Archivi tag: élites

Men in Black del Governo Ombra

 

L’NSA Whistleblower parla di Julian Assange e del “governo ombra”

Di Arjun Walia 

  • I fatti: William Binney, dipendente di lunga data della NSA di alto rango, condivide le sue opinioni sull’arresto di Julian Assange e che ha davvero il controllo.
  • Rifletti su: Perché continuiamo a credere che un presidente possa apportare cambiamenti? Perché continuiamo a eleggere e votare senza affrontare la vera questione alla base delle decisioni prese in politica? Perché non rivolgersi al governo segreto e alla sua stretta di mano sulla politica? 

Ancora oggi, se dici alla maggior parte delle persone che esiste un “governo invisibile” o un governo ombra di portata internazionale, potrebbero chiamarti un teorico della cospirazione o darti uno sguardo divertente. Ciò è in gran parte dovuto alla mancanza di istruzione, in particolare di autoistruzione, di una popolazione che è formata per andare a scuola, trovare lavoro e “godersi” la vita. Certo, va tutto bene e dandy, ma negare e condannare un pensiero o un’idea senza alcuna indagine è sicuramente l’apice dell’ignoranza. Non solo è l’apice dell’ignoranza, ma impedisce anche all’umanità di andare avanti. Affinché possiamo andare avanti, dobbiamo identificare correttamente i nostri problemi e non aiuta quando i problemi più importanti che devono essere identificati non sono nemmeno creduti a causa del lavaggio del cervello di massa e della mancanza di istruzione. Nessuno pensa da solo, invece si basano semplicemente sui media dell’establishment, che non è stato altro che un’enorme macchina di propaganda sin dal suo inizio.

L’idea di un governo ombra non deriva solo dalle dichiarazioni di numerosi politici globali e “leader mondiali”, è stata dimostrata da cambiamenti politici e decisioni che non sono a favore delle persone o del pianeta, che rivelano come le nostre agenzie di regolamentazione federali sono gestite da interessi canaglia. Il CDC e le “Spider Papers” sono uno dei tanti grandi esempi, insieme a più informatori di più agenzie.

I partiti politici non supportano più il popolo ed è difficile dire se lo abbiano mai fatto davvero. Il governo e la politica sono ora semplicemente, come ha sottolineato il presidente Theodore Roosevelt, “strumenti di interessi corrotti che li usano nel martialling [sic] per servire i loro scopi egoistici”. Ha affermato che “Dietro il governo apparente si trova in trono un governo invisibile a causa di nessuna fedeltà e nessuna responsabilità nei confronti della gente. Distruggere questo governo invisibile, confondere la cattiva alleanza tra affari corrotti e politica corrotta è il primo compito della statualità del giorno”.

Questo è il potere invisibile che esiste oggi. Roosevelt non è stato l’unico, nel suo discorso di addio, il presidente Eisenhower ha avvertito dell’ascesa del potere mal posto che “esiste” e “persisterà” all’interno del complesso industriale militare.

Non molto tempo fa, il presidente Vladimir Putin ha spiegato come, dopo essere stato eletto un presidente negli Stati Uniti, “uomini in giacca e cravatta scura” entrano e fondamentalmente gestiscono lo spettacolo. (fonte)

Secondo il presidente Woodrow Wilson:

Da quando sono entrato in politica, ho avuto le opinioni degli uomini principalmente confidate in privato. Alcuni dei più grandi uomini degli Stati Uniti, nel campo del commercio e della produzione, hanno paura di qualcuno, hanno paura di qualcosa. Sanno che esiste un potere da qualche parte così organizzato, così sottile, così attento, così interconnesso, così completo, così pervasivo, che è meglio che non parlino al di sopra del loro respiro, quando ne parlano viene emessa una condanna. (La nuova libertà, un appello all’emancipazione delle generose energie di un popolo, scritto nel 1913)

Sembra che John F. Hylan, sindaco di New York City dal 1918 al 1925 avesse ragione nel dire che “la vera minaccia della nostra Repubblica è il governo invisibile, che come un polpo gigante si estende sulle gambe viscide delle nostre città, stati e nazione“.

Alla fine della giornata, se segui i soldi, non è difficile capire chi sia questo “governo invisibile” a cui molti hanno fatto riferimento. Una cosa è abbastanza chiara, non sembra che abbiano troppa preoccupazione per l’umanità o il pianeta Terra. Ci sono così tante prove che mostrano che l’élite finanziaria globale (vari membri di grandi politiche, corporazioni, Hollywood, famiglie reali, persone in posizioni di grande potere, il Vaticano, ecc.) Sono impegnate in alcuni comportamenti molto psicopatici. Ma sei davvero sorpreso? Guarda il mondo, i suoi sistemi e tutti gli aspetti che circondano l’umanità … è davvero un riflesso dei “leader” psicopatici. Ed è un riflesso del fatto che siamo totalmente ignari di esso a causa del lavaggio del cervello di massa. Tuttavia, in molti casi, sosteniamo e difendiamo questi sistemi e non accettiamo altro … Ci rifiutiamo di riconoscere cose che qualsiasi persona abbastanza intelligente dovrebbe essere in grado di vedere con un po’ di indagine.

Questo è il motivo per cui ho sentito il bisogno di condividere l’intervista qui sotto di William Binney. Binney è un ex funzionario dell’intelligence di alto livello presso la National Security Agency, che è diventata informatore dopo oltre 30 anni con l’agenzia. Ha emesso un fischio, come ha fatto Edward Snowden, dopo l’11 settembre sui programmi di raccolta e sorveglianza dei dati di massa dell’agenzia, insieme a J. Kirk Wiebe e Edward Loomis, altri due impiegati dell’agenzia.

Da allora, è stato abbastanza schietto e ha contribuito a far luce su molte altre questioni. Ha anche affermato che i programmi di sorveglianza dell’NSA non hanno nulla a che fare con la sicurezza della popolazione, ma sono piuttosto mezzi per continuare ulteriormente il “controllo totale della popolazione”. (Fonte)

Ciò avrebbe senso e confermerebbe anche tutte le prove che dimostrano le connessioni tra le organizzazioni terroristiche e il complesso industriale governativo / militare, comprese le prove che dimostrano il loro coinvolgimento nel finanziamento, nel sostegno e nella creazione di queste organizzazioni. Nonostante tutto, sostengono di “inseguire” gli stessi terroristi che sostengono in nome della democrazia.

Nell’intervista che segue, Binney fa riferimento anche al governo ombra per quanto riguarda Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, in particolare per quanto riguarda il suo recente arresto e detenzione.

Di seguito una citazione dell’intervista:

Per me, questa è semplicemente una continuazione dell’acquisizione del mondo da parte dei governi ombra del mondo e delle loro relazioni a livello internazionale. Sono sempre lì, non vengono votati dentro e fuori. Controllano tutte le informazioni che vengono fornite al presidente, ad esempio, per prendere decisioni. Possono personalizzare ciò che vogliono che faccia lui focalizzando alcune informazioni su di lui e tenendone gli altri lontani come il blocco dell’ombra. Non permettono ad altre opinioni di arrivare a lui in modo che non abbia l’opportunità di vedere un’altra visione. Hanno la maggior parte dei media mainstream chiusi e fanno quello che vogliono e che fanno adesso, ma è un po ‘come il chiodo nella bara che dice: “se mai fai qualcosa che espone tutti i crimini che stiamo commettendo o la criminalità che stiamo facendo dietro le quinte, se mai lo farai, arriveremo a te.”

Nell’intervista menziona anche come usano la “sicurezza nazionale” come scusa per fare tutto in segreto, e come è diventato un nome usato per giustificare segreti che sono molto poco etici e sbagliati.

E c’è il pericolo molto grave che un’annunciata necessità di maggiore sicurezza venga colta da coloro che sono ansiosi di espandere il suo significato fino ai limiti della censura e dell’occultamento ufficiali. Che non intendono permettere nella misura in cui è sotto il mio controllo. – JFK (fonte)

C’è un sacco di buon cibo per pensare, quindi assicurati di dare un’occhiata all’intervista.

Il messaggio è per tutti gli altri nel mondo, o sei conforme a ciò che ti diciamo di fare, o ti faremo questo.

The Takeaway

L’influenza del “governo segreto” è esattamente il motivo per cui vediamo così tanti presidenti che parlano contro certe cose durante le loro campagne, e poi all’improvviso fanno un centottantottesimo grado di ribaltare le loro promesse una volta che sono in carica. I presidenti, insieme ad altri politici, sono probabilmente ricattati, estorti, sottoposti a lavaggio del cervello o tenuti lontani da certe narrazioni e prospettive. Molti di loro non sono stati altro che marionette per l’élite globale. Alcuni lo fanno volentieri, altri inconsapevolmente. Se una cosa è vera sulla politica globale, è che ciò che ci viene presentato è lontano dalla verità per quanto riguarda ciò che sta realmente accadendo dietro le quinte.

Arjun Walia – Mi sono unito al team CE nel 2010 poco dopo aver finito l’università e sono stato grato per il fatto che sono stato in grado di farlo da allora poiché Ci sono molte cose che accadono sul pianeta che non risuonano con me, e io volevo fare quello che potevo per svolgere un ruolo nella creazione del cambiamento. È stato grandioso apportare cambiamenti nella mia vita e creare consapevolezza e non vedo l’ora di altri progetti che vadano oltre la consapevolezza, entrino in azione e attuazione. Quindi rimanete sintonizzati [email protected]

Questo articolo proviene da Evoluzione collettiva.  

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

L’impero che cadrà

La nostra società ha gli stessi sintomi dell’Impero Romano poco prima della caduta Un collasso è inevitabile?

by Anna LeMind
from TheMindUnleashed Website

Sei preoccupato della società in cui vivi oggi? Beh, forse dovresti esserlo …  

Proprio come le civiltà sono cadute prima, la nostra società potrebbe essere diretta al collasso. Con gli ingredienti giusti, il mondo occidentale può cadere vittima dei propri dispositivi e terminare la vita come noi la conosciamo.

La parte agghiacciante è che stiamo vedendo alcuni degli stessi segni che si sono verificati proprio prima della caduta dell’Impero Romano.

I ricercatori dicono,

“Due caratteristiche importanti appaiono tra le società che sono crollate.

L’esaurimento delle risorse a causa della tensione esercitata sulla capacità di carico ecologica e della stratificazione economica della società nelle élite e nelle messe.”

Fondamentalmente, quando la società è ineguale, il collasso è quasi inevitabile.

Mentre la classe superiore consuma troppo, i cittadini comuni si occupano di carestia. Ci sono risorse limitate per la classe lavoratrice.

A complicare le cose, dal momento che le élite non devono lavorare, non sono interessate da questo problema. La classe superiore continua a consumare in modo diseguale, facendo sì che il problema cresca sempre più, andando verso il collasso.

Come puoi facilmente capire da questo, le risorse continuano ad essere esaurite. Tecnologie progettate per conservare energie energetiche nel processo.

Un aumento dell’efficienza del carburante può sembrare una buona cosa, ma mette anche più veicoli sulla strada, veicoli più pesanti e a velocità più elevate.

Ciò aumenta l’utilizzo di energia e in primo luogo annulla i guadagni desiderati dal risparmio di carburante.

Tutto questo è interessante,

ma come arriviamo a queste conclusioni sul collasso della società?

Ricercatori hanno utilizzato iL Human and Nature Dynamical (HANDY), per estrarre dei dati fattorizzati come tassi di natalità, classe e risorse per generare un’equazione matematica che mostra il nostro risultato.

Il Goddard Space Flight Center della NASA ha sponsorizzato lo studio guidato dal Safa Motesharrei della National Science Foundation.

Dallo studio si evince che,

“Una breve panoramica dei crolli dimostra non solo l’ubiquità del fenomeno, ma anche la misura in cui società avanzate, complesse e potenti sono suscettibili di collasso”.

I malvagi stanno già facendo gli straordinari con queste informazioni.

Anche se stiamo attualmente preparando il terreno per il disastro, possiamo ancora cambiare la nostra situazione futura. Secondo la NASA, le chiavi principali della sopravvivenza ruotano attorno all’uguaglianza economica e alla conservazione delle risorse.

Il collasso può essere evitato se l’esaurimento della natura viene ridotto e le risorse vengono utilizzate con saggezza e equità. Sebbene gli imperi siano caduti e riflettano il nostro stile di vita oggi, c’è tempo per cambiare il modo in cui viviamo.

C’è sempre speranza per domani, se prendiamo le giuste decisioni.

Fronte: http://www.bibliotecapleyades.net/

*********************************  

Come l’ineguaglianza sta uccidendo l’Umanità Il povero rimane Disinformato, il ricco Pianifica l’Armageddon

I media mainstream orientati al business stanno tenendo le persone all’oscuro sulla scelta del World Economic Forum per la “Number 1 Threat” per l’economia globale:

Disuguaglianza.

Negli Stati Uniti, un 5% incredibilmente basso della popolazione ritiene che la disuguaglianza sia un problema importante, anche se soffre dei sintomi fisici e mentali di una società divisa in modo angoscioso.

Forse è una questione di diniego: il Programma di indagine sociale internazionale ha concluso curiosamente che le persone tendono ancora a pensare che la loro società sia meritocratica.

I super-ricchi, d’altra parte, sono ben consapevoli della devastazione che hanno lasciato sulla loro scia, e quindi non si azzardano a isolarsi,

  • bunker di sopravvivenza sotterranei con pareti di 9 piedi
  • porte antiproiettile
  • post di cecchino
  • sensori di viaggio
  • detonatori al peperoncino
  • unità geotermiche
  • filtri anti-chimici
  • dispositivi di sorveglianza a infrarossi,

 … ognuno dei quali può sostenere la vita per alcuni anni.

Atto finale della disuguaglianza 

Nel suo libro “The Great Leveler“, Walter Scheidel documenta i destini ultimi di società disperatamente ineguali nel corso della storia, e non sono carini:

guerre, rivoluzioni, crolli dello stato e piaghe catastrofiche.

Dice l’autore delle inevitabili forze di equalizzazione,

“hanno condiviso una radice comune: violenza e violente interruzioni dell’ordine stabilito”.

Anche se i super-ricchi sopravvivono per un po’ nei loro bunker, possono uscire in un mondo che non potrà più tenerli in vita.

L’articolo continua QUI in lingua inglese

®wld

Cambiamento Climatico: vendere disperatamente l’agenda sul clima

Cambiamento Climatico
Tradimento contro l’umanità 
by Mark Sircus
January 17, 2018 
from DrSircus Website 

Tradimento contro l’umanità, questo è ciò che il cambiamento climatico provocato dall’uomo sia diventata la truffa del riscaldamento globale. 

Quelli abbastanza sciocchi da credere nel loro governo e nella stampa sono coinvolti nel tradimento. Questo tradimento finirà con innumerevoli persone che si congelano a morte perché tutti sono stati portati a prepararsi al riscaldamento anziché al freddo.  

I mammut lanosi congelati scoperti in Russia completamente congelati e intatti con le piante ancora nel loro stomaco hanno a lungo fatto riflettere su quanto velocemente il pianeta possa congelarsi. 

Possiamo vedere dal freddo in rapido aumento e dalle cadute di neve da record che dovremmo essere preoccupati e pianificare un futuro agghiacciante.  

Oggi circa 2 americani su 3 dicono che le notizie inventate causano una grande confusione sui fatti e le realtà di base della vita, e più di 8 su 10 si sentono sicuri di poter riconoscere le notizie che sono state inventate.

I politici, i loro sostenitori delle élite e i media hanno scelto il tema sbagliato su quando si parla di cambiamenti climatici.

La natura torna a colpire e ci sarà l’inferno da pagare perché il freddo sta diventando più freddo e le bugie stanno diventando più grandi.

Persino i termometri non riescono a tenere il passo con le temperature in Russia, quindi immagina i costruttori del riscaldamento globale fino a che punto devono allungare il collo per stare al passo con il freddo. 

Quasi tutti i grafici che guardiamo puntano a un tradimento su vasta scala dell’umanità con bugie sul riscaldamento globale, che colpiranno le masse dove fa più male, nello stomaco e nelle tasche mentre finiscono per dover pagare attraverso il naso per mantenere caldo. 

I rapporti si stanno accumulando di grandi successi per l’agricoltura. La frutta, i prezzi delle verdure aumentano quando le bufere di neve tagliano le strade, danneggiano i raccolti dopo le precipitazioni nevose che hanno paralizzato le parti del paese.   

In Cina,

“Più di 45.000 acri di alberi da frutto, piantagioni di tè e serre per ortaggi sono stati danneggiati dal congelamento delle piogge e della neve”, ha detto il ministero dell’Agricoltura, aggiungendo che le piantagioni di grano potrebbero essere ritardate a causa del freddo. 

Nella provincia settentrionale dello Shanxi, le serre per le verdure sono crollate sotto il peso della neve, le riprese della televisione di stato lo hanno mostrato domenica. 

I titoli su ciò che sta accadendo in Russia si legge:

ANCHE GLI OCCHI SI CONGELANO – LA RUSSIA VEDE MENO 88,6 GRADI F (MENO 67 GRADI C).

Durante il fine settimana, due uomini sono morti congelati quando hanno cercato di raggiungere una fattoria nelle vicinanze dopo che la loro auto si è rotta. Gli investigatori hanno riferito che gli altri tre uomini con loro sono sopravvissuti perché indossavano abiti più caldi

Nel frattempo ha nevicato 16 pollici nel deserto del Sahara vicino alla città di Ain Sefra in Algeria.

In Marocco, secondo il Ministero delle attrezzature e dei trasporti, 37 strade sono diventate impraticabili, 26 delle quali sono state riaperte ma 11 sono ancora chiuse.

Quasi 8 piedi di neve in 48 ore nelle Alpi. 

Il Bangladesh ha registrato temperature più fredde di sempre

Le temperature normalmente più calde in Bangladesh sono scese a 2,6° C (36,7° F) lunedì 8 gennaio 2018. 

Almeno 12 persone, tra cui 6 bambini, sono morte per disturbi legati al raffreddamento in soli 4 giorni.

“È la temperatura più bassa da quando le autorità hanno iniziato a tenere registri nel 1948”, ha detto ad AFP Shamsuddin Ahmed, capo del Dipartimento meteorologico del Bangladesh (BMD).

Il precedente minimo storico di 2,8 ° C (37 ° F) è stato registrato nel 1968, ha aggiunto.

Il 6 gennaio, Worcester, Massachusetts, ha registrato una nevicata record di 16,8 pollici (42,7 cm), superando di gran lunga il precedente record della città per la data di 9,8 pollici (25 cm) avvenuta nel 1994.

Sempre il 6 gennaio, l’alta temperatura a Worcester ha raggiunto solo 6F (-14,4ºC), legando il precedente record per questa data del 1896. Alla fine della prima settimana di gennaio abbiamo avuto minimi storici da Richmond, VA a Boston, MA. 

La follia attorno al riscaldamento globale non ha limiti. 

Con il crollo delle temperature, il governo di New York sta tentando di spostare i costi del rafforzamento della città per i cambiamenti climatici (riscaldamento globale degli uomini) sulle cinque maggiori compagnie petrolifere quotate in borsa, che sostiene, 

“hanno fatto quasi tutto il possibile per creare questa minaccia esistenziale

Il fiume Hudson.

“Ghiaccio, ghiaccio, ghiaccio, a perdita d’occhio.”

Ricordo, prima che il riscaldamento globale diventasse la storia in cui oggi è il congelamento di Hudson. Questo è stato più di cinquanta anni fa e ora che abbiamo registrato temperature molto elevate si è nuovamente congelato. 

Nei Grandi Laghi vediamo un drammatico cambiamento di copertura del ghiaccio alla fine della prima settimana di gennaio. L’aria anormalmente fredda non ci sta solo congelando. Sta causando rapidamente l’espansione della copertura di ghiaccio sui Grandi Laghi.

Tutti i Grandi Laghi hanno oggi più del doppio della quantità di copertura di ghiaccio rispetto alla media a lungo termine, ad eccezione del Lago Superiore.

  • 2018 – 30% 
  • 2017 – 9% 
  • 2016 – 2%

Spostandoci molto più a sud vediamo che nel Messico normalmente caldo il Segretariato della Protezione Civile di Città del Messico ha attivato l’allarme rosso per sei distretti:

  • Álvaro Obregón 
  • Cuajimalpa 
  • Magdalena Contreras 
  • Milpa Alta 
  • Tláhuac 
  • Tlalpan, 

… dove le temperature scenderanno tra -1 e -4 gradi Celsius.

Il Segretariato ha emesso un avviso arancione per gli altri 10 distretti,

  • Azcapotzalco 
  • Benito Juárez 
  • Coyoacán 
  • Cuauhtémoc 
  • Gustavo A. Madero 
  • Iztacalco 
  • Iztapalapa 
  • Miguel Hidalgo 
  • Venustiano Carranza
  • Xochimilco,

… dove le temperature dovrebbero essere comprese tra 0 e 3 gradi Celsius, ha invitato così la popolazione a prendere precauzioni.

Certo, sembra che ci sia una tendenza al riscaldamento …! Sta diventando sempre più freddo, anche se la tendenza è stata ovvia per quasi 10 anni, fatta eccezione per persone, Presidenti e Papi che non hanno idea di come guardare le cose con attenzione.

L’umanità in generale ha un problema con l’ascolto e si estende non solo all’ascolto delle persone nelle nostre vite, ma agli scienziati e agli eventi che parlano da soli.

Guardando attentamente a come stanno i media

The Independent in the United Kingdom scrive,

“Mentre il freddo pungente continua a catturare gran parte del Nord America e aiuta a generare la feroce tempesta lungo la costa orientale, sorge la domanda:

Qual è l’influenza del cambiamento climatico? 

Alcuni scienziati che studiano la connessione tra cambiamenti climatici e periodi di freddo, che si verificano quando l’aria artica scende verso sud, affermano che potrebbero essere correlati.

Ma l’importanza della relazione non è ancora del tutto chiara.”

Il freddo record ovviamente rappresenta un cambiamento climatico.

Il clima della terra cambia di giorno in giorno, di anno in anno e di secolo in secolo. Abbiamo visto durante la storia della Terra drammatici cambiamenti climatici. Gli artisti del periodo moderno hanno cambiato il significato del clima e i suoi cambiamenti naturali e naturali ridefinendo i cambiamenti climatici per significare che l’uomo ha creato il riscaldamento globale.

Armstrong Economics la mette così,

“Quando il tempo va contro il riscaldamento globale, lo trasformano in volatilità e affermano che il freddo è ora il sottoprodotto del riscaldamento globale”.

L’Independent continua a dire,

“La ragione per cui una connessione diretta tra il freddo e il riscaldamento globale è ancora in discussione, dicono gli scienziati, è che ci sono molti altri fattori coinvolti.

Le temperature oceaniche nei tropici, l’umidità del suolo, la copertura nevosa, persino la variabilità naturale a lungo termine dei grandi sistemi oceanici possono influenzare la corrente a getto “.

Si noti che non dicono nulla del sole, che detiene l’influenza più potente sul clima della terra.

Conclusione

Più disperati i democratici liberali diventano per vendere la loro agenda sul clima al popolo americano, più i loro argomenti diventano strani e insensati.

Potremmo anche chiamare i democratici il partito dell’odio perché odiano chiunque non sia d’accordo con loro e il loro più alto di quanto il grattacielo stia sopra il tempo o qualsiasi altra cosa per quella materia.

La natura ha i suoi piani per coloro che voltano le spalle alla verità.

L’élite ricca, che ovviamente è dietro i temi principali presentati al pubblico, dovrebbe avere paura, non solo per la rovina finanziaria che stanno costruendo sul mondo, ma per la loro truffa contro le realtà della Natura. 

http://www.bibliotecapleyades.net/ciencia3/ciencia_climatechange125.htm

Il Culto dei Globalisti Organizzati

Sono i globalisti il male o sono io che ho mal interpretato?

di Brandon Smith 

Recentemente ho ricevuto richieste da due lettori diversi, uno per chiedere articoli sulla copertura della “mentalità” dei globalisti (perché fanno quello che fanno), e un’altra richiesta di articoli sulla copertura “dell’occultismo.” Per alcuni motivi, trovo che questi due argomenti per un gran numero di persone siano molto difficili da trattare:

1) Molte persone non accettano la realtà che un gruppo di elitisti finanziari collusi (che cospirano) possano ottenere un esistente e totale potere globale. Pertanto, al fine di approfondire il tema della mentalità globalista con questi “scettici”, avrei prima dovuto riempire pagine e pagine di prove che dimostrano che non solo esistono e colludono, ma che si vantano apertamente e regolarmente dei loro piani. Questo, in termini di tempo, per non aggiungere altro.

2) Per alcune delle persone, che alla fine accettano la realtà di una cabala globalista, alla fine dell’argomento emerge che “sì, c’è la collusione, ma è semplicemente guidata da avidità e profitto,” e non come possiamo immaginare sia una nefasta cospirazione, ma è una cospirazione fatta di carta stagnola o di un cappellaio-matto.

3) Per gli altri, c’è una piena accettazione della realtà di un culto globalista organizzato, queste persone sostengono che è semplicemente il prodotto di un sistema socio-politico corrotto e mal strutturato. Vale a dire, pensano che i globalisti siano un sintomo dei tanti problemi che affliggono l’umanità, piuttosto che una causa.

Questo argomento viene spesso fatto da persone che promuovono la propria agenda collettivista in una forma o nell’altra (socialisti, comunisti, dittature scientifiche controllate da persone presumibilmente molto più intelligenti rispetto al resto di noi, teosofici bizzarri in un mondo con una sola mente spiritualmente sgangherata, etc.). Essi sostengono un sistema nuovo, il loro sistema, e la loro soluzione è che sbarazzarsi dei globalisti, lascerebbe solo un “vuoto di potere” per ulteriori tiranni pronti a prendere il loro posto.

4) Infine, ci sono gli evangelici ossessionati e sempre alla ricerca di rivelazioni riguardo l’Armageddon. Accettano completamente l’esistenza dei globalisti, che cospirano a livello internazionale per acquisire potere e influenza verso l’obiettivo di un “nuovo ordine mondiale” e che essenzialmente nelle loro menti e intenzioni  esista il male. Tuttavia, essi sostengono che sia inutile lottare contro queste persone perché sono sostenute da un potere che gli deriva da qualche parte dell’aldilà, o addirittura sostengono che combattere contro i globalisti sia sbagliato, perché va contro il piano presentato nella Bibbia.

Quindi, come si può vedere, si tratta di un vero e proprio circo degli orrori ogni volta che scrivo a proposito di chi realmente sono i globalisti e che cosa vogliono veramente. Oltre a ciò, è molto difficile esaminare questo argomento, anche con ampie prove, senza andar fuori di testa. 

E’ abbastanza difficile convincere le persone della evidente crisi economica americana e del resto del mondo, e convincerli ad impegnarsi in un minimo sforzo per prepararsi, per non parlare di convincerli della natura psicopatica del piacevole culto delle élite dietro quella crisi. In altre parole, se ci si avvicina a qualcuno a digiuno di queste fredde informazioni, con racconti luciferini e/o pedofilia, e privati club tra le sequoie della California dove si trova un gigante gufo di pietra chiamata “Moloch”, probabilmente non verrete creduti.

Detto questo, molto rapidamente, mi rivolgo agli inevitabili argomenti sopra citati prima di iniziare la mia analisi della mente globalista.

1) Gli psicopatici tendono a gravitare naturalmente verso posizioni di potere, e nonostante alcune sciocche ipotesi, è là fuori che queste persone hanno un bel gioco forza con gli altri, lo fanno e agiscono insieme fino a quando vi è una garanzia di reciproco vantaggio.

Le Élites hanno cospirato nel corso della storia, questo è un fatto ben documentato. Trovo sorprendente che alcune persone non possano afferrare l’idea che potrebbero cospirare anche oggi. Se avete bisogno prove di tale collusione, siete invitati a leggere i miei articoli The Fall Of America segnali l’ascesa del nuovo ordine mondiale e l’ordine dal caos: la dottrina che governa il mondo. Se volete semplicemente sapere dove trovare queste persone guardate le appartenenze e le istituzioni destinate specificamente a promuovere il globalismo – Bilderberg, il Council on Foreign Relations, (CFR) Tavistock, la Commissione Trilaterale, il Club di Roma, Rand Corporation, il Fondo monetario internazionale, la Banca dei Regolamenti internazionali, ecc. Anche se spesso oscurano le loro intenzioni più dannose, i globalisti sono relativamente facili da trovare.

Si potrebbe sostenere che il problema della psicopatia organizzata non può essere affrontata se non si affronta la psicopatia dell’individuo. Mi dispiace dover dire che almeno il 10% della popolazione (secondo lo psicologo Carl Gustav Jung) e almeno, nell’1% dei casi ha elementi di innata psicopatia latente e attivamente psicopatica. Non potremmo mai rimuovere la psicopatia dall’umanità. Si tratta di una qualità innata. Però, quello che possiamo fare, è perturbare o distruggere le organizzazioni di persone che favoriscono ad allevare psicopatici. Il vero problema oggi e la psicopatia organizzata.

2) Se avete bisogno di convincenti prove che i globalisti non sono solo “capitalisti avidi” per accumulare capitali o fare soldi a spese del mondo, andate a vedere il mio articolo Elitismo Globale: tratti malevoli del carattere delle persone e leggete alcune delle citazioni direttamente attribuite a loro. Il loro obiettivo è quello di ottenere più possibile il potere sulle masse. Si vedono come Faraoni moderni, non come uomini d’affari. La ricchezza è il loro lato migliore. 

3) Nella storia, ci sono stati solo casi fugaci di società senza l’influenza onnipervasiva di elitarismo organizzato. Però, da questi casi minori, possiamo notare un forte potenziale umano, la produttività e l’invenzione, così come il maggiore rispetto per la coscienza intrinseca e la giustizia. Purtroppo, nessuno in passato ha mai preso l’iniziativa di rimuovere interamente come fattore di influenza i gruppi elitari.

Chiunque sostenga che i globalisti non siano altro che un “sintomo” sta probabilmente cercando di farla passare come un’ideologia piuttosto che trovare una vera soluzione. La questione sta nel fatto che, non abbiamo mai vissuto in un mondo senza l’influenza della cospirazione globalista. Essi sono come un cancro che si è trasformato in una religione psicopatica. La rimozione dei globalisti dovrebbe essere una priorità assoluta. Invece NO, il sistema sta per avere successo, a prescindere da come brillantemente viene concepito, a meno che gli elitisti siano fuori dal quadro.

Oserei dire che le persone che sostengono i globalisti non sono altro che un sintomo infatti, stanno aiutando i globalisti distraendo gli attivisti portandoli  lontano dal vero scopo che è portata di mano. Giocando con la filosofia e teoriche costruzioni della società, non cambierà in alcun modo la struttura del potere esistente, né sarà rimossa la canna della pistola puntata sulla testa, e come guardare sul fondo di un fosso che sta per diventare il nostro luogo di riposo finale.

4) La maggior parte della Bibbia è composta da storie con una buona  reputazione contro il male, e semplicemente non si può prendere seriamente chiunque lo sostenga. Io non credo nella modernizzazionelasciandoci alle spalle” le interpretazioni “dell’apocalisse“, anche se di fatto, diversi gruppi sono convinti che i tempi finali siano proprio dietro l’angolo. Francamente, in ogni caso, non si sa o saprà se un tale evento di proporzioni metafisiche si svolgerà.

