, slogan e striscioni, ed ora il movimento di Beppe Grillo spera che un esito negativo al referendum sia l’occasione imperdibile per occupare gli scranni di Palazzo Chigi. Questa prospettiva ci rammenta un po’ troppo le recenti elezioni presidenziali americane tra Clinton e Trump, la padella e la brace. In Italia tra PD e M5stelle ci sentiamo particolarmente empatici con gli americani (mal comune mezzo gaudio). Continua a leggere QUI

PIECZENIK: “Mai più 11 Settembre, mai più false flag”.
E invece Obama..

di Maurizio Blondet

Steve Pieczenik  ha postato un altro dei suoi video. Si rallegra della vittoria di Trump, che attribuisce alla mobilitazione dei “16 servizi di intelligence”, ed elenca “ciò che il popolo americano non vuole più”: “Non più false flag,  non più 11 Settembre, non più Sandy Hook, Sparatorie di Orlando, o altri imbrogli, propaganda e stronzate! Quel che vogliamo oggi è la verità”. Abbiamo già spiegato che Pieczenik è un esponente dello “Stato profondo”, l’uomo che al tempo del rapimento Moro fu mandato in Italia dal Dipartimento di Stato per assicurarsi che Moro non tornasse a casa; a modo suo un servitore dello Stato – e di quegli apparati nazionali  che i neocon hanno sbattuto fuori l’11 Settembre, prendendo a forza il comando della politica estera Usa nella “lotta al  terrorismo islamico”, per il bene di Israele. Se evoca oggi “Mai più 11 Settembre”, sta avvertendo: sappiamo che siete stati voi,  possiamo riaprire l’inchiesta.  Continua QUI

Cosa accadrà adesso con Trump allo Studio Ovale?
(se ci arriverà..)

1° Quanto ci è costata la disfatta della Clinton- 2° Riuscirà Trump a sedersi sulla poltrona dello studio ovale?- 3° I futuri uomini del presidente- 4° Ombre e strategie- 5° Una primavera colorata anche in USA? -6° Trump o Campi FEMA

1° QUANTO CI E’ COSTATA LA DISFATTA DALLA CLINTON 

Nei giorni scorsi abbiamo lodato la scelta di milioni di elettori americani; proprio quegli americani che sono ridotti allo stremo da politiche globaliste che hanno messo in ginocchio le fasce più deboli della popolazione americana e indebolendo considerevolmente la classe media americana. Festeggiare le facce avvilite di Renzi, Junker, Hollande e tutta la macchina del fango che per mesi hanno imbrattato la figura del tycoon dipingendolo come rozzo, razzista, omofobo, sessista ecc è una soddisfazione impareggiabile, anche perché i televisionari di tutto il mondo cominciano a chiedersi che lavoro svolgano i contapalle a pagamento di TV e giornali. La vittoria di Trump sembra aver shockato anche Mario Monti, ospite di Omnibus su La7 che paventa imminenti crisi per l’Europa e per la globalizzazione (…) Continua QUI

 “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.
E i robot?

di Dario Tamburano

Nei prossimi vent’anni un lavoratore su due rischia di essere sostituito da un robot. Se i robot lavoreranno per noi, e non é detto, dovremo reinventarci la vita che oggi ha il lavoro scolpito nel DNA culturale della razza umana.

Elon Musk, il futurista icona della Silicon Valley fondatore e CEO di SolarCity, Tesla e SpaceX (e cofondatore di Paypal), afferma che più i robot occuperanno i posti di lavoro, più le persone dovranno essere mantenute da un “Universal Basic Income“, un reddito universale di cittadinanza. Ovvero detto in altre parole i cittadini saranno, in tutto o in parte mantenuti grazie al plusvalore e quindi alla ricchezza prodotta dai robot. Talvolta addirittura Musk nella sua telefonata sembra un pò spaventato nel tratteggiare il futuro, ma sulla robotica è ottimista.

Tralasciamo per ora di esaminare il rischio che i robot invece, non solo rendano inutili le nostre braccia ed i nostri cervelli, ma che facciano sì che nell’opinione di qualche entità… i miliardi di umani appaiano solo come inutili bocche da sfamare che consumano risorse. Continua QUI

Due terzi dei lavoratori stanno per essere sostituiti
dai Robots in via di sviluppo:
Rapporto

di Jake Anderson

Un nuovo rapporto allarmante delle Nazioni Unite è l’ultimo di una litania di studi che suggeriscono che la venuta dell’età d’automazione e la forza lavoro dominata dai robot ci coinvolgerà velocemente molto più di quanto si possa pensare. Ora, l’ONU sostiene che i due terzi della forza lavoro umano nei paesi in via di sviluppo saranno sostituiti dall’automazione.

Secondo l’Onu, sarà necessario una base di reddito universale per tappare il buco del 75% degli esseri umani lasciati senza lavoro.

Precedentemente, l’Anti-Media ha riportato previsioni che la metà della forza lavoro americana entro i prossimi due decenni potrebbe essere sostituita dall’automazione. Le statistiche di un altro rapporto, ha suggerito che un software automatizzato potrebbe sostituire 1,7 milioni di camionisti dei loro posti di lavoro entro un decennio. L’articolo continua QUI in lingua inglese.

Cosa penserebbe Pasolini di Facebook,
dove tutti credono di avere ragione

Che qualche cosa stesse succedendo nella lingua italiana negli anni del grande sviluppo economico del Dopoguerra, fu avvertito assai bene da uno scrittore sensibile come Pasolini, a cui si deve l’ultimo clamoroso intervento nella ‘questione della lingua’». 

Così inizia il capitolo di un celebre manuale di storia della lingua italiana, di Claudio Marazzini, che dedica uno spazio apposito all’emergere del cosiddetto italiano tecnologico, e agli sforzi con cui il poeta di Casarsa cercò di comprendere il mutamento in atto. 

E adesso, invece? Che direbbe dell’appiattimento surreale causato dai social media? Come indagherebbe la massima democrazia portata da Internet che coincide però anche con la massima approssimazione? Sono domande che mi pongo da anni: Pasolini avrebbe avuto un account Facebook?; si sarebbe messo in gioco scrivendo un fatidico “stato”?; avrebbe avuto voglia di riassumere un pensiero nei 140 caratteri di Twitter?  

Gli stessi quesiti li ho posti anche ad Andrea Di Consoli. Scrittore, giornalista, saggista, autore televisivo per la Rai. Persona dall’intelligenza camaleontica e in grado di adoperare più linguaggi. Proprio come Pasolini, che si destreggiava contemporaneamente fra poesie, romanzi, sceneggiature, opere critiche, articoli e libelli politici. Continua QUI

Nin.Gish.Zid.Da