Archivi tag: ERA GLACIALE

Derinkuyu: una città a oltre 280 metri di profondità

 

La misteriosa città sotterranea di Derinkuyu 

di Ivan  

Cosa hanno in comune un tempio dei morti nella penisola messicana dello Yucatan e una città sotterranea in Turchia con una grotta sudamericana che secondo alcuni contiene un tesoro che va oltre le stelle?

Beh, apparentemente niente, giusto? Tutti questi luoghi sono stati nascosti per secoli e ora che l’archeologia sta spingendo in avanti più che mai questi luoghi misteriosi stanno tornando alla vita. La Turchia è stato al centro dell’attenzione a causa delle molte scoperte che sono state fatte negli ultimi anni, ma una di quelle scoperte è forse più importante di quanto immaginassimo.  

In Cappadocia, nella Turchia centrale, troviamo una delle scoperte più importanti che abbiamo fatto in migliaia di anni. Nel 1963 quello che doveva essere solo un altro un semplice rinnovamento della casa nella città di Derinkuyu in realtà portò a una delle scoperte più importanti della storia della Turchia.  

Quando è stato aperto un muro della grotta, ha rivelato un passaggio per una città sotterranea che ha migliaia di anni, oltre 280 metri di profondità. Qual era lo scopo di questa incredibile città sotterranea? E come hanno fatto i costruttori di Derinkuyu a realizzare queste incredibili caratteristiche tecniche? oltre 15.000 pozzi di ventilazione si sono diffusi in tutta la città portando l’aria dalla superficie. Questa antica città sotterranea era un progetto di costruzione sconcertante, è qualcosa che oggi, con la nostra tecnologia, sarebbe difficile ricreare. 

  

Derinkuyu è solo un risultato incredibile ed è davvero sconvolgente come l’uomo antico sia riuscito a costruire una città sotterranea, questo complesso migliaia di anni fa. 

Le caratteristiche geologiche della pietra di Derinkuyu sono qualcosa che è molto importante; è molto morbido Quindi, gli antichi costruttori di Derinkuyu dovevano stare molto attenti quando costruivano queste camere sotterranee fornendo abbastanza forza del pilastro per sostenere i piani sopra; se questo non fosse stato raggiunto, la città sarebbe crollata, ma finora gli archeologi non hanno trovato prove di alcun “crollo” a Derinkuyu. 

Ma quale era lo scopo di questa incredibile antica città sotterranea che era in grado di fornire riparo a 20.000-30.000 persone? 

Gli storici credono che lo scopo della città fosse quello di proteggere i loro abitanti dall’invasione intorno all’800 a.C., ma molti storici non sono d’accordo con questa teoria, affermando che sarebbe stata un’incredibile impresa ingegneristica, troppo complessa, solo per essere stata utilizzata per proteggere persone dall’invasione. Eppure il “sistema di sicurezza” dell’antico Derinkuyu era semplicemente incredibile; mille porte rotabili, che avrebbero potuto essere gestite da una sola persona e che potevano essere aperte solo dall’interno. Ogni piano o livello di Derinkuyu avrebbe potuto essere bloccato separatamente. 

Ci sono così tante domande riguardo Derinkuyu e la maggior parte di queste domande rimane un mistero. Chi ha costruito questa gigantesca città sotterranea? Cosa avrebbe potuto spingere oltre 20.000 persone a vivere sottoterra? Per quanto riguarda chi, alcuni storici e archeologi credono che questa città sotterranea sia stata costruita dai Frigi; altri teorici affermano che Derinkuyu è stato probabilmente costruito dagli Ittiti; e altri suggeriscono che Derinkuyu è molto più antico di quello che credono gli storici e gli archeologi. 

 

La ragione per cui migliaia di persone si sono precipitate sottoterra potrebbero essere collegate ai cambiamenti climatici secondo alcuni teorici che hanno studiato la città sotterranea di Derinkuyu. I climatologi mainstream ritengono che i loro modelli suggeriscano che l’ultima era glaciale abbia raggiunto il suo picco circa 18.000 anni fa e che si concluse attorno al 10.000 a.C.

Questa teoria potrebbe dimostrarsi accurata secondo molti che hanno avuto il tempo di studiare la storia di Derinkuyu e indicano una delle più antiche tradizioni religiose sulla faccia della Terra, che è la religione zoroastriana e secondo i testi sacri, il grande il profeta Yima fu incaricato di costruire un rifugio sotterraneo simile a Derinkuyu dal dio cielo Ahura Mazda, per proteggere la gente da un’era glaciale globale. 

Quindi quale era lo scopo reale di questa fortezza sotterranea? 

È stato per proteggere le persone dalla guerra, dai cambiamenti climatici? O qualcos’altro?  

I teorici dell’Antico Alieno credono che Derinkuyu sia stato costruito per protezione, ma da un nemico aereo, affermando che sarebbe stata l’unica ragione logica per nascondersi sottoterra; rimanere invisibile, affermando che il complesso meccanismo di sicurezza di Derinkuyu è stato messo in atto per impedire la scoperta della città sotterranea, ed è stato nascosto nel sottosuolo, dove nessuno potrebbe sospettare che oltre 20.000 persone siano nascoste. 

La questione sollevata dalla scoperta di Derinkuyu è qualcosa su cui gli storici e i ricercatori discuteranno in futuro, possiamo solo sperare che un giorno si scopriranno prove che ci forniranno ulteriori informazioni su questa antica città sotterranea.   

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Graham Hancock – tra il 10.800 e il 9.600 a.C.

  

A Roma lo scrittore Hancock, tra divinità, archeo-ingegneria e mito-storia: “la Terra è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata”. Può riaccadere?

di Stefania Abazia

Sala gremita. Siamo tutti in attesa di ascoltare Hancock che torna a Roma 10 anni dopo in un’evento organizzato dalla casa editrice capitolina ‘Spazio Interiore’. Graham Hancock è conosciuto in tutto il mondo. È nato in Scozia, a Edimburgo, ma ha vissuto a lungo in India, dove il padre lavorava come chirurgo. Tornato in patria, si è laureato in sociologia presso la Durham University, ed ha iniziato una splendida carriera arrivando a firmare articoli per Guardian, Times e Independent. Dal 1980 inizia a scrivere libri che diventano best-seller internazionali. Ne ricordiamo alcuni: “Il Segno ed il Sigillo”, “Impronte degli Dei”, “Il messaggio della Sfinge”, “Civiltà sommerse”, “Sciamani”. 

Link

La conferenza a cui abbiamo assistito s’intitola “Il Ritorno degli Dei” e si apre con una domanda: “È possibile che sia esistita una civiltà molto evoluta prima dell’era glaciale di cui poi si è persa traccia?” E prosegue sollevando un’altra domanda: “Che connessione c’è tra le opere dei Maya, degli Atzechi, degli Incas e le monumentali costruzioni egiziane?” Hancock rivela un messaggio universale celato nelle grandi opere e riportato nei miti e nelle leggende di tutte le popolazioni. Partendo da Nazca fino ad arrivare in Egitto, passando da Perù, Bolivia e Messico, l’autore va alla ricerca di una connessione, un legame, tra mappe, miti e opere architettoniche, lasciateci da popolazioni geograficamente lontane le une dalle altre e con una preparazione culturale, tecnologica e ingegneristica apparentemente non così avanzata da poter realizzare tali opere.

Secondo Hancock, vi sono prove sufficienti che suggeriscono che tra il 10.800 e il 9.600 a.C., uno tsunami di proporzioni epiche spazzò via interi continenti, a causa dell’impatto di una cometa. Nel tempio di Horus, nell’antica città egiziana di Edfu, celebri iscrizioni descrivono come Dèi gli esseri che vi si erano rifugiati, “provenienti da un’isola sacra, distrutta da inondazioni e incendi”. L’autore sostiene che un evento di estinzione antica “spazzò via Atlantide e le società avanzate di 12.000 anni fa”.

