Archivi tag: etica

La tortura di esseri innocenti, senzienti, empatici

Fattoria partner della Coca-Cola esposta con filmati orribili sugli abusi di animalii (attenzione!: VIDEO non adatto a bambini e persone sensibili)

Di Arjun Walia

I fatti:

Un’altra azienda agricola, che fornisce latte a una delle aziende della Coca Cola, è stata esposta sotto forma di riprese video grafiche per estreme crudeltà sugli animal.

Riflettere su:

Come siamo diventati così desensibilizzati da dove proviene il nostro cibo? I prodotti animali sono effettivamente sani o sono stati semplicemente commercializzati in massa da grandi aziende alimentari? Come possiamo stare insensibili e lasciare che esseri innocenti, senzienti, empatici siano torturati?

Quasi il 100 percento di tutti i prodotti animali proviene da allevamenti industriali o da altre fonti estremamente non etiche. Direi che non esiste una fonte etica per produrre o mangiare qualcosa che provenga da un animale, soprattutto ai giorni nostri, quando è diventato chiaro che l’uso di animali per beni e servizi e il consumo di cibo non è assolutamente necessario e rappresenta uno dei più grandi, se non il più grande, contribuente alla distruzione ambientale. Ci sono miliardi di animali allevati per il macello ogni anno e così tanti di loro attraversano un’esistenza tortuosa, deprimente e straziante. Come abbiamo permesso che ciò accadesse? Il nostro rapporto con gli animali dovrebbe essere sacro, speciale. Come siamo diventati insensibili al dolore e al dolore che causiamo a questi esseri innocenti, vulnerabili, empatici, intelligenti ed emotive?

L’ultimo esempio di crudeltà sugli animali emerso proviene da attivisti per i diritti degli animali che hanno pubblicato orribili filmati da una fattoria della Coca-Cola. Questo filmato può sembrare scioccante per molti, ma non è scioccante per la maggior parte degli attivisti di animali, dato che questo è molto noto e una realtà che sta accadendo ogni giorno nella maggior parte degli allevamenti.

Come risultato del filmato, la Coca-Cola Corporation ha tagliato i ponti con la fattoria, che forniva il latte per l’azienda. Ma poi di nuovo, se bevi latte e / o mangi o usi prodotti animali, questo è ciò che stai sostenendo.

La missione di recupero degli animali ha inviato lavoratori sotto copertura in Fair Oaks Farms nell’Indiana, una delle più grandi fattorie del paese che fornisce latte per il marchio Fairlife della Coca-Cola.

Il filmato è stato pubblicato mercoledì, e mostra gli operai che prendono pugni,  a calci e lanciano vitelli e picchiano gli animali con barre d’acciaio e bottiglie di plastica “quasi quotidianamente”. I vitelli appena nati sono crudamente marchiati e ricevono cibo e sostanze nutritive inadeguate. Gli animali morti e morenti vengono lasciati al sole e i vitelli maschi vengono venduti alle fattorie, nonostante le fattorie sostengano il contrario.

Mentre siamo sul tema delle fattorie da latte, è importante sapere che le mucche sono imprigionate con forza in modo che possano produrre latte e che i loro piccoli vitelli siano strappati via da loro, il che è straziante per gli animali perché è l’unico pezzo d’amore che sperimenteranno mai più. I vitellini vengono poi cresciuti per essere massacrati o uccisi dopo essere stati strappati alle loro madri non molto tempo dopo la nascita.

Inoltre, perché gli umani bevono il latte di una mucca quando non è necessario? In effetti, non è affatto buono per noi. Il latte delle mucche è stato propagandato per rendere le nostre ossa più forti e prevenire condizioni come l’osteoporosi. Si scopre che è l’esatto contrario, che il latte provoca la degenerazione ossea sanguinando il calcio dall’osso. Puoi leggere di più su questo qui. Inoltre, il dottor Colin Campbell, autore del “China Study”, ha scoperto che le proteine ​​animali (caseina trovata nel latte di una mucca) possono accelerare e “accendere” il cancro, mentre le proteine ​​vegetali hanno l’effetto opposto. Puoi leggere di più su questo qui.

Fare spazio agli animali che saranno utilizzati per il consumo umano è anche una delle principali cause di deforestazione.

