Archivi tag: Enkidu

Diventare umani nell’epopea di Gilgamesh

 

Parte di una tavoletta di argilla neo-assira contenente tre colonne di iscrizione cuneiforme dal tablet 6 di The Epic of Gilgamesh. Per gentile concessione dei Trustees del British Museum.

Tra divinità e animali – Diventare umani nell’epopea di Gilgamesh

by Sophus Helle February 19, 2019 from AEON Website  Spanish version 

L’Epopea di Gilgamesh è un poema babilonese composto nell’antico Iraq, millenni prima di Omero.

Racconta la storia di Gilgamesh, re della città di Uruk. Per frenare la sua energia irrequieta e distruttiva, gli dei creano un amico per lui, Enkidu, che cresce tra gli animali della steppa.

Quando Gilgamesh viene a conoscenza di questo uomo selvaggio, ordina che venga estratta una donna di nome Shamhat per trovarlo.

Shamhat seduce Enkidu, e i due fanno l’amore per sei giorni e sette notti, trasformando Enkidu dalla bestia all’uomo . La sua forza è diminuita, ma il suo intelletto si espande e diventa capace di pensare e parlare come un essere umano.

Shamhat ed Enkidu viaggiano insieme in un campo di pastori, dove Enkidu impara le vie dell’umanità.

Alla fine, Enkidu si reca da Uruk per affrontare l’abuso di potere di Gilgamesh, ei due eroi lottano l’uno con l’altro, solo per formare un’amicizia appassionata.

Questa, almeno, è una versione dell’inizio di Gilgamesh, ma in effetti l’epopea è passata attraverso diverse edizioni.

È iniziato come un ciclo di storie in lingua sumera, che sono state poi raccolte e tradotte in una singola epopea in lingua accadica.

La prima versione dell’epopea fu scritta in un dialetto chiamato Old Babylonian , e questa versione fu successivamente rivista e aggiornata per creare un’altra versione, nel dialetto standard babilonese , che è quella che la maggior parte dei lettori incontrerà oggi.

Gilgamesh non solo esiste in una serie di versioni diverse, ciascuna versione è a sua volta composta da molti frammenti diversi. Non esiste un singolo manoscritto che trasporta l’intera storia dall’inizio alla fine.

Piuttosto, Gilgamesh deve essere ricreato da centinaia di tavolette di argilla che sono diventate frammentarie nel corso dei millenni.

La storia ci viene presentata come un arazzo di frammenti, messo insieme dai filologi per creare una narrativa approssimativamente coerente (circa quattro quinti del testo sono stati recuperati). Lo stato frammentario dell’epica significa anche che viene costantemente aggiornato, poiché gli scavi archeologici – o, troppo spesso, illegali – portano alla luce nuove tavolette, facendoci riconsiderare la nostra comprensione del testo.

Nonostante abbia più di 4000 anni, il testo rimane in evoluzione, cambiando ed espandendosi ad ogni nuova scoperta.

La scoperta più recente è un minuscolo frammento che era stato trascurato nell’archivio del museo della Cornell University di New York, identificato da Alexandra Kleinerman e Alhena Gadotti e pubblicato da Andrew George nel 2018 (un altro frammento del vecchio Gilgameš babilonese).

All’inizio, il frammento non sembra molto:

16 linee spezzate, la maggior parte delle quali già note da altri manoscritti.

Ma lavorando sul testo, George notò qualcosa di strano.

La tavoletta sembrava conservare parti sia della versione babilonese antica che della versione standard babilonese, ma in una sequenza che non si adattava alla struttura della storia come era stata intesa fino ad allora.

Il frammento proviene dalla scena in cui Shamhat seduce Enkidu e fa sesso con lui per una settimana.

Prima del 2018, gli studiosi credevano che la scena esistesse sia in una versione babilonese sia in una versione standard babilonese, che forniva resoconti leggermente diversi dello stesso episodio:

Shamhat seduce Enkidu, fanno sesso per una settimana, e Shamhat invita Enkidu a Uruk.

Le due scene non sono identiche, ma le differenze potrebbero essere spiegate come risultato dei cambiamenti editoriali che hanno portato dall’antico babilonese alla versione standard babilonese.

Tuttavia, il nuovo frammento sfida questa interpretazione. Un lato della tavoletta si sovrappone alla versione standard babilonese, l’altra alla versione antico babilonese.

In breve, le due scene non possono essere versioni diverse dello stesso episodio:

la storia includeva due episodi molto simili, uno dopo l’altro.

Secondo George, sia l’antica versione babilonese che quella standard babilonese funzionavano così:

Shamhat seduce Enkidu, fanno sesso per una settimana, e Shamhat invita Enkidu a venire su Uruk. I due poi parlano di Gilgamesh e dei suoi sogni profetici.

Poi, si scopre, hanno fatto sesso per un’altra settimana, e Shamhat invita di nuovo Enkidu a Uruk.

All’improvviso, la maratona d’amore di Shamhat e Enkidu era stata raddoppiata, una scoperta che il Times pubblicizzò con il titolo “Ancient Sex Saga Now Twice As Epic“.

