Archivi tag: eticità

i vegan e Il “conformismo culturale”

Il pericolo della dieta vegan! Bambina finita all’ospedale.

E anche stavolta viene fuori che la “dieta vegana” che ha condotto all’ospedale la bambina di due anni di Genova, fatto sbandierato ai quattro venti da tutti i media, era in realtà inesistente perché la bambina non era affatto vegana. Esattamente come già successo in passato. (http://www.vegolosi.it/news/bambina-vegana-genova-la-notizia-non-veritiera-mangiava-formaggio/)

Io conosco almeno una decina di bambini cresciuti con dieta veg e stanno tutti benissimo. Mai sentito, neanche tramite amici di amici di amici di problemi nutrizionali con la dieta vegana per i bambini.

Sono sconvolto non tanto dalle notizie insulse, propagandistiche e allarmiste di tv e giornali (ma come, non c’era la lobby veg, la lobby della soya?!?!?), sono sconvolto di più dalle persone comuni che abboccano, soprattutto quelle che hanno già contatti con persone vegane e che dovrebbero essere informate, ma nonostante questo tirano ancora ancora fuori i soliti luoghi comuni, arrivando addirittura a sostenere cose come “ok se tu vuoi mangiare veg, ma imporlo al bambino è un estremismo pericoloso”. 

Anche la dieta onnivora, in quest’ottica è un’imposizione, anche indossare scarpe è un’imposizione, anche stare a tavola a mangiare è un’imposizione. Tutto è un’imposizione, si chiama educazione e porta determinati risultati. Tutto sta nel vedere quale imposizione sia più corretta e salutare. Di certo evitare cibi di origine animale anche per i bambini è una scelta più salutare della dieta onnivora, l’unica differenza è che la dieta veg è ancora vista come un’anomalia alla “normalità”, una normalità che è un concetto ovviamente astratto, semplice frutto di propaganda e conformismo culturale.

Se non bastassero esperienze dirette, rapporti che dimostrano la nocività dei cibi di origine animale, studi di anatomia che provano che l’uomo sia un animale frugivoro (e quindi non si vede perché un bambino umano debba aver bisogno di proteine animali più di un adulto), citerò la posizione ufficiale dell’Academy of Nutrition and Dietetics (ex American Dietetic Association): “le diete vegetariane correttamente pianificate, comprese le diete vegetariane totali o vegane, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, e per gli atleti.”

Tornando al discorso dell’imposizione, io credo che sia bene dare un’educazione libertaria ai propri figli, ma non penso che questo preveda, per esempio, anche l’evitare di insegnare alla propria prole che uccidere è sbagliato e nemmeno credo che preveda mettergli un pacchetto di sigarette di fianco alla culla perché “la scelta deve essere del bambino”, evidentemente ci sono cose che, a prescindere, è pacifico che vengano insegnate, quindi mi viene da fare un discorso meramente logico: voi conoscete qualche genitore che educa il proprio figlio andando contro quello che lui ritiene giusto? Soprattutto se si parla di valori etici? Voi conoscete un genitore che educa il proprio figlio in modo tale che la sua salute peggiori? Certo, qualcuno ci sarà, ma non credo sia la norma e non credo sia una versione di genitore che ci auspichiamo di incontrare. 

Allora veramente io non capisco come qualcuno, quando è a conoscenza che la scelta veg si basa su un ragionamento profondamente etico e salutista, possa anche solo immaginare che un genitore scelga di non educare il proprio figlio con gli stessi crismi, figuriamoci inalberarsi ed etichettarla come estrema e pericolosa imposizione.

Possibile che il mondo non si scandalizzi se un bambino, ad esempio, viene battezzato o portato a cena al Mc Donald’s, ma salti sulla sedia quando un bambino è cresciuto con una alimentazione vegana? Evidentemente quando si parla di veganismo e alcuni interruttori del cervello si mettono automaticamente su off.

Mi spiace ma credo dovrete farvene una ragione: dietro la scelta veg non c’è alcun estremismo né alcun pericolo. Le uniche cose che il veganismo mette in pericolo sono la sofferenza animale, la distruzione del pianeta, il consumo di proteine animali insalubri, i preconcetti che alcune persone hanno sull’argomento e gli interessi economici che stanno dietro al consumo di prodotti animali e cure per malattie cardiovascolari.

Fonte: http://www.masonmassyjames.it/blog/il-pericolo-della-dieta-vegan-bambina-finita-allospedale/

Un mondo di amazzoni

Donne incinte senza lo sperma 

Che sia davvero possibile produrre il seme maschile dal midollo osseo delle donne?

Se ne è parlato circa 2 anni fa, ma con prepotenza la notizia continua ad interessare il pubblico della rete, nonostante si tratti di un argomento molto delicato e, a dir poco, inquietante. Che siamo derivati da Adamo ed Eva oppure dalla cugina scimmia, poco importa in quanto il processo evolutivo è partito e si è affermato grazie alla riproduzione. Immaginate di poterlo parzialmente interrompere, negando all’uomo la possibilità e il diritto di diventare padre. Come? Le donne potrebbero produrre da sole il seme necessario, per procreare i loro figli.

Gli scienziati inglesi dell’università di Newcastle Upon Tyne avrebbero trovato il sistema per convertire le cellule staminali del midollo osseo di una donna in sperma. Il dottore, che presiede al gruppo degli studiosi, non è Victor Frankenstein, ma il professor Karim Nayernia, il quale, dopo aver ricevuto i dovuti permessi per continuare  nella sua ricerca, è tuttora immerso nella produzione di seme “artificiale”.

Gli esperimenti si stanno concentrando sui topi da laboratorio, ovviamente femmine. Le cellule generatrici, estratte dal midollo e poi bombardate di vitamina A, avrebbero prodotto cellule spermatogonali, che a loro volta dovrebbero appunto diventare l’utile seme.

La ricerca è partita con l’obietto di risolvere il problema della fertilità per tutti quegli uomini che l’avessero persa a causa del cancro. La stessa ricerca, però, ha raggiunto risultati imprevisti tanto da spaventare lo stesso dottor Nayernia, e non certo perché preoccupato dalle conseguenze a cui si potrebbe arrivare, ma perché teme che i suoi studi possano essere interrotti.

Proprio in un periodo in cui si discute ancora sulla eticità della fecondazione assistita.

X _ YC’è chi solleva legittimi dubbi a riguardo, come ad esempio il professor Harry Moore, dell’Università di Sheffield, il quale immagina quali conseguenza potrebbe condurci la manipolazione genetica. Robin Lovell Badge, del National Institute of Medical Research, invece, sostiene che non si possa creare in laboratorio lo sperma senza il cromosoma Y, che appunto appartiene soltanto agli uomini. A meno che non si immagini, in un futuro davvero inquietante, un mondo popolato esclusivamente da donne.

Quando la realtà, supera la fantasia.


di Daniela Mancini
tratto da: donne-incinte-senza-lo-sperma

Link: http://donna.fanpage.it/
Visto su: http://www.disinformazione.it/

https://ningizhzidda.blogspot.com/