Potresti anche essere interessato a leggere i seguenti articoli:   

Cose che accadono quando smetti di mangiare carne

I tassi di malattie cardiache dei mangiatori di carne rispetto ai vegani e ai vegetariani: il killer numero 1 negli Stati Uniti

Un TEDx Talk molto informativo che condivide fatti puri sul consumo di carne che alcune persone non credono ancora

Proteina vegetale VS. Proteine ​​dalla carne, quale è meglio per il tuo corpo?

Acidosi metabolica: è ciò che accade al tuo corpo quando mangi proteine ​​animali

ATTENZIONE: il video non’è adatto a bambini e persone sensibili 

Perché trattiamo gli animali come facciamo noi? Alla fine della giornata, noi siamo quelli che acquistano questi prodotti e sostengono questo settore, quindi abbiamo il potere di fermarlo. Tuttavia, la consapevolezza sta aumentando e il “mercato” vegano è esploso, mentre i prodotti lattiero-caseari stanno avendo un momento più difficile con le vendite. Solo le vendite di latte in America sono diminuite di oltre un miliardo di dollari.

Le cose stanno cambiando e noi dobbiamo continuare a creare consapevolezza e parlare per coloro che stanno attraversando il più grande genocidio della storia che non sono in grado di parlare da soli.

Aiuta a sostenere l’evoluzione collettiva

La domanda di contenuti di Collective Evolution è più grande che mai, ad eccezione delle agenzie pubblicitarie e dei social media che continuano a tagliare i nostri ricavi. Questo sta rendendo difficile per noi continuare.

Per rimanere veramente indipendenti, abbiamo bisogno del tuo aiuto. Non pubblicheremo paywall su questo sito web, perché vogliamo ottenere le nostre informazioni in lungo e in largo. Per soli $ 3 al mese, puoi aiutare a mantenere viva la CE!

SUPPORTO CE QUI!

Fonte Articolo: https://www.collective-evolution.com/ 

®wld 

non vedo-non sento-non parlo

dissonanza cognitiva: servus Homo   

C’è un’epidemia nel mondo d’oggi, un fenomeno psicologico chiamato dissonanza cognitiva. Ognuno è suscettibile alla dissonanza cognitiva in un modo o nell’altro, ma per molti osservatori, nel mondo occidentale di oggi sembra essere particolarmente diffuso nei media, .

La dissonanza cognitiva si riferisce al disagio psicologico o al senso emotivo di fronte a nuove informazioni o a una nuova realtà che contraddice le convinzioni profondamente radicate nei sistemi di credenze che sono sempre state e valutate come puramente vere. Questo fenomeno psicologico appare soprattutto tra le persone che sono state vittime di spot televisivi e altri metodi di lavaggio del cervello e della propaganda. E’ anche vero che i cultisti sono guidati da un leader carismatico o appartenenti a qualche altro sistema autoritario, compresi i genitori punitivi e/o l’indottrinamento politico/religioso. (Ad esempio, a livello politico, in Spagna è impensabile che un voto MP venga espresso contro una proposta della propria disciplina di partito, un altro buon esempio chiamato … dissonanza cognitiva che implica la religione e la negazione è presente in alcuni fondamentalisti religiosi che, pur professando che la Bibbia sia infallibile, negano il fatto che al suo interno ci siano numerose contraddizioni e incongruenze tra gli insegnamenti etici del Vecchio Testamento spesso giustificato da violenza omicida in contrapposizione con l’etica non violenta di Gesù, che vieta la violenza omicida.

Quando c’è uno scontro di credenze contraddittorie che si escludono a vicenda, le persone intelligenti, con mente aperta e riflessiva di solito sono disposte a cambiare idea e a rivalutare le loro posizioni precedenti, guardando attentamente e onestamente le nuove prove, ri-valutare la credibilità delle due posizioni e poi prendere una decisione per approvare o respingere le nuove informazioni, a seconda delle prove in loro possesso.

Una mente chiusa, distratta, disinformata, ignorante, troppo occupata, dipendente o intensamente conservatrice non può esaminare nuove prove che potrebbero andare contro le proprie convinzioni radicate, per vari motivi, il tempo, l’inclinazione, o la volontà politica. Pertanto, essi possono inconsciamente o di riflesso rifiutare le nuove informazioni, anche se le prove sono schiaccianti e dimostrabilmente vere.