Ma in realtà, c’è un significato più profondo per questa scoperta.

La differenza tra gli episodi può ora essere compresa, non come cambiamenti editoriali, ma come cambiamenti psicologici che Enkidu subisce quando diventa umano. Gli episodi rappresentano due fasi dello stesso arco narrativo, dandoci una visione sorprendente di cosa significasse diventare umani nel mondo antico.

La prima volta che Shamhat invita Enkidu a Uruk, descrive Gilgamesh come un eroe di grande forza, paragonandolo a un toro selvaggio.

Enkidu risponde che verrà davvero a Uruk, ma non farà amicizia con Gilgamesh:

lo sfiderà e usurpherà il suo potere.

Shamhat è costernato, esorta Enkidu a dimenticare il suo piano e descrive invece i piaceri della vita di città:

musica, feste e belle donne.

Dopo aver fatto sesso per una seconda settimana, Shamhat invita di nuovo Enkidu a Uruk, ma con un’enfasi diversa.

Questa volta non si sofferma sulla forza rialzista del re, ma sulla vita civile di Uruk:

“Laddove gli uomini sono impegnati in lavori di abilità, anche tu, come un vero uomo, farai un posto per te stesso.”

Shamhat dice ad Enkidu di integrarsi nella società e trovare il suo posto all’interno di un tessuto sociale più ampio.

Enkidu è d’accordo:

‘il consiglio della donna ha colpito a casa nel suo cuore’.

È chiaro che Enkidu è cambiato tra le due scene.

La prima settimana di sesso avrebbe potuto dargli l’intelletto per conversare con Shamhat, ma pensa ancora in termini animali:

vede Gilgamesh come un maschio alfa da sfidare.

Dopo la seconda settimana, è diventato pronto ad accettare una visione diversa della società. La vita sociale non riguarda la forza e le affermazioni del potere, ma anche i doveri e le responsabilità della comunità.

Posto in questo graduale sviluppo, la prima reazione di Enkidu diventa tanto più interessante, come una sorta di passo intermedio sulla via dell’umanità.

In poche parole, quello che vediamo qui è un poeta babilonese che guarda la società attraverso gli occhi ancora selvaggi di Enkidu. È una prospettiva non completamente umana sulla vita di città, che è vista come un luogo di potere e orgoglio piuttosto che abilità e cooperazione.

Cosa ci dice questo?

Impariamo due cose principali.

  • Primo, che l’umanità per i Babilonesi era definita attraverso la società. Essere umani era un affare chiaramente sociale, e non solo ogni tipo di società:

era la vita sociale delle città che ti rendeva un ‘vero uomo’.

La cultura babilonese era, in fondo, una cultura urbana.

Città come Uruk, Babilonia o Ur erano i mattoni della civiltà e il mondo fuori dalle mura della città era visto come una terra incolta pericolosa e incolta.
  • Secondo, impariamo che l’umanità è una scala mobile.Dopo una settimana di sesso, Enkidu non è diventato completamente umano. C’è uno stadio intermedio, in cui parla come un umano ma pensa come un animale.

Anche dopo la seconda settimana, deve ancora imparare come mangiare il pane, bere birra e indossare i vestiti. In breve, diventare umani è un processo passo-passo, non un o / o binario.

Nel suo secondo invito a Uruk, Shamhat dice:

“Ti guardo, Enkidu, sei come un dio, perché con gli animali ti trovi in ​​mezzo alla natura?”

Gli dèi sono qui raffigurati come il contrario degli animali, sono onnipotenti e immortali, mentre gli animali sono ignari e destinati a morire.

Essere umani deve essere posizionato da qualche parte nel mezzo:

non onnipotente, ma capace di lavoro qualificato; non immortale, ma consapevole della propria mortalità.

In breve, il nuovo frammento rivela una visione dell’umanità come un processo di maturazione che si svolge tra l’animale e il divino.

Uno non è semplicemente nato umano:

essere umani, per gli antichi babilonesi, significava trovare un posto per se stessi all’interno di un campo più ampio definito dalla società, dagli dei e dal mondo animale. 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Articoli correlati: La prima vera Opera Letteraria della Storia

                                       Il mito di Gilgames

®wld

La sfida di risuscitare una lingua antica

 

La lingua parlata in tempi antichi a Babilonia rinasce dopo aver taciuto per duemila anni

Quasi 2000 anni dopo essere caduto in disuso, uno specialista di linguistica presso l’Università di Cambridge, il dott. Martin Worthington, ha imparato a parlare con l’antico babilonese, e non sta solo facendo campagne per farla rivivere come una forma di comunicazione orale, ma anche Ha anche realizzato un film in questa antica lingua.

I principali finanziatori del film diretto dal Dr. Worthington, membro del St John’s College, erano la Philological Society, il Thriplow Benevolent Fund, l’Università di Cambridge e vari college di Cambridge, che consentivano agli studenti di produrre il primo film al mondo nell’antica Babilonia. Secondo un articolo pubblicato su The Telegraph, gli studenti attori “hanno drammatizzato una storia popolare di una tavoletta di argilla del 701 a.C. intitolato ‘Il povero uomo di Nippur‘.”

