Archivi tag: establishment

1984: un mondo che sembra molto simile al libro

 

1984 compie 70 anni in un mondo che sembra molto simile al libro  

 di John Vibes 

12 maggio 2019
dal sito web TruthTheory

Questo mese, il leggendario romanzo di George Orwell Nineteen Eighty-Four (“1984“) compie 70 anni e gli avvertimenti contenuti nella storia sono ora più importanti che mai …

Le previsioni di Orwell erano così azzeccate su questo sembra quasi che fosse usato come un qualche tipo di manuale di istruzioni accidentali per aspiranti tiranni.

Nel mondo di Nineteen Eighty-Four, c’è uno stato di sorveglianza onnicomprensivo che tiene d’occhio tutti, alla ricerca di possibili ribelli e punti di resistenza.

La censura è la norma in questo mondo, ed è così estrema che gli individui possono diventare “impersonali” che sono essenzialmente cancellati dalla società perché le loro idee erano considerate pericolose dall’establishment.

Questa è un’idea molto familiare agli attivisti e ai giornalisti indipendenti che vengono rimossi dalla conversazione pubblica per parlare del governo e della corruzione aziendale sui social media.

Orwell è famoso per aver coniato il termine “doppio linguaggio”, che è un modo per descrivere,

il linguaggio eufemistico che il governo usa per iripulire le loro azioni più sporche.

Ad esempio, nella storia di Orwell,

il ministero della propaganda era chiamato il Ministero della Verità, proprio come oggi l’agenzia governativa che era nota come “Il Dipartimento della Guerra” è ora chiamata “Dipartimento della Difesa”.

C’era anche una guerra senza fine nella storia di Orwell, le cui condizioni sarebbero cambiate regolarmente, mantenendo la popolazione generale confusa sui conflitti, così hanno rinunciato a cercare di capire cosa sta realmente accadendo.

Alcune di queste predizioni erano semplicemente riconoscimenti di modelli nella storia umana, dal momento che l’idea di “impersonalità” e di propaganda di guerra non è una novità.

Tuttavia, Orwell ha avuto un’incredibile comprensione di come la tecnologia avrebbe progredito nel corso del ventesimo secolo, e fu in grado di immaginare in che modo la tecnologia sarebbe stata utilizzata da coloro che erano al potere per controllare le masse.

Le previsioni tecnologiche fatte nel libro erano davvero inquietanti, dato che forniscono una descrizione abbastanza accurata del nostro mondo moderno.

Orwell descrisse i “teleschermi”, che fungevano sia da dispositivo di intrattenimento che da dispositivo di comunicazione a due vie.

Questo tipo di tecnologia era predetto da molti futuristi all’epoca, ma la previsione di Orwell era unica perché suggeriva che questi dispositivi sarebbero stati usati dal governo per spiare le persone, attraverso microfoni e telecamere incorporate nei dispositivi.

Sfortunatamente, proprio come nel libro di Orwell, le persone nel mondo moderno sono così distratte dall’intrattenimento e divise dalla politica da non avere idea di vivere in un tirannico stato di polizia.

Questo stato di polizia era anche un forte deterrente nel mondo di Ottantaquattro, perché sebbene molti dei cittadini nel libro avessero un’opinione positiva del “Grande Fratello“, era ancora qualcosa che temevano, ed era una forza che li ha tenuti sotto controllo.

Naturalmente, questo non è molto diverso dall’atteggiamento che l’americano o l’europeo medio ha di fronte,

  • brutalità della polizia
  • corruzione del governo…

Molte delle idee sul potere e l’autorità che sono state espresse nel classico di Orwell sono senza tempo e vecchie come la storia, ma la sua analisi di come la tecnologia avrebbe amplificato la natura distruttiva del potere era incredibilmente unica, specialmente per il suo tempo …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il collettivismo sta arrivando che ci piaccia o no

globalreligion13_01_small

Maggiori informazioni su questo “incendio” …

Fuori dalle ceneri – Lo scontro di Civiltà potrebbe evocare una Religione del Nuovo Mondo  

di Daniel Taylor
dal sito web OldThinkerNews

Il Consiglio Federale delle Chiese di Rockefeller ha spinto,

  • “Governo mondiale”
  • “Sistema di denaro universale”
  • “Libertà di immigrazione in tutto il mondo”,

… nel 1942.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del World Council of Churches, dicendo che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no” …

Per coloro che prestano attenzione, c’è un modello discernibile di ingegneria sociale che è diretto alle principali religioni del mondo, in particolare il cristianesimo.

Si tratta indubbiamente di una questione molto complessa, poiché esistono numerosi sistemi di credenze e opinioni sfumate su milioni di persone. Quello che sappiamo è che le guerre e le rivoluzioni finanziate dai globalisti hanno alimentato l’immigrazione clandestina e alimentato le fiamme dei conflitti in tutto il mondo.

Si può ragionevolmente dimostrare che le principali organizzazioni globaliste stanno seguendo un programma per ridisegnare le religioni del mondo utilizzando una tecnica collaudata e vera. È un processo chiamato dialettica hegeliana.

Ecco una descrizione semplificata della dialettica applicata dalle forze globaliste:

  • Tesi (problema): le religioni sono bigotte, alimentano l’intolleranza e la violenza alimentare. Gli esempi “estremi” di ciascun gruppo vengono mostrati al mondo intero.
  • Antitesi (reazione): “Non voglio essere politicamente scorretto”. Segue la dissociazione con gruppi demonizzati.
  • Sintesi (soluzione): si trova una “via di mezzo” e si forma una fede politicamente corretta sotto la bandiera del governo globale.

Lo stabilimento ha incoraggiato e piantato i semi di “estremismo” dove si adatta alle agende geopolitiche.

Le conseguenze di questa manipolazione vengono quindi indicate nella conseguente battaglia dialettica come prova di una giusta causa contro queste idee.

Un po’ di storia

Prima di andare oltre, è importante sottolineare che l’establishment ha un interesse particolare nel plasmare la religione.

Questo è vero da secoli. Lo storico storico Alexis de Tocqueville ci avvertì nel 1835 quando scrisse Democrazia in America che le chiese erano già state usurpate dalle élite del potere per il loro programma.

Scrisse,

“… i sovrani … stanno usando l’influenza dei sacerdoti e la trasformano in un loro esclusivo profitto.

Stanno trasformando il clero in funzionari e, spesso, servitori, e stanno usando il clero per raggiungere i recessi più profondi dell’anima individuale “.

Questa influenza ha continuato ai nostri tempi moderni, ma con quello che è forse un tocco più sofisticato.

La famiglia Rockefeller, con la sua vasta fortuna raccolta dal barone del petrolio John D. Rockefeller Sr., ha svolto un ruolo importante nel riformare le chiese nell’America moderna.

Non sorprende, dato il loro obiettivo a lungo termine del governo mondiale, che la famiglia Rockefeller approverebbe e sosterrà una prospettiva sociale favorevole al globalismo .

L’ uso della religione è un metodo che, agli occhi di Rockefeller, sembrava essere un mezzo promettente per raggiungere questo obiettivo.

I primi programmi come Interchurch World Movement si concentrarono sul mantenimento di relazioni armoniose tra le persone nella crescente società industriale americana.

Sforzi successivi come il Consiglio Mondiale delle Chiese si orienterebbero verso una natura globale con obiettivi che vanno oltre quello di mantenere semplicemente la stabilità di classe in America per l’eliminazione della sovranità nazionale e della governance mondiale.

Come mostrano i documenti, sono stati fatti molti tentativi per spingere le chiese cristiane a ottenere dietro programmi per la governance mondiale. Se i tentativi non sono stati avviati dai Rockefeller, è stato fornito un significativo sostegno finanziario alle organizzazioni che condividono la loro visione per il mondo.

All’indomani del sanguinoso conflitto della prima guerra mondiale, la Società delle Nazioni fu presentata come una soluzione agli orrendi problemi che il mondo aveva assistito.

Durante lo stesso periodo in cui è stata costituita la Società delle Nazioni, John D. Rockefeller Jr. ha lanciato il movimento mondiale di Interchurch nel 1919.

Rockefeller ha scritto in una lettera riguardante il movimento mondiale di Interchurch,

“Non conosco nessuna assicurazione migliore per un uomo d’affari per la sicurezza dei suoi investimenti, la prosperità del paese e la stabilità futura del nostro governo di quanto questo movimento possa offrire …”

Harry Emerson Fosdick era il fratello dell’avvocato fidato di John D. Rockefeller, Raymond B. Fosdick. Era profondamente coinvolto con il movimento mondiale di Interchurch.

Harry era molto vicino alla famiglia Rockefeller e ai suoi meccanismi interiori, mentre serviva nel consiglio della Fondazione Rockefeller durante la seconda guerra mondiale. La chiesa Riverside di New York, dove Fosdick prestò servizio come pastore dal 1926 al 1946, fu costruita con denaro donato da John D. Rockefeller Jr.

È interessante notare che Fosdick riteneva che in futuro una federazione del mondo sarebbe stata creata da un singolo uomo.

Fosdick scrive,

“Un giorno, prevedo, un uomo sorgerà con le sue mani una federazione del mondo sarà così efficace, e le guerre così si fermano così, che il suo nome andrà giù attraverso i secoli associati a quella grande conquista, come il nome di Copernico è con la nuova astronomia, o Lincoln con la conservazione della nostra unione.

Quell’uomo verrà. Un giorno sorgerà.”

Proprio mentre il Movimento Interchurch Mondiale veniva presentato alle chiese come soluzione ai problemi che affliggono il mondo dopo la prima guerra mondiale, il Consiglio Federale delle Chiese presentò la propria soluzione all’inizio del 1940 per un programma “per una pace giusta e duratura “alla fine della seconda guerra mondiale.

Non sorprende che il Consiglio federale delle chiese – che è stato fuso con il Consiglio nazionale delle chiese nel 1950 – abbia ricevuto finanziamenti significativi da John D. Rockefeller Jr.

Come riportato da Time nel 1942, il Consiglio federale delle chiese guidò un programma per il governo mondiale.

Il consiglio è stato detto dal Dr. William Paton, co-segretario del Consiglio Mondiale delle Chiese che,

“Il collettivismo sta arrivando, che ci piaccia o no”.

Il consiglio ha affermato,

“… dobbiamo cercare di … creare un’opinione pubblica che assicuri che gli Stati Uniti giochino la loro parte piena ed essenziale nella creazione di un modo morale di vivere internazionale”.

Come riportato, il progetto mirava a creare, tra le altre cose,

  • “un governo mondiale con poteri delegati”
  • “una banca internazionale”
  • “Completo abbandono dell’isolazionismo americano”    

Le Guerre di Dio

Uno dei fattori trainanti delle moderne “guerre di Dio” è la guerra globale al terrorismo lanciata dopo l’11 settembre.

L’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 all’America ha colpito tutti gli aspetti della società, incluse le chiese.

Come scrive Bryan Appleyard nel New Statesman,

“Per me, gli eventi dell’11 settembre sono stati certamente un catalizzatore, il nuovo ingrediente che ha trasformato il mix già frizzante di sentimenti anti-religiosi in un intruglio esplosivo”.

All’inizio della guerra al terrorismo, ci è stato detto che la maggior parte degli attacchi terroristici di alto profilo sono stati effettuati da estremisti islamici . Ciò che non è stato detto, tuttavia, è che questi individui e gruppi hanno avuto l’aiuto esterno delle fazioni globaliste.

In realtà, le radici molto ideologiche di alcuni gruppi terroristici possono essere ricondotte alla letteratura che gli Stati Uniti hanno fornito ai bambini delle scuole afghane durante la Guerra Fredda.

Come riportato dal Washington Post nel 2002,

“Nel crepuscolo della Guerra Fredda, gli Stati Uniti spesero milioni di dollari per rifornire gli scolari afgani di libri di testo pieni di immagini violente e di insegnamenti islamici militanti …”

Guarda questo filmato come Zbigniew Brzezinski, che funge da consigliere per la sicurezza nazionale, parla ad un gruppo di combattenti Mujihadeen nel 1979:

“Un diverso tipo di religione”

In un articolo del 2012 pubblicato da Christian Post , la ricerca dei politologi dell’Università di Harvard dimostra ulteriormente che sta avvenendo un cambiamento fondamentale nella fede dell’America.

A causa dell’associazione del partito repubblicano e del suo “bigottismo” insieme al suo “cristianesimo”, i giovani si stanno allontanando dalla fede cristiana.

A sua volta, questo gruppo è paragonato a un “mercato inutilizzato” che potrebbe essere influenzato da un “diverso tipo di religione”.

“La ragione per cui questo è importante per il clero è che queste non sono persone che si perdono completamente nella religione.

È quasi come se fossero un collegio elettorale inesplorato, o un mercato non sfruttato, che potrebbe essere riportato a un diverso tipo di religione, o una religione che pensavano fosse spogliata della politica, sosteneva Campbell “

Mentre la Chiesa di Satana si schiera apertamente con l’estrema sinistra politica in America, sempre più americani si identificano come non aventi religione nei sondaggi.

Quasi la metà dei pastori in America ha paura di parlare di questioni morali o sociali per paura di offendere la persona sbagliata.

Il co-fondatore del Tempio di Satana Lucien Greaves ha recentemente dichiarato

“A questo punto sembra esserci una comprensione intrinseca e intuitiva di ciò che Satana può significare in un contesto eroico …”

Greaves afferma che i nazionalisti cristiani stanno minando,

“democrazia liberale” “asportando i diritti riproduttivi delle persone”.

La chiesa cristiana si sta dividendo per il sostegno alla politica LGBT. Lo scontro è qui …

Lo stato del globo e le ideologie che lo guideranno nel futuro dipenderanno dalle tue scelte e azioni in questo momento.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net

®wld

L’elitarismo del luciferianesimo

Luciferianesimo: uno sguardo secolare a un sistema di credenze globalistiche distruttive

di Brandon Smith

Nel corso di molti anni di investigazione sulla meccanica degli eventi globali e le persone dietro di loro sono diventato forse un po ‘ossessionato da un particolare argomento – la fonte e le motivazioni del male. Questo fascino non deriva da una semplice curiosità morbosa, ma da un bisogno strategico di comprendere un nemico. Proprio come un disinfestatore deve capire il comportamento degli scarafaggi per essere efficace, cerco di comprendere il comportamento e la natura del male organizzato.

Un fatto molto importante che deve essere prima chiarito nelle menti delle persone è che il male esiste davvero. La propaganda dell’istituto ha passato immensi tempo, sforzi e capitali nel tentativo di condizionare la società a credere che il male non sia nient’altro che una costruzione sociale – un’opinione. Il male è presumibilmente negli occhi di chi guarda; un prodotto di condizionamento religioso. Questa è una menzogna. Proprio come i concetti di bellezza, i concetti di malvagità sono in realtà inerenti alla nostra psiche sin dalla nascita. L ‘”occhio di chi guarda” è irrilevante.

Due particolari aree della psicologia umana supportano questo fatto:

In primo luogo, come l’opera di Carl Jung (e per estensione di antropologi come Joseph Campbell), tutti gli esseri umani indipendentemente da dove siano nati, dalla tribù più isolata dell’Amazzonia alla più grande metropoli d’America, portano lo stesso simboli archetipici nella loro psiche. Vale a dire, TUTTI abbiamo gli stessi elementi psicologici nelle nostre menti indipendentemente dall’ambiente.

Questo fatto da solo è così travolgente per l’uomo moderno che alcune persone si rifiutano addirittura di riconoscerlo come una possibilità. Siamo stati addestrati come topi da laboratorio per vedere solo un percorso attraverso il labirinto; ci è stato detto più e più volte che tutto è “relativo”; che ogni persona è interamente un prodotto dell’ambiente e che tutti noi iniziamo vuoti come “liste vuote”.

Gli attacchi viziosi contro Carl Jung da parte dell’establishment (comprese bugie che ha collaborato con i nazisti) mi dicono che Jung era molto vicino al marchio. Si era imbattuto in qualcosa di molto pericoloso per l’establishment; qualcosa che potrebbe far deragliare il loro condizionamento del pubblico.

Secondo, l’esistenza innegabile della coscienza umana suggerisce che siamo nati con una comprensione della dualità. Significa, proprio come ha scoperto Jung, la nostra psiche contiene concetti inerenti al bene e al male che influenzano le nostre decisioni e reazioni. Jung si riferiva al male, o agli impulsi psicologicamente distruttivi, come l”ombra personale’ e l”ombra collettiva’.

La stragrande maggioranza delle persone ha una relazione intuitiva con il bene e il male. Provano ansia quando si trovano di fronte a azioni o pensieri malvagi e sentono un senso di colpa personale quando sanno di aver fatto qualcosa di male agli altri. Qualcuno potrebbe chiamarlo una “bussola morale”. Mi riferirò ad esso come parte dell’anima o dello spirito.

In ogni caso, c’è un contingente di persone nel mondo che non ce l’ha – una piccola percentuale della popolazione che nasce senza coscienza, o che trova facile ignorare la coscienza. Arriveremo a quelle persone in un momento, ma prima, dovremmo probabilmente definire cos’è il male.

Il male è prima di tutto qualsiasi azione che cerchi di distruggere, sfruttare o schiavizzare in nome del guadagno personale o della gratificazione. Sfortunatamente, le azioni malvagie sono spesso travisate come vantaggiose per il gruppo, rendendole così moralmente accettabili. I bisogni dei molti presumibilmente superano i bisogni dei pochi, e quindi il male è razionalizzato come mezzo per un “fine positivo” per il “bene superiore”.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le azioni distruttive non finiscono per servire gli interessi della maggioranza e finiscono per dare più ricchezza e potere a una minoranza elitaria. Questa non è una coincidenza.

Il male inizia con la negazione dell’esistenza della coscienza o la negazione dell’esistenza della scelta. Ogni persona nasce con una capacità o libertà di scelta. Possiamo ascoltare la coscienza o possiamo ignorarla. Possiamo fare del bene, o possiamo fare il male. Il male ci dice che la scelta è relativa e che la moralità è relativa; che non c’è differenza tra una buona scelta e una cattiva scelta, o che la scelta del male è l’unica scelta.

Oltre a ignorare la coscienza, dobbiamo anche definire la motivazione che guida il male. La psicologia suggerirebbe che le azioni distruttive di autoservizio derivano da un desiderio ossessivo di ottenere o controllare cose che non possiamo o non dovremmo avere. È interessante notare che questo è anche ciò che alcune religioni ci insegnano, ma continuiamo con un esame laico.

Come accennato in precedenza, c’è un gruppo di persone nel mondo che non vede il bene e il male come la maggior parte di noi. La loro psiche funziona in un modo completamente diverso, senza il filtro della coscienza. Queste persone esibiscono i tratti dei sociopatici narcisisti. I sociopatici narcisistici di alto livello hanno rappresentato circa l’1% -5% della popolazione umana totale e la maggior parte di essi sono nati, non creati dal loro ambiente. Inoltre, dal 5% al ​​10% delle persone ha tratti latenti del narcisismo o della sociopatia che generalmente emergono in superficie in un ambiente di crisi instabile.

