Crea sito

La misteriosa Piana di Giza

Oggi, nonostante il fatto che solo pochi conoscono la vasta città sotterranea,
in passato era ben conosciuta e documentata.

C’è un’incredibile città “perduta” sotto le Piramidi di Giza

C’è un’incredibile città “perduta sotterranea che si trova sotto le piramidi di Giza, e nonostante il fatto che solo oggi pochi conoscono, è stata estremamente ben documentata in passato.

La misteriosa Piana di Giza è ancora più sbalorditiva quando ci si rende conto che l’antica città di Memphis (l’odierna Giza) è piena di passaggi sotterranei, colonne, con un sistema di caverne e camere, dove si trova tra le loro mura manufatti storici di immenso valore datati migliaia di anni fa migliaia. Tuttavia, le autorità egiziane non sono disposte a rivelare al grande pubblico ciò che si trova al di sotto della piana di Giza, come molte altre scoperte fatte nel corso degli anni in Egitto.

C’è una storia del tutto perduta e ignorata dagli studiosi tradizionali quando si tratta di civiltà dell’antico Egitto e le enigmatiche Piramidi, che a detta di molti precede la civiltà egizia stessa. Per comprendere la misura (parziale) di quello che ci hanno insegnato a scuola della storia sul nostro pianeta, dobbiamo capire che innumerevoli scoperte sono state completamente ignorate dagli studiosi tradizionali.

Una di queste scoperte ha avuto luogo in Egitto, dove un imponente sistema di tunnel sotterranei con camere e sale è stato scoperto sotto la superficie della Piramide. Una vera storia di quello che è accaduto sotto la sabbia migliaia di anni fa, non è presente negli insegnamenti tradizionali del nostro passato sulla civiltà e, la riflessione sulle innumerevoli scoperte effettuate negli ultimi decenni indicano chiaramente che la storia così come la conosciamo è solo parziale.

Al fine di comprendere l’enigmatica ‘città’ sotterranea situata sotto la Piana di Giza, ci si avventura fuori dal distretto dell’Oasi del Fayum, che si trova a poche miglia al di fuori di Memphis. È degno di nota ricordare che in passato, il Lago Moeris delimitava l’Oasi del Fayum e proprio sulle sue sponde si trova l’enigmatico labirinto descritto da Erodoto come “una meraviglia senza fine.”

Si dice che il misterioso ‘labirinto’ di dimensioni impressionanti, conteneva fino a 1500 camere e una pari quantità di camere sotterranee che al filosofo greco non è stato consentito di ispezionare. Secondo i custodi del Labirinto, “i passaggi erano sconcertanti e intricati”, creati al fine di mantenere sicuri nei numerosi sotterranei gli innumerevoli testi antichi e pergamene.

In realtà, questo antico complesso, ha impressionato Erodoto in modo tale che si sentiva in dovere di parlare della misteriosa struttura:

“Ho visto dodici palazzi regolarmente disposti, che comunicavano gli uni con gli altri, intervallati da terrazze e disposti intorno dodici padiglioni. E’ difficile credere che sono opera dell’uomo, le pareti sono ricoperte da figure scolpite, e ogni costruzione è squisitamente costruita di marmo bianco e circondato da un colonnato. Presso l’angolo dove finisce il labirinto, c’è una piramide, duecentoquaranta piedi di altezza, con grandi figure scolpite di animali su di essa e un passaggio sotterraneo che l’attraversa. Mi è stato detto che è molto credibile che passaggi sotterranei siano collegati a questa piramide con le piramidi di Memphis.

In realtà, l’antica Memphis (Giza) ha un sistema sotterraneo gigantesco che si combina con una serie di intricati passaggi artificiali, fiumi sotterranei e gallerie. Mentre questi sono stati descritti migliaia di anni fa, le cavità sotterranee gigantesche sono state mappate nel 1978 con il georadar grazie ad esplorazioni guidati dal Dr. Jim Hurtak, che si dice essere entrato in enormi camere che sono più grandi delle più grandi e moderne cattedrali erette dall’uomo.

Tuttavia, in aggiunta a quanto sopra, ha parlato anche delle giganti metropoli sotterranee collocate al margine di Giza, datate almeno 15.000 anni.

È interessante notare, ci sono numerosi autori antichi che hanno sostenuto la documentazione di Erodoto ‘di passaggi sotterranei che collegano le principali piramidi. E’ importante ricordare che Giamblico, noto anche come Giamblico Chalcidensis, o Giamblico di Apamea, un filosofo neoplatonico siriano che ha registrato informazioni su di un ingresso attraverso il corpo della Sfinge che conduce all’interno della Grande Piramide di Giza:

Oggi, questo ingresso ostruito da sabbie e detriti ma, può ancora essere rintracciato tra le zampe anteriori del colosso accovacciato. In precedenza era chiuso da un cancello di bronzo la cui segreta serratura poteva essere aperta solo dai Magi. L’ingresso è stato sorvegliato e tenuto nascosto al pubblico, e una sorta di timore religioso ha mantenuto la sua inviolabilità, meglio di quello che avrebbe fatto una protezione armata. Nel ventre della Sfinge sono state scavate delle gallerie che conducono alla parte sotterranea della Grande Piramide.

Queste gallerie attraversano abilmente tutto il percorso fino alla Piramide che, se ci si avventura sempre più in questa rete di gallerie senza una guida, inevitabilmente ci si ritrova al punto di partenza.

Antica Sala Egiziana delle annotazioni degli antichi codici

Crantore (300 a.C.), ha affermato che in Egitto una serie di pilastri sotterranei contengono una documentazione preistorica scritta sulla pietra, Crantore ha sostenuto con grande fermezza gli scritti di Erodoto.

Tuttavia, ancor più, interessante è il fatto che scritti su antichi sigilli cilindrici sumeri sono la documentazione degli Anunnaki dove la loro dimora segreta è stata descritta come: 

“Un luogo sotterraneo … dove si entra in un tunnel, il suo ingresso è nascosto dalla sabbia e da quello che chiamano Huwana … che ha denti come quelli di un drago, il suo volto, quello di un leone”. Questi estremamente antichi testi, frammentati in diversi pezzi, registrano, inoltre, che “gli [Huwana] non sono in grado di andare avanti, n’è indietro”, ma possono essere attaccati da dietro, così facendo, “la dimora segreta degli Anunnaki” poteva essere violata. (Fonte

Sorprendentemente gli antichi testi sumerici hanno relativamente fornito una buona descrizione sulla testa di leone della Sfinge di Giza, un monumento che precede sicuramente le civiltà dell’Antico Egitto ed è stata edificata per proteggere le Piramidi e le innumerevoli camere e gallerie situate sotto Giza. 

Tuttavia, troviamo molte e vaste più prove sulle camere sotterranee negli scritti di Plinio nello storico primo secolo romano, dove ha documentato che sotto la potente Sfinge si trova una “tomba di un principe di nome Harmakhis che contiene un grande tesoro Sorprendentemente Nascosto. “La Grande Sfinge una volta era chiamata “la Grande Sfinge Harmakhis che ha fatto la guardia fin dai tempi dei seguaci di Horus”. 

Un’ulteriore prova a sostegno dell’esistenza delle volte sotterranee è documentata dallo storico romano del IV secolo Ammiano Marcellino che ha documentato l’esistenza di passaggi che portano all’interno della Grande Piramide di Giza: 

“Le iscrizioni che gli antichi asserivano sono state incise sulle pareti di alcune gallerie sotterranee e passaggi, sono stati costruiti in profondità nell’interno e al buio per preservare la saggezza antica dal Diluvio.” 