La vecchia storia racconta la storia di un pastore di capre che picchia il sindaco di una città “tre volte” per vendicarsi di aver ucciso una delle sue capre.

Per due decenni, il dott. Worthington ha studiato l’antica lingua mediorientale usata in passato “dai re babilonesi della Mesopotamia, i faraoni egizi ei potentati del Vicino Oriente”, secondo The Telegraph.

  Tavoletta in terracotta “Inanna preferisce il contadino”. Qui, in questo mito, Enkimdu (dio dell’agricoltura) e Dumuzi (dio del cibo e della vegetazione) cercano di conquistare la mano della dea sumera Inanna. Iscrizione in lingua sumera trovata a Nippur (attuale Nuffar, Governatorato di Al-Qadisiya, Iraq). Prima metà del secondo millennio a. C., Museo dell’antico est, Istanbul. (Osama Shukir Muhammed Amin FRCP (Glasg / CC BY SA 4.0 )

Un articolo pubblicato sul Daily Mail spiega in che modo gli scienziati “hanno creato un archivio unico di registrazioni di diversi lettori di storie e iscrizioni babilonesi e organizzato una conferenza annuale per sei formatori interessati allo studio dell’antica Mesopotamia e dell’antico Egitto”. Le registrazioni del Dr. Worthington con le letture dei miti e poesie babilonesi nella loro lingua originale sono disponibili online all’indirizzo: https://www.soas.ac.uk/baplar/recordings/

E dove molti accademici e cineasti sono spesso portati via dall’ego, in cerca di riconoscimento e ammirazione, gli obiettivi del Dr. Worthington sono esemplari, essendo stati un pioniere nel parlare babilonese nella convinzione che “permette agli studenti di godere della magia di autenticità e connettere con parole un mondo perduto e distante. “E non possiamo non rispettare quell’atteggiamento, dal momento che la ricerca di metodi di insegnamento innovativi e il fatto di dare vita a un curriculum che altrimenti sarebbe piuttosto grigio, definisce grandezza nel campo dell’istruzione.

  George Heath-Whyte interpreta Gimil-Ninurta nell’antica opera babilonese “Il povero uomo di Nippur”. ( Dipartimento di Archeologia, Università di Cambridge 

La sfida di risuscitare una lingua antica

Dal momento che nessuno ha mai provato a parlare la lingua babilonese, usata dagli antichi popoli che dominavano quello che ora è l’Iraq, il dott. Worthington non aveva alcun riferimento per essere in grado di misurare l’accuratezza delle loro vocalizzazioni. Un articolo pubblicato su Heritage Key analizza la sfida di sapere come “il babilonese, o qualsiasi altra lingua morta, suonava” spiegando che l’accuratezza si basa su “strategie e tecniche diverse”. A volte i ricercatori usano parole babilonesi e assire trascritte in alfabeti diversi da quelli cuneiformi, ma spesso “il suono è dedotto pericolarmente da uno studio attento delle combinazioni di lettere e dei modelli di ortografia, usando i testi cuneiformi originali”

Questo piccolo cilindro di terracotta registra le opere eseguite sulle mura della città di Babilonia per ordine del re Nabopolassar. Trovato in Babilonia, Mesopotamia, Iraq. Periodo neobabilonese, 625-605 a. C. British Museum, Londra. (Osama Shukir Muhammed Amin FRCP (Glasg) / CC BY SA 4.0

“Essenzialmente è un lavoro da detective”, ha sottolineato il dott. Worthington, aggiungendo che: “Non sapremo mai con certezza se un babilonese abbia approvato i nostri tentativi di pronuncia, ma guardando da vicino le fonti originali possiamo fare una buona ipotesi. “Il ricercatore ha commentato ai giornalisti del Telegraph che dal 2000 aveva studiato” lettere di spie, trattati tra stati, corrispondenza diplomatica, incantesimi e prescrizioni mediche “. Studenti che cercano di apprendere la lingua nel loro corso universitario di assiriologia dice loro che “le strutture sono molto regolari” e nelle parole di Worthington “la maggior parte degli studenti scopre che ad un certo punto, spesso quando sono in giro da sette mesi, improvvisamente lo” prendono “: le strutture si inseriscono nel suo posto.”

Filmare una vecchia storia

Il Dr. Worthington ha diretto il film, che è stato coprodotto con Kathryn Stevens dell’Università di Durham, e ha avuto la sua anteprima internazionale al St John’s College il 27 novembre. Il film, che è ora disponibile su YouTube, è stato aperto dal più anziano assiriologo del mondo, James Kinnier Wilson, 97 anni, che ha insegnato all’Università di Cambridge per 34 anni.

La trama del film è basata su un antico rilievo del British Museum in cui “due crudeli demoni felini armati di pugnali rappresentano le tre percosse che il sindaco ha dato al povero Nippur”. Secondo le parole del dott. Worthington , “non volevano gli studenti che rappresentano la lotta nel film, quindi hanno usato il sollievo con i suoni dietro “. Per quanto riguarda la ricerca della verità essenziale della vecchia storia, secondo il Dr. Worthington “potrebbe essere interpretato come un’allegoria di come, anche se “il i quadri intermedi “erano là fuori a prenderti, un essere gentile superiore si prendeva cura di te, proprio come fa il re nella storia dando al povero un carro di guerra“.

Sennacherib sul suo carro durante la guerra in Babilonia,  rilievo del suo palazzo a Ninive. (Pubblico dominio

Immagine di copertina: Immagine del rilievo della Tavoletta di Shamash, stanza 55 della British Library. Scoperto a Sippar (presente Tell Abu Habbah), antica Babilonia; risale al IX secolo a.C. e mostra il dio solare Shamash sul suo trono che riceve il re babilonese Nabu-apla-iddina (888-855 a.C.), affiancato da due divinità intercessori. Il testo, in lingua babilonese, racconta come il re costruì una nuova statua per adorare il dio e accordò privilegi al suo tempio. Fonte: Prioryman / CC BY SA 4.0

Autore: Ashley Cowie

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su www.ancient-origins.net ed è stato tradotto con il permesso

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

®wld

Demoni e antichi astronauti

Gilgamesh era il Demone dell’antica Sumeria, un deceduto degli antichi astronauti? 

di Ivan 

Indubbiamente, la cultura popolare non gli rende la giustizia che merita e il suo nome diventa più inosservato di quanto dovrebbe essere. Gilgamesh è il padre di tutti gli eroi mitologici che sono stati conosciuti nella storia dell’umanità.

Era il primo

Come molte cose nella nostra cultura, anche lui ha avuto origine nell’antica Sumer, la terra considerata la culla della civiltà, nascosta nelle profondità dell’antica Mesopotamia.

 

Statua di Gilgamesh all’Università di Sydney (Samantha / Flickr / Creative Commons) 

 

Probabilmente il primo supereroe della storia, Gilgamesh ha raggiunto la fama soprattutto come il protagonista del “Poema di Gilgamesh”, chiamato anche “Epopea di Gilgamesh“.

Prove storiche suggeriscono che Gilgamesh abbia costruito le mura cittadine di Uruk per difendere il suo popolo. Gilgamesh ha combattuto contro il demone Humbaba (o Huwawa), insieme al suo ex nemico Enkidu.

Dopo aver ucciso il demone, riportarono la sua testa su Uruk su una zattera, costruita da alberi massicci. Gilgamesh ed Enkidu sconfissero anche il Toro del Paradiso inviato dalla furiosa dea Ishtar dopo che Gilgamesh si rifiutò di diventare il suo amante.

L’Epopea di Gilgamesh, (che si ritiene sia stata scritta intorno al 2150-1400 a.C.), la grande opera poetica sumera, è considerata la più antica opera di letteratura epica mondiale.

Precede gli scritti di Omero di almeno 1.500 anni.

Il primo poema epico che è conservato negli annali della storia, racconta le sue avventure e la ricerca dell’immortalità dopo la morte del suo amico Enkidu.

Si ritiene che l’epopea sia stata scritta approssimativamente nell’anno 2500 a.C., fatta in modo di sopravvivere alla storia incarnata in tavolette d’argilla.

La storia lo colloca come l’eroe principale, un re crudele e lussurioso, che dormiva con donne appena sposate prima di consumare il matrimonio con i loro mariti.

L’antica Lista dei Re Sumeri ci dice molte cose su Gilgamesh.

Secondo la lista storica, Gilgamesh era il figlio della dea Ninsun e un sacerdote di nome Lillah ed era il sovrano del distretto di Kulab e il quinto re della città di Uruk intorno al 2750 a.C. Gilgamesh era a due terzi dio da sua madre, la dea Ninsun e un terzo umano da suo padre.

Nella mitologia sumera, Ninsun è la figlia delle divinità Anu e Uras. Ninsun è stato anche collegato a divinità più antiche poiché si ritiene che sia la loro reincarnazione.

Secondo “Viaggio di Pabilsag a Nibru“, Ninsun era originariamente chiamata Nininsina. Secondo l’antico testo babilonese, Nininsina sposò Pabilsag vicino a una riva del fiume e diede alla luce Damu come risultato dell’unione.

È succeduto al re Lugalbanda e regnò per 126 anni e poi lasciò il trono al figlio Ur-Nungal, che regnò per 30 anni.

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

GILGAMESH THE KING

La prima vera Opera Letteraria della Storia

Il mito di Gilgames

Gilgamesh – Il senso della vita

Un fortuito ritrovamento

ENUMA ELISH IL MITO DELLA CREAZIONE

®wld

Gilgamesh – Il senso della vita

 Gilgamesh, l’antico alieno trovato sepolto in Iraq

June 26, 2017
from YouTube Website 

Molti scritti attribuirono alla leggenda quello che circonda il grande antico re di Uruk, e molte delle città della mitologia.
 

La città di Uruk è stata dichiarata famosa come la capitale dell’antico re Gilgamesh, governatore e eroe dell’omonima epopea.

