Crea sito

SONO PASSATI DAL PANICO APOCALITTICO PER COMPLETARE IL SILENZIO

Bill Gates, il CDC, Fauci e Birx ora sono completamente silenziosi sui disordini della corsa di massa in tutta l’America dimostra che il blocco di COVID-19 è stato una truffa totale

Bill Gates è rimasto in silenzio, Anthony Fauci è scomparso, il Dr. Birx è diventato AWOL, ma non preoccuparti, torneranno prima che tu lo sappia.

Ma adesso devono tacere per permettere alle rivolte razziali di terrorizzare le persone e di farci paura, così che quando arriverà il secondo blocco continueremo a obbedirle.

Questo è il gioco, questo è il piano. Se non sei malato, ogni volta che indossi la maschera, le stesse maschere indossate dai terroristi ANTIFA , stai permettendo loro di controllarti.

Gates, Fauci e Birx sono quelli che hanno chiesto che l’economia venisse chiusa, hanno chiesto che gli americani fossero bloccati e ora sono rimasti in silenzio mentre i rivoltosi violentano, saccheggiano e saccheggiano.

Se non sei malato, ogni volta che indossi la maschera, le stesse maschere indossate dai terroristi ANTIFA, stai permettendo loro di controllarti.

Da metà marzo fino a circa 9 giorni fa, c’era un messaggio persistente e coerente trafitto nelle nostre teste tutto il giorno – non è sicuro uscire fuori.

COVID-19 si stava diffondendo più velocemente di quanto potesse essere contenuto, dissero, e l’unico rimedio era un blocco totale dell’economia e della gente.

Aggiornamenti di notizie senza fiato da Bill Gates, CNN, CDC, OMS, Fauci e Birx ci hanno fatto credere che equivarrebbe a un omicidio riunirci in gruppi. A meno che, ovviamente, tu non volessi prendere parte ai disordini delle gare.

“Una cosa meravigliosa e orribile è stata commessa sulla terra; I profeti profetizzano falsamente e i sacerdoti portano il governo con i loro mezzi; e la mia gente ama averlo così: e cosa farai alla fine? ” Geremia 5: 30,31 (KJB)

Prima era volontario, poi era obbligatorio. Poi sono arrivati ​​i disordini della competizione di George Soros e proprio così, il blocco COVID-19 era finito. È un miracolo di Natale! ANTIFA e Black Lives Matter hanno curato il coronavirus!

Lungi dall’essere un miracolo, le élite del Nuovo Ordine Mondiale sono semplicemente passate dall’opprimerci bloccandoci al reprimerci permettendo alle rivolte razziali di consumare oltre 200 città e paesi americani.

Ci dissero che le chiese dovevano chiudere perché una stanza di 100 persone poteva diffondere il coronavirus a decine di migliaia. Così divertente, quando iniziarono le rivolte razziali, si riunirono in gruppi di migliaia non raccontati e nessuno disse una parola sul coronavirus.

Un giorno hanno arrestato i proprietari di negozi per aver osato riaprire le loro attività e il giorno successivo hanno permesso ai terroristi di ANTIFA e Black Lives Matter di bruciare le stesse attività a terra.

SONO PASSATI DAL PANICO APOCALITTICO PER COMPLETARE IL SILENZIO IL MOMENTO INIZIATO DALLA ROTTA DELLA COMPETIZIONE, PERCHÉ?

Bill Gates è rimasto in silenzio, Anthony Fauci è scomparso, il Dr. Birx è diventato AWOL, ma non preoccuparti, torneranno prima che tu lo sappia . Ma adesso devono tacere per permettere alle rivolte razziali di terrorizzare le persone e di farci paura, così che quando arriverà il secondo blocco continueremo a obbedirle.

Questo è il gioco, questo è il piano. Se non sei malato, ogni volta che indossi la maschera, le stesse maschere indossate dai terroristi ANTIFA, stai permettendo loro di controllarti.

Gates, Fauci e Birx sono quelli che hanno chiesto che l’economia venisse chiusa, hanno chiesto che gli americani fossero bloccati e ora sono rimasti in silenzio mentre i rivoltosi violentano, saccheggiano e saccheggiano.

CONTA IL NUMERO DI PERSONE IN PIEDI IN UN APPARTAMENTO DA 6 PIEDI IN QUESTO VIDEO

Dimmi, hai visto un modello del CDC o dell’OMS che prevede il destino e l’oscurità di decine di migliaia di rivoltosi che si incontrano tutti in un posto? No, no, COVID-19 è improvvisamente scomparso? Certo sembra. Benvenuti al grande ripristino.

Questo non si fermerà, non rallenterà nemmeno, le élite globali dietro questo colpo di stato hanno una cosa dopo l’altra in fila e in attesa di essere rilasciate.

Le elezioni a novembre?

Già fatto, il tuo voto non è necessario al processo. Togliti le maschere, gente, liberatevi dalle catene che abbiamo permesso loro di mettere su di noi.

Guarda le élite del Nuovo Ordine Mondiale per i patetici, ovvi bugiardi che sono.

Ehi, Bill Gates, stai leggendo questo? Vieni da me con il tuo vaccino pieno di veleno e il tuo ID digitale impiantabile, sono pronto per te. Così molto pronto.

“La mia amata è come una capriola o un giovane cervo: ecco, sta dietro il nostro muro, guarda le finestre, si fa vedere attraverso la grata.

La mia amata parla, e mi dice: Alzati, amore mio, mio ​​bello, e vieni via. ” Song Of Solomon 2: 9,10 (KJB)

Questo è #TheGreatReset . Sei stato avvertito.

Fonte: Nowtheendbegins.com

®wld

La società deil’Hunger Games – giochi della fame

 

La fiducia dietro il coronavirus 

– Covid-19 – bloccare il crollo economico – David Icke – 
 
18 marzo 2020 
dal sito Web di YouTube 
 
di Phillip Schneider 
21 marzo 2020 
dal sito Web PhillipSchneider

“Questa isteria di coronavirus 
dà loro una scusa per fare quello che stanno facendo, 
e le conseguenze di ciò che stanno facendo 
è smantellare il sistema economico mondiale”.   

 

Mercoledì scorso, David Icke è apparso come ospite sul Real di Londra per discutere della sua prospettiva sul coronavirus e sul blocco globale in corso proprio ora.

 

La maggiore implicazione, dice, è che mentre le persone sono in uno stato di paura, stanno permettendo passivamente di aumentare i controlli autoritari sulle loro vite e che questo nuovo potere non verrà tolto quando la crisi finirà.