Ho scritto molto sui sociopatici narcisistici e sull’establishment globalista in numerosi articoli. Ho anche delineato come tali persone, contrariamente alla credenza popolare, non sono isolate l’una dall’altra. Di fatto, si organizzano in gruppi per ottenere un reciproco vantaggio.

Esiste un’ideologia o un sistema di credenze che sostiene l’esatto opposto di ciò che la coscienza ci dice essere “buono”, e quel sistema è il Luciferianesimo. In realtà, il luciferianesimo sembra essere l’influenza primaria per la maggior parte degli “ismi” distruttivi esistenti nella nostra società odierna (inclusi il socialismo e il globalismo). La mia teoria è che il luciferianesimo sia una religione o un culto progettato dai narcisisti sociopatici a beneficio dei narcisisti sociopatici.

A volte è difficile identificare i veri “sacramenti” dietro al luciferianesimo perché, per dirne uno, i luciferini rifiutano di ammettere che il sistema è una religione. Preferiscono chiamarla filosofia o metodologia, almeno in pubblico. Il sistema sembra anche incoraggiare la disinformazione attiva al fine di dissuadere o fuorviare i non aderenti. Il termine storico per questo segreto religioso è “occultismo”. Lo chiamerei “elitismo”.

Ci sono alcune credenze fondamentali che i luciferiani ammettono apertamente. Innanzi tutto, l’obiettivo del luciferianesimo è raggiungere la divinità. Vale a dire, credono che ALCUNI esseri umani abbiano la capacità di diventare dei attraverso l’accumulo di conoscenza.

Ho scritto della follia dell’obiettivo della divinità in passato, delineando in che modo la fisica quantistica e la Prova di incompletità di Kurt Godel rendono impossibile l’osservazione scientifica e matematica e la comprensione dell’universo. Ma la realtà matematica non impedisce ai circoli luciferiani di inseguire distruttivamente ciò che non possono avere. Per estensione, la conoscenza scientifica non mitigata dalla disciplina, dalla saggezza e da una bussola morale può portare a una catastrofe. La conoscenza materiale viene invariabilmente abusata da coloro che cercano il potere divino.

La nozione di auto-culto è un tratto fondamentale dei narcisisti sociopatici; Il luciferianesimo lo codifica semplicemente come se fosse una virtù. Un altro problema con l’idea di diventare un dio è che inevitabilmente si sviluppa un desiderio di seguaci e adoratori. Che cos’è un salvatore, dopotutto, senza un gregge? Ma come fa un essere umano a guadagnare un gregge e diventare più un dio? Attraverso la forza o l’inganno?

Secondo, i luciferiani sostengono di cercare di elevare il potere dell’individuo in generale. Nella mente di molte persone questo non sembra affatto un negativo. Anche io ho discusso sull’importanza dell’individualismo nel mezzo dei controlli della società. Detto questo, qualsiasi ideologia può essere portata agli estremi.

Il perseguimento della gratificazione individuale può essere spinto troppo lontano, al punto che le persone intorno a noi cominciano a soffrire. A causa della natura elitaria del luciferianesimo, non cercano necessariamente l’elevazione di TUTTI gli individui, solo certi individui “meritevoli”. C’è una tendenza a considerare i non aderenti come “inferiori”; persone stupide che dovrebbero essere tosate come pecore da coloro che stanno inseguendo un sogno superiore di divinità personale.

Questo atteggiamento può anche essere visto nelle azioni comuni dei sociopatici narcisistici, che non hanno remore a conning o sfruttare le persone intorno a loro come risorse, nutrendosi di altri come parassiti. Lo considerano una pratica accettabile perché si considerano speciali; sono destinati a ottenere più della plebaglia ignorante. Sono destinati a fare grandi cose e la loro immagine è destinata a essere cementata nei fondamenti della storia.

L’elitarismo del luciferianesimo è difficilmente nascosto. I luciferini affermano di non avere alcun interesse a convertire altre persone. Invece, gli aderenti devono essere “abbastanza intelligenti” per venire al sistema di credenze da soli. Tuttavia, il loro obiettivo di influenzare il pubblico attraverso le sfere sociali e politiche è piuttosto evidente.

I guardiani politici, anche se non apertamente luciferiani, tendono a lasciare scivolare le loro affiliazioni a volte. Saul Alinsky, un organizzatore di sinistra di alto livello e guardiano democratico, elogia il ribelle Lucifero nei ringraziamenti personali del suo manuale politico “Rules For Radicals”, in cui afferma:

“Per non dimenticare almeno un riconoscimento immediato al primissimo radicale: da tutte le nostre leggende, mitologie e storie (e chi deve sapere da dove la mitologia parte e inizia la storia – o quale è quale), il primo radicale noto all’uomo che si ribellò contro l’establishment e lo fece in modo così efficace che almeno vinse il suo regno – Lucifero.” 

Il luciferianesimo è anche prevalente nelle istituzioni globaliste. Ad esempio, l’ ONU sembra essere fortemente coinvolta nell’ideologia attraverso gruppi come Lucis Trust, una casa editrice fondata da Alice Bailey, un’appassionata promotrice di luciferianesimo che possedeva anche la Lucifer Publishing Company . Lucis Trust aveva inizialmente sede presso l’edificio delle Nazioni Unite a New York, e gestisce ancora oggi una biblioteca privata di libri occulti fuori dall’ONU.

Gli ex direttori delle Nazioni Unite come Robert Muller erano strettamente legati con Lucis Trust e il lavoro di Alice Baily e promuovevano apertamente il luciferianesimo. Muller era al centro delle politiche di educazione globale delle Nazioni Unite per i bambini e formava numerose agenzie di filiale con l’intento di una governance globale. Puoi leggere i white paper di Robert Muller sulla formazione di un governo globale sul suo sito web Good Morning World.

I luciferiani si avvicinano alla governance globale come fanno qualsiasi altra cosa – con pesanti spinte propagandistiche. Muller sostiene che l’obiettivo deve essere lanciato al pubblico attraverso l’idea di “proteggere la Terra”. In altre parole, riteneva che l’ambientalismo fosse la chiave per convincere le masse del bisogno di centralizzazione totale del potere nelle mani delle istituzioni globaliste. Gli ideali luciferiani sono ricoperti di zucchero in una miriade di motivi sonori fioriti e nobili. Ma di cosa stanno veramente parlando?

Alcuni luciferini adottano una posizione gnostica sulla figura del diavolo e pretendono solo di apprezzare il concetto di mitologia piuttosto che il diavolo esistente come forza letterale. Alcuni testi gnostici descrivono Satana come il “bravo ragazzo” e Dio il “cattivo” nella storia della Genesi; Essendo Dio un padrone schiavo spietato e il serpente come il “liberatore” che porta la conoscenza del mondo materiale all’umanità. Lucifero è presentato come una sorta di Prometeo; il titano che rubò il fuoco agli dei e lo diede all’uomo.

Questa narrativa di “Lucifero come eroico salvatore” è molto comune. Manly P. Hall, massone del 33 ° grado e influente scrittore del New Age è citato come detto nella sua raccolta di scritti intitolata “The All Seeing Eye”:

“Lucifero rappresenta l’intelletto e la volontà individuale che si ribella contro il dominio della Natura e tenta di mantenersi contrario all’impulso naturale. Lucifero, nella forma di Venere, è la stella del mattino di cui parla l’Apocalisse, che deve essere data a coloro che superano il mondo.”

Un modello di Lucifero descrive Dio solo come un concetto archetipico, una coperta di comodità mitologica che ci aiuta ad affrontare la solitudine dell’esistenza. Non credono che esista una figura di Dio corporeo, tuttavia, ci si chiede come possano riconciliare l’esistenza di archetipi psicologici inerenti con quella nozione? Da dove vengono gli archetipi se non c’è design creativo o significato inteso per l’umanità?

Luciferiani più discreti a volte sostengono che la figura mitologica di Lucifero sia separata dall’immagine cristiana di “Satana”. Il nome “Lucifero” non è menzionato direttamente nella Bibbia in riferimento a Satana (sebbene la frase “stella del mattino”, la traduzione diretta della parola “lucifero” sia menzionata in riferimento a Satana). Ma questa discussione mi sembra piuttosto schiva e inaffidabile. Per secoli il termine Lucifero è stato sinonimo del diavolo nella coscienza pubblica. I luciferiani sembrano cercare di separarsi dalle connotazioni negative associate al satanismo attraverso una forma contorta di giochi di parole e semantica.

Ma perché dovrebbero preoccuparsene? A meno che, naturalmente, non stiano cercando di influenzare la coscienza pubblica e si rendano conto che è difficile vendere la gente al satanismo, quindi vogliono dare una faccia diversa a un’idea vecchia e brutta. I satanisti spesso si riferiscono a Lucifero e Satana nello stesso respiro di essere la stessa figura. In questo documentario, Anton LaVey, un noto rappresentante di ambienti satanici e luciferini, fa esattamente questo.

LaVey sembra essere trattata come un fastidio dai gruppi luciferiani più attenti al marketing. Sospetto che la sua pubblica schiettezza su ciò che le credenze luciferiane implicano realmente sia considerata troppo onesta. Queste persone credono nella segretezza e nell’iniziazione. A loro non piace il loro lato più oscuro in mostra perché tutto il mondo possa vedere e giudicare.

