Archivi tag: elettrosmog

Come in un volo aereo di linea commerciale

La normalizzazione della follia

di Julian Rose

Sono seduto nella sala partenze dell’aeroporto di Cracovia, in attesa del volo per Edimburgo. Di fronte c’è una giovane donna con un cellulare rosa appoggiato al cavallo delle sue gambe e una bottiglia di plastica di Coca Cola in piedi nello stesso posto. Il primo, lentamente sta distruggendo il suo cervello e la sua capacità riproduttiva e il secondo lentamente sta distruggendo il suo intestino e il sistema nervoso.

Ha delle estensioni per le orecchie che provengono dal suo cellulare e indossa un’espressione vacua sul suo viso, un po’ dimessa. Ignara senza dubbio, che sta riducendo costantemente la sua aspettativa di vita.

È un posto abbastanza affollato. La consueta schiera di società globali dominanti mostra le ultime novità nei corridoi sterili illuminati dal neon che sono diventati l’ambiente stereo tipico degli aeroporti internazionali di tutto il mondo. Ogni prodotto confezionato e esposto viene visualizzato come “irresistibile”.

L’aria in questo posto è “condizionata”, ma così è tutto. Compreso il mucchietto di smog elettronico di microonde che assicura che il cervello di nessuno stia funzionando come dovrebbe. Siamo tutti anestetizzati.

L’elettricità prodotta è l’energia dominante qui, ronzante e continua attraverso i punti di forza di centinaia di elettrodomestici, schermi e hotspot Wi-Fi. Aeroporti come questo simboleggiano la normalizzazione della follia. I meno moderni totem techno-dipendenti della moderna era guidata dai computer, che strisciano avanti e indietro nella loro omogeneizzazione della diversità planetaria.

La signorina di fronte scruta lo schermo del suo cellulare. All’improvviso un piccolo barlume di un’espressione le anima il viso. Qualcuno le sta mandando un messaggio. Mi chiedo cosa dice? Forse “Come stai tesoro? Sono appena tornato a casa e ho trovato il tuo fratellino giocare a ‘giochi di guerra 3’ nella sua nuova App. Papà sta falciando il prato – di nuovo! Buon volo e non dimenticarti di mandarci un messaggio quando arrivi! Luv, mamma. “La sua faccia ritorna neutrale e sostituisce il telefono nella sua originale posizione di vita.

Fuori dalla finestra, vari e diversi veicoli robotici manovrano intorno agli acri di asfalto che formano i terminal degli aeroporti internazionali. Non un albero in vista. A pochi posti di distanza da me, un bambino è seduto sulle ginocchia della madre, meditando meditabondo su qualunque cosa si tratti di quei bambini. All’improvviso un bel sorriso illumina il suo volto. Un’aura sottile di redenzione si blocca nell’aria – e per un solo istante – la gioia pura penetra nel piccolo spazio in cui questa bambina emana il suo momento di piacere non trattato. Com’è bello vedere e sentire il potere dello spirito umano emergere in mezzo a questo inquieto luogo di cemento, fili, vetro e plastica.

In precedenza, sulla sicurezza, sono stato messo da parte per aver avvisato la macchina a raggi X. Un agente di sicurezza prende un paio di pinzette con una linguetta all’estremità e scansiona le mie mani e polsi. Che strano, penso, essere qui a scansionare … fino a quando mi ricordo che sempre più mortali ora hanno delle patatine ai polsi che senza dubbio allertano la macchina scanner. Mi viene in mente che forse sono stato “scheggiato” inconsapevolmente e sono costantemente monitorato dall’ufficio di investigazione centralizzato del fratello maggiore. Non è impossibile con qualsiasi mezzo, ma più probabilmente il motivo per cui il semaforo rosso si è acceso, è stato un pezzo di acciaio inserito nella gamba inferiore dal chirurgo osseo polacco che ha riparato la mia caviglia rotta un anno fa.

Circa trenta minuti dopo, a bordo dell’aereo, il lato umano della vita riesce a intervenire ancora una volta, questa volta nella forma dell’amministratore di volo; un’anima gioviale con un ampio accento scozzese e un sorriso scintillante. Le risate scoppiano mentre spiega perché, a causa dei passeggeri in arrivo che si eccitano, c’è una mancanza di panini a bordo per il viaggio di ritorno. Il vivace maggiordomo, ben oltre le fasi successive della sua carriera professionale, mi ha ricordato il lattaio che una volta ho assunto per consegnare il mio latte non pastorizzato e panna a Guernsey agli abitanti del South Oxfordshire. Era un Glasgowiano (di Glasgow) e quasi nessuno capiva una parola che stava dicendo – incluso me – così forte era il suo accento.

Ma ringraziamo Dio per il fatto che questi individui eccentrici rimangono in libertà nella società dominata dalle imprese, politicamente corrette e standardizzate. Non tutto è perduto, nonostante tutti i tentativi fatti per condurci alla sottomissione a un’esistenza di realtà virtuale senz’anima. Infatti, sempre più ci sono segni di una nuova vita che sta crescendo dove potrebbero essercene meno, come in un volo aereo di linea commerciale tra Cracovia ed Edimburgo. Ci sono sempre alberi che, dato solo il minimo barlume di luce, riescono a crescere attraverso il cemento progettato per tenerli fuori. Quelli in grado di essere ‘umani’ rappresentano probabilmente la maggioranza su questo pianeta; ma le pressioni per conformarsi all’agenda orwelliana cyborgiana sono implacabili – e il calore del cuore è spesso la prima vittima in questa spinta al dominio da parte di un “nuovo ordine mondiale” industriale guidato dai banchieri.

Il volo è tranquillo, per fortuna. Le persone si sistemano nelle solite occupazioni che preoccupano i passeggeri stipati come sardine in rumorosi e distintamente primitivi tubi di alluminio pressurizzati di due centimetri, proiettati nell’atmosfera superiore grazie a enormi volumi di cherosene sintetizzato.

Scendiamo sull’asfalto dell’aeroporto di Edimburgo e ci fermiamo al portellone. Tutti balzano in piedi come se rispondessero ai ritornelli di God Save the Queen. C’è la solita cavalcata sconveniente verso il punto di uscita del passeggero, con i telefoni cellulari ancora una volta in vigore; twittare e twittare come uno stormo di uccelli spaventati.

Ma poi qualcosa di decisamente diverso: i passaggi verso le formalità doganali sono completamente privi di pubblicità. Non c’è il solito ronzio elettromagnetico frenetico; niente musica prodotta in serie. La gente sembra rallentare. Al controllo dei passaporti un silenzio quasi palpabile riempie la sala. Le coppie sono prese insieme, passando senza intoppi attraverso i cancelli. Si può quasi toccare il senso di qualcosa di reale. Si può quasi sentire l’odore del “groviglio delle isole”. Quasi percepiscono gli altopiani non così lontani; i laghi, il mare, le alghe, l’erica e l’orgoglioso pifferaio nella valle.

Per coloro che conoscono queste parti, un piccolo brivido passa lungo la spina dorsale. Non sentiamo il lontano ritornello di cornamuse che ci chiama di nuovo alle armi? Antica e antica terra di aspre e aspre colline di granito, punteggiata da torrenti montani a cascata. Il paesaggio ossessionante e quasi senza alberi, devastato dall’uomo in passato, ma che trasuda ancora un potere magnetico irresistibile.

Uscendo da Edimburgo e percorrendo un sentiero attraverso i desolati altipiani verso le Western Isles, Jadwiga dichiara che la scena è “Un triste tipo di bellezza.” “Qui puoi vedere l’orgoglio di coloro che si sono trattenuti e che si sono rifiutati di essere “sviluppati” “pensò. “Una bellezza terribile”, io, uno scozzese, a forza dei miei antenati del clan Rose of Kilravock. E mentre viaggiamo, così questa piccola storia di umanità e disumanità si ferma. La morale, se dovessi chiamarla, è questa: dove l’uomo ha, per qualsiasi ragione, fallito nell’installare gli attributi laceranti e tormentosi della modernità, così vive invitando i nostri sensi più profondi a risorgere e riprendere a respirare. Suona, pifferaio alle porte dell’alba!

Fonte: https://www.activistpost.com/

®wld

Encefalite letargica e zombie moderni

Ricevo dall’amico Dott. Roberto Slaviero e pubblico.

L’encefalite letargica venne descritta durante la prima guerra mondiale dal ricercatore austriaco Von Economo e dal francese Cruchet. Le persone colpite dormivano in continuazione, giorno e notte, per molti giorni o addirittura mesi od anni. 

Si parlò di una mortalità di circa un 40% dei pazienti, ma ci furono persone che si risvegliarono dopo molto tempo anche in discreta salute. Tale malattia rimane uno dei più grandi misteri della medicina, poiché non se ne conoscono le cause; si paventò al tempo un’infezione batterica o virale, ma senza poi conferme.  

La malattia colpisce alcune strutture cerebrali, alterandone la forma con degenerazioni ed infiltrazioni nella materia grigia. Alcuni pazienti dopo anni dal risveglio si ammalavano di una sorte di Parkinsonismo.  

Un caso eclatante e credo poco conosciuto, è quello di un insegnante svizzero,di lingua francese e tedesca, Paul Amadeus Dienach (Zurigo 1884), che nel 1921 si ammalò di tale encefalite e rimase in coma per un anno intero. 

Risvegliatosi in discreta salute ed ammalatosi però in seguito di tubercolosi, si trasferisce in Grecia, visto il clima più mite, e prima di tornare in Svizzera nel 1924, lascia un diario di 800 pagine, scritto in tedesco, ad un suo amico greco, tale George Papachatzis, dicendogli di tradurlo per imparare bene la lingua tedesca; nel secondo dopoguerra, tra l’altro, Papachatzis diventerà un conosciuto politico greco. 

Questa storia continua, tra l’Immaginario e la Fantascienza, poiché dopo una traduzione durata più di 14 anni, Papachatzis si rende conto che Dienach, racconta cosa accadde nel suo anno di coma totale; egli racconta cioè di aver vissuto nel futuro e nel corpo di un’altra persona nel 40.o secolo… nel 3905 d.C.!  