 

I tipi di totalitarismo governativo che sono stati spinti in mezzo allo scoppio del coronavirus includono l’incoraggiamento a vaccinazioni senza contanti, obbligatorie e, soprattutto, vasti controlli economici che non abbiamo mai visto prima di questo evento.

“Il modo in cui l’intero sistema economico viene fermato è il suicidio. Cosa succede quando raggiunge un punto in cui nel suo stato attuale non può sopravvivere?” 

David Icke

Nella maggior parte degli Stati Uniti, i governi locali hanno chiuso ristoranti, bar, parrucchieri e caffetterie contro gli interessi degli imprenditori come mezzo per fermare la diffusione del coronavirus.

 

Di conseguenza, milioni di persone hanno già perso il lavoro e non sono sicuri se saranno in grado di pagare l’affitto. I governi sostengono che senza misure estreme, molti altri moriranno e i letti degli ospedali si riempiranno troppo.

“Devi mantenere la reazione in proporzione al problema”, dice David. “quindi forse è necessario fare di più in alcune parti d’Italia.”

David ha sostenuto per anni che l’élite finanziaria sta tentando di creare ciò che definisce la “società deil’Hunger Games”, dove la maggior parte delle persone vive in condizioni di povertà, mentre alcune al vertice godono di una vasta ricchezza e sono protette da uno stato di polizia che impone controlli rigorosi su la maggior parte delle persone.

“Questa società dei “giochi della fame” è progettata per non avere piccole imprese, né medie imprese a livello globale, ma solo società gigantesche che controllano e producono tutto …

 

Ciò che questa isteria di coronavirus sta creando è una situazione che si sta sviluppando a ore in tutto il mondo che sta distruggendo le piccole imprese, le imprese familiari e [anche] le medie imprese”

David Icke

È difficile essere in disaccordo sul fatto che il maggiore impatto del virus sarà economico e la spiegazione di David si adatta all’agenda globalista che così tanti patrioti e cittadini preoccupati hanno lavorato per esporre per diversi decenni:

La risposta al Coronavirus è il Nuovo Ordine Mondiale / Agenda 21

Puoi vedere l’intervista completa di seguito: 

 

video

 

Abbonati GRATIS al London Real per vedere l’episodio completo (durata 1:59:45) QUI

https://www.bibliotecapleyades.net/videos/truth-coronavirus-icke.webmClicca l’immagine per vedere il video…

 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

La fomentazione e ascesa del tecnopopulismo

 

Wikipedia Commons 

L’istabilità globale e l’ascesa del tecnopulismo

di Andy Langenkamp dal Sito Web TheHill traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese 

Andy Langenkamp è analista politico senior presso ECR Research e commentatore politico, specializzato nella valutazione delle ripercussioni sui mercati finanziari di eventi economici e geopolitici.

Le persone di sinistra si ribellano nelle strade di tutto il mondo per protestare contro qualsiasi status quo esistente, ma mentre si fondono inconsapevolmente con la tecnocrazia che potrebbero per principio anche odiare, stanno fomentando l’ascesa del tecnopopulismo.  

fonte

Il mondo sta diventando più instabile

Dalle nazioni in via di sviluppo ai paesi ricchi, le persone scendono in strada. 

Le proteste stanno portando a spargimenti di sangue dal Sud America all’Asia. Le ragioni delle proteste sono diverse, ma ci sono una serie di domande latenti:

Perché non tutti beneficiano in egual misura dell’aumento della prosperità?

Perché le nostre libertà sono colpite?

Perché le élite politiche si arricchiscono?

Le manifestazioni e il profondo malcontento possono essere ricondotti alla crisi del neoliberalismo e alla risposta populista a questo. 

Le proteste possono quindi essere viste come una faccia della medaglia, con l’altra che è la cuspide dell’America corporativa che chiede un focus oltre l’onnipotente azionista. 

Ad agosto, la Business Roundtable (BR) ha preso le distanze dall’adagio secondo cui l’unica ragione di esistenza delle società è quella di soddisfare i propri azionisti, sostenendo che anche gli interessi dei dipendenti, dei clienti e della società nel loro insieme dovrebbero avere un posto di rilievo nelle operazioni del mondo degli affari.

L’appello di BR arriva quando le élite imprenditoriali temono che i governi e le popolazioni prendano in mano la situazione, ad esempio attraverso imposte molto più elevate su profitti, espropri, frazionamento di società, ecc.

In sostanza, la più importante questione politico-economica contemporanea è come riunire tre obiettivi nel miglior modo possibile:

  • crescita economica ragionevole o elevata
  • una divisione più equa della prosperità (è ovviamente possibile discutere all’infinito di ciò che è giusto)
  • la protezione della terra, in modo che anche le generazioni future possano condurre una vita buona

Il populismo potrebbe offrire qualcosa di buono in questo senso, se ha davvero svegliato l’élite e incoraggiato le riforme prima che l’intero sistema minacci di essere abbattuto.

La storia degli Stati Uniti ce lo dimostra…

Alla fine del 19°secolo, la disuguaglianza era sfuggita al controllo. Il passaggio da una società agricola a una industriale ha fatto sì che in particolare molti agricoltori finissero in bancarotta.

Una depressione di 10 anni, dal 1873 in poi, causò ancora più sofferenza. Il governo era abbastanza impotente e fece poco.

L’emergente ondata di populismo ha trovato la sua espressione nel Partito Popolare, noto anche come Partito Populista, e nel suo programma di partito, la Piattaforma Omaha del 1892 c’era il seguente frammento:

Ci troviamo nel mezzo di una nazione portata sull’orlo della rovina morale, politica e materiale.

La corruzione domina l’urna, le legislature, il congresso e tocca persino la veste d’ermellino. 

Le persone sono demoralizzate…

Le istituzioni erano molto preoccupate.

Per molto tempo, è parso che il Partito Populista fosse sulla buona strada per prendere il potere, ma è crollato.

Tuttavia, ha aperto la strada alle riforme delle istituzioni politiche ed economiche da parte dei presidenti Roosevelt, Taft e Wilson, che hanno contribuito a rendere la democrazia capitalista più gratificante per le masse e a prevenire il collasso dell’intero sistema.

In questo senso, il populismo è radicato nella democrazia ed è forse un meccanismo di correzione necessario.

Come affermano Daron Acemoglu e James A. Robinson:

Quando lo stato e le élite diventano troppo potenti, aprono la strada al dispotismo che mette a tacere o costringe gli altri a seguirlo (pensate alla Cina).

Ma… quando quelle che non sono élite diventano troppo potenti, il risultato non è la libertà ma lo sgregamento dello stato.

Mentre disobbediscono e smantellano le istituzioni statali, quelle istituzioni si atrofizzano, le leggi diventano inefficaci, la libertà viene erosa e le funzioni chiave del governo sono emarginate.

Il pendolo oscilla continuamente avanti e indietro tra la troppa potenza dell’élite e la ribellione delle masse.

È importante seguire una via di mezzo – con l’elite insediata in modo abbastanza sicuro tanto da facilitare il corretto funzionamento delle istituzioni della democrazia capitalista, ma non nella misura in cui prevalgano il clientelismo e la corruzione.

Allo stesso tempo, la società nel suo insieme dovrebbe beneficiare sufficientemente della crescita della prosperità ed essere sicura nella consapevolezza di poter chiamare l’élite a renderne conto quando è necessario. Le parti si sono allontanate troppo da questo corso intermedio.

– Da un lato, c’è il campo con un atteggiamento TINA(There Is No Althernative):

non esiste alternativa alla democrazia liberale.

A volte sono diventati ciechi ai lati oscuri della democrazia liberale, e questo ha portato a una tecnocrazia che è sfuggita al controllo, con i politici che sono essenzialmente manager

– D’altra parte, hai i nazionalisti come contromovimento, che si stanno spostando verso l’autoritarismo in molti luoghi costringendo i giudici a ritirarsi, soffocando la stampa e inclinando il campo da gioco in modo permanente contro gli avversari.

Molte delle attuali proteste in tutto il mondo sono il risultato di sistemi politici che offrono risposte inadeguate agli eccessi e agli spiacevoli effetti collaterali della globalizzazione, del libero mercato e delle burocrazie soffocanti.

Le persone stanno cercando febbrilmente modi di conciliare crescita, maggiore uguaglianza e sostenibilità in un’era di globalizzazione, l’enorme potere delle multinazionali e le forme di corruzione del vertice che sono chiaramente più visibili grazie a Internet e ad altre tecnologie moderne, mentre le proteste possono anche guadagnare slancio più facilmente.

Un’interazione negativa nasce tra più disordini e una crescita globale bassa persistente.

L’FMI e altre organizzazioni hanno continuato a ridurre le previsioni di crescita. Il dollaro si rafforzerà a medio termine, in parte a causa dello status di bene rifugio sicuro che ha ancora. Anche i prezzi delle materie prime continueranno ad essere sotto pressione.

Ciò è sfavorevole a molti mercati emergenti che sono già colpiti dalla turbolenza:

dipendono generalmente dalle esportazioni di materie prime e hanno stipulato enormi quantità di prestiti in dollari, il che rende i loro debiti sempre più difficili da sopportare.

Questo crea ancora più insoddisfazione e minaccia di innescare un circolo vizioso.

Inoltre, perché queste economie emergenti hanno popolazioni molto giovani e i giovani hanno maggiori probabilità di scendere in piazza.

Poi è probabile che la frustrazione continui ad aumentare, poiché l’ascesa democratica si è arrestata in tutto il mondo e le proteste sono certamente aumentate, ma il loro tasso di successo è diminuito enormemente.

Due decenni fa, sette proteste su 10 che chiedevano grandi riforme hanno portato a cambiamenti. 

Dalla metà del decennio precedente, questa percentuale è scesa costantemente al 30 percento.

L’instabilità mondiale crea anche ancora più incertezza tra multinazionali nei paesi occidentali sulla sostenibilità delle catene di produzione internazionali.

Questo li costringe a continuare a ridurre gli investimenti e assumere meno nuovo personale.

Chiaramente, a questo punto, gli sviluppi politici globali indicano un rafforzamento della pressione al ribasso sulla crescita economica invece di agire come fattori scatenanti per affrontare la debole crescita in misura sufficiente.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld 

Le fatiche di Sisifo

Sisifo spinge faticosamente il masso in cima alla montagna delle proprie ambizioni; la pietra cade inesorabilmente dall’altro versante, verso gl’inferi. Sisifo ricomincia l’assurda fatica.

Propaganda e post-verità 

 di Thierry Meyssan  

Ormai da diciott’anni discutiamo della strana trasformazione dei media, che sembrano attribuire sempre meno valore ai fatti. Ascriviamo la causa del fenomeno alla democratizzazione dei mezzi di comunicazione, dovuta all’avvento dei social-network. La qualità dell’informazione sarebbe precipitata perché chiunque ormai può improvvisarsi giornalista. Il diritto di esprimersi dovrebbe perciò essere opportunamente riservato alle élite. E se fosse vero l’esatto contrario? Se l’auspicata censura non fosse in realtà una risposta al fenomeno, bensì ne fosse l’evoluzione?   

Propaganda  

Nei sistemi in cui il potere ha bisogno della partecipazione del popolo, la propaganda ha lo scopo di ottenere l’adesione del maggior numero possibile di persone a un’ideologia e di mobilitarle per metterla in pratica.  

I metodi di convincimento sono gli stessi, vengano essi usati in buona o malafede. Nel XX secolo i primi teorici del ricorso alla menzogna e alla reiterazione, nonché all’eliminazione dei punti di vista che si scostano dall’opinione corrente e all’irreggimentazione in seno a organizzazioni di massa, sono stati il deputato britannico Charles Masterman, il giornalista statunitense George Creel e, soprattutto, il ministro tedesco Joseph Goebbels, con le devastanti conseguenze che conosciamo [1]. Per questo, alla fine della seconda guerra mondiale, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato tre risoluzioni di condanna dell’uso deliberato da parte dei media di menzogne al fine di provocare guerre, e a ingiungere agli Stati membri di vegliare sulla libera circolazione delle idee, unico antidoto all’intossicazione delle menti [2].  

Le tecniche di propaganda perfezionate negli ultimi 75 anni, utilizzate in ogni conflitto internazionale, sono ora progressivamente sostituite da nuove tecniche d’influenza, da utilizzare nei Paesi in situazione di pace: non si tratta più di convincere le persone ad aderire a un’ideologia e ad agire al servizio del potere, si tratta invece di dissuaderle dall’intervenire, di paralizzarle.  

Una strategia che si conforma a un’organizzazione della società “democratica”, dove il pubblico ha facoltà di sanzionare il potere, un fatto in altre epoche raro.  

Una strategia che si diffonde da 18 anni con la “Guerra al terrorismo”. Espressione di cui numerosi intellettuali hanno rilevato l’assurdità: il terrorismo non è un nemico, bensì una tecnica militare. Come si può fare guerra alla guerra? Benché all’epoca non lo avessimo capito, l’invenzione di questa paradossale locuzione mirava a instaurare l’epoca della post-verità.
Post-verità 
 

Prendiamo l’esempio della recente esecuzione di Abu Bakr al-Baghdadi. Sappiamo che una squadriglia di elicotteri non può attraversare, volando raso terra, il nord della Siria senza essere né vista dalla popolazione né intercettata dai sistemi antiaerei russi. Quel che ci hanno raccontato è chiaramente impossibile. Ciononostante, lungi dal mettere in discussione quel che noi bolliamo come propaganda, ci ritroviamo a discutere per scoprire se il califfo, acculato dalle forze speciali USA, si sia fatto saltare in aria con due piuttosto che con tre bambini. 

In altri tempi saremmo stati tutti d’accordo nel dire che, se un elemento essenziale della narrazione è inverosimile, non possiamo prendere per buoni gli altri elementi del racconto, a cominciare, nel caso citato, dalla morte stessa del califfo. Ora invece i nostri meccanismi mentali sono cambiati: accettiamo che un elemento fattuale sia stato falsificato a priori per ragioni di sicurezza nazionale e consideriamo il resto della storia autentico. Alla fine dimenticheremo la diffidenza suscitata da questo o quest’altro elemento e verseremo fiumi d’inchiostro per raccontare una bella storia, costruita sugli elementi più inverosimili.  

In altre parole, ci rendiamo istintivamente conto che la narrazione non relaziona fatti, ma veicola un messaggio. La nostra mente non esamina elementi, bensì assorbe il messaggio veicolato: anche Abu Bakr al-Baghdadi, come Osama Bin Laden, è stato giustiziato. Che la Forza sia sempre dalla parte degli Stati Uniti d’America.  

Per spostare la nostra coscienza dai fatti al messaggio, gli speech writer sono costretti a diffondere una narrazione incoerente. Non commettono un ulteriore infelice errore, ma soddisfano un’esigenza tecnica del loro lavoro.  

Nella propaganda classica si cercava di costruire storie coerenti, anche mascherando o travisando fatti. Ora non più. Non si cerca di persuadere con storie ben architettate, manipolando all’occorrenza e a proprio piacimento la realtà, bensì ci si rivolge a uno strato di coscienza intermedio, permeabile ai messaggi. Siamo consapevoli che la faccenda degli elicotteri è impossibile, tuttavia possiamo ragionare eliminando questo elemento dal campo della coscienza. Parte del nostro cervello è inibita.   

Mentiamo a noi stessi.   

Nella cronaca degli ultimi anni possiamo trovare numerosissimi esempi di come sia stata usata questa tecnica di condizionamento. Tutti quelli che potrei citare irriterebbero la maggior parte dei lettori perché ogni esempio implicherebbe il prendere atto di essere stati raggirati con la nostra stessa complicità. Detestiamo venir messi di fronte ai nostri errori.  

Mi limito a un solo esempio, non recente ma fondamentale, che ancor oggi svolge ruolo di primaria importanza. Dopo gli attentati dell’11 Settembre le compagnie aeree pubblicarono immediatamente le liste d’imbarco complete dei passeggeri e del personale deceduto. Due giorni dopo il direttore dell’FBI raccontò la storia dei dieci pirati dell’aria, autori, lui disse, degli attentati. Ebbene, secondo la testimonianza a caldo delle compagnie aeree, nessuno di costoro si era imbarcato su uno dei quattro aerei. La versione dell’FBI è quindi impossibile. Eppure, diciotto anni dopo stiamo ancora discutendo della personalità degli “attentatori”.  

Antidoto  

Da 18 anni ci viene spiegato che, con la possibilità offerta a tutti di esprimersi su un blog o su un social-network, il progresso della tecnica ha svalutato la parola pubblicamente profferita. Chiunque può dire qualunque cosa gli passi per la testa. In altri tempi soltanto gli uomini politici e i giornalisti professionisti avevano la possibilità di esprimersi pubblicamente. Prestavano attenzione alla qualità dei contenuti dei loro discorsi e di quanto scrivevano. Oggi il vulgus pecus, il popolo ignorante, prende lucciole per lanterne e diffonde fake news.  

Quel che accade è esattamente l’opposto. Uomini politici di primo piano, a cominciare dal presidente George Bush Jr. e dal primo ministro britannico Tony Blair, hanno tenuto discorsi incoerenti per inibire le reazioni del pubblico in generale e dei loro elettori in particolare: una tecnica che sostituisce l’assurdo alla verità, come altri in precedenza alla verità sostituivano la menzogna. Una tecnica che ha distrutto il funzionamento di sistemi democratici, che il comune mortale tenta di ripristinare con i mezzi di cui dispone.  

Nelle reti televisive catodiche le righe di scansione dell’immagine sono 625. Basta che una sola di queste righe sia disturbata perché l’intera immagine si offuschi. In base allo stesso principio, basta un unico punto di vista discordante perché le menzogne diffuse da una propaganda onnipresente balzino agli occhi. Per questa ragione la propaganda menzognera esige una censura implacabile. Ma se la menzogna introduce volontariamente nel discorso un’incoerenza, facendola risaltare, non bisogna censurare i punti di vista alternativi. Al contrario bisogna lasciare che si esprimano al fine di sfruttarli, bollandone pubblicamente alcuni come fake news.  

L’antidoto alla post-verità non è la verifica dei fatti – da sempre appannaggio di giornalisti e storici – bensì il ristabilimento della logica. Per questo motivo oggi sta prendendo piede una nuova forma di censura. La maggior parte degli utilizzatori di Facebook si sono visti disconnettere, senza tuttavia capirne, in numerosissimi casi, la ragione. Invano hanno cercato di scoprire quale parola proibita il sistema avesse scovato, o quale presa di posizione incivile avesse censurato un vigilante. In realtà quel che spesso è loro rimproverato, nonché arbitrariamente sanzionato, è il ripristino della logica nel ragionamento.   

Thierry Meyssan 

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo 

Fonte: https://www.voltairenet.org/

 

®wld

Giappone: nuovo sistema educativo, con solo cinque materie

globaleducation60_01_small

Il Giappone rende ufficiale il sistema che forgia Elite s di esseri umani – nuovo sistema educativo

di Gabriel J. Perea R. 04 Giugno 2018 dal Sito Web ElistMopty contributo di Evelyn Lineth Vargas – Psicologa traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo

Il Giappone rende ufficiale il Sistema che forgia Elites di Esseri Umani. – “Cambiamento Coraggioso” (Futoji no henko) –

In Giappone si sta provando un piano pilot rivoluzionario chiamato “Cambiamento Coraggioso” (Futoji no henko), basato sui programmi educativi:

  • Erasmus
  • Grundtvig
  • Monnet
  • Ashoka
  • Comenius…

E’ un cambiamento di concetti che rompe tutti i paradigmi.

E’ talmente rivoluzionario che forma i bambini com “Cittadini del mondo” e non come giapponesi. Capiranno e accetteranno diverse culture e i loro orizzonti saranno globali, non nazionali.

Pensate che questo cambiamento sta accadendo in uno dei paesi più “tradizionalisti” del mondo.

Il programma di 12 anni si basa sui concetti:

  • Zero materie collaterali
  • Zero compiti
  • E hanno solo 5 materie che sono:
  1. Aritmetica per Affari

Le operazioni di base e l’uso di calcolatrici finanziarie.

  1. Lettura

Iniziano aleggere un foglio al giorno del libro che ogni bambino sceglie finiscono a leggere un libro a settimana.

  1. Educazione Civica

S’intende il rispetto totale delle leggi, del valore civile, l’etica, il rispetto delle norme per la convivenza, la tolleranza, l’altruismo e il rispetto per l’ecologia e l’ambiente.

  1. Informatica

Office, Internet, reti e affari on line.

  1. Lingue

4 o 5 Alfabeti, Culture, Religioni, tra queste qulla giapponese, latina, inglese, tedesca, cinese, araba; con viviste per soacializzare con lo scambio tra famiglie durante l’estate.

Quale sarà il risultato di questo programma?

Giovani che a 18 anni parlano 4 lingue, conoscono 4 culture, 4 alfabeti.

  • Sono esperti nell’uso di computer e cellulari come strumenti di lavoro.
  • Leggono 52 libri ogni anno.
  • Rispettano la legge, l’ecologia e la convivenza.
  • Maneggiano l’aritmetica per gli affari e la finanza a menadito.

I nostri figli competiranno con loro!

E chi sono i nsostri figli?

  • Ragazzi che sanno di più sui gossip di moda, che sanno e conoscono i nomi e la vita degli artisti famosi, ma niente di storia, letteraturaa o matematica, tra tutto il resto…
  • Ragazzi che parlano solo spagnolo più o meno,che hanno una pessima ortografia, che odiano leggere libri, chenon sanno fare una somma, che sono esperti nel “copiare” durante gli esami e burlarsi delle norme sotto gli occhi dei loro genitori ed educatori.
  • Ragazzi che passano più tempo guardando e imparando le stupidità in Internet, la televisione o le partite e gli idoli del calcio, piuttosto che studiare o leggere senza quasi comprendere ciò che leggono e perciò credono che un giocatore di di calcio è più importante di uno scienziato.
  • Ragazzi che sono definiti “uomini video” giacché non sono sociali in maniera adeguata ma sono resi stupidi, zombi dall’iPhone e Android, dai tablets, dallo skate, Facebook, Instagram, le chat; dove parlano solo delle stesse stipidaggini di cui parlavamo prima o con i giochi informatici, in un chiaro isolamento che conosciamo come autismo cibernético che attenta alla libertà, all’educazione, contrario all’autostima, all’autonomia, contro il rispetto per i loro genitori o per il prossimo, contro l’ambiente, la solidarietà, la cultura e promuovono un egoismo allarmante lasciando una società cieca e senza una meta e guradano un governo ch mente per rubare a piene mani…!!!

Credo che abbiamo molto lavoro da fare…!

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Almanacco di luglio 2019

 

I fans di Jovanotti saranno cavie umane da 5G

Dopo il Festival di San Remo, Matera capitale europea della cultura e gli stadi di calcio di Roma e Udine, prosegue la colonizzazione tecnologica dei più rilevanti eventi d’intrattenimento d’Italia attraverso la sperimentazione del pericoloso 5G, introdotta senza valutazioni preliminari sui rischi per umanità ed ecosistema. Alla viglia dell’unica tappa nel Lazio del Jova Beach Party, la TIM ha infatti ufficializzato l’introduzione di test dell’Internet delle cose nel tour estivo di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti. Il 5G sarà sperimentato su 15 spiagge italiane, da Viareggio a Barletta, da Vasto a Policoro, cominciando oggi a Marina di Cerveteri (Roma) con droni in aria, giochi e video in Virtual Reality a ridosso del monumento naturale della palude di Torre Flavia. Segue QUI

 

 

 

Punch Hawaiian: Il Drone di dimensioni come un campo da calcio diffonderà 5G verso le isole Hawaii – Azione urgente necessaria   

By B.N. Frank 

L’ industria delle telecomunicazioni non ha fornito prove scientifiche che il 5G sia sicuro e molte ricerche hanno dimostrato che non lo è (vedi 1, 2). Medici, funzionari eletti, ambientalisti, esperti di sicurezza, la US Navy, società di servizi pubblici e altro hanno cercato di fermare la distribuzione 5G per una serie di motivi convincenti. Poche persone si stanno iscrivendo ad esso dove è già stato installato e gli utenti si lamentano che il 5G sta facendo surriscaldare i loro telefoni e modem. Indipendentemente da ciò, le società di telecomunicazione e i sostenitori continuano a promuoverlo e installarlo ovunque sia possibile – sopra e sotto.  Continua QUI in lingua inglese. 

 

Nessuna frode scientifica

di Pier Giuseppe Pelicci, Pier Paolo Di Fiore 

Negli scorsi giorni una serie di articoli ha riferito della richiesta di archiviazione delle indagini condotte dalla Procura di Milano in merito a presunte frodi scientifiche che hanno coinvolto, fra gli altri, gli oncologi Pier Giuseppe Pelicci e Pier Paolo Di Fiore. Riportiamo qui sotto la loro dichiarazione affidata a Scienza in rete.

Nel gennaio 2016 abbiamo ricevuto un’informazione di garanzia dalla Procura di Milano per alcune ipotesi investigative concernenti possibili condotte di falsificazione di dati in ambito scientifico. Dieci giorni fa circa abbiamo letto su una testata nazionale che i Pubblici Ministeri titolari dell’indagine hanno richiesto, al Giudice delle Indagini Preliminari (GIP), la completa archiviazione dell’inchiesta. Nelle motivazioni, riportate dai media, i PM affermano che avrebbero sostanzialmente “accertato” quella che loro definiscono una “frode scientifica” ma che non esisterebbe in Italia una legge che consenta di perseguire questo tipo di illeciti. Segue QUI

 

 

  

Scam Green New Deal distrutto da un nuovo studio scientifico sul riscaldamento globale

Inserito da: Tyler Durden 

AOC, Justice Democrats, New Green Deal, zeloti e tecnocrati di tutto il mondo, digrignano i denti per questa nuova ricerca. Gli scienziati hanno concluso che ” il cambiamento climatico antropogenico non esiste nella pratica”. Editor TN Editor

Un nuovo studio scientifico potrebbe svelare precisi e profondi presupposti fondamentali alla base della controversa legislazione sul clima e di iniziative come il New Deal verde, ovvero il grado in cui il “cambiamento climatico” è guidato da fenomeni naturali rispetto a problemi creati dall’uomo come impronta di carbonio . Scienziati in Finlandia hanno trovato “praticamente nessun cambiamento climatico antropogenico [causato dall’uomo] ” dopo una serie di studi.

“Durante gli ultimi cento anni la temperatura è aumentata di circa 0,1 ° C a causa dell’anidride carbonica. Il contributo umano era di circa 0,01° C”, i ricercatori finlandesi affermano senza mezzi termini in una serie di articoli.

Questo è stato collaborato da un team della Kobe University in Giappone, che ha promosso la teoria dei ricercatori finlandesi: “Nuove prove suggeriscono che particelle ad alta energia provenienti dallo spazio conosciute come raggi cosmici galattici influenzano il clima della Terra aumentando la copertura nuvolosa, causando un ‘ effetto ombrello”, “lo studio appena pubblicato ha trovato, una sintesi della quale è stata pubblicata sulla rivista Science Daily. I risultati sono estremamente significativi dato che questo “effetto ombrello” – un evento del tutto naturale – potrebbe essere il principale fattore del riscaldamento del clima e non i fattori causati dall’uomo.Continua QUI in lingua inglese. 

 

  

Il ministro del Regno Unito ribadisce che Assange non verrà estradato in nessun paese con pena capitale

Assange sta scontando una pena di 50 settimane in Gran Bretagna per aver saltato la cauzione dopo aver trascorso sette anni nell’ambasciata ecuadoriana a Londra per scappare da quello che ha definito un caso politicamente motivato contro di lui. Il fondatore di WikiLeaks affronta l’estradizione negli Stati Uniti per presunti attacchi informatici, accuse che lui nega.

Il ministro di Stato britannico per l’Europa e le Americhe, Alan Duncan, ha riaffermato che il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, non verrebbe estradato “dovunque potrebbe essere condannato a morte”, riporta l’agenzia indipendente spagnola EFE.

Il comunicato ha citato Duncan nel suo discorso durante una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri ecuadoriano Jose Valencia, secondo cui un accordo rilevante sull’estradizione di Assange è stato concluso all’inizio di questo mese e che Londra è preoccupata per la sua salute.

Continua QUI in lingua inglese

 

Paul Krugman, premio Nobel per l’Economia nel 2008, mostra sul New York Times quanto e attraverso quali sistemi l’agenda politica degli straricchi – volta, molto banalmente, a tutelare i loro interessi di classe, per esempio a ottenere tasse più basse tagliando sui servizi sociali – venga imposta all’opinione pubblica e spacciata per l’unica strategia “responsabile”. I desideri dei più ricchi vengono trasformati in “quello che è giusto fare”, anche quando in realtà danneggiano non solo le persone meno abbienti, ma anche l’economia di un Paese nel suo insieme. Ecco perché ridurre l’eccesso di ricchezza è anche un modo per ottenere un sistema politico più sano. 

Di Paul Krugman, 22 giugno 2019 

Tra un paio di giorni parteciperò a una conferenza all’Istituto di politica economica sul “disturbo da ricchezza eccessiva” – ovvero i problemi e i pericoli che nascono dall’estrema concentrazione di reddito e ricchezza ai vertici della società. Mi è stato chiesto di tenere un breve discorso introduttivo, concentrandomi sulle distorsioni create da un’elevata disuguaglianza nella politica e nella strategia dei governi, e ho cercato di mettere ordine nei miei pensieri. Quindi ho pensato che avrei potuto mettere nero su bianco questi pensieri, per dare loro una diffusione più ampia.

Mentre il dibattito pubblico si è concentrato sull’ “uno per cento”, quello che è veramente in discussione qui è il ruolo dello 0,1 per cento, o forse dello 0,01 percento – il vero ricco, non “l”impiegato di Wall Street da 400.000 dollari all’anno” memorabilmente ridicolizzato nel film omonimo. Si tratta di un gruppo molto piccolo di persone, ma che esercita un’enorme influenza sulla politica. Come si esercita questa influenza? La gente parla spesso dei contributi alle campagne elettorali, ma questi sono solo uno dei canali esistenti. In effetti, identificherei almeno quattro modi in cui le risorse finanziarie dello 0,1% distorcono le priorità della politica. Segue QUI

 

 

   

Yahvè SpA: chi domina il mondo, oltre la geopolitica visibile 

Data fatidica, il 14 luglio: nel 1789 a Parigi veniva assaltata la Bastiglia, evento culminante della Rivoluzione Francese che segnò la fine dell’Ancien Régime, il sistema plurisecolare dell’assolutismo monarchico. Solo tre anni fa, invece – ma sempre in Francia, e sempre il 14 luglio – il killer franco-tunisino Mohamed Lahouaiej-Bouhle faceva strage a Nizza col suo camion, travolgendo i passanti sulla Promenade des Anglais: 86 morti e 302 feriti. Ovviamente l’attentatore era già stato segnalato alla polizia, come poco di buono. E ovviamente nessuno aveva pensato di controllare e sgomberare il suo camion bianco, fermo da giorni su quel lungomare divenuto “off limits” in vista della festa nazionale francese. E ancora: l’assassino – prima di essere freddato dalle forze dell’ordine, come d’abitudine, prima che potesse parlare – aveva anche avuto cura di lasciare a disposizione dei poliziotti i suoi documenti, ben in vista nell’abitacolo del veicolo. Un caso da manuale, secondo Gioele Magaldi, autore del saggio “Massoni”: un messaggio intimidatorio rivolto alla massoneria progressista, che considera proprio il 14 luglio la prima pietra miliare verso la conquista della democrazia, almeno in Occidente. Segue QUI 

 

 

 Ai Limiti della Docenza

A me i famosi “competenti” di cui tanto si parla ricordano più il cugino Gastone che Archimede Pitagorico. Lo scandalo dei concorsi truccati all’Università di Catania, il concorsone a Preside bloccato dagli studi legali e l’ancor più recente arresto del giudice Francesco Bellomo, dimostrano ancora una volta di che pasta siano fatti i famosi “competenti” del Belpaese e quanto sia aleatoria la loro pretesa di essere riconosciuti come tali. Nonostante le numerose evidenze di un culturame profondamente malato, i colpi di coda delle èlite intellettuali sono sempre più violenti e frequenti. Ma non fermeranno la tendenza in atto. 

 
Ai travasi di bile su twitter, da qualche tempo si sono aggiunti persino libri tematici nel tentativo di dimostrare che la critica pop alla cultura ufficiale si basa su atteggiamenti psicotici, su invidia, sulla diffusione dei social. La loro preoccupazione è grande, ed è giusto che sia così, perché l’impero che hanno ereditato sta per vacillare. In Italia ci sono persino politici che difendono con le unghie e con i denti le loro rendite di posizione elitaria nelle università e tra gli editori, pur affermando di rappresentare la midle class, o addirittura il proletariato. 
 
La realtà – per lor signori inaccettabile – è che i social media non c’entrano proprio un bel nulla con l’attacco alla loro credibilità
 
Segue QUI
 

La catastrofica pazzia dei pochi signori della guerra

 globalmilitarism240_02_small

Il militarismo americano è distruttivo per il futuro dell’umanità

by Mahboob A. Khawaja 27 May 2019 from TRANSCEND Website

Il Dott. Mahboob A. Khawaja è specializzato nelle relazioni internazionali – sicurezza globale, pace e risoluzione dei conflitti con acuti interessi nelle culture e civiltà comparative islamico-occidentali e autore di numerose pubblicazioni incluso l’ultimo libro: Risoluzione globale per la pace e la sicurezza: approcci a Comprendere le problematiche attuali e future, Lambert Academic Publications, Germania, 2017.

“La cultura della pace è universale. È condiviso da persone e nazioni in tutto il mondo. La “cultura della guerra” di oggi è un progetto egemonico statunitense basato sulla creazione di conflitti e divisioni  all’interno e tra i paesi.  È questo (unilaterale) progetto di guerra globale che è intento a distruggere la civiltà “. Prof. Michel Chossudovsky  Verso una cultura della pace mondiale  

Il conflitto bellico è un impulso antiumano

La ferocia draconiana delle guerre aggressive continua mentre osserviamo gli ingiustificati eventi aggressivi che si stanno svolgendo contro l’Iran nella regione del Golfo Persico.

Si vede un contrasto tra un problema reale e un problema immaginativo.

Il fattore motivante segnala una cosa che l’élite dominante americana pensa:

“siamo la nazione più potente sulla terra” … e nessun altro dovrebbe sfidare la nostra supremazia.

La mentalità ingenua della malignità dell’attuale leadership americana

Nel XXI secolo i progressi conseguiti nella guerra tecnologica non lasceranno nulla di intatto se non le entità morte di tutti gli esseri viventi.

Che si tratti di Mr. Bolton, Pompeo o Trump, non hanno alcuna comprensione logica di come le loro azioni potrebbero minare il resto dell’umanità vivente. In tutte le probabilità, l’isteria di guerra è una distrazione dalle questioni interne che riguardano l’amministrazione Trump.

globalmilitarism240_01_small

La razionalità per la pace richiede un ragionamento oggettivo.

Potremmo, l’umanità coscienziosa ritenere questi ingenui indietro dall’iniziare un altro disastro nucleare nella regione araba del Medio Oriente?

Risoluzione dei problemi in base alla ragione e al dialogo piuttosto che alla belligeranza e all’aggressione .

La santità della vita umana si fonda sui principi della leadership morale e intellettuale ed è aperta all’ascolto e all’apprendimento delle voci di RAGIONE.

Se la leadership iraniana fosse intelligente, avrebbe dovuto agire rapidamente per cercare l’unità dei paesi vicini (Turchia, Pakistan, Arabia Saudita) e di tutti gli arabi e le nazioni musulmane per contrastare una potente forza morale della ragione per contrastare il piano statunitense.

Il mondo sta rapidamente diventando un luogo violento al crocevia. Tutte le vie della vita umana richiedono protezione e protezione da grandi mali.

Ben Tarnoff (“L’ intelligenza artificiale sta arrivando – Are Algorithmic Forever Wars our Future? “), Osserva la rapida belligeranza:

Le guerre dell’11 settembre continuano, senza fine in vista. Ora, il Pentagono sta investendo molto in tecnologie che le intensificheranno.

Abbracciando gli ultimi strumenti che l’industria tecnologica ha da offrire, l’esercito statunitense sta creando una forma di guerra più automatizzata, che aumenterà notevolmente la sua capacità di condurre la guerra ovunque per sempre.

L’America oi suoi alleati nel Medio Oriente arabo non affrontano nessun nemico formidabile se non contro i propri ingenui disegni di superiorità militare.

Non c’è sostanza per qualsiasi sfida percepibile o minaccia militare per l’America dall’Iran.

Allora perché l’America dovrebbe precipitarsi armata nel Golfo Persico?

Non è per la pace, e non per proteggere l’umanità da qualsiasi minaccia imminente di guerra da ogni angolo del gioco strategico nella regione.

Razionalmente parlando, la mentalità della leadership americana appare priva di ragione e responsabilità. Le guerre non portano la diversità dell’umanità al processo di pace, ma semplicemente distruggono le opportunità di dialogo e risoluzione pacifica dei problemi.

Indubbiamente, l’attuale amministrazione degli Stati Uniti ha bisogno di una potente sfida per fare un cambio di navigazione.

Immaginate se la Russia o la Cina impiegassero le loro armate attraverso l’Atlantico o le regioni del Pacifico, sarebbe una strategia razionale e pacifica per gli osservatori globali o per la leadership americana?

Oggi circa 62 organizzazioni americane hanno chiesto al Congresso degli Stati Uniti di prendere in considerazione una risoluzione per fermare le minacce di guerra contro l’Iran. L’America sta imponendo una strategia di guerra sadica sul resto dell’umanità.

L’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) ei suoi principali organi responsabili della “pace” e della sicurezza globali si sono dimostrati club di discussione cerimoniale e agenti contrari all’essenza e agli scopi della Carta.

L’umanità globale si sente tormentata e vuole prevedere un cambiamento sistematico e lo sviluppo di una nuova organizzazione globale responsabile per la comunità globale, non gli Stati astratti.

Come in passato, ancora una volta pochi leader egoistici occidentali hanno manipolato il tempo e le opportunità per dettare e minare gli interessi dell’umanità …

globalmilitarism240_03_small

L’umanità globale è l’oggetto netto di tutte le loro deliberazioni ma senza alcun ruolo significativo nel mettere in discussione i pochi signori della guerra globali.

Il presidente Trump ha un disperato bisogno di ripensare al suo ruolo di leader effettivo dell’America. Essendo un leader responsabile, non si può spingere piano intenzionale e meditato di animosità insensate e distruzione umana.

Una volta che l’America si è arricchita di previsioni intellettuali per salvaguardare il resto dell’umanità. Ma i suoi leader contemporanei e le principali istituzioni sembrano sfidare la logica di coesistere con il resto della comunità globale.

Di sicuro, i leader americani non hanno nemmeno l’essenza dello storico ” Common Sense “di Thomas Paine (o versione PDF” Common Sense – Rivolto agli abitanti dell’America, sui seguenti temi interessanti“) da cambiare, ma il cambiamento storico sostituirà quello americano immagine di leadership globale con gli altri, più comprensione e pertinenza per l’umanità.

I politici americani sono abituati a ignorare gli imperativi della coesistenza pacifica globale.  

I politici egoisti perseguono l’economia di guerra, ma i soldati statunitensi sono contrari alla cultura della guerra

L’America sembra essere alla soglia di un’inevitabile transizione morale e intellettuale del ragionamento, ma non sta seguendo il processo razionale del cambiamento e della costruzione del futuro.

La cultura di guerra con base a Washington ha reso incapaci ai responsabili politici statunitensi di pensare razionalmente e di agire responsabilmente negli affari globali.

Strano com’è, il presidente Trump e John Bolton non riescono a spiegare perché ogni giorno dai 18 ai 25 veterani di guerra statunitensi si suicidano? (“Perché i soldati commettono suicidio e Global Warlords“).

L’oscurità morale e intellettuale si rinnova sotto l’attuale guida del comandante in capo delle forze armate statunitensi.

I dirigenti si preoccupano di proteggere la preziosa vita umana …?

La maggior parte dei politici contemporanei non sono leader responsabili, ma attori teatrali che fingono di rappresentare gli interessi nazionali. Imparano ad eccitare le emozioni degli elettori per vincere le elezioni ma non riescono ad agire come leader responsabili.

Vedono l’umanità solo in numero , non un oggetto di vita e valore preziosi nel più ampio contesto universale.

Molto spesso, queste persone sono disconnesse con gli annali del normale pensiero umano e degli affari, sospettosi e paranoici e vedono il successo da raggiungere a costo di spietatezza, odio, degenerazione e malvagità – tutto parte del loro sistema di valori innato, facendo politica come un terribile gioco di mente egomane, inganni e priorità strategiche.

Ciò richiede un impegno intelligente nei confronti dei principi di pace internazionale e sicurezza per tutti, non aggressione nel funzionamento dei sistemi globali, protezione della vita e una cultura ecologica equilibrata di convivenza all’interno dell’Universo onnicomprensivo:

L’uomo e l’umanità …

L’America, un importante potere industrializzato è indifferente a questi fattori di vita pertinenti.

globalmilitarism240_04

Noi, il Popolo, l’umanità è in grado di sfidare la terribile calamità della guerra

L’obiettivo della felicità umana e della solidarietà non è la violenza, le guerre e l’aggressione.

Tutte le guerre perpetuano la violenza, la paura e la vendicatività contro l’umanità e mirano alla distruzione delle civiltà e alla disumanizzazione delle generazioni successive.

Bruce Gambrill Foster (“Il flagello della guerra – The Shameless Marketing of Violence“), osserva:

“La connessione tra la lotta alla violenza della criminalità organizzata, per esempio, e la guerra è facilmente superata: in entrambi, il sangue viene versato … Se anche le nostre gioie più semplici sono espresse in termini di conflitto, morte e dominio, che speranza c’è di distinguere e aborrire e alla fine porre fine alla vera malvagità del conflitto armato, il flagello della guerra?”

L’umanità globale è la vittima netta della catastrofica pazzia dei pochi signori della guerra.

Il presidente Trump ha imparato qualcosa dal passato a cambiare qualcosa a causa della conoscenza, della storia e dei fatti della vita per conoscere le sue debolezze e punti di forza e per cambiare e riformare la sua mente e il comportamento quando i fatti giustificano un cambiamento, sia nella definizione delle politiche o comportamento interattivo globale …?

Dopo tutto l’ascolto e l’apprendimento sono fattori critici per il cambiamento del ruolo della leadership politica del 21 ° secolo, così come il meccanismo di flessibilità da incorporare per una leadership efficace.

Ma non ci sono leader intelligenti e proattivi con una visione del futuro per vedere l’imperativo dell’Unica umanità, tranne un egocentrico ingenuo e pieno di sé, pieno della sensazione di potere che usa la trivialità e la malvagità per torturare e uccidere l’umanità e distruggere gli habitat ecologici.

Ma contrariamente alle brutali percezioni e azioni degli ex imperialisti europei statunitensi, la comunità internazionale è informata, matura e gode della capacità morale e intellettuale di conoscere e comprendere i fatti della vita e di sfidare l’insensibilità politicamente in pericolo a un accordo universale e Unità dell’Umanità contro la brutalità del Terrorismo delle Guerre che li unisce con un destino comune più che li divide da qualsiasi segno di avversità e identità nazionali separate.

Progressivamente in evoluzione è una nuova cultura globale plausibile dell’era dell’informazione di Thinking of One Humanity e una nuova civiltà proattiva di forti legami e affinità delle persone verso le comunicazioni culturali – partecipazione dei cittadini globali al pensiero sociale, economico e politico e alla globalizzazione – l’uomo in una parte del mondo si sente, pensa e agisce, reagisce a ciò che accade a qualsiasi uomo in altri angoli remoti del globo.

L’umanità non è né cieca, né inetta, definisce il proprio scopo, significato e identità per la pace e l’armonia che le istituzioni stabilite di governance, sia in America, in Medio Oriente o in Europa o altrove miseramente, non sono riuscite a riconoscere o valutare la loro importanza nel mondo affari politici.  

Paul Craig Roberts (La prossima guerra per l’agenda di Washington), ha avuto un pensiero razionale per porre la domanda giusta:

Noi, come americani, dobbiamo chiederci,

  • Di cosa si tratta?
  • Perché il nostro governo è così provocatorio nei confronti dell’Islam, della Russia, della Cina, dell’Iran?
  • Quale scopo, a chi viene servito?

Certamente non il nostro …

Dove andiamo da qui? Se non alla distruzione nucleare, gli americani devono svegliarsi. Giochi di calcio, porno e centri commerciali sono una cosa. La sopravvivenza della vita umana è un’altra.

Washington, cioè “governo rappresentativo”, consiste solo in pochi potenti interessi acquisiti. Questi interessi privati, non il popolo americano, controllano il governo degli Stati Uniti.

Questo è il motivo per cui nulla di ciò che il governo degli Stati Uniti avvantaggia il popolo americano …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld