Archivi tag: Esoterismo

L’epoca del Ferro: l’epoca in cui viviamo

 

Epoche & Eoni: cicli di comprensione cosmica

Potremmo essere entrati in una nuova epoca, o almeno così ci dicono alcuni scienziati. L’Antropocene è un’epoca geologica caratterizzata dal notevole impatto dell’umanità sulla superficie della Terra. L’epoca precedente era l’Olocene interglaciale, iniziato dopo la quarta era glaciale. Si dice che l’antropocene abbia avuto inizio con la rivoluzione industriale nel diciottesimo secolo. Altri sostengono che una sostanziale influenza umana sulla litosfera iniziò a 15.000 BP (BP = Before Present, la scala usata per lunghi periodi di tempo) quando l’attività umana lasciò le prime tracce sul disco. Altri specificano il 1945 come data chiara, a causa dell’improvviso arrivo di materiale radioattivo negli strati rocciosi dall’esplosione delle bombe atomiche.

Come termine, Antropocene mi ricorda i concetti esoterici delle epoche e dei cicli dell’umanità, eoni ed epoche. Una credenza nei cicli cosmici è stata specificata come una delle caratteristiche tipiche dell’esoterismo. Questa categorizzazione della storia e della preistoria è uno dei numerosi esempi in cui idee religiose ed esoteriche esistono in una simbiosi con idee scientifiche e secolari. Concetti scientifici come l’età della pietra, del bronzo e del ferro devono la loro esistenza al mito; le moderne idee esoteriche di sviluppo umano, di età e cicli cosmici, attingono alla conoscenza scientifica del periodo.

L’Antropocene è in parte uno strumento per evidenziare la misura in cui l’umanità sta attualmente influenzando l’ambiente globale. Tuttavia è tipico della scienza materialista che viene valutato solo l’impatto fisico del genere umano sul mondo. L’umanità appare nell’immagine geologica principalmente a causa del danno che abbiamo fatto. In contrasto con questo, teorie esoteriche di eoni, epoche e cicli tipicamente vedono nell’umanità uno sviluppo verso una forma di coscienza sempre più spirituale, o una discesa da un’età dell’oro in una barbarie, o la ripetizione di cicli di una varietà di divina o cosmica influenza.

La differenza tra sistemi scientifici di età e sistemi esoterico-religiosi è questa: i sistemi scientifici si basano su misurazioni, sistemi esoterici sul valore. Il miglior esoterismo incorpora la conoscenza scientifica e pratica in una visione del mondo che ha un significato cosmico e riconosce lo sviluppo umano psicologico e spirituale. Le tecnologie dell’esoterismo sono quelle della trasformazione personale e della scienza sacra. L’esoterismo si occupa del significato interiore di qualunque fenomeno tocchi, siano essi di religione, mito o scienza.

Era un’età dell’oro

Probabilmente il sistema occidentale più familiare degli anni è quello del mondo classico. Siamo così abituati alle medaglie d’oro, argento e bronzo delle Olimpiadi moderne che la combinazione e l’ordine di queste medaglie ci sembra a malapena strano. Fu Esiodo nell’VIII secolo aEV che per primo scrisse dell’età dello sviluppo associata ai metalli, e sicuramente stava attingendo alla tradizione esistente. Il racconto di Esiodo segue la storia di Prometeo che porta il fuoco all’umanità e Zeus che punisce l’umanità modellando Pandora con l’aiuto degli altri dei, la cui infame scatola scatena mali e sofferenze sul mondo, con la speranza come unica qualità positiva. Esiodo descrive cinque epoche: oro, argento, bronzo, gli eroi e infine il ferro, l’epoca in cui visse e viviamo ancora.

Nell’età dell’oro, governata dal titano Kronos, l’umanità era libera dal lavoro e dalla cattiva salute, le persone vivevano lunghe vite felici e morivano pacificamente nel sonno. Dopo la morte le persone vivevano come buoni spiriti della terra che proteggono e portano ricchezza. La razza d’argento è stata modellata e governata dagli dei dell’Olimpo. Erano anche longevi da bambini, ma una volta cresciuti fino all’età adulta combatterono e furono uccisi, abbandonando gli dei. Questi vivono come spiriti degli inferi.

Le persone dell’età del bronzo erano forti e potenti ma tenaci, morenti in guerre. La nostra epoca è quella del ferro, a cui Esiodo affida una serie di guai mescolati solo con un po’ di buon gusto degli dei. Esiodo ci dice che preferirebbe che non fosse nato che vivere nella nostra era di ferro. Tra l’età del bronzo e il ferro era l’era eroica. Il suo stato anomalo, non essendo associato a un metallo, suggerisce che è stato aggiunto allo schema in seguito. L’era eroica era l’era degli eroi e dei semidei del mito greco, dai Sette di Tebe ai partecipanti alla guerra di Troia. Vivono nelle isole benedette.

I miti possono codificare imperativi sociali, tabù, giustificazioni per i rituali e verità spirituali e psicologiche. Possono anche conservare antichi ricordi popolari. L’età archeologica della tecnologia dei materiali, ovviamente, mostra che il bronzo veniva usato prima che il ferro venisse fuso. Il moderno triplice schema scientifico dell’età della pietra, del bronzo e del ferro deriva da Michele Mercati nel XVI secolo, con numerose suddivisioni e raffinamenti apportati come prova accumulata e lo schema sviluppato. La comprensione scientifica dell’età archeologica della tecnologia dei materiali deve la sua ispirazione al mito greco dell’era del metallo.

Nel libro V di La natura dell’universo, Lucrezio, scrittore romano del I secolo a.C., descrive un progresso nell’uso umano della pietra, del rame (e quindi della sua amalgama, del bronzo) e poi del ferro. Lucrezio era un epicureo e in molti modi un precursore del razionalismo moderno. Il suo metodo non era basato sulla sperimentazione e la misurazione, ma sull’assegnazione di spiegazioni materialistiche naturali ai fenomeni. Pertanto, Lucrezio attribuisce la conoscenza dell’umanità all’uso del fuoco non a Prometeo, ma alla visione di incendi boschivi causati da un fulmine. Suppone che l’umanità abbia imparato a odorare i metalli dal vedere i risultati di un incendio boschivo sul minerale. Lucrezio vede l’umanità svilupparsi in fasi, dalle tecnologie primitive alle civiltà avanzate del suo tempo, dall’uso della pietra al rame o al bronzo, e infine al ferro. È il mito del progresso.

Esiodo e Lucrezio offrono esempi dei due modelli opposti di sviluppo umano: una discesa e un’ascesa, da una parte una caduta dalla grazia e dall’altra la perfezione dell’età dell’oro e dall’altra uno sviluppo dalla barbarie alla civiltà.

La grande età e Yuga

Nella mente occidentale le quattro (o cinque) età greche, o almeno il concetto di età dell’oro, fanno parte della cultura comune. Le età astrologiche e gli Yuga indiani (indù, anche se ci sono anche adattamenti buddisti e giainisti) sono probabilmente i prossimi ben noti, il secondo principalmente tra quelli con tendenze spirituali, New Age o esoteriche.

Gli Yuga, che sono naturalmente ancora presenti nella cultura indù, sono i cicli più antichi e massicci. La lunghezza totale di una Grande Era (Mahayuga) è di 4.320.000 anni. I quattro Yuga hanno durate di proporzioni 4: 3: 2: 1, che vanno dall’età dell’oro Krita o Satya Yuga (età fortunata) a 4.000 anni divini, pari a 1.440.000 di anni umani, attraverso il Treta Yuga (terza età o di tre parti, 3.000 anni divini / 1.080.000 anni umani), Dwapara Yuga (Seconda Età, o di due parti, 2.000 / 720.000) e il nostro stesso Kali Yuga (Age of Conflict, 1.000 / 360.000 anni). Ci sono periodi addizionali che precedono e seguono ogni Yuga, ogni 1/10 della lunghezza dello Yuga.

Joscelyn Godwin cita la mezzanotte del 17 o 18 febbraio 3102 a.C. come l’inizio dell’attuale Kali Yuga, secondo gli astronomi indiani, e calcola la sua fine in 427.000 CE.1 Il Kali Yuga copre così il periodo che va dall’aurora più o meno all’alba della civiltà il futuro estremamente remoto. Questi lunghi periodi sono difficili da trovare significativi.

La vasta scala temporale ha spinto alcuni commentatori più recenti ad adattarsi a una scala più umana. René Guénon, il tradizionalista, suggerì di sbarazzarsi di tre zeri e di moltiplicarsi per 15. I periodi risultanti si collegarono con successo agli affari umani, con l’attuale Kali Yuga che terminava convenientemente nel 1999. Nonostante l’erudizione di Guénon, questo sicuramente equivale a un conveniente adattamento di un’idea difficile; d’altra parte è dovere dell’esoterismo occuparsi di ciò che è significativo. Il più noto ridimensionamento degli Yuga, forse meglio conosciuto dei periodi originali, è quello di Sri Yukteswar Giri, il guru di Paramahansa Yogananda, ampiamente conosciuto per la sua Autobiografia di uno Yogi. Nel sistema di Yukteswar di Yuga il Kali Yuga è già finito e ora siamo in un’era in cui l’Anno Grande scorre al contrario. Così i miti della discesa e dell’ascesa sono combinati.

In armonia con le loro lunghezze, gli Yuga sono associati a caratteristiche molto ampie della vita umana. Come con l’età d’oro dei greci, nel Krita Yuga gli umani hanno una lunga vita (4.000 anni), non hanno malattie e non hanno bisogno di lavorare. Il Kali Yuga è caratterizzato dall’avidità dell’umanità, da governanti irresponsabili, dall’uso diffuso di droghe e bevande e dalla continua migrazione di popoli. Una caratteristica indù caratteristica dei tempi è che ognuno ha un numero diverso di avatar del Signore Vishnu, con il Kali Yuga che ne ha solo uno, Kalki, che tornerà su un cavallo bianco per combattere contro il demone Kali (da non confondere con la dea Kali) che è il capo del tempo.

Questo è l’albeggiare dell’Era dell’Acquario

Le ere astrologiche sono ampiamente conosciute. Nella storia ufficiale della scienza fu Ipparco nel II secolo aEV che, nell’isola di Rodi, calcolò la precessione degli equinozi (vedi grafico a pagina 62 nella rivista). Nel II secolo CE Tolomeo, il grande astronomo / astrologo, elaborò che la precessione era dovuta ad una oscillazione della sfera stellata. La scienza eliocentrica alla fine ha determinato che l’oscillazione era nell’orbita terrestre.

Il grande anno delle età astrologiche è calcolato a 25.770 anni. Questo è in genere arrotondato a 26.000 anni, anche se la cifra è stata a volte inferiore e fino a quando il ciclo non è stato misurato correttamente si è ipotizzato che corrisponda al Grande Anno di Platone di 36.000 anni. Questo numero diviso per 12 dà 2.147,5 anni per un’età astrologica se i segni dello zodiaco sono equidistanti.

Si ritiene che il segno in cui sorge il Sole sull’equinozio primaverile (primavera) influenzi l’umanità nel suo insieme in un modo simile all’effetto dei 12 segni su un essere umano. Le età di Leone, Cancro e Gemelli mostrano l’umanità che emerge dalla preistoria, con i Gemelli, governati da Mercurio, associati allo sviluppo della scrittura, Leone che enfatizza l’importanza del Sole e Cancro quello della dea madre. L’età del Toro iniziò intorno al 4000-4500 a.C., a seconda del metodo di calcolo, ed è associata a culti di tori come quelli che si trovano in Egitto, in Assiria e Creta. Intorno al 2000 a.C., da un paio di secoli, l’equinozio di primavera Sun si trasformò in Ariete infuocato e guerriero. Questo fu un periodo di costruzione dell’impero ed età eroiche, di conquiste marziali e l’uso del ferro per le armi. Comprendeva anche lo sviluppo del monoteismo.

Da circa il 100 EV al passaggio dell’era cristiana – di cui, più in un momento – è l’alba dell’era dei Pesci. Le associazioni di pesci del cristianesimo, il simbolo della vesica piscis, i discepoli di pescatori che diventano pescatori di uomini e parabole e miracoli che includono il pesce, sono tutti in consonanza con Pesci. Pesci è anche degno di nota per la sua qualità da sogno, da qui la caratterizzazione dell’età dei Pesci come un tempo di inganno.

Guardiamo con speranza all’età dell’Acquario, ma ci sono molte opinioni su quando arriverà. Potremmo aver già superato la cuspide. Coloro che calcolano le ere astrologiche secondo i confini delle costellazioni piuttosto che le costellazioni zodiacali a 30 gradi equidistanti, calcolano che potrebbero volerci altri 600 o 700 anni prima di entrare nell’Acquario.

Molte affascinanti ricerche sull’archeologia e sull’astronomia suggeriscono che la conoscenza della precessione degli equinozi sia codificata nei miti da un’ampia varietà di fonti e negli allineamenti di siti antichi in tutto il mondo. Ciò renderebbe le ere astrologiche gli arbitri d’epoca per eccellenza. In queste ere la posizione dello zodiaco all’equinozio di primavera si allinea con la cronologia, la matematica e uno spirito del tempo che dura per due millenni. Lo spirito del tempo si manifesta attraverso sforzi umani su vasta scala come l’impero, la guerra e la civiltà, attraverso il simbolismo e le forme religiose.

Per noi, che ora risiedono a due millenni dall’inizio del nostro calendario cristiano, le ere astrologiche sono abbastanza estese da portare un significato oltre la lunghezza di una singola civiltà, ma non così tanto da essere incomprensibili in termini umani. Sebbene ci siano molte discussioni sull’inizio e la fine specifici delle età (sebbene la loro lunghezza non sia così controversa), lo schema è ammirevole. È come uno strumento delle giuste dimensioni e peso che si adatta comodamente alla mano.

Ha anche un valore predittivo carente negli Yuga e nelle età metalliche. Il sistema greco non offre sviluppo dopo l’età del ferro. Gli Yuga offrono un ritorno finale all’inizio del ciclo e una nuova età dell’oro, che è fonte di ottimismo. Ma le enormi scale temporali e il nostro posto all’interno del Kali Yuga possono solo permetterci di sospirare la miseria dell’umanità e la sua caduta dalla grazia. Le ere astrologiche cambiano per qualità diverse ma non sono caratterizzate da ascesa o discesa. Quando un’età diventa stanca e decadente, le qualità complementari possono essere a portata di mano nell’influenza della prossima era.

Da Adamo a Cristo

L’astrologia viene da Babilonia ed è stata formulata nella sua versione occidentale nel mondo classico pagano. Sebbene sia il cristianesimo che il giudaismo abbiano a volte avuto proprie forti tradizioni astrologiche, l’astrologia era vulnerabile alle critiche come una scienza pagana il cui simbolismo e termini di riferimento non esaltavano Yahweh o Cristo come le pietre portanti dell’universo. Secondo le ere astrologiche, il toro e il pesce sono semplicemente delle mode passeggere, anche se di una durata di 2000 anni. Così è toccato ai cristiani venire con i loro eoni e le loro epoche che attingevano alle loro mitologie e alla loro comprensione del mondo. Da un punto di vista cristiano e occidentale, gli Yuga e le età astrologiche stanno semplicemente girando in tondo.

La visione cristiana del tempo segue una linea non un cerchio. Corre dalla creazione alla distruzione, dalla Genesi all’Apocalisse, dalla Caduta all’Apocalisse. Tuttavia la linea può ancora essere divisa in sezioni, segnate dal carattere dei tempi, dallo stadio del processo di redenzione dell’umanità. Gli schemi cristiani ci portano fuori dal mondo antico e nel Medioevo.

Il nostro metodo occidentale standard di contare anni è in realtà un semplice sistema di due epoche, BC, Prima di Cristo, e AD, Anno Domini, l’anno di nostro Signore. Il sistema BC / AD non ha messo radici per diversi secoli dopo la sua invenzione nel 6° secolo. Riflette la divisione di base dell’Antico Testamento / Nuovo Testamento della Bibbia cristiana, ma non ha alcuna categoria per la Seconda Venuta. Non ha una qualità predittiva integrata.

Fu quel gigante d’influenza, Sant’Agostino, a formulare lo schema cristiano più influente dei tempi. Lo schema di Agostino utilizzava i sette giorni della creazione. Ispirato da Salmo 90: 4 (citato in II Pietro 3: 8), in cui “un giorno con il Signore è come mille anni”, ogni giorno era letteralmente un millennio. La settima età corrispondeva al settimo giorno, il sabato, giorno in cui Dio riposava dalle sue fatiche, ed era fuori dalla storia.

Ogni età di 1.000 anni potrebbe approssimativamente essere abbinata alle cronologie prodotte dalle genealogie della Bibbia. Le sei età erano:

  1. Da Adamo a Noè e il diluvio.
  2. Dal post-alluvione di Noè ad Abramo
  3. Da Abramo a David
  4. Da David alla prigionia in Babilonia
  5. Dal ritorno da Babilonia alla nascita di Gesù.
  6. Da Gesù alla seconda venuta.

Così viviamo nella sesta età, che continuerà fino all’Apocalisse. La sesta età è chiaramente e unicamente cristiana; tutte le epoche precedenti sono definite da figure ebraiche ma sono rivendicate per il cristianesimo. Non c’è alloggio, ad esempio, per i filosofi greci che sarebbero vissuti nella quinta era, o per Omero nella quarta età, non c’era spazio per consentire gli eroi greci o gli dei di Egitto, Grecia, Roma e altri paesi del Mediterraneo.

Che cosa può dire questo sistema di età sull’umanità e il mondo in generale? Le grandi civiltà dell’antichità, gli dei e le dee e i demoni, sono tutti spazzati via a favore delle tradizioni rubate di un popolo (gli ebrei) che non erano nemmeno inclusi nella nuova dispensazione religiosa a meno che non riconoscessero Cristo. C’era poco spazio per ogni epoca per avere la propria colorazione spirituale o psicologica o anche per un semplice ciclo di progresso o corruzione.

Quelle sei età permisero una trasformazione in arrivo nella settima età, ma Agostino collocò l’Apocalisse Cristiana abbastanza convenientemente nel futuro da non preoccuparsi per alcuni secoli.

Agostino assunse un regime ebraico esistente ma potrebbe essere stato influenzato da idee gnostiche. Nel secondo trattato gnostico del Grande Seth, la storia del mondo è effettivamente suddivisa in tre fasi. Barbelo, la divina figura femminile, visita Adamo, poi dona il seme a Seth, quindi più tardi al Cristo risorto. Nelle ulteriori estensioni dello gnosticismo troviamo analoghe demarcazioni della storia basate su personaggi importanti nella Bibbia. Bardaisan ha ideato uno schema che ha coinvolto 6.000 anni che hanno costituito un Anno Grande. La religione manichea è insolita nel riconoscere entrambe le figure bibliche di Adamo e Seth fino a Gesù e ai profeti non Abrahamo, inclusi Zoroastro e Buddha.

Padre, Figlio e lo Spirito Santo

Dopo la fine del primo millennio cristiano, le sei età di Agostino avevano ancora una certa validità perché l’inizio della sesta età e la letteralità del periodo di mille anni potevano essere contestate.

Gioacchino da Fiore (1132-1202) propose per la prima volta che la storia fosse ascesa attraverso tre stadi governati da ciascun membro separato della Trinità. Quindi, il periodo da Adamo alla nascita di Gesù era l’età del Padre, caratterizzata dalla Legge; da Cristo in poi era l’età del Figlio, che era l’era del Vangelo; ad una certa data nel prossimo futuro sarebbe l’avvento dell’Era dello Spirito o dello Spirito Santo. Abbott Joachim, che era un cattolico devoto, credeva che la terza età avrebbe portato il regno di Dio sulla terra. Questa terza età non richiederebbe più la Chiesa (che era solo un artefatto della seconda era), ma consisterebbe in monaci celibi in diretta comunione con lo Spirito Santo. Joachim credeva che la terza età sarebbe nata tra il 1200-1260 e quindi doveva morire credendo che fosse imminente. L’influenza di Joachim sullo sviluppo del cristianesimo sarebbe indiretta ma considerevole. Il suo concetto di sostituzione della Chiesa da parte di individui santi sarebbe raccolto da vari movimenti protestanti e si presterebbe ad essere utilizzato da successive sette cristiane antinomiane. Non c’era alcuna costrizione ad accettare la stima di Joachim degli albori dell’Era dello Spirito, quindi l’interesse per le sue tre età sarebbe riemerso in aspetti dell’esoterismo del ventesimo secolo.

L’Islam potrebbe seguire lo stesso approccio delineando le ere secondo i sei profeti menzionati nel Corano (Corano 19,21-22), mentre nell’Ismaili Islam una serie di emanazioni di Allah determinano le diverse caratteristiche dei secoli. Anche le religioni minoritarie del Medio Oriente come gli zoroastriani e gli yezidi avevano i loro schemi. Quella dei Drusi è degna di nota per uno schema di eoni che durerà per sorprendentemente 343 milioni di anni. Altri aspetti del loro schema poco conosciuto includono una serie di 159 maestri attraverso la storia, oltre ai sei profeti dell’Islam, con la storia che si sta deteriorando gradualmente fino a che non avviene una liberazione finale. Questi 159 maestri sono preesistenti ma sono in qualche modo controllati da Cristo e dai quattro evangelisti come figure cosmiche. Al di fuori dello scopo di questo articolo ci sono la grande rabbia delle epoche mitiche che si trovano in tutto il mondo come i cinque Soli dell’era azteca o il calendario Maya.

La vera religione di Noè

Isaac Newton (1642-1727) fu il fondatore della scienza moderna, ma anche un cristiano, astrologo, alchimista ed esoterista. A volte è stato caratterizzato come l’ultimo mago piuttosto che il primo scienziato moderno. Newton credeva che la vera religione fosse quella di Noè. Credeva anche che i Sabei, i Confucio, i Brahmini e i Pitagora ereditassero tutti questa saggezza post-diluviana. Mentre ognuna di queste figure e movimenti sorse, la luce della “vera religione” si rinnovò, per poi declinare costantemente fino al prossimo rinnovo. L’Egitto, tuttavia, secondo Newton, fu responsabile di gran parte della corruzione e del declino di questa vera religione, incluso il concetto della Trinità cristiana, che Newton aborriva.

Tutto ciò ricorda il familiare schema abramitico di una successione di profeti che periodicamente porta all’umanità la legge o la religione o la gnosi. Ma Newton ha integrato nello schema figure come Pitagora (e Hyram of Tyre, di fama massonica). Newton credeva che Pitagora avesse dato la matematica ai greci con una mano e la “vera religione” con l’altra.

Diventerà la caratteristica dell’esoterismo di incorporare figure di molte religioni e culture, non solo ebraiche e cristiane, nei modelli di sviluppo. L’esoterismo è interessato al significato interiore e al significato interiore delle tradizioni, di solito considera le religioni e le culture come una condivisione di principi fondamentali (o spesso considerandoli svalutati) e quindi può soddisfare quasi tutti i criteri. Data la sua natura scientifica, Newton vide queste figure profetiche come portatrici di scienze come la matematica e l’astronomia. La civiltà più pura e più antica era quella di Israele, da cui, con una notevole quantità di giocoleria cronologica, tutti gli altri copiarono.

Tutta la grafica per questo articolo è visualizzabile nella versione digitale o di stampa di questo numero.

La seconda parte di questo articolo, pubblicata su New Dawn 153 (Nov-Dic 2015), esamina come il concetto di razza fosse correlato alla storia esoterica, così come la cosmologia del ciclo della Teosofia, i “gyres” di WB Yeats, Thelema eoni, spin-off di GI Gurdjieff, tra cui Rodney Collin e JG Bennett, e il lavoro di Jean Gebser e Peter Carroll, e altro ancora.

Questo articolo è stato pubblicato su New Dawn 152.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

®wld

“Guerra in Cielo” dei teocratici

Dio sei forse tu un demonio?

Richard Smoley ha oltre 35 anni di esperienza nello studio e la pratica della spiritualità esoterica. Egli è l’autore del cristianesimo interiore: Una guida alla tradizione esoterica; Il gioco dei dadi Shiva: Come la coscienza viene creata dall’universo; Consapevole Amore: Prospettive del cristianesimo mistico; Il Nostradamus essenziale; La fede Proibita: La storia segreta dello gnosticismo; e la saggezza nascosta: A Guida alle tradizioni occidentali (con Jay Kinney). Smoley è anche un ex redattore dello ‘Gnosticismo: A Journal of Inner Traditions occidentale. Attualmente è direttore della missione: ufficiale della Società Teosofica in America e Quest Books.

La frase qui sotto esposta virgolettata è una delle linee più conosciute e rassicuranti nella Scrittura:

“Il Signore è il mio pastore”.

Ma quando si pensa a questo proposito, la metafora è molto inquietante.

E’ vero che un pastore si prende cura delle sue pecore. Ma le tosa e poi le uccide per mangiarsele. Il Dio che adoriamo agisce pienamente nei nostri interessi che abbiamo a cuore, o siamo solo una specie di bestiame usato per i propri suoi scopi?

Alcune voci sono state volte e non pronunciate certamente circa l’esistenza degli dei, ma alla sua benevolenza. Gli antichi gnostici, hanno detto che il vero dio di questo mondo è stato il Demiurgo, un essere di secondo ordine che si era confuso con il vero Dio.

Il maestro spirituale GI Gurdjieff ha citato una parabola su un pastore pigro che stanco delle sue pecore, così le ha ipnotizzate in modo a farle credere che erano uomini o leoni. Poi hanno smesso di correre, andando incontro alla tosatura e poi uccise come egli voleva. (Anche in questo caso troviamo un pastore, questa volta più esplicitamente malevolo.)

Gurdjieff non dice chi è il pastore.

Il suo punto principale è che l’uomo nel suo stato di sogno e veglia, è in balia di forze che non possono avere a cuore i loro interessi – forze che estraggono energia da esso, a prescindere dai loro desideri.

Questa parabola è il primo periodo dell’insegnamento di Gurdjieff; nel suo ultimo periodo, sintetizzato nella sua opera magna Beelzebub ‘s Tales dedicato al suo piccolo nipote (I racconti di Belzebù a suo nipote), ritrae l’universo in un modo più vantaggioso.

Ma ci sono molti altri che hanno messo in dubbio le motivazioni delle potenze spirituali che controllano le nostre vite.

Uno dei più strani è in un libro intitolato guerra in cielo di Kyle Griffith.

In origine è stato presentato nel 1988. Non è mai stato pubblicato in un senso convenzionale; La prima volta che l’ho letto anni fa, era quando ricoprivo la carica di direttore della rivista esoterica Gnosi, in ufficio, c’era una copia rilegata da anelli.

Comparativamente poco si sa su Griffith.

Dalle mie fonti, concludo che nel 1980 ha vissuto nella baia di San Francisco, quando ha scritto il suo libro. Egli è stato descritto in un’intervista in internet, e non vi è mai stato un gruppo di discussione dedicato alle sue idee.

Da un certo punto di vista, guerra in cielo può sembrare folle; da un altro punto di vista, è ritenuto molto suggestivo. L’ho letto tre volte nel corso degli anni. Anche se io non sono disposto a prendere in considerazione le sue dichiarazioni al valore nominale, l’incontro rimane comunque sconvolgente e inquietante.

La visione di Griffith deriva dalla sua comunicazione presumibilmente telepatica con alcuni spiriti che dicono di essere associati con il Collegio invisibile.

Questo era il nome di una cerchia inglese del XVII secolo, che è stata dedicata all’esoterismo, la filosofia e la disciplina emergente della scienza; di solito è visto come il precursore della Royal Society.

A differenza della mentalità dei signori della scienza britannici, la visione del Collegio Invisibile di Griffith è spiriti disincarnati sostengono di aver ispirato i Rosacroce e i movimenti massonici dell’epoca moderna; più di recente, erano dietro gli Afro-American Civil Rights Movement e la rivoluzione psichedelica della stessa epoca.

Tutti questi movimenti sono stati progettati con uno scopo in mente:

Rompere il controllo dei teocratici.
I teocrati nella cosmologia della guerra in cielo, sono entità astrali, sono parassiti che divorano le anime di persone morte recentemente.Il corso normale della evoluzione dell’anima comporta reincarnazioni ripetute sulla terra. Ma queste incarnazioni, come sappiamo, possono essere a volte estremamente sgradevoli. I teocrati hanno evitato questa scelta sgradevole mantenendo un’esistenza semi-permanente sul piano astrale, alimentata dalle anime di cui si nutrono.

La loro strategia è semplice.


Quando un’anima ingenua muore, salutano la sua anima sull’altro lato porgendole l’illusorio benvenuto, con immagini popolate da figure religiose o di famiglia e persone care. Quando l’anima viene deviata nella sua trappola, viene divorata.
Per rendere questa visione ancora più inquietante, Griffith (o le loro guide dell’invisibile College) sostengono che la quasi totalità di ciò che noi pensiamo sia la religione che altro non è che uno stratagemma teocratico.

Le tappe di questo sviluppo religioso, come appare nella guerra in cielo, richiedono un certo esame. La prima fase era essenzialmente sciamanica. Questa è una forma grezza e primitiva della religione – cioè, dal punto di vista dei teocratici, certamente non nostra.

Ci viene detto che lo sciamanesimo, incoraggia lo sviluppo psichico individuale, e come tale è un valore limitato per i predatori teocratici che beneficiano molto di più dalla trance collettiva che produce il culto religioso convenzionale.

Come un risultato, i teocrati dovevano perfezionare e aggiornare i propri metodi di controllo mentale.

La seconda fase della religione era un vicolo cieco. Egli sta coinvolgendo su larga – scala i sacrifici umani. E la storia dimostra che le civiltà che hanno avuto queste pratiche presto hanno avuto a una brutta fine.

L’antica Cartagine, grande rivale di Roma per il dominio del Mediterraneo, è stato un esempio.

Quando i romani sconfissero Cartagine, radendo al suolo la città e seminato il terreno con il sale. Il sale è tradizionalmente una sostanza utilizzata per la purificazione, e alcuni hanno detto che i romani hanno fatto questo per cancellare la terra da tutti i sacrifici umani che sono avvenuti lì in quel luogo.

La civiltà azteca, che per molti versi era superiore alla sua contemporanea civiltà europea, questo è stato un altro esempio: nonostante la sua forza, la sua civiltà è stata distrutta da poche centinaia di spagnoli avventurieri a cavallo.
“La terza fase della religione Teocratica,” Griffith scrive, “prevede la macellazione di massa degli animali. Anche se si preferiscono le anime umane, gli spiriti teocratici possono nutrirsi delle anime astrali degli animali inferiori ma solo in una certa misura.” Se questo fosse vero, avrebbe dato una strana luce, ma, rivelatrice su quello che caratterizza l’articolo di accompagnamento, come le religioni dell’Era dell’Ariete.

Erano così ossessionati con il sacrificio di animali – che poi si è rivelata essere un’attività piuttosto inutile – solo perché i teocratici lo volevano.


“Tuttavia”, ha aggiunto Griffith, “i tessuti astrali delle anime degli animali non sono molto compatibili con le anime astrali dei teocratici, quindi non sono una buona fonte di cibo.”
Per risolvere questo problema, i teocratici hanno inventato la religione, il quarto stadio – che è la maggior parte delle religioni del mondo di oggi. ed ecco allora il controllo mentale:

“I teocratici usano il controllo mentale religioso per attirare le anime e metterle deliberatamente sotto il controllo Teocratico dopo la morte, facendole pensare che stanno andando verso ‘la felicità eterna in cielo’ o ‘l’unione con il Divino’.”
Queste religioni sono essenzialmente quelle dell’articolo di accompagnamento che ho chiamato l’Era dei Pesci. 


Su questo punto di vista, gli dei ai quali la gente crede e ama – siano essi chiamati Cristo o Allah o Krishna – non sono altro che i parassiti sul piano astrale sono tenuti alimentati dalle anime degli innocenti da parte di chi li ha predati.
Originariamente Buddha era diverso:


ha sperimentato un risveglio vero e proprio e, pertanto, ha mostrato poco rispetto per gli dei tradizionali vedici della loro cultura.
Ma, più tardi, i suoi seguaci, hanno distorto il suo insegnamento in una religione basata sulla fede in Buddha, così in forma subordinata sono diventati teocratici.O,   per il modo in cui:


“I teocrati vogliono che i credenti si sentano in colpa ogni volta che sentono il desiderio sessuale o godere di qualsiasi” piacere della carne. “Il senso di colpa li porta letteralmente ad essere dipendenti e ad assistere alle funzioni religiose sottoponendosi al controllo della mente religiosa”.

Oltre a questo, ci sono stati pochissimi ritratti più inquietanti della storia religiosa dell’umanità.

Per alleviare questa grave situazione per gli esseri sfortunati della razza umana, due secoli fa, certe anime avanzate da altri pianeti sono venuti nell’atmosfera astrale della terra.

Essi, insieme ad alcune illuminate anime umane, sono riuscite ad evitare i teocratici, che costituiscono l’invisibile College.

Mentre i teocrati hanno inviato suggerimenti da parte dei loro seguaci connessi su questo piano, dicendo che tutto quello che dovevano fare era quello di credere negli dei fidandosi di quello che i teocrati dicevano loro, invece, il Collegio Invisibile ha inviato il messaggio opposto:


Evitare il culto e, soprattutto, pensare per se stessi.
Hanno ispirato i Rosacroce e i movimenti dei Massoni dei secoli XVII-XVIII e gli impulsi che hanno accompagnato verso la democrazia, la libertà di pensiero, e anche l’ateismo.Dopo tutto, è meglio non credere in un Dio, che aprirsi fino al punto di una divinità astrale parassitaria.

Secondo Griffith, gran parte della controcultura degli anni 1960 è stata stimolata dal Collegio Invisibile. LSD, concerti rock, e simili incontri sono progettati per creare un diverso tipo di trance – quella che la gente telepaticamente ha aperto all’idea che dovrebbe pensare per se stessa,

Ma la storia non si ferma qui.

Questo sforzo ha portato ad una reazione dall’avversario – “quinta tappa della teocrazia”, che:


“Impiega il controllo elettronico mentale invece del controllo della mente religiosa, e … può ridurre in schiavitù le persone che si iscrivono ai sistemi di credenze diverse da quelle della religione organizzata.”

Alcuni gruppi originariamente ispirati dal Collegio Invisibile sono co – optati dall’avversario.

Griffith scrive:
“Ogni nuovo gruppo rock inizia con un paio di canzoni di protesta o di normale amore. Poi viene sommerso da una società controllata dai teocratici della quinta mente in fasi a gironi, e da quel momento in poi tutte le loro canzoni il suono è come se fossero state scritte dalla stessa persona.”

Non è possibile qui andare oltre nella strana ma affascinante
intuizione di Griffith.

Ma ci sono alcune cose a cui tengo che mi portano ad eliminarla completamente. Il primo è la follia collettiva della razza umana – il suo desiderio rabbioso e patologico di distruggere, il suo odio per i suoi benefattori e il folle culto dei suoi autori più feroci.

Vi è un punto oltre al quale non si può spiegare questo con una semplice aggressione ai mammiferi – è un dato di fatto che gli altri mammiferi non hanno tali proprietà distruttive. La psicologia e la sociologia non hanno alcuna spiegazione per questa follia di massa mostrando poco interesse nel cercare  di trovare una soluzione.

Se ci fossero tali entità sul piano astrale che stanno cercando di controllare e manipolare noi, come dice Griffith, questo comportamento sarebbe almeno comprensibile.

Un altro è la potente spinta collettiva verso ciò che Gurdjieff chiama il “risveglio dell’uomo dal sonno”.

E’ vero che nel l’Occidente, in ogni caso, l’ipnosi di massa a basso – grado di religione sta perdendo il controllo. Ma nonostante questa perdita di spiritualità, vediamo sorgere una nuova serie di meccanismi per rimettere le persone a dormire – il “controllo mentale elettronico” di cui parla Griffith.

E’ molto difficile non fare caso entrando in un luogo pubblico e vedere la gente affascinata dai loro computer portatili e smartphone senza chiedersi se qualcosa di simile stia accadendo.

Non penso che la guerra in cielo offra una spiegazione completa della condizione umana, ma ho il sospetto che abbia un fondo di verità. Sembra ci siano forze invisibili che, per ragioni che sono difficili da determinare, beneficiano della scia sul trance collettivo dell’umanità.

Griffith ha concluso i suoi lavori con una visione quasi-apocalittica della Fine dei Tempi. La Fine dei Tempi è abbastanza vicina, come viene interpretato dal cristianesimo con la quale ho problemi che si tratti solo del valore nominale.

E anche se ho il sospetto che ci siano entità spirituali di basso grado che ricordano da vicino i teocrati qui descritti, io non sono così convinto che possano spiegare tutto ciò che riguarda l’aspirazione religiosa umana.

In ogni caso, Griffith e i suoi mentori invisibili hanno dei consigli da darci nel rimanere fuori dal controllo teocratico.

In primo luogo, fare uno sforzo cosciente per sviluppare i propri poteri psichici in questa vita.

In secondo luogo,


“Leggere storie di esperienze prese a persone sul punto-di-morte (ECM) e imparare a riconoscere i trucchi più comuni che i teocratici utilizzano per asservire gli incauti dopo la morte.”
In altre parole, queste storie di esperienze pre-morte sono vere – ma non sono da prendere come valore assoluto.Sono probabilmente una “preziosa regola empirica” per tutte le esperienze spirituali – non importa quanto bene o male possano sembrare o apparire.

 
Traduzione adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

Ophiuchus Il “Serpente Rosso”

Il mistero di Rennes-le-Château‎

I Merovingi sono tornati alla ribalta più recentemente in una serie di libri che tentano di risolvere il mistero del minuscolo villaggio di Rennes-le-Château‎ sulla sommità delle montagne della Linguadoca, nella Francia meridionale.
 
Questo fu un tempo uno dei centri più importanti del monastero di Sion, dei Templari, dei Catari e di molti altri che fanno parte della cerchia di chi detiene le conoscenze segrete.
 
Questa zona fu un tempo popolata dai Celti, gli antichi Cimmeri e Sciti, provenienti dal vicino Oriente e dalle montagne del Caucaso, e Rennes-le-Château‎ si chiamava Rhedae dal nome di una delle tribù.
 
Era venerato dai druidi come un luogo sacro poiché anche questa è una regione ad elevato livello di magnetismo. Alla fine degli anni Sessanta del Novecento un documento di origine incerta detto: “Serpente Rosso” o Le Serpent Rouge venne alla luce alla Biblioteca Nazionale di Parigi.
 
Conteneva l’albero genealogico dei Merovingi, due cartine della Francia del periodo merovingio e una pianta di St. Sulpice, il centro della chiesa cattolica in cui si svolgevano studi di occultismo.
 
St. Sulpice fu costruita sui resti di un tempio dedicato a Iside/Semiramide e fu il luogo in cui venivano sepolti i re merovingi. Le Serpent Rouge recava la data del 17 gennaio 1967 e la scheda della Biblioteca Nazionale era datata 15 febbraio.
 
Ma quest’ultima data si rivelò fasulla perché la vera data in cui venne depositato era il 20 marzo. A quell’epoca tutti i presunti autori dell’opera, Pierre Feugere, Louis Saint Maxsent e Gaston de Koker erano morti a una distanza di 24 ore l’uno dall’altro, il 6 marzo.
 
Ma la cosa si fa ancora più strana, poiché questi tre, come poi è emerso, non ne erano affatto gli autori. Qualcuno, si pensa aveva loro attribuito la paternità di quell’opera per avvolgere tutto ancor più nel mistero.
 
Tredici giorni erano trascorsi tra quelle tre morti e il deposito del libro alla biblioteca. Il documento di tredici pagine includeva piccoli poemi in prosa relativi ad ogni segno dello zodiaco e elencava tredici segni.
 
Il tredicesimo era detto Ophiuchus (il portatore di serpente), ed era posizionato tra lo Scorpione e il Sagittario. Il 13 era il numero più importante per i Templari e ciò diventerà sempre più chiaro man mano che la storia procederà leggendo il libro.
 
Credo da molto tempo che i segni dello zodiaco originariamente fossero 13. Le Serpent Rouge, che pare faccia riferimento mal paesaggio circostante Rennes-le-Château, presenta una versione della favola della Bella Addormentata io cui la principessa (l’energia femminile) è condannata a dormire finché un bel principe non arriverà a svegliarla.
 
Questo è assai rilevante anche per il numero 13 per ragioni che il libro chiarirà in seguito. Le Serpent Rouge confermava anche che Maria Maddalena non era che l’ennesimo simbolo di Iside.Diceva infatti:
“Inizialmente qualcuno la chiamava ISIDE, regina delle sorgenti benefiche, VENITE A ME VOI TUTTI CHE SOFFRITE E CHE SIETE SOPRAFFATTI E IO VI CONFORTERÒ, altri la chiamavano la Maddalena del famoso vaso pieno di balsamo medicamentoso. Gli iniziati conoscevano il suo vero nome: NOTRE DAME DES CROSS”  

L’energia femminile e la discendenza rettiliana vengono tramandate per linea materna, e sin dai tempi di Ninkharsag e Enki questa energia era simboleggiata da Maria, Iside e Semiramide, come pure Diana.

La principessa Diana fu uccisa in corrispondenza di un antico luogo sacrificale merovingio consacrato alla dea Diana, quando la sua auto si schiantò contro il tredicesimo pilastro della galleria.

Una grotta a Sainte-Baume, nella Francia meridionale, è un santuario ufficialmente riconosciuto dalla chiesa Cattolica poiché si dice, e la cosa è assolutamente infondata, che vi abbia vissuto Maria Maddalena.

In realtà, durante la dominazione romana, quella grotta era un centro di culto della dea Diana Lucifera – la Diana portatrice di luce o Illuminatrice. Fu proprio questo l’appellativo dato a Maria Maddalena da Jacobus de Voragine, l’arcivescovo domenicano della nobiltà nera genovese.

Un altro punto interessante è che mentre i Templari sparsi nel resto della Francia furono arrestati e torturati dopo l’epurazione ordinata da Filippo il Bello nel 1307, quelli che vivevano nella zona intorno a Rennes-le-Château‎, a la Bezu, le Valdieu e Blanchefort, furono lasciati in pace.

Questa zona era evidentemente molto importante per i Templari, che erano legati alla Famiglia Blanchefort di Château‎ di Blanchefort, ad appena due miglia di distanza da Rennes-le-Château.

Alcuni studiosi pensano che i Templari abbiano sepolto gran parte del loro oro vicino a Rennes-le-Château. Certamente un terzo di tutto il loro patrimonio europeo si trovava un tempo nella regione della Linguadoca. Anche i romani ritenevano sacra questa zona e vi veneravano le loro divinità pagane.

Nel VI secolo Rennes-le-Château era una fiorente città di 30-000 abitanti, la capitale settentrionale dell’impero visigoto che si estendeva oltre i Pirenei, nella Spagna. I Visigoti erano un popolo germanico o teutonico, come i successivi Cavalieri Teutonici che emersero nello stesso periodo dei Templari.

Anche i Visigoti erano gli antenati dei Cimmeri e degli Sciti, le popolazioni bianche del Caucaso. Furono i Visigoti a piombare giù dall’Europa centrale per saccheggiare Roma e porre fine al dominio romano.

da il Segreto più Nascosto p: 187-188-189

Nin.Gish.Zid.Da

Le nature immortali

I Registri Akashici – Cosa sono e esistono realmente?

“Tutta la materia percettibile proviene da una sostanza primaria o essenzialità che va aldilà del concepimento, che riempie tutto lo spazio, l’Akasha o etere luminoso che è pieno di Prana che dà la vita, o forza creativa che chiama all’esistenza per cicli infiniti tutte le cose o i fenomeni” Nikola Tesla Il Risultato più Grande dell’Uomo, 1907

“Akasha”, a seconda della filosofia o della religione, basicamente ha lo stesso significato.

E’ sanscrito (lingua primaria sacra dell’Induismo), sta per “etere”, sia nel significato elementale che in quello metafisico. L’esistenza di questa “sostanza”, in mancanza di un termine migliore, è stata scelta da scienziati e filosofi delle antiche culture, tradizioni e religioni che risalgono a migliaia di anni.

Il tema è sempre stato presente dal misticismo/filosofia orientale fino ad arrivare all’Ovest con la filosofia esoterica.

Teniamo presente che adesso stiamo parlando di Akasha non dei “Registri Akashici”.

“E permisero che Apollonio facesse domande; e chiese loro di cosa fosse composto il cosmo; ma risposero:

“Di elementi.”
“Allora sono quattro?” domandò.
“No, non quattro”, disse Larchas, “sino cinque.”

“Come può essere che ce ne sia un quinto oltre l’acqua, l’aria, la terra e il fuoco?” disse Apollonio.

“C’è l’etere” rispose l’altro” che dobbiamo considerare come il materiale di cui sono fatti gli dei, mentre tutte le creature mortali inalano il filo, le nature immortali e divine inalano etere”, rispose l’altro.

Apollonio disse allora: “Dovrei considerare l’Universo un essere vivo?”
“Si,” rispose l’altro.
La Vita di Apollonio di Tiana
Filostrato, 220 d.C. (fonte)

E’ la base di tutte le cose del mondo materiale, e in varie filosofie è considerata la forza che impulsa dietro la creazione invisibile della materia. Secondo molti è la fonte di energia per la manifestazione materiale.

Tutto ciò è interessante in quanto “la fisica quantica” ha dimostrato che i pensieri umani, le intenzioni, le emozioni, non potranno mai avere un effetto diretto di nessun tipo sul nostro mondo materiale fisico.

Le teorie scientifiche odierne non riconoscono l’esistenza reale di Akasha, però il fatto che la fisica quantica ha dimostrato che lo spazio non è vuoto, senza dubbio questo antico concetto si presta ad una credibilità maggiore. Questa è la mia opinione.

“L’Aakaash non è distruttibile, è il substrato primordiale assoluto che crea la materia cosmica e pertanto le sue proprietà non si trovano nelle proprietà della materia che hanno un significato relativo.

L’Aakaash è la realtà eterna superfluida esistente, a cui non è possibile applicare la creazione e la distruzione…

I nostri occhi sono ciechi davanti alla realtà dello spirito; gli esperimenti scientifici non possono individuarla direttamente, in quanto i nostri esperimenti possono vedere solo le proprietà dei materiali che non sono gli attributi di Akasha.”
Idham thadhakshare vyoman pará. Parame vyoman
Paramahamsa Tewari, ingegnere, fisico e inventore.
“Fondamenti spirituali,”
www.tewari.org

I Registri Akashici

Cosa sono I Registri Akashici?

Secondo vari studi nell’ambito della teosofia (filosofia esoterica), i Registri Akashici sono una specie di dati base contenuti in un diario di viaggio dell’anima.

Secondo Alice A. Bailey, autrice di più di una dozzina di libri su temi teosofici:

Il libro Akashico è come una lunghissima pellicola cinematografica che registra tutti i desideri e le esperienze della terra del nostro pianeta.

Coloro che lo percepiscono vi vedranno rappresentati le esperienze di ogni essere umano dall’inizio dei tempi, le reazioni all’esperienza di tutto il regno animale, l’aggregazione delle forme di pensiero di natura karmica (basato sul desiderio) di ogni unità umana del tempo. E’ qui che mette radici il grande inganno dei libri.

Solo un occultista allenato può distinguere tra l’esperienza reale e quelle immagini astrali create dall’immaginazione e il vivo desiderio. Luce dell’Anima
“Gli Yoga Sutra di Patanjali – Libro 3”

Secondo Edgar Cayce, ormai morto, i Registri Akashici si possono considerare come il super computer dell’universo, una istallazione di stoccaggio centralizzata di ogni informazione di tutte le persone che hanno vissuto in tutto il cosmo.

Oltre a registrare gli eventi che succedono nella vita, essi registrano ogni atto, azione parola, pensiero, sentimento, emozione, intenzione e motivo. Sembra che i libri contengano tutta la storia di ogni anima dagli albori della creazione.

Sono i libri portati da un’anima dal momento in cui esce dal suo punto di origine.