Durante la seconda guerra mondiale i diari originali di Dienach sparirono, poiché, si narra, vennero trovati dai partigiani greci, che sequestrarono il tutto a Papachatzis, credendolo un collaborazionista germanico. 

Una storia apparentemente fantasiosa e difficilmente credibile, ma il caso in questione ci da’ degli spunti di riflessione sul cosa sia la nostra coscienza!  

Dai dati sulla malattia in Italia si evince che dopo gli ancora 5000 casi nel 1920, si passa a poche centinaia di casi negli anni successivi e non si hanno più notizie di encefalite a partire dal 1934.  

Gli anni dal 1915 al 1920 sono stati anni di disgrazie infinite; ricordiamoci dell’influenza “spagnola” nel 1918, che uccise 50 milioni di persone in Europa, molto di più della stessa guerra.  

Non essendoci spiegazioni mediche plausibili su questa patologia, dobbiamo esplorare altre vie, per tentare una spiegazione degli avvenimenti.  

Gli anni in questione sono caratterizzati da traumi psicologici enormi per i combattimenti feroci con la baionetta e bombe e uso di gas tossici mortali. 

Pensate a tutti i giovani tolti alle famiglie per andare a combattere e pensate la situazione in cui si trovarono le mamme rimaste a casa con i più piccoli.  

Pensate al crollo dei parametri minimi di alimentazione per la sopravvivenza ed alle situazioni igienicosanitarie createsi.  

In questo allucinante dramma dei popoli si innesta tale patologia, evidenziata all’inizio sui reduci di guerra.  

Mi pare logico pensare che molte coscienze incarnate nel veicolo corporeo terrestre abbiano pensato: cosa ci faccio io in questo inferno terrestre… chi me l’ha fatto fare di venire in questa prigione… preferisco andarmene per smettere questa sofferenza…  

Sapete che molte coscienze elevate spiritualmente, quando decidono lasciano il corpo; mi vengono in mente ad esempio alcuni Monaci Tibetani.  

Quindi io penso che, mai come in questa malattia si possa notare come l’ambiente che ci circonda sia il responsabile di decisioni prese, forse apparentemente inconsciamente, da molte coscienze.  

E credo che tali coscienze siano state molto evolute per arrivare a staccare parzialmente o definitivamente la spina dal proprio corpo! 

“Entrato disse loro;
perché fate tanto strepito e piangete? La bambina non è morta, ma dorme.
Ed essi lo deridevano … Presa la mano della bambina, le disse <Talita’kum> che significa..fanciulla io ti dico, alzati. Subito la bambina si alzò e si mise a camminare…”
Marco 5-39 

Dove naviga allora la nostra coscienza quando non siamo in stato di veglia od in coma? 

“Rispose Gesù; 

il mio regno non è di questo mondo: se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù”
Giovanni 18-36 

La cosa interessante dal punto di vista medico è la constatazione di come vengano alterate, nella struttura e nella forma, parti del cervello deputate al normale svolgimento delle funzioni vitali nel mondo terrestre… dobbiamo supporre che, la Coscienza abbia una potenza tale, in grado di alterare e trasformare la materia.  

Possiamo immaginare inoltre che, essendo probabilmente la Coscienza multidimensionale, viviamo svariate situazioni nello stesso momento.  

Il tempo non è lineare, come ci vogliono far credere coloro i quali schiavizzano le maggior parte delle nostre vite, ma il tempo non ha tempo, e Passato Presente e Futuro convivono … è una specie di gioco simulato..una enorme ragnatela che collega tutti al Tutto..all’UNO..alla MONADE!  

I Controllori del nostro pianeta, i Succhiatori Energetici delle nostre Coscienze, da sempre tentano di scollegare appunto la nostra Coscienza dall’UNO, gettandoci cosi in pasto ai lupi mannari! 

E veniamo quindi allo “zombismo moderno” che imperversa sul pianeta!  

Oggi più che mai, attraverso onde vibrazionali di varie frequenze è molto facile sconnettere soprattutto la “pignetta” cerebrale che ci collega con la Monade, ovvero la Ghiandola Pineale.  

Pensate all’imperversare di onde di trasmissione su ogni banda elettromagnetica negli ultimi 30 anni…  

Non penserete mica che la creazione primaria abbia previsto per l’essere umano tali interferenze vibrazionali! 

Andatevi quindi a vedere quante malattie, soprattutto autoimmunitarie, sono aumentate esponenzialmente nell’ultimo trentennio…non parliamo poi di cancro e malattie psichiatriche varie.  

Si dirà…sempre meglio di una volta riguardando appunto i drammi allucinanti del passato.  

Ok bene, ma non riusciamo a finirla una volta per tutte, con i tentativi infiniti e continui del controllo dei pochi sulle masse? 

è chiaro che nessuno può correlare automaticamente gli squilibri energetico – vibrazionali, causa delle varie patologie, con le emissioni di varie onde…però una con correlazione si può supporre.

Adesso il mondo occidentale si appresta (già lo fa) all’emissione di onde su banda 5G; e per questo anche il governo italiano (il precedente – scrivo il 4.7-2018), ha aumentato di 110 volte il valore massimo consentito per l’Elettrosmog, per permettere appunto la creazione delle Smart City dove tutto e tutti sono connessi…il futuro che da molti anni hanno previsto ed immaginato i Big dell’Elite di Comando. 

Avete capito?
non stiamo parlando di un aumento consentito del 10-20%… ma di 110 volte stiamo parlando; ovvero da 1 si passa a 110 … zombi svegliatevi! 
 

Domanda? 

Ma se fino ad oggi il valore massimo consentito per l’Elettrosmog era “x”…aumentarlo di 110 volte è una follia omicida! Oppure se non lo è, i limiti imposti finora erano dei limiti definiti da presupposti scientifici fasulli, giusto? Ma ne dubito fortemente!  

Vogliamo allora scambiare il Tutto Connesso, con la probabile perdita della salute per milioni di persone?  

Stanno studiando solo ai giorni nostri gli effetti del 3G, Wireless, microonde ecc sulla salute e questa folle corsa verso la pazzia collettiva aumenta sempre di più!  

E’ come per le droghe o il doping…quando gli enti di controllo scoprono prodotti dopanti, la ricerca ha già sintetizzato nuove sostanze di cui conosceremo l’esistenza solo anni dopo : conosciamo quindi gli effetti sulla salute solo dei dopanti più vecchi e quindi, in questo caso, non conosciamo ancora del tutto i potenziali effetti dannosi delle onde sopra citate.  

Abbiamo già un mondo pieno di Zombi, che camminano per le strade, meccanicamente, idiotizzati da continue pubblicità che incitano loro a comprare prodotti consumistici per lo più inutili; prodotti che dopo qualche mese si rompono poiché si deve acquistare ancora, senza fine, indebitando tutto il mondo e riempiendo la Terra di discariche tossiche del Tutto e del Più !  

Prodotti che magari hanno un costo di produzione di 3-4 Euro e vengono venduti a 100 Euro…  

Una situazione intollerabile dal punto di vista morale, culturale e per la nostra salute! 

Purtroppo gli zombi moderni sono ammaliati dal Tutto Connesso e dal Tutto Subito, attraverso i colossi della Comunicazione e della Distribuzione veloce…  

Vi ricordate la fine che hanno fatto i topi nel Pifferaio magico?
Tutti nel fiume seguendo le dolci note del Pifferaio…

Il quale poi, visto che il Sindaco del paesino non mantenne la promessa di dare 1000 fiorini a chi avesse ripulito il paese dai topi, ha emesso altre note magiche e tutti i Bimbi del paese sono spariti con lui dietro la montagna e non sono più tornati!  

Finale atroce si dirà…per i topi principalmente che seguendo le noti magiche trovarono invece la morte…per i Bimbi..chi lo sa?!  

Sostituita l’interpretazione che il Pifferaio era un Orco cattivo che rapiva i bambini, come purtroppo comunque avviene da migliaia di anni, con il consenso di persone potenti ed insospettabili, mi viene in mente che;  

forse il Pifferaio li ha condotti in altro mondo, magari migliore, dove le promesse fatte da chi ha la responsabilità di una comunità vengono mantenute…
e dove non si chiama il Mago per risolvere i problemi, ma tutti collaborano per trovare una soluzione ai problemi, dove esiste un’unita’ di intenti secondo una regola morale. 
 

La storia ci ha ben insegnato cosa accade, quando i popoli si sono affidati ai

Leader carismatici  

Ogni promessa è un debito si diceva! 

Ma sembra invece che, su questo pianeta senza i cosiddetti Leader e senza trasformare la politica in Show, non si possa procedere! 

“Tirannide indistintamente appellare si deve ogni qualunque governo, in cui chi è proposto alla esecuzione delle leggi, può farle, distruggerle, interpretarle, impedirle, sospenderle od anche soltanto eluderle, con sicurezza di impunità.
Chiunque ha una forza effettiva che basti a fare ciò, è tiranno;
ogni società che lo ammetta è tirannide:
ogni popolo che lo sopporti è schiavo” 

“Della Tirannide”di Vittorio Alfieri (1749-1803) 

E quindi…stimoliamo la Coscienza ricordando l’indomito Alfieri 

“Volli, sempre volli e fortissimamente volli”!

http://olisticoaltapusteria.com/ 

®wld

Siccità: crearla e fingere che sia una operazione naturale!

Siccità innaturale e il popolo rincoglionito che da colpa alla Natura

Articolo di Magda Piacentini

In questa estate 2017 i geo-ingegneri, alias geo-guerrafondai, come in modo certamente più appropriato li definisce Rosalie Bertell, l’unica voce che ha correttamente scritto di loro, ci obbligano a tenere il diario giornaliero, perché ogni giorno, vivere e resistere, è una fatica peggiore di quella del giorno precedente.
Sono le ore 19,30 del 23 Agosto 2017, di fronte a me il tramonto: un sole ancora alto e forte, circondato da un alone di nebbia bianchiccia, illuminata e sparsa sulla cima delle montagne e nell’aria biancastra, spande una luce esagerata, fastidiosa, innaturale. 

Il cielo è bianco, come l’aria densa e carica di roba soffusa che staziona perenne su di noi. Non si vede l’ora che questo sole, arrogante e malato, se ne vada via e non si faccia rivedere con questo carico di fatica che ci impone, ma intanto il caldo, nonostante l’ora, è in risalita e non accenna a diminuire.

Non ci sono le scie stasera” mi facevano notare, tentando di dimostrarmi le mie superstizioni “vedi non ci sono!!”

Si questa sera c’è la nebbia chimica, non so cosa sia meglio! Non so cosa gradire di più, quale delle due ci fa meno male!

Intanto, guarda caso, oggi ci siamo incontrate in tre persone tutte con gli stessi sintomi di un forte, grosso e persistente male alla fascia finale della schiena, da vedere le stelle in ogni posizione, capace di durare quasi una settimana.

Da tempo i nostri poveri corpi fisici sono allo stremo: tutti abbiamo le gambe gonfie, la gola irritata, gli occhi che bruciano e respiriamo a fatica; ogni cellula dei nostri corpi sente e sa che sta vivendo una stagione innaturale, che non ci riguarda, che non è nostra, che non ci fa bene e che non accenna a cambiare!

Ogni giorno, dal mese di Giugno in un andante in crescendo, caldo, sempre più caldo, senza un giorno di pioggia e aria sporca, sempre più pesante, secca e umida nello stesso tempo e, come una beffa, una strana arietta quasi freddina che si solleva dal nulla al primo accenno di formazione di nuvole e le dissolve in un attimo.

Il tanto decantato “riscaldamento globale” provocato dall’uomo, secondo la scienza ufficiale e quindi responsabile, sempre secondo le menzogne della scienza, di tutte le ondate di grandissimo caldo che abbiamo subito, in questa estate si è manifestato in tutta la sua potenza e persistenza.

Tutti si lamentano, molti sembra capiscano che sotto c’è qualcosa di strano, ma pare che solo noi, che abbiamo studiato la Bertell, insieme a qualche altro che bazzica la rete, siamo a conoscenza senza dubbi che le ondate di caldo persisteranno fino a quando i padroni del clima non si decideranno a spegnare i riscaldatori ionosferici, perché la CO2, sporca ma non riscalda! Abbiamo il pianeta disseminato di riscaldatori ionosferici che sparano enormi quantità di energia sulla ionosfera, riscaldandola e mantenendo intrappolato questo calore dalla cappa chimica che ci garantiscono costante ogni giorno e ogni notte tramite le scie. 

E le nostre attività sarebbero responsabili dei 40° o la natura si sarebbe rivoluzionata di sua spontanea iniziativa trattandoci da paese Africano!

Questa obbligata osservazione metereologica estiva mi aveva portato a scrivere il giorno 7 Agosto 2017, “… giorno memorabile e storico: si può di nuovo respirare!!

Ripercorro la cronistoria del mio soggiorno montano di questa estate: l’app. che registra le mie camminate è drammaticamente terminata il giorno 23 Luglio, quando ho percorso gli ultimi 5,32 km, poi basta.

Perché? 

Basta guardarsi intorno ed è tutto chiaro, tutto evidente sotto gli occhi: il cielo sempre più grigio, l’aria calda, umida sempre più irrespirabile, la temperatura sale di qualche grado ogni giorno e non scende nemmeno di notte.

Non un alito di vento, non una goccia di acqua, da mesi! 

Stesse temperature da zero a 1500 m sul livello del mare, stesse temperature di giorno come di notte: sotto una campana di vetro, dentro a un forno a microonde + 35°+ 36°+ 37° fino a 40°, giorno e notte, hanno testato il nostro livello di sopravvivenza!

Quindici giorni consecutivi senza il minimo cambiamento se non in salita: davvero una grande programmazione, grazie geoingegneria!!”

Quel 7 agosto sembrava fosse cambiato qualcosa, ma il risultato è rimasto identico, probabilmente hanno cambiato brevetto, adottando la strategia del venticello che dal nulla appare per dissolvere ogni ipotesi di acqua alla terra e la “siccità procede indisturbata, è salva e garantita”.

Grazie di nuovo Geoingegneria, grazie a voi geo-ingegneri che assetate la terra e distruggete gli alberi; se noi, uomini incominciamo a stare abbastanza male, la natura sta molto peggio di noi ed è uno strazio vedere quanto sofferenza e quanto male riusciamo ad infliggere alla fonte principale della nostra ricchezza e della nostra salute! 

Chissà quali grandi affari pensate di inseguire, quali grandi vantaggi, quale ricchezza da tanta irragionevole distruzione!

Dovremmo incominciare a capire, che se non c’è logica alcuna, c’è però un enorme piacere!

Qualcuno è proprio soddisfatto di quello che fa e gioca a tirare la corda un tantino sempre di più per vedere l’effetto che fa. Quello che più mi dispiace è la consapevolezza che il loro divertimento è doppio, avendo a che fare con la nostra umanità rammollita, che forse è meglio definire rincretinita.

Hanno disegnato per noi un futuro raccapricciante, che di fatto non ci viene nascosto, al contrario ci viene proposto di continuo e verso il quale siamo perennemente sospinti con varie modalità, che noi semplicemente accettiamo, diventando i principali autori della nostra autodistruzione. 

Guardando un film o mangiando delle schifezze industriali, vaccinando i nostri figli o pagando delle tasse da cretini noi realizziamo il non futuro che qualcuno ha deciso per noi e siamo di fatto noi i primi distruttori della nostra civiltà

Questo “noi” ormai ha bisogno di essere meglio definito: noi chi?

Dentro questo “noi” di fatto c’è il popolo che subisce e che tenta disperatamente di vivere in condizioni sempre più svantaggiate, non solo per la crisi economica, ma anche per la crisi climatica, alimentare, sanitaria, sociale e chi più ne ha, più ne può mettere. 

Popolo che subisce, ma che spesso e volentieri agisce contro se stesso e i propri interessi. Il contadino che utilizza in agricoltura pesticidi e fertilizzanti chimici o il genitore che non si informa e delega alla ASL la salute del proprio figlio, la casalinga che compra al supermercato, il giornalista che disinforma, il medico che si adagia o accetta i suggerimenti delle multinazionali, il politico che lavora per la propria carriera, di fatto siamo tutti noi che da popolo ingannato, ci trasformiamo in ingannatori, da corrotti a corruttori, da vittime a carnefici. 

Dentro questa barca che affonda sempre di più ci siamo tutti, perché non riusciamo a distinguere e a vedere il ruolo della nostra collaborazione, ma in alto ci sono loro, alcuni, pochi, brutti volti, anche conosciuti, a capo del potere finanziario con in mano le redini del caos che vanno producendo! 

Buttano a perdizione banconote che rovesciano Stati sovrani, trasferiscono popoli, infangano verità e giustizia, ridono dell’onestà, corrompono ogni cosa che toccano, disprezzano il bene e godono un casino della distruzione del mondo che stanno effettuando giorno dopo giorno, ora dopo ora. E’ il loro momento, sono arrivati alla fine dei loro giochi e se li giocano tutti. 

Ci dovrebbe essere ormai sufficientemente chiaro che ci hanno dichiarato GUERRA! Dovremmo riuscire a capirlo! 

La guerra ha cambiato strategia, dice il generale Mini nei suoi scritti, le guerre di ultima generazione non debbono essere percepite come tali, per cui non saranno mai dichiarate ufficialmente, ma soltanto sferrate concretamente, tenendosi nascosti dietro le maschere che via via fanno più comodo e riescono a reggere il gioco: “esportare la pace” “combattere il terrorismo” “distrarre le masse con tutti i mezzi possibili” “creare finte problematiche per poi poter offrire la soluzione” e altre mille quotidiane strategie che incidono sulla sicurezza, sulla tranquillità, sul benessere, sull’equilibrio, creando caos, destabilizzazione, paura, confusione, immobilismo e depressione. Il fatto che siano scatenate non da nazioni che vogliono la supremazia o da alleanze territoriali, come succedeva una volta, ma da gruppi di potere, famiglie, che noi stupidamente consideriamo, “importanti” non fa differenza: sempre guerra è. 

Articolo pubblicato su Guardforangels

L’articolo continua su: primapaginadiyvs.it

Fonte: ilnuovomondodanielereale.blogspot.it 

Tratto da: primapaginadiyvs.i

Articoli correlati: Pianeta Terra: L’Ultima Arma da Guerra

                                       TUTTE LE COSE SONO COLLEGATE

wireless: a quali pericoli siamo esposti?

la tecnologia wireless

Un professore finlandese ha avvertito che la tecnologia wireless nelle scuole può portare ad una epidemia globale di danno cerebrale nella popolazione.

Il professor Rainer Nyberg ha messo in guardia genitori e scuole a “protestare” nell’adottare la tecnologia senza fili e rottamarla prima che sia troppo tardi, perché i bambini e i giovani sono molto più vulnerabili di noi adulti.

Emfacts.com riferisce:

In questa intervista, per Channel TV-Finlandia, spiega come ha scoperto i rischi per la salute legati direttamente alle emissioni dalla tecnologia wireless, mentre si pensava che avesse avuto solo solo effetti positivi.

Quando è iniziato il tuo interesse per la tecnologia wireless e dei suoi effetti sulla salute?

In realtà è iniziato con il mio profondo interesse e coinvolgimento in nuove tecnologie. Come insegnante-formatore presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione ho anche iniziato a progetti pedagogici per l’apprendimento della IT. Ciò mi ha portato, tra le altre cose, a scrivere due libri. Uno era Come insegnare l’Educazione Online, un altro di 350 pagine era una guida sulla ricerca, con 120 pagine dedicate su come Internet può essere utilizzato per la ricerca di informazioni scientifiche.

Quindi, il punto di partenza riguardava solo i benefici, e non sugli effetti nocivi?

Sì, sicuramente. Allora, Ho potuto vedere solo i benefici. Avevo usato i telefoni cellulari per un lungo periodo e troppi gadget-wifi. Mentre, intensamente stavo lavorando sulla quinta edizione della Guida di ricerca ho usato sia una tastiera e mouse wireless, ho iniziato a ricevere una sensazione di formicolio nelle dita. Mi sono chiesto, perché mi sta succedendo questo? In quel periodo, poco prima di Natale 2012, ho letto la lettera scritta da mio nipote a Babbo Natale, “Per favore, per favore Babbo Natale, la cosa che desidero più di tutto è quella di avere un iPad.”

Come ha reagito a quel desiderio?

Ho pensato che era fantastico, davvero grande che il mio nipotino voleva usare i computer. A quel tempo non avevo idea che ci potrebbero essere stati dei problemi. Volevo solo esaudire un suo desiderio, così le ho comprato un iPad.

Ora che avete esplorato le ricerche disponibili in questo campo, e imparato a conoscere gli effetti nocivi sulla salute sei sorpreso di quello che hai scoperto dalla ricerca di diversi studi?

Sì, molto sorpreso. In realtà è iniziato con mia sorella che mi ha inviato un articolo di giornale svedese su come i telefoni cellulari e iPad possono essere nocivi per la salute. Immediatamente ho pensato, questo è stupido. Come può essere che nuoce alla salute? Tutti utilizzano questi prodotti tecnologici. Ma nel contesto ho anche pensato, posso anche esaminare il problema facendo le dovute ricerche. Quindi a marzo 2013 ho trascorso tre settimane nella ricerca. Avevo insegnato al recupero delle informazioni e avevo appena scritto 120 pagine nella Guida di ricerca, quindi sapevo come fare ricerca on-line. Abbiamo un facile accesso ai fantastici strumenti dell’università, il portale NELLI, è una grande fonte di informazioni dove possiamo cercare molte grandi banche dati scientifiche gratuitamente, così come recuperare articoli di stampa molto velocemente.

Qual è stata la tua prima impressione? Che cosa hai trovato?

La prima cosa che ci ha fatto impressione è stato l’avvertimento da parte del Consiglio d’Europa. Nel 2011 hanno invitato a tutti gli Stati membri dell’Unione europea una nota che in sostanza diceva: “dovete avvertire tutti i cittadini che vi è un pericolo per la tecnologia cellulare e la connessione internet wireless”. I bambini in particolare hanno bisogno di attenzione, perché sono particolarmente sensibili. La loro scatola cranica è più sottile e più sensibile perché sono ancora in crescita. Sì, ho ricevuto il messaggio di proteggere i bambini. L’avvertimento del Consiglio d’Europa ha messo in chiaro che se non facciamo qualcosa ora, potrebbe portare a costi umani ed economici devastanti.

Quindi fu assorbito in questa nuova conoscenza. E poi che è successo?

Mi sono molto preoccupato e ho continuato a guardare i rapporti scientifici più in profondità. La raccomandazione del Consiglio d’Europa non è solo da un punto di vista socio-politico, ma è basato sulla scienza. Così ho pensato che sarebbe stato meglio documentarsi sulla scienza. Tra i molti reperti ho letto il nuovo rapporto del 2012 BioInitiative che comprendeva 1.800 studi recensiti. Gli scienziati hanno concluso: “Se non facciamo qualcosa ora, potremmo presto vedere una epidemia globale di danno cerebrale.” I bambini sono più vulnerabili agli effetti delle radiazioni elettromagnetiche pulsate. E, naturalmente, ho pensato a mia nipote, a cui avevo appena dato un iPad.

E’ molto difficile per un educatore anziano avvertire il problema?

È stato allora che mi sono molto turbato perché ho promosso la tecnologia tramite le conferenze e i miei libri. Ora capisco che la connettività via cavo provoca meno problemi a differenza della connettività senza fili che crea molti tipi di problemi. Milioni di persone ne sono colpite.

Inoltre sono state scoperte lesioni al vasi sanguigni del cervello. Nel nostro cervello abbiamo circa 600 km di vasi sanguigni. Devono alimentare 60-100 miliardi di cellule nervose con ossigeno e glucosio. Anche se ogni cellula nervosa è estremamente piccola, ogni cellula nervosa ha molti microscopici rami. Il ramo più lungo da ogni neurone (cellule nervose), che comprende assoni (fibre nervose), è tra un millimetro e 20 cm. La media è meno di un millimetro. Tuttavia, se dovessimo collegare tutti questi neuroni e utilizzare solo il ramo più lungo da ciascuno di essi e mettere tutti i neuroni in una linea, raggiungerebbe quattro volte il parallelo intorno all’equatore. Ciascun neurone può avere contatti (sinapsi) con migliaia di altri neuroni.

In questo contesto ho cominciato a capire perché il cervello è particolarmente sensibile. I vasi sanguigni del cervello sono estremamente sottili e di vasta portata, ed è lì che si manifesta il problema. Come si è visto, i sottili vasi sanguigni nel cervello hanno pareti che sono ancora più sottili. Quando qualcuno è esposto ad un telefono cellulare o altra radiazione wireless, le pareti dei vasi sanguigni iniziano a perdere una proteina dal sangue (albumina) può anche fuoriuscire dalle cellule cerebrali e ha il potenziale per uccidere le cellule nervose. Questo è stato dimostrato in Svezia con delle foto nei rapporti di ricerca, pubblicato dai professori Bertil Persson e Leif Salford a Lund. I ricercatori, hanno studiato gli effetti attivi delle radiazioni del cellulare nelle immediate vicinanze di una scatola in cui dei topi camminavano liberamente. Essi hanno scoperto (solo dopo 2 ore di esposizione) che anche le radiazioni deboli causano lesioni ai vasi sanguigni nelle cellule cerebrali dei ratti. Immaginate cosa può accadere ai bambini e agli adulti che possiedono telefoni cellulari vicino alle loro orecchie e cervello per diverse ore ogni settimana per anni?

La tua lezione di oggi riguarda le conseguenze per la salute restando troppo a lungo in ambienti wireless? E quali personali provvedimenti avete preso per risolvere questo problema?

Oggi tengo il cellulare in modalità (standby) di attesa per 99% del tempo per ridurre le emissioni. Non utilizzo più questa tecnologia ‘intelligente’ da molto tempo, anche se ho sempre avuto il mio telefono con me e su di me per molti anni. Ora, per lo più lo lascio a casa, o lo tengo spento e lo accendo solo per controllare i messaggi. A casa io uso internet via cavo e una tastiera e un mouse cablato. Ho anche sostituito il telefono DECT wireless con un telefono tradizionale via cavo, e evito luoghi con alti livelli di radiazioni elettromagnetiche.

Come docente ospite, quale sarà oggi il vostro messaggio chiave?

Prima di tutto voglio dare una breve panoramica di quanto sia ed è importante uno strumento come il nostro cervello. È la struttura più complessa nel nostro mondo. È più complessa di qualsiasi aeromobile e altri supporti tecnologici avanzati. È molto sensibile agli impulsi elettromagnetici. Tutto quello che avviene sia nel nostro cervello che nel nostro corpo dipendono da impulsi elettrici, che sono molto più deboli degli impulsi artificiali elettromagnetici digitali. In aereo non si è autorizzati ad utilizzare telefoni cellulari perché potrebbe disturbare le apparecchiature elettroniche di bordo. Eppure la maggior parte delle persone pensano ancora che un cellulare non potrebbe danneggiare il cervello, che è molto più complesso di un aereo che gira su impulsi elettrici molto più deboli. In futuro, vorrei anche parlare dei vari danni causati dai vari gadget wireless, ma soprattutto come proteggersi e come evitare di essere esposti a troppe radiazioni elettromagnetiche.

In base a quello che hai detto finora, la vostra raccomandazione è quella di usare le connessioni via cavo e usare il wireless solo quando non abbiamo altra scelta altrimenti ne paghiamo le conseguenze? È questo che volete comunicarci?

Sì, è molto meglio usare internet via cavo quando possibile, solo che non è possibile utilizzare il cavo per telefoni cellulari, tablet e iPad, perché funzionano solo su reti wireless. Tutte le comunicazioni digitali utilizzano alte frequenze. Non è solo coinvolto l’orecchio, ma anche a chi detiene un bimbo in grembo, ci si siede con il cellulare in tasca, lo abbiamo a diretto contatto con il nostro corpo. Ragazzi e uomini spesso mantengono il loro smartphone in tasca. La ricerca mostra che gli spermatozoi muoiono a tale esposizione, e lo sperma che sopravvivere è di minore qualità.

Un esperimento fatto da (A. Balmori) ha trovato una marcata differenza tra due contenitori di girini posizionato a 140 metri da un celltower (ripetitore di cellulari). Un contenitore è stato protetto da una gabbia di Faraday. In tale contenitore solo 4% è morto, ma il 90% dei girini non protetti è morto, e deformità sono state trovate tra il restante 10%. Non stupisce quindi che gli spermatozoi muoiono o siano danneggiati se si porta uno smartphone in una tasca dei pantaloni. Persone, rane e uccelli sono stati studiati, i risultati mostrano che sono stati tutti influenzati negativamente dai ripetitori cellulari (celltowers). Non si tratta solo di cancro. Ci sono immediate lesioni ed evidenti sul EEG, cambiamenti delle attività cerebrali, e anche danni al DNA.

Quindi ci sono molti diversi tipi di danni. Ecco perché è così importante proteggere i bambini e non installare reti wireless e conseguentemente l’uso dell’iPad nelle scuole. Lo scenario peggiore è quando molti di questi strumenti tecnologici sono in uso tutti nello stesso momento e nella stessa aula e/o stanza, come nelle scuole, perché continuamente cercano di connettersi alla stessa connessione modem-wifi. E’ come se ogni iPad stia freneticamente cercando di connettersi nello stesso tempo al modem e questo smog elettromagnetico diventa sempre più forte. Questo è quando diventa particolarmente dannoso. Come possono i bambini conoscere i rischi, quando nemmeno i loro insegnanti ne comprendono la pericolosità?

Oggi abbiamo parlato di cose molto importanti. Grazie mille per questa intervista, Vi faccio tanti auguri per le Vostre lezioni future.

Grazie a te.


http://yournewswire.com/

traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da