Gli egittologi affermano che il nome Atlantide non compaia in nessun testo. In effetti ce n’è solo uno risalente al 230 a.C. presente nel tempio di Horus (costruito su un tempio precedente). È Platone che parla chiaramente di Atlantide dicendo che è stata distrutta in una sola notte poiché dopo tanta evoluzione ricchezza ed elevazione materiale e spirituale, la popolazione era arrivata ai massimi livelli di materialismo e corruzione e al bisogno di potere e controllo sul mondo. Platone afferma di aver ricevuto questa storia da Solone che aveva visitato l’Egitto un secolo e mezzo a.C. ed aveva incontrato i sacerdoti Egizi. Era lui l’eredità di Atlantide e parla di quest’isola come la “Casa degli Esseri Primordiali”. Era una sorta di modello cosmico usato per costruire tutti i templi futuri, compreso le Piramidi.

La teoria di Hancock è che la storia del nostro pianeta è sempre stata caratterizzata da eventi cataclismatici ciclici di enorme portata. E, nonostante si affermi il contrario, sono elevatissimi i rischi che ciò accada ancora. Più di 60 scienziati di varie discipline confermano con prove sempre più schiaccianti che la Terra 12.500 anni fa fu bombardata da una serie di comete. Normalmente le comete tendono a disintegrarsi. Una gigante di esse deve essere entrata nel nostro sistema solare e deve aver iniziato a disintegrarsi in diversi frammenti fino ad entrare in collisionecon la Terra. Il più grande di questi frammenti aveva il diametro di un chilometro, e dai dati emergerebbe che l’epicentro di queste impatto c’è stato nel Nord America che all’epoca era ancora sotto i ghiacci, provocando un’enorme inondazione di acqua dolce nell’ Oceano Atlantico e fermando quindi la Corrente del Golfo causando un’altra Era Glaciale per ulteriori 1200 anni. Questa civiltà molto evoluta che si è estinta quasi del tutto ed ha lasciato degli eredi che secondo la teoria di Hancock ci sono stabiliti in varie parti del mondo per tramandare insegnamenti importanti a tribù indigene meno evolute.

Di questi passaggi Hanckoc ci rivela in anteprima tracce che lui stesso è andato a verificare e studiare nei siti archeologici. Ci ha parlato di iscrizioni rupestri e incisioni sui muri megalitici identici sia nel nord che nel sud America. Queste iscrizioni riguardano tutte il tema della morte. Importantissima scoperta sconcertante di Hancock è che le stesse identiche tradizioni degli egizi sul viaggio che compie l’anima dopo la morte nel regno del Dual, sono ripetute in maniera identica in questi monumenti del Nord America, così come nelle giungle dell’Amazzonia. Quindi questa è la prova per lui assolutamente schiacciante che un’antica civiltà perduta dimenticata sia esistita ben prima di quanto ci tramandi la nostra storia ufficiale.

Nel “Ritorno degli dèi” Hancock identifica e documenta le tracce che dimostrano l’esistenza di questa civiltà evoluta preesistente all’era glaciale e si pone in una prospettiva nuova riguardo all’eredità del passato. Per ricominciare con le varie arti (artigianato, agricoltura, caccia) siamo stati aiutati e guidati dagli “Déi Costruttori”, i Sapienti sopravvissuti all’epoca antidiluviana che tramandando alle generazioni future tradizioni e sapienza derivanti da un’epoca precedente riuscirono a rinnovarsi, come la mitica fenice. La loro missione non fu però soltanto quella di consegnarci il patrimonio di conoscenze con cui ricominciare, ma anche di lasciarci un messaggio: sarebbe successo ancora! Un nuovo cataclisma incomberà sulla Terra e il “ritorno della fenice”, a cui sono da sempre associati distruzione e rinnovamento, avverrà proprio nei nostri tempi, un possibile futuro che dobbiamo prepararci ad affrontare.

Attualmente i popoli che potrebbero sopravvivere ad un cataclisma così grave sono i meno evoluti, quelli meno dipendenti dalla tecnologia. Quella tecnologia che invece di usarla nelle armi dovremmo usarla per prevenire i cataclismi. Questo è il vero messaggio di Hancock. Perché se non lo facciamo, se come fu per il popolo di Atlantide, faremo prendere il sopravvento all’arroganza e alla smania di potere, allora potremmo essere proprio noi un giorno ad estinguerci, e quel giorno, a quanto pare, non è affatto così lontano. E non è affatto escluso che la Terra possa impattare con un meteorite anche di 30 km! Perciò assicuriamoci di non essere la prossima Civiltà perduta. Siamo in un momento cruciale e ancora troppe poche persone si stanno Risvegliando

Fonte: https://oasisana.com/

®wld

Sarà il cibo che mangiamo a determinare se l’umanità sopravvivrà

La Monsanto cerca di nascondere alimenti geneticamente modificati (OGM) con il termine fortificato (biofortify)

di Heather Callaghan 11 gennaio 2018 dal sito Web di NaturalBlaze

Le colture geneticamente modificate ei loro pesticidi ti fanno pensare al termine “biofortifatto”? È probabile che il termine biofortito ti faccia pensare alle vitamine nei cereali per bambini.

Le grandi corporazioni non sono estranee alla propaganda e alle pubbliche relazioni.

Sapevi che gran parte delle nostre colture non biologiche sono coltivate con fango di liquami umani? No? Questo perché la pratica si chiama “biosolidi” per tenerti al buio.

Probabilmente siete a conoscenza dei travestimenti subdoli che si sono tentati di nascondere (tipo “zucchero di mais”, chiunque?) Come dolcificanti come l’aspartame e lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio?

Non ci sono prese di potere fuori dalla portata di Monsanto – stanno ora tentando lo schema di propaganda più ridicolo di tutti.

Stanno tentando di manipolare le definizioni del Codex Alimentarius che consentirebbe agli OGM di rientrare nella classificazione degli alimenti “biofortifatti”.

Il Codex è una raccolta di linee guida, codici e altre raccomandazioni relative agli alimenti, alla produzione di alimenti e alla sicurezza alimentare, create nell’ambito dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Se stai pensando che questo sia arbitrario e ti stai chiedendo perché il nostro Paese dovrebbe prestare attenzione a tali linee guida, stai andando nella giusta direzione …

Verso la fine degli anni ’90, i consumatori temevano che le loro vitamine e integratori passassero alla prescrizione solo sotto le linee guida del Codex.

Secondo la National Health Federation (L’NHF è l’unico difensore della salute naturale che ottiene un posto al Codex, a proposito!):

Tutto iniziò innocentemente diverse riunioni del comitato di Codex Nutrition quando un’organizzazione internazionale non governativa (INGO) nominò l’Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari (IFPRI – sponsorizzato da Harvest Plus) se uno dei suoi contatti nazionali presentasse un nuovo lavoro proposto al Codex (solo i paesi membri possono introdurre nuovi lavori al Codex, non agli INGO.)

Il metodo Harvest Plus ‘di aumentare il contenuto di vitamine e minerali delle colture alimentari di base consiste nel tradizionale metodo convenzionale di incrocio e non nell’ingegneria genetica.

Harvest Plus, ad esempio, aumenterà il contenuto di vitamine o ferro delle patate dolci in modo che le popolazioni malnutrite nei paesi in via di sviluppo riceveranno una nutrizione migliore.

Il nuovo lavoro del Codex Alimentarius Commission’s Codex Committee on Nutrition and Foods for Special Dietary Uses (CCNFSDU) è stato semplice:

Creare una definizione per la biofortificazione.

Tale definizione potrebbe quindi essere utilizzata in modo uniforme in tutto il mondo per applicarsi a quegli alimenti convenzionalmente fortificati con livelli più elevati di nutrienti e tutti sarebbero sulla stessa pagina ogni volta che veniva usato il termine “biofortifatto”.

Infatti, la National Health Federation (NHF) è stata una delle prime sostenitrici del Codex di questa definizione. 

Avvelenato nell’utero

L’incontro CCNFSDU di quest’anno – ospitato dal Ministero tedesco della Sanità a Berlino, Germania, la prima settimana completa nel dicembre 2017 – è stato oggetto di un vivace dibattito non solo su come definire la Biofortificazione, ma anche sul fatto che la stessa parola “Biofortificazione” debba essere usata o meno.

Tuttavia, questo non fu l’inizio del dibattito. Il NHF aveva due delegati lì.

Alla riunione del CCNFSD 2016, la presidente Pia Noble (sposata con un ex dirigente della Bayer) aveva avviato la discussione sulla definizione della biofortificazione dandole un’opinione personale errata secondo cui la definizione dovrebbe essere la più ampia possibile e che la tecnologia ricombinante dovrebbe essere inclusa.

La sua dichiarazione, tuttavia, contraddiceva direttamente l’ammissione dell’Australia alla riunione del 2015 secondo cui se il Comitato dovesse fare riferimento al documento originale del 2012 sulla portata della Biofortificazione, vedremmo che la biofortificazione si riferisce solo all’allevamento convenzionale e quindi dovremmo escludere chiaramente le tecniche GM.

Alla riunione CCNFSDU dello scorso anno, tuttavia, l’Australia ha taciuto sulla questione.

In altre parole, il mandato originario per la creazione della definizione di Biofortificazione era che doveva essere definito come un processo attraverso il quale la qualità nutrizionale delle colture alimentari è migliorata attraverso l’allevamento convenzionale con l’obiettivo di rendere i nutrienti biodisponibili dopo la digestione.

Non sorprendentemente, però, abbastanza presto, i seguaci della Monsanto hanno avuto le loro mani sporche sulla definizione attraverso l’influenza di delegati del Codex e la presidente, e la definizione ha cominciato a trasformarsi in una che avrebbe incluso alimenti geneticamente modificati “biofortifatti”.

Quindi, al Codex è in corso una battaglia per stabilire se gli alimenti GM saranno inclusi nella definizione di Biofortificazione.

Sono sicuro che la Monsanto sarebbe entusiasta di poter commercializzare i suoi prodotti sintetici con un nome che inizia con la parola “Bio”.

A partire dal 2017, la definizione di “biofortificazione” – compresi gli OGM – nell’ambito del Codex si è trasformata in:

 … il processo mediante il quale eventuali sostanze nutritive o sostanze correlate di tutti i potenziali organismi di origine (ad esempio animali, piante, funghi, lieviti, batteri) di / e alimenti sono aumentati di un livello misurabile [e / o] diventano più biodisponibili per gli scopi previsti.

Il processo si applica a qualsiasi metodo di produzione [ed esclude la fortificazione convenzionale]. “[Note a piè di pagina]

Non solo il termine “biofortifatto” per gli alimenti OGM confonde qui negli Stati Uniti, ma nei paesi europei il prefisso, bio, è usato per indicare “organico”.

NHF ha opposto il termine biofortito che rientra in queste parti vaghe della definizione:

  1. “tutti i potenziali organismi di origineorganica”
  2. ‘il processo si applica a qualsiasi metodo di produzione’
  3. Nota 4 (“Il metodo di produzione dovrebbe essere determinato dall’autorità nazionale / regionale”)

Il dottor Noble si è ritirato, quindi spero che le sue tattiche “astute e pesanti” di dettare l’incontro per ottenere il termine biofortificazione da applicare agli OGM le abbia lasciate.

Secondo NHF

Il tentativo di Monsanto è stato riconosciuto da molti delegati per quello che è stato e denunciato durante l’incontro.

La lotta, tuttavia, porterà alla riunione del prossimo anno che si terrà a Berlino nel novembre 2018. E quell’incontro sarà presieduto dalla nuova presidente della commissione, la signora Marie-Luise Trebes.

Come sempre, Big Biotech tornerà per riprovarci.

Per essere al corrente del retroscena e persino del dramma che è avvenuto in questi incontri, vai alla Federazione Nazionale della Salute!

Fonte:  http://www.bibliotecapleyades.net/

*****************************

Nuova Ecologia umanità al bivio

Sarà il cibo che mangiamo, come lo coltiviamo e lo distribuiamo a determinare la nostra sopravvivenza o la nostra estinzione.

Ragionando sullo stato attuale dell’agricoltura e dell’allevamento nel mondo, nei prossimi decenni si assisterà a due possibili scenari. Il primo porta a un vicolo cieco: in questo possibile finale c’è un pianeta morto, i pesticidi e le monocolture sono diffusi ovunque, gli agricoltori in grande difficoltà e i bambini muoiono di fame perché si è data priorità alle colture ogm che hanno soppiantato quelle locali. Le persone muoiono a causa di malattie croniche che si diffondono con i pesticidi e per le sostanze vuote dal punto di vista nutritivo ma tossiche che vengone spacciate per alimenti.

Il clima peggiora e le condizioni per la vita umana sulla Terra sono al limite della sopravvivenza. L’altro finale porta invece in una direzione opposta: il ringiovanimento del pianeta attraverso la cura della biodiversità, del suolo, dell’acqua; il rinnovamento delle aziende agricole e dei Parchi nazionali, il cibo è sano e fresco e le persone hanno consapevolezza di quello che mangiano, che salute e cibo sono strettamente connessi. Il primo scenario è quello industriale, che ha preso piede grazie a quello che chiamo il “Cartello dei veleni”, nato durante la seconda guerra mondiale per produrre sostanze chimiche in grado di uccidere le persone.

Quelle stesse sostanze sono state usate per l’agricoltura chimica ma ci è stato detto che non sarebbe stato possibile avere raccolti buoni senza veleni che li proteggessero. Negli anni ‘90 ci è stato detto che saremmo morti di fame se non fossero stati introdotti gli ogm, semi migliori che avrebbero eliminato qualsiasi limite ambientale e si sarebbe potuto coltivare anche nelle aree desertiche.

Oggi i risultati sono sotto gli occhi di tutti: i fertilizzanti hanno ridotto la produttività del suolo, riducendo la quantità di produzione alimentare, contribuendo alla desertificazione e al cambiamento climatico. Le colture Bt della Monsanto avrebbero dovuto essere immuni dai parassiti, ma la natura si adatta e così ha creato nuovi parassiti in grado di danneggiare anche le colture gm. E così si è creato un pesticida ancora più tossico. Si è iniziato a parlare di agricoltura “digitale”, basata sull’intelligenza artificiale, e di “agricoltura senza agricoltori”.

Con questa prospettiva, i nostri agricoltori non hanno più voce in capitolo: è per questo che la loro protesta in India non è stata minimamente presa in considerazione dal governo. La sopravvalutazione della biotecnologia combinata con l’intelligenza artificiale fa passare l’idea che il cibo gm sarà indispensabile perché più sicuro da coltivare e più resistente di quello biologico, ma il vero scopo è quello di arrivare ai brevetti sui semi.

Nel 2013 Monsanto ha acquisito la Climate corporation, la più grande società per i dati climatici del mondo, e nel 2014 la più grande società di dati sul suolo, la Solum inc. Ma i dati non sono vera conoscenza, perché la cultura agricola è strettamente legata all’intelligenza dei semi e alla risposta del suolo.

Proseguendo su questa strada si va verso un futuro che ignora le piante, la nostra salute, gli organismi viventi, la nostra cultura. Ma noi possiamo seminare i semi di un altro futuro. In tutto il mondo i piccoli agricoltori stanno già implementando l’agricoltura biologica, conservando e sviluppando i loro suoli, i loro semi, praticando l’agroecologia.

Stanno alimentando le loro comunità con cibo sano e nutriente. Stanno seminando i semi della democrazia alimentare: un sistema alimentare nelle mani degli agricoltori e dei consumatori, privo di controllo aziendale, veleni, e plastica.

Non possiamo affrontare il cambiamento climatico senza riconoscere il ruolo centrale del sistema alimentare industriale e globalizzato, che contribuisce al 40% alle emissioni di gas serra attraverso la deforestazione, le materie plastiche, il trasporto a lunga distanza e i rifiuti alimentari. Non possiamo risolvere il global warming senza un’agricoltura ecologica di piccola scala, basata sulla biodiversità, sui semi e sui suoli viventi, sui sistemi alimentari locali, con poche miglia di cibo e senza imballaggi in plastica.

Sarà il cibo che mangiamo, come lo coltiviamo e lo distribuiamo a determinare se l’umanità sopravvivrà o se invece si spingerà verso l’estinzione.

Autore: Vandana Shiva

http://lanuovaecologia.it/umanita-al-bivio/}

*****************************

Le carestie non vengono col caldo…

Qualcuno può pensare che il caldo sia associato alla siccità, e che quindi un clima più caldo sia associato a problemi all’agricoltura (vedi deserto del Sahara).

In realtà, come possiamo vedere dalla fascia equatoriale, la zona più calda del pianeta, vediamo come sia costituita da vegetazione rigogliosa e fittissima. Piove più o meno quasi tutti i giorni, l’umidità è elevatissima e le temperature massime sono sempre intorno a 30 C°.

Ad esempio, nell’era dei dinosauri, si stima che la temperatura media del pianeta fosse di 6-8 C° più elevata di adesso, con la foresta pluviale che ricopriva gran parte del pianeta. Sia le zone ghiacciate che desertiche erano quasi del tutto assenti. Il deserto del Sahara era molto più ristretto di adesso, ed in molte aree dove adesso c’è solo sabbia, vi era una vegetazione lussureggiante. 

Più caldo significa più umidità nell’aria; mancando l’aria fredda diminuiscono i contrasti con l’aria calda e si assiste ad una netta diminuzione degli eventi meteo estremi. A temperature più alte segue un aumento di CO2 nell’atmosfera, molecola essenziale per lo svolgimento della fotosintesi clorofilliana nelle piante. Le flora gode. Ad un clima più freddo, corrispondono una diminuzione dell’umidità, abbondano gli eventi meteo estremi, i livelli di CO2 crollano.

I deserti si espandono, così come i ghiacci; le aree destinate all’agricoltura si riducono parecchio. Dopo questa parentesi introduttiva, vediamo come reagiscono le colture alle variazioni di temperatura, visto il severo raffreddamento climatico ormai imminente. Facciamo degli esempi pratici e reali, parlando dei terribili inverni del 1406/7 e 1708/1709.

Cominciò la notte dell’Epifania del 1709 con un forte vento di tramontana che causò un improvviso calo della temperatura. A Venezia i canali della laguna si ghiacciarono nel giro di poche ore, i fiumi (Po, Mincio, Ticino, Adige) divennero strade su cui si passava con i carri. Seguirono sessanta giorni di temperatura glaciale, costantemente sottozero in gran parte d’Europa, dalla Russia al Portogallo, con minime spesso intorno ai -30° e oltre.

Nelle campagne gli alberi si spaccavano letteralmente per il freddo e le coltivazioni di maggior pregio come viti, ulivi, peri, peschi, meli e noci furono gravemente danneggiate, risultando praticamente annientate in molte zone. Ad esempio in Francia meridionale, in Toscana e lungo le pendici dei laghi pedemontani le coltivazioni di ulivo, vite e agrumi furono totalmente distrutte. ­ A febbraio iniziò a farsi sentire la carestia, grazie anche ai trasporti, i quali rimanevano paralizzati per il gelo che non accennava a diminuire. I prezzi dei generi alimentari schizzarono alle stelle e cominciò un periodo di elevatissima mortalità.

A Reggio Emilia nella piazza comunale, si trovarono molti lupi morti congelati, mentre in Puglia a morire per il freddo e per gli stenti della fame furono migliaia di pecore, la cui perdita inferse un duro colpo alla pastorizia, motore trainante dell’economia locale in quel tempo. Piovevano dal cielo uccelli congelati, in uno scenario apocalittico, da film dell’orrore. Le fonti raccontano addirittura di uomini trovati morti congelati nei propri letti. Letteralmente si moriva di freddo. Le malattie bronco-polmonari dovute al gelo si trasformavano in epidemie e si avvertivano forti anche gli stenti della fame. Fu di quasi due milioni di morti il prezzp che dovette pagare l’Europa ai rigori del terribile inverno. 

Invece, nel 1407/08 dai documenti dell’epoca si sa che il gelo iniziò in Francia il 10 novembre (ad oggi sarebbe il 23 novembre, in quanto all’epoca era in uso il calendario giuliano), e un documento del parlamento francese riferisce che il giorno di San Martino vi era un “freddo insopportabile” e che lo scrivano, nonostante tenesse l’inchiostro vicino al fuoco per non farlo gelare, esso gelava “di tre parole in tre parole”. Durò fino a tutto gennaio; dopo una pausa mite, riprese a metà febbraio e finì definitivamente solo ad inizio aprile. Anche nel resto dell’Europa il gelo fu eccezionale: il Tamigi rimase completamente gelato per la durata record di 14 settimane da dicembre a marzo, i ghiacci polari raggiunsero addirittura la Scozia, isolando completamente l’Islanda; la neve a Firenze rimase al suolo per 45 giorni consecutivi, si seccarono gli ulivi, le viti e gli altri alberi da frutto. Anche in Francia la maggior parte delle vigne e degli alberi da frutto furono distrutti.

Cosa dobbiamo aspettarci per il futuro?

Bisogna anzitutto tener conto che ogni grado di temperatura in meno sposta di circa 150 km verso sud la linea delle coltivazioni; di conseguenza rischia di diventare quasi impossibile la coltivazione del frumento e della vite su buona parte d’ Europa. Germania e Francia saranno le più colpite sotto quest’aspetto , in quanto al momento risultano le maggiori produttrici di vino e cereali nel Vecchio Continente (basti pensare al famoso Champagne). Entro dieci-quindici anni Russia e Canada diventeranno importatori netti di cereali (oggi sono rispettivamente al quarto e settimo posto nel mondo per la produzione cerealicola). In paesi come Spagna e Italia molte colture tipicamente mediterranee scompariranno. Saranno tempi grami per chi si guadagna da vivere con grano, pomodori, sorgo, carciofi, kiwi, arance, vino, olive e tutte le piante sensibili al freddo e all’eccesso di precipitazioni.

Bisogna ricordare che la nostra società, nonostante l’avanzamento tecnologico, è più vulnerabile che nei tempi passati. Infatti la moderna industria agricola si basa su sistemi di monocolture, incentrando la produzione su piante arboree fragili al clima estremo, come il frumento e la vite appunto. Durante la piccola era glaciale del settecento, la maggior parte della popolazione era autosufficiente e tutti avevano un “pezzo di terra”; nonostante ciò si registrarono grossi disagi e carestie. Pensate cosa accadrebbe oggi se la produzione agricola si arrestasse… le città rimarrebbero prive dei generi alimentari con conseguenti disordini sociali.

Il modo migliore per preservarci da questi problemi futuri è quello di tornare ad essere autosufficienti, ossia ritornando alla terra, e soprattutto incentivando fin da ora la produzione agricola in serre riscaldate. Bisogna aumentare la produzione di piante maggiormente resistenti al clima estremo, come le leguminose (sono famose le lenticchie, quelle di Castelluccio di Norcia, coltivate a 1500 metri d’altezza) e colture come il grano saraceno.

Per quanto riguarda l’allevamento, le difficoltà principali deriveranno dalla mancanza di pascoli, in quanto si prospetta che la neve ed il ghiaccio ricopriranno il terreno per molti mesi l’anno; verrà a mancare anche il foraggio; di conseguenza molto bestiame perirà. In futuro si ricorderà con nostalgia l’optimum climatico del 1880-2017. Il pensiero va poi ai black-out elettrici, alla difficoltà nell’approvvigionamento di gas naturale dall’Est europeo e dal mare del Nord se si ghiacciasse, per non parlare degli enormi danni economici conseguenti il blocco del trasporto merci per il gelo di strade, porti e aeroporti ecc. ecc.

In conclusione, chi su facebook si lamenta del clima mite di questi giorni, voglio dire che basterebbero 15 giorni (non servono tre mesi continuati) con temperature costantemente sottozero (giornate di ghiaccio) su buona parte d’Italia per creare notevoli danni al settore agroalimentare, nonché all’economia generale, già di per se a pezzi.

Finché abbiamo inverni miti godiamoceli, in quanto con il minimo solare in atto, che sarà molto lungo e continuerà ad approfondirsi, insieme ad un picco gravitazionale luni-solare a partire dal prossimo anno, la situazione rischia di precipitare rapidamente. Se iniziasse ad eruttare violentemente anche un solo vulcano islandese domani (si fa per dire) la prossima primavera-estate per gli stati che si affacciano sull’Atlantico (Canada, East Coast Usa, Gran Bretagna, Francia, Scandinavia, Germania), potrebbe diventare una continuazione dell’inverno… non voglio vedere arrivare il prezzo del pane a 10 euro al kg, o vedere triplicare il costo della carne e del formaggio. Quindi per favore, non attiriamo disgrazie, e ringraziamo il Cielo finché dura questo clima mite invece di lamentarci. 

Alessio

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

Pensiero unico dell’AGW (Riscaldamento Globale Antropico)

 

 Ma quando arriva l’era glaciale?

14 luglio 2017 – 7:00 am Pubblicato da Attività Solare 

Questa è la domanda che ci viene fatta più spesso in assoluto.

Guardando le temperature registrate nella nostra nazione, non si direbbe che sia in corso un raffreddamento.

La gente stenta a credere che le cose stiano andando nella direzione diametralmente opposta a quanto propagandato in TV e sui media allineati al pensiero unico dell’AGW (Riscaldamento Globale Antropico). Ma i dati dimostrano inequivocabilmente, che alle alte latitudini si sta concretizzando quello che tra qualche anno verrà descritto come un “Raffreddamento Gloabale”.

Parallelamente, i sedicenti “esperti del clima”, quelli che parlano facilmente e spudoratamente di AGW (spesso) senza neanche sapere (o forse sapendolo e ignorandolo deliberatamente) cosa ci sia realmente dietro questo acronimo, godono come matti nel vedere temperature dichiarate “anomale” e “torride” in Italia. Anomalie che comunque si sono già verificate tante volte in passato ma che, evidentemente, in molti hanno già dimenticato.

Ma a parte ciò che sta accadendo nella nostra piccola nazione, quello che sta accadendo nel resto del mondo viene passato raramente nei TG, magari con servizi lampo… giusto qualche parola per dovere di cronaca… ma niente più… e, tra l’altro, senza soffermarcisi troppo!

Prima di tutto una precisazione doverosa….

Quando si parla di “bassa attività solare”, ci si riferisce ad un contesto nel quale l’attività magnetica della nostra stella è inferiore alla media degli ultimi secoli e questo indipendentemente dall’intensità del Ciclo Undecennale in corso.

Facendo un paragone con le onde sinusoidali, possiamo immaginare quanto segue:

Quelle rappresentate sono onde sinusoidali. Nello specifico abbiamo una sinusoide con una frequenza fondamentale, di colore rosso, e la sua “3a armonica” (per chi volesse studiare e capirci di più c’è Google) disegnata con il colore blu. Nel secondo grafico c’è la risultante delle 2 onde.

Cosa significa questo?

L’attività magnetica del Sole (ma in realtà anche il clima terrestre), segue un ciclo complesso formato dalla sovrapposizione di diversi cicli e sotto-cicli.

Ora immaginiamo di disegnare tali cicli sotto-forma di Onde Sinusoidali. Il risultato, ben più complesso di questo banale esempio, è ciò che vediamo noi…

Guardando bene il grafico delle macchie solari qui sopra, il principale “specchio” dell’attività magnetica della nostra stella, si riesce ad intravedere una forma d’onda simile a quella del secondo grafico della precedente immagine, anche se limitato al solo “quadrante” positivo.

Ogni ciclo di “forte attivitàsolare” dura circa 100 anni ed è intervallato da un periodo di bassa attivitàsolare della durata di 20 anni circa.

Le “anomalie” in tale ciclicità sono il Minimo di Maunder e quello di Dalton, rispettivamente verificatisi tra il 1645 e il 1715 il Maunder e tra il 1790 e il 1830 il secondo. Da questo grafico si nota perfettamente che il Minimo di Maunder è stato molto più profondo del Dalto… ma si notano anche i 3 forti periodi di attività magnetica… che vanno dalla fine del Maunder all’inizio del Dalton, dalla fine di questo al 1870 e dal 1930 circa ai giorni nostri.

Solo a titolo di esempio riporto qui di seguito un grafico della temperatura media globale (fonte NASA):

Ho scelto questo grafico per la semplicità di lettura e per il fatto che copre gli ultimi 130 anni circa.

L’invito che vi fatto è paragonare l’andamento della temperatura media con quella delle macchie solari. Nel precedente grafico delle macchie solari si vedono tutti i cicli fino al 24 compreso (prima parte del ciclo). Ma per questo confronto “elementare” ovviamente fate riferimento fino al ciclo 23.

Si può osservare come i cicli solari tra l’inizio del 1900 fino al 1940 abbiamo provveduto ad incrementare la temperatura media. Poi, nonostante ci sia stato un ciclo 19 molto forte, la temperatura media tra gli anni 40 e gli anni ’70 è prima diminuita, per poi mantenersi più o meno costante.

Il motivo va ricercato nella dinamicità del clima terrestre.

Un riscaldamento molto intenso degli oceani, comporta una massiccia fusione del ghiaccio Artico. L’acqua di fusione, fredda e dolce, rallenta l’avanzamento delle correnti calde provenienti dalla regione equatoriale innescando un feedback negativo che porta ad un progressivo raffreddamento. Tale raffreddamento inizia quasi sempre dal Nord America e dalla Siberia, per poi propagarsi a tutto l’Emisfero boreale iniziando sempre dalle latitudini più alte.

Ma perché c’è un ritardo tra l’attività magnetica e la variazione della temperatura?

La risposta è semplice: dipende dal Calore Specifico dell’acqua.

Ovvero di quanta energia è necessario fornire ad una massa d’acqua per ottenere un ben preciso incremento della temperatura.

Nel mondo gli oceani sono 4: Oceano Pacifico, Oceano Atlantico, Oceano Indiano e Oceano Artico.

L’oceano Artico in questo caso non fa testo… sta lì, parzialmente ghiacciato…

L’oceano indiano si estende all’incirca tra l’Equatore (in realtà poco più a nord) e il Circolo Polare Antartico, mentre gli altri 2 oceani toccano entrambi i poli.
La differenza tra l’Oceano Pacifico, il più esteso del pianeta, e l’Atlantico sta, oltre che nelle dimensioni, proprio nel fatto che l’Atlantico ha un collegamento molto più grande con l’Oceano Artico. Questo fa sì che lo scambio di calore tra la fascia Equatoriale e la regione polare (nord), avvenga quasi esclusivamente proprio nell’Oceano Atlantico.

L’accumulo di calore dell’Oceano Pacifico è quindi maggiore per diversi fattori rispetto a quanto avviene nell’Atlantico.

In entrambi, con l’aumentare dell’attività magnetica solare, si ha un progressivo accumulo di calore, ma prima che la temperatura inizia realmente a crescere, le acque iniziano a spostarsi e il calore viene distribuito su tutta la superficie dell’oceano. A contribuire, positivamente o negativamente, alla redistribuzione del calore oceanico, contribuiscono anche i venti, con meccanismi complessi che non sto qui a spiegare.

Analizzando i dati della temperatura oceanica e dell’attivitàsolare, si è giunti alla conclusione che il ritardo con il quale l’Oceano Pacifico si scalda, è di circa 3 anni. Per l’Oceano Atlantico si sale a circa 6.8 anni. Per l’Oceano Indiano arriviamo a circa 10 anni. L’andamento della temperatura (e non solo) degli Oceani Pacifco e Indiano, la si può osservare e misurare con gli indici PDO e AMO…. importantissimi per capire l’andamento, anche in futuro, delle temperature dell’emisfero boreale e quindi dell’Europa. Tali indici, di cui abbiamo parlato tantissime volte, hanno una ciclicità di 60-70 anni, ovvero per 30 anni l’indice è “positivo”… il che significa un aumento della temperatura nella zona nord dell’Atlantico, e per i restanti 30 anni circa, si ha un raffreddamento nella stessa zona.

Tutto questo si conosce e si studia da secoli.

Negli ultimi 2 decenni, l’aumento dell’indice AMO, dovuto ad una serie di cicli solari molto forti e quindi ad un accumulo consistente di energia negli oceani, tali indici sono stati entrambi positivi e infatti le temperature sono aumentate. Ora entrambi gli indici stanno passando in negativo.

Ancora non mi spiego, però, il perché la scienza abbia deciso di attribuire alle attività umane l’aumento della temperatura media mondiale.

In tutto questo discorso non ho fatto alcun cenno alla CO2.
Per me è un non problema…. Ovvero… la Scienza ci spiega che la SOLUBILITÀ DI UN GAS IN ACQUA, DIMINUISCE ALL’AUMENTARE DELLA TEMPERATURA DELL’ACQUA STESSA. 

Questo significa che quando la temperatura degli oceani aumenta, l’anidride carbonica viene rilasciata. Quando la temperatura diminuisce, l’anidride carbonica viene assorbita. Ci sono tanti fattori che ne determinano l’assorbimento. Il ciclo del carbonio è molto complesso, ma una cosa è semplice, sacrosanta e inalterabile: nel corso degli ultimi MILIONI di anni, la variazione della quantità di CO2 presente in atmosfera, ha sempre SEGUITO la variazione della temperatura. Proprio perché la CO2 (ma non solo) viene assorbita (immagazzinata a dire il vero) negli Oceani preferibilmente quando questi sono più FREDDI. Oggi vogliono farci credere il contrario. Ma vabbè… ^_^

Fine prima parte.

Bernardo Mattiucci

AttivitàSolare

https://www.attivitasolare.com/

Chi detiene il monopolio sulla verità detiene il monopolio sull’inganno

Demistificare il dibattito sul cambiamento climatico

di Wayne Hall

Traduzione di NoGeoingegneria

Giusto poche settimane prima di lasciare l’ufficio e consegnarlo al suo (da sinistra, ecologisti, liberali) disprezzato successore  Donald Trump, il presidente Obama ha fatto un gesto molto pubblicizzato, vietando la perforazione di nuovi giacimenti di idrocarburi nelle acque statunitensi degli oceani Atlantico e Artico.

La sua presidenza quindi si è conclusa con una nota altisonante, paragonabile al modo in cui era iniziato, quando aveva fatto, altrettanto ampiamente pubblicizzata (e in pratica totalmente ignorata da lui stesso)  la promessa di disarmo nucleare.

I sostenitori di sinistra del gruppo Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) criticano questo tipo di ipocrisia, che in effetti è un’ipocrisia relazionata al “greenwashing”, ma quanti di loro sanno riconoscere l’ampiezza di questa ipocrisia?

Fa qualche differenza per la credibilità della politica climatica stabilità se la minaccia che si suppone di dover affrontare sia la minaccia del riscaldamento globale o la minaccia di una nuova era glaciale?

Quarant’anni fa era la nuova era glaciale e non il riscaldamento globale  al centro delle preoccupazioni ufficiali (e dei media).

Il “New York Times” del 18 luglio del 1970 riferiva che:

“Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica stanno supportando indagini su larga scala per determinare perché il clima artico sta diventando sempre più freddo, perché di recente parti del ghiaccio marino del mare artico sono diventate minacciosamente più spesse  e se la portata di tale copertura di ghiaccio contribuisce alla comparsa di ere glaciali“

Tutte le grande associazioni sul clima di quel periodo approvarono la teoria del raffreddamento globale, tra cui il National Center for Atmospheric Research, il Climate Research Unit dell’Università di East Anglia, il National Academy of Sciences, National Aeronautics and Space Administration. Anche la CIA aveva rilasciato dichiarazioni con linee simili.

Un rapporto su un quotidiano del 1973 dice che:

“un gruppo di scienziati, riuniti sotto gli auspici della National Science Foundation, ha ancora una volta messo a punto un avvertimento che il mondo potrebbe essere vicino alla fine dell’attuale periodo di inter-glaciale e che la calotta di ghiaccio dell’Artico ha iniziato quello che potrebbe rivelarsi un anticipo inarrestabile su Nord America ed Europa. I 46 scienziati che si sono riuniti presso la Brown University, Providence, Rhode Island, per un simposio sul tema “La fine del presente interglaciale” hanno convenuto che vi sono evidenze di un inquietante raffreddamento delle temperature in tutto il mondo negli ultimi due decenni”.

Un rapporto 1974 dell’oceanografo e paleontologo James D. Hays ha rivelato che  “il sospetto, che gli inverni sono semplicemente sempre più freddi, non è più solo un sospetto tra i climatologi. Negli ultimi 30 anni la neve permanente sull’isola di Baffin si è ampliata. La banchisa in Islanda sta aumentando in inverno  e diventando un serio pericolo per la navigazione. Gli armadilli, amanti del calore, che migrarono verso nord nel Midwest nella prima metà di questo secolo si stanno ormai ritirando al sud, verso il Texas e Oklahoma. Raccolti cattivi  russi sono in aumento.”

“The Canberra Times” del novembre 1974 riferì: “Una nuova era glaciale potrebbe stringere il mondo durante il ciclo di vita di questa generazione (…) Un documentario su un canale  televisivo principale (BBC) dimostra che gli scienziati internazionali hanno cambiato idea circa la velocità con la quale  la “macchina del tempo” del mondo può cambiare marcia. ‘La minaccia di una nuova era glaciale deve ora essere messa accanto ad  una guerra nucleare come probabile fonte di morte e miseria globale per l’umanità’, dice lo scrittore scientifico  Nigel Calder. (…) “Gli ultimi studi dimostrano che le ere glaciali sono molto più frequenti di quanto gli scienziati pensavano una volta – e la prossima sembra essere in ritardo. Secondo una teoria, “Toronto, Leningrado e Glasgow dovrebbero ormai essere scomparse sotto strati di ghiaccio spesso”..

Scettici del Cambiamento Globale,  propagandato dal mainstream, interpretano dati retrospettivi di questo tipo come prova di dolo perenne e / o ingenuità degli “allarmisti del cambiamento del riscaldamento / climatici globali”, ma un’altra interpretazione è possibile, ed è stata presentata dal ricercatore Dylan Jones:

“Un insieme di prove punta verso una realtà in corso, una  campagna clandestina di modificazione  del clima, a partire , per lo meno, dal 1970, di proporzioni senza precedenti e di massima audacia e arroganza. L’obiettivo principale è quello di convertire il ghiaccio artico in acqua di disgelo, aprendo le sue vaste risorse di petrolio, gas e minerali e  alterare il clima globale ad uno più favorevole per le zone temperate settentrionali e meno favorevoli per zone equatoriale e semi-tropicali. Fino al 1975 l’establishment scientifico sembrava preoccupato che la terra stava entrando in una età glaciale a lungo termine. Questo può essere stato un vero e proprio problema, ma potrebbe essere anche stato un mezzo per ottenere sostegno“.

In altre parole, l’idea che l’Artico stava diventando più freddo (troppo freddo) avrebbe potuto essere studiata per sostenere l’idea di aver bisogno di un programma di modifica del clima per riscaldarlo.

Ma c’erano anche altri modi  per convincere i politici della necessità per la modifica del clima, altri approcci possibili e altri argomenti, e sono stati debitamente messi in lista. Dr. Edward Teller invitò una sottocommissione (Preparedness Subcommittee) del Senato degli Stati Uniti  ad “immaginare un mondo … in cui  (i sovietici) possono cambiare le precipitazioni sulla Russia … e influenzare le precipitazioni nel nostro paese in modo negativo.”

Dr. Henry G. Houghton del Massachusetts Institute of Technology, rabbrividì al “pensare alle conseguenze di una scoperta russa per primi di un metodo fattibile di controllo del tempo. … A meno che non rimaniamo davanti alla Russia nella ricerca della meteorologia le prospettive di accordi internazionali in materia di controllo del tempo saranno davvero scarse. Una modifica sfavorevole del nostro clima nelle vesti di uno sforzo pacifico per migliorare il clima della Russia potrebbe seriamente indebolire la nostra economia e la capacità di resistere “.

Sono stati proposti un certo numero di progetti specifici  per alleviare il duro clima russo,  con conseguenti vantaggi per l’agricoltura, la navigazione, e lo sfruttamento delle risorse. Questi includono la rimozione della calotta artica, lo sbarramento dello Stretto di Bering, e la deviazione dei fiumi siberiani. Questi programmi  potrebbero chiaramente influenzare il clima di altre parti del mondo, inclusi gli Stati Uniti e i loro alleati. Perfino cambiamenti marginali della temperatura e piovosità potrebbero drasticamente danneggiare l’agricoltura, il trasporto, e in effetti l’intera economia. Le operazioni militari sarebbero anche esse influenzate se i confini della banchisa, le stagioni liberi dai ghiacci per le basi navali, la frequenza di nubi oscuranti, ecc. fossero alterati. Questo tipo di cambiamenti climatici sono chiaramente gravi potenziali minacce alla sicurezza nazionale, e hanno conseguenti implicazioni per la pianificazione militare.

In buona sostanza la storia è che industriali, scienziati ed altri con interessi acquisiti in tali progetti sono stati alla ricerca di modi per riscaldare l’Artico per oltre 100 anni, a partire dal 1877, quando il geologo Nathaniel Shaler di Harvard propose di deviare l’acqua atlantica calda nell’Oceano Artico.

Nel 1962 il  meteorologo del MIT, Harry Wexler ha proposto 3 progetti per l’aumento della temperatura della Terra di 1,7 ° C.

(1) detonare 10 bombe all’idrogeno nel Mar Glaciale Artico per inviare cristalli di ghiaccio nell’atmosfera polare

(2) distruggere lo strato di ozono utilizzando aeri e spruzzare cloro o bromo nella stratosfera.

(3) lanciare particelle di polvere nell’orbita equatoriale per diffondere (disperdere) la luce solare e per riscaldare le regioni polari.

Le idee di Wexler hanno cominciato a guadagnare accettazione nel 1970, momento in cui nessuno “importante” gli avrebbe dato di pazzo. Ma dopo la sua prematura scomparsa, nello stesso anno, il problema di come riscaldare il pianeta subiva un’inversione. E’ stato allora presentato come imperativo assolutamente indispensabile trovare modi per raffreddare il pianeta e preservare l’atmosfera dal riscaldamento. Tenete a mente che l’obiettivo dichiarato della conferenza COP21 sui cambiamenti climatici a Parigi nel 2015 era di limitare la temperatura globale media di salire di 2° C. Ciò sarebbe compatibile con  le proposte di Wexler del 1962 per determinare un aumento della temperatura di 1,7° C.

SCIE DI CONDENSAZIONE  

Groenlandia paese delle meraviglie

Uno dei metodi di modificazione del clima proposto era il dispiegamento di scie di condensazione aeree.

Una giustapposizione di estratti dai seguenti due documentari getta una luce sulla ambigua, anzi contraddittoria, natura delle dichiarazioni ufficiali sugli effetti delle scie di condensazione degli aerei sulle temperature globali, e sui progetti concreti estrapolati da questi effetti.

(Della Commissione europea)  Il traffico aereo è aumentato considerevolmente negli ultimi anni e l’impatto del trasporto aereo sui cambiamenti climatici sta causando crescente preoccupazione. ‘Le emissioni sono in aumento del 4-5 per cento anno l’ anno, e questo è quello che stiamo vedendo in questo momento. E se di anno in anno si hanno 4-5 per cento di crescita delle emissioni, significa in quindici anni un raddoppi ‘. Per la Commissione europea è urgente agire, dal momento che l’aviazione, a differenza di altri mezzi di trasporto, non è tassata per il carburante, per cui vi è uno scarso incentivo di tagliare le emissioni di CO2. ‘Non possiamo continuare ad avere successo in un settore e neutralizzare quel risultato positivo per gli sviluppi in altri settori, e l’aviazione è uno degli esempi più eclatanti.

Il commissario europeo per l’ambiente vuole che l’aviazione faccia uno sforzo per la lotta contro i cambiamenti climatici. La Commissione propone pertanto di includere il trasporto aereo nel sistema di scambio dei diritti di emissione di CO2 che l’Unione europea ha messo a punto per raggiungere gli obiettivi del protocollo di Kyoto.

‘Per affrontare questo problema in maniera più efficiente, dobbiamo includere le emissioni del trasporto aereo nel nostro riuscito sistema di scambio delle emissioni.’ La Commissione europea considera il sistema di scambio delle quote di emissioni il modo più efficace per controllare le emissioni prodotte dal trasporto aereo, meno costoso per esempio di una tassa sul carburante. Introducendo il settore aereo nel sistema di scambio di emissioni dell’UE si prevede di realizzare significativi risparmi di CO2. Entro il 2020, questo risparmio potrebbe raggiungere 180 milioni di tonnellate all’anno, il doppio delle emissioni di gas serra emesse dall’Austria ogni anno. Con questo provvedimento, l’Europa compie un ulteriore passo cruciale verso la prevenzione di un’altra catastrofe climatica globale.

E la BBC: 

Quando l’aereo solca l’atmosfera superiore, sopra i 26.000 piedi (8000 metri), lascia spesso bianche, luminose striature dietro di sè. Queste lunghe striature bianche, chiamate “scie” o scie di condensa sono causate da acqua e fuliggine dai motori a reazione del velivolo. L’acqua calda e il gas di scarico lasciando il motore incontrano l’aria a circa – 40 ° C. Questa è una reazione esplosiva.

Un cirro naturale circola circa 26.000 piedi e riflette alcuni dei raggi del sole nello spazio, producendo un raffreddamento della terra sottostante. Quando una scia di condensa si disperde, diventa un cirro artificiale chiamato “contrail cirrus”. Più riflessiva di un cirro naturale, può estendersi ad una zona grande 60.000 miglia  (sic). Ora, sempre più scienziati ritengono che questi cirri artificiali influenzano la temperatura del pianeta. Gli attacchi dell’11 settembre 2001 a New York, hanno dato loro la possibilità di provare questa teoria. Gli aeroplani degli Stati Uniti erano rimasti a terra per tre giorni interi. Quindi niente scie di aerei per tre giorni. Una volta che tutti i dati erano analizzati, c’è stato un aumento della temperatura. Un lieve aumento, ma un aumento comunque. Ciò suggerisce che le scie raffreddano il pianeta.

La dottrina che l’aumento delle emissioni di anidride carbonica stanno riscaldando il pianeta è diventata “ufficiale” nei media nel 1966, quando Gordon MacDonald – Presidente del nuovo ICAS (Institute for Climate and Atmospheric Science) aveva scelto un gruppo di esperti di meteo e cambiamenti climatici e ha dichiarato: “L’anidride carbonica rilasciata nell’atmosfera dall’inizio della rivoluzione industriale ha prodotto un aumento della temperatura media della bassa atmosfera di pochi decimi di gradi Fahrenheit”.

Se le nuvole artificiali, derivanti dalle emissioni degli aeromobili, contribuiscono, come sostenuto dalla Commissione Europea, al riscaldamento globale, è possibile che il riscaldamento dell’atmosfera sia parte di uno scenario globale di

  1. Creazione o intensificazione del ‘riscaldamento globale’
  2. Successiva presentazione di una ‘soluzione’ al riscaldamento globale?

Secondo Dane Wigington di “Geoengineering Watch” le emissioni di aeromobili possono avere entrambi gli effetti, di raffreddamento locale e di riscaldamento globale (ndr: lo disse anche Edward Teller). Dane però vuol far comprendere di non aver mai presentato l’ingegneria del clima come una mitigazione efficace o accettabile per il sistema di sopravvivenza della Terra, l’idea di raffreddamento locale introduce agli scenari dei geoingegneri.

E, come Dylan Jones fa notare: “L’obiettivo dichiarato della recente Conferenza sui Cambiamenti Climatici di Parigi (2015) di limitare l’aumento della temperatura media globale a 2° C, sembrerebbe essere in sintonia con le proposte di Wexler di realizzare aumenti di temperatura di 1.7° C. Forse è questo il punto in cui le proposte future dellageoingegneria ufficiale per il raffreddamento del pianeta saranno messe in atto al fine di mantenere questo valore ottimale per la modificazione dell’Artico e per il Capitalismo delle Catastrofi”.

La confusione sul riscaldamento globale è perpetuata dalla promozione di una controversia bipolare sulla estensione  (a) nella realtà e (b) dell’origine antropica. Anche in questo caso c’è da quotare Dylan Jones: “Entrambi, i  propugnatori del riscaldamento globale di origine antropica e gli scettici, sono finanziati e controllati nelle loro alte sfere dalla stessa fonte. Entrambe le parti sono tenute in perenne conflitto ed ignoranza su questa verità scomoda. Big Oil e la mafia del clima sono la stessa cosa. Giusto quando chiamano l’un l’altro bugiardi sono onesti. L’obiettivo è quello di impedire la presa di coscienza  pubblica il più a lungo possibile sulle vere cause  di un mondo che si riscalda, trasferendo il senso di colpa e il costo sulle masse ignare, mentre traggono profitto dalle conseguenze di un artico in scioglimento e di crisi in tutto il mondo. Per quanto catastrofe e tassazione di carbonio premono forte, è importante riconoscere che, come sempre, i costi delle imposte che gravano sulle imprese sono passati ai poveri. La ricchezza è re-distribuita in forma piramidale”.

Analisti economici non coinvolti nel dibattito sul clima hanno fatto osservazioni che, data la relativa volontà, potrebbero essere elaborati in critiche e interventi completi, e politicamente potenti. Yanis Varoufakis per esempio, nel suo articolo “Erratic Marxist” diceva: “Il miglior esempio di sporcizia neoliberista è il dibattito su come affrontare il cambiamento climatico. I neoliberali si sono affrettati a sostenere che, se qualcosa deve essere fatto, si deve assumere la forma di un quasi-mercato per i “mali” (ad esempio, un sistema di scambio di emissioni), dato che solo i mercati “sanno” come valutare  appropriatamente buoni e cattivi.

Tra i “sei pilastri” nel programma dell’associazione di cittadini DiEM25 di Varoufakis il punto 5 sul “Green Investment” propone: “Canalizzare investimenti su larga scala in energia verde e pratiche sostenibili, che assicurano la sovranità tecnologica dell’Europa”.

L’opposizione alla “rozzezza neoliberista” è una motivazione sufficiente a consentire al DiEM25 di rifiutare la (molto reale) resistenza della mafia climatica (che comprende la maggior parte degli ecologisti normalmente non  identificati come mafiosi) verso le idee formulate nel presente articolo? Ha il DiEM25 per lo meno la capacità di opporsi in modo inequivocabile al mercato delle emissioni?

Potrebbe la conclusione di J. Marvin Herndon, che le ceneri leggere provenienti da centrali elettriche a carbone siano l’ingrediente principale utilizzato in programmi clandestini di modifica del clima, essere utilizzata per rafforzare le posizioni degli avversari favorevoli all’uso di combustibili fossili per la produzione di energia?

Finora gli ecologisti (meno quelli del Cipro) si sono mostrati non più disposti di quanto lo sono gli scettici del clima, di esaminare (o tollerare) le scoperte del Dr. Herndon.

La Sinistra, ecologisti e liberali affrontano la prospettiva di una presidenza Donald Trump con estrema ostilità, dipingendo il nuovo presidente repubblicano (ed è plausibile) come uomo sotto controllo delle lobby del petrolio e del carbone con zero preoccupazione per la devastazione ambientale che quelle lobbies sembrano ora voler proseguire e accelerare. Resta il fatto che la prima analisi pubblica senza censure dopo l’elezione di Trump di alcuni dei fattori toccati in questo articolo è stato ospitato da una organizzazione situata esattamente nel campo cambiamento-climatico-scettico  pro-Trump. Mi riferisco al dossier di Jim Lee ” Geoingegneria, Weather Modification e Weaponizing Nature“, letto il 3 dicembre 2016 alla 3° Conferenza  di Freedom Force International a Phoenix, Arizona. Jim Lee afferma di aver convinto delle proprie posizioni lo scettico del cambiamento climatico di alto profilo, “Lord” Christopher Monckton. Ma Christopher Monckton ritrae i cambiamenti climatici di origine antropica come fabbricazione ideologica dell’IPCC? Adotta ora la posizione di Jim Lee che il riscaldamento globale realmente esistente, parzialmente o totalmente, sia un risultato di modificazione del clima? Non penso.

Per dare l’ultima parola a Dylan Jones: “la follia dell’uomo sembra certamente assumere la forma di una fiducia cieca in leader mondiali indegni di fiducia, corrotti e compromessi dalla struttura di potere aziendale e della sua oligarchia bancaria globale, insieme formano un unico consorzio psicopatico.

La natura di questa follia sta in un disinteresse spensierato verso il crimine contro il pianeta, effettuato con la combustione sfrenata di combustibili fossili, con l’inquinamento dell’atmosfera, delle forniture dell’acqua, decimando le foreste, e gli innumerevoli altri peccati di cui  Big Oil, e implicitamente l’umanità stessa, è colpevole?

Oppure sta nell’ignoranza di una marcia verso il consolidamento finale di un stato di polizia tiranno planetario, effettuato dalla mafia del clima? Là dove una tassa globale del carbonio, imposta all’umanità per il suo ruolo presunto nel riscaldamento globale antropogenico (AGM), formerebbero una pietra angolare.

I seguaci di ogni campo, i sostenitori AGW da un lato e gli scettici, dall’altro, remano perennemente uno contro l’altro.

Chi detiene il monopolio sulla verità detiene il monopolio sull’inganno. Ciò che è stato raggiunto alla fine è l’ultima truffa, riuscendo a recintare persone in tutto il mondo in due campi mettendo uno contro l’altro”.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Wayne Sala, Global Research, 2017

http://www.globalresearch.ca/demystifying-the-climate-change-debate/5566164

VEDI ANCHE:

Un sogno lungo cento anni: sciogliere i ghiacci dell’artico!

 «Diventò freddo, voglio dire, davvero freddo»

Fenomeni meteo estremi causati dal riscaldamento dell’Artico

Mix mortale: trivellazioni off-shore e reattori nucleari galleggianti nell’Artico

E’ l’Artico il vero nocciolo dell’ attuale crisi nel rapporto est-ovest?

Alti livelli di cloro molecolare nell’atmosfera dell’Artico

Il Rapporto Della CIA del 1974 Sul Raffreddamento Globale

HARRY WEXLER: DISTRUGGERE L’OZONO STRATOSFERICO PER RISCALDARE LA TERRA

POLO NORD – NUOVO MEDIO ORIENTE

WHAT CAUSED JANUARY’S FREAK WEATHER

Fonte diretta: http://www.nogeoingegneria.com/