“La lettura di Edgar Cayce ci suggerisce che ognuno di noi scrive la storia delle nostre vite attraverso i propri pensieri, azioni e interazioni con il resto della creazione.

Questa informazione ha su di noi un effetto immediato.

Infatti i Registri Akashici hanno un impatto tale sulle nostre vite, e le potenzialità e probabilità che attiriamo su di noi con una qualsiasi ricerca si di essi ne facciamo non smette di darci una visione della nostra natura e della nostra relazione con l’universo.

C’è molti di più delle nostre vite, delle nostre storie e la nostra influenza individuale sul nostro futuro di quanto noi possiamo mai immaginare”.
(Fonte)

Charles Webster Leadbeater, un membro influente della Società Teosofica e autore di temi occulti, ha fatto delle affermazioni simili dicendo che i libri contengono la storia di Atlantide e di altre civiltà compreso Lemuria.

H.P. Blavatsky
(1831-1891), una immigrata russa, mistica e fondatrice della Società Teosofica, scrive che l’Akasha è,

“uno dei principi cosmici e un contenitore plastico, creativo nella sua natura fisica, immutabile nei suoi principi superiori. E’ la quintessenza di tutte le forme possibili di energia materiale, psichica e spirituale e contiene in sé il germe della creazione universale che sorge poi sotto l’impulso dello Spirito Divino”.
(Fonte)

Il filosofo, l’educatore e fondatore della Società Antroposofica, Rudolf Steiner crede che gli esseri umani (e lui stesso) hanno la capacità di percepire l’informazione oltre il mondo materiale.

Steiner scrive:

“L’uomo può penetrare nelle origini dell’eterno delle cose che svaniscono con il tempo.

Un uomo amplia il suo potere cognitivo se non si limita alle prove che si riferiscono alla conoscenza del passato.

Poi può vedere negli eventi di ciò che i sensi non percepiscono, quella parte che il tempo non può distruggere. Egli penetra dalla storia transitoria a quella non transitoria. Questa storia è scritta con caratteri diversi da quelli della storia ordinaria.

Nella gnosi e nella teosofia si chiama la “Cronaca Akasha”…

Colui che ha acquisito la capacità di percepire il mondo spirituale arriva a conoscere eventi passati dal carattere eterno. Questi non si trovano davanti a lui come testimonianza morta della storia, ma appaiono pieni di vita.

In un certo senso, quanto è successo avviene davanti a lui.”
(Fonte)

I Registri Akashici sono veri?

Con l’informazione precedente volevo solo darvi una descrizione molto basilare e breve dei Registri Akashici. Devo ancora fare molte ricerche per comprendere di più, ma per me l’idea essenziale è stata sempre chiara.

Allora, c’è qualche prova dell’esistenza dei Registri Akashici?

Abbiamo dei limiti oggi nel capire come si qualifica una “prova”. Tutto quanto non può essere percepito dai nostri sensi fisici o qualcosa che è (per la maggior parte) impossibile percepire, è difficile convalidare la sua esistenza.

La verità è che non c’è realmente una maniera di “provare” nella forma materiale come attualmente la definiamo, l’esistenza dei Registri Akashici perché non si possono vedere, toccare, udire o misurare.

Questo, però, non significa che non possiamo teorizzare e come ha detto una volta Albert Einstein:

“tutto quello che puoi immaginare è reale”.

“Il giorno in cui la scienza comincerà a studiare
i fenomeni non fisici ci sarà più progresso
in un decennio che in tutti i secoli
precedenti la sua esistenza” Nikola Tesla

Lo stesso si può dire della coscienza o dei fattori che comunemente associamo alla coscienza:

  • pensieri
  • sentimenti
  • emozioni
  • percezioni

… e altro ancora sono in relazione diretta con il nostro mondo materiale fisico e questo è supportata dalla scienza.

Questo dimostrato dal quantum esperimento quantico della doppia fenditura, e dagli studi parapsicologici, che sono allegati all’articolo precedente. Cliccate qui per leggere altro.

E la natura stessa della coscienza è tema per un altro articolo.

Così sappiamo che solo perché qualcosa non si può vedere, udire o misurare, non significa che non possa avere un effetto diretto sul nostro mondo materiale fisico. E su questo sappiamo che (alcune) filosofie antiche e insegnamenti esoterici sono stati validati dalla scienza moderna.

Non sembra possibile avere una prova che i Registri Akashici esistano.

Un grande argomento, però, in favore della loro esistenza è il fatto che sia un concetto antico e l’occultismo (occultismo significa la ricerca della verità, sfortunatamente, questa parola ha una connotazione negativa) autori hanno scritto per anni.

Abbiamo visto altri concetti, come l’atomo o l’energia che esiste attorno a noi, o esperienze vicino alla morte (ECM) e esperienze fuori del corpo, che sono state scritte nell’antichità, e anche studiate dalla scienza odierna, con pochi risultati promettenti.

I popoli antichi possono non aver compreso “la scienza” dietro i fenomeni, però le loro teorie spesso si sono dimostrate corrette,

Avevano forse metodi migliori per raggiungere la saggezza? Ci sono innumerevoli esempi di quelle società antiche che sono considerate più avanzate di noi, ma viviamo in un tempo diverso.

Personalmente io credo che esiste una “base di dati” da qualche parte e tutti siamo collegati con lei e ci possiamo trovare tutto quello che ci riguarda (fisico e non fisico). Ma non posso dire con certezza che esiste. Quello che posso dire e che in cuor mio credo sia vero.

Mi piacerebbe anche aggiungere che questi “libri” non sono utilizzati in nessun modo per giudicare.

“La natura dell’energia è quella di essere compresa.

Le proprietà dello spazio devono essere intuitivamente derivate dai dati scientifici disponibili. Dobbiamo scegliere una sola particella materiale elementale per costruire l’universo materiale e stabilire l’unità dei mondi materiali.

Abbiamo bisogno di conoscere gli attributi della sostanza unica, quella non materiale, ‘Akasha’, per stabilire l’unità dietro i diversi fenomeni scientifici e spirituali. Dobbiamo realizzare l’agenzia della Coscienza, il principio della vita e e della morte e l’intelligenza dell’Universo.

E’ vero che possiamo conoscere questi fenomeni per mezzo di una visione scientifica, ma la scienza che dovrà rispondere alle domande precedenti non è certo la scienza attuale. Sarà una nuova scienza con una base spirituale.

E tutto ciò getterà le basi per una fusione della scienza e della spiritualità”. Paramahamsa Tewari, ingegnere, fisico e inventore.
“Fondamenti spirituali,” www.tewari.org

di Arjun Walia 19 Novembre 2015
dal Sito Web Collective-Evolution
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese
Versione in spagnolo

FONTE

Come tutto è collegato ma, tu non devi sapere!

Come il “movimento per la verità” è stato infettato dall’ideologia massonica

Helena-Blavatsky-c.1889Il cosiddetto “movimento per la verità” cresce a livello mondiale. E sempre, quando nella società civile cresce un movimento, sarà infiltrata subito dalle élite, dietro la quale si nasconde la moderna massoneria. Il “Movimento Flower Power”, da e, tra l’altro, dall’associazione ambientalista “Greenpeace” è emerso, ed è probabile sia un buon esempio di come le élite sono sempre riuscite a cambiare i movimenti che hanno cambiato il mondo in meglio, solidi nella loro fermezza. Purtroppo, però, il cosiddetto “movimento per la verità” è già stato massicciamente infettato da ideologie delle élite e la Massoneria. 

L’ideologia della Massoneria è Teosofia 

Per questo abbiamo bisogno di sapere, prima di tutto che cosa sia mai l’ideologia della Massoneria. A tal fine, si dovrebbe indagare sulle opere del fondatore della Teosofia, Helena P. Blavatsky (1831-1891), dal momento che la Massoneria non può essere separata dalla teosofia. Con le sue opere Helena Blavatsky nel 19° secolo tastò il polso della Massoneria occulta. La  “Società Mistica Teosofica” New Age Co-fondata da Blavatsky è considerata come il fondamento della massoneria. Quasi tutti gli insegnamenti esoterici popolari di oggi sono presenti nella New Age, quindi, di nuovo oggi le si può già trovare nelle opere di Helena Blavatsky. Le opere più note sono “Iside Svelata” e “La Dottrina Segreta”.

A destra si può vedere il logo della “Società Teosofica” con i suoi elementi centrali: il serpente che si morde la coda, l’Ankh egiziano, la svastica (qui a sinistra e , spesso anche a destra) e la Stella di Salomone (Credit: Jens Rusch). 

Il Dio della Teosofia è Lucifero (Satana) 

Dietro la teosofia suonano bene le frasi come, “amore”, “luce”, “totalità”, “coscienza superiore” e “armonia” dove si nascondono bene le rigorose convinzioni che Lucifero sia l’angelo caduto, chiamato dagli uomini, Satana o diavolo che si suppone sia il nostro vero Dio:
“Giusto per rendere le cose più trasparenti e chiarirle una volta per tutte. Quello che il sacerdozio di ogni religione dogmatica, specialmente come nel cristiano, Satana è chiamato il nemico di Dio, in realtà non è che il più alto Spirito divino”
(Blavatsky – La Dottrina Segreta II, pag 660)

“In questo caso, bisogna prendere in considerazione che il vero padre naturale dell’umana spiritualità è solo Satana, il serpente della Genesi.”
(Blavatsky – La Dottrina Segreta II, pag 417)

I leader nazisti erano massoni e teosofi

Di quanto sia pericolosa la teosofia o l’uomo esoterico lo possiamo riscontrare nell’esempio nazista, i cui leader e anche – come la maggior parte dei leader politici di oggi, come pure – lo erano occulti teosofi massonici. Qui a destra si vede Hitler, che è anche indicato come Portatore di Luce (Lucifero), idolatrato come essere umano e di conseguenza è stato osannato (le svastiche sopra l’immagine sono state annerite).

In ogni caso, il la fondazione della “Società Teosofica” lanciata da Helena Blavatsky come a suo tempo la Massoneria, sono state fatte per diffondere in grande stile l’insegnamento satanico  nell’Occidente cristiano e aiutare milioni di emergenti esoterici seguaci della New Age a vincere sul male, purtroppo, il buono, per mancanza di conoscenza non riconosce quale (satanica) dottrina sta seguendo.

Per la maggior parte delle masse, la moderna ed esoterica New Age, è la nuova religione del tezzo millennio, che poi non è altro che la semplificata conoscenza massonica occulta.

Questa occulta visione del mondo da parte della Massoneria, sta anche dietro le Nazioni Unite, puoi fare una ricerca su “Lucifero, o fare riferimento a Lucis Trust, l’occulto dietro le Nazioni Unite. 

L’infezione del cosiddetto. “Movimento per la verità” da parte dell’occulta massoneria 

Molti di voi di “Zeitgeist” dovreste sapere che il prodotto dei film di Peter Joseph, sulle “teorie della cospirazione”, soprattutto intorno agli attentati dell’11 settembre 2001 e l’alta finanza, sono stati fatti intenzionalmente per attirare tanti altri a condividere le pellicole e infettare altri ancora con l’occulta esoterica Massoneria. La principale conclusione di “Zeitgeist” è, infine, che Gesù, e i massoni odiano i nemici di Satana, anche perché cominciano a non reggere il confronto con lui. A proposito del film di “Zeitgeist” (quindi un sacco di persone del “movimento per la verità”), vengono realizzati per la satanica massoneria, ma senza che i ricercatori di verità se ne accorgano. Il fatto è che il creatore di “Zeitgeist”, Peter Joseph, si trova lontano, molto distante dall'”inside job” degli attacchi del 9/11. Molti sono andati a cercare per osservare la verità nel film di “Zeitgeist”, e quindi l’occulta e collosa massoneria. 

La cospirazione che si mescola intenzionalmente con dell’esoterismo e la New Age 

Si comprende e ne consegue il motivo per cui molti ben noti “teorici della cospirazione” fano ogni sforzo per collegare la cosiddetta “cospirazione” con “l’esoterismo” ​​e la “New Age”. Molti dei noti “teorici della cospirazione” purtroppo massoni, non sentono la necessità di ammettere questo fatto apertamente.

Se alcuni di voi dovessero pensare che la Massoneria, abbia delle origini nobili, allora dovrebbero essere a conoscenza del fatto dimostrabile che la Massoneria e più precisamente gli “Illuminati”, attravaerso il suo fondatore e gesuita d’alto grado massone Adam Weishaupt ne è stato il fondatore. I cosiddetti “Illuminati”, i più alti in grado della massoneria, sanno fatti e cose di quello che la gente normale non deve sapere. Oggi la massoneria è stata progettata e certificata dai Gesuiti, che si sono trasferiti nel mondo infettando con le loro dottrine tutti i settori della vita politica, economica, sociale e religiosa, per controllare davvero tutto, controllando tutto al fine di ottenere la cancellazione dalla storia di Dio e Gesù, in modo che il loro amato “Lucifero” (Satana) possa essere venerato come l’unico vero Dio per tutta l’umanità. La nuova (occulta) religione mondiale dei Papi e delle Nazioni Unite stanno già agendo e parlando, hanno esattamente questo obiettivo.

I gesuiti sono dietro a quasi tutte le rivoluzioni che incidentalmente sono successe e dietro a quasi tutti i principali movimenti come i “Cavalieri di Malta“, ad esempio, dietro l’FBI, la CIA e il “Bilderberg”, ma anche dietro il “Movimento Green-Pace e, dal “Greenpeace” sono emersi agli “Amici della Terra” (come BUND). Anche il logo delle Forze Armate federali tedesche deriva ​​dai “Cavalieri di Malta”, per conto del papato anticristiano quasi in tutto il mondo – soprattutto attraverso il dominio dello strumento della Massoneria. Inoltre quasi tutti i dittatori della nostra storia come Stalin o Hitler erano stati studenti dei gesuiti.

Se volete saperne di più su l’infiltrazione del “movimento per la verità” dalla Massoneria e ancor più sulla verità dietro l’esoterismo e la New Age, allora date un’occhiata al seguente filmato:

FONTE

Un Papa allarmante. Anche se non siete credenti.

Ti potrebbero interessare:  

Un Papa allarmante. Anche se non siete credenti.

Ratzinger non poté “né vendere né comprare”

di

Le scie chimiche ovunque – in Russia, Cina, Iran e Corea del Nord 

Mentre si parla (proprio nella giornata di oggi) di annunci riguardo al pianeta Marte leggi QUI QUI e QUI. Continuano con la storielle del riscaldamento igroscopico globale dovuto alla CO2, e ancora gli ‘scienziati’ si domandano cosa stia succedendo; perfino gli uragani sono assenti nell’Atlantico Occidentale.

 “Secondo gli scienziati, due fattori che lavorano contro lo sviluppo degli uragani, ovvero, il wind shear (vento a cesoia) e aria secca, sono stati abbastanza prevalenti nella zona del Golfo del Messico, in gran parte nei Caraibi e per tutta l’estate. (LINK)”  

Nulla di quello che succede viene attribuito alla geo-ingegneria da parte di questi zelanti scienziati.

Il video sotto esposto, mostra che le scie chimiche che vengono spruzzate e non solo nei paesi della NATO. Le scie chimiche vengono spruzzate da molti anni in tutto il mondo, il che conferma in modo impressionante quello che fanno da molto tempo tutti i governi del mondo esponendo tutta la popolazione mondiale ad un lento ed inesorabile avvelenamento. Nessuno se ne accorge perché la lenta agonia che porta alla morte non verrà mai attribuita a quello che spargono sulle nostre teste, una fumigazione lenta ed inesorabile come si fa con gli scarafaggi e le formiche.

Non lasciatevi dunque accecare dai media quando parlano di rivalità che intercorrono tra Stati Uniti e Russia, le due nazioni sono dominate da molto tempo dagli alti gradi della massoneria. L’Oriente è stato irretito con la rivoluzione bolscevica molto tempo fa dall’Occidente. La presunta ostilità tra Stati Uniti e Russia è atta solo per dividere le persone tenendole sospese in un limbo che difficilmente potremmo uscirne, mentre i nostri transnazionali governanti se la ridono alle nostre spalle auspicando che ci rannicchiamo in un angolino andandocene possibilmente in silenzio, senza far troppo rumore.