L’opinion leader e gli agenti della disinformazione piace annunciare spiegazioni semplicistiche di eventi complessi superficialmente plausibili, soprattutto quando gli interessi delle multinazionali o statali sono in gioco. Queste entità impiegano furbi esperti di comunicazione  che sono dei geni quando si tratta di “spiegare/ propagandare” il tutto con frasi concise nelle loro “relazioni” (che in realtà sono pezzi di propaganda) rivolte nella maggior parte ai fedeli dello stato che con poca attenzione vuole credere. Anche situazioni molto complesse come invasioni o attacchi contro le nazioni sovrane, spesso vengono date spiegazioni semplicistiche, i cui punti di vista sono raramente opposti quando vengono esposti nei media.

Le operazioni di false flag sono eventi intelligenti programmati (pre-smart), la propaganda, i governi orchestrano in modo che possano giustificare l’entrata in guerra. Esempi di operazioni false flag sono 9/11, l’incendio del Reichstag a Berlino, Operazione Northwoods e l’episodio Golfo del Tonchino. Queste operazioni di false flag (accettate come vere dalla maggior parte delle persone), hanno ingannato molti senatori presumibilmente intelligenti come presidenti e rappresentanti politici. Naturalmente, c’è anche da chiedersi se molti dei nostri – così chiamati leader siano stati ingannati sui fatti del 2001 o abbiano fatto parte della copertura (e quindi complici del reato).

La triste verità che prevale oggi è che molti cittadini vogliono semplicemente essere guidati da un leader carismatico o da un attraente primo ministro o presidente, è difficile pensare dove andrebbero questi cittadini se non sono in grado di utilizzare (quello che potrebbe già essere) il loro pensiero critico atrofizzato? In ultima analisi, si finisce per essere schiavi.

Abbiamo visto tutti l’immagine delle “tre scimmie sagge”. C’è qualcosa di profondamente vero nell’immagine delle scimmie che tengono le mani sugli occhi, le orecchie e la bocca trasmettendo un messaggio preoccupante, obbedienza all’autorità, “né vedere né udire né parlare di verità dolorose” questo ci rende buoni sudditi dello stato e patrioti senza violare il pegno alla bandiera. 

Ryszard Kapuscinski scrive:

“Quando si è scoperto che l’informazione era un business, la verità ha cessato di essere importante.”

Link 

Guarda il video di Tommix QUI

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Chi mangi oggi?

vegan

Sentenza storica: asilo espelle bambino perché vegano, il TAR lo riammette
Marcello Pamio – 4 agosto 2015

Tutto è iniziato a febbraio. I protagonisti: un bambino vegano e una mamma consapevole!

Ma andiamo per ordine.
Gli anni passano velocemente per tutti, anche per una mamma di Merano che deve iniziare lo “svezzamento sociale” per suo figlio: il piccolo cioè deve iniziare ad andare all’asilo.

La premessa importante è che questa mamma segue per motivazioni personali un regime alimentare sano ed etico che non crea alcuna sofferenza, basato esclusivamente su vegetali.

Sempre più persone in Italia e nel mondo stanno abbracciando stili di vita similari.

Tenendo conto di questo, la donna fa legittimamente richiesta all’asilo di sostituire la sbobba innaturale che normalmente viene rifilata ai poveri cuccioli d’uomo (che non possono lamentarsi) magari preparata da qualche società di catering, con pasti sani di origine vegetale.

Il Comune di Merano a questa incredibile e inaccettabile richiesta, non solo nega tale sacrosanto diritto, ma addirittura allontana il figlio dall’asilo!

La mamma avrebbe dovuto produrre certificati medici (che detto tra noi si possono ottenere senza tanta difficoltà da qualche dottore amico e/o compiacente) ed eseguire analisi cliniche al bambino che ne comprovassero il buono stato di salute.

Della serie “O mi dai un buon motivo per cui il bambino è vegano e mi dimostri che sano come un pesce, oppure te lo tieni a casa tua e non ci rompi le scatole!”. Come mai non usano lo stesso metro di giudizio anche con gli altri bambini, magari tutti belli vaccinati e immunodepressi, facendo fare gli esami a tutti?

Stranamente in questo caso il Comune di Merano si è dimenticato di chiedere pure un test genetico al bambino “vegano” per verificarne anche la predisposizione a malattie future, magari all’autismo o a quelle comportamentali come l’ADHD…

Esattamente come una volta quando i bambini cattivi venivano segregati dietro la lavagna, gli esperti assessori del Comune di Merano buttano fuori un bimbo, la cui unica colpa è quella che i genitori si alimentano in maniera corretta.

La linea del Comune non ha dubbi: la dieta vegana sarebbe pericolosa per un minore, specie in età prescolare, per il quale non varrebbero le direttive ministeriali (Linee guida della ristorazione scolastica) in quanto rivolte alla scuola e non all’asilo nido. Lavarsi le mani e scaricare i barili è il comun denominatore della politica.

Linea però questa assai ridicola che dimostra la totale ignoranza degli addetti ai lavori comunali, ignoranza purtroppo condivisa anche in altri ambiti medici. Basta però citare la posizione ufficiale dell’associazione americana e canadese dei dietisti (A.D.A., American Dietetic Association (1) per fugare ogni dubbio: “Le diete vegetariane correttamente pianificate, compreso il regime vegano, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Tali diete se ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, e per gli atleti”.

Secondo la massima autorità mondiale in ambito nutrizionale, un regime vegano se ben fatto (e qui viene il punto cruciale), si può applicare in tutti gli ambiti dello sviluppo umano, perfino in gravidanza!

Queste conoscenze sono lontane anni luce dalle sale comunali dell’Alto Adige.

A questo punto la donna impugna tale assurda quanto incivile decisione e va spedita al TAR.

La madre, oltre a dimostrare in sede di giudizio la superiorità dell’alimentazione vegetale rispetto a quella “onnivora” (cosa questa estremamente facile visto che gli studi e le informazioni scientifiche oggigiorno sono copiose), ha sottolineato che la decisione della dirigenza scolastica va contro norme costituzionali e direttive ministeriali, imponendo un onere iniquo (la produzione dei certificati medici) e mettendo in atto una discriminazione, l’espulsione del bambino, sproporzionata e illegittima.

Il TAR, Tribunale Amministrativo Regionale, dell’Alto Adige con una sentenza storica accoglie la richiesta della donna e obbliga la dirigenza scolastica a riammettere il bimbo, condannando il Comune di Merano al pagamento delle spese legali.

Secondo il Tribunale infatti “la dieta vegana è migliore di quella ‘onnivora’ e poterla rispettare è un diritto, anche all’asilo nido”.

Secondo Carlo Prisco, l’avvocato della giovane madre, si tratta di una “pietra miliare” nel riconoscimento del diritto all’alternativa alimentare etica, diritto questo di origine costituzionale.

Il legale prosegue dicendo che “non occorre nessuna certificazione per ottenere il pasto vegano a qualsiasi età, i genitori vegani non possono essere oggetto di discriminazioni, nemmeno mediante l’imposizione di condizioni o adempimenti ulteriori o differenti rispetto a quelli richiesti a tutti gli altri. Questa pronuncia sarà d’aiuto in tutti i casi futuri in cui gli istituti e le pubbliche amministrazioni cercheranno d’impedire ai cittadini di esercitare il proprio diritto a compiere scelte alimentari etiche”.

Finalmente nel Terzo Millennio si inizia a parlare di diritti anche in ambito nutrizionale.

Oggi purtroppo ci si riempie la bocca con i diritti sociali, religiosi, sessuali, ecc., e infatti se una persona decide di essere gay, di cambiare sesso, di affittare o noleggiare un utero, di essere una mamma surrogata, di farsi inseminare a destra o a manca, guai a giudicare, perché si scatenerebbero le potentissime lobbies di categoria e si verrebbe tacciati magari di omofobia, rischiando anche il carcere. Ma quando una mamma consapevole chiede il diritto e il rispetto sacrosanto delle proprie scelte etiche e morali, dimostrate valide dal punto di vista salutistico anche dalla scienza, bisogna chiamare un avvocato e interpellare un Tribunale…
Questa è l’Italia.

[1] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19562864, NCBI, National Center for Biotechnology Information

Di Marcello Pamio

Fonte: http://www.disinformazione.it/

http://ningizhzidda.blogspot.it/