Si ritiene che Uruk fosse la Erech biblica da Genesi 10:10, la seconda città fondata da Nimrod in Shinar. 
 

L’epopea di Gilgamesh – scritta da uno studioso mediorientale di 2.500 anni prima della nascita di Cristo – commemora la vita del governatore della città di Uruk, da cui l’Iraq ottiene il suo nome. 

Uruk ha attraversato diverse fasi di crescita, dall’antico periodo della sua nascita (4000-3500 a.C) fino al periodo della sua fine (3500-3100 a.C). 

Si dice che la città sia stata costituita quando due piccoli insediamenti a Ubaid si sono fusi. I complessi del tempio e i loro nuclei sono diventati il ​​Distretto di Eanna e il Distretto di Anu dedicati rispettivamente a Inanna e Anu. 
 

Nel 2003, poco prima dell’invasione irachena che ha rovesciato Hussein, furono fatte sorprendenti scoperte in Iraq, culminando in una delle affermazioni più straordinarie avvenute da secoli

Una critica e stata fatta alle forze americane, e fortemente accusate di confisca, diventando poi il principale sospetto della forza trainante di una completa soppressione di queste scoperte sorprendenti all’interno del paese.

Nell’aprile del 2003, Jorg Fassbinder, del dipartimento bavarese per Monumenti Storici, a Monaco di Baviera, ha dichiarato al programma della Scienza della BBC World Service, questa citazione,

“Non voglio dire definitivamente che fosse la tomba del re Gilgamesh, ma sembra molto simile a quella descritta nell’epopea”.

Fassbinder ha detto: “abbiamo trovato appena fuori città in una zona nel mezzo dell’ex fiume Eufrate i resti di un edificio che potrebbe essere interpretato come sepoltura”.

Nel libro, Gilgamesh è descritto come stato sepolto sotto l’Eufrate, in una tomba apparentemente costruita a seguito della sua morte quando le acque dell’antico fiume si separarono.

Fassbinder ha detto che l’incredibile scoperta della città antica sotto il deserto iracheno era stata resa possibile dalla tecnologia moderna.

“La cosa più sorprendente è che abbiamo trovato strutture già descritte da Gilgamesh”, ha dichiarato Fassbinder.

“Abbiamo coperto più di 100 ettari, abbiamo trovato strutture del giardino e strutture del campo come descritto nell’epica, e abbiamo trovato case babilonesi”.

Inoltre ha detto che la scoperta più sorprendente era un sistema incredibilmente sofisticato di canali.

Era prevedibile che la storia stesse in silenzio … a causa di conflitti all’interno del paese e in gran parte si credeva che gli scavi fossero stati fermati,

Tuttavia, sembra che la scoperta del re Gilgamesh non possa essere stata fatta in forma sottaciuta, anche perché sembra che alcuni spettatori siano stati in grado di registrare l’evento.

Questo filmato è stato presumibilmente pubblicato in numerosi luoghi attraverso Internet, ed è stato in gran parte messo giù come ripresa autentica della ricerca, poco dopo questo sono stati fatti dei rapporti che affermano che le forze americane si sono trasferite e sequestrato la scoperta.

Perché le potenze che si sentono in grado di sopprimere tali scoperte, scoperte di vere e proprie tombe di personaggi lungamente pensati per essere mitici?

La tragedia di Osiride è solo un esempio di molti che sono senza dubbio ancora nascosti al pubblico. Forse alcuni indizi sono il motivo per cui la sua tomba è stata nascosta, si trovano solo nell’epica di Gilgamesh, e così le sue immense potenze possedute.

Era il 5° re di Uruk e il suo potere era così potente, molti credono che le storie che lo circondano siano solo miti, costruiti intorno alla sua forza e resistenza apparentemente superiore.

Tuttavia, seri studiosi hanno concluso che la storia di Gilgamesh non è altro che una favola a causa della sua storia stupefacente.

In The Epic il grande re viene considerato dagli dei essere troppo orgoglioso e arrogante e così decidono di darle una lezione, mandandole un uomo selvaggio, Enkidu, per umiliarlo.

Enkidu e Gilgamesh, dopo una feroce battaglia in cui nessuno è risultato vincitore, diventano amici e insieme intraprendono molte avventure.

Quando Enkidu è colpito dalla morte, Gilgamesh cade in un profondo dolore e, riconoscendo la propria mortalità per la morte del suo amico, si interroga sul senso della vita e del valore della realizzazione umana di fronte alla finale estinzione.

Togliendo e eliminando via tutta la sua vecchia vanità e l’orgoglio, Gilgamesh si mette alla ricerca per trovare il senso della vita e, infine, in un certo modo sconfiggere la morte. In tal modo, diventa il primo eroe epico della letteratura mondiale.

Il dolore di Gilgamesh e le domande che la morte del suo amico evocano risuonano in ogni essere umano che ha lottato con il senso della vita di fronte alla morte.

Anche se Gilgamesh nella storia non riesce a vincere la morte per avere l’immortalità, le sue opere vivono attraverso la parola scritta e, lo fa così.