Ora, io credo che lo spettro completo della crisi sociale sia al collasso, perché questi eventi si sono succeduti più e più volte e ragionevolmente possono anche essere previsti secondo gli indicatori del passato. Credo anche che la fase degli eventi del crolli attuali siano pieni di tali indicatori, crolli che oggi si stanno svolgendo in più fasi. So anche che ci sono gruppi di élite ingegnerizzata legata a questo crollo e so esattamente il perché, perché hanno ammesso apertamente i loro obiettivi (leggere il mio articolo dove viene spigata La Fine Economica dei giochi). L’Apocalisse non è la mia preoccupazione. Giusta o sbagliata che sia, la mia preoccupazione è la giustizia e la tirannia. Lascio il resto a esseri più  onniscienti e onnipresenti.

Il problema che dobbiamo affrontare è organizzato male

Ora che le domande di cui sopra sono state formulate, siamo in grado di saltare al nucleo del problema. Certamente ll cuore del problema non è il “sistema” in cui viviamo per sé, o la nostra metodologia di vivere e progredire come specie. Anche in questo caso, ci sono troppe teste d’uovo nel movimento della libertà che piace fingere di avere grandi e ingegnosi nuovi modi di guardare il mondo, e se solo si “ascoltasse la loro brillante visione” tutto cambierebbe per il meglio. Quando ci si mette a discutere delle loro filosofie, ci si accorge che molto spesso non hanno nuove idee di sorta, o che le loro idee non possono essere implementate perché non hanno affrontato l’elefante che si trova nella stanza – i globalisti.

La filosofia senza risultati di azioni concrete verificabili, è in definitiva inutile di fronte al vero male. I guerrieri intellettuali raramente vincono le guerre, ma essi spesso muoiono orrendamente come risultato delle loro ingenuità e difese.

Per rispondere alla domanda nel titolo di questo articolo, possiamo dire sì, i globalisti sono infatti il male e le uniche incomprensioni sono da attribuire da parte degli scettici, con gli occhi spalancati hanno acquisito l’idea che “il male” è una concezione morale creata dalla religione piuttosto di una qualità intrinseca negli esseri umani. 

Come quello che ha scoperto Carl Jung nei suoi studi sull’inconscio collettivo, le persone nascono con le concezioni e le caratteristiche intrinseche e conflittuali, o “dualità.” Il Bene contro il male è una dualità importante che appartiene a tutti noi quando veniamo al mondo, non è un mero prodotto di ambiente o di influenza religiosa. Ciò che è “buono” è spesso dettato da ciò che chiamiamo “coscienza”, che ancora una volta è un’idea intrinseca o “voce”, ed è solo parzialmente influenzata dall’ambiente. Il fatto di tratti caratteriali inerenti e codici morali universali è presente negli studi antropologici, nonché studi psicologici al di là del molto ampio lavoro di Jung. 

Per definire il male, dovremmo guardare quelle idee e azioni che sono di fronte alla inerente coscienza. I globalisti hanno sostanzialmente costruito un sistema di “credenze infette” intorno a tutto ciò che è contrario alla nostra bussola morale. Cercherò di sezionare alcuni elementi di quel sistema di credenze da un punto di vista laico. Auguratemi buona fortuna…

Occultismo

Occultismo in sé non è necessariamente il “male”, significa solo “conoscenza segreta”. Ma la storia dell’occultismo è afflitta da azioni piuttosto malevoli e conseguenti atteggiamenti. John F. Kennedy una volta ci ha avvertito di società segrete e procedimenti segreti, e con buona ragione. Per migliaia di anni, gruppi occulti hanno spesso spesso trattenuto conoscenze preziose lontano dalle masse come mezzo per influenzare il comportamento e controllare la direzione della società. Di questa “magica conoscenza nessuno doveva esserne messo al corrente, qualunque cosa significasse. Di solito questa magia, era legata alla conoscenza scientifica o psicologica.

Diciamo, per esempio, che un gruppo di elitisti avesse trattenuto questa  dettagliata conoscenza legata ad un incombente collasso economico, questa conoscenza avrebbe dato loro un senso di superiorità e un vantaggio che gli avrebbe permesso di sfruttare e ottenere il potere sugli altri. Spesso, la conoscenza occulta, conoscenza segreta, è guidata dal desiderio egoistico di un gruppo per mantenere un senso di dominio su altri. È il male che trattiene la conoscenza che potrebbe salvare la vita per il bene auto-elevandola? Direi assolutamente di sì.

L’occultismo può anche portare a tentazioni della sempre crescente criminalità. Se gruppi di persone in posizioni di potere mantengono una macchina ben oliata di segretezza che mette un velo scuro sul loro comportamento, una macchina che permette di coprire le loro rispettive azioni per garantire l’assenza di ripercussioni da parte di estranei, è solo una questione di tempo prima che la mancanza di trasparenza apra una porta ad un male maggiore. Un atto malevolo lasciato impunito tende ad avallare e praticare impunemente molti futuri atti malevoli.

IL Culto di Lucifero

Quindi sì, è quasi impossibile affrontare questo argomento per le persone che non hanno già familiarità con esso senza passare per pazzi. Ma, come già detto, mi prenderò una feroce critica da persone inconsapevoli.

I non globalisti credono davvero in un diavolo con corna, zoccoli e forcone? Io davvero non lo so. Quello che so è che molti di loro credono nelle idee che stanno dietro alla mitologia delle figure (anche Saul Alinsky ha dedicato nel suo libro le sue regole per i radicali a Lucifero). 

La mitologia di Lucifero è un atto di ribellione, una ribellione contro il Dio cristiano. Ma queste come si traducono in un comportamento elitario? Essi definiscono la bussola morale della coscienza intrinseca nei controlli ed equilibri messi in atto da Dio? Come una “restrizione” o l’imprigionamento del singolo, e sembrano stimare solo individui di chi cerca la propria “divinità”.

Il modo in cui danno valore i sostenitori della libertà individuale è molto diverso dai valori elitari dell’individualismo.

Lucifero, come una figura archetipica, rappresenta una ribellione contro quasi tutto, compresa la natura. Naturalmente, la natura non è un giocattolo per essere giocata egoisticamente, perché, inevitabilmente si traduce in catastrofe. La bussola morale è una guida che mantiene l’umanità dal distruggere se stessa, e senza di essa la caduta della civiltà è inevitabile. Il Culto di Lucifero, per lo meno, favorisce tendenze distruttive e la ribellione contro il tessuto dell’umanità. Con queste persone al timone di intere nazioni, milioni se non miliardi di innocenti soffriranno nel percorso bruciato dalle élite che cercano di ribellarsi contro agli inerenti confini morali e naturali in quanto giocano un ruolo in un sogno ad occhi aperti, l’ignorante del culto dell’eroe satanico, e questo è senza dubbio un male.

Fai ciò che vuoi

Questa ideologia pop-up, viene attribuita a Aleister Crowley, un satanista auto-professato, nei circoli globalisti e icone della cultura pop allo stesso modo. Gli apologeti di Crowley spesso sostengono che la citazione è presa e fa riferimento alla “legge dell’amore.” Ma l’amore di che cosa? L’amore per gli altri, o l’amore di se stessi? Fai ciò che vuoi, purché non danneggi gli altri, o fare ciò che vuoi senza badare alle conseguenze?

La seconda interpretazione che chiaramente i globalisti hanno preso a cuore è quella che gli elitisti trattano costantemente le masse umili come parassiti che devono essere sterminati per il bene del pianeta (per i propri divertimenti), vedo poche indicazioni che essi abbiano la capacità di concepire l’amore, per non parlare di adottare una filosofia damore. Fai ciò che vuoi, era originariamente l’idea prevista, ma è diventata una razionale propensione globalista di schiacciare gli altri in nome della “grandezza”.

IL Relativismo morale

Le persone malvagie, come si potrebbe pensare, non sono immuni al giudizio altrui. In realtà, molti di loro diventano un po’ ossessivi nel fare accettare alle persone quello che fanno o addirittura lodando le cose che fanno. Posso solo teorizzare che, se nella loro mente tutti gli altri sottoscrivessero questo comportamento del male, allora non sarebbe più il male, ma un normale comportamento.

Il relativismo morale è l’atto di razionalizzare il male in un processo distruttivo, sostenendo che un risultato positivo o un’intenzione lava via la responsabilità. Il fine giustifica i mezzi. Le conseguenze delle azioni dei globalisti non potrebbero interessare di meno agli altri, ma fanno sentire il bisogno di giustificare tali azioni in modo che la gente si abbracci. Dalle mie osservazioni, la maggior parte della propaganda globalista ruota interamente attorno al concetto di relativismo morale e la menzogna e che il bene è solo una percezione, mentre il male è una “zona grigia”, o un’illusione. Come dice Kevin Spacey nel film I soliti sospetti “, il più grande inganno che il diavolo abbia mai fatto è stato quello di convincere il mondo che lui non esiste …”

La soluzione

Come affermato in precedenza, in realtà non importa quale tipo di sistema sociale implementiamo. E davvero non importa che tipo di modello economico impieghiamo. In verità, non importa come troviamo il modo per promuovere su vasta scala il pensiero illuminato. Niente di tutto questo è importante, se non  confrontiamo il male organizzato della cabala globalista.

E’ interessante notare come molte persone difficilmente si sforzino per evitare di riconoscere la lotta che sta arrivando, “fraintendendo o reputandole “non importanti” le nozioni dei globalisti, aggrappandosi nel grande schema delle cose. 

Mentre sto lavorando nel promuovere modelli commerciali locali alternativi di sicurezza attraverso squadre e comunità di preparazione, accetto anche che questi sforzi siano una mezza misura; mera preparazione di un inevitabile conflitto tra le persone che detengono il contenuto della loro cara coscienza (coloro che vedono il principio di non aggressione come parte integrante di una civiltà libera e sana) ed i globalisti, che non detengono nulla di caro che possa essere accettato, sia nel loro culto e le loro ambizioni.

Il male è una parte di ogni essere umano, proprio come il bene è una parte di ogni essere umano. Si tratta di una battaglia, una lotta che appartiene a tutti noi che lottiamo fino al giorno della nostra morte. Ma il male organizzato è qualcosa di completamente diverso. Non è qualcosa che dobbiamo tollerare, è qualcosa che possiamo cambiare. Fino a quando non viene cancellato dalla nostra società, anche altre soluzioni possono essere ricercate. Pertanto, la soluzione inizia con la fine del male organizzato, ed è una soluzione che ho intenzione di mettere in atto a modo mio. La soluzione inizia con l’eliminazione dei globalisti.

Si può leggere di più su Brandon Smith al suo sito Alt-Market.com.

LINK

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da