Altre prove si trovano in un manoscritto documentato dallo scrittore arabo Altelemsani e conservata al British Museum. Altelemsani ha documentato l’esistenza di una vasta camera sotterranea quadrata situata sotto terra, tra la Grande Piramide e il fiume Nilo. Altelemsani ha scritto che c’era qualcosa di enorme che bloccava l’ingresso dal fiume Nilo. 

Altelemsani ha scritto: 

“… Nei giorni di Ahmed Ben Touloun, una squadra è entrata nella Grande Piramide attraverso il tunnel e ha trovato in un lato della camera un calice, un bicchiere di rara fattura e consistenza. Mentre stavano per uscire, hanno perso un componente della squadra, sono ritornati indietro a cercarlo, in quel mentre, il disperso è andato incontro alla squadra e ridendo disse: “Non cercatemi e non seguitemi”, e poi si precipitò all’interno della piramide. I suoi amici hanno percepito che era incantato, qualcosa lo aveva stravolto. 

Dopo aver appreso di strani avvenimenti sotto la Piramide, Ahmed Ben Touloun espresse il desiderio di vedere il calice di vetro. Durante l’esame, è stato riempito con acqua e pesato, poi svuotato e ri-pesato. Lo storico ha scritto che era “risultato essere dello stesso peso, sia vuoto come quando era pieno d’acqua.” (Fonte

È interessante notare che nel corso del 10° secolo, uno scrittore di nome Masoudi ha affermato che le avanzate statue meccaniche erano a guardia delle gallerie sotterranee situate sotto la Grande Piramide di Giza. La sua descrizione, di mille anni fa, può essere paragonata oggi a un robot computerizzato. Secondo Masoudi, questi robot sono stati programmati per distruggere tutti gli intrusi “ad eccezione di quelli che con il loro comportamento erano degni di essere ammessi”.

Egli scrisse: “… resoconti scritti di saggezza e acquisizioni nelle diverse arti e le scienze erano nascosti in profondità, per rimanere a testimonianza e beneficio di coloro che potrebbero in seguito capire …”.

Masoudi ha asserito: “… ho visto cose che non posso descrivere per la paura di persone che possano mettere in dubbio la veridicità e la mia intelligenza … ma, quelle cose io le ho viste …”.

Secondo Erodoto, gli antichi sacerdoti egizi parlavano di un un lungo tempo passato e della creazione di camere sotterranee create dai costruttori originali dell’antica Memphis. È interessante notare che queste storie sono state confermate quando le grandi cavità sono state scoperte nel corso di un sondaggio condotto di Giza nel 1993.

I rapporti che sostengono l’esistenza di vaste camere è stato documentato da un articolo di giornale chiamato “Mistero in galleria in Sphinx”:

“I restauratori che con difficoltà hanno riparato la Sfinge hanno scoperto un antico passaggio che conduce nelle profondità nel corpo del misterioso monumento. Il direttore e archeologo degli antichi scavi di Giza, il signor Zahi Hawass, ha detto che non vi era alcuna controversia, limitandosi a dire che il tunnel era molto vecchio. Tuttavia, ciò che è sconcertante è: chi ha costruito il passaggio e Perché? Inoltre, dove porta …? Il signor Hawass ha detto che aveva intenzione di rimuovere le pietre che bloccano l’ingresso. I cunicoli segreti del tunnel nel lato nord della Sfinge, circa a metà strada tra le zampe tese della Sfinge e la coda.” (Fonte)

Nel 1935, storie incredibili sono emerse dopo che ha avuto luogo un progetto di compensazione durato un decennio. Un articolo pubblicato lo stesso anno da Hamilton M. Wright ha descritto l’esistenza delle aree sotto Giza. Queste informazioni, come molte altre scoperte, vengono ancora negate dalle autorità egiziane, nonostante numerose evidenze dimostrano la loro esistenza.

L’articolo diceva:  

“… Abbiamo scoperto un sottopassaggio utilizzato dagli antichi Egizi di 5000 anni fa. Si passa sotto la strada rialzata che porta tra la seconda Piramide e la Sfinge. Essa fornisce un mezzo per passare sotto la strada rialzata dalla Piramide di Cheope alla Piramide di Chefren. Da questa strada sotterranea, abbiamo portato alla luce una serie di colonne che scendono più di 125 piedi, con ampi spazi e camere laterali … “. ( Fonte )

L’esistenza sotterranea di ampie camere a Giza è estremamente ben documentata, anche se solo un paio di persone in tutto il mondo sanno della sua esistenza. I rapporti dei media nel 1930 hanno descritto le camere sotterranee e i passaggi situati tra il tempio del “Sole” situato sull’altopiano e il tempio della Sfinge nella valle di Giza.

Situato a metà strada tra la Grande Sfinge e la grande piramide, sono state scoperte quattro enormi colonne verticali, ciascuna circa di otto piedi quadrati, che conducono in camere interne attraverso un solido calcare.

“… Si chiama” Campbell Tomb “in massoneria e nel gergo rosacrociano, e” quel complesso colonnato “, ha detto il dottor Selim Hassan,” termina in una camera spaziosa, al centro della quale c’è un altra colonna che scendeva in una costruzione capiente fiancheggiata da sette camere laterali … “.

Secondo i rapporti, all’interno delle segrete stanze c’erano enormi sarcofagi sigillati in basalto e granito, alti 18 piedi.

Nel 1935, quando il dottor Selim Hassan stava esplorando la zona che ha scritto:

“… Speriamo di trovare alcuni monumenti importanti dopo l’eliminazione di questa acqua. La profondità totale di queste serie di colonne è più di 40 metri o più di 125 piedi … Nel corso dei lavori, aprendo la parte meridionale della strada sotterranea, è stata trovata un bellissimo testa di una statua molto espressiva in ogni dettaglio della faccia…”. (Fonte)

La Cappella delle offerte, Enoch, e i conti preistorici

In aggiunta a quanto sopra, il dottor Selim Hassan ha anche riferito la scoperta di tre corti interne ed esterne e una camera che ha chiamato la ‘Cappella delle offerte,’ tagliata in uno sperone di roccia massiccia trovato tra la tomba di Campbell e la Grande Piramide. Rapporti indicano che al centro della cappella ci sono tre montanti verticali decorati posizionati in una disposizione a forma triangolare. I pilastri sono punti estremamente importanti nel rapporto in quanto la loro esistenza si crede sia stata registrata nella Bibbia.

Si ritiene che Ezra, lo scrittore della Torah,
ha avuto conoscenza dell’esistenza dei passaggi e delle grandi camere sotto Giza ancor prima di scrivere la Torah.

È interessante notare che i rapporti delle ‘sofisticate macchine meccaniche’ scoperte a Giza, insieme ad una città sotterranea precedentemente sconosciuta, si trovano scritte in un articolo dell’Espresso della Domenica del 7 Luglio 1935.

Tuttavia, nonostante ampi testi antichi che documentano l’esistenza di vaste gallerie, camere e passaggi sotto Giza, le autorità egiziane hanno a lungo negato l’esistenza di questi, insieme ad una serie di altre scoperte incredibili fatte in Egitto.

Secondo i rapporti, ‘l’inaccessibile’ città sotterranea è possibile accedervi dall’interno della Sfinge (ma pure da altre parti), da scale scavate nella roccia, che conducono al sistema di caverne sotto il letto del fiume Nilo. L’enorme, complesso, di sistema sotterraneo sotto la Piana di Giza si estende ad est, e porta verso Il Cairo.

In un articolo scritto nel 1972 è stata fatta la seguente dichiarazione: 

“Nessuno dovrebbe prestare attenzione alle pretese assurde per quanto riguarda gli interni della Grande Piramide o i presunti passaggi e templi scavati sotto la sabbia, la zona delle Piramidi è stata fatta da coloro che sono in connessione con i cosiddetti segreti dei culti misterici o da società Egiziane e Orientali.

Queste cose esistono solo nella mente di coloro che cercano di attirare le persone in cerca di mistero, e più si negano l’esistenza di queste cose, tanto più il pubblico è portato a sospettare che stiamo deliberatamente cercando di nascondere ciò che costituisce uno dei grandi segreti d’Egitto. E’ meglio per noi ignorare tutte queste affermazioni che semplicemente vengono negate. Tutti i nostri scavi nel territorio della Piramide non sono riusciti a rivelare eventuali passaggi sotterranei o sale, templi, grotte, o qualcosa del genere ad eccezione di quello del tempio adiacente alla Sfinge. “(Fonte)

Testi storici documentano la vasta quantità di scavi effettuati nel corso del 20° secolo e delle incredibili scoperte sconvolgenti che sono state tenute lontane dalla società. Come abbiamo accennato in articoli precedenti, vi è un modello specifico e rigoroso implementato nella società di oggi, dove solo alcune informazioni vengono rilasciate al mondo, mentre la maggior parte sono tenute bloccate lontano da occhi indiscreti, quasi come se ci fosse in funzione un livello nascosto di censura, specificamente progettate per proteggere le parti della storia che appartiene al genere umano, una specie con una grande amnesia.

Riferimenti:

http://www.bibliotecapleyades.net/

http://www.burlingtonnews.net/tunnels.html

http://www.sacred-texts.com/earth/osgp/osgp10.htm

Gaston Maspero, dagli albori della civiltà, 1901.

Fonte Link e immagini: http://www.ancient-code.com/there-is-an-incredible-lost-underground-city-beneath-the-pyramids-of-giza/ 

Traduzione e adattamento: https://ningizhzidda.blogspot.com/

 

Articoli correlati:

Gli Akhu-Shemsu-Hor (I seguaci di Horus) 

SHEMSU-HOR II PARTE 

“Zep Tepi”   

La schiatta dei Plantageneti

L’aristocrazia nera che si nasconde dietro ai presidenti Usa

L’aristocrazia nera, ovvero: storia occulta dell’élite che da secoli controlla la guerra, il culto, la cultura e l’economia. E’ il tema dell’ultima indagine di Riccardo Tristano Tuis, saggista e musicista. Punto di partenza: quali sono le origini della cosiddetta aristocrazia nera? Che cosa si nasconde dietro ai simboli, l’araldica e le gesta di certi casati nobiliari? Che rapporto hanno con il potere?

«Nel corso dei secoli – scrive Tuis – i simboli e le religioni si sono trasformati in diábolos, strumenti d’inganno per separare anziché essere impiegati nella loro funzione naturale di unità (symbolon)», all’insegna del “divide et impera”, che «è stata da sempre la regina delle strategie finalizzata al mantenimento del potere dell’aristocrazia nera sul territorio».

Poche famiglie, da sempre, controllano la nostra vita. «Le radici della sanguinaria storia dell’aristocrazia nera, che nel tempo prende le sembianze delle famiglie di banchieri europei legate alla Chiesa e ad alcune specifiche casate reali eurasiatiche, vanno cercate al di fuori dell’Europa, in popoli noti come Kazari, Sarmati e Sadducei che a un certo punto conversero all’interno di un gruppo noto come Ashkenaziti, mascherandosi come ebrei ortodossi o paladini della Cristianità, raggiungendo le più alte cariche in tutta Europa».

Queste famiglie – scrive Uno Editori – iniziarono a spartirsi gli Stati europei, dando così vita a faide interne come quella dei guelfi e dei ghibellini e a uno scontro diretto con tutti i loro oppositori, fino a giungere all’attuale costituzione di un Nuovo Ordine Mondiale con il suo occulto controllo globale attraverso una rete di organi sovranazionali, congregazioni religiose, corporazioni economiche e di comunicazione di massa». 

L’autore mostra inoltre alcuni dei più intimi segreti di questa oscura élite, smascherando l’intricata rete che lega le religioni con i movimenti spirituali e le società segrete con la politica e i servizi segreti. L’opera presenta come chiave di lettura il cosiddetto “cripto-simbolismo” – ossia lo studio del simbolo nei suoi diversi livelli di significato e la sua applicazione occulta nella società – e di come sia stato praticato da una élite originariamente proveniente dai “Popoli del mare” che colonizzarono le aree in cui si fondarono la civiltà fenicia, del Mar Nero, della Valle dell’Indo, nonché quelle sumera, cinese, egizia e mesoamericana, per poi diversificarsi nei ceppi sarmato-sadduceo che diedero i natali all’élite sacerdotale del Tempio della Palestina e dei cavalieri nomadi degli Urali, da cui ebbero a loro volta origine le casate europee.

Riccardo Tristano Tuis

«Questa élite ha rappresentato la casta sacerdotale, guerriera e mercantile del tessuto sociale ove si infiltrava e ha sempre detenuto il potere religioso, militare e finanziario e dunque politico fin dai tempi della Sumeria e dell’antico Egitto», continua l’editore. 

«Solo negli ultimi secoli il suo potere si è esteso al punto che, per proteggersi, si è dovuta celare sotto falsi nomi e mansioni, senza così esporsi all’attenzione delle masse, tranne nel caso dei reali inglesi che sono pubblicamente a capo dello Stato e della Chiesa anglicana, caso che si ripresenta anche in Norvegia e Andorra». L’aristocrazia nera, infatti, «fa di tutto per mantenere nascoste le sue oscure origini e le sue trame per manipolare la storia: troppo spesso i tiranni o dittatori che muoiono ghigliottinati, fucilati o per mano della folla sono in realtà solo dei burattini, teleguidati dai veri governanti che si nascondono dietro di loro».

Attraverso il Sacro Romano Impero, sostiene Tuis, questa élite occulta conquistò l’Europa e alcune aree limitrofe, poi con le Repubbliche marinare si espanse nel Mediterraneo ed esplorò nuove aree di colonizzazione, infine con l’Impero britannico raggiunse tutti e cinque i continenti che, attualmente, sono per la maggior parte posti sotto il protettorato militare degli Stati Uniti d’America.

«Se gli Stati Uniti sono divenuti il braccio armato dell’aristocrazia nera, restano al momento ancora Roma e Londra le due capitali del loro potere». Spiegazione: «Roma è la caput mundi del culto in tutte le sue diversificazioni, mentre Londra è la stanza dei bottoni in cui si controlla il mondo attraverso l’ingegneria sociale, l’alta finanza e il signoraggio bancario».

Quella dei grandi banchieri internazionali, che stampano moneta privata e la vendono agli Stati, «è la secolare truffa che ha permesso ad alcune specifiche famiglie di acquisire i mercati, i monopoli, le Repubbliche e monarchie infiltrandosi nelle casate europee al punto da sostituirsi a buona parte di esse». L’autore mostra come le famiglie di banchieri europei, legate alla Chiesa e ad alcune specifiche casate reali, non siano realmente europee ma provengano invece da alcune popolazioni asiatiche.

«Tutti i presidenti degli Stati Uniti d’America provengono dalla schiatta dei Plantageneti, nello specifico da Re Giovanni d’Inghilterra». E la casata dei Plantageneti «è in realtà una ramificazione guelfa di quella che è stata la potente e stratificata casata europea, l’aristocrazia nera per eccellenza: i Welfen».

(Il libro: Riccardo Tristano Tuis, “L’aristocrazia nera. La storia occulta dell’élite che da secoli controlla la guerra, il culto, la cultura e l’economia”, Uno Editori, 350 pagine, euro 16,70).

FONTE:  LINK

Articoli correlati:

Guelfi & Ghibellini 

Chi sono i padroni del mondo e quali sono i loro piani?

“LA FAMIGLIA”

Khazari-ariani

“ashkenaziti”

http://ningizhzidda.blogspot.it/

‘Il Papiro Tulli’

L’arrivo degli déi del cielo:
Dettagli dell’antico papiro egiziano
sull’avvistamento UFO di massa.

Questo enigmatico antico testo offre la prova conclusiva di un avvistamento UFO di massa che ha avuto luogo in Egitto intorno al 1480 a.C., durante il regno di Thutmose III. “… Erano più numerosi di ogni altra cosa. Essi brillavano nel cielo più del sole ai limiti dei quattro angoli del cielo […] potente era la posizione degli ardenti dischi …”

La civiltà egizia da innumerevole tempo, è risultata incredibilmente collegata a misteriose divinità. Considerata come una delle più avanzate civiltà antiche, gli antichi egizi hanno raggiunto (nella loro lunga storia) livelli incredibili, sono stati dei sofisticati astronomi, architetti, ingegneri e scienziati. Tuttavia, la domanda d’obbligo è: da dove viene e deriva tutta la loro conoscenza? Inoltre, chi erano gli enigmatici ‘dèi’ e ‘semidei’ descritti negli antichi testi egizi? 

Mentre la maggior parte di noi hanno sentito parlare del Telo di Torino e la Pietra di Palermo, solo pochi sanno dell’esistenza di un antico documento egiziano chiamato ‘Il Papiro Tulli’. Il Papiro di Tulli, non è solo un semplice papiro ma nei infatti, è una moderna trascrizione tradotta di un antico documento egiziano che registra quello che viene interpretato come un UFO di fuoco. 

Il Papiro Tulli viene citato da molti come uno dei più importanti antichi testi egizi che documentano la visita in Egitto (migliaia di anni fa) degli antichi astronauti.

I testi antichi descrivono con grande precisione, un massiccio avvistamento UFO che si è verificato in Egitto durante il regno di Thutmosis III.

Il Papiro Tulli apparteneva alla ex direttore del Museo Egizio in Vaticano, il professor Alberto Tulli. Il documento è considerato come “la prima testimonianza conosciuta di una flotta di dischi volanti, scritti millenni fa su un lungo papiro, in Egitto.”

Il papiro è stato tradotto dal principe Boris de Rachewiltz, dichiarando che il papiro “faceva parte degli Annali di Thutmose III.” Tuttavia, nulla nell’antico testo fa riferimento al nome del Faraone, questo è un vero peccato, per un documento che non ha precedenti nella storia degli antichi astronauti.

La parte più misteriosa dei documenti antichi sono gli enigmatici “cerchi di fuoco” che hanno volato nel cielo dell’Antico Egitto in due occasioni distinte, separate da un paio di giorni.

Molti hanno screditato le credenziali del principe Boris de Rachewiltz, la verità è che lui era un noto studioso, e ci sono ancora alcune delle sue opere disponibili e citate oggi. Diversi studiosi concordano sul fatto che la sua traduzione del Papiro Tulli sia accettabile. Inoltre, la cosa veramente importante ribadita (più volte), è che il documento e la traduzione sono considerati autentici e non una bufala.

Ci sono due traduzioni indipendenti dell’antico testo egiziano, uno dal principe Boris de Rachewiltz, e l’altra dall’antropologo R. Cedric Leonard.

Questa è la traduzione di R. Cedric Leonard:

Nell’anno 22, del terzo mese dell’inverno, nella sesta ora del giorno […] Tra gli scribi della Casa della Vita si è constatato che uno strano disco di fuoco stava volando in cielo. Non aveva la testa. Il soffio della sua bocca emetteva un cattivo odore. Il suo corpo era lungo una canna e una canna di larghezza. E non aveva voce. E’ venuto verso la casa di Sua Maestà. Il loro cuore è diventato confuso, e si prostrarono con la pancia. Essi andavano dal re a segnalarlo. Sua Maestà ordinò che i rotoli situati nella Casa della Vita venissero consultati. Sua Maestà meditava su tutti questi eventi che erano ancora in corso.

Dopo diversi giorni passati, i cerchi di fuoco sono diventati più numerosi nel cielo che mai. Essi splendevano nel cielo più che la estesa luminosità del sole ed estesa ai limiti dei quattro angoli del cielo […] Potente era la posizione dei dischi fiammeggiati.

L’esercito del Re guardava, con sua maestà in mezzo a loro. E’ stato dopo il pasto serale che si sono visti i dischi salire a sud ancora più in alto nel cielo. Pesci e altri volatili piovevano dal cielo: una meraviglia mai prima conosciuta dalla fondazione del paese. Inoltre, Sua Maestà ha ordinato di portare l’incenso per placare il cuore di Amon-Ra, il dio delle Due Terre. Inoltre, è stato ordinato da Sua Maestà che l’evento venisse registrato negli Annali della Casa della Vita e venisse ricordato per sempre.”

Secondo questo antico testo, il faraone che governò l’Egitto era Thutmose III, e questa massa di avvistamenti UFO è avvenuta intorno al 1480 a.C. E’ stato registrato nella storia come un giorno di grande importanza, un giorno in cui si è verificato qualcosa di inspiegabile.

E’ importante ricordare che è molto improbabile che gli antichi egizi abbiano misconosciuto questi “dischi di fuoco” con una sorta di fenomeni astronomici o meteorologici. Gli antichi Egizi erano esperti e astronomi dotti, e dal 1500 a.C., erano già esperti del settore, il che significa che avrebbero descritto i fenomeni astronomici in un modo molto diverso. Inoltre, in questi antichi documenti, i “dischi di fuoco” sono descritti come entità fisiche che cambiavano direzione nel cielo, così sappiamo che questi oggetti non sono caduti e/o atterrati, ma sono rimasti sopra il cielo egiziano.

FONTE 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Akhenaton, il faraone alieno

Akhenaton: L’ultimo faraone alieno dell’antico Egitto

I testi antichi descrivono l’antica storia dEgitto come l’epoca predinastica, dove gli ‘Dei’ hanno governato l’Egitto per oltre centinaia di anni e, Akhenaton è senza dubbio un antico faraone egiziano che apparteneva a quel periodo storico, se non fosse per l’anomalia di essere sia fuori luogo che di tempo. Alcuni teorici # AncientAlien  interpretano il cranio allungato di Akhenaton come un segno di un patrimonio extraterrestre.

L’Antico Egitto e la sua storia, restano senza dubbio una delle storie più incredibili sulla superficie del pianeta. Non solo per le maestose realizzazioni architettoniche degne di nota, ma anche per la loro incredibile conoscenza nelle diverse scienze, questo è un dettaglio impressionante condiviso da poche altre antiche civiltà in tutto il mondo.

Tuttavia, le Piramidi di Giza e la grande maestosa Sfinge non sono solo gli unici misteri che circondano la civiltà egizia, ma anche la sua lista enigmatica e dettagliata dei loro governanti, in questa lista, uno dei più enigmatici faraoni che si distingue dal resto è Akhenaton.

Akhenaton, nei primi cinque anni del suo regno, era noto come Amenofi IV, fu un faraone della diciottesima dinastia dell’Egitto che ha governato per 17 anni. Era il padre di Tutankhamon, uno dei più famosi faraoni dell’Antico Egitto. Molti considerano Akhenaton come uno dei più grandi e più influenti innovatori religiosi del mondo. Molti lo considerano come il primo monoteista di tutta la storia, un precursore di Abramo, Isacco, Giacobbe e Muhammad noti come come profeti che adoravano un solo Dio.

Tuttavia, molto prima di Akhenaton, altri strani Faraoni hanno governato l’Egitto.

Uno dei più importanti testi antichi che possono dirci di più su questo momento della storia è il Papiro di Torino, che elenca tutti i faraoni che governarono su l’Egitto.

Non solo questa lista include tutti i Faraoni “ufficiali” storici dell’antico Egitto, ma includono anche le divinità o “Dei” che venivano dall’alto e regnarono sulle terre d’Egitto prima del primo faraone mortale, con un periodo che si estende su 13.000 anni. Si tratta di un grande enigma il motivo per cui gli studiosi tradizionali considerano questo antico testo come puro mito, perché la maggior parte dei dettagli dell’antico testo sono stati trascurati e omessi dai libri di storia.

“Essi sembrano non avere antenati o periodi di sviluppo; sembra che siano apparsi durante la notte. “- l’inglese egittologo Toby Wilkinson (fonte)

La Stele di Palermo è un altro antico testo misterioso che cita i governanti pre-dinastici egiziani.

Antichi faraoni alieni? 

Questa antica Stele fa anche riferimento al Dio egiziano Horus, suggerendo che fosse stato fisicamente in carne e ossa un sovrano dell’antico Egitto vissuto migliaia di anni fa. Un altro Dio egiziano, Thot si dice che abbia regnato sulle terre dell’antico Egitto dal 8670-7100 a.C. È anche interessante notare che, nell‘alta storia egiziana Pries Manetone, che ha avuto accesso a un numero illimitato di testi antichi nell’antica Biblioteca di Alessandria, e che ha scritto in 30 volumi la storia dei faraoni dell’Antico Egitto, fa riferimento agli esseri divini che hanno governato durante il periodo pre-faraonico. (Fonte)

Secondo la mitologia egiziana Akhenaton discendeva degli dèi che sono arrivati ​​sulla Terra nel momento dello Zep Tepi e, fino ad oggi, la gente crede ancora che questo faraone, provenga infatti dalle stelle. Secondo i “Testi delle Piramidi”, c’è stato un periodo in cui la Terra è emersa dal caos primordiale e sono apparsi gli dèi. Questo primo tempo si chiama “Zep Tepi”.

Molti ricercatori ritengono che l’antica civiltà egizia sia nata nell’anno 36.900 a.C., quando gli ‘Dei’, che sono venuti dal cielo hanno governato sulla terra dei Faraoni. Si crede che Akhenaton sia uno di loro.

Akhenaton, considerato da molti come un faraone eretico, ha regnato e dominato l’antico Egitto e lo ha portato verso uno stile di vita religioso completamente diverso, cercando di ricostruire la prima e antica religione della  tradizione egiziana: il politeismo.

“C’è un solo Dio, mio padre. Posso avvicinarmi di giorno, di notte.”– Akhenaton

Akhenaton, una volta divenuto faraone ha ordinato e rimosso tutta l’iconografia degli dèi precedenti. Ha permesso solo un unico simbolo, questo simbolo raffigurava il sole, letteralmente il disco solare con curiose braccia o raggi che si dirigevano verso il basso.

L’Aten, o comunemente indicato e illustrato nei testi antichi come una divinità raffigurante il ‘Disco  Solare‘, così come nella storia di Sinuhe dalla 12° dinastia, il re defunto è descritto come un Dio che ascende al cielo e si unisce con il disco solare, il corpo divino si fonde con il suo creatore.

Per analogia, il termine “silver Aten” è talvolta usato per riferirsi alla luna. L’Aten solare è stato ampiamente venerato come un dio durante il regno di Amenhotep III, raffigurato come un uomo dalla testa di falco molto simile a Ra

Tuttavia, Akhenaton era molto più misterioso, il suo strano corpo ha alimentato e suggerito teorie che non possa essere stato un faraone ordinario, ma in realtà un leader misterioso che è arrivato dal cielo.

 L’ultimo faraone Alieno

Anche se Akhenaton è ben noto a causa della forma della sua misteriosa testa,  l’elenco delle caratteristiche che lo contraddistinguono è molto più lunga: un cranio allungato, collo lungo, gli occhi infossati, cosce spesse, lunghe dita, articolazioni del ginocchio tornite all’indietro, una pancia prominente che suggerisce la gravidanza e un evidente seno femminile.

La prima cosa che risulta strana è il cranio allungato, in tutte le statue che lo raffigurano, vediamo questo cranio allungato. In generale, il suo corpo era un misto tra fattezze femminili e quelle maschili. In effetti questo strano fatto non si rileva negli altri faraoni che venivano descritti e raffigurati come forti figure imponenti. Akhenaton tuttavia, non è stato raffigurato in quel modo, ma con un corpo esile, con una strana testa estremamente allungata.

Per quale motivo Akhenaton avrebbe ordinato i cambiamenti che ha fatto fare  nell’iconografia reale per mostrarsi come un Faraone “esile“? Misteriosamente, anche Nefertiti la moglie di Akhenaton è stata raffigurata con un cranio allungato. Avevano qualche anomalia genetica che ha causato l’allungamento della testa e le anomalie sproporzionate e deformi del corpo? Inoltre, che cosa sappiamo di più di questo strano Faraone e le sue origini? E’ possibile che egli sia stato un essere umano ibrido? Con i geni e il DNA di Extraterrestri?

FONTE

Articoli correlati:

Chi era veramente il faraone Akhenaton? 

Hyksos Israèliti Faraoni (prima parte)  

Hyksos Israèliti Faraoni (seconda parte) 

“Zep Tepi”

Gli Akhu-Shemsu-Hor (I seguaci di Horus)

Traduzione e adattamento Ni.Gish.Zid.Da

IDRO-CONFLITTI

Chi controlla l’acqua controlla il pianeta 

 L’acqua è lavoro, 3 impieghi su 4
dipendono dalla risorsa idrica
Pubblicato il World Water Development Report
(WWDR 2016) 

 
Tre posti di lavoro su quattro dipendono direttamente dall’acqua. Questo significa che la carenza d’acqua e gli ostacoli all’accesso alla risorsa idrica e ai servizi igienico-sanitari potrebbero limitare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro nei decenni a venire. È quanto emerge dall’edizione 2016 del World Water Development Report (WWDR 2016), il Rapporto delle Nazioni Unite sullo Sviluppo delle Risorse Idriche Mondiali, dedicato al tema ‘Acqua e Lavoro’.

Stando al rapporto, metà della forza lavoro di tutto il mondo è occupata in otto settori dipendenti da acqua e risorse naturali: agricoltura, settore forestale, pesca, energia, industria manifatturiera ad alta intensità di risorse, riciclaggio di rifiuti, edilizia e trasporti. Secondo le stime presentate nel documento, sono fortemente dipendenti dall’acqua più di 1,4 miliardi di posti di lavoro, pari al 42% del totale della forza lavoro mondiale. Si stima, inoltre, che 1,2 miliardi di posti di lavoro, pari al 36%, hanno un livello medio di dipendenza dall’acqua. In pratica, il 78% dei posti di lavoro in cui è occupata la forza lavoro globale dipende dall’acqua….FONTE 

L’acqua è un arma
I migranti dell’acqua in fuga dalla guerra 

Una storia antica ma ancora attuale.
Dai fiumi gemelli Tigri ed Eufrate alla diga di Mosul:
“l’oro blu” diventa arma o preda,
e a pagare sono le popolazioni

H2O è il miracolo dell’acqua. È composto di due atomi, uno di idrogeno e l’altro di ossigeno. È l’unica formula chimica che tutti impariamo a memoria. Ma alla biografia dell’acqua andrebbero associati altri due elementi: guerra e migrazioni. Una storia antichissima di idro-conflitti locali, anche armati, costringe da sempre a ondate migratorie. E il guaio è che l’Atlante 2015 dei water conflict è gonfio di battaglie sanguinose e spietate per la conquista della risorsa fondamentale.

Almeno 55 conflitti hanno trasformato l’acqua in una potente arma di guerra, o in preda, ostaggio, target principale. In fondo, la parola «rivalità» deriva dal latino «rivalis» che indicava l’occupazione del fiume di un altro. (ndr e ci sono guerre non dichiarate ma in atto)

Altri tempi? Neanche per sogno. La globalizzazione degli idro-conflitti mostra un notevole catalogo di orrori e fughe di popolazioni in tutte le direzioni e in tutte le epoche storiche. E la storia si ripete oggi soprattutto in una terra martire come quella mediorientale, intorno ai due fiumi gemelli che scorrono paralleli, il Tigri ed Eufrate, due culle della prima civiltà del Pianeta e teatro della prima guerra dell’acqua. Correva l’anno 2500 avanti Cristo quando la Mesopotamia fu insanguinata da un lungo e tribale conflitto durato almeno cento anni. 

Si fronteggiavano gli eserciti delle due città-stato sumere di Umma e Lagash, in lotta per la conquista delle acque del Tigri. Tutto ebbe inizio quando il re Eannatum di Lagash, diede ordine di scavare canali irrigui che deviarono il corso del grande fiume, assetando Umma, poco distante dall’attuale Bagdad. 

Avvoltoi volano sui cadaveri dei soldati della città di Umma. Particolare della stele degli avvoltoi. Circa 2450 a.C.

Bastarono però tre giorni di feroci combattimenti per celebrare la prima vittoria di Lagash con la mitica “Stele degli avvoltoi”, conservata nel Louvre di Parigi, che raffigura falange di soldati con i corpi dei nemici sconfitti sotto i loro piedi, sui quali volteggiano avvoltoi con le teste mozzate dei nemici nei becchi. La madre di tutte le guerre dell’acqua si concluse dopo un secolo con il primo trattato tra parti in conflitto per la gestione comune di un corso d’acqua.

Di idro-conflitti ne mette in fila ben 343 la mappa cronologica aggiornata dai ricercatori del Pacific Institute, California, e dal successo della geopolitica dell’acqua o dell’idropolitica, come viene definita dalla diplomazia internazionale, dipenderanno i destini e gli spostamenti di una fetta di popolazione mondiale in fuga da territori resi ancor più vulnerabili dalle anomalie climatiche. Autorità locali e politica internazionale devono “raffreddare” e arginare oggi almeno 55 importanti contenziosi e conflitti per l’acqua in corso, che coinvolgono negoziatori di almeno 20 Stati.

Il controllo di un fiume o un lago o di dighe e altri impianti idrici, del resto, è da sempre oggetto di strategie, tattiche e imprese belliche. Potremmo ricordare, in casa nostra, una infinità di conquiste e invasioni. Togliere acqua ai nemici è sempre stato un obiettivo militare. Lo sapeva bene il Pentagono che nel 1972 bombardò le dighe che regolavano (ndr: VIETNAM VEDI QUI ) l’acqua nelle risaie nord-vietnamite, o quando le truppe Usa invasero l’Iraq avendo nel mirino la diga di Haditha come primo obiettivo da tutelare. 

Temevano che Saddam Hussein avrebbe causato una catastrofica alluvione ed in effetti aveva già utilizzato l’acqua come arma bellica dopo la prima guerra del Golfo, quando fece costruire enormi terrapieni per deviare sia il Tigri che l’Eufrate per seccare l’area dove si nascondevano i ribelli sciiti. E lo sapevano anche gli ucraini che non a caso hanno minacciato la costruzione di una diga al confine con la Crimea per bloccare l’acqua potabile nella penisola annessa alla Russia.

Il problema è oggi talmente serio che tutti rimpiangono di non aver fatto nulla dal 1995, l’anno in cui Ismail Serageldin, da vicepresidente della Banca Mondiale, ammonì: «Se le guerre del XX secolo sono state combattute per il petrolio, quelle del XXI secolo avranno come oggetto del contendere l’acqua». Previsione azzeccata, e rafforzata dall’analisi dell’economista indiana che riassume Vandava Shivaun crudele elenco di guerre per l’acqua che nascondono spesso contrasti etnici, di religione, sociali, militari.

L’acqua è tra le chiavi del successo di ogni trattativa di pace tra israeliani e palestinesi che si contendono il Giordano, corso d’acqua condiviso da Israele, Giordania, Siria, Libano e Cisgiordania, prevalentemente sfruttato da Israele, come le risorse idriche sulle alture del Golan. L’acqua innesca conflitti a non finire, da sempre, tra la Turchia e Siria e Iraq, oggi due campi di terrificanti battaglie. 

Le sorgenti del Tigri e dell’Eufrate, infatti, nascono in territorio turco e i turchi hanno sempre opposto gli stessi diritti “padronali” fatti valere per il petrolio iracheno, e progettano oggi vasti sbarramenti con dighe che avranno l’effetto di sviluppare il Paese ma riducendo il flusso a valle. Tra Egitto e Sudan è scontro aperto per il controllo delle acque del Nilo. In realtà, firmarono un trattato di gestione nel 1959 ma creando tensioni con gli altri dieci Stati africani bagnati dal fiume più lungo del mondo, a partire dall’Etiopia e dall’Uganda, aride e assetate. 

L’Etiopia, in particolare, può vantare sulle sue terre l’84% delle acque del grande Nilo, ma è in permanente allarme siccità e carestia e sta innalzando la “Grande diga della rinascita”, toccasana economico per il poverissimo Paese che ridurrebbe però la portata del fiume proprio verso l’Egitto.

Altro giro del Pianeta, ed ecco Stati Uniti e Messico in lotta per i diritti sul Rio Grande e sul Colorado, dove gli effetti della diga Hoover che lo sfrutta per un quarto a beneficio della California (attraversato da appena l’1.6% del corso d’acqua) lo fanno giungere stremato in Messico. Ecco poi l’Argentina e l’Uruguay che sono di fronte alla Corte internazionale di giustizia per la loro disputa sullo sfruttamento del Rio de la Plata. 

In Sud-America altri conflitti sono in corso da sempre in Ecuador, Cile, Bolivia, Colombia, Guatemala, Brasile, Perù, Venezuela, Panama, Paraguay. Non vale oggi nemmeno l’armistizio siglato Tra India e Pakistan per la gestione delle acque dell’Indo. Era il 1960 e divenne carta straccia con la costruzione della diga indiana di Wular nel 1984, il caso che ha riaperto tutte le ostilità. Così come è accaduto tra India e Bangladesh per il controllo del sacro Gange, dopo la costruzione della diga di Farakka voluta dall’India, che ha ridotto drasticamente l’apporto di acqua nell’area confinante. Cina, Nepal, India e Bangladesh litigano poi da sempre intorno a tutti i fiumi che nascono sull’Himalaya. 

L’Asia è un’altra terra di alluvioni e siccità, di grandi dighe e grandi migrazioni. Il Mekong che attraversa sei Paesi e decide la produzione di riso nell’Indocina, dopo la costruzione della diga cinese di Manwan nel 1996, ha ridotto il flusso e quindi le possibilità di sviluppo agricolo dei Paesi indocinesi a valle. Tutti i fiumi del Sud-est asiatico nascono in Cina, e dall’acqua dipende la vita di 1,5 miliardi di persone ai confini della Repubblica popolare. Pechino, però, ha sempre rifiutato trattative con Thailandia, Cambogia, Laos, Vietnam e Birmania che hanno istituito la «Mekong Commission».

In Asia centrale, invece, Tagikistan e Turkmenistan fanno a gara nel progettare grandi dighe sui corsi d’acqua sui quali litigano con l’Uzbekistan che vedrà ridotti i flussi di acqua a valle. Ma l’elenco continua con i confitti in Nigeria, Sudan, Lesotho e Ghana, Kurdistan.

Un cerchio, abbastanza crudele per una quota di umanità, unisce l’emergenza rifugiati in Europa alla quale assistiamo oggi, alle guerre per l’acqua.

Dietro le grandi migrazioni da prima pagina e le brutali stragi dell’Is tra Iraq e Siria, c’è sangue versato per occupare sbarramenti e dighe gigantesche nella patria delle grandi dighe sumere e assire sul Tigri e l’Eufrate. E tra i migranti in fuga ci sono anche ingegneri e professionisti gestori di infrastrutture idriche terrorizzati dall’avanzata dell’Isis

Lo Stato islamico iniziò la sua avanzata provando a controllare il corso del Tigri, e conquistarono con furiose battaglie la diga di Samarra, a monte di Baghdad, per bloccare il “granaio” dell’Irak. Nei primi mesi del 2013, presero l’antica diga siriana di Tabqa, principale fonte di acqua ed energia per 5 milioni di persone compresa Aleppo, che irriga un migliaio di km² di terre agricole. Misero in fuga migliaia di contadini.

Il governo iracheno ha ripreso il controllo della diga di Haditha, aiutato dai raid aerei Usa che hanno fermato i miliziani dell’Isis alle soglie del grande sbarramento sull’Eufrate, nella provincia di Anbar. Contro i jihadisti, intorno alla gigantesca diga di Mosul che alimenta l’intero Kurdistan, nell’agosto 2014, si svolsero durissime battaglie per strappare all’Isis il sito strategico oggi sotto il controllo delle forze irachene e kurde. 

Altri scenari di guerra sono stati quelli per la conquista della diga di Fallujah o della grande diga di Haditha che produce anche un terzo dell’elettricità del Paese, presidiata dall’esercito iracheno dall’inizio di luglio. Lo scorso aprile, l’Isis occupò la piccola diga di Nuaimiyah, sull’Eufrate, deviando il fiume e inondando un raggio di 300 chilometri e distruggendo circa 12 mila abitazioni. Intere città, da Kerbala a Nassiriya, rimasero senz’acqua, a fare i conti con crisi sanitarie e igieniche gravissime e la fuga di migliaia di residenti. 

In Siria, tra Damasco, Homs, Aleppo, Deir-ez-Zor e Idleb, secondo Save the Children, un anno fa almeno tre milioni di persone, per la metà bambini, non hanno avuto per settimane accesso al cibo e hanno vissuto con il terrore di bere l’acqua perché inquinata: «Si è scatenato il panico. Alcuni hanno cominciato a bere dalle pozzanghere in strada». FONTE (Grassetto della redazione)

Copiato da: http://www.nogeoingegneria.com/motivazioni/aria-acqua/lacqua-come-arma/

IL PASSATO E’ IL NOSTRO FUTURO

Sembra che le profezie non parlino di tempo lineare – anno uno, anno due, anno novecento ecc. – bensì di una ripetizione ciclica degli eventi, la credenza fondamentale che “le prime cose saranno le ultime”; ossia qualcosa che può accadere solo quando la storia e il tempo storico si muovono in circolo, dove il punto di inizio è il punto finale, e viceversa.

Inerente a questo ciclo della storia è il concetto di un Dio quale entità divina eterna, presente dall’Inizio, quando furono creati Cielo e terra, e che ci sarà anche alla Fine dei Giorni, quando il suo regno verrà rinnovato nel Suo monte sacro E’ espresso ripetutamente sin dalle prime parole della Bibbia fino a quelle degli ultimi profeti, ad esempio quando Dio annunciò tramite Isaia (41, 4; 44, 6; 48, 12):

Sono io, io solo, il primo e anche l’ultimo (…)
Io dal principio annuncio la fine
e, molto prima, quando non è stato ancora compiuto.
(Isaia 48, 12; 46, 10)

E altrettanto nell’Apocalisse del Nuovo testamento: 

Io sono l’Alfa e l’Omega.
l’Inizio e la Fine,
dice il Signore, Dio.
Colui che è, che era e che viene, l’Onnipotente.
(Apocalisse 1, 8)

A dire il vero la base della profezia era la credenza che la Fine fosse ancorata all’Inizio, che il Futuro potesse essere previsto perché si conosceva il Passato (se non lo conosceva l’uomo, lo conosceva di certo Dio): <<Io dal principio annuncio la fine e, molto prima, quanto non è stato ancora compiuto>>. 

Il profeta Zaccaria (1, 4; 7, 7; 7, 12), prevedeva i progetti di Dio per il futuro – gli Ultimi Giorniin termini del passato, i Primi Giorni.

Questa credenza, che viene riaffermata nei Salmi, nei Proverbi e nel Libro di Giobbe, era considerata come un piano divino universale per tutta la Terra e per le sue nazioni.

Il profeta Isaia, vedendo riunite le nazioni della terra per comprendere cosa era in serbo per loro, le descriveva dilaniate da queste domande: <<Vengano avanti e ci annunzino ciò che dovrà accadere. Narrate quali furono le cose passate, sicché noi possiamo riflettervi. Oppure fateci udire le cose future, così che possiamo sapere quello che verrà dopo>> (41, 22).

Che questo fosse un principio universale si evidenzia da una collezione di profezie assire, allorché il dio Nabu disse al re assiro Esarhanddon: <<Il futuro sarà come il passato>>. Questo elemento delle profezie bibliche del Ritorno ci fornisce la risposta alla domanda QUANDO? 

 Una rotazione ciclica del tempo storico era stata trovata in Mesoamerica, quale unine di due calendari (vedi immagine a lato), creando un ciclo di 52 anni, in occasione dei quali – dopo un numero non specificato di giri – Quetzalcoatl (ossia Thoth Ningishzidda) aveva promesso di tornare. E questo ci introduce alla cosiddette profezie maya, secondo le quali la Fine dei Giorni sarà nel 2012 d.C.

La prospettiva che la data profetizzata e cruciale sia asta a quel tempo di molto interesse, e merita spiegazioni e analisi. La presunta data nasce dal fatto che in quell’anno (a seconda di come lo si calcola) l’unità di tempo chiamata Baktum completerà il suo tredicesimo giro. Poiché un Baktum dura 144.000 giorni, si tratta di una sorta di pietra miliare.

In questo scenario bisogna però evidenziare alcuni errori, o ipotesi fallaci. Il primo è che Baktum non fa parte dei due calendari ciclici che si uniscono a formare il ciclo di 52 anni (Haab e Rzolkin), bensì è parte integrante di un terzo calendario, molto più antico, chiamato del Conto Lungo. Venne introdotto dagli Olmechi – Africani giunti in Mesopotamia quando Thoth venne esiliato dall’Egitto; il conto dei giorni iniziò proprio da quell’evento, così che il Giorno Uno del Conto Lungo – secondo gli studiosi – coincideva con l’agosto 3113 a.C. I glifi in quel calendario rappresentano le seguenti sequenze di unità:

1 Kim                                 = 1 giorno

1 Uinal          = 1 Kim x 20  = 20 giorni 

1 Tun           = 1 Kim x 360 = 60 giorni

1 Ka-tun      = 1 tun x 20    = 7.200 giorni

1 Bak-tun  = 1 Katun x 20   = 144.000 giorni

1 Pictun    = 1 Bak-tun x 20 = 2.880.000 giorni   

Queste unità, ciascuna il multiplo della precedente, proseguiva oltre il Baktun, con glifi sempre più grandi. Ma poiché i monumenti maya non andavano mai oltre i 12 Baktun, i cui 1.728.000 giorni andavano già oltre l’esistenza dei Maya, il 13° Baktun sembra una vera e propria pietra miliare.