  • È questo il filmato sotto vuoto della tomba di Gilgamesh?
  • Indipendentemente dalla sua autenticità, perché tutta questa segretezza?
  • Siamo come una specie incapace di essere presentata con cose che provano le nostre credenze fondamentali, senza esplodere nel caos?

Sembra che per ora dobbiamo ancora aspettare di scoprirle … 

Video

http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

 Articoli correlati:

La prima vera Opera Letteraria della Storia 

Il mito di Gilgames 

Un fortuito ritrovamento 

GILGAMESH THE KING

Un fortuito ritrovamento

Tradotto un verso sconosciuto dell’Epopea di Gilgamesh

Nel 2011, il museo di Sulaymaniyah (o Slemani), nel Kurdistan iracheno, comprò una serie di 80-90 tavolette d’argilla da un trafficante sconosciuto. Il museo ha cercato questo tipo di accordi per recuperare dei manufatti di valore scomparsi dai siti archeologici e dai musei iracheni, a partire dall’invasione a guida americana, scrive la pubblicazione non profit Ancient History Et Cetera.

Tra le varie tavolette comprate, una risaltava agli occhi di Farouk Al-Rawi, docente presso il Dipartimento di Lingue e Culture del Vicino e Medio Oriente, Università di Londra. La tavoletta d’argilla era ancora incrostata di fango quando Al-Rawi consigliò al museo di comprarla al prezzo di 800 dollari.

Con l’aiuto di Andrew George, preside associato del dipartimento e traduttore de “The Epic of Gilgamesh: A New Translation” (Penguin Classics, 2000), Al-Rawi ha tradotto la tavoletta in soli cinque giorni. Il reperto potrebbe risalire al periodo antico-babilonese (2003 – 1595 a.C.), secondo il museo di Sulaymaniyah. Tuttavia, Al-Rawi e George ritengono che sia un po’ più recente e venne inciso nel periodo neo-babilonese (626-539 a.C.).

Al-Rawi e George hanno presto scoperto che la tavoletta rubata raccontava una storia familiare: la storia di Gilgamesh, il protagonista dell’antico racconto babilonese, “L’epopea di Gilgamesh”, che è ampiamente considerata come il primo poema epico in assoluto, e la prima grande opera di letteratura mai creata. Vista l’epoca in cui venne scritta, la storia fu probabilmente incisa su “tavolette”, ognuna contenente una differente parte del racconto (un po’ come se fossero dei moderni capitoli o versi).

La Foresta dei cedri

Quello che Al-Rawi e George hanno tradotto è una parte precedentemente sconosciuta della quinta tavoletta. Racconta la storia di Gilgamesh, re di Uruk, e di Enkidu, un uomo selvaggio creato dagli dèi per proteggere Gilgamesh nel viaggio verso la Foresta dei cedri (residenza degli dèi), col fine di sconfiggere il suo divino guardiano, il terribile gigante Humbaba.

La nuova tavoletta aggiunge 20 linee finora sconosciute alla storia, fornendo alcuni dettagli su come appariva e risuonava la foresta.

«La nuova tavoletta continua dove altre fonti si fermano. Apprendiamo che la Foresta dei cedri non è un luogo di radure serene e quiete. È piena di uccelli rumorosi e cicale, mentre le scimmie urlano e gridano sugli alberi», ha spiegato George a Live Science.

Il mostruoso Humbaba tratta la cacofonia dei rumori della giungla come se fosse una sorta di intrattenimento, «come Re Luigi ne Il libro della giungla», dice George. Una tale, vivida descrizione dei paesaggi naturali è «molto rara» nella poesia narrativa babilonese, ha aggiunto.

Altri particolari

Altre linee ritrovate del poema confermano i dettagli di altre parti dell’opera. Per esempio, mostra che Enkidu e Humbaba erano amici d’infanzia e che, dopo l’uccisione del gigante, gli eroi della storia sono pieni di rimorsi, almeno per aver distrutto la splendida foresta.

«Gilgamesh e Enkidu tagliarono i cedri per poi tornare a Babilonia, e il nuovo testo reca una linea che sembra esprimere il riconoscimento di Enkidu che aver distrutto la foresta è una cattiva cosa, e farà arrabbiare gli dèi», dice George. Come la descrizione della foresta, questo tipo di consapevolezza ecologica è molto rara nella poesia antica.

La tavoletta, ora ripulita dal fango e totalmente tradotta, è oggi in mostra al museo di Sulaymaniyah. Uno studio su queste scoperte è stato pubblicato nel 2014 sul Journal of Cuneiform Studies.

Live Science

FONTE

La prima vera Opera Letteraria della Storia

Gilgamesh

Le gesta di Gilgamesh e Enkidu

 di Daniel Tubau 15 Dicembre 2014 dal Sito Web TheCult traduzione di Nicoletta Marino Versione originale

Il Poema di Gilgamesh, conosciuto anche come l’Epopea di Gilgamesh, è la prima opera letteraria vera della storia.

Racconta le gesta di un re di Uruk, una città sumera che forse ha dato il nome all’odierno Iraq. Il tema si divide in dodici tavole che possiamo considerare capitoli della stessa storia.

Ho parlato delle sue origini e caratteristiche nel Primo libro che Contiene tutti i Libri, qui mi limiterò a raccontare le avventure di Gilgamesh e del suo amico Enkidu e a indicare alcuni punti intriganti e di rilievo.

Uruk

Tema dell’Epopea di Gilgamesh

La storia è raccontata da una persona, forse un sacerdote della dea Ishtar, che ci parla della sua ammirazione per l’antico re che costruì le impressionanti mura di Uruk.

Il narratore si rivolge ai suoi interlocutori in forma generale (“Presenterò al mondo”) ma a volte sembra parlare con una persona che cammina accanto a lui:

“Presenterò al mondo Colui che ha visto tutto, Ha conosciuta l’intera terra, Penetrato tutte le cose, e ha esplorato tutto ciò che è occulto”.

Questo personaggio sembra essere primo in tutto, oltre ad aver dipanato antichi misteri:

“Eccellente in saggezza, ha abbracciato tutto con lo sguardo: contemplò i Segreti, scoprì I Misteri, e ci ha raccontato del tempo prima del Diluvio”.

Curiosamente, il narratore qui sembra passare la narrazione al suo protagonista, o almeno sembra si basi su un racconto che quello stesso personaggio aveva scritto:

“Di ritorno dal suo lungo viaggio, esausto, ma contento incise su una stele tutti I suoi lavori costruì le mura di cinta di Uruk”.

Il narratore poi, sembra rivolgersi a qualcuno che è vicino a lui, forse un aiutante, forse uno scriba al quale vuole trasmettere quella storia leggendaria.

Gli dice di guardare le mura di Uruk, di ammirare i basamenti inimitabili, di ispezionare le mura di mattoni cotti.

Poi gli chiede di cercare il racconto segreto che il re Gilgamesh aveva lasciato:

“Adesso vai a cercare La piccola cassa di rame. Prendi l’anello di bronzo Apri il pomello segreto Ed estrai la tavoletta di lapislazzuli. Così scopriremo come Gilgamesh ha superato tante prove.”

lapislazzuli

Dopo aver estratto da quel misterioso cofanetto la tavoletta di lapislazzuli, che contiene un antico testo che sembra da decifrare forse perché è in sumero e il narratore è semita o forse perché è codificato come un messaggio segreto, inizia la storia.

Ninsun

Gilgamesh è il re di Uruk. Figlio del re Lugalbanda e della dea Ninsun.

Crudele e spietato, applica il diritto di “ius primae noctis“, cioè dorme con loro prima dello stesso sposo, non rispetta gli anziani e maltratta i giovani che affronta in combattimenti mortali.

E’ odiato e aborrito dal suo stesso popolo, che eleva le sue lamentele agli dei. Gli dei decidono di creare un nemico che lo freni e la dea Aruru dà vita ad una creatura selvaggia chiamata Enkidu come il nome della bestia.

Enkidu vive nei boschi con gli animali, come una fiera in più anche se ha le sembianze umane. I cacciatori e gli agricoltori temono la bestia e la notizia arriva fino a Gilgamesh.

Gilgamesh decide di inviare una prostituta o una sacerdotessa, o forse una sacra sacerdotessa a sedurre la bestia. Enkidu e la donna, Samhat, si uniscono e a partire da quel momento gli animali non vogliono saperne più del suo amore e fuggono da lui.

Grazie alla sua donna, Enkidu si è trasformato in un essere umano ed ha raggiunto la conoscenza:

Lulgalbanda

“Le bestie del monte Rifuggono dal suo contatto. … Enkidu si era quietato Non era veloce come un tempo Aveva però giudizio Ed il suo sapere era vasto.”

Samhat gli parla della città di e Enkidu arde dal desiderio di conoscere questo nuovo mondo.

Arriva in città e si scontra col re Gilgamesh, si compie così il disegno degli dei.

Non si conosce con esattezza l’esito del combattimento in quanto non è stato possibile ricostruirlo al completo dai testi rimasti. Di solito si dice che il vincitore fu Enkidu, ma non è del tutto sicuro.

Ciò che invece si sa è che dopo il combattimento, i due nemici si riconciliano e diventano grandi amici.

Combattimenti con Gilgamesh e Enkidu

In cerca di avventure, Enkidu e Gilgamesh decidono di affrontare il temibile mostro dei boschi chiamato Huwawa.

Inizia così quella che si può considerare la prima road movie della storia, quando i due amici viaggiano per la Mesopotamia, probabilmente in direzione dell’attuale Libano, dove nei boschi di cedro regna Huwawa.

Si tratta anche, chiaramente, della prima storia di amici di ventura (buddies – camerata), e per questo la storia è paragonata ad un film moderno come Due uomini e un destino (Butch Cassidy e Sundance Kid) come Due uominie un destino – Gilgamesh y Enkidu.

I due uomini arrivano fino al bosco di cedri e affrontano il mostro, riescono a sconfiggerlo, ma questo fatto risveglia l’ira degli dei perché il bosco e il mostro erano sotto la loro protezione.

La Dea Innana/Ishtar/Astarte, poi, vuole sedurre Gilgamesh, ma lui la rifiuta perché sa che tutti gli amanti della dea finiscono male. Furiosa, lei, lancia contro Uruk il terribile Toro Celeste, ma gli eroi lo uccidono.

Qui gli dei decidono di vendicarsi e castigare gli impudenti eroi.

Il problema è che la madre di Gilgamesh è una dea, quindi decidono di uccidere Enkidu. E’ qui che Gilgamesh scopre che esiste la morte, quando vedere imputridire davanti ai suoi occhi il corpo del suo amico.

E’ il primo racconto, quindi, quello in cui si descrive la morte in tutta la sua fatalità e concretamente è la morte di un amico o di un amante che sarà un tema ricorrente in tutta la letteratura universale, come nel racconto di Malcom Lowry dal titolo Oscuro come la tomba in cui giace il mio Amico Morto, che sembra quasi una frase pronunciata da Gilgamesh:

“Una sorte crudele in un sol colpo Ti ha strappato a me! Adesso cosa è questo sonno che si è impossessato di te? All’improvviso sei diventato un’ombra E già non mi ascolti!”

Questo momento che si può paragonare con quello in cui il principe Siddharta Gautama scappa dal palazzo di suo padre e dopo una vita di lussi e desideri scopre la malattia, la vecchiaia e la morte, inizia la grande ricerca dell’immortalità.

Gilgamesh, terrorizzato dalla prospettiva di affrontare lo stesso destino del suo amico morto, decide di andare in cerca di Utnapishtim, l’uomo che sopravvisse al diluvio e che ora è immortale.

Utnapishtim

Dopo diverse peripezie, Gilgamesh incontra il mitico Utnapishtim, che gli racconta la storia del diluvio e di come il dio Enki lo avvisò che gli dei volevano sterminare tutta l’umanità con un diluvio universale.

Utnapishtim costruì una nave sulla quale fece salire tutta la sua famiglia e riuscì a sopravvivere, quando dopo molti giorni di pioggia, dopo ave rinviato un corvo nell’immensità dell’oceano questo non ritornò, il che significava che c’era della terraferma sulla quale sbarcare.

Quando fu scoperto questo racconto, i ricercatori rimasero meravigliati per la sua somiglianza con il racconto biblico del diluvio di Noè.

Oggi nessuno dubita che Utnapishtim (chiamato Ziusudra in sumero e Atrahasis in accadico) è l’ispirazione del Noè biblico. Nel racconto poi contenuto nell’Epopea di Gilgamesh, un altro racconto mesopotamico, l’Atrahasis, si narrano le ragioni che portarono gli dei a desiderare la distruzione degli esseri umani.

Dopo aver raccontato la storia del diluvio, Utnapishtim racconta a Gilgamesh come può ottenere l’immortalità. Si sa che uno dei requisiti è quello di rimanere svegli per sette giorni e sette notti. Gilgamesh non ci riesce e non ottiene l’immortalità.

Quando tutto sembra perso, la sposa di Utnapishtim gli chiede di aiutare Gilgamesh e che almeno gli riveli il segreto che gli permetterà di recuperare la gioventù. Utnapishtim cede finalmente alle sue preghiere e racconta a Gilgamesh che esiste una pianta nelle profondità dell’oceano che restituisce la gioventù perduta.

Gilgamesh si inabissa nell’oceano e ritorna con la pianta.

Invece di usufruire solo lui della pianta della gioventù, Gilgamesh dimostra che non è più il re crudele ed egoista che era prima di conoscere Enkidu e decide di portarla a Uruk, si suppone sia per far sì che gli anziani del Consiglio recuperino la gioventù:

“La porterò alla turrita Uruk, Farò mangiare a tutti la pianta. Il suo nome sarà ‘L’uomo diventa giovane nella Vecchiaia.’ Io stesso la mangerò E così tornerò ad essere come quando ero giovane.”

Durante il cammino si ferma vicino ad un pozzo di acqua fresca e si addormenta un attimo.

E’ allora che un serpente esce dall’acqua e gli ruba il fiore della gioventù. Gilgamesh, disperato, ritorna a Uruk.

Il poema inizia come finisce, descrivendo la grandezza della città di Uruk costruita dal re Gilgamesh. E’ sorprendente come il primo racconto della storia riservi un triste finale al suo eroe, anche se gli rimane la netta consolazione di essere più saggio.

Esistono molti più dettagli nella storia, e anche nella Tavoletta XII, la cui relazione con il racconto principale è molto controversa, Gilgamesh discende all’inferno e si ritrova con Enkidu.

Fonte Originale: http://www.bibliotecapleyades.net/

dal sito web  http://www.thecult.es/

Versione nella lingua originale: http://www.bibliotecapleyades.net/sumer_anunnaki/esp_sumer_annunaki50.htm

 http://ningizhzidda.blogspot.it/