Crea sito

MARDUK: parallelismi tra previsioni profetiche, presagi astrologici ed eventi astronomici

 

Babilonia era la “città sacra” dedicato al culto di Marduk, che aveva lì il suo tempio e una statua d’oro 

La profezia di Marduk del re babilonese Nabucodonosor e la statua rubata di un Dio  

di Ellen Lloyd 04 luglio 2019 dal sito web AncientPages  

Come figlio del potente dio Enki, creatore e protettore dell’umanità, Marduk ha un ruolo importante nella mitologia mesopotamica e nella storia di Babilonia.

Babilonia era la “città sacra” dedicata al culto di Marduk, che lì aveva il suo tempio e una statua d’oro. Nell’antichità Babilonia era considerata quasi il “centro del mondo”.

Persino Alessandro Magno rimase incantato dalla sua bellezza e potenza.

Da un antico testo assiro noto come “Profezia di Marduk“, noto anche come “Profezie di Sulgi”, si può conoscere i viaggi di Marduk verso le terre di Ittiti, Assiri ed Elamiti e,

“la previsione di un futuro re che ricondurrà Marduk da Elam, un paese antico nell’Iran sud-occidentale” …

Secondo gli storici, la profezia di Marduk fu scritta tra il 713 e il 612 a.C.

L’antico documento è stato riportato alla luce nella Casa dell’Esorcista vicino a un tempio nella città di Ashur, la prima capitale dell’Impero assiro.

Poiché questo documento è stato probabilmente scritto durante il regno di Nabucodonosor I, la maggior parte degli storici suggerisce che sia servito come pezzo di propaganda per celebrare la sua vittoria.

La profezia di Marduk descrive,

il ritorno di un re forte e potente che ripristinerà la pace e l’ordine in città portando a casa la statua del dio.

 

Dettaglio dal kudurru di Nabucodonosor garantire a Šitti-Marduk la libertà fiscale. Credito: dominio pubblico

 Re Nabucodonosor I,

“Marciò nell’Elam e rimpatriò la statua rubata di Marduk”. 1

L’elenco dei re babilonesi informa che governò per 22 anni e un kudurru rivela che il re Nabucodonosor I recuperò la statua del dio Marduk durante la sua battaglia contro gli elamiti. 2

I babilonesi avevano i cosiddetti “kudurrus“, stele di pietra scolpite e scolpite con iscrizioni.

Erano importanti non solo per ragioni economiche e religiose, ma anche come quasi le uniche opere d’arte, sopravvissute dal periodo del dominio kassita in Babilonia (16-12 a.C. circa).

Molti eventi storici significativi furono inscritti su questi kudurrus.

Sebbene la maggior parte pensi che la profezia di Marduk sia stata scritta come omaggio al re Nabucodonosor I, è anche possibile che il documento abbia avuto un altro scopo.

È interessante notare che, durante gli scavi nella Casa dell’Esorcista, gli archeologi hanno trovato diverse tavolette cuneiformi che riguardano anche altri eventi.

“A parte la” profezia di Marduk”, l’inventario non include alcun testo rilevante per la campagna elamita di Nabucodonosor che probabilmente è stata la preoccupazione principale dell’autore del nostro testo, ma ci sono alcuni testi che proclamano la superiorità della divinità principale assira Assur Marduk (ad esempio il ‘Marduk Ordeal‘).

Ciò suggerisce che il proprietario dell’esemplare di Assur aveva molto più interesse per la riflessione teologica sul rapporto tra gli dei assiri e babilonesi, presumibilmente stimolato dal rapimento assiro della statua di Marduk sotto Sennacherib (689 a.C.), che nel trionfo di Nabucodonosor. ” 1

Ciò ha portato alcuni a ipotizzare se la profezia di Marduk sia stata forse scritta in relazione a come Marduk dovrebbe essere valutato in relazione al dio Assur, la divinità più importante della capitale assira Ashur.

 

Ashur, il dio principale del pantheon assiro nella religione mesopotamica, venerato principalmente nella metà settentrionale della Mesopotamia, e parti del nord-est della Siria e del sud-est asiatico minore (vecchia Assiria).

La profezia contiene anche testi di presagio astrologico e menziona alcuni luoghi antichi associati a costellazioni specifiche.

Molte predizioni nelle profezie di Marduk e Sulgi, così come nella profezia di Uruk, hanno allo stesso modo un parallelo esatto nel corpus astrologico. “3

Poiché i babilonesi e i sumeri avevano una conoscenza avanzata dell’astronomia, non è sorprendente scoprire che si basavano su oggetti celesti per una serie di ragioni e ci sono specifici parallelismi tra previsioni profetiche, presagi astrologici ed eventi astronomici …

Riferimenti:

  1. Takuma Sugie – La ricezione della profezia di Marduk nel VII secolo a.C. Assur – Oriente. 2014, Vol.49, No.0, p.107.
  2. Benjamin R. Foster – Before the Muse: An Anthology of Akkadian Literature
  3. Biggs, Robert D. – “Le profezie babilonesi e le tradizioni astrologiche della Mesopotamia” – Journal of Cuneiform Studies37, n. 1 (1985): 86-90. doi: 10,2307 / 1.359.960.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Montagne Sacre

I MONTI SACRI DELL’ANTICHITÀ

In questa breve esposizione parlerò dei “Monti Sacri dell’Antichità”, spesso dimenticati dalle narrazioni storiche ma, di vitale importanza nell’ambito delle ricerche archeologiche legate al nostro passato antropologico e religioso.

Monte del Tempio: monte Moriah

Il monte Moriah (“Monte che indica la via, che addita”), il monte centrale dei tre sui quali sorge Gerusalemme, tra il monte Zophin (“Monte degli osservatori”) a nord e il monte ziom (“Monte del segnale”) a sud. E’ chiamato così perché sulla sua piattaforma venne costruito il Tempio dedicato a Yahweh. Circondata da un muro, la piattaforma rialzata contiene la sacra Even Sharit (“Pietra della fondazione”) dove sia la tradizione, sia gli studi archeologici, indicano che si trova il Sancta Sanctorum del Tempio (ora inglobato nel Duomo della Roccia, è diventato un tempio mussulmano.

A ovest, l’antica piattaforma è supportata dal Muro Occidentale, contemporaneo al Tempio, le cui fondamenta poggiano direttamente sul substrato roccioso. Rovine che risalgono all’epoca di Gesù di Nazareth indicano che l’accesso del pubblico al Tempio avveniva attraverso una scala cerimoniale, nonché attraverso le porte del muro meridionale.

Il Monte Moriah (“Monte che indica la via”) è il monte centrale dei tre monti di Gerusalemme, dove venne costruito il Tempio e dove era ubicato il Centro di controllo missione postdiluviano degli Anunnaki.

Monte Olimpo 

Il Monte Olimpo, che secondo le leggende dell’antica Grecia era la dimora dei “dodici” dèi, dèi che a capo dei quali era Zeus.

“Il Monte Olimpo si trova nel Nord della Grecia: altissimo e inaccessibile, sempre avvolto dalle nuvole, fu ritenuto la dimora degli dèi, che per questo motivo furono chiamati anche olimpici. E il termine olimpico, sta a indicare le vite beate delle divinità, è ancora oggi sinonimo di imperturbabile calma” 

Monte Sinai 

 Il Monte Sinai, è il monte sul quale il Libro dell’Esodo, atterrò Yahweh a bordo del suo Kavod difronte al popolo israelita, e dove Mosè ricevette le tavolette con i Dieci Comandamenti. I monaci del monastero di Santa Caterina, nella parte meridionale montuosa del Sinai, chiamano “Monte di Mosè” un monte che si trova lì accanto e lo identificano come il biblico monte Sinai.

Questa identificazione presuppone che l’Esodo abbia seguito quella che gli studiosi chiamano una “Via meridionale”. Per ragioni addotte in alcuni libri, l’approcio è che si tratti di una “Via centrale”, in base alla quale il vero monte Sinai si troverebbe più a nord, nella zona pianeggiante della penisola.

Il monte si presume possa essere legato alle strutture postdiluviane degli Anunnaki, il “monte Masu” è lo stesso monte dove Gilgamesh si recò per essere trasportato in cielo.

Monte Zaphon

Il monte Zaphon, viene indicato in ebraico come il “monte del Nord” – nome biblico di un picco nella regione settentrionale di Cannan; il nome poteva anche significare in ebraico “Monte del segreto nascosto”. Poiché la narrazione epica cananea di Kerer descrive il monte come “il monte di Ba’al” e il suo “recinto sacro (…) recinto dell’ampia misura”, con i suoi trilithon da oltre 1200 tl. Nella zona di Ba’albek in Libano.

Monti Tauro 

I monti del tauro si trovano nella catena montuosa in Asia Minore (odierna turchia) che corre in direzione est-ovest lungo una buona parte della regione meridionale del paese, con vette che raggiungono i 3.048-3.657 metri; da questi monti nascono i fiumi Tigri, Eufrate e i loro affluenti.

 

Gli Ittiti e altri popoli dell’Anatolia vi estraevano l’argento e, in seguito lo stagno; l’ipotesi è che dopo il Diluvio il dio Teshub/Adad portò con sé esperti minatori dall’Anatolia per estrarre oro e stagno nella regione del lago Titicaca in Sud America.

Monti Zagros

I monti Zagros sono una catena montuosa che forma il confine orientale della pianura mesopotamica e che segna l’inizio dell’altopiano montuoso dove si trova il regno di Elam, diventato poi la Persia/Iran.

Elam è l’antico regno nelle terre montuose a sud-est di Sumer; citato la prima volta nella Bibbia come la Terra di Elam, figlio di Sem; la sua capitale era Susa, era la Shushan dei tempi persiani citata nella Bibbia.

Estensione della civiltà sumera, Enlil la assegnò a suo figlio Ninurta (che gli Elamiti chiamavano In-shushinak, “Signore di Shushin”). Gli Elamiti erano un popolo guerriero e ottimi produttori di armi in metallo, fornivano truppe per diverse campagne militari, come la “Guerra dei re”, descritta nel capitolo 14 della Genesi.  

http://ningizhzidda.blogspot.it/