Inoltre la tradizione maya affermava che l’attuale “Sole” – o Era – sarebbe terminato con il 13° Baktun, quindi dividendo il suo numero in giorni (144.000 x 13 = 1.872.000) per 365,25 abbiamo come risultato 5.125 anni; se sottraiamo il 3113 a.C., otteniamo il 2012 d.C.

E’ stata una predizione eccitante ma decisamente inquietante. Tuttavia la correttezza di questa data è stata messa in dubbio, già un secolo fa da studiosi (del calibro di Frirz Buck, El Calendario Maya en la Cultura de Tiahuanacu) che hanno evidenziato che, come indica la lista sopracitata, il moltiplicatore (e dio conseguenza divisore) dovrebbe essere 360, numero matematicamente perfetto del calendario, e non 365,25.

In questo modo, i 1.872.000 giorni danno 5.200 anni – un risultato perfetto, perché rappresenta esattamente 100 “cicli” del numero magico di Thoth, il 52. Calcolato in questo modo, l’anno magico del Ritorno di Thoth sarebbe  il 2087 d.C. (5200-3113= 2087).

Possiamo aspettare anche questa data; l’unico difetto è che il Conto Lungo è un tempo lineare e non ciclico, necessario affinché i suoi giorni possano fluire nel quattordicesimo Baktun, nel quindicesimo e così via.

Tutto ciò, comunque, non elimina il significato di un millennio profetico. Poiché la fonte del “millennio” in quanto tempo escatologico ha le sue origini negli scritti ebraici apocrifi del II° secolo a.C. la ricerca del significato deve andare in quella direzione. Infatti il riferimento a “,mille” – un millennio – per definire un’era affonda le radici nell’Antico Testamento. Il Deuteronomio (7, 9) attribuiva alla durata dell’alleanza di Dio con Israele un periodo di “mille generazioni” – affermazione questa ribadita (I Cronache 16, 15) allorché Davide portò a Gerusalemme l’Arca dell’Alleanza. I Salmi hanno applicato ripetutamente il numero “mille” a Yahweh, ai suoi miracoli, e persino al suo carro (Salmo 68, 17). 

Il proseguo di questo articolo parlerà di Tempo Celeste, Tempo Divino e precessione di Ere zodiacali

Tratto dal Libro: “Il Giorno degli Dei” p: 302-303-304-305

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Chi era veramente il faraone Akhenaton?

Immagine 1. Akhenaton e Nefertiti
Bassorilievo proveniente da Tell el-Amarna.
Berlino, Museo egizio.

 Antichi egizi. Akhenaton essere alieno?

Antichi egizi. Akhenaton essere alieno? Di Angelo Carannante. Gli antichi Egizi, da sempre hanno affascinato l’uomo per il mistero che avvolge la loro storia che calza quasi a pennello con la teoria degli antichi astronauti, nel senso che vi sono tantissimi misteri “alieni” tuttora irrisolti e per i quali esistono spiegazioni più o meno credibili e spesso opposte. Ma qui, vogliamo parlarvi del faraone Akhenaton. Il fatto sconcertante è che egli era un…rottamatore, per dirla in termini attuali, per cui in pratica impose agli Egizi il culto del Dio Sole di cui si professava discendente e di abbandonare nel contempo il culto degli altri dei in cui fino ad allora avevano creduto.

Antichi egizi. Akhenaton essere alieno?

Akhenaton ordinò di eliminare e non lasciare alcuna traccia, in tutto il territorio dell’Egitto, delle immagini e dei culti degli altri dei: la circostanza è dimostrata dai ritrovamenti archeologici.

Immagine 2. Testa di Akhenaton
Museo egizio del Cairo.

Si ebbe in pratica, una completa rottura con il politeismo. Altra discontinuità rispetto al periodo precedente è quella per cui Akhenaton (ma anche i figli e la moglie) veniva raffigurato con tratti somatici alquanto diversi rispetto ai suoi predecessori come ad esempio la vita larga e le spalle strette anziché larghe. Ma tante caratteristiche sono enigmatiche come gli zigomi rialzati ma anche il cranio allungato. Ora osserviamo l’immagine 1. Si nota immediatamente il cranio allungato o dolicocefalo. Però, notiamo anche dei tratti che appaiono piuttosto femminili, forse anche più di quelli di Nefertiti: si osserva addirittura una pancia deformata… da un recente parto? Ma anche il seno lascia un po’ interdetti. Sorge il sospetto che Akhenaton fosse una donna. Figura ambigua dunque.

Immagine 3. Cranio allungato.
Ritrovamento di Cuzco in Perù.

Potremmo ipotizzare un ibrido, un individuo in parte uomo e in parte alieno. In questo Bassorilievo proveniente da Tell el-Amarna. Berlino, Museo egizio, altri particolari non tornano. Osserviamo, come detto, il cranio molto allungato anche dei tre bambini (anch’essi alieni?) che i due adulti tengono a sé. Notiamo nel bassorilievo degli atteggiamenti che non possiamo che definire materni. Su tutto domina Aton, il disco solare. I raggi del sole stesso, alle estremità sembrano avere qualcosa di simile a due dita, o una tenaglia, per ognuno di essi. Potremmo paragonarlo ad un ufo, avvicinato per affinità al sole, che irradia della sua luce i protagonisti della scena.

Immagine 4. Piramide di Cheope.

Tutte fantasie? Può darsi. Indubbio è che la simbologia egizia sembra non lasciare spazio ad interpretazione alternative (leggiamo: aliene), ma è altrettanto vero che troppi sono i misteri in tanti aspetti della vita di questo misterioso popolo che sembrano condurre a popoli venuti dalle stelle. La piramide di Cheope, i velivoli di Abydos, l’uccello di Saqqara. Tanti misteri di cui è permeata l’antichità.

Immagine 5. I “velivoli” di Abydos in Egitto.

Un’opera sconcertante, esattamente un’incisione, che conferma queste stranezze e che qui proponiamo per sottolineare proprio tanti aspetti oscuri dell’antichità del genere umano, vale a dire della storia, è quella del tempio buddista di Ta Prohm, in Cambogia meglio conosciuta come lo “Stegosauro di Ta Prohm”. Come è possibile che, visto che il tempio è vecchio di 800 anni, vi è raffigurato un dinosauro? Infatti i fossili di questi giganteschi, in genere, animali preistorici sono stati ritrovati, grazie a degli scavi, solo a partire dal 1800.

Immagine 6. Un anacronismo inspiegabile:
lo Stegosauro di Ta Prohm”.

Dunque, questa piccola parentesi finale, ma si potrebbero fare migliaia di esempi di “stranezze storiche”, dimostra che la storia è piena di enigmi. Gli Egizi, con particolare riferimento agli alieni, ne sono un esempio, unitamente ad altri innumerevoli antichi popoli alcuni dei quali sono divenuti di nostra conoscenza solo di recente

Angelo Carannante

LINK

Link alla fonte QUI

Per saperne di più su Hyksos, Akhenaton e Nefertiti QUI e QUI

Nin.Gish.Zid.Da