Un’antitesi diretta a qualcuno come Anton LaVey sarebbe stato Michael Aquino, un ufficiale dell’intelligence militare specializzato in guerra psicologica che era un membro della chiesa satanica di LaVey, ma che è partito per fondare il suo Temple Of Set più vendibile. Aquino è meglio conosciuto per una tesi di tattica sulla guerra psicologica che ha scritto con il generale Paul Vallely (accreditato nel documento “Paul E Valley”) chiamato “From Psyop To Mind War” . La tesi delinea l’uso della propaganda e di altre strategie per trasformare una popolazione bersaglio contro se stessa, o distruggere quella popolazione o controllarla più facilmente senza mai usare la forza militare.

Aquino’s Mind War mostra la credenza luciferiana nella “magia”, ma non la magia nel modo in cui la cultura popolare lo comprende. I luciferiani credono nel potere delle parole e dei simboli magici sotto forma di frasi chiave e archetipi psicologici. Vale a dire, hanno adottato l’uso della psicologia archetipica, ma laddove psicologi come Carl Jung usavano la psicologia archetipica per curare le persone con malattie mentali ed emotive, i luciferini usano gli archetipi per manipolare e controllare il pensiero pubblico.

Questo è spesso fatto attraverso la cultura popolare e film. Truthstream Media ha prodotto un eccellente documentario su questo argomento che consiglio vivamente.

Ci sono esempi più ovvi come Blade Runner di Ridley Scott, in cui gli androidi si ribellano contro il loro padrone e creatore di schiavi e alla fine lo uccidono. Poi c’è un intrattenimento più sovversivo come la serie di sfortunati eventi di Netflix, che inizia come un divertente racconto per bambini da commedia, ma si conclude con una dimostrazione di ogni aspetto della credenza luciferiana fino all’elitismo come pratica necessaria, relativismo morale, non utile e di controllo figura di Dio circondata da sicofanti e persino un serpente con una mela contenente la “conoscenza” per salvare i protagonisti da un destino orribile.

La duplicità del luciferianismo da solo dovrebbe essere sufficiente per rendere le persone caute sulle sue promesse e argomenti. L’umanità ha passato la parte migliore di 2000 anni cercando di rimuovere le influenze dell’elitarismo occulto segreto (la classe del sommo sacerdote) dalle nostre strutture politiche e sociali. Eppure, queste persone sono implacabili nel loro desiderio di potere.

Indipendentemente dallo spin positivo che i luciferini adottano per la loro ideologia, i frutti delle loro attività parlano molto più forte della propaganda. Attraverso i loro sforzi verso il globalismo, quello che vedo è un desiderio cancerogeno per il controllo sulla civiltà e su ogni aspetto del pensiero umano. Vedo anche una perversione della natura mentre cercano di ottenere ciò che chiamano “divinità”. Il transumanesimo e la manomissione genetica portano tutte le caratteristiche dell’ideale luciferino. Indipendentemente dalle proprie affiliazioni religiose, è difficile trovare qualcosa di valore nel loro sistema. Tutto a riguardo è un affronto alla coscienza intrinseca. Può solo diventare accettabile per la maggioranza attraverso l’inganno.

Se devi mentire sui motivi della tua filosofia per convincere la gente ad adottare la tua filosofia, allora la tua filosofia deve essere pericolosamente incompleta o addirittura cataclismica.

Fonte: http://www.alt-market.com/

®wld

LOLITA EXPRESS

 

 Il Sistema è prossimo al collasso…Dalla Sicurezza Nazionale all’insicurezza vaccinale

di Marcello Pamio – 5 febbraio 2018

Stanno accadendo cose che voi sudditi non potete immaginare…

Anagrammare la citazione di «Blade Runner» diviene obbligatorio per descrivere quello che sta interessando gli Stati Uniti d’America. Talmente dirompenti sono alcuni eventi che giustamente nessun giornale, telegiornale o radio in Italia ne ha parlato. Quando ciò avviene, quando i megafoni del mainstream evitano di parlarne significa che l’affare è molto grosso! 

Andiamo per ordine. 

Donald Trump è indubbiamente uno dei presidenti più criticati della storia americana. Non ci vuole poi tanto visto che non avendo filtri mentali gli drena fuori tutto dalla scatola cranica, per cui non riesce a celare l’arroganza, la tracotanza e l’ignoranza abissale; non può nemmeno nascondere il toupè arancione sotto un cappello da cowboy. Il suo modo e il suo essere non piacciono alle persone, soprattutto dopo aver sostituito il “democratico”, forbito ed elegante Barack Obama.

Ma che Trump non piaccia ai sudditi conta pochissimo, il vero problema è che non piace all’establishment, al Governo Ombra che da sempre gestisce la politica interna ed estera americana.

Il Governo invisibile ha SEMPRE messo lo zampino sulle elezioni presidenziali dettandone le politiche. Non è un caso infatti che i presidenti che non hanno piegato la testa hanno avuto incidenti, strane malattie o subito attentati…
Una cosa è certa: Trump non doveva essere eletto. Tutto qua.
 

I Poteri Forti avevano già concordato e stabilito il successivo inquilino della Casa Bianca, si doveva dare una mano di rosa alle nere pareti: dopo Obama infatti toccava a “Killary” Clinton.

Le hanno provate tutte e infatti qualche giorno fa Donald Trump è tornato di nuovo all’attacco del Dipartimento di Giustizia e del «Deep State» – il Governo ombra, dicendo che Hillary Clinton dovrebbe essere arrestata per quello che ha fatto prima e dopo la campagna elettorale (President Donald Trump on Tuesday renewed has attack on his “deep state” Justice Department, and said a top aide to 2016 election rival Hillary Clinton should be jailed)

Contro ogni (loro) logica, contro ogni (loro) previsione e manipolazione delle schede elettorali alla fine qualcosa non è andato come doveva. Quasi sicuramente c’è stato lo zampino di uno stato estero che ha evitato l’ennesima truffa elettorale e la sua impronta è ben chiara al Governo Ombra

Quindi Trump sta dando molto fastidio ai potentati che comandano, e questo è il motivo per cui la sua vita era oggettivamente in pericolo. 

Dico era perché pochi giorni prima di Natale, esattamente il solstizio del 21 dicembre 2017, Trump ha firmato l’Ordine Esecutivo nr. 13818 dal titolo: «Executive Order Blocking the Property of Persons Involved in Serious Human Rights Abuse or Corruption», che tradotto fa più o meno così: «Ordine esecutivo che blocca le proprietà delle persone coinvolte in gravi violazioni dei diritti umani o di corruzione». 

L’Ordine in pratica colpisce chiunque si renda colpevole di violazioni dei Diritti Umani e di corruzione, non solo negli USA ma anche nel mondo intero. Quindi colpisce tutti, governi esteri inclusi e pure i loro funzionari. Tutti. E li va a colpire nel punto più dolente: i soldi, gli immobili, le azioni, ecc. con il blocco e la confisca. Colpo di genio. 

Cosa intende l’amministrazione Trump per violazione dei Diritti Umani e perché uno come lui, che non è certo il Dalai Lama, se ne preoccupa? 

I Diritti Umani sono tutti i diritti sacrosanti dell’uomo, ma qui hanno voluto non a caso toccare l’angoscioso mercato della pedofilia, il traffico di bambini e minori. 

Il motivo è molto semplice: Trump sa perfettamente che l’abuso di minori venduti e tutto il marcio mondo della pedo-pornografia toccano i vertici più alti del Governo Ombra.

Lo sa con cognizione di causa perché ha parlato con le gole profonde che lo denunciano da anni, come per esempio Kevin M. Shipp, ex pezzo da novanta della CIA. 

Nulla di nuovo all’orizzonte: giornali come Washington Times, New York Post e il Guardian ne hanno parlato riportando le notizie sui cosiddetti «Voli Lolita», voli su jet privati per orge con minori organizzati dal miliardario pedofilo Jeffrey Epstein. Orge in the sky o in the fly… 

A questi viaggetti abominevoli, secondo gli atti del processo che condannò Epstein, hanno partecipato personaggi importantissimi della politica, dell’economia, della finanzia, ecc. 

E’ saltato fuori perfino il nome dell’ex presidente Bill Clinton…

A Clinton – oltre alle giovani rotondette stagiste sotto il tavolo – sembrano piacere molto anche i viaggetti aerei: avrebbe infatti partecipato a ben 26 voli nei cieli…. 

L’elenco è corposo, non c’è solo Clinton: i nomi di altissimo rango trovati nell’agenda ‘nera’ includono Tony Blair, Michael Bloomberg e moltissimi altri che rimangono sconosciuti e lo rimarranno per sempre. 

Quindi con l’Ordine Esecutivo 13818 Trump ha voluto dare un messaggio chiaro al Governo Ombra, minandone le fondamenta e scoperchiando pubblicamente il Vaso di Pandora.

Ma non finisce qua perché la genialata è stata inserire nel testo le seguenti parole: «Io perciò decido che i gravi abusi dei Diritti Umani, e la corruzione, nel mondo costituiscono un’insolita e straordinaria minaccia alla sicurezza nazionale»… 

Colpo di scena strepitoso. 

Non tutti sanno che quando un presidente americano pronuncia le paroline magiche: «minaccia alla sicurezza nazionale», vi è l’immediata mobilitazione dell’esercito americano, della Difesa e quindi del Pentagono! 

Simsalabim e Trump, o meglio i maghi che ha dietro le quinte, con un colpo di astuzia hanno tirato fuori dal cappello il “preallarme di guerra” che ha come conseguenza la protezione massima del Presidente degli Stati Uniti. In questo momento Donald Trump è l’uomo più odiato dalla Sinarchia, ma è anche l’uomo più protetto al mondo. 

Nessuno, neppure ai piani alti o bassi poteva immaginare una cosa del genere.
Forte di questo escamotage, e dopo aver messo le persone fidate nei punti chiave, Trump ha iniziato le pulizie di fondo…
 

Un rapporto del 23 gennaio 2018 del Foreign Intelligence Service (SVR) circolante nel Cremlino afferma che poche ore dopo che il presidente Donald Trump e il direttore del Federal Bureau of Investigation (FBI) James Comey si sono «calorosamente abbracciati» alla Casa Bianca gli agenti dell’FBI hanno condotto una massiccia incursione nel quartier generale dei CDC Centers for Disease Control and Prevention, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie con sede ad Atlanta, in Georgia, accompagnati dallo scienziato William Thompson. 

Il ricercatore Thompson è uno dei più temuti informatori del governo perché ha denunciato la manipolazione degli studi che dimostravano il collegamento tra vaccino e autismo, ed è stato portato alla ribalta grazie al documentario Vaxxed.
Dopo pochi giorni dall’incursione del FBI, casualmente si dimette Brenda Fitzgerald, il capo dei CDC.
 

Secondo la motivazione ufficiale la dottoressa possiede titoli azionari dell’industria del tabacco, ma anche della Bayer e Merck, due importanti case farmaceutiche che producono tra le altre cose vaccini. Le vere motivazioni sulle dimissioni del capo CDC non le sapremo mai, ma è abbastanza indicativo che siano avvenute dopo qualche giorno dall’Ordine Esecutivo…

L’affare s’ingrossa parecchio perché è risaputo che Trump non vede di buon occhio i vaccini.

Ecco cosa disse alla CNN durante un’intervista nel 2016:
«L’autismo è diventato un’epidemia. Venticinque, trentacinque anni fa guardando le statistiche era tutto diverso. Ora la situazione è totalmente fuori controllo.
 

Sono totalmente a favore dei vaccini, ma voglio solo piccole dosi in un lungo periodo di tempo. Perché si prende un bambino…..e l’ho visto. Io l’ho visto.
Prendono questo piccolo bellissimo bambino e lo pompano. Voglio dire, così com’è sembra proprio pensata per un cavallo, non per un bambino e abbiamo avuto così tanti casi di autismo.
 

Anche tra le persone che lavorano per me, proprio l’altro giorno ho visto un bambino, due anni di età, un bel bambino che è stato vaccinato e una settimana dopo ha avuto una febbre tremenda. Ha avuto moltissimi problemi di salute ed ora è autistico».

I fatti sono i seguenti. Un miliardario testa calda va alle presidenziali e contro ogni previsione le vince. Per salvarsi il didietro dai Poteri Forti che certamente preferivano la Clinton si protegge dietro la “Sicurezza Nazionale”. Un presidente che parla apertamente di crescita pandemica dei casi di autismo e del pericolo vaccinale. 

In queste ore alcune voci dicono che l’FBI, nelle indagini per pedofilia, avrebbe inviato migliaia di ordini di cattura per senatori e altri personaggi illustri non solo in America ma anche in altri paesi.

Anche se al momento conferme non ce ne sono, ne vedremo delle belle negli Stati Uniti nei prossimi mesi… 

Qui da noi cosa sta succedendo? 

Dopo aver dato i natali a una delle più vergognose e scandalose leggi degli ultimi decenni (119/2017) si stanno muovendo moltissime cose. Il risveglio delle coscienze è un dato oggettivo. Ogni conferenza o manifestazione vede una partecipazione strabiliante di anime e questo conferma che le persone non si accontentano più delle balle o delle parole vuote degli esperti, vogliono e pretendono risposte ai loro interrogativi. Quindi dal basso sta avvenendo un grande cambiamento, ma anche a livello ufficiale tira un’aria di rinnovamento.

A novembre 2017 l’ordine dei biologi ha eletto come presidente il dottor Vincenzo D’Anna, il quale ha pensato bene di organizzare per marzo 2018 un convegno che vedrà come ospiti molti scienziati che mettono in discussione se non le vaccinazioni pediatriche almeno i metalli tossici contenuti. Parteciperanno infatti il Premio Nobel Luc Montagnier, il dottor Yehuda Shoenfeld – il maggiore scienziato ed esperto sui danni da vaccino e scopritore della Sindrome ASIA, la dottoressa Antonietta Morena Gatti esperta mondiale di nanoparticelle, come pure Paolo Maddalena il magistrato molto critico sulla legge incostituzionale. 

Qualche giorno fa, il primo febbraio 2018 il deputato Ivan Catalano, Vicepresidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sui danni da Uranio Impoverito, dichiara che Gian Piero Scanu, Presidente della Commissione (del PD) starebbe censurando e vietando di rendere pubblici alcuni importanti risultati. Quello che si vorrebbe occultare sarebbe la documentazione delle lobbies farmaceutiche produttrici dei vaccini iniettati ai militari. Sempre più prove confermano che le morti e/o le malattie contratte dai militari in territorio di guerra ma non solo, non dipendono dall’uranio impoverito soltanto, ma soprattutto dalle vaccinazioni a cui si devono sottoporre i giovani soldati. E se i vaccini fanno male a dei giovanotti in piena salute, cosa possono combinare ad un neonato? 

Insomma anche da noi i tempi sono maturi per il grande cambiamento, per il cambio di paradigma. Preparatevi al salto altrimenti rischiate di rimanere indietro… 

http://www.disinformazione.it/Sistema_collasso.htm

Erga omnes

 

La libertà non è un bavaglio

[nda] questo post ha come unico scopo il dare voce al dissenso e perché no, anche voce alle preoccupazioni nate in merito al ddl presentato dalla Senatrice Gambaro, che entrando a gamba tesa nella rete, tenta di scavalcare con il decreto legge da Lei presentato addirittura l’articolo 21 della Costituzione, decretando per legge cosa sia vero o falso nell’informazione, cancellando cosi il dissenso e le opinioni personali, che come adulti ci facciamo davanti alle notizie di ogni giorno, proprio come si fa con degli incapaci. Probabilmente la Senatrice Gambaro, benché ex grillina, frequenta ben poco la rete ultimamente e sono certo che se ne avesse l’opportunità, incontrerebbe navigando persone capaci, forse anche più di quante ne incontra giornalmente sul posto di lavoro, persone il cui giudizio razionale sa discernere per proprio conto il falso dal vero, unendo i punti che formano proprio l’informazione che si vuole tacciare. Quello che andrete dunque come lettori a leggere oggi, vede partecipi una sparuta parte di blogger italiani, grazie a una iniziativa che parte dal blog websulblog.blogspot.it che ringrazio.

C’è un’insidia che si erge ultimamente sulle nostre teste, o forse è meglio dire su milioni di schermi che si affacciano nella rete odierna italiana. http://guardforangels.altervista.org/

La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica. (Ignazio Silone) https://ofeliapride.blogspot.it/ 

Oggi è partita una prima iniziativa comune, contro una proposta di legge bavaglio. Purtroppo non è la prima volta che vogliono colpire la rete e la libertà di espressione, già in passato ci siamo riuniti e abbiamo protestato, contro le varie leggi che tentavano d’imbavagliare il web e qualche volta anche la stampa.

Queste leggi sono in linea con la censura fascista attuata nel ventennio e visto che la memoria è corta, ecco come descrive quel periodo Wikipedia:

NO al bavaglio dell’informazione on-line ! NO al DDL Gambaro !

Il DDL “Gambaro”, presentato in Senato il 7 febbraio 2017 e firmato trasversalmente da senatori di quasi tutte le forze politiche, rischia di minare seriamente il principio libertario alla base di Internet nel nostro Paese, trascinandoci ancora più a fondo nelle classifiche sulla libertà di espressione.

Le “Disposizioni per prevenire la manipolazione dell’informazione online, garantire la trasparenza sul web e incentivare l’alfabetizzazione mediatica“ rappresentano la volontà di parte del Senato di “cercare di impedire abusi, garantire il pluralismo e, soprattutto, tutelare i cittadini a cui i media si indirizzano“, pena multe salatissime fino a 10.000€.

Al che, pensandoci bene, la domanda madre è sempre la stessa: chi stabilisce il grado di tollerabilità della manipolazione di una notizia o di una fonte di informazione?

Perché ogni fatto, ogni atto, ogni evento o documento, se narrato, può essere letto ed interpretato secondo molte sfaccettature: alcune, secondo il DDL, sono legittime, altre -probabilmente più scomode all’establishment- no. http://www.vocidallastrada.org

Bufale in Rete – Fake news – Legge bavaglio

Il mondo stà diventando un posto sempre più folle e assurdo man mano che passano gli anni. In una società in cui le notizie si finiscono per sapere più velocemente via web, ed in taluni casi solo e soltanto via web, stanno cercando un’altra volta di creare una legge contro la libertà di opinione e di idee.
E’ infatti in preparazione una ennesima legge bavaglio indirizzata come sempre verso coloro che rappresentano l’anello più debole. Ossia ai blogger ed ai forum che non sono testate giornalistiche.

Stanno provando per l’ennesima volta a mettere un bavaglio alla parte più debole del web – alla faccia della libertà d’espressione.
E’ stata infatti presentata una proposta bipartisan una legge contro la diffusione delle bufale in rete, le cosiddette fake-news. http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it 

NO AL BAVAGLIO PER I BLOG

http://esseregeorgeminkiovic.blogspot.it/

 …e… tanti altri QUI

Tra il lusco e il brusco – il crepuscolo dell’informazione

La Repubblica pubblica fake news

di Massimo Mazzucco
Pubblicato: 19 Febbraio 2017

Nella versione online di oggi La Repubblica ha publicato la seguente notizia, intitolando: “Usa, morto lo “sceicco cieco”: la mente dell’attentato alle Torri Gemelle del ’93 – È MORTO in un carcere di massima sicurezza in North Carolina lo “sceicco cieco” egiziano Omar Abdel Rahman. Era considerato la mente del primo attentato al World Trade Center, quello compiuto il 26 febbraio del 1993, quando nel parcheggio sotterraneo di una delle Torri gemelle fu fatto esplodere un pulmino imbottito con oltre 600 chili di esplosivo che provocò la morte di 6 persone.”

Omar Abdel Rahmannon fu affatto la mente dell’attentato al WTC del ’93. Come si evince chiaramente da questo video, fu la stessa FBI ad organizzare l’attentato, tramite il proprio infiltrato Emad Salem, “dimenticandosi” poi di sostituire la bomba vera con una falsa. Un “errore” che costò la vita a 6 persone.

Da oggi denunceremo sistematicamente qualunque fake news pubblicata dalle testate mainstream.

Denunciamo le fake new

https://www.luogocomune.net/ 

____________________________________________

Fake news: ecco a voi la censura perfetta!
Il Grande Fratello sferra l’ultimo attacco
Marcello Pamio – 19 febbraio 2017

La mannaia della censura viene ogni tanto tirata fuori e fatta oscillata nell’aria, questo da almeno 15 anni senza risultati. Oggi purtroppo sembra che le cose stiano accelerando.

E’ di questi giorni infatti una proposta in Senato che farebbe concretizzare il più grande timore per i diritti e le libertà: il Grande Fratello di stampo orwelliano.

Prima però andiamo a fare un salto nella Commissione Europea, perché lo strumento nelle mani dei potentati economici è stato il primo a incitare alla “lotta contro le fake news”, ossia la lotta contro le notizie false.

Il tutto è iniziato con la guerra contro l’incitamento all’odio su internet, sfociata nel maggio 2016 in un codice di condotta concordato fra la Commissione e le grandi società tipo Youtube e Twitter. Questo era solo l’inizio…

Il passaggio dall’odio sul web alle fake news è stato immediato.

Per le cosiddette notizie false l’establishment è preoccupato, e non è un caso infatti che esso abbia attribuito alle fake tre fatti alquanto sgraditi: la Brexit, cioè l’uscita dell’Inghilterra dall’euro la vittoria del no alla modifica costituzionale in Italia e l’inaspettata vittoria di Trump negli States.

Secondo il Sistema, almeno in questi tre casi i canali di informazione alternativi sul web avrebbero giocato un ruolo decisivo (sorvoliamo sul magistrale lavoretto fatto dagli hacker russi che hanno impedito brogli e manipolazioni dei voti alle presidenziali, cosa questa normalissima e frequente, permettendo così la vittoria di Trump)…

E’ bene ricordare che tutti i media inginocchiati al regime scrivevano all’unisono e a caratteri cubitale che la Gran Bretagna se usciva dall’euro sarebbe precipitata nel baratro economico, flagellata da cavallette e locuste; qui da noi se avesse vinto il no al referendum costituzionale saremo tornati in pieno medioevo, e negli States tutti avevano già pronti gli articoli per la vittoria scontata di Killary Clinton. Ma le cose sono andate diversamente… Continua QUI

______________________________________

 

Le Fake News dei media contro Trump? Il Presidente USA aveva ragione sulla Svezia (Telegraph)! Sembra quasi propaganda fascista….

Il vaso è colmo, adesso basta! Queste sono le parole che disse mio nonno un giorno, nella mezzo della sua gioventù, quando decise di opporsi al nazifascismo.  Dunque, 75 anni dopo, con la redazione di Scenarieconomici.it abbiamo deciso di mettere in piedi una centrale sulle fake news, seria, documentata, fattuale, per evidenziare l’esistenza di un enorme problema. Vi faremo sapere gli sviluppi.

Quello che temo è scoprire che sono proprio i media mainstream a diffonderle, vedremo. La ragione? Mi dilungherei troppo, mi limito a dire che lo scopo facilmente è non fare comprendere alla gente che disastro hanno combinato i governi degli ultimi anni (…). Disastro che si traduce in crisi economiche a cui contribuiscono con loro miseria solo le classi media e bassa, invece le elites globali di stampo neofeudale esplodono di gioia e ricchezza.

Ho visto troppe bugie sui media in questi ultimi tempi, e lo dico senza partigianeria. Continua QUI

_____________________________________

Bufale giganti: per seppellire indizi sui “giganti” veri?

Scheletri di giganti alti 4 metri, scoperti in America e subito occultati: scoperta clamorosa, ma “insabbiata” da una autorevolissima istituzione scientifica come la Smithsonian Institution, un glorioso organismo scientifico finanziato dal sul web in diversi blog, avrebbe «costretto la Smithsonian Institution a rilasciare i documenti classificati risalenti agli inizi del 1900 che dimostrano che l’organizzazione è stata coinvolta in una grande, storica copertura di prove». Documenti che proverebbero «la scoperta di migliaia di scheletri di giganti umani rinvenuti in tutta l’America: fu ordinato di distruggerli dagli amministratori di alto livello per proteggere la principale cronologia corrente dell’evoluzione umana». Davvero? Niente affatto: quegli scheletri non sono mai stati distrutti. E per un semplice motivo: non sono mai esistiti. Lo ripetono in coro altre fonti, sempre su Internet, secondo cui la storia rientrerebbe tra le classiche “fake news”, sempre più in voga per gettare discredito sulle vere notizie che circolano sul web, disturbando gli omertosi silenzi del mainstream. Continua QUI  

______________________________________

La libertà è cosa per pochi  

Didi Bozzini

In un Paese nel quale si vendono oltre centomila copie di È tutta vita di Fabio Volo o La dieta dei gruppi sanguigni (non un ricettario per vampiri, ma l’ennesima guida all’alimentazione sana) del dott. Mozzi, bisognerebbe costituire un comitato di pubblica igiene mentale che si incaricasse della diffusione dei libri di Aldo Busi. È chiaro che in un tale clima di sentimentalismo adolescenziale e isteria salutista, che altro non sono se non i baffi finti della gerontocrazia più cinica e dell’economia più cancerogena, questo resterà un auspicio vano. Quindi, mentre le folle continuano a ruminare idiozie languide e paraecologiche, noi ci accontentiamo di attirare l’attenzione di pochi lettori su una sola pagina dell’autobiografia non autorizzata che lo scrittore ha intitolato Vacche amiche. Una pagina, la numero 104 del volume, nella quale è racchiuso il nucleo dell’etica di Busi. 

La libertà non è un diritto, è un sapere costante nel tempo, una capacità di resistenza alla tentazione di asservirsi, una curiosità per le lande più inesplorate del cervello umano a contatto con il mondo ma innanzitutto a contatto con se stesso, a cui ritorna e a cui deve dare conto di quanto ha fatto fuori il suo portatore. Continua QUI

Chi detiene il monopolio sulla verità detiene il monopolio sull’inganno

Demistificare il dibattito sul cambiamento climatico

di Wayne Hall

Traduzione di NoGeoingegneria

Giusto poche settimane prima di lasciare l’ufficio e consegnarlo al suo (da sinistra, ecologisti, liberali) disprezzato successore  Donald Trump, il presidente Obama ha fatto un gesto molto pubblicizzato, vietando la perforazione di nuovi giacimenti di idrocarburi nelle acque statunitensi degli oceani Atlantico e Artico.

La sua presidenza quindi si è conclusa con una nota altisonante, paragonabile al modo in cui era iniziato, quando aveva fatto, altrettanto ampiamente pubblicizzata (e in pratica totalmente ignorata da lui stesso)  la promessa di disarmo nucleare.

I sostenitori di sinistra del gruppo Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) criticano questo tipo di ipocrisia, che in effetti è un’ipocrisia relazionata al “greenwashing”, ma quanti di loro sanno riconoscere l’ampiezza di questa ipocrisia?

Fa qualche differenza per la credibilità della politica climatica stabilità se la minaccia che si suppone di dover affrontare sia la minaccia del riscaldamento globale o la minaccia di una nuova era glaciale?

Quarant’anni fa era la nuova era glaciale e non il riscaldamento globale  al centro delle preoccupazioni ufficiali (e dei media).

Il “New York Times” del 18 luglio del 1970 riferiva che:

“Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica stanno supportando indagini su larga scala per determinare perché il clima artico sta diventando sempre più freddo, perché di recente parti del ghiaccio marino del mare artico sono diventate minacciosamente più spesse  e se la portata di tale copertura di ghiaccio contribuisce alla comparsa di ere glaciali“

Tutte le grande associazioni sul clima di quel periodo approvarono la teoria del raffreddamento globale, tra cui il National Center for Atmospheric Research, il Climate Research Unit dell’Università di East Anglia, il National Academy of Sciences, National Aeronautics and Space Administration. Anche la CIA aveva rilasciato dichiarazioni con linee simili.

Un rapporto su un quotidiano del 1973 dice che:

“un gruppo di scienziati, riuniti sotto gli auspici della National Science Foundation, ha ancora una volta messo a punto un avvertimento che il mondo potrebbe essere vicino alla fine dell’attuale periodo di inter-glaciale e che la calotta di ghiaccio dell’Artico ha iniziato quello che potrebbe rivelarsi un anticipo inarrestabile su Nord America ed Europa. I 46 scienziati che si sono riuniti presso la Brown University, Providence, Rhode Island, per un simposio sul tema “La fine del presente interglaciale” hanno convenuto che vi sono evidenze di un inquietante raffreddamento delle temperature in tutto il mondo negli ultimi due decenni”.

Un rapporto 1974 dell’oceanografo e paleontologo James D. Hays ha rivelato che  “il sospetto, che gli inverni sono semplicemente sempre più freddi, non è più solo un sospetto tra i climatologi. Negli ultimi 30 anni la neve permanente sull’isola di Baffin si è ampliata. La banchisa in Islanda sta aumentando in inverno  e diventando un serio pericolo per la navigazione. Gli armadilli, amanti del calore, che migrarono verso nord nel Midwest nella prima metà di questo secolo si stanno ormai ritirando al sud, verso il Texas e Oklahoma. Raccolti cattivi  russi sono in aumento.”

“The Canberra Times” del novembre 1974 riferì: “Una nuova era glaciale potrebbe stringere il mondo durante il ciclo di vita di questa generazione (…) Un documentario su un canale  televisivo principale (BBC) dimostra che gli scienziati internazionali hanno cambiato idea circa la velocità con la quale  la “macchina del tempo” del mondo può cambiare marcia. ‘La minaccia di una nuova era glaciale deve ora essere messa accanto ad  una guerra nucleare come probabile fonte di morte e miseria globale per l’umanità’, dice lo scrittore scientifico  Nigel Calder. (…) “Gli ultimi studi dimostrano che le ere glaciali sono molto più frequenti di quanto gli scienziati pensavano una volta – e la prossima sembra essere in ritardo. Secondo una teoria, “Toronto, Leningrado e Glasgow dovrebbero ormai essere scomparse sotto strati di ghiaccio spesso”..

Scettici del Cambiamento Globale,  propagandato dal mainstream, interpretano dati retrospettivi di questo tipo come prova di dolo perenne e / o ingenuità degli “allarmisti del cambiamento del riscaldamento / climatici globali”, ma un’altra interpretazione è possibile, ed è stata presentata dal ricercatore Dylan Jones:

“Un insieme di prove punta verso una realtà in corso, una  campagna clandestina di modificazione  del clima, a partire , per lo meno, dal 1970, di proporzioni senza precedenti e di massima audacia e arroganza. L’obiettivo principale è quello di convertire il ghiaccio artico in acqua di disgelo, aprendo le sue vaste risorse di petrolio, gas e minerali e  alterare il clima globale ad uno più favorevole per le zone temperate settentrionali e meno favorevoli per zone equatoriale e semi-tropicali. Fino al 1975 l’establishment scientifico sembrava preoccupato che la terra stava entrando in una età glaciale a lungo termine. Questo può essere stato un vero e proprio problema, ma potrebbe essere anche stato un mezzo per ottenere sostegno“.

In altre parole, l’idea che l’Artico stava diventando più freddo (troppo freddo) avrebbe potuto essere studiata per sostenere l’idea di aver bisogno di un programma di modifica del clima per riscaldarlo.

Ma c’erano anche altri modi  per convincere i politici della necessità per la modifica del clima, altri approcci possibili e altri argomenti, e sono stati debitamente messi in lista. Dr. Edward Teller invitò una sottocommissione (Preparedness Subcommittee) del Senato degli Stati Uniti  ad “immaginare un mondo … in cui  (i sovietici) possono cambiare le precipitazioni sulla Russia … e influenzare le precipitazioni nel nostro paese in modo negativo.”

Dr. Henry G. Houghton del Massachusetts Institute of Technology, rabbrividì al “pensare alle conseguenze di una scoperta russa per primi di un metodo fattibile di controllo del tempo. … A meno che non rimaniamo davanti alla Russia nella ricerca della meteorologia le prospettive di accordi internazionali in materia di controllo del tempo saranno davvero scarse. Una modifica sfavorevole del nostro clima nelle vesti di uno sforzo pacifico per migliorare il clima della Russia potrebbe seriamente indebolire la nostra economia e la capacità di resistere “.

Sono stati proposti un certo numero di progetti specifici  per alleviare il duro clima russo,  con conseguenti vantaggi per l’agricoltura, la navigazione, e lo sfruttamento delle risorse. Questi includono la rimozione della calotta artica, lo sbarramento dello Stretto di Bering, e la deviazione dei fiumi siberiani. Questi programmi  potrebbero chiaramente influenzare il clima di altre parti del mondo, inclusi gli Stati Uniti e i loro alleati. Perfino cambiamenti marginali della temperatura e piovosità potrebbero drasticamente danneggiare l’agricoltura, il trasporto, e in effetti l’intera economia. Le operazioni militari sarebbero anche esse influenzate se i confini della banchisa, le stagioni liberi dai ghiacci per le basi navali, la frequenza di nubi oscuranti, ecc. fossero alterati. Questo tipo di cambiamenti climatici sono chiaramente gravi potenziali minacce alla sicurezza nazionale, e hanno conseguenti implicazioni per la pianificazione militare.

In buona sostanza la storia è che industriali, scienziati ed altri con interessi acquisiti in tali progetti sono stati alla ricerca di modi per riscaldare l’Artico per oltre 100 anni, a partire dal 1877, quando il geologo Nathaniel Shaler di Harvard propose di deviare l’acqua atlantica calda nell’Oceano Artico.

Nel 1962 il  meteorologo del MIT, Harry Wexler ha proposto 3 progetti per l’aumento della temperatura della Terra di 1,7 ° C.

(1) detonare 10 bombe all’idrogeno nel Mar Glaciale Artico per inviare cristalli di ghiaccio nell’atmosfera polare

(2) distruggere lo strato di ozono utilizzando aeri e spruzzare cloro o bromo nella stratosfera.

(3) lanciare particelle di polvere nell’orbita equatoriale per diffondere (disperdere) la luce solare e per riscaldare le regioni polari.

Le idee di Wexler hanno cominciato a guadagnare accettazione nel 1970, momento in cui nessuno “importante” gli avrebbe dato di pazzo. Ma dopo la sua prematura scomparsa, nello stesso anno, il problema di come riscaldare il pianeta subiva un’inversione. E’ stato allora presentato come imperativo assolutamente indispensabile trovare modi per raffreddare il pianeta e preservare l’atmosfera dal riscaldamento. Tenete a mente che l’obiettivo dichiarato della conferenza COP21 sui cambiamenti climatici a Parigi nel 2015 era di limitare la temperatura globale media di salire di 2° C. Ciò sarebbe compatibile con  le proposte di Wexler del 1962 per determinare un aumento della temperatura di 1,7° C.

SCIE DI CONDENSAZIONE  

Groenlandia paese delle meraviglie

Uno dei metodi di modificazione del clima proposto era il dispiegamento di scie di condensazione aeree.

Una giustapposizione di estratti dai seguenti due documentari getta una luce sulla ambigua, anzi contraddittoria, natura delle dichiarazioni ufficiali sugli effetti delle scie di condensazione degli aerei sulle temperature globali, e sui progetti concreti estrapolati da questi effetti.

(Della Commissione europea)  Il traffico aereo è aumentato considerevolmente negli ultimi anni e l’impatto del trasporto aereo sui cambiamenti climatici sta causando crescente preoccupazione. ‘Le emissioni sono in aumento del 4-5 per cento anno l’ anno, e questo è quello che stiamo vedendo in questo momento. E se di anno in anno si hanno 4-5 per cento di crescita delle emissioni, significa in quindici anni un raddoppi ‘. Per la Commissione europea è urgente agire, dal momento che l’aviazione, a differenza di altri mezzi di trasporto, non è tassata per il carburante, per cui vi è uno scarso incentivo di tagliare le emissioni di CO2. ‘Non possiamo continuare ad avere successo in un settore e neutralizzare quel risultato positivo per gli sviluppi in altri settori, e l’aviazione è uno degli esempi più eclatanti.

Il commissario europeo per l’ambiente vuole che l’aviazione faccia uno sforzo per la lotta contro i cambiamenti climatici. La Commissione propone pertanto di includere il trasporto aereo nel sistema di scambio dei diritti di emissione di CO2 che l’Unione europea ha messo a punto per raggiungere gli obiettivi del protocollo di Kyoto.

‘Per affrontare questo problema in maniera più efficiente, dobbiamo includere le emissioni del trasporto aereo nel nostro riuscito sistema di scambio delle emissioni.’ La Commissione europea considera il sistema di scambio delle quote di emissioni il modo più efficace per controllare le emissioni prodotte dal trasporto aereo, meno costoso per esempio di una tassa sul carburante. Introducendo il settore aereo nel sistema di scambio di emissioni dell’UE si prevede di realizzare significativi risparmi di CO2. Entro il 2020, questo risparmio potrebbe raggiungere 180 milioni di tonnellate all’anno, il doppio delle emissioni di gas serra emesse dall’Austria ogni anno. Con questo provvedimento, l’Europa compie un ulteriore passo cruciale verso la prevenzione di un’altra catastrofe climatica globale.

E la BBC: 

Quando l’aereo solca l’atmosfera superiore, sopra i 26.000 piedi (8000 metri), lascia spesso bianche, luminose striature dietro di sè. Queste lunghe striature bianche, chiamate “scie” o scie di condensa sono causate da acqua e fuliggine dai motori a reazione del velivolo. L’acqua calda e il gas di scarico lasciando il motore incontrano l’aria a circa – 40 ° C. Questa è una reazione esplosiva.

Un cirro naturale circola circa 26.000 piedi e riflette alcuni dei raggi del sole nello spazio, producendo un raffreddamento della terra sottostante. Quando una scia di condensa si disperde, diventa un cirro artificiale chiamato “contrail cirrus”. Più riflessiva di un cirro naturale, può estendersi ad una zona grande 60.000 miglia  (sic). Ora, sempre più scienziati ritengono che questi cirri artificiali influenzano la temperatura del pianeta. Gli attacchi dell’11 settembre 2001 a New York, hanno dato loro la possibilità di provare questa teoria. Gli aeroplani degli Stati Uniti erano rimasti a terra per tre giorni interi. Quindi niente scie di aerei per tre giorni. Una volta che tutti i dati erano analizzati, c’è stato un aumento della temperatura. Un lieve aumento, ma un aumento comunque. Ciò suggerisce che le scie raffreddano il pianeta.

La dottrina che l’aumento delle emissioni di anidride carbonica stanno riscaldando il pianeta è diventata “ufficiale” nei media nel 1966, quando Gordon MacDonald – Presidente del nuovo ICAS (Institute for Climate and Atmospheric Science) aveva scelto un gruppo di esperti di meteo e cambiamenti climatici e ha dichiarato: “L’anidride carbonica rilasciata nell’atmosfera dall’inizio della rivoluzione industriale ha prodotto un aumento della temperatura media della bassa atmosfera di pochi decimi di gradi Fahrenheit”.

Se le nuvole artificiali, derivanti dalle emissioni degli aeromobili, contribuiscono, come sostenuto dalla Commissione Europea, al riscaldamento globale, è possibile che il riscaldamento dell’atmosfera sia parte di uno scenario globale di

  1. Creazione o intensificazione del ‘riscaldamento globale’
  2. Successiva presentazione di una ‘soluzione’ al riscaldamento globale?

Secondo Dane Wigington di “Geoengineering Watch” le emissioni di aeromobili possono avere entrambi gli effetti, di raffreddamento locale e di riscaldamento globale (ndr: lo disse anche Edward Teller). Dane però vuol far comprendere di non aver mai presentato l’ingegneria del clima come una mitigazione efficace o accettabile per il sistema di sopravvivenza della Terra, l’idea di raffreddamento locale introduce agli scenari dei geoingegneri.

E, come Dylan Jones fa notare: “L’obiettivo dichiarato della recente Conferenza sui Cambiamenti Climatici di Parigi (2015) di limitare l’aumento della temperatura media globale a 2° C, sembrerebbe essere in sintonia con le proposte di Wexler di realizzare aumenti di temperatura di 1.7° C. Forse è questo il punto in cui le proposte future dellageoingegneria ufficiale per il raffreddamento del pianeta saranno messe in atto al fine di mantenere questo valore ottimale per la modificazione dell’Artico e per il Capitalismo delle Catastrofi”.

La confusione sul riscaldamento globale è perpetuata dalla promozione di una controversia bipolare sulla estensione  (a) nella realtà e (b) dell’origine antropica. Anche in questo caso c’è da quotare Dylan Jones: “Entrambi, i  propugnatori del riscaldamento globale di origine antropica e gli scettici, sono finanziati e controllati nelle loro alte sfere dalla stessa fonte. Entrambe le parti sono tenute in perenne conflitto ed ignoranza su questa verità scomoda. Big Oil e la mafia del clima sono la stessa cosa. Giusto quando chiamano l’un l’altro bugiardi sono onesti. L’obiettivo è quello di impedire la presa di coscienza  pubblica il più a lungo possibile sulle vere cause  di un mondo che si riscalda, trasferendo il senso di colpa e il costo sulle masse ignare, mentre traggono profitto dalle conseguenze di un artico in scioglimento e di crisi in tutto il mondo. Per quanto catastrofe e tassazione di carbonio premono forte, è importante riconoscere che, come sempre, i costi delle imposte che gravano sulle imprese sono passati ai poveri. La ricchezza è re-distribuita in forma piramidale”.

Analisti economici non coinvolti nel dibattito sul clima hanno fatto osservazioni che, data la relativa volontà, potrebbero essere elaborati in critiche e interventi completi, e politicamente potenti. Yanis Varoufakis per esempio, nel suo articolo “Erratic Marxist” diceva: “Il miglior esempio di sporcizia neoliberista è il dibattito su come affrontare il cambiamento climatico. I neoliberali si sono affrettati a sostenere che, se qualcosa deve essere fatto, si deve assumere la forma di un quasi-mercato per i “mali” (ad esempio, un sistema di scambio di emissioni), dato che solo i mercati “sanno” come valutare  appropriatamente buoni e cattivi.

Tra i “sei pilastri” nel programma dell’associazione di cittadini DiEM25 di Varoufakis il punto 5 sul “Green Investment” propone: “Canalizzare investimenti su larga scala in energia verde e pratiche sostenibili, che assicurano la sovranità tecnologica dell’Europa”.

L’opposizione alla “rozzezza neoliberista” è una motivazione sufficiente a consentire al DiEM25 di rifiutare la (molto reale) resistenza della mafia climatica (che comprende la maggior parte degli ecologisti normalmente non  identificati come mafiosi) verso le idee formulate nel presente articolo? Ha il DiEM25 per lo meno la capacità di opporsi in modo inequivocabile al mercato delle emissioni?

Potrebbe la conclusione di J. Marvin Herndon, che le ceneri leggere provenienti da centrali elettriche a carbone siano l’ingrediente principale utilizzato in programmi clandestini di modifica del clima, essere utilizzata per rafforzare le posizioni degli avversari favorevoli all’uso di combustibili fossili per la produzione di energia?

Finora gli ecologisti (meno quelli del Cipro) si sono mostrati non più disposti di quanto lo sono gli scettici del clima, di esaminare (o tollerare) le scoperte del Dr. Herndon.

La Sinistra, ecologisti e liberali affrontano la prospettiva di una presidenza Donald Trump con estrema ostilità, dipingendo il nuovo presidente repubblicano (ed è plausibile) come uomo sotto controllo delle lobby del petrolio e del carbone con zero preoccupazione per la devastazione ambientale che quelle lobbies sembrano ora voler proseguire e accelerare. Resta il fatto che la prima analisi pubblica senza censure dopo l’elezione di Trump di alcuni dei fattori toccati in questo articolo è stato ospitato da una organizzazione situata esattamente nel campo cambiamento-climatico-scettico  pro-Trump. Mi riferisco al dossier di Jim Lee ” Geoingegneria, Weather Modification e Weaponizing Nature“, letto il 3 dicembre 2016 alla 3° Conferenza  di Freedom Force International a Phoenix, Arizona. Jim Lee afferma di aver convinto delle proprie posizioni lo scettico del cambiamento climatico di alto profilo, “Lord” Christopher Monckton. Ma Christopher Monckton ritrae i cambiamenti climatici di origine antropica come fabbricazione ideologica dell’IPCC? Adotta ora la posizione di Jim Lee che il riscaldamento globale realmente esistente, parzialmente o totalmente, sia un risultato di modificazione del clima? Non penso.

Per dare l’ultima parola a Dylan Jones: “la follia dell’uomo sembra certamente assumere la forma di una fiducia cieca in leader mondiali indegni di fiducia, corrotti e compromessi dalla struttura di potere aziendale e della sua oligarchia bancaria globale, insieme formano un unico consorzio psicopatico.

La natura di questa follia sta in un disinteresse spensierato verso il crimine contro il pianeta, effettuato con la combustione sfrenata di combustibili fossili, con l’inquinamento dell’atmosfera, delle forniture dell’acqua, decimando le foreste, e gli innumerevoli altri peccati di cui  Big Oil, e implicitamente l’umanità stessa, è colpevole?

Oppure sta nell’ignoranza di una marcia verso il consolidamento finale di un stato di polizia tiranno planetario, effettuato dalla mafia del clima? Là dove una tassa globale del carbonio, imposta all’umanità per il suo ruolo presunto nel riscaldamento globale antropogenico (AGM), formerebbero una pietra angolare.

I seguaci di ogni campo, i sostenitori AGW da un lato e gli scettici, dall’altro, remano perennemente uno contro l’altro.

Chi detiene il monopolio sulla verità detiene il monopolio sull’inganno. Ciò che è stato raggiunto alla fine è l’ultima truffa, riuscendo a recintare persone in tutto il mondo in due campi mettendo uno contro l’altro”.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Wayne Sala, Global Research, 2017

http://www.globalresearch.ca/demystifying-the-climate-change-debate/5566164

VEDI ANCHE:

Un sogno lungo cento anni: sciogliere i ghiacci dell’artico!

 «Diventò freddo, voglio dire, davvero freddo»

Fenomeni meteo estremi causati dal riscaldamento dell’Artico

Mix mortale: trivellazioni off-shore e reattori nucleari galleggianti nell’Artico

E’ l’Artico il vero nocciolo dell’ attuale crisi nel rapporto est-ovest?

Alti livelli di cloro molecolare nell’atmosfera dell’Artico

Il Rapporto Della CIA del 1974 Sul Raffreddamento Globale

HARRY WEXLER: DISTRUGGERE L’OZONO STRATOSFERICO PER RISCALDARE LA TERRA

POLO NORD – NUOVO MEDIO ORIENTE

WHAT CAUSED JANUARY’S FREAK WEATHER

Fonte diretta: http://www.nogeoingegneria.com/