Archivi tag: energia pulita

George Soros e l’obiettivo della politica internazionale

George Soros emerge come principale finanziatore dei gruppi “Global Climate Strike”

di Thomas D. Williams
28 settembre 2019
dal sito web Breitbart

George Soros ha finanziato gruppi ambientalisti radicali collaborando in questa settimana “Global Climate Strike” per circa $ 25 milioni, secondo un nuovo rapporto.

Almeno 22 dei gruppi di attivisti di sinistra elencati come partner nel Global Climate Strike hanno ricevuto $ 24,854,592 in finanziamenti dal miliardario liberista George Soros tra il 2000-2017 attraverso la sua Open Society Network , Joseph Vazquez ha riferito giovedì per il Media Research Center.

Sebbene apparentemente innescato dalle proteste della sedicenne Greta Thunberg , il Global Climate Strike ha portato fin dall’inizio le impronte digitali indelebili di attivisti ambientali radicali ben finanziati.

A quanto pare, gran parte del finanziamento proviene dal disgregatore professionista George Soros .

Tra le organizzazioni che hanno ricevuto finanziamenti da Soros c’erano,

  • Fondo per Global Human
  • Global Greengrants Fund
  • org
  • Amnesty International
  • Avaaz
  • Colore del cambiamento
  • Azione popolare

Ognuno di questi gruppi ha programmi e obiettivi legati al clima che vanno dalla riduzione delle emissioni globali di carbonio a meno di 350 parti per milione e il 100% di “energia pulita”, all’eliminazione di nuovi progetti di combustibili fossili e ad un “movimento verde per i diritti civili”.

Altri importanti donatori hanno incluso il candidato alla presidenza democratica Tom Steyer NextGen America e il Sierra Club , che secondo quanto riferito ha ricevuto milioni dall’ex sindaco Michael Bloomberg .

Il gruppo 350.org, fondato da Bill McKibben nel 2008, ha combattuto contro il carbone in India e ha cercato di fermare il gasdotto Keystone XL negli Stati Uniti

Mentre i bambini marciavano, cantavano e twerking per il Global Climate Strike , un gruppo di oltre 500 scienziati e professionisti ha fatto appello alle Nazioni Unite per un atteso dibattito aperto sui cambiamenti climatici.

“La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche del clima dovrebbero essere più scientifiche”, hanno affermato gli scienziati nella loro dichiarazione inviata al segretario generale delle Nazioni Unite.

“Gli scienziati dovrebbero affrontare apertamente le incertezze e le esagerazioni nelle loro previsioni sul” riscaldamento globale “, mentre i politici dovrebbero spassionatamente contare i benefici reali così come i costi immaginati dell’adattamento al” riscaldamento globale “, i costi reali e i benefici immaginati di mitigazione “, hanno detto.

I firmatari hanno anche insistito sul fatto che le politiche pubbliche devono rispettare le realtà scientifiche ed economiche e non solo riflettere la tendenza più alla moda della giornata.

Non vi è alcuna emergenza climatica. Pertanto, non vi è alcuna causa di panico e allarme”, hanno osservato.

“Siamo fortemente contrari alla dannosa e irrealistica politica netta zero zero sulle emissioni di CO 2 proposta per il 2050.”

“Se emergeranno approcci migliori, e certamente lo faranno, avremo tutto il tempo per riflettere e adattarci.

L’obiettivo della politica internazionale dovrebbe essere quello di fornire energia affidabile e conveniente in ogni momento e in tutto il mondo “, hanno affermato.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld